Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia"

Transcript

1 Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia Il ruolo delle banche nel sistema finanziario Nella realtà i mercati non sono perfettamente concorrenziali e non vale il teorema di Modigliani-Miller. Gli intermediari creditizi svolgono la funzione speciale di trasformare scadenze, diversificare il rischio, ridurre i costi (economie di scala), produrre mezzi monetari. Capacità di produrre attività diverse : possibilità per gli intermediari di godere di un margine di intermediazione (tassi sui prestiti più elevati di quelli sulle loro passività). G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 1

2 Attivo e passivo bancario: il modello di Klein-Monti (1971) Banche monopoliste fissano, in base a scelte simultanee sui due lati del bilancio, i propri tassi attivi (i L ) e passivi (i D ) in modo da massimizzare i profitti. Ipotesi: banca monopolista conosce sia la domanda di depositi, D=D(i D ), con D (i D ) > 0, sia la domanda di prestiti, L=L(i L ), con L (i L ) < 0 è soggetta ad una riserva obbligatoria (R = κd) infruttifera; può acquisire un attività alternativa obbligazione T sostituto imperfetto dei prestiti e dei depositi il cui tasso i T si determina su un mercato finanziario competitivo (è un dato per le banche). Il vincolo di bilancio, D=R+L+T=κD+L+T esprime una relazione tra le attività fruttifere delle banche e la parte non vincolata della raccolta: (L+T) = (1 κ)d G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 2

3 La banca, nel massimizzare il profitto, interviene sui mercati: dei prestiti: concede L fino al punto L* in cui il ricavo marginale MRL decrescente, con intercetta uguale e coefficiente angolare doppio rispetto a L=L(i L ) uguaglia il costo marginale (i T, costo opportunità). i L * determinato sulla curva L=L(i L ) in corrispondenza di L*. dei depositi: colloca D fino a D* in cui il costo marginale MCD uguaglia il rendimento marginale sui suoi investimenti (i T ) aggiustato per il coefficiente di riserva obbligatoria (quota di D che non può essere investita, (1 κ) i T ). i D * è determinato sulla curva di domanda di depositi a D*. MEMO: D = a + bi D, implica i D = a/b + D/b; costo totale C = i D D= D( a/b + D/b) = (a/b)d + D 2 /b e MCD = a/b + 2D/b: retta crescente, con intercetta uguale e coefficiente angolare doppio rispetto alla curva di domanda inversa. Volume di titoli T* in portafoglio: (L*+T*) L* = (1 κ)d* L*. Margine di intermediazione: i L * i D *. Intensità e composizione intermediazione dipende da elasticità di L(i L ) e D(i D ). G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 3

4 G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 4

5 Se aumenta la concorrenza esterna sul mercato finanziario (la banca fronteggia domande più elastiche): il margine di intermediazione si riduce. Tassi attivi e passivi si schiacciano su quello dei titoli. In mercati perfettamente concorrenziali non esiste margine di intermediazione. La banca possiede un potere di mercato che deriva da: vincoli legali e condizioni tecnologiche; diversa qualità delle relazioni finanziarie nei mercati bancari dovute ad asimmetrie informative: prenditori di fondi conoscono rischi e potenzialità dei progetti di investimento meglio dei datori di fondi. Ciò impone un maggior monitoraggio e l instaurazione di relazioni di clientela stabili e prolungate nel tempo. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 5

6 Maggiore concorrenza interna: - No diminuzione potere di mercato (e del margine di intermediazione) a livello globale; - Si riduzione costi (e margini di intermediazione) delle singole banche ad un valore comunque non nullo, dovuto alla maggiore efficienza rispetto alle altre istituzioni finanziarie. La valutazione del rischio della controparte dipende da informazioni non perfettamente disperse: intermediari non sono in grado di osservare tutte le caratteristiche prima del finanziamento (selezione avversa) di coloro che richiedono fondi, né le azioni che essi intraprendono dopo aver ottenuto i finanziamenti (azzardo morale). Le banche devono fissare i tassi attivi e passivi in modo da garantire la compatibilità tra le preferenze delle imprese con quelle dei depositanti, considerati i rischi assunti, il livello di incertezza, la struttura dei mercati e le altre condizioni contrattuali e istituzionali (garanzie collaterali, capitale proprio, ecc ). G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 6

7 La struttura del passivo deve essere decisa compatibilmente con il grado di liquidità dell attivo e con il rischio di sperimentare carenza di riserve: si devono evitare bank run. Rischio di interesse: nella misura in cui l attivo è meno liquido del passivo un ritiro di depositi può richiedere un aumento dei tassi passivi e di quelli attivi. Ma ciò non è sempre possibile; si restringe il margine di intermediazione; non si garantisce la stabilità reddituale e patrimoniale dell intermediario. Spiegazioni del comportamento bancario: 1. monitoraggio delegato, dal quale scaturisce il tipo di contratti ottimali che gli intermediari offrono ai depositanti e ai mutuatari, e la struttura dei tassi; 2. assicurazione di liquidità garantita dalla banca; 3. pericolo della corsa agli sportelli e metodi per ridurne l incidenza; 4. relazioni di clientela rendono viscosi i tassi di interesse; 5. razionamento come modalità di controllo e gestione del rischio bancario. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 7

8 1. Il monitoraggio delegato In presenza di imprese che hanno bisogno di finanziare progetti di ampie dimensioni e di risparmiatori in possesso di piccole somme, è preferibile concentrare il monitoraggio delle imprese nelle mani di un solo soggetto: ridurre il costo per la raccolta e l elaborazione delle informazioni sulle imprese. I depositanti delegano il monitoraggio dei prenditori di fondi alle banche: (a) per le condizioni di asimmetria informativa nei confronti delle imprese finanziate; (b) perché le banche sono meno rischiose delle imprese finanziate, dato che possono diversificare il loro attivo. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 8

9 Esempio 1. Equity contract. Agente presta fondi a un impresa senza verificare perfettamente l effettiva profittabilità realizzata dal progetto per il quale si richiede il finanziamento. Un contratto in grado di garantirgli un risultato atteso conveniente non può essere fondato sulla promessa da parte dell impresa di pagare una frazione dei profitti derivanti dal progetto (equity contract): il finanziatore non può osservare i profitti effettivi; l impresa ha interesse a dichiarare rendimento nullo. Soluzione (parziale): imporre all impresa un contratto con il quale il finanziatore richiede il fallimento e la liquidazione dell attivo, se impresa non rimborsa il capitale e gli interessi pattuiti; il fallimento ha costi: il finanziatore può recuperare soltanto una percentuale dell attivo. Un equity contract non è accettabile per chi non può controllare l impresa. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 9

10 Esempio 2. Contratto di debito. Contratto accettabile per il finanziatore: somma composta da capitale da rimborsare più interessi (face value) deve essere tale per cui, da un lato, si garantisce un predeterminato rendimento atteso e, dall altro, si induce l impresa a ripagare il prestito qualora sia in grado di farlo. Per un dato tasso di rendimento richiesto, il tasso di interesse sul prestito cresce con la probabilità che il progetto non sia profittevole e con i costi di fallimento per il finanziatore. Il prestatore farà fallire l impresa se questa offre di ripagare una somma inferiore al face value, qualunque sia il risultato effettivamente conseguito. Incentivo all impresa a ripagare il prestito (se è in grado di farlo): il fallimento risulta più oneroso. Se il monitoraggio perfetto non è possibile: il contratto incentivante è quello di debito con clausole rigide che, se violate, fanno fallire l impresa. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 10

11 Contratto di prestito ottimale: elimina perdite sociali e produce face value minore abbassando il costo di interesse. La delega ad un solo soggetto, la banca, è efficiente se il monitoraggio: (a) è più costoso per i singoli finanziatori; (b) comporta il rischio che ogni finanziatore si comporti da free rider e che il monitoraggio complessivo risulti di conseguenza sub-ottimale. Chi monitorizza la banca che controlla l impresa? Anche le passività bancarie vanno valutate in termini di un face value fisso. Contratto di debito ottimale: contratto di debito senza monitoraggio che, per essere incentivo-compatibile, deve prevedere la corresponsione di interessi da parte delle banche a fronte del loro rischio di fallimento. Rafforzano il contratto di debito ottimale: o Riserva obbligatoria; o Capitale economico (parte del capitale proprio riservato alla protezione dai rischi dell attivo; un aumento permette di incrementare il leverage). G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 11

12 La banca, per rendersi meno rischiosa dell impresa (altrimenti il deposito sarebbe equivalente al finanziamento diretto) deve poter diversificare l attivo. Ciò spiega perché: (a) è conveniente assegnarle il compito di effettuare il monitoraggio, esentando i depositanti dal relativo costo; (b) i debiti non monitorati presenti nel passivo della banca sono per i depositanti meno rischiosi dei prestiti. I tassi sui depositi e sui prestiti dipendono dalla probabilità di restituzione dei prestiti e dal rischio di insolvenza, sia delle imprese che della banca. Il credito bancario consente di ottenere informazioni sui mutuatari che i mercati non forniscono. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 12

13 2. L assicurazione di liquidità. I depositanti vogliono ottenere un buon rendimento dai loro risparmi, ma sono consci che ciò richiede un lungo orizzonte di investimento: trade-off tra liquidità e rendimento. Bisogni di liquidità incerti: si presta a breve per rimanere liquidi, per evitare il rischio di dover ritirare in anticipo i fondi investiti a lungo termine (vendita di una obbligazione nel mercato prima della scadenza). La presenza di intermediari che prendono a breve e concedono a lungo aumenta il benessere perché riduce quel rischio, consentendo al contempo il finanziamento dei progetti delle imprese. Diamond e Dybvig (1983): le banche, assicurando l accesso alla liquidità, possono migliorare i risultati che si avrebbero in un equilibrio competitivo senza intermediari. Risparmiatori devono valutare probabilisticamente le necessità di consumo futuro. Possono essere: pazienti o impazienti. I primi investirebbero in titoli illiquidi per ottenere un rendimento più alto; i secondi no. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 13

14 Autarchia: risparmiatori, per fronteggiare bisogni di liquidità incerti, ripartiscono in maniera ottimale le dotazioni iniziali in una parte liquida destinata al consumo del prossimo periodo e una parte investita in titoli illiquidi che garantiscono un ammontare maggiore di beni in un futuro più lontano. Ciò si dimostra inefficiente nel momento in cui si realizza la vera (im)pazienza degli agenti. Chi scopre di essere paziente (impaziente) ha conservato liquidità che avrebbe potuto essere fruttifera (deve disinvestire fondi destinati al periodo 2, pagando uno sconto). Mercato finanziario: migliora la loro posizione. Gli impazienti (scoprono di aver necessità di liquidità), emettono titoli e non devono liquidare l investimento a lungo termine; i pazienti (scoprono di non aver bisogno di liquidità) comprano titoli, cedendo in contropartita beni di consumo. Il mercato finanziario determina il prezzo di equilibrio, rende possibile la negoziazione di titoli contro beni, aumenta la liquidità e il benessere sociale. Banche: se conoscono le frazioni di pazienti e di impazienti possono determinare la quota ottimale di attivo da liquidare in tutti i periodi successivi, a meno di cambiamenti di preferenze che possono generare bank run. Soluzione migliore. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 14

15 3. La corsa agli sportelli : l attesa che le banche siano insolventi le rende insolventi. Fallimento di una banca: se i depositanti lo interpretano come indicazione di insolvenza di tutto il sistema bancario e richiedono la restituzione dei depositi, rendono insolventi anche banche che non avrebbero avuto problemi di liquidità. La stabilità del sistema bancario dipende dal comportamento dei consumatori pazienti: se si aspettano che altri desiderino prelevare nel prossimo periodo, la strategia ottimale è di attuare lo stesso comportamento perché sanno che, per soddisfare la richiesta dei depositanti, la banca dovrà liquidare gli investimenti a lungo termine, che renderanno troppo poco per evitare il fallimento dell intermediario. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 15

16 Cause di un bank run: regola first come, first served: anche gli agenti che preferirebbero il consumo differito sono indotti a richiedere la restituzione dei fondi in quanto temono che altri agenti pazienti facciano lo stesso; problemi informativi: depositanti osservano lunghe code agli sportelli per richieste di prelievo; per quelli non informati (possono identificare solo ex post la performance della banca) le code (pur non conoscendone la motivazione) sono info che induce comportamenti; non si ha info su quanti siano i depositanti informati, né se questi abbiano ricevuto notizie negative sulla redditività degli asset della banca, o abbiano improvvise necessità di liquidità; diffusione di nuove informazioni circa la sostenibilità degli investimenti della banca: temendo una loro performance negativa, gli investitori ritirano i fondi per utilizzarli in investimenti alternativi. Scelta razionale se informazione completa. Inefficiente se non lo è. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 16

17 Misure per la stabilità del sistema bancario: o narrow banking: imposizione alle banche di una struttura per scadenze dell attivo perfettamente in linea con quelle del passivo: si elimina la possibilità di svolgere la funzione di trasformazione delle scadenze e quindi di produzione di mezzi liquidi. o sospensione dei rimborsi: annuncio di soddisfare soltanto una parte della richiesta di rimborsi; i soggetti pazienti sanno che la banca è in grado di far fronte alle sue obbligazioni future e la paura di una corsa agli sportelli scompare; sfavorisce i soggetti la cui richiesta di restituzione dei fondi è motivata dalla necessità di affrontare bisogni improvvisi di liquidità. o assicurazione dei depositi: garanzia di rimborsare in ogni caso i depositanti, tramite un apposito fondo, oppure con intervento dell Autorità monetaria (prestatore di ultima istanza): richiede di tassare altri settori dell economia, generando distorsioni, e induce incaute gestioni delle banche (moral hazzard). G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 17

18 4. I rapporti di clientela Acquisizione di clienti: attività costosa. Le relazioni di clientela (customer relations) riducono il rischio che i debitori o i creditori interrompano il rapporto con la banca, per rivolgersi ad un altra azienda di credito, o a un attività finanziaria concorrente. Le banche fronteggiano curve di domanda ad angolo: i prodotti bancari sono omogenei e la concorrenza di prezzo è scoraggiata; se un intermediario riduce il tasso di interesse sui prestiti (o aumenta quello sui depositi), è probabile che tutti gli altri emuleranno il suo comportamento; se lo aumenta, è probabile che nessuno lo seguirà e perderà quote di mercato. Le banche, dati gli elevati costi fissi di acquisizione della clientela, cercano di convincere i propri clienti che le condizioni contrattuali verranno mantenute in futuro: viscosità dei tassi bancari. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 18

19 La curva di domanda rilevante per la banca ha una forma spezzata: per aumenti dei tassi vale la L d 2 e per diminuzione dei tassi la L d 1. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 19

20 L d 1 : domanda dei clienti abituali della banca se riduce i tassi rispetto al valore corrente i L0 e le concorrenti la seguono: l elasticità rispetto al tasso i L è bassa poiché l azione della banca riesce ad attirare nuovi clienti solo marginalmente. L d 2: domanda dei clienti abituali se banca aumenta i tassi e le altre banche non la imitano: l elasticità rispetto al tasso i L è alta perché i clienti avranno un incentivo a spostarsi presso altre banche che offrono condizioni migliori. Il ricavo marginale ha una discontinuità tra A e B; fino a quando la curva dei costi marginali MC passa per AB non è conveniente modificare il tasso esistente. In presenza di una caduta della domanda di prestiti, i profitti di breve periodo sono massimizzati da una strategia che accetta riduzioni nella quantità di credito piuttosto che dei tassi (le altre farebbero lo stesso). I saggi sui prestiti non sono molto sensibili a variazioni della domanda e l onere dell aggiustamento ricade sull intensità dell erogazione di credito: difficoltà della singola banca ad aggiustare con immediatezza i tassi passivi per frenare le corse agli sportelli. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 20

21 5. Il razionamento del credito Le viscosità nei tassi di interesse e gli aggiustamenti attraverso le quantità possono produrre il razionamento: non tutti gli agenti riescono ad ottenere il credito desiderato al tasso di mercato perché, piuttosto che aumentare il tasso d interesse in presenza di eccesso di domanda, la banca limita l ammontare prestato. Perché la banca sceglie il razionamento? Asimmetrie informative: Selezione avversa La banca non distingue tra richiedenti più o meno rischiosi (non differenzia i tassi): fissare un tasso unico per tutte le imprese, pur sapendo che un suo valore eccessivo allontana dal mercato proprio i progetti meno rischiosi che sono quelli che le banche, avverse al rischio, preferirebbero finanziare. L impresa conosce le condizioni in cui opera, ma non controlla perfettamente la realizzazione del processo produttivo (il successo dell investimento, oltre che dalle caratteristiche del progetto, dipende anche da elementi casuali). Il profitto atteso dall impresa dipende dal rendimento e dal rischio del progetto prescelto. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 21

22 Se all aumentare del rischio aumenta il rendimento, quando i tassi aumentano i progetti di minor rendimento e minor rischio sono i primi per i quali le imprese rinunciano a chiedere il finanziamento. Si rivolgeranno alla banca soltanto quelle che vogliono attuare progetti più rischiosi. Al crescere del tasso rimangono sul mercato soltanto i prestatori meno affidabili: - effetto positivo: maggiori interessi pagati dalle imprese; - effetto negativo: maggiore rischiosità dei progetti finanziati. Se le banche fissano il tasso d interesse al livello che massimizza i profitti attesi, potrebbero non essere indotte ad aumentarlo in presenza di un eccesso di domanda nel mercato dei prestiti, perché il conseguente effetto negativo potrebbe risultare maggiore di quello positivo: non è possibile eliminare il razionamento attraverso il funzionamento spontaneo del mercato. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 22

23 G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 23

24 Relazione tra rendimento atteso φ(i L ) e tasso d interesse i L prima crescente e, da i L + in poi, decrescente (quadrante in basso a destra) per selezione avversa. Offerta di credito L s in funzione di φ(i L ) (quadrante in basso a sinistra) limitata superiormente (tratto OC) in corrispondenza di i L = i L + : per i L > i L + la banca non ha convenienza ad espanderla. Confronto con L d : solo per i L < i L +, a cui corrisponde il massimo rendimento atteso dalla banca, la domanda viene soddisfatta dalla banca attraverso adattamenti del tasso d interesse. Per L d 2: equilibrio senza razionamento e offerta di credito inferiore alla massima possibile. Crescita domanda soddisfatta da maggiore offerta fino a L d 3: in C si ha l offerta massima di credito possibile e assenza di razionamento. Per L d 1: i L = i L +, domanda pari a Ob e offerta pari a Oc: tratto cb rappresenta il razionamento del credito. Equilibrio senza razionamento, E, non può essere raggiunto. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 7 Pagina 24

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria. Supponete che la funzione di utilità di un agente sia u x. La remunerazione è rappresentata da un prospetto incerto, che prevede un reddito di 800 nel

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 La gestione della raccolta In termini generali l espressione politica della raccolta è sinonimo dell

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 2

Economia monetaria e creditizia. Slide 2 Economia monetaria e creditizia Slide 2 Le attività e i mercati finanziari Oltre alla moneta, un altra istituzione consente di ridurre i costi di transazione negli scambi: i mercati Si tratta dei contesti

Dettagli

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE COS È IL SISTEMA FINANZIARIO? È l insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari Il suo funzionamento avviene in un contesto di regole e controlli: la quarta componente strutturale

Dettagli

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Determinare la liquidità bancaria se (come avviene con la BCE) la domanda di base monetaria delle famiglie è sempre soddisfatta dalla BC (H

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

Lezione 3. Struttura e ruolo del sistema finanziario

Lezione 3. Struttura e ruolo del sistema finanziario Lezione 3. Struttura e ruolo del sistema finanziario Tavoletta di argilla della terza dinastia reale sumera della città di Ur, datata 2046 A.C., con la quale si registra il pagamento al palazzo reale dell

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Il problema dell investimento innovativo SCHEMA DELLA LEZIONE Cosa si intende per investimento

Dettagli

Fallimenti del mercato

Fallimenti del mercato Fallimenti del mercato Il mercato fallisce quando non è in grado di raggiungere un ottimo socialmente soddisfacente in termini di efficienza ed equità Potere di mercato Esternalità Beni pubblici Asimmetria

Dettagli

Il razionamento del credito

Il razionamento del credito Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il razionamento del credito Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Razionamento del credito Razionamento

Dettagli

Meccanismo di trasmissione (seconda parte)

Meccanismo di trasmissione (seconda parte) Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Meccanismo di trasmissione (seconda parte) Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Bank of England

Dettagli

Il razionamento del credito

Il razionamento del credito Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il razionamento del credito Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Razionamento del credito Razionamento

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

DOMANDE di RIEPILOGO

DOMANDE di RIEPILOGO DOMANDE di RIEPILOGO UNITA A - ANALISI ECONOMICA DELL IMPRESA Lez 3 Aspetti organizzativi dell impresa Natura e forme istituzionali Quali sono le caratteristiche dell impresa come istituzione gerarchica

Dettagli

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Politica Economica Europee Stefano Papa spapa@uniroma1.it Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Economica Università di Roma Sapienza Da produttività

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta Monopolio L assenza di condizioni di concorrenza perfetta è causa di fallimento del mercato per la difficoltà delle parti a trovare un accordo potenzialmente vantaggioso p Condizione di max profitto del

Dettagli

I fallimenti del mercato

I fallimenti del mercato I fallimenti del mercato Diritti di proprietà ed esecuzione dei contratti Anche in un economia ideale, caratterizzata da concorrenza perfetta ed efficienza paretiana, gli economisti più liberisti riconoscono

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo

Dettagli

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985):

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): Sull uso delle Garanzie. Tassonomia Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): a) Un mutuatario può impegnare come garanzia ( interna all impresa) un cespite che viene utilizzato nel

Dettagli

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Definizioni La banca può essere definita sotto due diversi profili:

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

PROF. MATTIA LETTIERI

PROF. MATTIA LETTIERI L OFFERTA DI MONETA PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 LA BASE MONETARIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LA RISERVA OBBLIGATORIA -------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012 ESERCITAZIONE 1 Economia dell Informazione e dei Mercati Finanziari C.d.L. in Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari (8 C.F.U.) C.d.L. in Statistica per le decisioni finanziarie ed attuariali

Dettagli

La gestione della raccolta bancaria (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

La gestione della raccolta bancaria (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 La gestione della raccolta bancaria (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Definizioni Nella prassi bancaria, il termine raccolta viene utilizzato per

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA POLITICA (prof. C. Gnesutta) PARTE 5 La composizione degli stock finanziari: Capitolo 19: moneta e capitale.

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA POLITICA (prof. C. Gnesutta) PARTE 5 La composizione degli stock finanziari: Capitolo 19: moneta e capitale. Capitolo 19:. Tra le funzione delle istituzioni finanziarie vi è anche quella di accrescere il grado di liquidità di attività altrimenti illiquide. Tale funzione è svolta efficacemente da quegli intermediari

Dettagli

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

Capitolo 9. Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 9. Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 9 Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato Forme di concorrenza imperfetta Esistono tre forme di concorrenza imperfetta: 1) Monopolio una singola impresa tratta con molti acquirenti;

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

Le crisi bancarie Effetti delle crisi bancarie

Le crisi bancarie Effetti delle crisi bancarie Le crisi bancarie 1 Effetti delle crisi bancarie Interruzione del funzionamento del sistema dei pagamenti; Contrazione del credito erogato al sistema produttivo; Crisi di fiducia dei depositanti; Brusca

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Adattato dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Il modello dell intermediario mobiliare L intermediario creditizio

Dettagli

Lezioni di Economia Monetaria 1 - III settimana

Lezioni di Economia Monetaria 1 - III settimana Lezioni di Economia Monetaria 1 - III settimana Prof. Marco A. Marini Facoltà di Economia - Università di Urbino Carlo Bo A.A. 2006-2007 1 Banche e intermediari nanziari 1.1 Gli intermediari nanziari Alcune

Dettagli

Modelli di comportamento delle banche

Modelli di comportamento delle banche Modelli di comportamento delle banche INTRODUZIONE Modelli del comportamento delle banche che tengano conto delle peculiarità dell attività bancaria Occorre incorporare l incertezza sui rendimenti delle

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 5

Economia monetaria e creditizia. Slide 5 Economia monetaria e creditizia Slide 5 Poiché le attività finanziarie sono sostituibili e le loro funzioni cambiano nel tempo non è facile dare una definizione univoca di moneta, ovvero di quali attività

Dettagli

LE BANCHE. Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI

LE BANCHE. Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI LE BANCHE Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI Cos è una banca? L'attività bancaria è definita come l'esercizio congiunto dell'attività di raccolta di risparmio tra il pubblico

Dettagli

Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky

Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky Alessandro Brusadelli, Giacomo Andreoletti Introduzione Obiettivo: Dimostrare che contesti che implicano l uso di razionalità procedurale

Dettagli

Microeconomia Settima edizione

Microeconomia Settima edizione Robert S. Pindyck Daniel L. Rubinfeld Microeconomia Settima edizione Edizione italiana a cura di Emanuele Bacchiega Sommario breve PARTE I Introduzione: mercati e prezzi Capitolo 1 Concetti di base 3 Capitolo

Dettagli

Accesso Limitato al Credito e la Politica Monetaria: il Modello di Stiglitz e Weiss

Accesso Limitato al Credito e la Politica Monetaria: il Modello di Stiglitz e Weiss Accesso Limitato al Credito e la Politica Monetaria: il Modello di Stiglitz e Weiss Dr. Giuseppe Rose (Ph.D., M.Phil, M.Sc., London) Università degli Studi della Calabria Macroeconomia Applicata Prof.ssa

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 8

Economia Monetaria - Slide 8 1 Economia Monetaria - Slide 8 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 7: Informazione incompleta Francesca Severini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) f.severini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione. ELORTO DL PR ON LINE DI ECONOMI DEI CONTRTTI 5.7. ssicurazione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività di screening di una compagnia assicurativa (per definizione neutrale

Dettagli

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) Le asimmetrie informative Alberto Zanardi Carenze

Dettagli

La Concorrenza Monopolistica

La Concorrenza Monopolistica La Concorrenza Monopolistica Caratteristiche Molteplicità di imprese Libertà di entrata (entreranno imprese finché vi sarà possibilità di profitti positivi). L entrata di nuove imprese favorisce i consumatori

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il sistema finanziario

Il sistema finanziario Il sistema finanziario 1. Definizione Il sistema finanziario (SF) rappresenta la fondamentale struttura attraverso cui si svolge nell ambito di un dato contesto economico l attività finanziaria, ossia

Dettagli

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI GLI INVESTIMENTI FINANZIARI SONO ACQUISTI DI ATTIVITA FINANZIARIE EFFETTUATE NELL ASPETTATIVA DI RICEVERNE UN RENDIMENTO. I PIU IMPORTANTI SONO: - I DEPOSITI

Dettagli

Sviluppi in ambito keynesiano. Appunti per il corso di Economia finanziaria (prof. G.Garofalo)

Sviluppi in ambito keynesiano. Appunti per il corso di Economia finanziaria (prof. G.Garofalo) Sviluppi in ambito keynesiano Appunti per il corso di Economia finanziaria (prof. G.Garofalo) Indice Il Canale creditizio all interno del modello IS-LM: - Bernanke-Blinder [pp. 323-326] slides 4-7 - Greenwald-Stiglitz

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 1 Domande e risposte sul tema banche

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 1 Domande e risposte sul tema banche Le banche come intermediari finanziari Che cos'è una banca? La banca è un'impresa la cui attività principale consiste nel raccogliere risparmi, concedere crediti e fornire altri servizi finanziari. Quali

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

SCELTE INTERTEMPORALI (cap. 20 Hey) Qui siamo nella situazione decisionale numero 1. Detto ciò:

SCELTE INTERTEMPORALI (cap. 20 Hey) Qui siamo nella situazione decisionale numero 1. Detto ciò: SCELTE INTERTEMPORALI (cap. 20 Hey) Anzitutto un preambolo: In Economia le scelte/decisioni vengono distinte in: 1. decisioni in situazioni di certezza 2. decisioni in situazioni di rischio 3. decisioni

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE 1 MODELLI ISTITUZIONALI-ORGANIZZATIVI: SI FA RIFERIMENTO A MODELLI DI INTERMEDIAZIONE BANCA UNIVERSALE GRUPPO POLIFUNZIONALE BANCA SPECIALIZZATA

Dettagli

Informazione asimmetrica

Informazione asimmetrica Informazione asimmetrica L informazione posseduta dalle due parti di una relazione economica può essere distribuita in maniera diversa: parliamo in questo caso di informazione asimmetrica. È possibile,

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

Fallimenti del mercato: Il monopolio

Fallimenti del mercato: Il monopolio Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Fallimenti del mercato: Il monopolio Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Concorrenza imperfetta La concorrenza

Dettagli

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Economia Pubblica Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline I Richiami di Economia del Benessere Economia di mercato e Intervento pubblico

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Monopolio e regolamentazione Introduzione Regola dell elasticità Inefficienza

Dettagli

THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES

THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES Giovanni Dell Ariccia, Enrica Detragiache, Raghuram Rajan ECONOMIA MONETARIA INTERNAZIONALE Anno Accademico 2009/2010 Alessandro Paci Valentina Peruzzi Mariangela Scorrano

Dettagli

Essendo volontario, lo scambio avviene se almeno un certo numero di partecipanti ottiene un certo grado di soddisfazione.

Essendo volontario, lo scambio avviene se almeno un certo numero di partecipanti ottiene un certo grado di soddisfazione. Giuseppe Bertola Il mercato Il Mulino 2011 Cap.1 Gli ingredienti del mercato Lo scambio volontario tra persone è fonte di enormi benefici. Essendo volontario differisce nelle motivazioni dal furto e dal

Dettagli

La Politica dei Prestiti

La Politica dei Prestiti Corso di Laurea in Amministrazione e Controllo Anno accademico 2009/2010 Tecnica Bancaria La Politica dei Prestiti Gruppo 5 Cognome Nome Matricola Grasso Marialuisa 632/001318 Naceto Vincenzo 632/001316

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

EMH E FINANZA COMPORTAMENTALE

EMH E FINANZA COMPORTAMENTALE EMH E FINANZA COMPORTAMENTALE Il materiale di questa ultima parte del corso è tratto da: Inefficient Markets. An Introduction to Behavioral Finance, Andrei Shleifer, Oxford University Press (2000), cap.

Dettagli

Gestione Bancaria-A. a. 2013-2014 DEFINIZIONE E DIFFERENZE ECONOMICHE RACCOLTA DIRETTA E RACCOLTA INDIRETTA

Gestione Bancaria-A. a. 2013-2014 DEFINIZIONE E DIFFERENZE ECONOMICHE RACCOLTA DIRETTA E RACCOLTA INDIRETTA 1 DEFINIZIONE E DIFFERENZE ECONOMICHE RACCOLTA DIRETTA E RACCOLTA INDIRETTA TRA FORME TECNICHE E FUNZIONI DELLA RACCOLTA DAL PUBBLICO OBIETTIVI, CONDIZIONAMENTI DI CONTESTO E LEVE DELLA GESTIONE DELLA

Dettagli

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE Docente: Gatto Antonino Elaborazione: Dott.ssa Locantro Antonia Lucia I motivi dell intervento dello

Dettagli

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA L oligopolio Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Π 1 = P Q 1 2 Secondo i criteri adottati, l oligopolio può essere definito come quella forma di mercato composta da un numero

Dettagli

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA capitolo 12-1 OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA ECONOMIA MONETARIA CARATTERISTICA ESSENZIALE: SCAMBI ATTRAVERSO LA MONETA E NON ATTRAVERSO TUTTI GLI ALTRI BENI (BARATTO). LA MONETA, INIZIALMENTE

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Introduzione - 1 Una delle idee più importanti della teoria economica è che i mercati sotto alcune condizioni- allocano i beni

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

FINANZA AZIENDALE. Lezione n. 7

FINANZA AZIENDALE. Lezione n. 7 FINANZA AZIENDALE Lezione n. 7 Valutare i titoli obbligazionari 1 SCOPO DELLA LEZIONE L obbligazione è il titolo più semplice che si possa trovare sul mercato. Il suo valore dipende da due elementi: i

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE

OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE 1. Offerta di moneta L offerta di moneta di un economia è controllata dalla sua banca centrale. La banca centrale regola direttamente la quantità

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa

1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa 1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa L esecuzione delle operazioni necessarie all impresa per svolgere il suo compito, cioè combinare fattori di produzione per ottenere un profitto, richiede

Dettagli

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014 IL BUSINESS PLAN PER TUTTI 25 giugno 2014 Elaborazione del Modello di Greitner Esempio di Mappa strategica Massimizzazione del profitto Remunerazione adeguata dei soci Economico Finanziaria Aumento della

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

I crediti di firma ed il credito al consumo

I crediti di firma ed il credito al consumo I crediti di firma ed il credito al consumo Economia delle aziende di credito A.A. 2008/2009 1 I crediti di firma 1) Introduzione 1.1 I crediti di firma 1.2 Funzione dei crediti di firma 2) Le accettazioni

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Adattato dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

Politica economica: Lezione 16

Politica economica: Lezione 16 Politica economica: Lezione 16 II canale: M - Z Crediti: 9 Corsi di laurea: Nuovo Ordinamento (DM. 270) Vecchio ordinamento (DM. 590) Politica Economica - Luca Salvatici 1 Tipi di beni Beni di ricerca

Dettagli

Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo

Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 14 Equilibrio economico generale (efficienza nello scambio) e fallimenti del mercato Facoltà di Scienze della Comunicazione

Dettagli

Programma delle Lezioni

Programma delle Lezioni UniversitàdegliStudidi Bologna Facoltà di Scienze Politiche Corsodi Laureain ScienzePolitiche, Socialie Internazionali Microeconomia (A-E) Matteo Alvisi Parte 7 EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE E COMMERCIO

Dettagli