MATEMATICA. sulla SCACCHIERA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MATEMATICA. sulla SCACCHIERA"

Transcript

1 MASSIMO NIOEMO MAEMAIA sulla SAHIERA

2

3 PREFAZIONE La matematica ricreativa può costituire un piacevole passatempo per l'appassionato, ma anche un'occasione per avvicinarsi alla matematica con lo spirito del gioco. Questa raccolta di problemi, alcuni dei quali hanno destato l'interesse di matematici illustri, come Gauss ed Eulero,vuole essere, quindi, un divertissement per chi ama la matematica e un invito a scoprirne il fascino per chi, vittima di pregiudizi del tutto infondati, non ha mai sospettato che essa richiede intuito e fantasia, e può essere fonte di un intenso piacere intellettuale. Buon divertimento! L'Autore

4 Ringrazio mio figlio Nicola per la preziosa collaborazione.

5 I LA SAHIERA

6 6

7 oordinate Fissiamo un riferimento su una scacchiera n x n indicando le colonne e le traverse con i numeri da 0 a (n-) in modo che ogni casa sia individuata da una coppia ordinata (i,j), nella quale i indica la colonna e j la traversa di appartenenza. In figura è rappresentata una scacchiera standard ( n = 8 ): Osserviamo che: )Le case (i,j) e (h,k) appartengono ad una stessa diagonale se: a) i-j = h-k ( diagonale ascendente) b) i+j =h+k ( diagonale discendente) ) Il colore della casa (i,j) è: nero se i+j è pari bianco se i+j è dispari. ) Le case (i,j) e (h,k) sono in opposizione se i-h e j-k sono entrambi pari. )La scacchiera esemplifica una delle tre possibili pavimentazioni regolari del piano (pavimentazioni eseguite usando poligoni regolari di un sol tipo). In questo caso, infatti, se si vogliono adoperare mattonelle d'una sola forma, bisogna che l'angolo interno del poligono sia contenuto esattamente un certo numero di volte nell'angolo giro, affinché sia possibile coprire il piano accostando più mattonelle. Soddisfano a questa condizione solo tre poligoni regolari: il triangolo equilatero, il quadrato e l'esagono regolare. 7

8 istanze efiniamo distanza fra le case A = (i,j) e B = (h,k), il numero: d(a,b) = max ( i-h, j-k ) ( distanza di chebichev) Si può dimostrare che tale definizione rispetta le proprietà che caratterizzano una distanza, ovvero: I) d(a, B) = 0 A = B II) d(a, B) = d(b, A) (simmetria) III) d(a, B) d(a, )+d(, B) (disuguaglianza triangolare) IV) d(a, B) 0 Questa definizione di distanza si usa per il movimento del Re e della onna. Per la orre si usa la distanza del taxi ( o di Manhattan),così definita: d(a,b) = i-h + j-k. ale distanza si usa anche per l'alfiere sulla scacchiera ruotata di gradi, ovvero assumendo come assi le diagonali uscenti dalla casa dell'alfiere. E' da notare che per spostarsi da una casa all'altra, il Re ha bisogno di un numero di mosse uguale alla distanza; orre, onna e Alfiere hanno bisogno solo di una o due mosse. Le due definizioni di distanza che abbiamo considerato sono casi particolari della distanza di Minkowski: d(a,b) = ( i-h m + j-k m )/m particolarizzando i valori di m si ottiene: m= m distanza di Manhattah distanza di chebichev 8

9 La distanza euclidea, che ci è più familiare, si ottiene per m =. Per chiarire la differenza tra le due definizioni di distanza, consideriamo la seguente scacchiera nella quale sono indicate le case A(,) e B(,6): B A la distanza di chebichev fra le due case è : d(a,b) = max ( -, 6- ) = passi di Re ( in verde nella figura ) il che vuol dire che un Re ( o una onna) deve attraversare case (minimo) per spostarsi da A a B. La distanza di Manhattan fra le due case è : d(a,b) = = 8 passi di Re (in rosso nella figura) il che vuol dire che una orre deve attraversare 8 case (minimo) per spostarsi da A a B. Nel conteggio delle case è esclusa quella di partenza ed è inclusa quella di arrivo. Nel gioco degli scacchi, la distanza fra due case svolge un ruolo fondamentale soprattutto nei finali che coinvolgono Re e pedoni, per tale motivo, quando si parla di distanze sulla scacchiera ci si riferisce tacitamente alla distanza di chebichev. 9

10 Ordine L'ordinamento lessicografico rappresenta la soluzione più naturale per introdurre una relazione d'ordine sulla scacchiera: in un dizionario, la parola P precede la parola P (scriveremo P < P) se la lettera iniziale di P precede (nell'alfabeto) la lettera iniziale di P. Se le lettere iniziali sono uguali, il confronto si sposta sulla seconda lettera, e così via. Allo stesso modo, date le case (i, j) e (h, k) diremo che (i, j) < (h, k) se: ) i < h oppure ) i = h e j < k Esempio : (, ) < (, ) perché < nell'alfabeto (0,,,,,,6,7) (, ) < (, 6) perché < 6 Esempio : se indichiamo le case nella consueta notazione scacchistica, l'esempio precedente diventa d < f perché d < f nell'alfabeto (a, b, c, d, e, f, g, h) d < d7 perché < 7 nell'alfabeto (,,,,, 6, 7, 8). L'ordine lessicografico può risultare utile, ad esempio, per classificare le varianti d'apertura nel gioco degli scacchi: l'ordine di due varianti coincide con l'ordine delle case di arrivo dei pezzi nella prima mossa per cui esse differiscono. A parità di casa di arrivo, vale la casa di partenza. Esempio: consideriamo le varianti A: ) e, e; ) f, c6; )Ac B: ) e, e; ) f, c6; )Ab diciamo che B < A perché b < c. Questo tipo di classificazione ha il difetto di assegnare un ordine diverso a varianti che, per trasposizione di mosse, conducono alla stessa posizione. 0

11 Scacchiera + Pezzo = Grafo! ata una scacchiera e un pezzo, diciamo che due case sono adiacenti (unite da un arco) se il pezzo può spostarsi da una casa all'altra con una mossa. La scacchiera e il pezzo, quindi, definiscono un grafo i cui nodi sono le case della scacchiera e i cui archi sono le mosse del pezzo. onsideriamo, come esempio, la seguente scacchiera x : e costruiamo alcuni semplici grafi: -Grafo dell'alfiere camposcuro: -Grafo dell' Alfiere campochiaro:

12 -Grafo del avallo -Grafo del Re In analogia con la teoria dei grafi, diamo la seguente definizione: icesi grado di una casa, relativamente a un dato pezzo P, il numero di case che il pezzo può raggiungere, con una mossa, quando è situato su quella casa. iciamo che una casa è dominata da un pezzo, se risulta occupata o controllata dal pezzo.

13 opo questo breve tour intorno alla scacchiera, consideriamo alcuni problemi che la vedono protagonista. Problema n. ( la leggenda di Sissa ) Il problema più conosciuto è quello legato alla leggenda di Sissa: secondo la leggenda, Sissa Nassir, l inventore degli scacchi, chiese, come ricompensa, al re di Persia un chicco di grano per la prima casella della scacchiera, due chicchi per la seconda, quattro chicchi per la terza e così via raddoppiando fino alla 6-ma,come mostra la seguente figura: = La domanda è: quanti chicchi di grano spettano a Sissa? Soluzione Sia N il numero da determinare: N =

14 N è la somma dei primi 6 termini di una progressione geometrica di primo termine a = e ragione q =, per cui, applicando una notissima formula, si ottiene : N = Se 0 chicchi di grano pesassero un grammo, Sissa avrebbe diritto a circa 000 miliardi di tonnellate di grano!! Appendice (capziosa) al problema n. Se la scacchiera fosse stata infinita (costituita da infinite colonne e infinite traverse), quanti chicchi di grano avrebbe dovuto ricevere Sissa? Sia N il numero cercato: N = N = +( ) N = +N N = - ovvero: Sissa avrebbe dovuto dare un chicco di grano al re di Persia! E' evidente che in questo calcolo qualcosa non quadra. ov'è l'errore? Problema n. Quanti quadrati si possono individuare su una scacchiera? Soluzione I quadrati di lato unitario sono 6, per i quadrati di lato possiamo ragionare così: consideriamo il quadrato costituito dalle caselle 0,0, 0,,,,,0 e trasliamolo verso destra di una colonna alla volta, è evidente che otteniamo (contando il quadrato iniziale) 7 quadrati. Se per ognuno dei 7 quadrati ripetiamo la traslazione in senso verticale,ognuno genererà 7 quadrati, per cui i quadrati di lato sono 9. Ragionando in modo analogo si conclude che i quadrati di lato sono 6, quelli di lato sono e così via. E abbastanza agevole arrivare ad una formula chiusa :

15 i quadrati di lato k sono (9-k) k 8 Il numero totale dei quadrati sarà: 9 k k 8 poiché k 8 anche 9-k 8 per cui il numero totale dei quadrati è k k 8 ovvero la somma dei quadrati dei numeri da a 8, che vale 0. Il problema si può generalizzare al caso di una scacchiera n x n : numero dei quadrati di lato k : (n+-k) k n numero totale dei quadrati : k = n n n 6 k n Se la scacchiera fosse rettangolare m x n (m n), si avrebbe, ragionando in modo analogo a quanto fatto per il caso precedente, che il numero dei quadrati di lato k è dato da: (n-k+)(m-k+) e il numero totale dei quadrati è dato, ponendo n = m+t, da: k m k m k m t = m m m t 6 Problema n. Quanti rettangoli si possono individuare su una scacchiera? Soluzione Per risolvere questo problema conviene vedere la scacchiera come una griglia formata dall intersezione di 9 rette verticali e 9 orizzontali

16 ( le rette che delimitano i bordi e quelle che fanno da separazione tra le colonne e le traverse della scacchiera). Ora possiamo ragionare così: per individuare un rettangolo basta fissare due rette verticali e due rette orizzontali. Le due rette verticali possono essere scelte in 9 modi e così anche le due rette orizzontali, per cui il numero dei rettangoli è 9. 9 = 96 tra questi rettangoli ci sono anche i quadrati, per cui i rettangoli non quadrati sono 96 0 = 09. Il problema si generalizza facilmente per una scacchiera n x n: numero rettangoli: n. n = [ n n ] Numero dei rettangoli non quadrati: [n n ] n n n n n n = 6 Se la scacchiera fosse una m x n, si avrebbe, con ragionamento analogo a quello seguito per il caso precedente: numero rettangoli = m n Problema n. (La scacchiera mutilata) Sia data una scacchiera mutilata, dalla quale, cioè, sono state eliminate case, e si disponga di tessere del domino (ciascuna delle quali atta a ricoprire esattamente due case adiacenti della scacchiera), ci chiediamo: è possibile pavimentare la scacchiera disponendo le tessere orizzontalmente (sulle traverse) oppure verticalmente (sulle colonne) in modo che ogni tessera copra (senza sovrapposizioni) case? 6

17 Soluzione (teorema di Gomory) Bisogna distinguere fra due ipotesi: ) Le case eliminate sono dello stesso colore. ) Le case eliminate sono di colore diverso. Nel primo caso il problema non ha soluzione. Infatti, ogni tessera copre una casa bianca ed una nera e, quindi, le tessere devono coprire case bianche e nere... ma sulla scacchiera ci sono 0 case di un colore e di un altro! Nel secondo caso il problema ammette soluzione. Infatti, supponiamo che vengano eliminate la casa nera (i,j) e la casa bianca (x,y). i sono due possibilità: I) i e x hanno la stessa parità II) i e x hanno parità diversa. imostriamo che la soluzione esiste ipotizzando, senza perdere in generalità, che i e x abbiano la stessa parità. Se i e x hanno la stessa parità, allora j e y hanno parità diversa (non dimentichiamo che i+j è pari e x+y è dispari). Le due case eliminate individuano sulla scacchiera un rettangolo di cui esse sono due case d'angolo opposte. Le altre due case d'angolo sono (i,y) e (x,j), come mostrato nella seguente figura: i,y x,y i,j x,j Le misure dei lati di tale rettangolo ( espresse in caselle ) sono: Base: b = x-i + (dispari) Altezza: h = y-j + ( pari) 7

18 Osserviamo che la scacchiera privata delle case (i,j)e (x,y) si può scomporre in rettangoli aventi ognuno un lato costituito da un numero pari di case, come mostrato nella seguente figura: Per maggior chiarezza, consideriamo la seguente tabella, che spiega la figura precedente (in verde, sono le case mancanti): olore rettangoli Misura base (b) Misura altezza (h) 8 Parità pari x-i y-j + pari y-j - pari pari A questo punto risulta evidente che la scacchiera è ricopribile, perché un rettangolo avente un lato costituito da un numero pari di case è banalmente ricopribile. Se i e x hanno parità diversa il ragionamento non cambia: basta scambiare le traverse con le colonne. 8

19 Problema n. ( il tappeto di Sierpinski) Una scacchiera di lato unitario viene divisa in nove scacchiere uguali e quella centrale viene eliminata. Le rimanenti otto scacchiere vengono similmente divise e viene eliminata la centrale. Se le ripetizioni di questo procedimento continuano indefinitamente si ha una figura (che qui,ovviamente, è solo accennata) nota come tappeto di Sierpinski, che è uno dei più famosi oggetti frattali. La domanda che ci poniamo è:qual è il limite dell'area colorata? 9

20 Soluzione Il problema si risolve facilmente osservando che le aree dei quadrati eliminati ad ogni iterazione, a cominciare da quello centrale e considerando via via i più piccoli,danno luogo alla progressione geometrica 8 8 8,,,, in cui è a= 9 e q= 8 9. Indicando con En, l'area dei quadrati eliminati dopo n iterazioni, si ha En = 8 n 9. Risulta, evidentemente, En per n. Se Sn è l'area restante (area colorata) dopo n iterazioni, si ha: Sn = 8 n 9 e, quindi, Sn 0 per n. 0

21 Problema n. 6 (minimo attacco) isporre gli 8 pezzi di un colore (R,,, AA, ) in modo che risulti sotto attacco il minimo numero possibile di case ( un pezzo non attacca la casa su cui è situato, ma può attaccare la casa su cui è situato un altro pezzo). Soluzione Per questo problema ( ed altri simili ) non esiste una dimostrazione rigorosa. Una soluzione è la seguente: A A R le case attaccate sono 6.

22 Problema n. 7 (massimo attacco) isporre sulla scacchiera gli 8 pezzi di un colore in modo che risulti sotto attacco il massimo numero possibile di case ( valgono le osservazioni fatte per il problema 6). Soluzione Una possibile soluzione è la seguente: R A A Le case attaccate sono 6. Il numero di case attaccate può essere portato a 6 (il massimo possibile) se è consentito usare due Alfieri camposcuro (o campochiaro): A R A

23 Problema n. 8 (colorazioni della scacchiera) Siano dati due colori, bianco e nero, e una scacchiera n x n, in quanti modi si possono colorare le n case della scacchiera con i due colori? Soluzione iamo la soluzione per una scacchiera x (in modo analogo si procede nel caso generale). E' evidente che il numero di colorazioni in cui figurano h case nere è dato da h 0 h. Indichiamo i colori con x (nero) e y (bianco), e consideriamo il polinomio (x + y) = x + xy + 6xy + xy + y. Questo polinomio enumera le colorazioni con h case nere e -h bianche. osì, ad esempio, il coefficiente del monomio 6xy ci dice che vi sono 6 colorazioni con case nere e bianche: allo stesso modo si interpretano i coefficienti degli altri monomi. La colorazione standard della scacchiera è realizzata in modo che le case nere e bianche si alternino sia lungo le colonne che le traverse, per cui, comunque scelte due colonne i e j, si avrà che le case ai,k e aj,k sono sempre dello stesso colore o sempre di colore diverso. Se diciamo che si ha una permanenza tutte le volte che colore(ai,k) = colore(aj,k) e una variazione quando colore(ai,k) colore(aj,k), la proprietà precedente può

24 essere enunciata dicendo che comunque scelte due colonne i, j, le coppie di case ai,k, aj,k danno luogo sempre a una permanenza o sempre a una variazione. Ovviamente, il discorso resta valido se sostituiamo colonna con traversa e ai,k, aj,k con ak,i, ak,j. Una colorazione alternativa è quella caratterizzata dalla seguente proprietà: comunque scelte due colonne (traverse) i,j, le coppie di case ai,k, aj,k (ak,i, ak,j) danno luogo a un numero di permanenze uguale al numero di variazioni.le seguenti figure esemplificano tale colorazione (detta anallagmatica) per una scacchiera x e una 8 x 8: Questo tipo di colorazione diventa estremamente interessante se si sostituiscono i colori bianco e nero con i numeri + e - (bianco =, e nero = -, o viceversa), perché con tale sostituzione la scacchiera si trasforma in una matrice che gode di particolari proprietà. Se si considerano scacchiere di ordine n = ; oppure k si ottengono delle matrici ( che indicheremo con H n) che sono state studiate dal matematico francese Jacques Hadamard (86-96). Elenchiamo alcune proprietà di tali matrici: dethn = nn/ ( la matrice è invertibile) ue colonne (righe) qualsiasi sono vettori ortogonali. HnHn = nin, dove H è la trasposta di Hn e In è la matrice identità di ordine n. Verifichiamo queste proprietà sulla matrice x della figura precedente:

25 det H = 6 -E' facile verificare che il prodotto scalare fra due colonne (righe) qualsiasi è nullo - HH = I Una matrice di Hadamard può essere trasformata in un'altra equivalente mediante le seguenti operazioni: scambiare due righe o due colonne. moltiplicare una riga o una colonna per - considerare la matrice trasposta.

26 Quante caselle ci sono su una scacchiera? Spesso si parla degli scacchi come del mondo delle 6 caselle ma...sono davvero 6? onsideriamo una scacchiera 8 x 8, divisa in quattro parti. Se ricomponiamo le quattro parti nel modo indicato dalla seguente figura otteniamo un rettangolo di 6 case, che dovrebbe essere equivalente alla scacchiera originaria, perché equicomposto!! obbiamo concludere che 6 = 6? L' enigma si scioglie come neve al sole se osserviamo che il triangolo avente per cateti e contiene il triangolo più piccolo, anch'esso rettangolo, avente per cateti e 8. Allora la tangente dell'angolo opposto ai lati e sarebbe / se misurata nel triangolo grande e /8 se misurata nel triangolo piccolo. Questo ci fa capire che l'ipotenusa del triangolo grande ( diagonale del rettangolo) e quella del triangolo piccolo non giacciono sulla stessa retta, ovvero quella che figura come diagonale del 6

27 rettangolo non è un segmento di retta se non nell'illusione del disegno. I quattro punti che essa apparentemente congiunge, ossia i vertici dei due trapezi, internamente, e i vertici opposti del rettangolo, non sono allineati. Essi formano, congiunti esattamente, un sottile quadrilatero, la cui superficie è equivalente a quella di un quadratino, ossia del quadratino che il rettangolo ha in più rispetto al quadrato iniziale e che il grosso tratto della diagonale ha fatto abilmente scomparire. Il paradosso può essere riprodotto partendo da un quadrato n x n, dove n è un numero appartenente alla successione di Fibonacci:,,,,, 8,,,,,... in cui ogni termine ( a partire dal terzo ) si ottiene come somma dei due che lo precedono. I numeri di Fibonacci sono particolarmente adatti a generare un paradosso come quello appena discusso, perché godono, fra le altre, della seguente proprietà, nota come identità di assini: Se a, b, c, sono tre numeri consecutivi della successione, allora: a c=b± dove vale il segno + se b occupa un posto pari nella successione, e il segno - se occupa un posto dispari. Se n è la misura del lato che si sceglie per il quadrato, la divisione di esso in due parti è data dai due numeri che lo precedono, come per esempio nel caso considerato di n = 8 la divisione del lato è stata fatta secondo quadratini e quadratini. Se si volesse disegnare una scacchiera x, la scomposizione del lato avverrebbe secondo 8 e quadratini. Quanto più grande è n tanto più efficace è l' illusione della diagonale che nasconde, col suo spessore, la superficie equivalente al quadratino. 7

28 8

29 II I PEZZI 9

30 0

31 Mosse - spostamenti Lo spostamento che un pezzo subisce quando effettua una mossa verrà indicato con il vettore (x,y), dove x rappresenta la componente nella direzione delle traverse ( orizzontale ) e y la componente nella direzione delle colonne ( verticale ). In particolare: x>0 indica uno spostamento verso est x<0 indica uno spostamento verso ovest y>0 indica uno spostamento verso nord y<0 indica uno spostamento verso sud Nel valutare gli spostamenti supporremo che il pezzo sia collocato nel centro della casa ( ovvero una casa sarà identificata con il suo punto centrale). Esempio: se un alfiere muove dalla casa (,) alla casa (,0) il suo spostamento sarà indicato dal vettore (,-). Per quanto riguarda la mossa di cavallo, a volte conviene esprimere lo spostamento ad essa associato mediante le componenti nelle direzioni delle diagonali che passano per la casa di partenza. In tal modo si osserva che ad ogni mossa di cavallo corrisponde uno spostamento di passo diagonale in una direzione e di di passo diagonale nell'altra, come si evidenzia nella seguente figura: Nord Sud

32 Mobilità di un pezzo ome mobilità di un pezzo consideriamo il grado medio dei vertici del suo grafo. onsideriamo la variabile G = {grado di un vertice}che assumerà i valori g, g,...gh con frequenza (relativa) p, p,...ph. Il valore medio di G rappresenta la mobilità del pezzo: h E(G) = g i pi i= A volte il valore della mobilità viene usato per calcolare un indice che dovrebbe esprimere la forza del pezzo (Re escluso), rapportando la sua mobilità a quella del pedone (=.7), che viene assunta come unità di misura. Indicando tale indice con F, si ha: F= mobilità del pezzo mobilità del pedone

33 escrivere una posizione La notazione FEN (Forsyth-Edwards Notation), usata dai programmatori, fornisce tutte le informazioni necessarie a consentire la continuazione di una partita iniziando da una posizione data. Una stringa FEN é costituita da una sola linea di testo e si compone di 6 campi: ) Posizione dei pezzi. I pezzi vengono indicati con le iniziali dei loro nomi inglesi, in maiuscolo i pezzi Bianchi (KQRBNP), in minuscolo i pezzi Neri (kqrbnp). Viene indicato il contenuto di ogni casa a partire dall'ultima traversa (traversa 7) fino alla prima (traversa 0), procedendo, per ogni traversa, dalla colonna 0 alla colonna 7. Le case vuote vengono indicate mediante le cifre dall' all'8 (a seconda delle case vuote adiacenti). Per separare una traversa dall'altra si usa il simbolo /. ) Giocatore che ha la mossa. La lettera w (white) indica che la mossa spetta al Bianco, la lettera b (black) indica che la mossa spetta al Nero. ) iritto all'arrocco. Se entrambi i giocatori hanno perso il diritto all'arrocco, si usa il simbolo _, altrimenti si indica: K il Bianco può arroccare corto Q il Bianco può arroccare lungo k il Nero può arroccare corto q il Nero può arroccare lungo ) asa in cui è possibile prendere en passant. Se non è possibile nessuna presa en passant, si usa il simbolo -, altrimenti si indica la casa alle spalle dell'ultimo pedone che ha effettuato la mossa di due case. ) Numero di semimosse. Numero di semimosse dall'ultima mossa di pedone o dall'ultima cattura. Questo numero serve per la regola delle 0 mosse. 6) Numero delle mosse. Questo numero vale per la prima mossa del Bianco e del Nero. Viene aumentato di dopo ogni mossa del Nero.

34 Esempio: la posizione iniziale è così rappresentata in notazione FEN: rnbqkbnr/pppppppp/8/8/8/8/pppppppp/rnbqkbnrwkqkq-0 dopo ) e: rnbqkbnr/pppppppp/8/8/p/8/ppppppp/rnbqkbnrbkqkqe0 dopo )...c: rnbqkbnr/ppppppp/8/p/p/8/ppppppp/rnbqkbnrwkqkqc60 e dopo ) f: rnbqkbnr/ppppppp/8/p/p/n/ppppppp/rnbqkbrbkqkq-

35 IL RE Il Re si muove in tutte le direzioni spostandosi una casa per volta: ( i,j ) ( i+x, j+y ) - x, y, (x, y ) ( 0, 0 ) efiniamo: passo orizzontale uno spostamento del tipo (±, 0) passo verticale uno spostamento del tipo (0, ±) passo diagonale uno spostamento del tipo (±, ±) Mobilità del Re on riferimento al Re, la scacchiera è costituita da: case di grado ( le case d'angolo ) case di grado ( le case sul bordo) 6 case di grado 8 ( le altre case) per cui possiamo costruire la variabile G: G P /6 /6 8 6/6 E(G) = 6.6 Il modo in cui è definito il movimento del Re ci induce a ripensare alla definizione di distanza data in precedenza. L aver definito la distanza tra due case come max ( i-h, j-k ) equivale ad aver scelto come unità di misura il passo di Re e ciò comporta delle conseguenze notevoli, nel senso che sulla scacchiera non sono più valide alcune delle fondamentali relazioni che sussistono nel piano euclideo. Per esempio, sulla scacchiera: ) esistono triangoli rettangoli equilateri ) il percorso minimo tra due case non è, generalmente, unico!! on riferimento al primo punto, consideriamo la seguente figura:

36 A B Notiamo che d(a,b) = d(b,) = d(a,) = 7 passi di Re. Ovvero, il triangolo rettangolo (AB) è equilatero! Per quanto riguarda il secondo punto, osserviamo le seguenti figure: Figura Figura 6

37 Sulla scacchiera di Fig. sono segnate due case dello stesso colore, una di partenza A = (,0) e l'altra di arrivo B = (,). Si ha d(a,b) = max ( -, 0- ) = passi di Re. E' facile verificare che un re può spostarsi da A a B seguendo diversi percorsi tutti di lunghezza minima ( passi ) e che tali percorsi sono tutti non esterni al rettangolo AB, dove e sono le case in cui si intersecano le diagonali uscenti da A e da B. Nella Fig. le case A e B (partenza e arrivo) non sono dello stesso colore e la costruzione del rettangolo è leggermente diversa perché le diagonali uscenti da A e da B non si incontrano nel centro di una casa ma in un vertice, restano comunque valide le considerazioni fatte per il caso rappresentato in Fig.. Se la casa di partenza e quella di arrivo sono sulla stessa diagonale, il percorso minimo è, ovviamente, unico. 7

38 Problema n. 9 ( passeggiata del Re - I ) Quanti sono i percorsi che può seguire il Re per spostarsi dalla casa (0,0) alla casa (m,k), se sono consentiti solo spostamenti del tipo (,0), che indichiamo con o, e (0,), che indichiamo con v? Soluzione Anzitutto notiamo che la posizione iniziale del re in (0,0) non toglie generalità alla soluzione, perché ci si può sempre ricondurre a questo caso mediante traslazione e/o rotazione degli assi ( questa considerazione varrà per tutti i problemi seguenti ). Ragioniamo così: per andare da (0,0) a (m.k) il re dovrà fare m spostamenti o e k spostamenti v, ovvero un totale di m+k spostamenti di cui m uguali fra loro e k uguali fra loro. Il numero dei percorsi, che indichiamo con (m, k), sarà dato dal numero di permutazioni di m+k elementi, di cui m uguali fra loro e k uguali fra loro, ovvero: m k m,k (m, k) = = m k! m! k!. Assegnando dei valori a m e a k, otteniamo i risultati riportati nella seguente scacchiera: I valori segnati in ciascuna casa indicano il numero di percorsi possibili per raggiungerla. Osservando i numeri lungo le diagonali discendenti, non è difficile riconoscere le prime otto righe del celeberrimo triangolo di 8

39 artaglia ( o di Pascal). Per maggiore chiarezza, consideriamo esplicitamente i percorsi per raggiungere la casa (, ): ) oovv ) ovov ) ovvo ) vvoo ) vovo 6) voov Il valore di (m, k) può essere calcolato anche con un semplice algoritmo ricorsivo: basta osservare che per raggiungere la casa (m, k), bisogna trovarsi, al penultimo passo, nella casa (m, k-) oppure nella casa (m-, k). La seguente figura chiarisce il concetto: k k- m- m è evidente che (m, k) = (m, k-)+ (m-, k) questa relazione, unita alle condizioni iniziali: (0, 0) = (m, 0) = (0, k) = ci permette di calcolare il numero di percorsi per raggiungere una generica casa. Esempio: (, ) = (, ) + (, ) (, ) = + 0 =. Problema n. 0 ( passeggiata del Re II ) Quanti sono i percorsi che può seguire il Re per spostarsi dalla casa (0,0) alla casa (m,k), se sono consentiti solo spostamenti del tipo (,0),che indichiamo con o, del tipo (0,), che indichiamo con v e del tipo (,), che indichiamo con d? 9

40 Soluzione Supponiamo, senza togliere generalità al discorso, che sia k m e notiamo che la presenza di uno spostamento del tipo d determina la diminuzione di una unità del numero di spostamenti del tipo o e del tipo v, per cui, se sono presenti j k spostamenti del tipo d, gli spostamenti di tipo o diventano m - j, e quelli di tipo v diventano k - j Il numero totale di passi sarà N = (m j)+(k j)+j = m+k-j di cui m-j passi tipo o k-j passi tipo v j passi tipo d. Il problema si risolve considerando le permutazioni di N elementi, di cui m-j uguali fra loro, k-j uguali fra loro e j uguali fra loro, con j variabile da 0 a k. Indicando con Pj il valore corrispondente ad un assegnato j, si ha: Pj = m j,nk j, j N! m j! k j! j! = Il numero totale dei percorsi, che indichiamo con L(m, k), sarà: k L(m, k) = Pj ( numeri di elannoy ) 0 nella figura seguente è riportato il numero dei percorsi possibili calcolato per tutte le case di una scacchiera standard:

41 Anche qui riportiamo esplicitamente, per maggiore chiarezza, i percorsi che conducono alla casa (,): ) vvoo ) vovo ) ovov ) oovv ) ovvo 6) voov 7) odv 8) ovd 9) dov 0) vod ) dvo ) vdo )dd. ome per il caso precedente, anche i valori di L(m, k) possono essere calcolati con un algoritmo ricorsivo osservando che per raggiungere la casa (m, k) bisogna essere, al passo precedente, nella casa (m, k-) o nella casa (m-, k) o nella casa (m-, k-), come si evidenzia nella seguente figura: k k- m- m È evidente che L(m, k) = L(m, k-)+ L(m-, k) + L(m-, k-) Questa relazione, unita alle condizioni iniziali: L(0, 0) = L(m, 0) = L(0, k) = ci permette di calcolare il numero di percorsi per raggiungere una generica casa. Esempio: L(, ) = L, ) + L(, ) + L(, ) L(, ) = +6 + = 9.

42 Problema n. (passeggiata del Re -III) Quanti sono i percorsi che può seguire il Re per spostarsi dalla sua casa d'origine (,0) alla casa (,m), se i movimenti consentiti sono (0,), (,) e (-,)? Soluzione Il re deve compiere m movimenti, e quelli del tipo (,) dovranno essere tanti quanti quelli del tipo (-,), perché il Re deve ritornare sulla sua colonna. Il re, quindi, dovrà fare k mosse (,), k mosse (-,) e m-k mosse (0,). Il numero dei percorsi sarà, quindi, dato dal numero di permutazioni di m elementi di cui k uguali fra loro, altri k uguali fra loro e m m-k uguali fra loro, con k variabile da 0 a floor. etto P il numero cercato, sarà: P= m! k! m k! 0 k floor m Assegnando a m i valori da 0 a 7, otteniamo i risultati evidenziati nella seguente figura:

43 Problema n. Qual è il numero massimo di Re che è possibile disporre su una scacchiera n x n, in modo che nessuno ne attacchi un altro? Soluzione Il problema si risolve osservando che un quadrato x può contenere un solo re. Bisogna considerare due casi: ) n pari La scacchiera si può suddividere in n quadrati x, in ciascuno dei quali va collocato un re. Il numero dei re, quindi, è: n ) n dispari La scacchiera può essere suddivisa in n quadrati x n rettangoli x quadrato x per un totale di n n quadrati/rettangoli, in ciascuno dei quali va collocato un re. Il numero dei re, quindi, è: n

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese Introduzione Nell articolo vengono mostrate vari possibili legami tra la costante di Archimede (pi greco) e la sezione aurea (phi).

Dettagli

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it 3 4 5 Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it Qualche osservazione preliminare sul Teorema di Pitagora e le terne

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α?

Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α? QUESITO 1 Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α? Applicando il Teorema dei seni si può determinare il valore di senza indeterminazione, in quanto dalla

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova SCUOLA MEDIA STATALE GIULIANO DA SANGALLO Via Giuliano da Sangallo,11-Corso Duca di Genova,135-00121 Roma Tel/fax 06/5691345-e.mail:scuola.sangallo@libero.it SELEZIONE INTERNA PER LA MARATONA DI MATEMATICA

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

Appunti di Algebra Lineare

Appunti di Algebra Lineare Appunti di Algebra Lineare Indice 1 I vettori geometrici. 1 1.1 Introduzione................................... 1 1. Somma e prodotto per uno scalare....................... 1 1.3 Combinazioni lineari e

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

MATRICI E DETERMINANTI

MATRICI E DETERMINANTI MATRICI E DETERMINANTI 1. MATRICI Si ha la seguente Definizione 1: Un insieme di numeri, reali o complessi, ordinati secondo righe e colonne è detto matrice di ordine m x n, ove m è il numero delle righe

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0.

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0. Problema. Sia W il sottospazio dello spazio vettoriale R 4 dato da tutte le soluzioni dell equazione x + x 2 + x = 0. (a. Sia U R 4 il sottospazio dato da tutte le soluzioni dell equazione Si determini

Dettagli

Si sa che la via più breve tra due punti è la linea retta. Ma vi siete mai chiesti, Qual è la via più breve tra tre punti? o tra quattro punti?

Si sa che la via più breve tra due punti è la linea retta. Ma vi siete mai chiesti, Qual è la via più breve tra tre punti? o tra quattro punti? Dov'è Moriart? Cerchiamo la via più breve con Mathcad Potete determinare la distanza più breve da tre punti e trovare Moriart? Si sa che la via più breve tra due punti è la linea retta. Ma vi siete mai

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Analisi Matematica I

Analisi Matematica I Analisi Matematica I Fabio Fagnani, Gabriele Grillo Dipartimento di Matematica Politecnico di Torino Queste dispense contengono il materiale delle lezioni del corso di Analisi Matematica I rivolto agli

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10 Lecture 20: 28 Maggio 2010 Cycle Monotonicity Docente: Vincenzo Auletta Note redatte da: Annibale Panichella Abstract In questa lezione

Dettagli

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ;

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; 1. Un triangolo ha area 3 e due lati che misurano 2 e 3. Qual è la misura del terzo lato? : L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; nel nostro

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

NUMERI COMPLESSI. Esercizi svolti., e) i 34, f) i 7. 10 i

NUMERI COMPLESSI. Esercizi svolti., e) i 34, f) i 7. 10 i NUMERI COMPLESSI Esercizi svolti 1. Calcolare le seguenti potenze di i: a) i, b) i, c) i 4, d) 1 i, e) i 4, f) i 7. Semplificare le seguenti espressioni: a) ( i) i(1 ( 1 i), b) ( + i)( i) 5 + 1 ) 10 i,

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308)

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308) CNC 8065 Linguaggio ProGTL3 (Ref. 1308) SICUREZZA DELLA MACCHINA È responsabilità del costruttore della macchina che le sicurezze della stessa siano abilitate, allo scopo di evitare infortuni alle persone

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012 Prova di Matematica : Relazioni + Geometria Alunno: Classe: 1 C 05.06.2012 prof. Mimmo Corrado 1. Dati gli insiemi =2,3,5,7 e =2,4,6, rappresenta

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

e l insieme delle soluzioni, dopo le analoghe riduzioni del caso n = 2, si scrive come

e l insieme delle soluzioni, dopo le analoghe riduzioni del caso n = 2, si scrive come Numeri complessi 9 Da questi esempi si può osservare che, facendo le successive potene di un numero complesso, i punti corrispondenti girano attorno all origine. Se inoltre > allora i punti si allontanano

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano.

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano. Il punto Il punto è un elemento geometrico fondamentale privo di dimensioni ed occupa solo una posizione. Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli