Progettazione didattica di Religione Cattolica Anno scolastico Istituto Comprensivo Statale Cologna Veneta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progettazione didattica di Religione Cattolica Anno scolastico 2015-2016 Istituto Comprensivo Statale Cologna Veneta"

Transcript

1 CLASSE PRIMA MOTIVO CONDUTTORE ANNUALE (RIFLESSIONE EDUCATIVA):L ESPERIENZA DI SÉ, DELLA VITA ATTORNO A SÉ E CON GLI ALTRI APRE ALLA SCOPERTA DEL MONDO CON ATTEGGIAMENTI DI ACCOGLIENZA, STUPORE E GIOIA. UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1: INIZIO DI UN INCONTRO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCERE GESÙ DI NAZARETH COME EMMANUELE E MESSIA. I VALORI ETICI E RELIGIOSI APPREZZARE L IMPEGNO DELLA COMUNITÀ UMANA E CRISTIANA NEL PORRE ALLA BASE DELLA CONVIVENZA L AMICIZIA E LA SOLIDARIETÀ. L alunno sa collegare i contenuti principali dell insegnamento di Gesù alle tradizioni dell ambiente in cui vive. OBIETTIVI -Scoprire la scuola come luogo di relazione paragonabile a quello famigliare. -Scoprire la scuola come spazio d incontro delle diversità che caratterizzano ogni individuo. - R i c o n o s c e r e l a d i v e r s i t à c o m e ricchezza e occasione di crescita per ciascuno. -Sviluppare disponibilità all accogli en za nell incontro stimolante con le differenze; inoltre scoprire l importanza dell affidarsi alla cura di qualcuno che aiuta a crescere. Inserimento nell ambiente scolastico Presentazione di sé e scoperta dei propri doni Conoscenza dei propri compagni Religione a scuola Famiglia e scuola di Gesù sa raccontare di sé e delle sue amicizie r i c o n o s c e e d apprezza situazioni di accoglienza da parte degli adulti e dei coetanei rievoca emozioni e sentimenti legati alla sua vita di casa e di scuola sa che nell ora di religione si parla di G e s ù e d e l s u o insegnamento. Area linguistico a r t i s t i c o espressiva: attività ludica, osservazione della realtà naturale e sociale, interazione v e r b a l e p e r esprimere le proprie emozioni. 1

2 UNITÀ DI APPRENDIMENTO 2: NATALE DI GIOIA CONOSCERE GESÙ DI NAZARETH COME EMMANUELE E MESSIA, TESTIMONIATO E RISORTO LINGUAGGIO RELIGIOSO RICONOSCERE I SEGNI CRISTIANI DEL NATALE NELL AMBIENTE I VALORI ETICI E RELIGIOSI RICONOSCERE CHE LA VITA CRISTIANA SI FONDA SUL COMANDAMENTO DELL AMORE DI DIO E DEL PROSSIMO L alunno riconosce il significato cristiano del Natale traendone motivo per interrogarsi sul valore di tale festività nell esperienza personale, famigliare e sociale. - Individuare gli elementi che segnano l arrivo della festa di N a t a l e p r e s e n t i nell ambiente. - Conoscere la storia della nascita di Gesù. - Scoprire che Gesù è il dono più grande che Dio ha fatto agli uomini. I segni del compleanno, festa di cui ogni bambino almeno una volta ha fatto esperienza. I segni distintivi della festa: avvento. La storia del Natale. I principali segni e simboli del Natale: il presepio. s a d i r e l e caratteristiche p r i n c i p a l i d e l l a festa sa che a Natale i cristiani f e s t e g g i a n o l a nascita di Gesù conosce la storia del Natale. sa riconoscere i luoghi, i personaggi e i segni del Natale sa riconoscere segni e simboli Natale - Area linguistico artistico -espressiva: gli addobbi, i biglietti e i lavoretti di Natale - Inglese: Santa Klaus - Educazione alimentare:i dolci della festa. 2

3 UNITÀ DI APPRENDIMENTO 3 : UN LUOGO PER L INCONTRO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDIVIDUARE I TRATTI ESSENZIALI DELLA CHIESA COME EDIFICIO E COMUNITÀ IL LINGUAGGIO RELIGIOSO CONOSCERE IL SIGNIFICATO DI GESTI E SEGNI LITURGICI COME ESPRESSIONE DI RELIGIOSITÀ I VALORI ETICI E RELIGIOSI APPREZZARE L IMPEGNO DELLA COMUNITÀ UMANA E CRISTIANA NEL PORRE ALLA BASE DELLA CONVIVENZA L AMICIZIA E LA SOLIDARIETÀ. Identifica nella chiesa la comunità di coloro che credono in Gesù Cristo. OBIETTIVI - Scoprire che nel mondo molte persone ringraziano Dio in luoghi di culto - Riconoscere la Chiesa come luogo d incontro dei cristiani. - R i c o n o s c e r e g l i elementi principali che caratterizzano l edificio chiesa. Edifici diversi n e l p r o p r i o ambiente di vita. Giorni di festa n el l e diverse comunità religiose. Chiesa comunità e chiesa edificio sa riconoscere che oltre alla chiesa esistono altri luoghi di preghiera di altre religioni. sa distinguere gli elementi specifici di una chiesa e la loro funzione. sa che la chiesa è la comunità dei cristiani aperta a tutti i popoli. - Educazione stradale: uscita didattica nel quartiere - Area linguisticaartisticoespressiva:ascolto e comprensione di racconti, lettura di immagini, lavori a pop up. 3

4 UNITÀ DI APPRENDIMENTO 4: LA CREAZIONE: UN DONO PREZIOSO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCOPRIRE CHE PER LA RELIGIONE CRISTIANA DIO È CREATORE, PADRE E CHE FIN DALLE ORIGINI HA STABILITO UN ALLEANZA CON L UOMO. ASCOLTARE, LEGGERE E SAPER RIFERIRE I RACCONTI DELLA CREAZIONE, ALCUNI EPISODI DEI RACCONTI EVANGELICI. L alunno riflette su Dio creatore e Padre. Riconosce che la Bibbia è il libro sacro per cristiani ed ebrei. OBIETTIVI - I m p a r a r e a d o s s e r v a r e l a realtà naturale che ci circonda scoprendo in essa a r m o n i a e bellezza - Scoprire che ogni persona appartiene a un m o n d o i n c u i v i v o n o p o p o l i d i v e r s i c h e credono nell opera della creazione come dono di Dio - R i s p e t t a r e l ambiente che ci circonda perché il mondo è un dono unico. Racconti sulle bellezze n a t u r a l i d e l proprio ambiente. Racconto biblico della creazione. Differenza tra cose costruite e create. Il rispetto per la natura. co n osce l e c ose belle del mondo e a p p r e z z a l e caratteristiche attraverso l uso dei cinque sensi s a r i f e r i r e i l raccon to biblico della creazione sa che Dio crea e l uomo costruisce elaborando ciò che è stato creato - Educazione ambientale: l a festa di primavera e/o la festa degli alberi. - Scienze: i cinque sensi. 4

5 UNITÀ DI APPRENDIMENTO 5: PASQUA DI GIOIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCERE GESU' DI NAZARET, EMMAUELE E MESSIA, CROCIFISSO E RISORTO. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO RICONOSCERE I SEGNI CRISTIANI DELLA PASQUA NELL AMBIENTE OBIETTIVI - I n d i v i d u a r e g l i elementi che segnano l arrivo della festa di P a s q u a p r e s e n t i nell ambiente. - Conoscere la storia d e l l a m o r t e e resurrezione di Gesù. La storia evangelica riguardo la passione morte e risurrezione di Gesù. I principali segni e simboli della Pasqua. sa che a Pasqua i cristiani f e s t e g g i a n o l a risurrezione di Gesù conosce la storia della Pasqua. sa riconoscere i luoghi, i personaggi e i s e g n i d e l l a Pasqua. - Area linguistico artistico -espressiva: i biglietti e i lavoretti di Pasqua. - Educazione alimentare:i d o l c i della Pasqua. L alunno riconosce il significato cristiano della Pasqua traendone motivo per interrogarsi sul valore di tale festività nell esperienza personale, famigliare e sociale. 5

6 CLASSE SECONDA MOTIVO CONDUTTORE ANNUALE (RIFLESSIONE EDUCATIVA): RICONOSCERE LA PRESENZA DI CODICI E DI REGOLE DI COMPORTAMENTO DA VIVERE E REALIZZARE NEI DIVERSI CONTESTI DI VITA CON GLI ALTRI. UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1: COMPAGNI DI VIAGGIO CONOSCERE GESÙ DI NAZARETH COME EMMANUELE E MESSIA, TESTIMONIATO E RISORTO. ASCOLTARE, LEGGERE E SAPER RIFERIRE ALCUNE PAGINE BIBLICHE FONDAMENTALI E ALCUNI EPISODI CHIAVE DEI RACCONTI EVANGELICI. I VALORI ETICI E RELIGIOSI APPREZZARE L IMPEGNO DELLA COMUNITÀ UMANA E CRISTIANA NEL PORRE ALLA BASE DELLA CONVIVENZA L AMICIZIA E LA SOLIDARIETÀ L alunno identifica nella chiesa la comunità di coloro che credono in Gesù Cristo e si impegnano per mettere in pratica il suo insegnamento. -Assumere atteggiamenti positivi nelle varie realtà in cui l a l u n n o v i v e, riconoscerli in alcuni personaggi dell Antico T e s t a m e n t o e confrontarli con Gesù e il suo insegnamento -In d i v i d u a r e g l i strumenti per vivere un rapporto positivo con gli altri Racconti sui valori del rispetto e dell amicizia Le regole dello stare insieme Episodi evangelici in cui Gesù è modello di buoni comportamenti. - Italiano: ascolto e intuisce il grande comprensione di v a l o r e u m a n o racconti, dell amicizia, cioè del rispetto, del p e r d o n o e d e l conversazione di apprendimento, schede strutturate dialogo. - Educazione sa riconoscere e rispettare le regole dei vari contesti di all affettività: stati d animo ed emozioni vita. - Educazione alla apprezza che Gesù cittadinanza: l e sia stato amico di regole di convivenza tutti. - Arte ed immagine: attività g rafico pittoriche. 6

7 UNITÀ DI APPRENDIMENTO 2: LA LUCE DEL NATALE RICONOSCERE LA PATERNITA' DI DIO NELL EVENTO DEL NATALE. ASCOLTARE, LEGGERE E SAPER RIFERIRE ALCUNE PAGINE BIBLICHE FONDAMENTALI, ALCUNI EPISODI CHIAVE DEI RACCONTI EVANGELICI. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO RICONOSCERE I SEGNI CRISTIANI DEL NATALE, NELL AMBIENTE. I VALORI ETICI E RELIGIOSI APPREZZARE L IMPEGNO DELLA COMUNITA UMANA E CRISTIANA NEL PORRE ALLA BASE DELLA CONVIVENZA L AMICIZIA E LA SOLIDARIETA. L alunno riconosce il significato cristiano del Natale traendone motivo per interrogarsi sul valore di tale festività nell esperienza personale, famigliare e sociale. - Scoprire nel Natale e nelle feste religiose di altri paesi il senso di appartenenza e incontro che implica gratuità, scambio e amicizia. - Conoscere la storia della nascita di Gesù attraverso il racconto dei Vangeli. La vita come dono. Narrazione di vissuti personali. Le tradizioni della festa del Natale: origini del presepio. Significato del tempo di avvento. La storia della nascita di Gesù. La visita dei pastori, i magi, i loro doni e il segno della stella. conosce le origini delle tradizioni del Natale. sa che i cristiani identificano nella festa del Natale un m o m e n t o d i condivisione e di amicizia. conosce le tappe fondamentali della storia della nascita di Gesù. - Italiano: filastrocche, storie e poesie del Natale - Arte ed Immagine: doni natalizi - Informatica: i l biglietto di Natale - Musica: n e n i e e canti natalizi - Educazione all affettività: ricordi dei bambini del loro modo di vivere il Natale 7

8 UNITÀ DI APPRENDIMENTO 3: UNA VITA NUOVA CONOSCERE GESÙ DI NAZARETH COME EMMANUELE E MESSIA, TESTIMONIATO E RISORTO ASCOLTARE, LEGGERE E SAPER RIFERIRE C I R C A A L C U N E P A G I N E B I B L I C H E FONDAMENTALI, E ALCUNI EPISODI CHIAVE DEI RACCONTI EVANGELICI. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO RICONOSCERE I SEGNI CRISTIANI DEL DELLA PASQUA NELL AMBIENTE. CONOSCERE IL SIGNIFICATO DEI GESTI E SEGNI LITURGICI COME ESPRESSIONE DI RELIGIOSITÀ. L alunno riconosce il significato cristiano della Pasqua traendone motivo per interrogarsi sul valore di tale festività nell esperienza personale, famigliare e sociale. - Comprendere che chi ama con generosità dona g i o i a, c h i n o n a m a genera infelicità. - Rendersi conto che l amore è faticoso e s p e s s o r i c h i e d e sacrificio. -Conoscere i tratti principali della Pasqua: triduo pasquale. Gesti di amicizia e di amore in alcuni racconti. I racconti della Pasqua di Gesù, i segni-simboli cristiani. s a s c o p r i r e l importanza dell amore e ne sa cogliere il senso più profondo. s a c o m p r e n d e r e q u a n t o s o n o i m p o r t a n t i l e relazioni affettive perché donano gioia. i n t u i s c e c h e l a Pasqua è la grande f e s t a i n c u i i cristiani celebrano la resurrezione di Gesù. sa riconoscere i luoghi, i personaggi d e l r a c c o n t o pasquale. - Italiano: conversazione guidata, narrazione dei brani evangelici, schede strutturate - Arte ed Immagine: a t t i v i t à g r a f i c o pittorica 8

9 UNITÀ DI APPRENDIMENTO. 4: GLI AMICI DI GESU' E LA CHIESA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO IDENTIFICARE COME NELLA PREGHIERA L UOMO SI APRA AL DIALOGO CON DIO E RICONOSCERE, NEL PADRE NOSTRO, LA SPECIFICITÀ DELLA PREGHIERA CRISTIANA. INDIVIDUARE I TRATTI ESSENZIALI DELLA CHIESA E DELLA SUA MISSIONE. ASCOLTARE, LEGGERE E SAPER RIFERIRE ALCUNE PAGINE BIBLICHE FONDAMENTALI, E ALCUNI EPISODI CHIAVE DEI RACCONTI EVANGELICI. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO CONOSCERE IL SIGNIFICATO DEI GESTI E SEGNI LITURGICI. OBIETTIVI - Riconoscere sé stessi e la propria unicità all interno di un gruppo. - S c o p r i r e c h e i l messaggio di amicizia p o r t a t o d a G e s ù d o v r e b b e e s s e r e testimoniato dallo stile di vita dei cristiani. - Cogliere il significato e la differenza tra chiesa edificio e chiesa comunità Racconti che parlano di amicizia, di collaborazione, di cooperazione e di cura verso l altro. Brani evangelici (la chiamata degli apostoli e le parabole) che testimoniano la vita della Chiesa delle origini. Chiesa edificio e Chiesa comunità. sa che ogni individuo è u n i c o n e l s u o e s s e r e e irripetibile. s a d i r e a l c u n e caratteristiche della Chiesa. sa riconoscere la d i f f e r e n z a t r a chiesa edificio e Chiesa comunità. - Italiano: conversazione guidata, lettura di brani e storie - C i t t a d i n a n z a e C o s t i t u z i o n e : i comportamenti socialmente corretti - Arte e immagine: lettura di immagini, o s s e r v a z i o n e e lettura guidata di o p e r e d a r t e, a t t i v i t à g r a f i c o pittorica I VALORI ETICI E RELIGIOSI 9

10 RICONOSCERE CHE LA VITA CRISTIANA SI FONDA SUL COMANDAMENTO DELL AMORE DI DIO E DEL PROSSIMO L alunno riconosce che per i cristiani Gesù è il Signore che annuncia il regno di Dio Padre con parole e azioni. 10

11 CLASSE TERZA MOTIVO CONDUTTORE ANNUALE (RIFLESSIONE EDUCATIVA): IL VIVERE CON GLI ALTRI PERMETTE DI ESAMINARE LE GRANDI DOMANDE DI SENSO E DI CONFRONTARSI CON LE RISPOSTE CHE GLI UOMINI HANNO DATO NEL PASSATO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1: L UOMO CERCA DIO CREATORE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCOPRIRE CHE PER LA RELIGIONE CRISTIANA DIO È CREATORE, PADRE E CHE FIN DALLE ORIGINI HA STABILITO UN ALLEANZA CON L UOMO. ASCOLTARE, LEGGERE E SAPER RIFERIRE C I R C A A L C U N E P A G I N E B I B L I C H E FONDAMENTALI, TRA CUI I RACCONTI DELLA CREAZIONE, LE VICENDE E LE FIGURE PRINCIPALI DEL POPOLO D ISRAELE, GLI E P I S O D I C H I A V E D E I R A C C O N T I EVANGELICI. C O N O S C E R E L A S T R U T T U R A E L A COMPOSIZIONE DELLA BIBBIA. CONFRONTARE LA BIBBIA CON I TESTI DELLE ALTRE RELIGIONI. L alunno riflette su Dio creatore e Padre. Riconosce che la Bibbia è il libro sacro per cristiani ed ebrei e documento fondamentale dalla nostra cultura, sapendola distinguere da altre tipologie di testi. OBIETTIVI - Comprendere che la risposta religiosa guida l uomo alla scoperta del senso dell esistenza. - Conoscere i miti come risposta alle domande sull origine della vita e del cosmo. - A p p r e n d e r e i l racconto biblico della creazione e scoprire che Dio è riconosciuto come creatore anche da altre religioni e saper confrontare le risposte con quelle della scienza. L e d o m a n d e fondamentali di senso. Le risposte del mito L e r i s p o s t e delle religioni antiche. Le risposte della scienza. Le risposte della religione cristiana. Il documento biblico. sa che da sempre l uomo si è posto delle domande. sa individuare e mettere a c o n f r o n t o l e risposte date dai miti, dalla scienza e dalle religioni, in particolare quella cristiana. sa che per i cristiani D i o è o r i g i n e e compimento della s t o r i a d i o g n i e l e m e n t o d e l l a natura. sa ricercare nella b i b b i a i l i b r i i capitoli e i versetti. - Educazione all affettività: i cambiamenti personali nel tempo. - Storia: m i t i e l e g g e n d e s u l l e origini - Italiano: testi per l a t t e n z i o n e, l a c o m p r e n s i o n e e l ascolto. - Scienze: il Big-Bang - Geografia: ricerca n e l l a t l a n t e d e i luoghi citati nei vari testi. 11

12 UNITÀ DI APPRENDIMENTO 2: UN SOLO DIO E IL SUO POPOLO SCOPRIRE CHE PER LA RELIGIONE CRISTIANA DIO È CREATORE, PADRE E CHE FIN DALLE ORIGINI HA STABILITO UN ALLEANZA CON L UOMO ASCOLTARE, LEGGERE E SAPER RIFERIRE ALCUNE PAGINE BIBLICHE FONDAMENTALI, TRA CUI I RACCONTI DELLA CREAZIONE, LE VICENDE E LE FIGURE PRINCIPALI DEL POPOLO D ISRAELE, GLI EPISODI CHIAVE DI RACCONTI EVANGELICI. L alunno riflette su Dio creatore e Padre. Riconosce che la Bibbia è il libro sacro per cristiani ed ebrei e documento fondamentale dalla nostra cultura, sapendola distinguere da altre tipologie di testi. - Riconoscere nella storia dei patriarchi di I s r a e l e l i n i z i o dell Alleanza tra Dio e l umanità. - Scoprire attraverso la storia di Giuseppe il progetto di Dio per il suo popolo. - Conoscere la storia di M o s è e i l v a l o r e dell Alleanza stipulata sul Sinai. - Apprendere la storia dei primi re d Israele e il significato religioso del tempio. I P a t r i a r c h i, uomini di fede degli Ebrei. Giuseppe, l uomo dei sogni nelle s u e a l t e r n e vicende, si fida di Dio e fa la sua volontà. L a f i g u r a d i Mosè: liberatore degli E b r e i e mediatore dell Antica Alleanza. I Re d Israele e il tempio come luogo d incontro tra Dio e l uomo. sa raccontare la s t o r i a d e i Patriarchi. sa dire che il popolo d Israele diventa un popolo monoteista. sa distinguere nella storia degli Ebrei il progetto di Dio per l uomo. sa distinguere la differenza tra le religioni monoteiste e politeiste. - Italiano: lettura e comprensione testi biblici - Storia: suddivisione c r o n o l o g i c a d e l t e m p o ( p r i m a e d o p o ) ; l e f o n t i storiche - Arte ed Immagine: disegni e cartelloni riassuntivi - Geografia: ricerca n e l l a t l a n t e d e i luoghi citati nei vari testi 12

13 UNITÀ DI APPRENDIMENTO 3:PASQUA EBRAICA E PASQUA CRISTIANA ASCOLTARE, LEGGERE E SAPER RIFERIRE C I R C A A L C U N E P A G I N E B I B L I C H E FONDAMENTALI, TRA CUI LE VICENDE E LE FIGURE PRINCIPALI DEL POPOLO D ISRAELE, E D E P I S O D I C H I A V E D E I R A C C O N T I EVANGELICI. L' ALUNNO RICONOSCE CHE LA BIBBIA E' IL LIBRO SACRO PER CRISTIANI ED EBREI; E' DOCUMENTO FONDAMENTALE DELLA CULTURA EUROPEA, SAPENDOLA DISTINGUERE DA ALTRE TIPOLOGIE DI TESTI. RICONOSCE IL SIGNIFICATO CRISTIANO DELLA PASQUA. - Conoscere le origini della Pasqua ebraica e confrontarle con l evento pasquale cristiano cogliendone similitudini e diversità. L o r i g i n e d e l l a Pasqua ebraica. L o r i g i n e d e l l a Pasqua cristiana. Pasqua ebraica e c r i s t i a n a a confronto. conosce le origini della Pasqua ebraica e cristiana. sa cogliere analogie e differenze tra la Pasqua ebraica e la Pasqua cristiana. - Italiano: comprensione mess aggi o rali e scritti. - Storia: gli elementi di costruzione di una memoria comune tra persone diverse. - Musica: c a n t i popolari ebraici. - Arte ed Immagine: lavoretti pasquali. - M o t o r i a : danze ebraiche. - E d u c a z i o n e a l l a cittadinanza: incontro di culture e d i e s p e r i e n z e diverse. 13

14 CLASSE QUARTA MOTIVO CONDUTTORE ANNUALE (RIFLESSIONI EDUCATIVE): CONOSCERE LA FIGURA DI GESU' NEL SUO CONTESTO STORICO, SOCIALE, POLITICO E RELIGIOSO. UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1:L INCONTRO TRA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUAGGIO RELIGIOSO RICONOSCERE I LINGUAGGI ESPRESSIVI DELLA FEDE NELLE DIVERSE RELIGIONI POLITEISTE DELL ANTICHITA'. I VALORI ETICI E RELIGIOSI SCOPRIRE LA RISPOSTA DELLA BIBBIA ALLE D O M A N D E D I S E N S O D E L L U O M O E C O N F R O N T A R L A C O N Q U E L L A D E L L E PRINCIPALI RELIGIONI ANTICHE. L alunno riconosce che la Bibbia è il libro sacro per cristiani ed ebrei e documento fondamentale dalla nostra cultura, sapendola distinguere da altre tipologie di testi tra cui quelli di altre religioni. OBIETTIVI - Comprendere alcuni elementi c a r a t t e r i z z a n t i l e d i v e r s e r e l i g i o n i politeiste dell antichità. La religione di a l c u n i p o p o l i dell antichità (divinità, luoghi d i c u l t o, tradizioni e riti) Religioni p o l i t e i s t e e monoteiste. sa che l uomo si i n t e r r o g a n o s u l significato della vita umana. s a r i f e r i r e l e caratteristiche principali di alcune religioni dell antichità. Conosce l origine, lo s v i l u p p o e l a s t r u t t u r a d e l documento biblico. sa distinguere la differenza tra le religioni monoteiste e politeiste - Italiano: lettura di alcuni miti. Storia: luoghi di culto e divinità delle civiltà antiche. - Geografica: ricerca n e l l a c a r t i n a d i luoghi delle civiltà antiche. - Arte e Immagine: lavori sui luoghi di culto. 14

15 UNITÀ DI APPRENDIMENTO 2: GESÙ: LA SUA GENTE E LA SUA TERRA SAPERE CHE PER LA RELIGIONE CRISTIANA GESÙ È IL SIGNORE, CHE RIVELA ALL UOMO IL REGNO DI DIO CON PAROLE E AZIONI. LEGGERE DIRETTAMENTE PAGINE BIBLICHE ED EVANGELICHE, RICONOSCENDONE IL GENERE LETTERARIO E INDIVIDUANDONE IL MESSAGGIO PRINCIPALE. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO INDIVIDUARE SIGNIFICATIVE ESPRESSIONI D ARTE CRISTIANA (A PARTIRE DA QUELLE PRESENTI NEL TERRITORIO) PER RILEVARE COME LA FEDE SIA STATA INTERPRETATA E COMUNICATA DAGLI ARTISTI NEL CORSO DEI SECOLI. L'ALUNNO RIFLETTE SUI DATI FONDAMENTALI DELLA VITA DI GESU' E SA COLLEGARE I PRINCIPALI DEL SUO INSEGNAMENTO ALLE TRADIZIONI DELL'AMBIENTE IN CUI VIVE. - Conoscere i luoghi e gli ambienti in cui si è s v i l u p p a t o i l messaggio di Gesù - Individuare i gruppi sociali e religiosi pr esenti n ella Palestina del tempo ai quali si rivolgeva l annuncio evangelico. - C o n o s c e r e i l messaggio di Gesù a t t r a v e r s o l e parabole e i suoi gesti significativi. La Palestina al tempo di Gesù d a l p u n t o d i vista geografico, storico, politico, s o c i a l e e religioso. Alcuni esempi di p a r a b o l e e miracoli. sa riferire alcune caratteristiche storiche, g e o g r a f i c h e e p o l i t i c h e d e l l a Palestina al tempo di Gesù; conosce il messaggio di Gesù attraverso alcune parabole e miracoli; s a i n t e r p r e t a r e alcune opere d arte che rappresentano l insegnamento di Gesù. - Arte ed Immagine: parabole e miracoli nell arte. - Storia e Geografia: ambientazione e luoghi geografici citati nei Vangeli. - Italiano: il linguaggio parabolico. 15

16 UNITÀ DI APPRENDIMENTO 3: LE DONNE AL TEMPO DI GESÙ IDENTIFICARE I PRINCIPALI CODICI DELL ICONOGRAFIA CRISTIANA. SAPER ATTINGERE INFORMAZIONI SULLA RELIGIONE CATTOLICA ANCHE NELLA VITA DI SANTI E IN MARIA, LA MADRE DI GESÙ. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO INDIVIDUARE SIGNIFICATIVE ESPRESSIONI D ARTE CRISTIANA (A PARTIRE DA QUELLE PRESENTI NEL TERRITORIO), PER RILEVARE COME LA FEDE SIA STATA INTERPRETATA E COMUNICATA DAGLI ARTISTI NEL CORSO DEI SECOLI. L alunno riconosce che la Bibbia è il libro sacro per cristiani ed ebrei e documento fondamentale dalla nostra cultura cogliendone la specificità di alcune figure femminili. - Conoscere la storia di alcune importanti donne della Bibbia. - A p p r o f o n d i r e l a conoscenza della figura e dell opera di Maria. - C o m p r e n d e r e i l v a l o r e c r i s t i a n o delle icone mariane interpretandone la simbologia pittorica. Donne protagoniste d e l l a s t o r i a della Salvezza. M a r i a n e i Vangeli. L iconografia mariana. sa che la donna è pienamente partecipe alla realizzazione della storia della salvezza fin dalla creazione. sa che, per i cristiani, Maria rappresenta il modello di vita cristiana. sa riconoscere la simbologia dell icona. - Informatica: usare internet per ricercare immagini di opere d arte - Arte ed Immagine:usare tecniche graficopittoriche a fini espressivi 16

17 UNITÀ DI APPRENDIMENTO 4: GESU' VERO DIO E VERO UOMO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SAPERE CHE NELLA RELIGIONE CRISTIANA GES U' E' I L SALVATO RE CHE R IVELA ALL UOMO IL VOLTO DEL PADRE E ANNUNCIA IL REGNO DI DIO CON PAROLE E AZIONI. RICOSTRUIRE LE TAPPE FONDAMENTALI D E L L A V I T A D I GESU' NEL CONTESTO STORICO, SOCIALE, POLITICO E RELIGIOSO A PARTIRE DAI VANGELI. L' ALUNNO RICONOSCE IL SIGNIFICATO CRISTIANO DEL NATALE E DELLA PASQUA TRAENDONE MOTIVO PER INTERROGARSI SUL VALORE DI TALE FESTIVITA' NELL'ESPERIENZA PERSONALE, FAMILIARE E SOCIALE. IDENTIFICA LE CARATTERISTICHE ESSENZIALI DI UN BRANO BIBLICO,SA FARSI ACCOMPAGNARE NELL'ANALISI DELLE PAGINE A LUI PIU' ACCESSIBILI PER COLLEGARLE ALLA PROPRIA ESISTENZA. OBIETTIVI - Comprendere la verità d e l R e g n o d i D i o, comunicata da Gesù a t t r a v e r s o d e l l e parabole. - Conoscere l identità storica di Gesù che per i cristiani è il figlio di Dio fatto uomo. -Cogliere il significato cristiano del Natale e della Pasqua. - Conoscere Gesù di N a z a r e t c o m e compimento della storia della salvezza. L e p r o f e z i e messianiche. G e s ù d i Nazareth: le parabole evangeliche del regno. I c r i s t i a n i costruttori del regno. Sviluppa re la consapevolezza che l annuncio d e l R e g n o è r i v o l t o a g l i uomini di ogni tempo. Conosce l identità storica di Gesù che per i cristiani è il figlio di Dio fatto uomo. Conosce Gesù di N a z a r e t h c o m e compimento della s t o r i a d e l l a salvezza. Coglie il significato cristiano del Natale e della Pasqua. - Italiano: lettura di alcune figure storiche. - Sto ria: lettura di a l c u n e f o n t i storiche. - Geografica: ricerca n e l l a c a r t i n a l a Palestina. - Arte e Immagine: lettura di immagine. 17

18 CLASSE QUINTAMOTIVO CONDUTTORE ANNUALE (RIFLESSIONI EDUCATIVE): L ESPERIENZA DEI RAPPORTI UMANI APRE ALLA CONOSCENZA E AL RISPETTO DELLE DIVERSE VISIONI DELLA VITA E RENDE CONSAPEVOLI DEI DIRITTI E DOVERI NECESSARI PER LO SVILUPPO DI UN MONDO PIÙ UMANO. UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1: LA CHIESA SI DIFFONDE CONOSCERE LE ORIGINI E LO SVILUPPO DEL CRISTIANESIMO. IDENTIFICARE I PRINCIPALI CODICI DELL ICONOGRAFIA CRISTIANA. SAPER ATTINGERE INFORMAZIONI SULLA RELIGIONE CATTOLICA ANCHE NELLA VITA DI ALCUNI TESTIMONI CRISTIANI. I VALORI ETICI E RELIGIOSI RICONOSCERE N ELLA V ITA E NEGLI INSEGNAMENTI DI GESÙ PROPOSTE DI SCELTE RESPONSABILI, ANCHE PER UN PERSONALE PROGETTO DI VITA L alunno si confronta con l esperienza religiosa e distingue la specificità della proposta di salvezza del cristianesimo. Identifica nella chiesa la comunità di coloro che credono in Gesù Cristo e si impegnano per mettere in pratica il suo insegnamento. - S c o p r i r e c h e l immagine della Chiesa primitiva descrive per i cristiani il traguardo che tutti gli uomini sono chiamati a raggiungere. - Conoscere la storia dei primi secoli del cristianesimo attraverso le fonti storiche, artistiche e simboliche Avvenimenti s t o r i c i c h e portano all affermazione d e l c r e d o cristiano. La storia dei primi secoli del cristianesimo. conosce la nascita delle prime comunità apostoliche e scopre attraverso le figure di Pietro e Paolo come il messaggio di Gesù si sia diffuso fino ai confini della Terra; riconosce nella libertà religiosa un diritto inalienabile. - Storia:interpretazi one dei simboli paleocristiani, lettura ed analisi dei testi normativi - Italiano: conversazioni guidate, lettura e analisi di brani evangelici, produzioni di elaborati - Arte ed Immagine:attività grafiche pittoriche, lettura di immagini artistiche 18

19 UNITÀ DI APPRENDIMENTO 2: ALCUNI FRUTTI DEL CRISTIANESIM CONOSCERE LE ORIGINI E LO SVILUPPO DEL CRISTIANESIMO E INDIVIDUARE I TRATTI ESSENZIALI DELLA CHIESA E DELLA SUA MISSIONE. I VALORI ETICI E RELIGIOSI RICONOSCERE CHE LA VITA CRISTIANA SI FONDA SUL COMANDAMENTO DELL AMORE DI DIO E DEL PROSSIMO COME INSEGNATO DA GESÙ. RICONOSCERE L IMPEGNO DELLA COMUNITÀ CRISTIANA NEL PORRE ALLA BASE DELLA CONVIVENZA UMANA LA GIUSTIZIA E LA CARITÀ. L alunno si confronta con l esperienza religiosa e distingue la specificità della proposta di salvezza del cristianesimo. Identifica nella chiesa la comunità di coloro che credono in Gesù Cristo e si impegnano per mettere in pratica il suo insegnamento. - A c q u i s i r e consapevolezza delle r a d i c i s t o r i c h e, spirituali, artistiche che hanno contribuito alla formazione dell identità dell Italia e dell Europa - Conoscere l originalità dell esperienza monastica, principio di fermenti culturali e r e l i g i o s i t u t t o r a presenti nel tessuto sociale. L apporto che la chiesa ha dato alla società e alla vita di ogni persona con la diffusione del Vangelo. L identità dell Italia e dell Europa come seguito di espressioni storiche, spirituali e artistiche. Il monachesimo come fenomeno che ha segnato il cammino della Chiesa. sa riconoscere le r a d i c i s t o r i c h e, s p i r i t u a l i e d a r t i s t i c h e c h e testimoniano l identità dell Italia e dell Europa; i d e n t i f i c a n e l m o n a c h e s i m o u n movimento ricco di avvenimenti, persone e strutture. - Sto ria: storia del monachesimo, r i f l e s s i o n i s u l l a f i g u r a d i S a n Benedetto. - Italiano:conversazi one guidata, schede strutturate - Arte ed immagine: o s s e r v a z i o n i d i d i p i n t i, a t t i v i t à grafico pittorica e decorativa 19

20 UNITÀ DI APPRENDIMENTO 3: LA CHIESA NEL TEMPO RICONOSCERE AVVENIMENTI, PERSONE E STRUTTURE FONDAMENTALI DELLA CHIESA CATTOLICA E METTERLI A CONFRONTO CON Q U EL L I D E L L E A L T R E C O N F E S S I O N I CRISTIANE. L alunno si confronta con l esperienza religiosa e distingue la specificità della proposta di salvezza del cristianesimo. Identifica nella chiesa la comunità di coloro che credono in Gesù Cristo e si impegnano per mettere in pratica il suo insegnamento. L alunno riconosce che la Bibbia è il libro sacro per cristiani ed ebrei e documento fondamentale dalla nostra cultura. - Prendere coscienza delle divisioni presenti all interno della Chiesa cristiana e della sua chiamata all unità. - A s s u m e r e u n atteggiamento responsabile e positivo con gli altri di rispetto, tolleranza, cooperazione e solidarietà. La Chiesa ortodossa (le icone) La Chiesa protestante La chiesa anglicana L Ecumenismo L a c o m u n i t à come dono da coltivare e da far crescere in rispetto, tolleranza, cooperazione e solidarietà sa quali sono le caratteristiche principali delle diverse confessioni cristiane conosce il movimento di dialogo delle confessioni cristiane: l Ecumenismo sa che la comunità è luogo di rispetto, tolleranza, cooperazione e solidarietà. - Arte ed Immagine: realizzazione di una icona. - S t o r i a : Impero romano d oriente e d occidente. - Informatica: r i c e r c a s u l l a comunità di Bose. 20

21 UNITÀ DI APPRENDIMENTO 4: RELIGIONI DEL MONDO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCERE LE ORIGINI E LO SVILUPPO DEL CRISTIANESIMO E DELLE ALTRE RELIGIONI I N D I V I D U A N D O G L I A S P E T T I PIÙ I M P O R T A N T I D E L D I A O L O G O INTERRELIGIOSO. I VALORI ETICI E RELIGIOSI SCOPRIRE LA RISPOSTA DELLA BIBBIA ALLE D O M A N D E D I S E N S O D E L L U O M O E CONFRONTARLA CON QUELLA DELLE ALTRE PRINCIPALI RELIGIONI. L alunno riconosce che la Bibbia è il libro sacro per cristiani ed ebrei e documento fondamentale dalla nostra cultura, sapendola distinguere da altre tipologie di testi, tra cui quelli di altre religioni. Si confronta con l esperienza religiosa e distingue la specificità della proposta della salvezza del cristianesimo. OBIETTIVI - F a r e e s p e r i e n z a, attraverso relazioni personali e di gruppo, dei valori universali che dovrebbero appartenere a qualsiasi e t n i a o r e l i g i o n e : d i a l o g o, r i s p e t t o, ascolto, condivisione, amicizia e pace. - Guidare al rispetto e alla conoscenza di ogni forma religiosa intesa come espressione della libertà umana che cerca nella trascendenza il fine ultimo della propria vita. - Conoscere le linee principali delle religioni n e l m o n d o ; s a p e r c o n f r o n t a r e i l cristianesimo con le altre religioni. Valori comuni delle diverse religioni del mondo. Rispetto della libertà umana alla ricerca del trascendente. Normativa sui diritti alla libertà religiosa. I principali segni religiosi espressi dai diversi popoli. s a m a t u r a r e atteggiamenti di dialogo, rispetto, ascolto, condivisione e amicizia per una convivenza pacifica; sa che ogni individuo ha il diritto alla libertà religiosa che l o t u t e l a n e l l e proprie scelte di vita; sa riconoscere i fondamenti p r i n c i p a l i d e l l e religioni. - S t o r i a : narrazioni storiche, conversazioni g u i d a t e, s c h e d e strutturate - C i t t a d i n a n z a e Costituzione: conoscere regole e f o r m e d e l l a convivenza civile - Geografia: zone del mondo in cui sono diffuse le religioni - Arte ed immagine: attività grafiche e manipolative, lettura di immagini 21

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE

CURRICOLO DI RELIGIONE CLASSE 1^ L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive; Scoprire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 Le insegnanti Ferraris Paola Lupo Rosalia Merino Alessia RELIGIONE CLASSE PRIMA

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s.

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s. Classi 1^B-1^C- 2^A-2^B- 3^A-3^B- 4^A-4^B-4^C-5^A-5^B Insegnante Londino Irene Natura e finalità dell insegnamento della religione cattolica L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª 1 ª UA - Dio Creatore e amico 1 Bim. Ott-Nov Scoprire che per la religione cristiana Dio è

Dettagli

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC A.S. 2008-2009 IRC (Insegnamento della Religione Cattolica) PREMESSA Il percorso didattico

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA SCOPRIRE CHE PER LA RELIGIONE CRISTIANA DIO E' CREATORE E PADRE E CHE FIN DALLE ORIGINI HA VOLUTO STABILIRE UN'ALLEANZA CON L'UOMO CONOSCERE GESU' DI NAZARETH, EMMANUELE E MESSIA, CROCIFISSO

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità Unione Europea Fondo Social Europeo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Distretto Scolastico N 15 Istituto Comprensivo III V.Negroni Via

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA PER LA SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA PER LA SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA PER LA SCUOLA PRIMARIA DI RELIGIONE CATTOLICA Tenuto conto dei traguardi per lo sviluppo delle competenze e degli obiettivi di apprendimento al termine

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE L insegnamento della Religione Cattolica non si può ridurre ad una semplice

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO SCIASCIA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO SCIASCIA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO SCIASCIA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE L insegnamento della Religione Cattolica non si può ridurre ad una

Dettagli

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA COGLIERE I VALORI ETICI E RELIGIOSI PRESENTI NELL ESPERIENZA DI VITA E RELIGIOSA DELL UOMO - Prendere coscienza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO INSEGNANTI : GIAPPECHINI STEFANIA, DI MURRO MARTA CLASSE PRIMA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA. Campi di esperienza IL SE E L ALTRO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA Traguardi per lo sviluppo delle Obiettivi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA ***********

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** Classe Prima 1. Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. 2. Gesù di Nazareth, l Emmanuele, Dio con noi. 3. La Chiesa,

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino

PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino Docenti : STRANIERI Adriana... OCCHIUTO Letizia... CONSOLI Francesca... ASSANTE Rosy... MENGONI

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO N 4 PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA. Classi: 1-2 - 3-4 - 5 PRESENTAZIONE

GRUPPO DI LAVORO N 4 PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA. Classi: 1-2 - 3-4 - 5 PRESENTAZIONE GRUPPO DI LAVORO N 4 PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Classi: - 2-3 - 4-5 PRESENTAZIONE Il gruppo di lavoro n 4 ha elaborato il seguente modello di progettazione di

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME OBIETTIVI: Scoprire che per la religione cristiana

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ASIGLIANO VERCELLESE Scuola primaria Antonelli VIA VEZZOLANO, 20 - TORINO Anno scolastico 2009/2010 RELIGIONE CATTOLICA classe 1^ Scoprire la grandezza dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani.

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani. RELIGIONE CATTOLICA Classi 1 che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l'uomo Identità personale relazione con l'altro: la famiglia, gli amici, la scuola, il mondo. Racconto biblico della

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù.

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù. RELIGIONE CATTOLICA CLASSE I U A OBIETTIVI GENERALI OBIETTIVI SPECIFICI CONTENUTI/ ATTIVIT À COMPETENZE PERIODO UA n 1 Unici e speciali Cogliere la diversità tra compagni ed amici come valore e ricchezza.

Dettagli

MODELLO SCHEMATICO DI PROGRAMMAZIONE PER L IRC SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA

MODELLO SCHEMATICO DI PROGRAMMAZIONE PER L IRC SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA ARGOMENTO CONTENUTI ESSENZIALI PERIODO ORE PREVISTE Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Gesù di Nazaret, l Emmanuele Dio con noi La Chiesa, comunità dei cristiani aperta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I. C.

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I. C. MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I. C. Via D Avarna RMIC8FY006 - Distretto 24 - Via D Avarna 9/11 00151 Roma - C.F. 97714020589 Tel. /

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. Diaz CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO L insegnamento della Religione Cattolica si colloca nel

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C.S. VITTORINO DA FELTRE 62 Circolo didattico NAPOLI PIANO DI LAVORO ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Le Insegnanti Sasso Silvana Colucci Anna ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PREMESSA Una scuola ideale, che

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti A. IL SE E L ALTRO: Scopre nel Vangelo la

Dettagli

I traguardi per lo sviluppo delle competenze e gli obiettivi di apprendimento dell IRC nella Scuola Primaria + Il Curricolo Disciplinare

I traguardi per lo sviluppo delle competenze e gli obiettivi di apprendimento dell IRC nella Scuola Primaria + Il Curricolo Disciplinare SUSSIDIO DIDATTICO I traguardi per lo sviluppo delle competenze e gli obiettivi di apprendimento dell IRC nella Scuola Primaria + Il Curricolo Disciplinare Anno Scolastico 2010-2011 INDICE 3 Obiettivi

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

scuola dell infanzia di Vado

scuola dell infanzia di Vado ISTITUTO COMPRENSIVO DI VADO-MONZUNO (BO) scuola dell infanzia di Vado PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI IRC sezione (5 anni) anno scolastico 2014/2015 ins: Formicola Luigi UNITA DIDATTICA 1 Alla scoperta del

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno riflette su Dio Padre e si confronta con l esperienza religiosa. Cogliere nel proprio nome un mondo di potenzialità, dono di Dio Padre. Prendere coscienza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA a.s 2014/2015 classe 3 DISCIPLINA : Religione Cattolica

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA a.s 2014/2015 classe 3 DISCIPLINA : Religione Cattolica PROGRAMMAZIONE DIDATTICA a.s 2014/2015 classe 3 DISCIPLINA : Religione Cattolica Obiettivi formativi Obiettivi specifici Attività Metodi Verifiche Riflessione guidata. Dio e l uomo operative.. 1. Comprendere

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.Galilei www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE : 5 anni SCUOLA INFANZIA Consapevolezza ed espressione culturale / imparare a imparare.

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA 1 ANNO SCOLASTICO 2009/2010 L educazione religiosa nella scuola dell infanzia concorre alla formazione integrale del bambino, promovendo la maturazione

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Dio e l uomo Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre.

Dio e l uomo Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre. Classe I Unità di Apprendimento I Tanti nuovi amici Traguardi per la sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre.

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA 1. Scoprire nei segni dell ambiente la presenza di Dio Creatore e Padre 2. Conoscere Gesù nei suoi aspetti quotidiani, familiari, sociali e religiosi 3. Cogliere i segni

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA. Classi: 1-2 - 3-4 - 5 INTRODUZIONE

PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA. Classi: 1-2 - 3-4 - 5 INTRODUZIONE PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Classi: 1-2 - 3-4 - 5 PRESENTAZIONE Il gruppo di lavoro ha elaborato il seguente modello di progettazione di Religione Cattolica per

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PLESSO: PANTANO CLASSI: 1ª 2ª 4ª 5ª PLESSO: ORSOMARSO CLASSI: 1ª 2ª 5ª DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

Programmazione didattica per l insegnamento della religione cattolica (Scuola Primaria)

Programmazione didattica per l insegnamento della religione cattolica (Scuola Primaria) Premessa L I.R.C. si inserisce nel progetto educativo-didattico della scuola come disciplina cha valorizza l aspetto storico-culturale della religione cattolica e non come una catechesi, pertanto rientra

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 - UN MONDO AMICO - TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI OPERATIVI CONTENUTI

Dettagli

Ist. Comprensivo Varallo Curricolo di religione cattolica per la scuola Primaria

Ist. Comprensivo Varallo Curricolo di religione cattolica per la scuola Primaria Scuola Primaria classe prima Ist. Comprensivo Varallo Curricolo di religione cattolica per la scuola Primaria Competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti di apprendimento Metodologie Modalità ed elementi

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA per la Scuola Primaria

RELIGIONE CATTOLICA per la Scuola Primaria di per la Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 Si precisa che la seguente programmazione didattica annuale è stata disposta sulla base della proposta CEI (Conferenza Episcopale Italiana) e successiva

Dettagli

Curricolo di Religione

Curricolo di Religione Istituto Comprensivo n. 4 di v. Guicciardini, 8 - Imola - Curricolo di Religione Scuola Primaria CLASSE 1 Scoprire nell ambiente i Osservazioni della natura. segni che richiamano ai cristiani e a tanti

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO CICLO D ISTRUZIONE

SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO CICLO D ISTRUZIONE APPENDICE: INTEGRAZIONI ALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA RELATIVE ALL INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (DPR 11 FEB- BRAIO 2010) SCUOLA DELL INFANZIA Le attività

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE A.S.2014-2015 CLASSI: 1-2-3-4-5 e DISCIPLINA: Religione Cattolica

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE A.S.2014-2015 CLASSI: 1-2-3-4-5 e DISCIPLINA: Religione Cattolica PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE A.S.2014-2015 CLASSI: 1-2-3-4-5 e DISCIPLINA: Religione Cattolica La seguente programmazione didattica annuale è stata disposta sulla base della proposta CEI (Conferenza

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

UNMARED ACCOGLIENZA IOEGLIALTRI. Obiettivi d apprendimento 1 LIVELLO. Attività Mezziestrumenti 2-3 LIVELLO. Unitàformativa.

UNMARED ACCOGLIENZA IOEGLIALTRI. Obiettivi d apprendimento 1 LIVELLO. Attività Mezziestrumenti 2-3 LIVELLO. Unitàformativa. IOEGLIALTRI Capacità di rapportarsi agli altri attraverso il gioco in atteggiamento positivo di accoglienza Il bambino si apre alla capacità di interazione con i coetanei, con le insegnanti e identifica

Dettagli

CURRICOLO DI COMPETENZE DI RELIGIONE

CURRICOLO DI COMPETENZE DI RELIGIONE CURRICOLO DI COMPETENZE DI RELIGIONE Competenze in uscita per la classe prima U.A. : Io con gli altri U.A. :Il mondo, dono di Dio. O.S.A. Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini (Conoscenza) O.S.A. Scoprire

Dettagli

CURRICOLO DALLA SCUOLA DELL INFANZIA ALLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO RELIGIONE

CURRICOLO DALLA SCUOLA DELL INFANZIA ALLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO RELIGIONE CURRICOLO DALLA SCUOLA DELL INFANZIA ALLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO RELIGIONE SCUOLA DELL INFANZIA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola dell Infanzia IL SE E L ALTRO IRC:

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SOLIMENA DE LORENZO NOCERA INFERIORE ANNO SCOLASTICO 2013 2014 PROGETTAZIONE CURRICOLARE DI RELIGIONE

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SOLIMENA DE LORENZO NOCERA INFERIORE ANNO SCOLASTICO 2013 2014 PROGETTAZIONE CURRICOLARE DI RELIGIONE SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SOLIMENA DE LORENZO NOCERA INFERIORE ANNO SCOLASTICO 2013 2014 PROGETTAZIONE CURRICOLARE DI RELIGIONE SEZIONE A COMPETENZA EUROPEA : Competenza sociale e civica ; Imparare

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: NATALE, NASCE LA LUCE DEL MONDO.

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: NATALE, NASCE LA LUCE DEL MONDO. PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Classe Seconda Disciplina/Macroarea/Camp o d esperienza BIAGIONI MARIA GRAZIA SANTI PAOLA G.GIUSTI DON MILANI Sezione RELIGIONE CATTOLICA Tavola di sintesi

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazio ne nella madre lingua COMPETENZE SPECIFICHE Conoscere il

Dettagli