Produzione industriale Ciclo di produzione diviso in fasi Aumento della divisione del lavoro e delle specializzazioni Replicabilità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Produzione industriale Ciclo di produzione diviso in fasi Aumento della divisione del lavoro e delle specializzazioni Replicabilità"

Transcript

1 Definizione marketing: processo di pianificazione e realizzazione della concezione, del pricing, della promozione e distribuzione di idee, beni e servizi al fine di creare scambi che consentano di soddisfare gli obiettivi di individui e organizzazioni. Produzione e consumo si sviluppano come aree autonome e lo spazio che le separa viene detto spazio dello scambio. Produzione: Centrata sulle potenzialità delle scoperte scientifiche e tecnologiche Concentrata nello spazio e nel tempo Obiettivi di efficienza e appropriatezza Consumo: Disperso rispetto ai luoghi di produzione e con tempi diversi Legato all evoluzione dei bisogni Può esprimere bisogni e aspettative maggiori rispetto a quelle ammesse dalla produzione. Marketing: Funzione: progettare, attivare e mantenere relazioni di scambio soddisfacenti tra produzione e consumo. Compito: ridurre asimmetrie tra domanda e offerta riducendo il trade- off tra i costi dell offerta di varietà e soddisfazione dei consumatori. Rapporto tra produzione e consumo nel modello artigianale Metodi di produzione e prodotti limitatamente riproducibili Flessibilità produttiva Alti costi per unità di prodotto e bassi consumi Personalizzazione Vantaggio competitivo legato a qualità e appropriatezza del prodotto Interazione tra domanda e offerta. Produzione industriale Ciclo di produzione diviso in fasi Aumento della divisione del lavoro e delle specializzazioni Replicabilità Tratti distintivi dell impresa di massa Alti volumi Prodotti standard Elevata specializzazione e standardizzazione delle mansioni è Taylorismo Ciclo di vita dei prodotti lungo Produzione spinge la domanda L impresa orientata al marketing non cerca di vendere tutto ciò che produce, ma produce ciò che può vendere (Kotler, 1965) Il processo di marketing management 1. Analisi delle opportunità di mercato

2 2. Ricerca e selezione dei mercati obiettivo è individuazione del mercato e analisi dei bisogni 3. Formulazione della strategia di marketing: Identidicazione dei segmenti Scelta del livello di copertura Posizionamento in ciascun segmento 4. Pianificazione delle operazioni di marketing 5. Organizzazione, attualizzazione e controllo delle operazioni di marketing. Dimensione del marketing Marketing strategico: Analisi delle opportunità del mercato e selezione dei mercati obiettivo. Dimensione conoscitiva. Marketing operativo: marketing mix: Prodotto: progettare prodotti in grado di rispondere alle esigenze dei clienti Prezzo: determinare il livello di prezzo più opportuno da praticare per i prodotti offerti. Distribuzione: progettare i canali distributivi attraverso i quali i prodotti raggiungono destinatari finali. Comunicazione: comunicare alla domanda le caratteristiche della propria offerta. Sistema inforamativo di marketing (SIM): Struttura costituita da persone, procedure, attrezzature, finalizzate a raccogliere, classificare, analizzare, valutare e redistribuire informazioni pertinenti, tempestive ed accurate agli operatori di decisioni di mercato. Un sistema informativo di marketing include: Sistema delle rilevazioni interne: si basa su dati aziendali e permette di ricostruire l andamento delle vendite, gli scostamenti rispetto agli obiettivi e altri aspetti importanti. Sistema di intelligence: raccoglie ed elabora informazioni sull ambiente rilevante prodotte dalle fonti specializzate. Utilizza tecniche di customer satisfaction e benchmarketing. Ricerche di marketing: consentono di approfondire problemi specifici. Sistemi di supporto alle decisioni: incorporano l informazione codificata nei modelli di marketing trasformandoli in una base per l azione. Il marketing relazionale Mantiene il focus sulla soddisfazione del consumatore. Il raggiungimento della customer satisfaction richiede l interazione col consumatore.

3 Condizioni che portano all interazione Crescente valore della componente intangibile del prodotto (servizi) Disponibilità di tecnologie capaci di realizzare in tempi brevi e con costi contenuti un offerta personalizzata (mass customization) Disponibilità di tecnologie che rendono raggiungibili i consumatori a costi contenuti (internet). Il consumatore e le sue preferenze non sono un vincolo da subire ma una risorsa da valorizzare. Produrre e acquistare varietà: Produzione Consumo Tecnologie flessibili: varietà a basso Consumatori che riscoprono la costo. soggettività. Economie di varietà. Attenzione e preparazione per valutare differenze e alternative. Progettazione modulare. Valore e servizi. La mass customization e il one- to- one marketing Personalizzazione di massa resa possibile dalla diffusione di sistemi di produzione flessibile, che consentono un offerta di varietà a basso costo. Tecnologie di informazione e comunicazione hanno dotato le imprese di maggiore capacità di analisi e profilatura del cliente, nonché di interazione diretta. Le formule della mass customization Può avvenire in almeno 4 forme: Investimenti in tecnologie di produzione flessibili Approccio modulare ai prodotti Creando prodotti con prestazioni flessibili Offrendo servizi personalizzati ad integrazione dei prodotti. Relationship marketing e CRM La dimensione operativa del relationship marketing è il customer relationship marketing (CRM). CRM: sistema delle tecnologie, dell organizzazione e dei servizi orientati all interazione. Il MR trasforma il consumatore da soggetto passivo a soggetto con cui dialogare Il consumatore viene coinvolto nei processi di co- creazione del valore Consumatore diventa obiettivo di conoscenza: non solo studiarlo ma apprendere da lui Relazione non coincide con fidelizzazione. Relazione è partnership.

4 Il processo di costruzione e gestione delle relazioni 1. Individuazione degli interlocutori 2. Conoscenza degli individui/consumatori 3. Differenziazione del target in termini di valore 4. Messa a punto dei contenuti e del linguaggio 5. Scelta dei canali 6. Costruzione delle relazioni 7. Personalizzazione dei prodotti/servizi Il consumatore deve essere disponibile alla relazione. La co- produzione di valore Frahalad e Ramaswamy segnalano una transazione paradigmatica dal sistema tradizionale di creazione del valore all approccio di co- creazione del valore: Approccio tradizionale: il valore è creato dall impresa. I beni e i servizi sono la base del valore. Nuovo approccio: il valore è co- creato dal consumatore e dall impresa. Le esperienze di co- creazione sono la base del valore. Il consumatore può diventare da soggetto passivo a soggetto attivo. Il consumatore come risorsa nell economia della conoscenza Il consumatore diventa una fonte di conoscenze preziose da: Valorizzare Integrare in reti estese per la produzione coperativa di conoscenze Trasferire all interno dell impresa. L empowerment Nella produzione di massa il consumatore si limita a scegliere tra le proposte di valore offerte. Nell era della relazione e dell interazione il consumatore si riappropria della propria intelligenza progettuale e produttiva. Consumatore prosumer: produttore e consumatore. I contesti di esperienza Lo studio del comportamento del consumatore vede 3 grandi filoni di ricerca: 1. Approccio cognitivo: acquisto come processo razionale 2. Approccio comportamentista: acquisto legato a fattori ambientali e culturali 3. Approcci emergenti: Consumo come esperienza Consumo come costruzione d identità Consumo come costruzione di relazioni sociali

5 Dai beni ai servizi alle esperienze 1. Il consumatore cerca un bene 2. Il consumatore cerca anche un servizio (prodotto ampliato) 3. Il consumatore cerca esperienze: la creazione di esperienze significative giustifica il premium price è vantaggio competitivo. Co- produzione di valore e contesti di esperienza L esperienza nei contesti di consumo è una delle fonti di co- produzione di valore: esperienza del processo di consumo + emozioni + conoscenze = valore Gli strategic experiment modules Schmitt indica un percorso per creare esperienze: Rivolgersi a tutti i sensi Feel: creare un legame affettivo Think: coinvolgere anche la parte razionale del consumatore Act: coinvolgimento attivo del consumatore Relate: favorire relazioni con altri consumatori L esperienza così passa attraverso a: Comunicazione aziendale Packaging Punto vendita Headquarters aziendali L analisi strategica Per prendere decisioni di tipo strategico relativamente a una attività è fondamentale compiere una valutazione approfondita de: L attrattività del business La posizione competitiva dell impresa Un sopporto viene dall analisi di Porter e dalla SWOT Analysis. Modello di Porter Secondo Porter i fattori che regolano la concorrenza nell ambito di un settore possono essere riportati a 5 tipi di forze competitive, la cui intensità varia da settore a settore. Intensità che determina l attrattività del settore. Le 5 forze sono: Rivalità tra i concorrenti esistenti Potere contrattuale dei fornitori Potere contrattuale degli acquirenti Minaccia derivante da potenziali nuovi entranti Minaccia derivante da prodotti sostitutivi

6 Secondo Porter esistono 2 tipi di vantaggio competitivo: Diminuzione dei costi Differenziazione. Il vantaggio competititvo, insieme all ampiezza dell ambito competitivo, ossia quanto più un impresa risulta diversificata sotto il profilo degli output che realizza, contribuisce a spiegare l orientamento strategico dell impresa. La fonte del vantaggio competitivo è data dalle risorse e competenze delle imprese: Risorse materiali Risorse immateriali: o Conoscenze e relazioni o Immagini di marca o Fiducia. Il contributo del marketing L obiettivo delle imprese è affermare un vantaggio competitivo. Una strategia competittiva mira a stabilire una posizione redditizia e sostenibile contro le forze che determinano la concorrenza in un settore industriale. Il marketing contribuisce ad individuare le condizioni di sostenibilità di una strategia competitiva. Condizioni per la collaborazione nella rete del valore Fiducia Impegno Trasparenza Adattamento La SWOT Analysis È utile per decidere se: Mantenere o meno la presenza in un settore Entrare in un nuovo settore. La griglia è costituita su 4 variabili: Punti di forza dell impresa: competenze distintive dell impresa/fattori critici di successo del business. Punti di debolezza dell impresa: enfatizzano le minacce o riducono le opportunità. Le opportunità dell ambiente competitivo: condizioni che presentano un valore attuale o potenziale per il vantaggio competitivo Le minacce dell ambiente competitivo: elementi che possono aumentare i rischi di insuccesso della strategia, ovvero aumentarne i costi o impedirla.

7 Il consumatore per la teoria di marketing In comune con la teoria neoclassica: Consumo strumentale rispetto ai bisogni: il bisogno è uno stato di insoddisfazione che genera uno stimolo a cui si risponde attraverso il consumo. Oltre la teoria neoclassica: i bisogni non sono innati. Esiste un insieme di prodotti acquisiti con modi, tempi e logiche diverse, non un paniere. Il consumatore non è perfettamente razionale. Il collegamento tra bisogni, prodotti, consumo non è un dato, ma un fenomeno da indagare. Bisogni e desideri Bisogni Desideri Generici Sono costituiti da qualcosa di specifico in grado di soddisfarei bisogni più profondi Profondi Influenzabili Prodotto Non influenzabili Mutevoli Bisogni generici è Bisogni derivati è Desideri è Preferenze Bisogni derivati: sono la risposta tecnologica particolare (il bene) data al bisogno generico. Preferenze: prodotti presenti sul mercato e marche, azioni delle imprese, fattori socio- economici e culturali. Bisogni innati e appresi I bisogni possono essere distinti in: Innati (primari) Appresi (secondari): o Affermazione del sé o Di relazione o Di potere o Di differenziazione

8 Gerarchia dei bisogni di Maslow Le determinanti del comportamento del consumatore Fattori culturali: cultura, subcultura, classe sociale Fattori sociali: gruppi di riferimento, famiglia, ruolo o status Fattori personali. Età, occupazione, condizioni economiche, stile di vita. Fattori psicologici: motivazione, percezione, apprendimento, credenze e atteggiamento. I modelli del processo di acquisto Il marketing manager necessita di modelli che lo aiutino a comprendere: L articolazione del processo di acquisto. L importanza delle variabili stimolo I modi in cui il consumatore elabora le informazioni I modelli sono molteplici, con livelli di complessità diversi. Modelli semplici: o Modello stimolo- risposta: trascura il processo cognitivo del consumatore enfatizzando il ruolo degli stimoli esterni. o Modelli volti a stimare l atteggiamento verso le marche: attraverso la misurazione della percezione relativa agli atributi. o Modello di Fishbein: prende in considerazione solo variabili di tipo soggettivo. Fornisce info sulla percezione dei prodotti. Assunto è l atteggiamento verso un prodotto è la somma delle variazioni dei singoli attributi. Possono essere definiti dei valori soglia di accettabilità degli attributi.

9 A j =Σ n v ij = Σ n x ij w i con Σ n w i =1 dove: A j : atteggiamento alla marca V ij : valutazione dell attributo i nella marca j X ij : presenza percepita dell attributo i nella marca j. W i : importanza assegnata all attributo i. Modelli complessi Entrano nel sistema cognitivo del consumatore, tra le variabili stimolo e risposta. I più noti sono Howard e Sheth. Si tratta di modelli utili per mettere a fuoco la complessità del comportamento del consumatore, ma sono scarsamente applicabili. Il processo di acquisto modello semplificato Diversi approcci al processo: Acquisto: o Di impulso o Abituale o Risolutore di un problema Rischio: o Funzionale o Finanziario o Tempo o Psicologico o Sociale Percezione del bisogno Stimoli: o Interni o Esterni o Azione delle imprese o Evoluzione tecnologica Rilevanza di fattori: o Culturali o Sociali o Personali o Psicologici La ricerca di informazioni Fonti interne Fonti sociali o di gruppo Marketing aziendale Fonti pubbliche Sperimentazione

10 I costi nel processo di ricerca I costi sostenuti sono: Di tempo Costi- opportunità Possono derivare da: Costi di ricerca Costi di percezione Costi di valutazione La valutazione delle alternative Le alternative vengono valutate in funzione delle aspettative e delle possibilità di spesa. Può essere rappresentato in più modi: Confronto marche- prodotti Valutazione di singole alternative di acquisto Approccio lessicografico L acquisto può essere immediato o differenziato nel tempo (distanza tra intenzione e decisione) Soggetti coinvolti nel processo Non tutte le fasi sono in capo a una sola persona (consumatore diverso da decisore) è molteplicità dei ruoli: Iniziatore Decisore Influenzatore Compratore Utilizzatore Il comportamento post- acquisto Il consumatore può produrre: Soddisfazione: riacquisto e/o feedback positivo prodotto/azienda Insoddisfazione: scarto tra valore atteso e valore percepito. Comporta: o Comunicazione negativa o azioni verso l azienda o Feedback che porta a rivedere uno o più punti del processo di acquisto. Acquisto e apprendimento Qualunque sia il risultato del consumo, si produce un processo di apprendimento è learning by using. Riduce le problematiche dell acquisto Aumenta la razionalità del processo Il processo di apprendimento del consumatore è di rilievo anche per l impresa, che può valorizzare l esperienza.

11 Commitment e processo di acquisto Il processo di acquisto presuppone l impegno (commitment) da parte del consumatore. Alcuni fattori vanno messi in relazione con il livello di impegno: Caratteristiche del bene, che rendono l acquisto più o meno problematico Grado di novità dell acquisto Livello di coinvolgimento psicologico Livello di soddisfazione per precedenti acquisti Apprendimento derivante da esperienze per precedenti acquisti Alcune eccezioni alla regola: complessità è impegno: Processo decisionale delegato a un terzo è consumer surrogate Acquisti effettuati per impulso emotivo. La problematica dell acquisto e novità L importanza dell acquisto e le sue novità vengono approssimate con alcune classificazioni: Beni grocery (non problematici) o non grocery Beni ad acquisto ricorrente è convenience goods Beni ad acquisto saltuario è shopping goods Beni speciali è speciality goods Beni a riacquisto invariato, beni a riacquisto modificato, beni acquistati per la prima volta. Analisi della customer satisfaction: origine dei modelli Obiettivo dei modelli è la misurazione del livello di soddisfazione dei clienti, della qualità percepita dei prodotti e servizi offerti e quindi eventuali interventi. Il principio di fondo è quello della discrepanza: Il consumatore si crea delle aspettative è qualità attesa A seguito dell uso/sperimentazione si fornisce una valutazione è qualità percepita Viene effettuato un confronto tra aspettative e percezione Viene formulato il giudizio sul livello di soddisfazione. Il modello SERVQUAL Interpreta il gap di qualità nell interfaccia tra fornitore e cliente come risultante di gap sottostanti. Valuta: La qualità attesa La qualità offerta dalle imprese La qualità percepita Obiettivo del SERVQUAL è comprendere le cause di un eventuale scostamento tra qualità attesa e percepita per attivare programmi di miglioramento.

12 La customer unsatisfaction Un esperienza di insoddisfazione può produrre: L abbandono dell impresa è exit La manifestazione dell insoddisfazione all insoddisfazione è voice. L opzione è possibile quando: Il consumatore ritiene la sua azione efficace. Costo limitato nell esercizio di questa azione. Assenza sul mercato di prodotti sostitutivi validi. Alti costi d uscita. Alcuni strumenti del marketing relazionale sono tesi a dare voce ai consumatori. Processo di acquisto e internet Internet impatta su tutte le fasi del processo di acquisto: Percezione del bisogno: canale di stimolo e comunicazione e un contesto sociale Ricerca di informazioni e valutazione alternative Acquisto: commercio elettronico/consumatore preparato L eccesso di informazioni, che può rendere più complesso il processo, ha portato alla nascita di operatori specializzati nella gestione delle informazzioni è es. Kelkoo, Amazon Comportamento di acquisto in rete Possono essere identificate 3 categorie di consumatori in rete: Consumatori razionali è goal oriented Consumatori relazionali è experiential oriented Consumatore che considera internet come normale strumenti di ricerca di info. Il prodotto come insieme di attributi Il prodotto è un aggregato complesso di attributi tangibili e intangibili ai quali il consumatore annette un valore. Il valore è sia d uso che simbolico. I consumatori comprano un beneficio, non un prodotto. Attributi tangibili: caratteristiche che contraddistinguono il bene nella sua configurazione oggettuale e che vengono percepite dal consumatore quando il bene- oggetto viene collocato sul mercato. Attributi intangibili: servizi che integrano il prodotto tangibile e spesso vengono erogati o richiedono il coinvolgimento di soggetti diversi dal produttore. Un servizio particolare è rappresentato dal supporto alla personalizzazione.

13 Gli attributi tangibili determinano nel loro insieme il valore d uso del prodotto. I servizi che integrano il prodotto tangibile non contribuiscono alla formazione del valore, bensì lo rendono accessibili al consumatore. Si possono individuare 3 livelli di qualità del prodotto: 1. Qualità funzionale è dipende dagli attributi fisico- funzionali. 2. Qualità tangibile è incorpora gli altri attributi tangibili. 3. Qualità a livello di prodotto ampliato è aggiunge i servizi. I prodotti in genere intercettano una pluralità di bisogni. I prodotti in rapporto ai bisogni I prodotti sono mezzi: Strumentali alla soddisfazione dei bisogni. Collegano la produzione al consumo. Theodore Levill è 4 livelli di prodotto: 1. Prodotto generico è bisogno generico per il quale un determinato bene è stato progettato. 2. Prodotto atteso è iscrive gli attributi specifici che di norma gli acquirenti si aspettano di vedere nel prodotto. 3. Prodotto integrato è nuovi attributi, tangibili o intangibili, che possono arricchire il prodotto. 4. Prodotto potenziale è confini indefiniti, dimensioni ancora inesplorate. Il mondo dei beni materiali si è progressivamente spostato verso il mondo dell intangibile. Prodotto multi- attributo e differenziazione La pluralità di attributi del prodotto conduce al possibile sviluppo di strategie di differenziazione è potenziale di differenziazione. Il livello di differenziazione dei prodotti può essere misurato con l elasticità incrociata: e A,B : dq B p B / dp B q A Differenziazione può essere sia esterna che interna. Le strategie di differenziazione possono basarsi su: Caratteristiche del prodotto (reali e/o percepite) Contenuti simbolici del prodotto (comunicazione) La marca La marca è un nome (brand name) e un immagine (brand mark) che distinguono il prodotto da altri simili. Assume un ruolo informativo. Può indicare: Un solo prodotto Una linea di prodotti o una gamma Un insieme eterogeneo di prodotto

14 La misura della notorietà Indice di notorietà spontanea: n di consumatori che ricordano la marca inserendola in un elenco da loro composto. Indice di notorietà guidata: n di consumatori che riconoscono la marca all interno di un elenco già composto. Salience: è tanto maggiore quanto più alto è il numero di consumatori che includono la marca nel set di alternative prese in considerazione per l acquisto. Il rapporto tra marca e prodotto ha subito un evoluzione nel tempo passando da strumento che identifica etichetta a strumento che veicola significati simbolici. Il ruolo della marca La marca è un attributo del prodotto che comunica il prodotto ampliato in tutte le sue dimensioni. Può essere interpretata secondo 2 approcci: 1. Nell approccio più tradizionale. 2. In un approccio evoluto è un elemento generativo della percezione del consumatore, con una capacità autonoma di creazione di calore è brand equity. La marca ha il ruolo di ridurre le complessità dell incontro tra fornitore e cliente. Brand Equity La marca rappresenta una risorsa immateriale dell impresa, dotata di un suo valore specifico. Le marche possono essere affittate in cambio di royalities o accordi più complessi. Il valore di una marca dipende dalla notorietà della marca stessa presso i consumatori. La marca non è un complemento ma parte integrante del prodotto. È un progetto comunicativo e ha una dimensione simbolica, capace di mobilitare l immaginario del consumatore. Marca come vettore di senso La marca svolge un ruolo autonomo di veicolazione di senso e ha una sua identità. Il senso veicolato mette in contatto il mondo della produzione e dei prodotti con quello del consumo e degli individui. La marca deve saper cogliere un valore proprio del mondo del consumo. Marca e mondi possibili La presenza della marca conferisce al prodotto l appartenenza al mondo possibile. I valori del mondo devono essere riconosciuti dai destinatari. Le risorse della marca: Credibilità Legittimità

15 Affettività Il prezzo La determinazione del prezzo è un problema che si pone ad almeno 3 livelli: Determinazione del prezzo per la prima volta Cambiamento del prezzo Differenziazione del prezzo nel tempo e nello spazio (differenziazione geografica, sconti, promozioni) Determinanti del prezzo per la prima volta Definizione degli obiettivi di prezzo Determinazione della domanda Stima dei costi Analisi dei prezzi della concorrenza Scelta del metodo di determinazione del prezzo Il ruolo del prezzo nella strategia di marketing Mezzo di stimolo della domanda Determinazione della redditività Influenza il posizionamento della marca Si presta al confronto fra prodotti concorrenti Sostiene e deve essere coerente con le altre variabili di marketing Gli obiettivi assegnati al prezzo Obiettivi di breve termine: Massimizzazione del profitto Sviluppo delle vendite Ripristino della liquidità Stimolo all utilizzo del prodotto/servizio Scrematura del mercato Obiettivi di lungo termine: Acquisizione di una quota di mercato Stabilizzazione dei prezzi Immagine e qualità Ritorno sul capitale investito Discriminazione tra segmenti Gli obiettivi e le funzioni del prezzo possono variare nel corso del ciclo di vita del prodotto

16 La segmentazione del mercato Il mercato può essere definito come: L insieme degli acquirenti di un bene o servizio. Il luogo di incontro tra domanda e offerta. Prodotti appartenenti al medesimo mercato presentano una elevata elasticità incrociata è presenza di imprese in concorrenza tra loro, appartenenti al medesimo settore. L individuazione del mercato- obiettivo è critica per valutare correttamente: Dimensione Tasso di crescita Attrattività Obiettivi della segmentazione La segmentazione affronta il problema della rappresentazione della varietà dei consumatori che popolano un mercato. L analisi si è concentrata sulle decisioni di acquisto. Il mercato viene ripartito in gruppi di consumatori omogenei per funzione di domanda. La segmentazione La segmentazione è il processo attraverso cui si suddivide il mercato in un numero limitato di segmenti sufficientemente omogenei al loro interno ed eterogenei tra loro. Alla base della segmentazione ci sono tre passaggi: 1. Il sistema cognitivo del consumatore viene ridotto a una funzione individuale di domanda legata alla percezione sugli attributi del prodotto. 2. L impossibilità di trattare tutti gli attributi possibili e le loro combinazioni porta a ridurre il numero di segmenti. 3. I consumatori raggruppati nello stesso segmento vengono identificati in un consumatore rappresentativo medio. Criteri di segmentazione I principali sono: Segmentazione demografica Segmentazione geografica Segmentazione comportamentale Segmentazione psicologica La segmentazione comportamentale Prende a riferimento il comportamento d acquisto: Tipo di utilizzatore Tasso di utilizzo Tipo di fedeltà Orientamento all innovazione.

17 La segmentazione per benefici attesi Criterio di segmentazione: benefici ricercati in un prodotto. Costruzione di cluster sulla base dei benefici ricercati. In ciascun cluster utilizzo di variabili di natura descrittiva per rendere operativo il modello sul piano delle azioni di marketing. Questa segmentazione ha successo perché propone un collegamento immediato con le variabili del marketing mix. La benefit segmentation comporta un processo di analisi a più fasi: 1. Determinazione del sottoinsieme di attributi rilevanti per la segmentazione 2. Definizione dei prodotti ideali corrispondenti ai singoli segmenti 3. Identificazione delle marche concorrenti 4. Organizzazione delle marche concorrenti sulla base degli attributi rilevanti 5. Sovrapposizione della mappa dei prodotti ideali alla mappa dei posizionamenti e analsi Determinazione degli attributi rilevanti Individuazione delle più rilevanti associazioni di idee rispetto al prodotto che vengono usate dal consumatore nella percezione e valutazione dei prodotti presenti sul mercato. Obiettivo finale: selezionare i criteri valutativi che stanno alla base della forumlazione delle preferenze di prodotto o marca. Individuazione prodotti ideali I prodotti ideali sono dati dall insieme degli attributi correlabili ai benifici rilevanti nella scheda delle preferenze del consumatore. La mappa dei prodotti ideali rappresenta la segmentazione della domanda. Individuazione dei concorrenti Metodi basati sull analisi del comportamento d acquisto o sull analisi della valutazione dei consumatori. Mappa di posizionamento Costruzione di una mappa multidimensionale su cui ordinare i prodotti concorrenti rispetto agli attributi rilevanti nella attribuzione delle preferenze. Gli spazi vuoti della mappa indicano l esistenza di un area di possibile ingresso di nuovi prodotti o di riposizionamento degli esistenti. La mappa del posizionamento rappresenta la differenziazione dell offerta. L analisi psicografica o per stili di vita La variabile rilevante per la segmentazione è data dalle caratteristiche personali degli individui sintetizzate in uno stile di vita. Gli stili di vita mutano nel tempo. Uno stile di vita interessa il marketing nella misura in cui si traduce in un comportamento di consumo specifico.

18 La segmentazione per stili di vita si avvicina al concetto di consumatore come sistema cognitivo. Non c è una diretta relazione con le caratteristiche del prodotto, che sono da ricercare a partire dallo stile di vita. I requisiti dei segmenti I segmenti, per essere utili per le strategie di marketing, dovrebbero avere alcuni requisiti: Omogeneità all interno e eterogeneità tra loro. Misurabili in relazione al criterio di segmentazione adottato. Significativi dal punto di vista economico. Accessibili in relazione alle leve operative del marketing. Profittevoli Tendenzialmente stabiliti nel tempo. La modifica della segmentazione L azione di modifica della domanda può essere perseguita attraverso: Sviluppo di un nuovo segmento Frammentazione di segmenti Migrazione della domanda da un segmento a un altro. Strategia di copertura del mercato L impresa deve scegliere in quali segmenti operare è strategia di nicchia o copertura totale. La scelta dei segmenti va fatta in base a: Attrattività. Risorse dell impresa. Il problema della strategia di copertura si pone: Quando l impresa deve entrare in un nuovo mercato. Quando l impresa operante in un mercato valuta l opportunità di modificare il suo livello di copertura. Il posizionamento Le scelte di posizionamento portano a decidere come conservare, modificare o innovare la situazione esistente sulla base delle scelte di copertura effettuate. Per posizionamento si intende l insieme di iniziative volte a definire le caratteristiche del prodotto e ad impostare il marketing mix più adatto a attribuire una certa posizione al prodotto nella mente del consumatore. L elemento fondamentale è la percezione che il consumatore ha della posizione occupata da ogni prodotto presente sul mercato. Un ruolo centrale è svolto dalla comunicazione.

19 Tipi di posizionamento L impresa può scegliere tra diversi approcci al posizionamento: Per attributi/benefici Per prezzo/qualità Rispetto all uso o applicazioni ovvero ad utilizzatori (testimonial) Rispetto ad una classe di prodotti o a un concorrente Quando la strategia di differenziazione è centrata sul valore simbolico del prodotto, la comunicazione privilegia associazioni con la sfera emotiva. I diversi approcci possono essere combinati tra loro. Condizioni per un posizionamento efficace Conoscere il posizionamento attuale del prodotto percepito dai clienti. Conoscere il posizionamento delle marche concorrenti Sostenere l argomentazione più credibile per giustificare il posizionamento Valutare la redditività potenziale del posizionamento Verificare che la marca possieda la personalità richiesta per raggiungere il posizionamento Controllare la vulnerabilità della marca al posizionamento adottato Mantenere adeguata coerenza tra posizionamento e altre variabili del marketing mix. Se la campagna è stata poco efficace, il produttore può cercare di promuovere il prodotto ai rivenditori applicando sconti ecc. Lo sviluppo di nuovi prodotti Una definizione di prodotto Il prodotto è un aggregato complesso di attributi tangibili o intangibili ai quali l acquirente annette un valore. Il valore del prodotto è sia valore d uso che valore simbolico. I consumatori comprano un beneficio, non un prodotto fisico. Prodotto tangibile: composto da prezzo, attributi fisico- funzionali, estetica e design, packaging, componibilità e versatilità. Prodotto ampliato: consulenza pre- vendita, personalizzazione, servizio post- vendita, garanzie, condizioni di pagamento. Invenzione: la definizione di nuove idee tecnologiche che potrebbero o meno recare vantaggio ai consumatori. Innovazione: la traduzione di un idea p di una tecnologia in un prodotto commercializzato presso i consumatori che la percepiscono come nuova. Quattro tipologie di innovazione: Innovazioni radicali: nuovi modi di soddisfare i bisogni e creazione di nuovi mercati. Innovazioni incrementali: migliorano le prestazioni dei prodotti esistenti. Prodotti nuovi che non hanno concorrenti sul mercato, ma non sono radicalmente innovativi. Innovazioni che specificano un prodotto esistente in un modo appropriato per un segmento.

LA POLITICA DI PRODOTTO

LA POLITICA DI PRODOTTO LA POLITICA DI PRODOTTO COS E UN PRODOTTO? LE FASI PER LA DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI PRODOTTO CLASSIFICAZIONE EVENTUALE LANCIO DI NUOVI PRODOTTI DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI MARCA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

IL CONCETTO DI PRODOTTO

IL CONCETTO DI PRODOTTO Definizione IL CONCETTO DI PRODOTTO Un prodotto è tutto ciò che può essere offerto a un mercato a fini di attenzione, acquisizione, uso e consumo, in grado di soddisfare un desiderio o un bisogno. Esso

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci!

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Misurazione del potenziale di nuovi prodotti in lancio sulla base della permeabilità del mercato Come esperti di marketing,

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5

La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5 La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5 La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale SCHEMA DI SINTESI 1. Che cos è la pianificazione

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson Le Tecnologie della Relationship Management e l interazione con le funzioni ed i processi aziendali Angelo Caruso, 2001 Relationship Management Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA LA PUBBLICITA E LA SUA EFFICACIA: UNA RASSEGNA. RELATORE: PROF.SSA

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE INDICE 1. Crescita aziendale e contesto esterno 2. Crescita aziendale e contesto interno 3. Crescita quantitativa e sviluppo qualitativo 4. Le dimensioni rilevanti dello sviluppo qualitativo 5. Le modalità

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli