Valutazione delle capacità di equilibrio in anziani dializzati e trapiantati renali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutazione delle capacità di equilibrio in anziani dializzati e trapiantati renali"

Transcript

1 Valutazione delle capacità di equilibrio in anziani dializzati e trapiantati renali Ario Federici 1, Grazia Mele 2, Manuela Valentini 2, Sergio Baldini 3, Cesare Bartolucci 1, Ivano Testa 4 1 Docente Facoltà di Scienze Motorie, Università Studi di Urbino Carlo Bo 2 Dottore in Scienze Motorie, Istituto di Ricerca Facoltà di Scienze Motorie Università Studi di Urbin 3 I.N.R.C.A. Ancona, Responsabile Nefrologia 4 Ordinario di Clinica Medica, Università Studi dell Aquila ABSTRACT Attività Motoria = Strumento di Salute per gli Anziani è la chiave di lettura di questo lavoro, che consiste in un indagine sperimentale di valutazione dell Equilibrio, e delle implicazioni di questo con l Andatura e l Autonomia, in anziani dializzati e trapiantati renali dell Ospedale I.N.R.C.A. di Ancona, U.O. Nefrologia e Dialisi. Operazione prioritaria, questa, per poter proporre un trattamento motorio mirato ad anziani con siffatte patologie e verificarne poi la ricaduta sullo stato di salute. L indagine ha evidenziato che buona parte di questi soggetti ha problemi per il mantenimento dell Equilibrio e di una postura corretta sia nei movimenti della quotidianità che in quelli specifici dell attività motoria. Oltre la metà è a rischio di caduta. Riteniamo importante rilevare che la prevenzione delle cadute può essere perseguita attraverso una rieducazione del senso dell Equilibrio e che quest ultima è possibile con un Attività Motoria mirata. Federici A, Mele G, Valentini M, Baldini S, Bartolucci C, Testa I Evaluation of balance in kidney-transplanted dialized and olden patients Ital J Sport Sci 2006: 13: "Motor Activity = Health s Tool for the Elderly" is the key of reading of this study, that centres on an experimentation of Balance Assessment, and of its implications with the Walking and the Autonomy, in dialyzed and kidney-transplanted elderly of Hospital I.N.R.C.A. of Ancona, U. O. Nephrology and Dialysis. A priority operation to propose a motor treatment for elderly with such pathologies and to verify then its effects on the "state of health." This experimentation has pointed out that many of these subjects have a deficit of balance and correct posture both in the movements of daily living and in the movements of motor activity. Most are at the risk of falling. We believe important to notice that "the falls prevention" can be pursued through "the re-education of the balance sense" and this is possible by an aimed Motor Activity. KEYWORDS: aging; balance; functional evaluation; kidney-transplantation INTRODUZIONE I. Invecchiamento e attività motoria L O.M.S. in Uses of Epidemiology in Aging del 1984 definisce la vecchiaia o senescenza come quel periodo di vita in cui la perdita delle funzioni mentali e/o fisiche diviene sempre più manifesta rispetto agli altri periodi della vita, e sceglie i 65 anni come età di riferimento. Ma l inizio della senescenza non può essere definito in termini biologici perché, contrariamente a quanto si ha nello sviluppo infantile, l involuzione senile è molto differenziata, dispersa nell arco di più decenni, e non permette perciò l individuazione di tappe cronologiche di riferimento. Nel definire il paradigma della vecchiaia sarebbe inoltre molto importante distinguere i danni dovuti alle malattie o allo stile di vita dai fenomeni propri dell invecchiamento; ma ciò è a tutt oggi un problema irrisolto. Grimley-Evans (1982) afferma che l invecchiamento normale non può essere né definito né misurato e che esiste una grande confusione sulla natura di alcune condizioni che la società e gli operatori chiamano per convenienza malattia. D altra parte, per gli anziani e le loro famiglie il sapere di avere una malattia, se non curabile, serve poco. Importa di più la capacità di continuare a gestirsi in maniera autonoma. Fra indice di mortalità e indice di morbilità, un altro indice è perciò di estremo inte- RASSEGNE E ARTICOLI VOL NUMERO

2 resse: l età d insorgenza della disabilità e la durata di questa prima della morte, cioè la speranza di vita attiva dell anziano. A questa speranza di vita attiva dà risposta l attività motoria. Molti studi hanno dimostrato gli effetti positivi dell esercizio fisico nell anziano, i più evidenti dei quali possono così riassumersi: - prevenzione dell osteoporosi; - prevenzione dell invecchiamento dei tessuti e degli organi vitali; - miglioramento della massima capacità aerobica; - riduzione dei rischi cardiovascolari; - aumento dell elasticità muscolare e della mobilità articolare; - miglioramento della funzione respiratoria; - aumento dell irrorazione sanguigna; - maggiore rapidità di contrazione e di rilassamento muscolare; - miglioramento del trofismo muscolare; - maggiore prontezza di riflessi; - miglioramento dell equilibrio e della coordinazione; - migliore funzionalità dei processi psicologici e cognitivi. Per contro, gli effetti negativi dell ipocinesia sono: - ipotrofia muscolare; - ipotrofia ossea; - aumento della frequenza del polso (a riposo e dopo esercizio); - aumento del consumo di O 2, del debito di questo e della lattacidemia; - deterioramento dei processi di aggiustamento della funzione cardiovascolare alla postura eretta; - scadimento del regime metabolico attraverso la negativizzazione del bilancio di bioelementi fondamentali come azoto, potassio, calcio, fosforo e zolfo; - disturbi psico-emotivi. Attorno alla metà del Novecento si è scoperto che molti anziani ricoverati in istituti potevano migliorare il loro livello di autosufficienza grazie a un semplice programma di esercizi motori. Si è anche osservato che l allettamento provocava una diminuzione del consumo di ossigeno e che questa poteva essere compensata con un adeguato programma di esercizi eseguibili a letto (Birkhead et al., 1964). L intervento teso a modificare gli effetti negativi della immobilizzazione fu definito con il termine riattivazione, che fu subito associato al concetto di geriatria (Antonini, 1973) in base all osservazione che molti aspetti legati all invecchiamento sono assimilabili a quelli prodotti dall inattività. In una rassegna sui mutamenti biologici dell invecchiamento Bortz (1980) ha poi dimostrato questa stretta somiglianza. Sulla base di alcuni dati sul consumo massimo di ossigeno (VO 2 66 max, riferibile alla capacità di compiere lavoro), che mostra un declino età-correlato dell 1% per anno, e di alcuni dati sugli effetti dell attività fisica ha calcolato che un programma di ricondizionamento all esercizio potrebbe recuperare un volume di VO2 max pari a quarant anni. II. Modificazioni morfo-funzionali nell anziano Con l invecchiamento, i vari organi e apparati fisici subiscono modificazioni morfo-funzionali di tipo involutivo/degenerativo. Focalizziamo l attenzione sui reni, poiché la nostra indagine si svolge in un Reparto di Nefrologia. È noto che la funzione principale dei reni consiste nel ripulire il plasma sanguigno da sostanze indesiderate (scarti del metabolismo azotato, solfati, fenoli). Inoltre essi intervengono nella regolazione della quantità di acqua ed elettroliti presenti nell organismo modificando, a seconda della necessità, la composizione delle urine. La massa dei reni decresce velocemente a partire dai 50 anni d età, con obliterazione dei glomeruli, riduzione del numero delle anse capillari glomerulari e progressiva cancellazione di intere unità nefroniche, con conseguente diminuzione delle capacità di questi organi. Nell ambito della patologia del rene, pesa molto l insufficienza renale. Essa determina uremia, ritenzione azotata che si ripercuote sul metabolismo dell acqua e degli elettroliti, spesso ipertensione arteriosa e decalcificazioni scheletriche, fino al coma uremico. Quando i sintomi clinici sono molto gravi, l unico mezzo capace di correggerli è la dialisi. Oggi l insufficienza renale grave può essere trattata con successo con il trapianto del rene. III. L equilibrio In una riflessione globale sulle modificazioni biofunzionali nell anziano, un attenzione particolare merita l equilibrio, capacità coordinativa speciale del nostro corpo strettamente collegata all efficienza del Sistema Nervoso Centrale ed a quella degli analizzatori (estero e propriocettori) recettori del sistema sensoriale. Con l invecchiamento la riduzione progressiva delle cellule del tronco encefalico e del cervelletto, la diminuzione della funzione dei propriocettori nelle articolazioni e nei muscoli oculari, le alterazioni degenerative del sacculo e dell otricolo nell orecchio interno e l ipostenia muscolare limitano la capacità della persona di controllare i movimenti del corpo, compresi i movimenti correttivi necessari quando il centro di gravità viene spostato da qualche forza esterna. Si instaura perciò un deficit dell equilibrio. Questo aumenta il rischio di caduta. ITALIAN JOURNAL of SPORT SCIENCES

3 Ogni anno un terzo degli anziani che vivono a casa cade (Perry, 1982) e la prevalenza delle cadute diviene molto più alta nei soggetti residenti in istituti (Rubenstein et al., 1988). La caduta provoca spesso la frattura del collo del femore, l immobilizzazione a letto e la morte precoce (Poor, Jacobsen e Melton, 1994). La prevenzione delle cadute potrà essere perseguita attraverso una rieducazione del senso dell equilibrio. Questa sarà ottenuta con un attività motoria mirata. IV. La misura dello stato di salute nell anziano Gli studi epidemiologici hanno evidenziato che un approccio biomedico ai problemi della salute degli anziani è di scarsa utilità. Già nel 1959 l OMS affermava che questa era meglio misurata in termini di funzione. Nel 1984 l OMS ha proposto come criterio di misura dello stato di salute degli anziani la perdita di autonomia, criterio ritenuto più adeguato rispetto alla diagnosi clinica se si assume come obiettivo di riferimento la qualità della vita e non solo il suo prolungamento. La capacità funzionale è generalmente misurata come capacità a compiere le attività della vita quotidiana (ADL = Activities of Daily Living), ovvero un insieme di attività necessarie per la cura personale e per una vita indipendente a livello domiciliare. Ma valutare solo gli indici di ADL appare restrittivo; Grimley-Evans (1984) ha suggerito che l autonomia va valutata in termini di misura della capacità di raggiungere obiettivi culturalmente appropriati. Perciò viene estesa la misura della capacità funzionale ad attività più complesse, le cosiddette attività strumentali della vita quotidiana (IADL = Istrumental Activities of Daily Living), in cui le variabili significative comprendono l insieme delle attività umane. Molti studi hanno dimostrato l efficacia di questi parametri nell identificazione di soggetti a rischio di disabilità o di mortalità a medio o breve termine. Ciò nonostante molti autori hanno segnalato i limiti metodologici delle IADL suggerendo che una buona valutazione dello stato funzionale richieda test che valutino in modo oggettivo una performance fisica (Guralnik et al., 1989). In questi casi la valutazione viene effettuata mediante l osservazione diretta, utilizzando criteri predeterminati che includono la ripetizione delle prove e la misura dell adeguatezza del tempo impiegato a effettuarle. Negli ultimi anni sono apparsi in letteratura numerosi strumenti di valutazione. La misura dello stato di salute dell anziano attraverso i test di valutazione funzionale è oggi uno strumento importante di diagnosi che si colloca utilmente accanto ai classici accertamenti clinici per poter approntare un piano d intervento, non medicalizzato, mirato a gestire al meglio le risorse residue dell anziano, migliorandone alcune funzioni o capacità. L INDAGINE PRESSO L OSPEDALE I.N.R.C.A. DI ANCONA Alla luce di quanto sopra, con l ausilio dei test di valutazione funzionale abbiamo misurato lo stato di salute di un gruppo di anziani ospiti dell Ospedale I.N.R.C.A. di Ancona, U.O. di Nefrologia e Dialisi, in termini di equilibrio, andatura e autonomia, come operazione basilare per la proposta ai medesimi di un Programma di esercizi motori personalizzato, con riguardo ai tipi di patologie che essi presentavano, per migliorarne la qualità della vita. I. Obiettivi Generali 1 aiutare a ritardare il processo d invecchiamento; 2 porre gli anziani nella condizione più adeguata per gestire i propri problemi di salute; 3 promuovere un modo nuovo di vivere la terza età; Obiettivi Specifici 1 l uso dei test di valutazione dell equilibrio e dell autonomia; 2 la misura, mediante i test, dello stato di salute in anziani dializzati e trapiantati renali, intesa al miglioramento della qualità della vita in esito a trattamento motorio mirato; 3 la prevenzione delle cadute attraverso il miglioramento dell equilibrio. II. Il Campione Il gruppo analizzato è costituito da 24 anziani così suddivisi: - un gruppo campione di 12 soggetti, 10 uomini e 2 donne, età dai 57 ai 72 anni (eccetto un caso di 91 anni), che si sottopongono a trattamento dialitico extracorporeo cronico; - un gruppo di controllo di 12 soggetti, 6 uomini e 6 donne, età dai 49 ai 73 anni, che hanno subito trapianto renale, considerati sani. Età media: 63 anni. I soggetti sono stati selezionati sulla base di dati clinici valutati dal dott. S. Baldini, responsabile del Reparto Nefrologia dell Ospedale di Ancona, e della libera adesione personale di ciascuno. III. Materiali Sono stati utilizzati: - SCHEDA DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE B.I.N.A. strumento di valutazione scientifica (la sigla significa Breve Indice sulla Non Autosufficienza) che consente una serie di misurazioni funzionali degli anziani. Utile non solo per conoscere i li- VOL NUMERO

4 68 velli di autonomia funzionali ma anche per individuare il programma specifico d intervento. - TEST DI VALUTAZIONE DELL EQUILIBRIO E DEL- L ANDATURA ROMBERG TEST: prova molto nota in letteratura per rilevare i disturbi dell equilibrio. Un soggetto affetto da lesione labirintica posto sull attenti riesce a mantenere l equilibrio ad occhi aperti, mentre tende a cadere se li chiude. Con una più grave lesione propriocettiva o vestibolare, o con una lesione cerebellare causante instabilità del tronco, egli non è in grado di mantenere la posizione perfino con gli occhi aperti. TEST DI ROMBERG MODIFICATO (BALANCE ASSES- SMENT): l anziano assume diverse posizioni da in piedi, prima ad occhi aperti poi ad occhi chiusi. Durante ogni movimento è osservata la stabilità e si chiede al paziente: Ti senti stabile?. Una leggera spinta allo sterno aiuta a verificare il riflesso allo spostamento. Ciò permette una stima dell equilibrio e può evidenziare i fattori causa dell instabilità (problemi ai piedi, osteoartriti, debolezza muscolare, neuropatie periferiche). Le posizioni di partenza dei piedi sono: - piedi confortevolmente separati; - piedi uniti; - piedi leggermente uno avanti l altro (tallone di uno - collo del piede dell altro); - piedi uno davanti l altro (tallone di uno - avampiede dell altro). GET-UP AND GO TEST (Author: S. Mathias, U.S.L. Nayak, B. Isaacs ): sviluppato per essere una soddisfacente misura clinica dell equilibrio in movimento negli anziani. Il test richiede di alzarsi da una sedia (a schienale dritto e alto, con braccioli) posta a tre metri da una parete, preferibilmente senza l uso dei braccioli, rimanere in piedi momentaneamente, quindi camminare verso la parete, girarsi su se stessi senza toccare la parete, ritornare alla posizione iniziale e risedersi. La funzione dell equilibrio è rappresentata su una scala di cinque punti: 1 equilibrio normale; 2 leggero disequilibrio; 3 medio disequilibrio; 4 equilibrio anormale; 5 equilibrio molto anormale. Il paziente con 3 o più punti è a rischio di caduta. TIMED GET-UP AND GO TEST (Author: D. Podsiadlo, S. Richardson ): versione modificata del Get-up and Go Test, perché cronometrato. Il che permette una serie di confronti. I soggetti sono cronometrati in secondi a partire dalla posizione seduta fino al ritorno alla stessa, dopo aver percorso i tre metri in andata e in ritorno. Chi impiega meno di 20 di solito è autonomo negli spostamenti di base, nel farsi il bagno, salire le scale ed uscire di casa da solo. Invece chi impiega 30 o più, necessita dell aiuto altrui per gli spostamenti di base; nessuno è in grado di uscire da solo. La performance è suddivisa in una scala da 1 a 5 in accordo con la percezione del rischio di caduta da parte dell osservatore. WALKING TEST: specifico per la valutazione dell andatura. Si osservano e si misurano le oscillazioni del soggetto nella deambulazione. Alcune anormalità di oscillazione vengono evidenziate come predittori di cadute ricorrenti: - insicuri o incompleti spostamenti; - barcollamenti nei giri; - passi piccoli e discontinui; - ritardi sconvenienti; - movimenti insicuri; - eccessive oscillazioni o flessioni del tronco. TEST DI TINETTI: di valutazione sia dell equilibrio sia dell andatura. L anziano è seduto su una sedia dura senza braccioli. Gli viene chiesto di alzarsi senza l aiuto delle braccia e camminare da un lato all altro della stanza. Vengono testate diverse manovre. Per l equilibrio: equilibrio da seduto; alzarsi dalla sedia; tentativo di alzarsi; equilibrio nella stazione eretta (primi 5 ); equilibrio nella stazione eretta prolungata; Romberg; Romberg sensibilizzato; girarsi di 360 ; sedersi. Per l andatura: inizio della deambulazione; lunghezza e altezza del passo; simmetria del passo; continuità del passo; traiettoria; tronco; cammino. Durante la valutazione dell andatura si possono usare gli usuali sussidi (bastone, girello, ecc.). Il punteggio totale si calcola con la somma dei punti dei singoli test di equilibrio e andatura. Un punteggio inferiore a 19/28 indica elevato rischio di caduta. - TEST DI VALUTAZIONE DELL AUTONOMIA: le Scale universalmente riconosciute A.D.L. e I.A.D.L., che si basano sull individuazione di abilità assenti o presenti in tutto o in parte. Per le A.D.L. si valutano: fare il bagno (vasca, doccia, spugnature); vestirsi (prendere vestiti da armadio o cassetti, indossare biancheria intima e vestiti, usare bretelle e allacciature); toilette (andare in bagno per la minzione o l evacuazione, pulirsi, rivestirsi); spostarsi; continenza feci e urine; alimentazione. Per le I.A.D.L.: abilità a usare il telefono; fare la spesa; preparare i pasti; cura della casa; fare il bucato; spostamenti fuori casa; assunzione dei propri farmaci; uso del proprio denaro. Sono stati altresì utilizzati: ITALIAN JOURNAL of SPORT SCIENCES

5 - TABELLE di rilevamento dati: dove in ordinata sono riportati i nomi dei pazienti (in codice, per ragioni di privacy) ed in ascissa i punteggi totalizzati da ciascuno in sede di misurazione. - GRAFICI di elaborazione dati. IV. Protocollo di lavoro Il lavoro è stato impostato valutando preventivamente la condizione psicofisica di ciascun anziano e relative patologie (anamnesi). Si è iniziato perciò con la compilazione della scheda B.I.N.A., in cui sono stati registrati i dati anagrafici del paziente, le principali patologie e il tipo di terapia cui è sottoposto. Dopo di ciò si è proceduto alla valutazione dello stato funzionale attraverso la somministrazione dei test di valutazione dell equilibrio e dell andatura e le Scale di misurazione dell Autonomia A.D.L. e I.A.D.L.. I test sono stati scelti fra i più noti e validati per il possesso dei requisiti richiesti per essere considerati strumenti di valutazione appropriati, e cioè: oggettività, fedeltà, sensibilità, scientificità, attendibilità. Di ogni test sono state eseguite tre ripetizioni. I dializzati sono stati sottoposti ai test prima della dialisi al fine di evitare alterazioni dei dati. I dati testati sono stati riportati in apposite Tabelle ed elaborati attraverso opportuni Grafici. In ogni seduta di lavoro, procedendo nell osservazione del soggetto sono state impartite opportune istruzioni teorico/pratiche per correggere o migliorare equilibrio e andatura mediante facili esercizi motori da eseguirsi nel corso della seduta stessa. Successivamente, in base ai risultati della valutazione, è stato proposto ad ognuno un programma di attività motoria personalizzato da eseguirsi autonomamente a domicilio e/o in palestra (per ovvi motivi di spazio e di tempo presso la struttura ospitante) in sedute di allenamento bisettimanali di un ora ciascuna per la durata di tre mesi. Questo programma consta di una serie di esercizi elaborati per includere un movimento pianificato, ripetitivo e di qualità, che rompesse gli schemi di movimento anomali, laddove si fossero instaurati, e ne stabilisse di nuovi, corretti, oppure, viceversa, potenziasse gli schemi di movimento di per sé corretti. Il primo obiettivo del programma motorio è stato la prevenzione, per ridurre gli episodi algici e modificare le abitudini posturali scorrette acquisite negli anni, alleviando i problemi connessi alla dialisi nei pazienti dializzati. Il secondo obiettivo è stato la rieducazione statico-dinamica dell equilibrio, riportando il soggetto ad una funzionalità la più normale possibile. Gli obiettivi trasversali sono stati quelli di prevenire le cadute e di migliorare la qualità della vita. Gli esercizi proposti sono stati finalizzati a: - rilassamento e detensione ove era importante indurre al soggetto uno stato di rilassamento volontario e controllato, per evitare l aggravarsi delle tensioni; - mobilità e allungamento concentrati su quei muscoli che, essendo poco estensibili, comportano un eccessivo carico di lavoro della colonna vertebrale e compromettono la biomeccanica corporea che ne risulta seriamente turbata; - postura, consistenti nella percezione dei rapporti statici e cinetici dei vari segmenti nelle differenti posizioni e in diversi momenti attraverso la sensibilità muscolare e articolare, per poi ottenere un buon controllo del nuovo movimento e poterlo integrare nel corso della vita quotidiana. Il soggetto, grazie ad un maggior controllo, sensibilità ed indipendenza dei segmenti articolari, è in grado di mantenere la posizione eretta o seduta per tempi prolungati e ripetitivi, senza che vi siano premature manifestazioni dolorose o sintomi di fatica durante l arco della giornata; - trofismo: per aumentare la forza di specifici muscoli e migliorare il ruolo della stabilità dinamica, fornendo un maggior controllo statico ai segmenti del rachide e del bacino durante le posture e i movimenti funzionali. Sono stati previsti esercizi più semplici per gli anziani digiuni di attività motoria e/o con patologie invalidanti, esercizi più complessi per gli anziani con quadro clinico meno severo e/o con familiarità con l attività motoria e, in qualche caso, con la pratica sportiva. V. Le sedute di lavoro Sono state tenute 24 sedute, una per paziente, di 60 minuti circa ciascuna, con criteri e modalità operative definiti in un apposita Unità Didattica. Periodo: marzo - maggio 2005 Caratteristiche dell ambiente di lavoro: stanza medicheria, 6m. x 5m. Assistenza: diretta Correzione: diretta e indiretta Attrezzi: non codificati o di fortuna (sedia dura senza braccioli; poltrona con braccioli; suolo; stanza; cronometro; telefono). ELABORAZIONE E DISCUSSIONE DEI DATI Dalle Tabelle di rilevamento dati risulta che: Romberg Test/Dializzati: su 12 soggetti solo 2 hanno equilibrio normale; 3 manifestano leggero disequilibrio, ben 6 soffrono di medio disequilibrio e 1 di grave disequilibrio - per un totale di 7 soggetti a rischio di caduta Romberg Modificato/Dializzati: stessi risultati del Romberg Test VOL NUMERO

6 Get-up and Go Test/Dializzati: sempre 2 i soggetti con equilibrio normale e 3 con leggero disequilibrio; 5 presentano medio disequilibrio e 2 grave disequilibrio - con 7 soggetti a rischio di caduta Timed Get-up and Go Test/Dializzati: la performance, in scala da 1 a 5 in accordo con la percezione di rischio di caduta da parte dell osservatore, è valutata 1 (normale) per 2 soggetti, 2 (mediocre) per 4 soggetti, 3 (insufficiente) per 4 soggetti, 4 (gravemente insuff.) per 2 soggetti - con 6 soggetti a rischio di caduta Walking Test/Dializzati: per 2 soggetti l andatura è normale, per 3 è leggermente insicura, per 4 mediamente insicura e per 2 anormale - con 6 soggetti a rischio di caduta (con numerosi predittori di caduta) Test di Tinetti/Dializzati: per 7 soggetti il punteggio totale (equilibrio + andatura) < 19/28 indica elevato rischio di caduta Test ADL+IADL/Dializzati: dei 12 soggetti la metà non è del tutto autonoma, con 2 soggetti gravemente disabili Romberg Test/Trapiantati: su 12 soggetti solo 1 ha equilibrio normale; 3 manifestano leggero disequilibrio, ben 6 soffrono di medio disequilibrio e 2 di grave disequilibrio - per un totale di 8 soggetti a rischio di caduta Romberg Modificato/Trapiantati: equilibrio normale sempre per 1 soggetto; leggero disequilibrio per 4 soggetti; medio disequilibrio per 5 e grave disequilibrio per 2 soggetti - con 7 soggetti a rischio di caduta Get-up and Go Test/Trapiantati: la funzione dell equilibrio in movimento è normale per 2 soggetti, di leggero disequilibrio per 1 soggetto, di medio disequilibrio per 7 e di grave disequilibrio per 2 soggetti - con 9 soggetti a rischio di caduta Timed Get-up and Go Test/Trapiantati: la performance è valutata 1 (normale) per 2 soggetti, 2 (mediocre) per 2 soggetti, 3 (insufficiente) per 6 e 4 (gravemente insuff.) per 2 soggetti - con 8 soggetti a rischio di caduta Walking Test/Trapiantati: 2 soggetti hanno andatura normale, 1 soggetto andatura leggermente insicura, 7 soggetti andatura mediamente insicura e 2 anormale - con 9 soggetti a rischio di caduta Test di Tinetti/Trapiantati: per 7 soggetti il punteggio totale (equilibrio + andatura) <19/28 indica elevato rischio di caduta Test ADL+IADL/Trapiantati: dei 12 soggetti la metà non è del tutto autonoma, con 5 soggetti leggermente disabili e 1 soggetto mediamente disabile. Prima per i dializzati poi per i trapiantati gli areogrammi che seguono evidenziano le disabilità in per- 70 centuale, gli istogrammi evidenziano i rapporti etàequilibrio e età-autonomia. Dall analisi dei dati discendono le seguenti considerazioni: i test utilizzati sono strumenti di valutazione appropriati. Essi sono oggettivi (l operatore si limita a registrare le azioni e le risposte del paziente), validi (risultati coerenti fra test diversi che vagliano la stessa variabile per lo stesso soggetto), fedeli (i valori del questionario non cambiano se riproposti allo stesso soggetto), sensibili (discriminano leggere variazioni di approccio alla variabile da valutare); la maggior parte degli anziani testati ha disturbi dell equilibrio nonché di postura e andatura; oltre la metà è a rischio di caduta; le donne, a parità d età, hanno più problemi degli uomini, specialmente di tipo osteo-articolare, con evidenti ripercussioni su equilibrio, postura e andatura; non vi sono differenze di risultati significative fra soggetti di età diversa all interno dello stesso gruppo né fra soggetti di gruppo diverso (dializzati/trapiantati) sebbene il gruppo-trapiantati sia relativamente più giovane e, per via del trapianto, in linea di principio sano. Tali risultati possono ritenersi abbastanza attendibili, se si considera che: - a parità d età, i dializzati presentano un quadro clinico diverso da soggetto a soggetto per via di altre patologie in aggiunta a quella renale (v. scheda B.I.N.A.) e hanno stili di vita diversi (ad es. alcuni frequentano palestre o praticano o hanno praticato sport); - i trapiantati, considerati sani, di fatto non lo sono per la presenza di altre patologie differenti da quella renale, che danno un quadro clinico spesso non meno severo di quello dei dializzati. È inoltre ipotizzabile - e vari studi lo confermano - che la cronicizzazione di una patologia (nel nostro caso quella renale, da cui, comunque, questi soggetti provengono) in anziani instauri meccanismi invalidanti difficili da rimuovere anche dopo la guarigione dalla patologia. Tutto ciò a riprova del fatto, risultante da tanta letteratura scientifica, che: l invecchiamento è qualcosa di estremamente soggettivo e influenzabile da una vasta serie di fattori raggruppabili in quattro categorie: 1. cause genetiche; 2. non uso o cattivo uso di una funzione/attitudine durante la crescita e l età adulta; 3. fattori di rischio (alimentari, alcool, tabacco, stress vita quotidiana); 4. malattie intercorrenti. ITALIAN JOURNAL of SPORT SCIENCES

7 VOL NUMERO

8 CONCLUSIONI L equilibrio è una capacità che viene costantemente sollecitata nelle situazioni statiche e dinamiche dell individuo, specialmente nella stazione eretta ma anche in tutte le altre posizioni. Un dato oggettivo emerge dalla nostra indagine: gli anziani soffrono di deficit dell equilibrio e questo è anticipato e/o accentuato dal trattamento dialitico extracorporeo cronico (in atto e pregresso). Ciò conferma i dati della letteratura scientifica, in cui si riporta che il mantenimento dell equilibrio è strettamente collegato con l efficienza di alcuni organi. L equilibrio con l invecchiamento tende a diminuire e la malattia ne accelera il processo di deterioramento. La rieducazione del senso dell equilibrio è allora un obiettivo di riferimento ineludibile per la qualità della vita dell anziano, poiché persegue la prevenzione delle cadute (e disabilità collegate) e preserva l autonomia. A ciò si è mirato con le proposte di attività motoria agli anziani. Per quanto abbiamo potuto constatare di persona nonché dalle testimonianze dei pazienti, questa sperimentazione è stata efficace. Tutti gli anziani selezionati hanno completato la serie di test previsti e si sono allenati secondo istruzioni. Alcuni hanno riportato subito miglioramenti della postura, della deambulazione, dell equilibrio statico e dinamico. Ad un mese dall inizio dell allenamento, molti assicuravano di sentirsi più agili nei movimenti e più sicuri nel camminare. Tutti hanno riportato un miglioramento a livello psichico, il che non è comunque di poco conto. Riteniamo molto importante sapere che l equilibrio è potenzialmente migliorabile e che la sua rieducazione è perseguibile con un attività motoria mirata. Le attività dovranno sollecitare i movimenti del capo e del collo, spostamenti del baricentro in tutte le direzioni rispetto alla base d appoggio, nonché potenziare gli altri fattori che contribuiscono al mantenimento dell equilibrio come la coordinazione, la mobilità articolare, la prontezza e precisione della risposta, la padronanza dei rapporti con lo spazio e l equilibrio rispetto agli oggetti in situazioni dinamiche, la propriocezione. Un valido apporto è dato dalla ginnastica dolce, la cui tecnica comporta l ascolto delle sensazioni corporee della distensione delle masse muscolari, della mobilità articolare, della interdipendenza dei segmenti corporei. Per questo l attività motoria, adeguata alle necessità del soggetto, è un vero e proprio strumento di salute per l anziano. Il chinesiologo ha questo compito nel progetto della rieducazione funzionale al servizio della persona, per migliorare la qualità della vita e dell inalienabile dignità umana: perché sia realtà 72 l aforisma di G. Piersol Abbiamo aggiunto anni alla vita. Aggiungiamo vita agli anni!. BIBLIOGRAFIA Testi italiani Antonini F.M. - Fumagalli C., Geriatria e Gerontologia, Ed. Wassermann, Milano Balboni G.C., Bastianini A., Brizzi E., Castorina S., Comparini L., Donato R.F., Filogamo G., Fusaroli P. et Al., Anatomia Umana, voll. 4, Edi-Ermes, Milano Baroni A., La riabilitazione geriatrica, Ed. La Nuova Italia Scientifica, Roma Bellero O., Fabris S. et Al., L anziano, il corpo e il movimento, Ed. La Nuova Italia Scientifica, Belmuso L., Imeroni A., Troletti G., Attività motoria con anziani, Ed. Edi-Ermes, Berloffa G. (Presidente U.N.C.), Professione Chinesiologo, Ed. GGallery s.r.l., Genova Boumil K., 1200 esercizi di ginnastica, Ed. S.S.S., Roma Cappellini O., Cinesiologia clinica 3, statica e deambulazione patologiche, Argalia Editore, Urbino. Cecchini E., Teoria, tecnica e didattica dell attività motoria preventiva e conservativa, materiali ad uso degli studenti, A. A Ciammaroni E., La riabilitazione in poltrona, Società Sportiva, Crea F., Psicomotricità e riabilitazione nella terza età, Ed. Esculapio, Bologna Farnetti P., Terapia fisica e riabilitazione, Ed. Wasserman, Milano Federici A., Una vita in cammino, Progettazione di attività motorie per la terza età, Ed. Montefeltro, Urbino Federici A., Dardanello R., La prevenzione delle cadute nell anziano, Ed. Montefeltro, Urbino Federici A., di Muro F., L attività nella prevenzione del dolore lombare, Quaderni di attività motoria, Ed. Montefeltro, Urbino Federici A., Valentini M., Tonini Cardinali C., Sportivamente anziano, Proposte motorie per la terza età, Ed. Montefeltro, Urbino Franci A., Validità e affidabilità delle scale di dipendenza di anziani disabili, in Metodologie per operatori della salute, Centro Ricerca e Formazione, CEREF Summa, Padova Guidetti G., Monzani D., I disturbi dell equilibrio di origine propriocettiva, in Guidetti G. (ed.), Diagnosi e terapia ITALIAN JOURNAL of SPORT SCIENCES

9 dei disturbi dell equilibrio, Ed. Marrapese, pp , Roma Imeroni A., L attività motoria nella grande età, Ed. Carrocci, Kottke F.J., Trattato di terapia fisica e riabilitazione, Ed. Verducci, Lumia V., Angeloni A., L anziano in movimento, Ed. S.S.S., Roma, Testi stranieri Allum J.H.J., Keshner E.A., Vestibular and Proprioceptive Control of Sway Stabilization, in W. Bless, T. Brandt (eds.), Disorders of Posture and Gait, Elsevier, Amsterdam, New York, Oxford, pp , Beauvoir S., La viellesse, la terza età, trad. Bruno Fanzi, Einaudi, Torino Bortz W., Effect of Exercise on Aging - Effect of Aging on Exercise, in J. Am. Ger. Soc., 28, pp , Brock D.B., Evans D., Lemmke G.H., Berckman L., Branch L. et Al., Multicenter Longitudinal Studies of Functional Disability and 2-Years Mortality among Community elderly, Paper presented at the annual meeting of the Society for Epidemiologic Research, Pittsburg, PA, Capodoglio P., Narici M.V., Physical activity in the elderly, Mangeri Fond. Books, Pavia Dietz V., Afferent and Efferent Control of Posture and Gait, in W. Bless, T. Brandt (eds.), Disorders of Posture and Gait, Elsevier, Amsterdam, New York, Oxford, p. 69, Ferrucci L., Guralnik J.M., Baroni A., Tesi G., Antonini F.M., Marchionni N., Value of Combined Assessment of Physical Health and Functional Status in Comunity-Dwelling Aged: A Prospective Study in Florence-Italy, in Journal of Gerontology, vol. 46, 2, pp. 51-6, Ford A.B., Folmar S.J., Salmon R.B., Medalie J.H., Roy A.W., Galazka S.S., Health and Function in the Old and Very Old, in JAGS, 36, pp , Greenwood R., Hopkins A., Motor control during stepping and falling in man, in J.E. Desmedt (ed.), Progress in Clinical Neurophisiology, vol. 8, Spinal and Supraspinal Mechanisms of Voluntary Motor Control and Locomotion, Karger, Basel, pp , Grimley-Evans J., Prevention of Age-Associated Loss of Autonomy: Epidemiological Approaches, in J. Chron. Dis., 37, pp , Lawton M.P., Brody E.M., Assesment of Older People: Self Maintaining and Instrumental Activities of Daily Living, in Gerontologist, 9, pp , Riviste Anziani Oggi, trimestrale, Ed.Università Cattolica del Sacro Cuore, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Cattedra di Geriatria, Roma, N 4 anno II 1984, N 2 anno II 1989, N 3 anno II Bandinelli S., Panzer V.P. et Al., An Analysis of the Influence of Aging on up Right Stance, XIV International Congress of Gerontology, Acapulco, giugno Chinesiologia, quadrimestrale di Scienze Motorie, Unione Nazionale Chinesiologi, Cuneo, Issn , N 1, Documento del Convegno internazionale Università Cattolica, Roma, giugno 1988, Non autosufficienza dell anziano. Strategie operative e Sistema Sanitario Nazionale a confronto, in Giorn. Geront., 36, p S.I.S.M., Coaching and Sport Science Journal, Roma Who, Uses of Epidemiology in Aging (Technical Report Series N 706), Geneva VOL NUMERO

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello Drssa Grazia Foti MALATTIE CARDIOVASCOLARI Più importante causa di morte nel mondo, (17.3 milioni di morti ogni anno)

Dettagli

I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano fragile

I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano fragile La prevenzione della disabilità nell anziano fragile: sperimentazione di un modello in due Società della Salute Firenze - 4 maggio 2011 I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano

Dettagli

L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE

L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE Corso di Formazione ATTIVITÀ MOTORIA ED ESERCIZIO FUNZIONALE NEI GRANDI ADULTI Milano, 5 Ottobre 2013 L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE Filippini Federico Dottore Magistrale

Dettagli

53 Congresso Nazionale Sigg L Italia? Non è un paese per vecchi 7 Corso di Riabilitazione geriatrica: un approccio globale Firenze 26/29-11-2008

53 Congresso Nazionale Sigg L Italia? Non è un paese per vecchi 7 Corso di Riabilitazione geriatrica: un approccio globale Firenze 26/29-11-2008 53 Congresso Nazionale Sigg L Italia? Non è un paese per vecchi 7 Corso di Riabilitazione geriatrica: un approccio globale Firenze 26/29--28 Linee guida T.O. C Cotroneo T.O. M. Quadrana, T.O. D. russo

Dettagli

APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento

APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento INFERMIERISTICA CLINICA IN AREE SPECIALISTICHE - INTEGRATIVO INFERMIERISTICA IN AREA GERIATRICA A. A. 2009/2010 Dott. ssa Margherita Andrigo Portogruaro APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento

Dettagli

I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO

I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO Traduzione Angela Corbella Si riportano i principali strumenti descritti nelle Linee Guida NICE 1 (National Institute for Clinical Excellence)

Dettagli

Per il calcolo dell indice ADL (ACTIVITIES OF DAILY LIVING) si ricorre a una scala semplificata che prevede l assegnazione di un punto per ciascuna

Per il calcolo dell indice ADL (ACTIVITIES OF DAILY LIVING) si ricorre a una scala semplificata che prevede l assegnazione di un punto per ciascuna Per il calcolo dell indice ADL (ACTIVITIES OF DAILY LIVING) si ricorre a una scala semplificata che prevede l assegnazione di un punto per ciascuna funzione indipendente così da ottenere un risultato totale

Dettagli

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA!

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! Piano Regionale della Prevenzione 2010-12 Progetto 2.3.1A Interventi di comunicazione ed iniziative organizzate miranti a promuovere l attività

Dettagli

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA!

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! Piano Regionale della Prevenzione 2010-12 Progetto 2.3.1A Interventi di comunicazione ed iniziative organizzate miranti a promuovere l attività

Dettagli

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553 UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO Facoltà di scienze della formazione Corso di Laurea in Scienze E Tecniche Delle Attività Motorie Preventive e Adattate CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE

Dettagli

LA STABILOMETRIA (ANALISI POSTUROGRAFICA)

LA STABILOMETRIA (ANALISI POSTUROGRAFICA) Giovanni Magnani LA STABILOMETRIA (ANALISI POSTUROGRAFICA) La Stabilometria (analisi posturografica) è un esame che permette di valutare e misurare il controllo fine della postura. Il soggetto esaminato

Dettagli

L Analisi del movimento

L Analisi del movimento L Analisi del movimento L Analisi del movimento Qualunque aspetto del movimento umano si voglia studiare, per prima cosa occorre osservarlo (Galileo) L Analisi del movimento E quella disciplina scientifica

Dettagli

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA GOTTIN Maurizio - Responsabile SSD Medicina Sportiva ASL TO4 Referente

Dettagli

Cosa intendiamo per fragilità

Cosa intendiamo per fragilità Fragilità in Toscana: linee guida e esperienze Pisa, 10 novembre 2012 Cosa intendiamo per fragilità Enrico Mossello Unità Funzionale di Gerontologia e Geriatria Università degli Studi di Firenze Aspettativa

Dettagli

X che negli ultimi due anni NON ha avuto rapporti diretti di finanziamento con

X che negli ultimi due anni NON ha avuto rapporti diretti di finanziamento con Il sottoscritto BERTOLIN ANNALISA ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato Regione del 5 novembre 2009, dichiara X che negli ultimi due anni NON

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

PROGETTO ANZIANI FRAGILI

PROGETTO ANZIANI FRAGILI CENTRO BERNSTEIN VERONA PROGETTO ANZIANI FRAGILI responsabile del progetto: MENEGHINI DARIO COS E L INVECCHIAMENTO? COSA COMPORTA? Invecchiamento: difficoltà nel rispondere adeguatamente agli stimoli di

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996 SCHEDA 4 Le Linee guida di Heidelberg per la promozione dell attività fisica per le persone anziane (The Heidelberg Guidelines for promoting physical activity among older persons) Quarto Congresso Internazionale

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Guida sulla prevenzione delle cadute delle persone fragili

Guida sulla prevenzione delle cadute delle persone fragili CENTRO DI RIABILITAZIONE VIA BOLZANO 1 B GENOVA TEL. 010 3203600 www.gruppofides.it Guida sulla prevenzione delle cadute delle persone fragili Dott.ssa Renata Carro Fisioterapista Cadute in casa delle

Dettagli

Attività motoria e benessere psicofisico

Attività motoria e benessere psicofisico Attività motoria e benessere psicofisico BENESSERE Il sistema Muscolo scheletrico -Ossa articolazioni -Tessuti molli muscoli, tendini e legamenti Con l'avanzare dell'età le articolazioni tendono generalmente

Dettagli

Chi sono i nostri utenti

Chi sono i nostri utenti Chi sono i nostri utenti anziani con età > 65/70 anni Con polipatologie Con cadute ripetute in anamnesi Già con storia di fr. di femore Con accidenti del sistema cardiovascolare Con esiti di ictus cerebri

Dettagli

EFFICACIA DELLA BACK SCHOOL NEL TRATTAMENTO DELLE RACHIALGIE CRONICHE: ESPERIENZA PERSONALE

EFFICACIA DELLA BACK SCHOOL NEL TRATTAMENTO DELLE RACHIALGIE CRONICHE: ESPERIENZA PERSONALE Università Cattolica del Sacro Cuore Milano Interfacoltà di Scienze della Formazione Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate EFFICACIA DELLA

Dettagli

Conoscere l'anziano, l'analisi delle schede gerontologiche Emilio M. Bove, Medico generale, SIMG Benevento

Conoscere l'anziano, l'analisi delle schede gerontologiche Emilio M. Bove, Medico generale, SIMG Benevento Rivista SIMG (www.simg.it) Numero 4, 2001 Conoscere l'anziano, l'analisi delle schede gerontologiche Emilio M. Bove, Medico generale, SIMG Benevento Per diventare anziani bisogna vivere a lungo, quindi

Dettagli

L economia articolare in reumatologia

L economia articolare in reumatologia L economia articolare in reumatologia Dott. Tonino Mele Fisioterapista - Pedagogista UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA CENTRO MEDICO SANT

Dettagli

Principi di Riabilitazione e Fisioterapia 2 10/11/2015. Corso di Laurea in Fisioterapia

Principi di Riabilitazione e Fisioterapia 2 10/11/2015. Corso di Laurea in Fisioterapia Corso di Laurea in Fisioterapia Corso integrato di INTRODUZIONE ALLA MEDICINA RIABILITATIVA aa 2015-2016 Prof.ssa Laura Perucca IRCCS Istituto Auxologico Italiano UO Riabilitazione Neuromotoria Milano

Dettagli

Programma della Back School ed esercizi di ginnastica antalgica in acqua: risultati a confronto. Alessandro Sale

Programma della Back School ed esercizi di ginnastica antalgica in acqua: risultati a confronto. Alessandro Sale Programma della Back School ed esercizi di ginnastica antalgica in acqua: risultati a confronto Alessandro Sale Valutazione dell efficacia della Back School in soggetti affetti da rachialgia cronica In

Dettagli

Promuovere il movimento per guadagnare salute. Daniela Galeone. Programma Ministero In Forma. 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute

Promuovere il movimento per guadagnare salute. Daniela Galeone. Programma Ministero In Forma. 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute Promuovere il movimento per guadagnare salute Daniela Galeone Programma Ministero In Forma 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute Le malattie croniche: un allarme mondiale - 57 milioni di

Dettagli

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1 Il team riabilitativo www.ilfisiatra.it 1 TEAM Riabilitativo Fisiatra Fisioterapista Altri medici Infermiere Bioingegnere Psicologo Paziente Terapista occupazionale Logopedista Assistente sociale Educatore

Dettagli

Ossi duri... si diventa. Campagna di Prevenzione contro l Osteoporosi

Ossi duri... si diventa. Campagna di Prevenzione contro l Osteoporosi Ossi duri... si diventa Campagna di Prevenzione contro l Osteoporosi CHE COS E L OSTEOPOROSI? L osteoporosi è una malattia dell apparato scheletrico che comporta una bassa densità minerale, un deterioramento

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DEL VOUCHER PER INTERVENTI VOLTI A SVILUPPARE L AUTONOMIA FINALIZZATA ALL INCLUSIONE SOCIALE DELLE PERSONE DISABILI

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DEL VOUCHER PER INTERVENTI VOLTI A SVILUPPARE L AUTONOMIA FINALIZZATA ALL INCLUSIONE SOCIALE DELLE PERSONE DISABILI DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DEL VOUCHER PER INTERVENTI VOLTI A SVILUPPARE L AUTONOMIA FINALIZZATA ALL INCLUSIONE SOCIALE DELLE PERSONE DISABILI (modulo da compilare in stampatello) DATI ANAGRAFICI DEL RICHIEDENTE

Dettagli

Ft. dott. G. Belgiovine Case Manager geriatrico

Ft. dott. G. Belgiovine Case Manager geriatrico Direzione Sanitaria 800. 49. 49. 49 www.consorziosanraffaele.it Distretto Sanitario 2 Ft. dott. G. Belgiovine Case Manager geriatrico Noicattaro (BA) 31 gennaio, 1 2 febbraio 2013 SCOPO: La valutazione

Dettagli

DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE

DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

LA CADUTA DELL ANZIANO

LA CADUTA DELL ANZIANO LA CADUTA DELL ANZIANO A cura di: Dott. ssa E. Sartarelli Dott. S. Cittadini Possiamo definire EQUILIBRIO con le parole del Prof. Giorgio Guidetti come il rapporto ottimale tra un soggetto e l ambiente

Dettagli

La prevenzione della fragilità. Antonio Sgadari Università Cattolica del Sacro Cuore Roma

La prevenzione della fragilità. Antonio Sgadari Università Cattolica del Sacro Cuore Roma La prevenzione della fragilità Antonio Sgadari Università Cattolica del Sacro Cuore Roma FRAILTY is one of those complex terms with multiple and slippery meanings Kaufman SR. The social construction of

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CERA, CIOCCHETTI, PISACANE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CERA, CIOCCHETTI, PISACANE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2290 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CERA, CIOCCHETTI, PISACANE Istituzione delle figure professionali di esperto in scienze delle

Dettagli

SINTESI DELLA RELAZIONE AL SIR 2007

SINTESI DELLA RELAZIONE AL SIR 2007 SINTESI DELLA RELAZIONE AL SIR 2007 AZIENDA OSPEDALIERA "C. POMA" (Mantova) Dipartimento di Medicina U. O. di Riabilitazione Specialistica Divisione di RRF e Reumatologia Direttore: G. Arioli DISABILITA

Dettagli

Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO

Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO Il mal di schiena non è una malattia ma un sintomo, il segnale che qualcosa non va, anche se non è sempre facile capire con esattezza cosa. Quasi a tutti capita

Dettagli

INRCA ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO DIREZIONE SCIENTIFICA EVENTO FORMATIVO

INRCA ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO DIREZIONE SCIENTIFICA EVENTO FORMATIVO INRCA ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO DIREZIONE SCIENTIFICA EVENTO FORMATIVO Le visite infermieristiche domiciliari preventive per il paziente affetto da malattia di Alzheimer e del

Dettagli

UOC di Medicina Riabilita0va Dire%ore Dr. Oriano Mercante M.D. a cura di: Roberta Ansevini Guglielmina Aloisi

UOC di Medicina Riabilita0va Dire%ore Dr. Oriano Mercante M.D. a cura di: Roberta Ansevini Guglielmina Aloisi UOC di Medicina Riabilita0va Dire%ore Dr. Oriano Mercante M.D. a cura di: Roberta Ansevini Guglielmina Aloisi OSTEOPOROSI PATOLOGIA SISTEMICA E PROGRESSIVA DELLO SCHELETRO CON DIMINUZIONE DELLA MASSA OSSEA,

Dettagli

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE Francesco Albanese, 67 anni Ex titolare di una impresa edile Operato 5 anni fa di protesi alle ginocchia Sul sito web www.storiedivitainmovimento.it

Dettagli

LA RIEDUCAZIONE DELLA STAZIONE ERETTA E DELLA DEAMBULAZIONE NELLE FRATTURE PROSSIMALI DI FEMORE SOTTOPOSTE AD OSTEOSINTESI.

LA RIEDUCAZIONE DELLA STAZIONE ERETTA E DELLA DEAMBULAZIONE NELLE FRATTURE PROSSIMALI DI FEMORE SOTTOPOSTE AD OSTEOSINTESI. LA RIEDUCAZIONE DELLA STAZIONE ERETTA E DELLA DEAMBULAZIONE NELLE FRATTURE PROSSIMALI DI FEMORE SOTTOPOSTE AD OSTEOSINTESI. Emanuela Gardenghi Casa di Cura «S.Anna», specializzata nelle terapie riabilitative,

Dettagli

IL PROCESSO DI NURSING O PROCESSO DI ASSISTENZA

IL PROCESSO DI NURSING O PROCESSO DI ASSISTENZA Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica - Polo didattico AORN S.G.Moscati Anno Accademico 2012 2013 Metodologia infermieristica Docente

Dettagli

MAL DI SCHIENA.. NO GRAZIE! GRAZIE!

MAL DI SCHIENA.. NO GRAZIE! GRAZIE! MAL DI SCHIENA.. MAL NO DI GRAZIE! SCHIENA... NO GRAZIE! COME PREVENIRE E CURARE IL MAL DI SCHIENA E I DOLORI CERVICALI COME PREVENIRE E CURARE I DOLORI CERVICALI E IL MAL DI SCHIENA A.S.D. EFESO MION

Dettagli

Un efficace strumento di cura e prevenzione

Un efficace strumento di cura e prevenzione HK HealthKlab HealthKlab Health Klab, il Klab della salute, nasce con l'obiettivo di creare e mantenere salute. Sotto questo marchio operano il Servizio di Prevenzione e Attività Fisica dell'istituto di

Dettagli

ANALISI STRUTTURATA DEL PROGETTO

ANALISI STRUTTURATA DEL PROGETTO Linea ID 0: La presa in carico della disabilità: percorsi e strutture TITOLO: Messa a regime nelle regioni italiane di un sistema di monitoraggio sullo stato di salute della popolazione anziana in particolare

Dettagli

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Anziani - IRCCS in Forma

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Anziani - IRCCS in Forma Il movimento è fondamentale per il soggetto anziano per mantenere o riacquistare l indipendenza e l autosufficienza. Spesso l atteggiamento della persona di una certa età è di sfiducia e rassegnazione:

Dettagli

FISIOTERAPISTA E CHINESIOLOGO A CONFRONTO

FISIOTERAPISTA E CHINESIOLOGO A CONFRONTO FISIOTERAPISTA E CHINESIOLOGO A CONFRONTO Introduzione. Nel contesto lavorativo in cui mi trovo ad operare, mi sto riferendo ad un centro di rieducazione motoria, mi sono confrontata con le altre figure

Dettagli

Per minimizzare i rischi potenziali di lesioni da posizioni fisiche non confortevoli, è importante adottare una postura corretta.

Per minimizzare i rischi potenziali di lesioni da posizioni fisiche non confortevoli, è importante adottare una postura corretta. Lo stress Fattori di stress: Scarsa conoscenza del software e dell hardware; mancanza di informazioni sulla progettazione, sull organizzazione e sui e sui risultati del lavoro; mancanza di una propria

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Programma: Promozione di interventi mirati ad incidere sui rischi infortunistici in ambito domestico tra gli anziani e bambini di 0-4 anni Identificativo della Linea

Dettagli

ADOTTARE UNA POSTURA CORRETTA

ADOTTARE UNA POSTURA CORRETTA ADOTTARE UNA POSTURA CORRETTA Gli Osteopati,i Fisioterapisti ed i Posturologi sono molto attenti riguardo la postura dei loro pazienti, consigliando loro come correggerla e come eseguire esercizi correttivi,

Dettagli

Archeopropriocezione: alla scoperta di una nuova era

Archeopropriocezione: alla scoperta di una nuova era Archeopropriocezione: alla scoperta di una nuova era Dario Riva Dipartimento di Ricerche Scuola Universitaria Interfacoltà in Scienze Motorie Università degli Studi di Torino Lo sviluppo della capacità

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO

LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO CONVEGNO INTERNAZIONALE MALCESINE 2010 LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO D. M. Fisioterapista LINO FIA Il trattamento è rivolto a pazienti: in fase di stabilizzazione

Dettagli

L OBESITÀ NELL ADULTO

L OBESITÀ NELL ADULTO Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana Centro Multidisciplinare per la Diagnosi e la Terapia dell Obesità e dei Disturbi del Comportamento Alimentare L OBESITÀ NELL ADULTO 2 SEMINARIO: L OSPEDALE PROMUOVE

Dettagli

TRIAGE NEI PAZIENTI FRAGILI

TRIAGE NEI PAZIENTI FRAGILI TRIAGE NEI PAZIENTI Infermiere Az. Osp. Univ. Policlinico di Modena Consigliere Gruppo Formazione Triage TRIAGE: Definizione delle priorità di trattamento dei pazienti sulla base della loro gravità clinica,

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Pazienti in trattamento sostitutivo della funzione renale (USL 7 Zona Valdichiana) N Dialisi extracorporea 40 Dialisi peritoneale 10 Trapianto attivo

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

Dipartimento di Organi di Senso Università di Roma La Sapienza. Lezione VII 21 aprile 2015. Orecchio interno

Dipartimento di Organi di Senso Università di Roma La Sapienza. Lezione VII 21 aprile 2015. Orecchio interno Giovanni Ralli (gralli@libero.it) Dipartimento di Organi di Senso Università di Roma La Sapienza Lezione VII 21 aprile 2015 Orecchio interno 1 Lezione VII La presbiastasia La malattia di Menière La neurite

Dettagli

La salute degli anziani di Asl 3 Genovese: costruire la rete aziendale per Passi d Argento Genova, 24 Novembre 2015

La salute degli anziani di Asl 3 Genovese: costruire la rete aziendale per Passi d Argento Genova, 24 Novembre 2015 La salute degli anziani di Asl 3 Genovese: costruire la rete aziendale per Passi d Argento Genova, 24 Novembre 2015 Alcuni risultati dell indagine PdA in Asl 3 Genovese Raffaella Castiglia, Patrizia Crisci

Dettagli

L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A

L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A Daniele Roccetti L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A - equilibrio statico e dinamico - sensori cervicali - labirinto - cervelletto - occhi - plesso solare - cervicale - circolazione - problemi articolari

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

VALORE INDICATORE A INIZIO PROGETTO (GENNAIO 2011) Valore di base prima dell inizio del progetto. Almeno 12 gruppi. Almeno il 60% dei gruppi attivati

VALORE INDICATORE A INIZIO PROGETTO (GENNAIO 2011) Valore di base prima dell inizio del progetto. Almeno 12 gruppi. Almeno il 60% dei gruppi attivati 1) Regione: Regione Liguria 2) Titolo del programma: Gruppi di cammino nelle ASL liguri (2.3.1 2.9.5-4.2.1.2) 3) Identificativo delle linee di intervento generali: Macroarea 2 Prevenzione universale 2.3

Dettagli

SCHEDA PER INSERIMENTO IN PROGRAMMA AFA AD ALTA DISABILITA Codice Fiscale

SCHEDA PER INSERIMENTO IN PROGRAMMA AFA AD ALTA DISABILITA Codice Fiscale SCHEDA D SCHEDA PER INSERIMENTO IN PROGRAMMA AFA AD ALTA DISABILITA Codice Fiscale Data (gg/mm/aaaa).. Cognome (in chiaro) Data di nascita (gg/mm/aaaa) Sesso (1. M; 2. F) Nome (in chiaro).. Indirizzo (in

Dettagli

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo!

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo! Somministrazione Insulina - Dossier INFAD Diabete: Conoscerlo per gestirlo! GENERALITA Secondo l ISS il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA PARAMORFISMI

LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA PARAMORFISMI LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA Dipartimento di Scienze Motorie PARAMORFISMI Si tratta di deformità in genere transitorie, correggibili volontariamente, non sostenute da alterazioni anatomiche

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Corso di Laurea in Scienze Motorie e dello Sport La formazione e lo sviluppo delle capacità e delle abilità motorie Prof. Maurizio Mondoni LE CAPACITA MOTORIE

Dettagli

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte Il Servizio di Medicina Fisica e Riabilitazione dell ASL 9: una rete di servizi ospedaliera, territoriale e domiciliare per l utente con necessità di riabilitazione e assistenza L intervento riabilitativo

Dettagli

MUOVERSI, ANCHE DA SEDUTI.

MUOVERSI, ANCHE DA SEDUTI. VARIABLE tm LA PREVENZIONE PER LA VOSTRA SCHIENA MUOVERSI, ANCHE DA SEDUTI. Ecco il segreto per mantenere in forma la vostra colonna vertebrale. La prevenzione è la prima e più efficace arma contro il

Dettagli

III CONVEGNO NAZIONALE D.M.S.A Profilo professionale del dottore in scienze motorie ILLASI 2 DICEMBRE 2006 Profilo professionale del dottore in scienze motorie LAUREE IN SCIENZE MOTORIE LAUREA TRIENNALE

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

Efficacia degli interventi per la prevenzione della disabilità nell anziano fragile Revisione sistematica della letteratura.

Efficacia degli interventi per la prevenzione della disabilità nell anziano fragile Revisione sistematica della letteratura. Efficacia degli interventi per la prevenzione della disabilità nell anziano fragile Revisione sistematica della letteratura Claudia Dellisanti Università degli Studi di Firenze Firenze 04052011 Progetto

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Diploma di Maturità Scientifica conseguita nel 1996 presso il Liceo Scientifico G.D. Cassini di Genova.

CURRICULUM VITAE. Diploma di Maturità Scientifica conseguita nel 1996 presso il Liceo Scientifico G.D. Cassini di Genova. CURRICULUM VITAE Dati Anagrafici Nome Antonio Cognome Stoehr Luogo e Data di nascita: Genova 06/05/1977 Indirizzo E-mail: antoniostoehr@gruppofides.it Stato civile: nubile C.F.: STHNTN77E06D969F Titoli

Dettagli

La Ginnastica Dolce e Posturale

La Ginnastica Dolce e Posturale La Ginnastica Dolce e Posturale Utilizza una metodologia flessibile, a orientamento psicomotorio, con una plasticità di adattamento alle esigenze dell individuo e del gruppo E finalizzata principalmente

Dettagli

LA CADUTA ACCIDENTALE NELL ANZIANO: Rischio di cadute in ambito domestico. 12/06/2015 Dott. Antonio Mascio

LA CADUTA ACCIDENTALE NELL ANZIANO: Rischio di cadute in ambito domestico. 12/06/2015 Dott. Antonio Mascio LA CADUTA ACCIDENTALE NELL ANZIANO: Rischio di cadute in ambito domestico 12/06/2015 Dott. Antonio Mascio Cadute Le cadute nell anziano rappresentano uno dei primari problemi di sanità e di spesa pubblica,

Dettagli

Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana. matilde.razzanelli@ars.toscana.it

Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana. matilde.razzanelli@ars.toscana.it Gli stili di vita nella popolazione anziana toscana matilde.razzanelli@ars.toscana.it Le indagini PASSI d Argento Obiettivo: sorveglianza sulla popolazione ultra 64enne, sostenibile con le risorse dei

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA?

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Cernusco Lombardone 11-05-2013 L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Dott Ivano Baragetti Divisione di Nefrologia e Dialisi Ospedale Bassini, Cinisello Balsamo Azienda Ospedaliera ICP Milano IN UN

Dettagli

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico - IRCCS. U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA Primario: Dott. P. Pace

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico - IRCCS. U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA Primario: Dott. P. Pace I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico - IRCCS www.inrca.it U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA Primario: Dott. P. Pace @ I.N.R.C.A. 2008 www.giobbe.net e-mail: info@giobbe.net I brillanti

Dettagli

!!!! F ORMATO INFORMAZIONI PERSONALI. Fabio Donelli. Via Carlo Ravizza n. 22 20149 MILANO. fmdonelli@gmail.com. Luogo e Data di nascita

!!!! F ORMATO INFORMAZIONI PERSONALI. Fabio Donelli. Via Carlo Ravizza n. 22 20149 MILANO. fmdonelli@gmail.com. Luogo e Data di nascita F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Via Carlo Ravizza n. 22 20149 MILANO Telefono +39.339.48.18.376 Fax +39.02.4801.94.88 E-mail fmdonelli@gmail.com Luogo e Data

Dettagli

L EQUILIBRIO. Luciano Orano istruttore nazionale minibasket/istruttore c.a.s. Pataviumpetrarca Basket e centro minibasket Mira Dolo.

L EQUILIBRIO. Luciano Orano istruttore nazionale minibasket/istruttore c.a.s. Pataviumpetrarca Basket e centro minibasket Mira Dolo. L EQUILIBRIO Luciano Orano istruttore nazionale minibasket/istruttore c.a.s. Pataviumpetrarca Basket e centro minibasket Mira Dolo. introduzione: Nella metodologia dell insegnamento,si deve tener conto

Dettagli

B. Divisione, obbiettivi e motivazioni delle attività proposte.

B. Divisione, obbiettivi e motivazioni delle attività proposte. A. Introduzione Le attività individuate dal D.T e dal D.S. sono le seguenti così come riportato dalle seguente tabella: Tipologia corso Fasce ETA' Corso Paperini Acquaticità ( Bambini ) 3 anni Corso Paperi

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE - LINEE GENERALI Al termine del percorso liceale lo studente deve aver acquisito la consapevolezza della propria corporeità intesa come conoscenza, padronanza e rispetto del

Dettagli

Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio

Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio Prevenire i pericoli derivanti dall immobilizzazione a letto Evitare la lussazione della protesi Recuperare un articolarità

Dettagli

Il progetto riabilitativo nel paziente anziano fragile fratturato Pasquale Rifino Fisioterapista (Cassino)

Il progetto riabilitativo nel paziente anziano fragile fratturato Pasquale Rifino Fisioterapista (Cassino) XVIII Convegno Nazionale Geriatrico Dottore Angelico - San Raffaele Cassino L INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO: per il recupero e il mantenimento dell autonomia CASSINO 11-12-13 Giugno San Raffaele - Cassino

Dettagli

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana Dalla PROTESI d ANCA al ritorno alla vita quotidiana Opuscolo a cura di: RSA di Antey - Saint-André: Servizio di Riabilitazione Area Territoriale Fisioterapisti: Nicole Torresan e Nicoletta La Torre Tel.

Dettagli

Scuola di sci Sauze d Oulx Project Piazza Assietta 4 10050 Sauze d Oulx (TO) Tel. 0122 858942 Fax 0122 857877 info@sauzeproject.it

Scuola di sci Sauze d Oulx Project Piazza Assietta 4 10050 Sauze d Oulx (TO) Tel. 0122 858942 Fax 0122 857877 info@sauzeproject.it INSEGNAMENTO DELLO SCI ALPINO E DISABILI: L ESPERIENZA DELLA SCUOLA DI SCI SAUZE D OULX PROJECT e IL PROGETTO SciiAbiille 1 Premessa Gli effetti dell attività sportiva sul benessere fisico sono noti da

Dettagli

Docente di Terapia manuale e rieducazione funzionale

Docente di Terapia manuale e rieducazione funzionale Prof. Antonino Mele Corso di Laurea in Fisioterapia Coordinatore delle attività teorico-pratiche Docente di Terapia manuale e rieducazione funzionale NASCITA DEI GRANDI CENTRI DI RIABILITAZIONE PER GLI

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia Corso di MEDICINA DEL LAVORO MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia Corso di MEDICINA DEL LAVORO MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia Corso di MEDICINA DEL LAVORO MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Definizione Azioni od operazioni comprendenti, non solo quelle

Dettagli

2010 2013 PATOLOGIA DEL FILUM TERMINALE ESPERIENZE E PROSPETTIVE. Centro Medico Mantia Presidio Ambulatoriale di Recupero e Riabilitazione Funzionale

2010 2013 PATOLOGIA DEL FILUM TERMINALE ESPERIENZE E PROSPETTIVE. Centro Medico Mantia Presidio Ambulatoriale di Recupero e Riabilitazione Funzionale 2010 2013 PATOLOGIA DEL FILUM TERMINALE ESPERIENZE E PROSPETTIVE Centro Medico Mantia Presidio Ambulatoriale di Recupero e Riabilitazione Funzionale www.centromedicomantia.it DIPARTIMENTO STUDI. Il Dipartimento

Dettagli

Misura vs. Valutazione. Valutazione quantitativa dell attività motoria. Misura

Misura vs. Valutazione. Valutazione quantitativa dell attività motoria. Misura Corso di Laurea specialistica in Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattate Valutazione quantitativa dell attività motoria A. Buizza A.A. 2009/10 Misura vs. Valutazione Misura = descrizione

Dettagli

Nordic Walking: la salute cammina con i bastoncini

Nordic Walking: la salute cammina con i bastoncini Università dell età libera 2014-2015 Conferenze di informazione salute e movimento Nordic Walking: la salute cammina con i bastoncini Indice INTRODUZIONE 23 ore e mezzo L ATTIVITA FISICA IL NORDIC WALKING

Dettagli

LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2

LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2 LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2 La narrazione autobiografica come progetto di cura nei pazienti uremici cronici L idea

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive effettuate all inizio dell attività, durante i controlli predefiniti

Dettagli

(modulo da compilare in stampatello) Il/la sottoscritto/a. Nato/a..Prov. il... Residente a Sesto San Giovanni Indirizzo.n. Telefono Cellulare.

(modulo da compilare in stampatello) Il/la sottoscritto/a. Nato/a..Prov. il... Residente a Sesto San Giovanni Indirizzo.n. Telefono Cellulare. DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DEL VOUCHER PER INTERVENTI VOLTI A MIGLIORARE LA QUALITA' DELLA VITA DELLE FAMIGLIE E DELLE PERSONE ANZIANE CON LIMITAZIONE DELL'AUTONOMIA (modulo da compilare in stampatello) DATI

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA

www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA Percorso riabilitativo che accompagna il paziente operato dal giorno dell intervento a quello della sua dimissione

Dettagli

Alcuni consigli pratici per migliorare la tua attività motoria

Alcuni consigli pratici per migliorare la tua attività motoria DiSMeB Alcuni consigli pratici per migliorare la tua attività motoria opuscolo realizzato nell ambito delle azioni del Progetto CCM 2012 Counseling motorio ed attività fisica quali azioni educativo-formative

Dettagli