CONSIDERAZIONI FINALI SUI DATI EMERSI DALLA RICERCA E IMPLICAZIONI PER LA FORMAZIONE NEL SETTORE EDILE (capitolo 7)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIDERAZIONI FINALI SUI DATI EMERSI DALLA RICERCA E IMPLICAZIONI PER LA FORMAZIONE NEL SETTORE EDILE (capitolo 7)"

Transcript

1 CONSIDERAZIONI FINALI SUI DATI EMERSI DALLA RICERCA E IMPLICAZIONI PER LA FORMAZIONE NEL SETTORE EDILE (capitolo 7) Considerazioni finali sui risultati emersi dalla ricerca e implicazioni per la formazione nel settore edile. Ponendo come focus la comprensione delle dinamiche alla base dei comportamenti di sicurezza che si realizzano all interno dei cantieri, l indagine presentata aveva lo scopo di trarre indicazioni utili a migliorare la formazione sulla sicurezza dei soggetti che operano nel comparto edile, intendendo la formazione come una delle azioni critiche per attuare un efficace politica di prevenzione in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. La prospettiva utilizzata è stata di tipo psicosociale, incentrandosi su aspetti di tipo prevalentemente relazionale. Tali aspetti si possono ritrovare in tutti gli ambienti di lavoro e hanno un impatto significativo sulle performance di sicurezza; primo fra tutti l aspetto relativo al clima di sicurezza ovvero come si pone l organizzazione nei confronti dei temi della sicurezza nelle percezioni condivise dei suoi membri che può essere considerato come il risultato delle scelte gestionali e delle politiche organizzative che vogliono incidere sul comportamento di sicurezza dei lavoratori e la relativa conformità alle normative vigenti. La raccolta dei dati di ricerca è stata realizzata con l ausilio di una metodologia integrata che combina dati di tipo qualitativo (raccolti attraverso la tecnica dei focus group) a dati di tipo quantitativo (raccolti attraverso i questionari). La scelta di queste due tecniche risponde a esigenze differenziate: cogliere da un lato la consapevolezza di tali aspetti e la posizione dei soggetti implicati nella realizzazione della sicurezza sul luogo di lavoro (scopo conoscitivo dei focus group) e dall altro comprendere le tendenze generali che tali aspetti assumono nella più ampia popolazione lavorativa con riferimento alla specifica realtà dei cantieri edili (scopo conoscitivo dei questionari). In questa sezione saranno presentate le evidenze che emergono in modo congiunto dai focus e dai questionari, relative ai temi identificati come centrali affinché la formazione sia efficace: leadership di sicurezza messa in atto all interno dei cantieri; comunicazione sulla sicurezza; coinvolgimento dei lavoratori sulle questioni riguardanti la sicurezza; Tali temi, infatti, risultano centrali in base alla letteratura scientifica di riferimento, in quanto antecedenti fondamentali per il clima di sicurezza, e aspetti fondanti la cultura di sicurezza nelle organizzazioni di lavoro. Si osserva inoltre che gli stessi temi sono al centro di iniziative rilevanti nell ambito della prevenzione come quella sviluppata dall Agenzia Europea per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro 8 e sono pertanto riconosciuti a livello istituzionale come punti importanti, anche in un ottica di formazione, su cui concentrare gli sforzi di miglioramento delle condizioni di sicurezza che caratterizzano i contesti lavorativi a rischio incidenti/infortuni. Nello specifico, si è partiti dalla constatazione che affinché le attività formative siano efficaci esse devono essere indirizzate verso lavoratori appartenenti ad un contesto lavorativo psicosociale nel quale viene riconosciuta importanza al tema sicurezza e nel quale i lavoratori sono adeguatamente motivati verso di essa. Ciò è reso esplicito nel modello di Christian et al. (2009) fondato su risultati empirici e sopra descritto. In esso si evidenzia che la conoscenza relativa alle pratiche e procedure di sicurezza, precursore dei comportamenti sicuri, è facilitata dalla motivazione alla sicurezza, che a sua volta è resa più probabile da contesti lavorativi caratterizzati da buon clima di sicurezza, coinvolgimento dei lavoratori e presenza di adeguata leadership da parte dei superiori. 8 1

2 In quest ottica, incentrandosi su due categorie professionali particolarmente rilevanti nella realtà dei cantieri edili (lavoratori e coordinatori per la sicurezza) i risultati dei focus group e dei questionari hanno contribuito a comprendere in che modo questi temi si declinano nel nostro contesto. Di seguito sono discussi per punti i principali risultati ottenuti, ponendo attenzione anche alle possibili cause alla base di alcune diverse valutazioni emerse in sede di focus group e di questionari. Nell ultima sezione, poi, saranno descritte le ricadute applicative che i risultati hanno per le attività di formazione. 7.1 LEADERSHIP I risultati emersi dalla ricerca sono talvolta discordanti tra loro rispetto al tema della leadership e alla sua quantificazione nel settore edile. È possibile, infatti, notare che i risultati dei questionari indicano una situazione tendenzialmente positiva, mostrando che i lavoratori riconoscono un buon livello di leadership attiva e uno scarso livello di leadership passiva nei loro superiori. Ciò sembra indicare che i comportamenti attivi sono più diffusi e frequenti di quelli passivi nella percezione dei lavoratori intervistati. In particolare, i lavoratori sottolineano il fatto che i superiori esprimono soddisfazione nei confronti dei comportamenti sicuri e si mostrano determinati a mantenere sicuro l ambiente di lavoro. Questo dato è positivo in quanto la gestione dei collaboratori sui temi della sicurezza si caratterizza in modo prevalente per uno stile proattivo e orientato alla relazione con i lavoratori. Al contrario, gli operai edili intervistati nel contesto di focus group sostengono di non avere dei forti modelli di leadership di sicurezza tra i loro superiori. In particolare, portano l esempio di alcuni datori di lavoro che non rendono sufficientemente chiari e definiti gli obiettivi di sicurezza né sembrano assumersi il ruolo fondamentale e influente che dovrebbero avere nella promozione della salute e sicurezza lavorativa. Il campione di lavoratori e di coordinatori intervistati, a questo proposito, precisa che i datori di lavoro, invece di responsabilizzare i propri dipendenti, incoraggiarli ad attuare le attività seguendo le norme e le procedure di sicurezza e di comunicazione, con loro, attraverso feedback costruttivi, specifici e puntuali, tendono spesso a tralasciare la priorità che la sicurezza, invece, dovrebbe avere riconosciuta. Ciò si manifesta con la creazione di pressioni eccessive che rendono il fare sicurezza inconciliabile con l esecuzione dei lavori, con la mancata assunzione di una responsabilità diretta rispetto al coinvolgimento dei lavoratori e alla comunicazione efficace riguardo alla sicurezza e, più in generale, delegando il tema ai momenti di formazione in aula. I datori di lavoro, quindi, sono percepiti come figure scarsamente interessate alle tematiche di salute e sicurezza in cantiere tanto da non sembrar mostrare l attenzione necessaria verso questo problema. In questo modo ne è trascurata la priorità a favore di un atteggiamento di sottovalutazione e noncuranza nei sottoposti, che a loro volta saranno meno motivati ad attuare comportamenti sicuri nei processi lavorativi. Anche i coordinatori - secondo l opinione dei lavoratori che hanno risposto alle nostre domande in fase di focus group - non riescono ad attuare una leadership efficace a causa della loro scarsa presenza in cantiere. Ciò nonostante i coordinatori mostrano pareri contrari esprimendo con propositività il proprio desiderio (e le difficoltà dovute alle dinamiche che si instaurano tra le varie figure professionali) di partecipare più attivamente anche nella relazione con gli operai, in maniera tale da coinvolgerli maggiormente nelle questioni legate alla sicurezza e nelle prese di decisione riguardanti l attuazione di comportamenti sicuri durante le attività lavorative. Si può quindi osservare una certa discrepanza tra i risultati emersi con i due differenti strumenti (focus group e questionari). Nonostante nel corso dei focus group i partecipanti abbiano evidenziato le scarse capacità di leadership delle figure professionali che hanno la responsabilità di gestire i lavoratori anche per quanto riguarda il tema della sicurezza, dai risultati dei questionari somministrati ai lavoratori emerge che i loro superiori mettono in atto uno stile attivo di leadership che si caratterizza per l orientamento alla relazione e al coinvolgimento della persona. 2

3 Da un punto di vista della relazione tra le variabili, invece, i risultati ottenuti attraverso questionario confermano quanto emerso nei focus group. Lo stile di leadership di tipo passivo, infatti, risulta essere associato ad esiti negativi, in termini di peggiore clima di sicurezza e minore motivazione alla sicurezza. Inoltre, i risultati mostrano che questo stile di leadership si associa ad un ambiente lavorativo connotato da maggiore incompatibilità lavoro/sicurezza e da scarse prassi basilari dei sistemi di gestione della sicurezza. Al contrario, uno stile di leadership attivo/trasformazionale determina in modo positivo le variabili sopra richiamate, oltre ad essere associato positivamente alla prestazione sicura dei lavoratori (nelle sue due componenti). Da quanto emerso, quindi, si può affermare che lo stile di leadership emerge sia da un punto di vista qualitativo che quantitativo come fattore fondamentale nel determinare le caratteristiche dell ambiente di lavoro (compatibilità lavoro/sicurezza e pratiche di sicurezza) e gli esiti in termini di sicurezza. La conoscenza e messa in atto da parte dei superiori e datori di lavoro di uno stile di tipo trasformazionale comporta, in linea con la letteratura di riferimento, esiti molto positivi, al contrario dello stile di leadership di tipo passivo. Alcune incoerenze, invece, emergono rispetto alla quantificazione e al livello di presenza degli stili di leadership nei cantieri e nel settore edile. Sulle possibili spiegazioni di questi risultati contrastanti si tornerà più avanti. 7.2 COMUNICAZIONE Anche per quanto riguarda il tema della comunicazione sulla sicurezza emergono risultati contrastanti rispetto al loro livello e qualità all interno dei cantieri. I risultati dei questionari mostrano che la valutazione dei lavoratori sulla qualità della comunicazione è tendenzialmente positiva. In particolare, i lavoratori ritengono che il datore fornisca informazioni sulla sicurezza in modo chiaro, continuo e diffuso ai vari livelli organizzativi; inoltre, i datori tendono a prendere spunto dagli incidenti comunicando come migliorare le prestazioni di sicurezza. Le componenti comunicative meno valorizzate dal datore di lavoro, secondo i punteggi attribuiti dai lavoratori, risultano essere l ascolto e la messa in atto dei pareri dei lavoratori sulle questioni di sicurezza e lo svolgimento di attività specifiche tese alla promozione delle pratiche di lavoro sicure, anche se il giudizio globale dei lavoratori su tali componenti non evidenzia particolari criticità. Da tali dati la comunicazione del datore di lavoro appare efficace soprattutto da un punto di vista informativo, pur svolgendosi prevalentemente secondo una direttiva unilaterale: i pareri dei lavoratori non sembrano, infatti, trovare particolare accoglimento nello scambio comunicativo. Questo importante dato trova conferma anche nei resoconti dei lavoratori incontrati in sede di focus group. A questo proposito, gli operai edili intervistati riferiscono di percepire le comunicazioni di tipo bottom-up (ovvero dal basso verso l alto) come tentativi continui da parte loro, ma inutili. Infatti, i pareri e suggerimenti da loro proposti al fine di prevenire il verificarsi di infortuni e incidenti spesso rimangono inascoltati. I lavoratori aggiungono che, nonostante le difficoltà relazionali che possono sorgere, le principali comunicazioni che avvengono in cantiere sono quelle tra colleghi operai al fine di pianificare e programmare il lavoro, discutendo gli obiettivi, organizzando le attività, suddividendosi i compiti e discutendo preventivamente le attrezzature da preparare anche in ottica di promozione della salute e della sicurezza. I dati ricavati dai focus group mostrano qualità delle comunicazioni molto più negative rispetto ai dati emersi dai questionari. Le persone intervistate ritengono che in cantiere sia presente una scarsa collaborazione fra le figure che vi operano e che le comunicazioni sulla sicurezza sono spesso deboli e inefficaci. In particolare, il gruppo di lavoratori riporta che i datori di lavoro non comunicano in maniera chiara e definita le aspettative che l impresa edile ha per quanto riguarda la sicurezza né aiutano i lavoratori a comprendere efficacemente la direzione, l intenzione, gli obiettivi di sicurezza né la priorità che la sicurezza dovrebbe avere. Anche per quanto riguarda il ruolo dei coordinatori emergono delle criticità: i coordinatori intervistati evidenziano delle difficoltà comunicative rilevanti con i committenti, con i tecnici della progettazione edile e con le maestranze. 3

4 Quest ultima informazione trova consenso anche da parte dei lavoratori, i quali sostengono di percepire delle difficoltà nell instaurare delle relazioni funzionali con i coordinatori e nel comunicare efficacemente con loro, attribuendo questa situazione alla presenza marginale di questi ultimi in cantiere e al loro ruolo prevalentemente burocratico dei coordinatori. Da un punto di vista di relazione tra le variabili, infine, i dati ricavati dal questionario mostrano che una comunicazione efficace è associata positivamente non solo con la leadership trasformazionale e attiva dei supervisori, ma anche con l attuazione dei comportamenti di sicurezza, le pratiche di sicurezza, la compatibilità lavoro/sicurezza e con un clima di sicurezza positivo. 7.3 COINVOLGIMENTO DEI LAVORATORI I lavoratori, secondo quanto risulta dai questionari, si considerano molto motivati al tema della sicurezza e a mettere in pratica le adeguate procedure al fine di ridurre i rischi e i pericoli che possono avvenire sul lavoro. La motivazione, cioè il valore di priorità che è attribuito alla sicurezza durante lo svolgimento dei compiti lavorativi, stimola la partecipazione dei lavoratori alla sicurezza. Quest ultimo fattore, facente parte delle performance di sicurezza, risulta anch esso piuttosto positivo in base ai giudizi espressi dai lavoratori. Nel contesto del focus group con gli operai è emerso che in cantiere sono scarsamente attuate, da parte dei datori di lavoro o del management, delle azioni volte alla partecipazione e coinvolgimento dei lavoratori, al miglioramento della motivazione alla sicurezza e alla messa in atto di comportamenti sicuri. È stato sottolineato sia in sede di focus group che nei questionari la scarsità di pratiche di sicurezza (tra cui riunioni o incontri organizzati e sistematici in cantiere volti alla discussione delle tematiche di sicurezza) che promuovano e sviluppino il coinvolgimento e la partecipazione dei lavoratori riguardo ai temi della salute e sicurezza lavorative. Inoltre, i coordinatori e i lavoratori intervistati sembrano concordare nel ritenere che la figura del coordinatore dovrebbe assumere un ruolo primario per il coinvolgimento e la motivazione degli operai (e di tutte le figure operanti in cantiere) al fine di un effettivo miglioramento della sicurezza in cantiere attraverso l attuazione di pratiche, prevalentemente comunicative, per coinvolgere e sensibilizzare tutte le figure competenti: committenti, datori di lavoro, operai e organi ispettivi. Dai questionari relativi ai coordinatori emerge, poi, che la tattica di influenza tramite appelli motivazionali è associata positivamente a quanto il coordinatore considera i lavoratori motivati alla sicurezza e impegnati in termini di partecipazione su di essa. Questo dato sembra indicare che i coordinatori, utilizzando tale tattica di influenza, possono incidere positivamente sui lavoratori e sulla loro motivazione e partecipazione. Al termine di questa sezione pare necessario discutere i motivi che possono aver portano a diverse quantificazioni delle variabili oggetto di indagine nel contesto dei focus group e del questionario. Infatti, le valutazioni contenute nei questionari dei lavoratori sono generalmente più positive rispetto a quelle registrate in sede di focus group; ciò è vero se si considera in particolare il tema della comunicazione relativa alla sicurezza, lo stile di leadership adottato in cantiere e, soprattutto, il livello di incompatibilità tra lavoro e sicurezza nel cantiere. La differenza tra punteggi emersi dal questionario e dai focus group può essere spiegata in parte con l azione del meccanismo soggettivo di desiderabilità sociale in base al quale i rispondenti tendono a fornire risposte in linea con ciò che ritengono socialmente desiderabile e, di conseguenza, a censurare valutazioni che possano essere problematiche dal punto di vista dell accettazione sociale. In secondo luogo, va considerata la natura della tecnica del focus group e le caratteristiche del campione selezionato. Rispetto al primo punto si osserva che la discussione in gruppo è stimolata da quesiti aperti che favoriscono un analisi individuale più approfondita delle tematiche e che tiene conto anche del punto di vista espresso da altri interlocutori. In questo senso si può ritenere che il contesto del focus group abbia favorito un analisi più approfondita delle dinamiche presenti in cantiere, facendo emergere considerazioni e punti di vista che si sono discostati da valutazioni di facciata o socialmente desiderabili. Rispetto al secondo punto va detto che i partecipanti al focus group hanno aderito 4

5 volontariamente e per tale motivo si presuppone una loro maggiore motivazione a trattare i temi oggetto dell indagine. Inoltre, questi partecipanti mostrano un anzianità lavorativa, e quindi un esperienza all interno dei cantieri e competenza, sulle tematiche riguardanti la sicurezza, superiore alla media riscontrata nei rispondenti al questionario. Un ulteriore ipotesi esplicativa richiama la possibilità di una scarsa considerazione da parte dei lavoratori degli aspetti che nel questionario sono stati indagati. Per spiegare meglio questa ipotesi può essere tracciato un parallelo con il concetto di percezione del rischio: tra le cause preminenti di una realistica percezione dei rischi vi è la conoscenza dei pericoli e la consapevolezza dei loro esiti o danni potenziali. Questa correlazione fa sì che la scarsa consapevolezza dei rischi conduca a una sottostima degli stessi e quindi ad una valutazione maggiormente positiva delle condizioni di sicurezza. In modo simile si può pensare che la scarsa consapevolezza degli aspetti gestionali e relazionali legati al tema sicurezza porti i lavoratori ad un analisi superficiale di tali processi e, in ultima istanza, a una stima eccessivamente positiva dell ambiente psicosociale collegato alle dinamiche di sicurezza. Ciò è coerente con la scarsa cultura della sicurezza che ancora oggi caratterizza il contesto del lavoro, sia in ambito nazionale che internazionale, e che ha dato luogo alle linee guida e proposte di intervento che sono state descritte precedentemente. 7.4 DAI RISULTATI DELLA RICERCA ALLE IMPLICAZIONI PER GLI INTERVENTI E LA FORMAZIONE I risultati ottenuti permettono di delineare una serie di interventi attuabili in termini di formazione. Allo stesso tempo, però, la ricerca ha messo in luce problematiche relative al sistema edile che sembrano rappresentare fattori di ordine superiore e in grado di incidere negativamente sulla possibilità di fare sicurezza nei cantieri (anche in termini di formazione). In questo senso, gli interventi che paiono più urgenti si collocano ad un livello strutturale e gestionale del sistema edile nel suo complesso e sembrano caratterizzarsi come condizioni di efficacia degli interventi di ordine sottostante (compresa la formazione). Per chiarire questo punto è possibile richiamare, a livello esemplificativo, quanto riportato da un lavoratore in un focus group. Il lavoratore afferma che la formazione, per esempio relativa al montaggio dei ponteggi, è molto utile e ben fatta, ma è spesso inapplicabile nella realtà del cantiere. Utilizzando le parole del lavoratore, se per fare quella lavorazione secondo le norme servono due giorni e il capo mi chiede di farla in mezza giornata, come faccio? Devo farla così velocemente, o rischio che mi lasci a casa. Le più rilevanti problematiche e criticità di tipo strutturale e gestionale del settore edile che la ricerca ha messo in evidenza sono: i costi attribuiti alla corretta attuazione delle procedure di sicurezza in cantiere; i costi della manodopera qualificata e, conseguentemente, il ripiego verso altre risorse; la grande competitività che esiste tra le ditte edili; la grande competitività che esiste tra gli operai edili; le tempistiche ristrette per l esecuzione delle opere edili per risparmiare sui costi di produzione e di manodopera. Soprattutto i coordinatori per la sicurezza hanno posto in evidenza come si trovino spesso nella situazione di non poter fare vera e propria prevenzione, ma piuttosto ad agire in termini correttivi. Ciò a causa della scarsa responsabilità verso la sicurezza che attribuiscono ai committenti e ai progettisti, per i quali suggeriscono normative più stringenti relative alla sicurezza sul lavoro e la necessità di coinvolgerli maggiormente in corsi di formazione sulla sicurezza. In particolare, i coordinatori lamentano una difficoltà comunicativa con i committenti in quanto questi non sarebbero particolarmente coinvolti verso la sicurezza (non la considerano tra le priorità), né consapevoli delle responsabilità che hanno verso di essa. Anche con riferimento ai progettisti i coordinatori riportano problemi di comunicazione e il fatto che essi non tengono particolarmente in 5

6 considerazione la questione della sicurezza, andando quindi ad aumentare esponenzialmente i costi nelle fasi successive della lavorazione. I lavoratori, a loro volta, evidenziano criticità nel cantiere che rendono difficile il poter trattare la sicurezza come una delle priorità. In particolare, lamentano ritmi di lavorazione serrati e inconciliabili con le necessità della sicurezza, a loro dire derivanti dall alta competizione esistente sia tra i datori di lavoro per ottenere gli appalti, sia tra i lavoratori per poter mantenere il posto di lavoro. Questi ed altri punti sembrano estremamente importanti da discutere ed affrontare in quanto strutturali e potenzialmente causa dell incompatibilità percepita tra la produttività e il fare sicurezza. Queste tematiche meritano una grande accoglienza da parte degli organi istituzionali legislativi e di vigilanza in quanto punti cruciali e fondamentali al fine di creare un sistema che permetta di parlare di cultura e di clima di sicurezza e di migliorare le condizioni lavorative del comparto edile. A tal proposito servirebbero delle risoluzioni di ordine normativo e legislativo che tengano in considerazione le criticità reali e quotidiane dei cantieri italiani, anche rispetto al momento storico di crisi socio-economica che le imprese e i cittadini stanno attraversando. Ciò nonostante, i risultati della ricerca indicano che è possibile agire in maniera efficace a livello di clima di sicurezza attraverso una pianificazione e programmazione adeguata dei corsi formativi che non considerino solamente le tematiche tecniche e specialistiche utili alle attività edili, ma tengano conto anche dei differenti ruoli professionali che operano all interno dei cantieri e delle dinamiche relazionali che si instaurano in queste complesse organizzazioni. In particolare, come precedentemente sviluppato dall HSE nel Leadership and worker involvement toolkit (2011) e dall European Agency for Safety and Health at Work nella campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri Lavoriamo insieme per la prevenzione dei rischi attraverso la leadership e la partecipazione dei lavoratori, risulta estremamente importante attuare delle politiche e degli interventi mirati allo sviluppo nelle figure di management (preposti, datori di lavoro, coordinatori, ecc.) delle competenze di leadership efficaci. La leadership di sicurezza è un aspetto determinante per ottenere risultati positivi in materia di salute e sicurezza sul luogo di lavoro. Il concetto riguarda la capacità, da parte delle figure dirigenziali, di offrire una guida strategica nella gestione della sicurezza e della salute e di motivare il personale al fine di coinvolgerlo attivamente nella ricerca di un buon livello di sicurezza e salute sul lavoro. Vi è dunque una differenza sostanziale tra il concetto di leadership nel campo della sicurezza e della salute e quello di gestione della sicurezza e della salute. Il primo è un concetto strategico, il secondo operativo. Un crescente numero di ricerche evidenzia come lo stile dirigenziale sia in grado di influenzare e avere conseguenze sulla sicurezza, la salute e il benessere dei lavoratori. Nell indagine, in particolare attraverso il questionario rivolto ai lavoratori, si è voluto indagare uno stile di leadership efficace (lo stile definito trasformazionale/attivo ) in opposizione ad uno stile carente definito come passivo. La pratica della leadership trasformazionale è in grado di spingere e incoraggiare i lavoratori ad assumersi la responsabilità personale dei propri comportamenti lavorativi facendo leva sulla motivazione e fungendo da modello di ruolo credibile per i propri subalterni. Il secondo stile si connota per una forma di conduzione di tipo passivo o addirittura lassista, contraddistinta dall inazione, dall assenza del leader quando i subalterni ne hanno bisogno, dall incapacità di chiarire le aspettative e da una tendenza del leader a sottrarsi alle proprie responsabilità a livello decisionale. Seppure le indicazioni derivanti dai questionari indichino una maggiore diffusione dei comportamenti ascrivibili allo stile trasformazionale/attivo, le evidenze emerse in sede di focus group sottolineano la sporadicità e la mancanza di sistematicità di tale stile di gestione. Appare necessario dunque indicare come obiettivo di miglioramento della formazione in materia di sicurezza l approfondimento della tematica riguardante la leadership di sicurezza all indirizzo di tutti coloro che nel cantiere detengono delle responsabilità nella gestione dei lavoratori e delle condizioni di salute e sicurezza. Tale obiettivo può essere perseguito a partire da alcuni punti: 6

7 - conoscenza del tema della leadership, della sua rilevanza e delle possibili declinazioni pratiche; - consapevolezza delle conseguenze degli stili di gestione in termini di performance di sicurezza; - apprendimento o dotazione di tecniche volte alla valutazione/monitoraggio del proprio stile di leadership; - apprendimento o dotazione di tecniche in grado di sostenere l esercizio delle funzioni di leadership. L ultimo punto, relativo cioè alle tecniche in grado di sostenere l esercizio ottimale della leadership di sicurezza, richiama direttamente gli altri due temi, messi a fuoco nella discussione dei risultati di ricerca, riguardanti la comunicazione sulla sicurezza e il coinvolgimento dei lavoratori. Sebbene costituiscano aspetti fondamentali e caratterizzanti l organizzazione lavorativa nel suo complesso, la comunicazione efficace in tema di sicurezza e le prassi volte al coinvolgimento attivo dei lavoratori sulle tematiche di sicurezza possono essere considerati come strumenti che sostengono l esercizio della leadership di cui sopra. - la comunicazione risulta centrale nell esercizio della leadership di sicurezza e le capacità/competenze comunicative delle figure deputate alla gestione della performance di sicurezza dei lavoratori sono fondamentali. I contenuti formativi in questo ambito riguardano la conoscenza di soluzioni o prassi che consentono di comunicare in modo efficace i messaggi relativi alla sicurezza e gestire il confronto con i punti di vista dei lavoratori (costituiscono degli esempi i briefing sulla sicurezza e i toolbox talk, ovvero presentazioni che puntano ad attrarre l attenzione su uno specifico problema o aspetto della sicurezza). Oltre a ciò si pone un esigenza di apprendimento di abilità comunicative o tattiche di influenza in grado di dare efficacia all espressione dei messaggi riguardanti la sicurezza. Altro aspetto meritevole di attenzione è la gestione dei feedback verbali relativi ai comportamenti di sicurezza dei lavoratori. - l aspetto relativo al coinvolgimento dei lavoratori implica obiettivi di apprendimento riguardanti tanto le figure dirigenziali quanto i lavoratori. Dal lato dei dirigenti i contenuti formativi riguardano la conoscenza degli schemi di coinvolgimento che è possibile attivare nell ambito delle attività organizzative e la consapevolezza delle conseguenze che tali soluzioni possono produrre sul comportamento di sicurezza dei propri subalterni. Dal lato dei lavoratori i contenuti riguardano invece la conoscenza dei propri diritti/doveri nell ambito della sicurezza sul luogo di lavoro, l importanza delle attività di cooperazione e le competenze/capacità che consentono l espressione del proprio punto di vista e la gestione del rapporto con i propri superiori. I contenuti formativi discussi per punti e relativi agli aspetti di leadership, comunicazione e coinvolgimento dei lavoratori sono stati sviluppati e resi fruibili sul web da parte di realtà istituzionali come l HSE britannico e l Agenzia Europea per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro nell ambito della campagna preventiva Ambienti di lavoro sani e sicuri. Queste esperienze possono essere considerate come un utile punto di partenza per l elaborazione di un percorso di apprendimento e sensibilizzazione che utilizzi anche canali diversi dalla formazione in aula. 7

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti *

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti * Gennaio 2013, anno VII N. 1 La formazione aziendale nell ambito del benessere organizzativo Un caso di percorso integrato di formazione sulla gestione del rischio stress lavoro correlato di Renato Mastrosanti

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Nell ambito del progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti si è proceduto alla realizzazione di quattro focus

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 4 - FORMAZIONE DEI PREPOSTI: valutazioni e proposte

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 4 - FORMAZIONE DEI PREPOSTI: valutazioni e proposte valutazioni e proposte FORMAZIONE DEI PREPOSTI: valutazioni e proposte di Attilio Pagano Psicologo del Lavoro e formatore 1. ANALISI CRITICA DELLE NORME Tra le principali innovazioni portate dal decreto

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati 1/14 Premessa Il questionario di valutazione ex post è stato somministrato ai soggetti attuatori dei progetti partecipanti al Piano Sicurezza

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Premessa. Di seguito le nostre principali aree aree di intervento

Premessa. Di seguito le nostre principali aree aree di intervento Premessa Ad Meliora è anche Sicurezza. Ci rivolgiamo principalmente ad aziende operanti nel settore del terziario erogando: corsi di adempimento normativo: in funzione della tipologia di azienda e dei

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione per il Personale - Settore Sviluppo Risorse Umane - SISTEMA DI VALUTAZIONE PERFORMANCE INDIVIDUALE La gestione del colloquio di valutazione INDICE INTRODUZIONE

Dettagli

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORATIVO IN ASS N 1 TRIESTINA 1 La valutazione del rischio stress lavoro-correlato PREMESSA Una delle rilevanti novità del Dlgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni,

Dettagli

CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015. Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL

CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015. Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015 Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL CASI DI MALATTIA DA STRESS LAVORO CORRELATO 4000 denunce all INAIL negli ultimi

Dettagli

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia Maurizio Canavari e Nicola Cantore Unità di Ricerca: Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria Università degli Studi di Bologna

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

Come affrontare lo stress lavorativo

Come affrontare lo stress lavorativo V Convegno del Coordinamento Donne CIMO LA DONNA IN SANITÀ : UNA RISORSA, UNA CRITICITÀ, UNA FORZA MOTRICE DEL MIGLIORAMENTO IN SANITÀ Come affrontare lo stress lavorativo Antonia Ballottin ULSS 20 VERONA

Dettagli

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute)

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) PROGETTARE MATERIALE COMUNICATIVO EFFICACE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PRE-TEST SPERIMENTALE DI UNA BROCHURE BASATA SU TEORIE SPECIFICHE PER AUMENTARE LE CONOSCENZE J.R.D. Whittingham 1, R.A.C. Ruiter 1,

Dettagli

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti Gestire e valorizzare le risorse umane Ennio Ripamonti 1 1. Le funzioni 2. La leadership situazionale 3. Empowerment 4. Condurre riunioni 5. Dinamica di ruolo 2 1 Le funzioni 3 LE FUNZIONI DI GESTIONE

Dettagli

SISTEMA QUALITA (3) ISO 9001-9004

SISTEMA QUALITA (3) ISO 9001-9004 a cura di: Ivano Franco Colombo Presidente Pragma Service srl SISTEMA QUALITA (1) CENTRALITA DEL SISTEMA CLIENTE ANALISI DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO Servizio Lavoro e Politiche Sociali della Provincia

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA

INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA Per Il settore in cifre presentiamo il rapporto sulle esigenze formative del settore sicurezza, realizzato da Sicurservizi per conto

Dettagli

Pianificazione e organizzazione del processo di autovalutazione. Piano di massima aprile 2011

Pianificazione e organizzazione del processo di autovalutazione. Piano di massima aprile 2011 Pianificazione e organizzazione del processo di autovalutazione Piano di massima aprile Premessa Il presente piano è stato redatto dalla risorsa facente capo alla Funzione Qualità dr.ssa Antonina Pennacchio

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Il clima organizzativo cultura organizzativa. leadership. organizzazione e psicologia del lavoro. Dr.ssa Giuliana Giampieri. Rieti 3 settembre 2012

Il clima organizzativo cultura organizzativa. leadership. organizzazione e psicologia del lavoro. Dr.ssa Giuliana Giampieri. Rieti 3 settembre 2012 Il clima organizzativo cultura organizzativa organizzazione e psicologia del lavoro Rieti 3 settembre 2012 leadership Dr.ssa Giuliana Giampieri Azienda USL di Rieti gruppo di lavoro per la valutazione

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale 1/7 Servizi Integrati del Clima Aziendale Oggi, in molte aziende, la comunicazione verso i dipendenti rappresenta una leva gestionale attivata dal vertice aziendale, organizzata, coerente con gli obiettivi

Dettagli

LO PSICOLOGO IN AZIENDA L analisi e la promozione di un buon clima aziendale

LO PSICOLOGO IN AZIENDA L analisi e la promozione di un buon clima aziendale LO PSICOLOGO IN AZIENDA L analisi e la promozione di un buon clima aziendale Associazione DAGUS www.associazionedagus.it associazione.dagus@gmail.com. 1 Lo psicologo in azienda L analisi e la promozione

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA 1. Premessa L ASP Città di Bologna è il frutto di un percorso complesso di unificazione di tre Istituzioni cittadine storiche con una

Dettagli

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale ARTICOLI ORIGINALI Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale A cura di Donatella Brusa* 37 Questo elaborato si colloca all interno di un cambiamento

Dettagli

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF A cura del GAV Da MARZO Progetto FORMIUR CAF per il Miglioramento delle performance delle Istituzioni scolastiche. Migliora organizzazione COSA FA

Dettagli

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Cisalpina Research è il centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità e sfide del mercato dei viaggi d affari.

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

Politica del personale del Gruppo CSS.

Politica del personale del Gruppo CSS. Politica del personale del Gruppo CSS. Noi disponiamo dei collaboratori e delle collabo - ratrici per affrontare le sfide del futuro. A Valori di politica del personale e prese di posizione della CSS 1

Dettagli

Lezione 24: Strategia e Piano di Comunicazione Stella Romagnoli

Lezione 24: Strategia e Piano di Comunicazione Stella Romagnoli Lezione 24: Strategia e Piano di Comunicazione Definizione di pianificazione strategica della comunicazione Le fasi della pianificazione Comunicazione e integrazione Ottica integrata Specializzazione Le

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN QUALITÀ La valutazione delle prestazioni basata sulle competenze Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance Lo strumento che verrà illustrato nelle pagine

Dettagli

Indice. Tecniche e metodologie di coaching. 2 di 10

Indice. Tecniche e metodologie di coaching. 2 di 10 LEZIONE DI TECNICHE E METODOLOGIE DI COACHING PROF.SSA ROBERTA TEMPONE Indice 1 Prerequisiti per attivare un team working --------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Relazione sulla valutazione del rischio stress lavoro-correlato e benessere organizzativo

Relazione sulla valutazione del rischio stress lavoro-correlato e benessere organizzativo Relazione sulla valutazione del rischio stress lavoro-correlato e benessere organizzativo 1. PREMESSA L Azienda, dopo aver realizzato iniziative di rilevazione del clima organizzativo nel 2006 su un campione

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Giunta regionale d Abruzzo. dott.ssa Flavia Margaritelli

Tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Giunta regionale d Abruzzo. dott.ssa Flavia Margaritelli Tutela della salute e sicurezza sul lavoro Ufficio prevenzione e protezione Giunta regionale d Abruzzo 1 I Continenti che si incontrano e non vanno alla deriva Lo sviluppo del capitale umano in tutte le

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO INDAGINI SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO, SUL GRADO DI CONDIVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E SULLA VALUTAZIONE DEL SUPERIORE GERARCHICO RELATIVE ALL ANNO 2013 Documento

Dettagli

R S U E S S E L U N G A CORBETTA

R S U E S S E L U N G A CORBETTA Analisi questionario Questa relazione nasce dalla necessità di sintetizzare ed analizzare il risultato del questionario proposto ai lavoratori Esselunga di Corbetta. Il sondaggio (anonimo) ideato e realizzato

Dettagli

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM. I.C. San Francesco di Paola Messina MEIC86500V

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM. I.C. San Francesco di Paola Messina MEIC86500V PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* MEIC86500V I.C. San Francesco di Paola Messina (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE MARZO 2015 1

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

I questionari degli operatori Report di analisi

I questionari degli operatori Report di analisi I questionari degli operatori Report di analisi Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Scambio interregionale fra le Regioni Toscana, Marche e Umbria Regione

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA DIREZIONE ATTIVITA AMMINISTRATIVA SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE UFFICIO ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA Report finali

Dettagli

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione Modernizzare l organizzazione del lavoro - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti Comunicazione della Commissione 1. Introduzione 1.1 Obiettivo della comunicazione L'obiettivo della comunicazione

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

benessere organizzativo, l esperienzal del Comune di Trento

benessere organizzativo, l esperienzal del Comune di Trento I I modelli d eccellenza d applicati al benessere organizzativo, l esperienzal del Comune di Trento Dott. Vincenzo Mazzaro Presidente AICQ NAZIONALE Spinea 3 giugno 2010 Presentazione di AICQ La AICQ è

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI comunicazionetrasparenteprogettoinf ormareinformarsivalorizzazioneco struireteamworkeleaderschipproporrecolla boraredeisostenereprofessionisti stimolareintegrazionerelazionialleanzesoluzi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety

Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety dott. Matteo Rossi Le istanze sociali e gli indirizzi strategici La gestione delle problematiche di safety incide sulla redditività

Dettagli

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI SI.VA.DI.S. IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI Criteri generali CRITERI GENERALI PER LA COSTRUZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI (SI.VA.DI.S.) 1. Sistema

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Il progetto Valutazione & Miglioramento

Il progetto Valutazione & Miglioramento Il progetto Valutazione & Miglioramento Valutazione & Miglioramento è un progetto che si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione,

Dettagli

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 189 del 12/06/2012 Introduzione Il sistema

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

QUESTIONARIO BENESSERE ORGANIZZATIVO

QUESTIONARIO BENESSERE ORGANIZZATIVO QUESTIONARIO BENESSERE ORGANIZZATIVO Nell ambito delle azioni che CR di Aldeno e Cadine sta promuovendo e consolidando in relazione alle politiche aziendali family friendly oriented, nonché in conformità

Dettagli

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA COMPLETIAMO IL TUO PROCESSO POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA Rifra Masterbatches S.p.A. Via T. Tasso, 8 25080 Molinetto di Mazzano (BS) Tel. +39 030 212171 Fax +39 030 2629757 R.I. 01006560179

Dettagli

LA GESTIONE DELL ATTIVITÀ FIERISTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FIERE A MEDIDA A CURA DELLA CCI - BARCELLONA

LA GESTIONE DELL ATTIVITÀ FIERISTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FIERE A MEDIDA A CURA DELLA CCI - BARCELLONA LA GESTIONE DELL ATTIVITÀ FIERISTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FIERE A MEDIDA A CURA DELLA CCI - BARCELLONA L evento fieristico si presenta come momento imprescindibile in modo particolare per le piccole

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Indagine sul personale in servizio presso le Sedi Centrali del Ministero della Salute Risultati 2011

Indagine sul personale in servizio presso le Sedi Centrali del Ministero della Salute Risultati 2011 Stress Lavoro-Correlato e Indagine sul personale in servizio presso le Sedi Centrali del Ministero della Salute Risultati 2011 Obiettivi Rilevare il livello di benessere percepito dai lavoratori attraverso

Dettagli

Contratto FM. Il Bollino Blu di IFMA Italia

Contratto FM. Il Bollino Blu di IFMA Italia Contratto FM Il Bollino Blu di IFMA Italia AGENDA Premessa Obiettivi Contenuti/Requisiti Conclusioni 2. PREMESSA Introduzione IFMA Italia, interlocutore privilegiato per tutte le tematiche relative al

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

Il rischio lavorativo valutazione rappresentazione

Il rischio lavorativo valutazione rappresentazione diapositiva 1 Prof. Federico Ricci Psicologo del lavoro e delle organizzazioni Facoltà di Scienze della Comunicazione e dell Economia Università di Modena e Reggio Emilia Stili di vita salutari sul lavoro:

Dettagli

La sicurezza comportamentale

La sicurezza comportamentale La sicurezza comportamentale Ravenna 12 ottobre 2011 Aude Cucurachi 1 SICUREZZA COMPORTAMENTALE Cosa ci dicono i dati infortunistici? Cosa ci dicono le leggi sul comportamento? Cos è il protocollo BBS?

Dettagli

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice ACCORDO in materia di ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM Stipulato da: ALSTOM, rappresentata da Patrick Dubert, E: la FEM (Federazione Europea Metalmeccanici), rappresentata da Bart

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO. Anno scolastico 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO. Anno scolastico 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO Anno scolastico 2013-2014 Docente Prof.ssa Caramico Luigina LINEE GENERALI E COMPETENZE Acquisire

Dettagli

PROVINICA DI LIVORNO SEGRETARIATO GENERALE

PROVINICA DI LIVORNO SEGRETARIATO GENERALE PROVINICA DI LIVORNO SEGRETARIATO GENERALE Benessere Organizzativo e analisi di clima nella Provincia di Livorno anno 2014 Premessa Cosa si intende per Benessere Organizzativo Il Benessere organizzativo

Dettagli

ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO

ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO 1- Presso il Servizio in cui operi e previsto un progetto analogo? La maggior parte dei partecipanti ha risposto in maniera negativa. Al momento, solo presso il nostro Servizio

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati High Impact Programs 1 Chi siamo Performance Technology Solutions (PTS) è una società di consulenza organizzativa e formazione manageriale Il nostro nome deriva dalla metodologia di origine statunitense

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Buone pratiche nell uso di ambienti di apprendimento collaborativo quali strumenti per favorire la creatività ed identificazione di modelli di successo nel settore metalmeccanico

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. per lavorare e vivere meglio. A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*)

CODICE DI COMPORTAMENTO. per lavorare e vivere meglio. A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*) CODICE DI COMPORTAMENTO per lavorare e vivere meglio A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*) PREMESSA: Elementi di grande importanza negli ambienti di lavoro

Dettagli

Il processo di valutazione... 3. Fase 1: Compilazione delle schede e analisi di adeguatezza dei valutatori... 3. Fase 2: Colloquio di valutazione...

Il processo di valutazione... 3. Fase 1: Compilazione delle schede e analisi di adeguatezza dei valutatori... 3. Fase 2: Colloquio di valutazione... Valutazione delle performance Anno 2013 Manuale operativo [Febbraio 2014] Indice Il processo di valutazione... 3 Fase 1: Compilazione delle schede e analisi di adeguatezza dei valutatori... 3 Fase 2: Colloquio

Dettagli

SISTEMA QUALITÀ sistemi cultura cultura della qualità

SISTEMA QUALITÀ sistemi cultura cultura della qualità SISTEMA QUALITÀ Nell intraprendere la strada della Qualità Totale ci si è posti l interrogativo sul percorso più adatto al Centro ossia, se modificare i sistemi oppure modificare la cultura. L intervento

Dettagli

Comunicazione per Agenda 21L Agenda 21L per la comunicazione

Comunicazione per Agenda 21L Agenda 21L per la comunicazione COM-PA Bologna, 21 settembre 2000 Salone della Comunicazione Pubblica e dei servizi al cittadino Comunicazione per Agenda 21L Agenda 21L per la comunicazione Appunti per una Carta di riferimento su Comunicazione

Dettagli

VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI

VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI Forum di avvio del Processo di Partecipazione, 28 Giugno 2014 Coordinamento del Contratto

Dettagli

Formare i formatori al tempo della crisi

Formare i formatori al tempo della crisi Settembre 2013, anno VII N. 8 Formare i formatori al tempo della crisi di Giusi Miccoli 1 La situazione della formazione e confronto con l Europa La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni colpisce

Dettagli

Team e lavoro di gruppo

Team e lavoro di gruppo Team e lavoro di gruppo Team di lavoro Team Numero ridotto di persone aventi capacità complementari che si ritengono reciprocamente responsabili per scopo, obiettivi e approccio comuni. L evoluzione di

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

Kit di strumenti governativi a tutela dei consumatori

Kit di strumenti governativi a tutela dei consumatori Consumer Policy Toolkit Summary in Italian Kit di strumenti governativi a tutela dei consumatori Sintesi in italiano I mercati dei prodotti e dei servizi sono notevolmente cambiati nel corso degli ultimi

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI L UNEBA vuole sottolineare che l ambiente è sempre più al centro delle strategie di sviluppo della comunità

Dettagli

FORMARE I FORMATORI AL TEMPO DELLA CRISI. INTERVISTA A GIUSI MICCOLI 1

FORMARE I FORMATORI AL TEMPO DELLA CRISI. INTERVISTA A GIUSI MICCOLI 1 FORMARE I FORMATORI AL TEMPO DELLA CRISI. INTERVISTA A GIUSI MICCOLI 1 (A CURA DI PAOLO VIEL 2 ) QUALE È LA SITUAZIONE DELLA FORMAZIONE OGGI IN ITALIA? La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Tufino 2) Titolo del progetto: GARANZIAMBIENTE 3) Settore ed area di intervento del

Dettagli

PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA (E)

PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA (E) PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA (E) a cura di Domenico Cerasuolo, Manuela Furlan, Stefania Pizzini, Maria Giulia Sinigaglia INTRODUZIONE La valutazione interna riguarda la verifica della soddisfazione

Dettagli

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate Le opinioni dei Capi di Istituto e dei responsabili scolastici dei progetti -25- -26- Nota

Dettagli

Articolo 20, comma 1,... conformemente alla sua formazione ed alle istruzioni... forniti dal Datore di lavoro.

Articolo 20, comma 1,... conformemente alla sua formazione ed alle istruzioni... forniti dal Datore di lavoro. La formazione e l informazione dei lavoratori I fondamenti della prevenzione in azienda. Il D.Lgs. n. 81/2008 cita: Articolo 15 Misure generali di tutela, comma 1, lettere: n) l informazione e formazione

Dettagli