La Spondilite Assiale senza evidenza radiografica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Spondilite Assiale senza evidenza radiografica"

Transcript

1 La Spondilite Assiale senza evidenza radiografica 1

2 1. AxSpA IMS Survey: metodologia e campione Survey quantitativa presso un campione di 60 centri italiani trattanti pazienti con Spondiloatrite Assiale (universo di riferimento stimato: circa 450 centri trattanti patologie reumatologiche autoimmuni) pari ad una copertura di pazienti con Spondiloartrite Assiale così ripartiti: 3908 con Spondilite Anchilosante 2594 con Spondilite Assiale senza evidenza radiografica. La survey è stata condotta con interviste via web a reumatologi aventi le seguenti condizioni di inclusione: almeno 10 pazienti con Spondiloartrite Assiale trattati personalmente prescrittori di biologici. La survey ha avuto come tema la Spondilite Assiale senza evidenza radiografica (AxSpA) e ha previsto: la raccolta di dati generali relativi a casistica del centro, approccio diagnostico e terapeutico, con focus particolare sull impiego dei farmaci biologici la compilazione di 2 schede-pazienti con AxSpA personalmente diagnosticati dal reumatologo (gli ultimi due pazienti visitati, indipendentemente che fossero di prima diagnosi o in follow up in totale), con la raccolta delle seguenti informazioni: età e sesso diagnosi: test diagnostici sintomatologia tempo dall esordio della malattia percorso del paziente prima della diagnosi (figure mediche interpellate) trattamento: farmaci prescritti come primo trattamento e successivi tempi di follow up e switch motivi di scelta del farmaco biologico prescritto La survey IMS è stata condotta nel dicembre Distribuzione delle 60 interviste quantitative via web 2

3 2. Definizione della patologia Figura 1 La AxSpa senza evidenza radiografica è ad oggi sotto-diagnosticata Nella diagnosi AxSpa senza evidenza radiografica utilizzo sempre le linee guida dall ASAS/EULAR E molto difficile identificare la AxSpa senza evidenza radiografica Quando tratto la AxSpa senza evidenza radiografica, tendo a utilizzare i biologi al più presto per prevenire danni irreversibili La AxSpa senza evidenza radiografica è una condizione a sé stante La AxSpa senza evidenza radiografica è una fase precoce della Spondilite Anchilosante Base: 60 reumatologi /centri (2.594 pazienti AxSpA) Dalla survey svolta emerge un quasi omogeneo consenso circa il fatto che la Spondilite Assiale senza evidenza radiografica sia una patologia ad oggi sotto-stimata/sotto-diagnosticata (92% dei reumatologi rispondenti). La maggioranza dei reumatologi intervistati (80%) dichiara di fare riferimento alle raccomandazioni ASAS/EULAR per la formulazione della diagnosi di malattia, ma nonostante ciò l identificazione della patologia non sembra sempre essere un processo semplice ed immediato. Si può, quindi, ipotizzare che proprio questa difficoltà di diagnosi iniziale produca un sommerso di spondiliti assiali senza evidenza radiografica, elemento in tendenza più difficilmente riscontrabile in altre patologie reumatologiche (come, ad esempio, l Artrite Reumatoide). Percentuali di accordo più basse emergono, invece, riguardo alla definizione del quadro clinico: condizione a sé stante o fase precoce della Spondilite Anchilosante? Ciò può essere dovuto al fatto che la definizione in ambito scientifico del quadro patologico stesso è abbastanza recente. In attesa di vedere come evolverà il dibattito scientifico nel prossimo futuro ed avere delucidazioni su una tematica ancora poco chiara, si delinea un ampia fetta di sospensione di giudizio: il 33% dei reumatologi rispondenti non prende posizione circa la definizione di Spondilite Assiale senza evidenza radiografica come condizione a sé stante ed il 45% fa la stessa cosa circa la definizione di malattia come fase precoce della Spondilite Anchilosante. Tali percentuali elevate di area grigia sembrano ulteriormente confermare l attuale presenza in Italia di una difficoltà di diagnosi del quadro clinico in esame: non avere le idee chiare in fase diagnostica comporta necessariamente non averle nemmeno circa la definizione della patologia. Si evidenzia disaccordo anche sull uso precoce del biologico: circa un terzo degli intervistati non prende posizione relativamente all item Quando tratto la AxSpa senza evidenza radiografica tendo ad utilizzare i biologici al più presto per prevenire danni irreversibili ed il 22% dichiara di non essere d accordo con tale affermazione. 3

4 Queste percentuali possono essere spiegate alla luce dell attuale situazione italiana relativa all impiego del biologico nella Spondilite Assiale senza evidenza radiografica: il biologico non ha, ad oggi, l indicazione in questa specifica patologia o, se ce l ha, non ha la rimborsabilità (Humira); ciò può presumibilmente avere rallentato e creato dei limiti al loro impiego da parte dei reumatologi. Tuttavia, è da evidenziare che quasi la metà del campione ascoltato (46%) concorda nell utilizzare rapidamente/precocemente il biologico per evitare/prevenire danni irreversibili. Si può ipotizzare che la definizione non certa di patologia (condizione a sé stante o fase precoce della Spondilite Anchilosante?) tenda, in parte, a condurre ad un management in sicurezza del paziente, nonostante la non indicazione e/o la non rimborsabilità del farmaco: non si sa con certezza se il paziente evolverà in Spondilite Anchilosante, ma nel dubbio perché non trattare evitando così il rischio di arrivare al danno irreversibile? 3. Dati epidemiologici Figura 2 Base: 60 reumatologi /centri (2.594 pazienti AxSpA) Il grafico mostrato in figura 2 conferma come la Spondiloartrite Assiale sia una patologia difficile da identificare e, perciò, sotto-stimata (14%), in cui con elevata probabilità vi è un sommerso di Spondiliti Assiali senza evidenza radiografica non ancora riconosciute e diagnosticate. Dalla survey condotta emerge che su 100 pazienti con Spondiloartrite Assiale, il 40% ha la Spondilite Assiale senza evidenza radiografica. Il rapporto dichiarato tra Spondilite Anchilosante e Spondilite Assiale senza evidenza radiografica è di 60% vs 40%, un dato più che positivo se si considera la difficoltà diagnostica evidenziata in precedenza. Quali le ipotesi per spiegare queste percentuali? Il 40% di Spondilite Assiale non radiografica citato dagli intervistati può essere letto secondo due opposte visioni: una più positiva, secondo cui sarebbe in atto una spinta sempre maggiore alla diagnosi precoce (graduale crescita della sensibilità ad inviare subito il paziente al reumatologo da parte delle figure mediche che lo possono precedere) 4

5 una più negativa, secondo cui potrebbe trattarsi di errori diagnostici (sono realmente pazienti con Spondilite Assiale non radiografica o sono pazienti a cui non è stata fatta la radiografia ma soltanto la Risonanza Magnetica? L affidarsi soltanto alla RM potrebbe aver condotto ad una definizione del paziente in tal senso, anche laddove l evidenza radiografica fosse già presente, con conseguente sovrastima della numerosità del quadro clinico). Dalla survey, sulla base delle 120 schede paziente compilate dai reumatologi intervistati, emerge inoltre che il paziente tipo con Spondilite Assiale senza evidenza radiografica è giovane (tra i 30 ed i anni) ed in 7 casi su 10 di sesso maschile. 4. Inquadramento diagnostico Figura 3 Base: 120 pazienti con Spondilite Assiale senza evidenza radiografica, casistica raccolta mediante scheda paziente Come mostrato nella tabella riportata in figura 3, la lombalgia infiammatoria emerge come il sintomo più comunemente riferito dal paziente, seguito da dolore notturno e rigidità mattutina: nel dichiarato dei reumatologi intervistati, una condizione di dolore che, se persistente per più di 3 mesi in un soggetto giovane (< 45 anni) e se in incremento con il riposo ed in miglioramento con il movimento, dovrebbe allertare il clinico ed indirizzarlo verso la corretta diagnosi. Si può, quindi, osservare che già l anamnesi rappresenta un fondamentale punto di partenza per arrivare a formulare una diagnosi di Spondilite Assiale non radiografica: il racconto del paziente sul tipo di dolore avvertito e la sua storia clinica possono già fornire al reumatologo un importante indizio circa la patologia cui si trova di fronte. Dalla survey risulta, inoltre, che la metà dei pazienti è riconosciuta positiva al gene HLA-B27. Si evidenzia una percentuale più elevata di pazienti positivi ad HLA-B27 trattati con biologico rispetto ai pazienti non trattati con biologico (55% vs 24%): alla luce della situazione italiana mostrata in precedenza (non indicazione e/o non rimborsabilità del biologico in questo quadro clinico), si può ipotizzare che la positività a tale test rappresenti, per il reumatologo, una conferma in più per poter arrivare a prescrivere il biologico in tranquillità ; da ciò deriverebbe la differenza percentuale tra i due target considerati (trattati con bio e non trattati con bio). Un ulteriore aspetto da evidenziare è la diversa complessità emersa tra i pazienti trattati con biologico ed i pazienti non trattati con biologico: i primi tendono a presentare un quadro clinico più difficile (più dolore notturno e rigidità mattutina -rispettivamente 87% e 84%-, più della metà positivi al gene HLA-B27), mentre i secondi risultano avere una situazione meno complicata (meno dolore notturno e rigidità mattutina -rispettivamente 67% e 71%-, generalmente meno sintomi concomitanti). Sintomo comune ad entrambi i target e citato dalla quasi totalità dei clinici rispondenti è la lombalgia infiammatoria. 5

6 Si può, infine, osservare che il 62% dei pazienti descritti dai reumatologi rispondenti presenta segni di infiammazione delle articolazioni sacroiliache, una percentuale che è possibile interpretare in due diversi modi: se si considerano i segni clinici di infiammazione è un valore che può essere considerato corretto e nella media in caso contrario, potrebbe essere indice di errore diagnostico (con la Risonanza Magnetica, eseguita in fase di diagnosi nel 92% dei pazienti -come mostrano i dati riportati in figura 4-, ci si aspetterebbe di trovare infiammazione alle articolazioni sacroiliache nel 100% dei casi). Figura 4 Base: 120 pazienti con Spondilite Assiale senza evidenza radiografica, casistica raccolta mediante scheda paziente Come mostrato nella tabella riportata in figura 4, ogni paziente viene sottoposto ad almeno 4 esami per arrivare alla diagnosi di Spondilite Assiale senza evidenza radiografica. Nello specifico, Risonanza Magnetica (92%) e PCR (89%) risultano essere i test diagnostici maggiormente effettuati. La Risonanza Magnetica è, in tendenza, considerato un test indispensabile nelle forme senza evidenza radiografica per avere una diagnosi certa di Spondilite Assiale; viene solitamente eseguita anche per indagare l andamento di malattia (aiuta a definire l edema osseo, se c è erosione articolare, se è una forma di malattia più o meno attiva): si tratta, quindi, di un esame che consente di fare sia diagnosi che stadiazione. La PCR va a confermare la diagnosi rilevata con Risonanza Magnetica, evidenziando ulteriormente la presenza di infiammazione. E da evidenziare la non elevata percentuale di impiego della radiografia come test diagnostico (73%) rispetto ad un quasi omogeneo utilizzo dichiarato della Risonanza Magnetica: è ipotizzabile che una buona parte dei clinici intervistati abbia eseguito soltanto la Risonanza Magnetica e non la radiografia, arrivando a diagnosticare una Spondilite Assiale non radiografica anche laddove, con elevata probabilità, l evidenza radiografica era già presente (un approccio diagnostico errato che, come già visto, spiegherebbe il precedente 40% di Spondilite Assiale non radiografica citato in figura 2). Il 79% dei reumatologi inclusi nella survey dichiara di utilizzare il test per la positività al gene HLA-B27, un dato positivo che può essere ragionevolmente interpretato, come già sottolineato, alla luce della attuale situazione italiana circa i farmaci biologici nella Spondilite Assiale senza evidenza radiografica: si può ipotizzare che il fatto di non avere l indicazione e/o la rimborsabilità in questo quadro clinico spinga il reumatologo a ricercare più conferme possibili per l impiego di una classe di farmaci, nella realtà dei fatti, off label (impiego in pazienti in cui li si ritiene assolutamente indispensabili e imprescindibili). 6

7 Figura 5 Base: 120 pazienti con Spondilite Assiale senza evidenza radiografica, casistica raccolta mediante scheda paziente Tra esordio e diagnosi passano mediamente 2-3 anni (media = 2,7 anni), ma l 11% dei clinici rispondenti dichiara tempistiche anche più lunghe (dai 6 ai 10 anni, minoritariamente anche oltre i 10 anni). Infatti, prima di arrivare al reumatologo il paziente può incontrare diverse figure mediche. Come mostrato nella tabella riportata in figura 6, mediamente il paziente viene visitato da almeno altre due figure mediche prima di arrivare al reumatologo e questo, in molti casi, può determinare un allungamento del percorso clinico. Figura 6 Base: 120 pazienti con Spondilite Assiale senza evidenza radiografica, casistica raccolta mediante scheda paziente Dalla survey risulta che le due figure mediche principalmente incontrate dal paziente prima di arrivare al reumatologo sono medico di base (83%) ed ortopedico (65%). Primo riferimento del paziente è solitamente il medico di medicina generale, che può tentare un primo approccio terapeutico con antinfiammatori, per poi demandare, qualora non si evidenzino risultati positivi, generalmente all ortopedico o minoritariamente al fisiatra; dalla survey condotta sembrerebbe meno frequente l invio diretto al reumatologo. L ortopedico può, a sua volta, provare un trattamento antinfiammatorio o cortisonico e chiedere, eventualmente, la consulenza del fisiatra o del neurologo; anche in questo caso, l invio diretto al reumatologo non risulta essere sempre immediato. Nel suo percorso il paziente potrebbe arrivare ad incontrare anche altre figure, quali fisioterapista, chiropratico, osteopata, etc. 7

8 Gastroenterologo, dermatologo ed oculista possono entrare in gioco in presenza di patologie di loro competenza (es. Morbo di Crohn, colite ulcerosa, uveite, psoriasi) associate a componente articolare/assiale: in questi casi, sembrerebbe esserci un link più forte con il reumatologo in quanto, trattandosi di patologie spesso associate tra loro, risulta più immediato il riconoscimento, da parte di queste figure mediche, della sintomatologia e l invio, quindi, allo specialista corretto. In definitiva, sembra delinearsi un percorso che può diventare più o meno lungo a seconda della capacità delle diverse figure mediche incontrate di riconoscere i sintomi iniziali della patologia e demandare, di conseguenza, il paziente allo specialista corretto (reumatologo). 5. Approccio terapeutico Figura 7 Base: 60 reumatologi /centri (2.594 pazienti AxSpA) Il 93% dei reumatologi rispondenti indica come primo trattamento d elezione l approccio standard con i FANS. Come seconda terapia il 73% indica i farmaci biologici, mentre il 17% si affida ad un Dmard. Si può ipotizzare che questa percentuale dichiarata di impiego di metotrexato (17%) faccia riferimento: in parte ai casi in cui vi è un coinvolgimento artritico periferico, dove l impiego del Dmard ha un riconosciuto valore scientifico in parte anche ai pazienti in cui non risulta essere presente tale interessamento periferico, nonostante non esista alcuna evidenza circa la capacità di questa classe di farmaci di interferire con l evoluzione del danno spondilitico (un utilizzo non corretto che potrebbe essere ragionevolmente legato alla non indicazione/non rimborsabilità dei biologici in questo quadro clinico, fatto che si presume possa condurre diversi reumatologi intervistati ad allungare il percorso terapeutico del paziente, posticipando l introduzione del farmaco biologico). 8

9 Figura 8 Base: 120 pazienti con Spondilite Assiale senza evidenza radiografica, casistica raccolta mediante scheda paziente Come mostrato nel grafico riportato in figura 8, tutti i pazienti risultano avere una terapia impostata, più dell 80% arriva alla seconda linea. La pratica clinica rispecchia le raccomandazioni internazionali: il FANS in monoterapia si conferma essere, generalmente, la prima terapia impostata, così come il biologico è la seconda. E da osservare che vi è comunque un 20% di rispondenti che dichiara un impiego in prima linea del biologico: possiamo ipotizzare che si tratti di pazienti in cui era già stato impostato un approccio terapeutico con FANS in precedenza da altri specialisti ed in cui il reumatologo ha, per tale ragione, deciso di saltare lo step iniziale dell antinfiammatorio. La durata media della prima terapia con FANS è di circa 7 mesi: un dato che non rispecchia le raccomandazioni internazionali (le quali suggeriscono di introdurre prima il biologico), ma che può essere ragionevolmente interpretato, come già sottolineato nelle pagine precedenti, alla luce della attuale situazione italiana dei farmaci biologici nella Spondilite Assiale senza evidenza radiografica. Infatti, si può ipotizzare che, di fronte alla non indicazione e/o rimborsabilità dei biologici in questo quadro clinico, molti reumatologi tendano a mantenere il paziente in terapia con FANS il più a lungo possibile, rallentando, quindi, l inserimento del farmaco biologico. Con elevata probabilità, qualora ci fossero indicazione di utilizzo e rimborsabilità della classe, tale durata media si ridurrebbe. 9

10 6. Focus sull approccio farmacologico con biologico Figura 9 Base: 60 reumatologi /centri (2.594 pazienti AxSpA) Dalla survey condotta emerge che circa un terzo dei pazienti con Spondilite Assiale senza evidenza radiografica attualmente in carico ai reumatologi intervistati risulta in trattamento con farmaco biologico: tale dato (34%) non è particolarmente elevato, ma può essere letto comunque positivamente se si considera la situazione, già più volte evidenziata, del biologico oggi in Italia (non indicazione e/o non rimborsabilità nel quadro clinico in esame). Da un ascolto più qualitativo dei reumatologi coinvolti nella survey, si evidenzia, inoltre, che la classe dei biologici ha rappresentato un importante cambiamento nel trattamento sia della Spondilite Anchilosante che della Spondilite Assiale senza evidenza radiografica: ha consentito nel primo caso il contenimento/blocco e nel secondo caso la prevenzione del danno articolare, associando inoltre una tendenziale buona tollerabilità (terapia continuativa, non proponibile con FANS). Tuttavia possono restare, in alcuni casi, ancora timori legati alla safety nel lungo periodo (tumori, TBC). Come mostrato nel grafico riportato in figura 10, i farmaci biologici tendono ad essere utilizzati in monoterapia (79% del totale trattamenti), tranne nel caso in cui siano la prima terapia impostata: infatti, l 81% dei pazienti in trattamento con biologico come prima terapia risulta assumere in associazione anche FANS (nell 85% dei casi) o corticosteroidi (nel 10% dei casi) o metotrexato (nel 5% dei casi). Figura 10 Base: 99 pazienti con Spondilite Assiale non radiografica a cui è stato somministrato un biologico, casistica raccolta mediante scheda paziente 10

11 Figura 11 Base: 60 reumatologi /centri (2.594 pazienti AxSpA) Relativamente ai tempi di trattamento, come evidenziato in figura 11, mediamente un paziente rimane in terapia con un farmaco non biologico per circa 6 mesi prima di passare al biologico. Una volta impostata la terapia con un farmaco biologico, il primo incontro con il paziente per verificare la risposta al trattamento viene effettuato mediamente dopo 3 mesi dall inizio della terapia. Il follow up prosegue, poi, in media ogni 3 mesi (tempistica che coincide con il piano terapeutico di consegna del farmaco) e ad ogni visita vengono fatti ripetere, generalmente, gli esami ematici per il controllo degli indici di flogosi (PCR e VES) e del Performance Status del paziente. La Risonanza Magnetica ed altri esami on demand (es. ecografia addominale, radiografia toracica, urinocoltura, etc.) possono essere richiesti mediamente ogni mesi. In caso di non risposta o perdita di risposta ad una terapia con biologico, i reumatologi intervistati dichiarano di aspettare in media 6 mesi prima di effettuare uno switch ad altro biologico. Figura 12 Base: 60 reumatologi /centri (2.594 pazienti AxSpA) 11

12 Come mostrato nel grafico riportato in figura 12, attualmente il biologico maggiormente utilizzato risulta essere Humira (44% dei rispondenti), seguito da Enbrel (28%). Figura 13 Base: 99 pazienti con Spondilite Assiale non radiografica a cui è stato somministrato un biologico, casistica raccolta mediante scheda paziente La preferenza terapeutica dichiarata si rispecchia anche nella pratica clinica (come mostrato nel grafico riportato in figura 13): il biologico di prima scelta è, in più della metà dei casi, Humira, mentre Enbrel e Simponi giocano un ruolo più importante nello switch. Con elevata probabilità, nella scelta di passare ad Enbrel può pesare la logica del cambio di meccanismo d azione -recettore vs monoclonale-, mentre per Simponi potrebbe giocare a favore la percezione, derivata dall Artrite Reumatoide, di maggiore efficacia nello switch piuttosto che come primo biologico utilizzato. Relativamente allo switch, si può inoltre osservare che dalla survey risulta che il 18% dei pazienti con Spondilite Assiale senza evidenza radiografica in trattamento con biologico è passato ad un secondo biologico, il 3% è passato anche ad un terzo biologico. Figura 14 Base: 99 pazienti con Spondilite Assiale non radiografica a cui è stato somministrato un biologico, casistica raccolta mediante scheda paziente 12

13 Infine, come dimostra il grafico in figura 14: l efficacia risulta essere la principale motivazione di scelta per Humira (56%), un efficacia sia sulla componente assiale che sulle forme extra-articolari ed extra-assiali: avendo molteplici indicazioni, garantirebbe, nel dichiarato, una copertura anche delle patologie potenzialmente associabili alla Spondilite Assiale, come psoriasi, colite ulcerosa, morbo di Crohn, uveite, dattilite, etc.. Da evidenziare, inoltre, il fatto che, ad oggi, Humira è l unico biologico ad avere l indicazione specifica nella Spondilite Assiale senza evidenza radiografica (ma non la rimborsabilità) la tollerabilità gioca, invece, un ruolo importante nella scelta di Enbrel. Nonostante alcuni non lo considerino un trattamento specifico per la Spondilite Assiale senza evidenza radiografica a causa della sua dichiarata minore efficacia sulle forme extra-articolari (morbo di Crohn, colite ulcerosa, uveite, etc.), per diversi reumatologi intervistati questo biologico garantirebbe, invece, un buon rapporto efficacia-safety in quanto recettore la scelta di Remicade è guidata principalmente dalla rapidità d azione, che lo rende, attualmente, un farmaco riservato in tendenza alle forme di malattia più aggressive (es. Risonanza Magnetica molto attiva con forte infiammazione). La formulazione endovena, generalmente considerata un punto debole del prodotto sia a causa della scomodità per il paziente (somministrazione ospedaliera del farmaco) che a causa delle difficoltà gestionali per la struttura ospedaliera (personale dedicato, poltrone per l infusione, ), può diventare un driver di scelta importante di fronte a pazienti poco complianti in quanto ne garantisce il monitoraggio più stretto rispetto al sottocute che il paziente può somministrarsi in autonomia la scelta di Simponi, il biologico meno citato nello studio (10% dei reumatologi rispondenti), risulta essere principalmente guidata da efficacia e modalità di somministrazione: un efficacia di classe e tendenzialmente più valorizzata nello switch (cfr. grafico in figura 12), associata ad una modalità di somministrazione estremamente comoda per il paziente (sottocute mensile). Gioca, con elevata probabilità, a suo sfavore il fatto di essere l ultimo arrivato nel mercato degli anti-tnfα per quest area terapeutica. Referenti della survey: Daniela Parola e Melania Gabrieli 13

FARMACI BIOLOGICI IN REUMATOLOGIA. Dr. Ennio G. Favalli

FARMACI BIOLOGICI IN REUMATOLOGIA. Dr. Ennio G. Favalli FARMACI BIOLOGICI IN REUMATOLOGIA Dr. Ennio G. Favalli Dipartimento e Cattedra di Reumatologia Istituto Ortopedico G. Pini Milano Da ormai oltre 6 anni hanno fatto la loro comparsa nel panorama della reumatologia

Dettagli

Istituto Ortopedico Rizzoli Via G.C. Pupilli 1-40136 Bologna

Istituto Ortopedico Rizzoli Via G.C. Pupilli 1-40136 Bologna Struttura Semplice di Reumatologia Prof. R. Meliconi Struttura Semplice Dipartimentale di Ecografia - Dr. S. Galletti Struttura Complessa Laboratorio di Immunoreumatologia e Rigenerazione Tissutale - Prof.

Dettagli

24/10/2011. U.O. Reumatologia ASL-3 Genovese Ospedale La Colletta - Arenzano (GE)

24/10/2011. U.O. Reumatologia ASL-3 Genovese Ospedale La Colletta - Arenzano (GE) Il dolore come sintomo-guida nelle Spondiloartriti all esordio A. Locaputo U.O. Reumatologia ASL-3 Genovese Ospedale La Colletta - Arenzano (GE) 1 : laboratorio Assenza del fattore reumatoide Frequente

Dettagli

NUOVI ORIZZONTI IN REUMATOLOGIA

NUOVI ORIZZONTI IN REUMATOLOGIA Educazione Continua in Medicina Jesi (ANCONA), 9 ottobre 2009 NUOVI ORIZZONTI IN REUMATOLOGIA La diffusione della cultura della lotta alle malattie reumatiche e la garanzia della continuità assistenziale

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it Corso nursing Ortopedico Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide DEFINIZIONE MALATTIA INFIAMMATORIA SU BASE IMMUNITARIA DEL TESSUTO CONNETTIVO,ESSENZIALMENTE POLIARTICOLARE AD EVOLUZIONE

Dettagli

Protocollo Medico SPONDILOARTRITI SIERONEGATIVE

Protocollo Medico SPONDILOARTRITI SIERONEGATIVE Pagina 1 di 5 INDICE 1.0 SCOPO... 2 2.0 GENERALITA... 2 3.0 RESPONSABILITA... 2 4.0 PROCEDURA... 2 4.1 GENERALITA... 2 4.1 ITER DIAGNOSTICO... 2 4.2 ITER TERAPEUTICO... 2 4.3 ITER TERAPEUTICO... 3 4.3

Dettagli

STRUTTURA DEL PROGETTO

STRUTTURA DEL PROGETTO BACKGROUND La definizione di artrite reumatoide è spesso imprecisa soprattutto nelle fasi iniziali di malattia, ma tale termine è sovente utilizzato per descrivere una poliartrite simmetrica ed erosiva

Dettagli

SERVIZIO DI REUMATOLOGIA

SERVIZIO DI REUMATOLOGIA SERVIZIO DI REUMATOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA I REUMATISMI COME PREVENIRLI E CURARLI Le malattie reumatiche, denominate con varie terminologie (reumatismi,

Dettagli

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA )

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA ) Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA T. Mandarino (MMG ASL RMA ) La Malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer è la forma più frequente

Dettagli

LE SPONDILOARTRITI MALATTIE REUMATICHE INFIAMMATORIE CRONICHE

LE SPONDILOARTRITI MALATTIE REUMATICHE INFIAMMATORIE CRONICHE LE SPONDILOARTRITI MALATTIE REUMATICHE INFIAMMATORIE CRONICHE CHE COLPISCONO: LA COLONNA VERTEBRALE, LE ARTICOLAZIONI PERIFERICHE, I TENDINI E I LIGAMENTI CON TENDENZA ALL ANCHILOSI, EROSIONE E DISTRUZIONE

Dettagli

Artrite Idiopatica Giovanile

Artrite Idiopatica Giovanile www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Artrite Idiopatica Giovanile Versione 2016 2. DIVERSI TIPI DI AIG 2.1 Esistono diversi tipi di questa malattia? Esistono diverse forme di AIG. Si distinguono

Dettagli

Malattie autoimmuni e artrite reumatoide. Diagnosi precoce e nuove alternative terapeutiche efficaci a beneficio dei pazienti

Malattie autoimmuni e artrite reumatoide. Diagnosi precoce e nuove alternative terapeutiche efficaci a beneficio dei pazienti Backgrounder Basilea, 6 novembre 2006 Malattie autoimmuni e artrite reumatoide Diagnosi precoce e nuove alternative terapeutiche efficaci a beneficio dei pazienti Oltre 60 diverse malattie autoimmuni che

Dettagli

MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA

MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA Di cosa parleremo? Potrò concepire e avere figli come tutte le altre persone? Influenza della gravidanza sul decorso della malattia e influenza

Dettagli

Una ricerca sulla Menopausa Precoce

Una ricerca sulla Menopausa Precoce Una ricerca sulla Menopausa Precoce PREMESSA Le D.sse Ann Bises (psicoterapeuta) e Giovanna Testa (ginecologa specialista in endocrinologia ginecologica) del sito www.menopausaprecoce.it e l Associazione

Dettagli

LE SPONDILOARTRITI. Prof. Ennio Lubrano, Università degli Studi del Molise DEFINIZIONE

LE SPONDILOARTRITI. Prof. Ennio Lubrano, Università degli Studi del Molise DEFINIZIONE LE SPONDILOARTRITI Prof. Ennio Lubrano, Università degli Studi del Molise DEFINIZIONE Le spondiloartriti (SpA) sono un gruppo di malattie infiammatorie croniche caratterizzate dalla presenza di infiammazione

Dettagli

Medici a laboratori clinici: quale rapporto e livello di comunicazione?

Medici a laboratori clinici: quale rapporto e livello di comunicazione? RILEVAZIONI Medici a laboratori clinici: quale rapporto e livello di comunicazione? I risultati da un indagine condotta in Puglia su un campione di medici di base Francesca Di Serio * I dati raccolti negli

Dettagli

STUDIO RAPSODIA La Qualità di Vita e i bisogni dei pazienti con Artrite Reumatoide, Artrite Psoriasica e SpOnDIlite Anchilosante STUDIO RAPSODIA

STUDIO RAPSODIA La Qualità di Vita e i bisogni dei pazienti con Artrite Reumatoide, Artrite Psoriasica e SpOnDIlite Anchilosante STUDIO RAPSODIA La Qualità di Vita e i bisogni dei pazienti con Artrite Reumatoide, Artrite Psoriasica e SpOnDIlite Anchilosante 1. Numero dei pazienti e dei Centri partecipanti allo studio RAPSODIA 16 CENTRI 743 PAZIENTI

Dettagli

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli

COSA SIGNIFICA: MALATTIA AUTOIMMUNE SISTEMICA? MALATTIA REUMATICA INFIAMMATORIA CRONICA?

COSA SIGNIFICA: MALATTIA AUTOIMMUNE SISTEMICA? MALATTIA REUMATICA INFIAMMATORIA CRONICA? COSA SIGNIFICA: MALATTIA AUTOIMMUNE SISTEMICA? MALATTIA REUMATICA INFIAMMATORIA CRONICA? 1 COSA SIGNIFICA MALATTIA AUTOIMMUNE SISTEMICA? Le patologie autoimmuni sistemiche rappresentano condizioni poco

Dettagli

36100 Vicenza Via Capparozzo, 10 Tel. 0444 219200 Fax 0444 506301 www.villaberica.it

36100 Vicenza Via Capparozzo, 10 Tel. 0444 219200 Fax 0444 506301 www.villaberica.it IL RICOVERO IN CASA DI CURA DIECI SUGGERIMENTI PER UNA MAGGIOR SICUREZZA DELLA CURA tratte ed adattate da: Guida per i cittadini è la mia salute e io ci sono e Guida per i familiari prendersi cura insieme

Dettagli

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo Quesito 1 In linea generale ritieni positiva la tendenza di molti paesi europei a cercare di proteggere alcuni settori ritenuti strategici per

Dettagli

Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno

Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno CISALPINA TOURS CISALPINA RESEARCH Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno Cisalpina Research, il nuovo centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità

Dettagli

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI PROTOCOLLO INFERMIERISTICO-TECNICO P.I.T. 1F N 02 GESTIONE DEL PAZIENTE EMOFILICO PREMESSA I pazienti con emofilia

Dettagli

Il termine connettiviti indica un gruppo di malattie reumatiche, caratterizzate dall infiammazione cronica del tessuto connettivo, ossia di quel

Il termine connettiviti indica un gruppo di malattie reumatiche, caratterizzate dall infiammazione cronica del tessuto connettivo, ossia di quel Il termine connettiviti indica un gruppo di malattie reumatiche, caratterizzate dall infiammazione cronica del tessuto connettivo, ossia di quel complesso tessuto con funzione di riempimento, sostegno

Dettagli

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL.

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. CHE COS È FASE 1 SRL? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

Raccomandazione per per la la prevenzione dell osteonecrosi della della mascella/mandibola da da bifosfonati in in ambito ambito oncologico

Raccomandazione per per la la prevenzione dell osteonecrosi della della mascella/mandibola da da bifosfonati in in ambito ambito oncologico Raccomandazione 0, 0, Marzo Marzo 008. 008. Raccomandazione per per la la prevenzione dell osteonecrosi della della. Committenza della Direzione Aziendale/Zonale per la prevenzione della osteonecrosi da

Dettagli

Le proponiamo un appuntamento per il giorno alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via , Roma

Le proponiamo un appuntamento per il giorno <gg/mm/aaa> alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via <indirizzo>, Roma La Regione Lazio e la ASL Roma XY La invitano a partecipare ad un programma di prevenzione del tumore del collo dell utero rivolto alle donne di età compresa fra i 25 e 64 anni. Il programma ha lo scopo

Dettagli

La job-description del medico generale Malattie osteoarticolari

La job-description del medico generale Malattie osteoarticolari Rivista SIMG (www.simg.it) Numero 3, 2000 La job-description del medico generale Malattie osteoarticolari Simg - Area progettuale Ortopedico-reumatologica, Resp. Stefano Giovannoni La definizione dei settori

Dettagli

Questionario del progetto SHARE per i genitori

Questionario del progetto SHARE per i genitori Questionario del progetto SHARE per i genitori Informazioni personali del paziente e diagnosi Paese di nascita: Sesso: (Maschio) (Femmina) Età: Età alla diagnosi: Persona che compila il questionario: Madre

Dettagli

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Malattia di Behçet Versione 2016 2. DIAGNOSI E TERAPIA 2.1 Come viene diagnosticata? La diagnosi è principalmente clinica. Spesso sono necessari alcuni anni

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO. S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta

IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO. S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta LA RADIOTERAPIA E un metodo di cura conosciuto da più di 100 anni che prevede l utilizzo di radiazioni

Dettagli

LE BIOTECNOLOGIE APPLICATE ALLA RICERCA FARMACEUTICA LE CONOSCENZE E GLI ORIENTAMENTI DEGLI ITALIANI E DEI GIOVANI

LE BIOTECNOLOGIE APPLICATE ALLA RICERCA FARMACEUTICA LE CONOSCENZE E GLI ORIENTAMENTI DEGLI ITALIANI E DEI GIOVANI GfK Group e gli orientamenti degli italiani e dei giovani LE BIOTECNOLOGIE APPLICATE ALLA RICERCA FARMACEUTICA LE CONOSCENZE E GLI ORIENTAMENTI DEGLI ITALIANI E DEI GIOVANI Roma, Isabella Cecchini Direttore

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

Artriti della spalla. Capsulite adesiva. Lesioni della cuffia dei rotatori. Instabilità e lussazione articolare

Artriti della spalla. Capsulite adesiva. Lesioni della cuffia dei rotatori. Instabilità e lussazione articolare Schede informative per il paziente Artriti della spalla Capsulite adesiva Lesioni della cuffia dei rotatori Instabilità e lussazione articolare Vi sono tre articolazioni nella spalla: la clavicola con

Dettagli

Indagine conoscitiva DONNE E OMEOPATIA

Indagine conoscitiva DONNE E OMEOPATIA Indagine conoscitiva DONNE E OMEOPATIA Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa Milano, 29 ottobre 2013 A cura di Metodologia e campione di ricerca Campione: Sono state intervistate 1.000

Dettagli

spondilite anchilosante

spondilite anchilosante onlus Con il patrocinio e il sostegno economico di Emilia Romagna spondilite anchilosante Codice di Esenzione per patologia SPONDILITE ANCHILOSANTE: Cod. n. 054 Grande importanza è farsi riconoscere il

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA REPORT RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE DI CAGLIARI e pertinenze (CARBONIA) ANNO 2013 RISULTATI FINALI DEL QUESTIONARIO SULLA SODDISFAZIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA I ANNO Corso Integrato area pre-clinica Tipologia: attività formative di base Ore: 40/0/0/0

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI:

DIVENTARE GENITORI OGGI: In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: ASPETTI MEDICO-SANITARI Sintesi della ricerca Roma, 2 aprile 2015 Che il nostro Paese viva un problema di scarsa natalità è un opinione che la grande parte

Dettagli

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE Esperienza e vissuto dei medici italiani Sintesi dei principali risultati Ottobre 2014 Eures Ricerche Economiche e Sociali IPASVI METODOLOGIA Indagine

Dettagli

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012 Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione Ricerca quantitativa settembre 2012 Questa ricerca COMMISSIONATA AD ASTRARICERCHE DA LILT NEL SETTEMBRE 2012 REALIZZATA TRA L'11 E

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

Appropriatezza p della richiesta radiologica: LA CAVIGLIA Dr. Roberto Meco Dr.Cavagna,Dr.Madia,Dr.Muratore Dipartimento di Radiologia Ospedale Infermi Rimini PATOLOGIA TRAUMATICA Sospetta frattura Radiografia

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con Chi si difende da chi? E perché? I dati della prima ricerca nazionale sulla Medicina Difensiva Roma, 23 novembre 2010 Senato della Repubblica, Sala Capitolare in collaborazione con Chi si difende da chi?

Dettagli

Le Spondiloartriti dalla diagnosi alla terapia con farmaci biotecnologici : nuove acquisizioni.

Le Spondiloartriti dalla diagnosi alla terapia con farmaci biotecnologici : nuove acquisizioni. Le Spondiloartriti dalla diagnosi alla terapia con farmaci biotecnologici : nuove acquisizioni. Napoli 4/7/2013 Hotel Leonessa Volla 13,30 Registrazione dei partecipanti 14,00 Introduzione al corso Citeri

Dettagli

SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO. Impatto sulla Medicina Generale

SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO. Impatto sulla Medicina Generale SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO Impatto sulla Medicina Generale SCOPI DEGLI SCREENING ONCOLOGICI Uno screening è un esame sistematico della popolazione per individuare le persone affette da una

Dettagli

L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita

L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita Focus su... artrosi L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita 2 FACCIAMO UN PO DI CHIAREZZA Artrosi (o osteoartrosi) e artrite sono termini spesso considerati sinonimi, ma in realtà

Dettagli

Modulo 4 LA GESTIONE CONDIVISA TRA SPECIALISTA E MMG DELLE SINDROMI RINO-BRONCHIALI

Modulo 4 LA GESTIONE CONDIVISA TRA SPECIALISTA E MMG DELLE SINDROMI RINO-BRONCHIALI Modulo 4 LA GESTIONE CONDIVISA TRA SPECIALISTA E MMG DELLE SINDROMI RINO-BRONCHIALI 1 Obiettivi del modulo 4 Definire i principali ostacoli che incontra il MMG nella sua attività quotidiana Spiegare le

Dettagli

Il mal di schiena nell ambito della popolazione degli operatori sanitari, indagine sugli strumenti di prevenzione ritenuti efficaci.

Il mal di schiena nell ambito della popolazione degli operatori sanitari, indagine sugli strumenti di prevenzione ritenuti efficaci. Il mal di schiena nell ambito della popolazione degli operatori sanitari, indagine sugli strumenti di prevenzione ritenuti efficaci. Giorgio Bellan Obiettivi della ricerca: Indagare lo stato dell arte

Dettagli

RETE ORIZZONTALE TRAUMATOLOGICO-REUMATOLOGICA

RETE ORIZZONTALE TRAUMATOLOGICO-REUMATOLOGICA RETE ORIZZONTALE TRAUMATOLOGICO-REUMATOLOGICA (lo schema attuale si riferisce alla rete reumatologica in quanto obiettivamente diversa da quella traumatologica) Partecipanti: Marco A Cimmino, (coordinatore)

Dettagli

RISCHIO CLINICO ED RC PROFESSIONALE. Indagine presso i Chirurghi Ospedalieri italiani

RISCHIO CLINICO ED RC PROFESSIONALE. Indagine presso i Chirurghi Ospedalieri italiani RISCHIO CLINICO ED RC PROFESSIONALE Indagine presso i Chirurghi Ospedalieri italiani Metodologia Tipologia d'indagine: Indagine ad hoc su questionario semi-strutturato Modalità di rilevazione: interviste

Dettagli

AGGIORNAMENTO IN REUMATOLOGIA: diagnosi precoce, comorbidità,terapia biotecnologica nell'artrite reumatoide. 12 Febbraio 2014

AGGIORNAMENTO IN REUMATOLOGIA: diagnosi precoce, comorbidità,terapia biotecnologica nell'artrite reumatoide. 12 Febbraio 2014 AGGIORNAMENTO IN REUMATOLOGIA: diagnosi precoce, comorbidità,terapia biotecnologica nell'artrite reumatoide 12 Febbraio 2014 Hotel leonessa Volla (NA) 14.30 Registrazione dei partecipanti 15.00 Introduzione

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 INDICE Premessa Le fasi del progetto di valutazione Indagine e divulgazione dei dati (Fase

Dettagli

PDTA - 04 Rev. 0 del 24/10/2013

PDTA - 04 Rev. 0 del 24/10/2013 PDTA - 04 Rev. 0 del 24/10/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 24.10.2013 Dr.ssa S. Ferrario Dr.ssa M.V. Forleo Dr.ssa E. Piazza Dr.ssa G. Saporetti Dr. E. Goggi

Dettagli

FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI

FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI L atteggiamento delle donne verso il generico visto attraverso gli occhi del farmacista Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa Milano, 16 ottobre

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO A CURA DEL Centro studi SIC Sanità in Cifre Anno 2013 Nota metodologica Metodologia: Questionario strutturato, somministrato a diverse

Dettagli

Endoscopia nell anno successivo

Endoscopia nell anno successivo COLON FOLLOW-UP 01 Endoscopia nell anno successivo DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti sottoposti a endoscopia nei 12 mesi successivi all intervento 0-20 DISTRIBUZIONE SPAZIALE 21-40 41-60 61-80

Dettagli

Spondilite Anchilosante

Spondilite Anchilosante Spondilite Anchilosante a cura del Dott. Pierluigi Macchioni UO Reumatologia Ospedale Santa Maria Nuova Reggio Emilia e del Dott. Giuseppe Paolazzi UO Reumatologia Ospedale Santa Chiara Trento Cos è? Quali

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa

Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Indagine sulla soddisfazione per i servizi sanitari dei cittadini del territorio dell ULSS 3 di Bassano del Grappa Rocco Micciolo Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università degli Studi di

Dettagli

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Rapporto di ricerca Luglio 2010 (Rif. 1215v110) Indice 2 Capitolo I - L andamento dell economia e del credito al consumo oggi pag. 3 Capitolo

Dettagli

SCELTA DELL APPROCCIO. A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento

SCELTA DELL APPROCCIO. A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento SCELTA DELL APPROCCIO A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento 1 SCELTA DELL APPROCCIO l approccio all autovalutazione diffusa può essere normale o semplificato, a seconda delle

Dettagli

DECISION MAKING. E un termine generale che si applica ad azioni che le persone svolgono quotidianamente:

DECISION MAKING. E un termine generale che si applica ad azioni che le persone svolgono quotidianamente: DECISION MAKING E un termine generale che si applica ad azioni che le persone svolgono quotidianamente: Cosa indosserò questa mattina? Dove e cosa mangerò a pranzo? Dove parcheggerò l auto? Decisioni assunte

Dettagli

IL TITOLO ANTISTREPTOLISINICO (TAS): E SEMPRE UTILE RICHIEDERLO? Dott. Giuseppe Di Mauro Dott. Lorenzo Mariniello ASL CE/2 Regione Campania

IL TITOLO ANTISTREPTOLISINICO (TAS): E SEMPRE UTILE RICHIEDERLO? Dott. Giuseppe Di Mauro Dott. Lorenzo Mariniello ASL CE/2 Regione Campania IL TITOLO ANTISTREPTOLISINICO (TAS): E SEMPRE UTILE RICHIEDERLO? Dott. Giuseppe Di Mauro Dott. Lorenzo Mariniello ASL CE/2 Regione Campania Che cos è il TAS? Il TAS rappresenta la concentrazione nel siero

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico Regionale. Il Registro del diabete tipo 1 in età pediatrica in Sardegna

Osservatorio Epidemiologico Regionale. Il Registro del diabete tipo 1 in età pediatrica in Sardegna Direzione generale della Sanità Servizio Sistema informativo, Osservatorio epidemiologico umano, controllo di qualità e gestione del rischio Osservatorio Epidemiologico Regionale Il Registro del diabete

Dettagli

Spondiloartrite Giovanile/Artrite Associata a Entesite (SPA-ERA)

Spondiloartrite Giovanile/Artrite Associata a Entesite (SPA-ERA) www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Spondiloartrite Giovanile/Artrite Associata a Entesite (SPA-ERA) Versione 2016 1. CHE COS È LA SPONDILOARTRITE GIOVANILE/ARTRITE ASSOCIATA A ENTESITE (SpA-ERA)

Dettagli

Nella ricerca, il benessere per l umanità

Nella ricerca, il benessere per l umanità Nella ricerca, il benessere per l umanità Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl?

Dettagli

La qualità delle cure. Cinzia Ortega Dipartimento di Oncologia Medica Fondazione del Piemonte per l Oncologia I.R.C.C.S. Candiolo

La qualità delle cure. Cinzia Ortega Dipartimento di Oncologia Medica Fondazione del Piemonte per l Oncologia I.R.C.C.S. Candiolo La qualità delle cure Cinzia Ortega Dipartimento di Oncologia Medica Fondazione del Piemonte per l Oncologia I.R.C.C.S. Candiolo Premessa Offerta crescente di procedure diagnostiche ed interventi terapeutici,

Dettagli

Gli studi caso. controlli. Obiettivi. Stime del rischio. Ne deriva la Tabella 2x2

Gli studi caso. controlli. Obiettivi. Stime del rischio. Ne deriva la Tabella 2x2 Gli studi caso controllo Obiettivi Negli ultimi decenni questo modello di indagine è stato applicato soprattutto per lo studio delle malattie cronicodegenerative (le più frequenti cause di morte in tutti

Dettagli

A.P.MA.R. - SEZIONE ABRUZZO

A.P.MA.R. - SEZIONE ABRUZZO A.P.MA.R. - SEZIONE ABRUZZO RASSEGNA STAMPA Aggiornamento: 15 aprile 2013 Rassegna stampa APMAR ABRUZZO Testata Titolo Data Giornalista Quotidiani online Primadanoi.it L impronta Malattie reumatiche: nasce

Dettagli

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra 1 Caro collega, La invitiamo a rispondere alle domande del presente questionario sulla gestione dei Disturbi

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Informazioni generali Le lezioni teorico pratiche sono distribuite in 4 incontri l anno, a partire da Gennaio 2016, e organizzate come segue: 21-24 Gennaio 2016-1 MODULO - Fisiologia e fisiopatologia del

Dettagli

Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA. Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO COMPULSIVO. Prof.ssa Lorettu

Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA. Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO COMPULSIVO. Prof.ssa Lorettu Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO OSSESSIVO- COMPULSIVO Prof.ssa Lorettu DISTURBO OSSESSIVO-COMPULSIVO Caratteristica essenziale di questo disturbo

Dettagli

BIOLOGICI NELLE MALATTIE REUMATICHE

BIOLOGICI NELLE MALATTIE REUMATICHE BIOLOGICI NELLE MALATTIE REUMATICHE Chiara Grava UO di Medicina-O.C. di Belluno Belluno, 25 maggio 2013 ARTRITE REUMATOIDE BIOLOGICI: ASPETTI POSITIVI Rapidità di azione Efficacia nel ridurre i segni/sintomi

Dettagli

Cosa è il cancro colorettale

Cosa è il cancro colorettale Cosa è il cancro colorettale La maggioranza dei cancri colorettali si sviluppa da un ingrossamento non-maligno nel grosso intestino conosciuta come adenoma. Nelle prime fasi, gli adenomi assomigliano a

Dettagli

Processi e strumenti di valutazione

Processi e strumenti di valutazione Processi e strumenti di valutazione Outcome,, Verona 19 dicembre 2006 Augusto Consoli Dipartimento Patologia delle Dipendenze Asl 4 di Torino Alcuni interrogativi sulla valutazione nei servizi Si valuta

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

L aiki shiatsu nella terapia delle patologie della tiroide di Fiorella Panni

L aiki shiatsu nella terapia delle patologie della tiroide di Fiorella Panni L aiki shiatsu nella terapia delle patologie della tiroide di Fiorella Panni ABSTRACT Lo studio si è svolto su otto pazienti di sesso femminile. Le diagnosi in medicina istituzionale hanno evidenziato

Dettagli

Iniziativa ACCENDI LA SALUTE

Iniziativa ACCENDI LA SALUTE Iniziativa ACCENDI LA SALUTE Relazione conclusiva AZIENDA SANITARIA LOCALE NO - NOVARA in collaborazione con SEZIONE PR OVINCIALE DI NOVARA ONLUS L ASL NO, in quanto parte del SSN, ha tra i propri compiti

Dettagli

L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa. Dott. Mario Berardi SIMG Perugia

L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa. Dott. Mario Berardi SIMG Perugia L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa Dott. Mario Berardi SIMG Perugia OBIETTIVI E INDICATORI Analisi del processo assistenziale al paziente

Dettagli

PRESCRIZIONE FARMACI BIOLOGICI REGIONE del VENETO Psoriasi a Placche. Cognome:..Nome:.. Codice Fiscale Sesso: M F

PRESCRIZIONE FARMACI BIOLOGICI REGIONE del VENETO Psoriasi a Placche. Cognome:..Nome:.. Codice Fiscale Sesso: M F Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA Viale F. Rodolfi n. 37 36100 VICENZA COD. REGIONE 050 COD. U.L.SS. 006 COD.FISC. E P.IVA 02441500242 PRESCRIZIONE FARMACI BIOLOGICI

Dettagli

SPONDILITE ANCHILOSANTE E FISIOTERAPIA : QUALI EVIDENZE SCIENTIFICHE? www.fisiokinesiterapia.biz

SPONDILITE ANCHILOSANTE E FISIOTERAPIA : QUALI EVIDENZE SCIENTIFICHE? www.fisiokinesiterapia.biz SPONDILITE ANCHILOSANTE E FISIOTERAPIA : QUALI EVIDENZE SCIENTIFICHE? www.fisiokinesiterapia.biz E un reumatismo infiammatorio cronico che coinvolge articolazioni e legamenti dello scheletro assiale. Interessate

Dettagli

Accesso ai farmaci innovativi e controllo della spesa a livello regionale

Accesso ai farmaci innovativi e controllo della spesa a livello regionale FARMACI INNOVATIVI Qualità efficacia appropriatezza 9 ottobre 2009 Camera dei Deputati Palazzo Marini (Roma) Accesso ai farmaci innovativi e controllo della spesa a livello regionale Stefania Melena Direzione

Dettagli

Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia

Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia Contributo non condizionato: Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia Giovedì 5 marzo 2015 presso HOTEL EUROPA Best Western Lungomare Zara, 57, 64021 Giulianova TE L incontro inizierà alle 20.30.

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O.

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA

Dettagli

CENTRO MEDICO SANTAGOSTINO. Scopri un nuovo modo di stare bene

CENTRO MEDICO SANTAGOSTINO. Scopri un nuovo modo di stare bene CENTRO MEDICO SANTAGOSTINO Scopri un nuovo modo di stare bene Piazza Sant Agostino 1-20123 Milano www.cmsantagostino.it Pag. 1 di 7 INDICE 1. LA MISSION pag. 3 2. IL TARGET pag. 3 3. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 STUDIO Q QUALITÀ TOTALE SRL organizzazione formazione marketing INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE 3 2 METODOLOGIA 4 3 IL TARGET E IL CAMPIONE D

Dettagli

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue GastroPanel Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue Un test affidabile e di facile esecuzione che fornisce una serie di importanti indicazioni Segnala la

Dettagli

2010 2013 PATOLOGIA DEL FILUM TERMINALE ESPERIENZE E PROSPETTIVE. Centro Medico Mantia Presidio Ambulatoriale di Recupero e Riabilitazione Funzionale

2010 2013 PATOLOGIA DEL FILUM TERMINALE ESPERIENZE E PROSPETTIVE. Centro Medico Mantia Presidio Ambulatoriale di Recupero e Riabilitazione Funzionale 2010 2013 PATOLOGIA DEL FILUM TERMINALE ESPERIENZE E PROSPETTIVE Centro Medico Mantia Presidio Ambulatoriale di Recupero e Riabilitazione Funzionale www.centromedicomantia.it DIPARTIMENTO STUDI. Il Dipartimento

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

igiene Scienza della salute che si propone il compito di promuovere, conservare e potenziare lo stato di salute di una comunità

igiene Scienza della salute che si propone il compito di promuovere, conservare e potenziare lo stato di salute di una comunità igiene Scienza della salute che si propone il compito di promuovere, conservare e potenziare lo stato di salute di una comunità salute Art. 32 della Costituzione Italiana: la Repubblica tutela la salute

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

ETANERCEPT (ALLARGAMENTI INDICAZIONI) (25-01-2005)

ETANERCEPT (ALLARGAMENTI INDICAZIONI) (25-01-2005) ETANERCEPT (ALLARGAMENTI INDICAZIONI) (25-01-2005) Specialità: Enbrel (Wieth Lederle) Forma farmaceutica: sc 4 fl 25 mg + 4 sir Prezzo: euro 805.08 sc 4 fl 50 mg + 4 sir Prezzo: euro 1610.15 Prezzi da

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

Diagnosi precoce delle neoplasie della mammella in provincia di Ravenna I dati del sistema di sorveglianza PASSI Anni 2007-2010

Diagnosi precoce delle neoplasie della mammella in provincia di Ravenna I dati del sistema di sorveglianza PASSI Anni 2007-2010 Dipartimento di Sanità Pubblica Direttore: Dr. Paolo Ghinassi Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Diagnosi precoce delle neoplasie della mammella in provincia di Ravenna I dati del

Dettagli

Desensibilizzazione. o Immunoterapia Allergene specifica

Desensibilizzazione. o Immunoterapia Allergene specifica La Desensibilizzazione o Immunoterapia Allergene specifica Le allergie interessano il 25% della popolazione italiana e raggiungeranno 1 persona su 2 entro il 2010 La ragione di questo aumento è in parte

Dettagli