Strumenti di marketing digitale e guida al processo di introduzione in azienda

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strumenti di marketing digitale e guida al processo di introduzione in azienda"

Transcript

1 2013 Strumenti di marketing digitale e guida al processo di introduzione in azienda Trieste 1

2 Servizi ICT a banda larga e ultra larga Definizioni Requisiti di banda I benefici della banda larga in azienda 2

3 In principio. era 56k 3

4 Internet oggi ARPANET 1970 Peering IPv4 nel 2011 Numero di host per 1000 ab. nel mld di nodi nel 2012 Fonte: ISC Domain Survey: 4

5 E la banda? Legge di Edholm: la banda nell accesso raddoppia ogni 15 mesi ADSL2 NGN ADSL 56K ISDN Attuale Trend 5

6 L Agenda Digitale Europea La strategia Europa 2020, avviata dalla Commissione Europea nel 2010, rappresenta parte della risposta a questa crisi e fissa obiettivi in materia di occupazione, produttività e coesione sociale. L agenda digitale presentata dalla Commissione europea è una delle sette iniziative faro della strategia Europa 2020, nella quale tra le altre cose si prevede un accesso ad Internet veloce e superveloce per tutti 0% 50% 100% Basic BB 2013 > 2 Mb/s Ultra BB Mb/s > 30 Mb/s 6

7 32s 5 min 10 min Banda larga o banda ultralarga? Non esiste una definizione standard per banda larga: oggi è universalmente accettato il valore di 2 Mb/s come limite minimo! Tempo medio di download di una foto da 10 Mpx (4 MB) Per banda ultralarga si intendono almeno 30 Mb/s, ma con le reti di nuova generazione si potrebbero avere velocità dell ordine dei 100 Mb/s 8s 1,6s 1s 0,3s modem 56k ISDN 128k ADSL 1M ADSL 4M ADSL 20M 30M 100M 7

8 Reti fisse e mobili Per i futuri servizi ad altissimo ritmo binario, non si potrà fare a meno di connessioni fisse a banda larga ed ultra larga (BUL - quest ultime disponibili solo in fibra ottica) L accesso radio ha caratteristiche diverse rispetto alla rete fissa in termini di banda, di latenza e di garanzia del servizio (*) Dati Ne.Me.Sys 8

9 Requisiti di banda per alcuni servizi Agenda Digitale 2013 Media nazionale 9

10 E l upload?? Generalmente esiste molta differenza per la velocità dei dati nelle due diverse direzioni di comunicazione (da centrale a utente e viceversa). Il paradigma di Internet è cambiato: gli utenti sono passati da consumer a prosumer e le nuove applicazioni cloud richiedono sempre più simmetria nei collegamenti Le velocità tipiche di upload vanno da 128 a 640 kb/s. 10

11 E in azienda? Banda migliori performance ( Mb/s) > 250Mb/s (1 2 Mb/s) Mail Navig. Internet Doc Sharing Audio conf (base) (6 16 Mb/s) Videoconf. WebConferencing ecommerce Video Collaboration Prime app. Cloud (25 50 Mb/s) Telepresenza Collaborative working RemoteStorage? Cloud? ( Mb/s) True HD Hosting Remoto 3D applications Streaming multiplo Cloud Computing Realtà aumentata Piena Virtual Collaboration 3D (voce in tempo reale e olografie 3D) Altri servizi ancora da ideare!!! 11

12 Banda, unico requisito? banda ritardo di trasmissione il ritardo di trasmissione è introdotto dalla rete per far transitare un dato dal nodo di origine a quello di destinazione: gli operatori rispondono del ritardo introdotto dalla loro rete. 12

13 Ancora sui ritardi di trasmissione Bassi ritardi sono un requisito fondamentale dei servizi moderni: in molte offerte commerciali di banda larga è possibile sottoscrivere opzioni a pagamento per migliorare le performance sui ritardi. Secondo Amazon 100 millisecondi di ritardo nella risposta equivalgono a una perdita dell 1% del suo fatturato Al momento della sottoscrizione di un contratto fare attenzione alle proprie esigenze! (es. offerta Telecom Internet Play ) 13

14 Le offerte di banda larga Le offerte commerciali non indicano le prestazioni realmente conseguibili, ma quelle massime teoriche. Le prestazioni reali dipendono da diversi fattori locali. Esiste un livello di servizio minimo garantito che dipende dal tipo di offerta ed è dichiarato nelle condizioni di fornitura del servizio Offerta Telecom Evoluzione ufficio 20 Mega Offerta Faswteb Advance (20 Mb/s) 14

15 Molti studi recenti hanno cercato di esplorare come la banda larga ed ultralarga possono ulteriormente rivoluzionare il modo in cui le persone vivono, lavorano, interagiscono e le aziende conducono le transazioni economiche. Perché banda larga in azienda? relazioni tra amministraz. pubblica e cittadini/aziende dimensione delle aziende competitività La connettività come catalizzatore fondamentale del cambiamento, della modernizzazione e dell innovazione. gestione efficiente del business produttività 15

16 L impulso di Internet alla crescita delle imprese E-commerce Crescita del fatturato Tasso di crescita annuale - CAGR Sì No 0.3% 5.9% Esportazioni nette % del fatturato totale Sì No 2.4% 5.3% Investimenti in tecnologie Web % del fatturato Più del 2% Meno del 2% -0.3% 9.8% Più del 2% Meno del 2% 2.3% 5.3% Personale assegnato alle tecnologie Web % di Full Time Equiv. Più del 5% Meno del 5% Indagine condotta su 415 PMI italiane 1.3% 0.7% -5% 0% 5% 10% 15% Più del 5% Meno del 5% 2.4% 3.0% 0% 2% 4% 6% FONTE: McKinsey,

17 crescita del PIL nel 2005 (%) Banda larga e PIL USA Japan R=0,84 And the Internet provides an extraordinary new platform for innovation. Studies suggest that 10 percentage points of extra broadband penetration translates to 1 to 1.5% extra growth. Nelie Kroes July UK Canada 1.5 France Italy Germany crescita della penetrazione di BL nel 2002 (%) * * Grafico su rielaborazione dati da Faculty of Business Administration - Shebrooke (Canada - anno 2007) 17

18 Gartner Executive Program Survey of More Than 2,000 CIOs Shows Digital Technologies Are Top Priorities in 2013 Ranking Top 10 Business Priorities Technology Priorities Ranking 1 Increasing enterprise growth Analytics and business intelligence 2 Delivering operational results Mobile technologies 3 Reducing enterprise costs Cloud computing (SaaS, IaaS, PaaS) 4 Attracting and retaining new customers Collaboration technologies (workflow) 5 Improving IT applications and infrastructure Legacy modernization 6 Creating new products and services (innovation) IT management 7 Improving efficiency CRM 8 Attracting and retaining the workforce Virtualization 9 Implementing analytics and big data Security 10 Improving business processes ERP Applications The worldwide survey was conducted in the fourth quarter in 2012 and included 2,053 CIOs, representing more than $230 billion in CIO IT budgets and covering 36 industries in 41 countries. The Gartner Executive Programs report, "Hunting and Harvesting in a Digital World: The 2013 CIO Agenda," represents the world's most comprehensive examination of business priorities and CIO strategies. 18

19 Aree di opportunità per le PMI dall ICT Cloud In passato considerati i mantra dell ICT, stanno diventando realtà di mercato grazie all evoluzione dell offerta e la crescente dimestichezza degli utenti con l ICT. Web 2.0 & Digital Marketing 19

20 Digital Marketing Le reti sociali Il concetto del nuovo marketing Mezzi, strumenti e casi Siti web ed e-commerce 20

21 Rete complessa Motore di ricerca 21

22 Che cos è una Rete? È un insieme di oggetti in cui alcune coppie risultano connesse da legami OGGETTI LEGAMI DISCIPLINA Persone Amicizia Sociologia Apparati Pacchetti di dati Telecomunicazioni Computer Informatica Cellule Molecole extracellulari Biochimica Neuroni Sinapsi Neuroscienze Luoghi di cibo Feromoni (formiche) Biologia (food webs) Membri di una popolazione Linguaggio Sociolinguistica... Nel percorso di astrazione dal problema alla sua formalizzazione gli oggetti divengono i nodi e i legami i rami 22

23 Esempi di reti Rete tecnologica: ARPANET (1970) I nodi sono risorse di comunicazione, ossia host e router Molti altri tipi di rete (in biologia, nelle scienze del cervello, etc.) Rete sociale: Struttura delle comunicazioni mail tra 436 impiegati del Hewlett Packard Research Lab sovrapposta alla gerarchia aziendale 23

24 Le reti informali 24

25 Il concetto di rete La definizione più generale e astratta di rete può essere espressa, a partire dalla teoria matematica dei grafi, nei seguenti termini: Rete: struttura costituita da elementi (nodi) e da connessioni (link o archi) tra elementi. Tra le diverse caratteristiche che contraddistinguono le reti del mondo reale, tre sono fondamentali: sono sempre più grandi tendono a crescere nel tempo sono sempre più connesse al loro interno sono complesse, vale a dire, la somma dei comportamenti delle singoli parti non è uguale al comportamento globale. 25

26 Giant component Nella teoria delle reti si definisce giant component un sottografo che contiene la maggior parte dei nodi. Esempio di interazione tra i dipendenti HP che hanno lasciato almeno 3 post nel blog interno 26

27 Le reti crescono. ARPANET 1970 Peering IPv4 nel

28 L influenza delle reti Da un punto di vista economico, un aspetto fondamentale deriva dal fatto che il bene che ciascun utente ottiene dall'acquisto e dall'uso di una tecnologia tende a crescere con il numero di persone che posseggono e fanno uso della stessa tecnologia. Quando le persone sono collegate da una rete, diventa possibile per loro influenzare reciprocamente i comportamenti e decisioni producendo risultati collettivi su una parte della popolazione. Gli strumenti ICT, mettendo a disposizione sempre nuovi strumenti di comunicazione, abilitano nuove modalità di interazione e potenziano l effetto rete. 28

29 Il valore di una rete Sarnoff: "il valore di una rete di broadcasting è direttamente proporzionale al numero degli utenti". Più persone sono collegate, maggiore è il valore della rete, come sanno bene i pubblicitari. Metcalfe: "il valore di un sistema di comunicazione cresce con il quadrato del numero di persone collegate". Reed: il valore di una rete, se associato a gruppi con interessi comuni, che condividono idee, interessi, obiettivi e con un senso di appartenenza cresce in modo esponenziale. 29

30 Dalla teoria delle reti all effetto rete Andate in una citta sconosciuta e un vostro amico vi consiglia di andare al ristorante A ma. una volta arrivati notate il ristorante B della porta accanto???? A B 30

31 Effetti comportamentali Le imitazioni comportamentali sono il risultato razionale dell inferenza di molte sorgenti di informazioni limitate. Tale imitazione può verificarsi anche a causa della pressione sociale a conformarsi senza alcuna motivazione di fondo solo subendo l influenza reciproca e sfruttando la possibilità di godere di un beneficio diretto allineando il proprio comportamento con quello degli altri. Normalmente ogni individuo non considera che procedendo all'acquisto accresce l'estensione della rete, aumenta il fattore di influenza e tutto sommato produce un effetto positivo su tutti coloro che aderiscono alla stessa scelta/tecnologia 31

32 La rete sociale di Cosimo de Medici [Padgett, Ansell, Am. J. Sociology, 1993] Il controllo mediceo sulla politica è stato realizzato sfruttando abilmente le connessioni della rete sociale all'interno dell'élite fiorentina, che soltanto i Medici attraversavano. Cosimo de Medici, dotato di un identità multiforme (una vera sfinge), manipolava il potere sfruttando i buchi della rete sociale così da risolvere le contraddizioni insite in qualsiasi organizzazione. La sua figura restò a lungo in ombra, vero burattinaio di una serie di personaggi fidati che per lui ricoprivano incarichi chiave nelle istituzioni. Struttura della rete politica e amicale fra le famiglie fiorentine al tempo dei Medici ( ) (prestiti) (amicizia) (presentazioni) (garanzie in denaro) 32

33 Evoluzione delle reti sociali Rete sociale con legami di amicizia in un club di karate di 34 soci. La struttura dei legami può fare intravedere in anticipo l evoluzione futura della rete (ad es. conflitti latenti e frammentazione della rete in componenti separate). [Zachary, J. of Anthropological Research, 1977] 33

34 Dalle reti sociali (reali) ai SM ai SN I GRANDI VETTORI DEL CAMBIAMENTO SONO QUATTRO: la Rete quale infrastruttura di relazioni; l efficacia dei motori di ricerca; l introduzione di strumenti di pubblicazione semplici da usare; l affermarsi di nuovi spazi di relazione. CON UN NUOVO PARADIGMA: La Rete, in grado di mettere in relazione in tempo reale individui dislocati in punti diversi dello spazio, ha reso possibile una diffusione dei dati, delle informazioni e delle notizie rapida e spesso imprevedibile; sempre più spesso la notizia non segue il rigido percorso disegnato dall alto, ma origina dall esperienza di un reporter non professionista o di un cliente, magari insoddisfatto. 34

35 ESEMPI: SN e nuovi paradigmi: le notizie dal basso il jet caduto nel fiume Hudson il 19 gennaio 2009 e documentato da un passante via Twitter con molto anticipo rispetto alle agenzie di stampa I disservizi provocati dalla compagnia aerea JetBlue nel febbraio del 2007 ai passeggeri del volo 351. Rinchiusi in aeroporto, al freddo, per ore e senza informazioni hanno pensato bene di filmare le proprie condizioni con il telefonino per poi diffonderle tramite YouTube. Il miglioramento dei motori di ricerca (determinante Google), unito all aumento dello spazio per immagazzinare dati, ha avuto grosse conseguenze sul ciclo di vita dell informazione. 35

36 e persistenti! Se da un lato le notizie si consumano con maggior rapidità rispetto al passato, dall altro la traccia delle stesse permane in Rete, duplicata in molteplici server, e facilmente rinvenibile grazie a banali ricerche. A distanza di più di cinque anni sono ancora visibili nella prima pagina dei risultati di Google i resoconti della vicenda nota come Mosaico Arredamenti. Marzo 2008: Sergio Sarnari sul suo piccolo blog lamenta un disservizio del mobilificio Mosaico Sistemi di Arredamento dal quale aveva comprato i mobili per la nuova casa. Anziché rispondere utilizzando i commenti del blog, l amministratore delegato preferisce usare la carta bollata e chiedere Oggi la Mosaico Arredamenti ha cambiato nome in Emozioni srl 36

37 I segreti del successo L introduzione di strumenti semplici di pubblicazione come i blog ha consentito a chiunque di farsi media, ossia non solo di esprimere le proprie opinioni liberamente, ma di farlo pubblicamente, rivolgendosi a un pubblico potenzialmente molto vasto. Agli stakeholder tradizionali si sono affiancati nuovi soggetti (influencer o opinion leader) che, mossi dalla pura passione, dialogano con voce autentica e cristallina con i propri pari, stabilendo un rapporto di fiducia, in grado di influire sulle decisioni di acquisto e sull immagine pubblica delle aziende. La crescente importanza di nuovi spazi di relazione, in primis i social network, ha esteso ulteriormente la possibilità di dire la propria creando gruppi di opinione, di sostegno o di critica. Si pensi ai gruppi su Facebook, di cui spesso si abusa, ma che in alcune occasioni hanno contribuito a organizzare proteste importanti, come quella contro le FARC in Colombia o la primavera araba. 37

38 I Social Media (1/2) 1. Servizi di gestione e pubblicazione di contenuti (blog, microblog e podcast). 2. Servizi di aggregazione e condivisione di media come YouTube, Flickr, Slideshare, (notare che il fulcro della relazione è l oggetto mediale). 3. Social network, ossia servizi attraverso i quali gestire e/o rinsaldare amicizie preesistenti o estendere la propria rete di contatti. 38

39 I Social Media (2/2) 4. Ambienti immersivi (mondi virtuali come Second Life, Multi User Dungeon, online game world come World of Warcraft), che danno la possibilità di esperienze sincrone di gioco o relazione attraverso avatar. 5. Piattaforme collaborative per comunità, che vanno dai servizi per la creazione di spazi per community tematiche ai wiki, sistemi di gestione della conoscenza che permettono l editing comunitario di pagine web. 39

40 Un modello dei bisogni dell uomo La piramide dei bisogni di Abraham Maslow è uno dei modelli più interessanti e dibattuti degli ultimi decenni, in cui il grande piscologo crea una gerarchia dei bisogni che spingono l uomo nelle sue attività quotidiane. In particolare, sono 5 i livelli di bisogni che l essere umano percepirebbe, ordinati in funzione della loro complessità: Fisiologici: fame, sete, etc. Di sicurezza: salvezza, protezione, etc. Di appartenenza: affetto, identificazione, etc. Di stima: prestigio, successo, etc. Di auto-realizzazione: realizzazione del sè. 40

41 La piramide dei bisogni al tempo 2.0 La piramide dei bisogni di Abraham Maslow ai tempi di Internet 41

42 Quando è un Social Network? Un SN deve consentire: la creazione di un profilo pubblico o semipubblico all interno di un sistema vincolato; l articolazione di una lista di contatti; la possibilità di scorrere la lista di amici dei propri contatti. Con queste caratteristiche: La persistenza La ricercabilità La replicabilità. Il pubblico invisibile Il primo servizio di social networking ad avere avuto tutte le caratteristiche descritte fu lo statunitense SixDegrees.com, lanciato nel lontano

43 Social network tematici C è chi sostiene che il futuro dei social network sia legato alla specificità dei contenuti. Non potendo sconfiggere il gigante generalista Facebook, si tenta di progettare spazi di relazioni verticali, ossia luoghi di aggregazione attorno a una tematica comune. Tra questi merita una menzione anobii (http://www.anobii.com), dedicato a chi ha la passione per la lettura e amato particolarmente in Italia (nei Paesi anglosassoni il leader è Goodreads). Sviluppato a Hong Kong, è disponibile anche in lingua italiana ed è proprio nel nostro paese che è riuscito ad aggregare una considerevole comunità di appassionati, che sviluppano conversazioni proprio attorno ai libri letti e agli autori. 43

44 Geo social network Con il termine di geo social network o location-based service (LBS) si identificano quei servizi che, attraverso l individuazione della localizzazione geografica di un utente mobile, offrono dinamicamente risposte appropriate alle sue esigenze. Un esempio è Foursquare che con più di utenti, si pone all incrocio tra guida turistica user-generated e gioco sociale (sono anche chiamati locative social game). Generalmente questi servizi permettono agli utenti di segnalare i luoghi in cui si trovano (bar, hotel, musei e così via), e aggiungere suggerimenti per i futuri avventori. Lo stimolo a popolare il database di luoghi deriva da un complesso e misterioso sistema di premi virtuali (badge) che si possono collezionare sul proprio profilo. La leva premiale diventa anche un nuovo elemento di marketing per quelle aziende che hanno una presenza sul territorio, come Starbucks, che possono decidere di offrire un badge personalizzato o un dono reale agli avventori/promotori più fedeli. 44

45 Principio di Pareto e Internet Molti mercati sono stati storicamente dominati da un ristretto numero di prodotti best-seller. Il Principio di Pareto, conosciuto anche come la regola 80/20, descrive questo modello comune di concentrazione delle vendite. Riducendo notevolmente i costi di ricerca, le tecnologie dell'informazione, in generale sui mercati di Internet, forniscono il potenziale per aumentare sostanzialmente la quota collettiva di vendite dei prodotti di nicchia creando così una coda più lunga nella distribuzione delle vendite. 45

46 La coda lunga e l e-commerce alias dal mercato di massa alla massa di mercati La distribuzione della popolarità ha importanti conseguenze nel business, specialmente nella industry dei media e dell intrattenimento. Nel 2004 Chris Anderson in The Long Tail, previde che la distribuzione in Internet avrebbe spinto questa industry ad una struttura di mercato ove una lunga coda di oscuri prodotti avrebbe nel complesso trainato la massa degli interessi del pubblico. Sorgono così nuovi modelli di business e nuove imprese online, come ad esempio Amazon (libri, CD, etc.) e Netflix (video). Un venditore di Amazon ha così descritto la coda lunga ad un collega del marketing che voleva ostinarsi a puntare sui bestseller: "Oggi abbiamo venduto più libri tra quelli che ieri non sono affatto andati di quanti ne abbiamo venduti tra quelli che ieri sono andati". Josh Petersen (Amazon.Com) 46

47 Popolarità/vendite Segmenti della Coda Lunga Pochi top-seller, per i quali vale la legge di Pareto Possono occupare una quota di mercato equivalente o superiore a quella dei topseller, a patto di avere un canale di distribuzione opportuno Punto nel quale ai canali retail tradizionali conviene fermarsi. Segmento nel quale vi sono molti prodotti con ridotti volumi di vendita Prodotti 47

48 Il canale di distribuzione per la coda lunga 1. Deve poter disporre di un catalogo prodotti enormemente vasto, a costi marginali praticamente nulli 2. Deve poter raggiungere una popolazione di potenziali acquirenti enormemente vasta, a costi marginali bassi 3. Deve fornire ai potenziali acquirenti adeguati strumenti di selezione per individuare facilmente il prodotto di interesse all interno del catalogo (motori di ricerca, filtri, raccomandazioni, e WOM - Word of mouth/passaparola) 48

49 PageRank Il PageRank è un algoritmo di analisi che assegna un peso numerico ad ogni elemento di un collegamento ipertestuale di un insieme di documenti con lo scopo di quantificare la sua importanza relativa all'interno della rete. L'algoritmo può essere applicato a tutti gli insiemi di oggetti collegati da citazioni e riferimenti reciproci. Il peso numerico assegnato ad un dato elemento E è chiamato anche "il PageRank di E", siglato in PR(E). L'algoritmo di PageRank è stato brevettato (brevetto US ) dalla Stanford University; è inoltre un termine ormai entrato di fatto nel lessico dei fruitori dei servizi offerti dai motori di ricerca. Il nome PageRank è un marchio di Google 49

50 SEM/SEO SEO è l'acronimo di Search Engine Optimizer o Search Engine Optimization, ovvero ottimizzatore per motori di ricerca. SEM, acronimo di Search Engine Marketing, è una specifica branca del Web marketing che riguarda l'attività di acquisto di traffico svolta nei principali motori di ricerca (detta anche Adwords marketing) Molti specialisti offrono servizi di consulenza affinché il sito cliente acquisisca un buon rank (SEM/SEO): Esame del contenuto o della struttura del sito, Consigli di natura tecnica sullo sviluppo del sito, ad esempio hosting, reindirizzamenti, pagine di errore, utilizzo di JavaScript, Sviluppo dei contenuti, Gestione degli sviluppi commerciali derivanti dalle campagne online, Ricerca di parole chiave, Formazione per l'ottimizzazione, Esperienza in aree geografiche e mercati specifici. Periodicamente Google aggiorna gli algoritmi del motore per penalizzare quello che considera spamming da parte degli specialisti SEM/SEO 50

51 Le keywords di ricerca Monitorando il traffico in entrata di un sito web si può notare che molti utenti arrivano dai motori di ricerca attraverso le keyword più importanti. C è un sottoinsieme di utenti che approda al sito attraverso altre parole chiave non previste. Durante la fase di studio di una strategia SEO, è utile osservare le statistiche delle parole chiave che hanno maggiore volume di traffico per comprendere quali utilizzare. Si cercano le combinazioni di parole chiave che benché non abbiano grandi volumi di utilizzo godono di altri vantaggi per una ricerca accurata. 51

52 Sponsored Search Markets In origine la pubblicità Web è stata venduta calcolando la rilevanza sulla base di impressioni in analogia con quanto accade con gli annunci stampa in quotidiani e riviste: si negozia una tariffa con un inserzionista e si concorda un prezzo per mostrare il suo annuncio un numero fisso di volte. Nel tempo ci si è accorti che se l'annuncio non è legato al comportamento dell utente si perde uno dei principali vantaggi di Internet rispetto alla stampa o la televisione. Le query dei motori di ricerca sono un modo potente per arrivare agli utenti che esprimono il loro interesse per cui un annuncio si può basare sulla cattura dell interesse ed essere più diretto. Originariamente introdotta dalla società Overture, questo tipo di pubblicità basata sulle parole chiave, si è rivelata di enorme successo per il business dei motori di ricerca. 52

53 Pay-per-click I motori di ricerca hanno sviluppato alcune prassi nella modalità di vendere annunci pubblicitari in base alle parole chiave (pay-per-click). L annuncio contiene un link al sito web della società sponsor che paga solo quando un utente fa effettivamente click su un annuncio. Per alcune ricerche il costo del click può essere molto elevato come, ad esempio, query come "Prestito" o "rifinanziamento ipotecario" possono raggiungere anche 50 dollari per click. Possibili abusi: i siti web possono incentivare i propri visitatori, oppure utenti registrati al sito stesso, a cliccare su annunci pubblicitari in modo da trarne profitto abusivamente. 53

54 Un esempio: Google AdWords AdWords permette di: raggiungere gli utenti esattamente mentre cercano in Internet quello che l azienda offre. impostare e controllare il budget esaminare i dettagli relativi all'annuncio e utilizzali per migliorarlo

55 Un esempio: Google AdWords Search box Opzioni per la ricerca Google: AdWords Risultati sponsorizzati Risultati "organici" (non influenzati dalle sponsorizzazioni) 55

56 Determinazione dei prezzi per click mediante aste Un problema è come un motore di ricerca fissa i prezzi per click in funzione del tipo di ricerca. Una possibilità è semplicemente quella di pubblicare i prezzi nello stesso modo con cui agisce un negozio. I motori di ricerca hanno sviluppato strumenti per determinare i prezzi mediante procedure d'asta con le quali sollecitano le offerte dagli inserzionisti. Ad esempio una delle modalità utilizzate dai motori di ricerca per fissare il prezzo è l utilizzo di meccanismi d asta a busta chiusa. (Asta in busta chiusa: ogni giocatore sottopone la sua offerta una e una sola volta e tutte le offerte sono fatte contemporaneamente.) 56

57 Principali indicatori di AdWords Il sito web dell inserzionista che offre di più per una determinata keyword (parola chiave) verrà mostrato con ordine prioritario maggiore rispetto agli altri che hanno deciso di offrire meno. CTR: Il Click-through rate è il tasso che misura l'efficacia di una campagna pubblicitaria on-line. Ogni annuncio e parola chiave generano un CTR proprio in base al rendimento della campagna. Il numero di impressioni è il numero di volte in cui un annuncio viene visualizzato su Google. CPC: Cost per Clic è l importo medio da pagare ogni volta che un utente fa clic sul suo annuncio. 57

58 Account AdWords Es. Se un banner o messaggio pubblicitario è visualizzato 100 volte e una persona vi clicca sopra, il CTR risulterà dell'1%. 58

59 Google global market finder Restituisce: il CPC medio confrontando anche più termini (es: rubinetto-miscelatore), su base geografica. Il numero di ricerche su base mensile Il termine equivalente nelle altre lingue... e molto altro 59

60 Google Trends (www.google.com/trends) 60

61 Metriche Web Gli strumenti di analisi Web sono un termometro per il controllo ed il monitoraggio delle attività che si svolgono su un sito. Questi strumenti sono utili per determinare se le azioni di marketing dei motori di ricerca sono efficaci nel catturare i comportamenti dei visitatori del sito, se le visite sono dirette o indirizzate dai motori di ricerca e per quanto tempo gli utenti si soffermano su una pagina. 1) Gli strumenti di analisi Web offsite consentono di raccogliere informazioni su ciò che accade sul sito. Essi mettono a disposizione diverse metodologie o tecniche di raccolta che sono implementate lato server e tipicamente sono i servizi di statistica offerti direttamente dagli ISP (Internet Service Provider). 2) Gli strumenti di misura onsite forniscono una misura degli accessi e delle prestazioni del sito web e prevedono la raccolta delle informazioni lato client, sul browser del visitatore, inserendo degli appositi script direttamente nelle pagine del sito web 61

62 Analisi Web offsite : Logfiles Metodo che consiste nel conteggio del numero di richieste client (o hits) effettuate al server. I file di Log tengono traccia della visita in un sito Internet e riescono a dare informazioni utili per poi poter effettuare con appositi programmi una analisi sulle visite dei siti come i tempi di permanenza (Bounce rate), le visite nuove, gli utenti fedeli, etc. 62

63 Analisi Web onsite : Page tag Metodo che consiste nell'utilizzo di uno script che viene messo all interno della pagina web. <script type="text/javascript"> var _gaq = _gaq []; _gaq.push(['_setaccount', 'UA ']); _gaq.push(['_setdomainname', 'ngn-italia.it']); _gaq.push(['_trackpageview']); (function() { var ga = document.createelement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getelementsbytagname('script')[0]; s.parentnode.insertbefore(ga, s); })(); </script> 63

64 Vantaggi del Page Tag Il conteggio viene attivato all'apertura della pagina (dato che il web client esegue gli script tag). Se una pagina è memorizzata nella cache non viene contata. I dati vengono raccolti tramite un componente ("tag") nella pagina, di solito scritto in JavaScript (anche se può essere utilizzato anche Java o Flash). Lo script può avere accesso a ulteriori informazioni sul client come le dimensioni dello schermo o il prezzo dei beni acquistati. Il servizio di page tag gestisce il processo di assegnazione cookie ai visitatori, mentre con il logfiles il server deve essere configurato per fare questo. Il servizio di page tag è a disposizione anche delle aziende che non hanno la gestione diretta del proprio server web. 64

65 Google Analytics Soluzione di analisi dei dati web di classe enterprise Consente di ottenere informazioni dettagliate sul traffico del proprio sito web e sull'efficacia delle campagne di marketing. Comprende funzionalità potenti, flessibili e di facile utilizzo per visualizzare e analizzare i dati sul traffico in modo completamente nuovo più facile creare annunci più mirati; maggior semplicità nel migliorare le iniziative di marketing facile creazione di siti web che generano un maggior numero di conversioni (= quando un clic sul proprio annuncio genera direttamente nell'utente il comportamento che si ritiene più utile, es. acquisto, registrazione, visualizzazione di una pagina, etc.). 65

66 Google Analytics Con Google Analytics è possibile monitorare i visitatori provenienti da tutte le fonti, siano essi motori di ricerca, siti referer o campagne a pagamento, Display Advertising, reti di Pay per click e marketing, ma anche collegamenti all'interno dei documenti PDF. 66

67 Realizzare statistiche di un sito Web Pagina principale di Google Analytics Il servizio è realizzato aggiungendo un page tag alla pagina web ossia un frammento di codice per il tracciamento di Google detto GATC (Google Analytics Tracking Code) che comunica al server (di Google) i dati di navigazione degli utenti. <script type="text/javascript"> var _gaq = _gaq []; _gaq.push(['_setaccount', 'UA ']); _gaq.push(['_setdomainname', 'ngn-italia.it']); _gaq.push(['_trackpageview']); (function() { var ga = document.createelement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getelementsbytagname('script')[0]; s.parentnode.insertbefore(ga, s); })(); </script> 67

68 Social Media Analytics La misurazione e il tracciamento dei social media è importante per l individuazione delle revenue (dirette o indirette) associabili agli utenti dei canali social. Insieme agli strumenti di analisi integrati su Facebook e Twitter, esiste anche una serie di prodotti di terze parti in grado di monitorare anche ciò che non viene analizzato dagli strumenti interni. Il monitoraggio è il processo che, attraverso il tracciamento di parole chiave, permette la rilevazione dei messaggi che le contengono e la loro misurazione. 68

69 Misura e ascolto Gli strumenti per il monitoraggio sono una misura per il controllo delle attività che si svolgono su un sito o su un social network e sono utili per determinare se le azioni di marketing dei motori di ricerca sono state efficaci nel catturare i comportamenti dei visitatori e/o partecipanti. L ascolto è un elemento che, in aggiunta alle azioni di monitoraggio, è necessario per approfondire le conversazioni al fine di far emergere indicazioni e consigli per il miglioramento. 69

70 Definizione di un programma di ascolto Il dato grezzo è inutile senza lettura ed interpretazione. Il compito di analizzare i dati spetta al social media analyst che non si deve limitare a svolgere l attività di lettura ex-post ma seguire iterativamente l evoluzione delle campagne. L attività di ascolto richiede la predisposizione preventiva di una tassonomia attraverso la quale procedere alla classificazione opportuna dei messaggi rilevati. Si selezionano alcuni indicatori e si prende a riferimento uno stesso periodo di tempo (settimana o mese) per avere rapporti basati su metriche fisse. 70

71 Analisi quantitativa e qualitativa L analisi quantitativa ha come fine la rilevazione del volume di discussioni riguardanti una certa azienda, un personaggio pubblico, un prodotto o un servizio. La numerosità dei messaggi deve essere messa in relazione con il tempo e/o rispetto alla numerosità dei messaggi dei competitor. Analizzare le conversazioni in rete o i messaggi singoli vuol dire fondamentalmente individuarne le qualità. Tra queste quella più interessante per le aziende è il cosiddetto sentiment, termine anglosassone ormai entrato nella terminologia comune degli addetti al marketing, che indica se l opinione espressa verso un azienda, un prodotto o un servizio è positiva, negativa o neutra. 71

72 Facebook Insights Facebook Insights fornisce report suddivisi per dominio e per applicazione. I dati raccolti sono quelli relativi agli utenti che condividono i contenuti dal sito all'interno di Facebook e delle applicazioni all interno dello stesso Facebook. Se, ad esempio, un utente inserisce un URL di sito in un messaggio di Facebook tale informazione è inclusa nelle analisi. I dati di Insights sono disponibili in formato grafico per poter integrare i dati analitici di Facebook con altri sistemi di analisi. Pagina principale di Facebook Insights 72

73 Misura con Facebook Insigths Total Likes: numero delle persone che hanno selezionato Mi piace dal giorno della creazione con l esclusione di coloro che hanno annullato tale iscrizione. Friends of Fans: numero degli amici di coloro che hanno selezionato Mi piace che, eliminando le sovrapposizioni, potrebbero far conoscere la pagina alla cerchia di amici. È un indicatore che fornisce la misura del massimo potenziale di utenti raggiungibili. People Talking About This: metrica che tiene conto di una serie di fattori: i like della pagina; i post degli utenti sulla bacheca; i like, commenti o condivisioni dei contenuti pubblicati sulla pagina (post, foto, video, album); le risposte alle domande; le conferme a un invito; le menzioni/tag della pagina; le condivisioni o i Mi piace di un acquisto o di un check-in nel luogo associato ad un marchio. Weekly Total Reach: numero di utenti che hanno visto uno dei contenuti della pagina nell ultima settimana inclusi quelli pubblicitari (Ads o Sponsored Stories). 73

74 Facebook Insights: le informazioni sugli utenti delle app Facebook mette a disposizione metriche dedicate agli sviluppatori di app con le quali misurare: numero di utenti che visualizzano la finestra di autorizzazione dell app; numero di utenti che accettano l autorizzazione; numero di utenti che pubblicano post dall app attraverso Open Graph: numero di utenti che visualizzano post dall app pubblicati tramite Open Graph; numero di utenti unici che cliccano sui post pubblicati dall app via Open Graph. Open Graph è uno strumento (introdotto nel 2010) che permette di estendere l efficacia del Social Graph a tutto il social web esterno a Facebook, attraverso la condivisione di contenuti, website e applicazioni di terze parti con il proprio network di amici. https://developers.facebook.com/docs/opengraph/ 74

75 EdgeRank di Facebook L Edgerank è un algoritmo che Facebook utilizza per definire quali saranno gli argomenti più rilevanti e quindi da mostrare in primo piano nella newsfeed dei propri utenti. L algoritmo di selezione lavora seguendo tre variabili: Affinity = U Weight = W Time Decay = D Affinity: variabile che misura la relazione tra l utente ed il creatore del contenuto condiviso. Più è forte la relazione, più nella newsfeed dell utente appariranno post del creatore. Weight: tipologie di contenuti differenti hanno un peso differente e gli apprezzamenti ricevuti incidono sul peso. Intuitivamente post con molti commenti hanno più peso. Time Decay: vale la regola di contemporaneità presente in ogni tipo di comunicazione. Nel nostro caso più un post è vecchio meno ha speranza di restare nella newsfeed 75

76 Twitter Web Analytics Twitter è un social network asimmetrico nel quale ognuno può seguire qualcuno senza che questo necessariamente ricambi il favore. È una relazione a senso unico che può essere reciproca o meno. Facebook o LinkedIn utilizzano un modello simmetrico nel quale ogni volta che qualcuno aggiunge un altro, questi è costretto a fare lo stesso. Ciò crea una relazione biunivoca in cui gli utenti amici sono sempre in relazione 1 a 1 tra loro. TWA permette di: monitorare il volume di traffico generato dal tweet e misurare la relazione tra i tweet giornalieri e i clic che questi hanno determinato verso il sito di riferimento. misurare il volume di tweet che menzionano un marchio e che contengono un link al sito del marchio stesso. determinare l efficacia dell integrazione del Tweet Button ovvero del pulsante che permette di lanciare su Twitter i contenuti di un blog/sito. determinare quali contenuti del sito, e in che misura, sono stati maggiormente condivisi dagli utenti di Twitter. 76

77 Twitter measurement tool di Edelman Strumento sviluppato dalla Edelman per analizzare le conversazioni. Lo strumento è una beta permanente che viene aggiornato continuamente in base ai feedback con l obiettivo di avere risultati rilevanti relativamente al problema dell influenza. 77

78 Il rapporto tra numero di persone seguite e che ci seguono può essere una metrica utile per valutare il successo delle attività svolte e per valutare gli account dei concorrenti. Cosa genera un tweet? Uno studio condotto da Sysomos nel 2010 ha messo in evidenza che soltanto il 6% dei tweet riesce a generare un ReTweet, mentre il 71% è destinato a perdersi senza produrre alcuna reazione. Solo 1,53% delle conversazioni Twitter ha tre livelli di profondità dopo il tweet originale. 78

79 Un esempio di misura 'Social Trends' è un'applicazione web in grado di stilare classifiche diversificate per categoria con cui sono misurati i fattori di popolarità, attività e influenza in rete. L auditel Web dei Social Media 79

80 Reach: popolarità Risonanza: durata dello stimolo Relevance: autorevolezza Il ruolo dell Influencer Si può definire l influenza come la capacità di generare un effetto, indurre un cambio di comportamento e di modificare i risultati di una misurazione. Gli influencer formano legami e connessioni forti con individui affini all interno di una comunità e fortificano queste relazioni attraverso interazioni di valore e significative. La loro capacità di influenzare dipende da diversi fattori: Seguito sui social network (es. numero di tweet) Autorevolezza in relazione all argomento di discussione (esperto della materia) Autorevolezza all interno della comunità Dimensione e fedeltà dell audience 80

81 Strumenti di misura dell influenza In aggiunta ai servizi forniti dai singoli Social Network esistono una serie di servizi gratuiti o con formula freemium (con un pacchetto base gratuito e funzioni aggiuntive a pagamento) da considerare per analizzare e gestire le attività svolte sui social media, oltre che analizzare dati grezzi. Spesso tali strumenti sono stati realizzati per un mercato di lingua inglese per cui la lingua è ancora un limite per la maggior parte degli strumenti di analisi. Le tipologie di influencer con cui interagiamo tutti i giorni sono sostanzialmente tre: Social broadcaster: persone con un reach molto ampio, che possono non avere una competenza focalizzata su un brand o un argomento. Mass influencer: persone che hanno un reach ampio, un alta affinità con il proprio target e che spesso sono specializzate. Potential influencer: chiunque possa influenzare il proprio network di persone, anche molto piccolo; Per misure il livello di influenza alcune aziende hanno introdotto delle metriche quantitative per misurare la social influence. 81

82 Il processo decisionale che regola gli acquisti e il Web mkt Early influencer 82

83 Il processo decisionale che regola gli acquisti I guru del marketing della P&G nel 2005 introdussero First Moment of Truth, ovvero il Primo Momento della Verità. 11. La fase dello stimolo attraverso la presenza, la visibilità. 21. Il Primo momento della verità (FMOT), ovvero il primo contatto con il prodotto e con il venditore addetto Il secondo momento della verità (SMOT), ovvero la fase post-vendita, quando il cliente utilizza effettivamente il prodotto e giudica le caratteristiche. Con il termine FMOT ci si riferisce a quel momento esatto in cui una marca interagisce con il potenziale cliente nel negozio. Un interazione rapida, talvolta casuale ma sicuramente determinante per il brand. 83

84 La guerra del FMOT In sintesi, gli ostacoli da affrontare per uscire vincitori dal FMOT sono tre: 1. Disponibilità Le aziende devono preoccuparsi di essere presenti in un numero elevato di punti vendita spendendo il meno possibile. 2. Visibilità 3. Persuasione Ma la sola presenza all interno del negozio non genera automaticamente vendite, per le quali è necessario ottenere le migliori esposizioni possibili, laddove il potenziale cliente si aspetta di trovare il prodotto. Una volta che si riesce a raggiungere lo scopo di un prodotto disponibile e ben visibile, il packaging, la comunicazione e tutte le caratteristiche del prodotto stesso devono compiere l ultima magia: convincere il potenziale cliente a comprare l oggetto. ma negli ultimi tempi qualcosa è cambiato 84

85 Il superamento del modello FMOT Dal 2007 al 2009 la porzione di clienti che elabora il processo decisionale di acquisto all interno del punto vendita è diminuito dal 40% al 17% (*). Un cambiamento radicale che ha destato l interesse del colosso Google che nel 2011 conduce un indagine in US su un campione di 5000 persone. L indagine è stata incentrata su 4 domande chiave per capire come cambia il comportamento di chi compra nel nuovo mondo arricchito delle tecnologie digitali: Quando? quanto tempo prima il consumatore comincia a meditare sull acquisto? Cosa? quali sono i nuovi media e quelli tradizionali che il consumatore usa per farsi l idea? Perché? Il consumatore utilizza Internet e quali informazioni cerca? Quanto? come è influenzato da ciascuna fonte e quanto essa incide sull ultima decisione? (*) Fonte: studio soc. Symphony IRI Group 85

86 Q2 When you were considering purchasing [PRODUCT], what sources of information did you seek out to help with your decision? Base:N=5,003 Q2 When you were considering purchasing [PRODUCT], what sources of information did you seek out to help with your decision? Base: N=5,003 Source: Google/Shopper Sciences, Zero Moment of Macro Study, Apr 2011 Google Confidential and Proprietary Q2 When you were considering purchasing [PRODUCT], what sources of information did you seek out to help with your decision? Base:N=5,003 Source: Google/Shopper Sciences, Zero Moment of Macro Study, Apr Google Confidential and Proprietary (*) cfr. Google: Winning the Zero Moment of Thruth Dall indagine emerge che (*): I risultati 1)I consumatori prima dell acquisto utilizzano una notevole quantità di fonti di informazione e tale quantità continua a crescere nel tempo. Nel 2012 è raddoppiata passando da 5,2 a 10,4. 2)Ciascuna fonte (web, cataloghi, parenti ed amici, ) ha un suo peso nella decisione, ma chi utilizza abitualmente Internet privilegia quest ultimo. 3)Dal 2010 al 2011, l uso dei SM e dell accesso mobile per scegliere cosa acquistare è raddoppiato ( dal 19 al 34% e dal 16 al 37% rispettivamente). 4)Quasi un quarto degli intervistati ha dichiarato di avere un Second Moment of Truth dopo l acquisto! EMERGONO NUOVI COMPORTAMENTI CHE MODIFICANO IL MODO DI FARE GLI The length of a purchase cycle varies Comparison shopping online and searching online rank high ACQUISTI among what influences the shopper s ultimate decision Overall, shoppers are using more ZMOT sources in 2011 than in 2010 Stimulus ZMOT FMOT The longest purchase cycles belong to Travel, Voters, Auto & Tech while the most ZMOT sources are equally important, if not more important, than Stimulus and FMOT spontaneous category is Restaurants. But even within Restaurants, a majority of shoppers still take several hours to several days to make that decision. 76% 84% 30% 25% 77% Restaurant Voters Travel Automotive OTC Health Tech CPG Personal Care CPG Grocery Investment Banking Credit Card Insurance Net Influence Top Sources Above Average Looked at the product package in the store Talked with a salesperson or associate in the store Comparison shopped products online Talked with friends / family about the product Searched online with a search engine 58% 57% 54% 51% 50% 70% 75% 84% 69% 76% 77% 86% 97% 97% 75% 91% 84% 76% 47% 79% 81% 94% 79% 89% 70% 79% 57% 78% 83% 63% 63% 64% 95% 65% 93% 61% 72% 76% 34% 67% 99% 99% 95% 77% 89% 81% 92% 20% Stimulus ZMOT 15% FMOT 10% 5% 0% More than a 7-12 months year before before 4-6 months before 2-3 months before A month before 3 weeks before 2 weeks before A week before 4-6 days before 2-3 days before Source: Google/Shopper Sciences, Zero Moment of Macro Study, Apr 2011 N = 5,000 One day before 9-12 hours before hours before 3-4 hours before 1-2 hours before Within the hour of my purchase A few moments before I purchased Google Confidential and Proprietary Sought info on a brand/manufacturer website Read brochure about the product in the store Read product reviews or endorsements online Looked at display about the product in the store Read newspaper articles/reviews/information Read magazine articles /reviews/information Saw an ad in a newspaper / newspaper insert Received direct mail from a brand / manufacturer Saw advertisements on television 16% 22% 33% 32% 30% 27% 40% 37% 37% Traditional media influence drops off strongly in comparison to retail, search and word-of-mouth. Q5 We d like you to tell us how influential each of these sources of information was to you at the time. Please select a number from 1-10 for each of the sources below where 1 is least influential and 10 is most influential. You may select any number in between 1 and 10. Source: Google/Shopper Sciences, Zero Moment of Macro Study, Apr Google Confidential and Proprietary

87 Il nuovo modello mentale: ZMOT The Zero Moment of Truth Oggi, la ricerca, il confronto con gli stimoli e la fase di persuasione si giocano sul Web. Siti Web, social network, blog, forum e community varie sono il nuovo luogo all interno del quale il consumatore desidera e sceglie il proprio acquisto, prodotto o servizio che sia. 87

88 ...e il social in Italia? La maggior parte delle persone in Italia, ha una visione di Facebook e degli altri SM molto ridotta, li ritiene poco più di un passatempo, di siti in cui postare le foto delle proprie vacanze, guardare quelle degli altri e aggiornare il proprio status per le ragioni più disparate. Facebook da social network numero uno al mondo, a social commerce, meglio anche conosciuto come F-commerce. Una sfida per per le aziende (italiane), è quella di saper vedere nei social network uno strumento strategico che arriverà ad essere un vero e proprio canale di vendita. Anche per questo è fondamentale assegnare alla propria presenza sui SM obiettivi mirati, ottimizzati a livello globale (cfr. Vitrue, Buddy Media, Efficient Frontier). 88

89 Partiamo dalle basi: il web marketing Il web marketing è la branca delle attività dell azienda che sfrutta il canale online per studiare il mercato e sviluppare i rapporti commerciali (promozione/pubblicità, distribuzione, vendita, assistenza alla clientela, etc.) tramite il Web. Solitamente le attività di web marketing si concretizzano con la realizzazione di un progetto di web marketing che generalmente parte con la creazione di un sito Internet e con la relativa promozione utilizzando il canale web per attirare i visitatori. 89

90 L ABC del web marketing 90

91 Pay per click: un esempio di pubblicità pay per click è rappresentato dal keyword advertising, cioè annunci sponsorizzati che compaiono a lato dei risultati "puri" dei motori di ricerca. L'inserzionista paga una tariffa unitaria in proporzione ai click (click-through rate), ovvero solo quando un utente clicca effettivamente sull'annuncio pubblicitario A: la visibilità di un sito Ottimizzazione (SEO): Per facilitare il compito degli spider si devono ottimizzare i contenuti, le immagini (nome), eventuali File (nome), i link ed anche i titoli delle pagine Posizionamento e marketing sui motori di ricerca (SEM): comprende tutte le attività atte a generare traffico qualificato verso un determinato sito web. Lo scopo è portare al sito, tramite i motori di ricerca, il maggior numero di visitatori realmente interessati ai suoi contenuti. Campagne di affiliazione: accordo tra proprietari di siti web in cui l uno riconoscerà un compenso all altro per ogni visitatore che dal suo sito andrà a visitare il sito dell altro ed effettuerà un azione (in genere l acquisto). 91

92 B: marketing promozionale online Le azioni di questa tipologia di marketing web contribuiscono a incrementare la conoscenza di marca (brand awareness) e permettono di soddisfare differenti bisogni di comunicazione come: attirare l utente, segnalare offerte ai navigatori o pubblicizzare il proprio sito web. Tra gli strumenti figurano le tecniche classiche come i banner e i cosiddetti rich media, ma anche modelli di advertising evoluti come: interstiziali, banner pop-up, pop-under, Display advertising: utilizza spazi a pagamento all'interno di un contenuto di interesse dell'utente in cui promuovere un prodotto/servizio. I formati rientrano in 4 grandi categorie: Banners e buttons Pop-up e pop-under Rich Media Interstitial e Superstitial 92

93 C: I meccanismi virali Nel mondo reale ogni persona può avere contatti con circa persone e comunicare almeno con la metà di queste. Pertanto può comunicare la propria idea su un avvenimento a 5-10 persone in un giorno. Sul web, ogni utente entra in diretto contatto con migliaia di persone sconosciute utilizzando forum online, scrivendo o costruendo una pagina web. Il passaparola digitale permette di giungere in poco tempo al valore critico di diffusione, superato il quale la comunicazione tende ad autoalimentarsi in un processo di crescita esponenziale. I lettori si trasformano in untori ed il passaparola giunge ovunque superando la stessa portata mediatica di un articolo di giornale. Nel caso dei meccanismi virali il marketing sfrutta le reti sociali per produrre un processo di diffusione del messaggio analogo a quello dei virus. La strategia di questa modalità è di incentivare gli utenti a condividere un messaggio di marketing con i loro amici in modo volontario mutuando i meccanismi del passaparola. 93

94 Canali online I canali di una campagna virale , advergaming, web blogs, forums, social networks youtube, facebook, adsense, itunes Canali offline radio, TV, mobile advergaming, posizionamento del prodotto guerrilla marketing 94

95 Esempi di guerrilla marketing T-Mobile Angry Birds Live 95

96 I sette comandamenti per il marketing (1/2) 1) La vostra offerta si trova su Google? 2) Come è la vostra storia? 3) Avete una micro-strategia-iterativa? 4) È stata progettata l esperienza dell utente? i migliori media sono le persone: entrare in empatia con le persone attraverso la narrazione, personal branding Non campagne e piani pluriennali ma micro strategie. Ammettere una capacità limitata di lettura dello scenario e il bisogno di continui feedback della rete. Iterare: lanciare, monitorare, ascoltare, interagire, correggere, rilanciare e così via. Come avviene l interazione con tutti i punti di contatto del brand? Occorre il design dell esperienza! 96

97 I sette comandamenti per il marketing (2/2) 5) Quale nicchia di mercato nella lunga coda? Il mondo anche se globale e connesso è fatto di tante tribù. Adattarsi ai contesti e saper entrare in relazione con uno specifico gruppo, lasciare che le communities influenti si esprimano in modo creativo rispetto al nostro brand suddivisione equilibrata tra media posseduti, comprati e conquistati i media guadagnati, sono le community, i blogger influenti, gli utenti nostri fan su Facebook, i commenti positivi nei forum, etc. 6) Qual è il media mix ideale? 7) Rendere il progetto social Le persone cercano quello che vogliono attraverso le parole e le altre persone. Occorre conoscere i Social Media e farne esperienza. 97

98 Il movimento Ford Fiesta : si può vendere auto con i SM? Nel 2009 la Ford comincia a fronteggiare la recessione attraverso una serie di iniziative: la più ambiziosa è stata il Movimento Ford Fiesta, una campagna mediatica innovativa ed ambiziosa basata sui SM per promuovere il nuovo modello della nota utilitaria. La storia: La Ford ha assegnato 100 Fiesta ad altrettanti social agents con il compito di terminare una mission diversa ogni mese. Gli agenti hanno usato le Fiesta per cercare avventure come la lotta con alligatori e fare altre cose più tranquille come consegnare pasti a domicilio. Tutte queste storie sono state poi accuratamente documentate su YouTube, Flickr, Facebook e Twitter. 98

99 Impatto del Fiesta movement La selezione dei social agent è iniziata con un processo di outreach che ha coinvolto centinaia di blogger influenti. I risultati della campagna nei primi sei mesi sono stati: 700 video girati dagli agent che sono stati visualizzati 6,5 milioni di volte su YouTube Più di 3,4 milioni di tweet con le impressioni sulla vettura più di visualizzazioni di foto scattate dagli agent. Quando si parla di marketing basato sul passaparola, questi sono numeri rilevanti ma restano pur sempre numeri! Se ci si limita a guardare il numero di mi piace dei fan su Facebook, le visualizzazioni su YouTube e i followers di Twitter, allora sicuramente non si sta considerando il vero impatto sociale dei SM. Quale è stato l impatto effettivo del Fiesta Movement nel rapporto di Ford con la customer base potenziale? 99

100 Quali risultati? I SM non sono un canale di vendita, ma uno strumento di relazione (Jim Farley, Communication Officer di Ford) Durante la campagna sono state postate più di richieste di ulteriori informazioni e contatti da utenti dei quali il 97% NON possessore di Ford. Altrettanto importante è stato il feedback degli utenti sui problemi di progettazione e di ingegneria che gli agent hanno segnalato sui SM. Questo è stato particolarmente importante per il fatto che per la prima volta la Ford ha introdotto l utilitaria Fiesta nel mercato US. Ford ha ottenuto prenotazioni per test drive che sono state convertite in vendite con un tasso 10 volte superiore al previsto. Il 30% degli acquirenti aveva meno di 25 anni. e poi Ford ha venduto unità nei primi sei giorni di vendita 100

101 SM alcuni casi (a)tipici Nel 2008 IBM non aveva account ufficiali su SM, ma ha permesso ai suoi dipendenti di costituire liberamente i propri blog e account Twitter dedicati ai loro clienti: sono stati accesi 17 mila blog interni utilizzati da dipendenti persone hanno partecipato ad un crowd sourcing che ha consentito di identificare le 10 migliori idee di business (incubatore), che IBM ha finanziato con 100M$ e che hanno generato 1B$ di fatturato per un ROI di 10 a 1 e con un margine operativo lordo utile del 44,1%. DELL ha usato Twitter per creare il Dell Outlet" e ha ottenuto prenotazioni per 3 milioni di dollari di fatturato in un anno da Twitter Annunci PIZZA HUT: ha creato un app iphone per ordinare pizza. Gli ordini hanno rappresentato il 50% del totale e hanno generato di dollari in ricavi P&G ha lanciato una community per Tampax e Sempre con il sito Il sito è incentrato sugli interessi comuni delle ragazze adolescenti. La campagna sociale ha superato i canali tradizionali con ROI di 4-a-1. Beinggirl.com è stato esteso a 21 paesi. Fonte: 34 case studies that prove social media ROI (www.barnraisersllc.com) 101

102 La giovane dentista di S. Francisco La sfida I dentisti esercitano la professione in un ambiente molto competitivo nel quale operano centinaia di altri dentisti, a volte anche più affermati, che si contendono lo stesso cliente. È quindi facile intuire il potenziale del SM per convincere un cliente a diventare un promotore verso un altro cliente. In questo caso i SM creano un legame di fiducia con i pazienti e aumentano le vendite promuovendo molto più del classico marketing Unique Selling Proposition. Il Piano La D.ssa Irena Vaksman ha messo a punto un piano per usare Twitter per restare in touch con i suoi pazienti ed ha anche sviluppato una forte presenza su Facebook e LinkedIn, ha creato un canale YouTube e un sito web dinamico. I suoi SM sono pieni di link ai più famosi siti di social marketing creando una vera e propria rete della quale lei è un nodo. 102

103 I punti di forza Newsletter gratuita per informare e tenersi in contatto con i suoi pazienti. Il suo sito web costituisce un legame con i suoi clienti abituali, mentre i nuovi clienti possono iniziare ad entrare in confidenza con il suo studio prima ancora di essere stati al primo appuntamento. Il sito offre un tour fotografico del suo studio dal quale i clienti ricevono subito un'idea del livello di sofisticazione e professionalità. I nuovi pazienti trovano testimonianze degli altri pazienti sui SM ed è più facile per loro decidere di diventare clienti. La forza del suo social marketing è nella combinazione dei vari strumenti, tecniche e contenuti che mirano tutti a raggiungere gli stessi obiettivo: Attrarre e mantenere clienti (pazienti). Informare sulle pratiche odontoiatriche possibili e sulle nuove soluzioni medicali. Creare un rapporto di fiducia a lungo termine con il paziente. Creare un vero e proprio loop di traffico crescente verso i suoi asset SM 103

104 Pagina su Facebook ( Dr. Vaksman ) Gli strumenti SM Twitter per annunciare la sua prossima newsletter con la quale informa i suoi pazienti su nuove promozioni e nuove tecniche dentali. Canale Youtube sul quale illustra le sue varie offerte. Non deve ripetersi quando un paziente viene a lei, la sua clientela è molto informata sulle cure procedure e sulle tecniche per aver visto i suoi video. La fidelizzazione ed il conversion rate sono altissimi. Sito web sempre aggiornato che costituisce un primo contatto con il cliente ove è presente un tour guidato del suo studio dentistico e altri elementi di contatto 104

105 I risultati In un anno di attività di social marketing lo studio dentistico ha ricevuto moltissime richieste di contatto ed in particolare negli ultimi 5 mesi ha registrato 320 nuovi clienti. Il retention rate (fidelizzazione) rispetto agli altri studi che adottano il marketing tradizionale è elevatissimo, così come il conversion rate. Il patrimonio del suo social rimarrà come una parte integrante della sua attività e sarà monetizzabile quando deciderà di vendere tutta o parte della sua attività. 105

106 A. Trimani Wine Bar Via Cernaia, 37, Roma recensioni Un esempio social borderline: enoteca TRIMANI ( ) 2012 Google 20 % di sconto in certi periodi ai membri della community! 106

107 VIZIDIGOLA.COM il connubio perfetto dei social! 107

108 L esperienza di Mr. Service Azienda attiva da più di 30 anni nei servizi di telecomunicazione (vendita, installazione e assistenza su centrali telefoniche). Nel 2009 si comincia a sentire la crisi: decidono di investire e si affidano ad una società di consulenza la quale ridisegna completamente il loro sito web e inizia campagne promozionali con SM. All inizio non riescono a comunicare e a valorizzare in rete i loro skill e la loro esperienza - non demordono. Dopo un processo di assestamento cominciano a vedere i primi risultati: ad un certo punto è cambiato tutto. I canali social sono diventati un attrazione per nuovi clienti. Abbiamo iniziato a ricevere da ogni parte d Italia, telefonate per informazioni sui prodotti e servizi e non di meno abbiamo iniziato a vendere centrali telefoniche anche tramite le pagine di Facebook, Linkedin e Twitter. 108

109 Il ROI ed i segreti del successo Parametri di riferimento: Aumento delle vendite Riduzione del ciclo di vendita Tasso di conversione proposta/acquisto Nuovi contatti Riduzione dei costi operativi interni ed i 6 segreti del successo mediatico Diminuzione dei problemi dei clienti /customer satisfation 1.La gente si fida sempre meno delle aziende: Ford e la dentista hanno permesso ad altre persone di creare fiducia con i SM attraverso il passaparola 2.Le aziende hanno coinvolto molte persone e li hanno lasciati comunicare e connettere a loro volta con altre persone come loro 3.Le persone erano reali proprio come la gente comune ed hanno creato passione per le loro azioni e hanno trasmesso passione per i marchi aziendali 4.Hanno aggregato i contenuti sui vari siti (es. Ford Fiesta Movement ) anche attraverso crowdsourcing senza intervenire! 5.Hanno sfruttato/creato più canali Social Media come Facebook, Twitter e YouTube per alimentare il digital buzz 6.Hanno iterato e reiterato attraverso un processo di convergenza costante che ha alimentato la comunicazione SM 109

110 Semplici strumenti per la creazione (in autonomia) del proprio sito web: alcune indicazioni 110

111 Una domanda prima di aprire il proprio negozio virtuale Il prodotto/servizio da vendere è adatto all e-commerce? È facile da capire per i vostri utenti on-line? Il margine di profitto è accettabile, considerate le spese di imballaggio e consegna? Può essere consegnato efficientemente on-line o via ? Attrae utenti al di fuori della vostra area geografica o la sua vendita on-line favorisce gli utenti già acquisiti? 111

112 I fondamenti per realizzare la propria attività di e-commerce 1. Registrare il proprio dominio 2. Realizzare il proprio sito web 3. Hosting del proprio sito web 4. Predisporre i pagamenti on-line 5. Promuovere il proprio business 6. Gestire il proprio business 112

113 1 passo: registrare il proprio dominio Acquisto/registrazione del dominio (differenza primo/secondo livello) I livello Network Information Centre Prezzi: decina l anno (DIPENDE ) II livello 113

114 2 passo: realizzare il proprio sito web Acquisto il progetto del sito o faccio da me? Scelta dei contenuti Prevedere la possibilità di aggiornare i contenuti da soli!!! Strumenti di SEO e statistiche (trucchi) Strumenti social interni (es. blog) In caso di acquisto METTERE IN CONTO IL COSTO DELLA MANUTENZIONE! 114

115 Strumenti per la creazione (in autonomia) del proprio sito web Wordpress 1&1 Joomla 115

116 Gli strumenti per allestire un negozio virtuale Joomla! è un Content Management System (CMS) open source per realizzare molteplici tipi di siti web, inclusi siti e-commerce Le sue funzionalità di base possono essere estese mediante componenti aggiuntivi, plugins e moduli 116

117 Facile installazione e amministrazione Controllo degli accessi Sistema a template Facile estensibilità Principali caratteristiche di Joomla! Search Engine Friendly URLs 117

118 Un estensione e-commerce: VirtueMart VirtueMart è un applicazione per il carrello della spesa virtuale per la vendita di prodotti e servizi su Internet È un componente (=plugin) per Joomla! e non quindi non può vivere senza Joomla! È facile da installare (mediante Component and Module Installer automatico). Indicato per negozi on-line di piccole e medie dimensioni. chiunque voglia aprire un negozio virtuale può usare questo componente per le vendite ai consumatori! 118

119 VirtueMart 119

120 Estensione PayPal su Joomla Easy Paypal Buttons: componente Joomla che permette di integrare facilmente PayPal sul proprio sito Web Facile creazione dei propri pulsanti Paypal. Facile inserimento dei pulsanti negli articoli scelti Aggiornamento automatico dei pulsanti 120

121 3 passo: hosting del proprio sito web Acquisto di spazio e servizi: Aruba Spazioweb Altervista

122 4 passo: accettare pagamenti on-line Merchant Account conto corrente bancario che consente alle aziende di essere abilitate ai pagamenti con carte di debito o di credito Payment Gateway Account abilita i commercianti ad accettare pagamenti elettronici in maniera sicura 122

123 Flusso di pagamento con carta di credito 1. Connessione sicura dal Web Server del commerciante al Payment Gateway (PG) 2. Il PG rilancia la transazione su connessione sicura al processore della banca del commerciante (MBP) 3. Il MBP invia la transazione al Credit Card Interchange (CCI) 4. Il CCI instrada la transazione all Emittente della carta di credito 5. L Emittente approva o nega la transazione e invia il risultato al CCI 6. Il CCI rilancia il risultato della transazione al MBP 7. Il MBP rilancia il risultato della transazione al PG 8. Il PG archivia i risultati della transazione e li invia al Web Server del commerciante, e quindi al cliente 9. Il CCI passa i fondi della transazione alla banca del commerciante, che deposita poi i fondi sul rispettivo conto corrente. Banca Sella, SSB TelePay Light, MPS/Banca Toscana, etc. 123

124 5 passo: promuovere il proprio business Search Engine Optimization (SEO) Pay Per Click (PPC) Advertising Marketing (e.g., Offline Marketing 124

125 6 passo: gestire il proprio business Servizi di sicurezza Certificati SSL Sistemi di rivelazione delle frodi (FDS) Contabilità finanziaria Produttività del business 125

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet

app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet 2 app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet L integrazione delle piattaforme è il concetto

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Descrizione tecnica Indice

Descrizione tecnica Indice Descrizione tecnica Indice 1. Vantaggi del sistema Vertical Booking... 2 2. SISTEMA DI PRENOTAZIONE ON LINE... 3 2.1. Caratteristiche... 3 I EXTRANET (Interfaccia per la gestione del programma)... 3 II

Dettagli

Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com

Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com #TTTourism // 30 settembre 2014 - Erba Hootsuite Italia Social Media Management HootsuiteIT Diego Orzalesi Hootsuite Ambassador Programma

Dettagli

TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Nessuna parte di questo documento può essere usata o riprodotta in alcun modo anche parzialmente senza il permesso della

TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Nessuna parte di questo documento può essere usata o riprodotta in alcun modo anche parzialmente senza il permesso della www.smartplus.it www.progettorchestra.com Per informazioni: info@smartplus.it info@progettorchestra.it Tel +39 0362 1857430 Fax+39 0362 1851534 Varedo (MI) - ITALIA Siti web e motori di ricerca Avere un

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Mai più senza smartphone.

Mai più senza smartphone. Mai più senza smartphone. Il telefonino ha superato il pc come mezzo di consultazione del web: 14,5 milioni contro 12,5 milioni.* Sempre più presente, lo smartphone è ormai parte integrante delle nostre

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design

Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design Come si trovano oggi i clienti? Così! ristorante pizzeria sul mare bel Perchè è importante

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web Formule a confronto Carica i tuoi contenuti Puoi inserire immagini, creare le tue liste, i tuoi eventi. Gestire il tuo blog e modificare quando e quante volte vuoi tutto ciò che carichi. Notizie Feed RSS

Dettagli

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI PLAYBOOK OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

Ecco come farsi ascoltare dai clienti

Ecco come farsi ascoltare dai clienti Ecco come farsi ascoltare dai clienti L 80% dei clienti non guarda la pubblicità, il 70% rifiuta le chiamate di vendita, il 44% non apre le email: il cliente ha chiuso la porta. La soluzione al problema

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Conoscere le Tecnologie e le Strategie innovative di ANALISI dei DATI per fare business Real Time

Conoscere le Tecnologie e le Strategie innovative di ANALISI dei DATI per fare business Real Time NOVITÀ 2013! CONSUMER INTELLIGENCE FORUM 7 Aziende: Conoscere le Tecnologie e le Strategie innovative di ANALISI dei DATI per fare business Real Time > Nicola Aliperti Global It Project Manager Marketing

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

GUIDA ELETTRONICA ALLA VITA DIGITALE. 5 motivi per cui gli stratagemmi del social engineering funzionano

GUIDA ELETTRONICA ALLA VITA DIGITALE. 5 motivi per cui gli stratagemmi del social engineering funzionano GUIDA ELETTRONICA ALLA VITA DIGITALE 5 motivi per cui gli stratagemmi del social engineering funzionano Che cos è il social engineering? Il social engineering è l arte di raggirare le persone. Si tratta

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM La Guida di & La banca multicanale ADICONSUM In collaborazione con: 33% Diffusione internet 84% Paesi Bassi Grecia Italia 38% Spagna Svezia Francia 80% Germania Gran Bretagna 52% 72% 72% 63% 77% Diffusione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Progetto Gruppo Stat 2014

Progetto Gruppo Stat 2014 Progetto Gruppo Stat 2014 Presenza e immagine sul web Sito del gruppo e mini siti di tutte le realtà Autolinee/GT e Viaggi App - mobile - Social Network Iniziative marketing Preparato per: STAT TURISMO

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris.

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. Sin dal lancio, avvenuto dieci anni fa, il marchio ghd è diventato sinonimo di prodotti di hair styling di fascia

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

4 MOTIVI PER CUI NON PUOI PIÙ FARE A MENO DELLA DATA VISUALIZATION

4 MOTIVI PER CUI NON PUOI PIÙ FARE A MENO DELLA DATA VISUALIZATION 4 MOTIVI PER CUI NON PUOI PIÙ FARE A MENO DELLA DATA VISUALIZATION 4 MOTIVI PER CUI NON PUOI PIÙ FARE A MENO DELLA DATA VISUALIZATION INDICE La semplicità nell era dei Big Data 05 01. Data Visualization:

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI IL VOSTRO LAVORO E LA VOSTRA PASSIONE I VOSTRI CAVALLI La nostra iniziativa vuole essere un aiuto agli allevatori per raggiungere ogni potenziale cliente e trasformarlo

Dettagli

Bibione.com: Strategie webmarketing 2.0

Bibione.com: Strategie webmarketing 2.0 Bibione.com: Strategie webmarketing 2.0 La gestione del portale e la promozione on-line Nicola Grassetto Time2marketing Srl Bibione Online Cos è oggi Bibione.com Operatori presenti 5 Strutture open air

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli