REPORT SECONDO LABORATORIO DI PROGETTAZIONE PARTECIPATA SCENARIO WORKSHOP: VALORIZZAZIONE SITI PILOTA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPORT SECONDO LABORATORIO DI PROGETTAZIONE PARTECIPATA SCENARIO WORKSHOP: VALORIZZAZIONE SITI PILOTA"

Transcript

1 MED-PHARES Strategie di gestione integrate per la valorizzazione del patrimonio dei fari e delle stazioni semaforiche del Mediterraneo REPORT SECONDO LABORATORIO DI PROGETTAZIONE PARTECIPATA SCENARIO WORKSHOP: VALORIZZAZIONE SITI PILOTA

2 Il presente documento contiene il report delle attività di partecipazione svolte nell ambito del progetto MED-PHARES, per il Sito Pilota di Sant Elia, che ha visto coinvolti 10 portatori di interesse, tra cittadini, associazioni, privati e amministratori locali del Comune di Cagliari. In particolare, il report si riferisce al SECONDO Laboratorio di progettazione partecipata svoltosi il 3 Giugno 2015 preso la Sala Conferenza dell Ex Vetreria di Pirri - Cagliari. Durante il laboratorio sono state elaborate una serie di idee progettuali da sviluppare nel territorio del Sito Pilota di Sant Elia e si è costituita una rete di attori locali disposti a collaborare attivamente allo sviluppo del progetto di valorizzazione del sito. Il metodo utilizzato per il secondo laboratorio di progettazione partecipata è quello del Pro Action Caffè opportunamente adattato alle specificità del contesto del Sito Pilota. Nel report sono illustrati: gli obiettivi, i temi e i contenuti del laboratorio; i partecipanti e i componenti dello staff tecnico; la metodologia di partecipazione utilizzata; i contenuti di quanto emerso nell ambito dei lavori; la documentazione fotografica. LA METODOLOGIA PRO ACTION CAFFÈ Che cos è Il Pro Action Caffè è un metodo efficace e semplice per innescare conversazioni informali e costruttive su questioni concrete che possono riguardare una comunità locale. Il Pro Action Caffè può essere utile per la definizione di nuove strategie, o per la creazione di nuove inedite reti di azione locale. Si fonda su sette principi guida: creare un ambiente di lavoro ospitale e accogliente; formulare questioni importanti da discutere e condividere; incoraggiare il contributo di tutti i partecipanti nelle diverse discussioni; ascoltare per cogliere intuizioni e riflessioni inedite e profonde; raccogliere e condividere i risultati; collegare i diversi punti di vista. I soggetti coinvolti nel laboratorio di progettazione partecipata con la tecnica Pro Action Caffè sono gli stessi attori coinvolti nello Scenario Workshop tenutosi a Cagliari lo scorso aprile.

3 Come funziona I lavori si sono aperti con la prima sessione plenaria, i partecipanti sono stati invitati dal facilitatore ad accomodarsi nelle sedie disposte di fronte alla lavagna. Il facilitatore ha aperto la sessione illustrando la tematica da approfondire nel laboratorio nonché le modalità operative di lavoro. Figura 1: regole generali e domande per il Pro Action Caffè I partecipanti sono stati incoraggiati con queste regole a mettere alla prova loro capacità di ascolto. I gruppi di lavoro della sessione tematica erano composti da 3 o 4 persone sedute ai tavolini come in un caffè. Ogni tavolo è stato allestito con una tovaglia di carta da pacchi e quattro pennarelli di colore diverso, ed è stato identificato con un nome scritto al centro. I partecipanti hanno potuto prendere appunti sulla tovaglia riportando sulla stessa gli aspetti salienti della discussione portata avanti nel tavolo. La tovaglia è quindi diventata un utile strumento per visualizzare le idee discusse che costituiscono una valida mappa per gli avventori che si succedono al tavolo di discussione. Ogni gruppo è stato invitato ad esplorare uno dei temi precedentemente proposti in plenaria. Il lavoro di gruppo è stato suddiviso in micro sessioni di discussione della durata ciascuna di circa 20/30 minuti. La persona che ha proposto il tema è diventata il padrone di casa e per tutta la sessione di lavoro di gruppo è rimasta al tavolo a discutere con i diversi viaggiatori che si alternavano al suo tavolo, riassumendo ai nuovi viaggiatori i risultati delle sessioni precedenti. Gli interventi sono stati brevi e concisi. L ambiente di lavoro era assolutamente informale e rilassato.

4 Figura 2: i viaggiatori e i padroni di casa a lavoro Figura 3: lavoro nei tavoli

5 Figura 4: i tavoli di discussione Figura 5: discussione

6 L opportunità di spostarsi da un tavolo all altro, di incontrare persone nuove, ha favorito la riflessione e ha aiutato a connettere la dimensione individuale con quella collettiva. Nel portare da un tavolo all altro le proprie intuizioni ed idee, le idee dei partecipanti si sono contaminate reciprocamente e si sono inserite nei diversi progetti. Figura 6: contaminazione delle idee Alla fine della sessione di gruppo i diversi partecipanti hanno condiviso in una sessione plenaria la sintesi della discussione portata avanti in ogni singolo tavolo. Il padrone di casa è stato il portavoce delle idee discusse nel suo tavolo.

7 SECONDO LABORATORIO DI PROGETTAZIONE PARTECIPATA PER IL SITO PILOTA DI SANT ELIA Lo staff tecnico Il gruppo di lavoro che ha organizzato e condotto le diverse attività previste nel laboratorio è composto dalle seguenti figure: Vania Erby Tiziana Lai Agenzia Conservatoria delle coste Agenzia Conservatoria delle coste facilitatore e coordinatore del laboratorio, organizzazione tecnica e logistica organizzazione tecnica e logistica Programma del laboratorio di progettazione partecipata Pro Action Caffè Registrazione dei partecipanti Saluti e presentazione del laboratorio Definizione dei gruppi di lavoro Prima sessione di lavoro ai tavoli Seconda sessione di lavoro ai tavoli Terza sessione di lavoro ai tavoli Pausa caffè e preparazione plenaria Presentazione dei risultati dell attività svolta nei tavoli di lavoro Organizzazione delle reti locali di supporto alle idee proposte Discussione finale

8 Figura 7: programma Pro Action Caffè Partecipanti Hanno partecipato al laboratorio: 1. Massimiliano Molinas Marina Militare 2. Andrea Olla Associazione Amici della bicicletta Cagliari 3. Maria Laura Serra Associazione Agricolture; 4. Valeria Atzori Comune di Cagliari; 5. Giancarlo Manis Comune di Cagliari; 6. Antonio Tiragallo - Ordine degli Ingegneri Provincia di Cagliari; 7. Ana Mellado Libero professionista; 8. Manuel Chaves Libero professionista; 9. Paolo Erasmo - Associazione Agricolture; 10. Tore Portas - Associazione Agricolture; I risultati delle sessioni di lavoro I partecipanti al Pro Action Caffè hanno proposto tre temi di lavoro rispetto ai quali sono state organizzate le discussioni. I temi proposti sono stati: 1. Come sviluppare la viabilità leggera di accesso al sito? (ANDREA) 2. Come coordinare gli enti e i soggetti coinvolti nella valorizzazione del sito pilota? (ANTONIO) 3. Dove e come trovare i finanziamenti per lo sviluppo del progetto? (TORE)

9 Figura 8: le domande guida proposte dai padroni di casa per il Pro Action Caffè di Cagliari La discussione è partita da alcune domande di supporto: Cosa è necessario esplorare per rispondere alla domanda del vostro padrone di casa? Che cosa dobbiamo ancora analizzare che non è stato affrontato nel primo laboratorio? Quali sono i prossimi passi da fare per sviluppare il progetto di valorizzazione del Sito Pilota?

10 PRIMO TEMA: TAVOLO LAVANDA PADRONE DI CASA: ANTONIO La domanda Come coordinare gli enti e i soggetti coinvolti nella valorizzazione del sito pilota? Le risposte Prima questione da affrontare e risolvere: dopo che il bene è passato alla Regione come fare per far si che la stessa si impegni alla realizzazione del progetto (non si può demandare tutto alla RAS); Il soggetto che si dovrà occupare della gestione del sito e del progetto dovrà essere un Ente super partes (ipotesi Università) che dovrà fungere da propositore di interventi per la riqualificazione dell intera area; tale Ente si dovrà occupare anche di recuperare i finanziamenti necessari per la realizzazione del progetto; Il soggetto capofila deve essere giustamente motivato a portare avanti l iniziativa nel suo complesso; L Università italiana o straniera potrebbe configurarsi come il garante dell intera iniziativa; Nel progetto e nelle modalità di collaborazione e attuazione dello stesso dovranno essere coinvolte associazioni locali culturali e non; I finanziamenti del progetto dovranno essere raccolti nel settore privato. Figura 9: il tavolo LAVANDA

11 SECONDO TEMA: TAVOLO ROSMARINO PADRONE DI CASA: ANDREA/LAURA La domanda Come sviluppare la viabilità leggera di accesso al sito? Le risposte Il sito dovrà essere fruibile con i mezzi pubblici; Dovrà essere realizzato un parcheggio di scambio a Sant Elia dove lasciare l auto per poter proseguire il percorso a piedi, in bici o con un bus navetta; La strada di accesso al faro dovrà essere percorribile da macchine di servizio; Messa in sicurezza dei sentieri e valorizzazione degli stessi; Recupero dei sentieri mantenendo la loro naturalità. Figura 10: il tavolo ROSMARINO

12 TERZO TEMA: TAVOLO TIMO PADRONE DI CASA: TORE La domanda Dove e come trovare i finanziamenti per lo sviluppo del progetto? Le risposte Per la terza domanda i partecipanti al tavolo di discussione hanno individuato un percorso articolato di attività propedeutiche da sviluppare al fine di poter recuperare i fondi per la realizzazione del progetto di valorizzazione individuato nel primo laboratorio di progettazione partecipata. Nel dettaglio le attività previste sono: Individuare un Ente super partes (esempio Università) garante del progetto; L Università dovrebbe realizzare la progettazione preliminare e il coordinamento del progetto; la Conservatoria delle coste dovrebbe esser coinvolta come Ente che fornisca garanzie al buon sviluppo del progetto nei confronti degli attori coinvolti; in particolare l Agenzia dovrebbe, nella prima fase, costituire un tavolo di lavoro stabile nel quale vengono coinvolti piccole e grandi realtà locali con competenze specifiche; Gli Enti che dovrebbero essere coinvolti sono: Regione, Università, Comune, Stato, Marina Militare; Costruire o partecipare a bandi europei per reperire fondi per il progetto; L Ente delegato (università o Conservatoria) dovrebbe esser delegato dalla Regione a partecipare ai bandi Europei per il reperimento dei fondi per la realizzazione del progetto di valorizzazione; I principi guida per il dispiegarsi del progetto devono essere quelli di massimo rispetto e cura dei beni ambientali; Nella progettazione dovrebbero essere coinvolti diversi portatori di interesse locali pubblici e privati in differenti campi di azione: tutela ambientale, geologia, ricerca, formazione, tutela flora e fauna locale terrestre e marina; I finanziamenti potrebbero essere in parte anche privati.

13 Figura 11: il tavolo TIMO

14 LA RETE DELLE RELAZIONI E DELLE PROPOSTE Alla fine della presentazione delle idee dei tre tavoli di lavoro, i partecipanti sono stati invitati a presentare la loro adesione ad un progetto (post-it arancioni) o ad una rete per dare ulteriori contributi al progetto (post-it verdi). Figura 12: il prima Figura 13: il dopo

15 LA RETE DOMANDA DI PARTENZA CHI PARTECIPA COSA FARE Come coordinare gli enti e i soggetti coinvolti nella valorizzazione del sito pilota? Come sviluppare la viabilità leggera di accesso al sito? Dove e come trovare i finanziamenti per lo sviluppo del progetto? Tore; Coinvolgimento delle associazioni locali anche in fase di progettazione di massima; Prevedere la presenza di orti urbani all interno del sito pilota. Valeria; Massimiliano; Ana; Antonio; Paolo; Giancarlo. Manuel; Antonio; Individuare immediatamente i portatori di interesse da coinvolgere nel progetto. Avviare contatti con gli Enti per verificare l interesse a sviluppare il progetto con diversi obiettivi.

PAF - Piano Attività Formati

PAF - Piano Attività Formati Progetto Porti - Ports et identitè PAF - Piano Attività Formative Rafforzamento competenze attori aree portuali Bozza di lavoro 21 Novembre 2013 A cura di Frantziscu Sanna Progetto Porti - Ports et identitè

Dettagli

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e SEMINARIO RESIDENZIALE Percorso di formazione per i rappresentanti in Consulta Provinciale degli Studenti Centro Don Chiavacci Crespano del Grappa 3-4 novembre 2015 A.S. 2015/2016 Premessa A conclusione

Dettagli

Il percorso partecipativo del Piano di Adattamento della città di Bologna

Il percorso partecipativo del Piano di Adattamento della città di Bologna Il percorso partecipativo del Piano di Adattamento della città di Bologna INTRODUZIONE Il percorso partecipativo ha avuto l obiettivo di sviluppare un confronto fra i diversi stakeholder sulle proposte

Dettagli

Vademecum per organizzare un evento CaffExpo

Vademecum per organizzare un evento CaffExpo Vademecum per organizzare un evento CaffExpo 1 - Cosa è CaffExpo Nato da un idea del Centro di Ricerca sull agricoltura sostenibile OPERA e sviluppato grazie al contributo importante di altri centri di

Dettagli

PROGETTO: TEATRO FORUM

PROGETTO: TEATRO FORUM 24 5 PROGETTO: TEATRO FORUM (per Oratori sensibili) Che cos è Il Teatro forum è un metodo e percorso formativo utilizzato spesso in situazioni di disagio socio-culturale e si propone come strumento per

Dettagli

INDICE. Che cosa vuol dire partecipazione. La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini. Lo strumento che garantisce la partecipazione in A21

INDICE. Che cosa vuol dire partecipazione. La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini. Lo strumento che garantisce la partecipazione in A21 INDICE CAPITOLI COSA SI RACCONTA PRESENTAZIONE DI ABCITTA PARTECIPAZIONE Che cosa vuol dire partecipazione AGENDA 21 La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini IL FORUM Lo strumento che garantisce

Dettagli

Gruppo di lavoro La comunicazione sociale

Gruppo di lavoro La comunicazione sociale Gruppo di lavoro La comunicazione sociale Il mondo Afsai è in fermento, con nuove attività e nuovi progetti. In occasione dell Assemblea Generale vorremmo quindi raccogliere proposte per organizzare i

Dettagli

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province Le tecniche operative solitamente applicate in questa fase sono l intervista diretta a testimoni privilegiati (telefonica e/o verbale), e la ricerca con l ausilio di internet. I testimoni privilegiati

Dettagli

Accordo di Programma Quadro I giovani sono il presente. Percorso di partecipazione e confronto dei giovani con le istituzioni

Accordo di Programma Quadro I giovani sono il presente. Percorso di partecipazione e confronto dei giovani con le istituzioni Accordo di Programma Quadro I giovani sono il presente LET'S GOV PROMUOVERE OPPORTUNITÀ & PRATICARE CITTADINANZA Percorso di partecipazione e confronto dei giovani con le istituzioni 26 Febbraio e 4 Aprile

Dettagli

Documento di lavoro per l incontro ISFOL Sviluppo Lazio rivolto agli operatori del sistema EdA nel Lazio

Documento di lavoro per l incontro ISFOL Sviluppo Lazio rivolto agli operatori del sistema EdA nel Lazio STD Documento di lavoro per l incontro ISFOL Sviluppo Lazio rivolto agli operatori del sistema EdA nel Lazio (data prevista: 29 novembre 2010) Il gruppo di lavoro U. O. ISFOL FLAI-lab 1 - Sviluppo Lazio,

Dettagli

Ingegnere Giuseppe Baldo

Ingegnere Giuseppe Baldo AATO Venezia Ambiente Viale Ancona, 24 30170 Venezia - Mestre Tel. +39 041 5322078 - Fax +39 041 2597151 mail: info@veneziaambiente.it Programma dettagliato della comunicazione per la redazione del rapporto

Dettagli

Tracce di scenari futuri

Tracce di scenari futuri Tracce di scenari futuri 13 giugno 14 giugno Rapporto del laboratorio di co-progettazione prima giornata Il percorso di partecipazione Il percorso di partecipazione Imola ripartecipa è promosso dall Amministrazione

Dettagli

L ARCHITETTURA E UN PRODOTTO SOCIALMENTE UTILE?

L ARCHITETTURA E UN PRODOTTO SOCIALMENTE UTILE? L ARCHITETTURA concept Cosa hanno da dire i docenti di progettazione ad un paese la cui forma fisica pare imprigionata nelle gabbie delle procedure burocratiche, nelle impasse delle decisioni politiche,

Dettagli

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA I SESSIONE 2004 Illustri la candidata un progetto di intervento sociale, focalizzandone

Dettagli

La rete per la promozione della salute in Lombardia

La rete per la promozione della salute in Lombardia La differenza che vale Gli ospedali di ANDREA: amici del bambino e della sua famiglia Bosisio Parini (LC) - 12-14 Novembre 2009 - IRCCS E. MEDEA La rete per la promozione della salute in Lombardia Giancarlo

Dettagli

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Premessa All arrivo di un nuovo volontario l intero sistema dell associazione viene in qualche modo toccato. Le relazioni si strutturano diversamente

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE

CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE 1. Disposizioni generali Il Forum Agenda 21 di Biella è promosso dal Comune di Biella nell ambito della valorizzazione

Dettagli

Tracce di scenari futuri

Tracce di scenari futuri 2 giorno Tracce di scenari futuri 13 giugno 14 giugno Rapporto del laboratorio di co-progettazione seconda giornata 2015 Il percorso Il percorso di partecipazione Imola ripartecipa è promosso dall Amministrazione

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

ADESIONE ALLA CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE

ADESIONE ALLA CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE ADESIONE ALLA CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE Verbale Forum 18 settembre 2012 a cura di Michele Merola (Ambiente Italia per Federparchi) Carta Europea per il Turismo Sostenibile

Dettagli

CASTIGLIONE E SCARLINO: SOLUZIONI IN AGENDA

CASTIGLIONE E SCARLINO: SOLUZIONI IN AGENDA Progetto CASTIGLIONE E SCARLINO: SOLUZIONI IN AGENDA Contesti e Cambiamenti snc di Tessa Ercoli, Carlotta Iarrapino, Concetta Musumeci Via Cironi 2, 50134 Firenze P.I. 05856210488 www.contestiecambiamenti.it

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale ISTITUTO COMPRENSIVO Taverna di Montalto Uffugo (CS) Anno Scolastico 2013-2014 Docenti: Anna Maria Santoro e Silvia Mazzeo Nel nostro tempo, dove situazioni

Dettagli

RELAZIONE SUL LABORATORIO GOPP DEL MEETING DI START UP DEL PROGETTO DI.SCOLA

RELAZIONE SUL LABORATORIO GOPP DEL MEETING DI START UP DEL PROGETTO DI.SCOLA RELAZIONE SUL LABORATORIO GOPP DEL MEETING DI START UP DEL PROGETTO DI.SCOLA Il 1 laboratorio GOPP del progetto DI.SCOL.A aveva l obiettivo generale di portare i partner di progetto a familiarizzare sulla

Dettagli

preview Social Housing

preview Social Housing preview Social Housing Urbanpromo, preview Social Housing Torino 13-14 ottobre 2011 Villa Gualino 2 Urbanpromo - Social Housing è un occasione di approfondimento volta a: a) analizzare, con un adeguato

Dettagli

Smart School Mobility

Smart School Mobility Direzione Centrale Cultura e Educazione ITER, Istituzione Torinese per una Educazione Responsabile Laboratorio Città Sostenibile ITER MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Provincia di Torino

Dettagli

Prima riunione del Tavolo Tecnico Jesi, 14 dicembre 2005 Resoconto dell incontro

Prima riunione del Tavolo Tecnico Jesi, 14 dicembre 2005 Resoconto dell incontro Progetto Corridoio Esino Prima riunione del Tavolo Tecnico Jesi, 14 dicembre 2005 Resoconto dell incontro Progetto Sistema Prima riunione del Tavolo tecnico, Jesi 14 dicembre 2005 Che cosa è il Progetto

Dettagli

CORSO LIBERI DI SCEGLIERE. Prima giornata

CORSO LIBERI DI SCEGLIERE. Prima giornata CORSO LIBERI DI SCEGLIERE Prima giornata Ore 16,45 manuali Benvenuto lezione frontale Foglio firme, biro, posizionare le sedie a cerchio. Breve presentazione del Gruppo di Lavoro e metodologia interattiva...

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI

VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI Forum di avvio del Processo di Partecipazione, 28 Giugno 2014 Coordinamento del Contratto

Dettagli

REGOLAMENTO 10.1.11. no PROTOCOLLO (data)

REGOLAMENTO 10.1.11. no PROTOCOLLO (data) definitivo (scheda basata sulla Relazione Finale) validata dal status scheda proponente Valdarno Inferiore - Società della salute PROPONENTE con i Comuni di San Miniato e Santa Croce PROVINCIA PI sull

Dettagli

NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO

NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO FINALIZZATO ALL' INDIVIDUAZIONE DI UN LUOGO IN CUI PROMUOVERE SCAMBI CULTURALI E PROCESSI DI INCLUSIONE E RELAZIONE

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi Descrizione dell unità Titolo Frazioni con la LIM Autore Barbara Bianconi Tematica Come si traducono nel linguaggio della matematica un quarto in musica, una fetta di pizza, un terzo di un percorso prestabilito?

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

Camposaz WORKSHOP DI PROGETTAZIONE IN SCALA 1:1 AI PIEDI DELLE DOLOMITI. Oggetto del bando

Camposaz WORKSHOP DI PROGETTAZIONE IN SCALA 1:1 AI PIEDI DELLE DOLOMITI. Oggetto del bando Camposaz WORKSHOP DI PROGETTAZIONE IN SCALA 1:1 AI PIEDI DELLE DOLOMITI Oggetto del bando Il bando mira a selezionare 12 persone al fine di costruire un gruppo che possa partecipare con motivazione, interesse

Dettagli

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona 3 È possibile ricreare dei rapporti intergenerazionali reali attraverso attività in cui bambini e anziani, in uno stesso spazio, imparino gli uni dagli altri in uno scambio di esperienze. Un incontro di

Dettagli

RENA. Rete per l Eccellenza Nazionale

RENA. Rete per l Eccellenza Nazionale RENA Rete per l Eccellenza Nazionale Indice Il contesto e la nuova strategia. L obiettivo generale. Gli obiettivi strumentali. Le azioni specifiche. Gli obiettivi strumentali e le azioni specifiche. pag.

Dettagli

Comune di Pesaro AUTONOMIA È SALUTE. Roma - 23 novembre 2015

Comune di Pesaro AUTONOMIA È SALUTE. Roma - 23 novembre 2015 Convegno internazionale AUTONOMIA È SALUTE PESARO RO. A scuola ci andiamo da soli. un progetto partecipato per l autonomia dei bambini e la mobilità sostenibile arch. Paola Stolfa Roma - 23 novembre 2015

Dettagli

L Osservatorio nazionale Smart City Per una via italiana alle Smart Cities. Gennaio 2015 Valentina Piersanti

L Osservatorio nazionale Smart City Per una via italiana alle Smart Cities. Gennaio 2015 Valentina Piersanti L Osservatorio nazionale Smart City Per una via italiana alle Smart Cities Gennaio 2015 Valentina Piersanti L Osservatorio Nazionale Smart City Nasce nell aprile 2012 sulla base di una convinzionedell

Dettagli

L'accoglienza presso la Scuola dell infanzia di Via Mercadante 129

L'accoglienza presso la Scuola dell infanzia di Via Mercadante 129 Sezione speciale - L'atrio come spazio educativo L'accoglienza presso la Scuola dell infanzia di Via Mercadante 129 a cura di Enrica Rastello, Direttrice Didattica 1. Presentazione della scuola La scuola

Dettagli

Scheda Informativa. Verizon Net Conferncing

Scheda Informativa. Verizon Net Conferncing Scheda Informativa Verizon Net Conferncing Net Conferencing 1.1 Informazioni generali sul Servizio Grazie a Net Conferencing Verizon e alle potenzialità di Internet, potrete condividere la vostra presentazione

Dettagli

LA FOCALIZZAZIONE SULLA FAMIGLIA:

LA FOCALIZZAZIONE SULLA FAMIGLIA: LA FOCALIZZAZIONE SULLA FAMIGLIA: COSA INTRODUCE, COSA FA CAMBIARE, DI COSA NECESSITA PER DECLINARE L ADM? IL COORDINAMENTO PEDAGOGICO COME PUÒ ESSERE SVILUPPATO? QUALI FUNZIONI ULTERIORI PUÒ AVERE IL

Dettagli

SEMINARIO FORMATIVO SUI PROCESSI PARTECIPATIVI (parte III)

SEMINARIO FORMATIVO SUI PROCESSI PARTECIPATIVI (parte III) Arch. Chiara Pignaris - Firenze 14 dicembre 2011 Progetto RIMPIAZZA SEMINARIO FORMATIVO SUI PROCESSI PARTECIPATIVI (parte III) ITGC G. Salvemini - E. F. Duca d Aosta Firenze, 14-16 Dicembre 2011 Arch.

Dettagli

BANDO DI CONCORSO BORSE DI STUDIO DON PIERO TUBINO. 1a edizione

BANDO DI CONCORSO BORSE DI STUDIO DON PIERO TUBINO. 1a edizione BANDO DI CONCORSO BORSE DI STUDIO DON PIERO TUBINO 1a edizione Premessa Ho un idea. Mi daresti una mano? Così un amica ricorda l instancabile operosità di don Piero: Aveva una prerogativa ed era quella

Dettagli

Unità Stratificata e Differenziata di geografia per la scuola primaria

Unità Stratificata e Differenziata di geografia per la scuola primaria Unità Stratificata e Differenziata di geografia per la scuola primaria A cura di Anna Ieracitano, docente della scuola primaria I. Marcocci di Fontanelle (Prato, rete Sud-est) Il lavoro è stato realizzato

Dettagli

5 anno 2013. Un Laboratorio di co-progettazione e partnership tra imprese per una competitività responsabile e innovazione

5 anno 2013. Un Laboratorio di co-progettazione e partnership tra imprese per una competitività responsabile e innovazione 5 anno 2013 Un Laboratorio di co-progettazione e partnership tra imprese per una competitività responsabile e innovazione in collaborazione con Persone-Imprese-Territorio Obiettivi Club RSI 2013 Obiettivi

Dettagli

LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020

LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020 LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020 VERSO UN NUOVO MODELLO DI GOVERNANCE Enti Locali e politiche di coesione Smart City Comuni in classe A La Regione Sardegna accompagna i Comuni verso la sostenibilità ambientale,

Dettagli

Progetti dal Futuro : il Kit per la Scuola Primaria

Progetti dal Futuro : il Kit per la Scuola Primaria Metodi e strumenti per progetti di successo Il Project Manager: Educazione, Formazione, Crescita Progetti dal futuro Mariù MORESCO Progetti dal futuro : il Kit per la Scuola Primaria Mariù Moresco : attori

Dettagli

Verso il Piano di gestione del rischio di alluvioni:il processo di partecipazione

Verso il Piano di gestione del rischio di alluvioni:il processo di partecipazione 03/12/2013 Verso il Piano di gestione del rischio di alluvioni:il processo di partecipazione Sabrina Franceschini Servizio Comunicazione, Educazione alla sostenibilità, strumenti di partecipazione sfranceschini@regione.emilia-romagna.it

Dettagli

Comunicazione intersettoriale per la costruzione di alleanze per il territorio

Comunicazione intersettoriale per la costruzione di alleanze per il territorio Comunicazione intersettoriale per la costruzione di alleanze per il territorio Federica Michieletto (a) Francesca Russo (a), Martina Di Pieri (a), Saverio Chilese (b), Umberto Dispigno (b), Fabio Storti

Dettagli

ALLEGATO 3: Questionario rivolto alla popolazione ed ai portatori di interesse locali

ALLEGATO 3: Questionario rivolto alla popolazione ed ai portatori di interesse locali ALLEGATO 3: Questionario rivolto alla popolazione ed ai portatori di interesse locali NOME COGNOME ZONA DI RESIDENZA E LAVORO RUOLO o CATEGORIA PROFESSIONALE COMPETENZA IN MATERIA AMBIENTALE ETA TITOLO

Dettagli

MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI

MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI MOBILITA CICLISTICA A MILANO MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI BICICLETTA elaborato: presentazione codifica: 120100013_00 data: 17/05/2012 redatto: Veronica Gaiani verificato:

Dettagli

I N V I T O. Accoglienza, educazione e formazione della prima infanzia nella Svizzera Italiana: quadro d orientamento e riflessioni in corso

I N V I T O. Accoglienza, educazione e formazione della prima infanzia nella Svizzera Italiana: quadro d orientamento e riflessioni in corso In collaborazione con il Dipartimento della Sanità e della Socialità (DSS) e il Dipartimento dell Educazione, della Cultura e dello Sport (DECS) del Cantone Ticino I N V I T O alla giornata di studio e

Dettagli

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO Stradale. Procedura concorsuale per l'assegnazione di contributi finanziari ai Regione Campania Decreto Dirigenziale 54 del 25/03/2013 COMUNI AZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE PREMESSA...3 SETTORE A...3

Dettagli

PROMUOVERE IL CAMBIAMENTO DEI COMPORTAMENTI ALIMENTARI

PROMUOVERE IL CAMBIAMENTO DEI COMPORTAMENTI ALIMENTARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Perugia CENTRO SPERIMENTALE PER L EDUCAZIONE SANITARIA IL COUNSELING NUTRIZIONALE: TECNICHE DI COMUNICAZIONE PER PROMUOVERE IL CAMBIAMENTO DEI

Dettagli

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it Mercoledì 24 luglio 2013 1 2 Data: 18 /07/2013 Diffusione: PROGRAMMA OPERATIVO FESR, VIA ALLE CONSULTAZIONI Spacca: Innovazione e Macroregione, le strade da seguire per recuperare le risorse - Ancona -

Dettagli

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO.

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

Dettagli

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Piani integrati per lo sviluppo locale Progetti di marketing territoriale Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Sviluppo di prodotti turistici Strategie e piani di comunicazione Percorsi

Dettagli

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI Indice PREFAZIONE INTRODUZIONE La Consulta dei Medici in Formazione Specialistica SItI L attività della Consulta Normativa MATERIALI E METODI Studi inclusi RISULTATI Competenze teoriche - Attività didattica

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE CENTRO DI ALFABETIZZAZIONE IN ITALIANO L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria di II grado Scuola Secondaria di I grado Scuola

Dettagli

Inizio lavori: saluti e presentazione del programma e modalità di lavoro per il workshop

Inizio lavori: saluti e presentazione del programma e modalità di lavoro per il workshop PROGRAMMA Mercoledì 8 Ottobre (10,00-19,00 ) ore 10.00 -Accoglienza e Registrazione Inizio lavori: saluti e presentazione del programma e modalità di lavoro per il workshop Ore 10.15 SESSIONE PLENARIA

Dettagli

IL CONTESTO: LE EVIDENZE LA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE

IL CONTESTO: LE EVIDENZE LA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE PREMESSA IL PROGETTO DI SEGUITO ESPOSTO E IL RISULTATO DEL LAVORO DI UN COMITATO di PROGETTO COMPOSTO DAI SEGUENTI PARTNER: Fondazione La Fornace dell Innovazione Cooperativa Sociale IL SESTANTE Consulmarc

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto:

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto: PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA PROVINCIA DI RIMINI, L AZIENDA USL, DELEGATA ALLA GESTIONE DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI MINORI, E GLI ENTI AUTORIZZATI PER L ATTIVITA RELATIVA ALL ADOZIONE INTERNAZIONALE Approvato

Dettagli

Rilevazione dei fabbisogni delle Regioni. Presentazione delle attività di supporto

Rilevazione dei fabbisogni delle Regioni. Presentazione delle attività di supporto Rilevazione dei fabbisogni delle Regioni e Presentazione delle attività di supporto Roma, 3 luglio 2013 Francesco Molinari 1 Indice Risultati dell indagine realizzata nel mese di maggio 2013 Funzioni critiche

Dettagli

La mediazione sociale di comunità

La mediazione sociale di comunità La mediazione sociale di comunità Percorso di formazione destinato agli operatori e alle operatrici del numero verde contro la tratta della Provincia di Milano Elvio Raffaello Martini Agosto 2008 MartiniAssociati

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV Riunione del 13/06//2013 celivo. - AIDO ass. donatori organi tessuti e cellule; - Ass. Il Cesto;

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi b PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV Programmazione

Dettagli

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI

ANALISI DELLE PRESENZE E REPORT QUESTIONARIO SODDISFAZIONE DEI CORSISTI Centro Territoriale per l Integrazione (AREA INTERCULTURA) DIREZIONE DIDATTICA STATALE Pierina Boranga - 1 CIRCOLO di Belluno Via Mezzaterra,45 Tel. 0437 913406 Fax913408 CORSO DI FORMAZIONE L APPROCCIO

Dettagli

Consulta Tempi e orari della città

Consulta Tempi e orari della città Urban Center Progetto Tempi Consulta Tempi e orari della città OSSERVATORIO TEMPI della CITTÀ OSSERVATORIO TEMPI della CITTÀ gruppo tecnico promosso e gestito dall ufficio Tempi del, che sta lavorando

Dettagli

Il vento: energia per le idee

Il vento: energia per le idee Il vento: energia per le idee Essere manager delle energie rinnovabili: l energia eolica Introduzione Diverse sono le problematiche che devono affrontare coloro che desiderano occuparsi di Energia rinnovabile:

Dettagli

CHIEDO ASILO Progetto in continuità nido-materna Asilo Nido-Scuola dell Infanzia Comunale Maliseti

CHIEDO ASILO Progetto in continuità nido-materna Asilo Nido-Scuola dell Infanzia Comunale Maliseti CHIEDO ASILO Progetto in continuità nido-materna Asilo Nido-Scuola dell Infanzia Comunale Maliseti Nido e scuola infanzia condividono un idea e insieme costruiscono un progetto educativo e lo assumono

Dettagli

Progettazione sociale 2014 VADEMECUM

Progettazione sociale 2014 VADEMECUM Progettazione sociale 2014 VADEMECUM Premessa metodologica sulla Progettazione L idea di un progetto nasce spesse volte da una intuizione iniziale di qualcuno ma per concretizzarsi ha bisogno di un buon

Dettagli

PROGETTO INCREASING EUROPEAN CITIZENSHIP ICE (MIGLIORARE LA CITTADINANZA EUROPEA)

PROGETTO INCREASING EUROPEAN CITIZENSHIP ICE (MIGLIORARE LA CITTADINANZA EUROPEA) Cilap eapn Italia PROGETTO INCREASING EUROPEAN CITIZENSHIP ICE (MIGLIORARE LA CITTADINANZA EUROPEA) PROGRAMMA LIFELONG LEARNING GRUNDTVIG 2012 PARTENARIATO DI APPRENDIMENTO (No. 2012-1-IT2_GRU06_37625_1)

Dettagli

UE: CONFRONTO MARCHE-CROAZIA SU FONDI STRUTTURALI 2014-2020 SPACCA, UTILIZZO NELLA PROSPETTIVA MACROREGIONE ADRIATICO IONICA

UE: CONFRONTO MARCHE-CROAZIA SU FONDI STRUTTURALI 2014-2020 SPACCA, UTILIZZO NELLA PROSPETTIVA MACROREGIONE ADRIATICO IONICA Data: 14/11/2013 UE: CONFRONTO MARCHE-CROAZIA SU FONDI STRUTTURALI 2014-2020 SPACCA, UTILIZZO NELLA PROSPETTIVA MACROREGIONE ADRIATICO IONICA (ANSA) - ANCONA - Imprenditori e rappresentanti di Marche e

Dettagli

FORMAZIONE COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO TORINO IVREA. Corso di alta formazione CORSO GRATUITO

FORMAZIONE COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO TORINO IVREA. Corso di alta formazione CORSO GRATUITO COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO Corso di alta formazione FORMULA INTENSIVA 7 venerdì non consecutivi di lezione in aula DOPPIA EDIZIONE: TORINO 1 EDIZIONE DAL 31 GENNAIO

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea Si tratta di un esperienza di ricerca

Dettagli

XIV edizione. 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA

XIV edizione. 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA XIV edizione 29, 30 e 31 ottobre 2013 Stazione Marittima Napoli PROGRAMMA Il programma può subire delle variazioni, si consiglia pertanto di consultare periodicamente il sito www.orientasud.it MARTEDI

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Ministero Istruzione Università e Ricerca ICS Milano-Spiga MIIC8BD00X Via Santo Spirito 21-20121 MILANO Tel: 02 8844 6233 Fax: 02 76005180

Ministero Istruzione Università e Ricerca ICS Milano-Spiga MIIC8BD00X Via Santo Spirito 21-20121 MILANO Tel: 02 8844 6233 Fax: 02 76005180 Circolare n.64 IC Milano Spiga Milano, 22/11/2011 Ai Docenti IC Milano Spiga OGGETTO : P.e.r.l.e. a.r.t.i.s.t.i.c.h.e. Spiga, Santo Spirito, Porta Nuova, Solferino Percorsi di progettazione partecipata

Dettagli

Piccolo Atlante della corruzione

Piccolo Atlante della corruzione Piccolo Atlante della corruzione Laboratorio d indagine sulla corruzione Progetto didattico per le Scuole Statali Secondarie di 2 grado Anno Accademico 2014/2015 Proposta di ampliamento su scala nazionale

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. Regione Veneto Provincia di Venezia Comune di Venezia. Assessorato all Istruzione della Provincia di Venezia

BANDO DI CONCORSO. Regione Veneto Provincia di Venezia Comune di Venezia. Assessorato all Istruzione della Provincia di Venezia 1 BANDO DI CONCORSO MAV IL MUSEO DI ALTINO CHE VERRÀ Concorso per le scuole di ogni ordine e grado del Veneto Il concorso, promosso dal Museo Archeologico Nazionale di Altino, dai Servizi Educativi della

Dettagli

ATTIVITÀ E Piano di informazione e comunicazione

ATTIVITÀ E Piano di informazione e comunicazione PROVINCIA DI POTENZA Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Home PIANO D AZIONE ENEPOLIS Indice ATTIVITÀ E Piano di informazione e comunicazione L attività E comprende tre azioni specifiche;

Dettagli

VIII Edizione del Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e dello Ionio TAVOLO DEL TURISMO

VIII Edizione del Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e dello Ionio TAVOLO DEL TURISMO VIII Edizione del Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e dello Ionio TAVOLO DEL TURISMO Intervento del Dott. Michele De Vita Segretario Generale Forum 1 Attività svolte dal tavolo del turismo

Dettagli

IL RUOLO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA PREDISPOSIZIONE DEL PROCESSO DI MIGLIORAMENTO. Vanna Monducci 6 settembre 2013

IL RUOLO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA PREDISPOSIZIONE DEL PROCESSO DI MIGLIORAMENTO. Vanna Monducci 6 settembre 2013 IL RUOLO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA PREDISPOSIZIONE DEL PROCESSO DI MIGLIORAMENTO Vanna Monducci 6 settembre 2013 IL PROCESSO DI MIGLIORAMENTO: GLI ELEMENTI PRIORITARI valutazione esterna degli apprendimenti

Dettagli

training@skuanature.com SKUA Nature Group - Sezione Formazione

training@skuanature.com SKUA Nature Group - Sezione Formazione Il Parco del Lura, nell ambito del progetto Collegamento a rete tra il Parco del Lura e le Aree Protette limitrofe: individuazione di corridoi ecologico-fruitivi e attuazione di un progetto pilota nel

Dettagli

Workcare synergies. Il progetto in Italia. Social care and work-care balance

Workcare synergies. Il progetto in Italia. Social care and work-care balance Workcare synergies Il progetto in Italia Social care and work-care balance Newsletter n. 1 del 1/05/2011 Il progetto Gli obiettivi del progetto WORKCARE SYNERGIES è un progetto di supporto per diffondere

Dettagli

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento Giugno 2005 Cari docenti, Vi ringraziamo per aver aderito al progetto ECHO mirante a fornire ai partecipanti al corso di orientamento

Dettagli

_Come segnalare che avete un dibattito in programma?

_Come segnalare che avete un dibattito in programma? _Come segnalare che avete un dibattito in programma? Tutto quello che sarà prodotto dalle scuole sarà reso pubblico alla pagina https://labuonascuola.gov.it/dibattiti/, e una sezione della pagina sarà

Dettagli

in collaborazione con il Servizio Centrale dello SPRAR organizza la Summer School 2015

in collaborazione con il Servizio Centrale dello SPRAR organizza la Summer School 2015 in collaborazione con il Servizio Centrale dello SPRAR organizza la Summer School 2015 Riprendere nuovi percorsi di vita riflessioni e sperimentazioni a confronto, tra nord e sud del Paese, sui percorsi

Dettagli

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e CITTADINANZA ATTIVA è la capacità dei cittadini di organizzarsi in modo multiforme, di mobilitare risorse umane tecniche e finanziarie, e di agire con modalità e strategie differenziate per tutelare diritti,

Dettagli

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Agenzia per la Mobilità EDUCAZIONE STRADALE TRA SCUOLA E FAMIGLIA L educazione

Dettagli

CORSO FORMAZIONE DI BASE BOLOGNA, IL PALLONE, 23-25 GENNAIO 2015

CORSO FORMAZIONE DI BASE BOLOGNA, IL PALLONE, 23-25 GENNAIO 2015 CORSO FORMAZIONE DI BASE BOLOGNA, IL PALLONE, 23-25 GENNAIO 205 ASSOCIAZIONE ITALIANA TURISMO RESPONSABILE Preparato per: Consiglio Direttivo AITR Preparato da: TAVOLO FORMAZIONE Date: February, 205 Report

Dettagli

MIUR.AOODRER.REGISTRO UFFICIALE(U).0016368.15-12-2015. Coordinamento Funzioni Tecnico Ispettive

MIUR.AOODRER.REGISTRO UFFICIALE(U).0016368.15-12-2015. Coordinamento Funzioni Tecnico Ispettive MIUR.AOODRER.REGISTRO UFFICIALE(U).0016368.15-12-2015 Coordinamento Funzioni Tecnico Ispettive Bologna, 9 dicembre 2015 Ai Dirigenti responsabili degli Uffici di ambito territoriale p.c. Ai referenti Uffici

Dettagli