Recenti prove di efficacia in Broncopneumologia pediatrica. Marcello Bergamini Pediatra di Famiglia Ferrara. Asmologia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Recenti prove di efficacia in Broncopneumologia pediatrica. Marcello Bergamini Pediatra di Famiglia Ferrara. Asmologia"

Transcript

1 Recenti prove di efficacia in Broncopneumologia pediatrica Marcello Bergamini Pediatra di Famiglia Ferrara Negli ultimi due anni la letteratura internazionale si è arricchita di numerosi contributi di elevata qualità in vari campi di interesse bronco-pneumologico e allergologico. Alcuni di questi lavori hanno un importanza particolare in quanto le loro conclusioni potrebbero condurre, nel futuro e nell ambito delle diverse patologie indagate, a rilevanti cambiamenti nella pratica clinica. Attraverso l analisi critica di questi studi tenteremo di capire se questa speranza sia fondata o meno. Ogni pubblicazione scientifica può possedere i crismi della novità, ed è ovvio che tale assunto valga maggiormente per i lavori di ricerca sperimentale, pura; esso può però valere anche per i trial clinici ben condotti, siano essi di tipo osservazionale che di tipo randomizzato controllato e di intervento. Ho ritenuto opportuno, in questo contesto, individuare i lavori scientifici forieri di nuove, o nuovamente definite, evidenze le quali avessero un immediata correlazione con la pratica clinica bronco-pneumo-allergologica del pediatra. Per raggiungere questo scopo ho deciso di consultare regolarmente il servizio di aggiornamento settimanale on-line della canadese Mc Master University di Toronto (una delle culle della Evidence Based Medicine), denominato Evidence Updates 1 ; il servizio consente di accedere alle pubblicazioni che gli esperti della Mac Master periodicamente selezionano, eliminando il grande ed inevitabile rumore prodotto dalle migliaia di lavori pressoché inutili. Oltre a questa strategia, ho monitorato le uscite delle più importanti riviste internazionali (i cosiddetti core clinical journals ) e delle Revisioni Sistematiche Cochrane 2 nei settori della Broncopneumologia e dell Allergologia; infine ho consultato alcuni fra i migliori esperti delle suddette discipline. I termini temporali della mia ricerca partono dagli inizi del 2008, limite che mi è sembrato ragionevole ben sapendo che le vere novità, e meno ancora le vere e proprie prove di efficacia, in campo medico non sono così frequenti come potrebbe apparire dal numero spropositato, in rapporto al tempo, delle pubblicazioni. La conclusione, non certo definitiva, della ricerca si pone ai primi giorni del mese di Ottobre Per ovvie ragioni di opportunità e di tempo ho infine operato un ulteriore e definitiva selezione per ottenere i lavori più significativi. Asmologia 1. Agli inizi del 2009 è uscito sul New England Journal of Medicine un lavoro sul trattamento in età prescolare delle crisi asmatiche con steroidi orali. Un RCT che ha suscitato alquanto scalpore 3 ; i medesimi autori inglesi avevano peraltro dimostrato qualche anno prima come la somministrazione di uno steroide da parte dei genitori, per via orale a domicilio e per cinque giorni, non riusciva a modificare il loro score respiratorio, né diminuiva la necessità del ricovero. In questo nuovo studio multicentrico, 687 bambini dai 10 mesi ai 5 anni ricoverati nel corso di un episodio acuto di wheezing sono stati randomizzati a ricevere placebo oppure 10 mgr di Prednisolone orale (20 mgr sopra i 2 anni) per 5 giorni. Fra i due gruppi non risultò alcuna differenza significativa per l indicatore d esito primario (la durata del ricovero) così come per nessun altro degli indicatori d esito secondari (le differenze fra i due gruppi negli score clinici respiratori a 4, 12 e 24 ore dal ricovero, le dosi totali di salbutamolo somministrate durante il ricovero e a casa, gli score dei sintomi respiratori registrati dai genitori a domicilio nell arco dei primi 7 giorni dopo il ricovero, il tempo richiesto dal bambino per tornare alle sue normali attività, e infine la percentuale degli eventuali nuovi ricoveri, sempre dovuti a wheezing, e avvenuti nel mese successivo. La conclusione degli autori, che nei bambini di età prescolare ricoverati in ospedale per crisi di broncospasmo acuto da lieve a moderato un ciclo di cinque giorni di prednisolone orale

2 non è superiore al placebo nel ridurre la durata della degenza e l intensità dei sintomi, deve fare i conti con le seguenti obiezioni: - il limite inferiore di età (10 mesi) che i partecipanti dovevano avere per poter essere arruolati non esclude la possibilità che alcune delle crisi respiratorie acute fossero, in realtà, casi di bronchiolite acuta del lattante; - quasi tutti i bambini arruolati con wheezing di entità lieve moderata non sarebbero molto probabilmente stati ricoverati in una realtà come quella italiana dove, a differenza che nel Regno Unito, esiste la rete dei pediatri di famiglia; - lo score clinico che i genitori dovevano registrare tramite un diario non è mai stato validato a livello internazionale; - altri studi sull argomento 4 avevano dimostrato come un ciclo di 3 giorni di prednisolone per os in bambini di 1 anno ospedalizzati per il primo episodio di broncospasmo era in grado di diminuire in misura statisticamente significativa rispetto al placebo le ricadute nei due mesi seguenti, pur non riuscendo a ridurre la durata del ricovero. E interessante a questo punto osservare che le principali Linee Guida (LG) internazionali sull Asma (GINA 5, SIGN 6 ) e le più recenti LG della Società Italiana di Pediatria 7 raccomandano con forza di grado A la terapia steroidea orale nelle crisi acute di broncospasmo. Solo le LG SIGN differenziano, in linea teorica, la situazione nei bambini di età superiore o inferiore ai 6 anni, ma alla fine non forniscono raccomandazioni concrete in merito alla gestione dei bambini critici, in particolare per quanto riguarda la terapia steroidea orale. 2. Tra il 2008 ed il 2009 si è sviluppato nella comunità scientifica un notevole dibattito sui possibili effetti avversi della terapia inalatoria con i Corticosteroidi a lunga durata d azione, o Long Acting Beta-Agonists (LABA). I risultati della Revisione Sistematica con metanalisi di Bateman e colleghi, apparsa nel 2008 sugli Annals of Internal Medicine 8, hanno dimostrato come l aggiunta di salmeterolo alla terapia cronica con steroidi inalatori non aumenta il rischio di ricovero per asma, rispetto all utilizzo dei soli corticosteroidi inalatori (CSI); l associazione dei due farmaci diminuirebbe invece, seppur lievemente, la frequenza di riacutizzazioni gravi. Nel lavoro venivano presi in considerazione sia trials su adulti che su bambini. Lo studio SMART (Salmeterol Multicenter Asthma Research Trial) 9 aveva invece evidenziato un numero maggiore di morti per asma, e di eventi a rischio per la vita in rapporto all uso dei LABA, ma in questa metanalisi erano inclusi soprattutto studi su pazienti che assumevano i LABA in monoterapia; pertanto i suoi risultati non sono confrontabili con quelli della più recente RS di Bateman. Per chiarire (definitivamente?) le cose è sopraggiunta, nel 2009, una sontuosa RS della Cochrane Collaboration in cui le metanalisi erano state effettuate differenziando i bambini dagli adulti. Le sue principali, importanti, conclusioni sono le seguenti: - l aggiunta di un LABA alla dose abituale di CSI, nei bambini con asma persistente, non si è dimostrata in grado di ridurre la frequenza delle esacerbazioni asmatiche, ma si è dimostrata superiore nel migliorare la funzionalità respiratoria - rispetto a dosi doppie di CSI, l aggiunta di un LABA non ha aumentato significativamente il rischio di esacerbazioni e si è associata ad un significativamente migliore aumento del PEF e ad un miglioramento della crescita staturale. 3. Un altro importante filone di discussione fra gli specialisti allergologi e pneumologi si è sviluppato negli ultimi mesi sulla terapia di fondo dei pazienti asmatici (con wheezing persistente oppure ricorrente ad elevata frequenza) in età prescolare. Raccomandazioni formalmente differenti sono infatti reperibili nei documenti di consenso internazionali: in particolare, mentre le LG della British Thoracic Society e del SIGN raccomandano il possibile uso degli inibitori dei leucotrieni, Montelukast in testa, nel caso gli steroidi inalatori non possano essere usati, le LG GINA ed il Consensus europeo PRACTALL 10 raccomandano i CSI, dai 2 anni di vita in su senza distinzioni, in qualità di opzione preferenziale, lasciando liberi i medici di intervenire con il Montelukast in veste di vera e propria alternativa rispetto

3 agli incrementi delle dosi steroidee, in qualsiasi caso di asma controllato in modo non ottimale. A parziale chiarimento del problema, nel 2009 è stata pubblicata una RS di autori italiani 11 che ha evidenziato come esista a tutt oggi un unico lavoro nei bambini sotto i 5 anni nel quale siano stati confrontati i CSI in monoterapia con gli inibitori dei Leucotrieni in monoterapia, per il controllo dell asma 12. Da tale lavoro risulta una differenza non significativa fra i due tipi di intervento, ma esso è gravato da notevoli pecche metodologiche che vanno dalla bassa numerosità campionaria al mancato successo della procedura di randomizzazione. Dati di qualità scarsa quindi, ma si tratta degli unici disponibili per quelle fasce di età. Le conclusioni generali della RS, che interessava a dire il vero tutte le età pediatriche, sono che nei bambini veramente asmatici può essere preso in esame l uso del Montelukast in caso di impossibile assunzione dei CSI o di comparsa di eventi avversi con il loro uso. E bene ricordare che, nei bambini sotto i 5-6 anni affetti wheezing ricorrente di natura virale, anche l uso dei CSI possiede prove di efficacia che dobbiamo considerare, al momento, di mediocre qualità Un nuovo corticosteroide inalatorio si è andato affermando negli ultimi anni, la Ciclesonide, in virtù della potenziale minore incidenza di effetti avversi. Sulla Cochrane Collaboration sono state pubblicate nel 2008 due RS dedicate a tutte le fasce di età, una sul confronto fra questo nuovo farmaco ed il placebo 14 ed una seconda sul suo confronto con altri CSI 15. Quest ultima è senza dubbio più interessante dal punto di vista clinico, in considerazione del fatto che i CSI sono già da tempo considerati il gold-standard nella prevenzione delle riacutizzazioni nei soggetti asmatici. Gli autori avevano dimostrato un efficacia noninferiore della terapia con Ciclesonide sui principali parametri di funzionalità respiratoria. Per quanto riguarda la popolazione pediatrica era risultata soltanto una minor incidenza di Candidosi orale nei bambini trattati con Ciclesonide, ma era stata fortemente raccomandata la programmazione di ulteriori studi nell infanzia. Ed ecco, sempre nel 2008, arrivare lo studio esclusivamente pediatrico, di Skoner 16, che arruola per la randomizzazione 661 bambini poi seguiti per un totale di 20 mesi e dimostra nei bambini trattati anche con dosi elevate di Ciclesonide (corrispondenti alle dosi abituali di Fluticasone Priopionato o di Budesonide) una diminuzione della velocità media di crescita staturale rispetto al gruppo placebo di soli 1,5 mm dopo 1 anno, a fronte dei 3 mm circa dello studio CAMP 17 o degli oltre 4 mm dello studio SMART 18, entrambi effettuati con i comuni CSI. Pneumologia Bronchiolite del lattante - La possibilità che una soluzione ipertonica, quando inalata dal lattante in preda alla bronchiolite, potesse avere effetti terapeutici attraverso molteplici meccanismi, era già nota da tempo. Nel 2008 è stata pubblicata dalla Cochrane un interessante RS che ha selezionato quattro studi di confronto fra Ipertonica 3% e soluzione fisiologica 0,9% per un totale di 254 pazienti 19. Sessantacinque di questi provenivano dall unico studio su lattanti non ricoverati; fra questi, quelli trattati con Ipertonica venivano in seguito ricoverati con la stessa frequenza di quelli trattati con Fisiologica, forse a causa della loro minore gravità. Nei pazienti ricoverati invece, era ben evidente il successo della terapia, in quanto essi rimanevano ricoverati per un tempo mediamente inferiore del 26% (cioè circa 1 giorno di degenza). Entrambe le categorie di pazienti presentavano poi scores clinici migliori a seguito dell inalazione di Ipertonica rispetto all inalazione di Fisiologica, e questo effetto era più evidente nei primi due giorni dall esordio, meno al terzo. Nessun evento avverso di rilievo è stato segnalato, ma bisogna ricordare che in 3 di questi lavori era prevista l inalazione contemporanea di Adrenalina (a dosaggi nettamente inferiori a quelli utilizzati nel tentativo di cura della malattia) e nell altro di un broncodilatatore, con lo scopo di

4 contrastare il possibile effetto bronco-ostruttivo dell Ipertonica; ciò può aver condizionato in modo positivo la comparsa di eventi avversi nella popolazione studiata. - Nel 2009 è stato pubblicato sul NEJM uno studio randomizzato controllato, multicentrico, multifattoriale (sono stati confrontati fra loro più interventi), in doppio cieco, controllato con doppio placebo, realizzato fra il 2004 e il 2007 in Canada con la partecipazione di 8 Dipartimenti di Emergenza Pediatrica (DEP) distribuiti su quel territorio nazionale 20. Lo studio canadese ha il merito di voler cercare una possibile via per un problema, quello della bronchiolite acuta del lattante, per il quale un approccio farmacologico (escludendo qui l approccio non strettamente farmacologico costituito dalla Soluzione Ipertonica) sembra oggi poco percorribile. Dobbiamo infatti tenere nel debito conto i risultati di alcune recenti metanalisi Cochrane sull uso dell adrenalina e dei broncodilatatori (efficacia modesta e su outcomes di tipo solamente funzionale), e sull uso degli steroidi, orali o per inalazione (efficacia non dimostrata). Plint e colleghi hanno qui ipotizzato l efficacia del tutto nuova dell intervento combinato Adrenalina (2 inalazioni distanziate di mezz ora) più Desametasone (1 mg/kg subito, fino ad un massimo di 10 mg, seguito, a domicilio, da altre 5 monodosi giornaliere di 0,6 mg/kg). Essi hanno tentato di dimostrare la loro ipotesi allestendo un RCT quantitativamente importante e qualitativamente buono; e hanno scelto un indicatore d esito primario particolarmente robusto, la frequenza di ricovero per patologia respiratoria nei 7 giorni successivi alla prima visita di arruolamento in Pronto Soccorso. Hanno perciò randomizzato in 4 gruppi 800 bambini di età compresa fra il mese e mezzo all anno, colpiti dal loro primo episodio di distress respiratorio acuto associato a segni clinici di infezione virale delle prime vie aeree. Essi ricevevano, alternativamente, Desametasone orale più placebo per inalazione, Adrenalina inalatoria più placebo orale, entrambi i farmaci, oppure entrambi i placebo (metodica double dummy). Le differenze riscontrate nell outcome primario (il ricovero in settima giornata) fra Adrenalina e Placebo e fra Desametasone e Placebo risultarono decisamente non significative in prima, settima e ventiduesima giornata, mentre il confronto fra il gruppo Adrenalina più Desametasone e il gruppo Placebo raggiunse la significatività statistica alla 7 giornata. Il numero di pazienti che sarebbe necessario trattare (NNT) con entrambi i farmaci per far sì che uno di loro non si ritrovi ricoverato alla 7 giornata fu 11, un risultato apprezzabile, pur in considerazione della scarsa precisione di questa stima (Intervalli di Confidenza 95% da 6 a 75) ma tenendo ben in mente qual è l impatto assistenziale ed economico dei ricoveri per bronchiolite nell età del lattante. Gli eventi avversi ebbero una frequenza davvero modesta (nonostante le dosi elevate di steroidi) e non diversa da gruppo a gruppo; la loro entità fu lieve e i quadri clinici rilevati, comunque, non erano riconducibili in modo causale al tipo di intervento. Le analisi di sensitività effettuate non dimostrarono cambiamenti di direzione dei risultati in rapporto alla presenza o meno di atopia, di infezione da VRS documentata o di un quadro iniziale decisamente peggiore Un approccio nuovo quindi, da verificare con studi dedicati al solo confronto fra il trattamento combinato ed il placebo, per cercare di ottenere, attraverso un aumento della numerosità campionaria, risultati migliori e meno imprecisi. Fibrosi cistica L ipotesi di una possibile efficacia della Soluzione Ipertonica nell indurre un miglioramento dei parametri funzionali del soggetto (adulto o bambino) con Fibrosi Cistica, e nell indurre un minor numero di esacerbazioni polmonari nel medio e nel lungo termine, era stata posta da tempo. A questo interrogativo ha cercato di dare una risposta solo di recente una RS Cochrane 21 che include 22 studi, l ultimo dei quali risale al 2006, per un totale di 442 pazienti. Un solo lavoro 22 aveva previsto un trattamento a lungo termine (4 anni) con due inalazioni giornaliere di Ipertonica, avendo come confronto la Fisiologica: una differenza significativa nel FEV1 fu riscontrata fra i due gruppi dopo 4 settimane di studio; nel tempo questa efficacia veniva perduta, mentre invece si mantenevano buoni i risultati per quanto riguardava la qualità della vita e la riduzione delle

5 esacerbazioni. Negli studi in cui essa fu confrontata con l inalazione di Dessossiribonucleasi ricombinante, si dimostrò l inefficacia a lungo termine dell Ipertonica nel miglioramento della funzionalità polmonare dei pazienti. Gli autori della RS concludono affermando che l utilizzo della Soluzione Ipertonica a concentrazioni superiori al 3% è comunque raccomandabile. Tosse cronica Sulla prestigiosa rivista Chest è apparso, verso la fine del 2008, un lavoro di grande interesse pratico 23, non uno studio di intervento per dimostrare l efficacia di un farmaco sulla tosse cronica del bambino, bensì un lavoro pragmatico, destinato a verificare sul campo l efficacia, in termini diagnostici e terapeutici, dell applicazione delle Linee Guida pediatriche dell American College of Chest Phisicians (ACCP), pubblicate sempre su quella rivista nel Un gruppo di pediatri turchi ha progressivamente reclutato, presso il centro di Allergologia dell Ospedale pediatrico di Izmir, una serie di bambini affetti da tosse cronica, definita dalla durata superiore alle 4 settimane in accordo con le citate Linee Guida statunitensi. Il criterio fondamentale di inclusione dei pazienti, oltre a quello della durata della tosse, era l assenza dei cosiddetti pointers, termine che sta ad indicare tutta la serie di segni e sintomi di allarme che, se presenti, dovrebbero orientare il medico verso un eziologia specifica della tosse. Furono così arruolati 108 bambini dai 6 ai 14 anni con tosse cronica ; essi, secondo le raccomandazioni, furono subito sottoposti ad un Rx standard del torace e ad un indagine di funzionalità respiratoria (Spirometria). Venti pazienti risultarono affetti da Asma, tre pazienti ebbero invece un Rx torace evocativo di patologia suppurativa endobronchiale. Gli 85 bambini rimanenti vennero seguiti per altre 2-4 settimane, durante le quali ricevettero, in 5 casi una diagnosi di Malattia da Reflusso Gastro-Esofageo (GERD) e in 31 casi una diagnosi di Upper Airway Cough Syndrome (UACS), denominazione che va a sostituire il tradizionale postnasal discharge. Di quegli 85 bambini, i 47 affetti da tosse cronica non specifica vennero sottoposti a 2 diversi tipi di trial empirico di terapia: 39 bambini con tosse catarrale eseguirono un ciclo di 10 giorni di Claritromicina, mentre 8 bambini con tosse secca eseguirono un ciclo di terapia con Budesonide 400 mcg/die per 2-3 settimane. In conclusione e al termine di questo lungo e articolato iter diagnostico-terapeutico, i componenti del team ottennero le seguenti diagnosi, più o meno definitive: - 25% Asma più sintomi simil-asmatici % Bronchite batterica protratta % UACS - 12% Bronchite batterica protratta più sintomi simil-asmatici - 7.4% UACS più sintomi simil-asmatici - 4.6% Malattia da Reflusso Gastro-esofageo - 2.7% Bronchiectasie - 1.8% Risoluzione spontanea - 0.9% Tubercolosi, Mycoplasmosi e Malformazione congenita Rispetto ai precedenti dati della letteratura, provenienti da vari lavori di Anne Chang, ciò che differisce è la frequenza di bronchite batterica a decorso protratto, decisamente inferiore in questo trial (23.4%) rispetto ad un noto lavoro di Marchant 25, che riportava una frequenza del 40% ma su di una popolazione costituita da bambini di età inferiore ai 2 anni. La frequenza del 23,4% di Bronchite Protratta risulta essere di poco inferiore, nel lavoro di Asilsoy, alla frequenza cumulativa del 25% fra Asma e asthma-like symptoms, un valore inaspettato. Tale tendenza potrebbe essere attribuita al fatto che l arruolamento era avvenuto presso un ambulatorio di Allergologia e all età non più giovanissima dei pazienti. Si tratta indubbiamente di un lavoro importante poiché rappresenta un primo tentativo di applicazione sul campo di Linee Guida

6 gestionali sulla tosse a decorso prolungato, un problema estremamente frequente nell ambulatorio del pediatra generalista, per il quale purtroppo i bambini vanno incontro, spessissimo, ai più disordinati interventi, proprio a causa della mancanza di un preciso indirizzo operativo in campo diagnostico e terapeutico. Ricerca e genetica Nel corso dei primi anni del terzo millennio l attenzione dei genetisti e degli allergologi si è posata in modo particolarmente consistente sull associazione fra determinate alterazioni del patrimonio genetico e probabilità di sviluppare dermatite atopica, sensibilizzazione allergica, allergia alimentare, rinite allergica e asma. Per tentare di dimostrare tali associazioni sono stati prodotti in quel periodo numerosi studi epidemiologici, sia del tipo caso-controllo sia su gruppi familiari. Molto recentemente è apparsa sul British Medical Journal una Revisione Sistematica qualitativamente molto buona e dal significativo titolo di Filaggrin gene defects and risk of developing allergic sensitisation and allergic disorders 26. La Filaggrina è una proteina che svolge un ruolo fondamentale nel mantenimento di un efficace barriera cutanea nei confronti dei vari insulti ambientali. La sua primaria funzione sembra essere quella aggregare il citoscheletro epidermico formando uno strato proteico-lipidico in grado di regolare la permeabilità della cute all acqua ed a tutte quelle molecole che possono svolgere un ruolo allergenico. Il gene della profilaggrina risiede nel cromosoma 1q21, all interno del complesso di differenziazione dell epidermide. Le mutazioni che conducono alla perdita della capacità funzionale della Filaggrina sono relativamente frequenti, arrivando ad interessare il 10% circa della popolazione del mondo occidentale. In Europa le più comuni mutazioni riscontrate sono la R501X e la 2280del4. L ipotesi che si sta facendo strada, suffragata da modelli sperimentali su topi con Eczema Atopico, è che le alterazioni della barriera cutanea presenti nei soggetti portatori delle suddette mutazioni e affetti da dermatite atopica, conducano dapprima alla sensibilizzazione allergenica nei confronti degli proteine penetrate attraverso la barriera, poi allo sviluppo di reazioni sistemiche e di quadri patologici di iperreattività delle vie aeree. Nella citata RS del BMJ sono stati selezionati 20 studi caso-controllo e 8 analisi su gruppi di famiglie. I suoi risultati più importanti possono essere così riassunti: i soggetti che risultano portatori delle due mutazioni hanno una probabilità di sviluppare sensibilizzazione allergica di 1.91 volte superiore ai soggetti senza mutazioni; questa tendenza è meno eclatante negli studi casocontrollo (1.57 volte). La probabilità di sviluppare Dermatite Atopica è risultata invece di 2 volte superiore negli studi su base familiare e di ben 4.78 volte negli studi caso-controllo. Gli studi che avevano indagato i rapporti fra le mutazioni del gene della Filaggrina e lo sviluppo di Rinite Allergica hanno evidenziato una probabilità di malattia 1.78 maggiore nei soggetti senza DA e 2.84 maggiore nei soggetti con DA. Tale associazione incondizionata non è stata invece dimostrata per l Asma: nei soggetti con mutazioni infatti, la probabilità di sviluppare Asma era significativamente maggiore se essi erano portatori di Dermatite Atopica (2.8 volte in più negli studi caso-controllo e 2.3 negli studi su base familiare), mentre non era significativamente maggiore quando i pazienti non soffrivano di Dermatite Atopica. Ciò sembrerebbe indicare che sono soltanto le condizioni di alterata barriera cutanea indotte dalla DA a predisporre il bambino portatore di mutazioni allo sviluppo di una sensibilizzazione a livello respiratorio. Le implicazioni di questa scoperta per la pratica clinica pediatrica e dermatologica sono ben comprensibili: la buona protezione della cute dal contatto con potenziali allergeni respiratori e alimentari, unitamente alla preservazione del suo effetto barriera con prodotti emollienti, provvedimenti già da tempo ritenuti fondamentali nel soggetto eczematoso, potrebbero rivestire davvero il ruolo, ora basato su robuste prove scientifiche, di prevenzione della cosiddetta marcia allergica nel bambino già riconosciuto come geneticamente predisposto.

7 Panickar J, Lakhanpaul M, Lambert PC et al. Oral Prednisolone for Preschool Children with Acute Virus-Induced Wheezing. NEJM 2009;360; Jartti T, Lehtinen P, Vanto T. Evaluation of the efficacy of prednisolone in early wheezing induced by rhinovirus or respiratory syncytial virus Pediatr Infec Dis J 2006;25: Global Initiative for Asthma (GINA), National Heart,Lung and Blood Institute (NHLBI).Global strategy for asthma management and prevention. Bethesda (MD): Global Initiative for Asthma (GINA), National Heart, Lung and Blood Institute (NHLBI), Scottish Intercollegiate Guidelines Network (SIGN), British Thoracic Society. British guideline on themanagement of asthma. A national clinical guideline. Edinburgh (Scotland) Società Italiana di Pediatria. Linee guida SIP: Gestione dell attacco acuto di asma in età pediatrica Area Pediatrica 2008;5: Bateman E, Nelson H, Bousquet J et al. Meta-analysis : effects of adding salmeterol to inhaled corticosteroids on serious asthma-related events. Ann Intern Med 2008; 149: Nelson HS, Weiss ST, Bleecker ER Yancey SW, Dorinsky PM. SMART Study Group. The Salmeterol Multicenter Asthma Research Trial: a comparison of usual pharmacotherapy for asthma or usual pharmacotherapy plus salmeterol. Chest 2006;129: Bacharier LB, Boner A, Carlsen KH et al., The European Pediatric Asthma Group. Diagnosis and treatment of asthma in childhood: a PRACTALL consensus report. Allergy. 2008;63: Miceli Sopo S, Onesimo R, Radzik D. et al. Montelukast versus inhaled corticosteroids as monotherapy for prevention of asthma: which one is best? Allergol et Immunopathol. 2009;37(1): Kooi EMW, Schokker S, Boezen HM, et al. Fluticasone or montelukast for preschool children with asthma-like symptoms: Randomized controlled trial. Pulm Pharmacol Ther. 2008;doi: /j. pupt Castro-Rodriguez JA, Rodrigo GJ.Efficacy of inhaled corticosteroids in infants and preschoolers with recurrent wheezing and asthma: a systematic review with meta-analysis. Pediatrics Mar;123(3):e Manning P, Gibson PG, Lasserson TJ. Ciclesonide versus placebo for chronic asthma in adults and children. Cochrane Database of Systematic Reviews 2008, Issue 2. Art. No.: CD DOI: / CD pub2. 15 Manning P, Gibson PG, Lasserson TJ. Ciclesonide versus other inhaled steroids for chronic asthma in children and adults. CochraneDatabase of Systematic Reviews 2008, Issue 2. Art.No.:CD DOI: / CD Skoner DP, Maspero J, Banerji D and the Ciclesonide Pediatric Growth Study Group Assessment of the Long-term Safety of Inhaled Ciclesonide on Growth in Children With Asthma Pediatrics Jan;121(1):e1-14. Epub 2007 Dec Childhood Asthma Management Program (CAMP) Research Group. Long term effects of budesonide or nedocromil in children with asthma. N Engl J Med 2000;343: Chen YZ, Busse WW, Pedersen S. Early intervention of recent onset mild persistent asthma in children aged under 11 yrs: the steroid treatment as regular therapy in early asthma (START) trial. Pediatr Allergy Immunol 2006;17: Zhang L, Mendoza-Sassi RA, Wainwright C, Klassen TP. Nebulized hypertonic saline solution for acute bronchiolitis in infants. Cochrane Database of Systematic Reviews 2008, Issue 4. Art. No.: CD DOI: / CD pub2.

8 20 Plint AC, Johnson DW, Patel H et al. for Pediatric Emergency Research Canada (PERC). Epinephrine and Dexamethasone in Children with Bronchiolitis N Engl J Med 2009; 360;20: Wark P, McDonald VM. Nebulised hypertonic saline for cystic fibrosis. Cochrane Database of Systematic Reviews 2009, Issue 2. Art. No.: CD DOI: / CD pub3. 22 Elkins MR, Robinson M, Rose BR et al. A controlled trial of long term hypertonic saline in patients with cystic fibrosis. New England Journal of Medicine 19 January 2006;354(3): Chest Asilsoy S, Bayram E, Agin H, et al: Evaluation of chronic cough in children. 2008;134: Chang AB, Glomb WB. Guidelines for evaluating chronic cough in pediatrics: ACCP evidencebased clinical practice guidelines. Chest 2006; 129(suppl):260S 283S 25 Marchant JM, Masters IB, Taylor SM et al. Evaluation and outcome of young children with chronic cough. Chest 2006;129: van den Oord RA, Sheikh A. Filaggrin gene defects and risk of developing allergic sensitisation and allergic disorders: systematic review and meta-analysis. BMJ 2009 Jul 9;339:b2433

Medicina respiratoria pediatrica

Medicina respiratoria pediatrica 30 Medicina pediatrica Introduzione i Punti chiave La medicina pediatrica (PRM) è stata riconosciuta come sottospecialità della pediatria in alcune nazioni europee solo nel 1970; in molti Paesi non esiste

Dettagli

ΦΑΡΜΑΧΙ, ΑΣΜΑ, ςιε ΑΕΡΕΕ

ΦΑΡΜΑΧΙ, ΑΣΜΑ, ςιε ΑΕΡΕΕ Titolo relazione Tema: ULTIMUS INTER PARES ΦΑΡΜΑΧΙ, ΑΣΜΑ, ςιε ΑΕΡΕΕ Svolgimento 1. Letteratura: è cambiato qualcosa? 2. Dati (degli altri su di noi) 3. Esiti 4. Dati e progetti nostri Quali farmaci? Selective

Dettagli

Corticosteroidi Inalati somministrati

Corticosteroidi Inalati somministrati Paola De Compadri, 1 Antonio Clavenna 2 Corticosteroidi Inalati somministrati per manifestazioni asmatiche in età pre-scolare: valutazione economica budesonide Abstract Obiettivo. Valutare il rapporto

Dettagli

Titolo: L utilizzo diffuso degli anticolinergici nel trattamento del broncospasmo dei bambini < 2 anni non è supportato da una buona evidenza.

Titolo: L utilizzo diffuso degli anticolinergici nel trattamento del broncospasmo dei bambini < 2 anni non è supportato da una buona evidenza. Titolo: L utilizzo diffuso degli anticolinergici nel trattamento del broncospasmo dei bambini < 2 anni non è supportato da una buona evidenza. Introduzione Il broncospasmo è un sintomo comune nel bambino

Dettagli

Asma difficile on-line

Asma difficile on-line Asma difficile on-line è il nome di un Archivio web-based promosso dalla SIMRI e gestito in collaborazione con il CINECA che raccoglie casi di pazienti con asma problematico grave, affetti cioè da asma

Dettagli

1 SINTOMI ATTRIBUITI AD ALTRA PATOLOGIA. Tosse da reflusso gastroesofageo Tosse da rinorrea posteriore Stato ansioso Patologia Cardiovascolare Altro

1 SINTOMI ATTRIBUITI AD ALTRA PATOLOGIA. Tosse da reflusso gastroesofageo Tosse da rinorrea posteriore Stato ansioso Patologia Cardiovascolare Altro 1 SINTOMI ATTRIBUITI AD ALTRA PATOLOGIA Tosse da reflusso gastroesofageo Tosse da rinorrea posteriore Stato ansioso Patologia Cardiovascolare Altro Sottodiagnosi di Asma 90 80 70 Uomini Donne 60 % 50 40

Dettagli

Il montelukast, aggiunto alla terapia antiasmatica abituale, determina una modesta riduzione del numero di giorni con sintomi peggiori

Il montelukast, aggiunto alla terapia antiasmatica abituale, determina una modesta riduzione del numero di giorni con sintomi peggiori Il montelukast, aggiunto alla terapia antiasmatica abituale, determina una modesta riduzione del numero di giorni con sintomi peggiori Attenuation of the September epidemic of asthma exacerbations in children:

Dettagli

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Diagnosi clinica di Asma nell adulto Dott.ssa Andreina Boschi - specialista in pneumologia. medico di medicina generale Asma:

Dettagli

REFLUSSO GASTROESOFAGEO. Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005

REFLUSSO GASTROESOFAGEO. Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005 REFLUSSO GASTROESOFAGEO Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005 MRGE: sintomi extraesofagei MRGE: molto diffusa e frequente nella pratica clinica. Manifestazioni

Dettagli

Cosa è l asma? L asma è una frequente patologia cronica che dura tutta la vita caratterizzata dall infiammazione e dal restringimento delle vie

Cosa è l asma? L asma è una frequente patologia cronica che dura tutta la vita caratterizzata dall infiammazione e dal restringimento delle vie ASMA BRONCHIALE Cosa è l asma? L asma è una frequente patologia cronica che dura tutta la vita caratterizzata dall infiammazione e dal restringimento delle vie 2 aeree. Il restringimento è intermittente

Dettagli

Modulo 4 LA GESTIONE CONDIVISA TRA SPECIALISTA E MMG DELLE SINDROMI RINO-BRONCHIALI

Modulo 4 LA GESTIONE CONDIVISA TRA SPECIALISTA E MMG DELLE SINDROMI RINO-BRONCHIALI Modulo 4 LA GESTIONE CONDIVISA TRA SPECIALISTA E MMG DELLE SINDROMI RINO-BRONCHIALI 1 Obiettivi del modulo 4 Definire i principali ostacoli che incontra il MMG nella sua attività quotidiana Spiegare le

Dettagli

The risk of asthma exacerbation after stopping low-dose inhaled corticosteroids: A systematic review and

The risk of asthma exacerbation after stopping low-dose inhaled corticosteroids: A systematic review and The risk of asthma exacerbation after stopping low-dose inhaled corticosteroids: A systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. Rank MA et al. J Allergy Clin Immunol. 2013 Mar;131(3):724

Dettagli

FIMP Rete allergologica

FIMP Rete allergologica Linee Guida ASMA Il presente questionario è ANONIMO FIMP Medico compilatore ANONIMO Regione e località N bambini in convenzione Anno di entrata in convenzione Specializzazioni (oltre a quella in Pediatria)

Dettagli

MEDICO E BAMBINO PAGINE ELETTRONICHE

MEDICO E BAMBINO PAGINE ELETTRONICHE Febbraio 2009 http://www.medicoebambino.com/?id=oae0902_20.html MEDICO E BAMBINO PAGINE ELETTRONICHE L'utilizzo episodico della budesonide e del montelukast nei bambini dell'età prescolare con wheezing

Dettagli

N. 3/2014. La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND

N. 3/2014. La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND e-news Progetto MOND Update in BPCO N. 3/2014 La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND La BPCO La broncopneumopatia cronica

Dettagli

Le bronchiti asmatiche ricorrenti nel bambino in età prescolare

Le bronchiti asmatiche ricorrenti nel bambino in età prescolare n. 3 / 2015 FAD Le bronchiti asmatiche ricorrenti nel bambino in età prescolare Luciano de Seta 1, Maria Simona Sabbatino 1, Federica de Seta 2 1. UOC di Pediatria e Patologia Neonatale, Ospedale S. Paolo

Dettagli

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO MEDICI DI MEDICINA GENERALE Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche Responsabile del corso Dr. : Tesei Fiorenzo

Dettagli

Asma e Rinite Allergica: per un controllo bilanciato

Asma e Rinite Allergica: per un controllo bilanciato PROGETTO ARIA ITALIA GESTIONE DELLA RINITE ALLERGICA E DEL SUO IMPATTO SULL ASMA ALLERGIC RHINITIS IMPACT ON AND ITS AST H MA TM Asma e Rinite Allergica: per un controllo bilanciato in collaborazione con

Dettagli

Wheezing in età prescolare. Francesco Paravati UOC Pediatria - Crotone

Wheezing in età prescolare. Francesco Paravati UOC Pediatria - Crotone Wheezing in età prescolare Francesco Paravati UOC Pediatria - Crotone Nel bambino da che età si può parlare di asma? 1) > 1 anno 2) > 3 anni 3) > 5 anni 4) > 10 anni Nel bambino che fischia, qual è il

Dettagli

Gli studi si svolsero nel periodo 2008-2009; i due studi con numerosità inferiore (vedi più avanti) ebbero una durata di 4 mesi, il terzo di 8 mesi.

Gli studi si svolsero nel periodo 2008-2009; i due studi con numerosità inferiore (vedi più avanti) ebbero una durata di 4 mesi, il terzo di 8 mesi. Carr W, Bernstein J, Lieberman P. et al. A novel intranasal therapy of azelastine with fluticasone for the treatment of allergic rhinitis. J Allergy Clin Immunol 2012;129:1282-9 Razionale La più recente

Dettagli

Pseudoasthmatic syndromes through the ages: what should be the best diagnostic flow chart? Gian Luigi Marseglia Amelia Licari

Pseudoasthmatic syndromes through the ages: what should be the best diagnostic flow chart? Gian Luigi Marseglia Amelia Licari Pseudoasthmatic syndromes through the ages: what should be the best diagnostic flow chart? Gian Luigi Marseglia Amelia Licari Università degli Studi di Pavia Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo INTERPRETARE

Dettagli

PERCORSI DIAGNOSTICO TERAPEUTICI DELL ASMA BRONCHIALE

PERCORSI DIAGNOSTICO TERAPEUTICI DELL ASMA BRONCHIALE Direttore: Prof. L.M. Fabbri Progetto PnemoWeb E-medicine per la formazione e la gestione di Asma e BPCO PERCORSI DIAGNOSTICO TERAPEUTICI DELL ASMA BRONCHIALE Dr.ssa Elisabetta Rovatti Modena 17 gennaio

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

Una definizione operativa. Un quadro variegato e complesso

Una definizione operativa. Un quadro variegato e complesso Le malattie allergiche comprendono numerose sindromi: non tutte possono essere documentate attraverso i dati attualmente disponibili in Regione Piemonte. La prevalenza di asma nei bambini e negli adolescenti

Dettagli

Report - ESPERIENZA PRATICA NELL APPLICAZIONE DI DERMASILK SU BAMBINI CON DERMATITE ATOPICA

Report - ESPERIENZA PRATICA NELL APPLICAZIONE DI DERMASILK SU BAMBINI CON DERMATITE ATOPICA Report - ESPERIENZA PRATICA NELL APPLICAZIONE DI DERMASILK SU BAMBINI CON DERMATITE ATOPICA Dr. Kristin Kernland Lang, Dirigente Medico e Consulente di Dermatologia pediatrica, Clinica Dermatologica Universitaria,

Dettagli

Self- Management e Adherence nella persona con Asma

Self- Management e Adherence nella persona con Asma 1 Self- Management e Adherence nella persona con Asma (E. Semprini, P. Di Giacomo, CdL in Infermieristica; G.Gardini, Ambulatorio Asma; K. Falcone, L. Lazzari Agli, UO Pneumologia - AUSL Romagna, Rimini)

Dettagli

GRADE applicato alle Linee Guida ARIA

GRADE applicato alle Linee Guida ARIA GRADE applicato alle Linee Guida ARIA Sergio Bonini Professor di Medicina Interna Seconda Università di Napoli INMM-CNR, ARTOV, Roma se.bonini@gmail.com The ARIA initiative was developed As a state-of-the-art

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

(*)Direttore della U.O.C. di Medicina Interna di S. Arcangelo di Romagna (Rimini)

(*)Direttore della U.O.C. di Medicina Interna di S. Arcangelo di Romagna (Rimini) Dal blog di Marco Grandi, su segnalazione di Giorgio Ioli (*) vi proponiamo questo articolo: Tosse e statine (*)Direttore della U.O.C. di Medicina Interna di S. Arcangelo di Romagna (Rimini) Il presente

Dettagli

SWISS UNDERWATER AND HYPERBARIC MEDICAL SOCIETY ASMA

SWISS UNDERWATER AND HYPERBARIC MEDICAL SOCIETY ASMA SUHMS SWISS UNDERWATER AND HYPERBARIC MEDICAL SOCIETY ASMA RACCOMANDAZIONI 2012-2015 DELLA SOCIETÀ SVIZZERA DI MEDICINA SUBACQUEA E IPERBARICA "SUHMS" Società svizzera di medicina subacquea e iperbarica

Dettagli

INTERIM REPORT - STUDIO P.A.C.I.S. CONTROLLO DELL ASMA (POINT OUT ASTHMA CONTROL ITALIAN SURVEY)

INTERIM REPORT - STUDIO P.A.C.I.S. CONTROLLO DELL ASMA (POINT OUT ASTHMA CONTROL ITALIAN SURVEY) INTERIM REPORT - STUDIO P.A.C.I.S. (POINT OUT ASTHMA CONTROL ITALIAN SURVEY) CONTROLLO DELL ASMA NELLA MEDICINA GENERALE IN ITALIA G. BETTONCELLI 1, C. FASSARI 2, M. DIONISI 2, P. DI BLASI 2, R. DE MARCO

Dettagli

Gruppo di studio di pneumoallergologia pediatrica marchigiano. Test di provocazione orale con alimento Documento condiviso

Gruppo di studio di pneumoallergologia pediatrica marchigiano. Test di provocazione orale con alimento Documento condiviso Gruppo di studio di pneumoallergologia pediatrica marchigiano Bianchi Annamaria, Caferri Monaldo, Candelotti Paolo, Carotti Giuliana, De Angelis Fiorella, De Colli Rosa, Filomeni Nazzareno, Franceschini

Dettagli

8 Progetto ABC. Achieved Best Cholesterol

8 Progetto ABC. Achieved Best Cholesterol Introduzione La dislipidemia è ampiamente noto essere uno dei più importanti fattori di rischio cardiovascolari. Molto si è scritto in letteratura negli ultimi anni a proposito della riduzione di questo

Dettagli

Azelastina in spray nasale: il trattamento scelto contro la rinite allergica

Azelastina in spray nasale: il trattamento scelto contro la rinite allergica COMUNICATO STAMPA Azelastina in spray nasale: il trattamento scelto contro la rinite allergica È sorprendente come un quarto della popolazione mondiale soffra di rinite allergica, conducendo una vita accompagnata

Dettagli

Asma bronchiale. Diagnosi e gestione a lungo termine

Asma bronchiale. Diagnosi e gestione a lungo termine Asma bronchiale Diagnosi e gestione a lungo termine Asma bronchiale: definizione Malattia cronica delle vie aeree caratterizzata da ostruzione bronchiale più o meno accessionale solitamente reversibile

Dettagli

U.O. FISIOPATOLOGIA RESPIRATORIA AZIENDA SANITARIA DI FIRENZE P.PALAGI

U.O. FISIOPATOLOGIA RESPIRATORIA AZIENDA SANITARIA DI FIRENZE P.PALAGI ASMA e SPORT FIRENZE 9 Giugno 2012 Dott. W. Castellani U.O. FISIOPATOLOGIA RESPIRATORIA AZIENDA SANITARIA DI FIRENZE P.PALAGI La correlazione fra ASMA ed ESERCIZIO FISICO risale alla seconda metà del II

Dettagli

Il Bambino con dispnea

Il Bambino con dispnea Il Bambino con dispnea PARAMETRI VITALI PEDIATRICI FC VEGLIA FC SONNO FR P.A. SISTOLICA P.A. DIASTOLICA NEONATO 100-180 80-160 40-60 60-90 20-60 LATTANTE (1-12 mesi) 100-160 75-160 30-60 87-105 53-66 INFANZIA

Dettagli

Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE?

Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE? Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE? Rita Iori Arcispedale Santa Maria Nuova Biblioteca Medica Reggio Emilia Chiara Bassi Ce.V.E.A.S Centro per la Valutazione della Efficacia dell Assistenza

Dettagli

È EFFICACE LO SCREENING PER LA DEPRESSIONE

È EFFICACE LO SCREENING PER LA DEPRESSIONE Lo screening e il trattamento della depressione. Quali sono le strategie più convenienti? Recentemente, due articoli e un editoriale sono apparsi sul British Medical Journal per discutere dei programmi

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Organizzazione ed erogazione delle cure e audit

Organizzazione ed erogazione delle cure e audit Organizzazione ed erogazione delle cure e audit LG SIGN 9 M.Mercuri 21/11/2010 IL CONTROLLO MEDICO E L EDUCAZIONE DEL PAZIENTE Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN

Dettagli

Carmen Vitali Responsabile U.O. Area Farmaco e PMC AV1 Fano. Palmieri Giorgia Specializzanda SSFO Camerino

Carmen Vitali Responsabile U.O. Area Farmaco e PMC AV1 Fano. Palmieri Giorgia Specializzanda SSFO Camerino Analisi sulla gestione del paziente asmatico in medicina generale e dell aderenza alle indicazioni delle linee guida GINA: l esperienza della Area Vasta 1 Fano Asur Marche Carmen Vitali Responsabile U.O.

Dettagli

L intervento precoce nella fibrosi cistica. Quando iniziare un trattamento terapeutico e come valutarne la risposta? Prof.

L intervento precoce nella fibrosi cistica. Quando iniziare un trattamento terapeutico e come valutarne la risposta? Prof. MEDICINA L intervento precoce nella fibrosi cistica. Quando iniziare un trattamento terapeutico e come valutarne la risposta? Prof. Eitan Kerem, MD La sopravvivenza dei pazienti affetti da FC è migliorata

Dettagli

BRONCODILATATORI A LUNGA DURATA DI AZIONE IN PAZIENTI DIMESSI PER BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA

BRONCODILATATORI A LUNGA DURATA DI AZIONE IN PAZIENTI DIMESSI PER BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA BRONCODILATATORI A LUNGA DURATA DI AZIONE IN PAZIENTI DIMESSI PER BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA Razionale La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è una malattia infiammatoria progressiva

Dettagli

L Allergia Alimentare (AA) rappresenta un problema emergente in relazione alla prevalenza nella popolazione

L Allergia Alimentare (AA) rappresenta un problema emergente in relazione alla prevalenza nella popolazione Position statment: diagnostica in vivo ed in vitro nell adulto delle allergie alimentari IgE mediate Position statment: in vivo and in vitro diagnosis of food allergy in adults D. Macc hia 1, S. Capr etti

Dettagli

LE META-ANALISI. Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi

LE META-ANALISI. Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi G Ital Nefrol 2011; 28 (5): 531-536 MASTER IN EPIDEMIOLOGIA CLINICA LE META-ANALISI Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi CNR-IBIM, Unità di Ricerca di

Dettagli

Revisore dell'articolo: Giovanni Simeone, Pediatra di Famiglia Mesagne (BR)

Revisore dell'articolo: Giovanni Simeone, Pediatra di Famiglia Mesagne (BR) Il reflusso gastro-esofageo tra i bambini della prima infanzia con wheezing Gastro-Esophageal Reflux in Early Childhood Wheezers. Soumya Patra-Varinder Singh et altri- Pediatric Pulmunology Marzo 2011

Dettagli

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO MEDICI DI MEDICINA GENERALE Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche Responsabile del corso Dr. : Tesei Fiorenzo

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Firenze, 2-3 Dicembre 2011 Aula Magna del Seminario Arcivescovile Maggiore L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Mauro Vannucci Elena Tamburini Il 62% delle visite dal medico danno

Dettagli

Istituto Giannina Gaslini Istituto Pediatrico di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Gerolamo Gaslini 5 16147 Genova Quarto

Istituto Giannina Gaslini Istituto Pediatrico di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Gerolamo Gaslini 5 16147 Genova Quarto Dermatite Atopica : verità e luoghi comuni Quante volte e sempre più frequentemente nell ambulatorio di dermatologia pediatrica ci sentiamo dire da genitori preoccupati: nostro figlio ha una dermatite

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008

COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 COCHRANE LIBRARY E CLINICAL EVIDENCE: DOVE E COME TROVARE REVISIONI SISTEMATICHE IORI RITA 2008 2 Too much information, too little time THE COCHRANE LIBRARY - Pubblicazione elettronica aggiornata ogni

Dettagli

Appendice C: Algoritmi

Appendice C: Algoritmi NHS National Institute for Health and Clinical Excellence Gestione della Bronchite Cronica Ostruttiva negli adulti in assistenza primaria e secondaria. (Aggiornamento parziale) Pubblicata nel mese di giugno

Dettagli

World Spirometry Day Il Respiro della Città 15/16 ottobre 2010 Aula Magna NIC Padiglione H3

World Spirometry Day Il Respiro della Città 15/16 ottobre 2010 Aula Magna NIC Padiglione H3 World Spirometry Day Il Respiro della Città 15/16 ottobre 2010 Aula Magna NIC Padiglione H3 Spirometria in medicina dello sport Prof. Lorenzo Corbetta (Firenze) lorenzo.corbetta@unifi.it Prevalenzadiasmanegli

Dettagli

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A. TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.A 2007/2008 LE TERAPIE BIOLOGICHE: possono avere una maggiore efficacia terapeutica;

Dettagli

BPCO. 1. Patologia sottostimata rispetto all'impatto epidemiologico. 1. Numerose diagnosi non corrette e di conseguenza terapie inappropriate.

BPCO. 1. Patologia sottostimata rispetto all'impatto epidemiologico. 1. Numerose diagnosi non corrette e di conseguenza terapie inappropriate. BPCO 1. Patologia sottostimata rispetto all'impatto epidemiologico. 1. Numerose diagnosi non corrette e di conseguenza terapie inappropriate. 1.Terapie inappropriate in presenza di diagnosi corrette. 1.

Dettagli

To screen or not to screen: la tac spirale per il tumore del polmone pubblicata sulla stampa

To screen or not to screen: la tac spirale per il tumore del polmone pubblicata sulla stampa To screen or not to screen: la tac spirale per il tumore del polmone pubblicata sulla stampa Cinzia Colombo Laboratorio di ricerca sul coinvolgimento dei cittadini in sanità Istituto di Ricerche Farmacologiche

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLE MALATTIE RARE

INDAGINE CONOSCITIVA SULLE MALATTIE RARE INDAGINE CONOSCITIVA SULLE MALATTIE RARE Audizione XII Commissione (Affari Sociali) - Montecitorio 15 Aprile 2015-04-12 Dott.ssa Vincenzina Lucidi- Responsabile Unità Operativa Complessa di Fibrosi Cistica

Dettagli

Il valore dei PDT nell asma e nella BPCO

Il valore dei PDT nell asma e nella BPCO Elio Costantino 1, Maria Pia Foschino Barbaro 2 1 Direttore SC Malattie dell Apparato Respiratorio - Ospedale Madonna delle Grazie, Matera 2 Direttore Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche - Direttore

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

Respiro sibilante e tosse nel bambino: è asma?

Respiro sibilante e tosse nel bambino: è asma? Respiro sibilante e tosse nel bambino: è asma? Massimo Pifferi Emanuela De Marco Vincenzo Ragazzo Fisiopatologia Respiratoria e Allergologia - Clinica Pediatrica I Azienda Ospedaliera - Università di Pisa

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

XIX Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale

XIX Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale XIX Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale TORINO, 27 OTTOBRE 2007 IMMUNOTERAPIA SUBLINGUALE : UN VALIDO STRUMENTO NELL ASMA ALLERGICO Sergio Arrigoni Melloni Pediatria

Dettagli

A.S.: respiro corto e tosse. Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige

A.S.: respiro corto e tosse. Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige A.S.: respiro corto e tosse Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige Caso clinico A.S., donna di 41 aa. si rivolge al MMG: da una diecina di giorni ho nuovamente

Dettagli

PREVENZIONE POLMONITE

PREVENZIONE POLMONITE fiammaz o l m o n a r e struzione br avità pleuri Streptococcus p n e u m o n i a Infezione Mal Respiratorio PREVENZIONE POLMONITE Vaccino Pneumococcico Polisaccaridico Coniugato, (13Valente Adsorbito)

Dettagli

RICOVERI OSPEDALIERI PER ASMA DEI BAMBINI RESIDENTI NEL COMUNE DI FALCONARA MARITTIMA

RICOVERI OSPEDALIERI PER ASMA DEI BAMBINI RESIDENTI NEL COMUNE DI FALCONARA MARITTIMA Dipartimento di Ancona Servizio Epidemiologia Ambientale Via C. Colombo, 106-60127 Ancona - Tel. 07128732760 - Fax 07128732761 e-mail: Epidemiologia.AmbientaleAN@ambiente.marche.it RICOVERI OSPEDALIERI

Dettagli

Governo clinico delle patologie respiratorie croniche in medicina generale. Dr. Franco Macchia

Governo clinico delle patologie respiratorie croniche in medicina generale. Dr. Franco Macchia Governo clinico delle patologie respiratorie croniche in medicina generale. Dr. Franco Macchia Le malattie respiratorie e, in particolare la BPCO e l'asma, stanno diventando un problema di salute sempre

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Asma : cos è. Fattori scatenanti : Allergeni, inquinamento ambientale, fumo, virus, infezioni, polveri sottili, attività fisica

Asma : cos è. Fattori scatenanti : Allergeni, inquinamento ambientale, fumo, virus, infezioni, polveri sottili, attività fisica Asma : cos è L'asma è una malattia infiammatoria cronica del polmone. Nei soggetti predisposti l Asma provoca episodi ricorrenti di respiro sibilante, difficoltà respiratoria, senso di costrizione toracica

Dettagli

Patologie Ostruttive ASMA vs. BPCO Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige

Patologie Ostruttive ASMA vs. BPCO Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige Patologie Ostruttive ASMA vs. BPCO Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige Sommario Definizione Asma Epidemiologia Asma Diagnosi differenziale Asma - BPCO Gestione

Dettagli

Aspetti economici della terapia di stimolazione del midollo spinale (SCS)

Aspetti economici della terapia di stimolazione del midollo spinale (SCS) Aspetti economici della terapia di stimolazione del midollo spinale (SCS) L impatto del dolore cronico In Europa, il dolore cronico colpisce 1 adulto su 5 1. I casi di dolore cronico di origine neuropatica

Dettagli

Lo Spallanzani (2004) 18: 67-71. Atti di Convegni ASMA BRONCHIALE IN ETÀ PEDIATRICA: CASI CLINICI M. CORSINI

Lo Spallanzani (2004) 18: 67-71. Atti di Convegni ASMA BRONCHIALE IN ETÀ PEDIATRICA: CASI CLINICI M. CORSINI Lo Spallanzani (2004) 18: 67-71 M. Corsini Atti di Convegni ASMA BRONCHIALE IN ETÀ PEDIATRICA: CASI CLINICI M. CORSINI Unità Operativa di Pediatria - Ospedale di Guastalla (RE) RIASSUNTO L esecuzione della

Dettagli

Rete Regionale Orizzontale per le Malattie Allergiche. Proposte per un Piano Sanitario Regionale

Rete Regionale Orizzontale per le Malattie Allergiche. Proposte per un Piano Sanitario Regionale 1 Rete Regionale Orizzontale per le Malattie Allergiche Proposte per un Piano Sanitario Regionale Premessa Un intervento mirato alla identificazione, per ogni particolare disciplina, dei percorsi e degli

Dettagli

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report

Revisioni sistematiche Metanalisi Linee guida Health Technology Assessment report LE PUBBLICAZIONI SECONDARIE Sono così definite perché i ricercatori prendono i dati da studi già pubblicati (o anche non pubblicati), ne riassumono ed analizzano i risultati combinati, traggono conclusioni

Dettagli

Test di Reattività Bronchiale

Test di Reattività Bronchiale Test di Reattività Bronchiale Claudio Bruschi Servizio di Fisiopatologia Respiratoria Fondazione S.Maugeri I.R.C.C.S. Istituto Scientifico di Montescano Diagnosi di Asma VALUTAZIONE FUNZIONALE BASALE

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Medico di medicina generale, Bisceglie (BA) Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Il recente documento della regione Puglia relativo ai percorsi

Dettagli

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA UOC FIBROSI CISTICA, DMP OPBG- IRCCS e ASSOCIAZIONE OFFICIUM ONL.US. PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA Sviluppo ed Implementazione della cultura assistenziale del malato cronico

Dettagli

CASO CLINICO FIMPAGGIORNA 2008 IL PEDIATRA TRA ANTICHI PROBLEMI E NUOVE ACQUISIZIONI IN TEMA DI.. Caserta 8 Maggio 2008. Lorenzo Mariniello

CASO CLINICO FIMPAGGIORNA 2008 IL PEDIATRA TRA ANTICHI PROBLEMI E NUOVE ACQUISIZIONI IN TEMA DI.. Caserta 8 Maggio 2008. Lorenzo Mariniello CASO CLINICO FIMPAGGIORNA 2008 IL PEDIATRA TRA ANTICHI PROBLEMI E NUOVE ACQUISIZIONI IN TEMA DI.. Caserta 8 Maggio 2008 Lorenzo Mariniello A.F., maschio 12 anni, è giunto per la prima volta alla mia osservazione

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI MARAVIROC ATC J05AX09 (Celsentri ) Presentata da Commissione Terapeutica Provinciale Sassari In data novembre 2008 Per le seguenti motivazioni: Trattamento dell infezione

Dettagli

Gli obiettivi del secondo modulo possono essere così riassunti: Identificare le cause principali e fornire una stima epidemiologica delle forme più

Gli obiettivi del secondo modulo possono essere così riassunti: Identificare le cause principali e fornire una stima epidemiologica delle forme più 1 Gli obiettivi del secondo modulo possono essere così riassunti: Identificare le cause principali e fornire una stima epidemiologica delle forme più diffuse di rinite acuta Evidenziare come il raffreddore,

Dettagli

La gestione dell asma di Famiglia. Il caso clinico: Alfredo (Parte II) Studio del Pediatra. Giovanni Cerimoniale Pediatra di Famiglia, Scauri (LT)

La gestione dell asma di Famiglia. Il caso clinico: Alfredo (Parte II) Studio del Pediatra. Giovanni Cerimoniale Pediatra di Famiglia, Scauri (LT) La gestione dell asma nello studio del Pediatra di Famiglia. Il caso clinico: Alfredo (Parte II) Giovanni Cerimoniale Pediatra di Famiglia, Scauri (LT) giovanni.cerimoniale0@alice.it Vi ricordate di Alfredo?

Dettagli

Valutazione randomizzata della revisione italiana dell uso dei farmaci. fornita nella farmacia di comunità utilizzando l asma come modello (RE I-MUR)

Valutazione randomizzata della revisione italiana dell uso dei farmaci. fornita nella farmacia di comunità utilizzando l asma come modello (RE I-MUR) Valutazione randomizzata della revisione italiana dell uso dei farmaci fornita nella farmacia di comunità utilizzando l asma come modello (RE I-MUR) Numero di registrazione dello studio: ISRCTN72438848

Dettagli

NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE DELL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA)

NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE DELL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA) NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE DELL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO (AIFA) Novembre 2010 MUCOLITICI PER USO ORALE E RETTALE: CONTROINDICAZIONE NEI BAMBINI AL DI SOTTO DEI 2 ANNI Gentile Dottoressa, Gentile Dottore,

Dettagli

NOVITà. Indicazione pediatrica. Guida per i genitori

NOVITà. Indicazione pediatrica. Guida per i genitori NOVITà Indicazione pediatrica Guida per i genitori Che cos è la vaccinazione antiallergica? 3 n Rinocongiuntivite allergica: una condizione diffusa 3 n La vaccinazione antiallergica 4 Che cos è GRAZAX?

Dettagli

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI CON BPCO Versione III Aprile 2012 1 FASE 1: IDENTIFICAZIONE

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 3076 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori CARELLA, BOCO, BORTOLOTTO, CORTIANA, DE LUCA Athos, LUBRANO DI RICCO, MANCONI,

Dettagli

USO ED ABUSO DEGLI ANTIBIOTICI NEL BAMBINO. Alfredo Guarino

USO ED ABUSO DEGLI ANTIBIOTICI NEL BAMBINO. Alfredo Guarino USO ED ABUSO DEGLI ANTIBIOTICI NEL BAMBINO Alfredo Guarino Outline della presentazione Dimensioni del problema Cause e conseguenze dell uso inappropriato di antibiotici Strategie per la razionalizzazione

Dettagli

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie Nelle ultime decadi la prevalenza delle malattie allergiche dell apparato respiratorio (asma bronchiale e rinite allergica) è progressivamente aumentata.

Dettagli

METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno

METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno Prof. Paolo Chiari Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Università di Bologna STUDIO CLINICO STUDIO CLINICO: esperimento rigorosamente controllato

Dettagli

Ditta produttrice: Italchimici S.p.A. / Pharmaxis Pharmaceuticals Ltd

Ditta produttrice: Italchimici S.p.A. / Pharmaxis Pharmaceuticals Ltd REPORT HTA REGIONALE Decisioni CTR Data riunione: 19/09/2011 Decisione: NON INSERITO Nota ufficiale: fd Commenti: il mannitolo è un'alternativa ai test diretti di broncocostrizione (quello alla metacolina

Dettagli

La terapia farmacologica nel paziente in doppia diagnosi Michele Sanza Regione Emilia Romagna Servizio Salute Mentale Dipendenze Patologiche e Salute nelle Carceri Corso di Formazione Esordi 1 NICE Guideline

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015

ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015 1 SURVEY: ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015 ISPIT è partito nel mese di OTTOBRE 2009 concluso nel mese di FEBBRAIO 2010. Sono stati reclutati 1585 PAZIENTI in 67 CENTRI ISPAF è

Dettagli

Titolo. Background. Obiettivi. Metodi Tipo di studio (disegno) Centro/i partecipante/i Popolazione

Titolo. Background. Obiettivi. Metodi Tipo di studio (disegno) Centro/i partecipante/i Popolazione La SIFC promuove la ricerca clini ca nel campo della Fibrosi Cistica in Italia mediante la valutazione di progetti scientifici multicentrici e m ultidisciplinari. La Commissione Permanente Ricerca e Sviluppo

Dettagli

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Eleonora Biasin - Oncoematologia Pediatrica Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, Responsabile GIC Tossicità Tardiva e Secondi Tumori; Franca

Dettagli

PDTA VIRTUOSI NEI DISTRETTI VENETI

PDTA VIRTUOSI NEI DISTRETTI VENETI PDTA VIRTUOSI NEI DISTRETTI VENETI ESTE 13 APRILE 2012 Piergiorgio Trevisan Margherita Andretta INTEGRAZIONE OSPEDALE - TERRITORIO: PERCORSI DIAGNOSTICO- TERAPEUTICI PER ASMA E BPCO PER L AREA VASTA DI

Dettagli

Asma e allergie respiratorie da 0 a 18 anni. Gruppo di Lavoro GARD-Italy Asma ed Allergie nel Bambino

Asma e allergie respiratorie da 0 a 18 anni. Gruppo di Lavoro GARD-Italy Asma ed Allergie nel Bambino Asma e allergie respiratorie da 0 a 18 anni Assemblea Generale GARD-I, Ministero Salute, 25 Giugno 2015 1 Questo documento è stato preparato a cura del COMPONENTI DEL GRUPPO Leonardo Antonicelli Associazione

Dettagli

AGGIORNAMENTI IN PNEUMOLOGIA

AGGIORNAMENTI IN PNEUMOLOGIA AGGIORNAMENTI IN PNEUMOLOGIA www.aimarnet.it DALL'INALATORE AL POLMONE: IMPLICAZIONI CLINICHE DEL CICLOESONIDE E DEGLI ALTRI STEROIDI INALATORI Review scientifica del lavoro: Autori: Nave R, Mueller H

Dettagli