Geometria piana e solida: una nota sulla purezza del metodo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Geometria piana e solida: una nota sulla purezza del metodo"

Transcript

1 89 Geometria piana e solida: una nota sulla purezza del metodo Paolo Mancosu UC Berkeley Andy Arana KSU at Manhattan Abstract: Traditional geometry concerns itself with planimetric and stereometric considerations, which are at the root of the division between plane and solid geometry. In this note (which is based on a much longer article forthcoming in the Review of Symbolic Logic), our major concern is with methodological issues of purity. In the first part we give a rough sketch of some key episodes in mathematical practice that relate to the interaction between plane and solid geometry. In the second part, we look at a late nineteenth century debate (on fusionism ) in which for the first time methodological and foundational issues related to aspects of the mathematical practice covered in the first part of the paper came to the fore. We conclude this part by remarking that only through an axiomatic and analytical effort could the issues raised by the debate on fusionism be made precise. The third part of the note focuses on Hilbert's axiomatic and foundational analysis of the plane version of Desargues theorem on homological triangles and its implications for the relationship between plane and solid geometry. Finally, building on the foundational case study analyzed in the third section, in the fourth, and last, section we point the way to the analytic work necessary for exploring various important claims on purity, content and other relevant notions. Key Words: geometry, solid geometry, projective geometry, purity of methods, Desargues' theorem, axiomatics, Hilbert, Peano.

2 90 Riassunto: La geometria tradizionale verte su considerazioni planimetriche e stereometriche che sono alla base della divisione tra geometria piana e geometria solida. In questa nota (basata su un articolo molto più esteso in corso di pubblicazione nella Review of Symbolic Logic) la nostra preoccupazione principale riguarda la questione della purezza dei metodi. Nella prima parte diamo un accenno ad alcuni episodi centrali che hanno caratterizzato l'interazione tra geometria piana e solida nella pratica matematica. Nella seconda parte presentiamo un dibattito del tardo ottocento (sul "fusionismo") in cui per la prima volta gli aspetti fondazionali della pratica matematica discussa nella prima parte della nota divennero oggetto di discussione. Concludiamo questa parte notando che le tematiche sollevate dal dibattituto sul "fusionismo" potevano essere rese precise solo con un lavoro assiomatico ed analitico. La terza parte si concentra sull'analisi assiomatica e fondazionale data da Hilbert del teorema piano di Desargues sui triangoli omologici e sulle sue implicazioni per la relazione tra geometria piana e solida. Infine, sulla base dell'episodio fondazionale studiato nella terza parte, la quarta ed ultima sezione dà alcune indicazioni sul lavoro analitico necessario per sondare diverse tesi importanti sulle nozioni di "purezza", "contenuto", ed altre ad esse connesse. Parole chiave: geometria; geometria solida; geometria proiettiva; purezza dei metodi; teorema di Desargues; assiomatica; Hilbert, Peano. La geometria tradizionale si occupa sia di planimetria che di stereometria e questo conduce a distinguere tra geometria piana e solida. Quando ci si pone il problema della relazione tra queste due aree si aprono molti problemi che sono di natura epistemologica, ontologica, semantica, logica e metodologica. Inoltre si presentano naturalmente anche altre questioni legate alla psicologia e alla didattica della matematica. In questa nota (basata su Arana-Mancosu, in corso di pubblicazione) l attenzione si concentrerà su un aspetto metodologico della questione: la purezza dei metodi. Dopo alcuni cenni storici sul ruolo che la geometria solida ha avuto nello sviluppo della geometria piana si passerà all analisi di un caso specifico, il teorema di Desargues nel piano (che chiameremo anche teorema piano di Desargues ). Questo teorema fu dimostrato da Desargues attraverso il ricorso a nozioni metriche (principi di congruenza) che stavano alla base di un teorema che giocò un ruolo centrale nella dimostrazione di Desargues: il teorema di Menelao. Tuttavia lo sviluppo della geometria nel diciannovesimo secolo portò all analisi dei fondamenti

3 91 della geometria proiettiva e al tentativo di eliminare per quanto possibile da quest ultima nozioni non proiettive come la congruenza o la misura. Il teorema piano di Desargues fu fondamentale in questo programma di ricerca. Una dimostrazione puramente proiettiva di tale teorema era già stata data da Poncelet nel Poncelet aveva mostrato come la versione del teorema di Desargues nello spazio (che chiameremo anche teorema solido di Desargues ) aveva come semplice corollario una dimostrazione proiettiva del teorema di Desargues nel piano. L appello alla congruenza nella dimostrazione del teorema piano di Desargues veniva così eliminata attraverso l introduzione dello spazio. Ci si può però legittimamente chiedere se questo appello allo spazio sia legittimo e necessario. La questione della legittimità nasce da considerazioni di purezza dei metodi. La questione della necessità da considerazioni logiche. Si dovette aspettare fino ai lavori di Peano e Hilbert per avere una risposta (positiva) logicamente rigorosa a quest ultima questione. Inoltre questi risultati sono alla base di una discussione più articolata del problema della legittimità o della purezza. Queste considerazioni saranno sviluppate nella parte finale di questa nota. 1. Cenni storici sul rapporto tra geometria piana e solida Nella geometria antica si trovano poche applicazioni interessanti della geometria solida alla geometria piana (naturalmente quella solida richiede la piana). Gli Elementi di Euclide portano ad una separazione netta tra geometria piana e solida (con quest ultima rilegata agli ultimi libri) che influenzerà la presentazione degli elementi di geometria fino al secolo diciannovesimo. Non mancano però, già nel mondo antico, alcune direzioni avanzate di ricerca dove tecniche di geometria solida vengono utilizzate nello studio di problemi di geometria piana. Possiamo menzionare ad esempio la quadratura del cerchio data da Pappo attraverso una

4 92 proiezione dell elica cilindrica per generare la curva quadratrice nel piano. È anche importante notare che la distinzione tra problemi piani, solidi, e lineari data da Pappo è ortogonale rispetto a quella tra geometria piana e solida. La tassonomia data da Pappo concerne il tipo di curve richieste per la soluzione dei problemi (linea e cerchio per quelli piani; sezioni coniche per quelli solidi; e curve più complicate per quelli lineari). La geometria solida di Euclide si trova classificata quindi come piana nella classificazione di Pappo e viceversa problemi piani come la trisezione di un angolo arbitrario risultano solidi. Mentre Pappo critica l uso di curve che non corrispondono alla natura del problema (coniche per risolvere problemi piani ), non ci risulta che il mondo greco abbia sollevato obiezioni esplicite all uso della geometria solida nelle investigazioni di problemi di geometria piana. Nel secolo diciasettesimo si nota uno spiccato interesse per l applicazione di tecniche di geometria solida a quella piana. Valga come esempio quello di Evangelista Torricelli. Nel suo trattato De quadratura parabolae (1644), Torricelli presenta venti dimostrazioni differenti della quadratura della parabola dividendole in dimostrazione classiche (utilizzando la dimostrazione per assurdo) e dimostrazioni con la geometria degli indivisibili di ispirazione Cavaleriana. La cosa veramente sorprendente di questo trattato è l interesse mostrato da Torricelli per l utilizzazione di tecniche di geometria solida nella dimostrazione di un teorema di geometria piana. Tutti i più importanti risultati della stereometria classica euclidea e archimedea sono richiamati e Torricelli dimostra come la quadratura della parabola possa discendere da essi, grazie a tecniche di esaustione o ad argomenti di natura indivisibilista. Naturalmente nessuno di questi usi di geometria solida può venire considerato necessario visto che Archimede aveva già dato delle dimostrazioni puramente piane del teorema. Torricelli non solleva nessun problema metodologico rispetto all uso della geometria solida in questioni di geometria piana. Con lo sviluppo della geometria proiettiva nel secolo diciannovesimo le tecniche di utilizzazione dello spazio per dimostrare teoremi di geometria

5 93 (proiettiva) piana cominciano a mostrare la loro efficacia. La scuola di Monge in particolare si caratterizza per questa costante interazione tra piano e spazio. Nel suo famoso Aperçu del 1837 Chasles caratterizza la scuola di Monge attraverso la propensione per l utilizzazione delle tre dimensioni nella dimostrazione di teoremi nel piano. Concludiamo questi brevi cenni storici ricordando che in geometria elementare la separazione tra geometria piana e solida venne messa in discussione seriamente per la prima volta dal geometra italiano Riccardo de Paolis nei suoi Elementi di geometria (1884). In essi egli sottolineava sia l importanza delle analogie tra geometria piana e solida (angoli-diedri; poligoni-poliedri etc.) sia l importanza di utilizzare lo spazio per la comprensione e semplificazione dei teoremi di geometria piana. Questa posizione fusionista, cioè la richiesta che la geometria piana e solida vengano sviluppate in tandem, furono all origine di un dibattito noto come fusionismo a cui parteciparono geometri italiani, francesi e tedeschi. Il dibattito tra geometri fusionisti e i loro avversari portò a discussioni concernenti tanto la legittimità quanto la necessità del ricorso allo spazio nella dimostrazione di teoremi di geometria piana. Tuttavia per poter seriamente affrontare questo nucleo di questioni col rigore necessario si dovettero attendere i lavoro fondazionali di Hilbert e Peano che affronteremo dopo la seguente sezione. 2. I fondamenti della geometria proiettiva All inizio del secolo diciannovesimo, i cultori di geometria cominciarono a sviluppare i fondamenti della geometria proiettiva indipendentemente dalla geometria euclidea. Alcuni geometri, come Möbius e Plücker, cercarono di costruire una geometria analitica proiettiva analoga alla geometria analitica cartesiana. Altri, come Steiner, si mossero alla ricerca di una geometria senza coordinate che avesse

6 94 però gli stessi vantaggi della nuova geometria analitica proiettiva. Tutti questi programmi di ricerca utilizzavano liberamente considerazioni di natura metrica facendo ricorso o alla nozione di distanza euclidea o ai principi di proporzionalità o congruenza. Tuttavia questi principi non soddisfano l invarianza proiettiva. A partire dalla Geometria der Lage (1847) von Staudt diede origine a un programma di ricerca che aveva come scopo l eliminazione di queste nozioni metriche dalla geometria proiettiva. In un passo del suo lavoro dichiarava: Ho cercato in questo lavoro di trasformare la geometria di posizione in una scienza indipendente che non ha bisogno della nozione di misura. Benché ci fossero ancora dei problemi legati alla continuità che furono risolti solo dopo di lui, il lavoro di von Staudt rese possibile una definizione di un sistema di coordinate prive di metrica a partire da sole considerazioni proiettive. La chiave di volta per questo risultato era una particolare costruzione (costruzione del quadrilatero) che permette, dati tre punti collineari, di trovare unicamente un quarto punto sulla stessa retta degli altri tre, tale che i quattro punti siano fra loro in rapporto armonico (nozione che non abbiamo bisogno di definire qui). Il quarto punto può anche venir trovato tramite considerazioni metriche ma von Staudt, il cui programma richiedeva l eliminazione delle nozioni metriche a favore di quelle proiettive, riuscì nell impresa di determinare questo punto senza ricorrere a queste considerazioni, e impiegando invece il teorema piano di Desargues, il cui enunciato non involve alcuna nozione metrica: Teorema di Desargues nel piano. Se due triangoli complanari sono tali che le linee che connettono i vertici corrispondenti si intersecano in un punto allora le intersezioni dei lati corrispondenti sono collineari (giacciono sulla stessa linea). Come abbiamo già anticipato la prova originale di Desargues fa ricorso a nozioni metriche. Per realizzare lo scopo di von Staudt, occorre tuttavia una dimostrazione scevra da tali considerazioni. Questa era stata fornita da Poncelet nel

7 95 Traité des proprietés projectives des figures (1822). Desargues aveva anche enunciato una versione solida del teorema, la cui dimostrazione è immediata e trascende da considerazioni metriche (per ottenerla basta osservare che due piani si intersecano in una retta, e quindi le linee che connettono i vertici di due triangoli non complanari non possono che incontrasi sulla retta in cui si intersecano i piani a cui tali rette appartengono): Teorema di Desargues nello spazio. Se due triangoli che giacciono su piani differenti sono tali che le linee che connettono i loro vertici corrispondenti si intersecano in un punto allora le intersezioni dei lati corrispondenti sono collineari. Poncelet dimostrò che il teorema piano di Desargues risulta per semplice proiezione sul piano da quello solido, ottenendo così una dimostrazione puramente proiettiva del primo. Questa è la dimostrazione impiegata da von Staudt. Tuttavia tale dimostrazione richiede la geometria dello spazio nonostante il fatto che l enunciato del teorema di Desargues nel piano concerne solo triangoli complanari. Abbiamo cosi raggiunto il nodo teorico che aveva dato origine alla polemica sul fusionismo. Che il fusionismo fosse necessario nei fondamenti della geometria proiettiva fu la conclusione a cui arrivò anche Felix Klein nel suo articolo Über die sogennante Nicht-Euklidische Geometrie (1873). Wiener in un articolo del 1891 osservò, senza fornire una dimostrazione, che il teorema piano di Desargues non si può dimostrare proiettivamente senza passare per lo spazio ed osservò inoltre che la geometria piana proiettiva non e autosufficiente. Peano e Hilbert affrontarono questo problema col rigore metodologico necessario.

8 96 3. Peano e Hilbert L osservazione di Klein sulla necessità di ricorrere allo spazio nei fondamenti della geometria proiettiva si basa sul teorema di Beltrami (1865) che asserisce che una superficie liscia Riemanniana possiede curvatura costante se e solo se può essere proiettata su un piano in modo tale che le geodetiche di quella superficie hanno come proiezione delle linee rette nel piano. Il risultato si applica tanto al piano euclideo quanto a quello proiettivo. Klein interpretava quindi il teorema di Beltrami come l asserzione che una superficie di Riemann di curvatura non costante non può essere rappresentata su un piano in modo tale che le geodetiche di quella superficie si comportino come linee rette nel piano. Nel 1894 Peano sviluppò questa interpretazione e diede lo schizzo di una dimostrazione che i suoi assiomi per la formalizzazione della geometria piana hanno modelli in cui il teorema piano di Desargues non vale. Il suo modello, appena schizzato, utilizza superfici di Riemann di curvatura non costante. Quindi i suoi assiomi per la geometria del piano sono insufficienti per la dimostrazione del teorema piano di Desargues. Quando gli assiomi della geometria del piano sono supplementati da quelli per lo spazio, il teorema piano di Desargues diventa dimostrabile, come prevedibile. Nelle lezioni del Hilbert articolò i suoi assiomi per la geometria dividendoli in cinque classi: I (incidenza), II (ordine), III (parallele), IV (congruenza), V (continuita ). Egli osservò che il teorema piano di Desargues è dimostrabile in questo sistema usando gli assiomi di incidenza nello spazio o alternativamente gli assiomi di congruenza. Dimostrò poi che il teorema piano di Desargues non può essere dimostrato nella geometria del piano a cui manchino alcuni assiomi di congruenza (ossia non è dimostrabile dagli assiomi I 1-2, II, III, IV 1-5 e V). Egli otteneva questo risultato presentando esplicitamente un modello in cui questi assiomi valgono ma il teorema piano di Desargues non vale. Ne consegue che il teorema piano di Desargues non può essere dimostrato coi soli assiomi proiettivi per il piano (I 1-2).

9 97 Nelle sue lezioni sulla geometria euclidea Hilbert commentava il risultato ponendo in evidenza la sua importanza per la questione della purezza dei metodi: Questo teorema ci dà ora l opportunità di discutere una questione importante. Il contenuto [Inhalt] del teorema di Desargues appartiene completamente alla geometria del piano benché per la sua dimostrazione ci sia stato necessario far ricorso allo spazio. Perciò ci troviamo per la prima volta nella posizione di mettere in pratica una critica dei mezzi di dimostrazione. Nella matematica moderna questa critica è utilizzata molto spesso quando lo scopo è quello di preservare la purezza del metodo [die Reinheit der Methode], e cioè dimostrare teoremi, se possibile, utilizzando mezzi che sono suggeriti [nahe gelegt] dal contenuto del teorema.(hallett and Majer 2004, pp ) Una dimostrazione di un teorema è quindi pura o meno a seconda se i mezzi dimostrativi utilizzati sono suggeriti dal contenuto del teorema che viene dimostrato, oppure trascendono questo contenuto. Dato che il contenuto del teorema *piano+ di Desargues appartiene completamente alla geometria del piano considerazioni che fanno appello allo spazio non sembrano essere suggerite dal contenuto del teorema. Perciò Hilbert sembra considerare impure le dimostrazioni del teorema piano di Desargues che utilizzano lo spazio. Hilbert dimostrò inoltre che se una geometria piana soddisfa gli assiomi I 1-2 (gli assiomi di incidenza nel piano), II (gli assiomi dell ordine), e III (assioma delle parallele) allora il teorema piano di Desargues è condizione necessaria e sufficiente affinchè quella geometria del piano risulti un elemento di una geometria dello spazio che soddisfa tutti gli assiomi di incidenza (inclusi quelli dello spazio) oltre agli assiomi II e III. In altri termini, un piano che soddisfa gli assiomi I 1-2, II, III ed il teorema piano di Desargues, soddisfa anche gli assiomi di incidenza nello spazio I 3-7. Hilbert dimostrò questo risultato mostrando prima di tutto come in una geometria del piano che soddisfa gli assiomi I 1-2, II, III ed il teorema di Desargues si possa costruire un algebra di segmenti che ha la struttura di un anello di divisione ordinato. Mostrò poi come un anello di divisione ordinato può essere utilizzato per costruire un modello degli assiomi I, II, e III, ovvero un modello della geometria dello

10 98 spazio (gli assiomi d ordine sono inessenziali). Ecco come nelle lezioni del Hilbert riassumeva la situazione: Quindi il teorema di Desargues sarebbe la condizione che garantisce che il piano stesso è distinto nello spazio e possiamo quindi dire che tutto ciò che è dimostrabile nello spazio è già dimostrabile nel piano dal teorema di Desargues. In altre parole, il teorema di Desargues può essere utilizzato come sostituto degli assiomi solidi; nel sistema di Hilbert esso ha esattamente le stesse conseguenze dimostrabili degli assiomi spaziali. 4. Il problema del contenuto In un articolo recente (Hallett 2008) e nelle sue introduzioni alle lezioni di Hilbert sulla geometria pubblicate nel primo volume della Hilbert Edition (Hallett and Majer 2004), Michael Hallett ha tratto delle conseguenze interessanti, ma a nostro parere discutibili, sulla nozione di contenuto del teorema di Desargues e sulla questione della purezza dei metodi. Nel suo articolo del 2008 Hallett scrive: What this shows is that the Planar Desargues s Theorem is a sufficient condition for the orderly incidence of lines and planes, in the sense that it can be used to generate a space. We thus have an explanation for why the Planar Desargues s Theorem cannot be proved from planar axioms alone: the Planar Desargues s Theorem appears to have spatial content. (p. 229) Inoltre nella sua introduzione alle lezioni di Hilbert del Hallett osserva che il lavoro di Hilbert reveals that Desargues planar Theorem has hidden spatial content, perhaps showing that the spatial proof of the Planar Theorem does not violate Reinheit after all (pp ). Quindi Hallett sostiene che il lavoro di Hilbert ci deve condurre a rivedere il nostro giudizio su cosa debba essere una dimostrazione pura del teorema piano di Desargues. Mentre a prima vista potrebbe

11 99 sembrare che considerazioni facenti appello allo spazio nella dimostrazione del teorema piano di Desargues diano luogo a impurità, Hallett ritiene che il lavoro di Hilbert ci debba portare a rivedere questa intuizione in quanto mostrerebbe che il teorema piano di Desargues abbia un contenuto spaziale (o solido) nascosto. Questa posizione di Hallett fa appello alla nozione di contenuto nascosto di ordine superiore sviluppata da Dan Isaacson nel contesto di alcuni lavori volti a fornire una interpretazione dei risultati di incompletezza di Gödel per l aritmetica di Peano. Nel nostro articolo (Arana-Mancosu, in corso di pubblicazione) sviluppiamo un analisi dettagliata tanto della concezione di contenuto nascosto di ordine superiore di Isaacson quanto delle conseguenze per la purezza dei metodi che ne discendono secondo Hallett. L aspetto centrale della questione è che la nozione di contenuto proposta da Hallet in base alla considerazione dell analisi hilbertiana del teorema di Desargues è basata sul ruolo deduttivo giocato da tale teorema entro un sistema assiomatico. Questa nozione è molto vicina a quella di contenuto come equivalenza deduttiva (all interno di una teoria di base) articolata da Carnap. Hallett vede nel teorema piano di Desargues un enunciato dal contenuto solido (nascosto) proprio perché entro una certa teoria assiomatica il teorema di Desargues gioca lo stesso ruolo deduttivo degli assiomi dello spazio. La nostra critica alla posizione di Hallett è basata sulle seguenti cinque obiezioni che qui vengono semplicemente elencate ma non argomentate (rinviamo al nostro articolo tanto per un articolazione della tesi di Hallett che per una argomentazione dettagliata a sostegno delle nostre critiche): a) Se il contenuto del teorema piano di Desargues fosse spaziale ne seguirebbe che un essere dotato di credenze e concetti piani ma che non abbia credenze o concetti spaziali non riuscirebbe a comprenderlo, ciò che appare poco plausibile. b) Sostenere che il teorema piano di Desargues ha un contenuto solido a causa del suo ruolo nel sistema assiomatico di base hilbertiano richiede

12 100 una profonda analisi metateorica tale quella condotta da Hilbert. Ma che cosa dire di enunciati che non sono ancora stati analizzati metateoricamente o, peggio ancora, di cui non si sa se siano veri o falsi (come la congettura dei numeri primi gemelli)? Intuitivamente comprendiamo (il contenuto del-) la congettura dei primi gemelli anche se non ne abbiamo una dimostrazione od un analisi metateorica. c) La posizione di Hallett implica un contestualismo radicale rispetto al contenuto. Il ruolo giocato dal teorema di Desargues cambia radicalmente a seconda che l enunciato faccia parte di una geometria (metrica) con assiomi di congruenza o di una sola geometria proiettiva. Eppure l enunciato è lo stesso in entrambe i casi. d) All interno di un contesto assiomatico con gli assiomi I 1-2, II, e III ed il teorema piano di Desargues, Hallett attribuisce contenuto spaziale solo a quest ultimo. Ma ammesso e non concesso che il teorema piano di Desargues abbia contenuto solido, è illecito attribuire questo contenuto al solo teorema di Desargues. Infatti le conseguenze spaziali appartengono all intero sistema e non al solo enunciato di Desargues. È vero che senza l enunciato di Desargues le conseguenze spaziali non vengono assicurate ma l enunciato da solo, senza gli altri assiomi, è a sua volta incapace di produrre queste conseguenze. Sarebbe quindi più corretto dire che le conseguenze spaziali sono in parte il risultato dell enunciato di Desargues e in parte dei rimanenti assiomi. Ma allora, se il teorema piano di Desargues avesse un contenuto spaziale, questo dovrebbe essere il caso anche di questi ultimi assiomi, per esempio dell assioma I.1. e) Dall analisi della nozione di contenuto difesa da Hallett consegue che ogni teorema ha una dimostrazione pura. Ci sembra implausibile che questo sia vero a priori in quanto conseguenza di un analisi della nozione di

13 101 contenuto. La purezza ne risulterebbe trivializzata. Ne concludiamo che la nozione di contenuto fornita da Hallett puo risultare interessante per altri scopi ma non al fine di chiarificare i giudizi di purezza che sono usuali nella pratica matematica. La nozione di contenuto che a nostro parere risulta utile per una chiarificazione del concetto di purezza di una dimostrazione deve invece essere legata alla comprensione del significato dell enunciato di un teorema e non al suo ruolo deduttivo all interno di un sistema assiomatico. Inoltre la nostra posizione sul teorema di Desargues è la stessa che ci pare sia stata sostenuta dallo stesso Hilbert: il teorema piano di Desargues non ha una dimostrazione pura in un contesto proiettivo. Ringraziamenti. Desideriamo ringraziare Abel Lassalle Casanave per averci dato lo stimolo a scrivere questa nota e Marco Panza per preziosi suggerimenti di stile e contenuto. Bibliografia ARANA, A. e MANCOSU, P. On plane and solid geometry, in corso di pubblicazione nella Review of Symbolic Logic. CHASLES, M. Aperçu Historique sur l Origine et le Développement des Méthodes en Géométrie. M. Hayez, Bruxelles, DE PAOLIS, R. Elementi di Geometria. Loescher, Torino, DETLEFSEN, M. "Purity as an ideal of proof". In: Paolo Mancosu (ed), 2008, pp DETLEFSEN, M. e ARANA, A. "Purity of methods". Philosophers' Imprint, 110(2): 1-20, 2011.

14 102 HALLET, M. "Reflections on the Purity of Method in Hilbert s Grundlagen der Geometrie". In: Paolo Mancosu (ed), 2008, pp HALLET, M. e MAJER, U. (eds). David Hilbert s lectures on the Foundations of Geometry, Springer-Verlag, Berlin, HILBERT, D. Grundlagen der Geometrie. B.G. Teubner, Leipzig, Foundations of Geometry. Open Court, La Salle, IL, Traduzione inglese dei Grundlagen der Geometrie (B.G. Teubner, Leipzig, 1899). ISAACSON, D. "Arithmetical truth and hidden higher-order concepts". In: The Philosophy of Mathematics, a cura di W.D. Hart, pagine Oxford University Press, Pubblicato originariamente in Logic Colloquium 85, the Paris Logic Group (eds.), Amsterdam, North-Holland, 1987, pp KLEIN, F. "Über die sogenannte Nicht-Euklidische Geometrie". Mathematische Annalen, 6: , MANCOSU, P. (ed) The Philosophy of Mathematical Practice. Oxford University Press, PAPPUS. Collectionis Quae Supersunt. Weidman, Berlin, vols. PEANO, G. "Sui fondamenti della Geometria". Rivista di Matematica, 4:51 90, PONCELET, J-V. Traité des Proprieetés Projectives des Figures. Bachelier, Paris, TORRICELLI, E. Opera Geometrica, Firenze. In Opere di Evangelista Torricelli. Stabilimento Tipografico Montanari, Faenza, VON STAUDT, K. G. C. Geometrie der Lage. F. Korn, Nürnberg, WIENER, H. "Über Grundlagen und Aufbau der Geometrie". Jahresbericht der Deutschen Mathematiker-Vereinigung, 1: 45 48, 1892.

Le Geometrie non euclidee

Le Geometrie non euclidee Le Geometrie non euclidee Un introduzione elementare Riccardo Dossena Liceo Scientifico G. Novello Codogno (LO) 12 marzo 2015 Euclide di Alessandria Euclide (circa 300 a.c.) Euclide di Alessandria 1 Epoca:

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

L infinito nell aritmetica. Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton

L infinito nell aritmetica. Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton L infinito nell aritmetica Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton Poi lo condusse fuori e gli disse: . E soggiunse:

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04 I numeri reali Note per il corso di Analisi Matematica 1 G. Mauceri a.a. 2003-04 2 I numeri reali Contents 1 Introduzione 3 2 Gli assiomi di campo 3 3 Gli assiomi dell ordine 4 4 Valore assoluto 5 5 I

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA. (in particolare gli ottonioni)

DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA. (in particolare gli ottonioni) DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA (in particolare gli ottonioni) Gruppo B. Riemann Michele Nardelli, Francesco Di Noto *Gruppo amatoriale per la ricerca matematica sui numeri primi, sulle loro congetture

Dettagli

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI

SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI G. FANO (Torino - Italia) SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI 1. - La distinzione, che pareva tradizionale, tra scienze di ragionamento e scienze sperimentali è ormai

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese Introduzione Nell articolo vengono mostrate vari possibili legami tra la costante di Archimede (pi greco) e la sezione aurea (phi).

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Introduzione all Analisi Non-Standard

Introduzione all Analisi Non-Standard Introduzione all Analisi Non-Standard Riccardo Dossena La matematica del seicento venne caratterizzata fondamentalmente dalla ricerca della soluzione ad un celebre e antico problema: il cosiddetto problema

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Costruzioni con riga e compasso. Fabio Stumbo Dipartimento di Matematica Università di Ferrara Ferrara, I f.stumbo@unife.it

Costruzioni con riga e compasso. Fabio Stumbo Dipartimento di Matematica Università di Ferrara Ferrara, I f.stumbo@unife.it ostruzioni con riga e compasso Fabio Stumbo Dipartimento di Matematica Università di Ferrara Ferrara, I f.stumbo@unife.it INDIE 2 Indice 1 Note storiche 3 2 ostruzioni fondamentali 8 2.1 Definizione e

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Le origini delle coniche: da Euclide ad Apollonio

Le origini delle coniche: da Euclide ad Apollonio Corso di Storia ed epistemologia della matematica Prof. Lucio Benaglia Le origini delle coniche: da Euclide ad Apollonio Specializzando: Stefano Adriani Matricola 56152 Relatore: prof. Lucio Benaglia Anno

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo 5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo X m a (mod n ) Oggetto di questo paragrafo è lo studio della risolubilità di congruenze del tipo: X m a (mod n) con m, n, a Z ed m, n > 0. Per l effettiva

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI.

IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI. IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI. PH. ELLIA Indice Introduzione 1 1. Divisori di un numero. 2 2. Numeri primi: definizioni. 4 2.1. Fare la lista dei numeri primi.

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R.

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE Prerequisiti e sviluppi universitari a cura di G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. ZAN Unione Matematica Italiana 2006 Ho continuato

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012 Prova di Matematica : Relazioni + Geometria Alunno: Classe: 1 C 05.06.2012 prof. Mimmo Corrado 1. Dati gli insiemi =2,3,5,7 e =2,4,6, rappresenta

Dettagli

Ascrizioni di credenza

Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi 2014-15 Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni

Dettagli

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA Michele Impedovo Bollettino dei Docenti di Matematica del Canton Ticino (CH) n 36, maggio 98. Il problema Il lavoro che

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Lo studio di unzione Ing. Alessandro Pochì Appunti di analisi Matematica per la Classe VD (a.s. 011/01) Schema generale per lo studio di una unzione Premessa Per Studio unzione si intende, generalmente,

Dettagli

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale RUOLO DELLA MODELLAZIONE GEOMETRICA E LIVELLI DI MODELLAZIONE PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi... IN QUESTA LEZIONE Modelli 2D/3D Modelli 3D/3D Dimensione delle primitive di modellazione Dimensione dell oggettoy

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

r.berardi NOTE E SCHEDE OPERATIVE PER APPRENDERE LE PROIEZIONI ORTOGONALI

r.berardi NOTE E SCHEDE OPERATIVE PER APPRENDERE LE PROIEZIONI ORTOGONALI r.berardi NOTE E SCHEDE OPERATIVE PER APPRENDERE LE PROIEZIONI ORTOGONALI 1. Proiezioni Assonometriche e ortogonali 2. Teoria delle proiezioni ortogonali Pag. 1 Pag. 2. 3. SCHEDE OPERATIVE SULLE PROIEZIONI

Dettagli

Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale

Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale 1 Oggetto 2 2 Obiettivo 2 3 Requisiti 2 3.1 Contenuto 2 3.2 Forma 2 3.3 Volume 3 3.4 Lingua 3 3.5 Lavoro individuale

Dettagli

Appunti ed esercizi. di Meccanica Razionale

Appunti ed esercizi. di Meccanica Razionale Appunti ed esercizi di Meccanica Razionale Università degli Studi di Trieste - Sede di Pordenone Facoltà di Ingegneria Appunti ed esercizi di Meccanica Razionale Luciano Battaia Versione del 29 dicembre

Dettagli

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta L. P. 22 Aprile 2015 Sommario L espressione della quantità di moto e dell energia in relatività ristretta

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano.

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano. Il punto Il punto è un elemento geometrico fondamentale privo di dimensioni ed occupa solo una posizione. Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

NUMERI RAZIONALI E REALI

NUMERI RAZIONALI E REALI NUMERI RAZIONALI E REALI CARLANGELO LIVERANI. Numeri Razionali Tutti sanno che i numeri razionali sono numeri del tio q con N e q N. Purtuttavia molte frazioni ossono corrisondere allo stesso numero, er

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it 3 4 5 Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it Qualche osservazione preliminare sul Teorema di Pitagora e le terne

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

PROBLEMI RISOLTI ED IRRISOLTI IN TEORIA DEI NUMERI.

PROBLEMI RISOLTI ED IRRISOLTI IN TEORIA DEI NUMERI. PROBLEMI RISOLTI ED IRRISOLTI IN TEORIA DEI NUMERI. PH. ELLIA Indice 1. Pitagora, Euclide, Diofante. 2 1.1. Pitagora. 2 1.2. Numeri geometrici. 2 1.3. Divisori di un numero, numeri perfetti. 8 1.4. Euclide.

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta

Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta Francesco Zumbo www.francescozumbo.it http://it.geocities.com/zumbof/ Questi appunti vogliono essere

Dettagli