Convegno PALLET TRENTINO e META-LOGISTICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Convegno PALLET TRENTINO e META-LOGISTICA"

Transcript

1 Convegno PALLET TRENTINO e META-LOGISTICA Marchi di qualità e affidabilità sugli imballaggi in legno. Panoramica nazionale sui pallet pooling a circuito aperto e chiuso. Davide Paradiso Responsabile Area Tecnica Camera di Commercio I.A.A. di Trento, 19 novembre 2009

2 Con Consorzio Servizi Sughero Argomenti Il distretto dell imballaggio in legno in Trentino Con: marchi di qualità e affidabilità Pallet pooling a circuito aperto e chiuso

3 Con Consorzio Servizi Sughero Argomenti Il distretto dell imballaggio in legno in Trentino Con: marchi di qualità e affidabilità Pallet pooling a circuito aperto e chiuso

4 Il distretto degli imballaggi in legno in Trentino Dati economici di sintesi AZIENDE CATEGORIE N N % sul Tot. Italia Trentino Fornitori di materiale % Imballaggi ortofrutticoli Produttori di Pallet % Imballaggi industriali Importatori di materiale % Riciclatori 14 - TOTALE % FATTURATO: il volume d affari dei Consorziati Rilegno in Trentino è pari a 104 Mln. di Euro, circa il 5,8%del totale dei Consorziati (1,8 Mld. di Euro) Fonte: elaborazioni Con su dati Rilegno, anno 2008

5 Il distretto degli imballaggi in legno in Trentino Produzione Imballaggi in PRODUZIONE COMPLESSIVA NAZIONALE: Kton PRODUZIONE COMPLESSIVA Trentino: 201 Kton, pari a circa il 6,8% PRODUZIONE NAZIONALE PALLET: Kton PRODUZIONE PALLET Trentino: 183 Kton, pari a circa il 9,2% Maggiore rappresentatività per il settore dei Pallet Altri dati utili: circa ton cassette ortofrutta, circa ton di Imballaggi Industriali 11 Piattaforme per il conferimento dei rifiuti di Imballaggio II e III, di cui 6 nella provincia di Bolzano e 5 nella provincia di Trento. Fonte: elaborazioni Con su dati Rilegno, anno 2008

6 Con Consorzio Servizi Sughero Argomenti Il distretto dell imballaggio in legno in Trentino Con: marchi di qualità e affidabilità Pallet pooling a circuito aperto e chiuso

7 Con Aree di attività Con è un Consorzio di Diritto Privato che nasce per volontà di Assoimballaggi/Assolegno e FedeComlegno, appartenenti a FederArredo. Lo scopo è quello di favorire i molteplici utilizzi del legno dagli imballaggi al legno strutturale, trasformando vincoli tecnici e/o legislativi in vantaggi per le aziende consorziate. Siamo attivi in 5 differenti aree di interesse. Lo strumento principale utilizzato è il Marchio di qualità/affidabilità del prodotto/servizio. I Comitati Tecnici sono i Soggetti deputati a gestire e valorizzare i Marchi affidati a Con.

8 Con Marchi & Brands Nel 2008 le aziende associate risultavano essere 782. Ad oggi Con gestisce 7 Marchi a livello internazionale inclusi 4 Marchi di proprietà del Consorzio stesso. legno ad utilizzo strutturale (EN 14081) I Marchi più importanti sono EPAL:193 licenze concesse, m 3 (nuovi e riparati) di pallet gestiti. IPPC/FAO -FITOK:715 licenze concesse, 1.5 millioni di m 3 di materiale trattato (HT o MB)

9 Con Alcuni numeri Evoluzione temporale imprese aderenti Il salto più importante si ha nel periodo quando il Consorzio con DM del MiPAAF del 13 luglio 2005 viene riconosciuto quale Soggetto Gestore del Marchio IPPC/FAO per la conformità all ISPM n. 15 EPAL Sono 8,5 mln. i pezzi di pallet di nuova produzione gestiti (pari a circa M 3, ton, -5% rispetto al 2007) e 3 mln. i pezzi riparati (pari a circa m 3, ton, +24% rispetto al 2007). Complessivamente si tratta di gestire 193 licenze EPALper un volume complessivo di oltre m 3, circa ton (+ 1,3% rispetto al 2007). FITOK La gestione del marchio FITOK comporta la gestione della concessione d uso del Marchio a 715 Soggetti Autorizzati pari ad un volume complessivo di materiale trattato (HT o MB, Standard ISPM n. 15) di oltre 1,5 mln. m 3, pari a circa ton (+ 9% rispetto al 2007).

10 Con Marchi di Qualità e Affidabilità Alcuni Marchi/Brand gestiti dal Consorzio 1. Marchio Fitosanitario 2.La nascita di un nuovo Marchio per il Legale? 3. Marchio per l imballaggio industriale 4. Marchio PALOK 5. Marchio EPAL

11 Con Marchi di Qualità e Affidabilità Alcuni Marchi/Brand gestiti dal Consorzio 1. Marchio Fitosanitario 2.La nascita di un nuovo Marchio per il Legale? 3. Marchio per l imballaggio industriale 4. Marchio PALOK 5. Marchio EPAL

12 Con Tutela Forestale: Comitato Tecnico FITOK e Comitato Tecnico Legale -CT FITOK -CT LEGNO LEGALE La tutela della biodiversità e del patrimonio forestale é una delle grandi sfide da vincere. Le strategie internazionali, individuate dalla FAO e dal WTO, prevedono anche politiche di riduzione del rischio fitosanitario connesso alla movimentazione transfrontaliera di imballaggi in legno. Il Consorzio Servizi Sughero è stato riconosciuto dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali con DM n. 175/2005 quale Soggetto Gestore, a livello nazionale, del Marchio IPPC/FAO, che garantisce la conformità fitosanitaria degli imballaggi in legno allo Standard ISPM n. 15 della FAO.

13 La tematica fitosanitaria LA TEORIA: cos è l ISPM n. 15 La globalizzazione e la liberalizzazione dei mercati ha determinato un aumento del rischio di diffusione di organismi nocivi (es. Nematode del Pino, Cerambicide asiatico) con importanti ripercussioni sulla salvaguardia del patrimonio forestale mondiale e quindi con rilevanti impatti economici. Questo ha indotto numerosi governi ad accentuare i controlli e le verifiche sui materiali in ingresso svolti dai rispettivi Servizi Fitosanitari Nazionali (NPPO, National Plant Protection Organizations). Si è reso pertanto necessario perseguire il duplice obiettivo di proteggere le foresteda organismi nocivi originari di altri Paesi e al tempo stesso minimizzare gli ostacoli al libero commercio. Gli imballaggi in legno rappresentano circa l 80% di tutte le spedizioni transnazionali. Nasce quindi, all interno della FAO e riconosciuta dall Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO World Trade Organization), la Convenzione Internazionale per la Protezione dei Vegetali (IPPC), un trattato multilaterale finalizzato all'armonizzazione delle normative (gli Standard) che regolano le importazioni che potrebbero avere un impatto negativo sullo stato di salute delle foreste e dei raccolti. Lo Standard Internazionale sulle Misure Fitosanitarie (ISPM n. 15) è lo strumento per la Regolazione del materiale da imballaggio in legno nel commercio internazionale Si applica sugli imballaggi in legno esportati extra UE, definisce i possibili trattamenti fitosanitari da utilizzare (attualmente le due alternative possibili sono HT o MB) e il Marchio da utilizzare MA non descrive il COME le NPPO dei vari Paesi devono far applicare e controllare la norma (le modalità gestionali).

14 ISPM n. 15 La soluzione Italiana R E S P O N S A B I L I T A ENTE TERZO NPPO Con Aziende C O N T R O L L I Con il Decreto n. 175/2005 il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali ha riconosciuto Con Consorzio Servizi Sughero come Soggetto Gestoredel MarchioIPPC/FAO e ha approvato il Regolamento per l utilizzo del Marchio Fitosanitario Volontario FITOK.

15 ISPM n. 15 Il Marchio Italiano IPPC/FAO Codice del paese Codice del produttore o dell impresa fornitrice dei trattamenti (regione e numero di licenza) IT HT / MB Tipologia di trattamento (HT o MB) 0000/00 Riferimento di Rintracciabilità Fitosanitaria Marchio Fitosanitario (Marchio privato)

16 IPPC/FAO -FITOK Esempi di Marchi attuali Logo individuato dal Soggetto Gestore

17 Con Consorzio Servizi Sughero Regolamento per l utilizzo del Marchio Fitosanitario Volontario FITOK Con DM* 13 luglio 2005 l allora Ministero delle Politiche Agricole e Forestali ha riconosciuto il Consorzio Servizi Sughero come Soggetto Gestore del Marchio IPPC/FAOa livello nazionale e ha approvato il Regolamento per l utilizzo del Marchio Fitosanitario Volontario FITOK. Il Regolamentoper l utilizzo del Marchio Fitosanitario Volontario FITOK definisce le caratteristiche del sistema di accreditamento e controllo per il rilascio ed il mantenimento della concessione d uso del marchio IPPC/FAO FITOK. *G.U. Serie Generale n. 175 del 29 luglio Il Regolamento è attualmente in fase di revisione

18 Regolamento Tecnico FITOK Aziende autorizzate 1. Soggetto che esegue il Trattamento Termico(circa 250 aziende) 2. Soggetto che utilizza Materiale da imballaggio in legno Semilavorato e Semifinito già trattato (circa 460 aziende) 3. Soggetto che esegue il Trattamento di Fumigazione con Bromuro di Metile (11 aziende) 4. Soggetto che commercializza Materiale da imballaggio in legno Semilavorato già trattato in conformità all ISPM n.15 (8 aziende) Ogni azienda deve avere il Manuale di Sistema di Gestione fitosanitaria, che comprenda: Procedure per la Tracciabilità e la Segregazione del Materiale Trattato MappadelSito Registro di carico/scarico dei prodotti Metodi di gestione e di conservazione delle comunicazioni del Consorzio Metodi di marcatura Manuale per l'uso e la manutenzione del sistema di trattamento Tutti questi punti verranno controllati durante la Prima Visita per entrare nel Sistema, e anche durante le successive ispezioni di monitoraggio e manutenzione.

19 Il Sistema FITOKWEB Esempio di notifica di inizio trattamento termico NOTIFICA D'INIZIO TRATTAMENTO TERMICO Stampa DATI CONSORZIATO - SOGGETTO AUTORIZZATO 7.1 TECNOPACK SRL AZIENDA Zona industriale. C.da Piane S. An SAN SALVO (CH) Tel Fax Codice fitosanitario: Soggetto autorizzato: 7.1 Responsabile Fitosanitario: Sig. Marco Pardini DATI NOTIFICA E IMPIANTO Numero di Notifica: 078F/09 Data Notifica: Data Trattamento: Ora di inizio prevista: 17:00 Impianto di tratt. termico: COM /1 V2500HT LM Stato Notifica inizio tratt.: Inviata a Conlegno TRATTAMENTO SEMILAVORATI E/O IMBALLAGGI SOTTOPOSTI A TRATTAMENTO IN MANIERA CONFORME ALL'ISPM 15 RRF 078F/09 078F/09 Macrocategoria/Tipologia prodotto Pallet nuovo; A perdere/fuori standard; 1200 X 1000 Pallet nuovo; A perdere/fuori standard; ALTRO Descrizione codice o articolo aziendale Numero pezzi Peso Tot. [Kg] [mostra] Volume Tot. [m 3 ] PELPED100120HT ITTPED92X57HT TOTALI PRODOTTO OGNI GIORNO ABBIAMO CIRCA 150 NOTIFICHE DI TRATTAMENTO TERMICO IN TEMPO REALE

20 Implementazione e uso del Marchio IPPC / FAO in Italia Sommario I punti chiave del sistema italiano 1. Responsabilità condivisa tra Enti Pubblici e Privati: garanzia di sistema trasparente 2. Audit effettuati da società di Controllo Indipendenti: controlli efficaci 3. Piattaforma gestionale FITOKWEB: efficienza di sistema FITOK da Marchio a Brand Consorzio Servizi - Sughero

21 FITOK Brand da Marchio a Brand Grazie al Sistema FITOK implementato, vi è un importante Valore Aggiunto XX YY 0000/00 Il Riferimento di Rintracciabilità Fitosanitariaha permesso la stipula di una Polizza Assicurativa con un importante Gruppo Assicurativo Internazionalea parziale copertura dei costi relativi a casi di contestazioni internazionali. Tutto il packaging FITOK è assicurato da Con

22 Il Nuovo Sito

23 Il Nuovo Sito > Sito dedicato agli utilizzatori

24 Con Marchi di Qualità e Affidabilità Alcuni Marchi/Brand gestiti dal Consorzio 1. Marchio Fitosanitario 2.La nascita di un nuovo Marchio per il Legale? 3. Marchio per l imballaggio industriale 4. Marchio PALOK 5. Marchio EPAL

25 Con Tutela Forestale: Comitato Tecnico Legale CT LEGNO LEGALE Nel prossimo futuro: verrà implementata a livello europeo la cosiddetta Due Diligence (Regolamento Europeo) che coinvolgerà sostanzialmente le figure dei commercianti di legno responsabilizzandoli sulla tracciabilitàdel materiale importato Il problema del taglio illegaledegli alberi e le ripercussioni di carattere sociale, economico, ambientale (deforestazione..desertificazione..ecc..) sono molto importanti a livello internazionale. La proposta del Presidente di Fedecomlegno è che Con diventi in Italia il Soggetto Gestore, anche per questa tematica, in maniera analoga a quanto avvenuto per la tematica fitosanitaria (Marchio Fitok). Per chi volesse approfondire la tematica del Legale sul sito del Consorzio abbiamo già creato un link che riporta a tutti i documenti utili. E già stato creato il Comitato Tecnico Legale e in questo momento siamo in attesa degli ultimi sviluppi di carattere politico La tematica è strettamente connessa alla certificazione forestale FSC e PEFC NUOVO MARCHIO DI TRACCIABILITA /AFFIDABILITA?

26 Con Marchi di Qualità e Affidabilità Alcuni Marchi/Brand gestiti dal Consorzio 1. Marchio Fitosanitario 2.La nascita di un nuovo Marchio per il Legale? 3. Marchio per l imballaggio industriale 4. Marchio PALOK 5. Marchio EPAL

27 Con Logistica e Movimentazione: i Comitati Tecnici promotori IMBALLAGGIO INDUSTRIALE Obiettivo promozione e qualificazione dell imballaggio industriale attraverso la diffusione della conoscenza della normativa tecnica di settore (Marchio registrato dal Consorzio) - CT IMBALLAGGIO INDUSTRIALE -CT PALOK -CT EPAL PALOK Obiettivo sicurezza sul lavoro, strumento Marchio PALOK (registrato dal Consorzio) portata sicura dei pallet a perdere. EPAL Obiettivo prevenzione e riutilizzo attraverso la diffusione del sistema di pooling aperto più diffuso in Europa, basato sull interscambio di pallet riutilizzabili.

28 Con Comitato Tecnico Imballaggio Industriale GLI STEP PREVISTI 1. COSTITUZIONE COMITATO TECNICO 2. INFORMAZIONE E DIVULGAZIONE DELL INIZIATIVA 3. FORMAZIONE AZIENDE 4. QUALIFICAZIONE AZIENDE E RILASCIO DEL MARCHIO 5. GESTIONE E TUTELA DEL MARCHIO Promozione e Qualificazione dell imballaggio industriale in legno

29 Con Comitato Tecnico PALOK Obiettivo: sicurezza sul lavoro attraverso la certificazione della portata dei pallet fuori standard a perdere. Valore aggiunto (da Marchio a Brand) per gli Utilizzatori: 1.Garanzia di sicurezza, attraverso test di laboratorio che garantiscono la portata del pallet e le sue prestazioni di resistenza e stabilità richieste per l impiego a cui è destinato, rispondendo altresì alle esigenze di sicurezza durante le movimentazioni; 2.Garanzia di funzionalità, le caratteristiche tecniche del pallet permettono le migliori prestazioni in termini di movimentazione, stoccaggio, trasporto da parte dei clienti utilizzatori; 3.Facilitazione delle attività di riutilizzo, il Marchio permette l identificazione delle caratteristiche del pallet oggi solo stimate sulla base dell esperienza degli operatori; 4.Risposta al concetto di eco-compatibilità, il pallet a Marchio PALOK applica il concetto di imballaggio responsabile, favorendo il miglior uso possibile delle risorse e riducendo l impatto attraverso criteri di eco-design evitando strutture sovradimensionate. Ad oggi: sono stati organizzati 3 corsi di formazione a cui hanno partecipato circa 50 aziende. 5 sono le aziende autorizzate all uso del Marchio per 25 modelli di pallet certificati PALOK

30 Con Consorzio Servizi Sughero Argomenti Il distretto dell imballaggio in legno in Trentino Con: marchi di qualità e affidabilità Pallet pooling a circuito aperto e chiuso

31 Con Pallet monouso e pallet pooling PALLET, due grandi categorie in funzione dell utilizzo: pallet monouso, a perdere pallet progettati per essere riutilizzati, pallet pooling o a circuito aperto o a circuito chiuso I dati complessivi sono un grosso enigma.... in ogni caso, per inquadrare il settore Pallet complessivamente utilizzati dal mercato nazionale: ton Circa ton (il 17%, ma potrebbero essere molti di più ), si riferiscono ai pallet pooling aperti o chiusi. Dati 2008, Fonte: 1 Dossier Imballaggi in

32 Con Pallet pooling a circuito aperto e chiuso PALLET Pooling: circuiti di pallet progettati per essere riutilizzati più e più volte (si è stimato anche fino a 12 volte) durante il loro ciclo di vita di utilizzo. Si distinguono pallet a circuito aperto:pallet EPAL interscambiabili (valore) tra produttori/riparatori e utilizzatori di imballaggi pallet a circuito chiuso:o pallet a noleggio di proprietà della casa madre che offre il servizio di fornitura, riparazione e/o sostituzione del parco pallet, recupero del rifiuto a fine vita. Es. (CHEP, PRS, LPR) SOLUZIONE LOGISTICHE CHE, SEMPRE PIU, STANNO CONQUISTANDO TERRENO RISPETTO ALLE SOLUZIONI MONOUSO (soluzioni chiavi in mano, maggior rispetto per l ambiente, economicità, ecc )

33 Con Pallet pooling a circuito aperto: i dati EPAL Dati Europa (anno 2008, Fonte EPAL Centrale) Produzione: circa 68 mln di pezzi nuovi (+8%) Riparazione: circa 18 mln di pezzi riparati (+28%) Complessivamente: circa 86 mln di pezzi (+12%) Dati Italia (anno 2008, Fonte Comitato Tecnico EPAL Italia) Produzione: circa 8,5 mln di pezzi nuovi (-5%) Riparazione: circa 3 mln di pezzi riparati (+24%) Complessivamente: circa 11,6 mln di pezzi (+2%)

34 Con Pallet pooling a circuito aperto: i flussi gestionali EPAL Sistema di interscambio. Si regge sul principio per cui i pallet EPAL sono tutti beni fruibili (ovvero beni che presentano tutti le medesime caratteristiche), quindi l obbligo dell utilizzatoreche riceve un numero di pallet EPAL consiste nella restituzione di un egual numero di pallet EPAL. SGS controlla mensilmente lo stato dei pallet EPAL. Le eventuali riparazioni vengono fatte da Riparatori EPAL Autorizzati.

35 Con Pallet pooling a circuito chiuso: il caso CHEP Dati Italia (anno 2008, Fonte CHEP Italia) pallet in legno circolanti, pari a circa ton di pallet blu Centro Servizi CHEP Produttore (Emittente) Rivenditore (Distributore) CHEP è proprietario dei propri pallet. Il Centro Servizi(14 in Italia) è il cuore dell attività CHEP: è dove i pallet vengono restituiti, dove viene effettuata la selezione e la riparazione per consentirne un nuovo utilizzo. Devono rispettare gli standard di qualità CHEP. Il Pallet una volta rimmesso al consumo finisce generalmente al Produttore dei beni e da questo viene poi distribuito attraverso i Rivenditori.Al temine della catena commerciale è il Distributoreche scarica le merci e restituisce i pallet al più vicino Centro Servizi CHEP.

36 Con Pallet pooling a circuito chiuso: il caso Pallet Return System Dati Italia (anno 2008, Fonte PRS Italia) pallet in legno circolanti, pari a circa ton di pallet teste verdi Centro Servizi PRS Produttore (Industria Chimica) Trasformatori di materie plastiche PRS è proprietario dei propri pallet. L unico settore di utilizzo è quello dell Industria Chimica (Polimeri Europa). Il Centro Serviziè dove i pallet vengono restituiti, dove viene effettuata la selezione e la riparazione per consentirne un nuovo utilizzo. In questo caso la massa critica da portar via si fa presso il Trasformatore di materie plastiche.

37 Con Pallet pooling a circuito chiuso: il caso Logistic Packaging Return Dati Europa (anno 2008, Fonte LPR Europa) 35 mln. di pallet rossi consegnati ogni anno in Europa. In Italia ha aperto da poco il Primo Centro Servizi in Piemonte. Centro Servizi LPR Produttore (Beni di Largo Consumo) Distributori Schema di funzionamento simile ai precedenti: in questo caso il Produttorericonosce a LPR un contributo per ogni pallet consegnato e utilizzato lungo tutto il ciclo logistico.

L ISPM-15 e il marchio IPPC/FAO

L ISPM-15 e il marchio IPPC/FAO L ISPM-15 e il marchio IPPC/FAO Sebastiano CERULLO Responsabile Assolegno/ Federlegno-Arredo Maura CAPPONI Funzionario Torino - 23 novembre 2005 Cos è l ISPM-15 della FAO? International Standard for Phytosanitary

Dettagli

INDICE PREMESSA CAPITOLO 1 CENNI STORICI CAPITOLO 2 TERMINI E DEFINIZIONI CAPITOLO 3 LA NORMATIVA TECNICA

INDICE PREMESSA CAPITOLO 1 CENNI STORICI CAPITOLO 2 TERMINI E DEFINIZIONI CAPITOLO 3 LA NORMATIVA TECNICA INDICE PREMESSA 19 CAPITOLO 1 CENNI STORICI 21 CAPITOLO 2 TERMINI E DEFINIZIONI 89 2.1 DEFINIZIONI DELLE COMPONENTI DEL PALLET 2.2 TIPOLOGIE DI PALLET 2.3 PALLET E MATERIALI 2.4 DEFINIZIONI RELATIVE ALLE

Dettagli

Il ruolo del Consorzio e l applicazione dell ISPM N. 15 in Italia. Sebastiano Cerullo Segretario Generale

Il ruolo del Consorzio e l applicazione dell ISPM N. 15 in Italia. Sebastiano Cerullo Segretario Generale Il ruolo del Consorzio e l applicazione dell ISPM N. 15 in Italia Sebastiano Cerullo Segretario Generale Milano, 17 aprile 2012 ConLegno Consorzio Servizi Legno Sughero ARGOMENTI ConLegno: obiettivi e

Dettagli

Allegato 3 ISPM-15 in lingua inglese e ISPM-15 in italiano

Allegato 3 ISPM-15 in lingua inglese e ISPM-15 in italiano PALLET ED IMBALLAGGI DI LEGNO. ISPM-15: LO STANDARD IPPC/FAO PER LE MISURE FITOSANITARIE SUGLI IMBALLAGGI DI LEGNO 297 1 Allegato 3 ISPM-15 in lingua inglese e ISPM-15 in italiano 298 PALLET ED IMBALLAGGI

Dettagli

PALOK: produzione e certificazione di pallet sicuri

PALOK: produzione e certificazione di pallet sicuri PALOK: produzione e certificazione di pallet sicuri Convegno Pallet Trentino e Meta-Logistica Trento, 19 novembre 2009 Dott. Mattia Sarzi Madidini Responsabile Laboratorio Prove CRIL Sommario del workshop

Dettagli

Capitolo 7 L applicazione dell ISPM-15 in Italia

Capitolo 7 L applicazione dell ISPM-15 in Italia PALLET ED IMBALLAGGI DI LEGNO. ISPM-15: LO STANDARD IPPC/FAO PER LE MISURE FITOSANITARIE SUGLI IMBALLAGGI DI LEGNO 143 Capitolo 7 L applicazione dell ISPM-15 in Italia 144 PALLET ED IMBALLAGGI DI LEGNO.

Dettagli

- FORUM Le prospettive del mercato del packaging in legno in Italia. Monaco, 4 e 5 febbraio 2011

- FORUM Le prospettive del mercato del packaging in legno in Italia. Monaco, 4 e 5 febbraio 2011 - FORUM 2011 Monaco, 4 e 5 febbraio 2011 N. Semeraro, E. Barigazzi, S. Cerullo, D. Paradiso Le prospettive del mercato del packaging in legno in Italia FIDUCIA NEL FUTURO Le previsioni economiche per il

Dettagli

DOMANDE PER LE IMPRESE NON ASSOCIATE

DOMANDE PER LE IMPRESE NON ASSOCIATE DOMANDE PER LE IMPRESE NON ASSOCIATE Chi sono FederlegnoArredo e Assoimballaggi? Fondata nel 1945, FederlegnoArredo è parte del sistema di Confindustria, la principale organizzazione di rappresentanza

Dettagli

CONLEGNO GUIDA AI SERVIZI

CONLEGNO GUIDA AI SERVIZI CONLEGNO GUIDA AI SERVIZI 2016 01 INDICE CONLEGNO. MISSION E VISION - LA MAPPA DEI MARCHI PAG. 02 ADERIRE AL CONSORZIO PAG. 06 MARCHIO FITOK PAG. 09 EPAL E IL SISTEMA MONITORATO PEREPAL PAG. 17 DUE DILIGENCE

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: CPR System Promotore/i: Privati - CPR System Scarl Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

Vireo Srl. Certifichiamo il tuo rispetto per l ambiente

Vireo Srl. Certifichiamo il tuo rispetto per l ambiente Vireo Srl Certifichiamo il tuo rispetto per l ambiente Chi siamo? Vireo in breve FSC PEFC Carbon Trust Standard MSC UE Timber Regulation Certificazioni Forest Stewardship Council (FSC ) e Programme for

Dettagli

SEI IN REGOLA CON I NUOVI OBBLIGHI DI LEGGE SUL LEGNO?

SEI IN REGOLA CON I NUOVI OBBLIGHI DI LEGGE SUL LEGNO? SEI IN REGOLA CON I NUOVI OBBLIGHI DI LEGGE SUL LEGNO? IL SISTEMA DI DUE DILIGENCE LegnOK RICONOSCIUTO DALLA COMMISSIONE EUROPEA È LA RISPOSTA. 1 IN EUROPA CONSORZIO SERVIZI LEGNO - SUGHERO CONLEGNO RICONOSCIUTO

Dettagli

Quali modelli organizzativi efficaci

Quali modelli organizzativi efficaci Quali modelli organizzativi efficaci Il sistema CONAI Piero Perron Vicepresidente CONAI Intervento al VIII Forum G.I. Federalimentare 17 Settembre 2011 La gestione degli imballaggi Il sistema CONAI e i

Dettagli

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Roberto Magnaghi Responsabile Area Tecnica Treviso, 25 novembre 2010 1 Chi siamo L attività di prevenzione e CONAI Il Dossier

Dettagli

4.5 La revisione in corso dell Allegato 1 dello standard ISPM-15

4.5 La revisione in corso dell Allegato 1 dello standard ISPM-15 PALLET ED IMBALLAGGI DI LEGNO. ISPM-15: LO STANDARD IPPC/FAO PER LE MISURE FITOSANITARIE SUGLI IMBALLAGGI DI LEGNO 121 4.5 La revisione in corso dell Allegato 1 dello standard ISPM-15 La revisione dell

Dettagli

Il Sistema COREPLA. Gianluca Bertazzoli Responsabile Comunicazione e Relazioni Esterne

Il Sistema COREPLA. Gianluca Bertazzoli Responsabile Comunicazione e Relazioni Esterne Il Sistema COREPLA Gianluca Bertazzoli Responsabile Comunicazione e Relazioni Esterne Dalla raccolta differenziata al riciclo dei rifiuti da imballaggio: l esperienza dei Consorzi di Filiera in Italia

Dettagli

Soluzioni per l imballaggio in legno nel rispetto dell Uomo e dell Ambiente

Soluzioni per l imballaggio in legno nel rispetto dell Uomo e dell Ambiente Soluzioni per l imballaggio in legno nel rispetto dell Uomo e dell Ambiente Storia L azienda Gava presente nel mercato italiano dell imballaggio in legno (Pallets) dal 1960, è stata fondata dal Cav. Uff.

Dettagli

Obiettivo Prevenzione, le iniziative CONAI

Obiettivo Prevenzione, le iniziative CONAI Obiettivo Prevenzione, le iniziative CONAI Simona Fontana Responsabile Centro Studi Area Prevenzione CONAI Fiorella Perrucci Centro Studi Area Prevenzione CONAI 7 ottobre 2014 Il Sistema CONAI, Consorzio

Dettagli

Eco-design e Green Supply Chain

Eco-design e Green Supply Chain Eco-design e Green Supply Chain Per il tuo vantaggio competitivo nel rispetto degli ecosistemi. Primo Barzoni Presidente e Amministratore Delegato PALM S.p.A. Chi è Palm? Un azienda familiare nata nel

Dettagli

Oggetto: Sanità Imballaggi di legno Trattamento fitosanitario D.M. 2.7.2004 su G.U. n.295 del 17.12.2004.

Oggetto: Sanità Imballaggi di legno Trattamento fitosanitario D.M. 2.7.2004 su G.U. n.295 del 17.12.2004. Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 - tel. 06/8559151 - fax 06/8415576 e-mail: confetra@tin.it - http://www.confetra.com Roma, 30 dicembre 2004 Circolare

Dettagli

Pallet in legno. Mercato Italia

Pallet in legno. Mercato Italia Material handling Nicola Brenda, Alessandro Creazza, Fabrizio Dallari Centro di Ricerca sulla Logistica Università Carlo Cattaneo LIUC Pallet in legno Mercato Italia Una piattaforma orizzontale caratterizzata

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

Manuale Sistema integrato Rev. 0 del maggio 2010

Manuale Sistema integrato Rev. 0 del maggio 2010 Manuale Sistema integrato Rev. 0 del maggio 2010 Il presente Manuale è stato redatto in conformità alla UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la qualità Requisiti FSC-STD-40-004 vers 02 Standard

Dettagli

30 ANNI DI INNOVAZIONE A SERVIZIO DELL AMBIENTE

30 ANNI DI INNOVAZIONE A SERVIZIO DELL AMBIENTE L ECOLOGIA NEL DNA 30 ANNI DI INNOVAZIONE A SERVIZIO DELL AMBIENTE Imball Nord è capostipite di un gruppo industriale fra i più grandi in Italia per la raccolta e la lavorazione di materiale plastico e

Dettagli

Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero

Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero Latina, 28 maggio 2009 Giancarlo Longhi Direttore Generale CONAI Adempimenti nella gestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio 1 Prevenire la formazione

Dettagli

Via Rafredo 18/20-20064 Gorgonzola (MI) - e-mail: info@timberpacking.it - www.timberpacking.it

Via Rafredo 18/20-20064 Gorgonzola (MI) - e-mail: info@timberpacking.it - www.timberpacking.it TIMBERPACKING SRL La nostra storia TIMBERPACKING S.R.L. è un azienda giovane, nasce infatti nel 2012, ma i suoi fondatori hanno pluriennale esperienza nel mercato della logistica industriale e tradizionale

Dettagli

DM 4 marzo 2011 e i nuovi soggetti coinvolti

DM 4 marzo 2011 e i nuovi soggetti coinvolti DM 4 marzo 2011 e i nuovi soggetti coinvolti Il Regolamento FITOK Il DM 4 marzo 2011 Laura Fasoli Area Tecnica FITOK www.conlegno.org CONLEGNO ERSAF REGIONE LOMBARDIA Milano, 17 aprile 2012 ConLegno Consorzio

Dettagli

NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE. Revisione dell'ispm 15

NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE. Revisione dell'ispm 15 Consultazione tra i membri (procedura regolare) - giugno 2008 Bozza 1/7 NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE Revisione dell'ispm 15 [PARAGRAFO 1] REGOLAMENTAZIONE DEL MATERIALE DA IMBALLAGGIO

Dettagli

Gestione Forestale Sostenibile

Gestione Forestale Sostenibile Gestione Forestale Sostenibile Nel settore forestale si va sviluppando una serie di forme di partnership e di collaborazione pubblico-privato, allo scopo principale di favorire azioni di informazione/sensibilizzazione

Dettagli

LA FILIERA DEGLI IMBALLAGGI DI LEGNO: SOSTENIBILITÀ E VIRTUOSITÀ AMBIENTALE. Irene Ivoi consulente Rilegno 4 ottobre 2014

LA FILIERA DEGLI IMBALLAGGI DI LEGNO: SOSTENIBILITÀ E VIRTUOSITÀ AMBIENTALE. Irene Ivoi consulente Rilegno 4 ottobre 2014 LA FILIERA DEGLI IMBALLAGGI DI LEGNO: SOSTENIBILITÀ E VIRTUOSITÀ AMBIENTALE Irene Ivoi consulente Rilegno 4 ottobre 2014 3 argomenti Chi è e cosa fa Rilegno L impegno ambientale della filiera imballaggi

Dettagli

Riciclo TECNICO D IMPIANTI. Figure professionali «La gestione integrata dei rifiuti» DI CONFERIMENTO TRATTAMENTO E RECUPERO

Riciclo TECNICO D IMPIANTI. Figure professionali «La gestione integrata dei rifiuti» DI CONFERIMENTO TRATTAMENTO E RECUPERO Figure professionali «La gestione integrata dei rifiuti» Riciclo TECNICO D IMPIANTI DI CONFERIMENTO GREEN JOBS Formazione e Orientamento TECNICO D IMPIANTI DI CONFERIMENTO, Descrizione attività Un impianto

Dettagli

Revisione dell'ispm n. 15

Revisione dell'ispm n. 15 ISPM No. 15 NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE Revisione dell'ispm n. 15 REGOLAMENTAZIONE DEL MATERIALE DA IMBALLAGGIO IN LEGNO NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE (aprile 2009) Libera traduzione

Dettagli

Chi siamo. Assobioplastiche nasce nel 2011 e ha la sede legale a operativa a Roma.

Chi siamo. Assobioplastiche nasce nel 2011 e ha la sede legale a operativa a Roma. Chi siamo L Associazione Italiana delle bioplastiche e dei materiali biodegradabili e compostabili (Assobioplastiche) è nata dalla volontà dei produttori, trasformatori e utilizzatori delle bioplastiche

Dettagli

STANDARD PEFC COUNCIL PEFC ST

STANDARD PEFC COUNCIL PEFC ST UN MONDO DOVE LE PERSONE GESTISCONO LE FORESTE IN MANIERA SOSTENIBILE PEFC/18-1-1 Standard PEFC Italia STANDARD PEFC COUNCIL PEFC ST 2001:2008 Requisiti per gli utilizzatori dello schema PEFC Regole d

Dettagli

Ruolo dei distributori/importatori di sostanze chimiche sul territorio nazionale, in un'ottica di mercato globale.

Ruolo dei distributori/importatori di sostanze chimiche sul territorio nazionale, in un'ottica di mercato globale. Ruolo dei distributori/importatori di sostanze chimiche sul territorio nazionale, in un'ottica di mercato globale. Compiti, sfide e necessità di supporto Roma, 25 ottobre 2007 dott. Giorgio BONETTI - Presidente

Dettagli

Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare

Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare Simona Fontana Responsabile Centro Studi Area Prevenzione CONAI 27 febbraio 2015 Il Sistema CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi

Dettagli

L ECONOMIA CIRCOLARE NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE

L ECONOMIA CIRCOLARE NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE L ECONOMIA CIRCOLARE NELLA PIANIFICAZIONE REGIONALE Renata Caselli, Regione Toscana in collaborazione con ARRR - Agenzia Regionale Recupero Risorse spa L economia circolare in pillole La transizione verso

Dettagli

QUALITA AMBIENTALE DI ORGANIZZAZIONI, IMPRESE E PRODOTTI

QUALITA AMBIENTALE DI ORGANIZZAZIONI, IMPRESE E PRODOTTI QUALITA DI ORGANIZZAZIONI, IMPRESE E PRODOTTI OBIETTIVI INDICATORI Descrivere l evoluzione della sensibilità ambientale delle organizzazioni e delle imprese e la trasparenza nella comunicazione con il

Dettagli

La Due Diligence per il mercato del legno

La Due Diligence per il mercato del legno Antonio Brunori PEFC Italia Isabella Nobili Dottore Forestale La Due Diligence per il mercato del legno Aspetti normativi, tecnici e pratici a tre mesi dall entrata in vigore del Regolamento EU 995/2010

Dettagli

Cos è l FSC. Obiettivo di FSC. Il sistema di certificazione FSC: uno strumento per la riduzione del commercio di legno da tagli illegali

Cos è l FSC. Obiettivo di FSC. Il sistema di certificazione FSC: uno strumento per la riduzione del commercio di legno da tagli illegali Il sistema di certificazione FSC: uno strumento per la riduzione del commercio di legno da tagli illegali Processi di deforestazione e commercio da tagli illegali di legname: la responsabilità delle imprese

Dettagli

La Registrazione EMAS III. A cura di Enrico BUSSO (Free Managers s.r.l.)

La Registrazione EMAS III. A cura di Enrico BUSSO (Free Managers s.r.l.) La Registrazione EMAS III A cura di Enrico BUSSO (Free Managers s.r.l.) www.benassiambiente.it Piattaforma COREPLA per gli imballaggi secondari e terziari e come piattaforma di preselezione degli imballaggi

Dettagli

Il Progetto LIFE+ del mese

Il Progetto LIFE+ del mese Il Progetto LIFE+ del mese LIFE10 ENV/IT/000307 Beneficiario coordinatore: Comune di Reggio Emilia Via Emilia San Pietro, 12 42121 Reggio Emilia Referente progetto: Laura Montanari Tel. 0522-456251 Email

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GERARDINI. Disposizioni in materia di raccolta e riciclaggio di pneumatici

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GERARDINI. Disposizioni in materia di raccolta e riciclaggio di pneumatici Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 7594 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GERARDINI Disposizioni in materia di raccolta e riciclaggio di pneumatici Presentata il 6

Dettagli

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 Osservatorio Rifiuti Provincia di Torino Pagina 116 Rapporto sullo stato del sistema di gestione dei rifiuti Giugno 2006 Capitolo 7 Quadro

Dettagli

http://www.assind.vi.it/notiziario/guideschede.nsf/p/guida_260

http://www.assind.vi.it/notiziario/guideschede.nsf/p/guida_260 Page 1 of 5 Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 03/10/2005. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea

Dettagli

Audizione presso la X commissione Industria, Commercio, Turismo del Senato della Repubblica

Audizione presso la X commissione Industria, Commercio, Turismo del Senato della Repubblica Audizione presso la X commissione Industria, Commercio, Turismo del Senato della Repubblica DDL A.S. 2085 Legge annuale per il mercato e la concorrenza. Roma, 18 novembre 2015 CORIPET: la missione Di recente

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA 1 SCOPO... 1 2 RIFERIMENTI... 1 3 APPLICABILITÀ... 1 4 CLAUSOLE GENERALI... 2 4.1 Accesso allo stabilimento... 2 4.2 Riservatezza... 2 4.3 Sub-fornitura... 2 4.4 Garanzia... 2 5 DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

30 ANNI DI INNOVAZIONE A SERVIZIO DELL AMBIENTE

30 ANNI DI INNOVAZIONE A SERVIZIO DELL AMBIENTE L ECOLOGIA NEL DNA 30 ANNI DI INNOVAZIONE A SERVIZIO DELL AMBIENTE 1981. Viene fondata la Giantin Giovanni, una piccola realtà familiare pioniera nel settore della raccolta e recupero di imballaggi. 1991.

Dettagli

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Levanto, 9 luglio 2015 L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio Gli imballaggi Una parte del problema 2 La crescita del

Dettagli

Green Public Procurement

Green Public Procurement Andrea Monsignori, Servizio Qualità dell Ambiente gestione rifiuti e attività estrattive Workshop: Procedure e opportunità del comprare verde Perugia, 24 Febbraio 2010 Green Public Procurement (Acquisti

Dettagli

POSITION PAPER. Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE. Position Paper 2010 www.studiolce.it

POSITION PAPER. Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE. Position Paper 2010 www.studiolce.it POSITION PAPER Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE 1 La sostenibilità ambientale della carta prodotta da fibre vergini o riciclate è oggi uno dei fattori in grado di

Dettagli

La logistica di CEVA per il settore Machinery Integratore di competenze e visibilità lungo la catena logistica

La logistica di CEVA per il settore Machinery Integratore di competenze e visibilità lungo la catena logistica La logistica di CEVA per il settore Machinery Integratore di competenze e visibilità lungo la catena logistica Davide Albanesi, Auto & Industry Sales Director, CEVA Italy Bologna, 19 Marzo 2015 Agenda

Dettagli

Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011

Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011 Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011 Campagna finanziata dall Unione Europea e dall Italia Chi siamo AIPO è un Unione Nazionale di Associazioni provinciali

Dettagli

ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE

ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE Lo standard ISO 22000 si applica a tutte le organizzazioni direttamente o indirettamente coinvolte nella filiera alimentare. La norma è compatibile

Dettagli

Gestione degli imballaggi

Gestione degli imballaggi Gestione degli imballaggi Attività di gestione dei rifiuti di imballaggio; obiettivi; obblighi dei produttori e degli importatori; raccolta differenziata e obblighi della pubblica amministrazione; organizzazione

Dettagli

Contenuti della presentazione. Import EU di legno illegale. Introduzione al Regolamento EUTR 01/07/14

Contenuti della presentazione. Import EU di legno illegale. Introduzione al Regolamento EUTR 01/07/14 FSC Italia TOUR # 6 Matera, 25 giugno 2014 Contenuti della presentazione Introduzione al Regolamento (UE) 995/2010 (EUTR) EUTR e certificazione forestale EUTR e certificazione FSC Alcune premesse Il Regolamento

Dettagli

Chi è Rilegno la responsabilità condivisa

Chi è Rilegno la responsabilità condivisa Chi è Rilegno la responsabilità condivisa Nell ordinamento ambientale nazionale il Decreto Ronchi (D.Lgs. 22/97) ha introdotto un nuovo orientamento nella gestione dei rifiuti, vocato alla prevenzione,

Dettagli

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A. Appendice Settore Agroalimentare Pagina 1/5 APPENDICE I SETTORE AGROALIMETARE 1 - Obiettivo Il presente

Dettagli

Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare

Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare M. Bettucci R. Secchi V. Veronesi Unit Produzione e Tecnologia Il libro è frutto del lavoro di ricerca svolto con il Gruppo

Dettagli

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE GUIDA ALL INTERPRETAZIONE DEL REG. 995/2010 Marco Di Bernardo Milano, 12 Marzo 2013 La Commissione Europea alla luce delle richieste di chiarimento giunte dai Paesi membri, dagli stakeholders e da tutti

Dettagli

Linee guida di applicazione del Reg 2023/2006/CE Buone pratiche di fabbricazione e rintracciabilità. M. R. Milana. Istituto Superiore di Sanità -Roma

Linee guida di applicazione del Reg 2023/2006/CE Buone pratiche di fabbricazione e rintracciabilità. M. R. Milana. Istituto Superiore di Sanità -Roma Linee guida di applicazione del Reg 2023/2006/CE Buone pratiche di fabbricazione e rintracciabilità M. R. Milana Istituto Superiore di Sanità -Roma Leggi su materiali in contatto con alimenti Disp. generali:

Dettagli

PREVENZIONE E RECUPERO per una gestione sostenibile dei rifiuti in Emilia Romagna. Dott. Marco Gasperoni, Responsabile Area Tecnica

PREVENZIONE E RECUPERO per una gestione sostenibile dei rifiuti in Emilia Romagna. Dott. Marco Gasperoni, Responsabile Area Tecnica PREVENZIONE E RECUPERO per una gestione sostenibile dei rifiuti in Emilia Romagna Dott. Marco Gasperoni, Responsabile Area Tecnica Bologna, 16 Ottobre 2007 Rilegno la mission e il sistema consortile LA

Dettagli

Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio

Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio Perugia, 27 febbraio 2009 Elisabetta Bottazzoli Area Rapporti con il Territorio CONAI Il modello del COnsorzio NAzionale per il recupero degli

Dettagli

07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO

07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO 07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO Perché Certificarsi Ottemperare agli obblighi di legge Soddisfare le richieste dei clienti Perché

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTI PLASTICI IN POLIPROPILENE CON CONTENUTO RICICLATO

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTI PLASTICI IN POLIPROPILENE CON CONTENUTO RICICLATO PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER PRODOTTI PLASTICI IN 0 15/03/2012 RQ LTM 1 di 7 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...3 2. TERMINOLOGIA...3 2.1 RICICLO DI MATERIALI PLASTICI...3 2.2 MATERIALE PLASTICO

Dettagli

Il Sistema CONAI e la Gestione del Contributo Ambientale. Asolo, 25 ottobre 2013

Il Sistema CONAI e la Gestione del Contributo Ambientale. Asolo, 25 ottobre 2013 Il Sistema CONAI e la Gestione del Contributo Ambientale Asolo, 25 ottobre 2013 INDICE 1. Il Problema Produzione di rifiuti 2. La risposta normativa Legislazione europea Sistema Conai/Consorzi di Filiera

Dettagli

[www.bovo-bags.com] 12 14 16 18 PRODUZIONE

[www.bovo-bags.com] 12 14 16 18 PRODUZIONE BOVO BAGS 2 Indice 3 BOVO Bags fa la differenza un partner affidabile per imballaggi di alta qualità. Una vasta conoscenza dei processi produttivi, delle materie prime, dei mercati e dei prodotti di riferimento

Dettagli

Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008

Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008 Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008 Per dare evidenza dell'efficace gestione organizzativa dell'azienda. Sistema di gestione ambientale - ISO 14001:2004 Per

Dettagli

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A. - Appendice Settore Abbigliamento

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A. - Appendice Settore Abbigliamento Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A. - Appendice Settore Abbigliamento Pagina 1 di 5 APPENDICE I SETTORE ABBIGLIAMENTO 1 - Obiettivo

Dettagli

EASY CONAI. Guida sintetica all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale. Edizione 2013

EASY CONAI. Guida sintetica all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale. Edizione 2013 EASY CONAI Edizione 2013 Guida sintetica all adesione e all applicazione del Contributo Ambientale Introduzione CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi, è un Consorzio privato senza fini di lucro, a cui

Dettagli

Decreto Legislativo 152/2006 e Direttiva 94/62/CE, requisiti essenziali degli imballaggi in acciaio

Decreto Legislativo 152/2006 e Direttiva 94/62/CE, requisiti essenziali degli imballaggi in acciaio Decreto Legislativo 152/2006 e Direttiva 94/62/CE, requisiti essenziali degli imballaggi in acciaio Simona Fontana Responsabile Centro Studi - Area Prevenzione Rimini, 5 novembre 2014 Il Sistema CONAI,

Dettagli

RILEGNO Area Tecnica Antonella Baldacci

RILEGNO Area Tecnica Antonella Baldacci Il Nuovo Accordo Anci-Conai 2014-2019 2019 Una nuova fase della raccolta e del recupero degli imballaggi RILEGNO Area Tecnica Antonella Baldacci Torino 30 Marzo 2015 Chi è Rilegno LA MISSION RILEGNO Nato

Dettagli

CERTIQUALITY. Area Certificazione Qualità. Settore Agroalimentare. Cremona 27 Ottobre 2006

CERTIQUALITY. Area Certificazione Qualità. Settore Agroalimentare. Cremona 27 Ottobre 2006 CERTIQUALITY Area Certificazione Qualità Settore Agroalimentare Cremona 27 Ottobre 2006 CERTIQUALITY S.r.l. Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 CERTIQUALITY OPERA CON OLTRE 100 PROFESSIONISTI CON

Dettagli

LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl

LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl IL SITO E LE ATTIVITÀ La RIME 1 è una società che svolge

Dettagli

Adattamento dello standard FSC di Catena di Custodia alle direttive della EU Timber Regulation

Adattamento dello standard FSC di Catena di Custodia alle direttive della EU Timber Regulation Adattamento dello standard FSC di Catena di Custodia alle direttive della EU Timber Regulation Versione italiana delle più recenti note informative introdotte nella Direttiva FSC-DIR-40-004 40-004-08:

Dettagli

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27.

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27. Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27 dicembre 2013 Suppl. Ordinario n. 89) Rosanna Laraia IL DPCM 12 dicembre

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria.

Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria. Nessuna ulteriore proroga. N e Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria. La proroga del periodo di coesistenza della Marcatura CE con la la Norma Tecnica Europea EN 14351 1,

Dettagli

NORMATIVE INTERNAZIONALI PER LE MISURE FITOSANITARIE

NORMATIVE INTERNAZIONALI PER LE MISURE FITOSANITARIE Pubblicazione Nr. 15 NORMATIVE INTERNAZIONALI PER LE MISURE FITOSANITARIE Pubblicazione Nr. 15 LINEE GUIDA PER LA REGOLAMENTAZIONE DEL MATERIALE DA IMBALLAGGIO IN LEGNO NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE (2002)

Dettagli

2. IL PALLET IN LEGNO

2. IL PALLET IN LEGNO 2. IL PALLET IN LEGNO Il pallet in legno è uno strumento logistico fondamentale, universalmente utilizzato e capillarmente diffuso, ma anche e soprattutto uno strumento di lavoro, in quanto presente in

Dettagli

Rifiuto = Valore Obiettivo discarica zero!

Rifiuto = Valore Obiettivo discarica zero! Rifiuto = Valore Obiettivo discarica zero! La gestione dei rifiuti di imballaggio in Italia Valter Facciotto Direttore CONAI Università LIUC, 15 novembre 2011 Lo scenario nazionale di produzione dei rifiuti

Dettagli

I NUOVI SCENARI DELL ECONOMIA DEL FUTURO. Bologna, 30 Novembre 2011

I NUOVI SCENARI DELL ECONOMIA DEL FUTURO. Bologna, 30 Novembre 2011 Il mercato degli acquisti verdi della pubblica amministrazione nell ambito dei manufatti in legno I NUOVI SCENARI DELL ECONOMIA DEL FUTURO Bologna, 30 Novembre 2011 Patrizia Bianconi I progetti regionali

Dettagli

POSIZIONE DEL COPA E DELLA COGECA SUI SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ NELL AMBITO DELLA CATENA ALIMENTARE

POSIZIONE DEL COPA E DELLA COGECA SUI SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ NELL AMBITO DELLA CATENA ALIMENTARE Comitato delle Organizzazioni Professionali Agricole dell'ue Confederazione Generale delle Cooperative Agricole dell UE PR(06)249F1 6 dicembre 2006 P(06)222F1 POSIZIONE DEL COPA E DELLA COGECA SUI SISTEMI

Dettagli

MODELLO DI ACCORDO QUADRO

MODELLO DI ACCORDO QUADRO MODELLO DI ACCORDO QUADRO a) Enti Pubblici b) Autorità di Coordinamento regionale del Distretto Bioenergetico c) Fornitori della biomassa - produttori di colture energetiche - produttori di residui agricoli

Dettagli

Dalla certificazione qualità e ambiente di Comieco una proposta per la filiera cartaria

Dalla certificazione qualità e ambiente di Comieco una proposta per la filiera cartaria Dalla certificazione qualità e ambiente di Comieco una proposta per la filiera cartaria Carlo Montalbetti Comieco: un sistema imprenditoriale per il raggiungimento degli obiettivi di recupero e riciclo

Dettagli

La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare

La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA REGOLAMENTAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DEGLI OBBLIGHI EMAS TRIESTE 10 DICEMBRE 2014 DOTT. ROBERTO CARIANI Presentazione

Dettagli

7. QUALITa DEL PRODOTTO

7. QUALITa DEL PRODOTTO 7. QUALITa DEL PRODOTTO 7. Qualità del prodotto Per Altromercato un prodotto deve essere costituito da materie prime di alta qualità, il più possibile sostenibile nel suo ciclo di produzione, consumo e

Dettagli

La sostenibilità e la certificazione volontaria come valore per il mercato del vino. 22 ottobre 2014 Ing. Maurizio De Francesco Genagricola SpA

La sostenibilità e la certificazione volontaria come valore per il mercato del vino. 22 ottobre 2014 Ing. Maurizio De Francesco Genagricola SpA La sostenibilità e la certificazione volontaria come valore per il mercato del vino La crescente attenzione del consumatore per i temi della sicurezza alimentare e la contemporanea richiesta di garanzie

Dettagli

CERTIFICAZIONE AMMINISTRATORI CONDOMINIO E SERVIZI CORRELATI

CERTIFICAZIONE AMMINISTRATORI CONDOMINIO E SERVIZI CORRELATI CERTIFICAZIONE AMMINISTRATORI CONDOMINIO E SERVIZI CORRELATI Chi siamo Il RINA è un Gruppo multinazionale capace di affiancare i propri clienti nello sviluppo e nella gestione delle diverse fasi dell attività

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

Centro studi MatER. Il Caso di Studio del Legno

Centro studi MatER. Il Caso di Studio del Legno Centro studi MatER Materia & Energia da Rifiuti Il Caso di Studio del Legno Riciclaggio e Ciclo di Recupero 10 Dicembre 2013 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. IL RICICLAGGIO DEL LEGNO...3 3. IL RUOLO DI RILEGNO...5

Dettagli

Bio-economy between Food and non Food: The Italian Way

Bio-economy between Food and non Food: The Italian Way Bio-economy between Food and non Food: The Italian Way Non Food 4 Non Food Massimo Medugno Assocarta L industria della carta italiana anno 2013 Produzione di 8,5 milioni di tonnellate (- 0,6% rispetto

Dettagli

La gestione dei rifiuti derivanti dai prodotti fitosanitari

La gestione dei rifiuti derivanti dai prodotti fitosanitari La gestione dei rifiuti derivanti dai prodotti fitosanitari SAURO SACCHETTI Servizio Rifiuti e Bonifica Siti Regione Emilia-Romagna pag. 1 di 20 NORMATIVA NAZIONALE: D.Lgs. 152/2006 (1 di 4) Definizioni

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

Ferrara, 23 MAGGIO 2013 W.Bertozzi

Ferrara, 23 MAGGIO 2013 W.Bertozzi Standard qualitativi di prodotto (obbligatorietà e valore aggiunto): gli standard e i disciplinari di Remade in Italy Ferrara, 23 MAGGIO 2013 W.Bertozzi Come sono nate le certificazioni aziendali? Storicamente

Dettagli

Salone internazionale del Gusto e Terra Madre. Partner istituzionali

Salone internazionale del Gusto e Terra Madre. Partner istituzionali Salone internazionale del Gusto e Terra Madre Partner istituzionali L iniziativa fa parte del Calendario di Torino World Design Capital 2008 Salone Internazionale del Gusto e Terra Madre, coerentemente

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: DETERSIVI SELF SERVICE Promotore/i: REGIONE PIEMONTE, Direzione Ambiente, Settore Programmazione

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

La gestione dei rifiuti di imballaggio ed il ruolo di Conai e dei CdF

La gestione dei rifiuti di imballaggio ed il ruolo di Conai e dei CdF Seminario sulla raccolta differenziata e sulla qualità dei materiali La gestione dei rifiuti di imballaggio ed il ruolo di Conai e dei CdF Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio Porto S. Elpidio,

Dettagli