Genova, 28 Aprile 2014 No. 1610

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Genova, 28 Aprile 2014 No. 1610"

Transcript

1 Genova, 28 Aprile 2014 No Fonti: Burke & Novi S.r.l. Il Sole 24 Ore Il Messaggero Marittimo Corriere dei Trasporti La Gazzetta Marittima Lloyd s List Lloyd s Ship Manager Fairplay Shipping Weekly Trade Winds International Shipping Gazette Journal pour le Transport International Shipping News International The Journal of Commerce (European edition) B.P. Statistical Review of World Energy H.P. Drewry: Shipping, Statistics & Economics Intertanko port information & bunkers International Bulk Journal Containerisation International Editore: Burke & Novi S.r.l. Via Domenico Fiasella, 4/ Genova Tel Telefax / Direttore responsabile: Giovanni Novi Registro Stampa del Tribunale di Genova N. 23/87 con autorizzazione n 6133 del Website: address:

2 ANDAMENTO DEI NOLI NELLE SETTIMANE (14/25 Aprile 2014) CISTERNE Un flusso costante di carichi dal Medio Oriente prima e dopo le festività pasquali, non è stato sufficiente a rinvigorire il mercato delle VLCC (oltre dwt). Gli ultimi fissati sono stati conclusi intorno a Ws 38 per le destinazioni del Far East e Ws 28 per quelle occidentali via Capo. La buona disponibilità di navi nelle prossime settimane escluderebbe la possibilità di miglioramenti, e per il momento i noleggiatori continuano ad avere in mano la situazione. Il mercato dell Atlantico rimane debole con attività limitata e noli a livelli di Ws 41,5 per il Far East e poco al di sotto di 3 milioni di dollari lumpsum per la costa occidentale indiana. Le Suezmax ( dwt) hanno registrato un aumento di attività in Atlantico nella seconda settimana in esame con un recupero dei noli sino a Ws 75 per destinazione Europa. Tuttavia, il miglioramento è stato di breve durata e il mercato è nuovamente sceso al livello di Ws 52,5 per il Golfo americano e Ws 55 per l Europa. In Mediterraneo e Mar Nero il boom che ha preceduto la Pasqua si è esaurito e di conseguenza i noli sono scesi intorno a Ws 55. I mercati delle Aframax ( dwt in Mare del Nord e nel Baltico sono rimasti praticamente invariati rispetto alle settimane precedenti. I noli si sono attestati intorno a Ws 95, mentre in Mediterraneo e Mar Nero sono aumentate le navi presenti e i noleggiatori ne hanno subito approfittato per ridurre i noli di qualche punto. Fissati recenti sono stati conclusi intorno a Ws 90. Queste navi sono particolarmente penalizzate dalla interruzione dei carichi da Ceyhan per atti di sabotaggio all oleodotto. Per i viaggi in Mediterraneo avrebbero perso circa dollari al giorno di equivalente timecharter scendendo a circa dollari al giorno, secondo i rilievi del Baltic Exchange. Il settore delle Product Tanker pulite di tipo Medium Range ( dwt) ha risentito del periodo festivo per i viaggi dal Continente alla costa atlantica americana e queste navi vengono ora fissate a Ws 100 senza che si intravvedano possibilità di cambiamento per il meglio a causa della scarsa attività. Anche per i viaggi dal Continente al West Africa i noli sono diminuiti e sono ora attestati intorno a Ws 115. Le Large Range 1 ( dwt) non hanno avuto un cambiamento altrettanto drammatico per gli stessi viaggi e vengono fissate a Ws I viaggi di ritorno per le MR dal Golfo americano, che prima di Pasqua si fissavano a Ws 80, hanno perso 12,5 punti Worldscale e vengono ora fissati a Ws 67,5. Le LR1 per gli stessi viaggi di ritorno ottengono noli invariati di Ws 65. Ad est di Suez, le Large Range 2 ( dwt) proseguono nella loro tendenza al ribasso anche dopo la conclusione delle festività pasquali. Molte navi si stanno muovendo verso il Golfo mediorientale e la scarsa domanda ha fatto scendere i noli a Ws 87,5 per i viaggi verso il Far East, 2,5 punti in meno. Le LR1 sono nella stessa posizione precedente con noli a Ws 90 per i viaggi dal Medio Oriente al Giappone. Anche i noli per i viaggi dal Medio Oriente alle destinazioni occidentali si sono indeboliti sia per le LR2 che per le LR1 e sono ora attestati a noli lumpsum rispettivamente di 2,200 milioni di dollari l e 1,675 milioni di dollari. 2

3 COMPRAVENDITA E importante rilevare che l attività della compravendita second hand è apparsa relativamente più modesta rispetto alle settimane precedenti come risulta dall elenco delle unità riportate. Oltre a ciò, almeno nel settore Bulker, gli armatori greci stanno continuando la propria corsa agli acquisti come si evince dalla cessione a compratori di Olympic della MV GRAND CHALLENGER ( Dwt Costr. 2006, Giappone) e della MV SEA OF HARVEST ( Dwt Costr. 2009, Giappone) rispettivamente per 25 e 28mil USD, mentre compratori di Golden Union sarebbero dietro all acquisto della RESALE STX JINHAE 1623 ( Dwt Costr. 2014, Corea) per circa 32,5mil USD. Nel Settore Tanker, da sottolineare che compratori degli Emirati Arabi di UACC, hanno acquistato le MT BUNGA BAKAWALI e MT BUNGA BALSAM (45.553/ Dwt Costr. 2010, Corea, IMO II, Marineline) per circa 33,5mil USD ciascuna, mentre venditori italiani di Navigazione Montanari avrebbero ceduto, soggetto conferma, le MT VALPADANA e VALDAOSTA (25.583/ Dwt Costr. 2002, Corea, IMO III) per circa 14,.5mil USD ciascuna. Nel settore delle nuove costruzioni Offshore, si segnala questa settimana la notizia dell ordinativo da parte della napoletana SCAFI Società di Navigazione al cantiere Damen per la costruzione di una unità Azimuth Stern Drive (ASD 3212), Fire Fighting 1, escort, oil product salvage and oil recovery tug avente una potenza di tiro (BP) di 80T. La costruzione dello stesso avverrà presso Damen s Song Cam Shipyard in Vietnam e dovrebbe costare tra i 6 e 7 milioni di Euro. Tra le nuove costruzioni Bulker da sottolineare invece l ordinativo da parte di Progress Bulk al cantiere Jiangsu Hantong per la costruzione di Dwt in consegna nel 2017 per 23,9mil USD mentre Neda Maritime ha sottoscritto un contratto per la costruzione di 4 unità Bulker da Dwt presso il cantiere Tsuneishi, consegna 2016 per 35mil USD. Per quanto concerne la demolizione, si evidenzia che in seguito al fallimento della Deiulemar Shipping, i nuovi proprietari di Heros Ventures avrebbero avviato alla demolizione presso il mercato indiano le Bulk Carrier MV Luciana della Gatta, Gina Iuliano e Giovanni della Gatta per circa 445 USD/LDT. Oltre a ciò, si evidenzia che i cantieri di demolizione di Bangladesh e Pakistan hanno pagato questa settimana rispettivamente USD/LDT per il tonnellaggio Bulker e circa USD/LDT per quello Tanker. ALTRE NOTIZIE Frontline 2012 e Knightsbridge, società del magnate norvegese John Fredriksen, hanno unito le loro forze per creare la maggiore compagnia armatoriale di bulkcarrier Capesize quotata in borsa. Le 25 Capesize di nuova costruzione di Frontline 2012 sono state aggiunte alla flotta Knightsbridge per creare una compagnia armatoriale di 39 Capesize. Le nuove costruzioni sono previste in consegna tra il prossimo settembre e la fine del 2016, con cinque navi in consegna nel 2014, 14 nel 2015 e sei nel La decisione fa seguito alla recente acquisizione da parte della Knightsbridge di cinque Capesize di nuova costruzione dalla Frontline 2012 e di una nave dalla compagnia di investimenti di Mr. Fredriksen, Hemen Holding. A completamento del recente accordo, 3

4 Knightsbridge ha accettato di intestare 62 milioni di azioni alla Frontline Di conseguenza, Frontline 2012 avrà una quota del 70% nella Knightsbridge, gli altri azionisti il 27% e la Hemen una quota del 3%. Con una flotta complessiva di 39 navi, di cui 34 eco-design ad efficienza energetica, in grado di realizzare profitti equivalenti timecharter più alti delle navi esistenti in qualunque situazione di mercato, la compagnia sta gettando le basi per approfittare dell attesa ripresa del mercato, con l obiettivo di un nolo breakeven inferiore a dollari al giorno. Il nuovo attacco di sabotaggio all oleodotto dall Iraq alla Turchia ad opera di militanti, ha ridotto le opportunità di impiego per le petroliere Aframax dal porto di Ceyhan. Negli ultimi trimestri, le numerose chiusure dell oleodotto controllato da Bagdad hanno ridotto il volume del greggio iracheno disponibile per le petroliere, mentre l Iraq sta disperatamente cercando di ritornare sulla scena mondiale come importante produttore ed esportatore di greggio. In effetti, le esportazioni irachene di greggio da Ceyhan che nel 2012 erano in media di barili al giorno, sono scese lo scorso anno a b/g. In termini di carichi, si è passati da circa quattro Aframax alla settimana a circa due e mezza alla settimana. L oleodotto, che convoglia il greggio dai giacimenti di Kirkuk nella parte settentrionale dell Iraq, ha la capacità di pompare sino a 1,5 milioni b/g quando pienamente operativo, ma i frequenti atti di sabotaggio hanno di molto ridotto la sua capacità che ha inciso sui fissati di petroliere. Nel marzo 2011, furono fissate da Ceyhan 40 petroliere, che scesero a 28 nello stesso mese del 2012 e a 32 nel marzo Circa 16 Aframax sono state fissate dall inizio di questo mese da Ceyhan, un numero destinato a non salire di molto dopo la recente sospensione. Le precedenti interruzioni hanno messo fuori attività l oleodotto per periodi da sei giorni a oltre tre settimane e non si sa per ora quanto durerà l interruzione in atto. I contratti di noleggio per un anno stanno diventando l impiego di elezione per le Product Tanker e il contratto concluso dalla Maersk Tankers con la BP conferma la crescente popolarità di questi contratti mentre aumenta l ottimismo nel mercato. La Maersk Elliot di dwt costruita nel 2005, è stata fissata dalla BP per 12 mesi al nolo di dollari al giorno per un totale di 5 milioni di dollari complessivi. Contratti per un anno per moderne unità da dwt sono ora stimati in dollari al giorno, da dollari di un anno fa e di due anni fa. L impiego per un anno sta aumentando di popolarità poiché consente di bloccare profitti sicuri e permette di cercare nuovi contratti alla scadenza del contratto, quando i profitti delle Product Tanker dovrebbero migliorare ulteriormente. A conferma di questa popolarità, almeno otto contratti a periodo sono stati conclusi dal 1 marzo per Product Tanker da a dwt. Quando queste petroliere termineranno i loro contratti, in marzo o aprile 4

5 del prossimo anno, potrebbero ottenere noli più alti sia sul mercato spot che a periodo, per effetto di un migliore equilibrio di mercato tra offerta e domanda poiché dalle nuove raffinerie in Medio Oriente e Asia partiranno maggiori quantitativi di prodotti petroliferi per l Europa, l Australia e l Africa. Lo scorso anno la Russia ha esportato circa 3 milioni di barili al giorno di greggio ai paesi europei dell OCSE, pari al 71% delle esportazioni complessive russe di greggio. Due terzi del traffico è avvenuto via mare sia dai porti del Baltico che del Mar Nero, fornendo sostegno vitale per i mercati delle Aframax e delle Suezmax nella regione. La Russia ha esportato nel 2013 anche un milione b/g di prodotti petroliferi verso l Europa che hanno rappresentato il 36% circa delle esportazioni totali di prodotti dalla Russia. Le esportazioni sono state quasi interamente trasportate dai porti del Baltico e del Mar Nero generando una significativa domanda di Product Tanker, in particolare di Medium Range. Nonostante l Europa sia un importante partner commerciale per la Russia in termini di vendite di greggio, da vari anni, e molto prima dei recenti avvenimenti in Ucraina, la Federazione Russa ha cercato di diversificare i suoi mercati all export, in particolare sviluppando i traffici di greggio nella regione asiatica del Pacifico. Le esportazioni di greggio via oleodotto ESPO sia dal porto di Kozmino sulla costa del Pacifico che direttamente in Cina tramite il raccordo con l oleodotto, sono stati lo scorso anno in media di 0,75 milioni b/g, il livello più alto dal E molto più è in programma, dopo la firma di un accordo tra la Rosneft e la Cina. Per la Russia, le ultime prese di posizione con il mondo occidentale, possono solo intensificare i suoi sforzi per stabilire legami con i mercati asiatici. L Europa dipende dalla Russia con importazioni nette lo scorso anno pari al 44% del suo fabbisogno. Questo renderebbe difficile mettere in atto possibili sanzioni per greggio e prodotti, sia in termini di costi che di capacità di trovare fonti alternative di rifornimento. Sebbene al momento non vi sia pericolo immediato per i traffici via mare di greggio e prodotti, la crisi politica in atto, in particolare se dovesse estendersi, potrebbe portare ad un obiettivo a lungo termine sia per la Russia che per l Europa a ridurre la propria dipendenza una dall altra con implicazioni per le principali rotte delle petroliere. Gli Stati Uniti, che sino alla fine degli anni 70 importavano circa 1,5 milioni di barili al giorno di greggio e prodotti petroliferi dalla Nigeria, ricevono attualmente circa b/g, grazie allo sfruttamento dei depositi scistosi e, se la tendenza continuerà, anche questo quantitativo potrebbe azzerarsi del tutto. Gli Stati Uniti hanno ora meno necessità di importare greggio leggero dalla Nigeria, una qualità di greggio simile alle sue importanti riserve. La perdita dei viaggi dalla Nigeria agli Stati Uniti sta penalizzando il settore delle Suezmax che dovranno compensare la mancanza con altri viaggi. Queste navi sono sempre un elemento chiave nei traffici dal Mar Nero al Mediterraneo e molti armatori 5

6 vedono nei carichi dal Mar Nero un opportunità di espandere le loro flotte. La Kazmortransflot, la compagnia controllata dallo stato attiva nei trasporti di greggio del Kazakhstan, intende investire in Suezmax di seconda mano per trasportare più greggio dal Mar Nero al Mediterraneo. Inoltre, in Messico le nuove riforme energetiche stanno aprendo il Paese agli investimenti di compagnie petrolifere straniere con lo scopo di far aumentare le esportazioni di greggio dai livelli correnti in declino di 1,25 milioni b/g in confronto a 1,42 milioni b/g di un anno fa. Sebbene gli Stati Uniti importino ora la maggior parte del greggio messicano, vi sono progetti di diversificare le sue destinazioni, ad esempio verso l Europa e l Asia. Su queste lunghe rotte, le Suezmax potrebbero trovare nuove possibilità di impiego. I movimenti di Suezmax nel 2013 dal Golfo mediorientale verso i Paesi ad ovest di Suez sono aumentati leggermente su base annua, come quelli tra il West Africa e Singapore. Un aspetto positivo per le Suezmax è il basso livello dell orderbook dove si contano solo una quarantina di navi in ordinazione rispetto ad una flotta attiva che comprende circa 500 unità. In questo segmento di mercato, non si è avuta alcuna crescita nel primo trimestre dell anno. Infatti, a fronte di due navi consegnate dai cantieri, altrettante sono state avviate alla demolizione. Mentre per le petroliere da greggio si sta prospettando un secondo trimestre deprimente, l eccitazione continua a regnare nel settore del gas di petrolio liquefatto (GPL). I noli per le navi più grandi, le Very Large Gas Carrier (VLGC) hanno recentemente superato i 100 dollari per tonnellata metrica sulla rotta di riferimento dal Golfo Arabo al Giappone. L offerta di GPL continua ad aumentare con la crescente produzione di gas naturale e greggio e, di conseguenza, è in aumento la richiesta di trasporto via mare. Una distinzione importante tra il mercato del GPL e quello del greggio sono i fondamentali trainanti della domanda. Semplificando, il mercato del greggio è condizionato dalle raffinerie che determinano la domanda, mentre il GPL è un sottoprodotto del greggio e del gas naturale, per cui l offerta è immessa direttamente in mercato. Il prezzo del GPL è storicamente basso, ma non così il trasporto. La maggior parte del GPL è stata fornita dal Medio Oriente, ma la produzione di greggio e gas da depositi scistosi negli Stati Uniti ha contribuito all offerta di GPL nel Golfo americano. L immissione del prodotto nel grande bacino asiatico ha fatto aumentare significativamente la domanda base tonnellate-miglia. Solo nell ultimo mese, una dozzina di carichi hanno fornito impiego per 90 giorni come round trip via Capo Horn, poiché queste navi sono troppo grandi per transitare da Panama. Con la previsione di una continua espansione dei volumi esportati dagli Stati Uniti, i ritardi nell espansione del Canale di Panama non potranno che favorire la crescita delle tonnellate-miglia. La flotta corrente comprende circa 150 navi e poiché il recente aumento dei noli dipende 6

7 direttamente dalla limitata disponibilità di navi, gli armatori dovrebbero essere molto cauti a non affollare di ordinativi questo segmento di mercato. La revoca del divieto americano sulle esportazioni di greggio potrebbe far aumentare le tonnellate-miglia a pieno carico del 14% e nello stesso tempo generare profitti sino a dollari al giorno per le VLCC che trasporteranno questi carichi ai mercati internazionali. Lo sostiene uno studio della DNB precisando che profitti tanto alti sarebbero dovuti al fatto che il mercato delle VLCC sta già registrando una contrazione del surplus di capacità in confronto agli anni precedenti. Le previsioni della DNB si basano su un recente studio dell American Petroleum Institute secondo il quale, se il divieto in atto venisse revocato, le esportazioni petrolifere americane potrebbero raggiungere tra il 2015 e il 2035 una media di 2,1 milioni b/g, pari al pieno carico di una VLCC al giorno. Le valutazioni si basano su uno scenario in cui i produttori del Medio Oriente continueranno ad esportare qualità più pesanti di greggio verso gli Stati Uniti, mentre questi ultimi esporterebbero greggio più leggero verso l Asia. Infatti, le raffinerie americane sono per la maggior parte progettate per lavorare greggio pesante piuttosto che le qualità più leggere prodotte negli Stati Uniti, per cui avrebbe senso esportare questi volumi di greggio leggero. Gli Stati Uniti sono costretti ad accumulare vasti quantitativi di greggio che non possono esportare o raffinare. Almeno 400 milioni di barili sono stoccati negli Stati Uniti che a 100 dollari a barile valgono circa 40 miliardi di dollari, un capitale immenso bloccato. L aumento delle tonnellate-miglia è tuttavia limitato poiché gli Stati Uniti rimarrebbero importatori netti di greggio. Nondimeno, le esportazioni americane sarebbero un evento molto positivo per l equilibrio globale delle petroliere da greggio. Permettere le esportazioni, significa che il greggio degli Stati Uniti e quello internazionale saranno in diretta concorrenza portando il prezzo del West Texas più vicino ai prezzi petroliferi globali. Le demolizioni di portacontainer sono rallentate in marzo dopo una forte performance in febbraio, ma appaiono sempre alla pari con il forte livello di demolizioni del Complessivamente, teu sono stati avviati alla demolizione il mese scorso, un valore nettamente inferiore ai teu venduti in febbraio, ma più dei teu riportati in gennaio. Il quantitativo medio demolito mensilmente nel 2013 è stato di teu. Le previsioni sono per un totale di teu demoliti nell intero 2014, una revisione al rialzo rispetto alle precedenti stime di teu, a cui si aggiungono teu che si ritiene verranno demoliti nel Le previsioni correnti per il 2014 si confrontano con i teu venduti per demolizione nel 2013, con teu confermati come demoliti. Questo si confronta con teu nel 2012 e con il precedente record storico di teu del 2009, quando i traffici container erano in profonda recessione. La recente ripresa delle demolizioni fa riscontro ad un numero record 7

8 di consegne di nuove costruzioni nel corrente anno e nel prossimo pari a 1,6 milioni di teu, prima di un rallentamento a teu nel La maggior parte delle navi in ordinazione supera i teu unitari con il 68%della capacità consegnata nel 2013 che ha superato questa capacità. Le cifre corrispondenti per i prossimi anni sono del 77% nel 2014, l 84% nel 2015 e il 91% nel La consistenza dell orderbook in rapporto alla flotta complessiva è scesa a fine marzo al 22,4% in confronto al 23% di febbraio. Il declino è principalmente dovuto al gran numero di consegne avvenute in marzo. Il rapporto orderbook/flotta attiva è ritornato ad un livello che non si vedeva dall estate del 2012, pari al 19,1% in giugno e luglio dello scorso anno, il più basso dal

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI Italian translation SINTESI WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 Il World Energy Outlook (WEO) 2012 è uno strumento indispensabile per i decision maker della politica e dell industria

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE Alessandro Clerici Chairman Gruppo di Studio WEC «World Energy Resources» Senior Corporate Advisor - CESI S.p.A. ATI--MEGALIA Conferenza

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Studio di settore 03. Gas naturale. Marzo 2013. Il mercato del gas naturale. Cassa depositi e prestiti. in Italia: lo sviluppo. delle infrastrutture

Studio di settore 03. Gas naturale. Marzo 2013. Il mercato del gas naturale. Cassa depositi e prestiti. in Italia: lo sviluppo. delle infrastrutture Cassa depositi e prestiti Gas naturale Marzo 2013 Il mercato del gas naturale in Italia: lo sviluppo delle infrastrutture nel contesto europeo Studio di settore 03 Cassa depositi e prestiti Gas naturale

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA Autorità per l energia elettrica e il gas RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 31 marzo 2013 VOLUME I Stato dei servizi Autorità per l energia elettrica e il gas RELAZIONE

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

LE PETROLIERE DELL ULTIMA GENERAZIONE

LE PETROLIERE DELL ULTIMA GENERAZIONE MEZZI PETROLIERE LE PETROLIERE DELL ULTIMA GENERAZIONE L evoluzione delle navi cisterna in termini di sicurezza contro i rischi di inquinamento ha subito negli ultimi anni una forte accelerazione che ha

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO

PROSPETTO INFORMATIVO Emittente Finaval S.p.A. PROSPETTO INFORMATIVO relativo all Offerta Globale e all ammissione a quotazione sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. di azioni ordinarie

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA CRESME RICERCHE SPA OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA Cantiermacchine-ASCOMAC Comamoter-FEDERUNACOMA Ucomesa-ANIMA NELL AMBITO DI FEDERCOSTRUZIONI

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

OIL & BIO TRADING. Guida al trading petrolifero, biocarburanti e price risk management. FrancoAngeli. Nuova edizione ampliata. Fabio Di Benedetto

OIL & BIO TRADING. Guida al trading petrolifero, biocarburanti e price risk management. FrancoAngeli. Nuova edizione ampliata. Fabio Di Benedetto Fabio Di Benedetto OIL & BIO TRADING Guida al trading petrolifero, biocarburanti e price risk management Nuova edizione ampliata FrancoAngeli Informazioni per il lettore Questo file PDF è una versione

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

2. LE DEFINIZIONI DI SICUREZZA ENERGETICA

2. LE DEFINIZIONI DI SICUREZZA ENERGETICA 2. LE DEFINIZIONI DI SICUREZZA ENERGETICA Prima di affrontare le principali proposte di definizione del concetto di sicurezza energetica, è necessario capire in che misura l accesso all energia presenti

Dettagli

Lo shipping e la portualità nel Mediterraneo: opportunità e sfide per l Italia

Lo shipping e la portualità nel Mediterraneo: opportunità e sfide per l Italia Lo shipping e la portualità nel Mediterraneo: opportunità e sfide per l Italia Arianna Buonfanti 1 1 SRM Riassunto Scopo di questo paper è delineare l andamento e i possibili futuri scenari logistici nel

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

L Italia nell economia internazionale

L Italia nell economia internazionale Sistema Statistico Nazionale L Italia nell economia internazionale Rapporto ICE 2012-2013 ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Sistema Statistico

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale SEB Asset Management Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale Fabio Agosta, Responsabile Commerciale Europa Meridionale & Medio Oriente SEB Stockholm Enskilda

Dettagli

Le risorse energetiche mondiali, il nucleare l Italia

Le risorse energetiche mondiali, il nucleare l Italia Le risorse energetiche mondiali, il nucleare l Italia Alessandro Clerici 1 Link to the relevant page on the WEC website http://www.worldenergy.org/wecgeis/publications/default/launches/ser04/ser04.asp?mode=print&x=5&y=19

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

LE TRE DIMENSIONI DELLA RIVOLUZIONE DEMOGRAFICA. Dimensione

LE TRE DIMENSIONI DELLA RIVOLUZIONE DEMOGRAFICA. Dimensione L economia della demografia: quota sette miliardi Siamo in piena rivoluzione demografica: se ora siamo 7 miliardi, nel 2050 avremo probabilmente superato i 9 miliardi. Si sposta così il centro di gravità

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E. L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.) Milano, 25 marzo 2004 p. 1 L import-export dei diritti d autore

Dettagli

20 DOMANDE SU TEMPA ROSSA: TOTAL RISPONDE

20 DOMANDE SU TEMPA ROSSA: TOTAL RISPONDE 20 DOMANDE SU TEMPA ROSSA: ROSSA: TOTAL RISPONDE TOTAL IN BREVE LA NOSTRA MISSIONE Agire in maniera responsabile per consentire un accesso sempre maggiore all energia, in un mondo in cui la domanda è

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Leimportazioni italianedimaterieprime

Leimportazioni italianedimaterieprime Leimportazioni italianedimaterieprime Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Francesco Livi

Dettagli

TRASPORTO MERCI SU STRADA

TRASPORTO MERCI SU STRADA TRASPORTO MERCI SU STRADA Analisi economico-statistica delle potenzialità e criticità di un settore strategico per lo sviluppo sostenibile Trasporto merci su strada è una pubblicazione a cura di: ANFIA

Dettagli

Statistiche su produzione e consumo di energia primaria e di energia elettrica

Statistiche su produzione e consumo di energia primaria e di energia elettrica Materiale didattico di supporto al corso di Complementi di macchine Statistiche su produzione e consumo di energia primaria e di energia elettrica Michele Manno Dipartimento di Ingegneria Industriale Università

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli