I N D I C E. Mobilità e trasporti sostenibili pag. 93 Qualità dell ambiente e della vita pag Servizi ambientali pag. 114

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I N D I C E. Mobilità e trasporti sostenibili pag. 93 Qualità dell ambiente e della vita pag. 107. Servizi ambientali pag. 114"

Transcript

1

2

3 I N D I C E SEZIONE 1 Caratteristiche generali della popolazione, del territorio, dell economia insediata e dei servizi dell ente pag. 1 - Popolazione pag. 3 - Territorio pag 21 - Servizi pag. 22 SEZIONE 2 Analisi delle risorse pag Considerazioni generali sui mezzi finanziari disponibili pag Considerazioni generali sugli impieghi delle risorse pag. 63 SEZIONE 3 Programmi e progetti pag. 87 a) PER UNA CITTA VIVIBILE pag. 91 Mobilità e trasporti sostenibili pag. 93 Qualità dell ambiente e della vita pag. 107 Servizi ambientali pag. 114 Verde ed arredo urbano pag. 119 Sviluppo del territorio pag. 129 Politiche dell abitare e demanio comunale pag. 146 Servizi alla famiglia: infanzia e minori, anziani, fasce deboli, disabili e stranieri pag 157 Salute pag. 181 Sport, giovani e tempo libero pag. 192 Aree cittadine e consigli di zona pag. 199

4 b) PER UNA CITTA SEMPLICE ED EFFICIENTE pag. 207 Servizi al cittadino: anagrafe, stato civile, leva militare, servizi elettorali e servizi funebri pag. 209 Un amministrazione snella e trasparente pag. 215 Innovazione e capitale umano pag. 221 Sviluppo delle categorie produttive pag. 228 Politiche del lavoro e dell occupazione pag. 239 c) PER UNA CITTA SICURA DI SE pag. 247 Contro le nuove povertà pag. 249 Garantire una città più sicura pag. 257 Garantire una cultura accessibile a tutti pag. 263 d) FUNZIONALITA INTERNA pag. 273 SEZIONE 4 Stato di attuazione dei programmi deliberati negli anni precedenti e considerazione sullo stato di attuazione pag. 295 SEZIONE 5 Rilevazione per il consolidamento dei conti pubblici (Art. 170, comma 8, D. L.vo 267/2000) pag. 355 Quadro di sintesi della programmazione triennale degli investimenti pag. 361 Servizi a domanda individuale pag. 365

5

6 SEZIONE 1 Caratteristiche generali della popolazione, del territorio, dell economia insediata e dei servizi dell ente 1 Sezione 1 Popolazione, territorio, economia insediata e servizi dell ente

7 2 Sezione 1 Popolazione, territorio, economia insediata e servizi dell ente

8 1.1 - POPOLAZIONE Popolazione legale al censimento 2001 (*) n Popolazione residente alla fine del penultimo anno precedente (art. 156 D.L.vo 267/2000) n di cui maschi n femmine n nuclei familiari (dato anagrafico) n comunità/convivenze n Popolazione all (**) n (penultimo anno precedente) Nati nell anno n Deceduti nell anno n saldo naturale n Immigrati nell anno n Emigrati nell anno n saldo migratorio n Popolazione al (***) n (penultimo anno precedente di cui: dati fonte anagrafica) ** In età prescolare (0/6 anni) n n In forza lavoro 1 a occupazione (15/29 anni) n In età adulta (30/65 anni) n In età senile (oltre 65 anni) n Tasso di natalità ultimo quinquennio Anno Tasso ,42 0 / ,82 0 / ,57 0 / ,62 0 / ,41 0 / Tasso di mortalità ultimo quinquennio Anno Tasso ,42 0 / ,46 0 / ,40 0 / ,46 0 / ,51 0 / Popolazione massima insediabile come da strumento urbanistico vigente abitanti n (*) sulla Gazzetta Ufficiale n.81 del 7 aprile 2003 è stata pubblicata la Popolazione Legale risultante dal XIV censimento generale della popolazione e abitazioni 20 ottobre 2001 che costituisce la nuova base per il calcolo della popolazione. (**) I dati relativi alle classi di età fanno riferimento alla popolazione iscritta in anagrafe al (***) La tempistica della definizione delle pratiche in anagrafe non consente una piena corrispondenza tra i valori di stock e i valori di flusso. 3 Sezione 1 Popolazione, territorio, economia insediata e servizi dell ente

9 L andamento demografico. Nel corso dell ultimo decennio le trasformazioni intervenute nella popolazione milanese - con riferimento tanto all aspetto dimensionale che a quello strutturale - sono state assai significative, e lasciano intravedere un seguito importante anche negli anni a venire, così come documentato dai dati proiettivi tratti dal modello demografico del Servizio Studi del Settore Statistica del Comune di Milano. (Per consultare i dati proiettivi si rimanda al sito La tabella 1 dove è racchiusa la serie storica relativa alla popolazione distinta per genere - estesa anche ad alcuni anni futuri - mette in evidenza come il calo demografico, sempre più consistente, continuerà a manifestarsi anche nel breve-medio periodo. Tab. 1 Popolazione residente (anni 2005 e successivi: dati proiettati) Anno Maschi Femmine Totale Fonte: Settore Statistica. Nota: Anni : popolazione ricostruita; anni 2005 e successivi: popolazione proiettata (ipotesi evolutiva intermedia:fecondità stabile e migratorietà nulla; base 2004). Nella tabella 2 invece, sono riportate le maggiori trasformazioni che riguardano la struttura demografica per età. L indice di vecchiaia denota un invecchiamento demografico iniziale che si riduce negli anni successivi a causa della ripresa della natalità (nel 2002 infatti si contavano 203,3 anziani ultra 65-enni ogni 100 giovani in età 0-14, oggi invece se ne annoverano 200,4). Se le prospettive a breve termine si conformano al trend più recente, con un ulteriore contrazione dell indice (200,2 al 2009) quelle a medio termine invece, evidenziano un nuovo e netto processo di invecchiamento della popolazione. La diversificazione di genere è estremamente spiccata tanto rispetto al livello quanto al trend: l indice maschile infatti subirà (a partire dal 2009) un incremento di 12,2 unità, quello femminile invece, ben più elevato, subirà un incremento ancora più netto di circa 16 unità. 4 Sezione 1 Popolazione, territorio, economia insediata e servizi dell ente

10 Tab. 2 Indice di vecchiaia Anno Maschi Femmine Totale ,9 258,0 203, ,8 257,0 203, ,2 253,2 201, ,7 252,9 201, ,3 251,7 200, ,3 251,2 200, ,4 250,9 200, ,8 250,7 200, ,0 266,9 214,3 Nota: Valori percentuali. Fonte: Settore Statistica. Osservando oltre all indice di vecchiaia anche quello del carico sociale (tab. 3) è possibile notare come l avvicendamento tra le generazioni abbia causato, nei primi anni del nuovo secolo, un aumento ininterrotto del peso relativo dei segmenti di popolazione non ancora (0-14 anni) o non più (65 anni e oltre) produttiva, rispetto alla fascia di età attiva: l indice di carico giovanile infatti è passato dal 17,1% del 2002 al 18,8% del 2006 e raggiungerà il 20,5% da qui al 2014; quello della popolazione anziana invece si è evoluto dal 34,7% al 37,7% negli ultimi 4 anni, per raggiungere il 44% nel Tab. 3 Indice di carico sociale Anno Maschi Femmine Totale Indice carico sociale giovani Indice carico sociale anziani Indice carico sociale giovani Indice carico sociale anziani Indice carico sociale giovani Indice carico sociale anziani ,0 27,3 16,2 41,8 17,1 34, ,5 28,2 16,7 42,8 17,5 35, ,5 28,1 16,9 42,9 17,7 35, ,1 29,1 17,5 44,3 18,3 36, ,6 29,9 18,0 45,4 18,8 37, ,1 30,6 18,5 46,4 19,3 38, ,4 31,2 18,9 47,3 19,6 39, ,8 31,7 19,2 48,2 20,0 40, ,1 34,8 19,9 53,2 20,5 44,0 Nota: Valori percentuali Fonte: Settore Statistica. Per quanto riguarda la natalità, nel 2005 si assiste ad una leggera diminuzione rispetto al Infatti le nascite nel 2005 sono state contro i nati nel 2005, mentre cresce la quota di nascite al di fuori del matrimonio (4.181 che rappresentano il 34 % dei bambini nati nel corso dell anno). Il numero di bambini nati da madre cittadina straniera è di pari al 25,6 %, mentre i bambini con almeno un genitore straniero sono il 29,6 % (3.691) del totale dei nati. 5 Sezione 1 Popolazione, territorio, economia insediata e servizi dell ente

11 La scolarità e l istruzione Se è vero che le trasformazioni interessano l intera struttura demografica per età, tuttavia quelle che in questo contesto richiamano maggiormente la nostra attenzione riguardano soprattutto la popolazione scolastica del ciclo dell obbligo, per la quale nel decennio è previsto un incremento numerico molto consistente ovvero almeno 11 mila unità per quanto riguarda le scuole elementari e circa 7 mila unità per le medie inferiori (fig. 1). Fig. 1 Popolazione scolastica (residenti) Maschi Fem m ine Materna Materna Elementari Elementari Medie Medie T o t a l e M a t e r n a E l e m e n t a r i M e d i e Nota: ipotesi evolutiva intermedia: fecondità stabile e migratorietà nulla; base Sezione 1 Popolazione, territorio, economia insediata e servizi dell ente

12 La trasformazione della struttura per età nel prossimo decennio impatterà certamente sul bisogno differenziale di servizi e, per avere un quadro più specifico e comprendere quali potranno essere le linee evolutive cui far fronte, possiamo considerare il livello di istruzione della popolazione residente nel comune di Milano e confrontarlo con quello lombardo e italiano basandoci sui dati ufficiali forniti dall ultimo censimento del 21 Ottobre (Per i dati e indicatori a livello comunale e infracomunale è possibile consultare il sito mentre per quanto riguarda i livelli territoriali superiori si rimanda al sito Tab. 1 Popolazione residente con meno di 6 anni per frequenza asilo nido / scuola materna / prima elementare - Censimento Frequentanti Asilo nido Scuola materna 1 elementare Totale Non Frequentanti Totale percentuali COMUNE DI MILANO Maschi 13,3 46,7 2,4 62,4 37,6 100,0 Femmine 13,0 46,1 2,3 61,4 38,6 100,0 Totale 13,1 46,4 2,4 61,9 38,1 100,0 LOMBARDIA Maschi 6,3 47,5 2,6 56,4 43,6 100,0 Femmine 5,9 47,4 2,6 55,9 44,1 100,0 Totale 6,1 47,5 2,6 56,1 43,9 100,0 ITALIA Maschi 6,1 47,6 2,6 56,3 43,7 100,0 Femmine 5,8 47,6 2,6 56,0 44,0 100,0 Totale 6,0 47,6 2,6 56,1 43,9 100,0 Fonte: Settore Statistica. Nota: Valori Come si può osservare nella tabella 1, la popolazione con meno di sei anni di età, composta da unità, è così suddivisa: il 13,1% frequenta l asilo nido; il 46,4% frequenta la scuola materna; il 2,4% frequenta la prima elementare mentre il 38,1% non frequenta né l asilo nido, né la scuola materna, né la prima elementare. Il confronto dei dati comunali con quelli regionali e nazionali, fra loro molto omogenei, mette in evidenza che il comune di Milano ha una frequenza presso gli asili nidi molto più alta (13% vs 6%) e un livello di non frequenza più basso (38% vs 44%). Per quanto riguarda invece la popolazione con più di sei anni di età, composta da unità, la distribuzione è la seguente: lo 0,5% è analfabeta; il 5,6% è alfabeta ma privo di titolo di studio; il 16,9% ha la licenza di scuola elementare; il 27,9% ha la licenza di scuola media inferiore o di avviamento professionale; il 31,5% ha la licenza di scuola secondaria superiore mentre il 17,6% ha in mano un diploma o una laurea. Confrontando, anche in questo caso, i dati comunali con quelli regionali e nazionali, si evince che a Milano la frequenza di soggetti con laurea è nettamente maggiore sia rispetto alla Lombardia che all Italia (17% vs 8%) mentre quella relativa agli alfabeti privi di titolo di studio è più o meno omogenea rispetto allo standard lombardo (5% vs 7%) e minore rispetto a quello nazionale (5% vs 10%). In questo contesto la stratificazione rispetto al genere mette in luce che fra i laureati a prevalere è sempre la componente maschile ma se a Milano questa differenza di genere è ancora incisiva in Lombardia e in Italia invece non è più così netta (tab. 2). 7 Sezione 1 Popolazione, territorio, economia insediata e servizi dell ente

13 Laurea Diploma di scuola secondaria superiore Tab. 2 Popolazione residente di 6 anni e più per grado di istruzione - Censimento Alfabeti privi di titoli di Licenza di scuola media inferiore o di avviamento professionale Licenza di scuola elementare Totale studio di cui: in età da 65 anni in poi Totale Analfabeti di cui: in età da 65 anni in poi COMUNE DI MILANO Maschi 18,5 33,0 28,3 14,6 5,2 0,7 0,4 0,1 100,0 Femmine 15,5 30,2 27,5 20,2 5,9 1,9 0,6 0,3 100,0 Totale 16,9 31,5 27,9 17,6 5,6 1,3 0,5 0,2 100,0 LOMBARDIA Maschi 8,1 27,6 35,0 22,7 6,3 0,9 0,4 0,1 100,0 Femmine 7,6 26,2 28,9 29,6 7,1 2,3 0,6 0,3 100,0 Totale 7,8 26,9 31,8 26,3 6,7 1,6 0,5 0,2 100,0 ITALIA Maschi 7,6 26,6 33,6 22,8 8,4 2,2 1,1 0,6 100,0 Femmine 7,4 25,2 26,9 27,8 10,8 4,7 1,8 1,3 100,0 Totale 7,5 25,9 30,1 25,4 9,7 3,5 1,5 1,0 100,0 Nota: Valori percentuali Fonte: Settore Statistica. Per esplicitare ancor più il livello di istruzione nel comune è bene precisare che il tasso di iscrizione e frequenza alle scuole (0-14 anni) raggiunge l 82%, rimanendo omogeneo a livello sia nazionale che regionale, rispettivamente 81% e 80%. Il tasso di non conseguimento della licenza della scuola dell obbligo (15-52 anni) invece, che a Milano è circa pari al 6%, è nettamente minore sia rispetto a quello nazionale (10%) sia a quello regionale (9%). Puntando invece l attenzione sui dati ufficiali più recenti le conclusioni che si possono trarre in relazione al livello d istruzione della popolazione milanese sono le seguenti. Alunni iscritti. La popolazione scolastica milanese - iscritta alle scuole di ogni ordine e grado, statali e non statali, presenti sul territorio comunale - consta di unità nell A.S Rispetto all anno scolastico precedente, si conferma l andamento positivo, con una crescita complessiva di oltre mille alunni (+1.024). La messa a confronto con la corrispondente fascia di popolazione residente in età scolare (dai tre ai diciotto anni), pari a , evidenzia una differenza positiva fra utenza effettiva (iscritti) del sistema di istruzione cittadino e utenza potenziale (residenti) di circa 26 mila unità. A determinare un offerta formativa reale (alunni frequentanti) superiore alla domanda teorica di istruzione (gli aventi diritto) è in modo prevalente il pendolarismo di studio dai paesi confinanti verso le istituzioni secondarie superiori milanesi. Tab. 3 Popolazione scolastica - A.S Residenti in età Tasso di Grado di insegnamento Alunni iscritti scolare iscrizione Scuola dell infanzia ,15 Scuola primaria ,93 Scuola secondaria di primo grado ,95 Scuola secondaria di secondo grado ,39 Totale ,29 Totale 8 Sezione 1 Popolazione, territorio, economia insediata e servizi dell ente

14 La scelta delle famiglie milanesi per l insegnamento impartito dalle istituzioni educative non statali sembra decrescere con l età dei figli: un bambino ogni quattro frequenta una scuola dell infanzia gestita da ordini religiosi o associazioni laiche; un fanciullo ogni cinque è inserito nelle strutture paritarie del primo ciclo dell istruzione. In modo puntuale, gli alunni iscritti alle unità scolastiche private sono pari al 25,44% nell educazione per l infanzia, al 20,87% nell istruzione primaria e al 18,54% nella secondaria di primo grado. Gli studenti della scuola secondaria superiore che frequentano gli istituti non statali sono il 16,56%, ma a questo livello altri fattori si inseriscono nel determinare il rapporto fra insegnamento pubblico e insegnamento privato quali l offerta per tipologia di studio presente sul territorio comunale e l afflusso considerevole di ragazzi provenienti dai comuni limitrofi. Dispersione scolastica. Particolare attenzione va dedicata alle forme di dispersione scolastica: le difficoltà di riuscita si presentano già nella scuola elementare e crescono in maniera inquietante nei gradi successivi di insegnamento. Nella tradizionale istruzione dell obbligo gli alunni di età superiore a quella regolare rappresentano il 4,43% nella scuola primaria e il 13,52% nella secondaria di primo grado; i ritardi sono imputabili alla ripetenza di un anno di corso o all inserimento dei neoimmigrati in classe inferiore a quella corrispondente all età, a causa della scarsa conoscenza della lingua italiana; in forme assai più contenute l irregolarità riguarda gli alunni diversamente abili (portatori di handicap). Nella scuola secondaria di secondo grado, nelle classi prime, un allievo su quattro (25,41%) ha più di quattordici anni, per essere stato bocciato nell anno scolastico precedente o per aver conseguito in ritardo la licenza media. Nell ultimo anno di corso, gli studenti che si presentano agli esami di Stato con una età superiore a quella prevista costituiscono il 30,35%. Precisamente, su cento futuri candidati agli esami di diploma, 70 hanno diciannove anni; 20 uno in più; 10 due o più anni di irregolarità. Alunni con cittadinanza non italiana. Una sfida relativamente nuova per il sistema di istruzione milanese è rappresentata dalla partecipazione degli alunni di lingua madre non italiana, cresciuta in modo esponenziale negli ultimi anni. Nell A.S gli allievi con cittadinanza straniera formano una comunità multilinguistica di oltre 22 mila unità (22.208), pari al 12,66% dell intera popolazione iscritta; il valore percentuale supera il 15% nell educazione per l infanzia e nel primo ciclo dell istruzione. Nelle aule scolastiche milanesi le nazioni più rappresentate sono le Filippine, la Cina, l Ecuador, l Egitto e il Perù. Nella tradizionale scuola dell obbligo, la consistenza degli allievi di estrazione linguistica diversa da quella italiana è quasi triplicata negli ultimi cinque anni, come riportato di seguito. Fig. 2 Popolazione iscritta con cittadinanza non italiana Scuola Prim aria Scuola Secondaria I Tab. 4 Popolazione iscritta con cittadinanza non italiana Grado di insegnamento Scuola primaria % su totale iscritti 6,48 7,74 10,98 12,99 16,32 16,95 Scuola secondaria I % su totale iscritti 5,65 6,71 10,03 12,59 16,00 16,75 9 Sezione 1 Popolazione, territorio, economia insediata e servizi dell ente

15 Diplomati. Nell a.s , presso gli istituti secondari di secondo grado della città, i giovani che ottengono il diploma sono , di cui 571 (sei su cento) si sono presentati agli esami di Stato in qualità di candidati esterni. I valutati positivamente sul totale degli allievi esaminati rappresentano il 95,01%. Gli alunni delle istituzioni paritarie risultano più preparati (97,26% promossi) degli studenti statali (94,34%). La metà dei giovani diplomati esce dal sistema di istruzione scolastica con una preparazione giudicata modesta: il 45,99% ottiene un punteggio compreso fra 60 e 70. Studenti universitari. Nell anno accademico , la popolazione universitaria, iscritta ai differenti corsi di laurea, regolati dal vecchio o dal nuovo ordinamento, che hanno come sede didattica Milano, è composta da studenti, di cui il 53,53% sono donne. Tuttavia, permangono fortemente ancorati alla tradizione le scelte formative delle ragazze. Sia complessivamente, che fra le nuove matricole, le discipline preferite dalle donne restano quelle che preparano all insegnamento o afferenti all area umanistica. La variazione in aumento delle matricole si conferma sul valore di 1,27%. A Milano, le facoltà che hanno maggiore capacità di attrazione restano Economia (14,16% sul totale iscritti), Lettere e filosofia (13,60%), Ingegneria (12,63%). I corsi di laurea di tipo scientifico (Scienze matematiche, fisiche e naturali) sui quali, a livello europeo, sono riposte le aspettative di crescita futura del progresso economico sociale, sono frequentati da 8 studenti ogni 100 universitari. Nell anno solare 2004, gli studenti milanesi che hanno completato con successo gli studi accademici sono Di questi poco più della metà (18.756) ha conseguito il tradizionale diploma di laurea, mentre un giovane su tre (12.306) ha ottenuto la laurea triennale. La restante quota (712) raggruppa le lauree specialistiche, raggiunte in prevalenza nelle facoltà di Medicina. Il confronto quinquennale con il 1999 fa emergere un trend positivo dei neodottori del vecchio ordinamento, che cresce in modo costante ma contenuto (+1,87% nel 2004 rispetto al 1999). Alle lauree tradizionali si aggiungono, a partire dal 2003 e in misura più marcata nel 2004, quando cominciano a manifestarsi gli effetti delle innovazioni normative, i diplomi conseguiti negli assetti riformati, le cui entità fanno salire in modo intenso e improvviso il numero complessivo dei giovani che raggiungono un titolo accademico ( unità). Tab. 5 Iscritti per facoltà / area disciplinare - A.A Composizione percentuale Donne per 100 iscritti TOTALE 100,0 53,5 Agraria 1,5 38,2 Architettura 8,2 48,6 Economia - Statistica - Scienze bancarie 15,0 43,9 Farmacia 1,9 71,5 Giurisprudenza 9,1 60,4 Ingegneria 12,6 16,4 Lettere e filosofia - Lingue 16,4 73,8 Medicina 6,2 64,1 Psicologia 3,3 79,8 Scienze comunic.ne spettacolo 3,3 66,6 Scienze della formazione 5,1 86,7 Scienze matem. fisiche naturali 8,1 37,6 Scienze motorie 0,7 40,3 Scienze politiche e sociologia 7,8 56,6 10 Sezione 1 Popolazione, territorio, economia insediata e servizi dell ente

16 Il lavoro e l economia Industria e Servizi. Anche per quest anno vengono riproposti i dati relativi all Ottavo Censimento dell Industria e dei Servizi, riferito al 22 ottobre 2001, in quanto costituiscono l unica vera fonte ufficiale di indagine sull universo delle imprese milanesi. A quella data sono state rilevate imprese (di cui artigiane) e unita locali, per un totale addetti pari a Il censimento 1991 aveva fatto registrare imprese, per un totale di unità locali e addetti (64,4 addetti ogni 100 abitanti contro il 48,3% di media provinciale). Ciò significa che le imprese hanno evidenziato nel decennio un incremento del 59%, le unità locali del 53% mentre gli addetti sono cresciuti del 6%. Tab. 1 Imprese, Unità locali, Addetti Imprese Unità locali Addetti Var % 59% 53% 6% Fonte: Settore Statistica Per leggere correttamente questi dati è opportuno ricorrere all analisi per classi d addetti. Infatti l incremento del 59% sulle imprese e del 53% sulle unità locali è motivato dall aumento considerevole (+174%, da del 1991 a del 2001 ) delle imprese unipersonali e dalla crescita delle imprese con 2 addetti (+15% sulle unità locali). Il tasso di variazione 91/2001 delle unità locali tende a diminuire col crescere della fascia di addetti fino a toccare il valore di -86% per la fascia unità locali con oltre 100 addetti. Il 40% delle unità locali censite nel 2001 (cui corrisponde il 32% del totale addetti) svolge attività immobiliari, noleggio, informatica ricerca, e altre attività professionali. In ordine decrescente di tasso di composizione percentuale sul totale delle unità locali censite segue il settore del commercio all ingrosso e dettaglio, che copre il 22,2% delle unità locali e il 17,7% degli addetti. Tab. 2 Unità locali e addetti censiti nel 1991 e 2001, per sezione di attività economica Variazione % 01/ 91 SEZIONE DI ATTIVITA' ECONOMICA U.L. addetti U.L. addetti U.L. addetti Agricoltura Caccia e silvicoltura Pesca, piscicultura e servizi connessi Estrazione di minerali Attività manifatturiere Produzione e distrib. energia elettrica, gas e acqua Costruzioni Commercio all'ingrosso e al dettaglio Alberghi e ristoranti Trasporti, magazzinaggio e comunicazioni Intermediazione monetaria e finanziaria Attività immobiliari, noleggio, informatica ricerca, attiv. prof Istruzione Sanità e altri servizi sociali Altri servizi pubblici sociali e personali TOTALE Fonte: Settore Statistica 11 Sezione 1 Popolazione, territorio, economia insediata e servizi dell ente

17 Tab. 3 Unità locali e addetti censiti nel 1991 e 2001, per sezione di attività economica. - Composizione percentuale SEZIONE DI ATTIVITA' ECONOMICA U. L. addetti U. L. addetti Agricoltura Caccia e silvicoltura 0,0 0,0 0,1 0,0 Pesca, piscicoltura e servizi connessi 0,0 0,0 0,0 0,0 Estrazione di minerali 0,0 0,0 0,0 0,0 Attività manifatturiere 13,0 22,8 8,2 13,4 Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua 0,1 1,2 0,1 0,7 Costruzioni 4,5 4,6 5,4 4,1 Commercio all'ingrosso e al dettaglio 36,5 23,5 22,2 17,7 Alberghi e ristoranti 5,4 4,7 4,2 5,2 Trasporti, magazzinaggio e comunicazioni 4,4 8,8 4,2 9,6 Intermediazione monetaria e finanziaria 3,5 11,0 3,2 9,6 Attività immobiliari, noleggio, informatica ricerca, altre attività professionali 21,7 17,7 40,8 32,4 Istruzione 0,5 0,6 0,5 0,4 Sanità e altri servizi sociali 4,4 1,8 5,2 2,5 Altri servizi pubblici sociali e personali 6,0 3,2 6,0 4,2 TOTALE 100,0 100,0 100,0 100,0 Aziende agricole. In base ai risultati del V Censimento dell Agricoltura svoltosi nell ottobre 2000 un quinto circa del territorio di Milano è costituito da superficie agricola, di cui il 93% dedicato alla coltivazione di seminativi, il 6%, investito a prati permanenti e pascoli, il restante 1% circa utilizzato per le coltivazioni legnose. La superficie agricola aziendale totale ha un estensione di ettari, mentre la superficie agricola utilizzata (SAU) copre ettari. La superficie aziendale media calcolata sul totale comunale è pari a 26,43 ettari, ma l osservazione per zone mette in evidenza che la distribuzione territoriale ha una rilevanza significativa sulla fascia dimensionale aziendale. Nella tabella seguente è riportata la composizione percentuale del numero aziende, sul totale comunale, per classi di superficie. Tab. 4 Aziende per classi di superficie - Valori percentuali - CLASSI DI SUPERFICIE TOTALE Fino a e oltre Totale % aziende 30,2 11,5 9,4 12,9 12,9 10,8 5,0 2,2 5,0 100,0 Fonte: Settore Statistica Il Censimento dell Agricoltura ha messo in evidenza che l 82% delle aziende agricole milanesi si basa sulla conduzione diretta del coltivatore; il 69% di queste utilizza esclusivamente manodopera familiare, il 25% utilizza prevalentemente manodopera familiare, mentre il restante 5% ha una gestione basata prevalentemente su manodopera extrafamiliare. Il 17% delle aziende ha invece una conduzione con salariati. Se si considera la superficie aziendale i dati relativi alla forma di conduzione si riproporzionano in modo significativo. In particolare la forma di conduzione diretta del coltivatore interessa il 74% della superficie agricola totale, (di cui il 58% con l utilizzo della sola manodopera familiare, il 38% con manodopera familiare prevalente, il restante 4% con manodopera extrafamiliare prevalente), mentre la conduzione con salariati si riferisce al 26% della superficie. 12 Sezione 1 Popolazione, territorio, economia insediata e servizi dell ente

18 Tab. 5 Aziende, superficie totale e S.A.U. per forma di conduzione - Valori percentuali - Superficie FORMA DI CONDUZIONE Aziende totale S.A.U Conduzione diretta del coltivatore Conduzione con salariati Altra forma di conduzione Fonte: Settore Statistica Condizione professionale delle famiglie milanesi. Osservando l evoluzione proiettata della popolazione in età attiva (tab. 6), constatiamo che il declino appare sempre più consistente e inarrestabile. Infatti, se dal 2002 al 2006 il calo è stato di quasi 16 mila unità, dal 2006 al 2009 si prevede un ulteriore flessione di circa 26 mila unità, seguita ancora da una diminuzione di oltre 44 mila unità nel quinquennio successivo. Tab. 6 Popolazione in età attiva (15-64 anni) ANNO Popolazione in età attiva Nota: dati desunti dalle proiezioni della popolazione residente (base 2004). Fonte: Settore Statistica Per poter analizzare la condizione economica delle famiglie è bene inquadrare come prima cosa la situazione lavorativa delle stesse. Secondo quanto emerso dall ultimo censimento, la popolazione con più di quindici anni di età residente in famiglia è composta da unità, di cui il 48% ha una condizione professionale di occupato (per il 56% maschi e per il 44% femmine) mentre la parte restante è in cerca di prima occupazione o disoccupata o in altra condizione. Puntando l attenzione solo sulla parte occupata della popolazione oggetto d attenzione, è opportuno segnalare che l 86,7% ha un attività lavorativa a tempo pieno mentre il 13,3% ha un attività part-time e ovviamente, in questa categoria, a prevalere è la componente femminile. Entrando nel dettaglio della posizione nella professione invece, si evince che gran parte della popolazione è dipendente (72,4%) e fra questi soggetti l 87,9% ha un contratto a tempo indeterminato mentre il 12,1% ha un contratto a tempo determinato. E bene precisare che in questo contesto non ci sono grosse differenze di genere, anche se la presenza maschile è leggermente più consistente. Per concludere questa breve analisi, è opportuno analizzare le tipologie contrattuali scelte dai lavoratori assunti a tempo determinato: il 18,6% ha scelto un contratto di formazione e lavoro, l 11,5% l opportunità interinale, il 6,0% il contratto di apprendistato mentre il 63,9% altre forme di assunzione (tab. 7). 13 Sezione 1 Popolazione, territorio, economia insediata e servizi dell ente

19 Tab. 7 Condizione lavorativa della popolazione residente occupata - Censimento Maschi Femmine Totale TIPO TEMPO ATTIVITA' LAVORATIVA Tempo pieno 52,2 34,5 86,7 Part time 3,5 9,8 13,3 Totale 55,8 44,2 100,0 POSIZIONE NELLA PROFESSIONE Dipendente 37,3 35,1 72,4 Imprenditore 2,3 0,7 2,9 Libero professionista 5,9 3,6 9,5 Lavoratore in proprio 9,0 3,4 12,4 Socio di cooperativa 0,9 0,5 1,4 Coadiuvante familiare 0,4 1,0 1,5 Totale 55,8 44,2 100,0 RAPPORTO LAVORO A TEMPO Indeterminato 46,0 41,9 87,9 Determinato 5,5 6,6 12,1 Totale 51,5 48,5 100,0 TIPO RAPPORTO DI LAVORO Contratto di Formazione e Lavoro 9,7 8,9 18,6 Contratto di Apprendistato 2,6 3,4 6,0 Lavoro interinale 5,3 6,2 11,5 Altro 27,8 36,0 63,9 Totale 45,5 54,5 100,0 Fonte: Settore Statistica. Nota: Valori percentuali. L inflazione nel Il 2005 si è chiuso facendo registrare una sostanziale stabilità del tasso tendenziale annuo dell Indice dei prezzi al Consumo per l Intera Collettività Nazionale della Città di Milano passato da +1,7% di gennaio a +1,8% di dicembre con una media che si è attestata sul valore di +1,7%, che confrontato con il valore medio 2004 (+1,9%) evidenzia una riduzione della velocità di crescita dei prezzi al dettaglio. Gli scostamenti si sono ripercossi sul dato generale all interno dell anno senza evidenti picchi critici. Ciò può essere interpretato come il raggiungimento di una soglia minima di scostamento, che, in assenza di forti variazioni erratiche, potrebbe avvalorare un quadro di inflazione di medio periodo su valori fisiologici sistemici contenuti. Il tasso di Core Inflation (una misura dell inflazione di fondo ), che nel 2004 era pari a +1,6%, nel 2006 è sceso al valore di +1,1% per riprendersi leggermente nei primi 11 mesi del 2006 attestandosi a +1,3%. Nel periodo gennaio-novembre 2006 il tasso tendenziale, partendo da +1,9% di gennaio e con un punto di minimo a ottobre (+1,6%), e in media del +1,8%. 14 Sezione 1 Popolazione, territorio, economia insediata e servizi dell ente

20 Tassi di Core Inflation Tassi tendenziali - Indice NIC Milano Scostamento Tasso tend.- vs.core Inflation p.p Gennaio + 1,3 % + 1,7 % 0,4 Febbraio + 1,3 % + 1,6 % 0,3 Marzo + 1,3 % + 1,8 % 0,5 Aprile + 1,2 % + 1,6 % 0,4 Maggio + 1,1 % + 1,6 % 0,5 Giugno + 1,1 % + 1,3 % 0,2 Luglio + 1,0 % + 1,8 % 0,8 Agosto + 1,0 % + 1,6 % 0,6 Settembre + 1,1 % + 1,8 % 0,7 Ottobre + 1,0 % + 1,9 % 0,9 Novembre + 1,1 % + 1,9 % 0,8 Dicembre + 1,2 % + 1,8 % 0, Gennaio + 1,2 % + 1,9 % 0,7 Febbraio + 1,4 % + 2,2 % 0,8 Marzo + 1,5 % + 1,9 % 0,4 Aprile + 1,5 % + 2,3 % 0,8 Maggio + 1,4 % + 2,1 % 0,7 Giugno + 1,5 % + 2,2 % 0,7 Luglio + 1,5 % + 2,1 % 0,6 Agosto + 1,6 % + 2,1 % 0,5 Settembre + 1,5 % + 1,8 % 0,3 Ottobre + 1,5 % + 1,6 % 0,1 Novembre + 1,5 % + 1,8 % 0,3 Fonte: Settore Statistica Rispetto al dato nazionale, l'inflazione di Milano si colloca al di sotto di qualche punto percentuale. La media 2005 del tasso tendenziale NIC Italia è pari a +2,0%, contro +1,7% di Milano. Nel periodo gennaio-novembre 2006 la media Italia è pari a +2,1, Milano a +1,8%. Lo scostamento medio Italia/Milano 2004 è pari a quello del 2005 (0,3 p.p.) e si conferma nel periodo gennaio-novembre 2006 (lo scostamento massimo a gennaio e settembre 2006 e del 0,3 p.p.). 15 Sezione 1 Popolazione, territorio, economia insediata e servizi dell ente

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Perché questa particolare attenzione sugli infortuni? L'analisi degli incidenti/infortuni costituisce un momento di Art. 29 comma 3 Dlgs 81/08 fondamentale

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2012

CONTO DEL BILANCIO 2012 CONTO DEL BILANCIO 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 7.640,44 750,00 8.66,48 5.343,90

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 007 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 9 0 3 5.00 7.00.00 Servizio

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA

BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA Nunzio Mastrorocco I quozienti grezzi o generici Volendo procedere all esame di un fenomeno demografico, in un primo e generico approccio è sufficiente

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Popolazione e struttura demografica

Popolazione e struttura demografica Capitolo 3 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 3 e struttura demografica La dimensione e la struttura della popolazione, e le dinamiche demografiche

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Dieci anni di scuola calabrese

Dieci anni di scuola calabrese REGIONE CALABRIA Dipartimento Istruzione, Università, Alta Formazione, Innovazione e Ricerca Osservatorio Regionale sull Istruzione e il Diritto allo Studio Dieci anni di scuola calabrese Luglio 2009 REGIONE

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

Città di Biella Rendiconto 2013

Città di Biella Rendiconto 2013 erogati a domanda individuale I servizi a domanda individuale raggruppano quelle attività gestite dal comune che non sono intraprese per obbligo istituzionale, che vengono utilizzate a richiesta dell'utente

Dettagli

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ:

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: 2CAPITOLO 2 VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: L ITALIA TRA LA CRISI DEL 1992 E LE ATTUALI DIFFICOLTÀ Come nel 1992, nel 2011 l Italia vive una grave crisi di carattere finanziario, con serie ripercussioni

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE.

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE. COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza. Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155 REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

5) La richiesta di autorizzazione al lavoro può essere. a) Nominativa o per lista; b) Competenza o per professione; c) Per professione.

5) La richiesta di autorizzazione al lavoro può essere. a) Nominativa o per lista; b) Competenza o per professione; c) Per professione. 1) Cos è il visto? a) È un permesso concesso allo straniero ad entrare nel territorio della Repubblica Italiana o in quello di altre parti contraenti per transito o per soggiorno; b) È una autorizzazione

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 -

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Versione 10/04/15 SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Rifiuti dei Beni a base di Polietilene, Piazza di S. Chiara, 49 00186 ROMA) e (facoltativamente) anticipata mezzo fax Il richiedente... In persona del

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli