Relazione finale. Dicembre A cura di: M. Dalfiume F. Fantini A. Petrella

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione finale. Dicembre 2007. A cura di: M. Dalfiume F. Fantini A. Petrella"

Transcript

1 UP GRADE STRUMENTI E SERVIZI A SOSTEGNO DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E DEI PERCORSI DI CARRIERA DELLE DONNE RIF. P.A /RER OB.3 E1 FASE 2 - BILANCIO DI COMPETENZE Relazione finale Dicembre 2007 A cura di: M. Dalfiume F. Fantini A. Petrella RSO SpA Milano Via Leopardi 1 Tel Fax C.F. e Part. Iva R.E.A Reg. Imprese

2 INDICE PREMESSA 1^ PARTE DEFINIZIONE E REALIZZAZIONE DEL PERCORSO Obiettivi Orientamenti e criteri metodologici Descrizione dell attività svolta 2^ PARTE - LUCI E OMBRE DEL PERCORSO Risultati prodotti per le partecipanti: il progetto professionale Risultati prodotti per il sistema: il portafoglio delle competenze Riferimenti bibliografici ALLEGATI materiale didattico strumenti di supporto 2

3 PREMESSA La fase 2 del progetto Up grade rappresenta un momento fondamentale nell ambito di un percorso strategico di sviluppo personale e aziendale. L approccio e gli strumenti utilizzati rispondono all esigenza di individuare e realizzare opportunità di sviluppo in ottica di genere per le donne, le imprese e il sistema cooperativo. La presente relazione illustra le attività realizzate, i risultati prodotti in termini di conoscenza e strumenti. Una prima parte della relazione è dedicata alla descrizione degli obiettivi, delle coordinate metodologiche e delle attività svolte. Una seconda parte è dedicata alla valutazione dei risultati prodotti e alla trasferibilità degli stessi. In allegato infine sono riportati i materiali didattici e gli strumenti di lavoro elaborati ad hoc. 1^ PARTE DEFINIZIONE E REALIZZAZIONE DEL PERCORSO Obiettivi L obiettivo generale è che le stesse dirigenti-donne traggano giovamento nel loro percorso di carriera e costituiscano un punto di riferimento professionale e organizzativo al servizio delle altre donne che operano e cooperano nelle imprese e nell organizzazione cooperativa. L obiettivo più specifico della fase 2 è quello di far emergere/riconoscere le competenze di tipo manageriale, e quindi consulenziale, delle partecipanti impegnate a diversi livelli nell organizzazione di Confcooperative e nelle imprese cooperative associate. Orientamenti e criteri metodologici Per la definizione e realizzazione delle attività è stato necessario assumere alcuni riferimenti relativi a: modello delle competenze, profili professionali e manageriali; differenze di genere nelle organizzazioni, negli approcci relazionali/comunicativi, nella gestione della leadership. Per ciascuna di queste dimensioni si indica il riferimento metodologico adottato o l approccio prescelto in funzione degli obiettivi. 3

4 1. Modello delle competenze Per la realizzazione delle attività si è fatto riferimento al modello delle competenze elaborato da RSO così come aggiornato nell ambito delle attività di Assistenza Tecnica alla Regione E.R. sul sistema regionale delle qualifiche 1 e al modello ItaliaLavoro 2. Il modello delle competenze di RSO si fonda sui concetti di: area professionale area manageriale competenze manageriali attività manageriali I concetti indicati sono adottati come categorie di analisi delle competenze esistenti e consentono la configurazione di sistemi professionali che possano costituire riferimento (relativamente) stabile per la gestione e lo sviluppo delle competenze auspicate Per "AREA PROFESSIONALE" si intende: insieme-gruppo-famiglia di ruoli operanti a diversi livelli di professionalità e/o di responsabilità e/o di specializzazione, omogenei per processi lavorativi di riferimento e/o competenze di base. Così ruoli operanti in settori-comparti diversi e/o occupati in aziende differenti e/o collocati diversamente nelle strutture organizzative possono far parte della stessa area professionale. L AREA MANAGERIALE All interno di ciascuna area professionale operano ruoli a diversi livelli di professionalità e/o di responsabilità. Una classificazione, presente in letteratura e nelle pratiche professionali, i- dentifica due macrotipologie di ruoli: ruoli con attività/responsabilità (prevalentemente) tecniche : connotati da specifiche competenze tecnico-professionali; ruoli con attività/responsabilità (prevalentemente) manageriali : connotati da specifiche competenze direzionali-gestionali. L area manageriale": fa riferimento alle attività/competenze di direzione e di gestione presenti nelle diverse aree professionali; raggruppa ruoli manageriali operanti a diversi livelli di coordinamento/responsabilità. 1 Il riferimento è contenuto in IL MANUALE DEL SISTEMA REGIONALE DELLE QUALIFICHE Documento di lavoro RSO, Nov Il riferimento è contenuto in L approccio dell analisi per competenze ed i servizi della BCNL 4

5 LE COMPETENZE MANAGERIALI In tema di competenze sono stati elaborati diversi approcci, che evidenziano ed enfatizzano alcuni aspetti piuttosto che altri. Vengono date diverse definizioni di competenze, diversi sono anche i significati che vengono attribuiti agli stessi termini usati e differenti sono le tipologie di competenze proposte. L identificazione e articolazione delle competenze possono certamente essere differenti in funzione delle finalità perseguite e della rilevanza che si intende attribuire ai diversi aspetti. Per competenze manageriali si intende: l insieme integrato di conoscenzecapacità ritenute necessarie per esercitare efficacemente attività di direzione e di gestione. Componenti costitutive delle competenze sono: le conoscenze : riguardano i saperi di riferimento dell attività manageriale; le capacità : riguardano le metodologie ed i processi cognitivi e relazionali agiti nell attività manageriale. Nell analisi-descrizione le conoscenze e le capacità sono articolate in maniera da consentire di cogliere i diversi e più significativi aspetti. Per le conoscenze si fa riferimento a: conoscenze teoriche : relative alle aree e contenuti disciplinari così come sono normalmente codificati. conoscenze contestuali : relative al contesto organizzativo entro cui si realizza l attività manageriale ed al relativo ambiente di riferimento. Per le capacità si fa riferimento a: capacità metodologiche : relative alle metodologie, tecniche e modalità di esercizio dell attività manageriale. capacità cognitive : relative ai processi elaborativi, decisionali e attuativi. capacità relazionali : relative alla gestione delle relazioni nell ambito del sistema di rapporti entro cui si esplica l attività Le capacità cognitive-relazionali costituiscono competenze trasversali comuni alle aree di attività. Le competenze trasversali (ISFOL) sono "un insieme di abilità di ampio spessore che sono implicate in numerosi tipi di compiti, dai più elementari ai più complessi, e che si esplicano in situazioni tra loro diverse e quindi ampiamente generalizzabili. 5

6 La loro individuazione può essere frutto dell'analisi e della scomposizione dell'attività del soggetto al lavoro posto di fronte al compito. Tale analisi consente di enucleare tre grandi tipi di operazioni che il soggetto compie, fondate su processi di diversa natura (cognitivi, emotivi, motori) e che: - fanno "riferimento ad operazioni fondamentali proprie di qualunque soggetto posto di fronte ad un compito lavorativo (e non)", - sono presenti in tutte le esperienze del soggetto non solo in quelle lavorative, - "non sono connesse specificamente ad una determinata attività o posizione lavorativa", ma "entrano in gioco nelle diverse situazioni" e condizionano "la possibilità degli individui di esprimere comportamenti professionali abili o esperti e di trasferire competenze da un ambito lavorativo ad un altro, - "consentono all'individuo di sviluppare la propria competenza in attività differenti (transfer)", - si apprendono per via formale, informale, non formale, - possono sempre essere potenziate con appositi percorsi formativi. Le competenze trasversali (ISFOL) sono: "diagnosticare le caratteristiche dell'ambiente e del compito", analizzare capire rappresentare la situazione, il problema, se stessi (le risorse che possono essere utilizzate o incrementate all'occorrenza) come condizione indispensabile "per la progettazione e la esecuzione di una prestazione efficace" (abilità cognitive), relazionarsi, "mettersi in relazione adeguata con l'ambiente", le persone e le cose di un certo contesto per rispondere alle richieste (abilità interpersonali o sociali: insieme di abilità emozionali, cognitive e stili di comportamento, ma anche abilità comunicative) affrontare, fronteggiare, "predisporsi ad affrontare l'ambiente e il compito, sia mentalmente che a livello affettivo e motorio", "intervenire su un problema (uno specifico evento, una criticità, una varianza e/o una anomalia) con migliori probabilità di risolverlo", costruire e implementare le "strategie di azione, finalizzate al raggiungimento degli scopi personali del soggetto e di quelli previsti dal compito". La prima è la base delle altre due, la terza presuppone le altre due. 6

7 LE ATTIVITÀ MANAGERIALI Per identificare-descrivere le competenze manageriali (conoscenzecapacità) è necessario identificare-descrivere le attività manageriali di riferimento Le attività manageriali sono le attività-decisioni prevalenti e/o rilevanti di direzione e di gestione. Si fa riferimento ai seguenti tipi di attività: attività di "presidio dell ambiente esterno": finalizzate a presidiareottimizzare il rapporto con l ambiente esterno di riferimento. Possono riguardare: - mercato dei prodotti, dei concorrenti; - mercato dei clienti-utenti, dei fornitori; - mercato finanziario; - rapporti con soggetti istituzionali, attori sociali; - ecc. attività di "pianificazione strategica": finalizzate a orientare i processi agli obiettivi-risultati attesi. Possono riguardare: - modello di sviluppo, elaborazione strategie; - investimenti, progetti innovativi; - budget, programmi, priorità; - rapporto strategie/organizzazione/risorse; - ecc. attività di "programmazione esecutiva : finalizzate a programmareorganizzare-controllare i processi lavorativi. Possono riguardare: - formulazione programmi/attività; - definizione standard, livello di qualità; - sistemi di gestione, controllo, valutazione; - modalità di produzione-erogazione; - gestione processi decisionali, soluzione dei problemi; - coordinamento interfunzionale; - ecc. 7

8 attività di gestione risorse : finalizzati ad acquisire-gestirevalorizzare le risorse tecnologiche/informatiche professionali finanziarie. Possono riguardare: - modalità di acquisizione; - economicità, costi/utilizzo; - quantità-qualità delle risorse; - programmi di valorizzazione-sviluppo: - ecc. Utilizzando questi riferimenti metodologici, si è fatto particolare riferimento alle competenze manageriali relative alla gestione e sviluppo delle persone e alle capacità cognitive-relazionali che le caratterizzano (coaching, assistenza, gestione delle leve comunicative, leadership, ). 8

9 2. Differenze di genere Le differenze di genere nelle organizzazioni possono essere analizzate da più punti di vista, in relazione al cosa : le posizioni/i risultati conseguiti da uomini e donne in termini di collocazione organizzativa, responsabilità, ruoli professionali, livelli retributivi le competenze sviluppate da uomini e donne (tacite ed esplicite, descritte in termini di conoscenze/capacità/comportamenti, motivazioni, valori ) e al come le strategie adottate da donne e uomini per raggiungere/mantenere/sviluppare le attuali posizioni, per conciliare lavoro e vita privata il rapporto con il potere e l esercizio della leadership. Poiché le donne destinatarie dell azione sono tutte componenti della Commissione Regionale dirigenti, quindi selezionate in quanto gruppo dirigente, nello specifico non era tanto importante analizzare le posizioni raggiunte (il cosa ) in quanto già note, quanto le modalità di esercizio del ruolo (il come ). L approccio di genere L approccio proposto ha tenuto conto delle caratteristiche di genere delle destinatarie sia sul piano dei contenuti sia su quello delle modalità operative. Il percorso proposto si è sviluppato dal particolare al generale e dall esperienza concreta all elaborazione concettuale e ha lavorato sul gruppo per rafforzare anche la singola persona. La consapevolezza del proprio valore professionale e di come questo può essere messo a disposizione delle donne più giovani o meno esperte in logica di servizio è costruita procedendo dalla rilettura della propria storia professionale via via ampliando lo sguardo verso il più ampio contesto organizzativo e professionale. Questo è il senso del percorso e delle attività realizzate e descritte nei punti seguenti. Descrizione dell attività svolta L attività è stata incentrata su alcuni workshop, per facilitare l approfondimento, l analisi e l interazione tra le partecipanti e con le consulenti, alternando momenti in plenaria a momenti di riflessione individuale e in piccolo gruppo. In questo modo è stato possibile condividere approcci e risultati e al contempo sostenere la costruzione del gruppo, il team building della Commissione. Il percorso realizzato ha valorizzato il lavoro di gruppo e l elaborazione collegiale, mentre i momenti di lavoro individuale sono stati dedicati all autovalutazione delle competenze e alla riflessione sul progetto professionale per il futuro. 9

10 Le partecipanti sono state riunite per alcune giornate di lavoro insieme, assistite dalla consulenza, intervallate da alcune attività di supporto, come rappresentato nello schema seguente: Le tappe del percorso L organizzazione del percorso Presentazione preliminare del percorso alla Commissione Preparazione materiali didattici 1 workshop e schede di supporto per interviste incrociate 1. Maestri di vita 1 workshop durata 1 g. 2. Superare l ostacolo Sintesi schede interviste ed elaborazione delle competenze trasversali Preparazione materiali didattici 2 workshop e schede di supporto per aree di attività manageriali 3. Da donna a donna 2 workshop durata 1 g. Elaborazione dalle schede di lavoro per aree di attività alle competenze manageriali Predisposizione schede autovalutazione competenze 4. Donne allo specchio Assistenza all autovalutazione individuale Tabulazione e sintesi dei risultati di gruppo Preparazione materiali didattici 3 workshop 5. Leadership al femminile 3 workshop durata 1 g. Report finale su risultati prodotti e trasferibilità dell esperienza 10

11 Per ciascuna tappa del percorso sono indicati di seguito l oggetto di analisi, le modalità di lavoro ed il risultato prodotto. In preparazione dei workshop sono stati predisposti gli strumenti di lavoro necessari al lavoro del gruppo. Successivamente sono stati elaborati/sistematizzati i risultati prodotti nelle singole sessioni. Per assicurare un costante ed approfondito supporto professionale ai gruppi di lavoro, la conduzione dei workshop è stata fatta in codocenza. Presentazione preliminare del percorso alla Commissione Obiettivo dell incontro era condividere con un ampio gruppo: - Finalita dell intervento - Articolazione del percorso - Impegni Risultato prodotto: condivisione del percorso e delle tappe del percorso, ovvero degli impegni reciproci e del calendario degli incontri Output: SL presentazione del percorso 18 luglio 2007 (in allegato 1) Preparazione materiali didattici 1 workshop e schede di supporto per interviste incrociate Output: Scheda interviste incrociate Ricostruzione del percorso di vita e professionale e figure di riferimento (in allegato 2); Scheda interviste incrociate Superare l ostacolo 1 workshop 26 settembre 2007 (in allegato 3). 1. maestri di vita (1 workshop - mattino) Oggetto di lavoro: Ricostruzione della biografia personale/professionale attraverso le relazioni significative che hanno orientato le scelte e sostenuto l apprendimento. Modalità di lavoro: presentazione in plenaria di approcci e riferimenti concettuali, formazione di coppie per interviste incrociate ed analisi dei casi individuali, con la supervisione delle consulenti. Risultato prodotto: sono state individuate figure significative che hanno avuto una influenza positiva sul percorso di crescita personale e le caratteristiche distintive in termini di comportamenti e insegnamenti trasmessi. 11

12 2. superare l ostacolo (1 workshop - pomeriggio) Oggetto di lavoro: Selezione di momenti significativi di difficoltà/ostacoli incontrati sul piano professionale e messa a fuoco delle modalità e delle risorse individuali attivate per superarli. Modalità di lavoro: presentazione in plenaria di approcci e riferimenti concettuali, formazione di coppie per interviste incrociate ed analisi dei casi individuali, con la supervisione delle consulenti. Risultato prodotto: sono state individuate le risorse/competenze messe in campo per affrontare e risolvere situazioni critiche /momenti problematici lungo il percorso di vita professionale Sintesi schede interviste ed elaborazione delle competenze trasversali Output: Prima release competenze trasversali (in allegato 4) Preparazione materiali didattici 2 workshop e schede di supporto per aree di attività manageriali Output: SL presentazione modello competenze manageriali Da donna a donna 2 workshop 17 ottobre 2007 (in allegato 5); Schede di supporto alla individuazione delle competenze manageriali per macro area di attività (in allegato 6). 3. da donna a donna (2 workshop mattina e pomeriggio) Oggetto di lavoro: Individuazione e condivisione delle competenze che servono per accompagnare altre donne nel percorso di crescita e sviluppo professionale e imprenditoriale Modalità di lavoro: presentazione in plenaria di approcci e riferimenti concettuali, divisione in 3 sottogruppi per analisi ed elaborazione dei profili, con la supervisione delle consulenti. Risultato prodotto: definizione del profilo di competenze manageriali finalizzate alla consulenza 12

13 Elaborazione: dalle schede di lavoro per aree di attività alle competenze manageriali Predisposizione schede autovalutazione competenze Output: Scheda profilo competenze manageriali utilizzata per autovalutazione individuale novembre 2007 (in allegato 7) 4. donne allo specchio Oggetto di lavoro: Autovalutazione delle competenze in relazione al profilo manageriale definito nella fase precedente Modalità di lavoro: nella fase di autovalutazione delle competenze, insieme agli strumenti, la consulenza ha fornito assistenza personalizzata alle partecipanti presso le rispettive strutture territoriali di riferimento. Durante gli incontri individuali le consulenti hanno presentato finalità e struttura dello strumento e descritto le singole conoscenze e capacità indicate nelle schede, per facilitarne la comprensione e la verifica. Successivamente le partecipanti hanno proceduto a: - verificare l appropriatezza delle competenze rispetto ad un profilo ideale condiviso, - integrare/correggere la definizione delle competenze ed eventualmente e- liminare e/o aggiungere max 3 competenze - autovalutare le proprie competenze, ovvero apprezzare la prossimità o la distanza dal profilo condiviso di dirigente di struttura cooperativa - analizzare i punti di forza e le criticità: in presenza di un livello medio/basso di competenza si è proposto di specificare quali conoscenze e capacità dovrebbero essere acquisite o rinforzate, mentre in presenza di un livello alto si è proposto di specificare come la competenza può essere trasmessa ad altre colleghe/collaboratrici/socie. Risultato prodotto: il primo risultato è dato dalla validazione del portafoglio di competenze. Inoltre ciascuna partecipante ha avuto la possibilità di verificare quanto le proprie competenze si avvicinano al profilo atteso e su quali aspetti è necessario lavorare per migliorare. In generale le valutazioni sono state positive. È stata quindi delineata la mappa delle competenze distintive di gruppo e la mappa dei bisogni. 13

14 Tabulazione e sintesi dei risultati di gruppo Output: Sintesi autovalutazione il portafoglio delle competenze (in allegato 9) Preparazione materiali didattici 3 workshop Output: SL presentazione Leadership femminile 3 workshop 30 novembre 2007 (in allegato 8) 5. leadership al femminile (Workshop conclusivo in plenaria mattina e pomeriggio) Oggetto di lavoro: Restituzione dei risultati di gruppo in termini di: profilo atteso, portafoglio delle competenze, fabbisogni ed esigenze emerse. Modalità di lavoro: presentazione e analisi in plenaria dei risultati di gruppo, presentazione di alcuni riferimenti sui temi della leadership e delle competenze relazionali e comunicative, riflessione in piccolo gruppo con la supervisione delle consulenti. Risultato prodotto: un modello condiviso di leadership al femminile nella cooperazione e relative piste di lavoro per sostenerlo. Report finale su risultati prodotti (vedi 1^ parte e allegati) e trasferibilità dell esperienza (vedi 2^ parte). 14

15 2^ PARTE - LUCI E OMBRE DEL PERCORSO Risultati prodotti per le partecipanti: il progetto professionale Destinatarie potenziali ed effettive Erano destinatarie delle attività della fase 2 le 37 dirigenti che attualmente costituiscono la Commissione Regionale Dirigenti Cooperatrici. Hanno effettivamente partecipato all intero percorso circa un terzo delle destinatarie. L esigenza di facilitare la partecipazione di tutte le componenti della Commissione ha imposto di ottimizzare e in alcuni casi di comprimere i tempi dedicati agli incontri in plenaria. Questo aspetto è stato oggetto di alcuni incontri e verifiche con la Presidenza della Commissione Regionale per arrivare ad una soluzione condivisa. Ciò nonostante il livello di partecipazione effettiva è stato modesto rispetto alle attese ed ha influenzato non tanto i risultati prodotti in termini di output quanto, evidentemente, il processo di apprendimento, di condivisione e di crescita/maturazione del gruppo. Una delle criticità rilevate a più riprese dalle partecipanti è stata infatti la scarsa partecipazione e quindi il venir meno dell obiettivo di rafforzamento e coesione del gruppo. La percezione delle partecipanti è stata, anche, quella di una bella occasione che è andata, in parte, sprecata. Al netto di questo inconveniente, dovuto certamente alla concomitanza di numerosi impegni e adempimenti delle componenti la Commissione Regionale, gli elementi di valutazione positiva dell esperienza si possono così riassumere: - definizione del progetto professionale - soddisfazione delle aspettative/esigenze iniziali delle partecipanti. Definizione del progetto professionale Il percorso ha consentito alle partecipanti di conoscersi e riconoscersi nel gruppo. Attraverso le analisi, le riflessioni, le elaborazioni fatte, esse hanno potuto condividere un profilo di competenze manageriali coerente con il loro essere donne ed appartenere al sistema cooperativo di impresa, confrontarsi con esso e trovare conferma delle proprie capacità e di essere parte di un gruppo vitale e molto ricco sul piano dell esperienza umana e professionale con un elevato livello di competenze. Si inserisce in questo contesto, certamente positivo, l individuazione di ulteriori aree di miglioramento delle proprie conoscenze e capacità che ciascuna ha fatto durante le sessioni di autovalutazione. Il tema ricorrente del progetto professionale di sviluppo manageriale è risultato quello della leadership, tema strettamente connesso alle abilità comunicative, che si esplicano nei diversi ambiti di attività/responsabilità manageriale. Il tema della leadership, oggetto dell ultimo workshop, assume una rilevanza specifica per il management femminile ed una caratterizzazione specifica nel contesto cooperativo. 15

16 I progetti professionali messi a punto dalle partecipanti, lungi dal definire un modello di leadership femminile ma con l attenzione a trovare e vedere riconosciuto un proprio stile ( non scimmiottare gli uomini, non fare il copia incolla ), hanno trovato una certa convergenza su alcuni elementi che si riportano brevemente: l affermazione del femminile come valore, non per trovare un modello i- deale di leadership ma per affermare uno stile femminile di esercizio della leadership, che non si contrappone a quello maschile ma ad esso si integra; nella cooperazione è diffuso/apprezzato uno stile di leadership condivisa, più vicina allo stile femminile di gestione; nonostante l esperienza e l elevata competenza il gruppo dirigente femminile fatica a riconoscere il proprio valore. Anche per quanto riguarda le abilità comunicative, fondamentali per comunicare all interno dell organizzazione, per assegnare obiettivi, esprimere valutazioni etc. ma anche per negoziare, sviluppare consenso, fare marketing, si registrano differenze sostanziali tra uomini e donne per valore attribuito alla comunicazione e per modelli e stili comunicativi utilizzati. Le donne conoscono bene il valore e il ruolo della comunicazione ma la utilizzano più a supporto dei propri progetti e meno per sostenere la propria leadership e quella dell azienda che rappresentano, spesso optando per uno stile di comunicazione low-profile: auto-censura e limitazione a livello personale. Soddisfazione delle aspettative/esigenze iniziali delle partecipanti Le aspettative iniziali delle partecipanti erano sostanzialmente legate a due aspetti: 1. bisogno di maggior consapevolezza del proprio valore: avere più fiducia in sè, prendere sicurezza rispetto a quello che si è, veder letto da altri il lavoro fatto dopo un lungo percorso di crescita sul campo; 2. esigenza di verificare le proprie competenze: più ordine nel curriculum dopo un percorso (ritenuto) molto vario, trovare stimoli nuovi per crescere, capire quali strumenti utilizzare. Queste aspettative hanno trovato una risposta soddisfacente nelle modalità e negli strumenti utilizzati per arrivare al risultato. La consapevolezza del proprio valore ha trovato una conferma e un rinforzo nelle occasioni di confronto create nel contesto degli workshop oltre che nello strumento e nelle modalità di apprezzamento delle proprie competenze. La verifica delle competenze inoltre è stata possibile grazie al lavoro di cocostruzione dello stesso strumento di valutazione, che ha evidentemente stimolato la partecipazione e la disponibilità a mettersi in gioco. 16

17 Risultati prodotti per il sistema: il portafoglio delle competenze Oltre ai risultati immediati prodotti per le singole partecipanti al percorso, alcuni risultati più generali sono stati realizzati a vantaggio del sistema cooperativo e delle donne che attualmente ricoprono posizioni di responsabilità o che si apprestano a farlo. Da questo punto di vista gli elementi di valutazione positiva dell esperienza si individuano in: validazione del metodo di lavoro elaborazione, rappresentazione, condivisione del portafoglio delle competenze manageriali Validazione del metodo di lavoro Il metodo utilizzato ha messo al centro del percorso di apprendimento/sviluppo le persone con il loro specifico bagaglio di esperienza, secondo un approccio biografico. I primi workshop sono stati incentrati su semplici canovacci a supporto della ricostruzione delle tappe significative della propria vita, della riscoperta delle figure di riferimento, del riconoscimento in queste figure delle caratteristiche positive, utili nel processo di crescita e apprendimento. Queste prime tappe sono state fondamentali per valorizzare l esperienza delle partecipanti e per la condivisione della stessa e, successivamente, per riconoscere e valorizzare i saperi e le capacità acquisite nel tempo, anche in contesti non formali, ed applicati all ambito professionale. L altro elemento di valore del metodo di lavoro è dato dal gruppo, pur con i limiti di partecipazione già detti. Le donne hanno una certa dimestichezza, e forse anche un esigenza, con le situazioni di collettivo, contesti dedicati al confronto e all elaborazione di gruppo, anche a partire dal proprio vissuto privato. Questa attitudine può essere utilizzata con successo anche nel contesto professionale quando, com era in questo caso, si tratta di svelare e valutare non tanto le competenze tecniche, quanto le abilità relazionali e comunicative che sono fortemente influenzate dal genere, spesso acquisite e affinate in contesti non formali e tuttavia centrali tra le capacità manageriali di gestire/guidare/far crescere i propri collaboratori. Questo metodo, oltre alla rilevazione delle competenze e delle risorse che il gruppo dirigente femminile può mettere a disposizione di altre future manager e imprenditrici del sistema, ha prodotto: rafforzamento e coesione del gruppo facilitazione nello scambio di pratiche ed esperienze. 17

18 Elaborazione, rappresentazione, condivisione del portafoglio delle competenze manageriali Tra i risultati prodotti dalla fase 2 del progetto Up Grade per l intero sistema c è il portafoglio delle competenze che caratterizza la funzione manageriale e consulenziale all interno del sistema cooperativo. Il portafoglio delle competenze ha rappresentato come si è detto lo strumento per mappare le competenze presenti nel gruppo delle donne dirigenti e mettere a fuoco le esigenze del gruppo dirigente per il proprio ed altrui sviluppo professionale, anche in funzione dell attività di consulenza. Al tempo stesso rappresenta un biglietto da visita di come il gruppo delle donne dirigenti cooperative si propone all interno e all esterno del sistema cooperativo. Per il dettaglio del portafoglio delle competenze si rinvia ai materiali in allegato. 18

19 Progetto UP GRADE - fase 2 - Riferimenti Bibliografici Riferimenti bibliografici sui temi della Leadership femminile e delle competenze manageriali - AJELLO A.M. (2002), Apprendimento e competenza: un nodo attuale, in Scuola e città, n.1, pp AJELLO, A.M., MEGHNAGI S. (a cura di), 1998, La competenza professionale, Franco Angeli, Milano. - Bortolucci, R., Mantini Satta, M., La cultura e le prassi organizzative nella COOPCENTROITALIA analizzate secondo l'ottica di genere, Bortolucci, R. Mantini Satta, M., Le pari opportunità e la responsabilità sociale delle imprese, Bortolucci, R. Mantini Satta, M., Ricerca "Free To Work", Bortolucci, R. Mantini Satta, M., Premio EL - Equaliy Logo Vademecum, Bortolucci, R. Mantini Satta, M. et al., Risorsa Donna: studio di fattibilità di modelli e processi innovativi per la valorizzazione del lavoro femminile nelle Assicurazioni, Bortolucci, R. Mantini Satta, M. Servidori, A., Creazione di strumenti, modelli, azioni, per facilitare lo sviluppo di carriera e l'accesso ai livelli di responsabilità delle donne, rafforzando anche gli aspetti della conciliazione, all'interno della Regione Emilia-Romagna, Bortolucci, R. Randini, P. Servidori, A. La Valorizzazione delle Risorse Umane nelle Cooperative Sociali - Progetto V.A.L.E., Bortolucci, R. Randini, P. et al., Fare ed essere imprenditrice sociale, Cambi, F. (2004), Saperi e competenze, Laterza, Bari-Roma. - Capaldo, G., Iandoli, L., Montobbio, P., (a cura di), Piccole imprese e competenze, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, Catemario, M. G., Conti, P., (a cura di) Donne e leadership, Per lo sviluppo di una cultura organizzativa delle amministrazioni pubbliche in ottica di genere, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della funzione pubblica, Cantieri PA, Rubbettino, Catemario, M.G., (a cura di) Sperimentare in ottica di genere, Le amministrazioni pubbliche verso una cultura che valorizza le differenze, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della funzione pubblica, Cantieri PA, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, Celli, P.L., Narrare la leadership, Luiss University Press, Cerri, L., Mariotti, O., Santori, S, Leader al femminile, FrancoAngeli, Milano, CTM-Probest-RSO-Tangram (a cura di), UN MODELLO PER LA GESTIONE E LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE MANAGERIALI, report finale Progetto FSE Un sistema semplice, integrato, innovativo per la gestione delle competenze e lo sviluppo delle persone nelle PMI dell Alto Adige, dicembre D'Antona,R., Comunicazione a supporto della leadership femminile e Ruolo dei media, Il Sole24ore, Milano Dreyfush, L., DREYFUS S.E. (1986), Mind over Machine, The Free Press, 19

20 New York. - Fertonani, M., Le competenze manageriali. Dalla valutazione della prestazione e del potenziale alla valutazione delle competenze manageriali, Franco Angeli, Gemelli, L., Mazza, S., Ronda, L., Zinti, R., Effetto DOMINO, Donne che si migliorano nelle organizzazioni, Galli et Calzati editori, San Giovanni in Persiceto, Goleman, D., Intelligenza emotiva, Rizzoli, Goleman, D., Lavorare con Intelligenza Emotiva, Rizzoli, Guida "Il bilancio di competenze in una prospettiva di genere: strumenti, metodologia e risultati delle sperimentazioni" in Progetto Pari opportunità e servizi per l'impiego Azioni di sistema e assistenza tecnica PON obbiettivo 1, misura II.1.A - Levati, W., Saraò, M. V., Il modello delle competenze. Un contributo originale per la definizione di un nuovo approccio all'individuo e all'organizzazione nella gestione e nello sviluppo delle risorse umane, FrancoAngeli, edizione Meghnagi, S., Il sapere professionale, Competenze, diritti, democrazia, Feltrinelli, Pellerey, M. (2000), Il portafoglio formativo progressivo come nuovo strumento di valutazione delle competenze, in Professionalità, 57, pp Quaglino G.P., Tesio V., Testa G. (a cura di) LEADERSHIP IN CAMMINO: IL CASO FIAT, Guerini e Associati, Milano, 2002, - Quaglino, G. P. Counselling per la Leadership, FOR, I999, 38, Quaglino, G. P. La valutazione dei risultati (con G.P. Carrozzi), Materiali ISVOR, 1998, 7. - Quaglino, G. P. Le vie della formazione alla leadership, (con C. Piccardo), FOR, 2000, 42, Quaglino, G. P. Ripensare la Leadership, Sviluppo & Organizzazione, 1998, 169, Quaglino, G. P. (a cura di), Leadership, Raffaello Cortina Editore, Quaglino, G. P., La Leadership (con M. Mander), in G. Costa, R. Nacamulli (a cura di) MANUALE DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE, vol.3, 1997, UTET, Torino, Quaglino, G. P. Il cammino della leadership, (con C. Ghislieri), Materiali ISVOR, 15, marzo Quaglino, G. P. Il tempo della leadership, (con C. Ghislieri), Sviluppo & Organizzazione, 2000, 182, Quaglino, G. P. La motivazione uno se la può dare, Next, 1999, 7, Quaglino, G. P. La motivazione, Materiali ISVOR, 1998, 8. - Quaglino, G. P. Leadership e cambiamento, For, 46, 28-33, gennaiomarzo, Quaglino, G. P. FORMAZIONE E LEADERSHIP, (a cura di), FOR, 2000, Quaglino, G. P., Risorsa femminile e nuova organizzazione, Fabrica, 1995, II, 1, Randini P. et al., Un'impresa, mille volti. Vademecum per gestire la diversità e promuovere le pari opportunità in azienda,

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo)

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Si intende per progetto l insieme di un numero, generalmente elevato, di attività che, pur connotate da diverse natura e da specifiche finalità, concorrono

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

PerformanSe e Bilancio di competenze : Riflessioni su alcun prime sperimentazioni condotte dal CReS BdC 1

PerformanSe e Bilancio di competenze : Riflessioni su alcun prime sperimentazioni condotte dal CReS BdC 1 PerformanSe e Bilancio di competenze : Riflessioni su alcun prime sperimentazioni condotte dal CReS BdC 1 di Adele L Imperio, Paolo Serreri 1. Premesse teoriche L obiettivo di queste pagine è duplice:

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli