ESAMI DI STATO. a.s / 2014 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE. (art. 5 comma 20 D.P.R n 323 )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAMI DI STATO. a.s. 2013 / 2014 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE. (art. 5 comma 20 D.P.R. 23.7.1998 n 323 )"

Transcript

1 ESAMI DI STATO a.s / 2014 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 a A MERCURIO (art. 5 comma 20 D.P.R n 323 ) PERCORSO FORMATIVO COMPLESSIVO DELLA CLASSE

2 SOMMARIO 1. INFORMAZIONI SULL INDIRIZZO DI STUDI 2. EVOLUZIONE DELLA CLASSE NEL TRIENNIO 2.1 ELENCO ALUNNI 2.2 ELEMENTI DI VALUTAZIONE RELATIVI ALLA CONTINUITA DIDATTICA 2.3 PROFILO DELLA CLASSE NELL ARCO DEL TRIENNIO 2.4 PROFILO SINTETICO DELLA CLASSE 2.5 PROGETTI E STAGES EFFETTUATI 3. OBIETTIVI TRASVERSALI 4. METODOLOGIE 5. INDICATORI E DESCRITTORI DELLA VALUTAZIONE 6. TIPOLOGIA DI PROVE 7. INIZIATIVE DI RECUPERO 8. PARTECIPAZIONE AD ATTIVITA EXTRACURRICOLARI 9. SIMULAZIONE PROVE SCRITTE PRIMA PROVA: GRIGLIA DI VALUTAZIONE SECONDA PROVA : GRIGLIA DI VALUTAZIONE TERZA PROVA : GRIGLIA DI VALUTAZIONE 10. IL CONSIGLIO DI CLASSE ALLEGATI AL DOCUMENTO 1. SIMULAZIONI DELLE TERZE PROVE 2. PROGRAMMI DELLE DISCIPLINE

3 1. INFORMAZIONI SULL INDIRIZZO DI STUDI Il ragioniere programmatore indirizzo Mercurio, oltre a possedere una buona cultura generale, deve saper operare nella libera professione sia come amministratore consulente, liquidatore di imprese, sia come perito contabile esperto nel rilevamento dei costi di produzione, agente di assicurazione, curatore fallimentare. Deve essere in grado di assolvere, nella vita delle aziende pubbliche e private, non solo compiti di carattere puramente esecutivi ma funzioni di carattere direttivo. Inoltre deve essere in grado di partecipare alla progettazione di sistemi informativi aziendali automatizzati, intervenendo nei processi di analisi, sviluppo e controllo di sistemi informativi automatizzati per adeguarli alle esigenze aziendali e contribuire a realizzare nuove procedure. 2. EVOLUZIONE DELLA CLASSE NEL TRIENNIO 2.1 ELENCO ALUNNI COGNOME E NOME PROVENIENZA 1 BIOTTI IRENE 4^ A MERCURIO 2 BORSIN DENISE 4 ^A MERCURIO 3 GENNARI FABIO 4 ^A MERCURIO 4 INDIANI LAURA 4 ^A MERCURIO 5 MACCHI STEFANO 4 ^A MERCURIO 6 MARTIGNONI M. CHIARA 4 ^A MERCURIO 7 MIGLIORIN NICCOLO 4 ^A MERCURIO 8 MONTONATI CLAUDIA 4 ^A MERCURIO 9 PATAMIA DAVIDE 4 ^A MERCURIO 10 POCATERRA MIRKO 4 ^A MERCURIO 11 SACCUMAN LUCA 4 ^A MERCURIO 12 SILINI ELEONORA 4 ^A MERCURIO 13 UGOLINI GIORGIA 4 ^A MERCURIO 14 VISENTIN EMANUELE 4 ^A MERCURIO

4 2.2 ELEMENTI DI VALUTAZIONE RELATIVI ALLA CONTINUITÀ DIDATTICA La classe non ha potuto godere della continuità didattica del corpo docente. Infatti, come si evince dalla sottostante tabella, gli alunni sono stati seguiti per un intero triennio dai medesimi insegnanti solo nelle seguenti discipline: Matematica (Prof.ssa Castiglioni), Ed. Fisica (Prof.ssa Righi) e Sostegno (D Adamo). Nelle altre materie (Italiano, Storia, Informatica, Inglese, Economia dell Azienda, Religione, Diritto, Ec.Politica, Scienze delle Finanze, Laboratorio) i docenti si sono susseguiti con cambiamenti vari e gli alunni hanno dovuto affrontare, all inizio di ogni anno scolastico, l avvicendamento dei nuovi insegnanti non senza difficoltà e disagi. MATERIA 3 ANNO 4 ANNO 5 ANNO LINGUA E LETTERATURA ITALIANA JEMMA GOLINO STORIA JEMMA GOLINO INFORMATICA RESIDORI MILVIO INGLESE CANTALUPPI MONTESIN ECONOMIA AZIENDALE PINORINI BOVENGA RELIGIONE TESTA BISAGNI DIRITTO SCALTRITTI BUTTI STAITI EC. POLITICA / SC. FINANZE SCALTRITTI SCALTRITTI STAITI LABORATORIO ECO.AZ. INF. BRALIA PERNICI TIMPANO LABORATORIO MATEMATICA BRALIA TIMPANO TIMPANO MATEMATICA APPLICATA EDUCAZIONE FISICA SOSTEGNO CASTIGLIONI RIGHI D ADAMO

5 2.3 PROFILO DELLA CLASSE NELL ARCO DEL QUINQUENNIO Classe N alunni Iscritti N alunni con debiti Ritirati o Trasferiti NON PROMOSSI PROMOSSI 3 a a a La situazione in ingresso, nell anno scolastico in corso, si evince dai risultati del quarto anno: 5 alunni sono stati promossi a Giugno 3 alunni sono risultati non promossi, una a Giugno e due a Settembre 9 alunni sono stati promossi a Settembre. 2.4 PROFILO SINTETICO DELLA CLASSE La quinta A mercurio è composta da 14 studenti (7 femmine e 7 maschi), di cui un alunno H e un alunno BES. Nel corso del triennio, gli allievi hanno evidenziato una scarsa omogeneità, sia nelle conoscenze di base che nell organizzazione dello studio, che è andata comunque attenuandosi nel corso dell ultimo anno. Anche a livello disciplinare, hanno mostrato inizialmente atteggiamenti poco maturi, competitivi e polemici, che hanno determinato situazioni di conflitto e ostacolato, talvolta, un clima sereno e costruttivo durante l attività didattica. Nell arco dell ultimo anno, tuttavia, gli alunni hanno acquisito un accettabile capacità di stare insieme, una buona parte è riuscita a potenziare le proprie abilità e a conseguire risultati soddisfacenti; alcuni hanno avuto un atteggiamento poco collaborativo e hanno evidenziato uno studio meccanico e ripetitivo, spesso legato ai momenti di verifica. Complessivamente, la classe può essere divisa in tre fasce: - quella con buoni risultati scolastici, derivanti da un lavoro continuo e proficuo, in cui gli alunni hanno compiuto un percorso di maturazione, prendendo coscienza dei propri doveri, che hanno affrontato con responsabilità e puntualità, e anche delle proprie abilità e conoscenze, che hanno saputo trasformare in competenze personali e oggettive; - quella con risultati medi; - quella con esiti modesti e appena sufficienti. In particolare, alcuni studenti hanno incontrato difficoltà nella rielaborazione dei contenuti ed evidenziato limitate capacità nell approfondire, motivare e valutare gli argomenti trattati. La programmazione, pur essendo stata svolta nelle sue parti essenziali, è stata adattata alle dinamiche cognitive della classe, per favorire l apprendimento delle conoscenze nella maggior parte degli studenti e la capacità di analisi critica di alcuni di loro.

6 SITUAZIONI DIDATTICHE PARTICOLARI ITALIANO La classe, con la quale è risultata difficile la sintonia iniziale con la nuova docente, ha mostrato in breve un atteggiamento disponibile e collaborativo che ha consentito di superare, almeno in parte, le criticità determinate da una preparazione di base lacunosa, sia in termini di contenuti, sia in termini di competenze. In tal modo, tra la docente e la classe si è instaurato un rapporto basato su una sinergia rivelatasi progressivamente fattiva e proficua. Gli alunni hanno profuso un impegno apprezzabile nel superare le difficoltà dello studio e le numerose lacune pregresse, legate anche ad un percorso particolarmente tortuoso e complesso, arrivando a operare, sia pure parzialmente e con esiti non sempre positivi, confronti fra testi di autori diversi della stessa corrente letteraria e a rielaborare in modo personale i contenuti di un testo. Tuttavia non sono stati pienamente raggiunti tutti gli obiettivi previsti dalla programmazione non solo per le sopraccitate problematiche, ma anche perché il lavoro domestico non sempre è stato adeguato e corrispondente all attenzione e all interesse manifestati nel corso delle lezioni, alle quali la classe ha sempre partecipato con apprezzabile interesse. Nel complesso i risultati raggiunti sono stati soddisfacenti: alcuni alunni hanno però manifestato maggiori difficoltà nel conseguimento degli obiettivi, dovute a preesistenti carenze nella preparazione di base che hanno fatto sentire i loro effetti in maniera più sensibile rispetto al resto della classe. D altra parte, lo sforzo da essi sostenuto è stato rimarchevole e ha consentito il raggiungimento di un livello sufficiente, solo in pochi casi un impegno meno superficiale avrebbe garantito risultati più adeguati. Sono state svolte tutte le unità di apprendimento previste nella programmazione annuale di materia, anche se dal secondo quadrimestre le ore di lezione sono state ridotte e il ritmo di lavoro è risultato veloce, in relazione all impegno della docente nella frequentazione dei corsi PAS. I risultati sono stati complessivamente apprezzabili, anche se permangono, in generale, difficoltà nella produzione scritta. STORIA La classe, dopo le difficoltà iniziali, ha mostrato un atteggiamento disponibile e collaborativo che ha consentito di superare, almeno in parte, le criticità scaturite da una preparazione di base lacunosa, sia in termini di contenuti, sia in termini di competenze. In generale gli argomenti sono stati appresi con lentezza e fatica, anche se gli alunni hanno profuso un impegno apprezzabile nel superare il livello puramente mnemonico dello studio, che rimane fragile e nozionistico. I risultati sono mediamente sufficienti. Alcune alunne hanno evidenziato una preparazione buona con qualche punta di eccellenza, grazie ad uno studio preciso e serio, utilizzando un esposizione adeguata. Sono state svolte tutte le unità di apprendimento previste nella programmazione annuale di materia: in quella inerente il mondo del dopoguerra ci si è però limitati ai primi anni Sessanta, precisamente alla crisi di Cuba e al miracolo economico dell Italia. Dal secondo quadrimestre le ore di lezione sono state ridotte e il ritmo di lavoro è risultato veloce, in relazione all impegno della docente nella frequentazione dei corsi PAS.

7 INFORMATICA Nei primi giorni di conoscenza della classe la docente ha potuto constatare, anche esaminando i programmi svolti dell anno precedente, una notevole carenza relativamente ai contenuti normalmente svolti in quarta nell indirizzo MERCURIO. In particolare non era stato fatto ancora nessun accenno ai database, né dal punto di vista teorico né da quello applicativo, e la costruzione di pagine Web statiche (HTML e CSS) era stata affrontata solo in modo superficiale e limitato. Si è reso quindi necessario operare una completa revisione del programma della classe al fine di garantire una preparazione completa, anche se non approfondita. Questo ha comportato molti tagli nella parte teorica, che risulta inevitabilmente svolta solo nelle linee essenziali, ma soprattutto nella parte applicativa. La metodologia di analisi di problemi di media complessità è stata infatti proposta nelle sue linee fondamentali ma manca del necessario consolidamento nell applicazione pratica. Anche il libro di testo in adozione, previsto per la disciplina informatica degli istituti tecnici industriali, è piuttosto carente e manca di molti aspetti fondamentali del quinto anno. Gli studenti hanno quindi per la maggior parte dell anno lavorato su appunti e materiale vario (libri di testo e documenti reperibili in rete). Nonostante il ritmo sostenuto, le difficoltà legate alla mancanza di un libro di testo di riferimento e la scarsa abitudine a prendere appunti, la classe ha risposto nel complesso positivamente ed ha raggiunto un livello accettabile di competenze. 2.5 PROGETTI E STAGES EFFETTUATI Durante il terzo e il quarto anno alcuni alunni hanno partecipato al progetto dell alternanza scuola-lavoro della durata rispettivamente di due e di quattro settimane. Sono stati inseriti in aziende pubbliche e private che operano nel settore bancario, turistico e commerciale della provincia, dove hanno svolto mansioni d ufficio, quali registrare fatture, tenere la contabilità generale, preparare preventivi, compilare documenti, archiviare dati. Nel corso del quarto anno la classe ha inoltre partecipato al progetto Simulimpresa, attività didattica che simula l attività di amministrazione di una impresa. Gli allievi, divisi in vari uffici ed utilizzando l apposita aula attrezzata presente in Istituto, hanno per tre ore settimanali gestito in prima persona le attività proprie degli uffici aziendali, dalla segreteria al marketing, dal magazzino agli acquisti e al personale, tutto ciò in collegamento con una centrale di progetto sita a Ferrara e con le diverse imprese simulate situate in altre scuole italiane.

8 3. OBIETTIVI TRASVERSALI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI La programmazione iniziale aveva individuato i seguenti obiettivi trasversali: a) Rispettare il regolamento d istituto b) Svolgere nei termini i compiti assegnati c) Intervenire nel dialogo educativo parlando uno alla volta d) Essere disponibili al confronto, ascoltare i compagni e rispettare le opinioni diverse dalla propria Al termine del percorso scolastico si può affermare che la classe abbia generalmente conseguito gli obiettivi posti, quali la capacità di intervenire in modo corretto, rispettoso e pertinente, di interagire in modo adeguato con i docenti, i compagni e il personale tutto della scuola, di adattarsi ed aprirsi verso la realtà extrascolastica nella complessità dei suoi fattori. Alcuni allievi hanno acquisito la consapevolezza dei propri diritti e doveri personali, la capacità di aprirsi agli altri senza preconcetti e pregiudizi, nel rispetto del punto di vista altrui. Permane, tuttavia, qualche difficoltà nel dialogo e nel confronto fra alunni. OBIETTIVI COGNITIVI La programmazione iniziale aveva individuato i seguenti obiettivi trasversali: a) applicarsi con regolarità allo studio e all esecuzione dei compiti assegnati consolidando il metodo di studio b) acquisire e approfondire i contenuti tipici delle varie discipline, impiegando con più sicurezza i relativi linguaggi tecnici c) curare la comunicazione scritta e orale d) saper risolvere problemi, anche in contesti nuovi, e saper riferire correttamente i risultati e) sviluppare capacità critiche, di analisi, di lavorare in autonomia f) saper collegare i nuclei portanti delle varie discipline Al termine degli studi, gli allievi hanno acquisito le seguenti CONOSCENZE: E stata raggiunta dalla maggioranza degli studenti un accettabile livello di conoscenza nelle varie discipline; alcuni hanno approfondito l analisi degli argomenti, con un metodo di studio ordinato e preciso, altri evidenziano alcune carenze disciplinari, seppur non gravi. ABILITA : La maggioranza è in grado di individuare i nuclei tematici fondamentali di un argomento nelle singole discipline e sa presentare le conoscenze acquisite in modo lineare; alcuni sono anche in grado di ordinare in modo autonomo le conoscenze, di rielaborarle con consapevolezza critica e di individuare collegamenti in ambiti diversi; altri applicano in modo meccanico le conoscenze, prediligendo l esecutività e affinando le capacità pratico-operative più che quelle di carattere logico e critico dei contenuti. COMPETENZE: Un buon numero di alunni è in grado di esporre con un linguaggio semplice, ma corretto, i concetti fondamentali delle materie e sa applicare le conoscenze nella risoluzione di situazioni note; alcuni sono in grado di leggere con precisione i testi e di esporli con proprietà concettuale e linguistica, di approfondire ed apprezzare le varie tematiche esaminate e di produrre testi autonomamente, avvalendosi di documenti di riferimento; altri faticano ad esprimersi con un adeguata proprietà di linguaggio e a condurre un discorso organico e lineare

9 ITALIANO STORIA INGLESE MATEMATICA ECONOMIA AZIENDALE INFORMATICA DIRITTO / SCIENZE FINANZE ED. FISICA RELIGIONE ITALIANO STORIA INGLESE MATEMATICA ECONOMIA AZIENDALE INFORMATICA DIRITTO / SCIENZE FINANZE ED. FISICA RELIGIONE ITALIANO STORIA INGLESE MATEMATICA ECONOMIA AZIENDALE INFORMATICA DIRITTO / SCIENZE FINANZE ED. FISICA RELIGIONE 4. METODOLOGIE MODALITA DI INSEGNAMENTO Lezione frontale X X X X X X X X X Lezione interattiva X X X X X X X X X Lezione pratica X X X X Problem solving X X X X X X X X Lavoro di gruppo X MEZZI E STUMENTI DI LAVORO Libro di testo X X X X X X X X Dispense X X X X X X X Appunti X X X X X Software X X X X Audio/Video X X X X SPAZI Aula X X X X X X X X X Aula Video X X X X Laboratorio Linguistico X Laboratorio Informatico X X X Palestra X

10 5. INDICATORI E DESCRITTORI DELLA VALUTAZIONE MISURAZIONE Sono stati assegnati voti interi da 1 a 10 che si possono rapportare al grado di conoscenza acquisito come segue: 1-2 conoscenza nulla o quasi 3-4 conoscenza estremamente frammentaria e incoerente 5 conoscenza frammentaria e superficiale 6 conoscenza adeguata ma non approfondita 7 8 conoscenza completa ed approfondita ma non critica 9 10 conoscenza completa ed approfondita unita a capacità analitiche e critiche CORRISPONDENZA TRA VOTI E LIVELLI DI APPRENDIMENTO VOTO LIVELLI CONOSCENZA COMPRENSION E APPLICAZIONE ANALISI SINTESI 1 Nullo Nessuna Nessuna Nessuna Nessuna Nessuna 2 3 Quasi nullo Pochissima Molto scarsa 4 Gravemente Insufficiente 5 Insufficiente 6 Sufficiente 7 Discreto Frammentaria con evidenti lacune Frammentaria e superficiale Completa degli elementi essenziali Abbastanza completa Molto confusa e frammentaria Non riesce ad applicare le conoscenze Molto parziale prevalentemente scorretta Non è in grado di effettuare alcuna analisi Molto limitate anche di elementi semplici Parziale Parziale Superficiali Corretta degli elementi essenziali Corretta 8 Buono Completa Completa 9 10 Ottimo- Eccellente completa anche di contenuti complessi Completa anche di elementi complessi Sostanzialmente corretta Corretta e precisa Corretta, precisa, autonoma Autonoma e corretta in situazioni nuove Abbastanza complete Abbastanza complete Complete Complesse e autonome Non è capace di sintetizzare Disorganica e scorretta Parziali o Imprecise Accettabili, parzialment e autonome Corrette Corrette e autonome Corrette e autonome in situazioni complesse

11 ITALIANO STORIA INGLESE MATEMATICA ECONOMIA AZIENDALE INFORMATICA DIRITTO / SCIENZE FINANZE ED. FISICA RELIGIONE 6. TIPOLOGIA DI PROVE METODI E STRUMENTI DI VERIFICA Interrogazione lunga X X X X X Interrogazione breve X X X X X X X X Tema/Riassunto/Relazione X X X Risoluzione esercizi/problemi X X X Prova strutturata e/o semistrutturata Prova a domande aperte X X X X X Prova pratica X X X Nel corso dell anno si sono svolte sia verifiche formative, al fine di individuare gli ostacoli relativi agli argomenti affrontati, diagnosticare il processo di apprendimento, riorganizzarlo e favorire il recupero e/o il potenziamento, sia verifiche sommative per valutare i risultati, misurare le competenze acquisite, rilevare gli obiettivi raggiunti in rapporto alla programmazione, individuare i dislivelli esistenti, evidenziare il processo di apprendimento rispetto alla programmazione, promuovere l autovalutazione, selezionare in base ai risultati raggiunti. 7. INIZIATIVE DI RECUPERO Durante il corso dell anno è stato attivato lo sportello Help, su richiesta dello studente. Inoltre il recupero è stato svolto in itinere, oltre che durante la seconda settimana di gennaio, come previsto dal Collegio Docenti.

12 8. PARTECIPAZIONE AD ATTIVITA EXTRACURRICOLARI PERIODO ATTIVITA N ALUNNI COINVOLTI 25 Ottobre Partecipazione all incontro con Fratello Lino della COMUNITA MONASTICA di Bose (Biella) Tutti 14 Novembre Partecipazione allo Spettacolo teatrale IO HO VISTO Varese Quasi tutti 30 Novembre Partecipazione allo Spettacolo teatrale PINOCCHIO ALLA ROVESCIA della Compagnia EX NOVO di Solbiate Arno Tutti 15 Gennaio Partecipazione al progetto I LABORATORI DI MATEMATICA Tutti 27 Gennaio Partecipazione alla proiezione del film IN DARKNESS Varese In occasione della Giornata della Memoria Quasi tutti 10 Febbraio Partecipazione allo Spettacolo teatrale in lingua inglese THE PICTURE OF DORIAN GRAY - Varese 11 Febbraio Partecipazione al Progetto PLACEMENT organizzato dalla Camera del Commercio di Varese 6 Marzo Visita al BINARIO 21 e alla mostra BRAIN a Milano Tutti 22/29 Marzo Partecipazione al SOGGIORNO-STUDIO in Irlanda Alcuni 27 Marzo Partecipazione allo Spettacolo teatrale COMANDANTE CLAUDIO Azzate 12 Marzo Partecipazione all incontro PRESENTAZIONE DEL PREMIO CHIARA 3 Aprile Incontro con i rappresentanti della sezione di Varese del SERVIZIO CIVILE Nel corso dell anno Incontri di orientamento per la scelta della facoltà universitaria nell ambito del progetto MI ORIENTO Tutti Tutti Quasi tutti Alcuni Tutti Quasi tutti

13 Nel corso dei due anni precedenti, la classe ha partecipato ad altre attività, di cui si riportano le principali:. Conferenze, corsi, concorsi e mostre Visita alla Mostra LA MATEMATICA E DAPPERTUTTO, realizzata nel nostro istituito, per capire come la matematica può spiegare i fenomeni della natura, dell arte e del quotidiano. Incontri di orientamento per la scelta della facoltà universitaria e partecipazione ai vari Open Day tenuti dalle Università. Partecipazione da parte di alcuni studenti al Gruppo interesse alla Scala. Visita alla Mostra IL LABIRINTO DELLA CRISI dedicata a J. M. KEYNES, organizzata dalla 4 A Mercurio Partecipazione alla XVI giornata della Memoria e dell impegno in ricordo delle Vittime delle Mafie a Genova organizzata dall Associazione Libera di Don Ciotti Incontro con l Artista milanese Simona ATZORI La diversità nel lavoro e nella vita di tutti i giorni Alcuni studenti hanno seguito il corso di preparazione agli esami per la patente europea d informatica (ECDL), conseguendo il relativo diploma. Alcuni alunni hanno partecipato alle gare dei Giochi matematici sia nella fase d istituto che nella fase regionale. Partecipazione all incontro con il dott. GHERARDO COLOMBO e con il prof. NANDO DELLA CHIESA sul tema della legalità. Partecipazione al progetto PERCORSI A CONFRONTO, in collaborazione con l Istituto di rieducazione dei Miogni di Varese Partecipazione ai tornei sportivi interni e ai Campionati studenteschi Rappresentazioni teatrali e sociali: Partecipazione agli spettacoli teatrali in lingua inglese THE IMPORTANCE OF BEING EARNEST e WAITING FOR GODOT di Oscar Wilde. Partecipazione al Concerto VIVA VERDI Coro e Orchestra Sinfonica Ars Contus Direttore Tenti - In occasione del 150 anniversario dell Unità d Italia Partecipazione allo Spettacolo teatrale EDITH LA VERITA DELL AMORE Abbiate Guazzone - In occasione della Giornata della Memoria Film: visione del film I cento passi ; visione del film La rosa bianca ; visione del film Il bambino con il pigiama a righe ; visione del film Cento giorni a Palermo. Viaggi di istruzione Partecipazione di alcuni studenti al soggiorno-studio in Scozia, in terza, e in Inghilterra, in quarta. Partecipazione di quasi tutti gli studenti al viaggio d istruzione in Toscana/Umbria, in terza, e a Praga, in quarta.

14 9. SIMULAZIONE PROVE SCRITTE Al fine di. preparare gli studenti in vista dell esame di Stato, sono state svolte le seguenti prove scritte simulate: Prima prova: è stata svolta una simulazione, il 29 Aprile Tempo previsto: 6 ore. GRIGLIA DI VALUTAZIONE: Vedi pagine successive Seconda prova: verranno svolte due simulazioni di seconda prova il 16 Maggio e il 30 Maggio Tempo previsto: rispettivamente 6 ore. GRIGLIA DI VALUTAZIONE: Vedi pagine successive Terza prova: 11 dicembre 2013 con le seguenti caratteristiche: Tipologia B, 4 materie, 3 domande per materia, 8-10 righe per domanda. Materie coinvolte: Inglese, Matematica, Diritto, Informatica. Tempo previsto: 150 min. 13 Marzo 2014 con le seguenti caratteristiche: Tipologia B, 4 materie, 3 domande per materia, 8-10 righe per domanda. Materie coinvolte: Inglese, Matematica, Informatica, Ed. Fisica. Tempo previsto: 150 min. 10 Maggio 2014 con le seguenti caratteristiche: Tipologia B, 4 materie, 3 domande per materia, 8-10 righe per domanda. Materie coinvolte: Inglese, Matematica, Informatica, Ed. Fisica. Tempo previsto: 150 min. GRIGLIA DI VALUTAZIONE: Vedi pagine successive In tutte le tre simulazioni di terza prova, gli alunni H e BES hanno avuto a disposizione 30 minuti in più.

15 ESAMI DI STATO A.S. 2013/2014 GRIGLIA DI VALUTAZIONE PRIMA PROVA

16 GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLA PROVA SCRITTA 1. CORRETTEZZA DELL ORTOGRAFIA, DELLA SINTASSI E DELLA PUNTEGGIATURA Ottima Testo scorrevole, sciolto, periodi ben strutturati 3 Buona Sufficiente Mediocre Insufficiente Pochi o lievi errori di forma; occasionali errori di punteggiatura Forma generalmente corretta, errori di punteggiatura Diversi periodi scorretti; qualche errore ortografico, punteggiatura scorretta in più punti Ripetuti errori di ortografia e sintassi; punteggiatura del tutto inadeguata 2. CORRETTEZZA LESSICALE Ottima Scelta lessicale efficace ed appropriata 3 Buona Correttezza di linguaggio mantenuta per ampie parti del testo 2, 5 Vocabolario di base a volte generico; occasionali 2 Sufficiente improprietà mediocre/insufficiente Lessico ristretto, approssimativo, sempre generico; ripetizioni 1 3. COMPETENZA IDEATIVA TRACCIA A (ESECUZIONE ESERCIZI PROPOSTI) Ottima Operata in forma completa 3 Buona Operata quasi completamente 2, 5 Sufficiente Operata in modo accettabile 2 insufficiente/mediocre Operata in minima parte 1 4.TRACCIA B, C e D (ADERENZA/COMPLETEZZA RISPSETTO ALLA TRACCIA) Ottima Pertinente e completa in relazione all argomento 3 Buona Pertinente e abbastanza esauriente in relazione all argomento 2, 5 Sufficiente Pertinente e adeguato alle richieste anche se non 2 esauriente mediocre/insufficiente Pertinente ma incompleto rispetto alle richieste 1 2 1, 5 1 0, 5

17 5. ORGANIZZAZIONE DELLA STRUTTURA DEL TESTO chiara e coerente Il testo è organizzato in modo logico ed organico 3 semplice ma lineare Il testo è sufficientemente strutturato 2, 5 Confusa Il testo presenta alcune incongruenze 1, 5 Disorganica Il testo presenta descrizioni casualmente disposte 1 6. CAPACITA RIELABORATIVA ottiene esiti di efficacia descrittiva, informativa, Consapevole argomentativa Apprezzabile Accettabile non apprezzabile Rispetta sostanzialmente le regole Capacità di descrizione, informazione, argomentazione superficiale o poco curata Descrizione, argomentazione generica, semplicistica, approssimativa 3 2, VALUTAZIONE COMPLESSIVA PUNTEGGIO IN QUINDICESIMI CORRISPONDENZA IN DECIMI INSUFFICIENTE 4, ,5-4 MEDIOCRE 6,5 8 4,5 5 QUASI SUFFICIENTE 8,5-9 5,5 SUFFICIENTE 9,5 10,5 6 6,5 BUONO 11 11,5 7 7,5 OTTIMO ,5-9 ECCELLENTE 15 10

18 ESAMI DI STATO A.S. 2013/2014 GRIGLIA DI VALUTAZIONE SECONDA PROVA

19 Valutazione della seconda prova scritta dell Esame di Stato Svolgimento del tema: comprensione del testo, realizzazione del percorso dimostrativo e congruenza dei dati competenza nell applicazione delle procedure e dei calcoli conoscenza dei contenuti disciplinari competenza espressiva Presentazione dell elaborato: ordine, chiarezza, sequenza logica dell impaginazione. I criteri esposti verranno adattati al tema proposto al candidato, così come la griglia di valutazione allegata.

20 GRIGLIA PER VALUTAZIONE DELLA SECONDA PROVA SCRITTA

21 PROGRAMMI DELLE DISCIPLINE

22 ESAMI DI STATO A.S. 2013/2014 GRIGLIA DI VALUTAZIONE TERZA PROVA

23 GRIGLIA DI VALUTAZIONE TERZA PROVA D ESAME TIPOLOGIA: B OBIETTIVI DESCRITTORI INDICATORI DI LIVELLO punteggio - Conoscenze dei contenuti relativi al contesto Competenze: Linguistiche(correttezza formale, uso del lessico specifico) applicative /operative Capacità di analisi e di sintesi (aderenza alla traccia) Risposta in bianco Risposta fuori traccia e/o non pertinente Conoscenza di quanto richiesto nella prova Applicazione delle conoscenze rispetto al lessico specifico, ortografia, sintassi, calcolo Capacità rielaborativa ed organizzativa dei contenuti Punti 1 punti 1 5. approfondito e dettagliato 4.5 completo 3,5 essenziale 3 con leggere imprecisioni 2. incompleto e/o superficiale 1 gravemente lacunoso e/o non pertinente 5 chiara corretta scorrevole, precisa puntuale 4. 5 pertinente ed appropriata 3,5 semplice, lineare 3 con leggere imprecisioni 2. con alcune scorrettezze 1 gravemente scorretta,/non pertinente/ non Coerente 5. esaurientemente e logicamente strutturata 4. adeguata,coerente e completa 3 semplice, lineare 2. superficiale e con incongruenze 1 lacunosa/ frammentaria per nulla organica I Materia II Materia III Materia IV Materia PUNTEGGIO DISCIPLINA PUNTEGGIO MEDIO(nel caso il punteggio medio sia decimale, si arrotonda) CANDIDATO CLASSE VOTO ASSEGNATO

24 10. IL CONSIGLIO DI CLASSE DOCENTI: docente materia firma Golino Amalia Italiano Golino Amalia Storia Montesin Patrizia Inglese Castiglioni M. Nadia Matematica Bovenga Maria Economia aziendale Milvio Marta Informatica Timpano Ilaria Ass. laboratorio Staiti Antonio Diritto Staiti Antonio Sc. Delle Finanze Righi Valeria Ed. fisica Bisagni Stefano Religione D Adamo M. Grazia Sostegno

25 ALLEGATI SIMULAZIONI DELLE TERZE PROVE PROGRAMMI DISCIPLINARI

26 1 SIMULAZIONE TERZA PROVA 11/12/2013 Tipologia: B Materie : Inglese Matematica Informatica Diritto Tempo : 150 min

27 SIMULAZIONE TERZA PROVA - INGLESE NOME E COGNOME ANSWER THE FOLLOWING QUESTIONS IN A COMPLETE WAY 1. Speak about the origins of Fair Trade and say how a product manufactured in developing countries can get a Fairtrade Mark 2. Point out what are the main features of online marketing 3. What are the advantages of globalisation?

28 SIMULAZIONE III PROVA D ESAME - MATEMATICA NOME E COGNOME E consentito l uso della calcolatrice non programmabile 1) Tenendo presente la classificazione dei problemi di Ricerca Operativa in base alle condizioni, agli effetti, al numero e al tipo di variabili, spiega cosa significa che un problema di scelta è: in condizioni di certezza, con effetti immediati, ad una variabile d azione, nel caso continuo. 2) I seguenti dati si riferiscono all andamento della tassazione sugli immobili secondo i calcoli di Confedilizia. a) Completa la tabella calcolando i numeri indici a base mobile e le variazioni percentuali b) Specifica a quale forma di elaborazione appartengono i numeri indici, a quali tabelle si applicano e cosa vogliono evidenziare. Anno Tassa Gettito (miliardi di euro) N.I. a base mobile Variazioni % 2011 ICI 9, IMU 23, IMU 20, IMU+TASI 27,0 3) Per produrre una certa merce, un azienda sostiene spese giornaliere che prevedono un costo fisso di euro e un costo variabile di 1,5 euro al chilogrammo. Il ricavo si ottiene dalla vendita della merce al prezzo unitario p = 2,5 0,0001x, dove x è la quantità, in chilogrammi, prodotta e venduta giornalmente. Sapendo che la massima capacità produttiva è di Kg. al giorno, determina la quantità di merce che l azienda deve produrre e vendere per realizzare il massimo guadagno. Cosa cambierebbe se la massima capacità produttiva giornaliera fosse di Kg.? (Risolvi il problema per via algebrica)

29 SIMULAZIONE TERZA PROVA - INFORMATICA NOME E COGNOME 1. Una delle funzioni di un DBMS è quella di controllare l integrità dei dati gestiti; analizzare brevemente in cosa consistono e come vengono garantiti i diversi tipi di integrità. 2. Quali sono le caratteristiche principali della paginazione e i suoi vantaggi rispetto alle politiche a partizioni? 3. Cosa si intende per blocco critico, come si verifica e come si può risolvere o prevenire?

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Anno scolastico 2011/12 Classe 5^BM

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Anno scolastico 2011/12 Classe 5^BM PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Anno scolastico 2011/12 Classe 5^BM TOMO 1 MODULO 1: LA GESTIONE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI CAPITOLO 1: Le caratteristiche delle imprese industriali 1. Il sistema produttivo

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016. classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016. classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof Giuseppe Santagata MATERIA Economia aziendale classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210 CONOSCENZE 1 Le fasi

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI INDIRIZZO :AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale Unità Competenze professionali Conoscenze Abilità Strumenti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE

PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A.S. 2012/2013 Classe: 5C Logistica Disciplina: Economia Aziendale e dei Trasporti Prof. Gianna Righi CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI (descrivere dettagliatamente specificando

Dettagli

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO IC CS V D. MILANI - DE MATERA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado ad Indirizzo Musicale Via De Rada - 87100 Cosenza tel. 0984 71856 fax 0984-71856 - cod.mecc. CSIC8AL008

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA ISTITUTO TECNICO STATALE AD INDIRIZZO COMMERCIALE IGEA - MARKETING GEOMETRI - PROGRAMMATORI TURISTICO G FILANGIERI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 INDIRIZZO DI STUDI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 4BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

Classe 3^ Tecnico Amministrazione Finanza e Marketing

Classe 3^ Tecnico Amministrazione Finanza e Marketing Classe 3^ Tecnico Amministrazione Finanza e Marketing Lo studio dell'economia Aziendale per la classe Terza degli Istituti Tecnici ad indirizzo Amministrazione Finanza Marketing concorre a far perseguire

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Elisabetta

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/1 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 10 DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: AFM - SIA RIM CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: Alagna, Garofoli - Masoch - Oldoni - Zuffada ANNO SCOLASTICO 2014/2015 NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 1

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 1 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 1 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 DIURNO 5^ MATERIA: INGLESE CLASSI:? PRIME? TERZE? SECONDE? QUARTE QUINTE INDIRIZZI : FINANZA E MARKETING- SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI Nodi concettuali essenziali della

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE Ministero della Pubblica Istruzione Istituto d Istruzione Superiore Statale E. De Nicola Via Saint Denis 200 20099 Sesto San Giovanni Tel.: 02.26224610/16/10 Fax 02.2480991 Sito: www.iisdenicola.it - e_mail

Dettagli

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: CLASSE: DISCIPLINA: COMUNE 5 AFM ECONOMIA AZIENDALE COMPETENZE: Riconoscere e interpretare i macrofenomeni economici che influenzano

Dettagli

A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA

A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA Economia Aziendale DOCENTE Rezzonico Isabella MODULO E/O UNITA DIDATTICA CONTABILITÀ GENERALE BILANCI AZIENDALI E REVISIONE LEGALE DEI CONTI CONTENUTI

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011 PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011 Docente Materia Classe DE CERCE LINA MATEMATICA 5 C I.T.C. 1. Finalità... 2. Obiettivi didattici... 3. Contenuti... 4. Tempi... 5. Metodologia e strumenti...

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO 1 di 8 22/11/2013 109 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 PRIMO BIENNIO DISCIPLINA ECONOMIA AZIENDALE Prof.ssa Antonella Branchi Prof.ssa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

P I A N O di L A V O R O TECNICHE DI DISTRIBUZIONE & MARKETING

P I A N O di L A V O R O TECNICHE DI DISTRIBUZIONE & MARKETING Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca P I A N O di L A V O R O TECNICHE DI DISTRIBUZIONE & MARKETING docenti: Prof.ssa Prof. PERAZZOLO ANNAMARIA COSTA NATALE Anno Scolastico 2014/2015

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola Polo Liceale Orbetello INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Fisica DOCENTE: Lucia Serpico CLASSE 1 A Obiettivi

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometri Liceo Linguistico/Linguistico

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Sistemi Informativi aziendali e Scienze bancarie Finanziarie e Assicurative Nodi concettuali

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO

ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO OPERATORE DELLA GESTIONE AZIENDALE TECNICO DELLA GESTIONE AZIENDALE INDIRIZZO INFORMATICO Il docente di Tecniche professionali dei servizi commerciali concorre a

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: 1 A AFM A.S 2014/2015

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: 1 A AFM A.S 2014/2015 DOCENTE: Prof.ssa MARISA SARTORIO PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: 1 A AFM A.S 2014/2015 Strumenti matematici utilizzabili in Economia Aziendale Le principali relazioni tra grandezze Le proporzioni

Dettagli

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A.

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. - Guspini Programmazione annuale di MATEMATICA a.s. 2013-2014 Classi seconde Docente: Prof. Walter Concas A. OBIETTIVI 1. Obiettivi educativi generali. La

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

Griglie di Verifica e Valutazione a.s. 2012-2013 Pag. 1

Griglie di Verifica e Valutazione a.s. 2012-2013 Pag. 1 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLE VERIFICHE ORALI (0/0) Conoscenze Colloquio Descrittori Punteggio Punteggio assegnato Completi ed approfonditi Contenuti (max punti) Precisi, Organizzati Appropriati, Essenziali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 5BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE

GRIGLIA DI CORREZIONE ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA ITCG-LC San Marco Argentano a.s. 0/5 GRIGLIA DI CORREZIONE TIOLOGIA A (Analisi del testo) Candidato/a: Classe: Indicatori Comprensione Sintesi Analisi Commento Interpretazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (M PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE «Ranieri Mario COSSAR - Leonardo da VINCI» Settori: Servizi - Industria e Artigianato Istruzione e Formazione Professionale 34170 GORIZIA sede legale Viale Virgilio,

Dettagli

TEMA A : COMPLEMENTI DI ALGEBRA Unità didattica Contenuti Obiettivi Conoscenze/ Abilità. LE FUNZIONI REALI Le funzioni e le loro caratteristiche

TEMA A : COMPLEMENTI DI ALGEBRA Unità didattica Contenuti Obiettivi Conoscenze/ Abilità. LE FUNZIONI REALI Le funzioni e le loro caratteristiche CLASSE : 3 TURISTICO MATEMATICA (Ramella) Situazione di partenza : 25 alunni. Valutazione d ingresso: 40% negativa, 60% positiva. 1. Articolazione (moduli, unità didattiche ) delle conoscenze e dei contenuti.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 6 26/01/2015 10.43 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: Diritto/Economia DOCENTI:Giuliano

Dettagli

Sallustio Bandini. Matematica. Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere

Sallustio Bandini. Matematica. Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere FINALITA DELL INSEGNAMENTO Sallustio Bandini Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere Agenzia Formativa Accreditata dalla Regione Toscana Matematica La Matematica, parte

Dettagli

A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Donatella Leoni

A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Donatella Leoni a.s.2014/2015 INFORMATICA E LABORATORIO TECNOLOGIE INFORMATICHE LAB. TECNICHE PROFESSIONALI A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Donatella Leoni L AMBITO DISCIPLINARE DI INFORMATICA E LABORATORIO,

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO PER IL TURISMO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO PER IL TURISMO 1 di 5 26/01/2015 14.12 PROGRAMMAZION DISCIPLINAR PR COMPTNZ QUINTO ANNO TCNICO PR IL TURISMO 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Discipline turistiche e aziendali DOCNTI: Claudia Paccagnella Competenze da conseguire

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A.

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. Anno scolastico 2012/2013 Consiglio Classe IV A Data di approvazione 23/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-003 Rev.: 3 Data: 04.10.10 Pag.:

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2014/2015 ECONOMIA AZIENDALE A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO LIA BONELLI L AMBITO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE

Dettagli

Documento del consiglio di classe

Documento del consiglio di classe ANNO SCOLASTICO - Documento del consiglio di classe CLASSE AT Approvato il maggio Composizione del Consiglio di Classe MATERIA LETTERE INGLESE TEDESCO SPAGNOLO FRANCESE TECNICA TURISTICA ARTE E TERRITORIO

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano

Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano 1 Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano Rispetto della traccia e della tipologia testuale 10 9 8 7 6 5 4 Seguita in maniera pertinente e completa in tutte le sue richieste Seguita in

Dettagli

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2011/2012 CLASSE 2^ SEZ. C Indirizzo Linguistico Coordinatore

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDIRIZZO AMM.NE, FINANZA E MARKETING MATERIA: CLASSE: DOCENTE: ECONOMIA AZIENDALE 3^ C VALENTINA CASTELLI PRESENTAZIONE DELLA CLASSE ED ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA Conosco

Dettagli

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

Relazione finale del docente A.S. 2012-2013

Relazione finale del docente A.S. 2012-2013 Relazione finale del docente A.S. 2012-2013 Classe/sez. Indirizzo Docente Materia Ore di lezione svolte Ambito Maria Caterina V E Mercurio Informatica 165 teorico pratico Cassetti Svolgimento dei programmi

Dettagli

Anno Scolastico 2014/2015. CLASSE: V A MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA

Anno Scolastico 2014/2015. CLASSE: V A MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE: V A MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA Coordinatore di classe: LUISE CARMELA Presentazione sintetica della classe 1) Storia del triennio 2) Attività di recupero 3) Profilo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 11/02/2015 12.24 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA LINGUA INGLESE DOCENTI ANTONELLA MANTOVANI - SUSANNA FORTUNA Competenze

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 5 A AFM Materia: Lingua inglese Docente: Noviello Orsola Situazione di partenza della classe La classe è composta da 16 alunni: 9 maschi e

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 1DS Indirizzo di studio Liceo scientifico Docente Paola Carcano Disciplina Monte

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING 1 di 9 04/12/2013 105 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: RELAZIONI INTERNAZIONALI MODINA DOCENTI:

Dettagli

I titoli di credito. Caratteristiche. Le cambiali, Cambiale tratta e pagherò. Compilazione di tratte e pagherò.

I titoli di credito. Caratteristiche. Le cambiali, Cambiale tratta e pagherò. Compilazione di tratte e pagherò. Istituto tecnico economico statale Roberto Valturio A.s. 2014/15 Programma consuntivo di Economia aziendale Classe 2^ E Prof. Paolo Fabrizio Correggioli ARGOMENTI I CALCOLI FINANZIARI I rapporti di credito.

Dettagli

Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING. Classe: 5. Disciplina: Economia Aziendale. Ultimo anno

Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING. Classe: 5. Disciplina: Economia Aziendale. Ultimo anno Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Classe: 5 Disciplina: Economia Aziendale prof. Competenze disciplinari: Ultimo anno COMPETENZE DESCRITTORI DI ABILITA / PRESTAZIONI 7. Inquadrare l attività

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING DOCENTI: A. MANTOVANI, M. BISSOLI, S.

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING DOCENTI: A. MANTOVANI, M. BISSOLI, S. 1 di 6 04/12/2013 111 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: INGLESE DOCENTI: A. MANTOVANI, M. BISSOLI,

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 3 ANNO SCOLASTICO 2014-15 DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE INDIRIZZO AFM SIA RIM CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING 1 di 6 04/12/2013 13.10 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014 1. SECONDO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 DISCIPLINA Tecnologie

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Liceo Scientifico

FONDAZIONE MALAVASI. Liceo Scientifico FONDAZIONE MALAVASI Liceo Scientifico PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: Storia DOCENTE: Prof.ssa Manuela Maccà CLASSE III SEZ. Tradizionale A.S.2014 /2015 2. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA CLASSI QUINTE TECNICO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 FINALITÀ OBIETTIVI E COMPETENZE DELLA DISCIPLINA Il docente di Matematica concorre

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) lessico

Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) lessico ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello (5-6) Livello (-5) Livello 5 (2-) Lessico Ottimo Buono Uso essenziale del Difficoltà nel Uso

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione B Data di approvazione 19/10/2012 Doc.:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 9 09/12/2013 10.06 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PRIMO BIENNIO

Dettagli

COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA

COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA SOMMARIO Lingua e letteratura italiana... 2 Lingua inglese... 3 Storia... 4 Matematica... 5 Scienze Motorie

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 Nulla di sé e del mondo sa la generalità degli uomini se la letteratura non glielo

Dettagli

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014 / 2015 Materia: INFORMATICA Classe: quinta A Data di presentazione: 7/10/2014 DOCENTI FIRMA Cerri Marta Bergamasco Alessandra Posta elettronica: itisleon@tin.it - Url: www.itdavinci.it

Dettagli

METODI E STRATEGIE DIDATTICHE

METODI E STRATEGIE DIDATTICHE METODI E STRATEGIE DIDATTICHE METODOLOGIA Nel nostro modello progettuale l analisi di partenza viene assunta come ipotesi. Essa si fonda sul triangolo paritario della scuola alunno/insegnante/saperi. La

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

APPENDICE AL POF GRIGLIE DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

APPENDICE AL POF GRIGLIE DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE APPENDICE AL POF GRIGLIE DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE ANNO SCOLASTICO 0 /03 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA PROVA DI RELIGIONE ( in quindicesimi - sufficienza 0 ) INDICATORI DESCRITTORI PUNTEGGIO CONOSCENZA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: ITC. Anno scolastico Materia Classi 2012 2013 MATEMATICA Terze

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: ITC. Anno scolastico Materia Classi 2012 2013 MATEMATICA Terze PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Indirizzo: ITC Anno scolastico Materia Classi 22 23 MATEMATICA Terze. Competenze al termine del percorso di studi Padroneggiare il linguaggio formale e i procedimenti

Dettagli

ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio

ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) Lessico Ottimo Buono Uso essenziale del lessico Difficoltà

Dettagli

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Anno scolastico 2013/2014 Programma di Economia Aziendale Classe: 5^ F Mercurio Insegnante: Lino Bartolini Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Le caratteristiche

Dettagli

Anno Scolastico 2014/2015. Quinto anno. (Amministrazione, Finanza e Marketing) Classe: 5ª. Disciplina: INGLESE. prof. CertINT 2012 Label Europeo 2013

Anno Scolastico 2014/2015. Quinto anno. (Amministrazione, Finanza e Marketing) Classe: 5ª. Disciplina: INGLESE. prof. CertINT 2012 Label Europeo 2013 Anno Scolastico 2014/2015 Quinto anno (Amministrazione, Finanza e Marketing) Classe: 5ª Disciplina: INGLESE prof. UNITÀ TEMATICA N. 1 TITOLO: Marketing: Market research, e-commerce TEMPI: 30 con attività

Dettagli

Come Raggiungerci. Tel. 0331/841260. Tel. 0331/519000. Tel. 0331/841260. Tel. 0331/841379 Tel. 0332/236127

Come Raggiungerci. Tel. 0331/841260. Tel. 0331/519000. Tel. 0331/841260. Tel. 0331/841379 Tel. 0332/236127 Come Raggiungerci Tel. 0331/841260 Tel. 0331/519000 Tel. 0331/841260 Tel. 0331/841379 Tel. 0332/236127 ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE Eugenio Montale Via Gramsci, 1 21049 TRADATE C.F.80101550129 Tel.

Dettagli