n. 3 Aprile Anno V

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "n. 3 Aprile 2009 - Anno V"

Transcript

1 Free Service srl Edizioni - Falconara M. (AN) - Supplemento n. 1 al n. 4 Aprile 2009 di Regioni&Ambiente - Poste Italiane s.p.a. - spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.1, comma 1, DGB Ancona n. 3 Aprile Anno V

2

3 SOMMARIO LE OPPORTUNITÀ DEL COMPARTO PER RISPONDERE ALLA CRISI...5 L AUTO SI TINGE DI VERDE RECUPERO E RICICLAGGIO DEI VEICOLI A FINE VITA: IN UE ITALIA FANALINO DI CODA Inserto normativo REGOLAMENTO (CE) N. 79/2009 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO ECO TOP TEN LOGIMA L AUTODEMOLIZIONE VERSO LA MODERNITÀ TECNOLOGIA AUTOMATIZZATA PER RICICLAGGIO UNIVERSALE DI PARAURTI DI AUTO A FINE VITA UNA PRECISAZIONE PER GLI AUTODEMOLITORI ECOTECNICA srl EC 500 FULL: LA CESOIA CHE TAGLIA I COSTI RIFIUTI PRODOTTI DALL ATTIVITÀ DI AUTODEMOLIZIONE: FORMAZIONE, CLASSIFICAZIONE E TRASPORTO ACQUISTIAMO CATALIZZATORI ESAUSTI Ritiriamo a domicilio pagando in contanti, ai valori correnti di mercato, qualsiasi quantitativo di catalizzatori per auto esausti, privati, preferibilmente, dei tubi di raccordo INVEMET TSr S.r.l. - Sd Sede elega Legale: Via Carlo Alberto Torino - ITALIA Sede Op.: Strada Coasso s.n.c. Zona Industriale Cirié (TO) Tel Fax

4 Commercio all ingrosso di rottami ferrosi e metallici SERVIZI - messa in riserva e recupero di rottami ferrosi e non - commercio di rottami ferrosi e non - demolizione strutture contenenti ferro e metalli RAME OTTONE ALLUMINIO LEGHE DI ACCIAIO Metalfer di Coppola Antonio -SedeLegale: Contrada Fiego S.S. S 19 Km Atena Lucana (SA) - Deposito: Contrada Sant Antuono, Zona industriale 84035Pola (SA) Amministrazione: Tel Fax Antonio Coppola Cell Ricambi: Tel ; (Salvatore); (Arnaldo) -

5 Speciale Metalriciclo 2009 LE OPPORTUNITÀ DEL COMPARTO PER RISPONDERE ALLA CRISI Alla Fiera di Montichiari (BS), protagonisti i soggetti della fi liera del recupero e riciclo dei metalli ferrosi e non, per discutere di soluzioni tecnologiche e normative di Alberto Piastrellini La crisi dei mercati finanziari che ha colto di sorpresa la finanza globale alcuni mesi or sono, si è ben presto trasferita nell economia reale, causando ristagni e abbassamento dei prezzi, soprattutto per quanto concerne le materie prime-seconde e tutti i prodotti del riciclo. Inoltre, la congiuntura negativa e la minore disponibilità di liquidi ha indotto i consumatori ad arrestare i consumi, innescando, di fatto, una spirale di recessione economica che per le imprese ha significato il crollo degli ordinativi e l ulteriore deprezzamento delle scorte. Tutto ciò, per il comparto dei metalli, è andato ad aggiungersi ad una situazione già ampiamente compromessa da alcuni mesi, quando, con il crollo del prezzo dei rottami, si erano innescate dinamiche di crisi del settore e preoccupazioni da parte dei vari soggetti della filiera. È in questo scenario, i cui foschi contorni, in parte, sembrano sfumarsi verso toni più rasserenanti, che ha avuto luogo dal 2 al 4 aprile, a Montichiari (BS), la 3 edizione di Metalriciclo - Salone Internazionale delle Tecnologie per il Recupero e il Riciclo dei Metalli ferrosi e non ferrosi, la Qualità dell ambiente e l Efficienza energetica. La manifestazione, che si è svolta presso il Centro Fiera del Garda, ha raccolto, nonostante la crisi dilagante in tutti i settori industriali, notevoli consensi e partecipazioni da parte degli addetti ai lavori e si è offerta come momento di riflessione e confronto per una reazione del mercato, attesa nel medio periodo. La fiducia di Aziende, Associazioni e Istituzioni ha confermato il valore di Metalriciclo come evento di riferimento per il sistema del recupero e riciclo dei rottami e come vetrina per le best technologies e del know-how del comparto, grazie alla presenza, in loco, delle principali aziende dell industria del riciclo: Produttori di impianti, Commercianti di metallo, Fornitori di servizi per l ambiente, Produttori di tecnologie per il recupero ed il riciclo di rottame, Produttori di attrezzature per il recupero degli sfridi da lavorazione metallica. Il tutto in un contesto territoriale che, da sempre, ha nel recupero del rottame metallico e nella sua valorizzazione, la sua vocazione principale e che, nel tempo, ha saputo conquistare ampi spazi di mercato e credibilità, non solo in ambito nazionale. Si consideri che, secondo i dati forniti da Edimet (società organizzatrice dell evento), sono 19,8 milioni le tonnellate di acciaio da forno elettrico (cioè da rottame) e le tonnellate di leghe di alluminio da fonderia provenienti da rottame prodotte in Italia nel 2007; 21,5 milioni le tonnellate di rottame ferroso e 1,2 milioni le tonnellate di rottame non ferroso consumate. Numeri impressionanti che danno il polso del comparto nazionale del recupero/riciclo e produzione di metallo a partire da rottame e definiscono la direzione di una Paese che è riuscito a fare di necessità, virtù, opponendo alla storica mancanza di materie prime, il primato europeo del recupero di scarti e rifiuti metallici da riavviare al ciclo produttivo in un percorso virtuoso che, se all inizio non era pensato per la minimizzazione degli impatti ambientali, di fatto è divenuto un alleato notevole nelle dinamiche nazionali volte alla miglior sostenibilità ambientale. E che la qualità dell ambiente fosse uno dei focus della manifestazione s è letto nel potenziamento dell area espositiva dedicata a questo tema, che ha messo in mostra : tecnologie; sistemi e attrezzature per il trattamento, la bonifica e la depurazione delle acque; controllo, trasporto ed evacuazione dei gas e dei fumi; analisi, misura e controllo dei processi. Non solo, per meglio approfondire e veicolare informazioni circa novità normative e tecnologiche, istanze della base e delle Pubbliche Amministrazioni e promuovere dibattiti e socializzazioni verso le problematiche comuni e quelle particolari che interessano i vari stakeholders della filiera del recupero e riciclo di rottami, Metalriciclo ha offerto ad espositori e visitatori un ricco programma di Eventi collaterali, Forum tecnici, Tavole rotonde e Convegni. Due di questi, in particolare, per la loro tematica, hanno stimolato la curiosità del Notiziario Autodemolitori e pertanto, onde favorire i Lettori, ne forniamo una sintesi. PROTOCOLLO DI ACCETTAZIONEE GESTIONE ROTTAMI/RIFIUTI La manifesatazione fieristica è stata scelta per la presentazione ufficiale del Protocollo coordinato dall Assessorato all Ambiente - Ecologia - Attività Estrattive ed Energia della Provincia di Brescia. Evento di apertura della 3 edizione di Metalriciclo, la presentazione del Protocollo di Accettazione e Gestione Rottami/Rifiuti, ha avuto luogo, giovedì 2 aprile, alle ore presso la Sala Aida del Centro Fiera del Garda. La presenza di Istituzioni Locali e Regionali, accanto a quella di importanti soggetti del comparto produttivo del Paese, confrma l estrema vitalità del settore di riciclo dei metalli pur nella congiuntura della crisi in atto, ha sottolineato all apertura dei lavori, Mario Conservo, Amministratore Delegato Edimet, rimarcando l impegno profuso dall ente organizzatore nell offrire non solo un animato spazio espositivo, ma anche, e soprattutto: un calendario ricco di incontri e spunti di riflessione per quanti operano nel settore. Il giornalista Roberto Barucco, direttore editoriale Gruppo Comedit, corrispondente de Il Sole 24 Ore ha 5

6 coordinato i lavori della Tavola rotonda ed introducendo il primo intervento ha inteso sottolineare come: l importanza del fare sistema anche nella filiera del recupero/riciclo dei metalli sia una prassi da seguire sempre più, e oggi, grazie a questo Protocollo, ne vediamo un esempio pratico, grazie alla collaborazione di Istituzioni Pubbliche, Associazioni ed Imprese del settore. A presentare l innovativo Protocollo è stato l Assessore all Ambiente - Ecologia - Attività Estrattive ed Energia della Provincia di Brescia, Enrico Mattinzoli, il quale ha tenuto a precisare come il documento: sia una delle tante azioni che l Amministrazione Pubblica ha messo in campo non tanto per aggirare la normativa di riferimento, ma per accompagnare le imprese nel loro lavoro e semplificarne scelte ed obblighi burocratici. Il Protocollo - secondo l Assessore - nasce dalla considerazione che le imprese non hanno alcun interesse a non applicare le norme di riferimento, ma hanno difficoltà ad interpretare le stesse e, d altro canto è obbligo delle Istituzioni garantire un meccanismo di filiera e accompagnare le imprese verso la realizzazione dello stesso. Per questo il documento è stato redatto da un Gruppo di lavoro, coordinato dall Assessorato provinciale, che ha visto protagonisti tutti gli stakeholders della filiera: Regione Lombardia, Arpa Lombardia, AIB (Associazione Industriale Bresciana), AIR (Associazione Italiana del Recupero Energetico), APINDUSTRIA, ASSO- FOND, ASSOFERMET, ASSOMET, FEDERACCIAI. La considerazione che: non si deve recuperare il più possibile solo per evitare discariche, bensì per evitare ingenti costi di smaltimento, ha stimolato, secondo l Assessore, il dibattito su nuove strade per l utilizzo intelligente di scorie industriali, come è avvenuto per il sottofondo stradale del tratto autostradale bresciano della Milano-Venezia in luogo dei consueti inerti da cava. L esperienza nel campo del rottame è piuttosto consolidata nel nostro territorio - ha dichiarato Roberto Quaresmini di Arpa Lombardia - ed è per questo, e per il fatto che la Provincia è l organo competente al rilascio delle autorizzazioni in procedura ordinaria, in procedura semplificata ed al rilascio dell AIA in materia di rifiuti, ha ritenuto necessario proporre una procedura di approvazione di Protocollo di accettazione e gestione per i rottami/rifiuti. Gli obiettivi posti dal Protocollo sono: l individuazione delle specifiche tecniche che identificano il rottame/ rifiuto; il monitoraggio delle attività siderurgiche; la facilitazione dei processi virtuosi, tuttavia, secondo il responsabile Arpa: gli ostacoli incontrati durante il confronto con gli stakeholders, hanno riguardato sia la difficile applicazione delle determinazioni analitiche proposte dal D. M. 05/ che la difficoltà nel preparare un campione rappresentativo da sottoporre ad analisi. Discutere insieme significa trovare un punto di incontro che però lascia ognuno con la propria opinione - è intervenuto Flavio Bregant di FEDERACCIAI - È pur vero che le interpretazioni della norma sono varie e confuse. Stabilire che il rottame è un rifiuto significa che i forni siderurgici possono per questo bruciare rifiuti? - si è poi 6

7 domandato retoricamente e riprendendo: le acciaierie non sono interessate a bruciare di tutto, ma solo prodotti di qualità visti gli alti costi di gestione. Passando ad enunciare le positività insite nel Protocollo, il rappresentante di FEDERACCIAI ha rimarcato come i punti qualificanti dell Accordo siano riscontrabili: nella qualificazione del fornitore a partire dalle informazioni sullo stesso; nei controlli radiometrici sul rottame, onde evitare pericolose contaminazioni; nei controlli effettuati durate la fase di trasporto; infine, nei controlli dei flussi e nella gestione della categorie atipiche. Tornando sul problema delle scorie, Bregant ha sottolineato come: utilizzarle sarebbe un grande vantaggio per l ambiente e riasfaltare il tratto BRE- VE-MI, come già applicato con successo nel Passante di Mestre, permetterebbe di aumentare la resistenza all usura e risparmiare sui materiali. A definire i contorni e i numeri dello scenario italiano del comparto del riciclo dei metalli è stato Orazio Zoccolan, responsabile Ambiente di ASSOMET, il quale ha dichiarato come: l industria del riciclo e della metallurgia da anni è impegnata nello sviluppo sostenibile, implementando strategie volte al risparmio energetico, alla minimizzazione dei costi e alla valorizzazione delle risorse. Quello dei metalli non ferrosi - ha proseguito - è un mercato molto in vista in Europa e il know how italiano, da questo punto di vista è d eccelenza. L obiettivo del comparto - ha sottolineato - è quello di progredire tenendo conto del contesto globale e le sfide da risolvere sono quelle dell alto costo energetico, del recepimento della materia prima, degli alti costi inerenti le politiche ambientali e della consapevolezza delle mutate condizioni competitive da parte delle politiche doganali. Si tenga presente - ha continuato - che il settore dei metalli non ferrosi occupa, in Italia, circa addetti con un fatturato di 23,7 miliardi di euro, ma che pur con questi numeri, la raccolta nazionale non soddisfa la domanda delle imprese, per cui si ricorre continuamente all importazione. Nel contesto del miglioramento delle condizioni della filiera, il Protocollo si inserisce positivamente, ha dichiarato il rappresentante ASSOMET, individuando nella definizione delle caratteristiche del rottame; nella qualifica dei fornitori; nell implementazione dei controlli visivi e nella maggiore frequenza dei controlli delle emissioni, i punti di eccellenza del documento. Questo Protocollo è una boccata d aria fresca - è intervenuto entusiasticamente Roberto Lunardi, Presidente ASSOFERMET - e il ruolo delle Istituzioni è stato esemplare e di primaria importanza perché ha permesso che la normativa di riferimento sia stata tradotta in regole chiare ed applicabili. Non solo - ha continuato - aver creato un Tavolo con tutti i soggetti della filiera ha permesso un dialogo costruttivo fra le diverse componenti della stessa per la risoluzione di problematiche comuni. Parole di plauso sono arrivate anche dai rispettivi rappresentanti di APIN- DUSTRIA e AIR.. A chiudere i lavori della mattinata è stato lo stesso Assessore Mattinzoli il quale ha ricordato come, nello specifico delle strategia per l utilizzo delle scorie: non c è niente da inventare e altrove certe tecniche sono già state applicate con successo. L alternativa del materiale riutilizzabile in luogo dell inerte da cava di prestito è auspicabile, senza per questo intaccare gli interessi di alcuni; basterebbe già un 30% in miscela per dare una risposta positiva all ambiente. Noi - ha concluso - certificheremo il materiale per garantire l innocuità del prodotto e a dimostrazione della bontà di questa pratica, basti dire che, a Brescia, Legambiente è d accordo con questa politica. ESPERIENZE SUL RECUPERO DI ME- TALLO DA AUTO A FINE VITA. All interessante Convegno le principali Associazioni degli Autodemolitori erano presenti solo in Sala. Ogni anno, in Europa, vengono rottamati circa 15 milioni di veicoli (solo in Italia, nel 2007, la cifra ha registrato un picco superiore a unità). In questo contesto, da sempre, opera una filiera composta da vari soggetti che, con le relative specifiche (Autodemolitori, Rottamatori, Frantumatori,) tratta tutti questi veicoli ricavandone materiali da avviare al mercato del riciclo e del riutilizzo. Stante la volontà di ottimizzazione del ciclo e, conseguentemente, di riduzione della quantità di rifiuti speciali e pericolosi, riduzione dei consumi energetici derivanti dai processi industriali per la trasformazione della materia prima e, quindi, operare strategicamente a livello di imprese e gruppi di imprese per determinare effetti positivi sull ambiente, l UE già nel 2000 si è dotata di una norma, la Direttiva Europea 2000/53/CE che si prefigge di disciplinare ed aumentare l efficienza ambientale della gestione dei veicoli fuori uso, imponendo tutta una serie di vincoli: bando dei metalli pesanti, marchiatura, target di riciclaggio e recupero energetico, tempi di raggiungimento degli obiettivi, responsabilità economica, impegni verso i cittadini proprietari del mezzo giunto alla fine del suo utilizzo. I punti nodali della Direttiva, in seguito, sono divenuti precisi impegni nazionali con il D. Lgs. 209/2003 e successive modificazioni che, tra l altro ha fissato le seguenti scadenze: dal 1 gennaio 2007 è in vigore il ritiro dell autoveicolo a fine vita a costo zero per il cliente finale; dal 1 gennaio 2006 è entrato in vigore il vincolo omologativo sulla recuperabilità del veicolo al 85% in peso, di cui 10% max di recupero energetico; dal 1 gennaio 2015 il recupero del veicolo a fine vita al 95% in peso; reimpiego/riciclaggio all 85% in peso. Orbene, l Italia, per la sua storica e continua carenza di materie prime, soprattutto metalli, da sempre vanta una capacità di riciclo dei materiali, oltre ad una presenza puntuale di piccole e medie aziende artigiane, vocate al trattamento, demolizione/recupero dei veicoli a fine vita. Peccato che questo stesso patrimonio mostri notevoli difficoltà di parecchi operatori, ad affrontare le fasi procedurali e documentali tipiche delle stratificate e spesso poco interpretabili legislazioni ambientali. Difficoltà che si sommano alla concorrenza interna da parte degli altri 7

8 soggetti della filiera e di quella estera, da parte di chi gode di legislazioni e procedure burocratiche meno sofisticate. Tuttavia, la normativa comunitaria vale per tutti e il nostro Paese non può permettersi di rimanere tagliato fuori dalle regole né di rimanere ai margini di un mercato che, già adesso, soffre di pericolose fluttuazioni. Pertanto, onde assicurare il raggiungimento degli obiettivi europei, obiettivi dalla forte e riconosciuta valenza ambiente e, nello stesso tempo, assicurare a tutti una capacità di business tale da fare della filiera ELV un segmento positivo per l intera economia nazionale, lo scorso 8 maggio, è stato siglato, a Roma, dal Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e dal Ministero dello Sviluppo Economico, un Accordo di Programma Quadro sulla gestione dei veicoli fuori uso, documento che porta le firme di tutte le associazioni che rappresentano la filiera industriale del trattamento dei veicoli a fine vita (ANFIA e UNRAE per i Costruttori di autoveicoli - FEDERAICPA per i Concessionari di autoveicoli - FISE-UNIRE, CAR-CNA e ADA per le Aziende di demolizione - ASSOFERMET per demolizione, frantumazione e recupero/ commercio di rottame - AIRA per i Frantumatori di rottame metallico). L Accordo italiano rappresenta il primo e più avanzato esempio in Europa in cui tutti gli attori coinvolti in una filiera industriale, dalla più grande industria automobilistica nazionale alla più piccola impresa familiare di demolizione, lavorano per trasformare un enorme quantitativo di rifiuti in una miniera di materie da riutilizzare. In questo quadro, la criticità principale è rappresentata dalle tonnellate di fluff da demolizione (car fluff) prodotte annualmente e attualmente da smaltire in discarica, (considerando le forti limitazioni presenti nella Direttiva discariche al conferimento di questo rifiuto) e in assenza di reali alternative sul territorio. Si consideri che il car fluff è il rifiuto derivante dal ciclo (dalla bonifica alla frantumazione) della carcassa del veicolo dismesso, circa il 30% del peso del veicolo stesso ed è costituito da una miscela di materiali (plastica, gomma, vetro, fibre tessili, vernici, oli e lubrificanti, carta e cartone) che ne fanno rifiuto pericoloso, ma ugualmente appetibile per la valorizzazione energetica, dato il suo alto potere calorifero. Quindi, per centrare gli obiettivi imposti dall Europa è necessario migliorare la progettazione dei nuovi veicoli tenendo in considerazione il fine vita, ma anche utilizzare materiali e componenti del veicolo che ne incrementino la riciclabilità e recuperabilità durante le fasi di trattamento dei veicoli fuori uso, privilegiando l impiego di materiali riciclati provenienti da beni fuori uso. Infine, favorire il reimpiego di materiali e componenti, con l obiettivo qualità nell attività di demolizione e di riciclo dei materiali. È questo lo scenario da cui ha preso l avvio, venerdì 3 aprile, il Convegno: ELV - Esperienze sul recupero di metallo delle auto a fine vita, evento che ha visto la maggior partecipazione dei visitatori della Fiera Metalriciclo. Non stupisce la forte presenza di pubblico - ha rimarcato Dario De Andrea, coordinatore editoriale Sistema Ambiente & Sicurezza de Il Sole 24 Ore - a dimostrazione del forte interesse nei confronti del tema trattato. A cura dell Ing. Salvatore Di Carlo Direttore Engineering & Design, ELV & 8

9 Cra Recycling - Fiat Group Automobiles Spa è stata presentata una relazione circa risultati e prospettive della collaborazione fra Autorità pubbliche ed il comparto industriale del trattamento dei veicoli a fine vita, secondo il punto di vista del principale costruttore nazionale. Secondo il rappresentante Fiat, il raggiungimento del target-obiettivo della filiera (reimpiego/riciclaggio ELV all 85% in peso all 1/1/2015), è compromesso dalla complessità e sofisticazione della normativa autorizzativa e di trattamento e trasporto dei veicoli in demolizione, dalle diverse interpretazioni legislative-autorizzative differenti a livello regionale/locale, dalla concorrenza sleale da parte di operatori che lavorano ai margini o fuori dai vincoli legislativi, dalle difficoltà nel trattamento, trasporto e smaltimento fluff (gestione discariche, attuale assenza di alternative sul territorio), infine, dall assenza metodologica di calcolo dei target uniforme per tutti i Paesi europei che comporta che le stesse vetture, in impianti di trattamento simili, portano a risultati molto diversi. Tuttavia, secondo l Ing. Di Carlo, l esperienza del Tavolo di concertazione fra stakeholders della filiera ELV ha portato notevoli risultati, soprattutto nei rapporti interlocutori fra le Associazioni che rappresentano le circa aziende coinvolte nel settore e le Istituzioni, senza contare la novità espressa dalla legge che fissa la quota di idrocarburi presenti nel car fluff. Altre azioni mirate al raggiungimento degli obiettivi dell Accordo, in ossequio agli impegni contenuti nella normativa italiana di recepimento delle istanze europee, sono quelle relative all implementazione e sviluppo degli Acquisti Verdi, agli incontri fra Riciclatori e Aziende che acquistano materiali; all Accordo con le Istituzioni per il riciclaggio dei pneumatici; al recupero energetico del car fluff. A portare il contributo dei Costruttori esteri, è stato Michele Simonetti, delegato UNRAE - Responsabile del Programma ELV di Ford Italia, il quale ha presentato i risultati del Trial Ford e ha presentato il Network costituito dalle Case automobilistiche estere per il trattamento ELV. Anche il rappresentante UNRAE ha focalizzato diverse anomalie circa il recepimento in Italia della Direttiva UE, indicandone le cause nelle stesse dinamiche emerse dalla relazione del collega Fiat. Sulle proposte UNRAE per il raggiungimento dell obiettivo-target, Simonetti ha presentato nuove progetti di tecnologia post-shredding e ha sollecitato le istituzioni verso l apertura di nuovi mercati di sbocco per i materiali riciclati. Giorgio Manunta, Direttore AIRA, ha portato la voce dei frantumatori esprimendo soddisfazione per i chiarimenti intervenuti a livello normativo sulla quantità ammissibile di idrocarburi nel fluff di frantumazione. Non siamo soddisfatti, tuttavia - ha dichiarato - per quanto concerne la proroga sulla normativa delle discariche e per quanto concerne il potere calorifico del fluff. Se non si trovano soluzioni alternative - ha continuato - il fluff va messo in discarica, tenendo conto del parametro di costo, lo smaltimento in discarica deve essere fruibile a prezzi concorrenziali. A cura di Alberto Garbarini, Direttore Produzione CRS, c è stata una disamina di un progetto triennale per la valorizzazione energetica del car fluff, pur a partire dall amara considerazione che: persiste una mancanza di uniformità sulla classificazione del fluff da parte delle Regioni italiane, anche se con Legge n /09, questo ostacolo potrebbe essere superato. Attualmente - ha proseguito - il potere calorifico del fluff è superiore a quanto previsto dalla norma sullo smaltimento dello stesso il fluff è un ottimo combustibile che si presta egregiamente alla termovalorizzazione, considerato anche che lo smaltimento del fluff ha raggiunto costi considerevoli. D altro canto, costruire appositi impianti di termovalorizzazione imporrebbe l accesso ad incentivi ad hoc per poi poter vendere l energia ottenuta a prezzi vantaggiosi. Proseguendo nella sua disamina della questione, Garbarini ha presentato un progetto triennale volto all implementazione di una tecnologia per la gassificazione del car fluff, un progetto che prevede l ottimizzazione del pretrattamento al fine di ottenere ulteriori materiali riciclabili ed un mix di inerti da avviare alla gassificazione e la costruzione di appositi impianti in grado di garantire le migliori performances economiche ed ambientali e che possano affrancare i frantumatori dai costi di smaltimento in discarica. A relazionare sulle problematiche in materia di gestione dei veicoli fuori uso è stato Luca Carbonoli, Vicedirettore ASSOFERMET. Lo smaltimento del fluff deve rimanere una opportunità - ha dichiarato smorzando gli entusiasmi - la termovalorizzazione è un opzione su cui pesano dubbi circa tempi, quantità e costi. Rimarcando come ASSOFERMET debba tener conto, nel suo agire, delle problematiche di una larga parte della filiera ELV, Carbonoli ha sottolineato diverse negatività che attualmente affliggono i professionisti dell autodemolizione: crollo del prezzo del rottame; difficoltà nel garantire l economicità del costo zero, soprattutto in tempi di crisi e, in special modo per quanto riguarda le componenti non metalliche; differenze di trattamento ed opportunità di recepimento dei veicoli tra autodemolitori contrattualizzati in Network con Case automobilistiche e non; trasporto gratuito del mezzo; mancato rimborso della radiazione dal PRA; il fatto che troppi Concessionari facciano pagare all utente le spese di rottamazione; dinamiche di esportazione illegale di veicoli radiati per rottamazione; esportazione di veicoli non bonificati, presenza di operatori che lavorano ai margini della filiera Anche in momenti sfavorevoli si deve garantire lo smaltimento efficace ed efficiente, ma a fronte dei costi che il demolitore deve sostenere si richiede, almeno, lo sbocco di mercato per la più ampia tipologia di materiali da riciclare. In chiusura dei lavori, dalla platea, ci sono stati gli accorati interventi dei rappresentati delle Associazioni che raggruppano gli Autodemolitori italiani, CAR (Confederazione Autodemolitori Riuniti) e ADA (Associazione Demolitori Autoveicoli), per bocca dei rispettivi rappresentanti: Roberto Capocasa, Vicepresidente CAR e Anna Perini, Presidente ADA, i quali, pur da diversi punti di vista, hanno sottolineato la mancanza delle rispettive Associazioni in un importante momento di confronto per tutta la filiera del fine vita dei veicoli. 9

10 Presse fisse e scarrabili per la compattazione di: - autovetture di qualsiasi dimensione; - furgoni di ogni genere; - rottami ferrosi; - ritagli di lamierino; - scarti metallici. NOVITÀ ASSOLUTA: PRESSA SCARRABILE BULL GENIUS - Presse Bull - Via Alcide De Gasperi, Napoli - Amministrazione: Tel./Fax Commerciale: Tel./Fax

11 Alla 79 a edizione del Salone Internazionale dell Auto un intero padiglione dedicato all auto ecologica Dal Pavillon Vert, tutte le novità e le tendenze per una mobilità sostenibile di Silvia Barchiesi Mentre l Europa tenta la strada degli ecoincentivi per risollevare l industria automobilistica dalla crisi e la mappa dei Paesi del Vecchio Continente che li hanno adottati si allarga a macchia d olio, l auto europea, con l acqua alla gola, cavalcando l onda dei tanto attesi ecobonus spalanca le porte all ecologia. Così per salvarsi dalla crisi si tinge di verde e si converte alle tecnologie rispettose dell ambiente. A dire il vero, la prima spinta alla svolta eco del settore automotive viene dagli USA e dal neo Presidente Barack Obama che dopo aver tinto di verde la sua campagna elettorale, a pochi giorni dal suo insediamento, ha promesso limiti più severi per le emissioni delle auto per ridurre l inquinamento e contenere l effetto serra. Ma l ondata verde sembra aver contagiato anche l Europa, proprio sulla scia degli ecoincentivi che molti paesi (come Francia, Inghilterra, Germania, Spagna, Romania, Portogallo e Italia) hanno stanziato per rilanciare i consumi e risollevare l industria. Di certo anche decisione di Bruxelles di proseguire, nonostante la resistenza delle case automobilistiche, sul contenimento delle emissioni a 130 g/km ha contribuito alla conversione dei produttori verso modelli più ecocompatibili. Di fronte alle nuove sfide del mercato e ai nuovi imperativi di un quadro normativo in evoluzione, immediata è stata la reazione delle case produttrici europee. Lo si è visto anche a Ginevra, alla 79 edizione del Salone Internazionale dell Auto dove la vera protagonista è stata l auto ecologica, uscita dalla nicchia e disseminata un po in tutto il salone. Anzi, la nicchia a cui era stata confinata fino agli anni scorsi sembra essersi ingigantita, trasformandosi in un intero padiglione (il Pavillon Vert ): un intera hall tutta dedicata alla mobilità sostenibile, una sorta di paradiso verde del motore dedicato alle nuove tecnologie sviluppate per ridurre consumi ed emissioni nocive. La nota verde del Salone ginevrino, viene così dalla Hall3 con diversi modelli a propulsione elettrica, ibrida, E-Fuel, bimodale gas-benzina. Le vere protagoniste del Pavillon Vert sono dunque le tecnologie del futuro e i metodi di propulsione alternativi, presentati oltre che dalle case automobilistiche e dalle industrie specializzate anche da istituti, aziende e Università che hanno scelto di investire nella ricerca sulla mobilità verde, come l Istituto di Ingegneria di Ginevra che ha presentato la Biomobile, alimentata a biocarburante estratto da scarti vegetali, o la Comarth con il suo piccolo veicolo elettrico o il laboratorio dell Istituto di Ingegneria del Cantone di Vaud con i suoi ultimi progetti per la mobilità sostenibile, o la MCE-5, compagnia francese di Lione che ha sviluppato un motore a compressione variabile di ultima generazione. Così mentre l ondata verde contagia il Salone di Ginevra, uno dei più grandi e importanti motor show d Europa con le sue 130 anteprime mondiali ed europee, i suoi 250 espositori provenienti da 30 Pesi del mondo e 850 marche disseminate su 119mila mq, dal Pavillon Vert, dove progetti ancora solo in embrione si affiancano a proposte di marche ben affermate sul mercato, si leva la sfida ai cambiamenti climatici. Ne sono prova i numerosi cartelli inneggianti ai tagli delle 11

Convegno sulla gestione dei Veicoli Fuori Uso - End of Life Vehicle Management

Convegno sulla gestione dei Veicoli Fuori Uso - End of Life Vehicle Management Accordo di Programma Quadro sulla gestione dei veicoli fuori uso Convegno sulla gestione dei Veicoli Fuori Uso - End of Life Vehicle Management ECOMONDO 2010 - Rimini, 4 Novembre 2010 Sala NERI 2 Hall

Dettagli

Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI

Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI Decreto Legislativo 30 maggio 2005, n. 128 Attuazione della direttiva 2003/30/CE relativa alla

Dettagli

AMBIENTE. CHI SIAMO IL NOSTRO MIGLIOR CLIENTE È

AMBIENTE. CHI SIAMO IL NOSTRO MIGLIOR CLIENTE È CHI SIAMO In tutti i tempi, fin da quelli più antichi, le sfide hanno costituito, oltre che l'occasione per l'uomo di mettere alla prova le proprie capacità fisiche ed intellettuali, uno stimolo a migliorare

Dettagli

Anche api punta sul biodiesel

Anche api punta sul biodiesel Anche api punta sul biodiesel Proprio in considerazione dei vantaggi derivati all ambiente (e alla sicurezza) api sta puntando sul biodiesel, perseguendo la strada dello sviluppo sostenibile e la sua missione

Dettagli

dott. Pasquale De Vita Audizione del presidente dell Unione Petrolifera Senato Commissione Industria (10 a )

dott. Pasquale De Vita Audizione del presidente dell Unione Petrolifera Senato Commissione Industria (10 a ) Attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE Audizione del presidente

Dettagli

I trattamenti post-frantumazione

I trattamenti post-frantumazione I trattamenti post-frantumazione Forum ELV - Ecomondo, 8 Novembre 2007 Ing. Feralpi Siderurgica S.p.A. Il Tavolo Tecnico FIAT-AIRA AIRA Obiettivi Collaborazione di filiera - Selezione soluzioni tecnologiche

Dettagli

ECO-INCENTIVI STATALI 2008 per la sostituzione o trasformazione di veicoli inquinanti e altri contributi a favore della mobilità sostenibile

ECO-INCENTIVI STATALI 2008 per la sostituzione o trasformazione di veicoli inquinanti e altri contributi a favore della mobilità sostenibile ECO-INCENTIVI STATALI 2008 per la sostituzione o trasformazione di veicoli inquinanti e altri contributi a favore della mobilità sostenibile Il decreto milleproroghe (D.L. 248/2007) varato dal Consiglio

Dettagli

Mariarosa Baroni NGV Italy Presidente

Mariarosa Baroni NGV Italy Presidente Le barriere da rimuovere per rispondere alle aspettative della UE e del settore industriale per il NG (CNG, GNL e Biogas) nel breve e medio periodo Autopromotec - 22 maggio 2015 Mariarosa Baroni NGV Italy

Dettagli

Una forza al servizio dell Uomo e dell ambiente

Una forza al servizio dell Uomo e dell ambiente CRS s.r.l. Via Piave, 21 10040 LEINI (TO) Tel. 011 9910270 - Fax : 011 9910992 P.IVA. - C.F. 07357640015 www.derichebourg.com Documento non vincolante - 10/2008 - www.epicea.com - Photo GettyImages - Corbis

Dettagli

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI UN AZIENDA CON MENO INFORTUNI, MENO INQUINAMENTO, PIU RISPARMIO ENERGETICO SOSTENIBILITA' E BUSINESS LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI Prof. Ing. Cesare Saccani DIEM - Università degli

Dettagli

Sommario. Torino, 7 giugno 2011. Filiera Automotive.2. Entrata in vigore della modifica alla Direttiva 2003/96/CE. 3. Effetti prodotti Criticità.

Sommario. Torino, 7 giugno 2011. Filiera Automotive.2. Entrata in vigore della modifica alla Direttiva 2003/96/CE. 3. Effetti prodotti Criticità. Torino, 7 giugno 2011 Proposta di direttiva recante modifica alla Direttiva 2003/96/CE sulla tassazione dei prodotti energetici che ristruttura il quadro comunitario per la tassazione dei prodotti energetici

Dettagli

Scenari e prospettive del settore auto Roma, 18 Dicembre 2014

Scenari e prospettive del settore auto Roma, 18 Dicembre 2014 Scenari e prospettive del settore auto Cristiana Petrucci Responsabile Centro Studi e Statistiche Unione Petrolifera L UNRAE in numeri Auto, Commerciali, Industriali, Bus, Caravan, Autocaravan, Assistenza,

Dettagli

REPORT SULL IMPATTO SOCIALE FUORI STRADA. Le pretese dell industria automobilistica.

REPORT SULL IMPATTO SOCIALE FUORI STRADA. Le pretese dell industria automobilistica. In assenza di una regolamentazione legislativa, i progressi tecnici sono stati usati per produrre automobili più potenti e più inquinanti, piuttosto che per ottenere riduzioni nelle emissioni di CO2. REPORT

Dettagli

RICICLO, TECNOLOGIA, passione. Verona. www.metalriciclo.com. METEF+FOUNDEQ e ALUMOTIVE. In contemporanea con: Main sponsor

RICICLO, TECNOLOGIA, passione. Verona. www.metalriciclo.com. METEF+FOUNDEQ e ALUMOTIVE. In contemporanea con: Main sponsor F I E R A D E L R I C I C L O I N D U S T R I A L E RICICLO, TECNOLOGIA, passione. 11-13 giugno 2014 Verona www.metalriciclo.com In contemporanea con: METEF+FOUNDEQ e ALUMOTIVE Main sponsor F I E R A D

Dettagli

Aziende e Ambiente: la crisi economica riduce le emissioni di gas serra

Aziende e Ambiente: la crisi economica riduce le emissioni di gas serra Comunicato Stampa Aziende e Ambiente: la crisi economica riduce le emissioni di gas serra Il report di EcoWay primo operatore italiano attivo nella gestione e nel trading della commodity CO 2 - sui dati

Dettagli

SCOOTER A BASSO IMPATTO AMBIENTALE

SCOOTER A BASSO IMPATTO AMBIENTALE SCOOTER A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori Premessa La produzione attuale di scooter superiori a 50cc e omologati EURO 3 è pressoché totalmente a 4 tempi. Attraverso

Dettagli

Intervento al Metalriciclo del 14.9.07

Intervento al Metalriciclo del 14.9.07 G.Manunta Intervento al Metalriciclo del 14.9.07 Come è noto il sistema del fine vita auto è governato e regolato dal Dlgs 209 in attuazione della Direttiva Europea 2000/53 CE. Nel regolare il sistema,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 725/2011 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 725/2011 DELLA COMMISSIONE 26.7.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 194/19 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 725/2011 DELLA COMMISSIONE del 25 luglio 2011 che stabilisce una procedura di approvazione e certificazione di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GERARDINI. Disposizioni in materia di raccolta e riciclaggio di pneumatici

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GERARDINI. Disposizioni in materia di raccolta e riciclaggio di pneumatici Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 7594 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GERARDINI Disposizioni in materia di raccolta e riciclaggio di pneumatici Presentata il 6

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

VALORIZZIAMO IL RECUPERO DI MATERIALI DALLA FILIERA DEL FINE VITA AUTO. Ing. Franco Macor Gruppo Fiori

VALORIZZIAMO IL RECUPERO DI MATERIALI DALLA FILIERA DEL FINE VITA AUTO. Ing. Franco Macor Gruppo Fiori VALORIZZIAMO IL RECUPERO DI MATERIALI DALLA FILIERA DEL FINE VITA AUTO 2013 Ing. Franco Macor Gruppo Fiori Il Gruppo Fiori: impianti di recupero Italmetalli (Bologna) Italferro (Roma) INPUT >360.000 t

Dettagli

Il riciclo e il recupero

Il riciclo e il recupero 22 Rapporto di sostenibilità Conai 213 Il riciclo e il recupero Conai si fa carico del conseguimento degli obiettivi fissati dalla normativa europea e nazionale in materia di gestione ambientale dei rifiuti

Dettagli

SOSTENIBILITA E LOGISTICA URBANA. Roma, 18 settembre 2013

SOSTENIBILITA E LOGISTICA URBANA. Roma, 18 settembre 2013 SOSTENIBILITA E LOGISTICA URBANA Roma, 18 settembre 2013 Luca Maggiore Direttore Business Unit IL GRUPPO MAGGIORE UNITA DI BUSINESS DEL GRUPPO: : noleggio auto a breve e medio termine : noleggio furgoni

Dettagli

Sirio Tardella Direttore Servizio Statistico e Amministrativo. Bologna, 15 Maggio 2008

Sirio Tardella Direttore Servizio Statistico e Amministrativo. Bologna, 15 Maggio 2008 Sirio Tardella Direttore Servizio Statistico e Amministrativo Bologna, 15 Maggio 2008 Il mercato dell auto in Italia 5.500.000 5.000.000 4.500.000 4.000.000 3.500.000 3.000.000 2.500.000 2.000.000 1.500.000

Dettagli

Lavoro, San Pellegrino: Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil insieme per valorizzare il settore dell'acqua minerale

Lavoro, San Pellegrino: Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil insieme per valorizzare il settore dell'acqua minerale Lavoro, San Pellegrino: Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil insieme per valorizzare il settore dell'acqua minerale di Redazione Sicilia Journal - 28, Gen, 2016 http://www.siciliajournal.it/lavoro-san-pellegrino-fai-cisl-flai-cgil-e-uila-uil-insieme-per-valorizzare-ilsettore-dellacqua-minerale/

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

Cronistoria. www.autoidrogeno.it E-mail: info@autoidrogeno.it. Sviluppo trazione idrogeno ILT TECHNOLOGY

Cronistoria. www.autoidrogeno.it E-mail: info@autoidrogeno.it. Sviluppo trazione idrogeno ILT TECHNOLOGY Cronistoria Sviluppo trazione idrogeno ILT TECHNOLOGY www.autoidrogeno.it E-mail: info@autoidrogeno.it Dal 1980 al 1990 il mondo della ricerca inizia a muoversi nello studio di un sistema per far marciare

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

Milano, 4 giugno 2015 Le politiche energetiche ambientali: nuovi obiettivi occupazionali Lavoro Formazione Sicurezza INTRODUZIONE

Milano, 4 giugno 2015 Le politiche energetiche ambientali: nuovi obiettivi occupazionali Lavoro Formazione Sicurezza INTRODUZIONE Milano, 4 giugno 2015 Le politiche energetiche ambientali: nuovi obiettivi occupazionali Lavoro Formazione Sicurezza INTRODUZIONE La liberalizzazione del mercato dell energia elettrica e del gas in Italia

Dettagli

Audit energetico degli edifici di proprietà dei Comuni piccoli e medi

Audit energetico degli edifici di proprietà dei Comuni piccoli e medi Piano d azione: Promuovere la sostenibilità ambientale a livello locale Area AMBIENTE Bando con scadenza 29 giugno 2007: Audit energetico degli edifici di proprietà dei Comuni piccoli e medi Il problema

Dettagli

Decreto Legislativo 152/2006 e Direttiva 94/62/CE, requisiti essenziali degli imballaggi in acciaio

Decreto Legislativo 152/2006 e Direttiva 94/62/CE, requisiti essenziali degli imballaggi in acciaio Decreto Legislativo 152/2006 e Direttiva 94/62/CE, requisiti essenziali degli imballaggi in acciaio Simona Fontana Responsabile Centro Studi - Area Prevenzione Rimini, 5 novembre 2014 Il Sistema CONAI,

Dettagli

Chiudere il cerchio. Massimo Medugno Conferenza nazionale sui rifiuti Milano, 6 ottobre 2014

Chiudere il cerchio. Massimo Medugno Conferenza nazionale sui rifiuti Milano, 6 ottobre 2014 Chiudere il cerchio Massimo Medugno Conferenza nazionale sui rifiuti Milano, 6 ottobre 2014 L infrastruttura della filiera della carta L industria della carta italiana anno 2013 Produzione di 8,5 milioni

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Audizione Enel presso le Commissioni riunite IX e X della Camera dei Deputati. Roma, 2 Febbraio 2011

Audizione Enel presso le Commissioni riunite IX e X della Camera dei Deputati. Roma, 2 Febbraio 2011 Audizione Enel presso le Commissioni riunite IX e X della Camera dei Deputati Roma, 2 Febbraio 2011 Veicoli elettrici Vantaggi e benefici Il risparmio energetico medio conseguibile dai veicoli elettrici

Dettagli

17 VEICOLI FUORI USO. 17.1 Valutazione del contesto di mercato internazionale

17 VEICOLI FUORI USO. 17.1 Valutazione del contesto di mercato internazionale 17.1 Valutazione del contesto di mercato internazionale L analisi delle quantità dei materiali ottenuti dalla bonifica e dalla demolizione dei veicoli giunti a fine vita (ton/anno) avviate a reimpiego,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

MACCHINE MOVIMENTO TERRA, DA CANTIERE E PER L EDILIZIA

MACCHINE MOVIMENTO TERRA, DA CANTIERE E PER L EDILIZIA PUNTI DI FORZA Le Persone Filiera della distribuzione. Organizzazione della fi liera della distribuzione, assistenza tecnica, noleggio e servizi, fondata sulla formazione, qualifi cazione e certifi cazione

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 30/11 REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEL GAS NATURALE Proposte di revisione della deliberazione 6 settembre 2005, n. 185/05 Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 14 settembre 2011 Pagina 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

Trazione idrogeno. Dal motore a scoppio alle Fuel Cell IL FUTURO NEL PRESENTE

Trazione idrogeno. Dal motore a scoppio alle Fuel Cell IL FUTURO NEL PRESENTE Trazione idrogeno Dal motore a scoppio alle Fuel Cell IL FUTURO NEL PRESENTE Dal 1980 tutto il mondo della ricerca sta studiando un sistema per far marciare il motore a scoppio con l idrogeno. Inizialmente

Dettagli

NOVITA LEGGE FINANZIARIA 2007

NOVITA LEGGE FINANZIARIA 2007 NOVITA LEGGE FINANZIARIA 2007 CONTRIBUTI PER LA ROTTAMAZIONE DI VEICOLI INQUINANTI SENZA ACQUISTO DI UN VEICOLO NUOVO. Rottamazione di un autoveicolo per trasporto promiscuo, immatricolato come euro 0

Dettagli

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI Lo studio WETO-H2 ha elaborato una proiezione di riferimento del sistema energetico mondiale e due scenari di variazione,

Dettagli

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Edo Ronchi Fondazione per lo sviluppo sostenibile Sponsor Le modifiche alle Direttive sui rifiuti del pacchetto sull economia circolare La Direttiva

Dettagli

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi FORUM PA 2007 Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente Arch. Giovanna Rossi Roma maggio 2007 Riduzione delle emissioni inquinanti che derivano dai trasporti

Dettagli

RAEE e Pile I Sistemi Nazionali di Gestione. Situazione e Prospettive 21 Ottobre 2015

RAEE e Pile I Sistemi Nazionali di Gestione. Situazione e Prospettive 21 Ottobre 2015 RAEE e Pile I Sistemi Nazionali di Gestione Situazione e Prospettive 21 Ottobre 2015 Gestione dei RAEE D. Lgs. 49/2014 2 D. Lgs. 49/2014 Il 14 Marzo 2014 il Consiglio dei Ministri ha approvato il testo

Dettagli

RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE

RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE Non compromettere il futuro delle prossime generazioni cercando di soddisfare i bisogni del presente ; in quest ottica

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 333/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (UE) N. 333/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 5.4.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 103/15 REGOLAMENTO (UE) N. 333/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell 11 marzo 2014 che modifica il regolamento (CE) n. 443/2009 al fine di definire

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

Commissione Finanze della Camera dei deputati. Audizione Assogasliquidi/Federchimica

Commissione Finanze della Camera dei deputati. Audizione Assogasliquidi/Federchimica Commissione Finanze della Camera dei deputati Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti l'imposizione tributaria sui veicoli (AC 2397) Audizione Assogasliquidi/Federchimica

Dettagli

L industria del riciclo in Italia

L industria del riciclo in Italia L industria del riciclo in Italia Roberto Magnaghi Responsabile Settore Tecnico Firenze, 19 febbraio 2008 Industria del recupero/riciclo Industria del recupero: insieme delle attività ed operazioni che,

Dettagli

Tecnologie Ford ECOnetic: consumi ed emissioni di CO 2 ridotti

Tecnologie Ford ECOnetic: consumi ed emissioni di CO 2 ridotti Tecnologie Ford ECOnetic: consumi ed emissioni di CO 2 ridotti Con il nuovo modello Ford Mondeo ECOnetic le emissioni di CO 2 scendono a 115 g/km. Sulla Ford Ka, la tecnologia Auto-Start-Stop diventa di

Dettagli

Ministero delle Attività Produttive

Ministero delle Attività Produttive Ministero delle Attività Produttive Decreto ministeriale 2 luglio 2003 n.183 : Regolamento concernente modifiche al decreto Ministeriale 17 luglio 1998, N 256, recante l attuazione dell articolo 1, comma

Dettagli

approvato con le modifiche apportate dalla Giunta Comunale con deliberazione del n.

approvato con le modifiche apportate dalla Giunta Comunale con deliberazione del n. DISCIPLINARE TECNICO RELATIVO ALL EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO/TRASFORMAZIONE DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE E PER LA SOSTITUZIONE DI VECCHIE CALDAIE PER RISCALDAMENTO CON NUOVE CALDAIE

Dettagli

L Intervista. Il veicolo del futuro. Il punto di vista di Micro-Vett. con Gaetano Di Gioia. a cura di Patrizia Mantovani

L Intervista. Il veicolo del futuro. Il punto di vista di Micro-Vett. con Gaetano Di Gioia. a cura di Patrizia Mantovani L Intervista Il veicolo del futuro Il punto di vista di Micro-Vett con Gaetano Di Gioia a cura di Patrizia Mantovani Veicolo elettrico e mobilità ad impatto zero sono ormai divenuti termini di uso quasi

Dettagli

A.I.R.A. Associazione Industriale Riciclatori Auto

A.I.R.A. Associazione Industriale Riciclatori Auto ELV: criticità del sistema I trattamenti post frantumazione Ing. - Feralpi Siderurgica SpA Il Tavolo Tecnico FIAT-AIRA Obiettivi - Collaborazione di filiera - Selezione soluzioni tecnologiche più promettenti

Dettagli

La giusta direzione per dare forza alla tua impresa.

La giusta direzione per dare forza alla tua impresa. La giusta direzione per dare forza alla tua impresa. CHI SIAMO Assofermet è l Associazione Nazionale delle imprese del commercio, della distribuzione e della prelavorazione di prodotti siderurgici, dei

Dettagli

Trader e reti di rifornimento del gas metano fossile (CNG e GNL)

Trader e reti di rifornimento del gas metano fossile (CNG e GNL) Trader e reti di rifornimento del gas metano fossile (CNG e GNL) Ing. Giovanni Papagni Gestione e sviluppo servizi energetici Gas Natural Vendita Italia Spa Il Gruppo Gas Natural Fenosa nel mondo Presente

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Comune di Perugia, con sede in Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA P.IVA 00218180545 e C.F.00163570542, rappresentato dal Sindaco Wladimiro Boccali, domiciliato per le proprie funzioni

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private.

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private. Chi siamo Nata nel 1999, Energy Consulting si è affermata sul territorio nazionale fra i protagonisti della consulenza strategica integrata nel settore delle energie con servizi di Strategic Energy Management

Dettagli

03/23/11 Rizzo-Guida all'auto ecologica 1

03/23/11 Rizzo-Guida all'auto ecologica 1 Convegno Euromobility L'auto ecologica: i prodotti di oggi, le idee per il futuro Roberto Rizzo Autore del libro Guida all'auto ecologica 03/23/11 Rizzo-Guida all'auto ecologica 1 Convegno Euromobility

Dettagli

L esodo dell autotrasporto dall Italia e l impatto sull economia della filiera

L esodo dell autotrasporto dall Italia e l impatto sull economia della filiera Conferenza Stampa L esodo dell autotrasporto dall Italia e l impatto sull economia della filiera Modena, 31 marzo 2015 1 Introduzione Questo studio si prefigge lo scopo di analizzare e valutare: 1) l impatto

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto

Il Protocollo di Kyoto Il Protocollo di Kyoto Con il Protocollo di Kyoto i paesi industrializzati si impegnano a ridurre, durante il primo periodo di applicazione, 2008-2012, il totale delle emissioni di sei gas ad effetto serra,

Dettagli

Materiali da costruzione si

Materiali da costruzione si Materiali da costruzione si Antonio Oddo Seppur posticipato nel tempo, il passaggio da Direttiva a Regolamento determina rilevanti modifiche perché tocca diversi elementi di contenuto legati in primo luogo

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014 Oggetto: POR FESR Sardegna 2007-2013. Progetto sperimentale Reti di distribuzione e mobilità elettrica. Programmazione azioni di promozione del risparmio e dell efficienza energetica a valere sulla linea

Dettagli

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei sistemi di gestione Certificazione sistemi di gestione ICMQ, organismo di certificazione e ispezione per il settore delle costruzioni,

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

Progettare oggetti di ecodesign

Progettare oggetti di ecodesign Intervento dal titolo Progettare oggetti di ecodesign A cura di Arch.Marco Capellini Ecodesigner dello studio Capellini design e consulting 77 78 Eco-biodesign nell edilizia 10 Ottobre 2008- Fiera Energy

Dettagli

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Il sistema di carica dei veicoli elettrici è attualmente oggetto di acceso dibattito internazionale per la definizione o meglio

Dettagli

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Azione 4 Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Protocollo d intesa (Memorandum of Understanding) Comune di Reggio Emilia LIFE10 ENV/IT/307 NO.WA No Waste PROTOCOLLO

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI 5.1.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 3/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 3/2008 DEL CONSIGLIO del 17 dicembre

Dettagli

Audizione Disegno di Legge

Audizione Disegno di Legge 2015 Senato della Repubblica 10 a Commissione Industria, commercio, turismo Audizione Disegno di Legge Legge annuale per il mercato e la concorrenza (AS 2085) Vice Presidente Assopetroli-Assoenergia Giovanni

Dettagli

Al servizio dell ambiente, al vostro servizio.

Al servizio dell ambiente, al vostro servizio. Al servizio dell ambiente, al vostro servizio. Tutte le risposte che cercate, in un unico Partner Da 50 anni operiamo al fianco di Aziende, Enti e Comuni, fornendo servizi di recupero e trattamento di

Dettagli

DIRETTIVA 2013/56/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2013/56/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 10.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 329/5 DIRETTIVA 2013/56/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 20 novembre 2013 che modifica la direttiva 2006/66/CE del Parlamento europeo e

Dettagli

Gomma e pneumatici fuori uso

Gomma e pneumatici fuori uso e pneumatici.1 Valutazione del contesto di mercato internazionale Il consumo europeo di pneumatici si è mantenuto basso nel 2013 in analogia a quanto già osservato negli anni precedenti. In altre parole,

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

Piano straordinario sicurezza gas per 22 milioni di impianti Decreto rinnovabili termiche: punto di partenza imprescindibile

Piano straordinario sicurezza gas per 22 milioni di impianti Decreto rinnovabili termiche: punto di partenza imprescindibile Piano straordinario sicurezza gas per 22 milioni di impianti Decreto rinnovabili termiche: punto di partenza imprescindibile Roma, 18 luglio 2012 ANIMA, la Federazione della meccanica, si è confrontata

Dettagli

Il progetto PVTRAIN: obiettivi e risultati raggiunti

Il progetto PVTRAIN: obiettivi e risultati raggiunti Il progetto PVTRAIN: obiettivi e risultati raggiunti Il PVTRAIN PhotovoltaicTrain - è un progetto pilota della durata di 3 anni (iniziato il 1 Novembre 2002 e terminato il 31 Ottobre 2005) realizzato dalla

Dettagli

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti Con contributi di: Dario Sciunnach S. Cappa, L. Losa, U. Parravicini, P. Zerbinati (Regione Lombardia) M. Lombardi (ARPA Lombardia)

Dettagli

Gli strumenti per lo sviluppo delle biomasse in Italia. Norme, incentivi, iter autorizzativi, contrattualistica

Gli strumenti per lo sviluppo delle biomasse in Italia. Norme, incentivi, iter autorizzativi, contrattualistica Roma, 23 Settembre 2010 Gli strumenti per lo sviluppo delle biomasse in Italia. Norme, incentivi, iter autorizzativi, contrattualistica Dott.ssa M.R. Di Somma Assocostieri è l associazione italiana della

Dettagli

Energia Elettrica Gas Naturale

Energia Elettrica Gas Naturale Energia Elettrica Gas Naturale Liberarsi dai limiti, richiede Energia. Chi siamo Giovane realtà attiva nella vendita di energia elettrica e gas naturale BeeTwin S.p.A. è una giovane realtà presente nel

Dettagli

DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 25.11.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 310/29 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 ottobre 2009 che modifica la direttiva 2006/42/CE relativa alle

Dettagli

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE)

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) INTRODUZIONE In concomitanza con l avvio dei lavori del 17esimo Forum Internazionale sull

Dettagli

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese? Il Riutilizzo degli Scarti Verdi dei Vivai Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Centro Sperimentale Vivaismo di Pistoia Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri In febbraio immatricolate 165.289 nuove auto (-24,5%) PRIMI SEGNALI DI RISVEGLIO DELLA

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Anno 2006

DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Anno 2006 Comune di Livorno DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Anno 2006 1) Oggetto Rilascio di contributi per l acquisto di veicoli a

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

Investire nel settore automotive significa accelerare la crescita. moltiplicatore

Investire nel settore automotive significa accelerare la crescita. moltiplicatore Investire nel settore automotive significa accelerare la crescita moltiplicatore Ogni 1 di valore aggiunto creato dalle imprese automotive della fase industriale genera 2,2 addizionali di valore aggiunto

Dettagli

La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare

La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA REGOLAMENTAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DEGLI OBBLIGHI EMAS TRIESTE 10 DICEMBRE 2014 DOTT. ROBERTO CARIANI Presentazione

Dettagli

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio Fondi strutturali 2014-2020 Guida pratica Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio State progettando i Programmi Operativi che plasmeranno

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

ALCUNI SEGNALI. diego.bonora@motoribonora.com

ALCUNI SEGNALI. diego.bonora@motoribonora.com news letter 09 2009 ALCUNI SEGNALI. Ormai da più parti si parla apertamente di ripresa. Per quanto possa apparire prematuro, alcuni indicatori generali sembrano muoversi in quella direzione. Spesso si

Dettagli

la natura ringrazia con il GPL

la natura ringrazia con il GPL con il GPL la natura ringrazia Il è un combustibile a basso impatto ambientale con elevato potere energetico e calorifico. Tramite lo stoccaggio in bombola, oltre ai classici utilizzi per cucina e riscaldamento,

Dettagli

Bando della Regione Lombardia per la concessione di contributi a fondo perduto per la diffusione di autovetture ecologiche

Bando della Regione Lombardia per la concessione di contributi a fondo perduto per la diffusione di autovetture ecologiche Bando della Regione Lombardia per la concessione di contributi a fondo perduto per la diffusione di autovetture ecologiche 1. FINALITÀ DEL BANDO... 2 2. OGGETTO DEL BANDO... 2 3. SOGGETTI BENEFICIARI...3

Dettagli

Safe: rifiuti, l energia che non costa Terzo appuntamento con i workshop tematici organizzati dall associazione

Safe: rifiuti, l energia che non costa Terzo appuntamento con i workshop tematici organizzati dall associazione Safe: rifiuti, l energia che non costa Terzo appuntamento con i workshop tematici organizzati dall associazione Roma, 6 luglio - L energia che non costa rappresenta una valida alternativa alle fonti fossili

Dettagli

15-16 Gennaio 2015 Si riunisce a Napoli il Commitment ROSE

15-16 Gennaio 2015 Si riunisce a Napoli il Commitment ROSE RASSEGNASTAMPA 15-16 Gennaio 2015 Si riunisce a Napoli il Commitment ROSE Distretto ad Alta Tecnologia per le Costruzioni Sostenibili Industria : è caccia alle idee Il Mattino Napoli - 13 gennaio 2015

Dettagli

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 TTS Italia, l Associazione ITS Nazionale fondata nel 1999, rappresenta circa 80 Enti,

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO IT IT IT COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.11.2010 COM(2010) 655 definitivo RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO Monitoraggio delle

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli