con le coppie ordinate di numeri reali, sulla base di alcune operazioni convenzionali.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "con le coppie ordinate di numeri reali, sulla base di alcune operazioni convenzionali."

Transcript

1 1 I vettori ordinari In questo capitolo approfondiremo innanzitutto lo studio delle proprieta geometriche del piano cartesiano. I concetti e i risultati di cui ci occuperemo saranno quindi generalizzati, allo scopo di sviluppare una teoria analoga per lo spazio geometrico tridimensionale. 1.1 Vettori di R 2 Abbiamo gia visto come sia possibile identicare i punti di un piano geometrico con le coppie ordinate di numeri reali, sulla base di alcune operazioni convenzionali. Se un punto P corrisponde alla coppia (x y), allora x si dice l'ascissa di P e y l'ordinata di P.Sidiceanche che x e y sono le coordinate (cartesiane) di P. Indichiamo con 0 l'origine del sistema di riferimento, che supporremo ssato una volta per tutte. Denizione 1 Si dice vettore (applicato in 0) un qualunque segmento (eventualmente degenere, cioe ridotto ad un punto) giacente nel piano e che abbia uno dei suoi estremi coincidente col punto 0. Assegnare un vettore equivale ad assegnare: una retta passante per l'origine, un numero reale maggiore o uguale a zero, che corrisponde alla lunghezza del segmento, un orientamento sulla retta, in modo da poter distinguere tra primo e secondo estremo del segmento. In altri termini, un vettore e determinato da un punto del piano e viceversa. Vettori deniti da segmenti giacenti sulla stessa retta si dicono paralleli. Ovviamente ogni retta passante per l'origine e divisa dall'origine stessa in due semirette, ciascuna delle quali identica un orientamento. Vettori giacenti sulla 1

2 2 I vettori ordinari stessa retta deniti da segmenti di uguale lunghezza ma diversamente orientati si dicono opposti. I vettori si indicano spesso con lettere a cui viene sovrapposta una freccia, o anche con lettere sottolineate. Noi, per semplicita tipograca, useremo delle lettere scritte in grassetto. Esempi 1. Il segmento giacente sulla retta di equazione y = x, di lunghezza pari a 1, il cui primo estremo si trova nell'origine e il secondo all'interno del primo quadrante, identica un vettore. Lo stesso vettore si puo identicare assegnado le coordinate del secondo estremo ( p 2 p 2). Il suo opposto e identicato dal punto di coordinate (; p 2 ; p 2). 2. Il vettore identicato dal punto di coordinate (1 0) si indica spesso con il simbolo i ilvettore identicato dal punto di coordinate (0 1) si indica spesso con il simbolo j. 3. Il vettore identicato dall'origine, cioe dal punto 0 di coordinate (0 0), corrisponde ad un segmento degenere e si dice vettore nullo. Il fatto che i vettori applicati nell'origine siano identicabili con i punti del piano potrebbe far apparire inutile la loro introduzione. In realta, a prescindere dalla loro utilita nella rappresentazione delle grandezze siche e dagli sviluppi futuri, parlare in termini di \vettori" rende piu agevole lo studio delle proprieta geometriche, a cominciare dall'introduzione di certe operazioni di tipo algebrico. Somma (regola del parallelogramma). Siano v e w due vettori non giacenti sulla stessa retta. Si chiama somma di v e w il vettore v + w denito dalla diagonale del parallelogramma i cui lati sono i segmenti rappresentativi di v e w.,,,,,!,,,,!!!!! Se v e w giacciono sulla stessa retta, si puo ancora pensare di eseguire la medesima costruzione, ma in tal caso il parallelogramma degenera (risulta schiacciato sulla retta). In particolare, se v e w giacciono sulla stessa retta e dalla stessa parte, v +w giace ancora sulla stessa retta e dalla stessa parte: la sua lunghezza sara uguale alla somma delle lunghezze di v e w. Altrimenti, v +w giace dalla parte del vettore piu \lungo" e la sua lunghezza e uguale alla dierenza tra le lunghezze di v e w.

3 1.1{Vettori di R 2 3 Prodotto per un numero reale. Sia v un vettore, e a un numero reale. Se a>0, il vettore av giace sulla stessa retta e dalla stessa parte di v : la sua lunghezza e pari alla lunghezza di v moltiplicata per a. Se invece a < 0, il vettore av giace sulla stessa retta di v ma dalla parte opposta: la sua lunghezza e pari alla lunghezza di v moltiplicata per ;a. Inne, se a = 0 il vettore av si riduce al vettore nullo. Osserviamo che tutti i vettori della forma av sono paralleli a v, e quindi tra loro. Modulo. La lunghezza del segmento che rappresenta v si chiama modulo o norma e si indica con kvk. In virtu di semplici considerazioni geometriche, si ottengono facilmente le seguenti proprieta del modulo: (i) kvk = 0 se e soltanto se v = 0 (ii) kv + wk kvk + kwk (iii) kavk = jajkvk. Vettori di norma uguale ad uno si dicono anche versori. Se v e un vettore qualunque diverso da zero, allora v=kvk e un versore. I vettori i e j si chiamano anche versori fondamentali. Prodotto scalare. Dati due vettori v, w, si chiama prodotto scalare e si indica con v w, l'operazione che associa a v e w il numero reale kvkkwk cos dove e l'angolo formato dalle semirette su cui giacciono i due vettori v e w. v * w Guardando la gura, si nota che nel caso in cui w e unversore, il prodotto scalare v w coincide con la lunghezza del segmento che si ottiene proiettando ortogonalmente v sulla retta su cui giace w. Il prodotto scalare non cambia se si scambia l'ordine dei due fattori: cio equivale infatti a sostituire con ;. In altre parole, il prodotto scalare gode della proprieta commutativa (i) v w = w v.

4 4 I vettori ordinari Il prodotto scalare cambia segno se si cambia l'orientazione di uno dei due vettori: cio equivale infatti a sostituire con ;. Piu in generale, vale la seguente proprieta: (ii) v (aw) =a(v w) dove a e un qualunque numero reale. A queste proprieta se ne aggiunge una terza, che esprime la distributivita del prodotto scalare rispetto alla somma: (iii) (v + w) u = v u + w u. La (iii) non e cos immediata come le altre: vedremo un po' piu avanti come la si puo dimostrare. Se i vettori v e w sono paralleli e hanno la stessa orientazione, v w = jjvjj jjwjj : In particolare, il prodotto scalare di un vettore per se stesso e uguale al quadrato della sua norma. Si deduce di qui un'ulteriore proprieta del prodotto scalare: (iv) v v = 0 se e soltanto se v = 0. In generale, poiche j cos j 1, vale la seguente disuguaglianza (di Cauchy- Schwarz) jv wj jjvjj jjwjj : (1.1) Il prodotto scalare si annulla evidentemente se uno dei due fattori e uguale a zero, ma si annulla anche quando i due vettori sono entrambi diversi da zero ma disposti su rette perpendicolari. In tal caso infatti risulta uguale a zero il coseno dell'angolo da essi formato. Due vettori v e w non nulli per cui v w =0 si dicono ortogonali. Esempio 4. I due versori fondamentali i e j sono ortogonali. Inoltre, per quanto visto prima, i i = j j =1. Sia v un vettore dato, e siano u 1, u 2 due versori ortogonali. Usando un po' di trigonometria, la denizione di prodotto scalare e la regola del parallelogramma, si stabilisce facilmente la formula v =(v u 1 )u 1 +(v u 2 )u 2 : (1.2) Essa mette in evidenza una delle principali applicazioni del prodotto scalare alla Fisica. Se v rappresenta una forza che agisce su una massa concentrata nell'origine, tale formula consente di decomporre v come somma di due vettori ortogonali. Cio torna particolarmente utile, per esempio, in presenza di vincoli, quando cioe si puo assumere che una \parte" della forza non produca nessun

5 1.1{Vettori di R 2 5 eetto, appunto perche assorbita dalla resistenza del vincolo. Il prodotto scalare risolve il problema di determinare due vettori di direzioni assegnate che, sommati, restituiscono v. Esempi 5. Si consideri un punto materiale obbligato a scivolare su un piano inclinato di 30 o rispetto all'orizzonte, sotto l'azione della forza di gravita. Si suppone che quest'ultima sia costante, ed agisca verticalmente. Collochiamo l'origine degli assi nella posizione in cui, inizialmente, si trova ilpunto, e indichiamo con g l'intensita della forza di gravita: possiamo allora rappresentare tale forza come un segmento disposto verticalmente, di lunghezza g eorientato verso il basso, cioe comeunvettore. Vogliamo calcolare quale forza agisce realmente sul nostro punto, considerato che la spinta verso il basso viene in parte contrastata dal vincolo. Q QQQ Q QQQ Q g Q Qs? QQQ Q Q Introduciamo i due versori ortogonali corrispondenti ai punti di coordinate ( p 3=2 ;1=2) e (1=2 p 3=2). Si tratta, come e facile vericare, dei versori orientati il primo nella direzione del piano (discendente) e il secondo nella direzione ortogonale. La forza di gravita forma un angolo di 60 o col primo versore, e un angolo di 150 o col secondo. In denitiva, la forza che agisce eettivamente sul punto materiale facendolo scendere lungo il piano inclinato ha intensita data dalla formula g cos(=3) = g=2. 6. Un pendolo e costituito da un'asta rigida, ad un'estremita della quale e montato un peso. L'altra estremita e invece ssata, mediante un pernio, ad un piano verticale, nel quale agisce una forza di gravita costante. Il pendolo rimane in quiete quando l'asta viene posta inizialmente in posizione perfettamente verticale, col peso in basso. Se invece inizialmente l'asta si trova in posizione obliqua, il punto al quale e ssato il peso tendera amuoversi, rimanendo nel piano verticale e descrivendo un arco di circonferenza. Supponiamo piu precisamente che l'asta venga sollevata, in modo da formare con la verticale (orientata verso il basso) un angolo '. La forza di gravita tende a trascinare il peso verso il basso ma, come abbiamo osservato, il moto puo avvenire solo lungo una circonferenza. Il vincolo costituito dall'asta e dal pernio tendono cioe a neutralizzare parte dell'eetto della forza di gravita deviando il moto. Vogliamo calcolare qual'e

6 6 I vettori ordinari l'intensita della forza \eettiva". v ; ;; g u 1? u 2 A tal ne, supponiamo di aver collocato l'origine del sistema di riferimento nel punto in cui si trova inizialmente il peso e consideriamo due versori u 1 e u 2, il primo orientato secondo la tangente alla circonferenza e l'altro orientato ortogonalmente, rivolto verso l'esterno della circonferenza. Decomponendo la forza di gravita secondo u 1 e u 2,siotterra la parte che viene neutralizzata dal vincolo (e che e evidentemente quella ortogonale) e quella che e invece responsabile del moto (quella tangenziale). Un semplice calcolo mostra che l'intensita della componente tangenziale e data da g sin ', avendo indicato con g l'intensita della forza di gravita. Il secondo principio della dinamica, la cui impostazione corretta viene demandata al corso di Fisica, interpretato matematicamente aerma che la forza agente e uguale al prodotto della massa per la derivata seconda (accelerazione) della funzione che rappresenta istante per istante la posizione della massa stessa. Nel nostro caso, indicato con t il tempo, con x la lunghezza dell'arco di circonferenza descritto durante il moto e con l la lunghezza dell'asta, l'escursione del pendolo viene descritta dalla funzione x(t) = l'(t), dove '(t), che rappresenta la variazione dell'angolo nel tempo, deve essere considerata, per il momento, una funzione incognita. Si ottiene dunque l'identita '(t) = g sin ' (1.3) lm (a meno di un'eventuale costante dipendente dalla scelta delle unita di misura) dove m naturalmente rappresenta la massa. La (1.3) e un'equazione dierenziale del secondo ordine, in generale non risolubile analiticamente. Se pero la posizione iniziale del pendolo (e quindi, si presume, anche le posizioni successivamente assunte) corrispondono ad angoli \piccoli", ricordando che sin ' = ' + o(') sipuo sostituire la (1.3) con la '(t) = g lm ' (1.4) che e lineare, e le cui soluzioni sono del tipo

7 1.1{Vettori di R 2 7 '(t) =A cosr g lm t + B sin r g lm t: Quest'ultima spiega per esempio perche, se si vuol accelerare il movimento di un orologio a pendolo, bisogna alzare il peso accorciando l'asta, mentre se lo si vuole rallentare bisogna abbassare il peso allungando l'asta. 7. Una barca a vela si muove in linea retta e con velocita costante sulla supercie di un lago. Immaginiamo un sistema di riferimento cartesiano, collocato in modo che la direzione del moto della barca coincida con l'asse positivo delle x. Da un punto di vista vettoriale, possiamo dunque rappresentare la velocita della barca come un vettore v =(v 0), dove v = jjvjj > 0. Trascurando la deriva dovuta alle correnti, possiamo ritenere che anche l'asse longitudinale della barca sia allineato con la direzione del moto. Supponiamo che il vento abbia velocita costante, e che sia diretto secondo un vettore w orientato di un angolo rispetto all'asse negativo delle x. La vela giace in un piano ortogonale rispetto alla supercie del lago, che interseca la supercie stessa lungo una retta s. Sia l'angolo formato da s e dall'asse negativo delle x (0 =2). Ai ni della descrizione del nostro modello, e importante considerare la velocita del vento relativa alla barca. Quest'ultima e data dalla dierenza (vettoriale) w ; v = u. Sia l'angolo formato dal vettore u con la retta s (angolo di attacco). s ; ; + ; w u - v Una legge sperimentale dell'aerodinamica aerma che in queste condizioni, il vento imprime alla vela una spinta di intensita proporzionale a jjujj 2 sin, diretta ortogonalmente rispetto alla vela stessa. L'ipotesi che il movimento avvenga nella direzione dell'asse x implica che la componente di questa spinta nella direzione dell'asse y venga neutralizzata dalla resistenza della chiglia. La componente eettiva responsabile del moto e quindi data da c 1 jjujj 2 sin sin : Per completare questo esercizio di modellizzazione, resta da tener conto della resistenza idrodinamica, che tende a rallentare la corsa della barca. Tale resistenza si suppone, in base a leggi sperimentali, diretta in senso opposto al moto,

8 8 I vettori ordinari e proporzionale a v 2. Nelle condizioni in cui il moto si svolge, la somma tra la componente della spinta del vento lungo l'asse x e la resistenza idrodinamica deve essere nulla (se non fosse cos, la barca andrebbe piu lenta o piu veloce). Si ci trova allora ad imporre la relazione dalla quale si ricava c 1 jjujj 2 sin sin ; c 2 v 2 =0 (1.5) v 2 = c 1 c 2 jjujj 2 sin sin : (1.6) Per una migliore interpretazione di questa formula, conviene introdurre un ulteriore angolo, che e quello formato da u con l'asse negativo delle x. Evidentemente = ;, per cui la (1.6) diventa v 2 = c 1 c 2 jjujj 2 sin( ; )sin: (1.7) Si noti che dipende dalla direzione della barca e dalla direzione del vento ed e quindi sso, mentre puo essere facilmente regolato dal navigatore (possiamo cioe interpretarlo come un paramentro di controllo). Immaginiamo ora che lo scopo del navigatore sia quello di massimizzare la velocita della barca. Annullando la derivata in (1.7) si ottiene facilmente = =2. In cima all'albero delle imbarcazioni a vela viene di solito montata una bandierina, il cui scopo e proprio quello di fungere da segnavento. Il nostro modello spiega perche ilnavigatore cerca sempre di mantenere il piano della vela piu o meno a meta tra l'asse della barca e la direzione indicata dalla bandierina. 1.2 Le operazioni sui vettori di R 2 espresse in componenti Sia P di coordinate (x y) ilpunto che corrisponde a v. I due numeri x y si diranno anche le componenti di v. In questo paragrafo cercheremo di \tradurre" in termini di componenti le operazioni sui vettori introdotte precedentemente. Somma. Se v corrisponde al punto P di coordinate (x y) ew corrisponde al punto Q di coordinate ( ), allora v + w corrisponde al punto di coordinate (x + y + ). In altre parole, la somma di vettori di cui siano assegnate le componenti si eettua sommando ordinatamente le rispettive componenti. Prodotto per un numero reale. Se v corrisponde al punto P di coordinate (x y), allora il vettore av corrisponde al punto di coordinate (ax ay). Il prodotto per un numero reale a si esegue cioe moltiplicando per a tutte le componenti del vettore.

9 1.2 { Le operazioni sui vettori di R 2 espresse in componenti 9 Un'applicazione immediata delle due regole appena formulate, ci permette di ottenere la seguente decomposizione di un qualunque vettore v di componenti (x y): v = xi + yj : (1.8) Le componenti forniscono cioe i coecienti mediante i quali e possibile decomporre v come somma dei due versori fondamentali i, j. La (1.8) puo essere interpretata come un caso particolare della (1.2). Modulo. Grazie al Teorema di Pitagora, si verica subito che il modulo di un vettore v corrispondente al punto P di coordinate (x y) e uguale a px 2 + y 2. Piu in generale, se v e w sono due vettori di componenti rispettivamente (x y), ( ), allora il modulo della loro dierenza jjv ; wjj =p(x ; ) 2 +(y ; ) 2 esprime la distanza tra i punti del piano corrispondenti ai due vettori. Prodotto scalare. Dati il vettore v di componenti (x y) e il vettore w di componenti ( ), il prodotto scalare v w e uguale a x + y. Quest'ultima aermazione appare non cos evidente come le precedenti, ed e quindi opportuno suggerirne la dimostrazione. Poniamo per comodita l = jjvjj, = jjwjj. Siano inoltre, ' gli angoli che v, w formano, rispettivamente, con l'asse positivo delle x. y v * x w Un semplice esercizio di trigonometria mostra che x = l cos = cos ' y = l sin = sin ': Quindi, x + y = l(cos cos ' + sin sin ') =l cos(' ; ), che corrisponde a quanto si doveva dimostrare. Si noti che una volta ottenuta la formula del prodotto scalare in componenti, la dimostrazione della proprieta distributiva (iii) diventa immediata.

10 10 I vettori ordinari 1.3 Lo spazio R 3 Il primo passo per generalizzare allo spazio ordinario i metodi della geometria analitica e la nozione di vettore, consiste nell'introdurre un sistema di riferimento che ci consenta di rappresentare i punti mediante i numeri. Anche in questo caso, si comincia ssando convenzionalmente un punto, che chiameremo origine. Scegliamo quindi una terna di rette passanti per l'origine, ma non contenute nello stesso piano. Ancorche non necessario, le tre rette si prendono usualmente a due a due ortogonali (cioe tali da formare tra di loro angoli retti). Possiamo visualizzare questo sistema di riferimento disponendo opportunamente le prime tre dita della mano destra (pollice, indice, medio). Sfruttando questa immagine, possiamo anzi stabilire un ordine convenzionale tra le tre rette: la prima sara quella che corrisponde al pollice, la seconda quella che corrisponde all'indice, la terza quella che corrisponde al medio. Supponiamo che su ciascuna delle tre rette sia stato costruito un sistema di ascisse (se non diversamente specicato, usando la stessa unita di misura) e assumendo, come direzione positiva, quella indicata dalle dita. Useremo rispettivamente le lettere x y z per rappresentare le variabili lungo la prima, la seconda, la terza retta. Avvertiamo tuttavia che qualche volta conviene ricorrere alla notazione alternativa x 1 x 2 x 3. Una terna di riferimento di questo tipo si chiama anche destrorsa, inquanto costruita sul modello della mano destra. La gura mostra la dierenza tra una terna sinistrorsa e una destrorsa. z 6 H * x Hj y z 6 H * y Hj x Sinistrorsa Destrorsa Dato un punto P, vi e un unico piano passante per P e ortogonale alla prima [seconda, terza] retta. Siano rispettivamente P x P y P z i tre punti di intersezione, e x y z le loro ascisse. E evidente che la terna di numeri (x y z) individua completamente la posizione di P. Diremo piu precisamente che x e l'ascissa, y l'ordinata, ez la quota di P. Tutte e tre assieme, (x y z) si dicono le coordinate cartesiane di P. Poiche per determinare un punto e necessario specicare tre numeri, scriveremo R 3 per indicare lo spazio ordinario. Le tre rette sulle quali si basa il nostro sistema di riferimento prendono il nome di assi coordinati. Il piano che contiene l'asse delle x e l'asse delle y e formato da tutti e soli i punti che hanno la terza coordinata uguale a zero. Esso costituisce il primo piano coordinato. Similmente si deniscono il secondo e terzo piano coordinato. I piani coordinati suddividono lo spazio in otto regioni che prendono il nome di ortanti. In particolare, l'ortante positivoe quello costituito dai punti che

11 1.3 { Lo spazio R 3 11 hanno tutte e tre le coordinate positive. Un vettore dello spazio ordinario R 3 (applicato nell'origine) si denisce esattamente come nel piano, assegnando cioe un segmento con un estremo nell'origine. Ogni vettore e determinato da (e a sua volta determina) un punto. Ogni vettore di R 3 sara dunque identicato da tre componenti, cioe dalle coordinate del punto corrispondente. Vettori deniti da segmenti giacenti sulla stessa retta si diranno, come nel piano, paralleli. Per indicare i vettori continueremo ad usare anche nel caso di R 3 lettere scritte in grassetto. Esempi 8. L'origine corrisponde al vettore nullo 0, di componenti (0 0 0). 9. Il vettore v =(1 1 1) corrisponde ad un vertice di un cubo unitario che ha il vertice opposto situato nell'origine e i lati disposti lungo gli assi. 10. I vettori di componenti (1 0 0), (0 1 0), (0 0 1) sono deniti da segmenti giacenti lungo gli assi coordinati. Essi si indicano rispettivamente con i, j, k. La regola del parallelogramma per eseguire la somma di due vettori si generalizza facilmente a R 3 (basta pensare che due vettori giacciono sempre in un piano) cos come la sua interpretazione in componenti. Anche la generalizzazione della regola per moltiplicare un vettore per uno scalare non presta dicolta. Il modulo o norma di un vettore v 2 R 3 si indica ancora con kvk. Se le componenti di v sono (x y z), si ha kvk = p x 2 + y 2 + z 2.Continueremo a chiamare versori ivettori di modulo 1. I vettori i, j, k sono esempi di versori: essi si dicono i versori fondamentali di R 3. Abbiamo gia osservato che due vettori di R 3 giacciono sempre in un piano. La denizione di prodotto scalare di due vettori v e w data nel caso di R 2 (prodotto dei moduli moltiplicato per il coseno dell'angolo formato dalle semirette su cui essi giacciono) mantiene dunque il proprio signicato anche in R 3. In componenti, posto v =(x y z) ew =( ), si ha v w = x + y + z : Le proprieta del modulo e del prodotto scalare studiate nel paragrafo precedente rimangono tutte valide anche in R 3. In particolare, sussiste la possibilita di decomporre un vettore v di componenti (x y z) secondo le direzioni dei versori fondamentali v = xi + yj + zk : (1.9) Le componenti x y z possono essere anche riguardate come i risultati delle operazioni v i, v j, v k. A parte la maggior complessita dovuta all'introduzione della terza componente, la vera novita nel passaggio da R 2 a R 3 consiste nella possibilita didenire nuove operazioni.

12 12 I vettori ordinari Prodotto vettoriale. Il prodotto vettoriale tra i vettori v e w (nell'ordine) si indica con v ^ w (si legge \v vettor w" oppure anche \v wedge w"). Il risultato e un vettore u che e determinato dalle seguenti caratteristiche: a) se v e w sono paralleli, allora u =0 b) in caso contrario, allora la retta su cui giace u e ortogonale al piano denito da v e w, u e orientato in modo che v, w, u formino, nell'ordine, una terna destrorsa, il modulo di u e uguale a kvkkwk sin, essendo l'angolo formato dalle due semirette su cui giacciono v e w (0 <<). Per denizione dunque, v^w si annulla se e solo se uno dei due vettori e nullo, oppure se i due vettori sono paralleli. L'espressione kvk kwk sin rappresenta geometricamente l'area del parallelogramma i cui lati sono, rispettivamente, v e w. v * w In componenti, posto v =(x y z), w =( ), si ha la formula v ^ w =(y ; z z ; x x ; y) che puo essere memorizzata come espressione del determinante della matrice \formale" (nella quale la prima riga e composta non da numeri ma da vettori, i quali pero vengono trattati come se fossero numeri) v ^ w =det i j k x y z Passiamo ora in rassegna le principali proprieta del prodotto vettoriale. Osserviamo prima di tutto che il prodotto vettoriale non e commutativo. Come si capisce subito pensando alla denizione, si ha anzi 1 A : v ^ w = ;u ^ w : Inoltre, il prodotto vettoriale non e associativo: in generale infatti v ^ (u ^ w) 6= (v ^ u) ^ w.

13 1.3 { Lo spazio R 3 13 Esempio 11. Le operazioni i ^ (i ^ k) hanno come risultato ;j, mentre le operazioni (i ^ i) ^ k hanno come risultato zero. Quando si devono eseguire prodotti vettoriali iterati, bisogna quindi fare molta attenzione all'ordine dei fattori. Il prodotto vettoriale si comporta invece in maniera piu naturale nei confronti delle operazioni algebriche: se a e un qualunque numero reale, si ha infatti e (av) ^ w = a(v ^ w) (1.10) v ^ (u + w) =v ^ u + v ^ w : (1.11) L'uso sistematico di (1.10), (1.11) e della formula di decomposizione (1.9), permettono di semplicare notevolmente i calcoli con i vettori. Da questo punto di vista, e conveniente ricordare che: i ^ i = j ^ j = k ^ k =0 i ^ j = k j ^ k = i k ^ i = j i ^ k = ;j k ^ j = ;i j ^ i = ;k : Prodotto misto. ottiene eseguendo il prodotto scalare tra v e u ^ w. Il prodotto misto dei tre vettori v, u, w (nell'ordine) si Non introdurremo un simbolo particolare per indicare il prodotto misto. Il prodotto misto si annulla se uno dei tre vettori e uguale a zero, oppure se essi giacciono in uno stesso piano (e solo in questi casi). Il prodotto misto produce come un risultato un numero reale che rappresenta il volume del parallelepipedo i cui lati coincidono con i segmenti che deniscono i tre vettori. seguenti uguaglianze: e (v ^ u) w =(u ^ w) v =(w ^ v) u (v ^ u) w = v (u ^ w) : Inoltre, posto v =(x y z), u =( ), w =(t s r) siha (v ^ u) w =det 0 x y z A : t s r Valgono le

Grandezze scalari e vettoriali

Grandezze scalari e vettoriali Grandezze scalari e vettoriali Esempio vettore spostamento: Esistono due tipi di grandezze fisiche. a) Grandezze scalari specificate da un valore numerico (positivo negativo o nullo) e (nel caso di grandezze

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica

Esercizi di Analisi Matematica Esercizi di Analisi Matematica CAPITOLO 1 LE FUNZIONI Exercise 1.0.1. Risolvere le seguenti disuguaglianze: (1) x 1 < 3 () x + 1 > (3) x + 1 < 1 (4) x 1 < x + 1 x 1 < 3 x + 1 < 3 x < 4 Caso: (a): x 1

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari Lezione del 8--006 Teoria dei vettori ordinari. Esercizio Sia B = {i, j, k} una base ortonormale fissata. ) Determinare le coordinate dei vettori v V 3 complanari a v =,, 0) e v =, 0, ), aventi lunghezza

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

Tutorato di Analisi 2 - AA 2014/15

Tutorato di Analisi 2 - AA 2014/15 Tutorato di Analisi - AA /5 Emanuele Fabbiani 5 marzo 5 Integrali doppi. La soluzione più semplice... Come per gli integrali in una sola variabile, riconoscere eventuali simmetrie evita di sprecare tempo

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

4. Proiezioni del piano e dello spazio

4. Proiezioni del piano e dello spazio 4. Proiezioni del piano e dello spazio La visualizzazione di oggetti tridimensionali richiede di ottenere una vista piana dell'oggetto. Questo avviene mediante una sequenza di operazioni. Innanzitutto,

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

Scheda I. 3 La non possibilità di duplicare il cubo con riga e compasso.

Scheda I. 3 La non possibilità di duplicare il cubo con riga e compasso. Scheda I. La non possibilità di duplicare il cubo con riga e compasso. Dopo Menecmo, Archita, Eratostene molti altri, sfidando gli dei hanno trovato interessante dedicare il loro tempo per trovare una

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

Funzioni reali di più variabili reali

Funzioni reali di più variabili reali Funzioni reali di più variabili reali Generalità. Indichiamo con R n il prodotto cartesiano di R per sé stesso, n volte: R n = {(, 2,, n ) ;! R,, n!r}. Quando n = 2 oppure n = 3 indicheremo le coordinate

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

GEOMETRIA DELLE MASSE

GEOMETRIA DELLE MASSE 1 DISPENSA N 2 GEOMETRIA DELLE MASSE Si prende in considerazione un sistema piano, ossia giacente nel pian x-y. Un insieme di masse posizionato nel piano X-Y, rappresentato da punti individuati dalle loro

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola Analisi 2 Argomenti Successioni di funzioni Definizione Convergenza puntuale Proprietà della convergenza puntuale Convergenza uniforme Continuità e limitatezza Teorema della continuità del limite Teorema

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

Moti e sistemi rigidi

Moti e sistemi rigidi Moti e sistemi rigidi Dispense per il corso di Meccanica Razionale 1 di Stefano Siboni 1. Moto rigido di un sistema di punti Sia dato un sistema S di N 2 punti materiali P i, i = 1,..., N. Per configurazione

Dettagli

I VETTORI. 1 Somma di vettori: metodo graco. 19 dicembre 2007. ESERCIZI Risolti e Discussi

I VETTORI. 1 Somma di vettori: metodo graco. 19 dicembre 2007. ESERCIZI Risolti e Discussi I VETTORI ESERCIZI Risolti e Discussi 19 dicembre 2007 1 Somma di vettori: metodo graco 1.0.1 Si considerino due spostamenti, uno di modulo 3 m e un altro di modulo 4 m. Si mostri in che modo si possono

Dettagli

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio DUE PROPOSTE DI ANALISI MATEMATICA Lorenzo Orio Introduzione Il lavoro propone argomenti di analisi matematica trattati in maniera tale da privilegiare l intuizione e con accorgimenti nuovi. Il tratta

Dettagli

- LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA -

- LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA - Danilo Saccoccioni - LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA - Indice Lavoro compiuto da una forza relativo ad uno spostamento pag. 1 Lavoro ed energia cinetica 3 Energia potenziale 4 Teorema di conservazione

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6 ppunti di Controlli utomatici Capitolo 7 parte II Margini di stabilità Introduzione... Margine di ampiezza... Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di ode... 6 Introduzione

Dettagli

Rette e curve, piani e superfici

Rette e curve, piani e superfici Rette e curve piani e superfici ) dicembre 2 Scopo di questo articolo è solo quello di proporre uno schema riepilogativo che metta in luce le caratteristiche essenziali delle equazioni di rette e curve

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica a.a. 2006/2007 Docente Ing. Andrea Ghedi Lezione 2 IL PIANO CARTESIANO 1 Il piano cartesiano In un piano

Dettagli

M P = PA^V. Il risultante e denito semplicemente come la somma dei vettori di a

M P = PA^V. Il risultante e denito semplicemente come la somma dei vettori di a VETTORI APPLICATI Sistema di vettori applicati L'ente matematico costituito da un punto P e da un vettore (libero) V, si dice vettore applicato in P e si denota con (P;V). E comodo rappresentare il vettore

Dettagli

DINAMICA e LAVORO esercizi risolti Classi terze L.S.

DINAMICA e LAVORO esercizi risolti Classi terze L.S. DINAMICA e LAVORO esercizi risolti Classi terze L.S. In questa dispensa verrà riportato lo svolgimento di alcuni esercizi inerenti la dinamica dei sistemi materiali, nei quali vengono discusse le caratteristiche

Dettagli

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω GIROSCOPIO Scopo dell esperienza: Verificare la relazione: ω p = bmg/iω dove ω p è la velocità angolare di precessione, ω è la velocità angolare di rotazione, I il momento principale d inerzia assiale,

Dettagli

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA Michele Impedovo Bollettino dei Docenti di Matematica del Canton Ticino (CH) n 36, maggio 98. Il problema Il lavoro che

Dettagli

Grandezze scalari e vettoriali

Grandezze scalari e vettoriali Grandezze scalari e vettoriali 01 - Grandezze scalari e grandezze vettoriali. Le grandezze fisiche, gli oggetti di cui si occupa la fisica, sono grandezze misurabili. Altri enti che non sono misurabili

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ;

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; Primo anno Secondo anno Terzo anno Primo anno MATEMATICA Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; legge

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

Sistemi di forze: calcolo grafico

Sistemi di forze: calcolo grafico UNTÀ D3 Sistemi di forze: calcolo grafico TEOA Uso del CAD nei procedimenti grafici 2 appresentazione grafica dei vettori 3 Poligono delle forze 4 Poligono delle successive risultanti 5 Poligono funicolare

Dettagli

AL. Algebra vettoriale e matriciale

AL. Algebra vettoriale e matriciale PPENDICI L. lgebra vettoriale e matriciale Vettori Somma di vettori: struttura di gruppo Come abbiamo richiamato nell introduzione vi sono delle grandezze fisiche caratterizzabili come vettori, cioè tali

Dettagli

Q 1 = +3 10-5 C carica numero 1 Q 2 = +4 10-5 C carica numero 2 forza esercitata tra le cariche distanza tra le cariche, incognita

Q 1 = +3 10-5 C carica numero 1 Q 2 = +4 10-5 C carica numero 2 forza esercitata tra le cariche distanza tra le cariche, incognita Problema n 1 A quale distanza, una dall'altra bisogna porre nel vuoto due cariche (Q 1 =3 10-5 C e Q 2 =4 10-5 C) perché esse esercitino una sull'altra la forza di 200 N? Q 1 = +3 10-5 C carica numero

Dettagli

Qual è la distanza tra Roma e New York?

Qual è la distanza tra Roma e New York? Qual è la distanza tra Roma e New York? Abilità Conoscenze Nuclei coinvolti Utilizzare i vettori e il prodotto Elementi di geometria Spazio e figure scalare nello studio di problemi della sfera: del piano

Dettagli

Capitolo II Le reti elettriche

Capitolo II Le reti elettriche Capitolo II Le reti elettriche Fino ad ora abbiamo immaginato di disporre di due soli bipoli da collegare attraverso i loro morsetti; supponiamo ora, invece, di disporre di l bipoli e di collegarli tra

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Capitolo 9 Esponenziali e logaritmi... Capitolo 0 Funzioni circolari 0. Descrizione di fenomeni periodici Tra le funzioni elementari ne esistono due atte a descrivere fenomeni che si ripetono periodicamente

Dettagli

I Polinomi. Michele Buizza. L'insieme dei numeri interi lo indicheremo con Z. è domenica = non vado a scuola. signica se e solo se.

I Polinomi. Michele Buizza. L'insieme dei numeri interi lo indicheremo con Z. è domenica = non vado a scuola. signica se e solo se. I Polinomi Michele Buizza 1 Insiemi In questa prima sezione ricordiamo la simbologia che useremo in questa breve dispensa. Iniziamo innanzitutto a ricordare i simboli usati per i principali insiemi numerici.

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton

Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton Parte I Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton 3.1-3.2-3.3 forze e principio d inerzia Abbiamo finora studiato come un corpo cambia traiettoria

Dettagli

MATEMATICA 2001. p = 4/6 = 2/3; q = 1-2/3 = 1/3. La risposta corretta è quindi la E).

MATEMATICA 2001. p = 4/6 = 2/3; q = 1-2/3 = 1/3. La risposta corretta è quindi la E). MATEMATICA 2001 66. Quale fra le seguenti affermazioni è sbagliata? A) Tutte le funzioni ammettono la funzione inversa B) Una funzione dispari è simmetrica rispetto all origine C) Una funzione pari è simmetrica

Dettagli

Coordinate 3D. Coordinate cartesiane. Coordinate 3D. Coordinate cartesiane. Coordinate cartesiane. Sinistrorsa. Destrorsa

Coordinate 3D. Coordinate cartesiane. Coordinate 3D. Coordinate cartesiane. Coordinate cartesiane. Sinistrorsa. Destrorsa 200 Coordinate D Anche nella grafica D gli oggetti da visualiare vengono codificati a partire da primitive che collegano punti. I punti appartengono ad uno spaio tridimensionale. Vengono memoriati utiliando

Dettagli

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Versione ottobre novembre 2008 Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Contenuto 1. Applicazioni lineari 2. L insieme delle

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

La Programmazione Lineare

La Programmazione Lineare 4 La Programmazione Lineare 4.1 INTERPRETAZIONE GEOMETRICA DI UN PROBLEMA DI PROGRAMMAZIONE LINEARE Esercizio 4.1.1 Fornire una rappresentazione geometrica e risolvere graficamente i seguenti problemi

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA.

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA. CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA. FOGLIO DI ESERCIZI 4 GEOMETRIA E ALGEBRA LINEARE 2010/11 Esercizio 4.1 (2.2). Determinare l equazione parametrica e Cartesiana della retta dello spazio (a) Passante per i

Dettagli

2. L ENERGIA MECCANICA

2. L ENERGIA MECCANICA . L ENERGIA MECCANICA.1 Il concetto di forza La forza può essere definita come «azione reciproca tra corpi che ne altera lo stato di moto o li deforma: essa é caratterizzata da intensità direzione e verso».

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Francesco Bottacin Padova, 24 febbraio 2012 Capitolo 1 Algebra Lineare 1.1 Spazi e sottospazi vettoriali Esercizio 1.1. Sia U il sottospazio di R 4 generato dai

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

Prof. Silvio Reato Valcavasia Ricerche. Il piano cartesiano

Prof. Silvio Reato Valcavasia Ricerche. Il piano cartesiano Il piano cartesiano Per la rappresentazione di grafici su di un piano si utilizza un sistema di riferimento cartesiano. Su questo piano si rappresentano due rette orientate (con delle frecce all estremità

Dettagli

Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss

Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio a.a. 2006-2007 Inserimento della distanza reale misurata nella carta di Gauss (passaggio

Dettagli

Generalità sulle funzioni

Generalità sulle funzioni Capitolo Concetto di funzione Generalità sulle funzioni Definizione di funzione Definizione Dato un sottoinsieme non vuoto D di R, si chiama funzione reale di variabile reale, una relazione che ad ogni

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Andrea Pagano, Laura Tedeschini Lalli

Andrea Pagano, Laura Tedeschini Lalli 3.5 Il toro 3.5.1 Modelli di toro Modelli di carta Esempio 3.5.1 Toro 1 Il modello di toro finito che ciascuno può costruire è ottenuto incollando a due a due i lati opposti di un foglio rettangolare.

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15 Materia: FISICA 1) INTRODUZIONE ALLA SCIENZA E AL METODO SCIENTIFICO La Scienza moderna. Galileo ed il metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari Serie numeriche Definizioni e proprietà elementari Sia { } una successione, definita per ogni numero naturale n n. Per ogni n n, consideriamo la somma s n degli elementi della successione di posto d s

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t)

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t) CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti 1. Determinare lim M(sin) (M(t) denota la mantissa di t) kπ/ al variare di k in Z. Ove tale limite non esista, discutere l esistenza dei limiti laterali. Identificare

Dettagli

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2.

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2. FUNZIONI DI DUE VARIABILI 1 DOMINIO E LIMITI Domini e disequazioni in due variabili. Insiemi di livello. Elementi di topologia (insiemi aperti, chiusi, limitati, convessi, connessi per archi; punti di

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Legge di Coulomb Esercizio 1. Durante la scarica a terra di un fulmine scorre una corrente di.5 10 4 A per

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA BANCARIA FINANZIARIA ED ASSICURATIVA (Classe 7) Corso di Matematica per l Economia (Prof. F. Eugeni) TEST DI INGRESSO Teramo, ottobre 00 SEZIONE

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

CONSERVAZIONE DELL'ENERGIA MECCANICA esercizi risolti Classi terze L.S.

CONSERVAZIONE DELL'ENERGIA MECCANICA esercizi risolti Classi terze L.S. CONSERVAZIONE DELL'ENERGIA MECCANICA esercizi risolti Classi terze L.S. In questa dispensa verrà riportato lo svolgimento di alcuni esercizi inerenti il principio di conservazione dell'energia meccanica,

Dettagli

LA RETTA. Retta per l'origine, rette orizzontali e verticali

LA RETTA. Retta per l'origine, rette orizzontali e verticali Retta per l'origine, rette orizzontali e verticali LA RETTA Abbiamo visto che l'equazione generica di una retta è del tipo Y = mx + q, dove m ne rappresenta la pendenza e q il punto in cui la retta incrocia

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA 1) Operare con i numeri nel calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali. Per riconoscere e risolvere problemi di vario genere, individuando

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1)

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1) GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1) Un ente (geometrico) è un oggetto studiato dalla geometria. Per descrivere gli enti vengono utilizzate delle definizioni. Una definizione è una

Dettagli

TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO

TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO Carlo Sintini www.matematicamente.it INDICE TAVOLE NUMERICHE Potenze e radici quadre e cube dei numeri fino a 200

Dettagli

Basi di matematica per il corso di micro

Basi di matematica per il corso di micro Basi di matematica per il corso di micro Microeconomia (anno accademico 2006-2007) Lezione del 21 Marzo 2007 Marianna Belloc 1 Le funzioni 1.1 Definizione Una funzione è una regola che descrive una relazione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 6/7 SIMULAZIONE DI II PROVA - A Tempo a disposizione: cinque ore E consentito l uso della calcolatrice non programmabile. Non è consentito uscire dall aula

Dettagli

FUNZIONI / ESERCIZI SVOLTI

FUNZIONI / ESERCIZI SVOLTI ANALISI MATEMATICA I - A.A. 0/0 FUNZIONI / ESERCIZI SVOLTI ESERCIZIO. Data la funzione f () = determinare l insieme f (( +)). Svolgimento. Poiché f (( +)) = { dom f : f () ( +)} = { dom f : f () > } si

Dettagli

LIVELLO STUDENT S1. S2. S3. S4. S5. S6.

LIVELLO STUDENT S1. S2. S3. S4. S5.  S6. LIVELLO STUDENT S1. (5 punti ) La figura mostra due quadrati uguali che hanno in comune esattamente un vertice. È possibile precisare la misura dell'angolo ABC? S2. (7 punti ) Negli usuali fogli (rettangolari)

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

LE CURVE FOTOMETRICHE

LE CURVE FOTOMETRICHE LE CURVE FOTOMETRICHE E' noto che l' intensità luminosa è una grandezza che deve essere associata ad una direzione. Non avrebbe molto significato parlare della intensità di un corpo illuminante in una

Dettagli

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO Può essere espressa sia nel dominio della s che nel dominio della j Definizione nel dominio della s. è riferita ai soli sistemi con un ingresso ed un uscita 2. ha per oggetto

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Funzioni. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara

Funzioni. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara Funzioni Lorenzo Pareschi Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara http://utenti.unife.it/lorenzo.pareschi/ lorenzo.pareschi@unife.it Lorenzo Pareschi (Univ. Ferrara)

Dettagli