CALCOLI DI CONVENIENZA ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CALCOLI DI CONVENIENZA ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI"

Transcript

1 CALCOLI DI CONVENIENZA ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

2 Per ottenere una maggiore o migliore capacità produttiva, il decisore definisce i progetti di investimento industriale per mezzo dei quali individua le soluzioni per il miglioramento della capacità produttiva.

3 Ogni impresa può dover impiegare risorse finanziarie in modo durevole per conseguire i propri obiettivi di sviluppo. Una delle situazioni più diffuse: MODIFICARE LA CAPACITÀ PRODUTTIVA

4 Si è in presenza di un investimento se: 1) Si ha un notevole esborso monetario (anche nel corso del tempo). 2) Il ritorno dell investimento avviene in un tempo superiore al ciclo produttivo o all esercizio. 3) Il recupero dell investimento avviene attraverso la vendita dell output derivante dal capitale investito e dalla vendita del bene nel quale si è investito.

5 INVESTIMENTO: impiego rilevante di risorse attuali al fine di ottenere in un futuro non breve un ritorno positivo. INVESTIMENTO INDUSTRIALE: se il ritorno deriva dalla vendita dei prodotti, materiali o immateriali, che l investimento consente di ottenere. INVESTIMENTO FINANZIARIO: il ritorno si ottiene dalla rivendita dell investimento stesso.

6 INVESTIMENTO: impiego rilevante di risorse attuali al fine di ottenere in un futuro non breve un ritorno positivo. INVESTIMENTO INDUSTRIALE: se il ritorno deriva dalla vendita dei prodotti, materiali o immateriali, che l investimento consente di ottenere. INVESTIMENTO FINANZIARIO: il ritorno si ottiene dalla rivendita dell investimento stesso.

7 Da un punto di vista microeconomico, l investimento è il mezzo per assicurare lo sviluppo dell impresa stessa, ossia per accrescerne la produzione, ridurne i costi, migliorarla qualitativamente, estenderla a nuovi rami. Nelle economie moderne l investimento è spesso condizione della sopravvivenza stessa delle imprese.

8 da soli A seconda del TIPO gli investimenti industriali possono essere: DI SOSTITUZIONE, se riguardano l acquisto di un nuovo impianto al fine di sostituirne un altro divenuto obsoleto oppure la sostituzione di una parte dell impianto;

9 da soli DI AMMODERNAMENTO, nel caso in cui si voglia migliorare il processo produttivo o in termini economici (riduzione dei costi di produzione); o in termini qualitativi (miglioramento di una o più fasi del processo produttivo con vantaggio nel risultato finale). E bene precisare che non si tratta, in questo caso, dell ipotesi di attrezzare l impresa per ottenere nuovi prodotti.

10 da soli - DI ESPANSIONE, se l azienda vuole mettersi nelle condizioni atte a rispondere agli sviluppi della domanda sia in senso quantitativo (ampliamento dei consumi di un dato prodotto), sia in senso qualitativo (richiesta di nuovi prodotti, magari su nuovi mercati).

11 da soli Dal punto di vista della loro RILEVANZA gli investimenti possono invece classificarsi in: - STRATEGICI, nel caso in cui venga interessato direttamente il vertice aziendale o l imprenditore stesso in quanto vengono determinate le linee di sviluppo futuro dell impresa, vengono coinvolte rilevanti risorse e si va ad alterare in modo sensibile l assetto aziendale esistente.

12 da soli - OPERATIVI sono quelli che non incidono in modo particolarmente significativo sulle linee di sviluppo dell impresa, né coinvolgono parti rilevanti di essa. Rientrano perciò all interno di strategie già in atto e ne costituiscono la loro attuazione.

13 La collocazione delle entrate e uscite nel tempo consente un importante classificazione degli investimenti secondo quattro diversi tipi: P.I.C.O, P.I.P.O, C.I.C.O. C.I.P.O.

14 P.I.C.O. Point Input, Continuous Output L investimento di tipo P.I.C.O. è caratterizzato da un unica uscita finanziaria (input), alla quale segue un flusso di entrate finanziarie (output) per tutta la vita dell investimento. L investimento del tipo P.I.C.O. è tipico delle imprese industriali, come ad esempio l implementazione di un nuovo impianto produttivo, il quale si può considerare acquisito in un dato istante, e la cui utilità, peraltro a sua volta frutto di operazioni complesse, viene consumata durante tutta la vita dell impianto, dando origine a flussi monetari netti in entrata.

15 P.I.P.O. Point Input, Point Output L investimento di tipo P.I.P.O. è caratterizzato da un unica uscita finanziaria (input) ed un unica entrata finanziaria (output). Trattasi di una forma caratterista della gestione finanziaria dell impresa, soprattutto per operazioni speculative. Non riguarda in genere forme di investimento industriale.

16 C.I.P.O. Continuous Input, Point Output L investimento di tipo C.I.P.O. è caratterizzato da una successione di uscite finanziarie (input) ed un unica entrata finanziaria (output). Trattasi di una forma caratteristica del settore assicurativo, in cui l assicurato corrisponde dei premi periodici lungo un arco di tempo per ricevere una somma nel futuro e, quindi, neppure in questo caso si può fare riferimento a forme di investimento industriale.

17 C.I.C.O. Continuous Input, Continuous Output L investimento di tipo C.I.C.O. è caratterizzato da una successione di uscite finanziarie (input) che precede nel tempo un altra successione di entrate finanziarie (output).

18 da soli L investimento industriale è uno scambio tra flussi di cassa attuali, certi e quantificabili, ed altri flussi futuri, incerti e più o meno difficili da stimare.

19 Le caratteristiche essenziali di un analisi qualitativamente e quantitativamente accettabile sono principalmente: - La completezza, - La precisione, - La misurabilità. da soli

20 da soli La completezza è forse il requisito più importante per la qualità dell analisi di un investimento, in quanto: - Al fine di supportare una decisione gli errori che si commettono trascurando una prestazione rilevante dell investimento sono generalmente superiori agli errori che derivano dalla non corretta misurazione di qualche prestazione; - Al fine della comprensione delle prestazioni e delle opportunità, è evidente che se un fattore non viene tenuto per niente in considerazione esso non avrà una sua misurazione e quindi il decisore non potrà valutare il progetto sulla base di quella specifica variabile; - Al fine di un controllo ex post dei risultati dell investimento, la completezza della valutazione è essenziale in quanto essa permette di avere un termine di paragone tra ciò che accade e ciò che si era preventivato.

21 da soli Con precisione si intende l attitudine di ogni variabile a rappresentare in maniera corretta l eventuale evento futuro sulla base degli obiettivi aziendali.

22 da soli Infine, l ultimo importante requisito del modello di analisi di un investimento è la misurabilità. Essa riguarda anzitutto la possibilità di basare l analisi dell investimento su grandezze quantitative, cui possono essere associati indicatori misurabili.

23 da soli

24 GLI STEP DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI 1. Il primo importantissimo step è una corretta analisi del problema che non l investimento si vuole risolvere, cioè l obiettivo che si vuole raggiungere.

25 2. La fase successiva è l individuazione di tutte le alternative capaci di risolvere, in modo più o meno completo, il problema descritto.

26 3. Con la terza fase ogni alternativa individuata viene analizzata in ogni sua conseguenza sulla realizzazione dell obiettivo finale.

27 4. Ogni dato così raccolto deve essere inserito in un prospetto che evidenzi i flussi generati da ogni proposta in modo da, nell ultima fase, poter scartare le alternative non convenienti e mettere a confronto quelle positive per poter scegliere quella che risulta migliore a seconda del criterio di scelta selezionato.

28 La decisione, come già anticipato, verrà presa sulla base di un criterio di scelta che deve essere identificato in modo chiaro e preciso.

29 I criteri di scelta, tra i quali generalmente si individua quello più appropriato, sono: - Il criterio dell economicità. - Il criterio della redditività. - Il criterio della rapidità del rientro del capitale.

30 L economicità differenza algebrica dei flussi di cassa positivi, principalmente i ricavi conseguibili con l investimento, con i flussi di cassa negativi, ovvero tutti i costi che si sosterranno sia per l acquisto dell oggetto dell investimento stesso che per il funzionamento nel tempo.

31 Redditività: mette a confronto il recupero ottenuto nel tempo con il capitale investito.

32 L ultimo criterio preso in esame in questa sede valuta gli investimenti sulla base della rapidità di rientro del capitale, ovvero sul tempo di recupero.

33 I MODELLI CLASSICI A SUPPORTO DELLE VALUTAZIONI DI CONVENIENZA

34 Per modello si intende uno strumento atto a misurare la convenienza ad investire sulla base del risultato economico stimato tenendo conto di un orizzonte temporale (vita utile).

35 I MODELLI si distinguono fra quelli che utilizzano metodi aritmetici e quelli che utilizzano invece metodi finanziari complessi.

36 I metodi aritmetici NON tengono gran conto del fattore tempo e quindi non attribuiscono importanza al fatto che un flusso in entrata o in uscita venga generato nel primo, secondo, terzo, ecc. anno di vita dell investimento, cioè in periodi temporali non omogenei.

37

38

39 I METODI FINANZIARI, invece, considerano il fattore tempo e cercano di perseguire l omogeneità delle grandezze economiche per la valutazione di un investimento in termini di metro monetario, considerando quindi il costo del trasporto del denaro nel tempo.

40 Il procedimento che permette di rendere comparabili valori diversi per distribuzione temporale, in particolare che permette di portare al tempo zero le grandezze che si presume si realizzeranno negli anni futuri, è l ATTUALIZZAZIONE.

41 100 oggi non valgono come 100 tra un anno o due anni. Come faccio a comparare i valori di 100 tra X anni? TAVOLE

42

43

44 COSTO DEL CAPITALE Remunerazione che ci chiede la banca o l investitore per il capitale prestato. Dipende dal tasso di interesse, il quale dipende, ad esempio: dalle condizioni macroeconomiche, dal rischio legato all investimento, dall inflazione, dalle condizioni di mercato ecc.

45 L attualizzazione opera quindi al contrario rispetto al tasso d interesse. Infatti, mentre il tasso di interesse si adopera quando bisogna muovere la ricchezza dal presente al futuro, il tasso di attualizzazione si adopera per muovere il valore della ricchezza dal futuro al presente.

46 In particolare, i modelli fondamentali che usano i metodi finanziari sono: - L Eccedenza di Valore Attualizzato (E.V.A.,o nella terminologia inglese Net Present Value, N.P.V.), - Il Tasso Interno di Redditività (T.I.R., o nella terminologia inglese Internal Rate of Return, I.R.R.), - Il Periodo di Recupero attualizzato (o nella terminologia inglese Payback Period).

47 Si distingue, in genere: una fase di impianto durante la quale l impresa realizza il progetto (t0); un periodo di esercizio che coincide con il funzionamento del progetto stesso (t1) (t2) (t3) (tn);.

48 Ogni investimento è caratterizzato da un flusso di esborsi che iniziano al tempo zero con l uscita in conto capitale e continuano negli anni a seguire con uscite in conto esercizio che vengono messe a confronto con i flussi in entrata, ovviamente sempre in conto esercizio.

49 Oltre ai costi in conto capitale e ai costi e ricavi in conto esercizio occorrerà non trascurare altre eventuali voci di costo e ricavo straordinarie, ovvero dei FATTORI INTEGRATIVI o CORRETTIVI del flusso di cassa.

50 Fattori integrativi e correttivi

51 - Valore residuo (o di realizzo): nel caso in cui l investimento riguardi un impianto industriale, rappresenta il valore realizzabile rivedendo l impianto stesso sul mercato dell usato o simili; esso si può riferire sia al vecchio impianto, se si tratta di un investimento di rinnovo, sia al nuovo impianto. Nel primo caso il valore residuo rettificherà il costo di acquisto dell investimento al tempo t₀, diminuendone l ammontare, nel secondo caso, invece, si realizzerà nell ultimo anno di vita utile aumentando il valore delle rispettive disponibilità;

52 - Capitale d esercizio: riguarda una spesa aggiuntiva che l azienda sostiene nel momento in cui compie l investimento per dotarsi di mezzi di lavoro aggiuntivi che utilizzerà durante la vita utile dell investimento. Tali risorse aggiuntive delle quali si dota aumentano evidentemente il costo dell investimento, ma vengono poi recuperate di anno in anno potendo godere di risparmi di costo. Infatti avendo già sostenuto la spesa inizialmente, non sarà più necessario acquistare quei mezzi di lavoro ; ciò si concretizza in un aumento del valore delle disponibilità dei diversi anni.

53 - Contributi a fondo perduto: fanno riferimento ai contributi che organizzazioni esterne all azienda, come possono essere i pubblici decisori ai vari livelli (Stato, Regione, Comuni, ecc.), elargiscono senza vincolo di ritorno del capitale ceduto. Il contributo ha effetto sul costo dell investimento, diminuendolo, se esso viene assegnato contemporaneamente all attuazione del progetto; ha invece effetto sul valore delle disponibilità future se esso viene concesso in un preciso anno di vita utile (in questo caso il valore delle disponibilità di quell anno sarà incrementato per l ammontare del contributo, visto il flusso di cassa positivo aggiuntivo).

54 - Contributo in conto interessi: gli stessi soggetti di cui sopra possono anche influire sulla convenienza di un progetto di investimento modificando il costo del capitale preso a prestito. E possibile infatti che l azienda riceva un contributo in termini di punti percentuali sul tasso di interesse o in termini assoluti sul valore relativo ai costi finanziari dell operazione. In entrambi i casi l effetto si vedrà sulle disponibilità di ogni anno della vita utile che saranno aumentate per un valore pari al contributo in conto interessi;

55 - Fiscalizzazione degli oneri sociali: fa riferimento ad un contributo che l impresa riceve attraverso il sollievo di parte o del totale degli oneri sociali di competenza a favore dei propri dipendenti (contributo generalmente a carico dello Stato o di altri pubblici di vario livello). Tale contributo si individua quindi come un risparmio di costo sulla voce relativa alla manodopera ed avrà effetti positivi sulle disponibilità annue.

56 La differenza tra i ricavi di esercizio e i costi di esercizio, eventualmente corretti dalle voci di costo o ricavo straordinarie, è chiamata DISPONIBILITÀ. Le disponibilità, riferite ai diversi anni di vita utile, rappresentano quindi le risorse monetarie disponibili all azienda grazie all attività consentita dall investimento.

57 ATTENZIONE!!!! GLI ONERI FINANZIARI (le imposte), in genere le valutazioni di convenienza degli investimenti industriali sorvolano l aspetto fiscale delle operazioni perché nella maggior parte dei casi esso non rappresenta una variabile differenziale per le alternative oggetto di analisi.

58 ATTENZIONE!!!! Nel calcolo delle disponibilità annue NON vengono però conteggiati tra i costi la quota di AMMORTAMENTO relativa all immobilizzazione materiale o immateriale oggetto dell investimento. L'ammortamento è un procedimento con il quale un costo pluriennale viene ripartito tra gli esercizi di vita utile del bene, facendolo partecipare per quote alla determinazione del reddito dei singoli esercizi. Infatti, quando un'azienda acquista un bene destinato a essere utilizzato per più anni, ad esempio un macchinario, il relativo costo sostenuto viene ripartito in funzione del numero di anni per l'acquisto in tante quote quanti sono gli esercizi nei quali il macchinario sarà presumibilmente impiegato. Se così non fosse il costo verrebbe imputato interamente nell'esercizio in cui viene acquistato disattendendo il principio della competenza economica dei componenti reddituali.

59 Il motivo risiede innanzitutto nella loro natura di costi non finanziari, o meglio di costi che non presentano un reale riscontro finanziario o di cassa. In secondo luogo, il motivo risponde ad una ragione aritmetica per cui il conteggiare le quote di ammortamento introdurrebbe una duplicazione del costo effettivo in conto capitale dell investimento, visto che tale costo viene già contato una volta per intero al tempo t₀, all interno del valore I₀.

60 La vita dell impianto: - Vita fisica (periodo per cui la macchina può mantenere l efficienza originaria: costanza delle prestazioni). - Vita tecnologica (periodo di tempo in cui la macchina è in grado di fornire, con la stessa economicità e competitività, le prestazioni originarie: obsolescenza della macchina). - Vita tecnico-commerciale (periodo di tempo in cui la macchina riesce a conservare un utilità economica: obsolescenza del prodotto). N.B. PER PRUDENZA SI PRENDE SEMPRE IN ESAME LA VITA PIÙ BREVE

61 E.V.A. EVA = - I + Datt. I valore dato (anche se a volte da calcolare) D = R-C

62 EVA > 0 investimento conveniente EVA < 0 investimento NON conveniente EVA = 0 investimento da valutare

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici. Prof. Michele Meoli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici. Prof. Michele Meoli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di (7,5 CFU) Allievi Meccanici Prof. Michele Meoli 3.2 Il Valore Attuale Netto Analisi degli investimenti Overview tecniche di valutazione degli investimenti Tra

Dettagli

Valutaz. redditività investimenti impiantistici

Valutaz. redditività investimenti impiantistici Ingegneria economica 1 Valutaz. redditività investimenti impiantistici Investimenti industriali Flussi di cassa Fasi degli investimenti Metodi di valutazione 2 2005 Politecnico di Torino 1 3 Il flusso

Dettagli

Studio di fattibilità e classificazione dei costi degli impianti industriali

Studio di fattibilità e classificazione dei costi degli impianti industriali Studio di fattibilità e classificazione dei costi degli impianti industriali Roberto Pinto Dipartimento di Ingegneria Gestionale, dell Informazione e della Produzione (DIGIP) Università di Bergamo Progettazione

Dettagli

Valutazione degli investimenti

Valutazione degli investimenti Valutazione degli investimenti Mutina Profit Consulting S.r.l. affianca l imprenditore nella valutazione degli investimenti sia in termini di sostenibilità economica, mediante la predisposizione di Business

Dettagli

NEL MODELLO MICROECONOMICO

NEL MODELLO MICROECONOMICO NEL MODELLO MICROECONOMICO 1 solo periodo Output: flusso Input: flusso Decisioni dell impresa: raffrontare ricavi correnti con costi correnti Questo si adatta bene ad alcuni fattori (il LAVORO) Meno soddisfacente

Dettagli

IL VALORE FINANZIARIO DEL TEMPO. Docente: Prof. Massimo Mariani

IL VALORE FINANZIARIO DEL TEMPO. Docente: Prof. Massimo Mariani IL VALORE FINANZIARIO DEL TEMPO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il concetto di tempo Il valore finanziario del tempo Le determinanti del tasso di interesse La formula di Fisher I flussi di cassa

Dettagli

Gli ambiti della finanza aziendale

Gli ambiti della finanza aziendale LA FUNZIONE FINANZA Finanza aziendale Governo delle risorse di capitale dell azienda, attuato regolando tutti i movimenti di acquisizione e di impiego dei mezzi finanziari Gli ambiti della finanza aziendale

Dettagli

Logiche e strumenti per la valutazione degli investimenti

Logiche e strumenti per la valutazione degli investimenti Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Logiche e strumenti per la valutazione degli investimenti Capitolo 13 Indice degli argomenti 1. Definizioni e modalità di classificazione

Dettagli

ASPETTI DELLA GESTIONE AZIENDALE RAMO FINANZIARIO E RAMO ECONOMICO

ASPETTI DELLA GESTIONE AZIENDALE RAMO FINANZIARIO E RAMO ECONOMICO ASPETTI DELLA GESTIONE AZIENDALE RAMO FINANZIARIO E RAMO ECONOMICO RAMO FINANZIARIO: coinvolge le grandezze finanziarie: denaro, crediti e debiti di varia natura, sia di funzionamento che di finanziamento.

Dettagli

Le tecniche di finanziamento: il confronto di convenienza tra mutuo e leasing

Le tecniche di finanziamento: il confronto di convenienza tra mutuo e leasing Le tecniche di finanziamento: il confronto di convenienza tra mutuo e leasing Metodologie di tipo finanziario per la valutazione di convenienza Requisiti base di una metodologia finanziaria di valutazione:

Dettagli

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA REDAZIONE DEL BILANCIO CIVILISTICO 2014: LE PRINCIPALI NOVITA PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 Dr. Riccardo Bauer 2 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

Scegliere gli investimenti

Scegliere gli investimenti 1-1 Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso 6 Scegliere gli investimenti A. con il metodo del valore attuale netto 1- Argomenti Come si determinano i flussi di cassa da attualizzare Le decisioni di investimento

Dettagli

L IMPATTO FINANZIARIO CORRELATO ALL ACQUISTO DI UN AUTOVEICOLO

L IMPATTO FINANZIARIO CORRELATO ALL ACQUISTO DI UN AUTOVEICOLO Secondo Incontro Giovedì 14 Aprile 2011 L IMPATTO FINANZIARIO CORRELATO ALL ACQUISTO DI UN AUTOVEICOLO Interviene: Prof. Adriano Gios SOMMARIO LA SOSTENIBILITA FINANZIARIA DELL INVESTIMENTO IL DIVERSO

Dettagli

Giudizi di convenienza sull esecuzione di un miglioramento fondiario

Giudizi di convenienza sull esecuzione di un miglioramento fondiario DIPARTIMENTO di AGRARIA Corso di Laurea in SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE Classe L-25: Classe delle lauree in Scienze e Tecnologie Agrarie e Forestali Anno accademico 2012-2013 Corso integrato Economia e

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

Analisi di fattibilità e valutazione dell investimento. Sergio Terzi

Analisi di fattibilità e valutazione dell investimento. Sergio Terzi Analisi di fattibilità e valutazione dell investimento Sergio Terzi 1 Investimenti industriali Esempi di progetti di investimento sono: Apertura di un nuovo stabilimento Messa in opera di un nuovo impianto

Dettagli

CL Produzioni Animali

CL Produzioni Animali CL Produzioni Animali Anno Accademico 2013-134 Metodi e Strumenti di analisi degli investimenti introduzione La valutazione economica degli investimenti costituisce una tipica analisi di LUNGO PERIODO

Dettagli

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio 1 di 6 La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio Come possono essere classificate le operazioni di gestione? La gestione aziendale è l insieme coordinato di operazioni attraverso le quali l impresa

Dettagli

Scegliere gli investimenti con il A. metodo del valore attuale netto

Scegliere gli investimenti con il A. metodo del valore attuale netto 1-1 Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 007-008 6 Scegliere gli investimenti con il A. metodo del valore attuale netto 1- Argomenti Come si determinano i flussi di cassa da attualizzare

Dettagli

I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie e classificazioni.

I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie e classificazioni. Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie

Dettagli

Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore

Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore di Paolo Moretti Le perdite di valore per le immobilizzazioni materiali, disciplinate dallo IAS 16 «Immobili, impianti e macchinari»,

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426)

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) 22 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ACQUISTO DI UNA IMMOBILIZZAZIONE MATERIALE DA TERZI CON ACCONTO AL FORNITORE (punto 1, art. 2426) Si faccia l esempio dell

Dettagli

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 12 L ECONOMICITA AZIENDALE 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 L economicità Tutte le aziende, per poter conseguire i propri fini, devono essere in grado di operare in condizioni di: -autonomia

Dettagli

Valutazione degli investimenti aziendali

Valutazione degli investimenti aziendali Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Valutazione degli investimenti aziendali Capitolo 18 Indice degli argomenti 1. Definizione e classificazione degli investimenti 2. I profili

Dettagli

Le decisioni di investimento

Le decisioni di investimento DISPENSA 6 Economia ed Organizzazione Aziendale Le decisioni di investimento 1 Le decisioni di investimento Una introduzione 2 Come è possibile misurare, attraverso grandezze economico-finanziarie, l impatto

Dettagli

Reddito d esercizio e Capitale di funzionamento (I parte)

Reddito d esercizio e Capitale di funzionamento (I parte) Reddito d esercizio e Capitale di funzionamento (I parte) 1 REDDITO flusso di ricchezza che, in un definito arco temporale di vita dell impresa, per effetto della gestione,! incrementa il valore del capitale

Dettagli

06/11/15 OBIETTIVI ESERCIZIO 1: CAE E OTC IL COSTO ANNUO EQUIVALENTE

06/11/15 OBIETTIVI ESERCIZIO 1: CAE E OTC IL COSTO ANNUO EQUIVALENTE OBIETTIVI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE ESERCITAZIONI DI FINANZA AZIENDALE ESERCITAZIONE 4 1) CAE; 2) OTC; 3) Sostituzione anticipata

Dettagli

10 L EFFICIENZA. L efficienza

10 L EFFICIENZA. L efficienza 10 L EFFICIENZA Ragioneria Generale e Applicata 1 L efficienza Quali condizioni aiutano l azienda a raggiungere l equilibrio economico? L Efficienza Un impresa è efficiente quando riesce a massimizzare

Dettagli

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI. a cura di Norberto Villa Pubblicista Esperto Tributario

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI. a cura di Norberto Villa Pubblicista Esperto Tributario LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI a cura di Norberto Villa Pubblicista Esperto Tributario 1 modulo Classificazione codice civile La classe B-I dell art. 2424 C.C. individua 7 categorie di immobilizzazioni

Dettagli

Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale

Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale La valorizzazione dei beni immateriali: i metodi di valutazione Rag. Roberto Spaggiari Reggio Emilia 20 giugno 2013 Page 1 Tempi di crisi Coscienza

Dettagli

La produzione. Produzione

La produzione. Produzione La produzione Produzione > La produzione è attività che consiste nella combinazione di fattori produttivi (input) e nella loro trasformazione in prodotti (output) direttamente consumabili destinati ad

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Scuola di Ingegneria Corso di prof.ssa Maria Sole Brioschi Esercizi sulle decisioni aziendali di lungo periodo DLP-E2 Corso 20099 Corso di Laurea Triennale in Ingegneria

Dettagli

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Capitolo 19 Indice degli argomenti 1. Condizioni per un sano sviluppo

Dettagli

Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria

Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria Silvana Stefani Piazza dell Ateneo Nuovo 1-20126 MILANO U6-368 silvana.stefani@unimib.it 1 Unità 9 Contenuti della lezione Operazioni finanziarie, criterio

Dettagli

Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO

Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO LE DECISIONI DI INVESTIMENTO Cosa significa «Investimento»? L investimento è la seconda

Dettagli

!!!!OIC!16!!IMMOBILIZZAZIONI! MATERIALI! Prof.!Andrea!Amaduzzi!

!!!!OIC!16!!IMMOBILIZZAZIONI! MATERIALI! Prof.!Andrea!Amaduzzi! OIC16 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prof.AndreaAmaduzzi FINALITA DEL PRINCIPIO TRATTAMENTO CONTABILE ED INFORMATIVA IN NOTA INTEGRATIVA IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI CRITERI DI RILEVAZIONE, CLASSIFICAZIONE E

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

Gli aspetti economici di stima

Gli aspetti economici di stima Gli aspetti economici di stima Generalità Per aspetto economico o criterio di stima si intende il tipo di valore che si intende attribuire a un bene economico. Per tipo di valore si intende uno schema

Dettagli

INDICI DI BILANCIO. Lo stato patrimoniale, riclassificato, assume la forma che schematizziamo di seguito:

INDICI DI BILANCIO. Lo stato patrimoniale, riclassificato, assume la forma che schematizziamo di seguito: INDICI DI BILANCIO L analisi per indici del bilancio consiste nel calcolare, partendo dai dati dello Stato patrimoniale e del Conto economico, opportunamente revisionati e riclassificati, indici (quozienti,

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI. Dispensa per i corsi di Ingegneria

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI. Dispensa per i corsi di Ingegneria ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Dispensa per i corsi di Ingegneria Michele Gorgoglione Sommario Cap. 1. La natura degli investimenti e il processo decisionale Natura degli investimenti nell impresa e cenni

Dettagli

La valutazione degli investimenti reali

La valutazione degli investimenti reali Teoria della Finanza Aziendale La valutazione degli investimenti reali 5 1-2 Argomenti Dai valori mobiliari agli investimenti reali Analisi dei progetti di investimento Determinazione dei flussi di cassa

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese I A.A. 2007-2008

Economia e Gestione delle Imprese I A.A. 2007-2008 Valutazione dei progetti d investimento i industriale i Università degli Studi di Firenze 1 Cos è un progetto d investimento? Un insieme di attività, produttive o finanziarie, in cui l'azienda impegna

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

Sistemi di Controllo di Gestione

Sistemi di Controllo di Gestione Sistemi di Controllo di Gestione Decisioni di lungo termine: la scelta degli investimenti 1 Che cosa è un investimento Un investimento è un impegno di risorse monetarie di lungo periodo a fronte del quale

Dettagli

Albez edutainment production. Il patrimonio. Classe III ITC

Albez edutainment production. Il patrimonio. Classe III ITC Albez edutainment production Il patrimonio Classe III ITC Alla fine di questo modulo sarete in grado di: Conoscere la condizione di equilibrio patrimoniale e finanziario di un impresa Conoscere e classificare

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005 EMAN SOFTWARE S.P.A. SEDE LEGALE: MILANO Viale Monza 265 CAPITALE SOCIALE: Euro 120.000.= i.v. CODICE FISCALE: 04441590967 CCIAA di Milano nº 1747663 REA REGISTRO IMPRESE di Milano nº 04441590967 Società

Dettagli

Saggio di attualizzazione, tasso di rendimento interno e saggio di capitalizzazione

Saggio di attualizzazione, tasso di rendimento interno e saggio di capitalizzazione Saggio di attualizzazione, tasso di rendimento interno e saggio di capitalizzazione 27.XI.2013 Scopo e temi della lezione I principali tassi per la misura del valore degli investimenti sono: il saggio

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Il sistema delle operazioni tipiche di gestione

Il sistema delle operazioni tipiche di gestione Il sistema delle operazioni tipiche di gestione 1 LA GESTIONE Sistema delle attività svolte sul capitale per la realizzazione della funzione di CREAZIONE DI UTILITÀ propria di ogni azienda Il capitale

Dettagli

GLI EQUILIBRI AZIENDALI

GLI EQUILIBRI AZIENDALI GLI EQUILIBRI AZIENDALI Il fine ultimo dell azienda è se stessa, ossia la sua capacità di sopravvivere e svilupparsi, operando in condizioni di «equilibrio». Le condizioni di equilibrio aziendale sono

Dettagli

Esercizio 1 Calcolare il montante F di 10.000 con un interesse semplice del 15% annuo, dopo 4 anni. [16.000 ]

Esercizio 1 Calcolare il montante F di 10.000 con un interesse semplice del 15% annuo, dopo 4 anni. [16.000 ] Esercizio 1 Calcolare il montante F di 10.000 con un interesse semplice del 15% annuo, dopo 4 anni. [16.000 ] Esercizio 2 Del precedente esercizio calcolare il montante in regime di capitalizzazione composta.

Dettagli

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale 1. IL VALORE ATTUALE La logica di investimento aziendale è assolutamente identica a quella adottata per gli strumenti finanziari. Per poter

Dettagli

EQUILIBRIO ECONOMICO-FINANZIARIO

EQUILIBRIO ECONOMICO-FINANZIARIO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE Anno Accademico 2011 2012 Lezione 13 EQUILIBRIO ECONOMICO-FINANZIARIO -FINANZIARIO

Dettagli

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni CAPITOLO 2 Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni Semplici PROBLEMI 1. a. Negativo; b. VA = C 1 /(1 + r); c. VAN = C 0 + [C 1 /(1 + r)]; d. r è la remunerazione a cui si

Dettagli

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC Albez edutainment production Il reddito Classe III ITC Alla fine di questo modulo sarete in grado di: Conoscere la condizione di equilibrio economico di un impresa Conoscere la classificazione dei costi

Dettagli

Introduzione al concetto di azienda e alle operazioni di gestione

Introduzione al concetto di azienda e alle operazioni di gestione Introduzione al concetto di azienda e alle operazioni di gestione 1 L attività economica L attività umana diventa attività ECONOMICA quando comporta l uso di beni, risorse ovvero di mezzi scarsi, per la

Dettagli

La teoria finanziaria del valore asserisce che il valore di una iniziativa dipende essenzialmente da tre fattori:

La teoria finanziaria del valore asserisce che il valore di una iniziativa dipende essenzialmente da tre fattori: La teoria finanziaria del valore asserisce che il valore di una iniziativa dipende essenzialmente da tre fattori: i flussi monetario che l iniziativa è in grado di generare il profilo temporale associabile

Dettagli

Introduzione. fornisce un rendiconto dell attività economica di una impresa relativa all ultimo anno solare;

Introduzione. fornisce un rendiconto dell attività economica di una impresa relativa all ultimo anno solare; Appunti di Economia Documenti costituenti il bilancio d esercizio di una impresa Introduzione... 1 Stato patrimoniale... 2 Debiti e crediti... 3 Equazione contabile fondamentale dello stato patrimoniale...

Dettagli

Economia e organizzazione aziendale

Economia e organizzazione aziendale Economia e organizzazione aziendale Corso di Laurea: Ing. Meccanica Ing. e Informatica Prof. Fabio Bertoni Esercizi su analisi degli investimenti Esercizio 1 Un impresa intende valutare la possibilità

Dettagli

ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE

ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE INVESTIMENTI: LEASING E FINANZIAMENTI A CONFRONTO Dott. Aldo Canal e Dott. Gianluca Giacomello Mestre (VE), 30 Ottobre 2015 Agenda Parte 1 Parte 2 SCELTE DI INVESTIMENTO

Dettagli

Tutorato 2. Martedi 21 Ottobre 2014 Dott.ssa G. Catani

Tutorato 2. Martedi 21 Ottobre 2014 Dott.ssa G. Catani Tutorato 2 Martedi 21 Ottobre 2014 Dott.ssa G. Catani SEZIONE I: AZIENDA DI EROGAZIONE Esercizio 1 Un azienda di erogazione ha ricevuto elargizioni per 10.000. A quale area di gestione appartengono i flussi

Dettagli

Calcolo economico e finanziario: Esercizi svolti

Calcolo economico e finanziario: Esercizi svolti Calcolo economico e finanziario: Esercizi svolti 1. Si vuole realizzare un investimento acquistando un macchinario il cui costo è 1.000. Sarà finanziato per metà attraverso un prestito rimborsabile in

Dettagli

Capitolo VI. MODELLI DI RAPPRESENTAZIONE DELL ECONOMICITA

Capitolo VI. MODELLI DI RAPPRESENTAZIONE DELL ECONOMICITA Capitolo VI. MODELLI DI RAPPRESENTAZIONE DELL ECONOMICITA 1 CONOSCERE PER DECIDERE I soggetti coinvolti nella vita dell azienda hanno il diritto e il dovere di conoscere le condizioni del suo svolgimento,

Dettagli

IL PROCESSO DI BUDGETING

IL PROCESSO DI BUDGETING IL PROCESSO DI BUDGETING DAI BUDGET DELLE STRUTTURE CENTRALI AL MASTER BUDGET BUDGET DELLE STRUTTURE CENTRALI OGGETTO Tutte le aree funzionali non direttamente coinvolte nel ciclo operativo: amministrazione,

Dettagli

La programmazione delle scelte finanziarie

La programmazione delle scelte finanziarie Economia e gestione delle imprese II La programmazione delle scelte finanziarie dott. Matteo Rossi Benevento, 23 febbraio 2009 La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso

Dettagli

La valutazione delle immobilizzazioni immateriali

La valutazione delle immobilizzazioni immateriali CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle immobilizzazioni immateriali Seconda lezione 1 DEFINIZIONE condizioni produttive controllate dall impresa, utili per l esercizio della sua gestione

Dettagli

ANALISI COSTI-BENEFICI

ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI-BENEFICI Valutazione di progetti pubblici Le politiche pubbliche correnti consistono nel realizzare progetti pubblici: il policy maker deve decidere quale progetto è da preferire tra le varie

Dettagli

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA'

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' Approvato con Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 17.12.2001 1 CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

Subsistema Gestionale: definizione

Subsistema Gestionale: definizione ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Anno Accademico 2014/2015 IL SUBSISTEMA GESTIONALE NELL INDIVIDUAZIONE DEI SUOI COLLEGATI ASPETTI E DEI RELATIVI MODELLI RAPPRESENTATIVI (CAP. 4) Unit 3 Slide 3.2.1 Lezioni

Dettagli

IAS 17 : LEASING. Schemi di analisi. Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani

IAS 17 : LEASING. Schemi di analisi. Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani IAS 17 : LEASING Schemi di analisi Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani INDICE SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE CLASSIFICAZIONE CONTABILIZZAZIONE VENDITA E RETROLOCAZIONE PRINCIPI CONTABILI

Dettagli

degli investimenti in uno studio odontoiatrico _Abstract Autore_Franco Cellino, Italia

degli investimenti in uno studio odontoiatrico _Abstract Autore_Franco Cellino, Italia L analisi degli investimenti in uno studio odontoiatrico Autore_Franco Cellino, Italia _Abstract La nota vuole fornire alcune linee guida che il dentista imprenditore dovrebbe seguire per valutare la fattibilità

Dettagli

Il rendiconto finanziario

Il rendiconto finanziario Il rendiconto finanziario Il rendiconto finanziario a. Definizione b. Obiettivi c. Contenuti d. Fasi di redazione e. Presupposti f. Limiti g. Il rendiconto finanziario sintetico 2 1 a. Definizione Il rendiconto

Dettagli

Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli

Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli Martin Hoesli Giacomo Morri Capitolo 2 RENDIMENTO E RISCHIO DI UN INVESTIMENTO IMMOBILIARE Agenda Rendimento - Rendimenti immediati -

Dettagli

Lezione 18 1. Introduzione

Lezione 18 1. Introduzione Lezione 18 1 Introduzione In questa lezione vediamo come si misura il PIL, l indicatore principale del livello di attività economica. La definizione ed i metodi di misura servono a comprendere a quali

Dettagli

UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. L analisi degli investimenti industriali

UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA. L analisi degli investimenti industriali UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA L analisi degli investimenti industriali Lezioni per il Corso di Diploma Universitario Economia e amministrazione delle imprese Anno Accademico 2000/2001 ASSI -

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

Aumenti reali del capitale sociale

Aumenti reali del capitale sociale Aumenti reali del capitale sociale Gli aumenti del capitale sociale possono essere: virtuali con gli aumenti virtuali non aumentano i mezzi a disposizione della azienda e il suo patrimonio netto, che si

Dettagli

valutazione investimento

valutazione investimento INTERNI DESIGN Progettazione e realizzazione nuovo prodotto City valutazione investimento Sistema di sedute modulare Prodotto City La INTERNI DESIGN S.p.A. è una azienda leader per quanto riguarda la produzione

Dettagli

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Erika Cresti Firenze, 18 ottobre 2013 Indice La gestione della variabile finanziaria Il rendiconto finanziario: normativa e principi contabili di riferimento

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO

LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO A cura di Roberto M. Brioli Collaboratore Mirko Bisulli La valutazione dei progetti dal punto di vista dell imprenditore privato e della pubblica amministrazione

Dettagli

Analisi dei costi di produzione

Analisi dei costi di produzione Analisi dei costi di produzione industriale Analisi dei costi 1 Comportamento dei costi La produzione è resa possibile dall impiego di diversi fattori. L attività di produzione consuma l utilità dei beni

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo Partendo dal bilancio di verifica della società TWENTY SpA si effettui un analisi delle tre dimensioni della: - Liquidità - Solidità - Redditività STATO PATRIMONIALE

Dettagli

PARTE A 1. Si valuti la convenienza della operazione di acquisto di una posizione di cambio a termine a tre mesi, in assenza di costi di negoziazione.

PARTE A 1. Si valuti la convenienza della operazione di acquisto di una posizione di cambio a termine a tre mesi, in assenza di costi di negoziazione. PARTE A 1 A1) L azienda Beta presenta questi due problemi: a) L azienda vende i propri prodotti ad una società straniera per un importo di 480.000 $, con pagamento a tre mesi. L azienda ha sostenuto i

Dettagli

7. CONTABILITA GENERALE

7. CONTABILITA GENERALE 7. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 1 Definizione Per poter acquisire i fattori produttivi da impiegare nel processo produttivo l impresa necessita del fattore

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 09 05.03.2014 Il rendiconto finanziario nel nuovo OIC 10 Aggiornamento principi contabili Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Aggiornamento

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Dipartimento di Ingegneria Meccanica Chimica e dei Materiali IMPIANTI INDUSTRIALI Esercitazione ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Prof. Ing. Maria Teresa Pilloni Anno Accademico 2015-2016 1 ------------------------------------

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE (9 CFU)

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE (9 CFU) ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE (9 CFU) A.A. 2010-2011 ESERCIZIO N. 1 Si valuti la convenienza di un investimento di ampliamento caratterizzato dai seguenti dati previsionali: Costo dell impianto 40.000

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10 TEMI SPECIALI DI BILANCIO Il rendiconto finanziario OIC 10 Parma, 1 Ottobre 2014 1 Indice 1. Finalità del principio 3 2. Ambito di applicazione 4 3. Definizioni 5 4. Contenuto e struttura 6 5. Classificazione

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

LA GESTIONE AZIENDALE

LA GESTIONE AZIENDALE LA GESTIONE AZIENDALE GESTIONE = insieme delle operazioni che l impresa effettua, durante la sua esistenza, per realizzare gli obiettivi perseguiti dal soggetto economico. ESERCIZIO = parte di gestione

Dettagli

Dai flussi di CCN ai flussi di liquidità

Dai flussi di CCN ai flussi di liquidità Il rendiconto finanziario dei flussi di liquidità Dai flussi di CCN ai flussi di liquidità La risorsa finanziaria liquidità è operazionalizzata come nel principio OIC 12, ovvero è da intendere come somma

Dettagli

Interesse e tasso di interesse Capitalizzazione e attualizzazione Costi di gestione. Valutazione redditività investimenti impiantistici

Interesse e tasso di interesse Capitalizzazione e attualizzazione Costi di gestione. Valutazione redditività investimenti impiantistici Impianti industriali 1 Ingegneria economica Interesse e tasso di interesse Capitalizzazione e attualizzazione Costi di gestione Valutazione redditività investimenti impiantistici Investimenti industriali

Dettagli

Analisi degli investimenti

Analisi degli investimenti ATTENZIONE: Queste schede sono quelle utilizzate nelle lezioni e NON costituiscono il solo materiale da utilizzare per la preparazione dell esame per la quale si deve fare riferimento al programma e alla

Dettagli

Tempo e rischio Tempo Rischio

Tempo e rischio Tempo Rischio Il Valore Attuale Tempo e rischio Tempo: i 100 euro di oggi valgono di meno dei 100 euro di domani perché i primi possono essere investiti nel mercato dei capitali e fruttare un tasso di interesse r. Rischio:

Dettagli

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari Documento OIC n. 16 Principi Contabili internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari 1 Sono beni destinati a permanere durevolmente

Dettagli

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE Newsletter Phedro settembre 2007 IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO Il budget economico deriva dal consolidamento dei budget settoriali e dei costi programmati per il successivo

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli