Valutaz. redditività investimenti impiantistici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutaz. redditività investimenti impiantistici"

Transcript

1 Ingegneria economica 1 Valutaz. redditività investimenti impiantistici Investimenti industriali Flussi di cassa Fasi degli investimenti Metodi di valutazione Politecnico di Torino 1

2 3 Il flusso finanziario si genera in seguito ad un processo di investimento e/o disinvestimento Definizioni Politecnico di Torino 2

3 Il flusso finanziario si genera in seguito ad un processo di investimento e/o disinvestimento Investimento: impegno di capitali in beni duraturi, necessari per l attività produttiva Definizioni 5 Definizioni Il flusso finanziario si genera in seguito ad un processo di investimento e/o disinvestimento Investimento: impegno di capitali in beni duraturi, necessari per l attività produttiva Disinvestimento: riconduzione in forma liquida dei capitali precedentemente investiti Politecnico di Torino 3

4 Definizioni Il flusso finanziario si genera in seguito ad un processo di investimento e/o disinvestimento Investimento: impegno di capitali in beni duraturi, necessari per l attività produttiva Disinvestimento: riconduzione in forma liquida dei capitali precedentemente investiti Con la vendita del prodotto (ricavi) si recuperano non solo le spese vive di gestione (materiali, manodopera, spese generali), ma anche parte delle spese di immobilizzo (corrispondenti alla quota di ammortamento) 7 Tipi di investimenti Investimento industriale (o produttivo): impegno di risorse monetarie per acquisire beni o servizi suscettibili di fornire in tempi successivi, attraverso il processo produttivo e la vendita dei prodotti, un flusso monetario di maggior valore (la differenza di valore darà una misura della redditività) Politecnico di Torino 4

5 Tipi di investimenti Investimento industriale (o produttivo): impegno di risorse monetarie per acquisire beni o servizi suscettibili di fornire in tempi successivi, attraverso il processo produttivo e la vendita dei prodotti, un flusso monetario di maggior valore (la differenza di valore darà una misura della redditività) Investimento finanziario: il capitale viene semplicemente ceduto e compensato con un interesse (rendita finanziaria) 9 Tipi di investimenti industriali Tipologie più comuni di investimenti industriali: Politecnico di Torino 5

6 Tipi di investimenti industriali Tipologie più comuni di investimenti industriali: iniziali o di espansione (nuovo impianto o per incrementare la capacità produttiva di quello esistente,..) 11 Tipi di investimenti industriali Tipologie più comuni di investimenti industriali: iniziali o di espansione (nuovo impianto o per incrementare la capacità produttiva di quello esistente,..) di rinnovo (per invecchiamento o per obsolescenza, al fine di migliorare la produttività, la flessibilità, la competitività) Politecnico di Torino 6

7 Tipi di investimenti industriali Tipologie più comuni di investimenti industriali: iniziali o di espansione (nuovo impianto o per incrementare la capacità produttiva di quello esistente,..) di rinnovo (per invecchiamento o per obsolescenza, al fine di migliorare la produttività, la flessibilità, la competitività) di miglioramento dell ambiente di lavoro o per diminuire gli effetti nocivi sull ambiente esterno Politecnico di Torino 7

8 Flusso fisico e flusso finanziario Flussi di un investimento 15 Flusso fisico e flusso finanziario Flussi di un investimento Costi/spese per acquisto risorse (uscite) Politecnico di Torino 8

9 Flusso fisico e flusso finanziario Flussi di un investimento materiali Costi/spese per acquisto risorse (uscite) 17 Flusso fisico e flusso finanziario Flussi di un investimento materiali Costi/spese per acquisto risorse (uscite) Politecnico di Torino 9

10 Flusso fisico e flusso finanziario Flussi di un investimento materiali impianti Costi/spese per acquisto risorse (uscite) 19 Flusso fisico e flusso finanziario Flussi di un investimento materiali impianti lavoro Costi/spese per acquisto risorse (uscite) Politecnico di Torino 10

11 Flusso fisico e flusso finanziario Flussi di un investimento materiali impianti lavoro Costi/spese per acquisto risorse (uscite) vendita prodotti (entrate) 21 Flusso fisico e flusso finanziario Flussi di un investimento materiali impianti lavoro Costi/spese per acquisto risorse (uscite) vendita prodotti (entrate) Politecnico di Torino 11

12 Flusso fisico e flusso finanziario Flussi di un investimento materiali impianti lavoro Costi/spese per acquisto risorse (uscite) incassi vendita prodotti (entrate) 23 Criteri per la valutazione La valutazione avviene in base al flusso finanziario che si prevede possa prodursi durante la vita utile dell investimento, flusso che può essere utilizzato per ricavare parametri sintetici, funzionali al criterio di decisione adottato (indici o cifre di merito) Politecnico di Torino 12

13 Criteri per la valutazione La valutazione avviene in base al flusso finanziario che si prevede possa prodursi durante la vita utile dell investimento, flusso che può essere utilizzato per ricavare parametri sintetici, funzionali al criterio di decisione adottato (indici o cifre di merito) elementi essenziali 25 Criteri per la valutazione La valutazione avviene in base al flusso finanziario che si prevede possa prodursi durante la vita utile dell investimento, flusso che può essere utilizzato per ricavare parametri sintetici, funzionali al criterio di decisione adottato (indici o cifre di merito) elementi essenziali definire flusso finanziario (flusso di cassa) in termini quantitativi e temporali Politecnico di Torino 13

14 Criteri per la valutazione La valutazione avviene in base al flusso finanziario che si prevede possa prodursi durante la vita utile dell investimento, flusso che può essere utilizzato per ricavare parametri sintetici, funzionali al criterio di decisione adottato (indici o cifre di merito) elementi essenziali definire flusso finanziario (flusso di cassa) in termini quantitativi e temporali ricavare degli indici in grado di riassumere le differenze significative tra flussi diversi 27 Criteri per la valutazione La valutazione avviene in base al flusso finanziario che si prevede possa prodursi durante la vita utile dell investimento, flusso che può essere utilizzato per ricavare parametri sintetici, funzionali al criterio di decisione adottato (indici o cifre di merito) elementi essenziali definire flusso finanziario (flusso di cassa) in termini quantitativi e temporali ricavare degli indici in grado di riassumere le differenze significative tra flussi diversi scegliere indici appropriati al criterio di decisione Politecnico di Torino 14

15 Calcolo del flusso di cassa Flussi finanziari 29 Calcolo del flusso di cassa Flussi finanziari flusso finanziario: uscite (cash out) ed entrate (cash in) effettive di denaro previste durante tutta la vita dell investimento Politecnico di Torino 15

16 Calcolo del flusso di cassa Flussi finanziari flusso finanziario: uscite (cash out) ed entrate (cash in) effettive di denaro previste durante tutta la vita dell investimento ad ogni investimento può essere idealmente associata una ipotetica cassa 31 Calcolo del flusso di cassa Flussi finanziari flusso finanziario: uscite (cash out) ed entrate (cash in) effettive di denaro previste durante tutta la vita dell investimento ad ogni investimento può essere idealmente associata una ipotetica cassa flusso di cassa : saldo per ogni periodo di tempo (es. anno) fra entrate ed uscite (esborsi se negativo, disponibilità se positivo) per tutta la durata utile dell investimento Politecnico di Torino 16

17 Calcolo del flusso di cassa Calcolo del flusso di cassa k R k (+) C k (-) 33 Calcolo del flusso di cassa Calcolo del flusso di cassa k R k (+) C k (-) C k = esborso/uscita Politecnico di Torino 17

18 Calcolo del flusso di cassa Calcolo del flusso di cassa k R k (+) C k (-) C k = esborso/uscita (spese di gestione del periodo - escluso ammortamento - o quota dell investimento concentrata in quell anno) 35 Calcolo del flusso di cassa Calcolo del flusso di cassa k R k (+) C k (-) C k = esborso/uscita (spese di gestione del periodo - escluso ammortamento - o quota dell investimento concentrata in quell anno) R k = Disponibilità/entrata Politecnico di Torino 18

19 Calcolo del flusso di cassa Calcolo del flusso di cassa k R k (+) C k (-) C k = esborso/uscita (spese di gestione del periodo - escluso ammortamento - o quota dell investimento concentrata in quell anno) R k = Disponibilità/entrata (ricavi di gestione del periodo) 37 Calcolo del flusso di cassa Influenza dell ammortamento L ammortamento, in quanto non corrispondente ad una effettiva uscita di denaro, non entra direttamente nel flusso di cassa, ma indirettamente concorre a determinarlo in quanto influenza l imposta T (denominato scudo fiscale) Politecnico di Torino 19

20 Flussi di cassa differenziali Quando l investimento si inserisce nella gestione corrente dell impresa, le uscite ed entrate sono intese come differenziali e cioè come costi od economie rispetto alla situazione in atto, da valutare 39 Flussi di cassa differenziali Quando l investimento si inserisce nella gestione corrente dell impresa, le uscite ed entrate sono intese come differenziali e cioè come costi od economie rispetto alla situazione in atto, da valutare nella fase iniziale di investimento Politecnico di Torino 20

21 Flussi di cassa differenziali Quando l investimento si inserisce nella gestione corrente dell impresa, le uscite ed entrate sono intese come differenziali e cioè come costi od economie rispetto alla situazione in atto, da valutare nella fase iniziale di investimento durante la gestione 41 Flussi di cassa differenziali Quando l investimento si inserisce nella gestione corrente dell impresa, le uscite ed entrate sono intese come differenziali e cioè come costi od economie rispetto alla situazione in atto, da valutare nella fase iniziale di investimento durante la gestione nella fase finale di disinvestimento Politecnico di Torino 21

22 Flussi di cassa differenziali Quando l investimento si inserisce nella gestione corrente dell impresa, le uscite ed entrate sono intese come differenziali e cioè come costi od economie rispetto alla situazione in atto, da valutare nella fase iniziale di investimento durante la gestione nella fase finale di disinvestimento Non si considerano le voci che rimangono invariate (es. costi fissi di struttura) Politecnico di Torino 22

23 Fase iniziale Investimenti per la fase iniziale di vita 45 Fase iniziale Investimenti per la fase iniziale di vita costo di acquisto nuovo impianto Politecnico di Torino 23

24 Fase iniziale Investimenti per la fase iniziale di vita costo di acquisto nuovo impianto modifica/ampliamento altri impianti 47 Fase iniziale Investimenti per la fase iniziale di vita costo di acquisto nuovo impianto modifica/ampliamento altri impianti attività progettazione, realizzazione, avviamento Politecnico di Torino 24

25 Fase iniziale Investimenti per la fase iniziale di vita costo di acquisto nuovo impianto modifica/ampliamento altri impianti attività progettazione, realizzazione, avviamento perdite produzione (costo implicito) 49 Fase iniziale Investimenti per la fase iniziale di vita costo di acquisto nuovo impianto modifica/ampliamento altri impianti attività progettazione, realizzazione, avviamento perdite produzione (costo implicito) costi figurativi (utilizzo risorse esistenti) Politecnico di Torino 25

26 Fase iniziale Investimenti per la fase iniziale di vita costo di acquisto nuovo impianto modifica/ampliamento altri impianti attività progettazione, realizzazione, avviamento perdite produzione (costo implicito) costi figurativi (utilizzo risorse esistenti) costi evitati di manutenzione straordinaria 51 Fase iniziale Investimenti per la fase iniziale di vita costo di acquisto nuovo impianto modifica/ampliamento altri impianti attività progettazione, realizzazione, avviamento perdite produzione (costo implicito) costi figurativi (utilizzo risorse esistenti) costi evitati di manutenzione straordinaria eventuali recuperi impianto sostituito Politecnico di Torino 26

27 Fase di gestione Investimenti nella fase di gestione 53 Fase di gestione Investimenti nella fase di gestione aumento ricavi (prezzo, quantità) Politecnico di Torino 27

28 Fase di gestione Investimenti nella fase di gestione aumento ricavi (prezzo, quantità) aumento/diminuzione risorse lavoro 55 Fase di gestione Investimenti nella fase di gestione aumento ricavi (prezzo, quantità) aumento/diminuzione risorse lavoro riduzione costi manutenzione ordinaria Politecnico di Torino 28

29 Fase di gestione Investimenti nella fase di gestione aumento ricavi (prezzo, quantità) aumento/diminuzione risorse lavoro riduzione costi manutenzione ordinaria economie nei tempi di produzione, scarti lavorazione, costi dell energia, approvvigionamento materiali, Fase di gestione Investimenti nella fase di gestione aumento ricavi (prezzo, quantità) aumento/diminuzione risorse lavoro riduzione costi manutenzione ordinaria economie nei tempi di produzione, scarti lavorazione, costi dell energia, approvvigionamento materiali,... economie nella tassazione (per effetto della maggior quota di ammortamento) Politecnico di Torino 29

30 Fase finale Investimenti per la fase finale 59 Fase finale Investimenti per la fase finale disinvestimento terminale Politecnico di Torino 30

31 Fase finale Investimenti per la fase finale disinvestimento terminale attività fisse (recupero impianto al netto delle spese di rimozione e smaltimento) 61 Fase finale Investimenti per la fase finale disinvestimento terminale attività fisse (recupero impianto al netto delle spese di rimozione e smaltimento) attività circolanti (recupero scorte legate all investimento) Politecnico di Torino 31

32 63 Indici di valutazione (cifre di merito o indicatori segnaletici) Indici di valutazione Politecnico di Torino 32

33 Indici di valutazione Indici di valutazione (cifre di merito o indicatori segnaletici) grandezze che esprimono sinteticamente l utilità dell investimento 65 Indici di valutazione Indici di valutazione (cifre di merito o indicatori segnaletici) grandezze che esprimono sinteticamente l utilità dell investimento si riferiscono per lo più a tutta la vita dell impianto e al relativo flusso finanziario Politecnico di Torino 33

34 Indici di valutazione Indici di valutazione (cifre di merito o indicatori segnaletici) grandezze che esprimono sinteticamente l utilità dell investimento si riferiscono per lo più a tutta la vita dell impianto e al relativo flusso finanziario introducono per lo più il valore del denaro nel tempo 67 Flusso di cassa Flusso di cassa scontato o attualizzato Politecnico di Torino 34

35 Flusso di cassa Flusso di cassa scontato o attualizzato flusso di cassa (FC) = entrate e uscite nei vari anni di vita dell investimento 69 Flusso di cassa Flusso di cassa scontato o attualizzato flusso di cassa (FC) = entrate e uscite nei vari anni di vita dell investimento FC attualizzato(dcf=discounted Cash Flow): le somme di denaro disponibili nei vari anni vengono riportate all anno zero per renderle confrontabili (sommabili) Politecnico di Torino 35

36 Flusso di cassa Flusso di cassa scontato o attualizzato flusso di cassa (FC) = entrate e uscite nei vari anni di vita dell investimento FC attualizzato(dcf=discounted Cash Flow): le somme di denaro disponibili nei vari anni vengono riportate all anno zero per renderle confrontabili (sommabili) F 0 =-V A F 1... F n-1 F n =R n -C n +V R 71 Principali metodi Principali metodi di valutazione degli investimenti Politecnico di Torino 36

37 Principali metodi Principali metodi di valutazione degli investimenti valore attuale (NPV=Net Present Value, DCF=Discounted Cash Flow) 73 Principali metodi Principali metodi di valutazione degli investimenti valore attuale (NPV=Net Present Value, DCF=Discounted Cash Flow) tasso di rendimento interno (IRR= Internal Rate of Return, DCFRR=Discounted Cash Flow Rate of Return) Politecnico di Torino 37

38 Principali metodi Principali metodi di valutazione degli investimenti valore attuale (NPV=Net Present Value, DCF=Discounted Cash Flow) tasso di rendimento interno (IRR= Internal Rate of Return, DCFRR=Discounted Cash Flow Rate of Return) periodo di recupero del capitale (PBP=Pay Back Period) 75 NPV Valore attuale NPV somma delle entrate e uscite di cassa attualizzate n NPV=-I+ DCF= + I (R k n k C)(1 j) V(1 j) k R k= Politecnico di Torino 38

39 NPV Valore attuale NPV somma delle entrate e uscite di cassa attualizzate n NPV=-I+ DCF= + I (R k n k C)(1 j) V(1 j) k R k= 1 Altri parametri derivati indice di redditività attualizzato (Profitabilty Index) n (R k k C)(1+ j) + V(1+ j) DCF k R PI= = k = 1 I I n 77 Utilizzo del NPV NPV Politecnico di Torino 39

40 NPV Utilizzo del NPV confronta il valore reale delle entrate con quello delle uscite 79 NPV Utilizzo del NPV confronta il valore reale delle entrate con quello delle uscite valido per confronti di lungo periodo (riferito a tutta la vita e al valore reale dei flussi) Politecnico di Torino 40

41 IRR Tasso interno di redditività IRR andamento della funzione NPV(j) 81 IRR Tasso interno di redditività IRR andamento della funzione NPV(j) NPV(j) NPV= - I+F 1 x+ F 2 x F n x n x=(1+j) -1 NPV(j*)=0 j*=irr j Politecnico di Torino 41

42 IRR Utilizzo di IRR rappresenta il tasso di interesse per il quale si annulla il valore attuale 83 IRR Utilizzo di IRR rappresenta il tasso di interesse per il quale si annulla il valore attuale tiene conto di tutto il periodo di vita dell investimento Politecnico di Torino 42

43 IRR Utilizzo di IRR rappresenta il tasso di interesse per il quale si annulla il valore attuale tiene conto di tutto il periodo di vita dell investimento presuppone di poter reinvestire le disponibilità allo stesso IRR 85 PAYBACK Periodo di recupero del capitale PBP calcola il tempo necessario a recuperare il capitale investito secondo la relazione: Politecnico di Torino 43

44 Periodo di recupero del capitale PBP PAYBACK calcola il tempo necessario a recuperare il capitale investito secondo la relazione: * k -I + (R k k C )(1 j) + = 0 k k= 1 87 Periodo di recupero del capitale PBP calcola il tempo necessario a recuperare il capitale investito secondo la relazione: * k -I + (R k k C )(1 j) + = 0 k k= 1 PAYBACK NPV(k) K* n PBP = k* Politecnico di Torino 44

45 PAYBACK Utilizzo del PBP nella forma più semplice trascura l attualizzazione dei flussi di cassa 89 PAYBACK Utilizzo del PBP nella forma più semplice trascura l attualizzazione dei flussi di cassa misura la rapidità di rientro del capitale e quindi privilegia la liquidità Politecnico di Torino 45

46 PAYBACK Utilizzo del PBP nella forma più semplice trascura l attualizzazione dei flussi di cassa misura la rapidità di rientro del capitale e quindi privilegia la liquidità utile per investimenti brevi o aleatori 91 PAYBACK Utilizzo del PBP nella forma più semplice trascura l attualizzazione dei flussi di cassa misura la rapidità di rientro del capitale e quindi privilegia la liquidità utile per investimenti brevi o aleatori di facile comprensione e calcolo Politecnico di Torino 46

47 PAYBACK Utilizzo del PBP nella forma più semplice trascura l attualizzazione dei flussi di cassa misura la rapidità di rientro del capitale e quindi privilegia la liquidità utile per investimenti brevi o aleatori di facile comprensione e calcolo ignora i flussi successivi al rientro e quindi non misura la redditività 93 PAYBACK Utilizzo del PBP nella forma più semplice trascura l attualizzazione dei flussi di cassa misura la rapidità di rientro del capitale e quindi privilegia la liquidità utile per investimenti brevi o aleatori di facile comprensione e calcolo ignora i flussi successivi al rientro e quindi non misura la redditività è in genere un parametro di valutazione aggiuntivo e non sostitutivo dei precedenti Politecnico di Torino 47

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI testo di riferimento: Analisi inanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill, 2001 cap. 10. Indice Introduzione I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia Testo di riferimento: Analisi Finanziaria, McGraw-Hill, 2002 Obiettivi della lezione Capire i profili di

Dettagli

Le metodologie alternative al VAN

Le metodologie alternative al VAN Teoria della Finanza Aziendale Le metodologie alternative al VAN 6 1-2 Argomenti Il VAN e le possibili alternative Il Payback Period Il rendimento medio contabile Il TIR Valutazione in presenza di vincoli

Dettagli

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Rimini, 26 aprile 2006 1 The Inter temporal Effects of International Trade Valore in $ del consumo di beni oggi G D F H 1/(1+r) G Valore

Dettagli

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali Capitolo 10 Analisi degli investimenti in beni strumentali 1 I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti 1. Il tempo di recupero (payback period) 2. Il payback period attualizzato 3. Il rendimento

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI

I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI OIC 16: Immobilizzazioni materiali OIC 24: Immobilizzazioni immateriali OIC 9: Svalutazioni per perdite

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

CAP.1: FINANZA AZIENDALE.

CAP.1: FINANZA AZIENDALE. FINANZA AZIENDALE CAP.1: FINANZA AZIENDALE. Studio dei principi di valutazione della convenienza economica delle decisioni (finanziarie) di investimento e di finanziamento delle imprese. Il mercato si

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT CITTÀ DI TORINO ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT Rapporto 2007 ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Guida alla Valutazione. Listing Guides

Guida alla Valutazione. Listing Guides Guida alla Valutazione Listing Guides Ai lavori hanno partecipato (Aprile 2004): Mario Massari (Università L. Bocconi - Milano) BORSA ITALIANA (Nunzio Visciano, Massimiliano Lagreca) GOLDMAN SACHS INTERNATIONAL

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità 1 Introduzione La riscossione delle imposte è un attività che risale ai tempi antichi. Richiami al pagamento delle imposte si trovano anche nell Antico Testamento.

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

PROGETTO PEOPLE MOVER BOLOGNA RELAZIONE AL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

PROGETTO PEOPLE MOVER BOLOGNA RELAZIONE AL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO PROGETTO PEOPLE MOVER BOLOGNA RELAZIONE AL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO 1. IL PROGETTO... 4 2. PIANO ECONOMICO FINANZIARIO... 4 2.1 Introduzione... 4 2.2 Assunzioni Generali... 5 2.3 Piano Finanziario...

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO di Rossana MANELLI MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE (Classe 5 a IT IGEA, 5 a IP Economico - gestionale) La prova, indirizzata

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Introduzione Agenda La misura del valore: i fattori che influenzano il valore di un azienda

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rimanenze Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

GESTIONE CENTRI DI COSTO

GESTIONE CENTRI DI COSTO GESTIONE CENTRI DI COSTO Basta attribuire un conto economico ad un solo centro di costo fisso, oppure ad un centro di costo generico che, a sua volta, ridistribuisce a percentuale fissa su altri centri

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso.

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso. Deutsche Bank Easy. Guida all uso. . Le caratteristiche. è il prodotto di Deutsche Bank che si adatta al tuo stile di vita: ti permette di accedere con facilità all operatività tipica di un conto, con

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli