Valutazione delle capacità di equilibrio in anziani dializzati e trapiantati renali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutazione delle capacità di equilibrio in anziani dializzati e trapiantati renali"

Transcript

1 Valutazione delle capacità di equilibrio in anziani dializzati e trapiantati renali Ario Federici 1, Grazia Mele 2, Manuela Valentini 2, Sergio Baldini 3, Cesare Bartolucci 1, Ivano Testa 4 1 Docente Facoltà di Scienze Motorie, Università Studi di Urbino Carlo Bo 2 Dottore in Scienze Motorie, Istituto di Ricerca Facoltà di Scienze Motorie Università Studi di Urbin 3 I.N.R.C.A. Ancona, Responsabile Nefrologia 4 Ordinario di Clinica Medica, Università Studi dell Aquila ABSTRACT Attività Motoria = Strumento di Salute per gli Anziani è la chiave di lettura di questo lavoro, che consiste in un indagine sperimentale di valutazione dell Equilibrio, e delle implicazioni di questo con l Andatura e l Autonomia, in anziani dializzati e trapiantati renali dell Ospedale I.N.R.C.A. di Ancona, U.O. Nefrologia e Dialisi. Operazione prioritaria, questa, per poter proporre un trattamento motorio mirato ad anziani con siffatte patologie e verificarne poi la ricaduta sullo stato di salute. L indagine ha evidenziato che buona parte di questi soggetti ha problemi per il mantenimento dell Equilibrio e di una postura corretta sia nei movimenti della quotidianità che in quelli specifici dell attività motoria. Oltre la metà è a rischio di caduta. Riteniamo importante rilevare che la prevenzione delle cadute può essere perseguita attraverso una rieducazione del senso dell Equilibrio e che quest ultima è possibile con un Attività Motoria mirata. Federici A, Mele G, Valentini M, Baldini S, Bartolucci C, Testa I Evaluation of balance in kidney-transplanted dialized and olden patients Ital J Sport Sci 2006: 13: "Motor Activity = Health s Tool for the Elderly" is the key of reading of this study, that centres on an experimentation of Balance Assessment, and of its implications with the Walking and the Autonomy, in dialyzed and kidney-transplanted elderly of Hospital I.N.R.C.A. of Ancona, U. O. Nephrology and Dialysis. A priority operation to propose a motor treatment for elderly with such pathologies and to verify then its effects on the "state of health." This experimentation has pointed out that many of these subjects have a deficit of balance and correct posture both in the movements of daily living and in the movements of motor activity. Most are at the risk of falling. We believe important to notice that "the falls prevention" can be pursued through "the re-education of the balance sense" and this is possible by an aimed Motor Activity. KEYWORDS: aging; balance; functional evaluation; kidney-transplantation INTRODUZIONE I. Invecchiamento e attività motoria L O.M.S. in Uses of Epidemiology in Aging del 1984 definisce la vecchiaia o senescenza come quel periodo di vita in cui la perdita delle funzioni mentali e/o fisiche diviene sempre più manifesta rispetto agli altri periodi della vita, e sceglie i 65 anni come età di riferimento. Ma l inizio della senescenza non può essere definito in termini biologici perché, contrariamente a quanto si ha nello sviluppo infantile, l involuzione senile è molto differenziata, dispersa nell arco di più decenni, e non permette perciò l individuazione di tappe cronologiche di riferimento. Nel definire il paradigma della vecchiaia sarebbe inoltre molto importante distinguere i danni dovuti alle malattie o allo stile di vita dai fenomeni propri dell invecchiamento; ma ciò è a tutt oggi un problema irrisolto. Grimley-Evans (1982) afferma che l invecchiamento normale non può essere né definito né misurato e che esiste una grande confusione sulla natura di alcune condizioni che la società e gli operatori chiamano per convenienza malattia. D altra parte, per gli anziani e le loro famiglie il sapere di avere una malattia, se non curabile, serve poco. Importa di più la capacità di continuare a gestirsi in maniera autonoma. Fra indice di mortalità e indice di morbilità, un altro indice è perciò di estremo inte- RASSEGNE E ARTICOLI VOL NUMERO

2 resse: l età d insorgenza della disabilità e la durata di questa prima della morte, cioè la speranza di vita attiva dell anziano. A questa speranza di vita attiva dà risposta l attività motoria. Molti studi hanno dimostrato gli effetti positivi dell esercizio fisico nell anziano, i più evidenti dei quali possono così riassumersi: - prevenzione dell osteoporosi; - prevenzione dell invecchiamento dei tessuti e degli organi vitali; - miglioramento della massima capacità aerobica; - riduzione dei rischi cardiovascolari; - aumento dell elasticità muscolare e della mobilità articolare; - miglioramento della funzione respiratoria; - aumento dell irrorazione sanguigna; - maggiore rapidità di contrazione e di rilassamento muscolare; - miglioramento del trofismo muscolare; - maggiore prontezza di riflessi; - miglioramento dell equilibrio e della coordinazione; - migliore funzionalità dei processi psicologici e cognitivi. Per contro, gli effetti negativi dell ipocinesia sono: - ipotrofia muscolare; - ipotrofia ossea; - aumento della frequenza del polso (a riposo e dopo esercizio); - aumento del consumo di O 2, del debito di questo e della lattacidemia; - deterioramento dei processi di aggiustamento della funzione cardiovascolare alla postura eretta; - scadimento del regime metabolico attraverso la negativizzazione del bilancio di bioelementi fondamentali come azoto, potassio, calcio, fosforo e zolfo; - disturbi psico-emotivi. Attorno alla metà del Novecento si è scoperto che molti anziani ricoverati in istituti potevano migliorare il loro livello di autosufficienza grazie a un semplice programma di esercizi motori. Si è anche osservato che l allettamento provocava una diminuzione del consumo di ossigeno e che questa poteva essere compensata con un adeguato programma di esercizi eseguibili a letto (Birkhead et al., 1964). L intervento teso a modificare gli effetti negativi della immobilizzazione fu definito con il termine riattivazione, che fu subito associato al concetto di geriatria (Antonini, 1973) in base all osservazione che molti aspetti legati all invecchiamento sono assimilabili a quelli prodotti dall inattività. In una rassegna sui mutamenti biologici dell invecchiamento Bortz (1980) ha poi dimostrato questa stretta somiglianza. Sulla base di alcuni dati sul consumo massimo di ossigeno (VO 2 66 max, riferibile alla capacità di compiere lavoro), che mostra un declino età-correlato dell 1% per anno, e di alcuni dati sugli effetti dell attività fisica ha calcolato che un programma di ricondizionamento all esercizio potrebbe recuperare un volume di VO2 max pari a quarant anni. II. Modificazioni morfo-funzionali nell anziano Con l invecchiamento, i vari organi e apparati fisici subiscono modificazioni morfo-funzionali di tipo involutivo/degenerativo. Focalizziamo l attenzione sui reni, poiché la nostra indagine si svolge in un Reparto di Nefrologia. È noto che la funzione principale dei reni consiste nel ripulire il plasma sanguigno da sostanze indesiderate (scarti del metabolismo azotato, solfati, fenoli). Inoltre essi intervengono nella regolazione della quantità di acqua ed elettroliti presenti nell organismo modificando, a seconda della necessità, la composizione delle urine. La massa dei reni decresce velocemente a partire dai 50 anni d età, con obliterazione dei glomeruli, riduzione del numero delle anse capillari glomerulari e progressiva cancellazione di intere unità nefroniche, con conseguente diminuzione delle capacità di questi organi. Nell ambito della patologia del rene, pesa molto l insufficienza renale. Essa determina uremia, ritenzione azotata che si ripercuote sul metabolismo dell acqua e degli elettroliti, spesso ipertensione arteriosa e decalcificazioni scheletriche, fino al coma uremico. Quando i sintomi clinici sono molto gravi, l unico mezzo capace di correggerli è la dialisi. Oggi l insufficienza renale grave può essere trattata con successo con il trapianto del rene. III. L equilibrio In una riflessione globale sulle modificazioni biofunzionali nell anziano, un attenzione particolare merita l equilibrio, capacità coordinativa speciale del nostro corpo strettamente collegata all efficienza del Sistema Nervoso Centrale ed a quella degli analizzatori (estero e propriocettori) recettori del sistema sensoriale. Con l invecchiamento la riduzione progressiva delle cellule del tronco encefalico e del cervelletto, la diminuzione della funzione dei propriocettori nelle articolazioni e nei muscoli oculari, le alterazioni degenerative del sacculo e dell otricolo nell orecchio interno e l ipostenia muscolare limitano la capacità della persona di controllare i movimenti del corpo, compresi i movimenti correttivi necessari quando il centro di gravità viene spostato da qualche forza esterna. Si instaura perciò un deficit dell equilibrio. Questo aumenta il rischio di caduta. ITALIAN JOURNAL of SPORT SCIENCES

3 Ogni anno un terzo degli anziani che vivono a casa cade (Perry, 1982) e la prevalenza delle cadute diviene molto più alta nei soggetti residenti in istituti (Rubenstein et al., 1988). La caduta provoca spesso la frattura del collo del femore, l immobilizzazione a letto e la morte precoce (Poor, Jacobsen e Melton, 1994). La prevenzione delle cadute potrà essere perseguita attraverso una rieducazione del senso dell equilibrio. Questa sarà ottenuta con un attività motoria mirata. IV. La misura dello stato di salute nell anziano Gli studi epidemiologici hanno evidenziato che un approccio biomedico ai problemi della salute degli anziani è di scarsa utilità. Già nel 1959 l OMS affermava che questa era meglio misurata in termini di funzione. Nel 1984 l OMS ha proposto come criterio di misura dello stato di salute degli anziani la perdita di autonomia, criterio ritenuto più adeguato rispetto alla diagnosi clinica se si assume come obiettivo di riferimento la qualità della vita e non solo il suo prolungamento. La capacità funzionale è generalmente misurata come capacità a compiere le attività della vita quotidiana (ADL = Activities of Daily Living), ovvero un insieme di attività necessarie per la cura personale e per una vita indipendente a livello domiciliare. Ma valutare solo gli indici di ADL appare restrittivo; Grimley-Evans (1984) ha suggerito che l autonomia va valutata in termini di misura della capacità di raggiungere obiettivi culturalmente appropriati. Perciò viene estesa la misura della capacità funzionale ad attività più complesse, le cosiddette attività strumentali della vita quotidiana (IADL = Istrumental Activities of Daily Living), in cui le variabili significative comprendono l insieme delle attività umane. Molti studi hanno dimostrato l efficacia di questi parametri nell identificazione di soggetti a rischio di disabilità o di mortalità a medio o breve termine. Ciò nonostante molti autori hanno segnalato i limiti metodologici delle IADL suggerendo che una buona valutazione dello stato funzionale richieda test che valutino in modo oggettivo una performance fisica (Guralnik et al., 1989). In questi casi la valutazione viene effettuata mediante l osservazione diretta, utilizzando criteri predeterminati che includono la ripetizione delle prove e la misura dell adeguatezza del tempo impiegato a effettuarle. Negli ultimi anni sono apparsi in letteratura numerosi strumenti di valutazione. La misura dello stato di salute dell anziano attraverso i test di valutazione funzionale è oggi uno strumento importante di diagnosi che si colloca utilmente accanto ai classici accertamenti clinici per poter approntare un piano d intervento, non medicalizzato, mirato a gestire al meglio le risorse residue dell anziano, migliorandone alcune funzioni o capacità. L INDAGINE PRESSO L OSPEDALE I.N.R.C.A. DI ANCONA Alla luce di quanto sopra, con l ausilio dei test di valutazione funzionale abbiamo misurato lo stato di salute di un gruppo di anziani ospiti dell Ospedale I.N.R.C.A. di Ancona, U.O. di Nefrologia e Dialisi, in termini di equilibrio, andatura e autonomia, come operazione basilare per la proposta ai medesimi di un Programma di esercizi motori personalizzato, con riguardo ai tipi di patologie che essi presentavano, per migliorarne la qualità della vita. I. Obiettivi Generali 1 aiutare a ritardare il processo d invecchiamento; 2 porre gli anziani nella condizione più adeguata per gestire i propri problemi di salute; 3 promuovere un modo nuovo di vivere la terza età; Obiettivi Specifici 1 l uso dei test di valutazione dell equilibrio e dell autonomia; 2 la misura, mediante i test, dello stato di salute in anziani dializzati e trapiantati renali, intesa al miglioramento della qualità della vita in esito a trattamento motorio mirato; 3 la prevenzione delle cadute attraverso il miglioramento dell equilibrio. II. Il Campione Il gruppo analizzato è costituito da 24 anziani così suddivisi: - un gruppo campione di 12 soggetti, 10 uomini e 2 donne, età dai 57 ai 72 anni (eccetto un caso di 91 anni), che si sottopongono a trattamento dialitico extracorporeo cronico; - un gruppo di controllo di 12 soggetti, 6 uomini e 6 donne, età dai 49 ai 73 anni, che hanno subito trapianto renale, considerati sani. Età media: 63 anni. I soggetti sono stati selezionati sulla base di dati clinici valutati dal dott. S. Baldini, responsabile del Reparto Nefrologia dell Ospedale di Ancona, e della libera adesione personale di ciascuno. III. Materiali Sono stati utilizzati: - SCHEDA DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE B.I.N.A. strumento di valutazione scientifica (la sigla significa Breve Indice sulla Non Autosufficienza) che consente una serie di misurazioni funzionali degli anziani. Utile non solo per conoscere i li- VOL NUMERO

4 68 velli di autonomia funzionali ma anche per individuare il programma specifico d intervento. - TEST DI VALUTAZIONE DELL EQUILIBRIO E DEL- L ANDATURA ROMBERG TEST: prova molto nota in letteratura per rilevare i disturbi dell equilibrio. Un soggetto affetto da lesione labirintica posto sull attenti riesce a mantenere l equilibrio ad occhi aperti, mentre tende a cadere se li chiude. Con una più grave lesione propriocettiva o vestibolare, o con una lesione cerebellare causante instabilità del tronco, egli non è in grado di mantenere la posizione perfino con gli occhi aperti. TEST DI ROMBERG MODIFICATO (BALANCE ASSES- SMENT): l anziano assume diverse posizioni da in piedi, prima ad occhi aperti poi ad occhi chiusi. Durante ogni movimento è osservata la stabilità e si chiede al paziente: Ti senti stabile?. Una leggera spinta allo sterno aiuta a verificare il riflesso allo spostamento. Ciò permette una stima dell equilibrio e può evidenziare i fattori causa dell instabilità (problemi ai piedi, osteoartriti, debolezza muscolare, neuropatie periferiche). Le posizioni di partenza dei piedi sono: - piedi confortevolmente separati; - piedi uniti; - piedi leggermente uno avanti l altro (tallone di uno - collo del piede dell altro); - piedi uno davanti l altro (tallone di uno - avampiede dell altro). GET-UP AND GO TEST (Author: S. Mathias, U.S.L. Nayak, B. Isaacs ): sviluppato per essere una soddisfacente misura clinica dell equilibrio in movimento negli anziani. Il test richiede di alzarsi da una sedia (a schienale dritto e alto, con braccioli) posta a tre metri da una parete, preferibilmente senza l uso dei braccioli, rimanere in piedi momentaneamente, quindi camminare verso la parete, girarsi su se stessi senza toccare la parete, ritornare alla posizione iniziale e risedersi. La funzione dell equilibrio è rappresentata su una scala di cinque punti: 1 equilibrio normale; 2 leggero disequilibrio; 3 medio disequilibrio; 4 equilibrio anormale; 5 equilibrio molto anormale. Il paziente con 3 o più punti è a rischio di caduta. TIMED GET-UP AND GO TEST (Author: D. Podsiadlo, S. Richardson ): versione modificata del Get-up and Go Test, perché cronometrato. Il che permette una serie di confronti. I soggetti sono cronometrati in secondi a partire dalla posizione seduta fino al ritorno alla stessa, dopo aver percorso i tre metri in andata e in ritorno. Chi impiega meno di 20 di solito è autonomo negli spostamenti di base, nel farsi il bagno, salire le scale ed uscire di casa da solo. Invece chi impiega 30 o più, necessita dell aiuto altrui per gli spostamenti di base; nessuno è in grado di uscire da solo. La performance è suddivisa in una scala da 1 a 5 in accordo con la percezione del rischio di caduta da parte dell osservatore. WALKING TEST: specifico per la valutazione dell andatura. Si osservano e si misurano le oscillazioni del soggetto nella deambulazione. Alcune anormalità di oscillazione vengono evidenziate come predittori di cadute ricorrenti: - insicuri o incompleti spostamenti; - barcollamenti nei giri; - passi piccoli e discontinui; - ritardi sconvenienti; - movimenti insicuri; - eccessive oscillazioni o flessioni del tronco. TEST DI TINETTI: di valutazione sia dell equilibrio sia dell andatura. L anziano è seduto su una sedia dura senza braccioli. Gli viene chiesto di alzarsi senza l aiuto delle braccia e camminare da un lato all altro della stanza. Vengono testate diverse manovre. Per l equilibrio: equilibrio da seduto; alzarsi dalla sedia; tentativo di alzarsi; equilibrio nella stazione eretta (primi 5 ); equilibrio nella stazione eretta prolungata; Romberg; Romberg sensibilizzato; girarsi di 360 ; sedersi. Per l andatura: inizio della deambulazione; lunghezza e altezza del passo; simmetria del passo; continuità del passo; traiettoria; tronco; cammino. Durante la valutazione dell andatura si possono usare gli usuali sussidi (bastone, girello, ecc.). Il punteggio totale si calcola con la somma dei punti dei singoli test di equilibrio e andatura. Un punteggio inferiore a 19/28 indica elevato rischio di caduta. - TEST DI VALUTAZIONE DELL AUTONOMIA: le Scale universalmente riconosciute A.D.L. e I.A.D.L., che si basano sull individuazione di abilità assenti o presenti in tutto o in parte. Per le A.D.L. si valutano: fare il bagno (vasca, doccia, spugnature); vestirsi (prendere vestiti da armadio o cassetti, indossare biancheria intima e vestiti, usare bretelle e allacciature); toilette (andare in bagno per la minzione o l evacuazione, pulirsi, rivestirsi); spostarsi; continenza feci e urine; alimentazione. Per le I.A.D.L.: abilità a usare il telefono; fare la spesa; preparare i pasti; cura della casa; fare il bucato; spostamenti fuori casa; assunzione dei propri farmaci; uso del proprio denaro. Sono stati altresì utilizzati: ITALIAN JOURNAL of SPORT SCIENCES

5 - TABELLE di rilevamento dati: dove in ordinata sono riportati i nomi dei pazienti (in codice, per ragioni di privacy) ed in ascissa i punteggi totalizzati da ciascuno in sede di misurazione. - GRAFICI di elaborazione dati. IV. Protocollo di lavoro Il lavoro è stato impostato valutando preventivamente la condizione psicofisica di ciascun anziano e relative patologie (anamnesi). Si è iniziato perciò con la compilazione della scheda B.I.N.A., in cui sono stati registrati i dati anagrafici del paziente, le principali patologie e il tipo di terapia cui è sottoposto. Dopo di ciò si è proceduto alla valutazione dello stato funzionale attraverso la somministrazione dei test di valutazione dell equilibrio e dell andatura e le Scale di misurazione dell Autonomia A.D.L. e I.A.D.L.. I test sono stati scelti fra i più noti e validati per il possesso dei requisiti richiesti per essere considerati strumenti di valutazione appropriati, e cioè: oggettività, fedeltà, sensibilità, scientificità, attendibilità. Di ogni test sono state eseguite tre ripetizioni. I dializzati sono stati sottoposti ai test prima della dialisi al fine di evitare alterazioni dei dati. I dati testati sono stati riportati in apposite Tabelle ed elaborati attraverso opportuni Grafici. In ogni seduta di lavoro, procedendo nell osservazione del soggetto sono state impartite opportune istruzioni teorico/pratiche per correggere o migliorare equilibrio e andatura mediante facili esercizi motori da eseguirsi nel corso della seduta stessa. Successivamente, in base ai risultati della valutazione, è stato proposto ad ognuno un programma di attività motoria personalizzato da eseguirsi autonomamente a domicilio e/o in palestra (per ovvi motivi di spazio e di tempo presso la struttura ospitante) in sedute di allenamento bisettimanali di un ora ciascuna per la durata di tre mesi. Questo programma consta di una serie di esercizi elaborati per includere un movimento pianificato, ripetitivo e di qualità, che rompesse gli schemi di movimento anomali, laddove si fossero instaurati, e ne stabilisse di nuovi, corretti, oppure, viceversa, potenziasse gli schemi di movimento di per sé corretti. Il primo obiettivo del programma motorio è stato la prevenzione, per ridurre gli episodi algici e modificare le abitudini posturali scorrette acquisite negli anni, alleviando i problemi connessi alla dialisi nei pazienti dializzati. Il secondo obiettivo è stato la rieducazione statico-dinamica dell equilibrio, riportando il soggetto ad una funzionalità la più normale possibile. Gli obiettivi trasversali sono stati quelli di prevenire le cadute e di migliorare la qualità della vita. Gli esercizi proposti sono stati finalizzati a: - rilassamento e detensione ove era importante indurre al soggetto uno stato di rilassamento volontario e controllato, per evitare l aggravarsi delle tensioni; - mobilità e allungamento concentrati su quei muscoli che, essendo poco estensibili, comportano un eccessivo carico di lavoro della colonna vertebrale e compromettono la biomeccanica corporea che ne risulta seriamente turbata; - postura, consistenti nella percezione dei rapporti statici e cinetici dei vari segmenti nelle differenti posizioni e in diversi momenti attraverso la sensibilità muscolare e articolare, per poi ottenere un buon controllo del nuovo movimento e poterlo integrare nel corso della vita quotidiana. Il soggetto, grazie ad un maggior controllo, sensibilità ed indipendenza dei segmenti articolari, è in grado di mantenere la posizione eretta o seduta per tempi prolungati e ripetitivi, senza che vi siano premature manifestazioni dolorose o sintomi di fatica durante l arco della giornata; - trofismo: per aumentare la forza di specifici muscoli e migliorare il ruolo della stabilità dinamica, fornendo un maggior controllo statico ai segmenti del rachide e del bacino durante le posture e i movimenti funzionali. Sono stati previsti esercizi più semplici per gli anziani digiuni di attività motoria e/o con patologie invalidanti, esercizi più complessi per gli anziani con quadro clinico meno severo e/o con familiarità con l attività motoria e, in qualche caso, con la pratica sportiva. V. Le sedute di lavoro Sono state tenute 24 sedute, una per paziente, di 60 minuti circa ciascuna, con criteri e modalità operative definiti in un apposita Unità Didattica. Periodo: marzo - maggio 2005 Caratteristiche dell ambiente di lavoro: stanza medicheria, 6m. x 5m. Assistenza: diretta Correzione: diretta e indiretta Attrezzi: non codificati o di fortuna (sedia dura senza braccioli; poltrona con braccioli; suolo; stanza; cronometro; telefono). ELABORAZIONE E DISCUSSIONE DEI DATI Dalle Tabelle di rilevamento dati risulta che: Romberg Test/Dializzati: su 12 soggetti solo 2 hanno equilibrio normale; 3 manifestano leggero disequilibrio, ben 6 soffrono di medio disequilibrio e 1 di grave disequilibrio - per un totale di 7 soggetti a rischio di caduta Romberg Modificato/Dializzati: stessi risultati del Romberg Test VOL NUMERO

6 Get-up and Go Test/Dializzati: sempre 2 i soggetti con equilibrio normale e 3 con leggero disequilibrio; 5 presentano medio disequilibrio e 2 grave disequilibrio - con 7 soggetti a rischio di caduta Timed Get-up and Go Test/Dializzati: la performance, in scala da 1 a 5 in accordo con la percezione di rischio di caduta da parte dell osservatore, è valutata 1 (normale) per 2 soggetti, 2 (mediocre) per 4 soggetti, 3 (insufficiente) per 4 soggetti, 4 (gravemente insuff.) per 2 soggetti - con 6 soggetti a rischio di caduta Walking Test/Dializzati: per 2 soggetti l andatura è normale, per 3 è leggermente insicura, per 4 mediamente insicura e per 2 anormale - con 6 soggetti a rischio di caduta (con numerosi predittori di caduta) Test di Tinetti/Dializzati: per 7 soggetti il punteggio totale (equilibrio + andatura) < 19/28 indica elevato rischio di caduta Test ADL+IADL/Dializzati: dei 12 soggetti la metà non è del tutto autonoma, con 2 soggetti gravemente disabili Romberg Test/Trapiantati: su 12 soggetti solo 1 ha equilibrio normale; 3 manifestano leggero disequilibrio, ben 6 soffrono di medio disequilibrio e 2 di grave disequilibrio - per un totale di 8 soggetti a rischio di caduta Romberg Modificato/Trapiantati: equilibrio normale sempre per 1 soggetto; leggero disequilibrio per 4 soggetti; medio disequilibrio per 5 e grave disequilibrio per 2 soggetti - con 7 soggetti a rischio di caduta Get-up and Go Test/Trapiantati: la funzione dell equilibrio in movimento è normale per 2 soggetti, di leggero disequilibrio per 1 soggetto, di medio disequilibrio per 7 e di grave disequilibrio per 2 soggetti - con 9 soggetti a rischio di caduta Timed Get-up and Go Test/Trapiantati: la performance è valutata 1 (normale) per 2 soggetti, 2 (mediocre) per 2 soggetti, 3 (insufficiente) per 6 e 4 (gravemente insuff.) per 2 soggetti - con 8 soggetti a rischio di caduta Walking Test/Trapiantati: 2 soggetti hanno andatura normale, 1 soggetto andatura leggermente insicura, 7 soggetti andatura mediamente insicura e 2 anormale - con 9 soggetti a rischio di caduta Test di Tinetti/Trapiantati: per 7 soggetti il punteggio totale (equilibrio + andatura) <19/28 indica elevato rischio di caduta Test ADL+IADL/Trapiantati: dei 12 soggetti la metà non è del tutto autonoma, con 5 soggetti leggermente disabili e 1 soggetto mediamente disabile. Prima per i dializzati poi per i trapiantati gli areogrammi che seguono evidenziano le disabilità in per- 70 centuale, gli istogrammi evidenziano i rapporti etàequilibrio e età-autonomia. Dall analisi dei dati discendono le seguenti considerazioni: i test utilizzati sono strumenti di valutazione appropriati. Essi sono oggettivi (l operatore si limita a registrare le azioni e le risposte del paziente), validi (risultati coerenti fra test diversi che vagliano la stessa variabile per lo stesso soggetto), fedeli (i valori del questionario non cambiano se riproposti allo stesso soggetto), sensibili (discriminano leggere variazioni di approccio alla variabile da valutare); la maggior parte degli anziani testati ha disturbi dell equilibrio nonché di postura e andatura; oltre la metà è a rischio di caduta; le donne, a parità d età, hanno più problemi degli uomini, specialmente di tipo osteo-articolare, con evidenti ripercussioni su equilibrio, postura e andatura; non vi sono differenze di risultati significative fra soggetti di età diversa all interno dello stesso gruppo né fra soggetti di gruppo diverso (dializzati/trapiantati) sebbene il gruppo-trapiantati sia relativamente più giovane e, per via del trapianto, in linea di principio sano. Tali risultati possono ritenersi abbastanza attendibili, se si considera che: - a parità d età, i dializzati presentano un quadro clinico diverso da soggetto a soggetto per via di altre patologie in aggiunta a quella renale (v. scheda B.I.N.A.) e hanno stili di vita diversi (ad es. alcuni frequentano palestre o praticano o hanno praticato sport); - i trapiantati, considerati sani, di fatto non lo sono per la presenza di altre patologie differenti da quella renale, che danno un quadro clinico spesso non meno severo di quello dei dializzati. È inoltre ipotizzabile - e vari studi lo confermano - che la cronicizzazione di una patologia (nel nostro caso quella renale, da cui, comunque, questi soggetti provengono) in anziani instauri meccanismi invalidanti difficili da rimuovere anche dopo la guarigione dalla patologia. Tutto ciò a riprova del fatto, risultante da tanta letteratura scientifica, che: l invecchiamento è qualcosa di estremamente soggettivo e influenzabile da una vasta serie di fattori raggruppabili in quattro categorie: 1. cause genetiche; 2. non uso o cattivo uso di una funzione/attitudine durante la crescita e l età adulta; 3. fattori di rischio (alimentari, alcool, tabacco, stress vita quotidiana); 4. malattie intercorrenti. ITALIAN JOURNAL of SPORT SCIENCES

7 VOL NUMERO

8 CONCLUSIONI L equilibrio è una capacità che viene costantemente sollecitata nelle situazioni statiche e dinamiche dell individuo, specialmente nella stazione eretta ma anche in tutte le altre posizioni. Un dato oggettivo emerge dalla nostra indagine: gli anziani soffrono di deficit dell equilibrio e questo è anticipato e/o accentuato dal trattamento dialitico extracorporeo cronico (in atto e pregresso). Ciò conferma i dati della letteratura scientifica, in cui si riporta che il mantenimento dell equilibrio è strettamente collegato con l efficienza di alcuni organi. L equilibrio con l invecchiamento tende a diminuire e la malattia ne accelera il processo di deterioramento. La rieducazione del senso dell equilibrio è allora un obiettivo di riferimento ineludibile per la qualità della vita dell anziano, poiché persegue la prevenzione delle cadute (e disabilità collegate) e preserva l autonomia. A ciò si è mirato con le proposte di attività motoria agli anziani. Per quanto abbiamo potuto constatare di persona nonché dalle testimonianze dei pazienti, questa sperimentazione è stata efficace. Tutti gli anziani selezionati hanno completato la serie di test previsti e si sono allenati secondo istruzioni. Alcuni hanno riportato subito miglioramenti della postura, della deambulazione, dell equilibrio statico e dinamico. Ad un mese dall inizio dell allenamento, molti assicuravano di sentirsi più agili nei movimenti e più sicuri nel camminare. Tutti hanno riportato un miglioramento a livello psichico, il che non è comunque di poco conto. Riteniamo molto importante sapere che l equilibrio è potenzialmente migliorabile e che la sua rieducazione è perseguibile con un attività motoria mirata. Le attività dovranno sollecitare i movimenti del capo e del collo, spostamenti del baricentro in tutte le direzioni rispetto alla base d appoggio, nonché potenziare gli altri fattori che contribuiscono al mantenimento dell equilibrio come la coordinazione, la mobilità articolare, la prontezza e precisione della risposta, la padronanza dei rapporti con lo spazio e l equilibrio rispetto agli oggetti in situazioni dinamiche, la propriocezione. Un valido apporto è dato dalla ginnastica dolce, la cui tecnica comporta l ascolto delle sensazioni corporee della distensione delle masse muscolari, della mobilità articolare, della interdipendenza dei segmenti corporei. Per questo l attività motoria, adeguata alle necessità del soggetto, è un vero e proprio strumento di salute per l anziano. Il chinesiologo ha questo compito nel progetto della rieducazione funzionale al servizio della persona, per migliorare la qualità della vita e dell inalienabile dignità umana: perché sia realtà 72 l aforisma di G. Piersol Abbiamo aggiunto anni alla vita. Aggiungiamo vita agli anni!. BIBLIOGRAFIA Testi italiani Antonini F.M. - Fumagalli C., Geriatria e Gerontologia, Ed. Wassermann, Milano Balboni G.C., Bastianini A., Brizzi E., Castorina S., Comparini L., Donato R.F., Filogamo G., Fusaroli P. et Al., Anatomia Umana, voll. 4, Edi-Ermes, Milano Baroni A., La riabilitazione geriatrica, Ed. La Nuova Italia Scientifica, Roma Bellero O., Fabris S. et Al., L anziano, il corpo e il movimento, Ed. La Nuova Italia Scientifica, Belmuso L., Imeroni A., Troletti G., Attività motoria con anziani, Ed. Edi-Ermes, Berloffa G. (Presidente U.N.C.), Professione Chinesiologo, Ed. GGallery s.r.l., Genova Boumil K., 1200 esercizi di ginnastica, Ed. S.S.S., Roma Cappellini O., Cinesiologia clinica 3, statica e deambulazione patologiche, Argalia Editore, Urbino. Cecchini E., Teoria, tecnica e didattica dell attività motoria preventiva e conservativa, materiali ad uso degli studenti, A. A Ciammaroni E., La riabilitazione in poltrona, Società Sportiva, Crea F., Psicomotricità e riabilitazione nella terza età, Ed. Esculapio, Bologna Farnetti P., Terapia fisica e riabilitazione, Ed. Wasserman, Milano Federici A., Una vita in cammino, Progettazione di attività motorie per la terza età, Ed. Montefeltro, Urbino Federici A., Dardanello R., La prevenzione delle cadute nell anziano, Ed. Montefeltro, Urbino Federici A., di Muro F., L attività nella prevenzione del dolore lombare, Quaderni di attività motoria, Ed. Montefeltro, Urbino Federici A., Valentini M., Tonini Cardinali C., Sportivamente anziano, Proposte motorie per la terza età, Ed. Montefeltro, Urbino Franci A., Validità e affidabilità delle scale di dipendenza di anziani disabili, in Metodologie per operatori della salute, Centro Ricerca e Formazione, CEREF Summa, Padova Guidetti G., Monzani D., I disturbi dell equilibrio di origine propriocettiva, in Guidetti G. (ed.), Diagnosi e terapia ITALIAN JOURNAL of SPORT SCIENCES

9 dei disturbi dell equilibrio, Ed. Marrapese, pp , Roma Imeroni A., L attività motoria nella grande età, Ed. Carrocci, Kottke F.J., Trattato di terapia fisica e riabilitazione, Ed. Verducci, Lumia V., Angeloni A., L anziano in movimento, Ed. S.S.S., Roma, Testi stranieri Allum J.H.J., Keshner E.A., Vestibular and Proprioceptive Control of Sway Stabilization, in W. Bless, T. Brandt (eds.), Disorders of Posture and Gait, Elsevier, Amsterdam, New York, Oxford, pp , Beauvoir S., La viellesse, la terza età, trad. Bruno Fanzi, Einaudi, Torino Bortz W., Effect of Exercise on Aging - Effect of Aging on Exercise, in J. Am. Ger. Soc., 28, pp , Brock D.B., Evans D., Lemmke G.H., Berckman L., Branch L. et Al., Multicenter Longitudinal Studies of Functional Disability and 2-Years Mortality among Community elderly, Paper presented at the annual meeting of the Society for Epidemiologic Research, Pittsburg, PA, Capodoglio P., Narici M.V., Physical activity in the elderly, Mangeri Fond. Books, Pavia Dietz V., Afferent and Efferent Control of Posture and Gait, in W. Bless, T. Brandt (eds.), Disorders of Posture and Gait, Elsevier, Amsterdam, New York, Oxford, p. 69, Ferrucci L., Guralnik J.M., Baroni A., Tesi G., Antonini F.M., Marchionni N., Value of Combined Assessment of Physical Health and Functional Status in Comunity-Dwelling Aged: A Prospective Study in Florence-Italy, in Journal of Gerontology, vol. 46, 2, pp. 51-6, Ford A.B., Folmar S.J., Salmon R.B., Medalie J.H., Roy A.W., Galazka S.S., Health and Function in the Old and Very Old, in JAGS, 36, pp , Greenwood R., Hopkins A., Motor control during stepping and falling in man, in J.E. Desmedt (ed.), Progress in Clinical Neurophisiology, vol. 8, Spinal and Supraspinal Mechanisms of Voluntary Motor Control and Locomotion, Karger, Basel, pp , Grimley-Evans J., Prevention of Age-Associated Loss of Autonomy: Epidemiological Approaches, in J. Chron. Dis., 37, pp , Lawton M.P., Brody E.M., Assesment of Older People: Self Maintaining and Instrumental Activities of Daily Living, in Gerontologist, 9, pp , Riviste Anziani Oggi, trimestrale, Ed.Università Cattolica del Sacro Cuore, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Cattedra di Geriatria, Roma, N 4 anno II 1984, N 2 anno II 1989, N 3 anno II Bandinelli S., Panzer V.P. et Al., An Analysis of the Influence of Aging on up Right Stance, XIV International Congress of Gerontology, Acapulco, giugno Chinesiologia, quadrimestrale di Scienze Motorie, Unione Nazionale Chinesiologi, Cuneo, Issn , N 1, Documento del Convegno internazionale Università Cattolica, Roma, giugno 1988, Non autosufficienza dell anziano. Strategie operative e Sistema Sanitario Nazionale a confronto, in Giorn. Geront., 36, p S.I.S.M., Coaching and Sport Science Journal, Roma Who, Uses of Epidemiology in Aging (Technical Report Series N 706), Geneva VOL NUMERO

I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO

I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO I PRINCIPALI STRUMENTI PER L IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI A RISCHIO Traduzione Angela Corbella Si riportano i principali strumenti descritti nelle Linee Guida NICE 1 (National Institute for Clinical Excellence)

Dettagli

L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE

L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE Corso di Formazione ATTIVITÀ MOTORIA ED ESERCIZIO FUNZIONALE NEI GRANDI ADULTI Milano, 5 Ottobre 2013 L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE Filippini Federico Dottore Magistrale

Dettagli

Guida sulla prevenzione delle cadute delle persone fragili

Guida sulla prevenzione delle cadute delle persone fragili CENTRO DI RIABILITAZIONE VIA BOLZANO 1 B GENOVA TEL. 010 3203600 www.gruppofides.it Guida sulla prevenzione delle cadute delle persone fragili Dott.ssa Renata Carro Fisioterapista Cadute in casa delle

Dettagli

Per il calcolo dell indice ADL (ACTIVITIES OF DAILY LIVING) si ricorre a una scala semplificata che prevede l assegnazione di un punto per ciascuna

Per il calcolo dell indice ADL (ACTIVITIES OF DAILY LIVING) si ricorre a una scala semplificata che prevede l assegnazione di un punto per ciascuna Per il calcolo dell indice ADL (ACTIVITIES OF DAILY LIVING) si ricorre a una scala semplificata che prevede l assegnazione di un punto per ciascuna funzione indipendente così da ottenere un risultato totale

Dettagli

APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento

APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento INFERMIERISTICA CLINICA IN AREE SPECIALISTICHE - INTEGRATIVO INFERMIERISTICA IN AREA GERIATRICA A. A. 2009/2010 Dott. ssa Margherita Andrigo Portogruaro APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento

Dettagli

LA CADUTA DELL ANZIANO

LA CADUTA DELL ANZIANO LA CADUTA DELL ANZIANO A cura di: Dott. ssa E. Sartarelli Dott. S. Cittadini Possiamo definire EQUILIBRIO con le parole del Prof. Giorgio Guidetti come il rapporto ottimale tra un soggetto e l ambiente

Dettagli

53 Congresso Nazionale Sigg L Italia? Non è un paese per vecchi 7 Corso di Riabilitazione geriatrica: un approccio globale Firenze 26/29-11-2008

53 Congresso Nazionale Sigg L Italia? Non è un paese per vecchi 7 Corso di Riabilitazione geriatrica: un approccio globale Firenze 26/29-11-2008 53 Congresso Nazionale Sigg L Italia? Non è un paese per vecchi 7 Corso di Riabilitazione geriatrica: un approccio globale Firenze 26/29--28 Linee guida T.O. C Cotroneo T.O. M. Quadrana, T.O. D. russo

Dettagli

Le CAdute non SPIegaTe nell Anziano

Le CAdute non SPIegaTe nell Anziano Le CAdute non SPIegaTe nell Anziano Linee Guida ESC Update 2004 Reale o apparente perdita di coscienza Anamnesi, esame obiettivo, PA clino e orto, ECG standard Sincope (ipoperfusione cerebrale globale)

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553 UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO Facoltà di scienze della formazione Corso di Laurea in Scienze E Tecniche Delle Attività Motorie Preventive e Adattate CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE

Dettagli

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996 SCHEDA 4 Le Linee guida di Heidelberg per la promozione dell attività fisica per le persone anziane (The Heidelberg Guidelines for promoting physical activity among older persons) Quarto Congresso Internazionale

Dettagli

UOC di Medicina Riabilita0va Dire%ore Dr. Oriano Mercante M.D. a cura di: Roberta Ansevini Guglielmina Aloisi

UOC di Medicina Riabilita0va Dire%ore Dr. Oriano Mercante M.D. a cura di: Roberta Ansevini Guglielmina Aloisi UOC di Medicina Riabilita0va Dire%ore Dr. Oriano Mercante M.D. a cura di: Roberta Ansevini Guglielmina Aloisi OSTEOPOROSI PATOLOGIA SISTEMICA E PROGRESSIVA DELLO SCHELETRO CON DIMINUZIONE DELLA MASSA OSSEA,

Dettagli

Test di prestazione fisica nell anziano

Test di prestazione fisica nell anziano Lezioni 9 & 10 Test di prestazione fisica nell anziano La valutazione funzionale dell efficienza fisica dell anziano può essere attuata mediante scale di autovalutazione quindi attraverso l uso di un questionario,

Dettagli

Misura vs. Valutazione. Valutazione quantitativa dell attività motoria. Misura

Misura vs. Valutazione. Valutazione quantitativa dell attività motoria. Misura Corso di Laurea specialistica in Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattate Valutazione quantitativa dell attività motoria A. Buizza A.A. 2009/10 Misura vs. Valutazione Misura = descrizione

Dettagli

PROGETTO ANZIANI FRAGILI

PROGETTO ANZIANI FRAGILI CENTRO BERNSTEIN VERONA PROGETTO ANZIANI FRAGILI responsabile del progetto: MENEGHINI DARIO COS E L INVECCHIAMENTO? COSA COMPORTA? Invecchiamento: difficoltà nel rispondere adeguatamente agli stimoli di

Dettagli

La valutazione del rischio di caduta e la prevenzione

La valutazione del rischio di caduta e la prevenzione Corso di aggiornamento per medici, infermieri e fisioterapisti Acuzie e cronicità in Casa di Riposo La valutazione del rischio di caduta e la prevenzione Ft Barbara Bazoli Casa di Riposo S.Francesca Cabrini

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA

EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA Ft GABRIELLA PISU Dipartimento Recupero e Riabilitazione Funzionale A.S.O. CTO-M.Adelaide Direttore: Dott.ssa M.V. Actis 2 Corso

Dettagli

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA GOTTIN Maurizio - Responsabile SSD Medicina Sportiva ASL TO4 Referente

Dettagli

L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A

L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A Daniele Roccetti L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A - equilibrio statico e dinamico - sensori cervicali - labirinto - cervelletto - occhi - plesso solare - cervicale - circolazione - problemi articolari

Dettagli

CHE COSA SI INTENDE PER "ATTIVITÀ FISICA"?

CHE COSA SI INTENDE PER ATTIVITÀ FISICA? LA SALUTE La salute viene definita dall'o.m.s. come "uno stato di equilibrio bio-chimico, psico-fisico ed affettivo-relazionale". Quando tutte queste componenti sono in equilibrio, allora si può affermare

Dettagli

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1 Il team riabilitativo www.ilfisiatra.it 1 TEAM Riabilitativo Fisiatra Fisioterapista Altri medici Infermiere Bioingegnere Psicologo Paziente Terapista occupazionale Logopedista Assistente sociale Educatore

Dettagli

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore.

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. All interno di un moderno programma di rieducazione funzionale è necessario porre particolare attenzione alla fase iniziale di recupero

Dettagli

L intervento riabilitativo nel paziente con SLA SLA 2010 DALLA RICERCA ALLE CURE PALLIATIVE -30 ottobre 2010- Livia Colla SOC Medicina Riabilitativa-P.O.Casale M.to- ASLAL Riabilitazione un processo di

Dettagli

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA!

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! Piano Regionale della Prevenzione 2010-12 Progetto 2.3.1A Interventi di comunicazione ed iniziative organizzate miranti a promuovere l attività

Dettagli

in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH:

in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH: I t a l b i o f o r m a in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH: corso teorico-pratico sull osteoporosi postmenopausale Monza (MI) 26/05/2007

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE. Cibo e Salute: Giornata di prevenzione dell Osteoporosi della CRI.

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE. Cibo e Salute: Giornata di prevenzione dell Osteoporosi della CRI. CROCE ROSSA ITALIANA SCHEDA DI APPROFONDIMENTO Il Consigliere del Presidente Nazionale Prof. Giuliano Da Villa Cell. 3355499265 e-mail: ciboesalute@cri.it CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE Cibo e

Dettagli

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA!

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! Piano Regionale della Prevenzione 2010-12 Progetto 2.3.1A Interventi di comunicazione ed iniziative organizzate miranti a promuovere l attività

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz Fragilità e autosufficienza Definizione di disabilità Prevalenza di disabilità Definizione di fragilità Fisiopatologia della fragilità Clinica della fragilità Interventi assistenziali www.fisiokinesiterapia.biz

Dettagli

L Analisi del movimento

L Analisi del movimento L Analisi del movimento L Analisi del movimento Qualunque aspetto del movimento umano si voglia studiare, per prima cosa occorre osservarlo (Galileo) L Analisi del movimento E quella disciplina scientifica

Dettagli

Laureata in Scienze della Riabilitazione, Specializzata in Rieducazione Vestibolare e rieducazione posturale secondo Mezieres

Laureata in Scienze della Riabilitazione, Specializzata in Rieducazione Vestibolare e rieducazione posturale secondo Mezieres A cura di Rossana Tatangelo dott.ssa in Fisioterapia Laureata in Scienze della Riabilitazione, Specializzata in Rieducazione Vestibolare e rieducazione posturale secondo Mezieres Controllo antigravitario

Dettagli

ANALISI STRUTTURATA DEL PROGETTO

ANALISI STRUTTURATA DEL PROGETTO Linea ID 0: La presa in carico della disabilità: percorsi e strutture TITOLO: Messa a regime nelle regioni italiane di un sistema di monitoraggio sullo stato di salute della popolazione anziana in particolare

Dettagli

Chi sono i nostri utenti

Chi sono i nostri utenti Chi sono i nostri utenti anziani con età > 65/70 anni Con polipatologie Con cadute ripetute in anamnesi Già con storia di fr. di femore Con accidenti del sistema cardiovascolare Con esiti di ictus cerebri

Dettagli

RESPONSABILITA PROFESSIONALE E RACCOMANDAZIONI MINISTERIALI:

RESPONSABILITA PROFESSIONALE E RACCOMANDAZIONI MINISTERIALI: RESPONSABILITA PROFESSIONALE E RACCOMANDAZIONI MINISTERIALI: il caso della prevenzione e gestione della caduta del paziente nelle strutture sanitarie 2 edizione 15 Novembre 2012 Ministero della Salute

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

Movimento e fisioterapia

Movimento e fisioterapia Movimento e fisioterapia Spesso il primo sintomo della Malattia di Pompe è la debolezza dei muscoli utilizzati per camminare. È possibile che i bambini nel primo anno di età appaiano ipotonici o non siano

Dettagli

REGOLAMENTO ALLOGGI CON SERVIZI PIAZZA ALLENDE n.7, RONCOFREDDO

REGOLAMENTO ALLOGGI CON SERVIZI PIAZZA ALLENDE n.7, RONCOFREDDO ASP DEL RUBICONE VIA MANZONI 19 SAN MAURO PASCOLI Prot. n. 2989 del 22/10/2012 REGOLAMENTO ALLOGGI CON SERVIZI PIAZZA ALLENDE n.7, RONCOFREDDO 1 TURA E FILITA DEL SERVIZIO Gli alloggi con servizi sono

Dettagli

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich Attività Adattata Lezione 1 a.a. 2013-2014 Monica Emma Liubicich Secondo le Nazioni Unite i disabili nel mondo sono 650 milioni: 10% della popolazione In Italia circa 3.000.000, il 4,8% della popolazione

Dettagli

Caso Clinico: Gestione Territoriale di un Paziente Fragile tramite la Rete delle Cure Intermedie

Caso Clinico: Gestione Territoriale di un Paziente Fragile tramite la Rete delle Cure Intermedie Caso Clinico: Gestione Territoriale di un Paziente Fragile tramite la Rete delle Cure Intermedie Dott. Federico Bontardelli Medico in Formazione in Medicina Generale CR, 89 anni Viene in Ambulatorio il

Dettagli

Il servizio sociale in dialisi. GAETANO BARRA assistente sociale

Il servizio sociale in dialisi. GAETANO BARRA assistente sociale Il servizio sociale in dialisi GAETANO BARRA assistente sociale Il servizio sociale con gli emodializzati Il servizio sociale nel reparto di emodialisi è un serio momento di riflessione sulla patologia

Dettagli

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE PROBLEMI FISICI DEL DISABILE Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita Classificazione malattie (eziologia, clinica) nell ICD della Organizzazione Mondiale Sanità 1970 Non riportata

Dettagli

Quali sono le malattie reumatiche più importanti?

Quali sono le malattie reumatiche più importanti? Quali sono le malattie reumatiche più importanti? L ARTROSI, una patologia legata alla degenerazione delle cartilagini e del tessuto osseo nelle articolazioni, è la malattia reumatica più frequente. Il

Dettagli

Un efficace strumento di cura e prevenzione

Un efficace strumento di cura e prevenzione HK HealthKlab HealthKlab Health Klab, il Klab della salute, nasce con l'obiettivo di creare e mantenere salute. Sotto questo marchio operano il Servizio di Prevenzione e Attività Fisica dell'istituto di

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO

LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO CONVEGNO INTERNAZIONALE MALCESINE 2010 LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO D. M. Fisioterapista LINO FIA Il trattamento è rivolto a pazienti: in fase di stabilizzazione

Dettagli

Instabilità posturale dell anziano: l emergenza di un problema nascosto

Instabilità posturale dell anziano: l emergenza di un problema nascosto Instabilità posturale dell anziano: l emergenza di un problema nascosto Michele Zito Geriatra - Università G.D Annunzio - Chieti GESTIONE MULTIDISCIPLINARE DELL INSTABILITA DEL PAZIENTE ANZIANO Chieti

Dettagli

Meglio informati sul mal di schiena

Meglio informati sul mal di schiena Meglio informati sul mal di schiena 11309-270801 www.mepha.ch Quelli con l arcobaleno Quelli con l arcobaleno Armonia alterata Quando i tendini, i legamenti, i muscoli e le articolazioni cessano di funzionare

Dettagli

VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE RETE DEI SERVIZI

VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE RETE DEI SERVIZI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE RETE DEI SERVIZI CARATTERISTICHE DEL PAZIENTE GERIATRICO Come è già accennato nel paragrafo Situazione demografica, il paziente geriatrico presenta una particolare complessità.

Dettagli

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana Dalla PROTESI d ANCA al ritorno alla vita quotidiana Opuscolo a cura di: RSA di Antey - Saint-André: Servizio di Riabilitazione Area Territoriale Fisioterapisti: Nicole Torresan e Nicoletta La Torre Tel.

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

VIET TAI CHI e la mia salute

VIET TAI CHI e la mia salute VIET TAI CHI e la mia salute Autore: VIVIANA ALEXANDRA DURE 1 PRIMA PARTE Molte volte sentiamo parlare di malattie rare, per tante di queste purtroppo non ci sono cure. E nella ricerca che molti hanno

Dettagli

Il training fisico nel paziente scompensato

Il training fisico nel paziente scompensato Il training fisico nel paziente scompensato Il training nel paziente con scompenso cardiaco stabile: Migliora la funzione vascolare periferica, muscolare e metabolica Migliora la funzione respiratoria

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

Il laureato in scienze motorie: cosa fa, cosa non fa e cosa si aspetta dagli altri membri dell'équipe

Il laureato in scienze motorie: cosa fa, cosa non fa e cosa si aspetta dagli altri membri dell'équipe Relazione presentata dal Prof. Paolo Raimondi * alla Giornata di Aggiornamento del GSS del 25 ottobre 2008 * Professore associato Dipartimento di Ingegneria Meccanica Energetica e Gestionale. Facoltà di

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Diploma di Maturità Scientifica conseguita nel 1996 presso il Liceo Scientifico G.D. Cassini di Genova.

CURRICULUM VITAE. Diploma di Maturità Scientifica conseguita nel 1996 presso il Liceo Scientifico G.D. Cassini di Genova. CURRICULUM VITAE Dati Anagrafici Nome Antonio Cognome Stoehr Luogo e Data di nascita: Genova 06/05/1977 Indirizzo E-mail: antoniostoehr@gruppofides.it Stato civile: nubile C.F.: STHNTN77E06D969F Titoli

Dettagli

Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV )

Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV ) LA BIOMECCANICA DELLA CORSA E DELLA MARCIA Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV ) Analizzare l azione del trailrunner non è cosa semplice. Fondamentalmente perché non

Dettagli

Programma della Back School ed esercizi di ginnastica antalgica in acqua: risultati a confronto. Alessandro Sale

Programma della Back School ed esercizi di ginnastica antalgica in acqua: risultati a confronto. Alessandro Sale Programma della Back School ed esercizi di ginnastica antalgica in acqua: risultati a confronto Alessandro Sale Valutazione dell efficacia della Back School in soggetti affetti da rachialgia cronica In

Dettagli

Programma formativo anno 2014

Programma formativo anno 2014 Settore Posturologia e Fitness Programma formativo anno 2014 Primo Semestre Docente prof. Luciano Reali Durata del corso 2 week-end con esame finale 1 Modulo 2 Modulo 3-4 Modulo In questo primo incontro

Dettagli

Cifosi, mobilità, equilibrio e disabilità

Cifosi, mobilità, equilibrio e disabilità Cifosi, mobilità, equilibrio e disabilità Is kyphosis related to mobility, balance, and disability? Eum R, Leveille SG, Kiely DK, Kiel DP, Samelson EJ, Bean JF Am J Phys Med Rehabil. 2013 Nov;92(11):980-9.

Dettagli

Allegato 2. Strumenti per la valutazione multidimensionale del bisogno. Indice. Premessa... 2. 1. Il processo di valutazione del bisogno...

Allegato 2. Strumenti per la valutazione multidimensionale del bisogno. Indice. Premessa... 2. 1. Il processo di valutazione del bisogno... Allegato 2 Strumenti per la valutazione multidimensionale del bisogno Indice Premessa... 2 1. Il processo di valutazione del bisogno... 2 2. Il triage... 3 3. La valutazione di secondo livello... 3 4.

Dettagli

- Perchè definire un modello ideale di assistenza

- Perchè definire un modello ideale di assistenza - Perchè definire un modello ideale di assistenza La Federazione UNIAMO, attraverso numerosi incontri e momenti di riflessione e confronto realizzati con le associazioni federate e non all interno di percorsi

Dettagli

Ministero della salute

Ministero della salute Ministero della salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Guida alla Redazione dei Progetti CCM 2010 Allegato 1 TITOLO: La definizione del case-mix nelle cure domiciliari:

Dettagli

RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta

RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta Zanetti E*., Zani M*., Negri E.^, Trabucchi M.* *Gruppo

Dettagli

OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI

OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI Queste brevi note vogliono stimolare una riflessione sui percorsi di allenamento da proporre ai nostri giovani

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

L economia articolare in reumatologia

L economia articolare in reumatologia L economia articolare in reumatologia Dott. Tonino Mele Fisioterapista - Pedagogista UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA CENTRO MEDICO SANT

Dettagli

Responsabile - U.O.S. MEDICINA FISICA E RIABILITAZIONE P.O. NOTO

Responsabile - U.O.S. MEDICINA FISICA E RIABILITAZIONE P.O. NOTO INFORMAZIONI PERSONALI Nome Troja Antonino Data di nascita 07/03/1954 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASP DI SIRACUSA Responsabile - U.O.S. MEDICINA

Dettagli

STIAMO COI PIEDI PER TERRA. GUIDA per la PREVENZIONE DELLE CADUTE 1

STIAMO COI PIEDI PER TERRA. GUIDA per la PREVENZIONE DELLE CADUTE 1 STIAMO COI PIEDI PER TERRA GUIDA per la PREVENZIONE DELLE CADUTE 1 Le cadute che possono verificarsi in casa, per la strada, in ospedale o presso le strutture per anziani o disabili sono un grave problema

Dettagli

I Stadio riabilitativo: in acuzie

I Stadio riabilitativo: in acuzie MEDICINA RIABILITATIVA PROF. ROSARIO MARIA AZZOPARDI Primario di Raggruppamento Riabilitativo Specialista in Ortopedia e Traumatologia Specialista in Fisioterapia e Riabilitazione RIABILITAZIONE La riabilitazione

Dettagli

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona PROGRAMMA Ausili ortesi protesi (definizione e concetti generali) Nomenclatore tariffario (concetti generali) Ausili: per la deambulazione, antidecubito Carrozzina e sistemi di postura (componenti e criteri

Dettagli

Il ruolo della carne nell alimentazione degli anziani

Il ruolo della carne nell alimentazione degli anziani L'organizzazione settoriale dell'economia svizzera della carne Proviande società cooperativa Finkenhubelweg 11 Casella postale CH-3001 Berna +41(0)31 309 41 11 +41(0)31 309 41 99 info@proviande.ch www.carnesvizzera.ch

Dettagli

Calcolare l altezza dalla lunghezza dell avambraccio BAPEN

Calcolare l altezza dalla lunghezza dell avambraccio BAPEN Calcolare l altezza dalla lunghezza dell avambraccio BAPEN Calcolare l altezza dalla distanza ginocchio - tallone BAPEN MUST e BMI Step 1 Score Range BMI Categoria di peso Significato 2 < 18,5 Sottopeso

Dettagli

WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 2 Edizione

WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 2 Edizione IPAB Casa Albergo per Anziani WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 2 Edizione LA PERSONALIZZAZIONE DEL PIANO ASSISTENZIALE INDIVIDUALIZZATO: I PERCORSI DELL UNITA OPERATIVA

Dettagli

Il colpo di frusta Come comportarsi con un colpo di frusta in base alle ultime ricerche mediche

Il colpo di frusta Come comportarsi con un colpo di frusta in base alle ultime ricerche mediche Il colpo di frusta Come comportarsi con un colpo di frusta in base alle ultime ricerche mediche Come comportarsi con un colpo di frusta in base alle ultime ricerche mediche Questo libricino vi dà i migliori

Dettagli

Programma formativo anno 2012

Programma formativo anno 2012 Settore Posturologia e Fitness Programma formativo anno 2012 Responsabile nazionale docente prof. Luciano Reali Durata del corso 2 week end con esame finale 1 Modulo In questo primo incontro verranno trattati

Dettagli

Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa

Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa Allegato 1 alla D.G.R. n. 11/7 del 21.3.2006 Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa Le prestazioni afferenti alla branca specialistica di medicina

Dettagli

Valutazione di efficacia di due diversi protocolli di attività fisica adattata in persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).

Valutazione di efficacia di due diversi protocolli di attività fisica adattata in persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). 57 Congresso Nazionale SIGG Società Italiana di Gerontologia e Geriatria Milano, 21-24 Novembre 2012 Valutazione di efficacia di due diversi protocolli di attività fisica adattata in persone affette da

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

Dolore e disabilità (il dolore del bambino e della famiglia) dr Valter Sonzogni USC Anestesia e Rianimazione I AO Papa Giovanni XXIII, Bergamo

Dolore e disabilità (il dolore del bambino e della famiglia) dr Valter Sonzogni USC Anestesia e Rianimazione I AO Papa Giovanni XXIII, Bergamo Dolore e disabilità (il dolore del bambino e della famiglia) dr Valter Sonzogni USC Anestesia e Rianimazione I AO Papa Giovanni XXIII, Bergamo Dolore: un problema, un mistero Il dolore l animale lo evita,

Dettagli

FOTO FONDO NATURALE DA ACQUISTARE A 300 DPI > regìa. MEdIcIna DeLLO SPORT & CHinesiTerapia

FOTO FONDO NATURALE DA ACQUISTARE A 300 DPI > regìa. MEdIcIna DeLLO SPORT & CHinesiTerapia FOTO FONDO NATURALE DA ACQUISTARE A 300 DPI > regìa MEdIcIna DeLLO SPORT & CHinesiTerapia FOTO MF_regìa 300 DPI NB.LE FOTO DELLO STUDIO CFSPORT SONO REALIZZATE DA MONICA F. VALUTATE SE MANTENERLE... centro

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

La riabilitazione del piede nello sportivo

La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione in ambito sportivo è caratterizzata dalla necessità di brevità nei tempi di recupero e dal raggiungimento di alti livelli di prestazione sportiva.

Dettagli

Giovanni Capelli. Dipartimento di Scienze Umane, Sociali e della Salute Università di Cassino e del Lazio Meridionale

Giovanni Capelli. Dipartimento di Scienze Umane, Sociali e della Salute Università di Cassino e del Lazio Meridionale Giovanni Capelli Dipartimento di Scienze Umane, Sociali e della Salute Università di Cassino e del Lazio Meridionale Due fenomeni convergenti Evoluzione socio-demografica Aumento proporzione di popolazione

Dettagli

CURRICULUM BREVE VITAE ET STUDIORUM MARIA GIULIA VINCIGUERRA

CURRICULUM BREVE VITAE ET STUDIORUM MARIA GIULIA VINCIGUERRA CURRICULUM BREVE VITAE ET STUDIORUM MARIA GIULIA VINCIGUERRA DATI PERSONALI Nascita 01 gennaio1964, Chieti Stato Civile Coniugata con un figlio Residenza Viale Nizza n.3, 67100 L Aquila Domicilio post-sisma

Dettagli

LE CONDIZIONI DI SALUTE

LE CONDIZIONI DI SALUTE LE CONDIZIONI DI SALUTE Condizione di salute della popolazione Con l evolversi del concetto di salute a livello internazionale da un approccio biomedico ad un modello multidimensionale, maturato in particolare

Dettagli

Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila

Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila AVVISO di SELEZIONE PER SOLI TITOLI PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI INSEGNAMENTO NELL AMBITO DEI CORSI PER IL CONSEGUIMENTO DELLA

Dettagli

LA BIOMEDICA POSTURALE

LA BIOMEDICA POSTURALE LA POSTUROLOGIA LA BIOMEDICA POSTURALE La posturologia è la scienza che studia la posizione del corpo umano nello spazio. Nel corpo umano esiste un sistema posturale che viene informato della posizione

Dettagli

RUOLO DELL AMBULATORIO GERIATRICO NELLA RETE DEI SERVIZI PER L ANZIANO: UN ESPERIENZA NELLA ASL 3 GENOVESE

RUOLO DELL AMBULATORIO GERIATRICO NELLA RETE DEI SERVIZI PER L ANZIANO: UN ESPERIENZA NELLA ASL 3 GENOVESE Torino 27 30 Novembre 2013 RUOLO DELL AMBULATORIO GERIATRICO NELLA RETE DEI SERVIZI PER L ANZIANO: UN ESPERIENZA NELLA ASL 3 GENOVESE C.Pizzorni, L.Sampietro, A.Bongiovanni, E.Bennati, A.Puma, C.Ivaldi

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

SCHEDA PER INSERIMENTO IN PROGRAMMA AFA AD ALTA DISABILITA Codice Fiscale

SCHEDA PER INSERIMENTO IN PROGRAMMA AFA AD ALTA DISABILITA Codice Fiscale SCHEDA D SCHEDA PER INSERIMENTO IN PROGRAMMA AFA AD ALTA DISABILITA Codice Fiscale Data (gg/mm/aaaa).. Cognome (in chiaro) Data di nascita (gg/mm/aaaa) Sesso (1. M; 2. F) Nome (in chiaro).. Indirizzo (in

Dettagli

SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione. Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni

SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione. Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni Percorso riabilitativo per pazienti operati di protesi di ginocchio

Dettagli

I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione

I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione Dott. Gianni Vicario - Laziosanità ASP Contesto ELEVATA COMPLESSITA ASSISTENZIALE

Dettagli

Indice. Presentazione. Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1

Indice. Presentazione. Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1 Indice Presentazione xiii Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1 Capitolo 1 L anziano in Italia, diritti e questioni etiche 3 1.1 Essere anziani oggi in Italia 3 1.2 I diritti 6 1.3 Invecchiare bene 10

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili

E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili Responsabile scientifico di progetto CARLO CALTAGIRONE Università di Roma Tor Vergata

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1

PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1 PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1 I l termine diabete mellito indica un insieme di malattie metaboliche, diverse fra loro per eziopatogenesi, caratterizzate da iperglicemia

Dettagli

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Tel. 030 3709750-Fax 030 3709403 COSCERE LA PROPRIA SCHIENA Come è fatta? È costituita da 24 ossa chiamate vertebre. La colonna vertebrale è suddivisa in

Dettagli

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI del Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Edizione - aprile 2002 1 LA FONDAZIONE OPERA SANTA RITA (Onlus) L attuale Fondazione

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli