C.O.N.I. I.U.S.M. CORSO NAZIONALE DI SPECIALIZZAZIONE PER TECNICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C.O.N.I. I.U.S.M. CORSO NAZIONALE DI SPECIALIZZAZIONE PER TECNICI"

Transcript

1 S.d.S. C.O.N.I. I.U.S.M. CORSO NAZIONALE DI SPECIALIZZAZIONE PER TECNICI DELLA F.I.T. EQUIVALENTE AL IV LIVELLO EUROPEO L ansia nel tennis Direttore Tecnico Centro Studi e Ricerche Federazione Italiana Tennis Dottor Roberto LOMBARDI Tutor Project Work Prof. Massimo Di Paolo Relatore Maestro Nazionale Paolo Pambianco Anno Accademico

2 INDICE Introduzione CAPITOLO 1 EMOZIONI E MOTIVAZIONI - Il ruolo delle emozioni nell attività sportiva..4 - Le motivazioni dell attività sportiva..5 - Stress e coping CAPITOLO 2 ANSIA E SPORT - Concetto di ansia 12 - L ansia negli sport di squadra e negli sport individuali.15 - L ansia nel tennis L ansia fuori e dentro il campo (rapporto allenatore-allievo) 19 CAPITOLO 3 TECNICHE DI GESTIONE DELL ANSIA - Cenni storici Tecniche di rilassamento muscle-to-mind.25 - Tecniche di rilassamento mind-to-muscle.26 - Self talking.29 - Goal setting Conclusioni..33 Bibliografia..35 2

3 Introduzione I ritmi frenetici imposti dalla società moderna sottopongono l individuo a stati di continua tensione. Pensiamo alle difficoltà che possono insorgere nel conciliare gli impegni familiari con quelli lavorativi e il mantenere rapporti positivi con entrambi. Probabilmente è questo il motivo per cui, da circa venti anni, si è avuto un notevole incremento della pratica sportiva a fini non agonistici. Ma, mentre l attività sportiva finalizzata esclusivamente ad uno stato di benessere interiore contribuisce ad alleviare stati di tensione, lo sport ad alto livello, al contrario, può recare condizioni di notevole coinvolgimento emotivo tali da condizionare in maniera determinante l esito della competizione. Attualmente, a livello professionistico, si è raggiunta una omogeneizzazione inerente alla preparazione Tecnico-Tattica-Atletica ; proprio per questo una maggiore solidità mentale costituisce elemento di fondamentale importanza per la vittoria finale. Negli ultimi anni ho osservato che un sempre maggior numero di tennisti PRO necessita della presenza dello psicologo ai bordi del campo. Allo stesso modo, nelle grandi accademie, si è avuta una maggiore integrazione di questa figura professionale all interno dello staff. A conferma di quanto scritto posso ricordare una mia esperienza presso la Nick Bollettieri Tennia Academy nel 90 in cui la preparazione mentale era prassi quotidiana. Essendo il mio lavoro incentrato sul concetto di ansia nel contesto tennistico, ho ritenuto opportuno introdurre, nel capitolo uno, gli stati motivazionali ed emotivi con riferimento in particolare al ruolo rivestito da questi elementi nell attività sportiva. Nel capitolo due è mia intenzione definire il concetto, non certo semplice, di ansia, individuandone le differenze riscontrabili negli sport individuali e di squadra. Ho ritenuto opportuno, inoltre, trattare le differenti modalità di gestione dell ansia da parte dei giocatori e dell allenatore, avendo rivestito entranbi i ruoli. 3

4 Infine, nel capitolo tre, ho svolto un analisi delle differenti tecniche di gestione dell ansia utilizzate in ambito tennistico. Dopo una ricerca, ho focalizzato la mia attenzione sulle metodiche a mio giudizio più utili. Capitolo 1 Emozioni e motivazioni Paragrafo 1.1: il ruolo delle emozioni nell attività sportiva La rilevanza dei fattori emotivi in ambito sportivo è evidente agli occhi di tutti. Le emozioni, infatti, costituiscono il perno delle spinte motivazionali, sebbene in ambito sportivo si faccia di solito riferimento ad emozioni positive e negative, usate rispettivamente per giustificare vittorie o sconfitte. Molti tennisti giustificano un risultato negativo attribuendolo a fattori emotivi: le emozioni vengono quindi intese come un ostacolo al proseguimento della meta finale: la vittoria. Nella concezione comune, quindi, le emozioni vengono viste come elemento distrattore, come antagoniste della concentrazione. Anche sul piano strettamente scientifico questa visione ha influenzato negativamente la ricerca, che si è soprattutto focalizzata esclusivamente sui rapporti fra prestazioni sportive ed emozioni negative, come l ansia e la paura. Lo stesso concetto di attivazione (arousal), ovvero l intensità della risposta emotiva, il grado di coinvolgimento, l incremento delle funzioni fisiologiche, concetto di per sé neutrale, e quindi privo di connotati a valenza negativa o positiva, recentemente è divenuto sinonimo di ansia in psicologia dello sport. Le attività sportive hanno in comune, più che l attività motoria fine a se stessa, il portare una determinata abilità a condizioni di prestazione ottimale e superiore. Il desiderio di ottenere la vittoria in un torneo dello Slam induce il tennista pro a raggiungere le massime prestazioni mediante allenamenti personalizzati: conseguentemente le intensità emozionali risulteranno massimamente amplificate, sia se vengono valutate come emozioni negative, che se vengano considerate nella loro valenza positiva. Un fattore importante da considerare nel condizionamento degli stati emotivi riguarda il ritmo, quindi la velocità, di una data attività sportiva: una partita di tennis ad alti livelli è certamente più emozionante di una competizione amatoriale, e allo stesso tempo l intensità emozionale di chi pratica attività e di chi la osserva è direttamente proporzionale 4

5 all importanza della manifestazione. L attività sportiva, inoltre, rientra fra i fattori di autoregolazione delle emozioni: lo sport determina un maggior raggiungimento del benessere psicofisico, quindi un miglior controllo del proprio livello di attivazione neurofisiologica, con un ulteriore miglioramento anche nel tono dell umore. Il concetto di attivazione (arousal), concetto, come scritto precedentemente, che indica il grado di intensità con cui viene vissuta una data emozione, è strettamente legato a quello prettamente fisiologico di attivazione a livello di sistema nervoso periferico, che comporta quindi un aumento della frequenza cardiaca e di quella respiratoria, oltre che una vasodilatazione periferica, secrezione di adrenalina e noradrenalina, aumento di metabolismo e tensione muscolare. Stati di alta attivazione possono condurre, a seconda dell intensità dello stato motivazionale, a condizioni che vanno dalla semplice eccitazione a livelli di ansia vera e propria. Allo stesso modo, una scarsa attivazione può essere vissuta dallo sportivo sotto forma di rilassamento o sotto uno stato di noia. Paragrafo 1.2: Le motivazioni nell attività sportiva Il concetto di motivazione, relativamente recente, concerne tutta quella varietà di fenomeni che hanno rappresentato l area di indagine inerente ai bisogni, agli scopi, ai fattori cognitivi e ai processi affettivi che orientano l individuo verso il raggiungimento di un obiettivo finale. La motivazione è quindi un agente fisiologico, cognitivo, emotivo, che organizza il comportamento dell individuo verso uno scopo preciso, ovvero la soddisfazione di un bisogno. Lo stesso concetto viene utilizzato quando ci si interroga sui fattori che determinano un dato comportamento: si cerca di trovare i fini che lo giustificano, anche per renderci meglio conto delle nostre azioni e di quelle degli altri. Sono state avanzate moltissime teorie inerenti alle motivazioni: dall idea freudiana sugli istinti inconsci, alla negazione comportamentistica di tutto ciò che non è osservabile, fino ai più recenti studi inerenti al rapporto motivazione-cognizione. Riferendoci prettamente al contesto sportivo, possiamo citare la teoria di Terreni e Occhini (1997) che, ribadendo che lo sport è un attività praticata per libera scelta, ne articola tre momenti costitutivi: - la scelta, ovvero una valutazione degli elementi pro e contro un attività sportiva, con conseguente presa in esame di tutte le alternative possibili, sia a livello soggettivo che oggettivo; 5

6 - la decisione di praticare sport, inteso come effetto conseguente alla scelta svolta; - l attuazione, ovvero l atto concreto della pratica sportiva, come conseguenza della scelta e della decisione presa. Il tennista che, con costanza, si allena per due, tre volte la settimana, può essere spinto dalle più svariate motivazioni (per mantenersi in forma, per scaricare la tensione, per vincere competizioni..), ma sicuramente, dopo un accurata valutazione in termini di costi e benefici, ha trovato più elementi favorevoli nel dedicarsi alla pratica di tale sport che non elementi contrari. Una distinzione importante va fatta se consideriamo motivazioni innate, ovvero connaturate ai bisogni fisiologici fondamentali nell uomo, oppure se consideriamo motivazioni derivate da apprendimenti legati a condizionamenti culturali: parliamo allora, nel primo caso, di motivazioni primarie e, nel secondo caso, di motivazioni secondarie. Sono questi due termini che rimandano ad una scala gerarchica dei bisogni, che presuppone la condizione che solo una volta esauriti i bisogni primari sia poi possibile, in seguito, il soddisfacimento di quelli secondari. Maslow (1954) ha messo in sequenza e ordinato i bisogni secondo una struttura a piramide, illustrata nella fig. 1.1 La struttura vede alla base i bisogni fisiologici (fame, sete, per esempio) la cui soddisfazione garantisce la sopravvivenza dell individuo, cui seguono i bisogni di sicurezza (bisogno di protezione o di evitamento del pericolo), sui quali poi si innestano i bisogni di appartenenza (bisogno di affiliazione, di accettazione, di amore). I bisogni di stima (desiderio di successo, bisogno di essere apprezzati) scaturiscono dalla soddisfazione di quanto elencato precedentemente, così come i bisogni di autorealizzazione, o metabisogni (senso di giustizia, qualità spirituali, piena realizzazione delle proprie potenzialità). Maslow sostiene che, una volta soddisfatti, i bisogni alla base della piramide scompaiono, in quanto sono bisogni di carenza, mentre quelli ai vertici continuano a crescere anche una volta soddisfatti, in quanto sono bisogni di crescita. 6

7 Figura 1.1 La scala dei bisogni secondo Maslow Murray esamina 12 bisogni di natura fisiologica e 28 di natura psicologica. Singer (1938) invece suddivide le motivazioni in: -intrinseche (permettere alle proprie capacità di progredire o svolgere un attività sportiva per il proprio gusto personale); -estrinseche (trarre vantaggi materiali, come ricompense e apprezzamenti, quindi cercare un rinforzo esterno). Secondo Antonelli e Salvini (1987) lo sport è un gioco con finalità agonistiche, pertanto le motivazioni primarie di riferimento sono esclusivamente il gioco e l agonismo stesso. Terreni e Occhini (1997), in accordo con la precedente teoria, affermano che, indipendentemente dal fatto che le motivazioni siano intrinseche o estrinseche, lo sportivo pone sempre alla base della attività praticata il gioco e l agonismo. Sul fatto se il gioco sia intrinsecamente competitivo o se siano le regole imposte a renderlo tale vi sono teorie contrastanti. La società attuale sembra attribuire valore solo ed esclusivamente ad ogni genere di confronto, favorendo quindi comportamenti e atteggiamenti competitivi. Il confronto sul piano fisico è una delle prime esperienze vissute dai bambini, come dimostrano giochi tipo: nascondino o mosca cieca. Allo stesso modo acquisiscono notevole importanza fattori come furbizia, destrezza, prontezza di riflessi, fattori resi ancora più importanti dalla famiglia, dalla scuola, dai media, che esaltano situazioni competitive. Venendo invece a considerare le prestazioni sportive di alto livello, si tiene conto, in questo caso, della capacità del singolo di giostrare al meglio il 7

8 proprio potenziale, tenendo conto delle risorse fornite dall ambiente. Il tennista professionista, avendo acquisito un notevole senso di competenza, si assegna autonomamente i propri obiettivi per esercitare quella che è poi una sfida con sè stesso. In tal caso anche un risultato negativo può concorrere a migliorare la propria efficacia. Gli obiettivi troppo semplici, al contrario, rischiano di sminuire la propria efficacia, soprattutto se non mettono l individuo nella condizione di affrontare con interesse e impegno la competizione. Prospettare un obiettivo irraggiungibile sicuramente può permettere un impegno maggiore rispetto a quello che si associa ad un semplice incoraggiamento. Riportiamo qui di seguito le motivazioni che spingono gli individui alla pratica sportiva. FATTORI 1. Motivazioni legate alla riuscita personale o allo status ESEMPLIFICAZIONI Desiderio di vittoria Sentirsi importanti Acquisire popolarità Migliorare il proprio status Fare qualcosa che rientra nelle proprie capacità Ricevere premi e riconoscimenti 2. Spirito di squadra Desiderio di essere parte di una squadra 3. Forma fisica Sentirsi in forma Fare esercizio 4. Spendere energia Desiderio di scaricare le tensioni, di fare una qualunque cosa, di muoversi, di stare fuori casa 5. Rinforzi estrinseci Sostegno da parte di persone quali genitori, amici, allenatore 6. Sviluppo e miglioramento di abilità sportive Migliorare la performance Sviluppare lo schema d azione nella squadra 7. Bisogno di amicizia Desiderio di farsi delle nuove amicizie 8. Divertimento Piacere tratto dall azione e desiderio di eccitamento Tab

9 Paragrafo 1.3: stress e coping Come definire un concetto così ampiamente usato, anche a sproposito, come quello di stress? La parola in questione sembra la chiave onnicomprensiva per definire la situazione dell individuo nei tempi moderni. Innanzitutto gli eventi che scatenano tale reazione, definiti stressor, o agenti stressanti, sebbene nell immaginario collettivo vengano associati a condizioni di disagio psicofisico, e quindi vengano associati ad emozioni negative, possono essere associati anche ad emozioni considerate di valenza positiva, di notevole impatto emotivo (Mason). Parliamo di eustress quando lo stress è positivo e di di stress quando è negativo. Possiamo riferirci alla definizione di stress data da Fisher (1986) che definisce lo stress come il prodotto di un processo cognitivo che confronta la minaccia percepita con la possibilità percepita di controllarla. Si tratta di una reazione di adattamento utile, non necessariamente patologica. L adattamento prevede una prima fase di allarme, nella quale, di fronte a un pericolo, avvengono modificazioni biochimiche e ormonali nel proprio corpo; una seconda fase di resistenza, durante la quale l organismo si organizza per difendersi; e infine una fase di esaurimento, con un crollo delle difese. Lo stress è quindi interpretabile in termini di deficit, di difficoltà di controllo e di gestione della situazione. L accento viene posto soprattutto a livello di percezione: l ampiezza della richiesta e la difficoltà percepita nel farvi fronte sembrano configurarsi come le principali componenti dello stress. Lo stress si manifesta spesso con sintomi che incidono negativamente sulla prestazione sportiva: diminuzione delle attività motorie, eccessivo stato di arousal precompetitivo, diminuzione della concentrazione, inadeguatezza rispetto al compito, e via dicendo. I sintomi dello stress si manifestano, a seconda delle caratteristiche dell individuo e delle circostanze, su uno o più versanti di tipo fisiologico, comportamentale e cognitivo. A livello fisiologico l incremento dello stato di arousal porta a segni dello stress evidenti, quali maggior frequenza cardiaca, sudorazione, maggior frequenza respiratoria, aumento della pressione del sangue, maggior flusso di adrenalina, accompagnati da evidenti segni di disagio psicofisico come difficoltà ad addormentarsi, oppure sonno irregolare, cefalee tensive, inappetenza, problemi digestivi, maggior affaticamento... Sul piano comportamentale, abbiamo manifestazioni di tensione, rigidità a carico muscolare, oltre che sintomi quali crampi, dolore, con conseguenti rischi maggiori di infortuni, oltre che perdita delle coordinazioni fini e 9

10 diminuzione della fluidità nei movimenti, che appaiono quindi quasi meccanici. Infine, analizzando l aspetto cognitivo, si presentano disturbi dell attenzione e della concentrazione (maggior distraibilità, difficoltà nel sostenere un adeguato focus attentivo), oltre che una presenza massiccia di pensieri catastrofici e di fallimenti personali. L atleta in questione si sentirà eccessivamente preoccupato per gli esiti della gara o per le valutazioni negative che potranno eventualmente scaturire se la sua prestazione dovesse essere scadente. L attivazione di un sistema di pensiero disfunzionale provoca una distorsione nella codifica e valutazione degli stimoli interni ed esterni. L atleta, in questo caso, tende sempre a pensare al peggio, ignorando gli eventi positivi e giungendo in anticipo a conclusioni in assenza di fatti concreti, minimizzando o accrescendo eccessivamente il significato di un evento. Il tennista, per esempio, può trasformare situazioni momentanee, (durante una partita svolge molti doppi falli, pur essendo il servizio uno dei suoi colpi migliori), in decisioni categoriche ( ritiene quindi di non essere capace a eseguire tale colpo). Questo sistema disfunzionale di pensiero conduce a risposte sotto il profilo non solo prettamente cognitivo (distrazione, basso autocontrollo, inadeguatezza..) ma anche fisiologico e comportamentale. Stress e coping sono due aspetti dello stesso fenomeno. La loro correlazione è già ravvisabile nelle prime produzioni di Seyle, quando fa riferimento al maggior peso che ha il modo con cui si prendono e si accettano i fatti ( the way you take it ) rispetto ai fatti stessi. Entrando nella definizione del concetto di coping, possiamo prendere come riferimento la teoria di Folkman e Lazarus: il coping sono gli sforzi cognitivi e comportamentali delle persone di gestire (ridurre, minimizzare, padroneggiare, tollerare) le richieste interne ed esterne del rapporto transazionale tra persona e ambiente, che vengono valutate come gravose o eccedenti (Folkman, 1986). E oggi generalmente accettata la differenziazione tra coping centrato sul problema e coping centrato sull emozione, originariamente delineata da Folkman e Lazarus nel Il primo include gli sforzi rivolti a cambiare il problema esterno o la fonte interna della sua intensità, ovvero la sua formulazione cognitiva. Il secondo tipo di coping è invece volto a cercare un sollievo dagli aspetti piacevoli-spiacevoli del problema. Endler e Parker (1990) hanno proposto un terzo tipo di coping denominato di esitamento che si riferisce a strategie consistenti verso la ricerca di diversivi o distrazioni. Nella formulazione di Lazarus il coping viene descritto come una reazione dinamica, specifica 10

11 alla determinata situazione in cui lo stress è percepito. Tuttavia altri studiosi ritengono che esistano differenti stili di coping che le persone tendono ad adottare in diverse situazioni. Integrando i diversi suggerimenti della letteratura, è giusto quindi teorizzare che le dinamiche situazionali influenzano la differente strategia di coping che viene utilizzata di volta in volta. A titolo esemplificativo, si possono riportare differenti strategie di coping, riscontrabili anche in un contesto sportivo. Strategia -Distrazione -Ridefinizione della situazione -Azione diretta -Catarsi -Accettazione -Cercare supporto sociale -Rilassamento -Fede Descrizione -Distogliere l attenzione dal problema pensando ad altre cose o intraprendendo qualche attività -Tentare di vedere il problema sotto una luce diversa, che lo rende più sopportabile -Pensare alle soluzioni del problema, raccogliere informazioni su di esso, o fare effettivamente qualcosa per cercare di risolverlo -Esprimere le emozioni in riferimento al problema per ridurre l ansia, l angoscia, le frustrazioni da esso causate -Accettare il fatto che il problema si sia presentato, ma che non sia possibile fare nulla in merito -Cercare o accettare supporto sociale da persone che si amano, da amici (la squadra, per esempio), da professionisti -Fare qualcosa con l esplicita intenzione di rilassarsi -Cercare o accettare conforto spirituale Tab

12 Capitolo 2 Ansia e sport Paragrafo 2.1: definizione del concetto di ansia Secondo Weinberg e Gould (1995) l ansia può esser definita come uno stato emozionale negativo accompagnato da nervosismo, preoccupazione, apprensione associati ad un aumentata attivazione corporea. Martens et al.(1990) hanno distinto due aspetti degli stati ansiogeni. Quando l individuo si trova in una condizione di ansia fa esperienza di stati fisiologici coincidenti con un alta attivazione. Si ha quindi un aumento della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa, oltre che un respiro aumentato e un visibile arrossamento del volto. Sono effetti, questi, molto simili ai sintomi indotti da stati di euforia o di rabbia. L esperienza di questi cambiamenti fisiologici fanno riferimento all ansia somatica (dal greco sόma, corpo). L ansia somatica può esser misurata direttamente misurando indici fisiologici o indirettamente mediante questionari di autovalutazione, come lo STAI. Misure fisiologiche dirette possono essere, per esempio, l analisi delle urine, che permette di rilevare la presenza di ormoni come adrenalina, noradrenalina e cortisolo, secreti in condizioni di stress, oppure si può effettuare la misurazione della conduttanza cutanea o della pressione arteriosa. Quando l individuo è in stato ansiogeno tende a sudare di più, soprattutto nelle mani, e la conduttanza cutanea misura la facilità di passaggio sulla pelle della mano di una debole corrente, essendo il sudore, proprio perché salato, un buon conduttore. Questo passaggio di corrente viene appunto definito conduttività. Ne consegue che maggiore sarà il livello di attività delle ghiandole sudoripare e maggiore sarà il livello di conduttanza della nostra pelle. Uno strumento denominato sfigmomanometro permette infine di misurare l aumento di pressione sanguigna, fattore presente negli stati ansiosi. Importante tenere conto dell ampia variabilità dei livelli di attività fisiologica fra gli individui: pertanto in qualsiasi studio occorre effettuare diverse misurazioni, rispettivamente con e senza induzione d ansia; una volta fatto questo occorre confrontare il livello di base con quello che fa seguito allo stato d ansia. La registrazione fisiologica deve comunque far uso sovente di apparecchiature da laboratorio, che non permettono studi 12

13 sul campo. Tuttavia, tenendo conto dell avanzamento tecnologico operato negli ultimi tempi, il problema della registrazione si è piuttosto limitato: mediante la miniaturizzazione degli apparati di registrazione si è reso possibile misurare sia la pressione che le frequenze cardiache e respiratorie in modo continuato. Gli strumenti portatili in dotazione agli sportivi, infatti, possono tranquillamente essere portati anche al di fuori del laboratorio. I questionari di autovalutazione invece possono essere usati per misurare indirettamente l ansia somatica ma presentano l inconveniente che l oggetto della loro misurazione è ciò che lo sportivo pensa che accada nel proprio corpo, e non quello che avviene effettivamente.. Il vissuto di ansia somatica è spesso accompagnato da un altro concetto, che si riferisce all ansia cognitiva. E questo un concetto che fa riferimento alle attività di pensiero, ai ragionamenti, alle aspettative e alle memorie associate all ansia di tipo somatico. Un pensiero associato a vissuti ansiosi implica preoccupazione, dubbi sulle proprie effettive capacità, anticipazione di una sconfitta con conseguente umiliazione. Uno studio condotto da Swain e Jones (1993) condotto sul campo su 49 atleti, ha potuto constatare che nella mezz ora che precede l inizio di una gara vi è un incremento notevole di pensieri ansiosi; l aumento dell ansia somatica, invece, è presente già da più tempo. Una volta iniziata la competizione l ansia somatica crolla immediatamente, mentre l ansia cognitiva fluttua e varia a seconda dell esito della competizione. Una distinzione di notevole importanza viene fatta in merito all ansia cosiddetta di tratto, e all ansia di stato. La teoria è stata formulata in un primo tempo da Cattel e Scheier (1961), per poi essere ulteriormente elaborata da Spielberger e collaboratori (1966), nello sviluppo della loro scala di autovalutazione, la State-Trait Anxiety Inventory- STAI (1970). In linea di massima si può affermare che l ansia di tratto può essere considerata una caratteristica relativamente stabile della personalità, ovvero un atteggiamento comportamentale, che riflette la modalità con cui il soggetto tende percepire come pericolosi o minacciosi stimoli e situazioni ambientali. Una persona con ampia ansietà di tratto sarà costantemente ansiosa, in modo quasi del tutto indipendente dalla situazione specifica che sta vivendo: in questo soggetto la modalità ansiosa sarà una abituale risposta agli stimoli. Questi soggetti mostrano quindi una più marcata reattività ad un numero maggiore di stimoli e, secondo Cattel e Scheier, sono caratterizzati da elevato arousal, debolezza dell Io, tendenza alla sensitività e al senso di colpa; sono questi i soggetti che, un 13

14 tempo, venivano classificati sotto la voce nevrosi d ansia. Eysenck credeva che certe persone fossero generalmente più ansiose di altre in quanto geneticamente programmate a reagire in modo maggiore a pericoli potenziali nel loro ambiente. Venendo in specifico all ambito sportivo, è stata riscontrata un ansia definita competitiva, che si manifesta proprio nelle situazioni agonistiche, che può esprimersi come ansia di tratto o come ansia di stato. La teoria di Martens approfondisce proprio la condizione dell atleta nelle situazioni competitive, viste come eventi che si affrontano con tensione, con la messa in discussione delle proprie capacità, con l affiorare di insicurezze e timori. Lo stesso Martens (1977) ha sviluppato una scala denominata Sport Competition Anxiety Test, il cui scopo consiste nel misurare l ansia di tratto negli sportivi agonisti. In questo questionario sono presenti affermazioni come: Prima di una competizione mi sento a disagio, Prima di una competizione temo di non essere all altezza, Durante una competizione mi preoccupo di fare degli errori, Prima di una competizione mi sento tranquillo, e il soggetto deve indicare la frequenza con cui tali affermazioni si adattano al suo caso specifico. L ansia di stato può essere definita come un interruzione temporanea del proprio continuum emozionale, che si esprime attraverso una sensazione soggettiva di tensione, apprensione, nervosismo, inquietudine, ed è associata ad una attivazione del sistema nervoso autonomo. I soggetti con una elevata ansia di tratto hanno maggiore probabilità, rispetto agli altri, di presentare ansia di stato in circostanze di basso potenziale ansiogeno e, a parità di stimoli, potranno sperimentare livelli più elevati di ansia di stato. Alti livelli di ansia di stato risultano estremamente spiacevoli, dolorosi e disturbanti e stimolano il soggetto a mettere in atto meccanismi comportamentali di adattamento per evitare o ridurre queste sensazioni; questi meccanismi hanno successo solo se riescono ad allontanare lo stimolo ansiogeno o a valutarlo come meno minaccioso. Se, al contrario, questi meccanismi non riescono nel loro scopo, il soggetto può ricorrere a meccanismi di negazione o di repressione che, però non aggrediscono alle radici la causa dell ansia e possono risultare altamente disadattivi. In questo caso i meccanismi sono antieconomici: finiscono per aumentare l ansia di tratto avviando una spirale continua. Martens et al. (1990) hanno sviluppato un ulteriore questionario, il Competitive State Anxiety Inventory-2, avente lo scopo di misurare selettivamente l ansia di stato che precede una competizione. Dal 1990 questo questionario è stato lo 14

15 strumento più utilizzato nella misura dell ansia legata a prestazioni sportive. Esso include tre sottoscale che misurano l ansia cognitiva, quella somatica e l autostima. E comunque importante, in fase di trattamento dei disturbi ansiosi, tenere distinte l ansia di stato da quella di tratto. Solamente valutando l ansia di stato, infatti, potremo evidenziare i modi e i tempi delle variazioni del quadro clinico, che difficilmente potremo rilevare esplorando solo l ansia di tratto. Molti autori si sono occupati dell ansia nei suoi diversi aspetti e dei suoi riflessi nella prestazione. Adam e Wieringen (1988) hanno riscontrato come a moderati livelli di ansia cognitiva corrispondesse una prestazione superiore rispetto a livelli bassi o elevati, mentre tale reazione non era evidente per l ansia somatica. Quest ultima tende a danneggiare la prestazione quando diventa così forte da costringere il soggetto da distogliere l attenzione dal compito per rivolgerla allo stato interno. Altri autori hanno anche analizzato l andamento temporale, notando come l ansia di stato aumentasse rapidamente fino a pochi istanti prima della competizione, per poi calare altrettanto rapidamente con un andamento grafico di una V inversa (cfr. Fenz, 1988). Altri studiosi, tra cui Weinberg (1984) hanno osservato che tale incremento è correlato all ansia somatica e non a quella cognitiva. Un alto arousal fisiologico, con l ansia somatica ad esso associata, non è necessariamente negativo per la prestazione, ma lo diventa quando l ansia cognitiva supera un determinato livello. Solamente in questa situazione si manifesta quindi un catastrofico deterioramento della performance, a seguito del quale diviene molto difficile recuperare una situazione accettabile. Paragrafo 2.2: sport individuali e sport di squadra Una importante distinzione va fatta per il gruppo di atleti che svolge discipline sportive di carattere prettamente individuale, rispetto a coloro che svolgono attività all interno di una squadra. La presenza di un concorrente indica già di per sé una situazione competitiva, sia se si parla di sport individuali, che se si parla di sport di squadra. Nel caso di attività individuali che prevedono lo scontro diretto di uno con l altro, è presente la consapevolezza di dover contare esclusivamente sulla propria forza, sulle abilità personali, sull incondizionata disponibilità al contatto fisico e alla distanza intima, unite a una consistente componente di aggressività 15

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Non è possibile conoscere a priori quale sia la strada giusta per raggiungere un obiettivo se non cominciamo a percorrerla Dott. Marco Broccoli (Ausl di Ravenna)

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria)

presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria) presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria) SPORTIVISSIMO chi è? L Associazione Sportiva Dilettantistica SPORTIVISSIMO, è un team di insegnanti di educazione

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI PER INIZIARE EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI Dicesi dirigente un signore che dovrebbe non dirigere ma animare; non solo animare ma testimoniare, non solo testimoniare, ma motivare. Insomma,

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA

LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA Doug Beal, direttore generale di USA Volleyball, ex-capo Allenatore della nazionale degli Stati Uniti Prima di provare ad analizzare i sistemi, la teoria, la tattica

Dettagli

Perché far praticare Karate ai Bambini.

Perché far praticare Karate ai Bambini. Perché far praticare Karate ai Bambini. Spesso ci si domanda se il karate è una pratica adatta ai bambini. Gli attuali sistemi didattici forniscono all'insegnante di karate dei metodi grazie ai quali i

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

Stress and Control Techniques for Cave Divers Activity

Stress and Control Techniques for Cave Divers Activity Stress and Control Techniques for Cave Divers Activity Mauro CAMPINI 1; Lorenzo EPIS 2 Via Ostigliese,82 Barbasso di Roncoferraro Mantova ITALY Tel +39 376 664509 maurocampini@hotmail.com 1 - Technical

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Sensibilizzazione dei genitori

Sensibilizzazione dei genitori Sensibilizzazione dei genitori Precisione e chiarezza Quando si vogliono comunicare ai genitori le difficoltà del bambino, delle quali andrebbero valutate la natura, la gravità e le modalità di intervento,

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE Se sei una persona depressa le informazioni che verranno di seguito fornite ti aiuteranno a capire meglio la tua depressione e ad iniziare a fare qualcosa per affrontarla.

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Politecnico di Milano. Spazio Ascolto - Servizio di Counselling di Ateneo Via C. Golgi 40 Milano Tel. 02.23993789 E-mail: spazioascolto@polimi.

Politecnico di Milano. Spazio Ascolto - Servizio di Counselling di Ateneo Via C. Golgi 40 Milano Tel. 02.23993789 E-mail: spazioascolto@polimi. Politecnico di Milano Spazio Ascolto - Servizio di Counselling di Ateneo Via C. Golgi 40 Milano Tel. 02.23993789 E-mail: spazioascolto@polimi.it CATTIVE ABITUDINI 1. Pensare che quanto si studia non serve

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale Università degli Studi di Parma Facoltà di Psicologia Dipartimento di Psicologia Analisi del Comportamento (Behavior Analysis) Skinner (1904-1990) Approccio Comportamentale alla Psicologia dell Educazione

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Come far accettare che il problema c è.

Come far accettare che il problema c è. Tredimensioni 2(2005) 81-92 Come far accettare che il problema c è. Vincenzo Percassi * I l cammino formativo, dato che mira a formare la persona nella sua motivazione profonda e interiore, deve tenere

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Dr.ssa Mara Cristofori FASE O VALUTARE ASPETTATIVE

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli