ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI. PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE a.s.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI. PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE a.s."

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI Docente Maurizio Cannuccia PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE a.s OBIETTIVI DI E SPECIFICI (CONOSCENZE E ABILITA ) GRADUATI PER DI LIVELLO CLASSE PRIMA CONOSCENZA DEI MOVIMENTI SEMPLICI CONOSCENZA DI SMB E AMG CONOSCENZA DELLO SPAZIO ORIENTATO IL MOVIMENTO DEL CORPO E LE SUE RELAZIONI CON LO SPAZIO E CON IL TEMPO Riconosce con difficoltà alcuni elementi dei movimenti semplici proposti. Riconosce gli elementi spazio temporali dei movimenti semplici proposti. Riconosce autonomamente gli elementi spazio temporali degli elementi semplici proposti Riconosce con difficoltà alcuni elementi di SMB e AMG proposte Riconosce gli elementi spazio temporali di SMB e AMG proposte Riconosce autonomamente gli elementi spazio temporali di SMB e AMG proposte Riconosce con difficoltà i principi base dello spazio orientato Riconosce i principi base dello spazio orientato Riconosce con sicurezza i principi base dello spazio orientato

2 CONTROLLO DEI MOVIMENTI SEMPLICI CONTROLLO DI SMB E AMG CONTROLLO DELLO SPAZIO ORIENTATO Esegue globalmente i movimenti semplici proposti Applica in modo consapevole gli elementi spazio temporali nei movimenti semplici proposti Applica con sicurezza gli elementi spazio temporali nei movimenti semplici proposti Esegue globalmente gli SMB e le AMG proposte Applica in modo consapevole gli elementi spazio temporali negli SMB e nelle AMG proposte Applica con sicurezza gli elementi spazio temporali negli SMB e nelle AMG proposte Esegue globalmente il movimento nello spazio orientato Applica in modo consapevole i principi base dello spazio orientato Controlla con sicurezza i principi base dello spazio orientato CONOSCENZA DEL CONTROLLO RESPIRATORIO- CARDIO CIRCOLATORIO- MECCANISMO DI CONTRAZIONE E RILASSAMENTO CONOSCENZA DELLE CARATTERISTICHE DEL SISTEMA SENSO PERCETTIVE MOTORIO CONTROLLO DI MOVIMENTI DI DURATA A RITMO COSTANTE IL CORPO E LE SUE FUNZIONI SENSO PERCETTIVE IN RELAZIONE AD UNO STATO DI SALUETE E BENESSERE Se guidato, riconosce le caratteristiche del controllo R/CC Riconosce sufficientemente le caratteristiche del controllo R/CC Riconosce autonomamente le caratteristiche del controllo R/CC Se guidato, sa riconoscere i canali propriocettivi-esterocettivi Riconosce sufficientemente i canali propriocettivi-esterocettivi Riconosce autonomamente i canali propriocettivi-esterocettivi Se guidato, esegue movimenti di durata a ritmo costante Sa eseguire movimenti di durata a ritmo costante Sa eseguire con sicurezza movimenti di durata a ritmo costante

3 RIPRODUZIONE DI MOVIMENTI DI F.G. E DI M.A. Sa riprodurre su imitazione movimenti di F.G. e M.A. Sa riprodurre movimenti di F.G. e M.A. Sa riprodurre autonomamente movimenti di F.G. e M.A. CONOSCENZA DEGLI ORIENTAMENTI, DI CLIMA, INTENSITA E INDICAZIONI PER DI SCHEMI MOTORI CONOSCENZA DI RUOLI, CBI, CMS, DI I LIVELLO DI PRV, PC, PM CONTROLLO DEGLI ORIENTAMENTI, DI CLIMA, INTENSITA E INDICAZIONI PER DI SM CONTROLLO DEI DESCRITTORI DI RUOLI, CBI, CMS IN PRV, PC, PM METODO DI LAVORO Conosce parzialmente gli orientamenti di clima, intensità e indicazioni per apprendimento di SM Conosce globalmente gli orientamenti di clima, intensità e indicazioni per apprendimento di SM Conosce con sicurezza gli orientamenti di clima, intensità e indicazioni per apprendimento di SM Conosce parzialmente i ruoli, CBI, CMS, di primo livello, di PRV, PC, PM Conosce globalmente i ruoli, CBI, CMS, di primo livello, di PRV, PC, PM Conosce con chiarezza i ruoli, CBI, CMS, di primo livello, di PRV, PC, PM Usa se guidato gli orientamenti di clima, intensità e indicazioni per apprendimento di SM Applica gli orientamenti di clima, intensità e indicazioni per apprendimento di SM Applica consapevolmente gli orientamenti di clima, intensità e indicazioni per apprendimento di SM Usa, se guidato, i descrittori di ruoli, CBI, CMS in PRV, PC, PM Applica i descrittori di ruoli, CBI, CMS in PRV, PC, PM Applica consapevolmente i descrittori di ruoli, CBI, CMS in PRV, PC, PM

4 CONOSCENZA DELLE REGOLE DI ABI.TA.SQUA. NEI GIOCHI PRESPORTIVI E SPORTIVI CONOSCENZA DEI DESCRITTORI DELLE ATS DEI GIOCHI PRESPORTIVI E SPORTIVI CONOSCENZA DELLE REGOLE DI GIOCO CONTROLLO DELLE ABI.TA.SQUA NEI GIOCHI PRESPORTIVI E SPORTIVI CONTROLLO DELLE ATS NEI GIOCHI PRESPORTIVI E SPORTIVI GIOCARE, FARE SPORT: REGOLE TECNICO-TATTICHE Conosce parzialmente le ABI.TA.SQUA di primo livello dei giochi pre e Conosce globalmente le ABI.TA.SQUA di primo livello dei giochi pre e Conosce con sicurezza le ABI.TA.SQUA di primo livello dei giochi pre e Conosce parzialmente le ATS di prima fase dei giochi pre e Conosce globalmente le ATS di prima fase dei giochi pre e Conosce con chiarezza le ATS di prima fase dei giochi pre e Conosce parzialmente le regole arbitrali nei giochi pre e Conosce globalmente le regole arbitrali nei giochi pre e Conosce con chiarezza le regole arbitrali nei giochi pre e Usa, se guidato, le ABI.TA.SQUA nei giochi pre e Applica le ABI.TA.SQUA nei giochi pre e Applica consapevolmente le ABI.TA.SQUA nei giochi pre e Usa, se guidato, le ATS, nei giochi pre e Applica le ATS nei giochi pre e Applica consapevolmente le ATS nei giochi pre e Applica, se guidato, le regole di

5 CONTROLLO DELLE REGOLE DI GIOCO NELL ARBITRARE GIOCHI PRESPORTIVI E SPORTIVI gioco nell arbitrare giochi pre e Applica le regole di gioco nell arbitrare giochi pre e Applica consapevolmente le regole di gioco nell arbitrare giochi pre e CLASSE SECONDA CONOSCENZA DEI MOVIMENTI COMPLESSI CONOSCENZA DI SMB E AMG CONOSCENZA DELLO SPAZIO FUNZIONALE CONTROLLO DEI MOVIMENTI COMPLESSI IL MOVIMENTO DEL CORPO E LE SUE RELAZIONI CON LO SPAZIO E CON IL TEMPO Riconosce con difficoltà alcuni elementi dei movimenti complessi proposti Riconosce gli elementi spazio temporali dei movimenti complessi proposti Riconosce autonomamente gli elementi spazio temporali degli elementi complessi proposti Riconosce con difficoltà alcuni elementi di SMB e AMG di seconda fase proposte Riconosce gli elementi spazio temporali di SMB e AMG di seconda fase proposte Riconosce autonomamente gli elementi spazio temporali di SMB e AMG di seconda fase proposte Riconosce con difficoltà i principi base dello spazio funzionale Riconosce i principi base dello spazio funzionale Riconosce con sicurezza i principi base dello spazio funzionale Esegue globalmente i movimenti complessi proposti Applica in modo consapevole gli elementi spazio temporali nei movimenti complessi proposti Applica con sicurezza gli elementi spazio temporali nei movimenti complessi proposti Esegue globalmente gli SMB e le AMG di seconda fase proposte

6 CONTROLLO DI SMB E AMG CONTROLLO DELLO SPAZIO FUNZIONALE Applica in modo consapevole gli elementi spazio temporali negli SMB e nelle AMG di seconda fase proposte Applica con sicurezza gli elementi spazio temporali negli SMB e nelle AMG di seconda fase proposte Esegue globalmente il movimento nello spazio funzionale Applica in modo consapevole i principi base dello spazio funzionale Controlla con sicurezza i principi base dello spazio funzionale CONOSCENZA DEI MECCANISMI ENERGETICI E DELLE VARIAZIONI FISIOLOGICHE CONOSCENZA DEGLI ADATTAMENTI RESPIRATORI, CARDIOCIRCOLATORI E MUSCOLARI CONTROLLO DELLA RELAZIONE ESISTENTE TRA INTENSITA DI LAVORO E FREQUENZA RESPIRATORIA E CARDIOCIRCOLATORIA IL CORPO E LE SUE FUNZIONI SENSO PERCETTIVE IN RELAZIONE AD UNO STATO DI SALUETE E BENESSERE Se guidato, riconosce i meccanismi energetici e le variazioni fisiologiche Riconosce sufficientemente i meccanismi energetici e le variazioni fisiologiche Riconosce con sicurezza i meccanismi energetici e le variazioni fisiologiche Se guidato, sa riconoscere gli adattamenti respiratori, cardiocircolatori e muscolari Riconosce sufficientemente gli adattamenti respiratori, cardiocircolatori e muscolari Riconosce autonomamente gli adattamenti respiratori, cardiocircolatori e muscolari Se guidato, sa controllare la relazione esistente tra intensità di lavoro e frequenza respiratoria e cardiocircolatoria Controlla la relazione esistente tra intensità di lavoro e frequenza respiratoria e cardiocircolatoria Controlla con precisione la relazione esistente tra intensità di lavoro e frequenza respiratoria e cardiocircolatoria Sa costruire, se guidato, esercizi di

7 COSTRUZIONE DI ESERCIZI DI F.G., F.R. E M.A. F.G., F.R. e M.A. Sa costruire esercizi di F.G., F.R. e M.A. Sa costruire autonomamente esercizi di F.G., F.R. e M.A. CONOSCENZA DEGLI ELEMENTI DI AUTOCONTROLLO ORGANIZZATIVO ED ESECUTIVO CONOSCENZA DEGLI ORIENTAMENTI DI CBI, CMS, IN PRL, PC, PM CONOSCENZA DEGLI ORIENTAMENTI PER LA COSTRUZIONE DI ESERCIZI GINNICI NELLA PMQ UTILIZZO DEGLI ELEMENTI DI AUTOCONTROLLO ORGANIZZATIVO ED ESECUTIVO COSTRUZIONE DI SCHEDE DI METODO DI LAVORO Conosce parzialmente gli elementi di autocontrollo organizzativo ed esecutivo Conosce sufficientemente gli elementi di autocontrollo organizzativo ed esecutivo Conosce con chiarezza gli elementi di autocontrollo organizzativo ed esecutivo Conosce parzialmente CBI, CMS, di secondo livello, di PRL, PC, PM Conosce globalmente i ruoli, CBI, CMS, di secondo livello, di PRL, PC, PM Conosce con chiarezza i ruoli, CBI, CMS, di secondo livello, di PRL, PC, PM Conosce parzialmente gli orientamenti per la costruzione di esercizi ginnici nella PMQ Conosce sufficientemente gli orientamenti per la costruzione di esercizi ginnici nella PMQ Conosce con chiarezza gli orientamenti per la costruzione di esercizi ginnici nella PMQ Usa, se guidato, gli elementi di autocontrollo organizzativo ed esecutivo Applica gli elementi di autocontrollo organizzativo ed esecutivo Applica consapevolmente gli elementi di autocontrollo organizzativo ed esecutivo Sa costruire, se guidato, schede di lavoro per sviluppare le capacità

8 LAVORO PER SVILUPPARE LE CAPACITA CONDIZIONALI CONTROLLO DEI DESCRITTORI CBI, CMS IN PRL PC, PM condizionali Sa costruire schede di lavoro per sviluppare le capacità condizionali Sa costruire autonomamente schede di lavoro per sviluppare le capacità condizionali Usa, se guidato, i descrittori di ruoli, CBI, CMS di secondo livello PRL PC, PM Applica i descrittori di ruoli, CBI, CMS di secondo livello PRL PC, PM Applica consapevolmente i descrittori di ruoli, CBI, CMS di secondo livello PRL PC, PM CONOSCENZA DELLE REGOLE DI ABI.TA.SQUA. NEI GIOCHI PRESPORTIVI E SPORTIVI CONOSCENZA DEI DESCRITTORI DELLE ATS DEI GIOCHI PRESPORTIVI E SPORTIVI CONOSCENZA DELLE REGOLE DI GIOCO GIOCARE, FARE SPORT: REGOLE TECNICO-TATTICHE Conosce parzialmente le ABI.TA.SQUA di secondo livello dei giochi pre e Conosce globalmente le ABI.TA.SQUA di secondo livello dei giochi pre e Conosce con sicurezza le ABI.TA.SQUA di secondo livello dei giochi pre e Conosce parzialmente le ATS di seconda fase dei giochi pre e Conosce globalmente le ATS di seconda fase dei giochi pre e Conosce con chiarezza le ATS di seconda fase dei giochi pre e Conosce parzialmente le regole arbitrali nei giochi pre e Conosce globalmente le regole arbitrali nei giochi pre e Conosce con chiarezza le regole arbitrali nei giochi pre e Usa, se guidato, le ABI.TA.SQUA di secondo livello nei giochi

9 CONTROLLO DELLE ABI.TA.SQUA NEI GIOCHI PRESPORTIVI E SPORTIVI CONTROLLO DELLE ATS NEI GIOCHI PRESPORTIVI E SPORTIVI CONTROLLO DELLE REGOLE DI GIOCO NELL ARBITRARE GIOCHI PRESPORTIVI E SPORTIVI pre e Applica le ABI.TA.SQUA di secondo livello nei giochi pre e Applica consapevolmente le ABI.TA.SQUA di secondo livello nei giochi pre e Usa, se guidato, le ATS di seconda fase, nei giochi pre e Applica le ATS di seconda fase nei giochi pre e Applica consapevolmente le ATS di seconda fase nei giochi pre e Applica, se guidato, le regole di gioco nell arbitrare giochi Applica le regole di gioco nell arbitrare giochi Applica consapevolmente le regole di gioco nell arbitrare giochi CLASSE TERZA CONOSCENZA DI SEQUENZE DI MOVIMENTO CONOSCENZA DI SMB E AMG IL MOVIMENTO DEL CORPO E LE SUE RELAZIONI CON LO SPAZIO E CON IL TEMPO Riconosce con difficoltà alcuni elementi delle sequenze di movimento Riconosce gli elementi spazio temporali delle sequenze di movimento Riconosce autonomamente gli elementi spazio temporali delle sequenze di movimento Riconosce con difficoltà alcuni elementi di SMB e AMG di terza fase proposte Riconosce gli elementi spazio temporali di SMB e AMG di terza fase proposte Riconosce autonomamente gli elementi spazio temporali di SMB e AMG di terza fase proposte Riconosce con difficoltà i principi

10 CONOSCENZA DELLE REGOLE DI ORGANIZZAZIONE SPAZIALE CONTROLLO DI SEQUENZE DI MOVIMENTO CONTROLLO DI SMB E AMG CONTROLLO DEGLI ELEMENTI DI ORGANIZZAZIONE SPAZIALE base dell organizzazione spaziale Riconosce i principi base dell organizzazione spaziale Riconosce con sicurezza i principi base dell organizzazione spaziale Esegue globalmente sequenze di movimento Applica in modo consapevole gli elementi spazio temporali nelle sequenze di movimento Applica con sicurezza gli elementi spazio temporali nelle sequenze di movimento Esegue globalmente gli SMB e le AMG di terza fase proposte Applica in modo consapevole gli elementi spazio temporali negli SMB e nelle AMG di terza fase proposte Applica con sicurezza gli elementi spazio temporali negli SMB e nelle AMG di terza fase proposte Applica parzialmente gli elementi di organizzazione spaziale Applica gli elementi di organizzazione spaziale Controlla con sicurezza gli elementi di organizzazione spaziale IL CORPO E LE SUE FUNZIONI SENSO PERCETTIVE IN RELAZIONE AD UNO STATO DI SALUETE E BENESSERE CONOSCENZA DI RESISTENZA, MOBILITA ARTICOLARE, FORZA, VELOCITA CONOSCENZA DEGLI ADATTAMENTI FISIOLOGICI DOVUTI AD UN LAVORO DI R., F, MA, V ESECUZIONE DI UN LAVORO DI POTENZA AEROBICA Riconosce solamente alcune caratteristiche di R, MA, F, V Riconosce solamente alcune caratteristiche di R, MA, F, V Riconosce con sicurezza alcune caratteristiche di R, MA, F, V Riconosce solamente alcuni degli adattamenti di R, MA, F, V Riconosce gli adattamenti di R, MA, F, V Riconosce con sicurezza gli adattamenti di R, MA, F, V Se guidato, sa compiere un lavoro di potenza aerobica Sa compiere un lavoro di potenza

11 COSTRUZIONE DI UN PIANO DI LAVORO PER F, MA aerobica Sa compiere autonomamente un lavoro di potenza aerobica Sa costruire, se guidato, un piano di lavoro per F, MA Sa costruire, un piano d lavoro per F, MA Sa costruire autonomamente un piano di lavoro per F, MA METODO DI LAVORO CONOSCENZA DEGLI ORIENTAMENTI DI AUTONOMIA MOTORIA CONOSCENZA DELLE CARATTERISTICHE METODOLOGICHE PER SVILUPPARE CAPACITA CONDIZIONALI CONTROLLO DEGLI ORIENTAMENTI DI AUTONOMIA MOTORIA CONTROLLO DEGLI ORIENTAMENTI METODOLOGICI PER ELIMINARE PROBLEMATICHE DOVUTE A CARENZE DI MOVIMENTO Conosce parzialmente gli orientamenti di autonomia motoria Conosce sufficientemente gli orientamenti di autonomia motoria Conosce con chiarezza gli orientamenti di autonomia motoria Conosce parzialmente le caratteristiche metodologiche per sviluppare capacità condizionali Conosce sufficientemente le caratteristiche metodologiche per sviluppare capacità condizionali Conosce con chiarezza le caratteristiche metodologiche per sviluppare capacità condizionali Usa, se guidato, gli orientamenti di autonomia motoria Applica gli orientamenti di autonomia motoria Applica consapevolmente orientamenti di autonomia motoria Usa, se guidato, gli orientamenti metodologici per eliminare problematiche dovute a carenze di movimento Applica gli orientamenti metodologici per eliminare problematiche dovute a carenze di movimento Applica consapevolmente gli orientamenti metodologici per eliminare problematiche dovute a carenze di movimento

12 CONOSCENZA DELLE REGOLE DI ABI.TA.SQUA. NEI GIOCHI SPORTIVI CONOSCENZA DEI DESCRITTORI DELLE ATS DEI GIOCHI SPORTIVI CONOSCENZA DELLE REGOLE DI GIOCO CONTROLLO DELLE ABI.TA.SQUA NEI GIOCHI SPORTIVI CONTROLLO DELLE ATS NEI GIOCHI SPORTIVI CONTROLLO DELLE REGOLE DI GIOCO NELL ARBITRARE GIOCHI SPORTIVI GIOCARE, FARE SPORT: REGOLE TECNICO-TATTICHE Conosce parzialmente le ABI.TA.SQUA di terzo livello dei giochi Conosce globalmente le ABI.TA.SQUA di terzo livello dei giochi Conosce con sicurezza le ABI.TA.SQUA di terzo livello dei giochi Conosce parzialmente le ATS di terza fase dei giochi Conosce globalmente le ATS di terza fase dei giochi Conosce con chiarezza le ATS di terza fase dei giochi Conosce parzialmente le regole arbitrali nei giochi Conosce globalmente le regole arbitrali nei giochi Conosce con chiarezza le regole arbitrali nei giochi Usa, se guidato, le ABI.TA.SQUA di terzo livello nei giochi Applica le ABI.TA.SQUA di terzo livello nei giochi Applica consapevolmente le ABI.TA.SQUA di terzo livello nei giochi Usa, se guidato, le ATS di terza fase, nei giochi Applica le ATS di terza fase nei giochi Applica consapevolmente le ATS di terza fase nei giochi Applica, se guidato, le regole di gioco nell arbitrare giochi Applica le regole di gioco nell arbitrare giochi Applica consapevolmente le regole di gioco nell arbitrare giochi ALUNNI CON CERTIFICAZIONE DI DISABILITA

13 Maturazione di una sufficiente responsabilità Allungamento dei tempi di acquisizione dei contenuti disciplinari Assiduo controllo con frequenti verifiche e richiami Valorizzazione dell ordine e della precisione Esercitazioni di fissazione/automatizzazione delle conoscenze Obiettivi minimi ALUNNI CON DISTURBI DI Saranno utilizzate misure dispensative quali : Lettura ad voce Scrittura in corsivo E, allo stesso tempo, strumenti compensativi quali: Uso dello stampato maiuscolo Registrazioni audio Registrazioni con videocamera Uso del lettore dvd Uso di immagini, schemi, mappe COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno, attraverso le attività di gioco motorio e sportivo, ha costruito la propria identità personale e la consapevolezza delle proprie abilità motorie e dei propri limiti. Possiede conoscenze relative all educazione alla salute e alla promozione di corretti stili di vita. E capace di integrarsi nel gruppo, di cui condivide e rispetta le regole; riconosce i valori dello sport e la lealtà del confronto agonistico. INSIEME DELLE UNITA DI Classe prima TITOLO Controllo del movimento: conoscenza e sviluppo delle capacità coordinative. Educazione alla salute: conoscenza e sviluppo delle capacità condizionali. Metodo di lavoro: conoscere e rispettare sé stesso, gli altri, l ambiente Apprendimento e uso dei meccanismi di gioco individuali e collettivi. UNITARIO Conoscere gli schemi motori di base, le abilità motorie generali,la coordinazione motoria e le caratteristiche del movimento Sa gestire nel movimento la qualità e la quantità del carico di lavoro Conoscersi e relazionarsi in modo positivo con gli altri attraverso il movimento Comprendere il valore del confronto e della competizione, l importanza della collaborazione con i compagni di squadra e il rispetto delle regole

14 INSIEME DELLE UNITA DI Classe seconda TITOLO Controllo del movimento: Conoscenza e sviluppo delle capacità coordinative. Educazione alla salute: conoscenza e sviluppo delle capacità condizionali. Metodo di lavoro: conoscere e rispettare sé stesso, gli altri, l ambiente Apprendimento e uso dei meccanismi di gioco individuali e collettivi UNITARIO Conoscere il processo motorio e le tecniche per la organizzazione del movimento Gestire un ampia gamma di movimenti in situazioni differenziate dosando l intensità dei carichi di lavoro Approfondire la conoscenza e uso di sé; rispettare e relazionarsi con gli altri in modo positivo e costruttivo Gestire in modo consapevole il valore del confronto e della competizione, l importanza della collaborazione con i compagni di squadra e il rispetto delle regole

15 INSIEME DELLE UNITA DI Classe terza TITOLO Controllo del movimento: Conoscenza e sviluppo delle capacità coordinative Educazione alla salute: conoscenza e sviluppo delle capacità condizionali Metodo di lavoro: conoscere e rispettare sé stesso, gli altri, l ambiente Apprendimento e uso dei meccanismi di gioco individuali e collettivi. UNITARIO Conoscere il processo motorio e le tecniche per la organizzazione del movimento Gestire un ampia gamma di movimenti in situazioni differenziate dosando l intensità dei carichi di lavoro Approfondire la conoscenza e uso di sé; rispettare e relazionarsi con gli altri in modo positivo e costruttivo Gestire in modo consapevole il valore del confronto e della competizione, l importanza della collaborazione con i compagni di squadra e il rispetto delle regole VERIFICHE E VALUTAZIONE Le prove di verifica delle conoscenze e abilità, che saranno somministrate al termine di ogni UA o di una parte di essa, saranno congruenti con quanto è stato svolto e volte a rilevare il grado di raggiungimento degli obiettivi stabiliti. Le verifiche si baseranno su prove oggettive e soggettive, comprenderanno esercizi graduati per diversi livelli di difficoltà e saranno strutturate per criteri.

16 CRITERI DI VALUTAZIONE: PRODUZIONE ORALE Alunni SINTESIANALISI APPPLICA.ZIONE COMPRENS. CONOSCEN. 1 lacunosa 2 parziale 3 sufficiente 4 adeguata 5 chiara 1.se guidato 2.con difficoltà 3. sufficiente 4. sicurezza 5. completa 1 in modo confuso 2 con difficoltà 3 sa applicare 4 sicurezza 5 situazioni nuove 1 se guidato 2 parziale 3 sufficiente 4 chiarezza 5 completo CRITERI DI VALUTAZIONE : PRODUZIONE MOTORIA

17 Per le prove oggettive la misurazione sarà espressa in decimi, in base all art. 3 del decreto Gelmini, PRECISIONE CONTINUITA FLUIDITA ALUNNI 1 scarsa 2 parziale 3 sufficiente 4 evidente 5 sicura 1.incerta 2.parziale 3. sufficiente 4. buona 5. sicura 1 scarsa 2 parziale 3 sufficiente 4 chiara 5 personale ora legge n.169 del 30 ottobre Per le prove soggettive, data la diversa natura dei criteri in questione, vengono individuate specifiche griglie di osservazione che, per ogni prestazione osservabile, prevedono indicatori in base ai quali è possibile pervenire ad una valutazione il più possibile oggettiva: La valutazione terrà conto non solo dell acquisizione delle conoscenze, ma anche della conquista di competenze, di abilità operative, della graduale maturazione della personalità dell alunno rispetto al livello di partenza. Essa, inoltre, sarà trasparente e condivisa, sia nei fini che nelle procedure e mirerà anche alla sistematica verifica dell efficacia e dell adeguatezza della programmazione per la correzione di eventuali errori di impostazione. Infine, si procederà ad una valutazione sommativa, intesa come confronto fra risultati ottenuti e risultati previsti, tenendo conto delle condizioni di partenza, e ad una valutazione orientativa, intesa come impulso alla costruzione di un realistico concetto di sé ed all orientamento verso scelte future. I criteri saranno Criteri di conoscenza Chiarezza espositiva Uso dei termini specifici Qualità del contenuto Criteri di abilità Autocontrollo organizzativo Autocontrollo emotivo Autocontrollo volitivo Autocontrollo esecutivo

18 TIPOLOGIA DELLE PROVE Prove oggettive per l accertamento delle capacità condizionali: test motori Capacità di resistenza Test di Cooper Prova di Lyan Capacità di forza Prova di addominali Prova di dorsali Prova per AI Prova per AS Capacità di mobilità articolare Prova per articolazione S/O Prova per articolazione C/F Prova per articolazione del rachide Capacità di velocità Sprint m.30 Corsa navetta Prove oggettive per l accertamento delle capacità coordinative: test psicomotori Movimenti combinati, senza /con ritmo Simultaneità/successione cronologica Dissociazione tra AI e AS; sbloccaggio AI e AS dal tronco Coordinazione intersegmentaria Scemi motori di base Tecnica di corsa/cts e traiettorie di spostamento Tecnica di stacco e atterraggio e arresti Tecnica di lancio e ricezione senza con interferenza Abilità motorie generali Tecnica di corsa-salto-lancio e CDR Tecnica di corsa-salto-ricezione e CDR Motricità sportiva Fondamentali di PC/PV/PM di prima, seconda e terza fase Meccanismi di gioco CBI, CMS di primo, secondo e terzo livello in PC, PM e PV ABI.TA.SQUA. di primo, secondo e terzo livello in PC, PM e PV Iniziative a livello di Istituto Giochi danza

Istituto Comprensivo di LOGRATO Scuola Secondaria di Primo Grado G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE TECNOLOGIA

Istituto Comprensivo di LOGRATO Scuola Secondaria di Primo Grado G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE TECNOLOGIA Istituto Comprensivo di LOGRATO Scuola Secondaria di Primo Grado G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE TECNOLOGIA Anno Scolastico 2010-2011 Docente: prof. Ettore CORDIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO E SPECIFICI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S. ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S. 2012/201 87 CURRICOLO SCIENZE MOTORIE Ambito disciplinare SCIENZE MOTORIE

Dettagli

COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno acquisisce consapevolezza di sé attraverso la percezione del proprio corpo e la padronanza degli schemi motori e posturali nel continuo adattamento alle variabili

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Don L. Milani MASON VICENTINO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S. 2012/2013 PIANO DI LAVORO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Don L. Milani MASON VICENTINO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S. 2012/2013 PIANO DI LAVORO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Don L. Milani MASON VICENTINO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S. 2012/2013 PIANO DI LAVORO MATERIA: Scienze Motorie DOCENTE: Prof.: MURARO LORENZO PIANO DI LAVORO Classi

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE Competenze sociali e civiche: riconosce la propria identità nel contesto culturale di riferimento. Assimila il senso e la necessità del rispetto

Dettagli

CURRICOLO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

CURRICOLO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE 6 ISTITUTO COMPRENSIVO BRUNO CIARI PADOVA CURRICOLO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSE 1-2 - 3-4 - 5 SCUOLA PRIMARIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Classe 1 NUCLEI FONDANTI Abilità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI. PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MUSICA a.s. 2010-2011

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI. PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MUSICA a.s. 2010-2011 ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI Docente : DE LUCIA ANTONIETTA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MUSICA a.s. 2010-2011 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO E SPECIFICI (CONOSCENZE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI. PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE RELIGIONE a.s. 2010-2011

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI. PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE RELIGIONE a.s. 2010-2011 ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE RELIGIONE a.s. 2010-2011 Docente : PAVANELLO VALERIA DI APPRENDIMENTO (CONOSCENZE E ABILITA ) GRADUATI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA a.s. 2010-2011 Docenti : Margherita Lucchi, Luciana Beretti, Cristina Lanzini, Maria Giuliana

Dettagli

Liceo Classico Anco Marzio Roma Programmazione di Scienze Motorie per Obiettivi Minimi A.S. 2014/2015

Liceo Classico Anco Marzio Roma Programmazione di Scienze Motorie per Obiettivi Minimi A.S. 2014/2015 Liceo Classico Anco Marzio Roma Programmazione di Scienze Motorie per Obiettivi Minimi A.S. 2014/2015 FINALITÀ EDUCATIVE DELLA DISCIPLINA Concorrere alla formazione e allo sviluppo dell area corporea e

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria Curricolo di Educazione fisica Istituto Comprensivo Gandhi Prato Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015 Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA : COMPETENZA CHIAVE:

Dettagli

IL CORPO E IL MOVIMENTO. INDICATORI OBIETTIVI di APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DELL ALUNNO

IL CORPO E IL MOVIMENTO. INDICATORI OBIETTIVI di APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DELL ALUNNO SCUOLA DELL INFANZIA IL CORPO E IL MOVIMENTO POTENZIARE LE ATTIVITÀ MOTORIE ALLE ATTIVITÀ DI GIOCO MOTORIO/ SPORTIVO DENOMINARE E INDIVIDUARE LE PARTI DEL CORPO CONTROLLANDOLE GLOBALMENTE. DISCRIMINARE

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE 1 BIENNIO OBIETTIVI DELLA DISCIPLINA Acquisire la consapevolezza della propria corporeità, intesa come conoscenza, padronanza,

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA L educazione fisica promuove la conoscenza di sé e delle proprie potenzialità in relazione con l ambiente, gli altri e gli

Dettagli

Infanzia Obiettivi di apprendimento

Infanzia Obiettivi di apprendimento I DISCORSI E LE PAROLE IMMAGINI, SUONI, COLORI IL CORPO E IL MOVIMENTO Il corpo e la sua relazione con lo spazio e il tempo Asse linguistico-espressivo Infanzia-Primaria -Secondaria I grado- NUCLEI FONDANTI

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA Raggiungere una buona autonomia personale nell alimentarsi, nel vestirsi e nel prendersi cura di sé. Scoprire e riconoscere il proprio corpo,

Dettagli

PROF. TODINI MANUELA. MATERIA: Scienze Motorie e Sportive. CLASSE terza B

PROF. TODINI MANUELA. MATERIA: Scienze Motorie e Sportive. CLASSE terza B ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MONTE SAN PIETRO M.I.U.R. U.S.R. EMILIA ROMAGNA Ambito territoriale n.2 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. TODINI MANUELA MATERIA: Scienze Motorie

Dettagli

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE SECONDA A.S.

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE SECONDA A.S. ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE SECONDA A.S.2014/2015 Insegnante: Cristina Nardini 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G. GALILEI" AREZZO Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 Classi del Biennio FINALITÀ EDUCATIVE Concorrere alla formazione e allo sviluppo dell area corporea e motoria della

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado Lana Fermi Brescia PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Classi prime e seconde OBIETTIVI FORMATIVI

Scuola secondaria di primo grado Lana Fermi Brescia PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Classi prime e seconde OBIETTIVI FORMATIVI Scuola secondaria di primo grado Lana Fermi Brescia PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Classi prime e seconde UDA 1) Revisione e consolidamento dello schema corporeo. Consolidamento e

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

FINALITÀ METODOLOGIA STRUMENTI VERIFICHE. ludica, introducendo di volta in volta

FINALITÀ METODOLOGIA STRUMENTI VERIFICHE. ludica, introducendo di volta in volta CURRICOLO DI EDUCAZIONE FISICA SCUOLA PRIMARIA Classe Prima TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA L alunno: utilizza il linguaggio corporeo e motorio per comunicare ed

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Scienze motorie e sportive

Programmazione del dipartimento di Scienze motorie e sportive Programmazione del dipartimento di Scienze motorie e sportive Premessa L elaborazione della programmazione annuale impone al Dipartimento di Scienze motorie e sportive una serie di riflessioni sugli obbiettivi

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013-14

ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ZINI BARBARA Scienze Motorie e Sportive CLASSE 1 B Via IV Novembre, 4 40050 (BO) Tel. 051-6761483 Fax 051-6764245 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

Curricolo verticale. Educazione Motoria/ Educazione Fisica

Curricolo verticale. Educazione Motoria/ Educazione Fisica 1 Curricolo verticale Educazione Motoria/ Educazione Fisica 2 Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia Obiettivi di apprendimento Dimensione Competenza Abilità Eseguire piccoli compiti motori

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Cl. Terze Anno Scolastico 2009-10

PROGRAMMAZIONE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Cl. Terze Anno Scolastico 2009-10 PROGRAMMAZIONE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Cl. Terze Anno Scolastico 2009-10 RESISTENZA ORGANICA Miglioramento delle capacità aerobiche degli alunni. - Corsa in equilibrio di consumo di ossigeno - Corsa

Dettagli

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 CLASSE 2 ^ SEZIONE B L DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE DOCENTE MORAMARCO PASQUALE QUADRO

Dettagli

PROF. TODINI MANUELA. MATERIA: Scienze Motorie e Sportive. CLASSE prima D

PROF. TODINI MANUELA. MATERIA: Scienze Motorie e Sportive. CLASSE prima D ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MONTE SAN PIETRO M.I.U.R. U.S.R. EMILIA ROMAGNA Ambito territoriale n.2 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. TODINI MANUELA MATERIA: Scienze Motorie

Dettagli

CURRICULO VERTICALE SCIENZE MOTORIE

CURRICULO VERTICALE SCIENZE MOTORIE CURRICULO VERTICALE SCIENZE MOTORIE Nei primi anni di vita dei bambini il movimento riveste un importanza fondamentale negli apprendimenti e nella socializzazione. Corpo e movimento costituiscono il nucleo

Dettagli

CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA

CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA C. e M. 1 Il bambino raggiunge una buona autonomia personale nell alimentarsi e nel vestirsi, riconosce i segnali del corpo, sa cosa

Dettagli

Documento di Programmazione Dipartimento di Scienze Motorie

Documento di Programmazione Dipartimento di Scienze Motorie Documento di Programmazione Dipartimento di Scienze Motorie (biennio/triennio) Anno scolastico 2014/2015 Coordinatore Prof. Sorrentino Alfredo IL DIRIGENTE SCOLASTICO Dott.ssa Silvana Rocco 1 LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

CURRICOLO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ

CURRICOLO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ CURRICOLO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ COMPETENZA 1 CONOSCERE E RICONOSCERE LE VARIE PARTI DEL CORPO, LA LORO FUNZIONALITÀ E POTENZIALITÀ

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO CIVEZZANO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO CIVEZZANO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO CIVEZZANO SP/SSPG di ALBIANO PROGRAMMA DISCIPLINARE SVOLTO PSI IV BIENNIO ITALIANO Anno scolastico 2014-2015 COMPETENZE, ABILITÀ, CONOSCENZE

Dettagli

Curricolo verticale di Ed. Fisica scuola primaria

Curricolo verticale di Ed. Fisica scuola primaria Curricolo verticale di Ed. Fisica scuola primaria Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno acquisisce consapevolezza di sé attraverso la percezione del proprio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag 1 di 4 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina Educazione fisica_a.s. 2015 / 2016 Classi: 1P, 2P, 2R, 3W, 4W, 5W, 3Y, 4Y, 5Y Docente : Prof. Atzeni Giorgio PERCORSI MULTIDISCIPLINARI/INTERDISCIPLINARI

Dettagli

CORPO MOVIMENTO SPORT Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia. Dimensione Competenza Abilità Conoscenze Eseguire piccoli compiti motori

CORPO MOVIMENTO SPORT Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia. Dimensione Competenza Abilità Conoscenze Eseguire piccoli compiti motori Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 1 Eseguire piccoli compiti motori Essere in grado di riconoscere le possibilità di Il proprio corpo e quello degli altri movimento dei diversi segmenti

Dettagli

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L DISCIPLINA_ SCIENZE MOTORIE DOCENTE Moramarco Pasquale QUADRO ORARIO

Dettagli

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE QUINTA A.S.

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE QUINTA A.S. ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE QUINTA A.S. 2014/2015 Insegnante: Cristina Nardini 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

PROGETTAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGETTAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGETTAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2013-14 SCUOLA SECONDARIA I GRADO CLASSE 1D DISCIPLINA EDUCAZIONE FISICA 1. DESCRIZIONE DELLA CLASSE La classe è composta da 15 alunni, 9 maschi e 6 femmine.

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 Piano di Studio di Istituto SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PREMESSA Partendo dalle indicazioni delle Linee Guida per i Piani di Studio Provinciali del Primo ciclo di Istruzione,

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI SCIENZE MOTORIE Docente : PROF. ARUNDO CLAUDIA CLASSE : II A CAT CONTESTO DELLA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI. PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ARTE E IMMAGINE a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI. PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ARTE E IMMAGINE a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI Docente : Monticelli Claudio PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ARTE E IMMAGINE a.s. 2010-2011 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO E SPECIFICI

Dettagli

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE INFANZIA L alunno raggiunge una buona autonomia personale nell'alimentarsi e nel vestirsi, conosce il proprio corpo e le diverse parti

Dettagli

DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE BIENNIO

DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE BIENNIO DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE BIENNIO OBIETTIVI DELLA DISCIPLINA Acquisire la consapevolezza della propria corporeità, intesa come conoscenza, padronanza, rispetto

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

SCIENZE MOTORIE. Competenze disciplinari Competenze di base Abilità/Capacità Contenuti Tempi

SCIENZE MOTORIE. Competenze disciplinari Competenze di base Abilità/Capacità Contenuti Tempi Primo Anno SCIENZE MOTORIE a) Rielaborazione degli schemi motori propri di varie discipline a carattere sportivo e/o espressivo; b) Sviluppo della consapevolezza di sé; c) Sviluppo delle capacità coordinative

Dettagli

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA Nuclei Tematici Traguardi per lo sviluppo delle Competenze Obiettivi di Apprendimento Obiettivi Minimi Il corpo e le funzioni senso-percettive

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA (Classe 1ª)

SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA (Classe 1ª) SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA (Classe 1ª) Riconoscere le parti del corpo ed acquisire consapevolezza delle funzioni senso-percettive. Controllare gli schemi motori e posturali di base adattandoli alle

Dettagli

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G. GALILEI" AREZZO Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 Classi del Triennio Anno scolastico 2014/2015 FINALITÀ EDUCATIVE Concorrere alla formazione e allo sviluppo dell

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LINEE GENERALI E FINALITÀ L insegnamento di Scienze Motorie e Sportive, come espresso anche dalle indicazioni nazionali della disciplina, concorre alla formazione dello studente

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSI: 1^ CORSO: AFM - LICEO SPORT AS 20152016 Moduli Libro Di Testo scienze motorie Appunti schede tecniche Competenze di base - Sviluppo funzionale

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-11

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-11 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno scolastico: 2015/2016 Prof. /ssa ROZZA MORENA Disciplina: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Classe: 1ª F 1 Livelli di partenza rilevati Livello numero alunni A ottimo 7 B- Discreto

Dettagli

MONOENNIO SCUOLA PRIMARIA 3^ CIRCOLO DIDATTICO-

MONOENNIO SCUOLA PRIMARIA 3^ CIRCOLO DIDATTICO- MONOENNIO SCUOLA PRIMARIA 3^ CIRCOLO DIDATTICO- CARPI Curricoli in verticale di Ed. Motoria a. sc.2009-2010 Nucleo fondante NUCLEO TEMATICO IL CORPO Riconoscere e denominare le varie parti del corpo su

Dettagli

Materia: Scienze motorie e sportive. Programmazione dei moduli didattici

Materia: Scienze motorie e sportive. Programmazione dei moduli didattici Modulo SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Programmazione Moduli Didattici Indirizzo Trasporti e Logistica Ist. Tec. Aeronautico Statale Arturo Ferrarin Via Galermo, 172 95123 Catania (CT) Codice M PMD

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO dalla prima alla quinta classe Scuole Primarie del Circolo Didattico di Corciano Anno scolastico 2010-2011 LE NUOVE INDICAZIONI: QUALI VIE PER LA SCUOLA? Circolo didattico

Dettagli

SEZIONE A. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della Scuola Secondaria di Primo Grado

SEZIONE A. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della Scuola Secondaria di Primo Grado SEZIONE A Competenze Europee Competenza Chiave in Educazione Fisica Competenza Sociale e Civica Imparare ad Imparare Spirito d'iniziativa e imprenditorialità Competenza digitale Fonti di Legittimazione

Dettagli

Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati nella Scuola Primaria

Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati nella Scuola Primaria Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati nella Scuola Primaria (dagli Obiettivi specifici di apprendimento) Al termine della classe prima, la scuola ha organizzato per lo studente attività

Dettagli

CLASSI PRIME PSICOMOTRICITA'(Lami Andrea)

CLASSI PRIME PSICOMOTRICITA'(Lami Andrea) Comune di Pavullo nel Frignano Provincia di Modena Assessorato Servizi Sociali Scolastici e Promozione della Salute Via Giardini, 16-41026 Pavullo nel Frignano (MO) Ufficio 0536/29912 - Fax 0536/29976

Dettagli

Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a )

Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a ) Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO Via Andrea del Sarto, 6/A 50135 FIRENZE É 055/661628 Ê 055/67.841 www.peano.gov.it FITD06000T@PEC.ISTRUZIONE.IT posta@peano.gov.it LICEO TECNICO ECONOMICO

Dettagli

Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli. Programmazione Disciplina: Educazione Fisica

Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli. Programmazione Disciplina: Educazione Fisica Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli Programmazione Disciplina: Educazione Fisica Obiettivi essenziali per il biennio: Ciascun alunno, al termine del biennio, dovrà:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO EDUCAZIONE FISICA ANNO SCOLASTICO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO EDUCAZIONE FISICA ANNO SCOLASTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO EDUCAZIONE FISICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 a. Obiettivi : Educativi generali: Favorire l armonico sviluppo psicofisico dell adolescente far prendere

Dettagli

LICEO A. MANZONI Caserta

LICEO A. MANZONI Caserta Pag.1 di 8 LICEO A. MANZONI Caserta ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA PRIMO BIENNIO INDIRIZZO : Classe ª SEZ. MATERIA : SCIENZE MOTORIE CLASSE DI CONCORSO A029 DOCENTE PRESENTAZIONE DELLA

Dettagli

INDIRIZZO CLASSICO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE _SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE_. Classe 4_ Sezione 20 15 / 20 16

INDIRIZZO CLASSICO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE _SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE_. Classe 4_ Sezione 20 15 / 20 16 Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE FORESI LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALBINO RUBRICA VALUTATIVA DI SCIENZE MOTORIE DIMENSIONI CRITERI INDICATORI LIVELLI AVANZATO INTERMEDIO ESSENZIALE PARZIALE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALBINO RUBRICA VALUTATIVA DI SCIENZE MOTORIE DIMENSIONI CRITERI INDICATORI LIVELLI AVANZATO INTERMEDIO ESSENZIALE PARZIALE CAPACITA CONDIZIONALI - Eseguire esercizi con carichi. - Sostenere sforzi prolungati. - Compiere azioni motorie nel minor tempo possibile. - Effettuare movimenti con la massima ampiezza. - Esegue esercizi

Dettagli

IPSIA Chino Chini Borgo San Lorenzo PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DEI DOCENTI

IPSIA Chino Chini Borgo San Lorenzo PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DEI DOCENTI IPSIA Chino Chini Borgo San Lorenzo PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DEI DOCENTI DOCENTE Ballerini Cheti A.S. 011-01 CORSO DI QUALIFICA Servizio alberghiero e della ristorazione DISCIPLINA Educazione fisica

Dettagli

IPSIA Chino Chini Borgo San Lorenzo PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DEI DOCENTI

IPSIA Chino Chini Borgo San Lorenzo PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DEI DOCENTI IPSIA Chino Chini Borgo San Lorenzo PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DEI DOCENTI DOCENTE Ballerini Cheti A.S. 011-01 CORSO DI QUALIFICA Servizio alberghiero e della ristorazione DISCIPLINA Educazione fisica

Dettagli

PROGRAMMA DI EDUCAZIONE FISICA CLASSE IV^ ISA

PROGRAMMA DI EDUCAZIONE FISICA CLASSE IV^ ISA POLO VAL BOITE Anno scolastico 2007-2008 PROGRAMMA DI EDUCAZIONE FISICA CLASSE IV^ ISA FINALITA L insegnamento dell ed.fisica concorre alla formazione degli alunni e delle alunne attraverso la ricerca

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e- mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

EDUCAZIONE FISICA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti

EDUCAZIONE FISICA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti Competenze Conoscere e utilizzare le proprie capacità motorie sia nei punti di forza sia nei limiti. Utilizzare gli aspetti comunicativi del linguaggio motorio per entrare in relazione con gli altri EDUCAZIONE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO C. MALAPARTE - PRATO QUADRO SINOTTICO COMPETENZE SPECIFICHE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

ISTITUTO COMPRENSIVO C. MALAPARTE - PRATO QUADRO SINOTTICO COMPETENZE SPECIFICHE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE 1. Comunicazio ne efficace 1.1 Comprensione 1.2 Espressione ISTITUTO COMPRENSIVO C. MALAPARTE - PRATO QUADRO SINOTTICO COMPETENZE SPECIFICHE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE I primaria III primaria V primaria

Dettagli

PIANO DI LAVORO. Prof. STEFANO CONSANI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSE 4ASI

PIANO DI LAVORO. Prof. STEFANO CONSANI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSE 4ASI Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. STEFANO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.

ISTITUTO COMPRENSIVO F. ISTITUTO COMPRENSIVO F. De Sanctis CURRICOLO VERTICALE A.S. 2014/2015 EDUCAZIONE FISICA Educazione Fisica La finalità principale dell educazione motoria e dell educazione fisica è quella di utilizzare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA a.s. 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA a.s. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DI SCIENZE MOTORIE SPORTIVE CLASSI PRIME E SECONDE Consolidare le capacità coordinative Migliorare le capacità condizionali

Dettagli

MATERIA SCIENZE MOTORIE

MATERIA SCIENZE MOTORIE MATERIA SCIENZE MOTORIE PROGRAMMAZIONE FINALE ANNO SCOLASTICO: 2014_-2015 INSEGNANTE: TROMBONE MICHELE CLASSE: 1D SETTORE: SC INDIRIZZO: FINALITA DELLA DISCIPLINA (finalità formative generali cui tende

Dettagli

IL CORPO E IL MOVIMENTO

IL CORPO E IL MOVIMENTO IL CORPO E IL MOVIMENTO COMPETENZE SPECIFICHE Padroneggiare abilità motorie di base in situazioni Partecipare alle attività di gioco e di sport, rispettandone le regole; assumere responsabilità delle proprie

Dettagli

CURRICOLO DI ED.FISICA

CURRICOLO DI ED.FISICA ISTITUTO COMPRENSIVO PASSIRANO-PADERNO CURRICOLO DI ED.FISICA SCUOLA PRIMARIA/SECONDARIA DI PRIMO GRADO Revisione Curricolo di Istituto a.s. 2014-2015 Curricolo suddiviso in obiettivi didattici, nuclei

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE - LINEE GENERALI Al termine del percorso liceale lo studente deve aver acquisito la consapevolezza della propria corporeità intesa come conoscenza, padronanza e rispetto del

Dettagli

La valutazione qualitativa nell apprendimento motorio

La valutazione qualitativa nell apprendimento motorio La valutazione qualitativa nell apprendimento motorio Obiettivi, contenuti, modalità della valutazione del movimento Prof. Mancini Roberto Valutare gli aspetti qualitativi del movimento Considerare con

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE EDUCAZIONE FISICA Scuola primaria

CURRICOLO VERTICALE EDUCAZIONE FISICA Scuola primaria CURRICOLO VERTICALE EDUCAZIONE FISICA Scuola primaria Istituto Comprensivo Novellara NUCLEI TEMATICI CLASSE 1^ ABILITA CONOSCENZE METODOLOGIE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il corpo e la sua

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI F. GARELLI MONDOVI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI F. GARELLI MONDOVI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI F. GARELLI MONDOVI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CURRICOLO DI SCIENZE MOTORIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Docente : Prof. ARUNDO CLAUDIA CLASSE : PRIMA

Dettagli

UNITÀ APPRENDIMENTO Scuola Primaria di Bellano / classi 4ª A 4ª B a.s. 2014/15

UNITÀ APPRENDIMENTO Scuola Primaria di Bellano / classi 4ª A 4ª B a.s. 2014/15 OBIETTIVI GENERALI APPROFONDIRE LA CONOSCENZA DELLE PRINCIPALI NORME DI ALIMENTAZIONE, IGIENE E SICUREZZA PERSONALE - Conoscere le modalità d uso d attrezzi, strumenti e ambienti in cui si vive e le norme

Dettagli

Istituto Paritario Parrocchiale Maria Ausiliatrice Luino

Istituto Paritario Parrocchiale Maria Ausiliatrice Luino Istituto Paritario Parrocchiale Maria Ausiliatrice Luino Classe PRIMA PROGETTAZIONE DIDATTICA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Scuola Secondaria di Primo Grado Anno Scolastico 2013-2014 1. Traguardi Le attività

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLTA MANTOVANA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PLESSO DI VOLTA MANTOVANA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLTA MANTOVANA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PLESSO DI VOLTA MANTOVANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLTA MANTOVANA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PLESSO DI VOLTA MANTOVANA CONTRATTO FORMATIVO DELLA CLASSE 3 SEZ C a.s.2013/2014 COMPOSIZIONE CONSIGLIO DI CLASSE Il Consiglio di classe

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

Moduli Titolo del modulo Ore. 14 Totale delle ore di attività 54

Moduli Titolo del modulo Ore. 14 Totale delle ore di attività 54 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Via Domizia Lucilla Programmazione annuale A.S. 2014 2015 Mod. 7.1.A

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE MAGGIO 2014. AREA DISCIPLINARE Materia Educazione fisica/scienze motorie COORDINATORE Borsato Donata

COORDINAMENTO PER MATERIE MAGGIO 2014. AREA DISCIPLINARE Materia Educazione fisica/scienze motorie COORDINATORE Borsato Donata Istituto Tecnico Industriale Statale C. Zuccante Venezia-Mestre VERBALE RIUNIONE COORDINAMENTO PER MATERIA DOCUMENTO DEL SGQ MOD P05.14 Rev. N. 0 Data 06/06/2005 Pagina 1 di 6 COORDINAMENTO PER MATERIE

Dettagli

I.C. L.SETTEMBRINI Via Sebenico - ROMA

I.C. L.SETTEMBRINI Via Sebenico - ROMA I.C. L.SETTEMBRINI Via Sebenico - ROMA Piano Offerta Formativa Scheda sintetica Progetto/Attività a.s. 2015-2016 Denominazione del Progetto: EDUCAZIONE MOTORIA e GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI Esercizio

Dettagli

Programmazione dipartimento di Scienze Motorie anno scolastico 2015-2016.

Programmazione dipartimento di Scienze Motorie anno scolastico 2015-2016. Programmazione dipartimento di Scienze Motorie anno scolastico 2015-2016. 1) Individuazione coordinatore dipartimento: viene nominato il Prof. Alessandro Alessandrini Coordinatore di dipartimento. 2) Programmazione

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

Sono presenti i proff. Borsato D., Bressan A., Burighel L.; Ranucci E.

Sono presenti i proff. Borsato D., Bressan A., Burighel L.; Ranucci E. Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO AREA DISCIPLINARE Scienze Motorie e Sportive 11 SETTEMBRE 2014 AREA DISCIPLINARE MATERIA Scienze Motorie e Sportive COORDINATORE Ranucci Emidio Sono presenti i proff. Borsato

Dettagli

RELAZIONE INIZIALE A.S. 2014/2015

RELAZIONE INIZIALE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO Karol Wojtyla Classe: Disciplina: TECNOLOGIA Prof.ssa Mariani Paola PROGRAMMAZIONE

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LE ESSENZIALI DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE classe prima concentrarsi sull interiorizzazione e prendere coscienza del proprio corpo, anche in movimento svolgere attività a basso ritmo di lavoro seguire

Dettagli

5.9. SCIENZE MOTORIE PRIMO BIENNIO

5.9. SCIENZE MOTORIE PRIMO BIENNIO 5.9. SCIENZE MOTORIE Coordinatore del Dipartimento di scienze : prof.ssa Margherita Pizzo Docenti componenti il Dipartimento di scienze : proff. Lucio Bergomas, Carlo Giorgiutti, Antonella Jogna, Aniello

Dettagli

PROGRAMMAZIONI ANNUALI DI SCIENZE MOTORIE

PROGRAMMAZIONI ANNUALI DI SCIENZE MOTORIE PROGRAMMAZIONI ANNUALI DI SCIENZE MOTORIE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA SIDOLI www.icviasidoli.it e-mail: toic88200x@istruzione.it SCIENZE MOTORIE CLASSI PRIME CONSOLIDAMENTO E COORDINAMENTO DEGLI SCHEMI MOTORI

Dettagli

CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ICTORRIMPIETRA CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 A. IL CORPO E LE FUNZIONI SENSO-PERCETTIVE L alunno/a acquisisce consapevolezza di sé attraverso l ascolto e l osservazione del

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. PREVER SEDE COORDINATA DI OSASCO

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. PREVER SEDE COORDINATA DI OSASCO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. PREVER SEDE COORDINATA DI OSASCO PIANO DI LAVORO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE classe 2 B tecnico ANNO SCOLASTICO 2014/2015 INSEGNANTE: FIGLIOLA ANTONELLA TESTO ADOTTATO:

Dettagli