Recenti prove di efficacia in Broncopneumologia pediatrica. Marcello Bergamini Pediatra di Famiglia Ferrara. Asmologia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Recenti prove di efficacia in Broncopneumologia pediatrica. Marcello Bergamini Pediatra di Famiglia Ferrara. Asmologia"

Transcript

1 Recenti prove di efficacia in Broncopneumologia pediatrica Marcello Bergamini Pediatra di Famiglia Ferrara Negli ultimi due anni la letteratura internazionale si è arricchita di numerosi contributi di elevata qualità in vari campi di interesse bronco-pneumologico e allergologico. Alcuni di questi lavori hanno un importanza particolare in quanto le loro conclusioni potrebbero condurre, nel futuro e nell ambito delle diverse patologie indagate, a rilevanti cambiamenti nella pratica clinica. Attraverso l analisi critica di questi studi tenteremo di capire se questa speranza sia fondata o meno. Ogni pubblicazione scientifica può possedere i crismi della novità, ed è ovvio che tale assunto valga maggiormente per i lavori di ricerca sperimentale, pura; esso può però valere anche per i trial clinici ben condotti, siano essi di tipo osservazionale che di tipo randomizzato controllato e di intervento. Ho ritenuto opportuno, in questo contesto, individuare i lavori scientifici forieri di nuove, o nuovamente definite, evidenze le quali avessero un immediata correlazione con la pratica clinica bronco-pneumo-allergologica del pediatra. Per raggiungere questo scopo ho deciso di consultare regolarmente il servizio di aggiornamento settimanale on-line della canadese Mc Master University di Toronto (una delle culle della Evidence Based Medicine), denominato Evidence Updates 1 ; il servizio consente di accedere alle pubblicazioni che gli esperti della Mac Master periodicamente selezionano, eliminando il grande ed inevitabile rumore prodotto dalle migliaia di lavori pressoché inutili. Oltre a questa strategia, ho monitorato le uscite delle più importanti riviste internazionali (i cosiddetti core clinical journals ) e delle Revisioni Sistematiche Cochrane 2 nei settori della Broncopneumologia e dell Allergologia; infine ho consultato alcuni fra i migliori esperti delle suddette discipline. I termini temporali della mia ricerca partono dagli inizi del 2008, limite che mi è sembrato ragionevole ben sapendo che le vere novità, e meno ancora le vere e proprie prove di efficacia, in campo medico non sono così frequenti come potrebbe apparire dal numero spropositato, in rapporto al tempo, delle pubblicazioni. La conclusione, non certo definitiva, della ricerca si pone ai primi giorni del mese di Ottobre Per ovvie ragioni di opportunità e di tempo ho infine operato un ulteriore e definitiva selezione per ottenere i lavori più significativi. Asmologia 1. Agli inizi del 2009 è uscito sul New England Journal of Medicine un lavoro sul trattamento in età prescolare delle crisi asmatiche con steroidi orali. Un RCT che ha suscitato alquanto scalpore 3 ; i medesimi autori inglesi avevano peraltro dimostrato qualche anno prima come la somministrazione di uno steroide da parte dei genitori, per via orale a domicilio e per cinque giorni, non riusciva a modificare il loro score respiratorio, né diminuiva la necessità del ricovero. In questo nuovo studio multicentrico, 687 bambini dai 10 mesi ai 5 anni ricoverati nel corso di un episodio acuto di wheezing sono stati randomizzati a ricevere placebo oppure 10 mgr di Prednisolone orale (20 mgr sopra i 2 anni) per 5 giorni. Fra i due gruppi non risultò alcuna differenza significativa per l indicatore d esito primario (la durata del ricovero) così come per nessun altro degli indicatori d esito secondari (le differenze fra i due gruppi negli score clinici respiratori a 4, 12 e 24 ore dal ricovero, le dosi totali di salbutamolo somministrate durante il ricovero e a casa, gli score dei sintomi respiratori registrati dai genitori a domicilio nell arco dei primi 7 giorni dopo il ricovero, il tempo richiesto dal bambino per tornare alle sue normali attività, e infine la percentuale degli eventuali nuovi ricoveri, sempre dovuti a wheezing, e avvenuti nel mese successivo. La conclusione degli autori, che nei bambini di età prescolare ricoverati in ospedale per crisi di broncospasmo acuto da lieve a moderato un ciclo di cinque giorni di prednisolone orale

2 non è superiore al placebo nel ridurre la durata della degenza e l intensità dei sintomi, deve fare i conti con le seguenti obiezioni: - il limite inferiore di età (10 mesi) che i partecipanti dovevano avere per poter essere arruolati non esclude la possibilità che alcune delle crisi respiratorie acute fossero, in realtà, casi di bronchiolite acuta del lattante; - quasi tutti i bambini arruolati con wheezing di entità lieve moderata non sarebbero molto probabilmente stati ricoverati in una realtà come quella italiana dove, a differenza che nel Regno Unito, esiste la rete dei pediatri di famiglia; - lo score clinico che i genitori dovevano registrare tramite un diario non è mai stato validato a livello internazionale; - altri studi sull argomento 4 avevano dimostrato come un ciclo di 3 giorni di prednisolone per os in bambini di 1 anno ospedalizzati per il primo episodio di broncospasmo era in grado di diminuire in misura statisticamente significativa rispetto al placebo le ricadute nei due mesi seguenti, pur non riuscendo a ridurre la durata del ricovero. E interessante a questo punto osservare che le principali Linee Guida (LG) internazionali sull Asma (GINA 5, SIGN 6 ) e le più recenti LG della Società Italiana di Pediatria 7 raccomandano con forza di grado A la terapia steroidea orale nelle crisi acute di broncospasmo. Solo le LG SIGN differenziano, in linea teorica, la situazione nei bambini di età superiore o inferiore ai 6 anni, ma alla fine non forniscono raccomandazioni concrete in merito alla gestione dei bambini critici, in particolare per quanto riguarda la terapia steroidea orale. 2. Tra il 2008 ed il 2009 si è sviluppato nella comunità scientifica un notevole dibattito sui possibili effetti avversi della terapia inalatoria con i Corticosteroidi a lunga durata d azione, o Long Acting Beta-Agonists (LABA). I risultati della Revisione Sistematica con metanalisi di Bateman e colleghi, apparsa nel 2008 sugli Annals of Internal Medicine 8, hanno dimostrato come l aggiunta di salmeterolo alla terapia cronica con steroidi inalatori non aumenta il rischio di ricovero per asma, rispetto all utilizzo dei soli corticosteroidi inalatori (CSI); l associazione dei due farmaci diminuirebbe invece, seppur lievemente, la frequenza di riacutizzazioni gravi. Nel lavoro venivano presi in considerazione sia trials su adulti che su bambini. Lo studio SMART (Salmeterol Multicenter Asthma Research Trial) 9 aveva invece evidenziato un numero maggiore di morti per asma, e di eventi a rischio per la vita in rapporto all uso dei LABA, ma in questa metanalisi erano inclusi soprattutto studi su pazienti che assumevano i LABA in monoterapia; pertanto i suoi risultati non sono confrontabili con quelli della più recente RS di Bateman. Per chiarire (definitivamente?) le cose è sopraggiunta, nel 2009, una sontuosa RS della Cochrane Collaboration in cui le metanalisi erano state effettuate differenziando i bambini dagli adulti. Le sue principali, importanti, conclusioni sono le seguenti: - l aggiunta di un LABA alla dose abituale di CSI, nei bambini con asma persistente, non si è dimostrata in grado di ridurre la frequenza delle esacerbazioni asmatiche, ma si è dimostrata superiore nel migliorare la funzionalità respiratoria - rispetto a dosi doppie di CSI, l aggiunta di un LABA non ha aumentato significativamente il rischio di esacerbazioni e si è associata ad un significativamente migliore aumento del PEF e ad un miglioramento della crescita staturale. 3. Un altro importante filone di discussione fra gli specialisti allergologi e pneumologi si è sviluppato negli ultimi mesi sulla terapia di fondo dei pazienti asmatici (con wheezing persistente oppure ricorrente ad elevata frequenza) in età prescolare. Raccomandazioni formalmente differenti sono infatti reperibili nei documenti di consenso internazionali: in particolare, mentre le LG della British Thoracic Society e del SIGN raccomandano il possibile uso degli inibitori dei leucotrieni, Montelukast in testa, nel caso gli steroidi inalatori non possano essere usati, le LG GINA ed il Consensus europeo PRACTALL 10 raccomandano i CSI, dai 2 anni di vita in su senza distinzioni, in qualità di opzione preferenziale, lasciando liberi i medici di intervenire con il Montelukast in veste di vera e propria alternativa rispetto

3 agli incrementi delle dosi steroidee, in qualsiasi caso di asma controllato in modo non ottimale. A parziale chiarimento del problema, nel 2009 è stata pubblicata una RS di autori italiani 11 che ha evidenziato come esista a tutt oggi un unico lavoro nei bambini sotto i 5 anni nel quale siano stati confrontati i CSI in monoterapia con gli inibitori dei Leucotrieni in monoterapia, per il controllo dell asma 12. Da tale lavoro risulta una differenza non significativa fra i due tipi di intervento, ma esso è gravato da notevoli pecche metodologiche che vanno dalla bassa numerosità campionaria al mancato successo della procedura di randomizzazione. Dati di qualità scarsa quindi, ma si tratta degli unici disponibili per quelle fasce di età. Le conclusioni generali della RS, che interessava a dire il vero tutte le età pediatriche, sono che nei bambini veramente asmatici può essere preso in esame l uso del Montelukast in caso di impossibile assunzione dei CSI o di comparsa di eventi avversi con il loro uso. E bene ricordare che, nei bambini sotto i 5-6 anni affetti wheezing ricorrente di natura virale, anche l uso dei CSI possiede prove di efficacia che dobbiamo considerare, al momento, di mediocre qualità Un nuovo corticosteroide inalatorio si è andato affermando negli ultimi anni, la Ciclesonide, in virtù della potenziale minore incidenza di effetti avversi. Sulla Cochrane Collaboration sono state pubblicate nel 2008 due RS dedicate a tutte le fasce di età, una sul confronto fra questo nuovo farmaco ed il placebo 14 ed una seconda sul suo confronto con altri CSI 15. Quest ultima è senza dubbio più interessante dal punto di vista clinico, in considerazione del fatto che i CSI sono già da tempo considerati il gold-standard nella prevenzione delle riacutizzazioni nei soggetti asmatici. Gli autori avevano dimostrato un efficacia noninferiore della terapia con Ciclesonide sui principali parametri di funzionalità respiratoria. Per quanto riguarda la popolazione pediatrica era risultata soltanto una minor incidenza di Candidosi orale nei bambini trattati con Ciclesonide, ma era stata fortemente raccomandata la programmazione di ulteriori studi nell infanzia. Ed ecco, sempre nel 2008, arrivare lo studio esclusivamente pediatrico, di Skoner 16, che arruola per la randomizzazione 661 bambini poi seguiti per un totale di 20 mesi e dimostra nei bambini trattati anche con dosi elevate di Ciclesonide (corrispondenti alle dosi abituali di Fluticasone Priopionato o di Budesonide) una diminuzione della velocità media di crescita staturale rispetto al gruppo placebo di soli 1,5 mm dopo 1 anno, a fronte dei 3 mm circa dello studio CAMP 17 o degli oltre 4 mm dello studio SMART 18, entrambi effettuati con i comuni CSI. Pneumologia Bronchiolite del lattante - La possibilità che una soluzione ipertonica, quando inalata dal lattante in preda alla bronchiolite, potesse avere effetti terapeutici attraverso molteplici meccanismi, era già nota da tempo. Nel 2008 è stata pubblicata dalla Cochrane un interessante RS che ha selezionato quattro studi di confronto fra Ipertonica 3% e soluzione fisiologica 0,9% per un totale di 254 pazienti 19. Sessantacinque di questi provenivano dall unico studio su lattanti non ricoverati; fra questi, quelli trattati con Ipertonica venivano in seguito ricoverati con la stessa frequenza di quelli trattati con Fisiologica, forse a causa della loro minore gravità. Nei pazienti ricoverati invece, era ben evidente il successo della terapia, in quanto essi rimanevano ricoverati per un tempo mediamente inferiore del 26% (cioè circa 1 giorno di degenza). Entrambe le categorie di pazienti presentavano poi scores clinici migliori a seguito dell inalazione di Ipertonica rispetto all inalazione di Fisiologica, e questo effetto era più evidente nei primi due giorni dall esordio, meno al terzo. Nessun evento avverso di rilievo è stato segnalato, ma bisogna ricordare che in 3 di questi lavori era prevista l inalazione contemporanea di Adrenalina (a dosaggi nettamente inferiori a quelli utilizzati nel tentativo di cura della malattia) e nell altro di un broncodilatatore, con lo scopo di

4 contrastare il possibile effetto bronco-ostruttivo dell Ipertonica; ciò può aver condizionato in modo positivo la comparsa di eventi avversi nella popolazione studiata. - Nel 2009 è stato pubblicato sul NEJM uno studio randomizzato controllato, multicentrico, multifattoriale (sono stati confrontati fra loro più interventi), in doppio cieco, controllato con doppio placebo, realizzato fra il 2004 e il 2007 in Canada con la partecipazione di 8 Dipartimenti di Emergenza Pediatrica (DEP) distribuiti su quel territorio nazionale 20. Lo studio canadese ha il merito di voler cercare una possibile via per un problema, quello della bronchiolite acuta del lattante, per il quale un approccio farmacologico (escludendo qui l approccio non strettamente farmacologico costituito dalla Soluzione Ipertonica) sembra oggi poco percorribile. Dobbiamo infatti tenere nel debito conto i risultati di alcune recenti metanalisi Cochrane sull uso dell adrenalina e dei broncodilatatori (efficacia modesta e su outcomes di tipo solamente funzionale), e sull uso degli steroidi, orali o per inalazione (efficacia non dimostrata). Plint e colleghi hanno qui ipotizzato l efficacia del tutto nuova dell intervento combinato Adrenalina (2 inalazioni distanziate di mezz ora) più Desametasone (1 mg/kg subito, fino ad un massimo di 10 mg, seguito, a domicilio, da altre 5 monodosi giornaliere di 0,6 mg/kg). Essi hanno tentato di dimostrare la loro ipotesi allestendo un RCT quantitativamente importante e qualitativamente buono; e hanno scelto un indicatore d esito primario particolarmente robusto, la frequenza di ricovero per patologia respiratoria nei 7 giorni successivi alla prima visita di arruolamento in Pronto Soccorso. Hanno perciò randomizzato in 4 gruppi 800 bambini di età compresa fra il mese e mezzo all anno, colpiti dal loro primo episodio di distress respiratorio acuto associato a segni clinici di infezione virale delle prime vie aeree. Essi ricevevano, alternativamente, Desametasone orale più placebo per inalazione, Adrenalina inalatoria più placebo orale, entrambi i farmaci, oppure entrambi i placebo (metodica double dummy). Le differenze riscontrate nell outcome primario (il ricovero in settima giornata) fra Adrenalina e Placebo e fra Desametasone e Placebo risultarono decisamente non significative in prima, settima e ventiduesima giornata, mentre il confronto fra il gruppo Adrenalina più Desametasone e il gruppo Placebo raggiunse la significatività statistica alla 7 giornata. Il numero di pazienti che sarebbe necessario trattare (NNT) con entrambi i farmaci per far sì che uno di loro non si ritrovi ricoverato alla 7 giornata fu 11, un risultato apprezzabile, pur in considerazione della scarsa precisione di questa stima (Intervalli di Confidenza 95% da 6 a 75) ma tenendo ben in mente qual è l impatto assistenziale ed economico dei ricoveri per bronchiolite nell età del lattante. Gli eventi avversi ebbero una frequenza davvero modesta (nonostante le dosi elevate di steroidi) e non diversa da gruppo a gruppo; la loro entità fu lieve e i quadri clinici rilevati, comunque, non erano riconducibili in modo causale al tipo di intervento. Le analisi di sensitività effettuate non dimostrarono cambiamenti di direzione dei risultati in rapporto alla presenza o meno di atopia, di infezione da VRS documentata o di un quadro iniziale decisamente peggiore Un approccio nuovo quindi, da verificare con studi dedicati al solo confronto fra il trattamento combinato ed il placebo, per cercare di ottenere, attraverso un aumento della numerosità campionaria, risultati migliori e meno imprecisi. Fibrosi cistica L ipotesi di una possibile efficacia della Soluzione Ipertonica nell indurre un miglioramento dei parametri funzionali del soggetto (adulto o bambino) con Fibrosi Cistica, e nell indurre un minor numero di esacerbazioni polmonari nel medio e nel lungo termine, era stata posta da tempo. A questo interrogativo ha cercato di dare una risposta solo di recente una RS Cochrane 21 che include 22 studi, l ultimo dei quali risale al 2006, per un totale di 442 pazienti. Un solo lavoro 22 aveva previsto un trattamento a lungo termine (4 anni) con due inalazioni giornaliere di Ipertonica, avendo come confronto la Fisiologica: una differenza significativa nel FEV1 fu riscontrata fra i due gruppi dopo 4 settimane di studio; nel tempo questa efficacia veniva perduta, mentre invece si mantenevano buoni i risultati per quanto riguardava la qualità della vita e la riduzione delle

5 esacerbazioni. Negli studi in cui essa fu confrontata con l inalazione di Dessossiribonucleasi ricombinante, si dimostrò l inefficacia a lungo termine dell Ipertonica nel miglioramento della funzionalità polmonare dei pazienti. Gli autori della RS concludono affermando che l utilizzo della Soluzione Ipertonica a concentrazioni superiori al 3% è comunque raccomandabile. Tosse cronica Sulla prestigiosa rivista Chest è apparso, verso la fine del 2008, un lavoro di grande interesse pratico 23, non uno studio di intervento per dimostrare l efficacia di un farmaco sulla tosse cronica del bambino, bensì un lavoro pragmatico, destinato a verificare sul campo l efficacia, in termini diagnostici e terapeutici, dell applicazione delle Linee Guida pediatriche dell American College of Chest Phisicians (ACCP), pubblicate sempre su quella rivista nel Un gruppo di pediatri turchi ha progressivamente reclutato, presso il centro di Allergologia dell Ospedale pediatrico di Izmir, una serie di bambini affetti da tosse cronica, definita dalla durata superiore alle 4 settimane in accordo con le citate Linee Guida statunitensi. Il criterio fondamentale di inclusione dei pazienti, oltre a quello della durata della tosse, era l assenza dei cosiddetti pointers, termine che sta ad indicare tutta la serie di segni e sintomi di allarme che, se presenti, dovrebbero orientare il medico verso un eziologia specifica della tosse. Furono così arruolati 108 bambini dai 6 ai 14 anni con tosse cronica ; essi, secondo le raccomandazioni, furono subito sottoposti ad un Rx standard del torace e ad un indagine di funzionalità respiratoria (Spirometria). Venti pazienti risultarono affetti da Asma, tre pazienti ebbero invece un Rx torace evocativo di patologia suppurativa endobronchiale. Gli 85 bambini rimanenti vennero seguiti per altre 2-4 settimane, durante le quali ricevettero, in 5 casi una diagnosi di Malattia da Reflusso Gastro-Esofageo (GERD) e in 31 casi una diagnosi di Upper Airway Cough Syndrome (UACS), denominazione che va a sostituire il tradizionale postnasal discharge. Di quegli 85 bambini, i 47 affetti da tosse cronica non specifica vennero sottoposti a 2 diversi tipi di trial empirico di terapia: 39 bambini con tosse catarrale eseguirono un ciclo di 10 giorni di Claritromicina, mentre 8 bambini con tosse secca eseguirono un ciclo di terapia con Budesonide 400 mcg/die per 2-3 settimane. In conclusione e al termine di questo lungo e articolato iter diagnostico-terapeutico, i componenti del team ottennero le seguenti diagnosi, più o meno definitive: - 25% Asma più sintomi simil-asmatici % Bronchite batterica protratta % UACS - 12% Bronchite batterica protratta più sintomi simil-asmatici - 7.4% UACS più sintomi simil-asmatici - 4.6% Malattia da Reflusso Gastro-esofageo - 2.7% Bronchiectasie - 1.8% Risoluzione spontanea - 0.9% Tubercolosi, Mycoplasmosi e Malformazione congenita Rispetto ai precedenti dati della letteratura, provenienti da vari lavori di Anne Chang, ciò che differisce è la frequenza di bronchite batterica a decorso protratto, decisamente inferiore in questo trial (23.4%) rispetto ad un noto lavoro di Marchant 25, che riportava una frequenza del 40% ma su di una popolazione costituita da bambini di età inferiore ai 2 anni. La frequenza del 23,4% di Bronchite Protratta risulta essere di poco inferiore, nel lavoro di Asilsoy, alla frequenza cumulativa del 25% fra Asma e asthma-like symptoms, un valore inaspettato. Tale tendenza potrebbe essere attribuita al fatto che l arruolamento era avvenuto presso un ambulatorio di Allergologia e all età non più giovanissima dei pazienti. Si tratta indubbiamente di un lavoro importante poiché rappresenta un primo tentativo di applicazione sul campo di Linee Guida

6 gestionali sulla tosse a decorso prolungato, un problema estremamente frequente nell ambulatorio del pediatra generalista, per il quale purtroppo i bambini vanno incontro, spessissimo, ai più disordinati interventi, proprio a causa della mancanza di un preciso indirizzo operativo in campo diagnostico e terapeutico. Ricerca e genetica Nel corso dei primi anni del terzo millennio l attenzione dei genetisti e degli allergologi si è posata in modo particolarmente consistente sull associazione fra determinate alterazioni del patrimonio genetico e probabilità di sviluppare dermatite atopica, sensibilizzazione allergica, allergia alimentare, rinite allergica e asma. Per tentare di dimostrare tali associazioni sono stati prodotti in quel periodo numerosi studi epidemiologici, sia del tipo caso-controllo sia su gruppi familiari. Molto recentemente è apparsa sul British Medical Journal una Revisione Sistematica qualitativamente molto buona e dal significativo titolo di Filaggrin gene defects and risk of developing allergic sensitisation and allergic disorders 26. La Filaggrina è una proteina che svolge un ruolo fondamentale nel mantenimento di un efficace barriera cutanea nei confronti dei vari insulti ambientali. La sua primaria funzione sembra essere quella aggregare il citoscheletro epidermico formando uno strato proteico-lipidico in grado di regolare la permeabilità della cute all acqua ed a tutte quelle molecole che possono svolgere un ruolo allergenico. Il gene della profilaggrina risiede nel cromosoma 1q21, all interno del complesso di differenziazione dell epidermide. Le mutazioni che conducono alla perdita della capacità funzionale della Filaggrina sono relativamente frequenti, arrivando ad interessare il 10% circa della popolazione del mondo occidentale. In Europa le più comuni mutazioni riscontrate sono la R501X e la 2280del4. L ipotesi che si sta facendo strada, suffragata da modelli sperimentali su topi con Eczema Atopico, è che le alterazioni della barriera cutanea presenti nei soggetti portatori delle suddette mutazioni e affetti da dermatite atopica, conducano dapprima alla sensibilizzazione allergenica nei confronti degli proteine penetrate attraverso la barriera, poi allo sviluppo di reazioni sistemiche e di quadri patologici di iperreattività delle vie aeree. Nella citata RS del BMJ sono stati selezionati 20 studi caso-controllo e 8 analisi su gruppi di famiglie. I suoi risultati più importanti possono essere così riassunti: i soggetti che risultano portatori delle due mutazioni hanno una probabilità di sviluppare sensibilizzazione allergica di 1.91 volte superiore ai soggetti senza mutazioni; questa tendenza è meno eclatante negli studi casocontrollo (1.57 volte). La probabilità di sviluppare Dermatite Atopica è risultata invece di 2 volte superiore negli studi su base familiare e di ben 4.78 volte negli studi caso-controllo. Gli studi che avevano indagato i rapporti fra le mutazioni del gene della Filaggrina e lo sviluppo di Rinite Allergica hanno evidenziato una probabilità di malattia 1.78 maggiore nei soggetti senza DA e 2.84 maggiore nei soggetti con DA. Tale associazione incondizionata non è stata invece dimostrata per l Asma: nei soggetti con mutazioni infatti, la probabilità di sviluppare Asma era significativamente maggiore se essi erano portatori di Dermatite Atopica (2.8 volte in più negli studi caso-controllo e 2.3 negli studi su base familiare), mentre non era significativamente maggiore quando i pazienti non soffrivano di Dermatite Atopica. Ciò sembrerebbe indicare che sono soltanto le condizioni di alterata barriera cutanea indotte dalla DA a predisporre il bambino portatore di mutazioni allo sviluppo di una sensibilizzazione a livello respiratorio. Le implicazioni di questa scoperta per la pratica clinica pediatrica e dermatologica sono ben comprensibili: la buona protezione della cute dal contatto con potenziali allergeni respiratori e alimentari, unitamente alla preservazione del suo effetto barriera con prodotti emollienti, provvedimenti già da tempo ritenuti fondamentali nel soggetto eczematoso, potrebbero rivestire davvero il ruolo, ora basato su robuste prove scientifiche, di prevenzione della cosiddetta marcia allergica nel bambino già riconosciuto come geneticamente predisposto.

7 Panickar J, Lakhanpaul M, Lambert PC et al. Oral Prednisolone for Preschool Children with Acute Virus-Induced Wheezing. NEJM 2009;360; Jartti T, Lehtinen P, Vanto T. Evaluation of the efficacy of prednisolone in early wheezing induced by rhinovirus or respiratory syncytial virus Pediatr Infec Dis J 2006;25: Global Initiative for Asthma (GINA), National Heart,Lung and Blood Institute (NHLBI).Global strategy for asthma management and prevention. Bethesda (MD): Global Initiative for Asthma (GINA), National Heart, Lung and Blood Institute (NHLBI), Scottish Intercollegiate Guidelines Network (SIGN), British Thoracic Society. British guideline on themanagement of asthma. A national clinical guideline. Edinburgh (Scotland) Società Italiana di Pediatria. Linee guida SIP: Gestione dell attacco acuto di asma in età pediatrica Area Pediatrica 2008;5: Bateman E, Nelson H, Bousquet J et al. Meta-analysis : effects of adding salmeterol to inhaled corticosteroids on serious asthma-related events. Ann Intern Med 2008; 149: Nelson HS, Weiss ST, Bleecker ER Yancey SW, Dorinsky PM. SMART Study Group. The Salmeterol Multicenter Asthma Research Trial: a comparison of usual pharmacotherapy for asthma or usual pharmacotherapy plus salmeterol. Chest 2006;129: Bacharier LB, Boner A, Carlsen KH et al., The European Pediatric Asthma Group. Diagnosis and treatment of asthma in childhood: a PRACTALL consensus report. Allergy. 2008;63: Miceli Sopo S, Onesimo R, Radzik D. et al. Montelukast versus inhaled corticosteroids as monotherapy for prevention of asthma: which one is best? Allergol et Immunopathol. 2009;37(1): Kooi EMW, Schokker S, Boezen HM, et al. Fluticasone or montelukast for preschool children with asthma-like symptoms: Randomized controlled trial. Pulm Pharmacol Ther. 2008;doi: /j. pupt Castro-Rodriguez JA, Rodrigo GJ.Efficacy of inhaled corticosteroids in infants and preschoolers with recurrent wheezing and asthma: a systematic review with meta-analysis. Pediatrics Mar;123(3):e Manning P, Gibson PG, Lasserson TJ. Ciclesonide versus placebo for chronic asthma in adults and children. Cochrane Database of Systematic Reviews 2008, Issue 2. Art. No.: CD DOI: / CD pub2. 15 Manning P, Gibson PG, Lasserson TJ. Ciclesonide versus other inhaled steroids for chronic asthma in children and adults. CochraneDatabase of Systematic Reviews 2008, Issue 2. Art.No.:CD DOI: / CD Skoner DP, Maspero J, Banerji D and the Ciclesonide Pediatric Growth Study Group Assessment of the Long-term Safety of Inhaled Ciclesonide on Growth in Children With Asthma Pediatrics Jan;121(1):e1-14. Epub 2007 Dec Childhood Asthma Management Program (CAMP) Research Group. Long term effects of budesonide or nedocromil in children with asthma. N Engl J Med 2000;343: Chen YZ, Busse WW, Pedersen S. Early intervention of recent onset mild persistent asthma in children aged under 11 yrs: the steroid treatment as regular therapy in early asthma (START) trial. Pediatr Allergy Immunol 2006;17: Zhang L, Mendoza-Sassi RA, Wainwright C, Klassen TP. Nebulized hypertonic saline solution for acute bronchiolitis in infants. Cochrane Database of Systematic Reviews 2008, Issue 4. Art. No.: CD DOI: / CD pub2.

8 20 Plint AC, Johnson DW, Patel H et al. for Pediatric Emergency Research Canada (PERC). Epinephrine and Dexamethasone in Children with Bronchiolitis N Engl J Med 2009; 360;20: Wark P, McDonald VM. Nebulised hypertonic saline for cystic fibrosis. Cochrane Database of Systematic Reviews 2009, Issue 2. Art. No.: CD DOI: / CD pub3. 22 Elkins MR, Robinson M, Rose BR et al. A controlled trial of long term hypertonic saline in patients with cystic fibrosis. New England Journal of Medicine 19 January 2006;354(3): Chest Asilsoy S, Bayram E, Agin H, et al: Evaluation of chronic cough in children. 2008;134: Chang AB, Glomb WB. Guidelines for evaluating chronic cough in pediatrics: ACCP evidencebased clinical practice guidelines. Chest 2006; 129(suppl):260S 283S 25 Marchant JM, Masters IB, Taylor SM et al. Evaluation and outcome of young children with chronic cough. Chest 2006;129: van den Oord RA, Sheikh A. Filaggrin gene defects and risk of developing allergic sensitisation and allergic disorders: systematic review and meta-analysis. BMJ 2009 Jul 9;339:b2433

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

L asma bronchiale nel bambino raccomandazioni per la pratica clinica

L asma bronchiale nel bambino raccomandazioni per la pratica clinica L asma bronchiale nel bambino raccomandazioni per la pratica clinica Un modello per introdurre cambiamenti nel percorso diagnostico-assistenziale della malattia cronica Modena, Giugno 2004 Raccomandazioni

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

SNLG. Regioni LINEA GUIDA. Linee guida sull asma bronchiale. Consiglio Sanitario Regionale

SNLG. Regioni LINEA GUIDA. Linee guida sull asma bronchiale. Consiglio Sanitario Regionale SNLG Regioni 10 Linee guida sull asma bronchiale LINEA GUIDA Consiglio Sanitario Regionale Data di pubblicazione: agosto 2010 Data di aggiornamento: agosto 2014 Estensori delle linee guida sull asma bronchiale

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Linee Guida pratiche basate sull evidenza sull uso dei distanziatori nel trattamento dell asma bronchiale infantile edizione 2008

Linee Guida pratiche basate sull evidenza sull uso dei distanziatori nel trattamento dell asma bronchiale infantile edizione 2008 Linee Guida pratiche basate sull evidenza sull uso dei distanziatori nel trattamento dell asma bronchiale infantile edizione 2008 Coordinatore: Daniele Radzik, U.O. di Pediatria, Ospedale San Giacomo,

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

Metodologia e Ricerca clinica Il Giornale di AMD 2013;16:377-383

Metodologia e Ricerca clinica Il Giornale di AMD 2013;16:377-383 Come pianificare uno studio clinico MD il giornale di Rivista Rivista dell Associazione Medici Diabetologi PERIODICO DI APPROFONDIMENTO SCIENTIFICO, FORMAZIONE, MODELLI ASSISTENZIALI S. De Riu 1, M.L.

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Come scrivere una Review

Come scrivere una Review Come scrivere una Review Federico Caobelli per AIMN Giovani Fondazione Poliambulanza - Brescia federico.caobelli@gmail.com SOMMARIO Nel precedente articolo, scritto da Laura Evangelista per AIMN Giovani,

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

A ST H M A LINEE GUIDA TASCABILI PER IL TRATTAMENTO, LA PREVENZIONE E LA GESTIONE DELL ASMA NELL ADULTO

A ST H M A LINEE GUIDA TASCABILI PER IL TRATTAMENTO, LA PREVENZIONE E LA GESTIONE DELL ASMA NELL ADULTO Adattamento Italiano delle Linee Guida internazionali Global Initiative for Asthma (GINA) reso possibile grazie al supporto educazionale al Progetto LIBRA (Linee Guida Italiane BPCO, Rinite, Asma) di:

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE La presentazione dei dati per molte ricerche mediche fa comunemente riferimento a frequenze, assolute o percentuali. Osservazioni cliniche conducono sovente

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Come scrivere un articolo scientifico La rassegna

Come scrivere un articolo scientifico La rassegna Come scrivere un articolo scientifico Con il termine "rassegna" si intende una sintesi critica dei lavori pubblicati su uno specifico argomento. Essa, pertanto, va incontro ad una esigenza particolarmente

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA La più potente analisi retrospettiva dei dati relativi a un evento cardiaco. Prestazioni migliorate. Livello di assistenza più elevato. 1

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli