Almanacco 2011: Cardiomiopatie. Rassegna selezionata degli studi che hanno guidato i recenti progressi in cardiologia clinica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Almanacco 2011: Cardiomiopatie. Rassegna selezionata degli studi che hanno guidato i recenti progressi in cardiologia clinica"

Transcript

1 RASSEGNA Almanacco 2011: Cardiomiopatie. Rassegna selezionata degli studi che hanno guidato i recenti progressi in cardiologia clinica a cura dell Editors Network Task Force della Società Europea di Cardiologia Perry M. Elliott 1, Saidi A. Mohiddin 2 1 The Heart Hospital, London, UK 2 Department of Cardiology, The London Chest Hospital, London, UK G Ital Cardiol 2012;13(2):84-90 INTRODUZIONE Le cardiomiopatie sono un gruppo di patologie del miocardio caratterizzate da alterazioni funzionali e strutturali del muscolo cardiaco in assenza di coronaropatia, ipertensione, valvulopatie o cardiopatie congenite in grado di provocare le anomalie miocardiche osservate. Vengono classificate sulla base dello specifico fenotipo morfologico e funzionale, la cui espressione è determinata da meccanismi sia genetici che non genetici. Gli ultimi due anni sono stati dominati dalla discussione di alcuni temi centrali, in particolar modo l impiego (e l interpretazione) dei sempre più sofisticati test genetici, nonché l uso di nuove tecniche di imaging non invasivo per la definizione del fenotipo clinico. Sebbene vi siano stati alcuni progressi nelle strategie terapeutiche, resta comunque la necessità di adeguati studi randomizzati per tutte le forme di cardiomiopatia. Riprodotto da Elliott PM, Mohiddin SA. Almanac 2011: cardiomyo - pathies. The national society journals present selected research that has driven recent advances in clinical cardiology. Heart 2011;97: Per la corrispondenza: Dr. Saidi A. Mohiddin Department of Cardiology, The London Chest Hospital, 6 Sigdon Road, London E8 1AP, UK CARDIOMIOPATIA IPERTROFICA La cardiomiopatia ipertrofica (CMI) è caratterizzata dalla presenza di ipertrofia miocardica non correlata a condizioni di sovraccarico. È una malattia genetica determinata prevalentemente da una mutazione dei geni responsabili della codificazione delle proteine del sarcomero o, in una minoranza di casi, da altre patologie di origine genetica, compresi i disturbi del metabolismo come la malattia di Anderson-Fabry 1. La letteratura dell ultimo anno ha confermato l importanza nella diagnosi di CMI di strumenti diagnostici convenzionali quali l ECG e l ecocardiografia, ma ha anche introdotto l utilizzo di nuove tecniche quali lo studio della deformazione miocardica e l ecocardiografia tridimensionale. Quasi certamente i progressi più rilevanti hanno riguardato l utilizzo della risonanza magnetica cardiaca (RMC), con riferimento in particolar modo a due aspetti: la capacità di questa metodica di identificare i segmenti miocardici non altrimenti visualizzabili all esame ecocardiografico (ad es. il setto posteriore e l apice) e, forse ancora più importante, la possibilità di evidenziare la presenza di tessuto cicatriziale mediante lo studio del late enhancement dopo somministrazione di gadolinio (LGE). Numerosi lavori hanno valutato il pattern di distribuzione delle aree cicatriziali e le possibili correlazioni con la presentazione clinica e la prognosi 2-4. La maggior parte dei dati indicano che la presenza di tessuto cicatriziale rappresenta un fattore predittivo di scompenso cardiaco più che di morte improvvisa, anche se a riguardo sono necessari studi di coorte più ampi non viziati da bias. I metodi in grado di identificare aree di fibrosi diffusa assumono probabilmente ancora più rilevanza se si considera che questa probabilmente tende a svilupparsi in uno stadio precoce della malattia e costituisce un importante obiettivo terapeutico 5,6. Trattamento In molti pazienti la CMI prematura può determinare morte improvvisa o una scarsa qualità di vita per molti decenni. Allo stato attuale, il trattamento dei pazienti con CMI si focalizza su tre aspetti della malattia: l identificazione dei soggetti ad aumentato rischio di morte cardiaca improvvisa, che potrebbero quindi trarre beneficio dall impianto di un defibrillatore (ICD); la risoluzione dell ostruzione del tratto di efflusso del ventricolo sinistro; e gli interventi palliativi volti al miglioramento dei sintomi dovuti a disfunzione sistolica o diastolica. Per tutte e tre le aree terapeutiche, il trattamento è ancora subottimale, specie per quanto attiene alla prevenzione dello scompenso cardiaco progressivo. Numerosi studi hanno inoltre valutato i potenziali benefici che possono derivare da una diagnosi presintomatica in familiari di soggetti affetti, soprattutto in termini di prevenzione della morte improvvisa 7,8. Risoluzione dell ostruzione all efflusso ventricolare sinistro Diverse metanalisi di confronto tra miectomia chirurgica ed ablazione mediante alcolizzazione del setto 9-12 hanno evi- 84

2 ALMANACCO 2011: CARDIOMIOPATIE denziato che, in linea di massima, l alcolizzazione si associa ad una mortalità e ad un miglioramento dello stato funzionale alquanto simili a quelli riportati con il trattamento chirurgico, a fronte tuttavia di una più frequente necessità di impianto di pacemaker permanente e di un gradiente residuo del tratto di efflusso più elevato. In alcune casistiche è stato documentato un eccesso di mortalità nei pazienti sottoposti ad ablazione alcolica, sollevando dubbi sulla sicurezza di tale procedura 10. La ricerca di opzioni terapeutiche alternative per la rimozione dell ostruzione del tratto di efflusso ha portato anche a prendere in considerazione l ablazione con radiofrequenza del setto e ad una possibile rivalutazione della stimolazione atrioventricolare sequenziale mediante pacemaker bicamerale In mancanza di studi di confronto randomizzati, il dibattito sui punti di forza o sugli svantaggi di tali strategie terapeutiche è tuttavia destinato a proseguire. Attualmente, il trattamento invasivo dell ostruzione all efflusso ventricolare sinistro è raccomandato unicamente nei pazienti che presentano sintomi refrattari alla terapia farmacologica. Morte cardiaca improvvisa Nella pratica odierna, un numero limitato di marcatori di rischio clinico vengono utilizzati congiuntamente per predire la probabilità di morte cardiaca improvvisa e la necessità di un impianto di ICD 16,17. Per quanto tuttora validi, gli attuali approcci sono gravati da importanti limitazioni. In particolare, molti dei pazienti sottoposti ad impianto di ICD in prevenzione primaria non necessitano mai dell intervento del dispositivo, sono esposti al rischio di complicanze correlate al dispositivo e restano a rischio di morte prematura per ictus tromboembolico e scompenso cardiaco progressivo 18. A questo si aggiunga che, sebbene le cause genetiche della CMI siano le stesse negli adulti e nei bambini, non sempre gli algoritmi convenzionali per la stima del rischio risultano applicabili alle popolazioni pediatriche 20. Sono quindi necessari ulteriori dati sulla valutazione del rischio di morte improvvisa e studi randomizzati che valutino i possibili interventi in grado di prevenire la progressione della malattia. Cardiomiopatia ipertrofica sintomatica refrattaria al trattamento È stata avanzata l ipotesi che un eccessivo consumo energetico da parte dei sarcomeri svolga un ruolo rilevante nella fisiopatologia della CMI, così come in altre malattie del muscolo cardiaco. Sebbene i meccanismi alla base di tali anomalie energetiche restino da chiarire, i pazienti con mutazioni dei geni codificanti per le proteine sarcomeriche e con ipertrofia lieve o assente mostrano un ridotto rapporto tra fosfati ad elevato valore energetico e fosforo inorganico, suggerendo che il deficit energetico è una componente fondamentale del fenotipo della CMI. In considerazione del fatto che i disordini del metabolismo degli acidi grassi costituiscono uno dei fattori primari che determinano un utilizzo inefficiente della riserva energetica nel cuore scompensato 21, in uno studio randomizzato controllato vs placebo è stato valutato l effetto della perexilina, un inibitore dell assorbimento mitocondriale degli acidi grassi, sui sintomi da sforzo. La perexilina è risultata efficace nel migliorare la sintomatologia, la capacità di esercizio e la funzione diastolica nei pazienti sintomatici con CMI non ostruttiva, deponendo per il potenziale utilizzo in alcuni pazienti di tale farmaco o di composti analoghi 22. Screening familiare Recenti analisi di costo-efficacia, che hanno confrontato tra loro strategie di screening di tipo genetico e clinico, forniscono un argomentazione di natura economica circa l impiego dei test genetici nello screening familiare 7,8. Tuttavia, i modelli utilizzati si basano sul presupposto che gli algoritmi per la stima del rischio sviluppati e validati in popolazioni a rischio relativamente elevato (per lo più costituite da probandi) possano essere parimenti estesi a coorti di pazienti con un profilo di rischio basale più favorevole (Moons et al., dati non pubblicati). Inoltre, diversi fattori confondenti, quali il numero dei componenti del nucleo familiare, la penetranza della malattia, le varianti genetiche di significato clinico incerto e la frequenza relativamente elevata di eterozigosi composta, non vengono quasi mai presi in considerazione negli attuali modelli di costo-efficacia. Sono quindi necessari studi prospettici che valutino le diverse strategie di screening. CARDIOMIOPATIA ARITMOGENA DEL VENTRICOLO DESTRO La cardiomiopatia aritmogena del ventricolo destro (ARVC) è una malattia genetica del muscolo cardiaco. Dal punto vista istologico è caratterizzata dalla progressiva perdita di cardiomiociti, che vengono sostituiti da tessuto fibroso o fibroadiposo, mentre dal punto di vista clinico può presentarsi con aritmie, morte cardiaca improvvisa e scompenso cardiaco. In numerosi soggetti è causata da mutazioni nei geni che codificano le proteine a livello dei dischi intercalari 23. L ARVC è difficile da diagnosticare, in quanto è necessario integrare i dati acquisiti in ciascun membro della famiglia con quelli derivanti dai test genetici, dall ECG e dagli esami di imaging 24. Gli aspetti critici nella gestione di questi pazienti consistono nella prevenzione della morte cardiaca improvvisa e nel trattamento delle aritmie sintomatiche e dello scompenso cardiaco. Eziologia Studi sistematici su famiglie hanno dimostrato che nel 50% dei casi l ARVC riconosce un ereditarietà autosomica dominante con penetranza incompleta ed espressività clinica variabile. La maggioranza degli studi condotti finora hanno evidenziato che gran parte delle forme sono causate da mutazioni in eterozigosi a carico di geni che codificano per proteine desmosomali, sebbene siano stati associati all ARVC anche altri geni come quelli codificanti per il transforming growth factor-β e la proteina transmembrana 43 (TMEM43), una proteina della membrana citoplasmatica 23,25. Nell ultimo anno, l eterogeneità genetica dell ARVC è stata ulteriormente confermata dall identificazione di mutazioni patogene nel gene della desmina, una proteina dei filamenti intermedi, e della titina Esistono inoltre numerose osservazioni che documentano tratti genetici complessi in molti pazienti portatori di molteplici varianti in più geni che codificano per proteine del desmosoma 29. La presenza di mutazioni poligeniche, oltre a determinare verosimilmente un aumento della gravità del fenotipo clinico, può rivelarsi insidiosa ai fini di una corretta interpretazione dei risultati dei test genetici, specie nel caso di varianti riscontrabili nella popolazione normale che, anche se non direttamente responsabili della patologia, possono in teoria modificare la suscettibilità alla malattia in presenza di altri fattori genetici o ambientali. 85

3 PM ELLIOTT, SA MOHIDDIN Criteri diagnostici Analogamente ad altre malattie del muscolo cardiaco, gli attuali schemi diagnostici per l ARVC rappresentano l ultima reiterazione di un racconto scientifico e clinico che ebbe inizio con lo studio dei casi più gravi con esordio clinico rappresentato da morte cardiaca improvvisa o aritmie ventricolari. Gli studi anatomo-patologici condotti su campioni prelevati post-mortem in queste forme avanzate di malattia sono stati fondamentali nel definire gli aspetti istologici patognomonici della malattia, ovvero la sostituzione fibroadiposa, la formazione di aneurismi e la dilatazione ventricolare destra. Successivamente, gli strumenti clinici convenzionali quali l ECG, la ventricolografia, l ecocardiografia e, più recentemente, la RMC, hanno permesso di identificare manifestazioni sempre più sottili di questo fenotipo istologico. A rendere il quadro ancora più complesso ha contribuito infine il riconoscimento che la malattia, a carattere eredo-familiare, è causata da mutazioni nei geni che codificano per proteine espresse a livello dei dischi intercalari 30. Una razionalizzazione di questi diversi aspetti della malattia ha costituito la base per modificare i criteri diagnostici pubblicati simultaneamente su Circulation e European Heart Journal nel In questo fondamentale documento venivano già delineate le linee della futura ricerca clinica e scientifica, ed evidenze derivanti da studi su famiglie affette depongono per un miglioramento della sensibilità e della specificità di tali criteri 31,32. Tuttavia, la forte enfasi attribuita ad aspetti quantitativi ed alla caratterizzazione genetica sta già imponendo importanti sfide diagnostico-terapeutiche. Ad esempio, negli atleti il solo allenamento fisico può tradursi in un fenotipo che soddisfi i criteri in assenza di una documentazione genetica della malattia 33 ed i criteri elettrocardiografici possono anche mostrare una notevole variabilità nel tempo 34. Prevenzione della morte improvvisa Malgrado l ARVC sia ampiamente riconosciuta quale una delle principali cause di morte improvvisa, è sorprendente che siano disponibili solo pochissimi dati prospettici sul rischio di morte improvvisa in popolazioni non selezionate e sulla sua prevenzione. Le attuali linee guida AHA/ACC/ESC del 2006 sul trattamento dei pazienti con aritmie ventricolari e sulla prevenzione della morte cardiaca improvvisa raccomandano l impianto di un ICD nei pazienti affetti da ARVC che presentino tachicardia ventricolare sostenuta o fibrillazione ventricolare nonostante una terapia medica ottimizzata, nei quali si stimi una ragionevole aspettativa di vita ed un buon stato funzionale per almeno 1 anno. Le raccomandazioni per i pazienti senza tali caratteristiche sono inevitabilmente di tipo soprattutto speculativo. Alcune analisi retrospettive hanno identificato una serie di potenziali fattori predittivi di prognosi avversa nei probandi, che comprendono l insorgenza dei sintomi in età precoce, l attività sportiva a livello agonistico, una storia familiare di morte improvvisa, una dilatazione severa del ventricolo destro, l interessamento del ventricolo sinistro, la sincope, episodi di aritmia ventricolare ed un aumentata dispersione del QRS all ECG a 12 derivazioni. Nel 2010 Corrado et al. 35 hanno pubblicato uno studio su 106 pazienti consecutivi con ARVC, sottoposti ad impianto di ICD per la presenza di uno più fattori predittivi di rischio aritmico, quali sincope, tachicardia ventricolare non sostenuta, storia familiare di morte improvvisa o inducibilità di aritmie alla stimolazione ventricolare programmata. Durante il follow-up, interventi appropriati dell ICD sono stati riportati nel 24% dei pazienti, di cui il 16% (n = 17) per fibrillazione o flutter ventricolare. La sopravvivenza a 48 mesi è stata del 100%. La sincope è risultata il fattore predittivo più importante di interventi appropriati dell ICD, mentre la stimolazione ventricolare programmata ha mostrato una scarsa accuratezza predittiva per interventi appropriati dell ICD. Questi dati confermano l attuale indicazione all impianto di ICD nei pazienti sintomatici, mentre resta da definire l opportunità dell impianto in prevenzione primaria nei pazienti asintomatici. CARDIOMIOPATIA DILATATIVA La cardiomiopatia dilatativa (CMD), definita come dilatazione del ventricolo sinistro e disfunzione sistolica in assenza di pregresso infarto miocardico, rappresenta una delle più frequenti malattie del muscolo cardiaco nei paesi industrializzati. Dalla ricerca degli ultimi 12 mesi è emersa in maniera preponderante l importanza dei fattori genetici nell eziologia delle forme ereditarie o apparentemente acquisite di CMD. Un altro argomento di interesse inerente alla ricerca sulla CMD è rappresentato dalla caratterizzazione tissutale mediante RMC che, stando ai dati di recenti studi, consente di ottenere informazioni aggiuntive di tipo diagnostico e prognostico. La gestione dei pazienti si avvale ancora in larga misura delle procedure diagnostiche e delle terapie convenzionali previste per i pazienti sintomatici affetti da scompenso cardiaco, anche se recentemente è stata sottolineata l importanza di definire il trattamento in funzione dell eziologia. Eziologia Una delle maggiori problematiche risiede tuttora nella difficoltà di differenziare le forme ereditarie di CMD da quelle acquisite, in quanto il profilo clinico contribuisce raramente ad identificarne l eziologia. Nei casi sporadici (vale a dire in assenza di altri membri della famiglia affetti), evidenze circostanziali possono suggerire un meccanismo di danno cardiaco di tipo infiammatorio, tossico, metabolico oppure carico- o frequenzadipendente. Ciononostante, recenti dati evidenziano una frequente sottostima della predisposizione genetica nei casi apparentemente sporadici della malattia. In passato, dati sperimentali su modelli animali avevano già documentato l importanza dei fattori genetici dell ospite nel determinare la suscettibilità ad agenti patogeni di miocardite virale 36, mentre nel 2010 è stata riportata per la prima volta nell uomo un associazione tra miocardite e comuni varianti genetiche 37. Studi condotti sulla cardiomiopatia peripartum hanno identificato un particolare locus del cromosoma associato alla CMD peripartum 38 e hanno riscontrato casi di CMD non diagnosticata nei familiari di primo grado (3 su 10) di donne con CMD peripartum accertata 39. Recenti studi di genetica hanno anche messo in discussione alcuni concetti ormai condivisi sulla patogenesi della malattia In uno studio su 100 pazienti senza legami di parentela affetti da CMD idiopatica 41, in 18 di essi sono state identificate delle varianti della sequenza di geni che codificano le proteine desmosomali (alcune già risultate associate ad ARVC), 5 delle quali ritenute patogenetiche. Ad una analisi di co-segregazione limitata a due pedigree, nessuno dei portatori della mutazione genica presentava caratteristiche che soddisfacessero sia i criteri per ARVC che per CMD, anche se in alcuni di quelli con normali rilievi ecocardiografici erano stati osservati frequenti battiti ectopici ventricolari e/o un pattern miopatico di 86

4 ALMANACCO 2011: CARDIOMIOPATIE LGE. Questi risultati dimostrano l elevata incidenza di varianti genetiche nei pazienti con CMD e di come le manifestazioni di tale malattia siano eterogenee e spesso impercettibili nei familiari portatori della stessa mutazione. Imaging cardiaco avanzato e caratterizzazione del tessuto miocardico La caratterizzazione tissutale, che costituisce uno degli straordinari contributi della RMC all imaging non invasivo, consente non solo di distinguere il miocardio normale da quello edematoso, fibrotico o con infiltrato infiammatorio, ma anche di identificare eventuali variazioni della componente adiposa. In particolari situazioni cliniche, il profilo e la distribuzione spaziale e temporale delle alterazioni tissutali permettono di differenziare le varie cause di danno miocardico Nel postinfarto, almeno un terzo dei pazienti mostra LGE prevalentemente confinato a livello subendocardico, mentre in caso di CMD di natura non ischemica si riscontra una distribuzione tipicamente medio-parietale o subepicardica. Sebbene sia la presenza di LGE sia la sua localizzazione non rappresentino segni specifici di una determinata eziologia 41,61,62, secondo alcuni recenti studi, la presenza di LGE può essere un marker di severità della malattia, oltre ad avere una particolare rilevanza prognostica in alcuni contesti 58-60, Non sono comunque state elaborate, né valutate, strategie che tengano conto anche del grado di LGE nella definizione dell approccio terapeutico. Alcuni recenti lavori hanno indagato il ruolo della RMC nella diagnosi di miocardite, in particolar modo in riferimento alle alterazioni tissutali negli stati acuti e cronici e alla loro correlazione con la progressione della malattia verso la CMD e la comparsa di scompenso cardiaco 56-58,67. Al momento, sono necessari studi di più ampie dimensioni per validare i criteri diagnostici della RMC per la miocardite (ad es. in una coorte di pazienti affetti da CMD idiopatica), nonché per stabilire se i rilievi ottenuti con questa metodica abbiano un significato prognostico. Trattamento Le linee guida sulla terapia farmacologica o con dispositivi nello scompenso cardiaco contengono solo qualche accenno al trattamento in funzione dell eziologia. Per quanto riguarda le indicazioni all impianto dei dispositivi (sia ICD che terapia di resincronizzazione cardiaca), le principali linee guida nazionali riportano dei criteri leggermente differenti per lo scompenso cardiaco di origine non ischemica rispetto a quello di origine ischemica, in ragione del fatto che, mediamente, la CMD non ischemica si associa più frequentemente ad una prognosi migliore Un recente lavoro di Millat et al. 45 ha descritto alcuni dei rischi che possono derivare dal ritenere i pazienti affetti da CMD una popolazione omogenea, documentando in quasi il 10% dei pazienti con CMD una mutazione del gene della lamina A/C, responsabile della malattia ed associata ad un rischio particolarmente elevato di aritmie ventricolari e anomalie della conduzione a decorso progressivo 70. Analoghe complicanze sono frequentemente riscontrate nei casi di cardiomiopatia associata a distrofia miotonica 71,72. Alcuni parametri aggiuntivi ottenuti mediante l impiego di metodiche di imaging convenzionali possono rivelarsi importanti ai fini dell ottimizzazione della terapia con dispositivi Alcuni recenti studi hanno documentato un rilevante valore prognostico dell insufficienza mitralica funzionale, un segno di- stintivo della CMD legato al rimodellamento geometrico del ventricolo sinistro, alla contrattilità e alla dissincronia 76,77. In uno studio di Rossi et al. 74 condotto su pazienti con CMD non ischemica, la presenza di insufficienza mitralica funzionale è risultata associata ad una incidenza 2 volte superiore dell endpoint composito di mortalità per tutte le cause, ospedalizzazione e aggravamento dello scompenso cardiaco. GENETICA Molte delle malattie cardiache a carattere ereditario, delle quali è stata da subito riconosciuta la natura genetica, sono di tipo monogenico ad alta penetranza e contraddistinte da un fenotipo facilmente identificabile che può essere ricercato mediante il metodo del linkage genetico. In pedigree sufficientemente completi di soggetti affetti da malattia ad alta penetranza, l analisi di linkage consente di evidenziare un associazione statistica tra il locus/la mutazione genetica e il fenotipo della malattia (una co-segregazione statisticamente robusta calcolata sulla base del LOD score). Questa tecnica genetica tradizionale si dimostra tuttora valida nel fornire nuovi dati genetici nelle malattie ereditarie del muscolo cardiaco 78,79. Più recentemente la ricerca di nuove mutazioni geniche ha privilegiato un approccio ristretto allo studio di geni candidati, approccio i cui vantaggi risiedono in un minor costo e nella possibilità di studiare famiglie numericamente inferiori o soggetti con malattia a bassa penetranza. I geni candidati vengono selezionati in base a diversi criteri, fra cui l appartenenza ad un determinato gruppo di geni già associati alla malattia (ad es. geni codificanti per le proteine sarcomeriche o desmosomali), l attribuzione alla funzione del gene di un ruolo potenzialmente rilevante nello sviluppo del fenotipo (ad es. geni coinvolti nel signaling che conduce all espressione del fenotipo ipertrofico) o per determinate caratteristiche osservate nello stato patologico (ad es. differenze nei profili di espressione genica miocardica tra soggetti normali ed affetti). La recente letteratura in cui sono state evidenziate associazioni tra nuovi geni candidati e le malattie del muscolo cardiaco può essere suddivisa in tre categorie principali: i lavori che descrivono la relativa frequenza di anomalie a carico di geni ritenuti notoriamente responsabili di una determinata patologia 18,43,45,48 ; gli studi sulle mutazioni delle sequenze geniche di geni associati ad una diversa malattia del muscolo cardiaco (crossover o sovrapposizione tra fenotipi) 28,41,42,46-49,52,80 e gli studi che documentano mutazioni della sequenza genica a carico di nuovi geni candidati associati per la prima volta ad una malattia cardiaca 81,82. Fino a poco tempo fa, la scelta dei geni candidati veniva effettuata sulla base di evidenze prevalentemente empiriche, in cui i metodi di selezione condizionavano la probabilità pre-test di identificare nelle mutazioni del gene target i responsabili della malattia, ma ultimamente sono state descritte nuove tecniche di genetica quantitativa per individuare i geni candidati Villard et al. 83 hanno condotto uno studio di associazione esteso all intero genoma (genome-wide) su pool di DNA ottenuti da pazienti con CMD idiopatica apparentemente sporadica. Due polimorfismi a singolo nucleotide localizzati sul cromosoma 1p36 e 10q26 sono risultati significativamente associati alla CMD. Tale dato lascerebbe presupporre che i geni presenti in questi due loci svolgano un ruolo importante, sebbene non causale, nella forma sporadica di CMD. Tuttavia, nei pa- 87

5 PM ELLIOTT, SA MOHIDDIN zienti affetti da CMD familiare sono state identificate diverse mutazioni di uno dei geni candidati (BAG3, localizzato sul cromosoma 10), per alcune delle quali veniva documentata una co-segregazione con il fenotipo familiare. È doveroso sottolineare che, molto probabilmente, questo studio non era stato disegnato con l obiettivo di identificare i geni candidati responsabili della CMD, ma in ogni caso nessun locus specifico, fra quelli contenenti i geni noti per essere implicati nell eziologia della CMD, è risultato associato alla malattia. Adottando un altro approccio metodologico alla cardiomiopatia, la proteina BAG3 è stata identificata quale possibile agente causale della CMD. In un probando e in tre membri della famiglia affetti di un pedigree multigenerazionale con CMD a trasmissione autosomica dominante, Norton et al. 84 hanno effettuato il sequenziamento completo degli esoni e uno studio d associazione genome-wide delle variazioni del numero di copie (CNV). Dopo sequenziamento dell esoma, nessuna delle mutazioni genetiche identificate nel probando è risultata cosegregare con la malattia. L impiego di un metodo ad alta densità per l analisi genome-wide delle CNV (ritenuto avere una risoluzione a livello dei singoli esoni) ha portato all identificazione di una delezione nell esone 4 della proteina BAG3 che cosegregava con la malattia. Tenuto conto che le strategie per l identificazione delle mutazioni genetiche che si basano unicamente sul sequenziamento delle regioni codificanti del genoma non consentono di identificare le CNV dovute a grandi delezioni o inserzioni, gli studi futuri sulle CNV ci potranno forse dire se le grandi delezioni geniche, per le quali è stata già documentata un associazione con le cardiomiopatie, rappresentino una causa importante di tali patologie. Infine, utilizzando un approccio di base maggiormente inclusivo per identificare i geni candidati, Neely et al. 85 hanno valutato gli effetti del silenziamento (knock-down) cardiospecifico (attraverso RNA-interference) di oltre 7000 geni di Drosophila coltivati in condizioni di stress. Gli autori hanno identificato quasi 500 geni conservati durante l evoluzione e molteplici pathway potenzialmente in grado di svolgere un ruolo importante nell ambito del sistema cardiovascolare. Tali osservazioni forniscono nuovi orizzonti verso cui indirizzare i futuri studi sui geni candidati; ad esempio, le alterazioni della ripolarizzazione cardiaca sono correlate ad un comune polimorfismo dell isoforma umana di un gene associato ad un fenotipo della CMD nella Drosophila. Nuove tecnologie L espressione sequenziamento di nuova generazione (NGS) si riferisce ad una serie di tecnologie che prevedono il sequenziamento massivo ad alto rendimento in parallelo del DNA. I progressi tecnologici nella preparazione del DNA da sequenziare (ad es. l arricchimento e la marcatura), nella chimica del sequenziamento e nella bioinformatica porteranno ad una riduzione dei costi, ad un miglioramento dell automatizzazione e dell accuratezza ed un aumento degli ambiti di applicazione. Recenti rassegne riportano una descrizione dettagliata della tecnologia NGS, con particolare riferimento alle cardiopatie ereditarie 86,87. In considerazione del fatto che le malattie ereditarie del muscolo cardiaco sono caratterizzate da un estrema eterogeneità allelica e di locus (mutazioni multiple in numerosi geni differenti), le tecniche di NGS consentiranno un salto di qualità sia nel campo della ricerca che delle applicazioni diagnostiche del sequenziamento del DNA. I primi report sull impiego della tecnologia NGS nell identificazione di mutazioni genetiche in pazienti con queste affezioni sono stati pubblicati nel 2010 e , RIASSUNTO Con l approssimarsi della fine del 2011, è chiaro che i prossimi anni saranno dominati dall applicazione di nuove tecniche di screening genetico ad alto rendimento in grado di sequenziare l esoma intero o anche il genoma. L interpretazione dei dati derivanti da tali tecniche richiederà nuove ed altrettanto sofisticate analisi di ampi e complessi dataset, in cui dovrà essere adottato un approccio basato sulla biologia dei sistemi che preveda l uso di tecniche avanzate per la caratterizzazione dei fenotipi e di modeling, che siano flessibili per poter essere aggiornate e perfezionate così da condurre ad un accrescimento della conoscenza. Nuovi e stimolanti sviluppi che potrebbero contribuire ad una svolta determinante nella ricerca sulle cardiomiopatie riguardano anche le infrastrutture e le organizzazioni (collaborazioni multicentriche), nonché gli spin-off nel campo di ricerca della medicina rigenerativa. Per il ricercatore clinico che deve traslare tali informazioni alla clinica l obiettivo su cui focalizzare l attenzione resterà comunque invariato, vale a dire il miglioramento della qualità e della durata della vita. BIBLIOGRAFIA 1. Hagege AA, Caudron E, Damy T, et al. Screening patients with hypertrophic cardiomyopathy for fabry disease using a filterpaper test: the focus study. Heart 2011;97: Olivotto I, Maron BJ, Appelbaum E, et al. Spectrum and clinical significance of systolic function and myocardial fibrosis assessed by cardiovascular magnetic resonance in hypertrophic cardiomyopathy. Am J Cardiol 2010;106: O Hanlon R, Grasso A, Roughton M, et al. Prognostic significance of myocardial fibrosis in hypertrophic cardiomyopathy. J Am Coll Cardiol 2010;56: Bruder O, Wagner A, Jensen CJ, et al. Myocardial scar visualized by cardiovascular magnetic resonance imaging predicts major adverse events in patients with hypertrophic cardiomyopathy. J Am Coll Cardiol 2010;56: Flett AS, Hayward MP, Ashworth MT, et al. Equilibrium contrast cardiovascular magnetic resonance for the measurement of diffuse myocardial fibrosis: preliminary validation in humans. Circulation 2010;122: Ho CY, Lopez B, Coelho-Filho OR, et al. Myocardial fibrosis as an early manifestation of hypertrophic cardiomyopathy. N Engl J Med 2010;363: Ingles J, McGaughran J, Scuffham PA, et al. A cost-effectiveness model of genetic testing for the evaluation of families with hypertrophic cardiomyopathy. Heart 2011 Nov 29 [Epub ahead of print]. 8. Wordsworth S, Leal J, Blair E, et al. DNA testing for hypertrophic cardiomyopathy: a cost-effectiveness model. Eur Heart J 2010; 31: Agarwal S, Tuzcu EM, Desai MY, et al. Updated meta-analysis of septal alcohol ablation versus myectomy for hypertrophic cardiomyopathy. J Am Coll Cardiol 2010;55: Ten Cate FJ, Soliman OI, Michels M, et al. Long-term outcome of alcohol septal ablation in patients with obstructive hypertrophic cardiomyopathy: a word of caution. Circ Heart Fail 2010;3: Nishimura RA, Ommen SR. Septal re- 88

6 ALMANACCO 2011: CARDIOMIOPATIE duction therapy for obstructive hypertrophic cardiomyopathy and sudden death: what statistics cannot tell you. Circ Cardiovasc Interv 2010;3: Leonardi RA, Kransdorf EP, Simel DL, et al. Meta-analyses of septal reduction therapies for obstructive hypertrophic cardiomyopathy: comparative rates of overall mortality and sudden cardiac death after treatment. Circ Cardiovasc Interv 2010;3: Lawrenz T, Borchert B, Leuner C, et al. Endocardial radiofrequency ablation for hypertrophic obstructive cardiomyopathy: acute results and 6 months follow-up in 19 patients. J Am Coll Cardiol 2011;57: Galve E, Sambola A, Saldana G, et al. Late benefits of dual-chamber pacing in obstructive hypertrophic cardiomyopathy: a 10-year follow-up study. Heart 2010;96: Mohiddin SA, Page SP. Long-term benefits of pacing in obstructive hypertrophic cardiomyopathy. Heart 2010;96: Bos JM, Maron BJ, Ackerman MJ, et al. Role of family history of sudden death in risk stratification and prevention of sudden death with implantable defibrillators in hypertrophic cardiomyopathy. Am J Cardiol 2010;106: Christiaans I, van Engelen K, van Langen IM, et al. Risk stratification for sudden cardiac death in hypertrophic cardiomyopathy: systematic review of clinical risk markers. Europace 2010;12: O Mahony, Lambiase PD, Quarta G, et al. The long-term survival and the risks and benefits of implantable cardioverter defibrillators in patients with hypertrophic cardiomyopathy. Heart 2012;98: Kaski JP, Syrris P, Esteban MT, et al. Prevalence of sarcomere protein gene mutations in preadolescent children with hypertrophic cardiomyopathy. Circ Cardiovas Genet 2009;2: Moak JP, Leifer ES, Tripodi D, et al. Longterm follow-up of children and adolescents diagnosed with hypertrophic cardiomyopathy: risk factors for adverse arrhythmic events. Pediatr Cardiol 2011;32: Gao D, Ning N, Niu X, et al. Trimetazidine: a meta-analysis of randomised controlled trials in heart failure. Heart 2011; 97: Abozguia K, Elliott P, McKenna W, et al. Metabolic modulator perhexiline corrects energy deficiency and improves exercise capacity in symptomatic hypertrophic cardiomyopathy. Circulation 2010;122: Corrado D, Basso C, Pilichou K, et al. Molecular biology and clinical management of arrhythmogenic right ventricular cardiomyopathy/dysplasia. Heart 2011;97: Marcus FI, McKenna WJ, Sherrill D, et al. Diagnosis of arrhythmogenic right ventricular cardiomyopathy/dysplasia: proposed modification of the task force criteria. Eur Heart J 2010;31: Fressart V, Duthoit G, Donal E, et al. Desmosomal gene analysis in arrhythmogenic right ventricular dysplasia/cardiomyopathy: spectrum of mutations and clinical impact in practice. Europace 2010;12: Otten E, Asimaki A, Maass A, et al. Desmin mutations as a cause of right ventricular heart failure affect the intercalated disks. Heart Rhythm 2010;7: Klauke B, Kossmann S, Gaertner A, et al. De novo desmin-mutation N116S is associated with arrhythmogenic right ventricular cardiomyopathy. Hum Mol Genet 2010; 19: Taylor M, Graw S, Sinagra G, et al. Genetic variation in titin in arrhythmogenic right ventricular cardiomyopathy-overlap syndromes. Circulation 2011;124: Kapplinger JD, Landstrom AP, Salisbury BA, et al. Distinguishing arrhythmogenic right ventricular cardiomyopathy/dysplasia-associated mutations from background genetic noise. J Am Coll Cardiol 2011;57: Cox MG, van der Zwaag PA, van der Werf C, et al. Arrhythmogenic right ventricular dysplasia/cardiomyopathy: pathogenic desmosome mutations in index-patients predict outcome of family screening: Dutch arrhythmogenic right ventricular dysplasia/cardiomyopathy genotype-phenotype follow-up study. Circulation 2011;123: Quarta G, Muir A, Pantazis A, et al. Familial evaluation in arrhythmogenic right ventricular cardiomyopathy: impact of genetics and revised task force criteria. Circulation 2011;123: Protonotarios N, Anastasakis A, Antoniades L, et al. Arrhythmogenic right ventricular cardiomyopathy/dysplasia on the basis of the revised diagnostic criteria in affected families with desmosomal mutations. Eur Heart J 2011;32: La Gerche A, Robberecht C, Kuiperi C, et al. Lower than expected desmosomal gene mutation prevalence in endurance athletes with complex ventricular arrhythmias of right ventricular origin. Heart 2010;96: Quarta G, Ward D, Tome Esteban MT, et al. Dynamic electrocardiographic changes in patients with arrhythmogenic right ventricular cardiomyopathy. Heart 2010;96: Corrado D, Calkins H, Link MS, et al. Prophylactic implantable defibrillator in patients with arrhythmogenic right ventricular cardiomyopathy/dysplasia and no prior ventricular fibrillation or sustained ventricular tachycardia. Circulation 2010;122: Wiltshire SA, Leiva-Torres GA, Vidal SM. Quantitative trait locus analysis, pathway analysis, and consomic mapping show genetic variants of Tnni3k, Fpgt, or H28 control susceptibility to viral myocarditis. J Immunol 2011;186: Gorbea C, Makar KA, Pauschinger M, et al. A role for Toll-like receptor 3 variants in host susceptibility to enteroviral myocarditis and dilated cardiomyopathy. J Biol Chem 2010;285: Horne BD, Rasmusson KD, Alharethi R, et al. Genome-wide significance and replication of the chromosome 12p11.22 locus near the PTHLH gene for peripartum cardiomyopathy. Circ Cardiovasc Genet 2011; 4: van Spaendonck-Zwarts KY, van Tintelen JP, van Veldhuisen DJ, et al. Peripartum cardiomyopathy as a part of familial dilated cardiomyopathy. Circulation 2010;121: Hoedemaekers YM, Caliskan K, Michels M, et al. The importance of genetic counseling, DNA diagnostics, and cardiologic family screening in left ventricular noncompaction cardiomyopathy. Circ Cardiovasc Genet 2010;3: Elliott P, O Mahony C, Syrris P, et al. Prevalence of desmosomal protein gene mutations in patients with dilated cardiomyopathy. Circ Cardiovasc Genet 2010;3: Garcia-Pavia P, Syrris P, Salas C, et al. Desmosomal protein gene mutations in patients with idiopathic dilated cardiomyopathy undergoing cardiac transplantation: a clinicopathological study. Heart 2011;97: Cowan J, Li D, Gonzalez-Quintana J, et al. Morphological analysis of 13 LMNA variants identified in a cohort of 324 unrelated patients with idiopathic or familial dilated cardiomyopathy. Circ Cardiovasc Genet 2010;3: Caleshu C, Day S, Rehm HL, et al. Use and interpretation of genetic tests in cardiovascular genetics. Heart 2010;96: Millat G, Bouvagnet P, Chevalier P, et al. Clinical and mutational spectrum in a cohort of 105 unrelated patients with dilated cardiomyopathy. Eur J Med Genet 2011;54: e570-e Moller DV, Andersen PS, Hedley P, et al. The role of sarcomere gene mutations in patients with idiopathic dilated cardiomyopathy. Eur J Hum Genet 2009;17: Probst S, Oechslin E, Schuler P, et al. Sarcomere gene mutations in isolated left ventricular noncompaction cardiomyopathy do not predict clinical phenotype. Circ Cardiovasc Genet 2011;4: Rampersaud E, Siegfried JD, Norton N, et al. Rare variant mutations identified in pediatric patients with dilated cardiomyopathy. Prog Pediatr Cardiol 2011;31: Caleshu C, Sakhuja R, Nussbaum RL, et al. Furthering the link between the sarcomere and primary cardiomyopathies: restrictive cardiomyopathy associated with multiple mutations in genes previously associated with hypertrophic or dilated cardiomyopathy. Am J Med Genet A 2011; 155A: Kaski JP, Syrris P, Burch M, et al. Idiopathic restrictive cardiomyopathy in children is caused by mutations in cardiac sarcomere protein genes. Heart 2008;94: Girolami F, Ho CY, Semsarian C, et al. Clinical features and outcome of hyper- 89

7 PM ELLIOTT, SA MOHIDDIN trophic cardiomyopathy associated with triple sarcomere protein gene mutations. J Am Coll Cardiol 2010;55: Hershberger RE, Norton N, Morales A, et al. Coding sequence rare variants identified in MYBPC3, MYH6, TPM1, TNNC1, and TNNI3 from 312 patients with familial or idiopathic dilated cardiomyopathy. Circ Cardiovasc Genet 2010;3: Rampersaud E, Kinnamon DD, Hamilton K, et al. Common susceptibility variants examined for association with dilated cardiomyopathy. Ann Hum Genet 2010;74: Armel TZ, Leinwand LA. Mutations at the same amino acid in myosin that cause either skeletal or cardiac myopathy have distinct molecular phenotypes. J Mol Cell Cardiol 2010;48: Friedrich MG, Sechtem U, Schulz- Menger J, et al. Cardiovascular magnetic resonance in myocarditis: a JACC White Paper. J Am Coll Cardiol 2009;53: Monney PA, Sekhri N, Burchell T, et al. Acute myocarditis presenting as acute coronary syndrome: role of early cardiac magnetic resonance in its diagnosis. Heart 2010; 97: Leurent G, Langella B, Fougerou C, et al. Diagnostic contributions of cardiac magnetic resonance imaging in patients presenting with elevated troponin, acute chest pain syndrome and unobstructed coronary arteries. Arch Cardiovasc Dis 2011;104: Assomull RG, Prasad SK, Lyne J, et al. Cardiovascular magnetic resonance, fibrosis, and prognosis in dilated cardiomyopathy. J Am Coll Cardiol 2006;48: Lehrke S, Lossnitzer D, Schob M, et al. Use of cardiovascular magnetic resonance for risk stratification in chronic heart failure: prognostic value of late gadolinium enhancement in patients with non-ischaemic dilated cardiomyopathy. Heart 2011;97: Malaty AN, Shah DJ, Abdelkarim AR, et al. Relation of replacement fibrosis to left ventricular diastolic function in patients with dilated cardiomyopathy. J Am Soc Echocardiogr 2011;24: Holmstrom M, Kivisto S, Helio T, et al. Late gadolinium enhanced cardiovascular magnetic resonance of lamin A/C gene mutation related dilated cardiomyopathy. J Cardiovasc Magn Reson 2011;13: Nucifora G, Aquaro GD, Pingitore A, et al. Myocardial fibrosis in isolated left ventricular non-compaction and its relation to disease severity. Eur J Heart Fail 2011;13: Alter P, Rupp H, Adams P, et al. Occurrence of late gadolinium enhancement is associated with increased left ventricular wall stress and mass in patients with nonischaemic dilated cardiomyopathy. Eur J Heart Fail 2011;13: Wu KC, Weiss RG, Thiemann DR, et al. Late gadolinium enhancement by cardiovascular magnetic resonance heralds an adverse prognosis in nonischemic cardiomyopathy. J Am Coll Cardiol 2008;51: Tigen K, Karaahmet T, Kirma C, et al. Diffuse late gadolinium enhancement by cardiovascular magnetic resonance predicts significant intraventricular systolic dyssynchrony in patients with non-ischemic dilated cardiomyopathy. J Am Soc Echocardiogr 2010;23: Escher F, Westermann D, Gaub R, et al. Development of diastolic heart failure in a 6- year follow-up study in patients after acute myocarditis. Heart 2011;97: Dickstein K, Vardas PE, Auricchio A, et al focused update of ESC guidelines on device therapy in heart failure: an update of the 2008 ESC guidelines for the diagnosis and treatment of acute and chronic heart failure and the 2007 ESC guidelines for cardiac and resynchronization therapy. Developed with the special contribution of the Heart Failure Association and the European Heart Rhythm Association. Eur Heart J 2010;31: McNamara DM, Starling RC, Cooper LT, et al. Clinical and demographic predictors of outcomes in recent onset dilated cardiomyopathy results of the IMAC (Intervention in Myocarditis and Acute Cardiomyopathy)-2 study. J Am Coll Cardiol 2011;58: Verma A, Wulffhart Z, Lakkireddy D, et al. Incidence of left ventricular function improvement after primary prevention ICD implantation for non-ischaemic dilated cardiomyopathy: a multicentre experience. Heart 2010;96: Meune C, Van Berlo JH, Anselme F, et al. Primary prevention of sudden death in patients with lamin A/C gene mutations. N Engl J Med 2006;354: McNally EM, Sparano D. Mechanisms and management of the heart in myotonic dystrophy. Heart 2011;97: Lallemand B, Clementy N, Brunet AB, et al. The evolution of infrahissian conduction time in myotonic dystrophy patients: clinical implications. Heart 2011 Oct 29 [Epub ahead of print]. 73. van Bommel RJ, Marsan NA, Delgado V, et al. Cardiac resynchronization therapy as a therapeutic option in patients with moderate-severe functional mitral regurgitation and high operative risk. Circulation 2011; 124: Rossi A, Dini FL, Faggiano P, et al. Independent prognostic value of functional mitral regurgitation in patients with heart failure. A quantitative analysis of 1256 patients with ischaemic and non-ischaemic dilated cardiomyopathy. Heart 2011;97: Bertini M, Ziacchi M, Biffi M, et al. Effects of cardiac resynchronisation therapy on dilated cardiomyopathy with isolated ventricular non-compaction. Heart 2011;97: Agricola E, Oppizzi M, Galderisi M, et al. Role of regional mechanical dyssynchrony as a determinant of functional mitral regurgitation in patients with left ventricular systolic dysfunction. Heart 2006;92: Donal E, De Place C, Kervio G, et al. Mitral regurgitation in dilated cardiomyopathy: value of both regional left ventricular contractility and dyssynchrony. Eur J Echocardiogr 2009;10: Chiu C, Bagnall RD, Ingles J, et al. Mutations in alpha-actinin-2 cause hypertrophic cardiomyopathy: a genome-wide analysis. J Am Coll Cardiol 2010;55: Brauch KM, Karst ML, Herron KJ, et al. Mutations in ribonucleic acid binding protein gene cause familial dilated cardiomyopathy. J Am Coll Cardiol 2009;54: Morales A, Painter T, Li R, et al. Rare variant mutations in pregnancy-associated or peripartum cardiomyopathy. Circulation 2010;121: Arimura T, Bos JM, Sato A, et al. Cardiac ankyrin repeat protein gene (ANKRD1) mutations in hypertrophic cardiomyopathy. J Am Coll Cardiol 2009;54: Moulik M, Vatta M, Witt SH, et al. ANKRD1, the gene encoding cardiac ankyrin repeat protein, is a novel dilated cardiomyopathy gene. J Am Coll Cardiol 2009;54: Villard E, Perret C, Gary F, et al. A genome-wide association study identifies two loci associated with heart failure due to dilated cardiomyopathy. Eur Heart J 2011; 32: Norton N, Li D, Rieder MJ, et al. Genomewide studies of copy number variation and exome sequencing identify rare variants in BAG3 as a cause of dilated cardiomyopathy. Am J Hum Genet 2011;88: Neely GG, Kuba K, Cammarato A, et al. A global in vivo drosophila RNAi screen identifies NOT3 as a conserved regulator of heart function. Cell 2010;141: Voelkerding KV, Dames S, Durtschi JD. Next generation sequencing for clinical diagnostics-principles and application to targeted resequencing for hypertrophic cardiomyopathy: a paper from the 2009 William Beaumont Hospital Symposium on Molecular Pathology. J Mol Diagn 2010;12: Ware JS, Roberts AM, Cook SA. Next generation sequencing for clinical diagnostics and personalised medicine: implications for the next generation cardiologist. Heart 2011 Nov 29 [Epub ahead of print]. 88. Dames S, Durtschi J, Geiersbach K, et al. Comparison of the Illumina Genome Analyzer and Roche 454 GS FLX for resequencing of hypertrophic cardiomyopathy-associated genes. J Biomol Tech 2010;21: Meder B, Haas J, Keller A, et al. Targeted next-generation sequencing for the molecular genetic diagnostics of cardiomyopathies. Circ Cardiovasc Genet 2011;4: Gowrisankar S, Lerner-Ellis JP, Cox S, et al. Evaluation of second-generation sequencing of 19 dilated cardiomyopathy genes for clinical applications. J Mol Diagnost 2010;12:

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Il Doppler tissutale pulsato illustrato ad uno specializzando in cardiologia

Il Doppler tissutale pulsato illustrato ad uno specializzando in cardiologia Il Doppler tissutale pulsato illustrato ad uno specializzando in cardiologia Maurizio Galderisi, Stefano Nistri, Gerardo Ansalone, Frank Lloyd Dini, Giovanni Di Salvo, Sabina Gallina, Donato Mele, Roberta

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010 Linee guida AIAC 2010 per la gestione e il trattamento della FIBRILLAZIONE ATRIALE Antonio Raviele (Chairman) 1 Marcello Disertori (Chairman) 2 Paolo Alboni 3 Emanuele Bertaglia 4 Gianluca Botto 5 Michele

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia 5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia Attualmente in Italia la genomica per malattie complesse ha trovato un applicazione pratica in un numero molto ristretto di situazioni. I test

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Valutazione delle tecnologie emergenti

Valutazione delle tecnologie emergenti Dott Tom Jefferson Consulente Sez. Innovazione, Sperimentazione e Sviluppo Valutazione delle tecnologie emergenti Dispositivi Impiantabili: revisioni legislative" - Roma, 7 novembre 2013 L Agenzia Ente

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Scopo della ricerca Lo scopo della ricerca è di valutare l efficacia

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base A cura del dottor Umberto Gnudi 1 Generalità Elettricità cardiaca La contrazione di ogni muscolo si accompagna a modificazioni elettriche chiamate "depolarizzazioni"

Dettagli

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare Paolo Brambilla ASL Milano 2, Melegnano, Milano email: paolo.brambilla3@tin.it Gruppo di lavoro SIPPS Obesità e Stili di vita Sergio Bernasconi, Paolo

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza Simona Giampaoli, Anna Rita Ciccaglione Istituto Superiore di Sanità Prevalenza e carico dell infezione cronica da virus dell epatite

Dettagli

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE corso di aggiornamento GESTIONE DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA CRONICA STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare Direttore scientifico: 18 aprile 2015 Sala Rosangelo Mazzarino (CL) edizione 1 PROGRAMMA

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale:

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIFETTI SETTALI Classificazione dei difetti settali: I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIA tipo Ostium Secundum, il più comune, con deficit

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI

VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI 90 STRUMENTI DI VALUTAZIONE DEI DISTURBI COGNITIVI: UTILITÀ E LIMITI DI IMPIEGO Marianna Amboni CEMAND, Università di Salerno IDC Hermitage-Capodimonte, Napoli

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA La più potente analisi retrospettiva dei dati relativi a un evento cardiaco. Prestazioni migliorate. Livello di assistenza più elevato. 1

Dettagli

Cardioaritmologia nel Lazio

Cardioaritmologia nel Lazio Cardioaritmologia nel Lazio Regione Lazio Roma, 27-28 marzo 2015 Ergife Palace Hotel PROGRAMMA AVANZATO Con il Patrocinio di ANCE Cardiologia Italiana del Territorio Sezione Regionale Lazio Coordinatori:

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce La defibrillazione precoce L'American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche difetti del setto interatriale difetti del setto interventricolare pervietà del dotto arterioso stenosi aortica

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Cos'é un test genetico predittivo?

Cos'é un test genetico predittivo? 16 Orientamenti bioetici per i test genetici http://www.governo.it/bioetica/testi/191199.html IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Autorizzazione al trattamento dei dati genetici - 22 febbraio

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli