Nuovi vitigni per il Piemonte 1 contributo - esame delle attitudini colturali ed enologiche di vitigni di nuova introduzione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nuovi vitigni per il Piemonte 1 contributo - esame delle attitudini colturali ed enologiche di vitigni di nuova introduzione"

Transcript

1 TECNICA 23 Nuovi vitigni per il Piemonte 1 contributo - esame delle attitudini colturali ed enologiche di vitigni di nuova introduzione Franco Mannini, Anna Schneider Istituto Virologia Vegetale-Unità Staccata Viticoltura- CNR, Grugliasco (TO) Maria Carla Cravero Istituto Sperimentale per l Enologia, Asti... RICERCA FINANZIATA DALLA REGIONE PIEMONTE Hanno collaborato alle prove: F. Battaglia 3, G. Bonifacino 4, D. Dellavalle 5, A. Errico 5, D. Ferrarese 3, G. Gaviati 3, M. Gily 5, D. Laiolo 5, G. Sanlorenzo 5, R. Tragni 4, M. Ubigli 2, C. Ponte 2, M.L. Serpentino 2, F. Bonello 2, M.C. Pazo Alvarez 2, C. Tsolakis 2, G. Valota 5, M. Vigasio 5. 1 Istituto Virologia Vegetale-Unità Staccata Viticoltura- CNR, Grugliasco (TO) 2 Istituro Sperimentale per l Enologia, Asti 3 Istituto Prof. per l Agricoltura V. Luparia, S. M. di Rosignano (AL) 4 Centro Sperimentale Vitivinicolo Tenuta Cannona, Carpeneto (AL) 5 Vignaioli Piemontesi, Castagnito (CN) Una superficie a vigneto di ettari ed una produzione enologica media di 3,3 milioni di ettolitri di vino di cui oltre il 70 % a D.O.C. ben rappresentano l importanza e l elevata qualità raggiunta dal settore vitivinicolo in Piemonte. La base varietale del vino prodotto è vasta e composita annoverando tra i vitigni idonei alla coltura sul territorio regionale ben 39 vitigni a bacca colorata e 16 a bacca bianca (2004). Gran parte di questi vitigni sono autoctoni, e talora coltivati solo in Piemonte, ma non manca una nutrita schiera di vitigni provenienti da altre regioni italiane o più spesso dall estero (Francia e Germania soprattutto). Con un tale ventaglio di vitigni a disposizione i produttori locali non dovrebbero avere difficoltà nella scelta di quali impiantare nei loro nuovi vigneti, tuttavia, in pratica non è sempre così. In parte perché molti dei vitigni ufficialmente idonei alla coltura in Piemonte sono in realtà strettamente legati ad uno specifico territorio, spesso anche molto ristretto, e principalmente perché negli ultimi anni l evoluzione del mercato è tale da richiedere continui adeguamenti dell offerta enologica. Ciò ha determinato l affermarsi, accanto ai vitigni tradizionali (Barbera, Dolcetto, Freisa, Nebbiolo, ecc.), di molti vitigni cosiddetti internazionali, cioè quelle cultivar, per lo più francesi (Cabernet sauvignon, Chardonnay, Merlot, Sauvignon e Syrah), in grado di abbinare alle ottime potenzialità enologiche una elevata adattabilità a diversi ambienti di coltura. Tale tendenza è motivata dalla evoluzione di un mercato sempre più esteso che richiede (specialmente per l esportazione) vini varietali di gusto internazionale (che poi sarebbe quello anglosassone). Parallelamente ad un mercato che si standarizza per gusto e tipologie di vino, recentemente si va affermando il vino di nicchia ottenuto da vitigni rari, tipici di alcuni ristretti areali, in grado di offrire un alternativa originale alla moda corrente. Nel variegato panorama varietale piemontese si stanno poi inserendo alcuni vitigni ottenuti per incrocio intraspecifico tra cultivar di Vitis vinifera. E questo il caso dell Albarossa, del Bussanello e della Cor- Agricoltura/46

2 AGRICOLTURA INFORMAZIONE TECNICA narea, incroci ottenuti dal Prof. Dalmasso negli anni trenta ma tornati recentemente alla ribalta. In un siffatto contesto, il fiorire di singole iniziative, spesso semi-clandestine, di introduzione e/o di impianto di vitigni non autorizzati (siano essi stranieri, locali o da incrocio) può determinare una forte confusione, con dispersione di risorse ed uno scarso ritorno in risultati, condizionati dall empiricità delle esperienze condotte, e comunque senza una ricaduta in termini di interesse generale. In altre parole, per valutare se le attitudini agronomiche ed enologiche di un certo vitigno sono idonee ad un suo utilizzo in un determinato contesto ambientale è necessario procedere con un corretto approccio sperimentale in grado di dare valore e significatività ai risultati ottenuti. Non a caso la normativa vigente (Reg. CEE 2314/72 modificato dal Reg. CEE 2462/93, Accordo Stato-Regioni del 25/07/2002) regolamenta le modalità di realizzazione delle prove di attitudine alla coltura delle varietà e i requisiti necessari per inserire una nuova cultivar nelle liste dei vitigni idonei alla coltivazione in una determinata unità amministrativa. Nel 1998 la Regione Piemonte ha voluto razionalizzare la sperimentazione sui vitigni extraregionale e rari, riunendo in un unico programma le varie iniziative già in atto, e ponendo le basi per un indagine più organica e mirata che ha reso necessario il coinvolgimento nell attività sperimentale di numerose Istituzioni con competenze specifiche sotto la direzione scientifica del Centro di Studio per il Miglioramento genetico e la Biologia della Vite-CNR (oggi Unità Staccata Viticoltura dell Istituto di Virologia Vegetale di Torino). Il progetto è terminato nel 2003, ed in questo primo contributo si presentano sinteticamente i risultati più significativi ottenuti nello studio del comportamento di vitigni alloctoni (italiani e stranieri), ritenuti potenzialmente idonei ad ampliare la base cultivarietale regionale con particolare riferimento all areale del Monferrato. Risultati Nella vasta area viticola del Monferrato in provincia di Asti ed Alessandria che, a fronte di un grande potenziale produttivo, non sempre raggiunge vette di eccellenza qualitativa, l attenzione si è focalizzata sullo studio di vitigni alternativi a quelli tradizionali. Allo scopo sono stati realizzati due vigneti sperimentali, uno localizzato a Mombaruzzo (AT) per lo studio delle cultivar a bacca bianca ed uno a Rosignano M.to (AL) per quelle a bacca rossa. Per quanto riguarda le cultivar ad uva bianca, la finalità del lavoro è stata quella di individuare, tra vitigni non tradizionali del Monferrato, quelli potenzialmente idonei ad affiancare o sostituire il Cortese per la produzione di un vino bianco secco di pregio. Come noto, il Cortese è con il Moscato bianco la cultivar bianca più diffusa in Monferrato, dove da origine a quasi ettolitri annui di vino DOC, escludendo il Gavi DOCG. E stato quindi posto a confronto con altri 8 vitigni: Arneis, Bussanello, Chenin, Manzoni bianco, Pinot grigio, Roussanne, Sauvignon e Viognier. Si tratta per la maggior parte di vitigni francesi, tradizionali nella Valle del Rodano (Roussanne e Viognier), nella Valle della Loira (Chenin), nel Bordolese (Sauvignon) e in Alsazia (Pinot grigio), di un vitigno piemontese originario del Roero Tabella 1 - Dati agronomici di 9 cultivar a bacca bianca a Mombaruzzo (AT), medie Dati Arneis* Bussanello Chenin Cortese Manzoni Pinot g. Roussanne Sauvignon Viognier Peso legno potatura (g/ceppo) Fertilità (n infior./germoglio) 1,56 1,51 1,46 1,74 1,89 1,71 1,48 1,65 1,61 Produzione (kg/ceppo) 2,10 2,83 4,80 3,97 1,72 1,95 2,54 2,70 3,27 Grappoli/ceppo (n ) 13 16,2 17,0 14,1 16,5 18,7 15,2 19,2 16,7 Peso grappolo (g) Marciume (%) 13,8 26,3 5,0 10,0 10,0 28,8 21,3 27,5 20,0 Zuccheri (%) 20,8 19,7 19,3 18,0 24,2 22,2 20,1 22,9 20,2 ph 3,02 3,22 3,10 2,99 3,27 3,30 3,16 3,19 3,29 Acidità totale (g/l) 6,9 5,53 8,21 7,62 7,12 6,27 6,77 7,40 6,02 Acido tartarico (g/l) - 5,70 5,01-6,60 6,40 5,70 7,20 4,40 Acido malico (g/l) - 0,95 2,23-1,82 1,31 2,07 1,76 1,43 *

3 TECNICA Tabella 2 - Composizione dei vini di 9 cultivar a bacca bianca a Mombaruzzo (AT), media degli anni Dati Arneis* Bussanello Chenin Cortese* Manzoni Pinot g. Roussanne Sauvignon Viognier Alcol (vol.%) 12,9 12,3 12,2 11,9 14,30 14,9 13,2 13,5 12,3 Estratto secco totale (g/l) 20,8 19,3 21,0 20,1 21,8 23,8 20,6 21,2 20,6 Polifenoli totali (g/l) 0,91 1,69 1,00 1,36 0,81 1,12 0,89 0,90 1,05 Ceneri (g/l) 1,17 1,19 1,29 1,13 1,35 1,4 1,46 1,29 1,32 Acidità totale (g/l) 6,90 6,61 8,14 7,37 6,79 6,11 6,53 6,94 6,29 ph 2,75 2,89 2,87 2,83 3,06 3,11 3,05 3,01 3,01 * Arneis: ; Cortese: (Arneis) e di due cultivar da incrocio italiane ottenute negli anni trenta ma solo recentemente iscritte a Catalogo e coltivate. Il Bussanello, realizzato da Dalmasso incrociando il Riesling italico con il Furmint, è autorizzato in Piemonte dal 2001 (Mannini et al., 2001) mentre il Manzoni bianco, ottenuto da Manzoni dall incrocio Riesling renano x Pinot bianco, sta crescendo in popolarità soprattutto nel Nord-est (Cancellier e Roncador, 2000). Il vigneto sperimentale è stato impiantato dalla Vignaioli Piemontesi nel 1997 presso l Azienda Bergamasco, con la collaborazione della Cantina Sociale di Mombaruzzo. Il campo è entrato in produzione nel 1999 e per un quadriennio (sino al 2002) sono state condotte approfondite osservazioni di carattere agronomico ed enologico sui vitigni in prova. Il dettaglio dei risultati agronomici è riportato in tabella 1. I vitigni meno vigorosi sono risultati Pinot g. e Viognier, i più vigorosi Bussanello, Chenin, Manzoni b. e Sauvignon, di vigore intermedio Cortese e Roussanne. Cortese e Chenin hanno fornito le produzioni più elevate (in particolare il secondo), sono risultati produttivi anche Bussanello, Sauvignon, Roussanne, mentre la resa in uva è stata particolarmente contenuta in Manzoni b. e Pinot g.. Per quanto riguarda i caratteri qualitativi del mosto le migliori attitudini sono riferibili al Pinot g., al Manzoni b. e al Sauvignon, le cui uve in tutte le annate considerate hanno raggiunto le concentrazioni zuccherine più elevate. Le uve di Manzoni b. e di Sauvignon, malgrado l elevato grado di maturazione, hanno mantenuto inoltre un quadro acido adeguatamente energico e quindi idoneo alla qualità di un vino bianco. La fertilità reale (cioè il numero di grappoli per germoglio) è stata elevata in Pinot g., Manzoni b. e Cortese, ma contrariamente a quest ultimo nei primi due il grappolo è molto piccolo (circa un terzo di quello del Cortese) per cui ne consegue che il carico produttivo si mantiene basso. Anche il grappolo di Chenin è molto grande determinando, a dispetto della fertilità moderata, l elevata produttività di questa cultivar. Discorso analogo va fatto per le caratteristiche di Bussanello e Roussanne, che possiedono una fertilità non particolarmente alta ma grappoli di buone dimensioni. Per quanta riguarda il Viognier, esso deve l elevata produttività in pari misura sia alle buone dimensioni del grappolo che ad una buona fertilità. Nell ambiente di Mombaruzzo si sono registrate tangibili differenze tra i vitigni in studio a livello fenologico. I più precoci al germogliamento si sono dimostrati Bussanello e Sauvignon, decisamente più tardivi Cortese e Roussanne. Completano prima l invaiatura Pinot g. e Manzoni b., mentre i più tardivi sono stati Chenin, Roussanne e Cortese, non a caso i vitigni rivelatisi tra i meno qualitativi. La raccolta delle uve Pinot g., Manzoni b. e Sauvignon è stata anticipata di almeno una settimana rispetto a quella degli altri vitigni. In un paio di annate predisponenti ad attacchi di muffa sul grappolo (2000 e 2002), Manzoni b., Pinot g., Sauvignon e Bussanello si sono dimostrati più sensibili (anche a causa di una maturazione più avanzata) degli altri vitigni in prova. L analisi fisico-chimica sui vini ottenuti nel quadriennio di osservazione conferma quanto espresso a livello di vigneto (tab. 2). Nel complesso i vini più strutturati ed alcolici sono stati forniti da Manzoni bianco, Sauvignon, Pinot grigio. Bussanello e Roussanne hanno fornito vini interessanti, ma con qualche alternanza nella qualità a seconda dell annata. Prodotti qualitativamente inferiori rispetto ai precedenti sono stati ottenuti da Chenin, Viognier e Cortese. Vanno ancora segnalati la ricchezza in polifenoli del Bussanello (che tuttavia non incide negativamente a livello di colore) e una spiccata tendenza ad una maggior ossidazione nella Roussanne. Per quanto riguarda le analisi sensoriali si sono valutati gli 8 vini per 4 annate, divenuti 9 nelle ultime due vendemmie con l Arneis. Le analisi sensoriali sono state talora complicate da difetti olfattivi (per cui Bussanello, Roussanne, Viognier non dispongono di risultati sensoriali in un annata ciascuno). Va segnalato tuttavia che nei 4 anni di prova le caratteri- Agricoltura/46

4 AGRICOLTURA INFORMAZIONE TECNICA stiche sensoriali dei vini sono risultate abbastanza ripetibili. A livello di gradevolezza globale dei vini (fig. 1), valutata su una scala da 1 a 10 punti, notiamo che nel 2000 non si è evidenziata alcuna differenza significativa tra i prodotti e nel 2001 il gruppo dei vini giudicati migliori ne comprendeva ben 6. Le maggiori differenze si sono osservate nel 1999 e nel I risultati migliori, meno influenzati dall andamento dell annata, si sono ottenuti per Manzoni bianco e Sauvignon. Si è osservata una situazione intermedia, con risultati variabili nelle diverse vendemmie, per Bussanello, Pinot grigio, Roussanne e Arneis, mentre possiamo affermare che Cortese, Chenin blanc e Viognier sono stati, in genere, i vini sempre meno apprezzati. In generale, i risultati di gradevolezza globale dei vini ricalcano i risultati ottenuti per la gradevolezza del gusto e dell olfatto, che qui non mostriamo. A livello olfattivo, il meno interessante è risultato lo Chenin in tutte le annate, con eccessivi sentori erbacei, presenti anche nel Viognier e nel Cortese, dove, però si sono rilevati anche profumi fruttati. Manzoni bianco e Sauvignon presentano sempre caratteristiche olfattive più complesse degli altri vini, che vanno da note fiorali, a quelle di frutta tropicale e agrumi. Nel caso del Sauvignon si evidenziano anche i profumi varietali, quali sentori di foglia di fico, foglia di pomodoro, erbe aromatiche. Al gusto in questi due ultimi vini, l acidità era sempre di media intensità, la struttura e la persistenza gusto-olfattiva buone. Le caratteristiche gustative penalizzano Cortese e Chenin a causa dell elevata acidità, della scarsa persistenza e poca struttura, aspetti, questi ultimi, che sono stati rilevati anche nel Viognier. L Arneis sembra dare buoni risultati, sia da un punto di vista olfattivo sia per le caratteristiche gusto-olfattive, tuttavia, erano disponibili solo due annate. Naturalmente i risultati ottenuti hanno validità per l ambiente in cui è localizzato il vigneto e occorre ricordare che la tecnica di vinificazione, uguale per tutte le cultivar, può avere attenuato o accentuato talune caratteristiche di ciascuna varietà. Pur tenendo in considerazione le osservazioni precedenti, si è evidenziato che alcune cultivar hanno fornito in ogni annata vini interessanti, con profumi complessi e buone caratteristiche gustative, mentre altre sembrano perlomeno richiedere una gestione più attenta della vinificazione per poter esprimere al meglio le loro potenzialità. In conclusione, per quanto riguarda gli aspetti produttivi e le potenzialità enologiche, si può affermare che tra i vitigni alloctoni sperimentati, il Manzoni bianco, il Pinot grigio e il Sauvignon si sono dimostrati quelli maggiormente idonei a sostituire o integrare il Cortese per la produzione di vini bianchi di qualità in Monferrato. Questi a fronte di una produttività media di circa la metà rispetto al Cortese (senza alcun intervento di diradamento, n.d.r.) consentono facilmente prodotti intensamente profumati, alcolici, strutturati e di grande armonia generale. Tali caratteri ben si prestano anche ad un loro utilizzo in uvaggio per il miglioramento dei vini a base di Cortese. Prospettive interessanti potrebbero avere anche il Bussanello e l Arneis. Alla luce dei risultati qui esposti, e nei limiti della nostra prova, la diffusione e l utilizzo di Chenin, Roussanne e Viognier non sembrerebbe viceversa comportare vantaggi apprezzabili. Per quanto riguarda i vitigni rossi la finalità della sperimentazione è stata individuare tra vitigni non tradizionali del Monferrato Casalese quelli potenzialmente idonei ad affiancare o sostituire il Barbera per la produzione di un vino rosso di qualità, caratterizzato da un bouquet intenso ma di gusto morbido e armonico. A tal scopo nel 1998 è stato messo a dimora un vigneto sperimentale presso l Istituto V. Luparia di Rosignano M.to, in cui, accanto al Barbera, sono stati impiantati sia vitigni d oltralpe quali i bordolesi Cabernet sauvignon e Merlot, il Pinot nero (Borgogna), la Syrah (Côtes du Rhône) e il Petit Verdot (Francia sud-ovest), oltre a vitigni autoctoni piemontesi non tipici del Monferrato Casalese, come Bonarda piemontese, Croatina, e Nebbiolo. Sono inoltre presenti l Albarossa, incrocio Barbera x Nebbiolo di Dronero di recente autorizzazione alla coltura in Piemonte (Mannini et al., 2001; Mannini et al., 2004) e il Teroldego, cultivar originaria del Trentino (Piana Rotaliana). Le rilevazioni sono iniziate nel 2000 e si sono concluse (almeno una prima fase) nel Per una approfondita e dettagliata esposizione e discussione dei risultati si rimanda alla pubblicazione Nuovi vitigni in provincia di Alessandria recentemente edita dalla Provincia di Alessandria (Gily, 2004). In questa sede ci limiteremo a fornire una sintesi dei principali risultati, in modo da contribuire ad indirizzare le scelte dei produttori. Tra i vitigni in studio, il Cabernet sauvignon (clone Entav 338) ed il Merlot (clone Entav 347) hanno manifestato le migliori potenzialità nell ambiente di prova. Il primo si è dimostrato vitigno vigoroso, produttivo ma senza eccessi, resistente alla muffa grigia grazie anche al grappolo piccolo e poco compatto. Quest ultima caratteristica è importante in quanto l uva va vendemmiata tardivamente per esaltare le grandi qualità enologiche del vitigno (colore, pro-

5 TECNICA fumi, struttura, morbidezza) e moderare nel bouquet le tipiche note di peperone verde. Vigoroso ma meno del precedente è risultato il Merlot; di produttività solo media o poco più, possiede una maturazione abbastanza precoce che, anche grazie al grappolo piccolo e poco compatto ed all acino con buccia spessa, consente in genere una sanità delle uve piuttosto buona. Da un punto di vista enologico è stato in grado di fornire in tutte le annate vini corposi ed equilibrati, spesso eleganti. La Syrah, nell ambiente della prova, ha richiesto particolare attenzione nella gestione della chioma a causa dell elevata vigoria e di una certa sensibilità alla muffa grigia del grappolo. Il vitigno inoltre si è dimostrato piuttosto produttivo. Anche in cantina richiede una attenta conduzione della vinificazione per evitare di ritrovare nel vino profumi di ridotto. Se gestita bene tuttavia questa cultivar è in grado di fornire un vino alcolico e molto concentrato in tutte le sue componenti tra cui quella olfattiva in particolare. Il Petit Verdot, forse il più sconosciuto tra i vitigni forestieri, si è dimostrata una varietà rustica, di vigoria moderata, di produttività elevata e a maturazione medio-tardiva. Il grappolo è piccolo, ma la fertilità è stata di gran lunga tra le più alte tra quelle dei vitigni in studio, con qualche rischio di sovrapproduzione. I vini che se ne ottengono sono di buon corpo e struttura, molto ricchi di polifenoli, di antociani in particolare, ma poco fini anche a causa di un sentore di erbaceo piuttosto marcato. Tali caratteri lo indicano più come vitigno da taglio che da vinificazione in purezza. In ogni caso, affinché le uve raggiungano una maturazione ottimale è consigliabile procedere ad un diradamento dei grappoli. Il vitigno non risulta ancora presente nella lista dei vitigni idonei alla coltura per il Piemonte pertanto, in relazione alle interessanti attitudini dimostrate, se ne potrebbe richiedere l inserimento. Altro vitigno poco noto ai coltivatori è l Albarossa. Nell ambiente di prova, questo vitigno si è rivelato moderatamente vigoroso con una vegetazione ordinata e dotato di una fertilità piuttosto accentuata che consente produzioni abbondanti. La maturazione è tardiva, ma la ricchezza in zuccheri e polifenoli risulta piuttosto elevata. I vini che se ne ottengono Figura 1: Valutazione della gradevolezza dei vini di Mombaruzzo delle 4 annate. (lettere diverse indicano differenze significative all'anova e al test di Duncan, p=95%) Agricoltura/46

6 AGRICOLTURA INFORMAZIONE TECNICA sono profumati, alcolici, di buona struttura e molto colorati. Il limite enologico della cultivar risulta essere l elevata acidità fissa, prevalentemente tartarica, anche in uve ben mature. L ambiente del Monferrato Casalese pare esaltare tale carattere (come già avviene con il Barbera, di cui l Albarossa è discendente) e pertanto è consigliabile intervenire con idonei diradamenti per ridurne il carico produttivo. Tra i vitigni nazionali la Bonarda piemontese e la Croatina sono quelli che hanno fornito i risultati più promettenti a livello enologico. La Croatina, tuttavia, non è facile da gestire in vigneto a causa della sua vigoria e della spiccata tendenza a produrre femminelle, sebbene fornisca una buona produzione, in grado di maturare abbastanza precocemente. Il vino prodotto è stato in genere alcolico, ricco di colore, di moderata acidità, con profumi fruttati intensi ed una tannicità abbastanza sostenuta. Nel complesso la Croatina si conferma un ottimo vino da assemblaggio. La Bonarda piemontese, non determina problemi a livello di vigore, in genere moderato, tuttavia, possiede una certa alternanza di produzione ed una spiccata tendenza ad acinellare. A livello enologico ha fornito vini non particolarmente alcolici ma pronti e con un profilo sensoriale molto originale specialmente a livello di profumi. Tali caratteri tendono tuttavia a perdersi precocemente. Molto interessante per alcune sue caratteristiche peculiari anche il Teroldego. Vitigno di vigoria e produttività media (sebbene le foglie grandi favoriscano un certo ombreggiamento), precoce nella maturazione, si distingue a livello enologico per l eccezionale ricchezza in antociani e per la morbidezza complessiva del corpo. Il vitigno non è tra quelli ammessi alla coltura in Piemonte, ma l elevata plasticità enologica ne consiglierebbe l inserimento nella lista dei vitigni regionali idonei. Modeste le potenzialità di Nebbiolo e Pinot nero, il primo fuori dalla sua area di elezione ha fornito vini alcolici ma scarsi di colore e suscettibili all ossidazione, il secondo, risultato di maturazione troppo precoce per l ambiente della prova, ha fornito prodotti poco colorati e di scarsa finezza. Un limite alle osservazioni di tipo sensoriale della presente prova, tuttavia, potrebbe essere legato al fatto che le valutazioni hanno riguardato vini giovani (estate successiva alla vendemmia), senza poterne valutare l evoluzione nel tempo. Inoltre la vinificazione in purezza non sempre evidenzia le potenzialità delle uve per la produzione di vini da taglio. Non a caso, alcune delle cultivar oggetto di questa ricerca saranno studiate in un nuovo Progetto a conduzione regionale prendendo in considerazione diverse possibilità di assemblaggio con il Barbera. Conclusioni Sono state individuate cultivar di nuova introduzione nell areale del Monferrato in grado di sostituire e/o affiancare con ottime prospettive la coltivazione dei due vitigni tradizionali più diffusi: il Barbera ed il Cortese. Tra le uve bianche il Manzoni bianco ed il Sauvignon in particolare, ma anche il Pinot grigio e il Bussanello, e tra quelle rosse il Cabernet sauvignon ed il Merlot, a cui aggiungere Croatina, Teroldego e Petit verdot se utilizzate come uve da assemblaggio, possono rappresentare una interessante alternativa colturale per i viticoltori locali. Allo scopo per tali cultivar verrà istituita la pratica di inserimento nella lista di quelle idonee alla coltivazione in Piemonte nel caso che ancora non ne fossero presenti. Bibliografia Cancellier S., Roncador I., Gli incroci Manzoni. C.C.I.A.A. di Treviso, pp. 73. Gily M., Nuovi vitigni in provincia di Alessandria - Un quadriennio di sperimentazione, Ed. Provincia di Alessandria Assessorato Agricoltura, pp. 85. Mannini F., Argamante N., Rolle L., Bonifacino G., Rabino M., Tragni R., Nuove varietà per la vitivinicoltura del Piemonte: Albarossa, Bussanello e Cornarea. Ed. CVT-CNR, Grugliasco (TO), Mannini F., Rolle L., Gerbi V., Zeppa G., Boccacci P., Caratterizzazione genetica e fenolica degli incroci Albarossa e Cornarea (Vitis vinifera L.). Vignevini, 31, 11,

VALTÈNESI: DEFINIZIONE DELLE PECULIARITÀ ORGANOLETTICHE

VALTÈNESI: DEFINIZIONE DELLE PECULIARITÀ ORGANOLETTICHE Progetto: VALTÈNESI: DEFINIZIONE DELLE PECULIARITÀ ORGANOLETTICHE Definizione delle caratteristiche e delle peculiarità dei Vini di Valtènesi. Indagini organolettiche e valutazione delle attitudini enologiche

Dettagli

Recupero conservazione e valorizzazione del germoplasma viticolo veronese

Recupero conservazione e valorizzazione del germoplasma viticolo veronese Recupero conservazione e valorizzazione del germoplasma viticolo veronese Introduzione La conservazione, lo studio e la valorizzazione della biodiversità nella Provincia di Verona non sono un attività

Dettagli

IASMA ECO 4. Origine: Incrocio Moscato Ottonel x Malvasia di Candia

IASMA ECO 4. Origine: Incrocio Moscato Ottonel x Malvasia di Candia IASMA ECO 4 Origine: Incrocio Moscato Ottonel x Malvasia di Candia CARATTERISTICHE ED ATTITUDINI COLTURALI IASMA ECO 4 Vitigno di buona vigoria con epoca di germogliamento media, acino medio ellittico

Dettagli

Giovanni Nigro Responsabile della Filiera Vitivinicola ed Olivo-Oleicola. E-mail: gnigro@crpv.it

Giovanni Nigro Responsabile della Filiera Vitivinicola ed Olivo-Oleicola. E-mail: gnigro@crpv.it Giovanni Nigro Responsabile della Filiera Vitivinicola ed Olivo-Oleicola E-mail: gnigro@crpv.it Progetto vitigni minori Valutazione di vecchie varietà di vite locali in funzione della diversificazione

Dettagli

Vini Rossi BARBERA D ASTI SUPERIORE D.O.C. LA LUNA E I FALO

Vini Rossi BARBERA D ASTI SUPERIORE D.O.C. LA LUNA E I FALO Ristorante La Sosta La nostra proposta di vini in bottiglia Vini Rossi BARBERA D ASTI SUPERIORE D.O.C. LA LUNA E I FALO (13,5 % vol.) Cantina Terre Da Vino, Barolo 15,50 Da vigneti di oltre 30 anni che

Dettagli

VIAGGIO IN VALLE D AOSTA. IL PRIE BLANC: VITIGNO AUTOCTONO DI ALTA MONTAGNA

VIAGGIO IN VALLE D AOSTA. IL PRIE BLANC: VITIGNO AUTOCTONO DI ALTA MONTAGNA VIAGGIO IN VALLE D AOSTA. IL PRIE BLANC: VITIGNO AUTOCTONO DI ALTA MONTAGNA La Valle d Aosta è un piccola regione italiana molto ricca dal punto di vista enologico. Possono essere individuate tre zone

Dettagli

La Vinicola Broni SpA P.Iva 00794080150 Via Circonvallazione 93, 27043 Broni (Pavia) - Italy T. +39 0385 51528 F. +39 0385 54396 www.vinicolabroni.

La Vinicola Broni SpA P.Iva 00794080150 Via Circonvallazione 93, 27043 Broni (Pavia) - Italy T. +39 0385 51528 F. +39 0385 54396 www.vinicolabroni. BARBERA La Barbera è uno dei vitigni piú coltivati nel comprensorio dell Oltrepò. Ha un tenore zuccherino che varia dal 16 al 20-22% in peso a seconda delle UVE BASE: Barbera 100% GRADAZIONE ALCOOLICA:

Dettagli

L Azienda. Gli ultimi riconoscimenti

L Azienda. Gli ultimi riconoscimenti L Azienda Gli Spinola sono una delle famiglie più antiche d Europa e il Castello di Tassarolo, costruito nel 12 secolo, era una volta uno stato proprio, con la propria zecca, ancora esistente, e la propria

Dettagli

NEBBIOLO GENOMICS: genomica strutturale-funzionale su aspetti patologici e qualitativi

NEBBIOLO GENOMICS: genomica strutturale-funzionale su aspetti patologici e qualitativi NEBBIOLO GENOMICS: genomica strutturale-funzionale su aspetti patologici e qualitativi Il gruppo di ricerca è costituto da 2 enti pubblici ed un partner operativo: Istituto di Virologia Vegetale del Consiglio

Dettagli

UNA STORIA DI FAMIGLIA, UN IMPRESA DI SUCCESSO, UN LAVORO FATTO DI PASSIONE, FATICA ED ESPERIENZA.

UNA STORIA DI FAMIGLIA, UN IMPRESA DI SUCCESSO, UN LAVORO FATTO DI PASSIONE, FATICA ED ESPERIENZA. UNA STORIA DI FAMIGLIA, UN IMPRESA DI SUCCESSO, UN LAVORO FATTO DI PASSIONE, FATICA ED ESPERIENZA. Un azienda giovane con radici antiche. L Azienda Agricola CAVEN CAMUNA è stata fondata nel 1982 dai fratelli

Dettagli

Affinchè possa esprimere al meglio le proprie caratteristiche, deve essere servito alla temperatura di 6/8 C.

Affinchè possa esprimere al meglio le proprie caratteristiche, deve essere servito alla temperatura di 6/8 C. Prestigioso spumante ottenuto da uve Pinot Nero e Chardonnay, rigorosamente selezionate in fase di vendemmia. Spumantizzato con il metodo classico o tradizionale, viene affinato in cantina per almeno 5

Dettagli

www.aziendaagricolapriore.it

www.aziendaagricolapriore.it www.aziendaagricolapriore.it 1904 da allora 3 generazione della famiglia Mingotti si sono succedute con passione alla guida dell Azienda Agricola Priore. Oggi l attività è diretta da Bruno e Alessandro

Dettagli

PROVE DI CHIARIFICA su mosto di uve Trebbiano di Lugana

PROVE DI CHIARIFICA su mosto di uve Trebbiano di Lugana DEGUSTAZIONE 10/03/11 PROVE DI CHIARIFICA su mosto di uve Trebbiano di Lugana Si è svolta questa prova su mosto di uve bianche (Trebbiano di Lugana) al fine di indagare come cinque diversi chiarificanti

Dettagli

Roero Arneis D.O.C.G.

Roero Arneis D.O.C.G. Cascina San Pietro Vorremmo essere compagni del gusto e del piacere ogni giorno; ecco perchè accanto alla Selezione Bricco del Conte, proponiamo un articolata gamma di vini che sappiano accompagnare gli

Dettagli

Borgo Conventi. Collio. Isonzo. Un trinomio inscindibile fatto di qualità, tradizione e passione.

Borgo Conventi. Collio. Isonzo. Un trinomio inscindibile fatto di qualità, tradizione e passione. Fondata nel 1975 a Farra d Isonzo, in provincia di Gorizia, Borgo Conventi deve il suo nome ai numerosi conventi che si trovavano nella zona fin da tempi antichissimi. Da subito, Borgo Conventi, con vigneti

Dettagli

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT 2 NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT di Umberto Malossini Le schede ISMA - AVIT 3001 da Goldtraminer, B. ISMA - AVIT 513 da Pinot grigio, G.

Dettagli

La carta dei nostri vini

La carta dei nostri vini La carta dei nostri vini Società Agricola Monreale Sas di Stefania Cannata e C. www.agricolamonreale.it 1 Presentazione della Cantina Monreale di Mombaruzzo Nata nel 1979 per volontà di Giorgio Cannata,

Dettagli

A sud-ovest di Vicenza, nel mezzo della pianura veneta, sorgono i Colli Berici, stupende colline di origine vulcanica, la cui terra generosa ed il

A sud-ovest di Vicenza, nel mezzo della pianura veneta, sorgono i Colli Berici, stupende colline di origine vulcanica, la cui terra generosa ed il A sud-ovest di Vicenza, nel mezzo della pianura veneta, sorgono i Colli Berici, stupende colline di origine vulcanica, la cui terra generosa ed il clima mite sono l ideale per la coltivazione della vite,

Dettagli

Vini Rossi BARBERA DEL MONFERRATO D.O.C. MIOLA VIVACE BARBERA D ASTI D.O.C. SAN NICOLAO NEBBIOLO D ALBA D.O.C. VALDOLMO. (12 % vol.

Vini Rossi BARBERA DEL MONFERRATO D.O.C. MIOLA VIVACE BARBERA D ASTI D.O.C. SAN NICOLAO NEBBIOLO D ALBA D.O.C. VALDOLMO. (12 % vol. Ristorante La Sosta La nostra proposta di vini Vini Rossi BARBERA DEL MONFERRATO D.O.C. MIOLA VIVACE (12 % vol.) Cantina Terre Da Vino, Barolo 10,00 E un vino frizzante gradevolissimo dal profumo vinoso,

Dettagli

Grappa di Moscato. Alambicco discontinuo a bagnomaria. Distillazione. Vergine di Moscato (uve a bacca bianca) fermentata in appositi contenitori.

Grappa di Moscato. Alambicco discontinuo a bagnomaria. Distillazione. Vergine di Moscato (uve a bacca bianca) fermentata in appositi contenitori. Grappa Grappa: : si ottiene distillando la vinaccia d uva (buccia e viticcioli) Acquavite Acquavite: : si ottiene distillando l uva intera fermentata risultando così più elegante e fruttata di una grappa.

Dettagli

VINI BIANCHI SPUMANTI. ITALIAVINI S.A.S. di A.TERRENO & C. Via Mazzini, 8 13836 Cossato (BI) mail: info@italiavini.net www.italiavini.

VINI BIANCHI SPUMANTI. ITALIAVINI S.A.S. di A.TERRENO & C. Via Mazzini, 8 13836 Cossato (BI) mail: info@italiavini.net www.italiavini. VINI BIANCHI SPUMANTI ITALIAVINI S.A.S. di A.TERRENO & C. Via Mazzini, 8 13836 Cossato (BI) mail: info@italiavini.net www.italiavini.net Asti DOCG Spumante Si presenta come il più tipico e piacevole spumante

Dettagli

PROGETTO VIN ALP SINTESI DEI RISULTATI DI PROVE CONDOTTE SUI VITIGNI AVANÀ, CHATUS, NEBBIOLO E MALVASIA MOSCATA MEDIANTE APPASSIMENTO DELLE UVE

PROGETTO VIN ALP SINTESI DEI RISULTATI DI PROVE CONDOTTE SUI VITIGNI AVANÀ, CHATUS, NEBBIOLO E MALVASIA MOSCATA MEDIANTE APPASSIMENTO DELLE UVE PROGETTO VIN ALP SINTESI DEI RISULTATI DI PROVE CONDOTTE SUI VITIGNI AVANÀ, CHATUS, NEBBIOLO E MALVASIA MOSCATA MEDIANTE APPASSIMENTO DELLE UVE Ricerca realizzata a cura di Luca Rolle, Fabrizio Torchio,

Dettagli

Passione e... Tradizione. L amore per i vini. Colli Piacentini -Vini D.O.C.

Passione e... Tradizione. L amore per i vini. Colli Piacentini -Vini D.O.C. Colli Piacentini -Vini D.O.C. Passione e... Tradizione L amore per i vini Cantine Bacchini: vini per passione e per tradizione Dal 1964 le Cantine Bacchini sono tra i protagonisti della scena enologica

Dettagli

Seminando passione abbiamo raccolto piacere. Sassi della luna

Seminando passione abbiamo raccolto piacere. Sassi della luna Seminando passione abbiamo raccolto piacere. Sassi della luna L azienda agricola Sassi della Luna è a Cenate, in provincia di Bergamo nella zona viticola della Valcalepio. L abbiamo pensata e creata quale

Dettagli

Prosecco Extra Dry DOC Treviso. Si consiglia di servirlo a 6-8 gradi centigradi. Prosecco DOC Treviso

Prosecco Extra Dry DOC Treviso. Si consiglia di servirlo a 6-8 gradi centigradi. Prosecco DOC Treviso Passione Tradizione Rispetto La Cantina del Terraglio conta circa 300 soci che da oltre cinquant anni producono con dedizione uve di qualità provenienti da terreni delle province di Treviso e Venezia.

Dettagli

La Signora Ines Tondini & Uva del Tundé. Azienda Agrituristica L Azdora. Via Vangaticcio 14 (RA); 0544/497669 335/6683087

La Signora Ines Tondini & Uva del Tundé. Azienda Agrituristica L Azdora. Via Vangaticcio 14 (RA); 0544/497669 335/6683087 La Signora Ines Tondini & Uva del Tundé Azienda Agrituristica L Azdora Via Vangaticcio 14 (RA); 0544/497669 335/6683087 Vitigno Uva del Tundè Genere/specie: vite da uva rossa per vinificazione, appartenente

Dettagli

Mimmo Paone. Bianco Alcamo DOC. Cabernet Sauvignon IGT

Mimmo Paone. Bianco Alcamo DOC. Cabernet Sauvignon IGT 11,5 Bianco Alcamo DOC Zona di produzione: Alcamo Trapani Uve: Cataratto e Graganico coltivati in Sicilia Colore: Giallo con riflessi verdi. Profumo: Molto intenso abbastanza persistente, fine floreale

Dettagli

VALCALEPIO Una località speciale per la coltivazione della vite da tempo immemorabile

VALCALEPIO Una località speciale per la coltivazione della vite da tempo immemorabile VALCALEPIO Una località speciale per la coltivazione della vite da tempo immemorabile La Valcalepio, situata nel cuore della Lombardia, si estende dalle rive occidentali del lago d Iseo, verso le colline

Dettagli

4a Lezione-schede I VINI SPUMANTI - BOLLICINE

4a Lezione-schede I VINI SPUMANTI - BOLLICINE SCHEMA PER LA VALUTAZIONE DEGLI SPUMANTI METODO CLASSICO Per le Bollicine l approccio all analisi organolettica e sensoriale parte innanzitutto dalla coltivazione delle uve necessarie per la produzione

Dettagli

Caratteristiche dei vitigni e riconoscimento delle uve. - caratteristiche botaniche della specie Vitis vinifera

Caratteristiche dei vitigni e riconoscimento delle uve. - caratteristiche botaniche della specie Vitis vinifera Modulo n. 1 Caratteristiche dei vitigni e riconoscimento delle uve - caratteristiche botaniche della specie Vitis vinifera Durata in ore 20 - fasi fenologiche della vite, dalla gemma al grappolo maturo

Dettagli

LUGANA D.O.P. Linea Pergola

LUGANA D.O.P. Linea Pergola scheda aggiornata il 11/3/2015 LUGANA D.O.P. Linea Pergola Colline moreniche della Lugana nei pressi di Sirmione, lungo la sponda sud del Lago di Garda. Trebbiano di Lugana (noto anche come Turbiana) in

Dettagli

I vigneti per eccellenza sono di Barbera, insieme a Grignolino e Chardonnay.

I vigneti per eccellenza sono di Barbera, insieme a Grignolino e Chardonnay. Orsolina è un azienda viti-vinicola situata a Moncalvo d Asti nel cuore del Monferrato. Il casale ed il corpo centrale delle cantine risalgono al 1794. Nel 1990 sono stati portati a termine importanti

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI D.Dirett. 27-6-2008 Modifica del disciplinare di produzione dei vini a indicazione geografica tipica «Veneto». Pubblicato nella Gazz. Uff. 8 luglio

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DEI VINI TERRE DEL COLLEONI O COLLEONI

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DEI VINI TERRE DEL COLLEONI O COLLEONI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DEI VINI TERRE DEL COLLEONI O COLLEONI Articolo 1 (Denominazione) La denominazione di origine controllata è riservata ai vini che rispondono

Dettagli

LAMBRUSCO A FOGLILA FRASTAGLIATA VIGNETO STORICO PREFILOSSERA

LAMBRUSCO A FOGLILA FRASTAGLIATA VIGNETO STORICO PREFILOSSERA LAMBRUSCO A FOGLILA FRASTAGLIATA VIGNETO STORICO PREFILOSSERA Vigne franco di piede L inizio della potatura a fine Gennaio LAMBRUSCO a FOGLIA FRASTAGLIATA o ENANTIO «La brusca: hoc est vitis silvestris,

Dettagli

perché Indice Perché la DOC Colli Berici LA DOC Zona di produzione e fattori naturali Consorzio Colli Berici Vicenza

perché Indice Perché la DOC Colli Berici LA DOC Zona di produzione e fattori naturali Consorzio Colli Berici Vicenza perché LA DOC Perché la DOC Colli Berici Zona di produzione e fattori naturali Estrema propaggine delle Prealpi, i Colli Berici, conosciuti anche come Monti Berici, costituiscono la caratteristica paesaggistica

Dettagli

Azienda CACCIAGRANDE 21 2

Azienda CACCIAGRANDE 21 2 Azienda CACCIAGRANDE 2 21 Azienda CACCIAGRANDE BRUNO TUCCIO Lungo la strada che porta a Cacciagrande si assiste ad una trasformazione, ad una manifestazione concreta della velocità con cui la Maremma

Dettagli

Artimino Fattoria. Carmignano Docg

Artimino Fattoria. Carmignano Docg Artimino Fattoria Artimino Fattoria Le cantine e il vino 84 ettari di splendide vigne esposte a mezzogiorno, una varietà di nobili vitigni legata al territorio ed alla sua tradizione. L azienda produce

Dettagli

Confronto gestione del vigneto convenzionale, biologica e biodinamica: alcuni risultati dopo 3 anni di prove

Confronto gestione del vigneto convenzionale, biologica e biodinamica: alcuni risultati dopo 3 anni di prove Confronto gestione del vigneto convenzionale, biologica e biodinamica: alcuni risultati dopo 3 anni di prove Mescalchin Enzo Unità Agricoltura Biologica Fondazione Edmund Mach S. Michele all Adige Parcelle

Dettagli

BOHOTIN DOC DECIZIE NR. 2446 22/09/2006 Pentru acordea dreptului de producere a vinurilor cu denumirea de origine controlată

BOHOTIN DOC DECIZIE NR. 2446 22/09/2006 Pentru acordea dreptului de producere a vinurilor cu denumirea de origine controlată BOHOTIN DOC DECIZIE NR. 2446 22/09/2006 Pentru acordea dreptului de producere a vinurilor cu denumirea de origine controlată Articolo 1 La DOC denumirea de origine controlată Bohotin è attribuita ai vini

Dettagli

Tai Bianco. Vino Bianco. Denominazione d origine controllata

Tai Bianco. Vino Bianco. Denominazione d origine controllata Cenni storici Mancano notizie attendibili sulla esatta denominazione del vitigno denominato Tocai di Barbarano. Si sa, da quanto si racconta sul posto, che sarebbe stato importato un centinaio d anni fa,

Dettagli

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol.

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol. Riconoscimento della denominazione di origine controllata dei vini Moscato di Pantelleria, Passito di Pantelleria e Pantelleria - D.P.R. 11 agosto 1971 1,2 Art. 1. Denominazione e vini. La denominazione

Dettagli

Il vino è la poesia della terra. Mario Soldati

Il vino è la poesia della terra. Mario Soldati IT Il vino è la poesia della terra Mario Soldati UN VIAGGIO DAL PASSATO al FUTUro CON UNA SIGNIFICatiVA TAPPA NEL PRESENTE Produrre vino è come raccontare una parte della propria storia. Occorre tuttavia

Dettagli

FRANCIACORTA D.O.C.G.

FRANCIACORTA D.O.C.G. FRANCIACORTA FRANCIACORTA FRANCIACORTA FRANCIACORTA Chardonnay (85%), Pinot Nero (15%) Chardonnay (70%),Pinot Nero (30%) Chardonnay (80%), Pinot Nero (20%) Chardonnay (65%), Pinot Nero (35%) È in provincia

Dettagli

Il Fiano nelle Puglie

Il Fiano nelle Puglie Accademia Italiana della Vite e del Vino Tornata Accademica Il Fiano nelle Puglie Cellino San Marco (Br) Cantine Due Palme 25 settembre 2009 I vini bianchi DOC Pugliesi Denominazione tipologia Vitigni

Dettagli

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco Carta dei Vini 2015 Vini SPUMANTI Franciacorta Cuve Imperiale Brut Superiore Brut Berlucchi Regione LOMBARDIA Uve Chardonnay e Pinot Nero Vino Bouquet ricco e persistente,con note fruttate e floreali.

Dettagli

Viola Enoteca LA CANTINA DEL MESE

Viola Enoteca LA CANTINA DEL MESE Viola Enoteca LA CANTINA DEL MESE Ogni mese VIOLA, presenterà una cantina, della sua selezione, al suo pubblico di appassionati per farne apprezzare e condividere le qualità. Ci piace l idea di coinvolgere

Dettagli

Viticoltori in Carpesica

Viticoltori in Carpesica Viticoltori in Carpesica Viticoltori in Carpesica Fare vino è agricoltura antica, un complesso insieme di scienza e arte, di fortuna e semplice duro lavoro. Succede d'immedesimarsi con la vigna per sentire

Dettagli

GIOVEDì 12 DICEMBRE 2013. Padova Centro Congressi A. Luciani

GIOVEDì 12 DICEMBRE 2013. Padova Centro Congressi A. Luciani GIOVEDì 12 DICEMBRE 2013 Padova Centro Congressi A. Luciani Il rispetto del terroir dall antichità all attualità. Evoluzione e prospettive nell etichettatura MARIO FREGONI già Ordinario di Viticoltura

Dettagli

BENACO BRESCIANO I.G.T. PASSITO SOL DORE

BENACO BRESCIANO I.G.T. PASSITO SOL DORE i Ç WÉÄv BENACO BRESCIANO I.G.T. PASSITO SOL DORE Provenienza: Lombardia Varietà delle uve: Trebbiano di Lugana, Chardonnay Descrizione: morbido dal perfetto equilibrio con la componente acido/sapida,

Dettagli

Vini Rossi. Torrette doc. Il Torrette è prodotto da uve di Petit Rouge al 70% e il restante 30% di ceppi autoctoni (Mayolet, Tinturier e Cornalin).

Vini Rossi. Torrette doc. Il Torrette è prodotto da uve di Petit Rouge al 70% e il restante 30% di ceppi autoctoni (Mayolet, Tinturier e Cornalin). Vini Rossi Torrette doc Il Torrette è prodotto da uve di Petit Rouge al 70% e il restante 30% di ceppi autoctoni (Mayolet, Tinturier e Cornalin). Alla vista si presenta rosso rubino con riflessi color

Dettagli

Introduzione. Parte III La classificazione dei vini speciali di qualità, come i vini spumante, i vini muffati, ecc.

Introduzione. Parte III La classificazione dei vini speciali di qualità, come i vini spumante, i vini muffati, ecc. Or di nal o Li br er i alapagi na-t el.0433221717mai l :segr et er i a@l apagi na. ch Introduzione INTRODUZIONE Cari lettori, molti di voi, curiosi, appassionati ed amanti del vino come me, bevono e apprezzano

Dettagli

Previsioni vendemmia 2015, il 12 agosto tutti i dati

Previsioni vendemmia 2015, il 12 agosto tutti i dati Previsioni vendemmia 2015, il 12 agosto tutti i dati 11/07/2015 La sede centrale di Veneto Agricoltura (Viale dell Università 14 a Legnaro-PD) ospiterà il prossimo 12 agosto (ore 10,00) il tradizionale

Dettagli

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata Piemonte Piemonte Piemonte DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, province di Alessandria e Asti ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, nelle

Dettagli

SORRETTOLE TIPOLOGIA: Chianti d.o.c.g. SUPERFICE VIGNETO: ettari 4,5 ESPOSIZIONE E PENDENZA: Sud, 25-30 %(3,5 ha) NordEst 25% (1 ha). ANNO D IMPIANTO: 1999 e 2003. UVAGGIO: Sangiovese 80 % Colorino 10

Dettagli

Rosso Piceno D.o.c. Abbinamenti consigliati: ideale per carni saporite, affettati, formaggi stagionati, paste ripiene. Tenore alcolico: 12,50 vol.

Rosso Piceno D.o.c. Abbinamenti consigliati: ideale per carni saporite, affettati, formaggi stagionati, paste ripiene. Tenore alcolico: 12,50 vol. Rosso Piceno D.o.c. Uvaggio: Montepulciano (60%) Sangiovese (25%) Merlot (15%) Sistema di allevamento: cordone speronato Resa per ettaro : 70-80 q.li di uva Epoca vendemmia: Fine settembre/primi di ottobre

Dettagli

Alto Adige Chardonnay DOC

Alto Adige Chardonnay DOC Alto Adige Chardonnay DOC Questa varietà si distingue per il suo aroma tipico ricordante i frutti esotici. Vino fresco al palato e di corpo equilibrato ha trovato il suo "habitat" ottimale sulle colline

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

CATALOGO PRODOTTI. BASE LINE : art. 001-002-013-015-014-005-006-007-008-009. SILVER LINE:art.010-011-012-070-071-072. BLACK LINE: art.

CATALOGO PRODOTTI. BASE LINE : art. 001-002-013-015-014-005-006-007-008-009. SILVER LINE:art.010-011-012-070-071-072. BLACK LINE: art. CATALOGO PRODOTTI BOGGERO GIACOMO Via La Serra n 20 Vaglio Serra (AT) P.IVA 01444360059 cod.fisc.bgg GCM 86A28 A479Y BASE LINE : art. 001-002-013-015-014-005-006-007-008-009 SILVER LINE:art.010-011-012-070-071-072

Dettagli

ALLferm Red Saccharomyces Cerevisiae r.f. Cerevisiae

ALLferm Red Saccharomyces Cerevisiae r.f. Cerevisiae ALLferm Red Saccharomyces Cerevisiae r.f. Cerevisiae Eccellente per la produzione di vini rossi giovani Ceppo particolarmente idoneo alla produzione di vini novelli pronti, freschi e fruttati. Libera sostanze

Dettagli

autocertificazione e prezzo sorgente il vino

autocertificazione e prezzo sorgente il vino autocertificazione e prezzo sorgente il vino IL PRODUTTORE Nome produttore/azienda e ragione sociale: Az. Agr. Vitivinicola Antico Convento di Ferretti Enio Indirizzo: Str. Del Convento 1, 15051 Carezzano

Dettagli

CAMPAGNA FINANZIATA AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N. 1234/07

CAMPAGNA FINANZIATA AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N. 1234/07 CAMPAGNA FINANZIATA AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N. 1234/07 IL PROGETTO Il progetto SiciliaDOC continente del vino nasce da un idea della Cooperativa Agricola Valdibella. Lo scopo è quello di promuovere

Dettagli

Enrico Vaudano e Figli Viale Renzo Cattaneo,5 14010 Cisterna d Asti Italia Tel.0141/979175 Fax0141/986942 Email:info@enricovaudano.

Enrico Vaudano e Figli Viale Renzo Cattaneo,5 14010 Cisterna d Asti Italia Tel.0141/979175 Fax0141/986942 Email:info@enricovaudano. ROERO ARNEIS docg vitigno Arneis. descrizione prezioso bianco del Roero; viene vinificato a bassissima temperatura per esaltarne al massimo l aroma colore giallo paglierino con riflessi verdognoli profumo

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

: prima decade di ottobre con diradamento dei grappoli all invaiatura

: prima decade di ottobre con diradamento dei grappoli all invaiatura SCHEDE PRODOTTO PIROMÁFO La parola di origine greca piromáfo letteralmente significa combattente il fuoco. Localmente questo termine viene utilizzato per indicare un terreno resistente alla siccità. Anche

Dettagli

OBIETTIVO BIO:VITICOLTURA, ALIMENTAZIONE E.

OBIETTIVO BIO:VITICOLTURA, ALIMENTAZIONE E. Oggigiorno la gente conosce il prezzo di tutte le cose e non conosce il valore di nessuna (Oscar Wilde) OBIETTIVO BIO:VITICOLTURA, ALIMENTAZIONE E. Finalmente vino Naturalmente bio! Bio ma non solo. A

Dettagli

PROFILO AZIENDALE LA STORIA A Fantècolo di Provaglio d'iseo, un piccolo borgo incastonato tra le colline moreniche della Franciacorta, dal 1990 i fratelli Alfredo e Alberto hanno selezionato e acquistato

Dettagli

SAN FELICE. VIGORELLO Toscana Igt Vendemmia 1995

SAN FELICE. VIGORELLO Toscana Igt Vendemmia 1995 SAN FELICE VIGORELLO Toscana Igt Vendemmia 1995 Ubicazione vigneto Altitudine Esposizione Estensione dei vigneti vigneti Capanno di Gosto e Vigna del Mugelli nelle tenute dell Agricola San Felice (Castelnuovo

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI D.M. 14-7-2000 Modificazione al disciplinare di produzione dei vini ad indicazione geografica tipica «delle Venezie». Pubblicato nella Gazz. Uff. 29 luglio

Dettagli

CHÂTEAU MARGAUX BORDEAUX - FRANCE

CHÂTEAU MARGAUX BORDEAUX - FRANCE CHÂTEAU MARGAUX BORDEAUX - FRANCE Superficie totale della proprietà: 262 ettari Rosso: 87 ettari di denominazione di origine controllata, di cui 82 ettari coltivati a Cabernet Sauvignon, Merlot, Petit

Dettagli

VINO NOBILE DI MONTEPULCIANO

VINO NOBILE DI MONTEPULCIANO VINO NOBILE DI MONTEPULCIANO 100 % Prugnolo Gentile (clone Sangiovese) Medio impasto a strati renoso, tufaceo, argilloso 6000 piante per Ha. 40 Hl / Ha 14,00 % Vol. Il Vino Nobile di Montepulciano Antico

Dettagli

TRAMINER AROMATICO "GLÉRE"

TRAMINER AROMATICO GLÉRE TRAMINER AROMATICO "GLÉRE" Vendemmia - 2009 Provenienza - vigneti di Camino al Tagliamento (Udine) Tipo di terreno - alluvionale, sassoso Uve - 100% Traminer Aromatico Friuli D.O.C. Grave Vinificazione

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER IL VINO A VELLETRI

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER IL VINO A VELLETRI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER IL VINO A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VELLETRI Progetto Agricoltura Qualità ARSIAL 1 Art. 1. La denominazione di origine controllata «Velletri» è riservata ai vini

Dettagli

...un angolo di paradiso alle pendici del Monte San Vicino, il fascino di un paesaggio che conquista chi lo scopre, il piacere unico di vini che

...un angolo di paradiso alle pendici del Monte San Vicino, il fascino di un paesaggio che conquista chi lo scopre, il piacere unico di vini che ...un angolo di paradiso alle pendici del Monte San Vicino, il fascino di un paesaggio che conquista chi lo scopre, il piacere unico di vini che sorprendono chi li incontra... Le Marche, si sa, sono l

Dettagli

18-22 C. 0,75 18-22 C.

18-22 C. 0,75 18-22 C. La Langa, un paesaggio dolce, con le sue generose colline, paesi caratteristici nei quali svettano torri di Castelli medioevali, i vigneti che come un mosaico decorano questa meravigliosa terra. Un paesaggio

Dettagli

BARBERA D ALBA VITIGNO: Barbera 100%

BARBERA D ALBA VITIGNO: Barbera 100% BARBERA D ALBA VITIGNO: Barbera 100% d Alba sottozona Castelletto. Terreno di medio potata Guyot, su colline di forte pendenza (40%) esposte a sud-est. RESA PER ETTARO: 60 ettolitri. VINIFICAZIONE: La

Dettagli

autocertificazione e prezzo sorgente il vino

autocertificazione e prezzo sorgente il vino autocertificazione e prezzo sorgente il vino IL PRODUTTORE Nome produttore/azienda e ragione sociale: Azienda Agricola Alziati Annibale Indirizzo: Fraz. Scazzolino 55, 27040, Rovescala (PV) Telefono: 0385

Dettagli

Osservazioni sul colore e sulla tecnologia dei vini rosati. Rocco Di Stefano

Osservazioni sul colore e sulla tecnologia dei vini rosati. Rocco Di Stefano Osservazioni sul colore e sulla tecnologia dei vini rosati Rocco Di Stefano Gli antociani monomeri e polimeri e altri derivati degli antociani (vitisine, pinotine, flavanil-pirano antocianine e pigmenti

Dettagli

L Azienda. Gli ultimi riconoscimenti

L Azienda. Gli ultimi riconoscimenti L Azienda MALVIRÀ, vecchio nome piemontese della casa dove si trovava fino a qualche anno fa la cantina, deve la sua origine alla posizione del cortile che invece di trovarsi a sud come vuole la tradizione,

Dettagli

SCHEDE TECNICHE - LE PIANE - BOCA

SCHEDE TECNICHE - LE PIANE - BOCA I VINI I nostri vini partono da una meticolosa selezione in vigna durante la vendemmia con personale altamente istruito che fa arrivare in cantina solo i grappoli migliori già ripuliti di ogni acino imperfetto.

Dettagli

CANTINA & RESTAURANT

CANTINA & RESTAURANT CANTINA & RESTAURANT Ai piedi del Lago d Iseo, a Colombaro di Corte Franca, in Franciacorta, esiste un luogo dove ci si tramanda l arte della viticoltura da almeno due secoli: questo luogo è il Palazzo

Dettagli

BARBERA DEL MONFERRATO D.O.C. FRIZZANTE

BARBERA DEL MONFERRATO D.O.C. FRIZZANTE CATALOGO VINI BARBERA D'ASTI G. BARBERA DEL MONFERRATO FRIZZANTE BARBERA D'ASTI G. "TRADIZIONE" Questo BARBERA ha buona intensità olfattiva, Dal frutto dell operosità dei colore rubino limpido ed Di colore

Dettagli

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso PINOT GRIGIO : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% : in bianco, solo acciaio NOTE GUSTATIVE : colore giallo paglierino con riflessi dorati. Profumo elegante di frutta matura, fiori di campo e fieno

Dettagli

LA SELEZIONE CLONALE DELLA VITE IN ITALIA

LA SELEZIONE CLONALE DELLA VITE IN ITALIA LA SELEZIONE CLONALE DELLA VITE IN ITALIA Mannini Franco - Istituto Virologia Vegetale, Unità Staccata Viticoltura, CNR, Grugliasco (TO) 1. Introduzione Negli ultimi decenni in tutti i Paesi in cui il

Dettagli

Le Riserve Storiche. 2001 Barolo Riserva. 2000 Barolo Riserva. 1999 Barolo Riserva. 1998 Barolo Riserva

Le Riserve Storiche. 2001 Barolo Riserva. 2000 Barolo Riserva. 1999 Barolo Riserva. 1998 Barolo Riserva Borgogno è legato ad una delle più antiche case vinicole del Piemonte: nasce, infatti, nel 1761 e da allora l alta qualità dei prodotti offerti fa sì che il nome sia sempre più conosciuto ed apprezzato.

Dettagli

www.borgosandaniele.it

www.borgosandaniele.it Viviamo in una terra dove l aria e le lingue che gli uomini parlano, fanno il giro. Una terra di incontri e paesaggi. Nostro nonno Antonio, contadino friulano, ci ha fatto amare la campagna, la sua intensità

Dettagli

Importante conoscere per le diverse cultivar

Importante conoscere per le diverse cultivar Approfondimenti su: indici qualità dell uva e loro relazione con l uso di coadiuvanti enologici LUCA ROLLE Di.Va.P.R.A. Microbiologia e Industrie Agrarie Importante conoscere per le diverse cultivar cinetica

Dettagli

TIPO DI VINO: NOME / ETICHETTA: CLASSIFICAZIONE: COMUNE DI PROVENIENZA:

TIPO DI VINO: NOME / ETICHETTA: CLASSIFICAZIONE: COMUNE DI PROVENIENZA: Verdè TIPO DI VINO: Bianco frizzante NOME / ETICHETTA: Verdè CLASSIFICAZIONE: IGT Collina del Milanese COMUNE DI PROVENIENZA: San Colombano, Miradolo Terme, Graffignana Valbissera, Marzano, Trianon, Livelloni

Dettagli

autocertificazione e prezzo sorgente il vino

autocertificazione e prezzo sorgente il vino autocertificazione e prezzo sorgente il vino IL PRODUTTORE Nome produttore/azienda e ragione sociale: Vergano Mauro Indirizzo: Via Brofferio, 106 14100 ASTI (AT) Telefono: 0141 324704 Fax: 0141 324704

Dettagli

Pacherhof. Müller Thurgau 2014. Alto Adige Valle Isarco DOC. Vitigno: Müller Thurgau. Origine: Novacella / Valle Isarco.

Pacherhof. Müller Thurgau 2014. Alto Adige Valle Isarco DOC. Vitigno: Müller Thurgau. Origine: Novacella / Valle Isarco. Müller Thurgau 2014 Vitigno: Müller Thurgau Altitudine: 720 m Caratteristica: vino bianco dal colore giallo paglierino con riflessi verdognoli. Al naso è delicato con note erbacee e di noce moscata. Il

Dettagli

VARIETA DI VITE RESISTENTI ALLE MALATTIE DOTT. ERMANNO MURARI

VARIETA DI VITE RESISTENTI ALLE MALATTIE DOTT. ERMANNO MURARI VARIETA DI VITE RESISTENTI ALLE MALATTIE DOTT. ERMANNO MURARI non facciamo confusione Sensibilita Resistenza Tolleranza Le malattie della vite e l ambiente In agricoltura attualmente si distribuiscono

Dettagli

Schede tecniche LA SOURCE

Schede tecniche LA SOURCE Schede tecniche LA SOURCE s.a.s di Celi Stefano & C. Società Agricola - C.F. e P. IVA 01054500077 Loc. Bussan Dessous, 1-11010 Saint-Pierre (AO) - Cell: 335.6613179 - info@lasource.it Documento scaricato

Dettagli

Nasce dalla rielaborazione di un antica formula scritta con il gesso sulle secolari botti ritrovate nelle preziose cantine de «La Cavaliera» villa

Nasce dalla rielaborazione di un antica formula scritta con il gesso sulle secolari botti ritrovate nelle preziose cantine de «La Cavaliera» villa La Cavaliera Nasce dalla rielaborazione di un antica formula scritta con il gesso sulle secolari botti ritrovate nelle preziose cantine de «La Cavaliera» villa settecentesca sita in Morsasco. La Cavaliera

Dettagli

Lazio e Umbria, terre d origine

Lazio e Umbria, terre d origine Una storia di famiglia L Azienda Vinicola Falesco è stata fondata nel 1979 a Montefiascone dai fratelli Riccardo e Renzo Cotarella, entrambi enologi e profondamente radicati in questa terra a cavallo tra

Dettagli

SCHEDE TECNICHE VINI IN BOTTIGLIA

SCHEDE TECNICHE VINI IN BOTTIGLIA SCHEDE TECNICHE VINI IN BOTTIGLIA Una storia famigliare che diventa tradizione. L azienda agricola Bessich inizia la sua storia nel lontano 1959, quando Antonio Bessich raggiunge queste terre dalla vicina

Dettagli

Carta Vini. Datemi libri, frutta, vino, un buon clima e un pò di musica fuori dalla porta, suonata da qualcuno che non conosco.

Carta Vini. Datemi libri, frutta, vino, un buon clima e un pò di musica fuori dalla porta, suonata da qualcuno che non conosco. Carta Vini Datemi libri, frutta, vino, un buon clima e un pò di musica fuori dalla porta, suonata da qualcuno che non conosco. John Keats CASTORE Cincinnato Bellone Lazio IGT Bianco Uva: Bellone 100% VIGNETI:

Dettagli

Via Erizzo, 215-31049 Valdobbiadene - Treviso - Italy - tel. 0423 983411 - www.bellussi.com

Via Erizzo, 215-31049 Valdobbiadene - Treviso - Italy - tel. 0423 983411 - www.bellussi.com Via Erizzo, 215-31049 Valdobbiadene - Treviso - Italy - tel. 0423 983411 - www.bellussi.com il Territorio: Valdobbiadene Valdobbiadene è - insieme a Conegliano - l area storica di produzione del Prosecco,

Dettagli

DAL 1876 PROTAGONISTI DELLA STORIA DEL VINO

DAL 1876 PROTAGONISTI DELLA STORIA DEL VINO DAL 1876 PROTAGONISTI DELLA STORIA DEL VINO La Scuola Enologica di Conegliano Fondata nel 1876, è la più antica Scuola Italiana per la formazione nella filiera vitivinicola. L attuale sede fu inaugurata

Dettagli

aziende leader vini piemontesi elevato standard qualitativo Elisa Giacosa Gianfranco Cordero

aziende leader vini piemontesi elevato standard qualitativo Elisa Giacosa Gianfranco Cordero Il consorzio PiedmOnTop nasce dall'idea di 4 produttori, quattro aziende leader nella produzione di vini piemontesi che, con l'intento di completarsi a vicenda, decidono di unire forze e strategie commerciali

Dettagli

NOSIOLA MUELLER THURGAU CHARDONNAY

NOSIOLA MUELLER THURGAU CHARDONNAY NOSIOLA Morbida, è l emblema della grappa della Valle dei Laghi per il vitigno da cui deriva. Tenue e delicata viene distillata con metodo tradizionale a bagnomaria negli alambicchi di rame del mastro

Dettagli