Capitolo 1 : RIPENSARE IL MARKETING

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 1 : RIPENSARE IL MARKETING"

Transcript

1 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Capitolo 1 : RIPENSARE IL MARKETING ANGELA MANCINI

2 Il Marketing relazionale,il CRM e il Marketing ONE-TO-ONE (1) Il Marketing relazionale si basa sull interazione in un network di relazioni.si è diffuso negli anni novanta assieme ai concetti di marketing one-to-one e di CRM(Customer Relationship Management). Il Rm si basa su 3 concetti principali:le relazioni (ad es. rapporto fornitore-cliente), i network (insieme di relazioni) e le interazioni (contatti attivi tra le parti). Il Crm si basa sui valori del Rm, con enfasi sulle relazioni col cliente e consiste nella loro traduzione in strategie e in applicazioni pratiche.

3 Il Marketing Relazionale, il CRM e il Marketing ONE-TO-ONE (2) Il marketing one-to-one si basa sulla diretta interazione cliente-fornitore,sulla memoria del cliente, sulla sua fedeltà. Il RM e il CRM,penetrando nella cultura e nell organizzazione aziendale, forniscono concetti, modelli e strumenti validi sia nel B2B che nelle imprese di servizi. La loro applicabilità si è estesa anche al B2C in quanto entrambi si focalizzano sull individuo o su gruppi affini. Il RM sta diventando un approccio generale al marketing (es Amazon.com).

4 Le Radici e i valori di base del RM(1) Le principali teorie che hanno contribuito al RM e al CRM sono: il marketing di servizi, del network nel B2B,del marketing management tradizionale (4P) e del Total Quality Management(TQM) che si basa sui concetti di qualità percepita dal cliente e della sua soddisfazione.il TQM ha ispirato il concetto di qualità relazionale.

5 Le radici e i valori di base del RM(2) I valori più importanti del RM sono: 1 - La gestione del marketing dovrebbe tradursi nella gestione di imprese orientate al marketing. 2 Collaborazione a lungo termine e win-win 3 Tutte le parti dovrebbero essere attive e assumersi responsabilità 4 Valori di relazione e di servizio al posto di valori burocratico-legali Sebbene la collaborazione sia la proprietà centrale del Rm, non bisogna sottovalutare il ruolo della concorrenza, in quanto è anch essa essenziale in un economia di mercato funzionante.

6 Proprietà generali delle relazioni, dei network e dell interazione(1) Nell approccio network del B2B si sono distinti 3 legami che caratterizzano una relazione tra acquirenti e venditori: 1- Collegamenti tra attività di tipo tecnico,amministrativo e di marketing 2 Legami tra risorse di scambio e condivise, sia tangibili che intangibili 3 Legami tra attori creati dalle persone che interagiscono ed esercitano un influenza reciproca, scambiandosi opinioni.

7 Proprietà generali delle relazioni, dei network e dell interazione(2) Le relazioni (sia quelle attive e visibili, che quelle passive e invisibili) costituiscono la rete totale dell organizzazione e vengono incorporate nel network. Le più importanti proprietà delle relazioni commerciali sono:la collaborazione, la fiducia,l adattamento, il potere, la longevità, la vicinanza e la lontananza ecc..

8 CAPITOLO 2 LE RELAZIONI CLASSICHE DI MERCATO

9 Relazione1: FORNITORE-CLIENTE(1) La relazione tra una persona che vende qualcosa e un altra che compra costituisce la cosiddetta coppia classica del marketing: è la relazione genitrice del marketing, dove le 2 parti interagenti sono il fornitore e il cliente. Nel mercato non solo si sviluppa questo rapporto tra singoli individui, bensì anche tra imprese, settori e Paesi. Dato il formarsi di questa complessa situazione, l attività di vendita si trasforma in una negoziazione che viene gestita da entrambe le parti(fornitore e cliente). Fondamentale è quindi, da un punto di vista strategico,mantenere, aver cura e sviluppare le relazioni esistenti(relazione zero defection: non perdere il cliente per ritardi nelle consegne, prezzi sbagliati ecc.).

10 Relazione 1: FORNITORE-CLIENTE(2) Nel B2C,dove si hanno migliaia di clienti,costruire una relazione stabile è problematico.il contatto,indiretto e impersonale, avviene con la comunicazione di massa. Nelle economie occidentali la tendenza è incrementare il livello di automazione dei rapporti tramite il self-service, la logica dei supermercati e altre attività tipiche del marketing di massa(come anche acquisti sul WEB). Una strategia di marketing più efficace è quella del marketing di massa personalizzato: dà l impressione al cliente di una relazione personale con il fornitore, anche se quest ultimo non lo conosce(relazione pseudo-personale) Il marketing diretto,che mira al contatto personale con il cliente, utilizza sempre più i Media e il telefono(telemarketing e direct mail).

11 Relazione 1: FORNITORE-CLIENTE(3) Al momento i fornitori danno maggior importanza al CRM impegnandosi a sviluppare salde relazioni con i consumatori.affinchè questo sia un approccio vincente è necessario: 1- Inserire la relazione cliente-fornitore nel network di relazioni dell azienda(ottica di lunga durata tipica di RM) 2- Bilanciare l IT(database)con il contatto umano,solo così si ha l efficienza della relazione e la sua durata 3- Generare una reale learning organization 4- Implementare le condizioni per l up selling(ampliamento del valore dell acquisto dei clienti) e per il cross selling(arricchimento dell offerta aziendale con nuove soluzioni).

12 RELAZIONE 2 : Il triangolo clientefornitore-concorrente(1) IL fenomeno della concorrenza si basa su una triade di giocatori: il cliente, l attuale fornitore del cliente e i concorrenti. Attraverso la competizione si formano relazioni tra clienti e fornitori: al cliente è data una scelta e il fornitore non può mai essere certo della sua totale fedeltà, alla stesso modo il cliente non può essere sicuro di non perdere il fornitore. L equilibrio di marketing, a cui partecipano questi soggetti, è composto da tre forze interdipendenti tra loro:la concorrenza, la collaborazione e la regolamentazione attraverso le istituzioni pubbliche.

13 Figura 1- Le tre forze dell economia di mercato che creano l equilibrio di marketing. Competizione Collaborazione EQUILIBRIO DI MARKETING Norme e istituzioni

14 RELAZIONE 2: Il triangolo clientefornitore-concorrente(2) Nell economia di mercato vi sono elementi necessari che non sono controllati dalla concorrenza e dalla forze del libero mercato.essi possono essere espressi da 2 paradossi: 1-Le regolamentazioni sono necessarie affinchè la libera concorrenza non sia limitata; infatti possono innescare dinamiche influenze che forzano le imprese più lente a prendere provvedimenti 2- Lo scopo della concorrenza è liberarsi della concorrenza; con varie attività,ad es. barriere all entrata, l impresa cerca di ridurre l influenza di altri fornitori Nel RM l azienda e il suo mercato sono visti come parte di un network quindi la triade cliente-fornitore-concorrenti è un po semplicistica.la visioni corretta è che la concorrenza avviene tra network di aziende, piuttosto che tra singole aziende.

15 RELAZIONE 3 :Il network classico-i canali di distribuzione(1) I canali di distribuzione rappresentano il network tradizionale del marketing.essi distribuiscono beni, servizi, informazioni spesso in modo combinato tra loro. La distribuzione fisica tradizionale e la gestione dei canali si basano su una rete di relazioni. Le relazioni tra le parti nel network di distribuzione variano per diverse ragioni, ad es. se vi sono poche catene, grandi e potenti nella distribuzione quotidiana di beni, diventano cruciali per i produttori le relazioni con i clienti. Oggi la distribuzione fisica ed elettronica si completano a vicenda; convertendo il trasferimento fisico in quello elettronico, la velocità può essere accelerata

16 RELAZIONE 3: Il network classico-i canali di distribuzione(2) Il concetto di logistica riguarda il flusso di merci, dall estrazione del materiale alla produzione delle componenti e all assemblaggio fino ad ottenere il prodotto finale in magazzino e al suo arrivo al consumatore.il tutto è accompagnato da un flusso di informazioni. Le decisioni inerenti alla logistica rientrano nello sviluppo della strategia di marketing poiché bisogna far sì che la produzione e la consegna siano svolte in modo efficiente, mantenendo sotto controllo costi e capitale, oltre a progettare le offerte dei fornitori. Con il JIT,la produzione just in time,si da rilievo alla qualità, al profitto e alla produttività.insieme alla logistica si stabiliscono relazioni strette tra fornitore e cliente per pianificare insieme e creare un processo fluido con assistenza e miglioramenti continui.

17 RELAZIONE 3: Il network classico-i canali di distribuzione(3) Avere accesso a un network di distribuzione può essere l elemento più critico del marketing, poiché sono spesso chiusi da coloro che vi sono inseriti. La collaborazione nei network di distribuzione è un requisito per il successo.un esempio è l efficient consumer response(ecr): i produttori di beni di consumo avviano partnership con i dettaglianti, cercando insieme di raggiungere il consumatore con la giusta linea di prodotti.

18 CAPITOLO 3 LE RELAZIONI SPECIALI DI MERCATO

19 RELAZIONE 4: Le relazioni tramite full-time marketers(ftms) e part-time marketers(ptms) Possiamo identificare 2 tipi di venditori: i full-time merketers (venditori a tempo pieno) e i part-time marketers (venditori a tempo parziale). I full-time merketers sono responsabili delle attività di marketing e vendite. I part-time marketers sono tutti gli altri soggetti,operanti nell organizzazione aziendale e nel suo ambiente, che influenzano il marketing dell impresa.questi 2 soggetti cooperano tra loro, integrando le rispettive funzioni. Le relazioni di mercato vanno condivise tra FTMs e PTMs: il network di contatti all interno dell azienda diventa parte della funzione di marketing.

20 Figura 2- FTMS e PTMS interni ed esterni RUOLO OPERATORE PART-TIME MARKETER, PTM RISORSE FULL-TIME MARKETER, FTM INTERNE Marketing & sales staff Tutti coloro che non sono FTMs ESTERNE Distributori, agenzie di pubblicità Clienti, media, investitori

21 RELAZIONE 5: La relazione interattiva tra clienti e fornitori di servizi nei momenti di verità (1) L interazione tra cliente e fornitore è denominata service encounter(momento della verità). Queste relazioni interattive possono essere: 1- Interazione tra il personale di contatto del fornitore (front line) e il cliente(es.assistente di volo e passeggero) 2- Interazione customer-to-customer (es.club ballo) 3- Interazione nel servicescape tra l ambiente, i prodotti, e l ambiente fisico del fornitore (es. supermercato) 4- Interazione tra il cliente e il sistema di servizio del fornitore (es.contribuente e sistema imposte)

22 Figura 3- Servizio interattivo e marketing nella prospettiva del cliente Staff di supporto Management Personale di contatto CLIENTE Altri clienti Sistema di servizio Servicescape Concorrenti Service infrastruttura Società

23 RELAZIONE 5: La relazione interattiva tra clienti e fornitori di servizi nei momenti di verità (2) Lo scopo è fornire valore all utente, un servizio che soddisfi le sue aspettative (Coda), ma anche favorire interazione tra clienti (beni e servizi come portatori di un valore di collegamento ). Oggi il cliente è visto come coproduttore, membro dell organizzazione:è perciò fondamentale l incontro tra i clienti e i fornitori, tra gli stessi dipendenti dell impresa e i consumatori in modo che possano confrontarsi tra loro e capire le esigenze del cliente esterno. Il fornitore e il cliente creano valore insieme. Durante la produzione e la consegna di servizi, il processo di interazione offre opportunità di sviluppo per il marketing e le vendite, definite points of marketing.

24 RELAZIONE 5: La relazione interattiva tra clienti e fornitori di servizi nei momenti di verità (3) Una strategia attuata nei servizi è di identificare i punti dove l impresa può esercitare un alto impatto sulla relazione con i clienti e decidere come gestirli al meglio.se l interazione funziona, la qualità percepita dal cliente aumenterà. Ora i servizi sono costruiti avendo come punto di vista il comportamento e la percezione del cliente, non i sistemi e la struttura organizzativa del produttore.

25 RELAZIONE 6: La relazione tra i responsabili dell impresa fornitrice e dell impresa cliente(1) Nel B2B tra i responsabili del cliente e quelli del fornitore vi sono diversi soggetti con funzioni anche molto diverse tra loro: si crea un network molto complesso, la cui conoscenza diventa una risorsa, un investimento nel marketing. Il network appare ancora più articolato se il prodotto è costituito da elementi hi-tech e se il mercato è globale.ericsson ha come clienti i più importanti operatori di telecomunicazioni al mondo. Si crea una relazione formata dalle seguenti fasi:

26 RELAZIONE 6: La relazione tra i responsabili dell impresa fornitrice e dell impresa cliente(2) Fasi: 1- Avvio del contatto e creazione di credibilità 2- Offerta competitiva 3- Valutazione 4- Contratto 5- Pianificazione, progettazione e adattamento al mercato 6- Produzione 7- Consegna e installazione 8- Dopo vendita 9- Conclusioni e valutazioni

27 RELAZIONE 6: La relazione tra i responsabili dell impresa fornitrice e dell impresa cliente(3) Durante tutte le fasi vi è una costante relazione tra il cliente e il management, il personale tecnico, i progettisti ecc. Il marketing e l intero processo di produzione diventano un progetto comune dove le parti producono valore insieme. Quindi bisogna concepire e analizzare il marketing nel B2B in termini di network di relazioni: la conoscenza aggiornata delle reti, la capacità di interagire nel network e di gestirli diventano fattori fondamentali per lo sviluppo della strategia di marketing

28 RELAZIONE 7: La relazione con il cliente del cliente(1) Ogni fornitore ha una relazione con il cliente del cliente, anche se è indiretta o non riconosciuta.anche se le caratteristiche cercate dal cliente possono non corrispondere a quelle dell utente che si trova più a valle nel processo, bisogna comunque adattare il prodotto anche alle sue esigenze. Soprattutto nel commercio internazionale,dove la distanza cresce non solo materialmente ma anche culturalmente, i fornitori devono capire i clienti dei clienti: avvengono reazioni a catena. L importanza di capire il cliente del cliente è cruciale anche nelle catene al dettaglio, dove gli acquirenti hanno maggior potere sui produttori.essi sono intermediari tra i fornitori e i consumatori e sono più vicini ai clienti finali di quanto lo siano i produttori.riescono meglio di questi ultimi a capire le esigenze e i comportamenti dei consumatori.

29 RELAZIONE 7: La relazione con il cliente del cliente(2) Per attenuare il potere degli intermediari, i produttori indirizzano l azione di marketing verso i consumatori finali (pubblicità,vendite promozionali nei negozi ecc.) La relazione cliente-fornitore può essere intesa come una catena senza soluzione di continuità.le imprese iniziano a vedere i fornitori come partner di una relazione win win. Attuato il reverse marketing, cioè che avviene a monte, diretto ai fornitori, come aggiunta del marketing a valle diretto ai clienti. Poiché i clienti del produttore vivono grazie ai loro clienti, è un efficace strategia aiutarli a soddisfare i propri.

30 Figura 4- Le relazioni cliente-fornitore come una catena multipla Relazione 1 Cliente Fornitore Relazione 2 Cliente Fornitore Relazione 3 Cliente Fornitore Famiglia Acquirente Cliente

31 RELAZIONE 8: La relazione vicina versus la relazione distante(1) Per relazione vicina si intende il contatto diretto che si instaura col cliente.la relazione distante,sempre col cliente, avviene attraverso i report e le indagini di mercato.la tendenza attuale va in entrambe le direzioni(es.questionari in hotel). Nel marketing di massa si fa uso del secondo approccio, che può essere vantaggioso, ma trasforma la relazione personale in relazione statistica.

32 RELAZIONE 8: La relazione vicina versus la relazione distante(2) La vicinanza con il cliente sembra deteriorarsi quando un impresa raggiunge grandi dimensioni(es.ikea): anziché misurare le relazioni con i clienti a distanza, un impresa potrebbe impegnare i clienti in un miglioramento interattivo. Più si è distanti dal cliente, più si rischia di non instaurare un rapporto profittevole e di lunga durata.

33 RELAZIONE 9: La relazione con il cliente insoddisfatto(1) I clienti insoddisfatti hanno le seguenti opzioni: 1- Uscita (interrompono la relazione) 2- Opinione (esprimono il loro pensiero e chiedono correzioni) 3- Fedeltà (rimangono fedeli) 4- Collaborazione (le parti risolvono insieme il problema). Nel quality management deve essere perseguita una strategia di zero difetti: la relazione con il cliente deve essere pianificata in modo efficace e positivo per risolvere gli errori.

34 RELAZIONE 9: La relazione con il cliente insoddisfatto(2) L insoddisfazione può essere gestita attraverso il contatto diretto oppure indirettamente grazie a dei mediatori(es. call centre). L area reclami può essere definita come area speciale (Baldrige), poiché oltre a risolvere l insoddisfazione del cliente, è necessario recuperare la sua fiducia e migliorare il prodotto (garanzia).

35 RELAZIONE 10: La relazione monopolistica(1) Con il monopolio si indica chiunque abbia potere su un altro in una relazione: vi è una relazione asimmetrica. I motivi per perseguire una strategia di monopolio sono svariati: mancanza di empatia tra le parti in un network, desiderio di una parte di dominare l altra Non è detto che la relazione monopolistica sia sempre negativa, ad esempio se vi è un piccolo fornitore che dipende da un potente cliente, egli godrà di una certa sicurezza e stabilità. A sua volta un grande cliente può dipendere da consegna continue. Un fornitore assume potere quando può bloccare gli switching costs. Vi sono monopoli reali e ufficiali: se vi sono numerosi fornitori non è detto che non ci siano organizzazioni di potere, poiché possono proteggersi reciprocamente costituendo un settore di potere.

36 RELAZIONE 10: La relazione monopolistica(2) Nei casi in un azienda ha un monopolio reale, può non preoccuparsi dei clienti, a meno che non prevalgano i valori customer-oriented. Il monopolio termina la sua attività quando la concorrenza aumenta a causa della liberalizzazione, per l arrivo di sostituti o se il prodotto perde la sua funzione. Le organizzazioni hanno anche monopoli interni (Forrester), pensando di migliorare l efficienza o evitare la duplicazione degli sforzi. In conclusione un organizzazione e un settore di potere possono bloccare un economia in uno squilibrio permanente del marketing. L economia di mercato funziona meglio se c è una ricerca continua di equilibrio tra concorrenza, collaborazione e norme/istituzioni.

37 RELAZIONE 11: Il cliente come membro(1) L associazione è usata per rafforzare la fedeltà del cliente e per favorire relazioni di lungo termine. L associazione può anche essere impegnativa oppure non esserlo, può essere commerciale o no, può esistere senza ragioni di profitto(genuine membership). Se è facile da copiare, perde in parte o del tutto il suo impatto sul mercato. La relazione si indebolisce con poco coinvolgimento dei clienti (cooperativa: sono cresciute di dimensione e i clienti sono diventati anonimi perdendo la loro influenza sui negozi).

38 RELAZIONE 11: Il cliente come membro(2) L associazione serve al fornitori per i seguenti scopi: 1- Aiuta ad accrescere la retention e lo share del cliente 2- Fornisce più informazioni sui clienti e costruendo un database dei clienti si può sostituire il marketing di massa con quello diretto 3- Se la concorrenza offre l associazione a un club, un singolo fornitore può doversi associare per continuare a stare nel mercato

39 RELAZIONE 12: La e-relationship(1) La e-relationship (relazione elettronica) include le relazioni, i network e l interazione basati sull IT. Con l IT è ancora più evidente che non si può rimanere fermi al marketing management esistente: con l introduzione di siti internet e sistemi di CRM un azienda deve trasformare il suo modello di business in uno di e-business con strategia, organizzazione e sistemi che sfruttino le nuove opportunità. Internet permette di collegare le nano e le mega relazioni Internet offre una nuova dimensione all interazione C2C che non è vincolata al luogo fisico del mercato. Nasce e-market. L elettronica non solo è fondamentale per la raccolta e l immagazzinamento dei dati, ma è anche strumento per il marketing strategico (ecrm).

40 RELAZIONE 12: La e-relationship(2) Non bisogna comunque dimenticare il fattore umano: l IT perde il suo valore se non ci sono i soggetti che immettono i contenuti e che organizzano il mercato. Le e-relationship nascono come relazioni a distanza che a volte si trasformano in tipologie completamente nuove di relazioni vicine.tanto che il cliente può diventare cosviluppatore e co-produttore. L ecrm può contribuire a riunire diverse attività aziendali, ridurre i costi del contatto col cliente e ampliare la capacità d azione. Per raggiungere efficacemente il target bisogna combinare hi-tech con il contatto umano. Infatti l IT,se usato efficacemente, porta a incontri umani più produttivi. Le e-network costruiscono relazioni tra fornitori, clienti e altri stakeholder.

41 RELAZIONE 12: La e-relationship(3) Nel B2C i principali vantaggi con l avvento dell e-market sono: la velocità, la possibilità di raggiungere grandi distanze, l accesso a informazioni, gli acquisti on-line.gli svantaggi sono: controversie tecniche, pagamenti impersonali e non sicuri, articoli mancanti alla consegna. Nel B2B l IT è principalmente utilizzato per per organizzare la logistica e le informazioni più importanti; instaurare relazioni a lungo termine riducendo i costi. L IT continuerà a cambiare il mercato e le relazioni nano e mega. Con le e-relationship si stanno sviluppando sempre più nuovi mercati e nuovi modi di gestire il business.

42 RELAZIONE 13: Le relazioni parasociali-relazioni con marche e oggetti(1) Le relazioni parasociali coinvolgono oggetti, simboli, e altri fenomeni meno tangibili. Si manifestano come nomi di aziende, marchi di fabbrica, brand Il brand ha il ruolo di sostenere le relazioni: la realtà può essere vista come un costrutto sociale in cui beni e servizi sono consumati per il loro significato simbolico; ha grande importanza la relazione fornitore-prodotto. Con la strategia di posizionamento il fornitore o produttore, vuole far sì che il consumatore pensi alla sua marca quando sta per fare l acquisto. Solo offrendo valori integrati l azienda raggiungerà un suo più maturo sviluppo (De Bono).

43 RELAZIONE 13: Le relazioni parasociali-relazioni con marche e oggetti(2) Relationship branding: Si crea una marca e si promuove la relazione, non solo quello che si vende (Rapp e Collins). Brand equity: è il capitale, il valore dell azienda e deve essere l obiettivo centrale nel gestire relazioni di marche attraverso la comunicazione. Le imprese possono realizzare un monopolio del valore : alcune marche sono diventate così famose che cessano di essere nomi di marche per diventare nomi di prodotti generici (es.xerox). Una strategia usata dalle imprese è il marketing sottile: si introducono gradualmente dei simboli che richiamano il brand, senza l invadenza di spot televisivi e pubblicità.

44 RELAZIONE 14: La relazione non commerciale(1) La relazione non commerciale è importante per l economia commerciale e per l equilibrio di marketing Ciò che non può essere gestito attraverso i meccanismi di mercato deve essere curato dal settore pubblico, dal sistema politico e dal volontariato. Anche il settore pubblico ha capito che il marketing è necessario; ai servizi di questo settore è inoltre applicabile la nozione di service encounter. Gli enti pubblici diventano sempre più organizzazioni al limite ; vivono tra il pubblico e il privato, tra il non commerciale finanziato dalla spesa pubblica e un economia di mercato competitiva.

45 Figura 5- Relazione tra il pagamento delle tasse, i servizi pubblici e l utente/cittadino Tasse Agenzia delle entrate Budget per spese pubbliche Comitato acquisti che seleziona i fornitori Pagamento secondo contratto UTENTE/ CITTADINO Nessuna parcella o parcella ridotta Produzione e consegna del servizio OSPEDALE

46 RELAZIONE 14: La relazione non commerciale(2) Strategie usate: liberalizzazione e privatizzazione. Il settore del volontariato si finanzia mediante donazioni e lavoro non retribuito; oggi vi è la tendenza a coinvolgere i soggetti nel lavoro dell organizzazione per aumentare il senso dell appartenenza e cementare la relazione. Le imprese stanno sviluppando apposite strategie per le loro donazioni sviluppando progetti a lunga scadenza: conciliano interessi economici con azioni filantropiche.

47 RELAZIONE 15: La relazione verde(1) Gli aspetti ambientali non rappresentano per l impresa solo costi e ostacoli ma offrono anche l opportunità di ridurre le spese e incrementare le entrate. La relazione verde concerne il modo in cui l impresa tratta gli aspetti relativi all ambiente e alla salute, oltre che le relazioni create con individui singoli e comunità. Il green marketing sta diventando un area sempre più importante della disciplina del marketing.

48 Figura 5- L impresa e le sue relazioni nel network verde INTERMEDIARI Grossisti Dettaglianti FORNITORI CLIENTI INDIVIDUALI SOCIETA : CLIENTI COME CITTADINI Autorità che controllano l ambiente, movimenti per l ambiente, Media

49 RELAZIONE 15: La relazione verde(2) I consumatori esprimono le proprie idee e convinzioni acquistando prodotti e servizi: sempre più clienti rifiutano di acquistare prodotti dannosi per la salute e l ambiente. Le ragioni del ritardato sviluppo del marketing verde risiedono nei conflitti tra le responsabilità dei consumatori, fornitori e cittadini che hanno effetti sia nel breve che nel lungo periodo.

50 RELAZIONE 16: La relazione basata sulla legge Le istituzioni e le norme formali volte a stabilire l equilibrio di marketing si ritrovano in parte nella relazione basata sulla legge che comporta 3 obiettivi: 1- Assicurare la qualità attraverso la prevenzione 2- Ispezionare la qualità e risolvere le dispute 3-Manipolazione La relazione basata sulla legge per il cliente è una relazione in parte indiretta: procede attraverso un insieme di avvocati,tribunali ecc. In un ottica RM, si può parlare di contratti di relazione che includono anche ricorsi in giudizio, negoziazioni per risolvere un problema, valutazione di future collaborazioni, svolto tutto tramite la legge per perseguire standard etici.

51 RELAZIONE 17: Il network criminale Il crimine organizzato annulla i benefici della sana competizione e ha effetti sulle relazioni in molti mercati. I network sono chiusi e non trasparenti, svolgono marketing illegale (es.cartelli sui prezzi). Pratiche lecite e illecite si intrecciano in numerose relazioni. L illegalità diventa sempre più intangibile quando coinvolge soggetti membri delle istituzioni preposte a combatterla. Altri ostacoli alla lotta contro la criminalità sono l inerzia della burocrazia, norme non efficaci e mancanza di leadership.

52 CAPITOLO 4 LE MEGA RELAZIONI

53 LE MEGA-RELAZIONI Sono relazioni posizionate un gradino al di sopra delle relazioni di mercato- nella società in generale- e ne determinano le condizioni.

54 RELAZIONE 18: I network personali e sociali Le relazioni personali e sociali sono la parte più solida del business e possono anche mitigare i momenti di recessione. Vengono definite mega relazioni poiché emergono da aree differenti da quelle di business. I network personali (es. vecchi amici) sono chiusi per coloro che non ne fanno parte, hanno un potere molto forte. I network basati sull amicizia e sui legami familiari sono altamente stabili, ma richiedono ai membri di aderire a tacite regole. Il confine tra le relazioni sociali e professionali ha perduto i suoi contorni netti: la partecipazione ad associazioni informali fornisce opportunità per incontrare i concorrenti, ottenendo utili informazioni in modo informale.

55 RELAZIONE 19: Mega marketing-il cliente reale non sempre si trova nel marketplace(1) Le relazioni che consentono o preludono la presenza di un impresa in un mercato rientrano nel fenomeno definito megamarketing. E un marketing al di sopra del mercato vero e proprio che indirizza l opinione pubblica e il potere politico. Solo dopo che le decisioni mega sono state prese nel network appropriato-al di sopra delle relazioni di mercato-è saggio iniziare a costruire le vere e proprie relazioni di mercato.

56 Figura 6- Il cliente reale può essere in un network non di mercato al di sopra del mercato GOVERNI AUTORITA ISTITUZIONI FINANZIARIE FORNITORE Marketing dept. Sales dept. Factories CLIENTE Design dept. Quality dept. Planning dept

57 RELAZIONE 19: Mega marketing-il cliente reale non sempre si trova nel marketplace(2) Il mega marketing,che spesso è la parte più importante per le imprese che producono beni e servizi,può essere di tipo psicologico o sociale. Richiede quindi un attività di comunicazione con gli opinion leader: per raggiungere questi soggetti occorrono relazioni mega. L attività di lobbing è parte del mega marketing: è stato descritto come un decision market dove le decisioni vengono comprate e vendute. Le mega relazioni coinvolgono clienti, fornitori e altri soggetti nei mega network della società, non solo nei network del mercato. Poiché l attività di lobbing si svolge in un network di relazioni, coinvolgendo top manager, diplomatici e altri soggetti, essa riveste un ruolo di crescente importanza nel RM e nel CRM.

58 RELAZIONE 20: Le alleanze cambiano i meccanismi di mercato(1) Con il termine alleanza si intendono le relazioni organizzate e concordate tra le diverse parti (es.fornitore-clienti-concorrenti). Sono parte della strategia aziendale ed esistono al di sopra delle relazioni di mercato e della routine di marketing. Gli incentivi per mantenere alleanze variano ed esse mutano di intensità e di durata (es.collaborazione limitata o continua, singoli progetti..).vi è intensa collaborazione(es. Apple-Sony) Le alleanze tacite: emergono tramite il consenso e implicano che tutti i membri del settore si comportino allo stesso modo. Il rischio è che i concorrenti proteggendosi tra loro abbiano un atteggiamento ostile al cambiamento. L innovazione invece richiede una rivoluzione che rompe l alleanza tacita.

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO 1 LE ORIGINI I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali negli

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO 1 LE ORIGINI q I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese Capitolo 9 Reti d impresa d e processi di internazionalizzazione delle PMI Indice Le principali teorie e modelli di internazionalizzazione Le esperienze di internazionalizzazione delle pmi italiane La

Dettagli

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Il successo delle aziende, oggi, dipende dalla collaborazione e dalle partnership con altre organizzazioni. Emergono sempre di più le reti di organizzazioni. Oggi

Dettagli

Confini del business e supply chain management

Confini del business e supply chain management Confini del business e supply chain management Roberta Bocconcelli a.a. 2011/2012 DESP Dipartimento di Eonomia, Società, Politica 1/27 La soddisfazione del cliente e la qualità totale Il cliente e la sua

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA

Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA Il ruolo della direzione strategica nella progettazione organizzativa Un organizzazione viene creata per raggiungere un determinato scopo.

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori Le competenze organizzative come vantaggio distintivo di Domenico Bodega Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori rapidi nel pensiero, nel giudizio, nell azione e nella parola.

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Il I Mktg-L02 Marketing B2C vs Marketing B2B Business to Consumer (B2C): l acquirente

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan Scegliamo di unire il potere dei mercati con l autorevolezza degli ideali universalmente riconosciuti. 1. Le opportunità del Patto

Dettagli

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media Capitolo 2 Comprendere le relazioni UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media IL CONCETTO DI RELAZIONE Le implementazioni di CRM sono concepite nell ottica

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli 4 Facoltà di Economia Sede di Treviglio Giancarlo Traini Maggio 2012 il programma N data giorno ora tema capitolo 1 Introduzione

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan * Abstract Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, propose per primo il Global Compact in un discorso al World Economic

Dettagli

LE VENDITE COMPLESSE

LE VENDITE COMPLESSE LE VENDITE COMPLESSE 1 LE VENDITE COMPLESSE - PRINCIPI GENERALI Le vendite complesse differiscono da quelle semplici per molti importanti aspetti. Per avere successo è essenziale comprendere la psicologia

Dettagli

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000)

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) CAPITOLO 1 Mario Cislaghi AICQ-CI La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) IL CLIENTE AL CENTRO

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

L analisi dell integrazione verticale

L analisi dell integrazione verticale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO L analisi dell integrazione verticale ( CAP 13 GRANT ) A cura di: Luca Fraternali Indice Definizione di integrazione verticale Fattori da considerare per effettuare

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese L impresa Il sistema impresa L impresa come sistema Le principali funzioni aziendali I principali processi aziendali La catena del valore

Dettagli

Risorse, capacità e competenze per fare impresa

Risorse, capacità e competenze per fare impresa Risorse, capacità e competenze per fare impresa Renato Fiocca Parma - 21 marzo 2014 Gli argomenti di oggi: Le relazioni impresa-mercato e la centralità del cliente Individuare e generare valore per il

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà Economia Corso di Strategia di Impresa A/A 2008-2009 TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE -Robert M. Grant- Peitas Patrizia INDICE 1. Il vantaggio competitivo

Dettagli

I meccanismi di coordinamento

I meccanismi di coordinamento Scienze della comunicazione Le determinanti della complessità del problema di coordinamento Differenziazione Interdipendenza Corso di Organizzazione aziendale dott.ssa Francesca Chiara Esigenze di integrazione

Dettagli

All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI ABILITATORI

All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI ABILITATORI 1 Lo scenario: i soggetti che operano su Internet All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI E-market player Digitalizzatori di processi

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

Presentazione dell edizione italiana

Presentazione dell edizione italiana GR_00.qxd:GR_00 19-10-2009 11:59 Pagina v Indice IX XIX Presentazione dell edizione italiana Introduzione 3 1 L imperativo dei servizi e dei rapporti: il management nella concorrenza dei servizi Il ruolo

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

LIBRO VERDE. Verso un mercato europeo integrato dei pagamenti tramite carte, internet e telefono mobile. I punti salienti

LIBRO VERDE. Verso un mercato europeo integrato dei pagamenti tramite carte, internet e telefono mobile. I punti salienti LIBRO VERDE Verso un mercato europeo integrato dei pagamenti tramite carte, internet e telefono mobile I punti salienti Nell ottica di migliorare i pagamenti elettronici (tramite carta di credito, internet

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

IL CASO: Hewlett-Packard

IL CASO: Hewlett-Packard IL CASO: Hewlett-Packard Proposta acquisizione Compaq con duplice finalità (Fiorina): 1) conseguimento economie di scala; 2) ingresso nel mercato dei servizi. Pareri sfavorevoli alla fusione (Hewlett e

Dettagli

Gestire efficacemente la relazione con i propri clienti attraverso le applicazioni di CRM

Gestire efficacemente la relazione con i propri clienti attraverso le applicazioni di CRM Gestire efficacemente la relazione con i propri clienti attraverso le applicazioni di CRM Alberto Cellini 8 maggio 2008 1 Indice CRM e marketing relazionale Lo sviluppo della relazione con il cliente Strumenti

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo

La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo Francesco Sardu 8 agosto 2003 indice 1. Apprendimento organizzativo, individuale e generativo 2. Le cinque discipline per

Dettagli

Codice Nestlé di Condotta Aziendale

Codice Nestlé di Condotta Aziendale Codice Nestlé di Condotta Aziendale Introduzione Dalla sua fondazione, Nestlé ha adottato prassi aziendali rette da integrità, onestà, correttezza e dal rispetto di tutte le leggi applicabili. I dipendenti

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori Creare valore per il cliente Significa: A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori B) Gestire tutte le funzioni in modo che creino valore E un processo strategico,

Dettagli

PIANO STRATEGICO MARKETING

PIANO STRATEGICO MARKETING PIANO STRATEGICO di MARKETING a che serve il Piano strategico? ad individuare ed esprimere in modo chiaro e sistematico le SCELTE aziendali a MEDIO e LUNGO TERMINE DECISIONI E PROGRAMMI DI AZIONE per giungere,

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali ANALISI DELLE FORZE CONCORRENZIALI Un impresa detiene un vantaggio competitivo sui concorrenti quando ha una redditività più elevata (o, a seconda dei casi, quando può conseguire una maggiore quota di

Dettagli

Il marketing dei servizi. Le aspettative dei clienti rispetto alle performance del servizio e le fonti delle aspettative

Il marketing dei servizi. Le aspettative dei clienti rispetto alle performance del servizio e le fonti delle aspettative Il marketing dei servizi Le aspettative dei clienti rispetto alle performance del servizio e le fonti delle aspettative Le aspettative del cliente I clienti hanno vari tipi di aspettative relativamente

Dettagli

TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI

TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI LO SVILUPPO DELLA DISCIPLINA DI MARKETING 1. Le origini 1920-1940 2. Lo sviluppo 1950-1965 3. La maturità 1965-1980 4. Il riorientamento

Dettagli

Comportamento del cliente

Comportamento del cliente Comportamento del cliente Obiettivi conoscitivi Inquadrare l analisi del comportamento del cliente nelle diverse prospettive disciplinari che hanno affrontato l argomento Comprendere la sequenza delle

Dettagli

Marketing Management

Marketing Management Marketing Management Modulo 1 Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente Modulo 1 - slide 1 Obiettivi di apprendimento Obiettivi di apprendimento Che cos è il marketing? Comprendere

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi

Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi 2 Processo di trasformazione di base per un azienda manifatturiera Organizzazione Risorse umane Contabilità R&S Marketing

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

CUSTOMERIZATION: THE NEXT REVOLUTION IN MASS CUSTOMIZATION

CUSTOMERIZATION: THE NEXT REVOLUTION IN MASS CUSTOMIZATION I. INTRODUZIONE Un nuovo tipo di mass customization sta ridefinendo le strategie di business e di marketing. Molte aziende offrono prodotti altamente personalizzati in una vasta gamma di categorie. Queste

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

METRICHE QUANTITATIVE PER LA MISURAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION. Seconda parte

METRICHE QUANTITATIVE PER LA MISURAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION. Seconda parte Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Laurea Magistrale in Marketing e Comunicazione per le aziende METRICHE QUANTITATIVE PER LA MISURAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION.

Dettagli

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Per TECNOLOGIA si intendono i processi, le tecniche, i macchinari e le azioni utilizzati per trasformare gli input organizzativi (materiali,

Dettagli

FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI. Abstract

FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI. Abstract www.qualitapa.gov.it FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI Abstract L importanza di un processo di policy making trasparente e inclusivo è largamente condivisa

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1 Analisi della catena logistica Analisi della catena logistica 1 La visione tradizionale della logistica nel settore manifatturiero Utile 4% Costi della Logistica 21% Utile Costi logistici Costi del Marketing

Dettagli

Capitolo 1. Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente. Capitolo 1- slide 1

Capitolo 1. Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente. Capitolo 1- slide 1 Capitolo 1 Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente Capitolo 1- slide 1 Obiettivi di apprendimento Che cos è il marketing? Comprendere il mercato e i bisogni del consumatore Obiettivi

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 5 Modulo 5 Il Sistema Informativo verso il mercato, i canali ed i Clienti: I nuovi modelli di Business di Internet;

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Prefazione Prefazione all edizione italiana

Prefazione Prefazione all edizione italiana Prefazione Prefazione all edizione italiana Autori XV XVII XX Parte 1 Capire il sistema sanitario e il ruolo del marketing Capitolo 1 Il ruolo del marketing nell organizzazione sanitaria 3 Panoramica:

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA AZIENDALE STRATEGIA AZIENDALE CONOSCENZE IL CONCETTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO DI FONDO (OSF) L orientamento strategico di fondo delle imprese si basa su una nozione

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

Costruendo valore per il turismo in Lombardia

Costruendo valore per il turismo in Lombardia Costruendo valore per il turismo in Lombardia Chi siamo Explora S.C.p.A. ha il compito di promuovere la Lombardia e Milano sul mercato turistico nazionale ed internazionale. La società opera esattamente

Dettagli

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 LEZIONE GESTIONE STRATEGICA DEGLI ACQUISTI DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 1.1. Prima

Dettagli

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Università : Università degli studi di Bologna Facoltà : Economia Indice di questo documento L' Appunto Le Domande d'esame e' un sito di

Dettagli

Il concetto di marketing MARKETING. Corso di. Luca Petruzzellis. a.a. 2004/2005. Bari. lu.petruzzellis@disag.uniba.it FACOLTA DI ECONOMIA

Il concetto di marketing MARKETING. Corso di. Luca Petruzzellis. a.a. 2004/2005. Bari. lu.petruzzellis@disag.uniba.it FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Economia Aziendale Bari a.a. 2004/2005 Corso di MARKETING Il concetto di marketing Luca Petruzzellis lu.petruzzellis@disag.uniba.it Programma del

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo una prima descrizione dei sei stili di leadership, si espongono di seguito ulteriori evidenze emerse dalla

Dettagli

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 Competenze di coaching per Tutti i Coach 1. Rispettare le linee guida etiche, legali e professionali 2. Stabilire il contratto di coaching e gli obiettivi

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola OBIETTIVO Studiare il sistema impresa Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Studiare le relazioni tra i sub-sistemi Studiare le relazioni tra impresa e ambiente/mercato

Dettagli

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a. ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

il modello Nokana e Takeuchi

il modello Nokana e Takeuchi www.librishop.it il modello Nokana e Takeuchi Considerazioni sul processo di creazione e condivisione della conoscenza indice il processo di creazione e condivisione il modello di creazione e condivisione

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

La Comunicazione Integrata di Marketing

La Comunicazione Integrata di Marketing La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING COMPRENDERE

Dettagli

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006 Il CRM operativo 2 maggio 2006 1. Il marketing relazionale Il marketing relazionale si fonda su due principi fondamentali che è bene ricordare sempre quando si ha l opportunità di operare a diretto contatto

Dettagli

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme gerarchico-funzionali e la loro evoluzione

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme gerarchico-funzionali e la loro evoluzione ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Le forme gerarchico-funzionali e la loro evoluzione Prof. Armando Urbano - A.A. 2011-2012 PASSAGGIO DA FORMA SEMPLICE A FORMA GERARCHICO-FUNZIONALE La forma semplice è caratterizzata

Dettagli

SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA

SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA SAP Solution Brief SAP BUSINESS ONE LA SOLUZIONE GESTIONALE PER LE IMPRESE IN CRESCITA SAP Business One è una soluzione semplice ed efficace, che soddisfa le esigenze specifiche delle piccole e medie imprese.

Dettagli

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni INTRODUZIONE BilanciaRSI è una società di formazione e consulenza specializzata nei temi della Legalità, della Sostenibilità, della Responsabilità d Impresa e degli Asset Intangibili. Da più di 10 anni

Dettagli

PRINCIPI DI MARKETING TURISTICO 9 CFU

PRINCIPI DI MARKETING TURISTICO 9 CFU Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale PRINCIPI DI MARKETING TURISTICO 9 CFU Lezione 10 22 marzo 2012 Calendario Lezioni lunedi 26 e martedi 27 marzo??? Vinitaly Giovedi 26 aprile

Dettagli

CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) CRM CRM CRM

CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) CRM CRM CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) Marco Pironti - Università di Torino 1 Executive summary Introduzione Obiettivi Fasi Architettura Tendenze evolutive Piano operativo Considerazioni Marco Pironti - Università

Dettagli

TEORIE E FONDAMENTI DEL MARKETING

TEORIE E FONDAMENTI DEL MARKETING PROGRAMMAZIONE + COMPETENZE TEORICHE TEORIE E FONDAMENTI DEL MARKETING StudiAssociati 2013 PARLEREMO DI: Cos è il marketing Definizioni e termini fondamentali La customer satisfaction Oltre a questi argomenti

Dettagli

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano Facoltà di lingua e cultura italiana CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM

Dettagli

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile ANA-ANAP, Associazione Nazionale Audioprotesisti e Associazione Nazionale Audioprotesisti Professionali Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile Milano, 21/10/2014

Dettagli

Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA

Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA IL CICLO DI VITA DEL CLIENTE RETENTION SVILUPPO Mantenere un elevata percentuale di clienti di valore riducendo le

Dettagli

di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management

di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management MISURE DI COMMESSA E MISURE DI SISTEMA COSTRUIRE UN PONTE TRA IL SINGOLO PROGETTO E GLI OBIETTIVI AZIENDALI di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management IL RUOLO DEL SISTEMA DI MISURA

Dettagli

Organizzazione, marketing interno e cultura del servizio

Organizzazione, marketing interno e cultura del servizio Organizzazione, marketing interno e cultura del servizio Principi organizzativi La piramide rovesciata Il marketing interno La cultura del servizio Roberta Bocconcelli a.a. 2011/2012 DESP Dipartimento

Dettagli

Sommario 1 L MARKETING CONCEPT 3 2 IL MARKETING MANAGER 27. Parte 1: Il marketing management e l orientamento al cliente

Sommario 1 L MARKETING CONCEPT 3 2 IL MARKETING MANAGER 27. Parte 1: Il marketing management e l orientamento al cliente Sommario Presentazione dell edizione italiana xix Prefazione xxi Parte 1: Il marketing management e l orientamento al cliente 1 L MARKETING CONCEPT 3 Che cos è il Marketing concept 8 IL CASO DELLA AT&T

Dettagli