EDU-FAD. Novità nel Trattamento del Carcinoma Mammario. Educazione Medica Continua in Oncologia. a cura della Dottoressa Stefania Gori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EDU-FAD. Novità nel Trattamento del Carcinoma Mammario. Educazione Medica Continua in Oncologia. a cura della Dottoressa Stefania Gori"

Transcript

1 Associazione Italiana di Oncologia Medica EDU-FAD Educazione Medica Continua in Oncologia Novità nel Trattamento del Carcinoma Mammario a cura della Dottoressa Stefania Gori

2 EDU-FAD Educazione Medica Continua in Oncologia Novità nel Trattamento del Carcinoma Mammario a cura della Dottoressa Stefania Gori Progetto Working Group ECM&Congressi Edizione 2009

3 Il progetto è stato realizzato con il supporto incondizionato di Roche. Edizione 2009 Aiom - Associazione Italiana di Oncologia Medica Via E. Nöe, Milano, Italy Tel: Fax: TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI Progetto grafico e DTP: QG Project Longone al Segrino (Co) Stampa: Grafismi Longone al Segrino (Co)

4 ??????????? Responsabile di Patologia Stefania Gori Osp. S. M. Misericordia - Oncologia Medica Via Dottori Perugia PERUGIA Associazione Italiana di Oncologia Medica Co-Autori Francesco Atzori Policlinico Universitario - Cattedra e Div. di Oncologia St.Statale 554 Bivio Sestu Monserrato CAGLIARI Matteo Clavarezza Osp. Sacrocuore Don Calabria - Oncologia Medica Via Don A. Sempreboni Negrar VERONA Elena Collovà Ospedale Civile Legnano - UO Oncologia Medica Via Candiani Legnano MILANO Federica Cuppone I. F. O. Regina Elena Oncologia Medica C Via E. Chianesi Roma ROMA Elisa De Matteis Centro Oncologico Modenese Policlinico di Modena Largo del Pozzo, Modena Jennifer Foglietta Ospedale S. M. Misericordia - S. C. Oncologia Medica Via S. Andrea delle Fratte sn Perugia PERUGIA Giulio Metro I.F. O. Regina Elena - Oncologia Medica A Via Elio Chianesi Roma ROMA Emilia Montagna Unità di Ricerca in Senologia Medica Istituto Europeo di Oncologia Via Ripamonti, Milano Federica Sebastiani Centro Oncologico Modenese Policlinico di Modena Largo del Pozzo, Modena Vanja Vaccaro IFO Regina Elena - Oncologia Medica A Via Elio Chianesi Roma 3

5 Novità nel Trattamento del Carcinoma Mammario Direttivo AIOM Presidente: Francesco Boccardo Presidente eletto: Carmelo Iacono Segretario: Marco Venturini Tesoriere: Maria Teresa Ionta Consiglieri: Paolo Carlini Giovanni Condemi Stefania Gori Evaristo Maiello Paolo Marchetti Rodolfo Passalacqua Carmine Pinto Valter Torri WG ECM&Congressi AIOM Coordinatore: M.T. Ionta Componenti: G. Bernardo, E. Bria, M. Cazzaniga, P. Comella, A. Dinota, S. Iacobelli, M. Nardi, S. Palmeri, G. Palmieri, G. Procopio, G. Rosti, R. Samaritani. 4

6 PREsEntAzIOnE Associazione Italiana di Oncologia Medica, tenendo fede alla sua mission, L si fa promotrice del progetto educazionale EDU-FAD. Il progetto prevede la creazione di una Collana, costituita da sei monografie indipendenti, riguardanti patologie di notevole interesse oncologico e di alto impatto sociale. Abbiamo scelto, pertanto sei argomenti che riteniamo rappresentino ancora i temi caldi del sapere oncologico, in continua evoluzione, sia per le recenti scoperte, frutto della ricerca di base, sia per i trattamenti innovativi, frutto della ricerca clinica e della ricerca traslazionale. Della Collana fanno parte: il Carcinoma della Mammella, il Carcinoma del Colon-Retto, il Carcinoma del Polmone, le Neoplasie del Sistema Nervoso Centrale, i Sarcomi dell Adulto, il Carcinoma Renale e i Carcinomi Uroteliali. Tutti coloro che hanno a cuore l oncologia e le problematiche dei pazienti collegate alla cura delle neoplasie troveranno in questa Collana una esauriente e completa fonte di informazioni e avranno l opportunità di approfondire la patologia di loro interesse nella sua globalità. Ogni argomento è, infatti, corredato da dati riguardanti l epidemiologia, la diagnostica, la stadiazione, il trattamento multidisciplinare, con ricchezza di particolari e di voci bibliografiche per un ulteriore approfondimento. Al progetto hanno partecipato alcuni tra i maggiori Opinion Leaders del settore, in collaborazione con i Giovani Oncologi AIOM, particolarmente esperti nella patologia trattata. Oltre quaranta tra Autori e Co-Autori, hanno offerto la loro collaborazione con spirito di servizio e dedizione, consapevoli di siglare un opera di alto profilo scientifico e di alto livello educazionale. La presenza dei Giovani Oncologi in questo progetto educazionale, ha una doppia valenza. Da una parte la partecipazione costante e attiva alla vita della nostra Associazione, dall altra il contributo diretto, in prima persona, alla costituzione di un fondo per le borse di studio destinate ai Giovani Oncologi AIOM più meritevoli. Uno degli obiettivi del progetto, è infatti, la totale destinazione dell utile, ottenuto dall operazione editoriale, al fondo riservato alle borse di studio, grazie al contributo di alcune Aziende Farmaceutiche interessate al progetto educazionale. La Collana verrà distribuita a tutti gli Oncologi Italiani. Ciascuna monografia, inoltre, entrerà a far parte di un percorso di formazione a distanza (tramite sistema FAD) con una piattaforma inserita nel sito dell AIOM, per coloro i quali volessero acquisire crediti ECM, con valutazione tramite test a risposta multipla. Il nostro vivo ringraziamento vada a tutti gli Autori e Co-Autori che hanno contribuito alla stesura dell opera ed alle Aziende Farmaceutiche che ne hanno permesso la realizzazione e la diffusione. Francesco Boccardo Past President AIOM Carmelo Iacono Presidente AIOM 5

7

8 IntRODUzIOnE Negli ultimi anni la ricerca preclinica e clinica in oncologia ha determinato un profondo cambiamento dell approccio diagnostico-terapeutico nella maggior parte dei tumori umani, modificando sensibilmente la pratica clinica. Lo studio delle alterazioni genetiche e molecolari dei tumori sta portando ad una classificazione molecolare delle neoplasie umane e allo sviluppo di nuovi farmaci rivolti a bersagli specifici: tutto ciò ha determinato un cambiamento sia delle modalità terapeutiche che della prognosi del carcinoma mammario. In questo fascicolo vengono illustrate le novità più rilevanti emerse in oncologia medica nel 2009, al fine di fornire indicazioni utili e aggiornate per il trattamento delle pazienti affette da carcinoma mammario. Stefania Gori Consigliere Nazionale AIOM 7

9

10 sommario 1. Profili di espressione genica, cellule staminali e cellule tumorali circolanti 10 I profili di espressione genica 10 Le cellule staminali 20 Cellule tumorali circolanti I nuovi farmaci a bersaglio molecolare nel trattamento del carcinoma mammario 38 Inibitori dell angiogenesi: Bevacizumab 39 Farmaci a bersaglio multiplo: Sunitinib 47 Farmaci a bersaglio multiplo: Sorafenib 48 Inibitori di m-tor 49 Inibitori di IGF-IR nel trattamento del carcinoma della mammella Caratteristiche biopatologiche ed identificazione di sottogruppi fenotipici tumorali con particolare rilevanza clinica ed importanti implicazioni terapeutiche 68 I tumori della mammella recettori ormonali positivi 68 I tumori della mammella HER2 positivi 85 I tumori della mammella tripli negativi I tumori mammari ereditari brca1 e brca2 correlati 112 Questionario 127 9

11 Novità nel Trattamento del Carcinoma Mammario 1. PROFIlI DI EsPREssIOnE GEnICA, CEllUlE staminali E CEllUlE tumorali CIRCOlAntI Figura 1: Sopravvivenza globale e RFS in 49 pazienti con carcinoma mammario trattate in maniera uniforme in uno studio prospettico, in base alla classificazione in 5 sottogruppi molecolari (Sorlie T et al, PNAS 2001; 98: ) I PROFIlI DI EsPREssIOnE GEnICA Nell era post-sequenziamento del genoma umano, si è affermato un approccio innovativo allo studio della biopatologia dei tumori e quindi anche del carcinoma mammario, attraverso una valutazione dell intero profilo di espressione genica (o proteica), con l ottenimento di una enorme quantità di dati che vengono poi analizzati con sofisticate tecnologie di bioinformatica. La determinazione dei profili di espressione di un numero elevato di geni viene attualmente realizzata con diversi tipi di approcci terapeutici: a- microarrays basati su oligonucleotidi o su cdna (complementary DNA), che consentono l analisi di migliaia di geni (fino a ) da campioni tumorali congelati; b- RT-PCR per quantificare l espressione di qualche centinaio di geni (selezionati tra quelli dimostratisi rilevanti da studi clinico-biologici e da data-base pubblici) da sezioni di pochi μm di materiale tumorale fissato in formalina e incluso in paraffina. Attualmente, gli obiettivi dell analisi del profilo genico nell ambito del carcinoma mammario sono: 1- l individuazione di gruppi di pazienti a diversa prognosi, per distinguere le pazienti che necessitano di terapia adiuvante rispetto a quelle che non necessitano di terapia adiuvante; 2- l identificazione, in ambito adiuvante, metastatico e neoadiuvante, di sottotipi tumorali che presentano una migliore risposta ad alcuni trattamenti rispetto ad altri, così da permettere una terapia personalizzata. Nel 1999 Perou e collaboratori 1 han- Sopravvivenza globale Relapse-Free Survival 1 1 Probability 0.8 p<0.01 Probability p< survival months X Censored Lum A Lum B+C NorB-like ERBB2+ 10

12 no dimostrato come sia possibile, grazie alla tecnologia del DNA microarray, una classificazione dei carcinomi mammari sulla base dell analisi dei profili di espressione genica, in 4 sottotipi: 1- basal-like (espressione di citocheratine 5/6 e 17, integrina 4 e laminina; non espressione di ER né di HER2), 2- luminal-like /ER-positivi 3- Her-B2-positivi (associazione con bassi livelli di espressione di ER) 4- normal breast. Uno studio successivo condotto dallo stesso gruppo ha esteso la determinazione del profilo di espressione genica a 78 neoplasie (comprendenti anche 40 neoplasie dello studi precedente), 3 fibroadenomi e 4 campioni di tessuto mammario normale 2, identificando 456 geni che possono classificare i carcinomi mammari in 5 sottotipi: ER+ luminal A ER+ luminal B e C HER2+, ER negativi Basal like, ER, PgR e HER negativi Normal breast-like La sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da ripresa (RFS) associata ad ogni sottogruppo identificato in base all espressione genica sono riportati nella Figura 1. Le sopravvivenze peggiori erano associate al sottogruppo dei tumori HER2+ e basal-like. Successivamente vari Autori hanno valutato casistiche tumorali diverse (per stadio o terapia somministrata) identificando diversi gruppi di geni che potevano identificare sottogruppi a buona o cattiva prognosi. Queste metodiche si differenziano inoltre e, soprattutto in considerazione della futura applicazione nella pratica clinica, per il tipo di tessuto tumorale necessario per eseguire l analisi: fresco /congelato o paraffinato. Nella Figura 2 vengono riportati i risultati dell identificazione immunoistochimica dei sottogruppi molecolari eseguita su campioni di tumori paraffinati. Figura 2: Identificazione immunoistochimica dei sottogruppi molecolari di carcinoma mammario. (Carey LA, JAMA 2006; 295: ). 11

13 Novità nel Trattamento del Carcinoma Mammario A All Patients B All Patients 1.0 Good signature Probability of Remaining Metastasis-free p<0.001 Good signature Poor signature Overall Survival p<0.001 Poor signature Years No. at Risk Good signature Poor signature No. at Risk Low risk High risk Figura 3: Sopravvivenza libera da metastasi a distanza e sopravvivenza globale in accordo alla good prognosi e poor- prognosis signature in 295 pazienti N+ ed N-. (Van de Vijver MJ et al, N Engl J Med 2002; 347: ) Analisi del profilo genico su tessuto fresco o congelato Il MammaPrint è una firma genetica sviluppata dagli investigatori del Nederlands Cancer Institute basata sulla valutazione, attraverso la tecnica del microarray, di un panel di 70 geni, in base all espressione dei quali è possibile identificare pazienti a buona e cattiva prognosi. [Il materiale tumorale viene congelato entro un ora dalla chirurgia e le sezioni congelate vengono colorate in eosina-ematossilina. Succesivamente vengono selezionati solo i campioni con più del 50% di cellule tumorali.e per l isolamento di mrna vengono utilizzate 30 sezioni dello spessore di 30 μm. Gli mrna vengono prima estratti dalle cellule, poi convertiti in cdna, con l uso della trascriptasi, e allo stesso momento marcati con una sonda fluorescente. In seguito all ibridazione fra la sonda presente sulla matrice e il cdna target, quest ultimo rimarrà legato alla sonda e potrà quindi essere identificato attraverso la rilevazione della posizione in cui è rimasto legato 3.] Il test è stato validato successivamente, dai ricercatori olandesi, in una casistica retrospettiva di 295 pazienti con tumore della mammella con linfonodi sia negativi (151) sia positivi (144), con età 52 anni, pt1 o pt2. Dieci delle 151 pazienti N-negativi e 120 delle 144 con N-positivi erano state trattate con chemioterapia o ormonoterapia adiuvante o entrambe 4. Lo studio ha evidenziato che la probabilità di sopravvivenza libera da metastasi a distanza era, a 10 anni, del 50,6% nel gruppo a cattiva prognosi e del 85% nel gruppo a buona prognosi (Figura 3). Il profilo pro- 12

14 gnostico risultava indipendente dallo stato linfonodale e, all analisi multivariata di Cox, risultava essere un fattore indipendente nel predire la prognosi. Una successiva e più accurata validazione, eseguita da Buyse (TRANSBIG consortium) su 307 pazienti, ha condotto sostanzialmente alle stesse conclusioni 5. Recentemente è stato pubblicato un altro studio di validazione retrospettiva nelle pazienti con carcinoma mammario diagnosticato negli anni , linfonodi ascellari negativi, pt1-2, età <55 anni, che ha confermato come la 70-gene prognosis signature sia un fattore prognostico indipendente anche nelle pazienti N- negativi diagnosticate negli ultimi anni. L analisi, anche se non ancora validata in uno studio prospettico, è stata recentemente approvata dalla FDA per le pazienti con tumore della mammella che hanno meno di 61 anni, stadio I o II, linfonodi negativi e dimensioni tumorali 5 cm. La Gene expression Grade Index signature (GGI) è un altra firma genetica di 97 geni implicati nella proliferazione e nel ciclo cellulare, in grado di discriminare le pazienti a rischio intermedio in due sottogruppi: basso grado genomico e alto grado genomico (6-97). In oltre 650 pazienti con tumore della mammella recettori positivi che non avevano ricevuto alcun trattamento sistemico adiuvante ad eccezione del tamoxifene, il grado genomico è risultato associato alla prognosi molto più delle variabili cliniche. Questi dati confermano quindi l importanza dei geni coinvolti nei processi di differenziazione e proliferazione tumorale nel sottogruppo di pazienti con recettori ormonali positivi. MammaPrint, la Gene expression Grade Index signature (GGI) ed un altra firma di 76 geni( perfezionata dai ricercatori di Rotterdam) sono state valutate in 197 pazienti con carcinoma mammario e linfonodi ascellari negativi che non avevano ricevuto alcuna terapia sistemica adiuvante, per valutarne la prognosi in termini di sopravvivenza libera da metastasi. Da questo studio è risultata una concordanza tra le tre firme genetiche del 68% (135/198), evidenziando che, nonostante le differenze nello sviluppo delle tre firme genetiche e la limitata sovrapposizione dei geni valutati, sono simili le informazioni prognostiche che queste analisi genetiche possono fornire 6. Analisi del profilo genico su campioni paraffinati Oncotype Dx, definito anche 21-gene recurrence score, è una analisi molecolare che utilizza la metodica della reazione polimerasica a catena della trascriptasi inversa. Questa Figura 4: Probabilità di Ripresa a distanza in pazienti con linfonodi ascellari negativi trattate con tamoxifene (NSABP B-14) in accordo alle categorie di Recurrence Score (Paik S et al, N Engl J Med 2004; ) No. at Risk Low risk Intermediate risk Hih risk Low risk Intermediate risk High risk 13

15 Novità nel Trattamento del Carcinoma Mammario tecnica di biologia molecolare permette l amplificazione e la quantificazione in tempo reale di definite molecole di RNA. Copie di DNA delle sequenze di RNA che devono essere studiate, vengono ottenute attraverso la trascriptasi inversa e la successiva amplificazione del DNA complementare grazie all utilizzo della reazione della polimerasi a catena. Il materiale tumorale utilizzato deve essere stato fissato per non oltre 24 ore in formalina, tamponata al 4%, poideve essere disidratato ed quindi incluso in paraffina. Oncotype Dx analizza 16 geni correlati al cancro e coinvolti nel processo di proliferazione neoplastica nella determinazione dell espressione dei recettori ormonali e dell HER2 e 5 geni di riferimento. Combinando i risultati in un recurrence score quantitativo, viene misurata la probabilità di recidiva a 10 anni e vengono definite tre categorie di rischio di ripresa: basso, intermedio e alto. L associazione tra recurrence score e ripresa di malattia a distanza è stata esaminata retrospettivamente in 668 pazienti con recettori ormonali positivi e linfonodi negativi trattati con Tamoxifene nell ambito dello studio NSABP B-14. Le percentuali di recidiva erano 7%, 14% e 30%, rispettivamente per le pazienti a basso, intermedio ed alto rischio 7 (Figura 4). Il ruolo del Recurrence Score relativamente al beneficio della chemioterapia adiuvante con CMF in pazienti con tumore della mammella linfonodi negativi e recettori ormonali positivi trattate con tamoxifene, è stato invece studiato nell ambito dell NSABP B E stato osservato che solo le pazienti con alti livelli del Recurrence Score beneficiavano della chemioterapia adiuvante (CMF) in aggiunta all ormonoterapia (tamoxifene). Risultati similari sono stati ottenuti in un analisi retrospettiva condotta nell ambito dello studio randomizzato 0100 del Southwest Oncology Group (SWOG) Intergroup 9. Recentemente è stato pubblicato uno studio che ha valutato il recurrence score nella core biopsy iniziale di pazienti in postmenopausa con tumore della mammella che ricevevano in modo prospettico tamoxifene o anastrozolo in neoadiuvante.le pazienti con basso recurrence score tendevano a rispondere meglio e ad aver una più lunga sopravvivenza libera da ripresa di malattia rispetto a quelle con recurrence score alto o intermedio; le percentuali di risposta erano simili tra il gruppo trattato con tamoxifene e quello trattato con anastrozolo. Queste osservazioni necessitano ovviamente di ulteriori validazioni 10. In due studi di fattibilità è stato inoltre riportato che le informazioni molecolari possono influire e cambiare le raccomandazioni cliniche in circa il 30% delle pazienti, favorendo generalmente un minor uso della chemioterapia adiuvante 11,12. Altra firma genetica che utilizza la reazione polimerasica a catena su tessuti paraffinati è stata determinata attraverso il rapporto tra l espressione di due geni, HOXB13 e IL17R ed è definita two-gene ratio (H/I). La sua validità è stata testata in casistiche retrospettive di pazienti con tumore della mammella, sia trattate con tamoxifene, sia non trattate con alcuna terapia ormonale adiuvante 13,14. Recentemente l accuratezza della determinazione H/I è stata migliorata dall aggiunta dell indice del grado molecolare, che più misura specificamente la proliferazione cellulare

16 Il fatto che diverse firme genetiche abbiano pochi geni in comune è stato inizialmente sorprendente: in realtà è una caratteristica comune di dati di espressione genica molto complessi che contengono un alto numero di variabili comunque tra loro correlate ed in uno studio in cui cinque diverse firme genetiche sono state testate sugli stessi dati, quattro di esse hanno riportato risultati sovrapponibili 16. Una meta-analisi dei dati clinici e di espressione genica condotta su circa 3000 tumori della mammella, ha supportato la correlazione tra il rischio di recidiva e il sottotipo molecolare 17,18. Alcune caratteristiche importanti sono emerse da questa analisi: i tumori basal-like e i tumori HER2-positivi hanno un alta espressione dei geni coinvolti nel processo di differenzazione del tumore, inclusi numerosi geni del ciclo cellulare e della proliferazione. Al contrario, i tumori con recettori ormonali positivi, insieme ai tumori luminal A e luminal B, sono molto eterogenei: il basso rischio associato con i tumori luminal A è dovuto essenzialmente a una bassa espressione dei geni correlati alla proliferazione. Tutte le firme genetiche sono molto utili nei tumori con recettori ormonali positivi perché permettono di identificare i tumori luminal a bassa proliferazione e quindi con un basso rischio di recidiva, ed i tumori basal-like e HER2-positivi, classificati ad alto rischio da tutte le firme genetiche. Questi risultati suggeriscono la possibilità di una vantaggiosa integrazione tra variabili genetiche e quelle cliniche al fine di costruire un più accurato modello predittivo. Analisi del profilo di espressione genica e indicazioni terapeutiche: quali ricadute oggi nella pratica clinica? Dal momento che il ruolo dei geni inclusi in queste firme genetiche nel determinare la prognosi non è completamente conosciuto, è spesso non chiaro quali caratteristiche cliniche o del tumore siano realmente misurate. Sebbene gli studi sopra citati abbiano validato retrospettivamente l analisi dei profili genici, questi ultimi sono difficilmente applicabili nella pratica clinica, perché sono stati estrapolati da popolazioni molto eterogenee per quanto riguarda le caratteristiche cliniche delle pazienti e da studi con differenti end-point. L utilità di queste analisi nel processo decisionale clinico rimane una questione ancora aperta. Nessuno studio prospettico randomizzato ha dimostrato che una delle analisi di profilo genetico possano predire il beneficio clinico della chemioterapia adiuvante. Oncotype DX ha dimostrato di prevedere tale beneficio in una analisi retrospettiva condotta nella casistica dello studio NSABP-B20 8, evidenziando che l aggiunta della chemioterapia (CMF) alla terapia ormonale con tamoxifene non aggiunge alcun beneficio alle donne definite a basso rischio, mentre risulta importante nelle donne ad alto rischio. Queste informazioni risultano di notevole interesse clinico, ma necessitano di una validazione prospettica. Attualmente la più grande sfida è infatti rappresentata dall applicazione dei profili genici nella pratica clinica. A tal fine, due trials randomizzati in corso, TAILORx (Trial Assigning IndividuaLized Options for Treatment) e MINDACT (Microarray In Node- 15

17 Novità nel Trattamento del Carcinoma Mammario tabella 1: studi RAnDOMIzzAtI PROsPEttICI In CORsO MInDACt tailorx Criteri di Linfonodi negativi, Linfonodi negativi elegibilità ER-positivi o PR-positivi, Linfonodi positivi 1-3, HER2-negativo, ER-positivi o PgR-positivi, T1-3 HER2-negativo, T1-2 Firma genetica MammaPrint Oncotype Dx tessuto Congelato entro un ora Paraffinato tumorale dalla chirurgia End-point Distant Metastatis- Disease Free-Survival, Distant primario Free Survival Recurrence-Free Interval Recuurrence-Free Interval, OS nel gruppo con RS negative Disease may Avoid ChemoTherapy) valuteranno prospetticamente la validità dei profili genici Oncotype DX e Mammaprint (Tabella 1). Lo studio MINDACT (Tabella 2) è uno studio multicentrico, prospettico, di fase III, che prevede l arruolamento di 6000 pazienti con linfonodi negativi e recettori ormonali positivi, nell arco di circa 3 anni, e che confronta il profilo genico valutato con MammaPrint rispetto ai comuni criteri clinico-patologici (Adjuvant!online) per la valutazione del rischio di ripresa e per la selezione delle pazienti candidate a chemioterapia adiuvante. Infatti, mentre le pazienti classificate come a basso rischio sia da MammaPrint che da Adjuvant!online (circa il 10%), non riceveranno alcuna chemioterapia e le pazienti ad alto rischio per entrambi i criteri (circa il 55%) effettueranno chemioterapia adiuvante, le pazienti con criteri discordanti (35%) saranno randomizzate ad utilizzare MammaPrint o Adjuvant!online per determinare la scelta terapeutica. L obiettivo pri- tabella 2: MInDACt: DIsEGnO DEllO studio Evaluate clinico-pathological risk (Adjuvant!) AND 70-gene signature risk Clinical pathological AND 70-gene signature HIGH risk Discordant cases Clin-Path HIGH risk 70-gene LOW risk Clin-Path LOW risk 70-gene HIGH risk Clinical pathological AND 70-gene signature LOW risk Use Clin-Path risk to decide on adjuvant chemotherapy or not R Use 70-gene risk to decide on adjuvant chemotherapy or not Chemotherapy All horomone responsive patients receive endocrine therapy No chemotherapy 16

18 tabella 3: tailorx: DIsEGnO DEllO studio Pre-REGISTER ONCOTYPE DX ASSAY REGISTER Specimen Banking Secondary Study Group 1 RS < 11 ~29% of Population Primary Study Group RS ~44% of Population Secondary Study Group 2 RS > 25 ~27% of Population ARM A Hormonal Therapy Alone RANDOMIZE Stratidfication Factors: Tumor Size, Menopausal Status, Planned Chemo, Planned Radiation ARM D Chemoterapy Plus Hormonal Therapy ARM B Hormonal Therapy Alone ARM C Chemotherapy Plus Hormonal Theraphy Le soglie di Recurrence Score scelte nello studio sono inferiori a quelle convenzionalmente utilizzate per designare alto rischio (punteggio 30) e basso rischio (punteggio <18). mario dello studio è quello di confermare se pazienti a basso rischio molecolare e ad alto rischio clinico possono evitare la chemioterapia senza influenzare negativamente la Distant Metastatis-Free Survival. Il TAILORx (Tabella 3) arruolerà pazienti operate per carcinoma mammario con linfonodi ascellari negativi e recettori ormonali positivi: le pazienti con un Recurrence Score valutato con Oncotype Dx 11 riceveranno solo ormonoterapia, mentre le pazienti con un punteggio >25 effettueranno chemioterapia associa- ta ad ormonoterapia. Le pazienti con Recurrence Score compreso tra 11 e 25 verranno randomizzate tra sola ormonoterapia e ormonoterapia associata a chemioterapia e l obiettivo primario è rappresentato dalla Disease-Free Survival, dal Distant Recurrence- Free Interval, dal Recuurrence-Free Interval e dalla OS. MINDACT e TAILORX forniranno informazioni importanti sul valore clinico di MammaPrint e Oncotype Dx e consentiranno la validazione di questi due test. 17

19 Novità nel Trattamento del Carcinoma Mammario bibliografia 1. Perou CM, Sorlie T, Eisen MB, et al. Molecular portraits of human breast tumours. Nature 2000;406: Sorlie T, Perou CM, Tibshuirani R, et al. Gene expression patterns of breast carcinomas distinguish tumor subclasses with clinicalò implications. PNAS 2001; 98: Marchionni L, Systematic Review: Gene Expression Profiling Assays in Early-Stage Breast Cancer, Annals Internal Medicine Van de Vijver MJ, He YD, van t Veer LJ, et al. A gene-expression signature as a predictor of survival in breast cancer.n Engl J Med 2002;347: Buyse M, Loi S, van t Veer L, et al. Validation and clinical utility of a 70- gene prognostic signature for women with nodenegative breast cancer. J Natl Cancer Inst 2006;98: Haibe-Kains B, Desmedt C, Piette F, et al. Comparison of prognostic gene expression signatures for breast cancer. BMC Genomics 2008;9: Paik S, Shak S, Tang G, et al. A multigene assay to predict recurrence of tamoxifen- treated, node-negative breast cancer. N Engl J Med 2004;351: Paik S, Tang G, Shak S, et al. Gene expression and benefit of chemotherapy in women with node-negative, estrogen receptor-positive breast cancer. J Clin Oncol 2006;24: Albain K, Barlow W, Shak S, et al. Prognostic and predictive value of the 21- gene recurrence score assay in postmenopausal, node-positive, ER-positive breast cancer (S8814,INT0100). Breast Cancer Res Treat 2007;106:Suppl:S10. abstract. 10. Akashi Tanaka S, Shimizu C, Ando M et al. 21-Gene expression profile assay on core needle biopsies predicts responses to neoadjuvant endocrine therapy in breast cancer patients). Breast Jun;18(3): Liang H, Burfsky AM, Lembersky BB, et al. A retrospective analysis of the impact of OncotypeDX low recurrence score results on treatment decisions in a single academic breast cancer center. Breast Cancer Res Treat 2007;106:Suppl:S105. abstract. 18

20 12. Mumby PB, Lo SS, Norton J, et al. Prospective multicenter study of the impact of the 21-gene recurrence score assay on patient satisfaction, anxiety and decisional conflict for adjuvant breast cancer treatment selection. Breast Cancer Res Treat 2007;106:Suppl:S73. abstract. 13. Ma XJ, Hilsenbeck SG, Wang W, et al. The HOXB13:IL17BR expression index is a prognostic factor in early-stage breast cancer. J Clin Oncol 2006;24: Jansen MP, Sieuwerts AM, Look MP, et al. HOXB13-to-IL17BR expression ratio is related with tumor aggressiveness and response to tamoxifen of recurrent breast cancer: a retrospective study. J Clin Oncol 2007;25: Ma XJ, Salunga R, Dahiya S, et al. A five-gene molecular grade index and HOXB13:IL17BR are complementary prognostic factors in early stage breast cancer. Clin Cancer Res 2008;14: Fan C, Oh DS, Wessels L, et al. Concordance among gene-expression based predictors for breast cancer. N Engl J Med 2006;355: Desmedt C, Haibe-Kains B, Wirapati P, et al. Biological processes associated with breast cancer clinical outcome depend on the molecular subtypes. Clin Cancer Res 2008;14: Wirapati P, Sotiriou C, Kunkel S, et al. Meta-analysis of geneexpression profiles in breast cancer: toward a unified understanding of breast cancer subtyping and prognosis signatures. Breast Cancer Res 2008;10:R65. 19

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti A Si ringraziano la dottoressa in Scienze Naturali Stephanie Züllig, il dottore in

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 A cura di: Intermedia editore Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Presentando le cellule staminali

Presentando le cellule staminali Presentando le cellule staminali 1 Alcune note prima di iniziare Questa presentazione va considerata come uno strumento flessibile per scienziati, divulgatori scientifici ed insegnanti. Non tutte le diapositive

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE

USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE S. Morlino, T. Ranca/,C. Fiorino, V. Carillo, C. Cozzarini, G. Fellin, V.

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico. Linea di ricerca. Via Gattamelata, 64 35128 Padova

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico. Linea di ricerca. Via Gattamelata, 64 35128 Padova ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico Linea di ricerca Via Gattamelata, 64 35128 Padova Linea di ricerca 8 Immunologia dei tumori e approcci terapeutici Innovativi

Dettagli

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia 5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia Attualmente in Italia la genomica per malattie complesse ha trovato un applicazione pratica in un numero molto ristretto di situazioni. I test

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 2 A cura di: Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it 3 Prefazione

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Catene Leggere Libere nel Siero

Catene Leggere Libere nel Siero Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Lo screening mammografico La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Indice 03 Gli esperti raccomandano la mammografia nell ambito di un programma di screening 04 Che

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI NUMEROUMERO 25 OTTOBRE 2012 All interno: pag.2-5 Bevacizumab 1

Dettagli

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI 14 Fondazione Umberto Veronesi - Piazza Velasca 5, 20122 Milano Tel. +39 02

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I)

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ESEMPIO 1 (continua): La costruzione del modello di Cox viene effettuata tramite un unico comando. Poiché il modello contiene una covariata categoriale

Dettagli

Raccomandazioni per l'impostazione di un Curriculum Globale in Oncologia Medica

Raccomandazioni per l'impostazione di un Curriculum Globale in Oncologia Medica Raccomandazioni per l'impostazione di un Curriculum Globale in Oncologia Medica ESMO-ASCO Task Force on Global Curriculum in Medical Oncology (Task Force ESMO-ASCO per il Curriculum Globale in Oncologia

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione

LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione Stime di rischio stocastico e detrimento sanitario G. Trenta, AIRM, Roma L IPOTESI PORTANTE: LNT Ancorché ci siano riconosciute eccezioni, per i

Dettagli

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro Come affrontare il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il tumore del pancreas colpisce ogni anno in Italia circa 12.200 persone. Purtroppo si tratta di una malattia complessa, aggressiva, diagnosticata

Dettagli

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia Come prevenire il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il pancreas e il tumore Il pancreas è un organo dalla forma simile a quella di una pera o di una lingua, situato in profondità nella cavità

Dettagli

Cos'é un test genetico predittivo?

Cos'é un test genetico predittivo? 16 Orientamenti bioetici per i test genetici http://www.governo.it/bioetica/testi/191199.html IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Autorizzazione al trattamento dei dati genetici - 22 febbraio

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa Scheda informativa Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa I preparati ormonali vengono impiegati da anni nelle donne durante e dopo la menopausa per alleviare i disturbi del climaterio.

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari ANTONELLA GROSSO Corso di Immunologia Molecolare ILAN RIESS LA MOLECOLA Interleukin 4 From Wikipedia, the free encyclopedia Interleukin-4, abbreviated

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

Radiodays. Elio e le Storie Tese

Radiodays. Elio e le Storie Tese Radiodays Elio e le Storie Tese EFFETTI DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI SULL UOMO Elio Giroletti Dip. Fisica nucleare e teorica, Università di Pavia Ist. Naz. di Fisica Nucleare Sez. Pavia elio.giroletti@pv.infn.it

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 Cisteina di 3 gruppo (176) Unità ripetute ricche di leucina Cisteine di 2 gruppo

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli