ISTITUTO SUPERIORE CARLO DENINA SALUZZO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO SUPERIORE CARLO DENINA SALUZZO"

Transcript

1 ISTITUTO SUPERIORE CARLO DENINA Sezione associata Professionale Silvio Pellico per i servizi Commerciali,Turistici e Sociali SALUZZO E S A M E D I S T A T O ANNO SCOL.CO 2013/2014 PROGRAMMI SVOLTI DELLA CLASSE 5^A TECNICO GESTIONE AZIENDALE

2 1. Schede per materia (con all interno i programmi svolti) 1.1. Italiano 1.2. Storia 1.3. Matematica 1.4. Diritto ed economia 1.5. Inglese 1.6. Informatica 1.7. Economia aziendale 1.8. Educazione fisica 1.9. Religione

3 PROGRAMMA SVOLTO a.s. 2013/2014 Classe: V A Materia: ITALIANO Docente: FIORANI DANIELA Sede associata Pellico PROGRAMMA DI ITALIANO Simbolismo Le caratteristiche del simbolismo francese Il ruolo del poeta Charles Baudelaire: biografia, poetica I fiori del male L'albatro (T1, pag. 44) Corrispondenze (T3, pag. 48) Arthur Rimbaud: Vocali (T5, pag. 56) Arthr Rimbaud: Lettera del veggente (Focus, pag. 59) Decadentismo ed Estetismo Le caratteristiche del Decadentismo europeo ed italiano Il fenomeno del dandismo La poetica decadente Contenuti e forme del romanzo decadente Controcorrente, J.K. Huysmans La realtà artificiale, J.K. Huysmans (fotocopia) Il ritratto di Dorian Gray, Oscar Wilde (LETTURA INTEGRALE) Il ritratto corrotto, Oscar Wilde (T10, pag. 83) Gabriele D Annunzio Biografia, ideologia e poetica Il piacere (LETTURA INTEGRALE) L'esteta Andrea Sperelli (T24, pag. 157) La produzione lirica Alcyone La sera fiesolana (T21, pag. 138) La pioggia nel pineto (T22, pag. 143) I pastori (T23, pag. 148) Giovanni Pascoli Biografia, ideologia e poetica Il fanciullino (T11, pag. 95) Lo sperimentalismo stilistico Myricae Temporale (T12, pag. 102) Il lampo (T13, pag. 102) Il tuono (T14, pag. 103) Lavandare (T15, pag. 106) X agosto (T16, pag. 108) Novembre (T17, pag. 111) La capinera (fotocopia) I Poemetti I Canti di Castelvecchio

4 La mia sera (T18, pag. 115) Il gelsomino notturno (T19, pag. 118) Il primo Novecento: le avanguardie storiche Definizione di avanguardia Espressionismo, dadaismo, surrealismo Futurismo Filippo Tommaso Marinetti: biografia, ideologia e opere Manifesto del Futurismo, F.T. Marinetti (Focus, pag. 411) Manifesto tecnico della letteratura futurista, F.T. Marinetti (Focus, pag. 386) All'automobile da corsa, F. T. Marinetti (Focus, pag. 193) Bombardamento, F.T. Marinetti (T44, pag. 409) Turco pallone frenato; F.T.Marinetti (fotocopia) Aldo Palazzeschi: biografia, ideologia e opere E lasciatemi divertire, A. Palazzeschi (T45, pag. 415) Chi sono?, A. Palazzeschi (fotocopia) Il palombaro, C. Govoni (fotocopia) Crepuscolarismo Guido Gozzano: biografia, poetica e opere La signorina Felicita, G. Gozzano (fotocopia) L'amica di nonna Speranza, G. Gozzano (T43, pag. 402) Desolazione del povero poeta sentimentale, S. Corazzini (fotocopia) Luigi Pirandello Biografia, ideologia e poetica Avvertimento e sentimento del contrario (T31, pag. 282) I romanzi Il fu Mattia Pascal (LETTURA INTEGRALE) Mattia Pascal dinanzi alla sua tomba (T34, pag. 307) Uno, nessuno, centomila Il naso di Vitangelo Moscarda (T36, pag. 328) Novelle per un anno La patente (fotocopia) La signora Frola e il Signor Ponza suo genero (fotocopia) Il treno ha fischiato (T32, pag. 286) Il teatro Così è (se vi pare) Enrico IV Lo scontro tra i personaggi e gli attori (T37, pag. 331) Sei personaggi in cerca d autore I giganti della montagna Italo Svevo Biografia, ideologia e poetica I romanzi dell'inettitudine Una vita Senilità La coscienza di Zeno Prefazione: il Dottor S. (T38, pag. 361) Il vizio del fumo (T39, pag. 362) Lo schiaffo del padre (T40, pag. 368) La vita è inquinata alle radici (T41, pag. 373) Ermetismo Caratteristiche formali e di contenuti (pag.397) Salvatore Quasimodo: la biografia, la poetica, le raccolte

5 Ed è subito sera (T48 pag. 426) Alle fronde dei salici (T49, pag. 428) Giuseppe Ungaretti: la biografia, la poetica, le raccolte Allegria di naufragi (fotocopia) Il porto sepolto (T56, pag. 474) Veglia (T57, pag. 476) I fiumi (T58, pag. 478) Fratelli (T61, pag. 492) Soldati (fotocopia) San Martino del Carso (T59, pag. 483) Mattina (T60, pag. 490) Stelle (T62, pag. 498) Non gridate più (T63, pag. 499) Eugenio Montale: la biografia, la poetica, le raccolte Non chiederci la parola (T65, pag. 523) Meriggiare pallido e assorto (T66, pag. 526) Spesso il male di vivere ho incontrato (T67, pag. 528) Non recidere, forbice, quel volto (T68, pag. 536) Ho sceso dandoti il braccio (T70, pag. 544) Umberto Saba Biografia, ideologia e poetica Il Canzoniere A mia moglie (T50, pag. 446) Città vecchia (fotocopia) Trieste (T52, pag. 454) Amai (pag. 440) La capra (T51, pag.452) Mio padre è stato per me l'assassino (T53, pag. 457) Ulisse (T54, pag. 458) Narrativa italiana dal dopoguerra al terzo millennio Neorealismo: caratteristiche formali e di contenuti (pag. 687) Il mondo contemporaneo tra consumismo e tecnologia Il Postmoderno Cesare Pavese: la biografia, la poetica, le opere La casa in collina La luna e i falò Anguilla alla scoperta delle radici (T80, pag. 709) Beppe Fenoglio: la biografia, la poetica, le opere Il partigiano Jonny Una questione privata L amore e la guerra partigiana (T81, pag. 716) Leonardo Sciascia: la biografia, la poetica, le opere Il giorno della civetta La legge dello stato e la mafia (T83, pag. 733) Elsa Morante: la biografia, la poetica, le opere L isola di Arturo La storia L introduzione delle leggi razziali (T84, pag. 742) Primo Levi: la biografia, la poetica, le opere Se questo è un uomo Arbeit macht frei (T85, pag. 757) I tedeschi non c erano più (T86, pag. 763) Italo Calvino: la biografia, la poetica, le opere Il sentiero dei nidi di ragno

6 Le formazioni partigiane (T88, pag. 797) GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LE PROVE ORALI Scala di valutazione: da 2 a 10. Fattori di valutazione: Conoscenza dei contenuti: max p. 3 Comprensione: max p. 2 Linguaggio specifico: max p. 2 Capacità di fare collegamenti: max p. 2 Capacità di analisi critica: max p. 1 E stata comunque assegnata la sufficienza all alunno in grado di dimostrare una capacità di analisinon superficiale ed una certa padronanza nell esposizione dei concetti appresi in classe. Nella valutazione complessiva si è anche tenuto conto del lavoro individuale assegnato a casa, dimostrazione di motivazione nello studio, di capacità organizzative personali e di impegno. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PERLE PROVE SCRITTE GRIGLIADI VALUTAZIONE EDESCRITTORI PUNTEGGIO 1. Conoscenza specifica dei contenuti Non conosce i contenuti/assolutamente fuori tema... - Trattazione parziale della traccia... 1 Aderisce alla traccia nelle sue linee generali. 2 Trattazione completa /strettamente aderente al tema 3 Trattazione ampia ed esauriente 4 2. Correttezza e proprietà linguistica 4 Gravi errori morfosintattici... - Diffusi ma non gravi errori 1 Sporadici errori lessico limitato. 2 Elaborato corretto e lessico adeguato 3 Elaborato corretto e lessico ricco ed articolato Capacità di organizzare il testo e di argomentare le conoscenze 4 Argomentazione inadeguata.. - Scarsa correttezza e parziale completezza tematica.. 1 Argomentazioni ed elaborazioni semplici. 2 Argomentazioni adeguate e ben elaborate. 3 Argomentazioni ben articolate ed ampiamente elaborate. 4 4

7 4. Capacità di costruire un testo organico con ragionamenti conseguenti e motivati Mancanza di collegamento tra gli argomenti e sviluppo non equilibrato frale parti Parziali collegamenti e sviluppo poco equilibrato Parziali collegamenti e sviluppo conseguente e motivato. Collegamenti e ragionamenti conseguenti e motivati... Buona coerenza interna e sviluppo equilibrato. 5. Capacità di giudizi critici e personali Inesistenti... Semplice ripetizione di nozioni Scelte e giudizi non sempre adeguatamente motivati... Rielaborazione originale e personale Giudizi critici personali che denotano doti di originalità e creatività.. 2- ½ 1 1 ½ 2 1 -½ ½ 1 1

8 PROGRAMMA SVOLTO a.s. 2013/2014 Classe: V A Materia: STORIA Docente: FIORANI DANIELA Sede associata Pellico PROGRAMMA DI STORIA MODULO 1: L età dei nazionalismi Belle Epoque e società di massa L età giolittiana Venti di guerra La Prima guerra mondiale MODULO 2: L'età dei totalitarismi Il dopoguerra: una pace instabile La rivoluzione sovietica e lo stalinismo Il fascismo La crisi del '29 e la Grande depressione Il nazismo MODULO 3: I giorni della follia La seconda guerra mondiale La guerra parallela dell Italia e la Resistenza Il tramonto dell Europa MODULO 4: L 'equilibrio del terrore Il periodo della guerra fredda in Occidente e in Oriente Il processo di decolonizzazione e il neocolonialismo Il subcontinente indiano: Gandhi e l indipendenza dell India. Il Pakistan L Estremo Oriente: La Repubblica popolare cinese e la Rivoluzione culturale Lo sviluppo del Giappone L'Africa subsahariana e il caso Sudafrica Il periodo della distensione Il Sessantotto La fine del sistema comunista MODULO 5: Italia in Europa L Italia della ricostruzione Il miracolo economico e i cambiamenti sociali L Unione europea: nascita e sviluppo Dal Sessantotto a Tangentopoli MODULO 6: Il mondo contemporaneo La globalizzazione L'11 settembre 2001 e la crisi della globalizzazione Guerra in Afghanistan e in Iraq I poteri dell'islam: petrolio, terrorismo ed armi nucleari

9 GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LE PROVE ORALI Scala valutazione da 2 a 10. Fattori di valutazione: Conoscenza dei contenuti: max p. 3 Comprensione: max p. 2 Linguaggio specifico: max p. 2 Capacità di fare collegamenti: max p. 2 Capacità di analisi critica: max p. 1 E stata comunque assegnata la sufficienza all alunno in grado di dimostrare una capacità di analisinon superficiale ed una certa padronanza nell esposizione dei concetti appresi in classe. Nella valutazione complessiva si è anche tenuto conto del lavoro individuale assegnato a casa (rielaborazione degli appunti, approfondimenti ed esercizi), dimostrazione di motivazione nello studio, di capacità organizzative personali e di impegno., 13 maggio 2014 L insegnante: Fiorani Daniela

10 MATERIA: MATEMATICA Materiale didattico utilizzato: Libro di testo :M. Re Fraschini, G. Grassi, C. Spezia "Analisi servizi, edit. Atlas Contenuti specifici (programma svolto) PREMESSA E stato svolto il ripasso degli argomenti trattati nel quarto anno che si considerano parte integrante del programma. DISEQUAZIONI: Disequazioni di primo e di secondo grado intere e fratte. Disequazioni di grado superiore. Sistemi di disequazioni. FUNZIONI: Definizione di funzione. Campo di esistenza di una funzione: definizione, esempi di funzioni razionali intere, fratte, irrazionali ed esponenziali, logaritmiche, miste, composte e a tratti (cenni). Determinazione di C.E. che richiedono la risoluzione di un sistema di disequazioni (somma algebrica di funzioni, rapporto tra funzioni) e esempi di funzioni composte (cenni). Intersezioni con gli assi. Studio del segno di una funzione: f. razionali intere, fratte. Funzioni pari e dispari. LIMITI: Definizione di intorno di un punto, intorno destro e sinistro. Definizione intuitiva di limite, limite destro e limite sinistro. Limite finito per x che tende ad un valore finito, limite infinito per x che tende ad un valore finito, limite per x che tende ad un valore infinito. Rappresentazioni grafiche di limiti ed interpretazione di grafici assegnati. Definizione di asintoti: orizzontali, verticali. Calcolo di limiti mediante la costruzione di tabelle di approssimazione. Calcolo di limiti di funzioni elementari, limite di somma, prodotto e quoziente di funzioni. Risoluzione di forme indeterminate: + - (funzioni polinomiali ), 0,, 0 0. Definizione e concetto intuitivo di funzione continua, principali funzioni continue, criteri per la continuità, classificazione dei punti di discontinuità. Asintoti obliqui CALCOLO DIFFERENZIALE: Pendenza di una retta e definizione di rapporto incrementale. Pendenza di una curva e definizione di tangente come posizione limite della secante. Determinazione del coefficiente angolare della tangente. Definizione di derivata come limite del rapporto incrementale, significato geometrico della derivata ed equazione della tangente di una curva in un punto. Calcolo di alcune derivate mediante la definizione: derivata della funzione costante, della variabile indipendente e della potenza di secondo grado. Derivate di funzioni elementari e regole di derivazione: somma, prodotto, quoziente e derivazione di semplici funzioni composte. Punti di non derivabilità: definizioni di punto angoloso,cuspide e flesso a tangente verticale e semplici esempi. Definizione di punto di stazionarietà e classificazione, definizione di massimo e minimo assoluti. Crescenza, decrescenza e ricerca dei punti di stazionarietà. Definizione di flesso come punto in cui la funzione cambia concavità; determinazione della concavità e dei punti di flesso mediante lo studio del segno della derivata seconda: flessi a tangente obliqua e orizzontale. STUDIO COMPLETO DI FUNZIONE: Interpretazione del grafico di una funzione e rappresentazione grafica di una funzione che soddisfi condizioni date. Studio di semplici funzioni razionali intere e fratte mediante la determinazione del campo di esistenza, della simmetria, del segno, delle intersezioni con gli assi, dei limiti negli estremi del

11 campo di esistenza, dei punti di discontinuità, degli asintoti verticali, orizzontali e obliqui, dei punti di stazionarietà e degli intervalli di crescenza e decrescenza, della concavità e dei flessi. Costruzione del grafico. Griglia di valutazione perle prove scritte Scala dei voti: da 3 a 10 Per verifiche basate sull'applicazione meccanica di procedimenti, ad ogni esercizio proposto è stato assegnato un punteggio proporzionale al grado di difficoltà. Le verifiche più complesse ed articolate sono state valutate con la griglia che si allega. Sono stati valutati, per quanto possibile, gli esercizi parzialmente esatti, proporzionalmente alla parte corretta. GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA TERZA PROVA Indicatore 1: conoscenza, comprensione e padronanza degli argomenti specifici. Indicatore 2: completezza, correttezza e chiarezza espositiva/rappresentativa valutazione Indicatore 1 Indicatore 2 Totale Assolutamente insufficiente Gravemente insufficiente Insufficiente 5 2,5 7,5 Sufficiente 6,6 3,4 10 Discreto Buono 9 4, Ottimo Quesito 1 Quesito 2 Quesito 3 Media Indicatore 1 Indicatore 1 Indicatore 1 Indicatore 2 Indicatore 2 Indicatore 2 Totale Totale Totale

12 Griglia di valutazione delle prove orali Scala dei voti: Da 2 a 10 Sono stati valutati i seguenti obiettivi: CONOSCENZA, COMPRENSIONE, APPLICAZIONE, SINTESI e CAPACITA' ESPOSITIVE ed il profitto è stato misurato secondo la scala che segue: Voto 9, 10: Possiede conoscenze complete e coordinate, senza imprecisioni, che esprime con il linguaggio specifico della materia utilizzando la simbologia corretta. Comprende e applica le conoscenze correttamente ed è in grado di stabilire relazioni e collegamenti tra le diverse parti della disciplina dimostrando capacità di rielaborazione. Il quaderno è ordinato, completo e corretto. Gli elaborati scritti sono completamente corretti. Voto 8: Possiede conoscenze complete e coordinate, senza imprecisioni, che esprime con il linguaggio specifico della materia utilizzando la simbologia corretta. Comprende e applica le conoscenze correttamente senza errori e imprecisioni. Il quaderno è ordinato, completo e corretto. Voto 7: Possiede conoscenze complete, senza imprecisioni, che esprime con un linguaggio e una simbologia abbastanza corretti. Comprende e applica le conoscenze correttamente in esercizi standard. Voto 6: Conosce sufficientemente ma in modo non adeguatamente organico. Non commette errori di comprensione relativamente alla maggior parte degli argomenti oggetto di verifica. Applica le conoscenze in compiti standard senza commettere gravi errori. Rielabora e sintetizza, solo se guidato Espone con qualche incertezza. Voto 5: Conosce in modo superficiale con qualche errore nella comprensione. Commette errori non gravi nell applicazione delle conoscenze ma possiede poca capacità di lavoro autonomo. Si esprime con un linguaggio impreciso. Voto 4: Conosce in modo frammentario e superficiale. Applica le conoscenze solo se guidato dall insegnante e commette errori gravi nell esecuzione di compiti semplici. Si esprime con un linguaggio impreciso Voto 2-3: Non ha conoscenze e commette gravi errori. Non applica le conoscenze neanche se guidato dall insegnante. Nella valutazione complessiva si è anche tenuto conto della situazione di partenza, delle capacità personali e dell'impegno dimostrato. L'INSEGNANTE BIANCHI BRUNA

13 MATERIA:DIRITTO ED ECONOMIA TESTO:MARIA RITA CATTANI: Leggi e Sistemi ECONOMICI classe 5^ CONTENUTISPECIFICI ( PROGRAMMA SVOLTO) I conti dello Stato: - prodotto interno Lordo - prelievo fiscale e pressione fiscale - entrate e spese dello Stato - deficit pubblico e debito pubblico - il problema degli interessi sul debito pubblico; - prospettive di risanamento I contratti tipici e atipici: - Requisiti del contratto in generale: accordo, causa, oggetto e forma; - Efficacia del contratto. Nullità ed annullabilità del contratto. -La compravendita in generale. Le obbligazioni delle parti ed in particolare le garanzie. La vendita ad effetti reali differiti. La vendita con patto di riscatto. Vendita con riserva di Gradimento. Vendita a prova. Vendita su campione e su tipo di campione. Garanzia per vizi e garanzia per evizione. -La permuta -La locazione in generale. Obblighi delle parti. La locazione di immobili ad uso abitativo. la locazione di immobili ad uso non abitativo. -L'affitto -Il comodato -Il mutuo -Il lavoro subordinato. I contratti collettivi. Categorie di lavoratori subordinati. Obblighi delle parti, diritti individuali del lavoratore. I diritti sindacali. Sospensione e cessazione del rapporto di lavoro; il trattamento di fine rapporto. -L'assicurazione in generale. Assicurazione contro i danni, assicurazione per la responsabilità civile. Assicurazione sulla vita, per il caso vita e per il caso morte. -I contratti bancari: caratteristiche generali. Il deposito bancario. Il conto corrente bancario. L'apertura di credito. L'anticipazione bancaria. Lo sconto bancario. Il mutuo, La fideiussione. -Il mandato, la commissione e la spedizione. -La somministrazione di prestazioni continuative e di prestazioni periodiche: clausola di esclusiva e clausola di prelazione; -Il franchising (contratto di affiliazione commerciale); -Il leasing (locazione finanziaria) -Il factoring -L'appalto -Il trasporto di persone ed il trasporto di cose -Il deposito. Il deposito irregolare. -L'agenzia -La mediazione I titoli di credito -Concetto di titolo di credito. L'incorporazione del credito in un documento. Astrattezza, autonomia e letteralità. Titoli al portatore, all'ordine, nominativi. -Vaglia cambiario e cambiale tratta. Emissione, girata, accettazione, avallo,

14 protesto. Azione cambiaria e azione causale. -Assegno bancario e assegno circolare. Banca e Borsa - ruolo delle Banche nel sistema economico; - ruolo della Banca d'italia prima e dopo l'introduzione dell'euro. La B.C.E - politica monetaria restrittiva ed espansiva; - ruolo e funzionamento della Borsa valori. L economia internazionale - Politica commerciale: liberismo e protezionismo - Bilancia dei pagamenti - I cambi - Vantaggi dell Euro. Il modulo inerente l'economia internazionale sarà completato entro la fine dell anno. La griglia di correzione delle verifiche standard scritte e orali adottata nel corso dell anno è stata la seguente: Tre domande a risposta aperta: - per ogni risposta:punti 3: (sufficienza punti 2). La correttezza linguistica incide per 0,3 punti; - prova d eccellenza: punti 1 da valutare come segue: * prova orale) quarta domanda su approfondimenti individuali di argomenti affrontati in classe; * prova scritta): argomenti affrontati con competenza e adeguate conoscenze, oltre i limiti di quanto è stato oggetto di discussione in classe o di spiegazione sui libri di testo. La valutazione delle prove "non standard" è stata comunicata di volta in vol

15 TESTO: MATERIA: In Business (ed.longman) Total Pet (ed. Black Cat) INGLESE GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE ( vd. Tabelle ) Scala dei voti : da 2 a 10 Per verifiche di tipo oggettivo basate su esercizi di fissazione / applicazione delle strutture morfosintattiche e della terminologia commerciale, ad ogni esercizio proposto è stato assegnato un punteggio proporzionale al grado di difficoltà e non è stato consentito l uso del dizionario. Per verifiche più complesse ed articolate, intese a sviluppare le capacità di lavorare autonomamente e a valutare competenze proprie dell ambito professionale, è stato invece consentito l uso del dizionario bilingue e si è cercato di applicare una griglia di valutazione che tenesse conto dei seguenti parametri : CONTENUTO, CORRETTEZZA GRAMMATICALE, ORTOGRAFIA e ASPETTI FORMALI, a ciascuno dei quali è stato assegnato un punteggio diverso secondo il tipo di verifica. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LE PROVE ORALI ( vd. Tabella) Scala dei voti : da 3 a 10 Oralmente è stato giudicato il grado di comprensione, di correttezza, utilità e proprietà linguistica, oltre la capacità di esposizione e rielaborazione delle nozioni di teoria commerciale e degli argomenti di civiltà trattati attraverso una griglia di valutazione basata sui seguenti parametri : COMPRENSIONE DELLA LINGUA, CONOSCENZA DEGLI ARGOMENTI, CORRETTEZZA LINGUISTICA e PRONUNCIA. Il voto di sufficienza è stato assegnato all alunno che : - CONOSCE sufficientemente, ma in modo non adeguatamente organico. - Non commette errori di COMPRENSIONE relativamente alla maggior parte degli argomenti oggetto di verifica. - RIELABORA e SINTETIZZA solo se guidato. - ESPONE con incertezze sia strutturali che di pronuncia. Nella valutazione complessiva si è anche tenuto conto della situazione di partenza, delle capacità personali e dell impegno dimostrato. PROGRAMMA SVOLTO BUSINESS THEORY The World of Production: Sectors and Distribution Business Organizations; Multinationals and Globalisation Trade : Home trade and International trade / Controlling foreign trade and Trading blocks The Internet and E Commerce / Types of online business activities Trading Documents and Packing Transport : by land, by sea, by air / Transport Documents / Incoterms Insurance / Insurance services to companies and Marine Insurance (photocopy) Methods of Payment Banks and Banking : Bank services / Ethical banking and Microfinance The Stock Exchange

16 The World of - ings : Leasing and Franchising (photocopies) Marketing and Advertising / Promotion: Trade Fairs BUSINESS COMMUNICATION The Business Transaction Enquiries and Replies / Orders and Replies, Modification and Cancellation of orders Complaints and Replies / Reminders and Replies / Offers and Replies Job applications: the Europass CV Fax and E Mail ; Telephone Calls ; How to report orally CIVILIZATION British English and American English (photocopy) The British Mass Media: Press, Television and the Internet The European Union Grease (Palketto Stage Turin) Holocaust Remembrance Day + The Boy in the Striped Pyjamas /photocopy) TOTAL PET: ( anni precedenti Units: 1 13 ) ; Unit 19: Work and Jobs GRAMMAR: Present/Past/Future Tenses; Passive Form; If-Clauses; Phrasal Verbs; Reported Speech; Comparatives / Superlatives. Insegnante CAGLIERO Daniela

17 GRIGLIA PER LA CORREZIONE DELLA COMPOSIZIONE CONTENUTO STILE LESSICO LIVELLO MORFOSINTATTICO ED USO DEI REGISTRI ORTOGRAFIA Coerente con la traccia. Elabora in modo originale i contenuti. Dimostra creatività Sviluppa la traccia senza elaborazioni originali o personali. Non del tutto coerente con la traccia sfrutta in modo inadeguato gli elementi a disposizione Rileva difficoltà di comprensione della traccia Stile scorrevole e personale. Totale comprensibilità. Ottima organizzazione del contenuto. Compresenza di frasi semplici e complesse e buon uso dei connettori. Stile abbastanza scorrevole. Comprensione quasi totale. Buona organizzazione del contenuto. Poche frasi complesse e uso soddisfacente dei connettori. Stile nel complesso scorrevole. Alcuni punti poco chiari. Testo un po disorganico. Prevalenza di frasi semplici. Testo difficile da comprendere, poco organizzato ed inefficace. Lessico ampio ed appropriato Lessico ampio e nel complesso appropriato (1/3 errori) Lessico appropriato, ma non particolarmente curato, fa ricorso a sinonimi Usa talvolta termini ed espressioni non adeguati o ripetizioni Usa un lessico ristretto, fa uso di sinonimi non sempre appropriati, impreciso e vago Lessico molto ristretto, uso improprio di sinonimi che danneggiano la comunicazione Corretto, registro adeguato, 1-2 errori minori Globalmente corretto, alcuni errori minori (articoli, prep. ecc.) o 1 errore grave Globalmente corretto, ma con 2-3 errori gravi o 1 errore grave e alcuni minori Abbastanza corretto, qualche errore grave (4-5) e non, ma riguardanti poche aree grammaticali Errori diffusi anche di registro Errori diffusi anche in strutture elementari, che causano difficoltà anche di comprensione Da nessuno a pochi errori di minima entità Alcuni errori che non rendono però il testo comprensibile Molti errori, anche in termini ormai noti ,5 3 2,5 2 1,5 1 0,5 3 2,5 2 1,5 1 0, ,5 Totale... /15

18 GRIGLIA DI VALUTAZIONE ORALE A) COMPRENSIONE: 3 4: Non capisce la richiesta. Travisa completamente il contenuto del messaggio. 5: Comprensione parziale delle richieste. Sono necessarie ripetizioni e/o formulazioni diverse. 6 7: Comprende il senso generale delle richieste, l insegnante deve intervenire ulteriormente per gli aspetti secondari. 7-8 : Comprende tutte le richieste, anche nei dettagli. B) PRODUZIONE (Scioltezza, lessico, pronuncia, correttezza grammaticale): 3 4: Gravi errori, il messaggio è difficile da comprendere. Non conosce il lessico di base necessario. Non ha padronanza delle strutture grammaticali di base. 5: Richiede concentrazione nell ascolto, usa termini spesso errati. Limiti nella pronuncia. Dimostra insicurezza nell uso delle strutture grammaticali con errori abbastanza frequenti. 6: Utilizza il lessico di base sul tema con una pronuncia non sempre corretta. Permangono errori grammaticali, ma circoscritti ad alcune strutture. 7 8: Si esprime con discreta scioltezza. Utilizza termini appropriati e le parole chiave sul tema. Pochi errori grammaticali non importanti. 9 10: Si esprime con scioltezza dimostrando un ottima conoscenza del lessico. La pronuncia è corretta anche nell intonazione. Pochissimi/irrilevanti errori grammaticali. C) CONTENUTO (capacità di rielaborazione): 3-4: Non sa rispondere ai quesiti. Dimostra una conoscenza lacunosa e limitata dei contenuti. 5: Non sa rispondere alla maggior parte dei quesiti. Dimostra conoscenze frammentarie e superficiali. Rielabora a fatica le conoscenze. 6: Risponde alla maggior parte dei quesiti. Dimostra una conoscenza sufficiente, ma non completa dei contenuti. Rielabora le conoscenze, se guidato. 7-8: Risponde ai quesiti in modo soddisfacente. Dimostra una discreta/buona conoscenza dei contenuti, anche se non rielaborati in modo personale. Se guidato,opera dei collegamenti. 9 10: Dimostra un ottima conoscenza dei contenuti, senza imprecisioni. I contenuti sono rielaborati in modo personale. Sa operare autonomamente collegamenti.

19 GRIGLIA COMUNE DI VALUTAZIONE DELLA TERZA PROVA CANDIDATO CLASSE. Tipologia adottata: B, per ciascuna materia n 3 quesiti a risposta aperta N.B. Per ogni quesito si fa la somma dei punteggi derivati dai due indicatori. Per ogni materia si calcola la media dei totali ottenuti da ogni singolo quesito approssimata alla seconda cifra decimale. Il punteggio finale viene attribuito dalla commissione in base alla media finale CRITERI DI VALUTAZIONE ADOTTATI Indicatore 1: conoscenza, comprensione e competenza sugli argomenti specifici Indicatore 2: correttezza, completezza, chiarezza espositiva e rappresentativa Corrispondenza punteqqi - esito della prova Valutazione Indicatore 1 Indicatore 2 Assolutamente insufficiente 2 1 Gravemente insufficiente 4 2 Insufficiente 5 2,5 Sufficiente 6,6 3,4 Discreto 8 4 Buono 9 4,5 Ottimo 10 5 Quesito n 1 Quesito n 2 Quesito n 3 Media Indicatore 1 Indicatore 1 Indicatore 1 Indicatore 2 Indicatore 2 Indicatore 2 Totale Totale Totale

20 SEZIONE ASSOCIATA S.PELLICO GRIGLIA PER LA CORREZIONE DELLA TERZA PROVA SEZIONE DI LINGUA STRANIERA ALLIEVO: Conoscenza dei contenuti Conoscenze approfondite, rielaborate in modo critico ed originale Conoscenze adeguate senza particolari rielaborazioni Conoscenze approssimate o essenziali degli argomenti Conoscenze incomplete o parziali degli argomenti Conoscenze confuse o nulle Comprensione del testo Dettagliata (coglie tutti gli elementi, anche le inferenze) Completa (coglie gli elementi impliciti) Globale (coglie gli elementi espliciti) Superficiale (non coglie tutti gli el. espliciti) Incompleta Parziale Errata / non risponde Lessico e spelling Ricco / pertinente / adeguato / glob.corretto Abbastanza corretto/ripreso dal testo Ripetitivo / poco adeguato / con errori diffusi 4 / / 2 2 / / 0.5 / 0 6 / / / / / 0.5 / 0 2 / / Livello morfosintattico ed uso dei registri Corretto, registro adeguato Glob. corretto, registro abb. adeguato Con errori diffusi, registro non adeguato Con errori diffusi e molto gravi 3 / / / 0 2 TOTALE /15

21 MATERIA: TESTO: Metodologia INFORMATICA GESTIONALE A. Lorenzi F. Gallizioli La gestione dei dati aziendali ED.ATLAS Griglia di valutazione prove scritte (quesiti a risposta aperta) Esempio di VALUTAZIONE ANALITICA esercizi a risposta aperta nelle prove scritte TOTALE PUNTI Conoscenza specifica dei contenuti 6 Non conosce i contenuti/assolutamente fuori tema Trattazione parziale della traccia Aderisce alla traccia nelle linee generali Trattazione completa strettamente aderente al tema Trattazione ampia ed esauriente Capacità di applicazione delle conoscenze acquisite PUNTI Non è in grado di applicare le conoscenze acquisite Fa scelte adeguate ma non sempre in modo motivato Fa scelte adeguate denotando doti di originalità e creatività VALUTAZIONE COMPLESSIVA Max 10

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue:

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue: CAMPO DI ESISTENZA. Poiché la funzione data è una razionale fratta, essa risulta definita su tutto l asse reale tranne che nei punti in cui il denominatore della frazione si annulla, cioè: C.E. { R: 0}

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

LA FUNZIONE INTEGRALE

LA FUNZIONE INTEGRALE LA FUNZIONE INTEGRALE MAGLIOCURIOSO & CAMILLO magliocurioso@hotmail.it Sommario. In questa breve dispensa ho semplicementrascritto in L A TEX il contenuto di questa discussione: http://www.matematicamente.it/forum/

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le funzioni nel discreto 3 1.1 Le funzioni nel discreto.................................. 3 1.1.1 La rappresentazione grafica............................

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Lo studio di unzione Ing. Alessandro Pochì Appunti di analisi Matematica per la Classe VD (a.s. 011/01) Schema generale per lo studio di una unzione Premessa Per Studio unzione si intende, generalmente,

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA Comprensione della lettura Es. 1 Leggere il testo LA SIGNORINA MONICA e rispondere alle domande Tempo previsto per lo svolgimento : 1 h Punteggio massimo:

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Dal modello concettuale al modello logico

Dal modello concettuale al modello logico Dal modello concettuale al modello logico Traduzione dal modello Entita - Associazione al modello Relazionale Ciclo di sviluppo di una base di dati (da parte dell utente) Analisi dello scenario Modello

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

L infinito nell aritmetica. Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton

L infinito nell aritmetica. Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton L infinito nell aritmetica Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton Poi lo condusse fuori e gli disse: . E soggiunse:

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4.0. Esponenziale. Nella prima sezione abbiamo definito le potenze con esponente reale. Vediamo ora in dettaglio le proprietà della funzione esponenziale a,

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli