I trials clinici. Trials clinici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I trials clinici. Trials clinici"

Transcript

1 I trials clinici Trials clinici 1

2 La Evidence Based Medicine (EBM) Fondamenti epidemiologici 2

3 Evidence Based Medicine (Medicina basata sulle prove di efficacia) Approccio metodologico al problema clinico che consiste nell utilizzare nella pratica clinica i risultati di studi epidemiologici osservazionali e sperimentali al fine di standardizzare l utilizzo di test diagnostici e terapie validate che assicurino il miglior rapporto costoefficacia 3

4 The concept of Evidence and its evaluation Due dei più significativi cambiamenti avvenuti negli ultimi vent anni nel cosiddetto linguaggio scientifico riguardano da una parte la preferenza accordata alla parola opinione in confronto ad altri elementi di prova e dall altra il declino della parola esperimento La parola opinione deve, senza dubbio la sua fortuna a molti motivi, dei quali uno dei più evidenti penso sia l influenza del metodo adottato dagli intervistatori e produttori televisivi: per essi le risposte devono essere brevi, essenziali, chiare, mentre ogni discussione a proposito di evidenze empiriche è fatta di sfumature, di esitazioni, di ambiguità... Archibald L. Cochrane, Effectiveness and efficiency. (Random reflections on health services),

5 Nascita della Evidence Based Medicine Il termine EBM è stato usato pubblicamente su una rivista scientifica nel 1992 Evidence-based Medicine Working Group. Evidence-based medicine: a new approach to teaching the practice of medicine. JAMA, 1992; 268: Questo articolo affermava in modo esplicito che tutte le azioni cliniche sul piano diagnostico, della valutazione prognostica e delle scelte terapeutiche dovevano essere basate su solide evidenze QUANTITATIVE derivate da una ricerca epidemiologico-clinica di buona qualità 5

6 Tappe di un approccio EBM Tradurre il problema clinico/assistenziale da esaminare in una domanda per la quale è possibile trovare una risposta Ricercare nella letteratura disponibile, e nelle altre fonti di informazione, l esistenza di prove credibili Valutare criticamente la validità metodologica e la rilevanza clinica delle eventuali prove di efficacia identificate Impostare un piano assistenziale per il paziente che sia coerente con le prove di efficacia disponibili 6

7 Conseguenze della visione EBM Si deve accettare di dover prendere determinate decisioni in condizioni di INCERTEZZA, per mancanza assoluta di informazioni rilevanti o per cattiva qualità di quelle esistenti Il rispetto dell AUTORITA ha un peso molto inferiore rispetto alla valutazione critica rigorosa della qualità delle conoscenze disponibili A. Liberati, La medicina delle prove di efficacia, Il Pensiero Scientifico Editore,

8 Livelli di evidence e forza delle raccomandazioni (Shekelle PG, Woolf SH, Eccles M, Grimshaw J, Developing Guidelines, BMJ, 318: , 1999) Livelli di prova (evidence) Ia Prove basate su studi di meta-analisi o trials clinici controllati randomizzati (RCT) Ib Prove basate su almeno 1 trial clinico randomizzato IIa Prove basate su almeno 1 studio controllato ma non randomizzato IIb Prove basate su almeno un altro tipo di studio quasi-sperimentale III Prove basate su studi descrittivi non sperimentali, quali studi comparativi, studi di correlazione, studi caso-controllo IV Prove basate su Reports di Comitati di Esperti, o Esperienza clinica di autorità rispettate, o entrambi 8

9 Rilevanza di effetto ed esposizione negli studi epidemiologici EFFETTO ESPOSIZIONE Case reports Case series Studi trasversali Studi ecologici Studi caso-controllo Studi di coorte Studi sperimentali Descrittivi Costruttivi Sperimentali 9

10 La Sperimentazione clinica Definizioni e concetti chiave 10

11 Sperimentazione clinica: alcune parole chiave COMITATO ETICO Struttura e funzione Giudizio di notorietà Copertura assicurativa Istruttoria Investigator s brochure Dichiarazione di Helsinki Nota informativa ai partecipanti Consenso informato Legge sulla Privacy 675/96 EPIDEMIOLOGIA Studio Controllato L inferenza statisticoepidemiologica L evidence epidemiologica Epidemiologia osservazionale e sperimentale Questionari HRQoL Scale di valutazione SPERIMENTAZIONE Fasi degli studi (I, II, III, IV) Condizioni di cecità Placebo e trattamenti di confronto Schemi di trattamento Efficacia e sicurezza Criteri di inclusione Criteri di esclusione Drop out Studi multicentrici Outcomes (endopoints) ANALISI STATISTICA Intention to treat Interim analysis Dimensioni del campione e potenza degli studi Significatività statistica 11

12 Introduzione La validità nel metodo sperimentale risiede nel controllo diretto da parte del ricercatore sulla assegnazione dei soggetti ai gruppi di studio Negli studi descrittivi, invece, il ricercatore accetta essenzialmente la situazione così come si presenta. 12

13 Esperimenti epidemiologici 1. Sperimentazioni cliniche Clinical Trial l efficacia di un farmaco e di una misura preventiva viene testata nei singoli individui. 2. Sperimentazioni su comunità Community Trial l efficacia di un farmaco o misura preventiva viene saggiata su un gruppo di individui. 13

14 Sperimentazione controllata E possibile sperimentare: farmaci tecniche chirurgiche vaccini misure di sanità pubblica (es. screening) Gli individui (nei clinical trials) o le comunità (nei community trials) sono assegnati casualmente a due gruppi: gruppo sperimentale gruppo di controllo 14

15 Sperimentazione controllata Cosa differenzia i due gruppi ( bracci )? Gruppo sperimentale viene effettuato l intervento es. viene somministrato il farmaco in esame Gruppo di controllo non viene effettuato l intervento, o viene effettuato uno pseudointervento, o comunque non si fa nulla di nuovo es. viene somministrato il farmaco in uso nella pratica corrente, o un placebo (sostanza inerte come una pillola di zucchero o soluzione fisiologica) 15

16 Sperimentazione controllata intervento Valutazione degli effetti dell intervento non intervento 16

17 Trial Controllato Randomizzato (RCT) da Last, JM, A dictionary of Epidemiology, Oxford Univ. Press, 1995 Un esperimento epidemiologico nel quale soggetti tratti da una popolazione sono assegnati a caso a gruppi generalmente detti gruppo in studio e gruppo di controllo al fine di essere sottoposti o meno ad un trattamento o procedura preventiva o terapeutica I risultati vengono poi analizzati attraverso un rigoroso confronto dei tassi dell outcome scelto il disegno controlla per i confondenti 17

18 Definizioni da: GU Comunità Europee, posizione comune 44/2000, 20/10/2000 Sperimentazione clinica indagine effettuata su soggetti umani, volta a scoprire o verificare gli effetti clinici e/o farmacologici di medicinali in fase di sperimentazione e/o individuare reazioni avverse e/o studiarne l assorbimento, la distribuzione, il metabolismo o l eliminazione Sperimentazione clinica pluricentrica sperimentazione clinica effettuata in base ad un unico protocollo in più di un sito i siti possono essere ubicati in uno o più stati 18

19 Tipi di sperimentazioni cliniche Sperimentazioni terapeutiche In questo tipo di sperimentazione una procedura terapeutica viene somministrata nel tentativo di alleviare sintomi e/o migliorare la sopravvivenza di coloro che hanno la malattia. Sperimentazioni di intervento In questo tipo di sperimentazione il ricercatore interviene prima che la malattia si sia sviluppata, su quegli individui con caratteristiche tali da farli considerare soggetti a rischio aumentato di sviluppare la malattia. Sperimentazioni preventive In questo tipo di sperimentazione si tenta di determinare l efficacia di un agente o di una procedura preventiva. Vengono anche dette sperimentazioni di profilassi. 19

20 La sperimentazione clinica: fasi Fase I Farmacologia clinica e tossicità Fase II Indagine clinica iniziale dell effetto del trattamento Fase III Valutazione del trattamento su larga scala Fase IV Farmacovigilanza 20

21 Sperimentazioni Cliniche Fase I - Farmacologia clinica e Tossicità Primi esperimenti nell uomo su volontari sani su pazienti Obiettivo accertamento della tollerabilità, più che dell efficacia determinare un dosaggio singolo accettabile esperimenti a dosaggio graduale studi su metabolismo e biodisponibilità Numero di soggetti coinvolti tra sani e pazienti Da S. Pocock, Sperimentazioni cliniche. Un approccio pratico, Centro Scientifico Torinese,

22 Sperimentazioni Cliniche Fase I Primi studi su un nuovo principio attivo condotti nell uomo spesso su volontari sani Lo scopo è quello di fornire una valutazione preliminare sulla sicurezza ed un primo profilo della farmacocinetica e della farmacodinamica del principio attivo nell uomo Da Circolare Ministeriale 5/10/00, n. 15, Aggiornamento della Circ. Min. 8 del 10/7/97 relativa alla sperimentazione clinica dei medicinali, Allegato quater 22

23 Sperimentazioni Cliniche Fase II - Indagine clinica iniziale degli effetti Valutazione dell efficacia terapeutica in scala ridotta su pazienti Peculiarità stretto controllo di ogni pazienti utile per lo screening di efficacia delle sostanze da avviare alle fasi successive Numero di soggetti coinvolti raramente più di pazienti Da S. Pocock, Sperimentazioni cliniche. Un approccio pratico, Centro Scientifico Torinese,

24 Sperimentazioni Cliniche Fase II - Studi terapeutici pilota Lo scopo è quello di dimostrare l attività e valutare la sicurezza a breve termine di un principio attivo in pazienti affetti da una malattia o da una condizione clinica per la quale il principio attivo è preposto Gli studi vengono condotti su un numero limitato di soggetti e spesso, in uno stadio più avanzato, secondo una schema comparativo es. controllato con placebo Questa fase ha anche lo scopo di determinare un appropriato intervallo di dosi e/o schemi terapeutici e, se possibile, di identificare il rapporto dose/risposta al fine di fornire le migliori premesse per pianificare studi più estesi Da Circolare Ministeriale 5/10/00, n. 15, Aggiornamento della Circ. Min. 8 del 10/7/97 relativa alla sperimentazione clinica dei medicinali, Allegato quater 24

25 Sperimentazioni Cliniche Fase III - Valutazione su larga scala del trattamento Valutazione efficacia comparativa su pazienti confronto con placebo o trattamenti standard Caratteristiche confronto in condizioni costanti (RCT) controllo del confondimento by design condizioni teoriche (EFFICACY) valutazione effetti collaterali Numero di soggetti coinvolti numero rilevante di soggetti spesso studi multicentrici Da S. Pocock, Sperimentazioni cliniche. Un approccio pratico, Centro Scientifico Torinese,

26 Sperimentazioni Cliniche Fase III - Studi su gruppi più numerosi Al fine di determinare il rapporto sicurezza/efficacia a breve e lungo termine delle formulazioni del principio attivo come pure di valutarne il valore terapeutico assoluto e relativo L andamento e le caratteristiche delle più frequenti reazioni avverse devono essere indagati e si devono esaminare le speicifiche caratteristiche del prodotto (interazioni clinicamente rilevanti tra farmaci, fattori che inducono differenti risposte, quali l età, ecc.) Il programma sperimentale dovrebbe essere preferibilmente a doppio cieco randomizzato ma altri disegni possono essere accettabili, come nel caso di studi a lungo termine sulla sicurezza Generalmente le condizioni degli studi dovrebbero essere il più possibile vicine alle normali condizioni d uso Da Circolare Ministeriale 5/10/00, n. 15, Aggiornamento della Circ. Min. 8 del 10/7/97 relativa alla sperimentazione clinica dei medicinali, Allegato quater 26

27 Sperimentazioni Cliniche Fase IV - Farmacovigilanza Follow-up del farmaco su normali prescrizioni sui pazienti Obiettivi Valutazione sicurezza effetti collaterali rari o a lungo termine Valutazione EFFECTIVENESS efficacia pratica, al fuori dei gruppi sperimentali importanza effetti collaterali e non compliance! Numero di soggetti coinvolti post-marketing grandi database Da S. Pocock, Sperimentazioni cliniche. Un approccio pratico, Centro Scientifico Torinese,

28 Sperimentazioni Cliniche Fase IV - Studi condotti dopo la commercializzazone del prodotto medicinale Sono studi condotti sulla base delle informazioni contenute nel riassunto delle caratteristiche del prodotto relativo alla autorizzazione alla immissione in commercio per esempio, farmacovigilanza, o valutazione del valore terapeutico Dopo che un prodotto è stato posto sul mercato gli studi clinici miranti ad indagare, ad esempio, nuove indicazioni nuove vie di somministrazione nuove associazioni vanno considerati come studi su nuovi prodotti medicinali Da Circolare Ministeriale 5/10/00, n. 15, Aggiornamento della Circ. Min. 8 del 10/7/97 relativa alla sperimentazione clinica dei medicinali, Allegato quater 28

29 Programmazione di uno studio: il protocollo Il disegno di una sperimentazione clinica è definito in un protocollo che contiene gli obiettivi e specifiche da usarsi nello studio le procedure Deve essere scritto prima del trial e dovrebbe contenere informazioni quali i metodi per la selezione dei gruppi di studio e istruzioni dettagliate per l esecuzione dei test di laboratorio Se durante il corso della sperimentazione sorgono dei problemi, a causa di determinate situazioni contingenti, il protocollo deve essere utilizzato come guida per quello che il ricercatore deve fare. 29

30 Schema di protocollo (1) 1. Fondamenti e motivazioni scientifiche dello studio 2. Obiettivi specifici dello studio 3. Concisa definizione del disegno dello studio (mascheramento, schemi di randomizzazione, tipi e durata dei trattamenti, numero dei pazienti) 4. Criteri per l inclusione ed esclusione dei soggetti 5. Schema delle procedure di trattamento 6. Definizione di tutte le metodiche cliniche, di laboratorio, etc. 30

31 Schema di protocollo (2) 7. Metodi per assicurare l integrità dei dati 8. End point primari e surrogati 9. Iniziative previste per l osservazione e la registrazione degli effetti collaterali 10. Procedure per deviazioni dal protocollo 11. Procedure per ottenere il consenso del soggetto 12. Procedure per analizzare i risultati 13. Appendici, schede, etc. (adattato da Bearman, 1975) 31

32 Definizioni da: GU Comunità Europee, posizione comune 44/2000, 20/10/2000 Medicinale in fase di sperimentazione principio attivo in forma farmaceutica o placebo sottoposto a sperimentazione o utilizzato come riferimento nel corso di una sperimentazione clinica comprende prodotti già autorizzati se utilizzati o preparati in maniera diversa da quella autorizzata o per indicazioni non autorizzate o per ottenere maggiori informazioni su quanto già autorizzato Giudizio/delibazione di notorietà qualora il medicinale non risulti di nuova istituzione viene rilasciata l esenzione dagli accertamenti dell ISS sul farmaco la sperimentazione può essere effettuata senza i preliminari accertamenti 32

33 Definizioni da: GU Comunità Europee, posizione comune 44/2000, 20/10/2000 Comitato Etico Organismo indipendente in uno stato membro, composto di personale sanitario e non incaricato di garantire la tutela dei diritti, della sicurezza e del benessere dei soggetti della sperimentazione e di fornire pubblica garanzia di questa tutela, emettendo, ad esempio, pareri sul protocollo di sperimentazione, sull idoneità dello o degli sperimentatori, sulle strutture e sui metodi e documenti da impiegare per informare i soggetti della sperimentazione prima di ottenerne il consenso 33

34 Comitato Etico - Composizione Circ. Ministeriale luglio 1997 (recepimento linee guida UE Buona Pratica Clinica) raccomanda almeno 5 membri almeno 1 membro la cui area di interesse primario sia di carattere non scientifico almeno 1 membro che sia indipendente dall Istituzione/dal centro di sperimentazione Linee guida di riferimento per l istituzione ed il funzionamento dei CE (DM 18/3/98) 2 clinici con documentata esperienza e conoscenze delle sperimentazioni terapeutiche controllate e randomizzate 1 biostatistico con documentata esperienza delle sperimenrtazioni controllate e randomizzate 1 farmacologo 1 farmacista del servizio farmaceutico della istituzione di ricovero o territoriale sede della sperimentazione clinica dei medicinali il direttore sanitario 1 esperto in materia giuridica 1 medico di medicina generale territoriale 1 esperto di bioetica 1 diplomato in materia sanitaria (dirigente infermieristico) 1 rappresentante dei malati (volontariato, associazionismo) 34

35 Definizioni da: GU Comunità Europee, posizione comune 44/2000, 20/10/2000 Consenso informato la decisione di partecipare ad una sperimentazione clinica presa spontaneamente, dopo essere stati debitamente informati delle modalità di sperimentazione e aver ricevuto una documentazione appropriata da una persona capace di dare il proprio consenso o dal suo rappresentante legale 35

36 Definizioni da: GU Comunità Europee, posizione comune 44/2000, 20/10/2000 Sperimentatore la persona responsabile dell esecuzione della sperimentazione in un dato sito Dossier per lo sperimentatore la raccolta di dati clinici e non clinici sul medicinale in fase di sperimentazione che sono pertinenti per lo studio dei medesimi nell uomo Sponsor la persona, società o istituzione che si assume la responsabilità di avviare, gestire e/o finanziare una sperimentazione clinica 36

37 Definizioni da: GU Comunità Europee, posizione comune 44/2000, 20/10/2000 Evento avverso qualsiasi evento clinico dannoso che si manifesta in un paziente o in un soggetto della sperimentazione clinica cui è stato somministrato un medicinale non necessariamente ha un rapporto causale con questo trattamento Reazione avversa qualsiasi reazione dannosa o indesiderata a un medicinale in fase di sperimentazione, indipendentemente dalla dose somministrata Evento avverso serio qualsiasi evento avverso che, indipendentemente dalla dose somministrata, mette a repentaglio la vita del soggetto, o comporta una invalidità o incapacità grave o prolungata, o malformazioni congenite o difetti alla nascita. 37

38 Parole chiave di interesse statistico in un Randomized Controlled Trial (RCT) Disegno dello studio Randomizzazione Calcolo delle dimensioni del campione Criteri di inclusione/esclusione Cecità Obiettivi dello studio Definizione ENDPOINTS e loro misura Hard: sopravvivenza, intervallo libero da malattia Soft: Percezione individuale di dimensioni della Qualità di Vita Valutazione dei risultati Intention to treat Formalizzazione ipotesi nulla ed ipotesi alternativa 38

39 Randomizzazione (1) La principale differenza tra una sperimentazione clinica ed uno studio prospettico è che nella prima si ricorre a procedure di randomizzazione. Il gruppo sperimentale ed il gruppo di controllo devono essere confrontabili per tutti i fattori ad eccezione per quello in studio (farmaco o misura preventiva) 39

40 Randomizzazione (2) L epidemiologo potrebbe ottenere la confrontabilità per i fattori di cui siano note le influenze sulla malattia oggetto dello studio, quali: età sesso razza gravità della malattia accoppiando i soggetti dei due gruppi per questi fattori 40

41 Randomizzazione (3) D altra parte non si possono accoppiare gli individui per quei fattori la cui influenza non è conosciuta o non può essere misurata. Questo problema può essere risolto mediante la randomizzazione dei soggetti, o assegnandoli al gruppo sperimentale o al grippo di controllo. Ciò consente la confrontabilità di questi gruppi rispetto a tutti i fattori, noti e ignoti, misurabili e no, eccetto per quello studiato. 41

42 Randomizzazione (4) La randomizzazione è lo strumento con cui il ricercatore evita di introdurre distorsioni (bias) conscie ed inconscie nel processo di assegnazione degli individui ai gruppi sperimentali e di controllo, aumentando il grado di confrontabilità. Una frase che esprime bene questo concetto di confrontabilità è ceteris paribus, che significa appunto essendo uguali tutte le altre cose. 42

43 Randomizzazione (5) Semplice Proprietà di un campione casuale Ogni unità della popolazione ha la stessa probabilità di essere scelta La scelta di una unità non influenza la selezione delle altre Lista di numeri casuali con probabilità del 50% (sono 2 trattamenti) di essere assegnati ad A o B es. A se 0-4, B se A B A B B A A B A A Possibili Bias: sbilanciamento gruppi A blocchi a permutazione randomizzata Per evitare lo sbilanciamento ogni numero casuale non assegna il trattamento ad un solo paziente, ma ad un blocco (es una coppia) es. AB se 0-4, BA se AB BA AB BA BA AB AB BA AB AB 43

44 Criteri inclusione ed esclusione (1) In ogni ricerca clinica è necessario definire esattamente quali siano i pazienti eleggibili L obiettivo principale è garantire che i pazienti nella sperimentazione possano essere un campione rappresentativo di qualche futura categoria di pazienti a cui potranno essere applicati i risultati della ricerca tuttavia, non è bene essere talmente restrittivi sulla eleggibilità dei pazienti da limitare la ricerca e rischiare che i risultati manchino di generalizzabilità 44

45 Criteri inclusione ed esclusione (2) Nelle fasi iniziali dello sviluppo del protocollo si può procedere tracciando solamente un profilo approssimativo del paziente voluto ma prima che la ricerca abbia inizio, questo deve essere trasformato in una descrizione dettagliata La condizione patologica sotto indagine deve essere definita, e ciò richiede l esplicitazione di criteri molto dettagliati nel protocollo di studio 45

46 Cecità e placebo (1) Tre sono gli attori che potrebbero condizionare il loro atteggiamento nei confronti dello studio alla conoscenza del regime di trattamento: Il paziente (Singolo cieco) L equipe di trattamento (Doppio cieco) Il valutatore ( Triplo cieco o cecità parziale) 46

47 Cecità e placebo (2) L approccio a doppia cecità e possibile solo quando si confrontano trattamenti simili modalità di somministrazione l uso di placebo per sperimentazioni di farmaci non per via orale è molto raro, per problemi pratici ed etici (un esempio in Hjalmarson et al, Lancet, 1981) effetti collaterali possono rendere riconoscibili farmaco e placebo al medico ma anche al pz. (consenso informato?) 47

48 Intention to treat Tutti i pazienti che sono stati randomizzati vanno inclusi nella analisi statistica considerati nel gruppo di trattamento nel quale erano stati inseriti dalla randomizzazione anche se non hanno completato il ciclo di trattamento (Intention to treat) Questo perché la probabilità di abbandono del ciclo potrebbe essere diversa per i due trattamenti intolleranza al trattamento compliance piu difficile 48

49 Calcolo numerosità campione Il corretto dimensionamento del campione è punto fondamentale e richiede uno sforzo da parte del clinico: nel definire esplicitamente in termini quantitativi gli obiettivi che lo studio si prefigge QUANTO miglioramento ci si aspetta dal nuovo trattamento? 49

50 Sample size, Hypothesis test & power Utilizziamo lo statistical power ( potenza o potere statistico) per calcolare la dimensione del campione appropriata per un trial clinico Per il quale siamo in grado di specificare la minima effettiva differenza tra i trattamenti che abbia una utilità clinica Questo rende il calcolo un po artificioso MA, nella pratica, è generalmente possibile specificare il grado di beneficio che il nuovo trattamento dovrebbe apportare perché valga la pena di adottarlo» Altman DG, Practical Statistics for Medical Research, Chapman & Hall,

51 Sample size, Hypothesis test & power L idea che sta alla base dei calcoli delle dimensioni del campione è quella di avere una high chance of detecting, as statistically significant, a worthwhile effect if it exists e perciò di essere reagionevolmente sicuri che quel beneficio non esiste se non lo troviamo nel trial» Altman DG, Practical Statistics for Medical Research, Chapman & Hall,

52 Etica e sample size I soggetti arruolati in uno studio devono essere abbastanza numerosi Da far sì che un effetto di una dimensione tale da essere scientificamente significativo riesca ad essere anche statisticamente significativo Ma è anche importante che gli arruolati non siano troppi, tanti da rendere statisticamente significativo un risultato di scarsa rilevanza scientifica La numerosità campionaria è importante per motivi economici Uno studio sottodimensionato può portare ad uno spreco di risorse, perché non riuscirà a produrre risultati utili Uno studio sovradimensionato usa comunque più risorse del necessario Nella sperimentazione animale o umana, la numersità campionaria è un aspetto importante Uno studio sottodimensionato espone i soggetti a trattamenti potenzialmente rischiosi senza portare un avanzamento delle conoscenze scientifiche Uno studio sovradimensionato sono esposti ad un trattamento potenzialmente dannoso troppi soggetti, ovvero si nega un trattamento potenzialmente benefico a qualcuno Lenth RV, The American Statistician, 55: ,

53 Calcolo numerosità campione Proporzioni p C =0.20 p T -p C =0.30 a=0.05 Z a =1.96 (2 code) Z a =1.645 (1 coda) b=0.20 (Z b =1.28) 45 per gruppo (2 code) 37 per gruppo (1 coda) b=0.10 (Z b =0.84) 58 per gruppo (2 code) 48 per gruppo (1 coda) n Z a 2p 1 p Z p 1 p p 1 p 2 b ( p T T p ) C T C C 53

54 Calcolo numerosità campione Medie n ( z ) 2 a z b 2 H 0 H 1 54

55 Il test statistico di ipotesi L immaginazione umana non ha limiti nella capacità di creare teorie e modelli per descrivere la realtà ma quale principio si segue nel decidere il modello che meglio si attiene ai dati? Il principio del rasoio di Occam, secondo cui: è necessario adottare sempre la spiegazione più semplice tra quelle coerenti con i fatti noti e solo quando sono presenti incoerenze è giustificata l introduzione di una spiegazione più elaborata e complessa 55

56 Il test statistico di ipotesi E esattamente questo principio che viene applicato nel test di ipotesi in statistica: si definisce la spiegazione più semplice Ipotesi nulla si verifica se i dati raccolti nel campione disponibile sono compatibili con essa si calcola, cioè, quanto sarebbe stato probabile ottenere quei dati nel caso che l'ipotesi nulla fosse vera 56

57 Ipotesi nulla ed ipotesi alternativa Si segue dunque, in statistica, il principio della dimostrazione inversa : se si intende proporre che due popolazioni siano diverse non potendosi dimostrare in via diretta la diversità si propone come ipotesi la loro uguaglianza definita come Ipotesi nulla o H0 e si dimostra che tale ipotesi cade in contraddizione, è incompatibile con i dati, rende i dati estremamente improbabili è allora necessario accettare l ipotesi alternativa HA che altro non è che il reciproco di H0» e cioè l ipotesi che le due popolazioni NON siano uguali, cioè siano diverse 57

58 Il livello di significatività In quali casi riteniamo che le incongruenze tra l ipotesi nulla ed i dati siano sufficienti a rifiutare l ipotesi nulla? dobbiamo introdurre il concetto di significatività statistica che non necessariamente è sinonimo di significatività ad esempio, clinica Per significatività statistica si intende una soglia arbitraria, stabilita a priori, di probabilità che i dati derivino da una realizzazione casuale dell Ipotesi nulla se la probabilità che i dati derivino dall ipotesi nulla è inferiore alla soglia possiamo rifiutare l ipotesi nulla e accettare l ipotesi alternativa La soglia di significatività definisce dunque il limite sotto al quale riteniamo accettabile la probabilità di commettere un errore rifiutando l ipotesi nulla 58

59 Valore di p Un suggerimento per interpretare i valori di p presentati in letteratura Prove contrarie all ipotesi nulla deboli Il valore di p si riduce: le prove contro l ipotesi nulla si rafforzano Prove schiaccianti contrarie all ipotesi nulla Da: Sterne JAC, Smith GD, Sifting the evidence-what s wrong with significance tests?, BMJ, 322: ,

60 La potenza di un test La potenza è la probabilità di rifiutare l ipotesi nulla H0 quando essa è falsa potenza=p(rifiutare H0 H0 è falsa) Può essere intesa come la probabilità che ha un particolare studio di individuare una deviazione dall ipotesi nulla nel caso in cui esista 60

61 La potenza di un test La potenza è la probabilità di rifiutare l ipotesi nulla H0 quando essa è falsa potenza=p(rifiutare H0 H0 è falsa) La potenza è definita come 1-b ed è dunque la probabilità complemento dell errore di tipo II e come b dipende da: numerosità del campione errore a parametri della popolazione di riferimento es 0 variazione nei parametri attesi nel campione es. Diff.=

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Statistica. Lezione 6

Statistica. Lezione 6 Università degli Studi del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Infermieristica Corso integrato in Scienze della Prevenzione e dei Servizi sanitari Statistica Lezione 6 a.a 011-01 Dott.ssa Daniela Ferrante

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Metodologia e Ricerca clinica Il Giornale di AMD 2013;16:377-383

Metodologia e Ricerca clinica Il Giornale di AMD 2013;16:377-383 Come pianificare uno studio clinico MD il giornale di Rivista Rivista dell Associazione Medici Diabetologi PERIODICO DI APPROFONDIMENTO SCIENTIFICO, FORMAZIONE, MODELLI ASSISTENZIALI S. De Riu 1, M.L.

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE La presentazione dei dati per molte ricerche mediche fa comunemente riferimento a frequenze, assolute o percentuali. Osservazioni cliniche conducono sovente

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati

3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati BIOSTATISTICA 3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk MARTA BLANGIARDO

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera G. M. Zanini Convegno AFI-AFTI l impatto delle nuove normative comunitarie sulla produzione dei farmaci per uso sperimentale e sulla

Dettagli

[CRITICAL APPRAISAL] Critical Appraisal di uno studio di intervento: come giudicare la qualità metodologica

[CRITICAL APPRAISAL] Critical Appraisal di uno studio di intervento: come giudicare la qualità metodologica [CRITICAL APPRAISAL] Critical Appraisal di uno studio di intervento: come giudicare la qualità metodologica Stesura: Luglio 2006 A cura di: Alessandro Battaggia, Area Cardiovascolare SIMG Titolo: Critical

Dettagli

4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti

4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti BIOSTATISTICA 4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk MARTA BLANGIARDO

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE 8. Disposizioni attuative. Con il decreto ministeriale di cui al precedente punto 3.3. verranno individuate le priorita' cui i progetti strategici dovranno ispirarsi, le modalita' di presentazione degli

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1 Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 Capitolo 3. L'analisi della varianza. Il problema dei confronti multipli. La soluzione drastica di Bonferroni ed il test

Dettagli

iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi

iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi iovanella@disp.uniroma2.it http://www.disp.uniroma2.it/users/iovanella Verifica di ipotesi Idea di base Supponiamo di avere un idea del valore (incognito) di una media di un campione, magari attraverso

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Procedura per sottoscrivere la partecipazione Il professionista sanitario che voglia

Dettagli

La nuova normativa di Farmacovigilanza

La nuova normativa di Farmacovigilanza La nuova normativa di Farmacovigilanza 1 Due nuove disposizioni in materia di farmacovigilanza Pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale Europea L 348 del 31 Dic 2010: Regulation (EU) 1235/2010 of the European

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioni di Statistica Test d ipotesi sul valor medio e test χ 2 di adattamento Prof. Livia De Giovanni statistica@dis.uniroma1.it Esercizio 1 Si supponga che il diametro degli anelli metallici prodotti

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Scopo della ricerca Lo scopo della ricerca è di valutare l efficacia

Dettagli

Proposta di un Documento di Consenso sulla Modalità di Valutazione delle Sperimentazioni Cliniche Non profit

Proposta di un Documento di Consenso sulla Modalità di Valutazione delle Sperimentazioni Cliniche Non profit Proposta di un Documento di Consenso sulla Modalità di Valutazione delle Sperimentazioni Cliniche n profit A cura di SIF Clinica In collaborazione con: Segreteria Scientifica e Membri dei Comitati Etici

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

L EBM e le risorse bibliografiche. Un introduzione alle pratiche EBM ed alle risorse bibliografiche correlate

L EBM e le risorse bibliografiche. Un introduzione alle pratiche EBM ed alle risorse bibliografiche correlate L EBM e le risorse bibliografiche Un introduzione alle pratiche EBM ed alle risorse bibliografiche correlate Evidence Based Medicine (EBM) Per poter comprendere la necessità della consultazione di articoli

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi :

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi : Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in biotecnologia Corso di Statistica Medica Analisi dei dati quantitativi : Confronto tra due medie Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Come scrivere un articolo scientifico La rassegna

Come scrivere un articolo scientifico La rassegna Come scrivere un articolo scientifico Con il termine "rassegna" si intende una sintesi critica dei lavori pubblicati su uno specifico argomento. Essa, pertanto, va incontro ad una esigenza particolarmente

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA)

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) 4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) L analisi della varianza è un metodo sviluppato da Fisher, che è fondamentale per l interpretazione statistica di molti dati biologici ed è alla

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN:

Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN: Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN: 88-8453-208-6 (print) ISBN: 88-8453-207-8 (online), Firenze

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro.

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro. Behavior-Based Based Safety (B-BS) BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro Italo Viganò Cosa causa gli incidenti Behavior &

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

1a) Calcolare gli estremi dell intervallo di confidenza per µ al 90% in corrispondenza del campione osservato.

1a) Calcolare gli estremi dell intervallo di confidenza per µ al 90% in corrispondenza del campione osservato. Esercizio 1 Sia X 1,..., X un campione casuale estratto da una variabile aleatoria normale con media pari a µ e varianza pari a 1. Supponiamo che la media campionaria sia x = 2. 1a) Calcolare gli estremi

Dettagli

Orientarsi in salute e sanità per fare scelte consapevoli

Orientarsi in salute e sanità per fare scelte consapevoli Orientarsi in salute e sanità per fare scelte consapevoli LA DISPENSA PROGETTO PARTECIPASALUTE Centro Cochrane italiano Realizzato con il sostegno di Settembre 2008 ISTITUTO DI RICERCHE FARMACOLOGICHE

Dettagli

Epigrafe. Premessa. 1. Recepimento delle linee guida dell'u.e. di buona pratica clinica. 2. Linee guida europee sulle sperimentazioni.

Epigrafe. Premessa. 1. Recepimento delle linee guida dell'u.e. di buona pratica clinica. 2. Linee guida europee sulle sperimentazioni. D.M. 15-07-1997 Recepimento delle linee guida dell'unione europea di buona pratica clinica per la esecuzione delle sperimentazioni cliniche dei medicinali. Pubblicato nella Gazz. Uff. 18 agosto 1997, n.

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina 2014 Next MMG Semplicità per il mondo della medicina Documento che illustra le principali caratteristiche di Next MMG EvoluS Srl Corso Unione Sovietica 612/15B 10135 Torino tel: 011.1966 5793/4 info@evolu-s.it

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Come scrivere una Review

Come scrivere una Review Come scrivere una Review Federico Caobelli per AIMN Giovani Fondazione Poliambulanza - Brescia federico.caobelli@gmail.com SOMMARIO Nel precedente articolo, scritto da Laura Evangelista per AIMN Giovani,

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

LA QUALITÀ NEI SERVIZI SANITARI

LA QUALITÀ NEI SERVIZI SANITARI LEZIONE: LA QUALITÀ NEI SERVIZI SANITARI PROF. GIUSEPPE FERRAIOLO Indice 1 INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute.

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute. Lo Schema BIAS FREE Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute di Mary Anne Burke Global Forum for Health Research Ginevra, Svizzera e Margrit

Dettagli

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Assessorato Politiche per la Salute Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Dicembre 2014 Servizio Sanità Pubblica Direzione Generale Sanità e Politiche sociali Agenzia Sanitaria e

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli