Costruiamo il Framework di Governance

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Costruiamo il Framework di Governance"

Transcript

1 Governare l IT Significa ricercare soluzioni che abbiano un giusto equilibrio tra benefici e rischi, con una corretta gestione delle risorse Richiede quindi visione «end-to-end» e rinnovata capacità di comunicare e di cooperare all interno delle Aziende e Pubbliche Amministrazioni Oggi sono disponibili Modelli Framework e Buone Pratiche (GoodPractices) che affrontano la tematica in modo innovativo COBIT 5 Alberto Piamonte 1

2 Di cosa c è bisogno? L esperienza insegna che ci vuole una visione globale nella quale l Azienda veda nell ITuna componente integrante del modo di fare business ( non più una componente separata con regole specifiche e scollegate dai reali obiettivi aziendali) Business ed ITdevono condividereobiettivi, collaborare dividendosi i ruoli di Governo e Gestione Quindi : Sono necessari strumenti / schemi / frameworks che consentano, in generale, di capire : Chi / cosa / come / quando è coinvolto Relazioni di causa -> effetto in una visione possibilmente globale e condivisa A classic example is the notion ofutopiaas described inplato's best-known work,the Republic. This means that the "ideal city" as depicted inthe Republic is not given as something to be pursued, or to present an orientationpoint for development; rather, it shows how things would have to be connected, and how one thing would lead to another, if one would opt for certain principles and carry them through rigorously. 2

3 Frameworks NISTCybersecurityFramework The Framework Core is not a checklist of activities to perform; it presents key cybersecurity outcomes that are aligned with activitiesknown to manage cybersecurity risk. These activities are mapped to a subset of commonly used standards and guidelines. BI : DISPOSIZIONI PRELIMINARI E PRINCIPI GENERALI 1. Premessa Il sistema dei controlli interni è un elemento fondamentale del complessivo sistema di governo delle banche; esso assicura che l attività aziendale sia in linea con le strategie e le politiche aziendali... La presente disciplina:... rappresenta la cornice generale del sistema dei controlli aziendali Chech-box mentatlity Tactical& reactive Achieve point-in-time Compliance Certification Compliance Driven Approach Risk-Based Approach Proactive& Holistic Continous Monitoring Proactive mentality 3

4 Costruiamo il Framework di Governance 4

5 COBIT5 «UNIVERSAL» Framework Perché Interventi Quando Attori Benefici Evitare Rischi Gestione ottimale Risorse Dove operare Processi Principi Policies Frameworks Sistemi Persone Organizzazione Informazioni disponibili Cultura / etica Come operare Pratiche / Attività Base Consolidate e universalmente accettate Riferimento ai principali Standard Priorità in funzione obiettivi di business Governo Pianificazione Organizzazione Impostazione Definizione Soluzioni IT Erogazione Servizi Supporto Misura e Controllo..... In modo strutturato e connesso..... CDA Business IT / IS Controllo 5

6 Governance Strumenti Principi Enablers Goals Assessment COBIT5 «UNIVERSAL» Framework Info Security Vendor Mgmt Risk Privacy EU Contesto... Aziendale Guide all Implementazione Information Security Assurance EnablerInformation Risk Vendor Mgmt Problem(s) specific Framework Conoscere il Contesto e le Problematiche 6

7 I Pilastri del Framework : i Principi di COBIT5 7

8 1 Meeting Stakeholders needs 1. Capire le esigenze 2. Trasformarle in obiettivi di Business 3. Trasformarli in obiettivi IT Stakeholder Drivers (Environment, Technology Evolution,...) Stakeholder Needs Benefits Realisation Risk Optimisation Resource Optimisation Enterprise Goals Questa è la nostra area di intervento ed a questo livello dobbiamo individuare e gestire gli obiettivi / rischi ITtraducendoli in azioni concrete : in una prospettiva «aziendale» IT-related Goals Enabler Goals 8

9 BalancedScorecard: la «Visione»aziendale «equilibrata» : partire col piede giusto Stakeholder value of business investments Portfolio of competitive products and services Financial Managed business risks (safeguarding of assets) Stakeholder Drivers (Environment, Technology Evolution,...) Stakeholder Needs Compliance with external laws and regulations Financial transparency Customer-oriented service culture Benefits Realisation Risk Optimisation Resource Optimisation Business service continuity and availability Enterprise Goals Customer Agile responses to a changing business environment IT-related Goals Process and Enabler Goals Information-based strategic decision making Optimisation of service delivery costs Optimisation of business process functionality Internal Learning & Growth Optimisation of business process costs Managed business change programmes Operational and staff productivity Compliance with internal policies Skilled and motivated people Product and business innovation culture 9

10 Principio 2: Covering the Enterprise End to End 10

11 Principle 3: Un unicoframework Integrato COBIT 5: Allineatocon glialtristandard e framework oggi disponibili Coprire tutta l Azienda Fornire la base per integrare efficacemente gli altri standard, framework e prassi utilizzate Integrare tutti i precedenti prodotti ISACA Un architettura per dare struttura alle regole di governoe produrreun insiemecoerentedi strumenti pratici 2012 ISACA. All Rights Reserved. 11

12 Principle 3: Un unicoframework Integrato 12

13 13 13

14 Principle 4: Consentireun approccio Olistico COBIT 5 definisceun insiemedi enablersper la realizzazionedi un Sistema integraledi governance e management per l IT nell azienda. COBIT 5 enablers sono: Fattori che, da soli o congiuntamente, influiscono sul fatto che qualcosa funzioni Collegati alla goals cascade Descritti nel framework COBIT 5 in sette categorie 2012 ISACA. All Rights Reserved. 14

15 Principio 5 Separazione tra Governance e Management 15

16 Principio 5 SeparazionetraGovernance e Management Governance garantiscechele esigenze, condizioniedalternative deglistakeholder siano: Valutate per definiregliobiettivida raggiungere, in modo bilanciato e concordato Stabilirela direzionestabilendoindirizzie priorità Monitorare le prestazioni ed i progressi nel rispetto degli obiettivi e delle priorità concordati (EDM) Management pianifica, realizza, opera e controlla le attività rivolte al raggiungimento degliobiettividefinitidallagovernance per raggiungere gli obiettivi aziendali(pbrm) 2012 ISACA. All Rights Reserved. 16

17 The COBIT 5 Enterprise Enablers 17

18 Le dimensionidi un qualsiasienabler COBIT 5 Chi ha un ruolo attivo nel determinare cosaci si attende dall enabler Comesigestisce un enabler? Ha portato i risultati attesi? Porterài risultati attesi? 18

19 Enabler : Processi COBIT 5 Enablers: Processes costituisce il Manualedi riferimentoper i37 Processi COBIT5 19

20 Life Cycle Pratiche generalizzate (GP) quali quelle contenute nel COBIT5 Process Assessment Model (basate sullo standard ISO/IEC ) assistono nella definizione, esecuzione, monitoraggi ed ottimizzazione di un processo. Process Practices: COBIT 5 Enabling Processes descrive le internal Process Practices in termini di: pratiche, attività ed attività di dettaglio Comesigestisce il Processo? Porterà i risultati attesi? 20

21 COBIT 5 Process Reference Model Processi : Visione olistica Governare Pianificare ed Organizzare Gestire Realizzare Erogare 21 21

22 Schema di un Processo COBIT5 Descrizione Purpose Processo IT Related Goal Process Goals Related Metrics Related Metrics Descrizione RACI Practice Input Da Output a Attività Dettaglio attività 22 22

23 Connessione tra Processi COBIT5 Descrizione Descrizione Descrizione Purpose Purpose Purpose Processo A IT Related Goal Process Goals Related Metrics Related Metrics RACI Processo B IT Related Goal Process Goals Related Metrics Related Metrics RACI Processo C IT Related Goal Process Goals Related Metrics Related Metrics RACI Description Description Description Practice Input From Practice Input From Practice Input From Output To Output To Output To Activity Activity Activity Un insieme molto dettagliato (ed esaustivo) di relazioni comprendente, per ogni G/M Practice(210) : Responsabilità (RACI) (25) Work Products( circa 700) Attività (1112+n) ( + attività di dettaglio ) utilizzabile operativamente 23 23

24 Purpose IT Related Goals (primary) Goals (outcomes) 24 24

25 RACI Base Practices Excel RACI 25 25

26 Base Practice WP in / out Activities 26 26

27 27 27

28 ISO/IEC (SPICE) ISACA Capitolo di Milano

29 ISO/IEC SPICE Project 1993 Esigenza di strumenti di valutazione forniture per acquisizione di Sistemi (difesa e telecomunicazioni) con alto contenuto di Sw 2003 rilascio ISO/IEC Focus su : Come definire un processo per essere poi in grado di prevederne la capacità (capabilityvs. maturity) di produrre i risultati attesi (outcomes) Come eseguire la misura 29 29

30 ISO/IEC La Misura della Process Capability ASSESSMENT: Objective Impartial Consistent Repeatable Representative Comparable ISO/IEC :2003 identifies the measurement framework for process capability and the requirements for: performingan assessment; processreferencemodels; processassessmentmodels; verifying conformity of process assessment. The requirementsfor processassessmentdefinedin ISO/IEC :2003 form a structure which: facilitatesself-assessment; providesa basisfor use in processimprovementand capabilitydetermination; takes into account the context in which the assessed processisimplemented; producesa processrating; addressesthe abilityof the processto achieveitspurpose; isapplicableacrossallapplicationdomainsand sizesof organization; and mayprovidean objectivebenchmark between organizations. The minimum set of requirementsdefinedin ISO/IEC :2003 ensures that assessment resultsare objective, impartial, consistent, repeatable and representative of the assessed processes. Results of conformant process assessmentsmaybe comparedwhenthe scopesof the assessmentsare consideredto be similar;

31 ISO/IEC Process Assessment Model (PAM) 31 31

32 PAM : PRM & MF 32 32

33 33

34 ISACA s COBIT Assessment Programme

35 What is the new COBIT assessment process? The COBIT process programme is described in COBIT Process Assessment Model (PAM): Using COBIT 5. PAM brings together two proven heavyweights in the IT arena, ISO and ISACA. ISACA decided to adopt ISO/IEC :2003Information technology Process assessment Part 2: Performing an assessment, that support, among others, both the Committee of Sponsoring Organizations of the TreadwayCommission sinternal Control Integrated Frameworkand ITIL Version 3 assessments using the ISO approach. The COBIT PAM uses the existing COBIT 5 content : an ISO compliant process assessment model

36 Process Attributes and Capability Levels This figure is reproduced from ISO with the permission of ISO at Copyright remains with ISO

37 Medesimo schema Descrizione Purpose Processo IT Related Goal Process Goals Supports Related Metrics Related Metrics RACI Description Practice Input From Output To Activity 37 37

38 PAM- Capability levels Level 5 Level 4 Level 3 Level 2 Level 1 Level 0 Optimizing process Predictable process is continuously improved to meet relevant, current and projected business goals, incorporating process innovation and optimisation. Predictable process Established process operates within defined limits to achieve its process outcomes, as a measured and controlled process. Established process Managed process is implemented as a defined process that is capable of achieving its process outcomes. Managed process Performed process is now implemented in a managed fashion (planned, monitored and adjusted) and its work products are appropriately established, controlled and maintained. Performed process The implemented process achieves its process purpose. Incomplete process The process is not implemented, or fails to achieve its process purpose. No evidence of any systematic achievement of the process purpose

39 COBIT5 Process Assessment Model highlights 39

40 PAM Performance Indicators(Level 1) Level 1 Performances Indicators Outcomes Base Practices Work Product Descrizione (riferimento: Cobit5-Enabling Process) Obiettivi del Processo (Process Goals) Practices del Processo Inputs/Outputs delle Practices Per evidenziare se il Processo è implementato e persegue gli obiettivi (livello 1) 40

41 Level 1 example: EDM03 Process Performances Indicators Outcomes Base Practices Work product 41

42 PAM Capability Indicators(Levels 2-5) Level 2-5 Capability Indicators Generic Practices Generic Resources Generic Work Product Descrizione Attività che qualifica il livello di Capability Risorse utilizzate nella Practices Risultato della Practices Per evidenziare l adeguatezza («capabilities») del Processo (livelli 2-5) 42

43 Process attributes rating and Capabilities levels Scale Process attributes dex Process attributes code Rating Level 1 Process Performance PA 1.1 Largely or fully Level 2 Level 3 Level 4 Level 5 Level 1 Performance Management Work Product Management Level 1 Level 2 Process Definition Process Deployment Level 1 Level 2 Level 3 Process Measurement Process Control Level 1 Level 2 Level 3 Level 4 Process Innovation Process Optimization PA 1.1 PA 2.1 PA 2.2 PA 1.1 PA 2.1/2.2 PA 3.1 PA 3.2 PA 1.1 PA 2.1/2.2 PA 3.1/3.2 PA 4.1 PA 4.2 PA 1.1 PA 2.1/2.2 PA 3.1/3.2 PA 4.1/4.2 PA 5.1 PA 5.2 Fully Largely or fully Largely or fully Fully Fully Largely or fully Largely or fully Fully Fully Fully Largely or fully Largely or fully Fully Fully Fully Fully Largely or fully Largely or fully N Not achieved P Partially achieved L Largely achieved F Fully achieved 0 to 15% achievement 15% to 50% achievement 50% to 85% achievement 85% to 100% achievement 43

44 Generic Practice& Work Product Level 2 GENERIC PRACTICE GP Identify the objectives for the performance of the process GP Plan and monitor the performance of the process to fulfil the identified objectives GP Adjust the performance of the process GP Define responsibilities and authorities for performing the process GP Identify and make available resources to perform the process according to plan GP Manage the interfaces between involved parties GP Define the requirements for the work products, including content structure and quality criteria GP Define the requirements for documentation and control of the work products GP Identify, document and control the work products GP Review and adjust work products to meet the defined requirements WORK PRODUCT 44

45 GENERIC PRACTICE GP Define the standard process that will support the deployment of the defined process GP Determine the sequence and interaction between processes so that they work as an integrated system of processes GP Identify the roles and competencies for performing the standard process GP Identify the required infrastructure and work environment for performing the standard process GP Determine suitable methods to monitor the effectiveness and suitability of the standard process GP Deploy a defined process that satisfies the context GP Assign and communicate roles, responsibilities and authorities for performing the defined process GP Ensure necessary competencies for performing the defined process GP Provide resources and information to support the performance of the defined process GP Provide adequate process infrastructure to support the performance of the defined process GP Collect and analyse data about performance of the process to demonstrate its suitability and effectiveness WORK PRODUCT 45

46 GENERIC PRACTICE Generic Practice& Work Product Level 4 GP Identify process information needs, in relation with business goals GP Derive process measurement objectives from process information needs GP Establish quantitative objectives for the performance of the defined process, according to the alignment of the process with the business goals GP Identify product and process measures that support the achievement of the quantitative objectives for process performance GP Collect product and process measurement results through performing the defined process GP Use the results of the defined measurement to monitor and verify the achievement of the process performance objectives GP Determine analysis and control techniques appropriate to control the process performance GP Define parameters suitable to control the process performance GP Analyse process and product measurement results to identify variations in process performance GP Identify and implement corrective actions to address assignable causes GP Re-establish control limits following corrective action WORK PRODUCT 46 46

47 GENERIC PRACTICE GP Define the process improvement objectives for the process that supports the relevant business goals GP Analyse measurement data of the process to identify real and potential variations in process performance GP Identify improvement opportunities of the process based on innovation and best practices GP Derive improvement opportunities of the process from new technologies and process concepts GP Define an implementation strategy based on long-term improvement vision and objectives GP Assess the impact of each proposed change against the objectives of the defined and standard process GP Manage the implementation of agreed changes to selected areas of the defined and standard process according to the implementation strategy GP Based on actual performance, evaluate the effectiveness of process change against process performance, capability objectives and business goals WORK PRODUCT 47

48 GenericWork Product Indicators(ISO 15504) 48

49 Altre «SPICES» Industria AUTOMOTIVESPICE Finanza AML Financial Control Assessment EEC Funds Enterprise Spice Altri SEDA 2012 Medi Spice ITIL ISO Safety extension 49

50 QUESTIONS & COMMENTS 2013 ISACA. All rights reserved

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Continua evoluzione dei modelli per gestirla

Continua evoluzione dei modelli per gestirla Governance IT Continua evoluzione dei modelli per gestirla D. D Agostini, A. Piva, A. Rampazzo Con il termine Governance IT si intende quella parte del più ampio governo di impresa che si occupa della

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Best practice per il Service Mgmt

Best practice per il Service Mgmt Best practice per il Service Mgmt IBM e il nuovo ITIL v3 Claudio Valant IT Strategy & Architecture Consultant IBM Global Technology Services IBM Governance and Risk Agenda Introduzione ad ITIL V3 Il ruolo

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

Corporate Governance e sistema di controllo interno. Enrico Parretta

Corporate Governance e sistema di controllo interno. Enrico Parretta Corporate Governance e sistema di controllo interno Enrico Parretta Corporate Governance La Corporate Governance è il sistema delle regole secondo le quali le imprese sono gestite e controllate, coniugando:

Dettagli

Introduzione a ITIL v3 Le metriche in ITIL. ing. Andrea Praitano Service & Security Consultant

Introduzione a ITIL v3 Le metriche in ITIL. ing. Andrea Praitano Service & Security Consultant Introduzione a ITIL v3 Le metriche in ITIL ing. Andrea Praitano Service & Security Consultant 2 Introduzione - Andrea Praitano Struttura di consulenza di Business-e; Membro del Consiglio Direttivo di itsmf

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Glossario e abbreviazioni ITIL. Italiano

Glossario e abbreviazioni ITIL. Italiano Glossario ITIL Italiano, v1.0, 30 settembre 2011 Basato sul glossario Inglese v1.0, 29 luglio 2011 Glossario e abbreviazioni ITIL Italiano Questo glossario può essere liberamente scaricato. Vedere www.itil-officialsite.com/internationalactivities/translatedglossaries.aspx

Dettagli

L Asset management e certificazione del personale di manutenzione: come la manutenzione sta cambiando

L Asset management e certificazione del personale di manutenzione: come la manutenzione sta cambiando Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la serie di Newsletter legate agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce all Asset Management e alla certificazione

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l.

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l. Balance GRC Referenze di Progetto Settembre 2013 Pag 1 di 18 Vers. 1.0 Project Management Anno: 2012 Cliente: ACEA SpA Roma Durata: 1 anno Intervento: Gestione dei progetti riguardanti l implementazione

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

IQNet SR 10. Sistemi di gestione per la responsabilità sociale. Requisiti. IQNet SR 10. Social responsibility management systems.

IQNet SR 10. Sistemi di gestione per la responsabilità sociale. Requisiti. IQNet SR 10. Social responsibility management systems. IQNet SR 10 Sistemi di gestione per la responsabilità sociale Requisiti IQNet SR 10 Social responsibility management systems Requirements IQNet SR 10 Social responsibility management systems Requirements

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

N 2 2009 di Lorenzo Caselli

N 2 2009 di Lorenzo Caselli cerca home chi siamo la rivista contattaci saggi working paper autori archivio siamo in: Homepage / archivio N 2 2009 di Lorenzo Caselli Insegnare etica nelle Facoltà di Economia recensioni segnalazioni

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS Una società certificata di qualità UNI EN ISO 9001-2000 per: Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza per l accesso ai programmi di finanziamento europei, nazionali e regionali. FIT Consulting

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT Via Turati 4/3, 16128 Genova Tel. 348/4103643 Fax 010/8932429 ITIL (Information Technology Infrastructure Library) 1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT In un mercato in cui il successo delle aziende è

Dettagli

E il Servizio Che Mi Interessa, Bellezza!

E il Servizio Che Mi Interessa, Bellezza! White paper tecnico RESOURCE MANAGEMENT www.novell.com E il Servizio Che Mi Interessa, Bellezza! Guida italiana alla gestione dell IT secondo una logica di servizio E il Servizio Che Mi Interessa, Bellezza!

Dettagli

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Agenda Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Section II - The Data Representation Problem and the construction of the Model Section III - Data Analysis

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Progetto di sviluppo, Struttura Organizzativa, Qualità nello sviluppo FOSS

Progetto di sviluppo, Struttura Organizzativa, Qualità nello sviluppo FOSS Progetto di sviluppo, Struttura Organizzativa, Qualità nello sviluppo FOSS 1 Progetto di sviluppo Uno sforzo TEMPORANEO intrapreso per creare un Prodotto (o un Servizio) UNICO Temporaneo Indica che ha

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

piano strategico triennale per l IT

piano strategico triennale per l IT Direzione Centrale Organizzazione Digitale piano strategico triennale per l IT INDICE o Premessa 5 o Strategia IT 9 o Sintesi Direzionale 11 o Demand Strategy 13 o INAIL 2016: la visione di business 14

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Mappa degli standard: stato dell arte ed orientamenti

Mappa degli standard: stato dell arte ed orientamenti Mappa degli standard: stato dell arte ed orientamenti Domenico Natale AB Medica Versione 1 Riunione della Commissione UNINFO Informatica Medica Milano, 30 Settembre 2013 Introduzione La presente nota intende

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Il primo bando del programma Interreg CENTRAL EUROPE, Verona, 20.02.2015 Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Benedetta Pricolo, Punto di contatto nazionale, Regione del Veneto INFORMAZIONI DI BASE 246

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

EMIT Executive Master in IT Governance & Management - Franco Zuppini

EMIT Executive Master in IT Governance & Management - Franco Zuppini In collaborazione con: EMIT Executive Master in IT Governance & Management - Franco Zuppini Strumenti manageriali per la gestione del ciclo di vita dei servizi IT Gennaio 2012 Giugno 2013 II edizione formula

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

L organizzazione di un Project Management Office (PMO) innovativo per la gestione del valore dell azienda. a cura di. Ing. Michele Maritato, PMP

L organizzazione di un Project Management Office (PMO) innovativo per la gestione del valore dell azienda. a cura di. Ing. Michele Maritato, PMP L organizzazione di un Project Management Office (PMO) innovativo per la gestione del valore dell azienda a cura di Ing. Michele Maritato, PMP Il presente documento è stato redatto dall ing. Michele Maritato

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

EMIT Executive Master in IT Governance & Management "Franco Zuppini"

EMIT Executive Master in IT Governance & Management Franco Zuppini EMIT Executive Master in IT Governance & Management "Franco Zuppini" Strumenti manageriali per la gestione del ciclo di vita dei servizi IT V EDIZIONE FEBBRAIO 2015 / GIUGNO 2016 - ROMA FORMULA WEEKEND

Dettagli

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive:

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Dai diritti alla costruzione di un sistema di sostegni orientato al miglioramento della Qualità di Vita A cura di: Luigi

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Servizi High. Value Audit. Aree di intervento per aumentare il valore delle attività di Internal Audit

Servizi High. Value Audit. Aree di intervento per aumentare il valore delle attività di Internal Audit Protiviti s High Value Audits are a series of audits programs that provide you with better information for decision-making regarding the systems and processes that drive technology, compliance or operational

Dettagli

Milano 23 novembre 2011

Milano 23 novembre 2011 ORBIT - Open Day Milano 23 novembre 2011 Carlo Loveri Agenda 14.30 Benvenuto 14.45 Business Continuity & Disaster Recovery Management: Cenni; Standards di riferimento; Best practices. Carlo Loveri CEO

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm 2011 IBM Corporation Cosa si intende per Cloud Computing Cloud è un nuovo modo di utilizzare e di distribuire i servizi IT,

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli