Portata Q - è il volume di liquido mosso dalla pompa nell'unità di tempo; l'unità di misura della portata è m 3 /sec (l/s; m 3 /h).

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Portata Q - è il volume di liquido mosso dalla pompa nell'unità di tempo; l'unità di misura della portata è m 3 /sec (l/s; m 3 /h)."

Transcript

1 OME ER FLUIDI ALIMENARI Definizione Sono macchine oeratrici oeranti su fluidi incomrimibili in grado di trasformare l energia meccanica disonibile all albero di un motore in energia meccanica del fluido sotto forma di ressione. arametri caratterizzanti (ortata e revalenza) ortata Q - è il volume di liquido mosso dalla oma nell'unità di temo; l'unità di misura della ortata è m 3 /sec (l/s; m 3 /h). revalenza h (m) energia er unità di eso che la oma deve fornire al liquido er innalzarlo da h ad h. Viene esressa in metri di colonna di liquido. Suoniamo di dover trasortare un fluido da un serbatoio osto ad un livello h risetto al avimento ad un altro osto ad un livello sueriore h. Alichiamo l equazione di Bernoulli (rinciio di conservazione dell energia meccanica) alle due sezioni. h h vm g h vm g h R α = coefficiente che diende dal tio di fluido = densità (kg/m 3 ) v m = velocità media (m/s) g = accelerazione di gravità (9.8 m/s ) h = altezza (m) = ressione (a=n/m ) R = erdite di carico ad oera di attriti (a) = =ressione atmosferica, le velocità medie sono iccole e trascurabili g ( h h) R 0

2 Analizzando l equazione ci accorgiamo che tutti gli elementi hanno segno ositivo e non uò essere risettata il moto del fluido non uò avvenire sontaneamente oma ( ressione fornita dalla oma, servirà er innalzare il liquido da h ad h e er vincere gli attriti) Riscrivendo l equazione: g ( h h ) R g h h ) ( R g h ( h h ) h R h = energia er unità di eso che la oma deve fornire (J/kg)/(m/s²) revalenza Classificazione ossono essere distinte in: volumetriche - oerano tra il tubo di asirazione e quello di mandata sostando ad ogni giro dell albero, un volume definito di fluido. centrifughe (o rotodinamiche) sfruttano l elevata velocità di rotazione di alcune alette collegate all albero della oma, er creare una ressione tramite rincialmente la forza centrifuga. OME VOLUMERICHE Si tratta di macchine nelle quali le bocche di asirazione e di mandata non sono in comunicazione. rasferiscono un determinato volume di fluido dall ambiente di asirazione a quello di mandata doo averlo isolato all interno. A loro volta classificate in alternative e rotative. ome volumetriche alternative (a stantuffi) Sostano un determinato volume di fluido er ogni ciclo manovellismo di sinta che aziona un istone che svolge la roria corsa all interno di un cilindro. In fase di asirazione si genera il volume che sarà fatto rifluire alla mandata nella fase di scarico. Sono ome autoadescanti: sono in grado di asirare l aria che riemie il tubo di asirazione. I collegamenti con l asirazione e la mandata sono assicurativa valvole automatiche che si arono solo in resenza di oortune differenze di ressione. La corsa dello stantuffo tra i due unti morti (M Sueriore e M Inferiore) dove l elemento inverte il suo moto, delimita un volume cilindrico c detto cilindrata teoricamente sostato dall asirazione alla mandata.

3 Manovella Stantuffo Asirazione c MS MI m 3 t In condizioni non ideali m 3 4t a a 4 V oma a stantuffo a semlice effetto In ratica il volume effettivamente sostato è inferiore. In condizioni non ideali (non teoriche) infatti occorre tenere conto della comrimibilità del fluido, seure ridotta, e del fatto che sono necessarie sia una sovraressione er l aertura della valvola di mandata che una deressione er l aertura della valvola di asirazione. Quando lo stantuffo ha terminato la corsa di asirazione, invertendo il moto inizia ad aumentare la ressione; il fluido esce dalla valvola di mandata solo quando la ressione interna del cilindro risulta aena sueriore a quella esistente nel tubo di mandata. La arziale corsa dello stantuffo roduce un riflusso di liquido verso l asirazione. Rendimento volumetrico v raorto tra volume effettivo e quello teorico ( , quando i valori ressori raggiungono i limiti di rogettazione). ortata effettiva della oma a semlice effetto Q z c n v di giri variabile in funzione del temo (angolo di manovella). z, numero di cilindri e n numero Q 0 π/ π 3/π π Angolo di manovella α

4 er attenuare l irregolarità della ortata (l effetto ulsante) doio cilindro con i due stantuffi e manovelle sfasate di 80 oure oma monocilindrica a doio effetto. Asirazione Asirazione c oma a stantuffo a doio effetto Q 0 π/ π 3/π π Angolo di manovella α Dato il ridotto regimo di rotazione (non suera i 0 giri/min), la velocità massima dello stantuffo non suera m/s ermette di omare con delicatezza qualsiasi fluido alimentare anche quelli viscosi, con articelle solide in sosensione. ressioni: si uò andare da una decina di bar (iù che sufficienti er il trasorto di fluidi) a bar er l alimentazione degli omogeneizzatori fino a migliaia di bar er i trattamenti di astorizzazione(sterilizzazione ad altissima ressione. ortata: er rodotti alimentari ome a stantuffi con valori comresi tra ochi dm 3 /h e 00 m 3 /h. ome volumetriche rotative Lo sostamento del fluido avviene er mezzo di un moto rotatorio. Sono caratterizzate da un rotore che oera all interno di uno statore. Come visto er le alternative, la ortata è roorzionale al numero di giri dell albero del rotore, al volume e al numero di camere che sostano il volume verso la mandata. Esemi: oma a alette con rotore eccentrico oma con rotore flessibile oma ad ingranaggi* e a lobi** oma monovite oma eristaltica.

5 oma a ingranaggi* oma a lobi** otenza richiesta otenza idraulica disonibile al fluido (W) w i Q Q (m 3 /s): ortata (a): ressione ricevuta dal fluido otenza fornita dal motore elettrico (W) Rendimento totale = v i m Q W v = rendimento volumetrico i = rendimento idraulico, raorto tra ressione ricevuta dal fluido e quella elaborata dalla oma. m = rendimento meccanico, raorto tra otenza meccanica all albero del rotore e quella del motore elettrico. Curva caratteristica (luogo dei ossibili unti di funzionamento) delle ome volumetriche Q = z c n v Fissato n, se il rendimento volumetrico è iotizzato teoricamente unitario, la ortata non diende dalla ressione la oma volumetrica fornisce una ressione che diende dai dislivelli e dalle erdite di carico nelle tubazioni e quindi uò essere diversa a seconda dei casi ma non sueriore al valore massimo ammesso dal costruttore ( max ) er qualunque sotto il limite massimo revisto, la ortata teoricamente rimane costante. In realtà il rendimento volumetrico si riduce (anche se di oco) all aumentare della ressione.

6 max Curva teorica ( v =) All aumentare di n All aumentare del regime di rotazione (n), la curva caratteristica si sosta verso destra. Q OME CENRIFUGHE Flusso continuo di fluido tra le sezioni di asirazione e mandata, ottenuto dalla rotazione di un albero dotato di una girante forniscono energia cinetica al fluido che oi viene convertita in energia di ressione. Il liquido entra in girante assialmente, attraverso la tubazione di asirazione e viene deviato in direzione radiale e accelerato dalla girante Girante Asirazione Voluta La girante trasferisce al liquido il lavoro meccanico assorbito all'albero sotto forma di energia cinetica e di energia di ressione. Il liquido oi, lasciando la girante, entra nel diffusore dove arte dell'energia cinetica acquisita in girante viene convertita in energia di ressione attraverso il rocesso di diffusione (rallentamento) della corrente. Diffusori a alette

7 Infine, il liquido viene raccolto dalla voluta a sirale e inviato alla tubazione di mandata. La voluta a sirale ha anche il comito di comletare il rocesso di diffusione. Durante il funzionamento si determina una deressione al centro che richiama altro liquido dalla tubazione di asirazione e una sinta in eriferia verso il tubo di mandata. otenza richiesta Come le volumetriche, la otenza idraulica disonibile al fluido (W) w i Q Q (m 3 /s): ortata (a): ressione ricevuta dal fluido otenza fornita dal motore elettrico (W) Rendimento totale = v i m Q W v = rendimento volumetrico i = rendimento idraulico, raorto tra ressione ricevuta dal fluido e quella elaborata dalla oma. m = rendimento meccanico, raorto tra otenza meccanica all albero della girante e quella del motore elettrico. La ressione teorica che la oma centrifuga è in grado di fornire: Velocità tangenziale Velocità relativa U W C C U W Velocità risultante o assoluta

8 U W U W C W W W C U U Velocità relativa W: velocità imosta dalle ale. Velocità tangenziale U: dovuta al moto rotatorio. Velocità assoluta C: si ottiene dalla somma vettoriale delle due è la velocità con cui il fluido entra nella voluta (0-40 m/s). Si tratta di valori troo elevati er fluidi contenenti articelle solidi. In alternativa si ossono adottare alcuni accorgimenti: ridotta velocità di rotazione e girante caratterizzata da oche ale. La velocità U è funzione della velocità angolare e del raggio r U= r. La velocità angolare è funzione del numero di giri della oma n n (giri/min). 60 Anche se teorica, dalla formula sora indicata se ne deduce che la ressione realizzata da una oma centrifuga è funzione del regime di rotazione n. Fissato un regime di rotazione n, rimane fissata in teoria la fornita dalla oma centrifuga e quindi la ortata Q (funzione di una comonente della velocità assoluta). W C U C W U Comonente della velocità assoluta Se non aumentiamo il regime di rotazione, ma il circuito idraulico necessita di maggiore ressione (er suerare un dislivello o erdite di carico) la velocità relativa all interno dei canali intercalari tende a ridursi si riduce la comonente della velocità assoluta. In seguito all aumento della ressione richiesta dal circuito si verifica una riduzione della ortata che roduce a sua volta una riduzione della velocità del fluido e delle erdite di carico.

9 Curva caratteristica (luogo dei ossibili unti di funzionamento) delle ome centrifughe Curva teorica rogetto Curva reale all aumentare di n Q La curvatura della curva reale è causata dal rendimento idraulico che non è costante con la ortata. Vantaggi e svantaggi delle ome centrifughe: - sono di semlice costruzione e di basso costo - hanno una ortata costante - hanno bassi costi di manutenzione - comortano un minimo ingombro - non sono in grado di fornire alte revalenze - non sono in grado di omare liquidi molto viscosi - forniscono buone rese solo entro un intervallo limitato di condizioni - oerative. SCELA DI UNA OMA La scelta della oma si effettua in relazione a: - la revalenza (alla quota da raggiungere) - tio di liquido (se viscoso, corrosivo, ericoloso) - tio di motore di cui si disone. oma a diaframma, oera con ortate minime: 0 l/m, uò raggiungere H=00 m.c.l. a stantuffi (istone), QV = 00 l/m con H 00 mcl 3 a ingranaggi, er grandi ortate e H max = 000 mcl. 4 ome centrifughe, er grandi ortate e H max= 000mcl.

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

Le Macchine a Fluido. Tutor Ing. Leonardo Vita

Le Macchine a Fluido. Tutor Ing. Leonardo Vita Le Macchine a Fluido Tutor Ing. Leonardo Vita Introduzione Si uò definire macchina, in senso lato, un qualsiasi convertitore di energia cioè, in generale, una scatola chiusa in cui entra e da cui esce

Dettagli

Elementi di meccanica dei fluidi

Elementi di meccanica dei fluidi IMPIANTI AEROSPAZIALI DISPENSE DEL CORSO, VERSIONE 005 Caitolo 3 Elementi di meccanica dei fluidi 3. IMPIANTI AEROSPAZIALI DISPENSE DEL CORSO, VERSIONE 005 3. Introduzione In molti imianti il collegamento

Dettagli

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE Classificazione delle pompe Pompe rotative volumetriche POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... POMPE ROTATIVE VOLUMETRICHE Pompe rotative volumetriche Principio di funzionamento Le pompe rotative sono caratterizzate

Dettagli

CONTROLLO TERMICO DEI SISTEMI DI CALCOLO Fluidodinamica UNITA' 07 - SOMMARIO 7. EQUAZIONI INTEGRALI DI BILANCIO PER FLUIDI IN MOTO (B)

CONTROLLO TERMICO DEI SISTEMI DI CALCOLO Fluidodinamica UNITA' 07 - SOMMARIO 7. EQUAZIONI INTEGRALI DI BILANCIO PER FLUIDI IN MOTO (B) U.07/0 UNITA' 07 - SOMMARIO 7. EQUAZIONI INTEGRALI DI BILANCIO PER FLUIDI IN MOTO (B) 7. BILANCIO DELL ENERGIA 7.. Bilancio dell energia stazionario er sistemi a due correnti 7... Bilancio dell energia

Dettagli

SCHEDA TECNICA GRUNDFOS MAGNA3. Circolatori. 50/60 Hz. BEST in class

SCHEDA TECNICA GRUNDFOS MAGNA3. Circolatori. 50/60 Hz. BEST in class SCEDA TECNICA GRUNDFOS MAGNA Circolatori 5/ z BEST MAGNA Indice. Descrizione del rodotto Alicazioni rinciali Codice modello Gamma restazioni, MAGNA 5 Gamma restazioni, MAGNA D funzionamento a testa singola

Dettagli

Impianto idraulico. Capitolo 4 4.1

Impianto idraulico. Capitolo 4 4.1 Caitolo 4 Imianto idraulico 4.1 4.1 Introduzione L'imianto idraulico è un imianto che consente la distribuzione di energia meccanica ed il suo controllo attraverso un fluido incomrimibile. Nell'imianto

Dettagli

sorgente di lavoro meccanico operante in maniera ciclica internamente reversibile esternamente reversibile termostato T

sorgente di lavoro meccanico operante in maniera ciclica internamente reversibile esternamente reversibile termostato T CICLI MOORI Utilizzando un motore (sorgente di lavoro meccanico oerante in maniera ciclica) che evolve secondo il ciclo isotermo-adiabatico di Carnot in maniera internamente reversibile, scambiando calore

Dettagli

Regolazione degli impianti a vapore

Regolazione degli impianti a vapore Regolazione degli imianti a vaore Ing. A. Paolo Carlucci Nel rogetto di una centrale termoelettrica intervengono numerosi fattori: utilizzazione annua, ovvero quante ore all anno una centrale deve funzionare;

Dettagli

Legge del gas perfetto e termodinamica

Legge del gas perfetto e termodinamica Scheda riassuntia 5 caitoli 9-0 Legge del gas erfetto e termodinamica Gas erfetto Lo stato gassoso è quello di una sostanza che si troa oltre la sua temeratura critica. La temeratura critica è quella oltre

Dettagli

L Q = 1. e nel ciclo di Carnot questo rendimento assume valore massimo pari a : η =

L Q = 1. e nel ciclo di Carnot questo rendimento assume valore massimo pari a : η = CICLI ERMODINAMICI DIREI: Maccine termice Le maccine ce anno come scoo uello di trasformare ciclicamente in lavoro il calore disonibile da una sorgente termica sono dette maccine termice o motrici e il

Dettagli

Progettazione di un motore Ringbom Stirling per la produzione di energia elettrica nei paesi in via di sviluppo

Progettazione di un motore Ringbom Stirling per la produzione di energia elettrica nei paesi in via di sviluppo Progettazione di un motore Ringbom Stirling er la roduzione di energia elettrica nei aesi in via di sviluo C. M. Invernizzi, G. Incerti, S. Parmigiani, V. Villa Diartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale

Dettagli

L uso delle pompe negli interventi di Protazione Civile

L uso delle pompe negli interventi di Protazione Civile 1 Pompe Le pompe, più propriamente chiamate macchine idrauliche operatrici, sono quei macchinari che, opportunamente azionati da motrici di diverso tipo, comunicano energia ad un fluido per sollevarlo

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

Le pompe (Febbraio 2009)

Le pompe (Febbraio 2009) Le pompe (Febbraio 2009) Sommario Premessa 2 Classificazione e campi d impiego delle pompe 3 Prevalenza della pompa 4 Portata della pompa 6 Potenza della pompa 6 Cavitazione 6 Perdite di carico 6 Curve

Dettagli

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. Introduzione I rocessi termodinamici che vengono realizzati nella ratica devono consentire la realizzazione di uno scambio di energia termica o di energia

Dettagli

Classificazione delle pompe. Pompe cinetiche centrifughe ed assiali. Pompe cinetiche. Generalità POMPE CINETICHE CLASSIFICAZIONE

Classificazione delle pompe. Pompe cinetiche centrifughe ed assiali. Pompe cinetiche. Generalità POMPE CINETICHE CLASSIFICAZIONE Pompe cinetiche centrifughe ed assiali Prof.ssa Silvia Recchia Classificazione delle pompe In base al diverso modo di operare la trasmissione di energia al liquido le pompe si suddividono in: POMPE CINETICHE

Dettagli

CIRCOLATORI PER IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CONDIZIONAMENTO E ACQUA CALDA SANITARIA

CIRCOLATORI PER IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CONDIZIONAMENTO E ACQUA CALDA SANITARIA GRUNDFOS CATALOGO CIRCOLATORI CIRCOLATORI PER IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CONDIZIONAMENTO E ACQUA CALDA SANITARIA USO DOMESTICO PICCOLI IMPIANTI IMPIANTI COLLETTIVI WWW.GRUNFOS.IT Con WebCAPS è ossibile

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE. Macchine operatrici idrauliche

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE. Macchine operatrici idrauliche UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE Macchine operatrici idrauliche Prevalenza Si definisce prevalenza manometrica (H m ) di una pompa l'energia di pressione per unità di peso che

Dettagli

Ventilatori. Generalità e classificazione VENTILATORI. Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto

Ventilatori. Generalità e classificazione VENTILATORI. Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto Generalità e classificazione Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto MACCHINE PNEUMOFORE BASSE P applicano energia cinetica Elicoidali In base al moto dell aria Centrifughi

Dettagli

Scambio termico 6.1. 6.1.1 Introduzione. 6.1.2 Conduzione

Scambio termico 6.1. 6.1.1 Introduzione. 6.1.2 Conduzione 6. Scambio termico 6.. Introduzione Lo studio dei fenomeni di scambio termico si uò ricondurre a due variabili: la temeratura e il flusso di calore. La temeratura indica l energia molecolare media di un

Dettagli

MACCHINE IDRAULICHE Le macchine idrauliche si suddividono in. ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE)

MACCHINE IDRAULICHE Le macchine idrauliche si suddividono in. ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE) ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE) PERDITE DI CARICO NEI TUBI Le tubature comunemente utilizzate in impiantistica sono a sezione circolare e costante, con conseguente velocità del liquido uniforme e

Dettagli

Complementi ed esercizi di Idrodinamica I parte. 1. Proprietà fisiche dei fluidi

Complementi ed esercizi di Idrodinamica I parte. 1. Proprietà fisiche dei fluidi Comlementi ed esercizi di Idrodinamica I arte.. Prorietà fisiche dei fluidi. Densità e modulo di elasticità a comressione cubica. Come è noto la densità di massa ρ misura la massa contenuta nell unità

Dettagli

Prima di analizzare i sistemi di compressione

Prima di analizzare i sistemi di compressione AO automazioneoggi appunti Un aria produttiva appunti L aria compressa è utilizzata in svariate applicazioni ma deve avere caratteristiche operative differenti a seconda della tipologia di impiego: ecco

Dettagli

Introduzione alle Macchine Operatrici (macchine a fluido) IV A IPS M.CARRARA

Introduzione alle Macchine Operatrici (macchine a fluido) IV A IPS M.CARRARA Introduzione alle Macchine Operatrici (macchine a fluido) IV A IPS M.CARRARA Macchine Operatrici Nel presente modulo si vogliono fornire cenni circa le principali macchine operatrici impiegate negli impianti

Dettagli

4. Reti correttrici e regolatori industriali. 4.1 Regolatori industriali. 4.1.1 Regolatore ad azione proporzionale P

4. Reti correttrici e regolatori industriali. 4.1 Regolatori industriali. 4.1.1 Regolatore ad azione proporzionale P 4. Reti correttrici e regolatori industriali Un sistema di controllo ad anello chiuso deve soddisfare le secifiche assegnate nel dominio della frequenza e quelle assegnate nel dominio del temo. Queste

Dettagli

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza 5 LAVR ED ENERGIA La valutazione dell equazione del moto di una articella a artire dalla forza agente su di essa risulta articolarmente semlice qualora la forza è costante; in tal caso è ossibile stabilire

Dettagli

SCHEDA TECNICA GRUNDFOS. Serie 100. Circolatori Serie 100 50/60 Hz

SCHEDA TECNICA GRUNDFOS. Serie 100. Circolatori Serie 100 50/60 Hz SCEDA TECNICA GRUNDFOS Serie Circolatori Serie / z Indice Caratteristiche generali Gamma restazioni Gamma rodotti ALPA (L), x V, z Gamma rodotti UPS, UP, x V, z 7 Gamma rodotti UPS, UP, x V, z 8 Gamma

Dettagli

Generalità sulle elettropompe

Generalità sulle elettropompe Generalità sulle elettropompe 1) Introduzione Ne esistono diverse tipologie ma si possono inizialmente suddividere in turbopompe e pompe volumetriche. Le prime sono caratterizzate da un flusso continuo

Dettagli

Turbine idrauliche 1/8. Classificazione

Turbine idrauliche 1/8. Classificazione Classificazione Turbine idrauliche 1/8 Una turbina è una macchina che estrae energia da un fluido in possesso di un carico idraulico sufficientemente elevato. Tale carico (o caduta) è generato dal dislivello

Dettagli

6. CAMPO MAGNETICO ROTANTE.

6. CAMPO MAGNETICO ROTANTE. 6 CAMPO MAGNETICO ROTANTE Il camo magnetico monofase Il funzionamento delle macchine elettriche rotanti alimentate in corrente alternata si basa sul rinciio del camo magnetico rotante: il suo studio viene

Dettagli

Focolari differenziati secondo il tipo di combustibile

Focolari differenziati secondo il tipo di combustibile Arofondimento Focolari differenziati secondo il tio di combustibile A. Focolari er combustibili solidi II combustibile solido viene in genere disteso in strati iù o meno sessi (a seconda della roduzione

Dettagli

6.2 Pompe volumetriche

6.2 Pompe volumetriche 6.2 Pompe volumetriche Le pompe volumetriche sfruttano gli stessi principi di funzionamento degli omonimi compressori, in questo caso però il fluido di lavoro è di tipo incomprimibile. Si distinguono in

Dettagli

Catene semplici, doppie e triple Catene speciali CATENE

Catene semplici, doppie e triple Catene speciali CATENE Catene semlici, doie e trile Catene seciali CATENE INDICE CATENE Pag. Catene Comonenti della catena 101 Catene a rulli di trasmissione Catene a rulli serie euroea DIN 8187 ISO/R 606 102 Catene a rulli

Dettagli

Impianto di Sollevamento Acqua

Impianto di Sollevamento Acqua CORSO DI FISICA TECNICA e SISTEMI ENERGETICI Esercitazione 3 Proff. P. Silva e G. Valenti - A.A. 2009/2010 Impianto di Sollevamento Acqua Dimensionare un impianto di sollevamento acqua in grado di soddisfare

Dettagli

CALCOLO EFFICACIA ED EFFICIENZA DI TERMOCAMINETTI A GIRI DI FUMO

CALCOLO EFFICACIA ED EFFICIENZA DI TERMOCAMINETTI A GIRI DI FUMO Pag. 1 di 7 CALCOLO EFFICACIA ED EFFICIENZA DI TERMOCAMINETTI A GIRI DI FUMO Introduzione La resente relazione ha obiettivo di calcolare indicativamente funzionamento efficacia ed efficienza di termocaminetti

Dettagli

SENSAZIONE SONORA. 18.1 L orecchio umano. 18.2 La sensazione sonora - Audiogramma normale

SENSAZIONE SONORA. 18.1 L orecchio umano. 18.2 La sensazione sonora - Audiogramma normale Corso di Imiati Tecnici a.a. 009/010 Docente: Prof. C. Isetti CAPITOLO 18 18.1 L orecchio umano La ercezione di suoni, come d altra arte già osservato al riguardo della luce, coinvolge sia asetti fisici

Dettagli

1 Il campo elettrico. 1.1 Azione a distanza

1 Il campo elettrico. 1.1 Azione a distanza 1 Il camo elettrico 1.1 Azione a distanza L idea di interazione fra cori è stata semre associata all idea di un contatto: la ossibilità che un oggetto otesse esercitare un azione in una regione di sazio

Dettagli

L equilibrio chimico

L equilibrio chimico Equilibrio chimico L equilibrio chimico Ogni reazione, in un sistema chiuso, evolve sontaneamente ad uno stato di equilibrio Quando viene raggiunto lo stato di Equilibrio Chimico: le velocità della reazione

Dettagli

APPUNTI del CORSO di MACCHINE I

APPUNTI del CORSO di MACCHINE I APPUNI del CORSO di MACCHINE I Motori a combustione interna A cura del dott. ing. Daniele Scatolini dalle lezioni del rof. Cinzio Arrighetti Introduzione Il motore a combustione interna (m.c.i.) ha origine

Dettagli

Il trasporto dei liquidi

Il trasporto dei liquidi ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE G. MARCONI TECNOLOGIE CHIMICHE INDUSTRIALI CLASSE 3ACH Il trasporto dei liquidi (PAG 159 DEL LIBRO DI TESTO) Prof. Roberto Riguzzi 1 INTRODUZIONE Il trasporto dei liquidi e

Dettagli

Dilatazione termica. Δl=α l o Δt. ΔA = 2 α A o Δt. ( ) Δl=α l o Δt. α = coefficiente di dilatazione termica lineare

Dilatazione termica. Δl=α l o Δt. ΔA = 2 α A o Δt. ( ) Δl=α l o Δt. α = coefficiente di dilatazione termica lineare Acroolis Atene Eretteo: sostituzione di armature in acciaio con strutture in itanio. Esemi di restauro negativo acciaio contro ferro sigillato in iombo. Recuero di restauri inoortuni con sostituzione mediante

Dettagli

PRESSIONE, VOLUME, TEMPERATURA

PRESSIONE, VOLUME, TEMPERATURA ER M O D I N A M I CA È la branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un SISEMA MACROSCOPICO a seguito di uno scambio di energia con altri sistemi o con l'ambiente. IL sistema macroscoico

Dettagli

Informazioni tecniche TI-B10 Freni di sicurezza. Indice. 2 Funzionamento. 1 Scopo

Informazioni tecniche TI-B10 Freni di sicurezza. Indice. 2 Funzionamento. 1 Scopo Freni di curezza SITEMA Azionamento mediante resone neumatica Traduzione italiana della verone originale tedesca Informazioni tecniche TI-B0 Freni di curezza elevate forze di arresto mediante serraggio

Dettagli

Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica 2010-11

Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica 2010-11 Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e lgoritmi della Logistica 00- Scheduling: Macchina Singola CRLO MNNINO Saienza Università di Roma Diartimento di Informatica e Sistemistica Il roblema /-/ w C

Dettagli

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche. Cap. 10. Elementi di psicrometria, condizionamento dell aria e benessere ambientale

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche. Cap. 10. Elementi di psicrometria, condizionamento dell aria e benessere ambientale Aunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche Ca. 0. Elementi di sicrometria, condizionamento dell aria e benessere ambientale Nicola Forgione Paolo Di Marco Versione 0.0.04.0. La resente disensa

Dettagli

Lezioni di meccanica enologica Prof. Massimo Giubilei

Lezioni di meccanica enologica Prof. Massimo Giubilei Lezioni di meccanica enologica Prof. Massimo Giubilei LE POMPE Le pompe sono macchine idrauliche che trasformano l energia meccanica in energia cinetica o in pressione. Le pompe conferiscono al liquido

Dettagli

Gli autori saranno grati a chiunque segnali loro errori, inesattezze o possibili miglioramenti.

Gli autori saranno grati a chiunque segnali loro errori, inesattezze o possibili miglioramenti. Diloma Universitario in Ingegneria Corso di Fisica ecnica Paolo Di Marco e Alessandro Franco Esercizi di ermodinamica Alicata Versione 99.00 //99. La resente raccolta è redatta ad esclusivo uso didattico

Dettagli

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche

Appunti ed Esercizi di Fisica Tecnica e Macchine Termiche Aunti ed Esercizi di Fisica ecnica e Macchine ermiche Ca.7. I cicli termici delle macchine motrici Paolo Di Marco Versione 006.0 0.0.07 La resente disensa è redatta ad esclusivo uso didattico er gli allievi

Dettagli

La Statica dei Fluidi

La Statica dei Fluidi MT, MTT Aunti di Fisica er Scienze Biologiche Vers 4 /9/5 La Statica dei Fluidi Un fluido non ossiede forma roria ma si adatta a quella del contenitore che lo contiene Può essere nella fase liquida (es

Dettagli

SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione)

SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione) SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione) Si utilizzano le pompe, per il sollevamento dell acqua dai pozzi e per inviarla ai serbatoi o inviarla ad una rete di distribuzione e comunque per trasferire l acqua

Dettagli

sostanze in cui le molecole possono muoversi le une rispetto alle altre. Un fluido può quindi essere un liquido, un gas o un plasma.

sostanze in cui le molecole possono muoversi le une rispetto alle altre. Un fluido può quindi essere un liquido, un gas o un plasma. Aunti di MECCANICA DEI FLUIDI Corso di Fisica e Laboratorio rof. Massimo Manvilli SEZIONE ITI - ITCG Cattaneo con Liceo Dall Aglio STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA Solidi : Liquidi : Gas: Plasma : FluidI:

Dettagli

Giornale Newspaper Zeitung N. 05 Giugno 2014

Giornale Newspaper Zeitung N. 05 Giugno 2014 Giornale Newsaer Zeitung N. 05 Giugno 04 Imegno nazionale er uno sviluo internazionale. Tutti i giorni siamo temestati da cattive notizie derivanti da una essima informazione; giornali, riviste, TV e mezzi

Dettagli

Uso: USO DELLE POMPE. di Segna Simone. CORSO per Volontari Operativi Rischio idrogeologico CCV-MI _2012_

Uso: USO DELLE POMPE. di Segna Simone. CORSO per Volontari Operativi Rischio idrogeologico CCV-MI _2012_ CORSO per Volontari Operativi Rischio idrogeologico CCV-MI _2012_ di Segna Simone Corso di formazione USO DELLE POMPE Relatore: Simone Segna OBIETTIVI 1. Fornire agli operatori indicazioni teoriche sul

Dettagli

SISTEMA D ALLARME E COMUNICATORI

SISTEMA D ALLARME E COMUNICATORI SISTEMA D ALLARME E COMUNICATORI MANUALE D USO Grazie er aver acquistato un sistema di sicurezza DAITEM adeguato alle vostre esigenze di rotezione. Precauzioni L installazione del sistema deve essere effettuata

Dettagli

Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica. Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007

Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica. Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007 Fondamenti sui sistemi di Attuazione nella Robotica PhD. Ing. Folgheraiter Michele Corso di Robotica Prof. Gini Giuseppina 2006/2007 1 Definizione di Attuatore (Robotica) Si definisce attuatore, quella

Dettagli

LA PREVALENZA DI UNA POMPA

LA PREVALENZA DI UNA POMPA LE POMPE Le pompe sono macchine idrauliche operatrici che, ricevendo energia meccanica da un qualsiasi motore, la trasmettono, nella misura consentita dal rendimento del gruppo pompa-motore, motore, al

Dettagli

LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante

LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante IDRAULICA LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante 2 LEGGE DI STEVIN Z = ALTEZZA GEODETICA ENERGIA POTENZIALE PER UNITA DI PESO p /

Dettagli

I NUMERI INDICI. Numeri indici indici (misurano il livello di variabilità, concentrazione, dipendenza o interdipendenza, ecc.)

I NUMERI INDICI. Numeri indici indici (misurano il livello di variabilità, concentrazione, dipendenza o interdipendenza, ecc.) NUMER NDC Numeri indici indici (misurano il livello di variabilità, concentrazione, diendenza o interdiendenza, ecc.) si utilizzano er confrontare grandezze nel temo e nello sazio e sono dati dal raorto

Dettagli

14/05/2013. Onde sonore

14/05/2013. Onde sonore Onde sonore valutazione del fenomeno acustico 1 Cos è il suono? Una erturbazione di carattere oscillatorio che si roaga in un mezzo elastico Alla roagazione corrisonde una roagazione di energia ma non

Dettagli

Sessione live #2 Settimana dal 24 al 30 marzo. Statistica Descrittiva (II): Analisi congiunta, Regressione lineare Quantili.

Sessione live #2 Settimana dal 24 al 30 marzo. Statistica Descrittiva (II): Analisi congiunta, Regressione lineare Quantili. Sessione lie # Settimana dal 4 al 30 marzo Statistica Descrittia (II): Analisi congiunta, Regressione lineare Quantili Lezioni CD: 3 4-5 Analisi congiunta Da un camione di 40 studenti sono stati rileati

Dettagli

NUMERI RAZIONALI E REALI

NUMERI RAZIONALI E REALI NUMERI RAZIONALI E REALI CARLANGELO LIVERANI. Numeri Razionali Tutti sanno che i numeri razionali sono numeri del tio q con N e q N. Purtuttavia molte frazioni ossono corrisondere allo stesso numero, er

Dettagli

CAPITOLO 5 IDRAULICA

CAPITOLO 5 IDRAULICA CAPITOLO 5 IDRAULICA Cap. 5 1 FLUIDODINAMICA STUDIA I FLUIDI, IL LORO EQUILIBRIO E IL LORO MOVIMENTO FLUIDO CORPO MATERIALE CHE, A CAUSA DELLA ELEVATA MOBILITA' DELLE PARTICELLE CHE LO COMPONGONO, PUO'

Dettagli

Economia dell'informazione

Economia dell'informazione Economia dell'informazione Disensa 3 Monoolio Martina Gambaro & Andrea Borghesan martina.gambaro@unive.it - borg@unive.it Sommario Monoolio... 1 Massimizzazione del rofitto in monoolio... Monoolio ed elasticità...

Dettagli

Esercizio 20 - tema di meccanica applicata e macchine a fluido- 2002

Esercizio 20 - tema di meccanica applicata e macchine a fluido- 2002 Esercizio 0 - tema di meccanica applicata e macchine a fluido- 00 er regolare il regime di rotazione di un gruppo elettrogeno, viene calettato sull albero di trasmissione del motore un volano in ghisa.

Dettagli

ANALISI DELLE VIBRAZIONI PER LA DIAGNOSTICA DELLE MACCHINE ROTANTI 2 parte

ANALISI DELLE VIBRAZIONI PER LA DIAGNOSTICA DELLE MACCHINE ROTANTI 2 parte Indice Vibrazioni di una macchina elettrica ANALISI DELLE VIRAZIONI PER LA DIAGNOSTICA DELLE MACCHINE ROTANTI arte Lucia FROSINI Diartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di

Dettagli

FAMIGLIA COMPATTI IT

FAMIGLIA COMPATTI IT FAMIGLIA COMATTI IT 2 3 IL GRUO MERLO IL GRUO MERLO All avanguardia tecnologica Sicurezza, comfort e massime restazioni Da semre il marchio Merlo è sinonimo di tecnologie avanzate nel camo dei sollevatori

Dettagli

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI Quando un sistema fisico inizialmente in quiete viene sottoosto ad un ingresso di durata finita o di amiezza limitata, l uscita del sistema dovrebbe stabilizzarsi a un certo

Dettagli

La presa dei fotogrammi

La presa dei fotogrammi UNITÀ T2 La resa dei fotogrammi TEORI 1 Fotogrammetria aerea 2 Relazione tra scala dei fotogrammi e altezza di volo 3 Parametri del volo aereo fotogrammetrico 4 Gestione del volo fotogrammetrico 5 Fotogrammetria

Dettagli

p Tecnica di lavaggio self-service HobbyWash a 1 posto La tecnica di autolavaggio all'avanguardia

p Tecnica di lavaggio self-service HobbyWash a 1 posto La tecnica di autolavaggio all'avanguardia Tecnica di lavaggio self-service HobbyWash a 1 osto La tecnica di autolavaggio all'avanguardia Imianti rack basic 1 osto tecnica di lavaggio comatta PER LOCALI TECNICI GIÀ ESISTENTI NUOVO! Gli imianti

Dettagli

Logistica (mn) 6 CFU Appello del 22 Luglio 2010

Logistica (mn) 6 CFU Appello del 22 Luglio 2010 Logistica (mn) 6 CFU Aello del Luglio 010 NOME: COGNOME: MATR: Avvertenze ed istruzioni: Il comito dura ore e quindici. Non è ermesso lasciare l'aula senza consegnare il comito o ritirarsi. Se dovessero

Dettagli

ATMOSFERE CONTROLLATE NELLA METALLURGIA DELLE POLVERI Teoria e pratica

ATMOSFERE CONTROLLATE NELLA METALLURGIA DELLE POLVERI Teoria e pratica ATMOSFERE CONTROLLATE NELLA METALLURGIA DELLE POLVERI Teoria e ratica Enrico MOSCA TORINO 1 1. INTRODUZIONE Le atmosfere controllate si definiscono come un singolo gas o una miscela di gas, la cui comosizione

Dettagli

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p Caitolo Ventitrè Offerta dell industria Offerta dell industria concorrenziale Come si combinano le decisioni di offerta di molte imrese singole in un industria concorrenziale er costituire l offerta di

Dettagli

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V LEGGI DEI GS Per gas si intende un fluido rivo di forma o volume rorio e facilmente comrimibile in modo da conseguire notevoli variazioni di ressione e densità. Le variabili termodinamiche iù aroriate

Dettagli

! L occhio come sistema ottico complesso. Corso di Principi e Modelli della Percezione. ! Prof. Giuseppe Boccignone!

! L occhio come sistema ottico complesso. Corso di Principi e Modelli della Percezione. ! Prof. Giuseppe Boccignone! L occhio come sistema ottico comlesso Corso di Princii e Modelli della Percezione Prof. Giusee Boccignone Diartimento di Scienze dell Informazione Università di Milano boccignone@dsi.unimi.it htt://homes.dsi.unimi.it/~boccignone/giuseeboccignone_webage/modelli_percezione.html

Dettagli

ESERCITAZIONI DEL CORSO DI PROGETTO DELLE SOVRASTRUTTURE VIARIE - A.A. 2008-09 MATERIALI GRANULARI

ESERCITAZIONI DEL CORSO DI PROGETTO DELLE SOVRASTRUTTURE VIARIE - A.A. 2008-09 MATERIALI GRANULARI MATERIALI GRANULARI. IL COMPORTAMENTO MECCANICO DEI MATERIALI GRANULARI. Introduzione I materiali granulari imiegati negli strati iù rofondi della sovrastruttura stradale (fondazione, sotto-fondazione

Dettagli

CBM a.s. 2012/2013 PROBLEMA DELL UTILE DEL CONSUMATORE CON IL VINCOLO DEL BILANCIO

CBM a.s. 2012/2013 PROBLEMA DELL UTILE DEL CONSUMATORE CON IL VINCOLO DEL BILANCIO CM a.s. /3 PROLEMA DELL TILE DEL CONSMATORE CON IL VINCOLO DEL ILANCIO Il consumatore è colui che acquista beni er destinarli al rorio consumo. Linsieme dei beni che il consumatore acquista rende il nome

Dettagli

IMPIANTI DI LAVAGGIO A PORTALE IL MODELLO BASIC. EasyWash

IMPIANTI DI LAVAGGIO A PORTALE IL MODELLO BASIC. EasyWash IMPIANTI DI LAVAGGIO A PORTALE IL MODELLO BASIC EasyWash EasyWash il modello ideale er stazioni di servizio e attività di autolavaggio di iccole dimensioni Design: Basic EasyWash disone di tutte le caratteristiche

Dettagli

5. Dati sperimentali e loro elaborazione 9. 5.1 Resistenza interna del triodo 9. 5.2 Conduttanza mutua del triodo 16

5. Dati sperimentali e loro elaborazione 9. 5.1 Resistenza interna del triodo 9. 5.2 Conduttanza mutua del triodo 16 Sommario Pa. 1. Scoo dell eserienza 2 2. Presuosti teorici 3 3. Aarato Strumentale 6 4. Descrizione dell eserimento 8 5. Dati serimentali e loro elaborazione 9 5.1 Resistenza interna del triodo 9 5.2 Conduttanza

Dettagli

Ripasso di microeconomia ECONOMIA E FINANZA PUBBLICA. Teoria del consumatore. Lezione n. 1. Teoria del consumatore. Le preferenze.

Ripasso di microeconomia ECONOMIA E FINANZA PUBBLICA. Teoria del consumatore. Lezione n. 1. Teoria del consumatore. Le preferenze. Università degli Studi di erugia Corso di Laurea Magistrale in Scienze della olitica e dell'mministrazione Lezione n. Riasso di microeconomia CONOMI FINNZ ULIC nza Caruso Le referenze Come i consumatori

Dettagli

Il sistema di contabilità nazionale e la comparazione degli aggregati economici nel tempo e nello spazio

Il sistema di contabilità nazionale e la comparazione degli aggregati economici nel tempo e nello spazio Bruno Bracalente Il sistema di contabilità nazionale e la comarazione degli aggregati economici nel temo e nello sazio Disense er il corso di Statistica Economica Modulo I Università degli Studi di Perugia

Dettagli

IDRAULICA. Marino prof. Mazzoni PRESSIONE IDROSTATICA E LEGGE DI STEVINO. S S PsxSxh

IDRAULICA. Marino prof. Mazzoni PRESSIONE IDROSTATICA E LEGGE DI STEVINO. S S PsxSxh 1 IDRAULICA Marino prof. Mazzoni PRESSIONE IDROSTATICA E LEGGE DI STEVINO F S S PsxSxh h F p = pressione p = p = Ps S h/s = Ps h Ps = peso specifico S h = profondità P=0 P=Psxh h Andamento della pressione

Dettagli

SISTEMI E STATI TERMODINAMICI

SISTEMI E STATI TERMODINAMICI ittorio Mussino: vittorio.mussino@olito.it SISEMI E SI ERMODINMICI Nel corso di Fisica I (meccanica), si sono determinate le leggi che governano il moto dei sistemi di articelle (discreti e continui) e

Dettagli

Corso di Fisica Strumentale

Corso di Fisica Strumentale Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Fisica Strumentale er Tecnici di Laboratorio Biomedico e Tecnici di revenzione ambientale e sui luoghi di lavoro Prof. R. Rolandi Il microscoio ottico Lo scoo di

Dettagli

Esercizi sui Compressori e Ventilatori

Esercizi sui Compressori e Ventilatori Esercizi sui Compressori e Ventilatori 27 COMPRESSORE VOLUMETRICO (Appello del 08.06.1998, esercizio N 2) Testo Un compressore alternativo monocilindrico di cilindrata V c = 100 cm 3 e volume nocivo V

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 Controlli Digitali Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica CONTROLLORI PID Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it Introduzione regolatore Proorzionale, Integrale, Derivativo PID regolatori

Dettagli

Risposta: 2009 2010 Quantità Prezzo ( ) Quantità Prezzo ( ) Automobili 8.000 15.000 6.500 14.500 Biciclette 80.000 195,52 94.

Risposta: 2009 2010 Quantità Prezzo ( ) Quantità Prezzo ( ) Automobili 8.000 15.000 6.500 14.500 Biciclette 80.000 195,52 94. 1. Domanda Si consideri un sistema economico che roduce solo due beni: automobili e biciclette. È noto che nel 009 sono state rodotte 8.000 automobili che sono state venduto al rezzo di 15.000 e 80.000

Dettagli

W S. 1. Propagazione del suono in campo libero

W S. 1. Propagazione del suono in campo libero IUAV - MASTER IN PROGETTAZIONE ACUSTICA A.A. 4/5 Lezione del 4 ottobre 4 Titolo: Proagazione del suono in ambiente esterno Docente: Arch. Antonio Carbonari 1. Proagazione del suono in camo libero La condizione

Dettagli

La riflessione della luce: gli specchi

La riflessione della luce: gli specchi APITOLO 3 La riflessione della luce: gli secchi Immaginiamo un camo di 20 ettari ( ha 0 4 m 2 ) ieno di secchi arabolici: er l esattezza 360. Grazie a un articolare sistema di tubi, la radiazione solare

Dettagli

Appunti di Termodinamica

Appunti di Termodinamica ullio Paa unti di ermodinamica Per arofondire consultare il testo: Paa; Lezioni di Fisica-ermodinamica, edizioni Kaa, Roma 1 Sistemi e variabili termodinamiche Equazioni di stato 1 Introduzione La termodinamica

Dettagli

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI Circolare informativa n 4/2011 STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI Novità fiscali introdotte dalla Legge 14 settembre 2011 n. 148 La resente circolare ha lo scoo di fornire una anoramica delle numerose novità

Dettagli

CAPITOLO 4 IMPIANTI IDRAULICI

CAPITOLO 4 IMPIANTI IDRAULICI CAPITOLO 4 IMPIANTI IDRAULICI 4.1. Introduzione In questo paragrafo verranno trattate le problematiche relative agli impianti idraulici, limitatamente al caso degli impianti di sollevamento acqua. Si parlerà

Dettagli

Le reti di distribuzione degli impianti di riscaldamento

Le reti di distribuzione degli impianti di riscaldamento Corso di IMPIANTI TECNICI er l EDILIZIA Le reti di distribuione degli iianti di riscaldaento Prof. Paolo ZAZZINI Diartiento INGEO Università G. D Annunio Pescara.lft.unich.it Prof. Paolo ZAZZINI Diartiento

Dettagli

FISICA. V [10 3 m 3 ]

FISICA. V [10 3 m 3 ] Serie 5: Soluzioni FISICA II liceo Esercizio 1 Primo rinciio Iotesi: Trattiamo il gas con il modello del gas ideale. 1. Dalla legge U = cnrt otteniamo U = 1,50 10 4 J. 2. Dal rimo rinciio U = Q+W abbiamo

Dettagli

La FREQUENZA del suono

La FREQUENZA del suono ACUSTICA PSICOFISICA La FREQUENZA del suono Infra Audio Ultra... K Hz Frequenza L orecchio è sensibile solo a variazioni della ressione, intorno a quella media atmosferica, caratterizzate da oscillazioni

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

SoftCare² Pro Touchless

SoftCare² Pro Touchless SoftCare² Pro Touchless l IMPIANTO COMBINATO SoftCare² Pro Touchless le massime restazioni di lavaggio touchless SoftCare² Pro Touchless Sono disonibili due varianti dell'imianto: semlice oure combinata

Dettagli

DFP 13 100/112 ID POMPE A PALETTE A CILINDRATA FISSA SERIE 20 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO CARATTERISTICHE TECNICHE SIMBOLO IDRAULICO.

DFP 13 100/112 ID POMPE A PALETTE A CILINDRATA FISSA SERIE 20 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO CARATTERISTICHE TECNICHE SIMBOLO IDRAULICO. 3 00/ ID DFP POMPE A PALETTE A CILINDRATA FISSA PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO Le pompe DFP sono pompe a palette a cilindrata fissa, realizzate in quattro diverse grandezze, divise a loro volta in cinque dimensioni

Dettagli

UTILIZZO DELLE MOTOPOMPE IN EMERGENZA. Stefano Stoppa

UTILIZZO DELLE MOTOPOMPE IN EMERGENZA. Stefano Stoppa UTILIZZO DELLE MOTOPOMPE IN EMERGENZA Stefano Stoppa Definizione Le pompe sono componenti idrauliche che, ricevendo energia meccanica da un qualsiasi motore, la trasmettono al liquido che le attraversa.

Dettagli

Valutazione dei consumi globali di energia e delle emissioni di un sistema

Valutazione dei consumi globali di energia e delle emissioni di un sistema ESERCITAZIONE 1 Valutazione dei consumi globali di energia e delle emissioni di un sistema Il sistema a cui faremo generalmente riferimento in questo corso sarà uno stabilimento di azienda manifatturiera,

Dettagli