Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia"

Transcript

1 Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia Il ruolo delle banche nel sistema finanziario Nella realtà i mercati non sono perfettamente concorrenziali e non vale il teorema di Modigliani-Miller. Gli intermediari creditizi svolgono la funzione speciale di trasformare scadenze, diversificare il rischio, ridurre i costi (economie di scala), produrre mezzi monetari. Capacità di produrre attività diverse : possibilità per gli intermediari di godere di un margine di intermediazione (tassi sui prestiti più elevati di quelli sulle loro passività). G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 1

2 Attivo e passivo bancario: il modello di Klein-Monti (1971) Banche monopoliste fissano, in base a scelte simultanee sui due lati del bilancio, i propri tassi attivi (i L ) e passivi (i D ) in modo da massimizzare i profitti. Ipotesi: banca monopolista conosce sia la domanda di depositi, D=D(i D ), con D (i D ) > 0, sia la domanda di prestiti, L=L(i L ), con L (i L ) < 0 è soggetta ad una riserva obbligatoria (R = κd) infruttifera; può acquisire un attività alternativa obbligazione T sostituto imperfetto dei prestiti e dei depositi il cui tasso i T si determina su un mercato finanziario competitivo (è un dato per le banche). Il vincolo di bilancio, D=R+L+T=κD+L+T esprime una relazione tra le attività fruttifere delle banche e la parte non vincolata della raccolta: (L+T) = (1 κ)d G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 2

3 La banca, nel massimizzare il profitto, interviene sui mercati: dei prestiti: concede L fino al punto L* in cui il ricavo marginale MRL decrescente, con intercetta uguale e coefficiente angolare doppio rispetto a L=L(i L ) uguaglia il costo marginale (i T, costo opportunità). i L * determinato sulla curva L=L(i L ) in corrispondenza di L*. dei depositi: colloca D fino a D* in cui il costo marginale MCD uguaglia il rendimento marginale sui suoi investimenti (i T ) aggiustato per il coefficiente di riserva obbligatoria (quota di D che non può essere investita, (1 κ) i T ). i D * è determinato sulla curva di domanda di depositi a D*. MEMO: D = a + bi D, implica i D = a/b + D/b; costo totale C = i D D= D( a/b + D/b) = (a/b)d + D 2 /b e MCD = a/b + 2D/b: retta crescente, con intercetta uguale e coefficiente angolare doppio rispetto alla curva di domanda inversa. Volume di titoli T* in portafoglio: (L*+T*) L* = (1 κ)d* L*. Margine di intermediazione: i L * i D *. Intensità e composizione intermediazione dipende da elasticità di L(i L ) e D(i D ). G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 3

4 G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 4

5 Se aumenta la concorrenza esterna sul mercato finanziario (la banca fronteggia domande più elastiche): il margine di intermediazione si riduce. Tassi attivi e passivi si schiacciano su quello dei titoli. In mercati perfettamente concorrenziali non esiste margine di intermediazione. La banca possiede un potere di mercato che deriva da: vincoli legali e condizioni tecnologiche; diversa qualità delle relazioni finanziarie nei mercati bancari dovute ad asimmetrie informative: prenditori di fondi conoscono rischi e potenzialità dei progetti di investimento meglio dei datori di fondi. Ciò impone un maggior monitoraggio e l instaurazione di relazioni di clientela stabili e prolungate nel tempo. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 5

6 Maggiore concorrenza interna: - No diminuzione potere di mercato (e del margine di intermediazione) a livello globale; - Si riduzione costi (e margini di intermediazione) delle singole banche ad un valore comunque non nullo, dovuto alla maggiore efficienza rispetto alle altre istituzioni finanziarie. La valutazione del rischio della controparte dipende da informazioni non perfettamente disperse: intermediari non sono in grado di osservare tutte le caratteristiche prima del finanziamento (selezione avversa) di coloro che richiedono fondi, né le azioni che essi intraprendono dopo aver ottenuto i finanziamenti (azzardo morale). Le banche devono fissare i tassi attivi e passivi in modo da garantire la compatibilità tra le preferenze delle imprese con quelle dei depositanti, considerati i rischi assunti, il livello di incertezza, la struttura dei mercati e le altre condizioni contrattuali e istituzionali (garanzie collaterali, capitale proprio, ecc ). G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 6

7 La struttura del passivo deve essere decisa compatibilmente con il grado di liquidità dell attivo e con il rischio di sperimentare carenza di riserve: si devono evitare bank run. Rischio di interesse: nella misura in cui l attivo è meno liquido del passivo un ritiro di depositi può richiedere un aumento dei tassi passivi e di quelli attivi. Ma ciò non è sempre possibile; si restringe il margine di intermediazione; non si garantisce la stabilità reddituale e patrimoniale dell intermediario. Spiegazioni del comportamento bancario: 1. monitoraggio delegato, dal quale scaturisce il tipo di contratti ottimali che gli intermediari offrono ai depositanti e ai mutuatari, e la struttura dei tassi; 2. assicurazione di liquidità garantita dalla banca; 3. pericolo della corsa agli sportelli e metodi per ridurne l incidenza; 4. relazioni di clientela rendono viscosi i tassi di interesse; 5. razionamento come modalità di controllo e gestione del rischio bancario. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 7

8 1. Il monitoraggio delegato In presenza di imprese che hanno bisogno di finanziare progetti di ampie dimensioni e di risparmiatori in possesso di piccole somme, è preferibile concentrare il monitoraggio delle imprese nelle mani di un solo soggetto: ridurre il costo per la raccolta e l elaborazione delle informazioni sulle imprese. I depositanti delegano il monitoraggio dei prenditori di fondi alle banche: (a) per le condizioni di asimmetria informativa nei confronti delle imprese finanziate; (b) perché le banche sono meno rischiose delle imprese finanziate, dato che possono diversificare il loro attivo. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 8

9 Esempio 1. Equity contract. Agente presta fondi a un impresa senza verificare perfettamente l effettiva profittabilità realizzata dal progetto per il quale si richiede il finanziamento. Un contratto in grado di garantirgli un risultato atteso conveniente non può essere fondato sulla promessa da parte dell impresa di pagare una frazione dei profitti derivanti dal progetto (equity contract): il finanziatore non può osservare i profitti effettivi; l impresa ha interesse a dichiarare rendimento nullo. Soluzione (parziale): imporre all impresa un contratto con il quale il finanziatore richiede il fallimento e la liquidazione dell attivo, se impresa non rimborsa il capitale e gli interessi pattuiti; il fallimento ha costi: il finanziatore può recuperare soltanto una percentuale dell attivo. Un equity contract non è accettabile per chi non può controllare l impresa. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 9

10 Esempio 2. Contratto di debito. Contratto accettabile per il finanziatore: somma composta da capitale da rimborsare più interessi (face value) deve essere tale per cui, da un lato, si garantisce un predeterminato rendimento atteso e, dall altro, si induce l impresa a ripagare il prestito qualora sia in grado di farlo. Per un dato tasso di rendimento richiesto, il tasso di interesse sul prestito cresce con la probabilità che il progetto non sia profittevole e con i costi di fallimento per il finanziatore. Il prestatore farà fallire l impresa se questa offre di ripagare una somma inferiore al face value, qualunque sia il risultato effettivamente conseguito. Incentivo all impresa a ripagare il prestito (se è in grado di farlo): il fallimento risulta più oneroso. Se il monitoraggio perfetto non è possibile: il contratto incentivante è quello di debito con clausole rigide che, se violate, fanno fallire l impresa. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 10

11 Contratto di prestito ottimale: elimina perdite sociali e produce face value minore abbassando il costo di interesse. La delega ad un solo soggetto, la banca, è efficiente se il monitoraggio: (a) è più costoso per i singoli finanziatori; (b) comporta il rischio che ogni finanziatore si comporti da free rider e che il monitoraggio complessivo risulti di conseguenza sub-ottimale. Chi monitorizza la banca che controlla l impresa? Anche le passività bancarie vanno valutate in termini di un face value fisso. Contratto di debito ottimale: contratto di debito senza monitoraggio che, per essere incentivo-compatibile, deve prevedere la corresponsione di interessi da parte delle banche a fronte del loro rischio di fallimento. Rafforzano il contratto di debito ottimale: o Riserva obbligatoria; o Capitale economico (parte del capitale proprio riservato alla protezione dai rischi dell attivo; un aumento permette di incrementare il leverage). G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 11

12 La banca, per rendersi meno rischiosa dell impresa (altrimenti il deposito sarebbe equivalente al finanziamento diretto) deve poter diversificare l attivo. Ciò spiega perché: (a) è conveniente assegnarle il compito di effettuare il monitoraggio, esentando i depositanti dal relativo costo; (b) i debiti non monitorati presenti nel passivo della banca sono per i depositanti meno rischiosi dei prestiti. I tassi sui depositi e sui prestiti dipendono dalla probabilità di restituzione dei prestiti e dal rischio di insolvenza, sia delle imprese che della banca. Il credito bancario consente di ottenere informazioni sui mutuatari che i mercati non forniscono. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 12

13 2. L assicurazione di liquidità. I depositanti vogliono ottenere un buon rendimento dai loro risparmi, ma sono consci che ciò richiede un lungo orizzonte di investimento: trade-off tra liquidità e rendimento. Bisogni di liquidità incerti: si presta a breve per rimanere liquidi, per evitare il rischio di dover ritirare in anticipo i fondi investiti a lungo termine (vendita di una obbligazione nel mercato prima della scadenza). La presenza di intermediari che prendono a breve e concedono a lungo aumenta il benessere perché riduce quel rischio, consentendo al contempo il finanziamento dei progetti delle imprese. Diamond e Dybvig (1983): le banche, assicurando l accesso alla liquidità, possono migliorare i risultati che si avrebbero in un equilibrio competitivo senza intermediari. Risparmiatori devono valutare probabilisticamente le necessità di consumo futuro. Possono essere: pazienti o impazienti. I primi investirebbero in titoli illiquidi per ottenere un rendimento più alto; i secondi no. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 13

14 Autarchia: risparmiatori, per fronteggiare bisogni di liquidità incerti, ripartiscono in maniera ottimale le dotazioni iniziali in una parte liquida destinata al consumo del prossimo periodo e una parte investita in titoli illiquidi che garantiscono un ammontare maggiore di beni in un futuro più lontano. Ciò si dimostra inefficiente nel momento in cui si realizza la vera (im)pazienza degli agenti. Chi scopre di essere paziente (impaziente) ha conservato liquidità che avrebbe potuto essere fruttifera (deve disinvestire fondi destinati al periodo 2, pagando uno sconto). Mercato finanziario: migliora la loro posizione. Gli impazienti (scoprono di aver necessità di liquidità), emettono titoli e non devono liquidare l investimento a lungo termine; i pazienti (scoprono di non aver bisogno di liquidità) comprano titoli, cedendo in contropartita beni di consumo. Il mercato finanziario determina il prezzo di equilibrio, rende possibile la negoziazione di titoli contro beni, aumenta la liquidità e il benessere sociale. Banche: se conoscono le frazioni di pazienti e di impazienti possono determinare la quota ottimale di attivo da liquidare in tutti i periodi successivi, a meno di cambiamenti di preferenze che possono generare bank run. Soluzione migliore. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 14

15 3. La corsa agli sportelli : l attesa che le banche siano insolventi le rende insolventi. Fallimento di una banca: se i depositanti lo interpretano come indicazione di insolvenza di tutto il sistema bancario e richiedono la restituzione dei depositi, rendono insolventi anche banche che non avrebbero avuto problemi di liquidità. La stabilità del sistema bancario dipende dal comportamento dei consumatori pazienti: se si aspettano che altri desiderino prelevare nel prossimo periodo, la strategia ottimale è di attuare lo stesso comportamento perché sanno che, per soddisfare la richiesta dei depositanti, la banca dovrà liquidare gli investimenti a lungo termine, che renderanno troppo poco per evitare il fallimento dell intermediario. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 15

16 Cause di un bank run: regola first come, first served: anche gli agenti che preferirebbero il consumo differito sono indotti a richiedere la restituzione dei fondi in quanto temono che altri agenti pazienti facciano lo stesso; problemi informativi: depositanti osservano lunghe code agli sportelli per richieste di prelievo; per quelli non informati (possono identificare solo ex post la performance della banca) le code (pur non conoscendone la motivazione) sono info che induce comportamenti; non si ha info su quanti siano i depositanti informati, né se questi abbiano ricevuto notizie negative sulla redditività degli asset della banca, o abbiano improvvise necessità di liquidità; diffusione di nuove informazioni circa la sostenibilità degli investimenti della banca: temendo una loro performance negativa, gli investitori ritirano i fondi per utilizzarli in investimenti alternativi. Scelta razionale se informazione completa. Inefficiente se non lo è. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 16

17 Misure per la stabilità del sistema bancario: o narrow banking: imposizione alle banche di una struttura per scadenze dell attivo perfettamente in linea con quelle del passivo: si elimina la possibilità di svolgere la funzione di trasformazione delle scadenze e quindi di produzione di mezzi liquidi. o sospensione dei rimborsi: annuncio di soddisfare soltanto una parte della richiesta di rimborsi; i soggetti pazienti sanno che la banca è in grado di far fronte alle sue obbligazioni future e la paura di una corsa agli sportelli scompare; sfavorisce i soggetti la cui richiesta di restituzione dei fondi è motivata dalla necessità di affrontare bisogni improvvisi di liquidità. o assicurazione dei depositi: garanzia di rimborsare in ogni caso i depositanti, tramite un apposito fondo, oppure con intervento dell Autorità monetaria (prestatore di ultima istanza): richiede di tassare altri settori dell economia, generando distorsioni, e induce incaute gestioni delle banche (moral hazzard). G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 17

18 4. I rapporti di clientela Acquisizione di clienti: attività costosa. Le relazioni di clientela (customer relations) riducono il rischio che i debitori o i creditori interrompano il rapporto con la banca, per rivolgersi ad un altra azienda di credito, o a un attività finanziaria concorrente. Le banche fronteggiano curve di domanda ad angolo: i prodotti bancari sono omogenei e la concorrenza di prezzo è scoraggiata; se un intermediario riduce il tasso di interesse sui prestiti (o aumenta quello sui depositi), è probabile che tutti gli altri emuleranno il suo comportamento; se lo aumenta, è probabile che nessuno lo seguirà e perderà quote di mercato. Le banche, dati gli elevati costi fissi di acquisizione della clientela, cercano di convincere i propri clienti che le condizioni contrattuali verranno mantenute in futuro: viscosità dei tassi bancari. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 18

19 La curva di domanda rilevante per la banca ha una forma spezzata: per aumenti dei tassi vale la L d 2 e per diminuzione dei tassi la L d 1. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 19

20 L d 1 : domanda dei clienti abituali della banca se riduce i tassi rispetto al valore corrente i L0 e le concorrenti la seguono: l elasticità rispetto al tasso i L è bassa poiché l azione della banca riesce ad attirare nuovi clienti solo marginalmente. L d 2: domanda dei clienti abituali se banca aumenta i tassi e le altre banche non la imitano: l elasticità rispetto al tasso i L è alta perché i clienti avranno un incentivo a spostarsi presso altre banche che offrono condizioni migliori. Il ricavo marginale ha una discontinuità tra A e B; fino a quando la curva dei costi marginali MC passa per AB non è conveniente modificare il tasso esistente. In presenza di una caduta della domanda di prestiti, i profitti di breve periodo sono massimizzati da una strategia che accetta riduzioni nella quantità di credito piuttosto che dei tassi (le altre farebbero lo stesso). I saggi sui prestiti non sono molto sensibili a variazioni della domanda e l onere dell aggiustamento ricade sull intensità dell erogazione di credito: difficoltà della singola banca ad aggiustare con immediatezza i tassi passivi per frenare le corse agli sportelli. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 20

21 5. Il razionamento del credito Le viscosità nei tassi di interesse e gli aggiustamenti attraverso le quantità possono produrre il razionamento: non tutti gli agenti riescono ad ottenere il credito desiderato al tasso di mercato perché, piuttosto che aumentare il tasso d interesse in presenza di eccesso di domanda, la banca limita l ammontare prestato. Perché la banca sceglie il razionamento? Asimmetrie informative: Selezione avversa La banca non distingue tra richiedenti più o meno rischiosi (non differenzia i tassi): fissare un tasso unico per tutte le imprese, pur sapendo che un suo valore eccessivo allontana dal mercato proprio i progetti meno rischiosi che sono quelli che le banche, avverse al rischio, preferirebbero finanziare. L impresa conosce le condizioni in cui opera, ma non controlla perfettamente la realizzazione del processo produttivo (il successo dell investimento, oltre che dalle caratteristiche del progetto, dipende anche da elementi casuali). Il profitto atteso dall impresa dipende dal rendimento e dal rischio del progetto prescelto. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 21

22 Se all aumentare del rischio aumenta il rendimento, quando i tassi aumentano i progetti di minor rendimento e minor rischio sono i primi per i quali le imprese rinunciano a chiedere il finanziamento. Si rivolgeranno alla banca soltanto quelle che vogliono attuare progetti più rischiosi. Al crescere del tasso rimangono sul mercato soltanto i prestatori meno affidabili: - effetto positivo: maggiori interessi pagati dalle imprese; - effetto negativo: maggiore rischiosità dei progetti finanziati. Se le banche fissano il tasso d interesse al livello che massimizza i profitti attesi, potrebbero non essere indotte ad aumentarlo in presenza di un eccesso di domanda nel mercato dei prestiti, perché il conseguente effetto negativo potrebbe risultare maggiore di quello positivo: non è possibile eliminare il razionamento attraverso il funzionamento spontaneo del mercato. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 22

23 G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 23

24 Relazione tra rendimento atteso φ(i L ) e tasso d interesse i L prima crescente e, da i L + in poi, decrescente (quadrante in basso a destra) per selezione avversa. Offerta di credito L s in funzione di φ(i L ) (quadrante in basso a sinistra) limitata superiormente (tratto OC) in corrispondenza di i L = i L + : per i L > i L + la banca non ha convenienza ad espanderla. Confronto con L d : solo per i L < i L +, a cui corrisponde il massimo rendimento atteso dalla banca, la domanda viene soddisfatta dalla banca attraverso adattamenti del tasso d interesse. Per L d 2: equilibrio senza razionamento e offerta di credito inferiore alla massima possibile. Crescita domanda soddisfatta da maggiore offerta fino a L d 3: in C si ha l offerta massima di credito possibile e assenza di razionamento. Per L d 1: i L = i L +, domanda pari a Ob e offerta pari a Oc: tratto cb rappresenta il razionamento del credito. Equilibrio senza razionamento, E, non può essere raggiunto. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 24

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Capitalizzazione semplice e composta (sul libro a pag. 386 e seguenti)

Capitalizzazione semplice e composta (sul libro a pag. 386 e seguenti) Capitalizzazione semplice e composta (sul libro a pag. 386 e seguenti) Operazione finanziaria = un operazione in cui avviene uno scambio di denaro in tempi diversi. Mutuante o creditore = chi concede il

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

TEORIE DELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA. UNA RASSEGNA CRITICA

TEORIE DELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA. UNA RASSEGNA CRITICA TEORIE DELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA. UNA RASSEGNA CRITICA GIOVANNI CESARONI * Introduzione In questo lavoro intendiamo presentare una rassegna, che sia al contempo una discussione problematica, del

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

AREA PROFESSIONALE FINANZIARI, CREDITIZI, ASSICURATIVI. pag. 1

AREA PROFESSIONALE FINANZIARI, CREDITIZI, ASSICURATIVI. pag. 1 Regione Siciliana Assessorato regionale al Lavoro Previdenza Sociale, Formazione Professionale ed Emigrazione REPERTORIO REGIONALE DEI PROFILI PROFESSIONALI E FORMATIVI AREA PROFESSIONALE PROMOZIONE ED

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente.

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente. ESERCIZI SVOLTI SU COMPORTAMENTO DELL IMPRESA di G.Garofalo 1. Nota la funzione di costo totale CT = 1 + 3 + 70 Determinare le funzioni di costo: - fisso e medio fisso - variabile e medio variabile - medio

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE L 173/190 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 12.6.2014 DIRETTIVA 2014/59/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 maggio 2014 che istituisce un quadro di risanamento e risoluzione degli enti

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

I costi nel breve periodo

I costi nel breve periodo I costi di produzione e la funzione di offerta Breve e lungo periodo Il breve periodo è quell orizzonte temporale nel quale l impresa può variare solo parzialmente l impiego degli input esempio: l impresa

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 7 Continuiamo ad acquisire gli strumenti che ci permetteranno di studiare la scelta ottimale dell impresa. In questo capitolo vengono trattati i costi dell impresa. Usando la funzione di produzione

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa FEDERAZIONE DELLE COOPERATIVE RAIFFEISEN Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa Intervento di Carmelo Barbagallo Capo del Dipartimento di Vigilanza

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia Testo di riferimento: Analisi Finanziaria, McGraw-Hill, 2002 Obiettivi della lezione Capire i profili di

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf)

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf) Capitolo 6 La produzione A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1 Questo file (con nome cap_06.pdf) può essere scaricato da siti e file elearning.moodle2.unito.it/esomas/course/ view.php?id=215 abbreviato

Dettagli

CAP.1: FINANZA AZIENDALE.

CAP.1: FINANZA AZIENDALE. FINANZA AZIENDALE CAP.1: FINANZA AZIENDALE. Studio dei principi di valutazione della convenienza economica delle decisioni (finanziarie) di investimento e di finanziamento delle imprese. Il mercato si

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli