PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA:"

Transcript

1 PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Classe Prima Pipolo Giulia Primaria G. Giusti Sezione A Disciplina Storia Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a. s PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: INDICE DELLE UNITA DI APPRENDIMENTO UNITÀ DI APPRENDIMENTO TITOLO U.A. n. 1 Tempo Lineare U.A. n. 2 Tempo ciclico U.A. n. 3 Contemporaneità Durata Nessi causali. U.A. n. 4 La scoperta del passato. 1

2 Disciplina: Storia Titolo: Tempo lineare ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA 3 Unità di apprendimento n.1 Traguardi di competenza - cosa ci aspettiamo sia in grado di fare l alunno: L alunno/a: Utilizza gli indicatori temporali di successione per ricostruire sequenze di azioni in situazioni di esperienze o di storie ascoltate. Ordina la sequenza di azioni che caratterizzano un attività. Riconosce e rappresenta in successione lineare attività scolastiche. Obiettivi di apprendimento - conoscenze e abilità necessari per il raggiungimento dei traguardi di competenza a. Scoprire i diversi significati della parola Tempo. b. Collocare nel tempo fatti ed esperienze vissute, riconoscendo rapporti di successione esistenti tra loro. c. Conoscere ed usare alcuni indicatori temporali ( prima, ora, dopo, infine...). d. Ordinare la sequenza di azioni che caratterizzano un attività scolastica e/o non. e. Riconoscere e rappresentare su una linea la sequenza di azioni di esperienze vissute o di storie ascoltate usando gli indicatori temporali ( prima- dopo; prima adesso dopo nel proprio vissuto; prima dopo infine in una narrazione). Obiettivi trasversali relativi a Cittadinanza e Costituzione - Rispettare le norme di comportamento necessarie nei vari ambienti di vita quotidiana. - Costruire e mantenere relazioni positive attraverso l interazione. - Attivare comportamenti adeguati a uno stile di vita sano. - Comprendere la necessità di stabilire e rispettare le regole della classe. - Sviluppare la capacità di intervenire in modo opportuno in una conversazione. f. Utilizzare le parole della successione per raccontare in ordine cronologico. g. Riconoscere la successione delle azioni in filastrocche, rime, conte, aneddoti. Metodologie: Metodi attivi interattivi cooperativi. Domande stimolo, discussioni collettive. Riflessioni su esperienze reali personali e collettive. Giochi e drammatizzazioni. Le attività di Storia si svolgono secondo una didattica Laboratoriale, in cui gli alunni sono soggetti attivi nel percorso di costruzione del sapere. Si propone un percorso di alfabetizzazione che parte dall esperienza diretta e quotidiana dei bambini. Compito dell insegnante è, quindi creare, nel contesto di apprendimento, tutte quelle condizioni 2

3 esperienziali, sia sottoforma di gioco sia di esperienza scolastica in generale, che diano modo di costruire e applicare, per poi riflettervi sopra, gli strumenti cognitivi che i bambini devono acquisire. L iter metodologico pertanto ha carattere di concretezza e di operatività: promozione di vissuti comuni e loro collocazione temporale; raccolta, rilettura, organizzazione e sistemazione storica di esperienze personali, familiari e sociali in un arco temporale circoscritto; scoperta e utilizzo dei primi strumenti di descrizione e rappresentazione temporale degli eventi; scoperta della possibilità di fare memoria del nostro passato recente e di spiegarlo attraverso una corretta metodologia di ricostruzione storica. Nello specifico della prima unità di apprendimento si parte dalla riflessione sulla routine quotidiana in generale e su quella vissuta e ricostruita nel contesto scolastico, per aiutare i bambini ad orientarsi nel nuovo ambiente della scuola, a prendere dimestichezza con parole e categorie fondamentali per appropriarsi e/o affinare il concetto di successione. Analisi della situazione di partenza: All inizio dell anno scolastico, nei primi quindici giorni di scuola si somministrano le prove iniziali secondo il protocollo stabilito dall IC Lucca 3 con la consulenza della Dott. ssa Matteoli, al fine di verificare il possesso o meno, da parte degli alunni, dei pre-requisiti richiesti per la classe prima. - Domande stimolo. - Discussioni collettive. - Riflessioni su esperienze reali e personali o collettive. - Giochi e drammatizzazioni. - Ricostruzione di piccole storie in sequenza con vignette. - Lettura di storie da dividere in sequenza e da corredare con brevi didascalie. - Rielaborazione orale e grafica. - Uso di schede operative individuali. - Giochi motori e attività pratiche a comando, per favorire l acquisizione e il consolidamento dei concetti temporali di antecedenza e posteriorità (ad esempio: il gioco dei comandi). - Compilazione ( secondo una regolare turnazione) quotidiana da parte degli alunni del calendario mobile ( ieri, oggi, domani). - Uso di alcuni indicatori temporali per riordinare azioni, filastrocche, storie narrate o lette dall insegnante, rime, conte( prima- adesso- dopo- infine). - Costruzione di strisce per rappresentare azioni in successione. - Registrazione mensile sul quaderno individuale dei dati relativi al tempo meteorologico e al tempo della memoria attraverso grafici e tabelle predisposte dall insegnante. Analisi della situazione finale e confronto: -Conversazioni guidate, riflessioni collettive e/o individuali, confronto dei dati emersi. - Schede operative individuali e/o collettive. - Prove orali e prove pratiche per verificare l acquisizione dei concetti e degli argomenti affrontati nel corso della presente U.A. Tempi: Due mesi circa: Ottobre Novembre. Modalità e strumenti per la verifica e valutazione dei risultati: - Osservazione in situazione dei comportamenti degli alunni e delle dinamiche evidenziate. - Conversazioni. - Verbalizzazioni orali. - Verifica delle diverse abilità attraverso schede operative predisposte individuali. - Osservazione di come gli alunni riescono a collocare fatti ed eventi sulla linea del tempo. - Rappresentazioni grafiche. - Osservazione relativa al disegno e verifica della verbalizzazione. 3

4 Disciplina: Storia Titolo: Tempo Ciclico ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA 3 Unità di apprendimento n. 2 Traguardi di competenza - cosa ci aspettiamo sia in grado di fare l alunno: L alunno/a: Riconosce la ciclicità dei fenomeni temporali e la loro durata. Ordina e colloca nel tempo fatti ed eventi. Organizza una linea del tempo per ordinare i fatti di un racconto non lineare. Obiettivi di apprendimento - conoscenze e abilità necessari per il raggiungimento dei traguardi di competenza a. Conoscere la suddivisione dei momenti della giornata ( giorno - notte; mattino pomeriggio sera notte. b. Riconoscere la ciclicità nelle attività quotidiane e/o in fenomeni regolari. c. Conoscere la successione dei giorni della settimana. d. Riconoscere la ciclicità nelle attività della settimana. e. Mettere in rapporto i giorni della settimana usando gli indicatori: ieri oggi - domani. Obiettivi trasversali relativi a Cittadinanza e Costituzione - Rispettare le norme di comportamento necessarie nei vari ambienti di vita quotidiana. - Costruire e mantenere relazioni positive attraverso l interazione. - Attivare comportamenti di prevenzione ai fini della sicurezza e della salute. - Comprendere la necessità di stabilire e rispettare le regole della classe. - Individuare incarichi e svolgere compiti per lavorare insieme con un obiettivo comune. f. Conoscere la successione dei mesi dell anno. g. Riconoscere la ciclicità dei mesi dell anno, individuando stagioni, ricorrenze comuni o personali. h. Descrivere i cambiamenti naturali nelle quattro stagioni, in rapporto alle abitudini umane. i. Utilizzare grafici e linee del tempo per rappresentare relazioni temporali tra fatti e attività giornaliere, settimanali, mensili. j. Utilizzare il calendario. k. Individuare la ciclicità di esperienze vissute e saperle rappresentare graficamente con l utilizzo di tecniche varie. 4

5 Metodologie: Metodi attivi interattivi cooperativi. Domande stimolo, discussioni collettive. Riflessioni su esperienze reali personali e collettive. Giochi e drammatizzazioni. Utilizzo di canzoncine, filastrocche, storie, libri illustrati per favorire l interiorizzazione dei contenuti. Le attività di Storia si svolgono secondo una didattica Laboratoriale, in cui gli alunni sono soggetti attivi nel percorso di costruzione del sapere. Si propone un percorso di alfabetizzazione che parte dall esperienza diretta e quotidiana dei bambini. Compito dell insegnante è, quindi creare, nel contesto di apprendimento, tutte quelle condizioni esperienziali, sia sottoforma di gioco sia di esperienza scolastica in generale, che diano modo di costruire e applicare, per poi riflettervi sopra, gli strumenti cognitivi che i bambini devono acquisire. L iter metodologico pertanto ha carattere di concretezza e di operatività: promozione di vissuti comuni e loro collocazione temporale; raccolta, rilettura, organizzazione e sistemazione storica di esperienze personali, familiari e sociali in un arco temporale circoscritto; scoperta e utilizzo dei primi strumenti di descrizione e rappresentazione temporale degli eventi; scoperta della possibilità di fare memoria del nostro passato recente e di spiegarlo attraverso una corretta metodologia di ricostruzione storica. Nello specifico della seconda unità di apprendimento si continua ad esplorare il contesto scolastico per aiutare i bambini ad ampliare gli orizzonti temporali, a prendere dimestichezza con parole e categorie fondamentali, per appropriarsi e/o affinare i concetti di tempo come successione, di tempo ciclico e di tempo come durata ( dalla scansione di ogni giornata fino al ciclo dei mesi e delle stagioni...). Analisi della situazione di partenza: All inizio della seconda unità di apprendimento si fa il punto della situazione su quanto presentato e appreso nella precedente. Gli alunni sono impegnati in attività pratiche, orali, conversazioni guidate, riflessioni individuali e/o collettive e verbalizzazioni orali. - Domande stimolo. - Discussioni collettive. - Riflessioni su esperienze reali e personali o collettive. - Giochi e drammatizzazioni. - Utilizzo di canzoncine, filastrocche, storie, libri illustrati per favorire l interiorizzazione dei contenuti della disciplina. - Rielaborazione orale e grafica del vissuto personale. - Osservazione dell ambiente circostante. - Esercizi pratici per confrontare la durata delle azioni. - Lettura di storie da dividere in sequenza e da corredare con brevi didascalie. - Rielaborazione orale e grafica delle storie lette o ascoltate. - Ricostruzione di brevi storie in sequenza corredate da semplici didascalie. - Uso di schede operative individuali. - Giochi motori e attività pratiche a comando per memorizzare i giorni, i mesi, le stagioni. - Compilazione ( secondo una regolare turnazione) quotidiana da parte degli alunni del calendario mobile. - Uso di alcuni indicatori temporali per riordinare azioni, filastrocche, storie narrate o lette dall insegnante, rime,conte (prima- adesso- dopo- infine). - Costruzione di strisce del tempo per rappresentare la settimana, il mese. - Costruzione della ruota della giornata divisa in quattro momenti ( mattina, pomeriggio, sera, notte), della 5

6 ruota della settimana e della ruota delle ore. - Registrazione mensile sul quaderno individuale dei dati relativi al tempo meteorologico e al tempo della memoria attraverso grafici e tabelle predisposte dall insegnante. - Memorizzazione dei nomi dei mesi dell anno e dei giorni della settimana attraverso filastrocche, rime, conte, canzoncine mimate e drammatizzate. - Utilizzo di diversi modi per misurare il tempo che passa. - Costruzione di cartelloni di sintesi. Analisi della situazione finale e confronto: - Conversazioni guidate, riflessioni collettive e/o individuali, confronto dei dati emersi. - Schede operative individuali e/o collettive. - Prove orali e prove pratiche per verificare l acquisizione dei concetti e degli argomenti affrontati nel corso della presente U.A. Tempi: Due mesi circa: Dicembre Gennaio. Modalità e strumenti per la verifica e valutazione dei risultati: - Osservazione in situazione dei comportamenti degli alunni e delle dinamiche evidenziate. - Conversazioni. - Verbalizzazioni orali. - Verifica delle diverse abilità attraverso schede operative predisposte individuali. - Osservazione di come gli alunni riescono a collocare fatti ed eventi sulla linea del tempo. - Rappresentazioni grafiche. - Osservazione relativa al disegno e verifica della verbalizzazione. Disciplina: Storia Unità di apprendimento n. 3 Titolo: Contemporaneità Durata Nessi causali. Traguardi di competenza - cosa ci aspettiamo sia in grado di fare l alunno: L alunno/a: Individua la simultaneità nelle azioni, percepisce la diversa durata delle azioni e la causa degli eventi. Usa la linea del tempo per rappresentare rapporti di successione e contemporaneità. Si avvia a leggere e comprendere testi specifici relativi alla disciplina. Racconta e rappresenta le attività quotidiane, i fatti vissuti e narrati. Obiettivi di apprendimento - conoscenze e abilità necessari per il raggiungimento dei traguardi di competenza a. Riconoscere la contemporaneità di azioni simultanee e rappresentarle graficamente. b. Individuare inizio e fine di una azione. Obiettivi trasversali relativi a Cittadinanza e Costituzione - Rispettare le norme di comportamento necessarie nei vari ambienti di vita quotidiana. 6

7 c. Riconoscere durate percepite. d. Cogliere le differenze tra le durate percepite da persone diverse nell analisi di attività scolastiche. e. Rilevare le durate in relazione ai mutamenti osservati nelle attività scolastiche. f. Individuare la diversa durata di fenomeni ed azioni esperite dal bambino mettendole a confronto. - Costruire e mantenere relazioni positive attraverso l interazione. - Attivare l ascolto degli altri. - Attivare comportamenti di prevenzione ai fini della sicurezza e della salute. - Comprendere la necessità di stabilire e rispettare le regole della classe. g. Individuare il nesso logico causale di eventi. h. Rappresentare rapporti di successione e contemporaneità su una linea. i. Organizzare i fatti di una narrazione secondo successione, contemporaneità e periodi. j. Comprendere che le durate si possono misurare. k. Conoscere la funzione e l uso degli strumenti convenzionali e non per la misurazione e per la periodizzazione del tempo ( giorni, mesi, anni, calendario, stagioni...). l. Rappresentare graficamente e verbalmente le attività, i fatti vissuti e narrati. m. Avviarsi a leggere e comprendere testi specifici relativi alla disciplina. Metodologie: Metodi attivi interattivi cooperativi. Domande stimolo, discussioni collettive. Riflessioni su esperienze reali personali e collettive. Giochi e drammatizzazioni. Utilizzo di canzoncine, filastrocche, storie, libri illustrati per favorire l interiorizzazione dei contenuti. Misurazione di durate con strumenti convenzionali e non. Le attività di Storia si svolgono secondo una didattica Laboratoriale, in cui gli alunni sono soggetti attivi nel percorso di costruzione del sapere. Si propone un percorso di alfabetizzazione che parte dall esperienza diretta e quotidiana dei bambini. Compito dell insegnante è, quindi creare, nel contesto di apprendimento, tutte quelle condizioni esperienziali, sia sottoforma di gioco sia di esperienza scolastica in generale, che diano modo di costruire e applicare, per poi riflettervi sopra, gli strumenti cognitivi che i bambini devono acquisire. L iter metodologico pertanto ha carattere di concretezza e di operatività: promozione di vissuti comuni e loro collocazione temporale; raccolta, rilettura, organizzazione e sistemazione storica di esperienze personali, familiari e sociali in un arco temporale circoscritto; scoperta e utilizzo dei primi strumenti di descrizione e rappresentazione temporale degli eventi; scoperta della possibilità di fare memoria del nostro passato recente e di spiegarlo attraverso una corretta metodologia di ricostruzione storica. 7

8 Nello specifico della terza unità di apprendimento si ampliano gli orizzonti temporali, chiamando i bambini a confrontarsi con i cambiamenti che avvengono nel tempo ( stagionali e personali), sperimentando situazioni inusuali nell organizzazione scolastica; si affinano i concetti di successione, di contemporaneità e di durata ( dalla scansione di ogni giornata fino al ciclo dei mesi e delle stagioni...). Analisi della situazione di partenza: All inizio della terza unità di apprendimento si fa il punto della situazione su quanto presentato e appreso nella precedente. Gli alunni sono impegnati in attività pratiche, orali, conversazioni guidate, riflessioni individuali e/o collettive e verbalizzazioni orali. - Domande stimolo. - Discussioni collettive. - Riflessioni su esperienze reali e personali o collettive. - Giochi e drammatizzazioni. - Utilizzo di canzoncine, filastrocche, storie, libri illustrati per favorire l interiorizzazione dei contenuti della disciplina. - Rielaborazione orale e grafica del vissuto personale. - Osservazione dell ambiente circostante. - Esercizi pratici per confrontare la durata delle azioni. - Lettura di storie da dividere in sequenza e da corredare con brevi didascalie. - Rielaborazione orale e grafica delle storie lette o ascoltate. - Uso di schede operative individuali. - Giochi motori e attività pratiche per confrontare la durata della azioni. - Compilazione ( secondo una regolare turnazione) quotidiana da parte degli alunni del calendario mobile. - Esercizi pratici, osservazione in situazione e nel tempo, per individuare la diversa durata di fenomeni ed azioni esperite da ciascun alunno e per metterle a confronto con quelle dei compagni. - Conversazioni guidate, osservazioni e attività pratiche, compilazione di schede predisposte, mirate all individuazione del nesso logico - causale di eventi ( causa: prima; effetto: dopo; ad esempio: ho aperto l ombrello perchè...). - Rappresentazione di rapporti di successione e contemporaneità su una linea. - Uso di alcuni indicatori temporali per riordinare azioni, filastrocche, storie narrate o lette dall insegnante, rime, conte (prima- adesso- dopo- infine). - Costruzione di strisce del tempo per rappresentare la settimana, il mese, l anno. - Costruzione della ruota dei mesi dell anno e delle stagioni. - Registrazione mensile sul quaderno individuale dei dati relativi al tempo meteorologico e al tempo della memoria attraverso grafici e tabelle predisposte dall insegnante. - Memorizzazione dei nomi dei mesi dell anno e dei giorni della settimana, delle stagioni attraverso filastrocche, rime, conte, canzoncine mimate e drammatizzate. - Misurazione di durate con strumenti convenzionali e non. - Costruzione di cartelloni di sintesi. Analisi della situazione finale e confronto: - Conversazioni guidate, riflessioni collettive e/o individuali, confronto dei dati emersi. - Schede operative individuali e/o collettive. - Prove orali e prove pratiche per verificare l acquisizione dei concetti e degli argomenti affrontati nel corso della presente U.A. Tempi: Due mesi circa: Febbraio Marzo. Modalità e strumenti per la verifica e valutazione dei risultati: - Osservazione in situazione dei comportamenti degli alunni e delle dinamiche evidenziate. - Conversazioni. - Verbalizzazioni orali. - Verifica delle diverse abilità attraverso schede operative individuali predisposte dall insegnante. 8

9 - Osservazione di come gli alunni riescono a collocare fatti ed eventi sulla linea del tempo. - Esercizi gioco, recitazione di rime, conte, filastrocche al fine di memorizzare i giorni, i mesi, le stagioni... - Esercizi pratici per confrontare la durata delle azioni. - Rappresentazioni grafiche. - Osservazione relativa al disegno e verifica della verbalizzazione. Disciplina: Storia Titolo: La scoperta del passato. Unità di apprendimento n. 4 Traguardi di competenza - cosa ci aspettiamo sia in grado di fare l alunno: L alunno/a: Utilizza le tracce del passato recente per produrre informazioni. Produce informazioni mediante tracce di eventi collettivi a cui ha partecipato insieme ai compagni. Conosce elementi significativi del passato del suo ambiente di vita. Organizza esperienze e fatti del passato della classe secondo successione, contemporaneità e periodi. Obiettivi di apprendimento - conoscenze e abilità necessari per il raggiungimento dei traguardi di competenza Obiettivi trasversali relativi a Cittadinanza e Costituzione a. Ricercare tracce per ricostruire il passato recente. b. Comunicare e confrontare ricordi del passato recente. c. Rappresentare serie di avvenimenti del passato recenti, anche utilizzando la linea del tempo. d. Rilevare durate di fenomeni del proprio passato personale. e. Rilevare i più evidenti segni di cambiamento prodotti dal passare del tempo in persone, cose, animali. f. Individuare le tracce e usarle come fonti per ricavare conoscenze sul passato personale. - Rispettare le norme di comportamento necessarie nei vari ambienti di vita quotidiana. - Costruire e mantenere relazioni positive attraverso l interazione. - Attivare l ascolto degli altri. - Attivare comportamenti adeguati a uno stile di vita sano. - Comprendere la necessità di stabilire e rispettare le regole della classe. - Sviluppare la capacità di intervenire in modo opportuno in una conversazione. g. Organizzare esperienze e fatti del proprio passato secondo successione, contemporaneità e periodi. h. Organizzare esperienze e fatti del passato della classe secondo successione, contemporaneità e periodi. i. Riconoscere e usare tracce del passato recente di 9

10 classe. j. Collocare avvenimenti vissuti sulla linea del tempo. k. Avviare la costruzione dei concetti fondamentali della storia: famiglia, gruppo, regole. l. Rappresentare graficamente e verbalmente le attività, i fatti vissuti e narrati. Metodologie: Metodi attivi interattivi cooperativi. Domande stimolo, discussioni collettive. Riflessioni su esperienze reali personali e collettive. Ricostruzione cronologica degli eventi salienti vissuti durante l anno scolastico. Le attività di Storia si svolgono secondo una didattica Laboratoriale, in cui gli alunni sono soggetti attivi nel percorso di costruzione del sapere. Si propone un percorso di alfabetizzazione che parte dall esperienza diretta e quotidiana dei bambini. Compito dell insegnante è, quindi creare, nel contesto di apprendimento, tutte quelle condizioni esperienziali, sia sottoforma di gioco sia di esperienza scolastica in generale, che diano modo di costruire ed applicare, per poi riflettervi sopra, gli strumenti cognitivi che i bambini devono acquisire. L iter metodologico pertanto ha carattere di concretezza e di operatività: promozione di vissuti comuni e loro collocazione temporale; raccolta, rilettura, organizzazione e sistemazione storica di esperienze personali, familiari e sociali in un arco temporale circoscritto; scoperta e utilizzo dei primi strumenti di descrizione e rappresentazione temporale degli eventi; scoperta della possibilità di fare memoria del nostro passato recente e di spiegarlo attraverso una corretta metodologia di ricostruzione storica. Nello specifico della quarta unità di apprendimento si consolida l uso degli indicatori temporali per orientarsi nelle storie personali e di classe; guidiamo i bambini a seguire le diverse tracce lasciate dal tempo lungo il percorso delle loro vite. In tal modo gli alunni iniziano a lavorare sulla ricostruzione del passato attraverso la lettura di tracce e segni da utilizzare come fonti per produrre informazioni. Analisi della situazione di partenza: All inizio della quarta unità di apprendimento si fa il punto della situazione su quanto presentato e appreso nella precedente. Gli alunni sono impegnati in attività pratiche, orali, conversazioni guidate, riflessioni individuali e/o collettive e verbalizzazioni orali. - Domande stimolo. - Discussioni collettive. - Riflessioni su esperienze reali e personali o collettive. - Giochi e drammatizzazioni. - Lettura di storie, utilizzo di libri illustrati per favorire l interiorizzazione dei contenuti della disciplina. - Rielaborazione orale e grafica del vissuto personale. - Esercizi pratici, osservazioni dirette, osservazione di fotografie e immagini di vario genere per riflettere sulle trasformazioni e per rilevare i più evidenti segni di cambiamento prodotti dal passare del tempo in: persone, animali, cose, piante. - Lettura di storie relative da dividere in sequenza e da corredare con brevi didascalie. - Rielaborazione orale e grafica delle storie lette o ascoltate. - Uso di schede operative individuali. 10

11 - Osservazione nel tempo di vari oggetti e ricostruzione della loro storia attraverso indizi ( es. Storia di una matita divisa in due fasi: prima era nuova/ adesso è...). - Osservazione diretta delle piante, del cielo, dell arco del sole, di altri aspetti legati ai cambiamenti stagionali. - Uso di giornali, fotografie, cartoline che illustrano ambienti naturali nelle diverse stagioni. Descrizione orale e/o scritta di alcune immagini osservate. - Compilazione (secondo una regolare turnazione) quotidiana da parte degli alunni del calendario mobile. - Uso di alcuni indicatori temporali per riordinare azioni, filastrocche, storie narrate o lette dall insegnante, rime, conte (prima- adesso- dopo- infine). - Costruzione di strisce del tempo per rappresentare fatti ed eventi vissuti a livello collettivo e/o individuale, legati al passato vicino ( primo anno di scuola). - Ricostruzione cronologica degli eventi salienti vissuti durante l anno scolastico. - Registrazione mensile sul quaderno individuale dei dati relativi al tempo meteorologico e al tempo della memoria attraverso grafici e tabelle predisposte dall insegnante. - Misurazione di durate con strumenti convenzionali e non. - Costruzione di cartelloni di sintesi. - Conversazioni guidate, riflessioni individuali e collettive, individuazione di regole di convivenza, condivisione delle stesse, approvazione finale attraverso una votazione per alzata di mano. - Costruzione di un cartellone di sintesi per visualizzare le regole della classe. - Predisposizione di una tabella per la suddivisione degli incarichi e per la registrazione della turnazione. - Attività di ricerca delle parole Per stare bene insieme in classe, in palestra, in famiglia... - Rappresentazione grafica e verbale di alcune attività svolte, di fatti vissuti e narrati. - Ricostruzione di piccole storie in sequenza con vignette. - Lettura di storie da dividere in sequenza e da corredare con brevi didascalie. - Rielaborazione orale e grafica del vissuto personale. Analisi della situazione finale e confronto: -Conversazioni guidate, riflessioni collettive e/o individuali, confronto dei dati emersi. - Schede operative individuali e/o collettive. - Prove orali e prove pratiche per verificare l acquisizione dei concetti e degli argomenti affrontati nel corso della presente U.A. Tempi: Due mesi circa: Aprile Maggio. Modalità e strumenti per la verifica e valutazione dei risultati: - Osservazione in situazione dei comportamenti degli alunni e delle dinamiche evidenziate. - Conversazioni. - Verbalizzazioni orali. - Verifica delle diverse abilità attraverso schede operative predisposte individuali. - Collocazione sulla linea del tempo degli eventi richiesti - Osservazione di come gli alunni riescono a collocare fatti ed eventi sulla linea del tempo. - Rappresentazioni grafiche. - Osservazione relativa al disegno e verifica della verbalizzazione. Firma del docente 11

Storia Classe I- TRAGUARDI DI COMPETENZE ALLA FINE DELLA CLASSE PRIMA

Storia Classe I- TRAGUARDI DI COMPETENZE ALLA FINE DELLA CLASSE PRIMA Storia Classe I- TRAGUARDI DI COMPETENZE ALLA FINE DELLA CLASSE PRIMA L alunno: Riconosce elementi significativi del passato del suo ambiente di vita. Riconosce ed esplora in modo via via più approfondito

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DI STORIA (CLASSI SECONDE) secondo le Indicazioni del 2012.

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DI STORIA (CLASSI SECONDE) secondo le Indicazioni del 2012. PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DI STORIA (CLASSI SECONDE) secondo le Indicazioni del 2012. NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO Il tempo passa, i cambiamenti diventano Ottobre/Novembre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE di ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2013-2014. Storia. Classe prima

PROGRAMMAZIONE di ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2013-2014. Storia. Classe prima Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DEL VENETO Istituto Comprensivo di Bosco Chiesanuova Piazzetta Degli Alpini 5 37021 Bosco Chiesanuova Tel 045 6780

Dettagli

Scuola dell infanzia il girasole Anno scolastico 2014-2015 Progetto didattico.tempo CHE FA TEMPO CHE PASSA..

Scuola dell infanzia il girasole Anno scolastico 2014-2015 Progetto didattico.tempo CHE FA TEMPO CHE PASSA.. Scuola dell infanzia il girasole Anno scolastico 2014-2015 Progetto didattico.tempo CHE FA TEMPO CHE PASSA.. MOTIVAZIONE I bambini sono molto interessati agli eventi che si susseguono e che caratterizzano

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

CURRICOLO DI STORIA FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI STORIA FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI STORIA FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nuclei tematici Uso delle fonti Organizzazione delle Traguardi per lo sviluppo delle competenze Riconosce elementi significativi del passato del suo

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO ABILITA

UNITÀ DI APPRENDIMENTO ABILITA NUMERO UNITÀ D APPRENDIMENTO 1 ASCOLTARE Comprendere l argomento e le informazioni principali di discorsi affrontati in classe. Seguire la narrazione di testi ascoltati o letti mostrando di saperne cogliere

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno: Ascolta e comprende parole e semplici espressioni, istruzioni,

Dettagli

LA FORMAZIONE TEMPORALE E SPAZIALE I UNITA DI APPRENDIMENTO DAL TEMPO AI TEMPI DELLE ESPERIENZE A SCUOLA

LA FORMAZIONE TEMPORALE E SPAZIALE I UNITA DI APPRENDIMENTO DAL TEMPO AI TEMPI DELLE ESPERIENZE A SCUOLA Albertina Chiodi Scuola Primaria - Classe I LA FORMAZIONE TEMPORALE E SPAZIALE I UNITA DI APPRENDIMENTO DAL TEMPO AI TEMPI DELLE ESPERIENZE A SCUOLA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE I DISCORSI E LE PAROLE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati

Dettagli

PIANO ANNUALE DI LAVORO Anno scolastico 2013/2014

PIANO ANNUALE DI LAVORO Anno scolastico 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO SCUOLA PRIMARIA DI AVIO E SABBIONARA PIANO ANNUALE DI LAVORO Anno scolastico 2013/2014 Classe 2^ STORIA GEOGRAFIA Docenti M.Cristina Eccheli Barbara Marinelli STORIA COMPETENZE

Dettagli

GLI STRUMENTI CONVENZIONALI PER LA MISURAZIONE E LA PERIODIZZAZIONE: L OROLOGIO. Candidata Lamanna Franca

GLI STRUMENTI CONVENZIONALI PER LA MISURAZIONE E LA PERIODIZZAZIONE: L OROLOGIO. Candidata Lamanna Franca GLI STRUMENTI CONVENZIONALI PER LA MISURAZIONE E LA PERIODIZZAZIONE: L OROLOGIO Candidata Lamanna Franca MOTIVAZIONE L importanza del tempo e del suo scorrere CONTESTO Classe II^ scuola primaria I.C. G.

Dettagli

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni.

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni. SCUOLA DELL INFANZIA CHE AVVENTURA - Progetto educativo/didattico anno scolastico 2014 / 2015 Obiettivi di apprendimento ipotizzati per bambini di 3 anni CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE

Dettagli

CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA

CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Individuare le tracce e usarle come fonti per produrre conoscenze sul proprio passato, della generazione degli adulti e della comunità di appartenenza.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO TRAGUARDI DI COMPETENZA CURRICOLO D ISTITUTO - SCUOLA DELL INFANZIA

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO TRAGUARDI DI COMPETENZA CURRICOLO D ISTITUTO - SCUOLA DELL INFANZIA TEMATICA PORTANTE: IO VIVO CON GLI ALTRI CICLO Microcompetenze specifiche (Esplora, classifica, verbalizza) Metodologia Contenuti Verifica Saper prendere coscienza del senso d identità personale. Saper

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI STORIA

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI STORIA SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI STORIA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 INSEGNANTI Sommavilla Patrizia IB Vitrone Valentina IA TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE della CLASSE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PRAY

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PRAY ISTITUTO COMPRENSIVO DI PRAY PIANI DI STUDIO - SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO ANNO ( 3 anni di età ) CAMPI PERCORSI OPERATIVI DI LABORATORIO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO IL SÈ E L ALTRO Le grandi domande, il

Dettagli

MUSICA. COMPETENZE CHIAVE: Comunicazione nella madrelingua, Consapevolezza ed espressione culturale, Imparare ad imparare

MUSICA. COMPETENZE CHIAVE: Comunicazione nella madrelingua, Consapevolezza ed espressione culturale, Imparare ad imparare MUSICA COMPETENZE CHIAVE: Comunicazione nella madrelingua, Consapevolezza ed espressione culturale, Imparare ad imparare Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno : Osserva, esplora, descrive

Dettagli

insegnanti : Gabriella Balbo Anna Maria De Marchi Maria Cristina Giraldel

insegnanti : Gabriella Balbo Anna Maria De Marchi Maria Cristina Giraldel insegnanti : Gabriella Balbo Anna Maria De Marchi Maria Cristina Giraldel BAMBINI COINVOLTI : 19 del gruppo rosa (D) 17 del gruppo giallo (C) INSEGNANTI RESPONSABILI : Balbo Gabriella Anna Maria De Marchi

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

LEGGERE E COMPRENDERE DIVERSI TIPI DI TESTO

LEGGERE E COMPRENDERE DIVERSI TIPI DI TESTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELLUCCHIO SCUOLA PRIMARIA DI GABBIANA Classe prima Discipline coinvolte: italiano,storia,geografia,educazione all immagine,educazione al suono e alla musica,informatica. INSEGNANTE:Milena

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

SCUOLA PRIMARIA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione SCUOLA PRIMARIA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione Descrittori Classe 1 Descrittori Classe 2 Descrittori Classe 3 Descrittori Classe 4 Descrittori

Dettagli

FINALITA. 1 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione, passim.

FINALITA. 1 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione, passim. FINALITA La storia è la disciplina nella quale si imparano a conoscere e interpretare fatti, eventi e processi del passato; le conoscenze del passato, in particolare i temi della memoria, dell'identità

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA LUZZATTO DINA

SCUOLA PRIMARIA LUZZATTO DINA SCUOLA PRIMARIA LUZZATTO DINA PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE SECONDA ITALIANO, STORIA, EDUCAZIONE ALL IMMAGINE, EDUCAZIONE MOTORIA INSEGNANTE FINCATO SUSANNA Unità d apprendimento

Dettagli

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI. emozioni utilizzando il linguaggio del corpo

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI. emozioni utilizzando il linguaggio del corpo ETA : 3 ANNI Immagini, suoni e colori CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Tecniche di rappresentazione grafica Ascoltare brani musicali Approccio all utilizzo dei diversi

Dettagli

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

STORIA CLASSE 1 1. COLLOCARE IN SUCCESSIONE TEMPORALE FATTI ED EVENTI VISSUTI. *

STORIA CLASSE 1 1. COLLOCARE IN SUCCESSIONE TEMPORALE FATTI ED EVENTI VISSUTI. * STORIA CLASSE 1 1. COLLOCARE IN SUCCESSIONE TEMPORALE FATTI ED EVENTI VISSUTI. * 1.1 Riconoscere rapporti di successione e collocare nel tempo fatti ed eventi vissuti. 2. RICONOSCERE EMPIRICAMENTE LA DURATA

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Titolo dell unità di competenza: Indagare il passato per comprendere il nostro presente. Denominazione della rete-polo Istituto scolastico

Dettagli

IL BAMBINO SA : COLLOCA RE NEL TEMPO SE STESSO, PERSONE, FATTI ED EVENTI

IL BAMBINO SA : COLLOCA RE NEL TEMPO SE STESSO, PERSONE, FATTI ED EVENTI CURRICOLO VERTICALE IL SE E L ALTRO - STORIA- - SCUOLA DELL INFANZIA - ISTITUTO COMPRENSIVO I.COCCHI LICCIANA NARDI per i bambini dell ultimo anno COMPETENZE al termine della SCUOLA DELL INFANZIA CONOSCERE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO English is fun Anno scolastico 2011/2012 Istituto Comprensivo U. Ferrari di Castelverde

Dettagli

INSIEME È PIÙ FACILE

INSIEME È PIÙ FACILE Unità di apprendimento Titolo INSIEME È PIÙ FACILE Plesso D. Alighieri Prozzolo di Camponogara Classe prima Autori: Saltarin Monica - Ardizzon Maria 1 UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Insieme è più

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA:

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Picchi Maria Letizia Scuola dell'infanzia Giuseppe Giusti Classe.. Sezione: A.e B. anni 4 Disciplina/Macroarea/Campo d esperienza I DISCORSI E LE PAROLE Tavola

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE

SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE ITALIANO termine della classe L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e adulti. Legge e comprende brevi testi con correttezza e rapidità; dimostra

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO IL GIROTONDO DELL AMICIZIA Insieme è.più bello!! I.C. Gramsci Camponogara Autrici: Artusi Paola, Santin Martina 1 UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione IL GIROTONDO DELL AMICIZIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE Denominazione Compito-prodotto Competenze mirate Comuni /cittadinanza I DIRITTI DEI BAMBINI IL QUADERNO REALIZZATO DAI RAGAZZI E/O LO SLOGAN PUBBLICITARIO

Dettagli

CURRICOLO di ITALIANO classe seconda

CURRICOLO di ITALIANO classe seconda CURRICOLO di ITALIANO classe seconda 1 SECONDA NUCLEO DISCIPLINARI: A - COLTO E PARLATO OBIETTIVO GENERALE: A - Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente CONTENUTI Conversazioni e dialoghi. Discussioni

Dettagli

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE DI BASE IN MATEMATICA, SCIENZE E TECNOLOGIA

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE DI BASE IN MATEMATICA, SCIENZE E TECNOLOGIA TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE DI BASE IN MATEMATICA, SCIENZE E TECNOLOGIA Campo di esperienza: CONOSCENZA DEL MONDO COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA CONOSCENZE COMPITI SIGNIFICATIVI

Dettagli

Programmazione di Classe Prima

Programmazione di Classe Prima PROGRAMMAZIONE: Curricolo di Lingua Inglese 1. Classe Prima 2. Classe Seconda 3. Classe Terza 4. Classe Quarta 5. Classe Quinta Programmazione di Classe Prima TEMPI D ATTUAZIONE DELL INTERVENTO: Interventi

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI STORIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI STORIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI STORIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (Campi di esperienza: Il sé e l altro, La conoscenza del mondo, Linguaggi, creatività, espressione) ANNI TRE TRAGUARDI OBIETTIVI CONTENUTI 1. Si

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

1 CIRCOLO DIDATTICO - Pontecagnano Faiano (SA) PROFILI FORMATIVI. Allegato al POF

1 CIRCOLO DIDATTICO - Pontecagnano Faiano (SA) PROFILI FORMATIVI. Allegato al POF 1 CIRCOLO DIDATTICO - Pontecagnano Faiano (SA) PROFILI FORMATIVI Allegato al POF a.s. 2013/2014 Profilo formativo della classe prima competenze riferite agli strumenti culturali Comunicare per iscritto

Dettagli

Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO. Anno Scolastico 2014-2015

Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO. Anno Scolastico 2014-2015 Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO Anno Scolastico 2014-2015 in uscita da tutti gli ordini di scuola PREMESSA 1) Riteniamo la COMPRENSIONE trasversale

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione Descrittori Classe 1 Descrittori Classe 2 Descrittori Classe 3 Descrittori Classe 4 Descrittori Classe 5 1.1.1

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA Scuola primaria classe III Italiano Obiettivi di apprendimento Ascolto e parlato Contenuti Metodologia Verifica Traguardi

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Istituto Comprensivo di Bosco Chiesanuova Piazzetta Alpini 5 37021 Bosco Chiesanuova Tel 045 6780 521-

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I SCUOLA PRIMARIA CLASSE I ITALIANO INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Ascoltare e comprendere Leggere e comprendere Comunicare oralmente Mantenere l attenzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A BLA, BLA, BLA, ANNO SCOLASTICO 2008/2009 MOTIVAZIONE L età dei bambini della scuola dell infanzia è particolarmente feconda poiché, proprio in questo periodo, l interesse e la curiosità, se vengono alimentati,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione Descrittori Classe 1 Descrittori Classe 2 Descrittori Classe 3 Descrittori Classe 4 Descrittori Classe 5 il

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!!

SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!! SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!! Il tempo dell accoglienza Accogliere i bambini significa, in primo luogo, predisporre un ambiente

Dettagli

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA Scuola Primaria G. Sordini Istituto Comprensivo Spoleto 2 Indicatori per la scheda di valutazione della classe I ITALIANO: Narrare brevi esperienze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1 ARTE E IMMAGINE - Decodificare una sequenza d immagini; - Discriminare uguaglianze e differenze; - Percepire la figura-sfondo; - Eseguire riproduzioni di figure rispettando le relazioni spaziali; - Discriminare

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI ANDEZENO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 AMICA TERRA

SCUOLA DELL INFANZIA DI ANDEZENO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 AMICA TERRA SCUOLA DELL INFANZIA DI ANDEZENO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 AMICA TERRA PER I BAMBINI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA, LA TERRA E UN ELEMENTO QUASI MAGICO, DA SCAVARE, TRAVASARE, TRASPORTARE, MISCELARE E RAPPRESENTA

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO PARINI - AURORA

CIRCOLO DIDATTICO PARINI - AURORA CIRCOLO DIDATTICO PARINI - AURORA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ITALIANO ASCOLTO E PARLATO Elenco di regole su cartelloni. Testi legati alla quotidianità. Testi

Dettagli

ATTERRAGGIO IN CLASSE PRIMA Diventiamo amici

ATTERRAGGIO IN CLASSE PRIMA Diventiamo amici Unita di apprendimento ATTERRAGGIO IN CLASSE PRIMA Diventiamo amici Comprendente UdA PIANO DI LAVORO CONSEGNA AGLI STUDENTI I.C. Gramsci Camponogara Autori: - Plesso A. Manzoni : Abet Luisa, Menin Loredana,

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA:

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Classe.. Disciplina/Macroarea/Campo d esperienza Laura Colombini. S.Infanzia G.Giusti... Sezione Gruppo intersezione bambini di 3 anni.. La conoscenza del

Dettagli

IMMAGINI, SUONI, COLORI

IMMAGINI, SUONI, COLORI IMMAGINI, SUONI, COLORI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente 2. Inventa storie

Dettagli

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA CLASSE 4^ a.s. 2012/2013 TRAGUARDI DI COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE 1) PARTECIPARE A SCAMBI COMUNICATIVI DI VARIO GENERE CON Quando ascolta, l alunno è in grado di:

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

MATEMATICA COMPETENZE CHIAVE:

MATEMATICA COMPETENZE CHIAVE: MATEMATICA COMPETENZE CHIAVE: Competenza matematica, Comunicazione nella madrelingua, Imparare ad imparare, Competenze sociali e civiche, Spirito d iniziativa e imprenditorialità. Traguardi per lo sviluppo

Dettagli

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA MOTIVAZIONE Istituto Comprensivo Gallicano nel Lazio Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA La dimensione del tempo, come quella dello spazio, nella società di oggi è stravolta dalla modalità e dalla

Dettagli

Scuola Primaria Progettazione annuale classe 1^ anno scolastico 2013/2014

Scuola Primaria Progettazione annuale classe 1^ anno scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Progettazione annuale classe 1^ anno scolastico 2013/2014 ITALIANO Ascolto e conversazione: l alunno comprende e organizza gli elementi principali della comunicazione orale Intervenire

Dettagli

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME A.S. 2014-2015 ITALIANO 1 - Ascoltare e parlare. Ascoltare, comprendere ed

Dettagli

VIAGGIO FANTASCIENTIFICO: ALLA SCOPERTA DI TERRA - ARIA ACQUA FUOCO

VIAGGIO FANTASCIENTIFICO: ALLA SCOPERTA DI TERRA - ARIA ACQUA FUOCO ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

UDA UNITA DI APPRENDIMENTO

UDA UNITA DI APPRENDIMENTO UDA UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Prodotti Quando eravamo povera gente I.C. Gramsci di Camponogara Classi II Insegnanti curriculari Testi regolativi. Riprodurre giochi del passato. Costruzione del

Dettagli

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE SECONDA

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE SECONDA ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE SECONDA ASCOLTO E PARLATO L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti rispettando il turno e formulando

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazioni, discussioni, di classe o di gruppi) con compagni e insegnanti rispettando

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO

ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Scuola Primaria classe prima plesso Molinelli a.sc.2013/2014 PREMESSA Gli insegnanti della classe, tenendo conto dell analisi della situazione di partenza,

Dettagli

NETTUNO IV PROGETTO IN CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA L ABC DEL PC INSEGNANTE: MASSICCI PAOLA

NETTUNO IV PROGETTO IN CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA L ABC DEL PC INSEGNANTE: MASSICCI PAOLA ISTITUTO COMPRENSIVO NETTUNO IV PROGETTO IN CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA L ABC DEL PC INSEGNANTE: MASSICCI PAOLA MOTIVAZIONE Molti bambini di oggi vivono in un contesto esperienziale

Dettagli

Progetto Ambiente VIVERE LA NATURA

Progetto Ambiente VIVERE LA NATURA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVARO SCUOLA DELL INFANZIA Plesso di COLLETORNESE Progetto Natale IL DONO Progetto Ambiente VIVERE LA NATURA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVARO SCUOLA DELL INFANZIA Plesso di COLLETORNESE

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME

PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TARRA BUSTO GAROLFO Via Correggio 80,- 20020 PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA SCUOLE TARRA, MENTASTI, FERRAZZI-COVA A.S. 2014-2015 1 LINGUA ITALIANA 1. ASCOLTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 COMPETENZA al termine del primo ciclo di istruzione Dimostra una padronanza della lingua italiana tale

Dettagli

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 Posizione del proprio corpo in relazione agli oggettiprogettazione 2^UdA SCUOLA INFANZIA Dicembre 2013 -- Gennaio 2014 a.s. 2013-2014 Aurora dalle dita di rosa IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 AFRODITE

Dettagli

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva ETA : 4 ANNI Immagini, suoni e colori CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Tecniche di rappresentazione Ascoltare brani musicali Mimare testi ascoltati grafica, corporea

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STORIA (Classi 1ª-2ª)

SCUOLA PRIMARIA STORIA (Classi 1ª-2ª) SCUOLA PRIMARIA STORIA (Classi 1ª-2ª) COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Usare strumenti opportuni per orientarsi nel tempo e per collocare i fatti Raccontare esperienze personali. Conoscere, ricostruire e

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

U.A. ITALIANO. ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Scuola Primaria di BELLANO Classe 3^A e 3^B LE NOSTRE PAROLE VALGONO. Alunni di classe 3^ A e 3^B DESTINATARI

U.A. ITALIANO. ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Scuola Primaria di BELLANO Classe 3^A e 3^B LE NOSTRE PAROLE VALGONO. Alunni di classe 3^ A e 3^B DESTINATARI U.A. ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Scuola Primaria di BELLANO Classe 3^A e 3^B TITOLO DOCENTI OBIETTIVI FORMATIVI DISCIPLINE COINVOLTE STRUMENTI LE NOSTRE PAROLE VALGONO Ascoltare le comunicazioni

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. 2015/16 PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. 2015/16 PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA Docenti PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Plessi SBRANA- LAMBRUSCHINI-TENUTA Classe II Disciplina ITALIANO Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. 2015/16 PROGETTAZIONE

Dettagli

PROGETTO DI RECUPERO E SOSTEGNO:

PROGETTO DI RECUPERO E SOSTEGNO: Anno scolastico 2012/2013 SCUOLA PRIMARIA Classi: terze, quarte e quinte. PROGETTO DI RECUPERO E SOSTEGNO: PREMESSA Le insegnanti delle classi terze, quarte e quinte propongono il seguente progetto di

Dettagli

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica PREMESSA Il progetto continuità, nasce dall esigenza di garantire al bambinoalunno un percorso formativo organico e completo, che miri a promuovere uno sviluppo articolato e multidimensionale del soggetto,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE ITALIANO

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE ITALIANO SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTI PANNONE SANDRA TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE della CLASSE I Partecipa a scambi comunicativi

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA. Numeri e spazio, fenomeni e viventi (MATEMATICA)

LA COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA. Numeri e spazio, fenomeni e viventi (MATEMATICA) COMPETENZE EUROPEE INFANZIA CAMPO D ESPERIENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA E CONTENUTI LA COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA Numeri e spazio, fenomeni e viventi (MATEMATICA) Ha interiorizzato le nozioni

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE Titolo: LOGICAMENTE Destinatari : alunni dell ultimo anno di scuola dell Infanzia e alunni della classe prima di scuola primaria. Risorse professionali:

Dettagli

Scuola dell infanzia G. Siani - Marano

Scuola dell infanzia G. Siani - Marano Scuola dell infanzia G. Siani - Marano a.s. 2015/16..Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono la curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento per favorire

Dettagli

FIABE DALLA SCOZIA. Espone alla classe fiabe lette seguendo l ordine cronologico.

FIABE DALLA SCOZIA. Espone alla classe fiabe lette seguendo l ordine cronologico. UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Prodotti Competenze mirate FIABE DALLA SCOZIA TAM LIM, JANET E LA REGINA DEL PICCOLO POPOLO LA FIGLIA DEL MARE Tratte dal libro Il canto delle scogliere Luigi Dal Cin

Dettagli

Italiano Lingua Seconda V classe Scuola primaria

Italiano Lingua Seconda V classe Scuola primaria ASCLT Italiano Lingua Seconda V classe Scuola primaria Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria relativi alle abilità L alunno, l alunna sa (1) comprendere semplici dialoghi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima. Matematica

PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima. Matematica ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORISOLE Scuole Primarie PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima Matematica Anno Scolastico 2015/ 2016 COMPETENZE : A -NUMERO Comprende il significato dei numeri, i modi per

Dettagli

Unità di apprendimento. Le stagioni

Unità di apprendimento. Le stagioni Direzione Didattica 3 Circolo Gubbio SCUOLA DELL INFANZIA DI BRANCA E TORRE CALZOLARI Unità di apprendimento Le stagioni A.S. 2012/13 AUTUNNO BISOGNO FORMATIVO Esplorare e conoscere la natura. OBBIETIVO

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SAN MARCO PROGETTO SALUTE E AMBIENTE

SCUOLA DELL INFANZIA SAN MARCO PROGETTO SALUTE E AMBIENTE SCUOLA DELL INFANZIA SAN MARCO PROGETTO SALUTE E AMBIENTE A.S.2012-2013 OBIETTIVI FORMATIVI Promuovere la conoscenza dell ambiente naturale per permettere al bambino di entrare in contatto con la realtà

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

Progetto: L albero e le quattro stagioni

Progetto: L albero e le quattro stagioni Progetto: L albero e le quattro stagioni Il nuovo anno scolastico inizia con l'avvicinarsi dell'autunno, e il nostro AMICO ALBERO, aiuterà i/le bambini/e ad osservare la natura circostante mettendo in

Dettagli