Geometria piana e solida: una nota sulla purezza del metodo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Geometria piana e solida: una nota sulla purezza del metodo"

Transcript

1 89 Geometria piana e solida: una nota sulla purezza del metodo Paolo Mancosu UC Berkeley Andy Arana KSU at Manhattan Abstract: Traditional geometry concerns itself with planimetric and stereometric considerations, which are at the root of the division between plane and solid geometry. In this note (which is based on a much longer article forthcoming in the Review of Symbolic Logic), our major concern is with methodological issues of purity. In the first part we give a rough sketch of some key episodes in mathematical practice that relate to the interaction between plane and solid geometry. In the second part, we look at a late nineteenth century debate (on fusionism ) in which for the first time methodological and foundational issues related to aspects of the mathematical practice covered in the first part of the paper came to the fore. We conclude this part by remarking that only through an axiomatic and analytical effort could the issues raised by the debate on fusionism be made precise. The third part of the note focuses on Hilbert's axiomatic and foundational analysis of the plane version of Desargues theorem on homological triangles and its implications for the relationship between plane and solid geometry. Finally, building on the foundational case study analyzed in the third section, in the fourth, and last, section we point the way to the analytic work necessary for exploring various important claims on purity, content and other relevant notions. Key Words: geometry, solid geometry, projective geometry, purity of methods, Desargues' theorem, axiomatics, Hilbert, Peano.

2 90 Riassunto: La geometria tradizionale verte su considerazioni planimetriche e stereometriche che sono alla base della divisione tra geometria piana e geometria solida. In questa nota (basata su un articolo molto più esteso in corso di pubblicazione nella Review of Symbolic Logic) la nostra preoccupazione principale riguarda la questione della purezza dei metodi. Nella prima parte diamo un accenno ad alcuni episodi centrali che hanno caratterizzato l'interazione tra geometria piana e solida nella pratica matematica. Nella seconda parte presentiamo un dibattito del tardo ottocento (sul "fusionismo") in cui per la prima volta gli aspetti fondazionali della pratica matematica discussa nella prima parte della nota divennero oggetto di discussione. Concludiamo questa parte notando che le tematiche sollevate dal dibattituto sul "fusionismo" potevano essere rese precise solo con un lavoro assiomatico ed analitico. La terza parte si concentra sull'analisi assiomatica e fondazionale data da Hilbert del teorema piano di Desargues sui triangoli omologici e sulle sue implicazioni per la relazione tra geometria piana e solida. Infine, sulla base dell'episodio fondazionale studiato nella terza parte, la quarta ed ultima sezione dà alcune indicazioni sul lavoro analitico necessario per sondare diverse tesi importanti sulle nozioni di "purezza", "contenuto", ed altre ad esse connesse. Parole chiave: geometria; geometria solida; geometria proiettiva; purezza dei metodi; teorema di Desargues; assiomatica; Hilbert, Peano. La geometria tradizionale si occupa sia di planimetria che di stereometria e questo conduce a distinguere tra geometria piana e solida. Quando ci si pone il problema della relazione tra queste due aree si aprono molti problemi che sono di natura epistemologica, ontologica, semantica, logica e metodologica. Inoltre si presentano naturalmente anche altre questioni legate alla psicologia e alla didattica della matematica. In questa nota (basata su Arana-Mancosu, in corso di pubblicazione) l attenzione si concentrerà su un aspetto metodologico della questione: la purezza dei metodi. Dopo alcuni cenni storici sul ruolo che la geometria solida ha avuto nello sviluppo della geometria piana si passerà all analisi di un caso specifico, il teorema di Desargues nel piano (che chiameremo anche teorema piano di Desargues ). Questo teorema fu dimostrato da Desargues attraverso il ricorso a nozioni metriche (principi di congruenza) che stavano alla base di un teorema che giocò un ruolo centrale nella dimostrazione di Desargues: il teorema di Menelao. Tuttavia lo sviluppo della geometria nel diciannovesimo secolo portò all analisi dei fondamenti

3 91 della geometria proiettiva e al tentativo di eliminare per quanto possibile da quest ultima nozioni non proiettive come la congruenza o la misura. Il teorema piano di Desargues fu fondamentale in questo programma di ricerca. Una dimostrazione puramente proiettiva di tale teorema era già stata data da Poncelet nel Poncelet aveva mostrato come la versione del teorema di Desargues nello spazio (che chiameremo anche teorema solido di Desargues ) aveva come semplice corollario una dimostrazione proiettiva del teorema di Desargues nel piano. L appello alla congruenza nella dimostrazione del teorema piano di Desargues veniva così eliminata attraverso l introduzione dello spazio. Ci si può però legittimamente chiedere se questo appello allo spazio sia legittimo e necessario. La questione della legittimità nasce da considerazioni di purezza dei metodi. La questione della necessità da considerazioni logiche. Si dovette aspettare fino ai lavori di Peano e Hilbert per avere una risposta (positiva) logicamente rigorosa a quest ultima questione. Inoltre questi risultati sono alla base di una discussione più articolata del problema della legittimità o della purezza. Queste considerazioni saranno sviluppate nella parte finale di questa nota. 1. Cenni storici sul rapporto tra geometria piana e solida Nella geometria antica si trovano poche applicazioni interessanti della geometria solida alla geometria piana (naturalmente quella solida richiede la piana). Gli Elementi di Euclide portano ad una separazione netta tra geometria piana e solida (con quest ultima rilegata agli ultimi libri) che influenzerà la presentazione degli elementi di geometria fino al secolo diciannovesimo. Non mancano però, già nel mondo antico, alcune direzioni avanzate di ricerca dove tecniche di geometria solida vengono utilizzate nello studio di problemi di geometria piana. Possiamo menzionare ad esempio la quadratura del cerchio data da Pappo attraverso una

4 92 proiezione dell elica cilindrica per generare la curva quadratrice nel piano. È anche importante notare che la distinzione tra problemi piani, solidi, e lineari data da Pappo è ortogonale rispetto a quella tra geometria piana e solida. La tassonomia data da Pappo concerne il tipo di curve richieste per la soluzione dei problemi (linea e cerchio per quelli piani; sezioni coniche per quelli solidi; e curve più complicate per quelli lineari). La geometria solida di Euclide si trova classificata quindi come piana nella classificazione di Pappo e viceversa problemi piani come la trisezione di un angolo arbitrario risultano solidi. Mentre Pappo critica l uso di curve che non corrispondono alla natura del problema (coniche per risolvere problemi piani ), non ci risulta che il mondo greco abbia sollevato obiezioni esplicite all uso della geometria solida nelle investigazioni di problemi di geometria piana. Nel secolo diciasettesimo si nota uno spiccato interesse per l applicazione di tecniche di geometria solida a quella piana. Valga come esempio quello di Evangelista Torricelli. Nel suo trattato De quadratura parabolae (1644), Torricelli presenta venti dimostrazioni differenti della quadratura della parabola dividendole in dimostrazione classiche (utilizzando la dimostrazione per assurdo) e dimostrazioni con la geometria degli indivisibili di ispirazione Cavaleriana. La cosa veramente sorprendente di questo trattato è l interesse mostrato da Torricelli per l utilizzazione di tecniche di geometria solida nella dimostrazione di un teorema di geometria piana. Tutti i più importanti risultati della stereometria classica euclidea e archimedea sono richiamati e Torricelli dimostra come la quadratura della parabola possa discendere da essi, grazie a tecniche di esaustione o ad argomenti di natura indivisibilista. Naturalmente nessuno di questi usi di geometria solida può venire considerato necessario visto che Archimede aveva già dato delle dimostrazioni puramente piane del teorema. Torricelli non solleva nessun problema metodologico rispetto all uso della geometria solida in questioni di geometria piana. Con lo sviluppo della geometria proiettiva nel secolo diciannovesimo le tecniche di utilizzazione dello spazio per dimostrare teoremi di geometria

5 93 (proiettiva) piana cominciano a mostrare la loro efficacia. La scuola di Monge in particolare si caratterizza per questa costante interazione tra piano e spazio. Nel suo famoso Aperçu del 1837 Chasles caratterizza la scuola di Monge attraverso la propensione per l utilizzazione delle tre dimensioni nella dimostrazione di teoremi nel piano. Concludiamo questi brevi cenni storici ricordando che in geometria elementare la separazione tra geometria piana e solida venne messa in discussione seriamente per la prima volta dal geometra italiano Riccardo de Paolis nei suoi Elementi di geometria (1884). In essi egli sottolineava sia l importanza delle analogie tra geometria piana e solida (angoli-diedri; poligoni-poliedri etc.) sia l importanza di utilizzare lo spazio per la comprensione e semplificazione dei teoremi di geometria piana. Questa posizione fusionista, cioè la richiesta che la geometria piana e solida vengano sviluppate in tandem, furono all origine di un dibattito noto come fusionismo a cui parteciparono geometri italiani, francesi e tedeschi. Il dibattito tra geometri fusionisti e i loro avversari portò a discussioni concernenti tanto la legittimità quanto la necessità del ricorso allo spazio nella dimostrazione di teoremi di geometria piana. Tuttavia per poter seriamente affrontare questo nucleo di questioni col rigore necessario si dovettero attendere i lavoro fondazionali di Hilbert e Peano che affronteremo dopo la seguente sezione. 2. I fondamenti della geometria proiettiva All inizio del secolo diciannovesimo, i cultori di geometria cominciarono a sviluppare i fondamenti della geometria proiettiva indipendentemente dalla geometria euclidea. Alcuni geometri, come Möbius e Plücker, cercarono di costruire una geometria analitica proiettiva analoga alla geometria analitica cartesiana. Altri, come Steiner, si mossero alla ricerca di una geometria senza coordinate che avesse

6 94 però gli stessi vantaggi della nuova geometria analitica proiettiva. Tutti questi programmi di ricerca utilizzavano liberamente considerazioni di natura metrica facendo ricorso o alla nozione di distanza euclidea o ai principi di proporzionalità o congruenza. Tuttavia questi principi non soddisfano l invarianza proiettiva. A partire dalla Geometria der Lage (1847) von Staudt diede origine a un programma di ricerca che aveva come scopo l eliminazione di queste nozioni metriche dalla geometria proiettiva. In un passo del suo lavoro dichiarava: Ho cercato in questo lavoro di trasformare la geometria di posizione in una scienza indipendente che non ha bisogno della nozione di misura. Benché ci fossero ancora dei problemi legati alla continuità che furono risolti solo dopo di lui, il lavoro di von Staudt rese possibile una definizione di un sistema di coordinate prive di metrica a partire da sole considerazioni proiettive. La chiave di volta per questo risultato era una particolare costruzione (costruzione del quadrilatero) che permette, dati tre punti collineari, di trovare unicamente un quarto punto sulla stessa retta degli altri tre, tale che i quattro punti siano fra loro in rapporto armonico (nozione che non abbiamo bisogno di definire qui). Il quarto punto può anche venir trovato tramite considerazioni metriche ma von Staudt, il cui programma richiedeva l eliminazione delle nozioni metriche a favore di quelle proiettive, riuscì nell impresa di determinare questo punto senza ricorrere a queste considerazioni, e impiegando invece il teorema piano di Desargues, il cui enunciato non involve alcuna nozione metrica: Teorema di Desargues nel piano. Se due triangoli complanari sono tali che le linee che connettono i vertici corrispondenti si intersecano in un punto allora le intersezioni dei lati corrispondenti sono collineari (giacciono sulla stessa linea). Come abbiamo già anticipato la prova originale di Desargues fa ricorso a nozioni metriche. Per realizzare lo scopo di von Staudt, occorre tuttavia una dimostrazione scevra da tali considerazioni. Questa era stata fornita da Poncelet nel

7 95 Traité des proprietés projectives des figures (1822). Desargues aveva anche enunciato una versione solida del teorema, la cui dimostrazione è immediata e trascende da considerazioni metriche (per ottenerla basta osservare che due piani si intersecano in una retta, e quindi le linee che connettono i vertici di due triangoli non complanari non possono che incontrasi sulla retta in cui si intersecano i piani a cui tali rette appartengono): Teorema di Desargues nello spazio. Se due triangoli che giacciono su piani differenti sono tali che le linee che connettono i loro vertici corrispondenti si intersecano in un punto allora le intersezioni dei lati corrispondenti sono collineari. Poncelet dimostrò che il teorema piano di Desargues risulta per semplice proiezione sul piano da quello solido, ottenendo così una dimostrazione puramente proiettiva del primo. Questa è la dimostrazione impiegata da von Staudt. Tuttavia tale dimostrazione richiede la geometria dello spazio nonostante il fatto che l enunciato del teorema di Desargues nel piano concerne solo triangoli complanari. Abbiamo cosi raggiunto il nodo teorico che aveva dato origine alla polemica sul fusionismo. Che il fusionismo fosse necessario nei fondamenti della geometria proiettiva fu la conclusione a cui arrivò anche Felix Klein nel suo articolo Über die sogennante Nicht-Euklidische Geometrie (1873). Wiener in un articolo del 1891 osservò, senza fornire una dimostrazione, che il teorema piano di Desargues non si può dimostrare proiettivamente senza passare per lo spazio ed osservò inoltre che la geometria piana proiettiva non e autosufficiente. Peano e Hilbert affrontarono questo problema col rigore metodologico necessario.

8 96 3. Peano e Hilbert L osservazione di Klein sulla necessità di ricorrere allo spazio nei fondamenti della geometria proiettiva si basa sul teorema di Beltrami (1865) che asserisce che una superficie liscia Riemanniana possiede curvatura costante se e solo se può essere proiettata su un piano in modo tale che le geodetiche di quella superficie hanno come proiezione delle linee rette nel piano. Il risultato si applica tanto al piano euclideo quanto a quello proiettivo. Klein interpretava quindi il teorema di Beltrami come l asserzione che una superficie di Riemann di curvatura non costante non può essere rappresentata su un piano in modo tale che le geodetiche di quella superficie si comportino come linee rette nel piano. Nel 1894 Peano sviluppò questa interpretazione e diede lo schizzo di una dimostrazione che i suoi assiomi per la formalizzazione della geometria piana hanno modelli in cui il teorema piano di Desargues non vale. Il suo modello, appena schizzato, utilizza superfici di Riemann di curvatura non costante. Quindi i suoi assiomi per la geometria del piano sono insufficienti per la dimostrazione del teorema piano di Desargues. Quando gli assiomi della geometria del piano sono supplementati da quelli per lo spazio, il teorema piano di Desargues diventa dimostrabile, come prevedibile. Nelle lezioni del Hilbert articolò i suoi assiomi per la geometria dividendoli in cinque classi: I (incidenza), II (ordine), III (parallele), IV (congruenza), V (continuita ). Egli osservò che il teorema piano di Desargues è dimostrabile in questo sistema usando gli assiomi di incidenza nello spazio o alternativamente gli assiomi di congruenza. Dimostrò poi che il teorema piano di Desargues non può essere dimostrato nella geometria del piano a cui manchino alcuni assiomi di congruenza (ossia non è dimostrabile dagli assiomi I 1-2, II, III, IV 1-5 e V). Egli otteneva questo risultato presentando esplicitamente un modello in cui questi assiomi valgono ma il teorema piano di Desargues non vale. Ne consegue che il teorema piano di Desargues non può essere dimostrato coi soli assiomi proiettivi per il piano (I 1-2).

9 97 Nelle sue lezioni sulla geometria euclidea Hilbert commentava il risultato ponendo in evidenza la sua importanza per la questione della purezza dei metodi: Questo teorema ci dà ora l opportunità di discutere una questione importante. Il contenuto [Inhalt] del teorema di Desargues appartiene completamente alla geometria del piano benché per la sua dimostrazione ci sia stato necessario far ricorso allo spazio. Perciò ci troviamo per la prima volta nella posizione di mettere in pratica una critica dei mezzi di dimostrazione. Nella matematica moderna questa critica è utilizzata molto spesso quando lo scopo è quello di preservare la purezza del metodo [die Reinheit der Methode], e cioè dimostrare teoremi, se possibile, utilizzando mezzi che sono suggeriti [nahe gelegt] dal contenuto del teorema.(hallett and Majer 2004, pp ) Una dimostrazione di un teorema è quindi pura o meno a seconda se i mezzi dimostrativi utilizzati sono suggeriti dal contenuto del teorema che viene dimostrato, oppure trascendono questo contenuto. Dato che il contenuto del teorema *piano+ di Desargues appartiene completamente alla geometria del piano considerazioni che fanno appello allo spazio non sembrano essere suggerite dal contenuto del teorema. Perciò Hilbert sembra considerare impure le dimostrazioni del teorema piano di Desargues che utilizzano lo spazio. Hilbert dimostrò inoltre che se una geometria piana soddisfa gli assiomi I 1-2 (gli assiomi di incidenza nel piano), II (gli assiomi dell ordine), e III (assioma delle parallele) allora il teorema piano di Desargues è condizione necessaria e sufficiente affinchè quella geometria del piano risulti un elemento di una geometria dello spazio che soddisfa tutti gli assiomi di incidenza (inclusi quelli dello spazio) oltre agli assiomi II e III. In altri termini, un piano che soddisfa gli assiomi I 1-2, II, III ed il teorema piano di Desargues, soddisfa anche gli assiomi di incidenza nello spazio I 3-7. Hilbert dimostrò questo risultato mostrando prima di tutto come in una geometria del piano che soddisfa gli assiomi I 1-2, II, III ed il teorema di Desargues si possa costruire un algebra di segmenti che ha la struttura di un anello di divisione ordinato. Mostrò poi come un anello di divisione ordinato può essere utilizzato per costruire un modello degli assiomi I, II, e III, ovvero un modello della geometria dello

10 98 spazio (gli assiomi d ordine sono inessenziali). Ecco come nelle lezioni del Hilbert riassumeva la situazione: Quindi il teorema di Desargues sarebbe la condizione che garantisce che il piano stesso è distinto nello spazio e possiamo quindi dire che tutto ciò che è dimostrabile nello spazio è già dimostrabile nel piano dal teorema di Desargues. In altre parole, il teorema di Desargues può essere utilizzato come sostituto degli assiomi solidi; nel sistema di Hilbert esso ha esattamente le stesse conseguenze dimostrabili degli assiomi spaziali. 4. Il problema del contenuto In un articolo recente (Hallett 2008) e nelle sue introduzioni alle lezioni di Hilbert sulla geometria pubblicate nel primo volume della Hilbert Edition (Hallett and Majer 2004), Michael Hallett ha tratto delle conseguenze interessanti, ma a nostro parere discutibili, sulla nozione di contenuto del teorema di Desargues e sulla questione della purezza dei metodi. Nel suo articolo del 2008 Hallett scrive: What this shows is that the Planar Desargues s Theorem is a sufficient condition for the orderly incidence of lines and planes, in the sense that it can be used to generate a space. We thus have an explanation for why the Planar Desargues s Theorem cannot be proved from planar axioms alone: the Planar Desargues s Theorem appears to have spatial content. (p. 229) Inoltre nella sua introduzione alle lezioni di Hilbert del Hallett osserva che il lavoro di Hilbert reveals that Desargues planar Theorem has hidden spatial content, perhaps showing that the spatial proof of the Planar Theorem does not violate Reinheit after all (pp ). Quindi Hallett sostiene che il lavoro di Hilbert ci deve condurre a rivedere il nostro giudizio su cosa debba essere una dimostrazione pura del teorema piano di Desargues. Mentre a prima vista potrebbe

11 99 sembrare che considerazioni facenti appello allo spazio nella dimostrazione del teorema piano di Desargues diano luogo a impurità, Hallett ritiene che il lavoro di Hilbert ci debba portare a rivedere questa intuizione in quanto mostrerebbe che il teorema piano di Desargues abbia un contenuto spaziale (o solido) nascosto. Questa posizione di Hallett fa appello alla nozione di contenuto nascosto di ordine superiore sviluppata da Dan Isaacson nel contesto di alcuni lavori volti a fornire una interpretazione dei risultati di incompletezza di Gödel per l aritmetica di Peano. Nel nostro articolo (Arana-Mancosu, in corso di pubblicazione) sviluppiamo un analisi dettagliata tanto della concezione di contenuto nascosto di ordine superiore di Isaacson quanto delle conseguenze per la purezza dei metodi che ne discendono secondo Hallett. L aspetto centrale della questione è che la nozione di contenuto proposta da Hallet in base alla considerazione dell analisi hilbertiana del teorema di Desargues è basata sul ruolo deduttivo giocato da tale teorema entro un sistema assiomatico. Questa nozione è molto vicina a quella di contenuto come equivalenza deduttiva (all interno di una teoria di base) articolata da Carnap. Hallett vede nel teorema piano di Desargues un enunciato dal contenuto solido (nascosto) proprio perché entro una certa teoria assiomatica il teorema di Desargues gioca lo stesso ruolo deduttivo degli assiomi dello spazio. La nostra critica alla posizione di Hallett è basata sulle seguenti cinque obiezioni che qui vengono semplicemente elencate ma non argomentate (rinviamo al nostro articolo tanto per un articolazione della tesi di Hallett che per una argomentazione dettagliata a sostegno delle nostre critiche): a) Se il contenuto del teorema piano di Desargues fosse spaziale ne seguirebbe che un essere dotato di credenze e concetti piani ma che non abbia credenze o concetti spaziali non riuscirebbe a comprenderlo, ciò che appare poco plausibile. b) Sostenere che il teorema piano di Desargues ha un contenuto solido a causa del suo ruolo nel sistema assiomatico di base hilbertiano richiede

12 100 una profonda analisi metateorica tale quella condotta da Hilbert. Ma che cosa dire di enunciati che non sono ancora stati analizzati metateoricamente o, peggio ancora, di cui non si sa se siano veri o falsi (come la congettura dei numeri primi gemelli)? Intuitivamente comprendiamo (il contenuto del-) la congettura dei primi gemelli anche se non ne abbiamo una dimostrazione od un analisi metateorica. c) La posizione di Hallett implica un contestualismo radicale rispetto al contenuto. Il ruolo giocato dal teorema di Desargues cambia radicalmente a seconda che l enunciato faccia parte di una geometria (metrica) con assiomi di congruenza o di una sola geometria proiettiva. Eppure l enunciato è lo stesso in entrambe i casi. d) All interno di un contesto assiomatico con gli assiomi I 1-2, II, e III ed il teorema piano di Desargues, Hallett attribuisce contenuto spaziale solo a quest ultimo. Ma ammesso e non concesso che il teorema piano di Desargues abbia contenuto solido, è illecito attribuire questo contenuto al solo teorema di Desargues. Infatti le conseguenze spaziali appartengono all intero sistema e non al solo enunciato di Desargues. È vero che senza l enunciato di Desargues le conseguenze spaziali non vengono assicurate ma l enunciato da solo, senza gli altri assiomi, è a sua volta incapace di produrre queste conseguenze. Sarebbe quindi più corretto dire che le conseguenze spaziali sono in parte il risultato dell enunciato di Desargues e in parte dei rimanenti assiomi. Ma allora, se il teorema piano di Desargues avesse un contenuto spaziale, questo dovrebbe essere il caso anche di questi ultimi assiomi, per esempio dell assioma I.1. e) Dall analisi della nozione di contenuto difesa da Hallett consegue che ogni teorema ha una dimostrazione pura. Ci sembra implausibile che questo sia vero a priori in quanto conseguenza di un analisi della nozione di

13 101 contenuto. La purezza ne risulterebbe trivializzata. Ne concludiamo che la nozione di contenuto fornita da Hallett puo risultare interessante per altri scopi ma non al fine di chiarificare i giudizi di purezza che sono usuali nella pratica matematica. La nozione di contenuto che a nostro parere risulta utile per una chiarificazione del concetto di purezza di una dimostrazione deve invece essere legata alla comprensione del significato dell enunciato di un teorema e non al suo ruolo deduttivo all interno di un sistema assiomatico. Inoltre la nostra posizione sul teorema di Desargues è la stessa che ci pare sia stata sostenuta dallo stesso Hilbert: il teorema piano di Desargues non ha una dimostrazione pura in un contesto proiettivo. Ringraziamenti. Desideriamo ringraziare Abel Lassalle Casanave per averci dato lo stimolo a scrivere questa nota e Marco Panza per preziosi suggerimenti di stile e contenuto. Bibliografia ARANA, A. e MANCOSU, P. On plane and solid geometry, in corso di pubblicazione nella Review of Symbolic Logic. CHASLES, M. Aperçu Historique sur l Origine et le Développement des Méthodes en Géométrie. M. Hayez, Bruxelles, DE PAOLIS, R. Elementi di Geometria. Loescher, Torino, DETLEFSEN, M. "Purity as an ideal of proof". In: Paolo Mancosu (ed), 2008, pp DETLEFSEN, M. e ARANA, A. "Purity of methods". Philosophers' Imprint, 110(2): 1-20, 2011.

14 102 HALLET, M. "Reflections on the Purity of Method in Hilbert s Grundlagen der Geometrie". In: Paolo Mancosu (ed), 2008, pp HALLET, M. e MAJER, U. (eds). David Hilbert s lectures on the Foundations of Geometry, Springer-Verlag, Berlin, HILBERT, D. Grundlagen der Geometrie. B.G. Teubner, Leipzig, Foundations of Geometry. Open Court, La Salle, IL, Traduzione inglese dei Grundlagen der Geometrie (B.G. Teubner, Leipzig, 1899). ISAACSON, D. "Arithmetical truth and hidden higher-order concepts". In: The Philosophy of Mathematics, a cura di W.D. Hart, pagine Oxford University Press, Pubblicato originariamente in Logic Colloquium 85, the Paris Logic Group (eds.), Amsterdam, North-Holland, 1987, pp KLEIN, F. "Über die sogenannte Nicht-Euklidische Geometrie". Mathematische Annalen, 6: , MANCOSU, P. (ed) The Philosophy of Mathematical Practice. Oxford University Press, PAPPUS. Collectionis Quae Supersunt. Weidman, Berlin, vols. PEANO, G. "Sui fondamenti della Geometria". Rivista di Matematica, 4:51 90, PONCELET, J-V. Traité des Proprieetés Projectives des Figures. Bachelier, Paris, TORRICELLI, E. Opera Geometrica, Firenze. In Opere di Evangelista Torricelli. Stabilimento Tipografico Montanari, Faenza, VON STAUDT, K. G. C. Geometrie der Lage. F. Korn, Nürnberg, WIENER, H. "Über Grundlagen und Aufbau der Geometrie". Jahresbericht der Deutschen Mathematiker-Vereinigung, 1: 45 48, 1892.

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo musicale

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo musicale DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo musicale PRIMO BIENNIO 1. Profilo generale L insegnamento di matematica nel primo biennio ha come finalità l acquisizione dei concetti e dei metodi elementari della disciplina

Dettagli

LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA

LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA Anno Scolastico 2014/15 LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA : MATEMATICA PRIMO BIENNIO L asse matematico ha l obiettivo di far acquisire allo studente saperi e competenze

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D. CASSINI

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D. CASSINI PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CLASSI PRIME NUCLEI TEMATICI E METODOLOGIA. Nucleo 1 Nucleo 2 Nucleo 3 Nucleo 4 Nucleo 5 Ambiente di lavoro (in generale) e linguaggio della matematica Ambiente e linguaggio

Dettagli

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio DUE PROPOSTE DI ANALISI MATEMATICA Lorenzo Orio Introduzione Il lavoro propone argomenti di analisi matematica trattati in maniera tale da privilegiare l intuizione e con accorgimenti nuovi. Il tratta

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GEOMETRIA ANALITICA LA RETTA E LA PARABOLA

INTRODUZIONE ALLA GEOMETRIA ANALITICA LA RETTA E LA PARABOLA INTRODUZIONE ALLA GEOMETRIA ANALITICA LA RETTA E LA PARABOLA Una Geometria non può essere più vera di un altra; può essere solamente più comoda. Ora la Geometria Euclidea è e resterà più comoda H. Poincaré

Dettagli

LICEO CLASSICO, LICEO DELLE SCIENZE UMANE, LICEO MUSICALE E COREUTICO, LICEO LINGUISTICO MATEMATICA

LICEO CLASSICO, LICEO DELLE SCIENZE UMANE, LICEO MUSICALE E COREUTICO, LICEO LINGUISTICO MATEMATICA LICEO CLASSICO, LICEO DELLE SCIENZE UMANE, LICEO MUSICALE E COREUTICO, LICEO LINGUISTICO MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali

Dettagli

MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE

MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE Al termine del percorso dei licei classico, linguistico, musicale coreutico e della scienze umane lo studente conoscerà i concetti e i metodi elementari della matematica,

Dettagli

MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE

MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE Al termine del percorso del liceo scientifico lo studente conoscerä i concetti e i metodi elementari della matematica, sia interni alla disciplina in så considerata,

Dettagli

La matematica dello spazio; le diverse geometrie

La matematica dello spazio; le diverse geometrie La matematica dello spazio; le diverse geometrie Marco Andreatta Facoltá di Scienze MMFFNN Universitá di Trento Simmetrie-giochi di specchi p.1/36 Il primo: filosofo, matematico... Talete, Mileto 624-547

Dettagli

estratto da Competenze assi culturali Raccolta delle rubriche di competenza formulate secondo i livelli EFQ a cura USP Treviso Asse matematico

estratto da Competenze assi culturali Raccolta delle rubriche di competenza formulate secondo i livelli EFQ a cura USP Treviso Asse matematico Competenza matematica n. BIENNIO, BIENNIO Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, rappresentandole anche sotto forma grafica BIENNIO BIENNIO Operare sui dati comprendendone

Dettagli

/H]LRQH,OFRQIURQWRGHOOHVXSHUILFL,O SUREOHPD GHO FRQIURQWR GL VXSHUILFL H OD WUDVIRUPD]LRQH GL SROLJRQLHTXLYDOHQWL

/H]LRQH,OFRQIURQWRGHOOHVXSHUILFL,O SUREOHPD GHO FRQIURQWR GL VXSHUILFL H OD WUDVIRUPD]LRQH GL SROLJRQLHTXLYDOHQWL /H]LRQH,OFRQIURQWRGHOOHVXSHUILFL,O SUREOHPD GHO FRQIURQWR GL VXSHUILFL H OD WUDVIRUPD]LRQH GL SROLJRQLHTXLYDOHQWL Il confronto della lunghezza tra due segmenti è un problema molto semplice. Infatti tutti

Dettagli

La Forma dello Spazio

La Forma dello Spazio Maurizio Cornalba La Forma dello Spazio Collegio Ghislieri, 15 maggio 2000 1. L algebrizzazione della geometria la geometria analitica (sec.xvii... ) dà (1) metodo generale (insieme al calcolo infinitesimale)

Dettagli

per i seguenti Licei: - SCIENTIFICO - TECNOLOGICO OSA di Matematica

per i seguenti Licei: - SCIENTIFICO - TECNOLOGICO OSA di Matematica per i seguenti Licei: - SCIENTIFICO - TECNOLOGICO OSA di Matematica PRIMO BIENNIO Nucleo tematico di contenuto: Numeri e algoritmi. Gli insiemi dei numeri naturali, interi, razionali: rappresentazione,

Dettagli

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Docente: DI LISCIA F. Materia: MATEMATICA CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Insiemi numerici: numeri naturali, proprietà delle operazioni aritmetiche; Potenze e loro proprietà; Criteri di divisibilità;

Dettagli

*UDQGH]]HUDSSRUWLPLVXUH

*UDQGH]]HUDSSRUWLPLVXUH $OHVVDQGUR&RUGHOOL *UDQGH]]HJHRPHWULFKH I concetti di grandezza e di misura appartengono all esperienza quotidiana. Detto in termini molto semplici, misurare una grandezza significa andare a vedere quante

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni

Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni Alberto Pinto Corso di Matematica - NUCT 1 Insiemi 1.1 Generalità Diamo la definizione di insieme secondo Georg Cantor, matematico

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello. V. M. Abrusci

Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello. V. M. Abrusci Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello V. M. Abrusci 12 ottobre 2015 0.1 Problemi logici basilari sulle classi Le classi sono uno dei temi della logica. Esponiamo in questa

Dettagli

0 ) = lim. derivata destra di f in x 0. Analogamente, diremo che la funzione f è derivabile da sinistra in x 0 se esiste finito il limite

0 ) = lim. derivata destra di f in x 0. Analogamente, diremo che la funzione f è derivabile da sinistra in x 0 se esiste finito il limite Questo breve file è dedicato alle questioni di derivabilità di funzioni reali di variabile reale. Particolare attenzione viene posta alla classificazione dei punti di non derivabilità delle funzioni definite

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO METODOLOGICA ANNUALE DI MATEMATICA. CLASSI PRIME Anno scolastico 2015/2016

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO METODOLOGICA ANNUALE DI MATEMATICA. CLASSI PRIME Anno scolastico 2015/2016 DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO METODOLOGICA ANNUALE DI MATEMATICA CLASSI PRIME Anno scolastico 2015/2016 Ore di lezione previste nell anno: 165 (n. 5 ore sett. x 33 settimane) 1. FINALITÀ

Dettagli

Sui concetti di definizione, teorema e dimostrazione in didattica della matematica

Sui concetti di definizione, teorema e dimostrazione in didattica della matematica Liceo Scientifico Statale P. Paleocapa, Rovigo XX Settimana della Cultura Scientifica e Tecnologica 19 marzo 2010 Sui concetti di definizione, teorema e dimostrazione in didattica della matematica Prof.

Dettagli

Istituto Professionale - Settore Industriale Indirizzo: Abbigliamento e Moda

Istituto Professionale - Settore Industriale Indirizzo: Abbigliamento e Moda Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel: 035 250547 035 253492 Fax: 035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA Docente: MARIATERESA COSENTINO

PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA Docente: MARIATERESA COSENTINO CLASSE IC Classico ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA Docente: MARIATERESA COSENTINO Gli allievi, in generale, si dedicano allo studio della matematica e della fisica con diligenza

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Insiemi con un operazione

Insiemi con un operazione Capitolo 3 Insiemi con un operazione 3.1 Gruppoidi, semigruppi, monoidi Definizione 309 Un operazione binaria su un insieme G è una funzione: f : G G G Quindi, un operazione binaria f su un insieme G è

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 1DS Indirizzo di studio Liceo scientifico Docente Paola Carcano Disciplina Monte

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

VALLAURI L ASSE MATEMATICO

VALLAURI L ASSE MATEMATICO Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Giancarlo Vallauri Via B. Peruzzi, 13 41012 CARPI (MO) VALLAURI www.vallauricarpi.it Tel. 059 691573 Fax 059 642074 vallauri@vallauricarpi.it

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1)

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1) GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1) Un ente (geometrico) è un oggetto studiato dalla geometria. Per descrivere gli enti vengono utilizzate delle definizioni. Una definizione è una

Dettagli

LE GEOMETRIE NON EUCLIDEE FRA CULTURA, STORIA E DIDATTICA DELLA MATEMATICA. Dario Palladino (Università di Genova)

LE GEOMETRIE NON EUCLIDEE FRA CULTURA, STORIA E DIDATTICA DELLA MATEMATICA. Dario Palladino (Università di Genova) LE GEOMETRIE NON EUCLIDEE FRA CULTURA, STORIA E DIDATTICA DELLA MATEMATICA Dario Palladino (Università di Genova) Seconda parte Momenti della storia dei tentativi di dimostrazione del V postulato di Euclide

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI MATEMATICA CLASSE SECONDA INDIRIZZI: AMMINNISTRAZIONE FINANZA E MARKETING - TURISMO SEZIONE TECNICO

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI MATEMATICA CLASSE SECONDA INDIRIZZI: AMMINNISTRAZIONE FINANZA E MARKETING - TURISMO SEZIONE TECNICO PROGRAMMAZIONE MODULARE MATEMATICA CL SECONDA INRIZZI: AMMINNISTRAZIONE FINANZA E MARKETING - TURISMO SEZIONE TECNICO MODULO 1 : Frazioni algebriche ed equazioni fratte C1, M1, M3 Determinare il campo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

Vertici opposti. Fig. C6.1 Definizioni relative ai quadrilateri.

Vertici opposti. Fig. C6.1 Definizioni relative ai quadrilateri. 6. Quadrilateri 6.1 efinizioni Un poligono di 4 lati è detto quadrilatero. I lati di un quadrilatero che hanno un vertice in comune sono detti consecutivi. I lati di un quadrilatero non consecutivi tra

Dettagli

COSTRUZIONI E DISEGNO RELATIVO E NOZIONI DI GEOMETRIA DESCRITTIVA (SEZIONE DI AGRIMENSURA)

COSTRUZIONI E DISEGNO RELATIVO E NOZIONI DI GEOMETRIA DESCRITTIVA (SEZIONE DI AGRIMENSURA) Istruzioni e programmi d insegnamento per gli istituti tecnici approvati con regio decreto 2 ottobre 1891 n. 622 (Raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti del Regno d Italia, Roma, Stamperia Reale,

Dettagli

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA.

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA. CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA. FOGLIO DI ESERCIZI 4 GEOMETRIA E ALGEBRA LINEARE 2010/11 Esercizio 4.1 (2.2). Determinare l equazione parametrica e Cartesiana della retta dello spazio (a) Passante per i

Dettagli

Mete e coerenze formative. Dalla scuola dell infanzia al biennio della scuola secondaria di II grado

Mete e coerenze formative. Dalla scuola dell infanzia al biennio della scuola secondaria di II grado Mete e coerenze formative Dalla scuola dell infanzia al biennio della scuola secondaria di II grado Area disciplinare: Area Matematica Finalità Educativa Acquisire gli alfabeti di base della cultura Disciplina

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S.2014-15 SCUOLA: Liceo Linguistico Teatro alla Scala DOCENTE: BASSO RICCI MARIA MATERIA: MATEMATICA- INFORMATICA Classe 2 Sezione A CONTENUTI Sistemi lineari numerici

Dettagli

CLASSE 1ª Manutenzione e Assistenza Tecnica

CLASSE 1ª Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE 1ª Manutenzione e Assistenza Tecnica Programma svolto di MATEMATICA Anno scolastico 2013/14 ELEMENTI DI RACCORDO CON LA SCUOLA MEDIA GLI INSIEMI CALCOLO LETTERALE GEOMETRIA - Ordinamento, proprietà,

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

I FONDAMENTI DELLA MATEMATICA

I FONDAMENTI DELLA MATEMATICA I FONDAMENTI DELLA MATEMATICA Concettina Gaccetta 1 Sunto: La scoperta delle geometrie non euclidee ha dimostrato la possibilità di formulare più teorie ugualmente coerenti, riferite agli stessi enti matematici.

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il Lezione 5:10 Marzo 2003 SPAZIO E GEOMETRIA VERBALE (a cura di Elisabetta Contardo e Elisabetta Pronsati) Esercitazione su F5.1 P: sarebbe ottimale a livello di scuola dell obbligo, fornire dei concetti

Dettagli

Proprietà dell angolo di parallelismo

Proprietà dell angolo di parallelismo Proprietà dell angolo di parallelismo L angolo che la parallela in uno dei due versi forma con la perpendicolare AH alla retta data a è detto angolo di parallelismo. Esso è uguale per le parallele nei

Dettagli

MATEMATICA. PRIMO ANNO (Liceo Classico e Liceo delle Scienze Umane)

MATEMATICA. PRIMO ANNO (Liceo Classico e Liceo delle Scienze Umane) 1/7 PRIMO ANNO Testo consigliato: BERGAMINI TRIFONE BAROZZI, Matematica.azzurro, vol. 1, Zanichelli Obiettivi minimi. Acquisire il linguaggio specifico della disciplina; sviluppare espressioni algebriche

Dettagli

Ma cosa si pensava della forma della terra prima delle fotografie?

Ma cosa si pensava della forma della terra prima delle fotografie? Ma cosa si pensava della forma della terra prima delle fotografie? Anassimandro (IV sec. a.c.) Omero (VIII sec. a.c.?) Aristotele (384-322 a.c.) riportava due osservazioni a riprova della sfericità della

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

Una lezione simulata per il concorso a cattedra. TITOLO: la storia di un triangolo

Una lezione simulata per il concorso a cattedra. TITOLO: la storia di un triangolo Una lezione simulata per il concorso a cattedra Il teorema di Pitagora di Enrico Maranzana I nuovi regolamenti di riordino pongono l attività di laboratorio a fondamento del lavoro del docente. Il laboratorio

Dettagli

CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO

CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO www.scientificoatripalda.gov.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO DIDATTICA DI MATEMATICA CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PARTE PRIMA PREMESSA La riforma del secondo ciclo d istruzione

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometri Liceo Linguistico/Linguistico

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI MATEMATICA. Prof. Angelo Bozza

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI MATEMATICA. Prof. Angelo Bozza LICEO SCIENTIFICO STATALE A. GRAMSCI - IVREA ANNO SCOLASTICO 2013-2014 CLASSE 1^F - S.A. PIANO DI LAVORO ANNUALE DI MATEMATICA Prof. Angelo Bozza FINALITA SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA E DIDATTICI Le finalità

Dettagli

conoscerà le metodologie di base per la costruzione di un modello matematico di un insieme di fenomeni [

conoscerà le metodologie di base per la costruzione di un modello matematico di un insieme di fenomeni [ Il testo che segue raccoglie le indicazioni nazionali per i vari licei... In grassetto è riportato ciò che è valido solo per il liceo scientifico mentre tra parentesi quadre ed in corsivo sono riportate

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime Metodi e strumenti Nelle lezioni in aula si farà uso: [] della lezione dialogata (utilizzata di norma, e che prevede lo sviluppo anche

Dettagli

II ISTITUTO COMPRENSIVO ARDIGO PADOVA PLESSO MAMELI CLASSE 1^ C anno 2011-2012 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA E SCIENZE prof.

II ISTITUTO COMPRENSIVO ARDIGO PADOVA PLESSO MAMELI CLASSE 1^ C anno 2011-2012 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA E SCIENZE prof. II ISTITUTO COMPRENSIVO ARDIGO PADOVA PLESSO MAMELI CLASSE 1^ C anno 2011-2012 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA E SCIENZE prof. Francesca Rosati MATEMATICA NUCLEI TEMATICI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

Aritmetica: operazioni ed espressioni

Aritmetica: operazioni ed espressioni / A SCUOLA DI MATEMATICA Lezioni di matematica a cura di Eugenio Amitrano Argomento n. : operazioni ed espressioni Ricostruzione di un abaco dell epoca romana - Museo RGZ di Magonza (Germania) Libero da

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica,

Dettagli

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Competenza chiave europea: MATEMATICA Scuola Primaria DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TAB. A TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della Scuola Primaria

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: MATEMATICA

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: MATEMATICA OBIETTIVI GENERALI DELLA DISCIPLINA NEL BIENNIO Lo studio della matematica contribuisce alla crescita intellettuale e alla formazione critica degli studenti promuovendo: lo sviluppo di capacità sia intuitive

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

Laboratorio di Rappresentazione e Modellazione dell Architettura

Laboratorio di Rappresentazione e Modellazione dell Architettura Laboratorio di Rappresentazione e Modellazione dell Architettura Seconda Università di Napoli Facoltà di Architettura Corso di Laurea in Architettura Laboratorio di Rappresentazione e Modellazione dell

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA: MATEMATICA

SCUOLA PRIMARIA: MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA: MATEMATICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L'alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica, sia aventi valore intrinseco

Dettagli

Percorsi didattici di geometria dello spazio: lavorando con CABRI 3D

Percorsi didattici di geometria dello spazio: lavorando con CABRI 3D Roma, 6-7 giugno 2007 Incontro su Ricerche in didattica della matematica con l uso dei DGS Percorsi didattici di geometria dello spazio: lavorando con CABRI 3D Luigi Tomasi L.S. G. Galilei Adria SSIS Ferrara

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA MATEMATICA AREA DISCIPLINARE: MATEMATICO- SCIENTIFICO-TECNOLOGICA COMPETENZA DI Mettere in relazione il

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate 1. Profilo generale DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate PRIMO BIENNIO L insegnamento di matematica nel primo biennio ha come finalità l acquisizione

Dettagli

Abilità Contenuti Metodologie Strumenti Verifiche Possibili raccordi con altre discipline Contare oggetti.

Abilità Contenuti Metodologie Strumenti Verifiche Possibili raccordi con altre discipline Contare oggetti. MATEMATICA NUCLEO TEMATICO: I NUMERI Classe prima Abilità Contenuti Metodologie Strumenti Verifiche Possibili raccordi con altre discipline Contare oggetti. Inglese (concetto di grande e piccolo; Costruire

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 DISCIPLINA : MATEMATICA DOCENTI : CECILIA SAMPIERI, TAMARA CECCONI

PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 DISCIPLINA : MATEMATICA DOCENTI : CECILIA SAMPIERI, TAMARA CECCONI PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 LIBRO DI TESTO:L. Sasso Nuova Matematica a colori Algebra e Geometria 1 edizione Azzurra ed. Petrini TEMA A I numeri e linguaggio della Matemati Unità 1

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI

ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI PROGRAMMA DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDA E TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA SETTEMBRE 2003 COMPETENZE IN NUMERO Obiettivi: - Contare, eseguire semplici operazioni

Dettagli

INDICE GENERALE. INTRODUZIONE di Fabio Acerbi

INDICE GENERALE. INTRODUZIONE di Fabio Acerbi INDICE GENERALE NOTA PRELIMINARE 9 INTRODUZIONE di Fabio Acerbi I. Cenni alla matematica pre-eudidea 1. Il problema delle fonti 16 2. Proclo e Filodemo 17 3. Talete 23 4. Enopide di Chio 26 5. Ippocrate

Dettagli

Convegno Matematica in classe Centro Pristem, Genova, ottobre 2015 M. Dedò. Insegnare la Geometria: qualche esempio

Convegno Matematica in classe Centro Pristem, Genova, ottobre 2015 M. Dedò. Insegnare la Geometria: qualche esempio Convegno Matematica in classe Centro Pristem, Genova, ottobre 2015 M. Dedò Insegnare la Geometria: qualche esempio Domande che cos è la geometria? quale geometria pensiamo per la scuola? quali cose sono

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

Grazie ai Colleghi di Geometria del Dipartimento di Matematica dell Università degli Studi di Torino per il loro prezioso contributo. Grazie al Prof.

Grazie ai Colleghi di Geometria del Dipartimento di Matematica dell Università degli Studi di Torino per il loro prezioso contributo. Grazie al Prof. A01 178 Grazie ai Colleghi di Geometria del Dipartimento di Matematica dell Università degli Studi di Torino per il loro prezioso contributo. Grazie al Prof. S.M. Salamon per tanti utili suggerimenti e

Dettagli

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE COMUNI A TUTTI GLI INDICATORI

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE COMUNI A TUTTI GLI INDICATORI INFANZIA I bambini esplorano continuamente la realtà e imparano a riflettere sulle proprie esperienze descrivendole, rappresentandole, riorganizzandole con diversi criteri. Pongono così le basi per la

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

I.T.G. <> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE

I.T.G. <<G.C.Gloriosi>> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE I.T.G. Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO Prof. Lucia D Aniello, CLASSI 3 A, 4 A, 5 A GEOMETRI- SIRIO RELAZIONE Premesse La programmazione è stata redatta

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 A047 MATEMATICA CLASSE PRIMA PROFESSIONALE DOCENTI : CARAFFI ALESSANDRA, CORREGGI MARIA GRAZIA, FAZIO ANGELA,

Dettagli

Istituto comprensivo Arbe Zara

Istituto comprensivo Arbe Zara Istituto comprensivo Arbe Zara Viale Zara,96 Milano Tel. 02/6080097 Scuola Secondaria di primo grado Falcone Borsellino Viale Sarca, 24 Milano Tel- 02/88448270 A.s 2015 /2016 Progettazione didattica della

Dettagli

CONVESSITÀ NELLA GEOMETRIA DEL TAXI DI MINKOWSKI

CONVESSITÀ NELLA GEOMETRIA DEL TAXI DI MINKOWSKI CONVESSITÀ NELLA GEOMETRIA DEL TAXI DI MINKOWSKI ELISABETTA AVIZZANO NICOLETTA CAPOTORTO CHIARA CEROCCHI GIORGIO CICCARELLA IVAN COLAVITA EMANUELE DI CARO SERENA NUNZIATA AMANDA PISELLI ANDREA PIEPOLI

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

I L R A P P O RT O F R A G R A N D E Z Z E

I L R A P P O RT O F R A G R A N D E Z Z E I L R A P P O RT O F R A G R A N D E Z Z E lorenzo pantieri Giugno 2007 indice 1 Congruenza fra segmenti 1 2 Somma fra lunghezze 1 3 Multiplo e sottomultiplo di una lunghezza 2 4 Relazione di ordine (stretto)

Dettagli

MATEMATICA - CLASSE TERZA

MATEMATICA - CLASSE TERZA MATEMATICA - CLASSE TERZA I NUMERI NATURALI E LE 4 OPERAZIONI U. A. 1 - IL NUMERO 1. Comprendere la necessità di contare e usare i numeri. 2. Conoscere la struttura dei numeri naturali. 3. Conoscere e

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA ED INFORMATICA 1

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA ED INFORMATICA 1 SEDE LEGALE: Via Roma, 125-04019 - Terracina (LT) - Tel. +39 0773 70 28 77 - +39 0773 87 08 98 - +39 331 18 22 487 SUCCURSALE: Via Roma, 116 - Tel. +39 0773 70 01 75 - +39 331 17 45 691 SUCCURSALE: Via

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

A. Pesci - E. Vitali. Dipartimento di Matematica F. Casorati Università degli studi di Pavia. Le geometrie: tra concretezza e astrazione.

A. Pesci - E. Vitali. Dipartimento di Matematica F. Casorati Università degli studi di Pavia. Le geometrie: tra concretezza e astrazione. Le geometrie: tra Dipartimento di Matematica F. Casorati Università degli studi di Pavia 1. Dall evidenza percettiva alla consapevolezza della deduzione. 1. Dall evidenza percettiva alla consapevolezza

Dettagli

Le Geometrie non euclidee

Le Geometrie non euclidee Le Geometrie non euclidee Un introduzione elementare Riccardo Dossena Liceo Scientifico G. Novello Codogno (LO) 12 marzo 2015 Euclide di Alessandria Euclide (circa 300 a.c.) Euclide di Alessandria 1 Epoca:

Dettagli

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete 1) Cosa intendiamo, esattamente, quando parliamo di funzione reale di due variabili reali? Quando esiste una relazione fra tre variabili reali

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive.

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Lezione 6 Prerequisiti: L'insieme dei numeri interi. Lezione 5. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Questa è la prima lezione dedicata all'anello

Dettagli

Von Neumann fa anche l ipotesi che i funzionali siano lineari sull algebra:

Von Neumann fa anche l ipotesi che i funzionali siano lineari sull algebra: CAPITOLO 6 Il paradosso di Einstein Podolski Rosen Nel 1935 usciva un articolo degli autori sopra indicati, dal titolo Si può ritenere completa la descrizione quantistica della realtà fisica? L articolo

Dettagli

Appendice A. Il sistema assiomatico di Zermelo per la teoria degli insiemi

Appendice A. Il sistema assiomatico di Zermelo per la teoria degli insiemi Appendice A Il sistema assiomatico di Zermelo per la teoria degli insiemi Ernest Zermelo (1871-1953) rilevò che la presenza delle antinomie poteva essere collegata ad un insufficiente definizione del concetto

Dettagli

MATEMATICHE. Corso I. Aritmetica ordinaria ed aritmetica generale

MATEMATICHE. Corso I. Aritmetica ordinaria ed aritmetica generale Programmi d insegnamento per gli istituti tecnici emanati con circolare n. 151 del 26/10/1877 (MNSTERO D AGRCOLTURA, NDUSTRA E COMMERCO, L ordinamento e i programmi di studio negli stituti Tecnici, 1876-1877,

Dettagli

FRACCOLA DOMENICO IV A SCIENTIFICO MATEMATICA

FRACCOLA DOMENICO IV A SCIENTIFICO MATEMATICA MOD01P-ERGrev5 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE A.S. 2013/014 Pag 1 di 8 Docente Classe Sezione Indirizzo Disciplina FRACCOLA DOMENICO IV A SCIENTIFICO MATEMATICA Composizione della classe Alunni ripetenti

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli

Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio

Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio IPIA C. CORRENTI Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio FINALITA DELL INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA Promuovere le facoltà intuitive e logiche Educare ai processi di astrazione

Dettagli

MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA

MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli