Carta d identità delle merendine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Carta d identità delle merendine"

Transcript

1 Carta d identità delle merendine SCOPRI L IMPORTANZA DELLA MERENDA E COME SCEGLIERE QUELLA ADATTA A TUO FIGLIO, IMPARA A LEGGERE LE ETICHETTE DELLE 20 MERENDINE PIÙ DIFFUSE. I

2

3 La merenda non si tocca. Quale bambino vorrebbe rinunciarvi? E quale mamma si sognerebbe di lasciare suo figlio senza? Eh sì, la merenda è proprio un pasto speciale per i bambini. A colazione hanno sonno o fretta e a pranzo e cena devono adeguarsi alle abitudini ai genitori. Ma a merenda sono loro i padroni. Le mamme lo sanno bene e non vogliono, in cuor loro, guastare questo momento di felice autonomia dei loro figli. Così spesso fanno a merenda concessioni che in altri pasti negherebbero lasciando che i figli compiano liberamente le loro scelte. Fanno bene, fanno male? E perché? È un pasto così importante la merenda? Ed è giusto che sia adeguata dal punto di vista energetico e nutrizionale alle esigenze di ciascun bambino? E quanto conta che sia anche buona? E ancora, le merendine confezionate che tipo di merenda sono? Una merenda di cui le mamme si possono fidare? Come sono fatte? E perché è importante sceglierle con attenzione? A queste e a molte altre domande cerchiamo di rispondere con questa raccolta di informazioni messe insieme con l aiuto degli esperti di merendineitaliane.it: nutrizionisti, pediatri, medici dello sport, psicologi, tecnologi, dietisti e molti altri. Se riusciremo in qualche modo ad essere utili a chi legge avremo raggiunto il nostro obiettivo. Buona lettura. Paola Baraldi Food&health writer, coordinatore editoriale 1

4 Perché è utile fare merenda LA BUonA ABitUdinE dei 5 PASti La regola dei 5 pasti è una buona abitudine per tutti. Consumare pasti piccoli e frequenti rispetto a pochi pasti abbondanti, è stato più volte dimostrato, abbassa il colesterolo e migliora la tolleranza al glucosio. Stimola inoltre un maggior consumo energetico da parte dell organismo. Tutto questo può aiutare a prevenire il sovrappeso e l obesità. Ma l abitudine a fare 5 pasti è ancora più importante quando parliamo di bambini e ragazzi. Il loro organismo in crescita continua ha infatti bisogno di un rifornimento energetico e nutritivo più articolato nel corso della giornata. Mangiare 5 volte al giorno permette quindi di distribuire meglio le calorie dell intera giornata. Come? Uno schema indicativo potrebbe essere il seguente: il 15-20% a colazione, il 30-35% a pranzo, il 30-35% a cena e il 7-10% per la merenda di metà mattina e di metà pomeriggio. Tradotti in quantità di calorie questi numeri corrispondono più o meno, per un consumo giornaliero medio di 2000, calorie a calorie a colazione, a metà mattina e pomeriggio, a pranzo e a cena. 2

5 3

6

7 L importanza di FArE due MErEndE Per le ragioni che abbiamo appena spiegato, quindi, la merenda per i bambini è un pasto molto importante più che per gli adulti. Permette infatti di rifornire l organismo di energia e nutrienti con maggiore continuità evitando lunghe ore di digiuno tra un pasto principale e l altro. Con alcune conseguenze pratiche importanti: ad esempio, consumare una piccola merenda a metà mattina può contribuire a mantenere i bambini più attenti fino alla fine delle lezioni, mentre fare merenda a metà pomeriggio li aiuta a studiare, giocare e fare sport senza arrivare troppo affamati all ora di cena. Senza contare che le due merende possono contribuire a gestire meglio la quantità e la qualità di pranzo e cena evitando le abbuffate o il mangiucchiare senza controllo in attesa di sedersi a tavola. 5

8 Come deve essere la merenda PriMA regola: LA varietà Una buona merenda è innanzitutto una merenda varia. Quindi scegliere ogni giorno una merenda diversa è un buona abitudine da prendere. La varietà alimentare infatti è un criterio indispensabile per fare sempre scelte alimentari e nutrizionali corrette e non solo a merenda. Un frutto, un frullato di frutta e latte, una merendina dolce da forno, un piccolo panino imbottito, una fettina di torta fatta in casa, uno yogurt, un gelato, sono tutte merende valide da alternare tra loro e talvolta anche da combinare insieme. SECondA regola: LA QUAntità Una merenda è uno spuntino, non un pasto. Quindi è necessario imparare a valutare correttamente la porzione da concedere a merenda e le sue calorie che non dovrebbero superare il 10% di quelle complessive concesse ad un bambino nell intera giornata, in media calorie. Una merenda troppo abbondante rischia di saziare troppo e compromettere quindi scelte alimentari equilibrate a pranzo e a cena. Se il bambino si mostra molto affamato all ora della merenda e chiede il bis è meglio controllare se consuma una prima colazione sufficiente oppure se a pranzo a scuola avanza buona parte del cibo. 6

9 terza regola: LA PErSonALizzAzionE La merenda cambia da bambino a bambino e può cambiare anche da giorno a giorno. Dipende soprattutto da quanto e come il bambino si muove: se fa sport in modo regolare e/o intenso la merenda dovrà essere più ricca, se invece è sedentario e pigro più leggera. Ma contano anche gli orari dei pasti principali e la loro quantità e qualità. Dipende infine da dove il bambino consuma la sua merenda: a casa, a scuola, durante le attività sportive; perché non tutti gli alimenti sono ugualmente adatti ad essere trasportati. Senza dimenticare le preferenze di ogni singolo bambino che entro certi limiti vanno rispettate. La merenda infatti deve essere anche buona perché il gusto del cibo e la sua capacità gratificante sono elementi importanti quanto il suo valore nutritivo. MErEndE A ConFronto Se variare la merenda è importante, è altrettanto importante saper valutare dal punto di vista energetico i diversi alimenti consumati a merenda. Per farlo occorre conoscere le calorie dei diversi cibi ma anche saper valutare le porzioni realmente consumate. Solo così si possono compiere scelte più consapevoli anche a merenda. La tabella che segue può aiutare a confrontare tra loro alcune tra le merende più consumate. 7

10 Merende da 100 kcal circa Alimenti g/ml/cc calorie una mela già sbucciata 150 g 65 kcal una banana già sbucciata 120 g 78 kcal un succo di frutta alla pera 200 ml 106 kcal 1 merendina di pan di spagna farcita al latte 28 g 117 kcal uno yogurt intero alla frutta 125 g 111 kcal 1 merendina tipo plum cake 33 g 128 kcal Merende da 150 kcal circa Alimenti g/ml/cc calorie 2 barrette di cioccolato ripiene al latte 25 g 139 kcal 1 merendina farcita di crema cacao 38 g 139 kcal un pacchettino di crackers 35 g 148 kcal 1 merendina tipo brioche semplice 40 g 160 kcal un frullato di latte e frutta 200 cc 158 kcal 1 merendina di pasta frolla alla marmellata 40 g 166 kcal 8

11 Merende da 200 kcal circa Alimenti g/ml/cc calorie 1 merendina ricoperta di cioccolato 42 g 180 kcal pane e marmellata pane 40 g - marmellata 30 g 182 kcal 1 merendina tipo croissant alla marmellata 50 g 200 kcal pane, olio e sale pane 40 g - olio 10 g 206 kcal pane e prosciutto pane 40 g - prosciutto 30 g 210 kcal una pizzetta pomodoro e mozzarella 75 g 213 kcal Merende da oltre 200 kcal Alimenti g/ml/cc calorie un pezzetto di pizza bianca o focaccia 80 g 242 kcal un piccolo panino al formaggio pane 45 g - Emmental 30 g 251 kcal una fetta di crostata con marmellata 80 g 270 kca una porzione di patatine in tubo (1/4 di tubo) 50 g 275 kcal una porzione di biscotti farciti alla vaniglia (6 pz) 55 g 276 kcal una fetta di ciambellone casalingo 80 g 294 kcal 9

12 Merendine come merenda È UnA BUonA SCELtA? Piacciono ai bambini perché sono dolci e buone e piacciono alle mamme perché sono comode e gratificano i figli. Che le merendine abbiano successo quindi non vi sono dubbi. Ma sono anche una buona scelta a merenda? Per capirlo bisogna semplicemente cercare di considerarle, alla stregua di ogni altro prodotto alimentare, con la giusta attenzione e, soprattutto, senza pregiudizi. MErEndinE = PiCCoLE MErEndE Lo dice la parola stessa: una merendina è una piccola merenda. Una merendina pesa infatti tra i 30 e i 50 grammi circa e ha in media tra 130 e 180 calorie. Con una merendina si copre in media tra il 6 e il 7% della quantità di energia raccomandata ogni giorno a bambini e ragazzi. Una merendina quindi permette di rifornire l organismo della piccola quantità di energia che gli serve a merenda con un senso di sazietà adeguato per arrivare ai pasti principali. 10

13

14 CArBoidrAti SoPrAttUtto. MA non SoLo. I carboidrati, presenti nelle merendine sotto forma di amidi e zuccheri, sono in maggioranza (20 grammi ca). Vengono dalla farina di cereali, dalla frutta, dallo zucchero. Ma non mancano anche piccole quantità di proteine (3 grammi ca) derivanti dalle uova e dal latte e di grassi (7 grammi circa di cui solo 3 grammi di grassi saturi). In funzione degli ingredienti usati e della ricetta, nelle merendine possono essere presenti anche quantità significative di ferro, calcio, vitamine BI, B2, A, E e fibra. L EtiChEttA nutrizionale volontaria L etichetta nutrizionale sarà obbligatoria dal 13 dicembre 2016 per tutti i prodotti alimentari. Ma sulle confezioni delle merendine è già presente grazie all iniziativa volontaria delle aziende produttrici. È uno strumento prezioso perchè ci aiuta a compiere scelte più consapevoli e mirate alle nostre esigenze. Si tratta di una tabella in cui sono indicati in modo chiaro e leggibile la quantità di energia (calorie) fornita da una merendina, il suo peso e i grammi di proteine, carboidrati e grassi presenti. Si possono trovare inoltre l indicazione della quantità di acidi grassi saturi, di zuccheri semplici, di fibre alimentari e di sale e il contributo energetico che la singola merendina fornisce rispetto al fabbisogno medio raccomandato. Vitamine e minerali vengono segnalati solo se sono presenti in quantità significativa rispetto al fabbisogno giornaliero. 12

15

16 14 CoSA C È dentro UnA MErEndinA Gli ingredienti che si utilizzano per le merendine non sono poi così diversi da quelli che si utilizzano per fare un dolce a casa: farina, zucchero, burro, olio, marmellata, cacao, ecc. Sull etichetta sono indicati in ordine decrescente. Talvolta si possono trovare ingredienti meno comuni che l industria usa per migliorare la resa delle proprie ricette: ad esempio, le siero proteine del latte impiegate per migliorare le caratteristiche strutturali dell impasto, lo sciroppo di glucosio e il lattosio. In fondo, perché presenti in piccolissime quantità, ci sono gli additivi con la descrizione della loro funzione antiossidante, emulsionante, addensante, lievitante e così via. Ne sono un esempio i mono e digliceridi degli acidi grassi alimentari, la lecitina di soia, l acido ascorbico e cosi via. Tutte le sostanze aggiunte (è questo è il senso del termine additivi) utilizzate dall industria per la preparazione delle merendine sono sostanze autorizzate sicure. La maggior parte di esse è largamente presente naturalmente negli alimenti.

17 CoME Si FA UnA MErEndinA Il modo di procedere non è poi così lontano da quello che usiamo noi in cucina per fare un dolce cotto in forno, ma i mezzi che l industria ha a disposizione sono enormemente più avanzati, sicuri e precisi. Il risultato finale in termini di grado di cottura, morbidezza, gusto e aspetto deve essere infatti sempre lo stesso, quello che il consumatore si aspetta di trovare da quel prodotto. Il nostro dolce quindi, nel bene e nel male secondo le nostre capacità culinarie, sarà sempre unico e non uguagliabile, quello dell industria invece è volutamente standardizzato. 15

18

19 MAtEriE PriME ControLLAtE Vengono scelte in base a requisiti severi di qualità, controllate e conservate a temperatura e atmosfera controllate per essere prelevate e dosate per l impasto. Tutto avviene in modo automatizzato per ridurre al minimo le contaminazioni ambientali. LiEvitAzionE ChiMiCA, FiSiCA E BioLogiCA È fondamentale per la buona riuscita di qualsiasi dolce. Può essere chimica, fisica e biologica. Nelle merendine vengono usate tutte e tre, a volte in combinazione. La lievitazione chimica, con il bicarbonato o cremore, si utilizza per le merendine a base di pasta margherita e, insieme a quella fisica, per le merendine di pandispagna e pasta frolla. La lievitazione fisica è impiegata nella pasta paradiso, margherita e nel pandispagna, ma anche nella pasta frolla, nella pasta sfoglia e nella brisé. La lievitazione biologica, più complessa, è a base di pasta acida o lievito di birra ed è largamente utilizzata nelle merendine tipo pandorini, krapfen, croissant, e anche in quelle a base di pandispagna. 17

20 impasto, CottUrA E PorzionAtUrA I robot industriali sostituendo le nostre mani impastano e modellano i prodotti, che poi vengono infornati a condizioni ottimali di umidità, temperatura e termoventilazione. Dopo la cottura, le merendine stazionano in camere sterili e climatizzate per essere raffreddate. Seguono il taglio in porzioni, la farcitura, l eventuale copertura, inzuppatura e decorazione. Ciascuna merendina viene automaticamente porzionata secondo una grammatura predisposta, in base alla quale sarà elaborata l etichetta nutrizionale che comparirà sulla confezione. MErEndinE SEMPrE Più SiCUrE Come fanno le mamme ad essere sicure di dare ai propri figli un alimento fidato? È possibile grazie al sistema di controllo preventivo obbligatorio HACCP, che sta per Hazard Analysis Critical Control Point e cioè Analisi dei Rischi sui Punti Critici di Controllo. Si tratta di un piano di sorveglianza specifico per ogni prodotto, capace di identificare a priori gli eventuali pericoli e stabilire le procedure per prevenirli. Questo sistema rende inoltre possibile rintracciare in ogni momento, attraverso un numero stampigliato sulla confezione, il percorso della merendina che abbiamo scelto di acquistare. Possiamo così ricostruire la storia della nostra merendina lungo tutta la filiera produttiva: scoprire ad esempio la temperatura del forno in cui è stata cotta, oppure risalire fino allo stato di conservazione delle materie prime con cui è stata fabbricata. 18

21

22 Carta d identità delle merendine 20

23 ChE CoSA S intende PEr MErEndinE Le mamme le conoscono bene, ma chi ne parla e ne scrive non manca di fare spesso confusione confondendole con gli snack. Chiariamolo quindi una volta per tutte: le merendine sono un prodotto tipico italiano, profondamente connaturate con la tradizione dolciaria di casa nostra. Le loro ricette si ispirano, ed è facile verificarlo, direttamente alle crostate, le ciambelle, le brioche e i pani dolci che nonne e mamme erano solite preparare per merenda a figli e nipotini. niente a che vedere quindi con lo snack con cui vengono spesso confuse, un termine tipico delle nazioni anglosassoni che significa qualcosa da mordere al volo, dolce o salato che sia purché veloce e mangiato prevalentemente fuori casa. Un PiCCoLo AiUto ALLE MAMME Le merendine sono nate proprio per fornire una soluzione alle mamme che, complice il lavoro e la vita frenetica di oggi, non sempre hanno il tempo e la voglia di preparare ogni giorno con le proprie mani la merenda ai figli. Buone, pratiche e confezionate in singole porzioni, sono facili da conservare in dispensa e infilare nello zaino dei figli prima che vadano a scuola la mattina o nella sacca dell allenamento sportivo nel pomeriggio. da una base comune, quella di essere piccoli dolci cotti in forno, si declinano in tante diverse ricette: ci sono merendine semplici oppure soffici e farcite, ricoperte e refrigerate. raccontarle tutte non è possibile; ci limitiamo quindi a presentarvi le più diffuse analizzandone ingredienti e valori nutrizionali. 21

24 Crostatina al cacao 22

25 NOME DESCRIZIONE CROSTATINA AL CACAO MULINO BIANCO COGNOME MERENDA DI PASTAFROLLA CON CREMA AL CACAO BARILLA INGREDIENTI FARINA DI FRUMENTO, CREMA AL CACAO 22,1% (ZUCCHERO, GRASSI VEGETALI NON IDROGENATI, NOC- CIOLE 15,1% CORRISPONDENTE AL 3,3% SUL PRODOTTO FINITO, CACAO IN POLVERE 5,9% CORRISPONDENTE AL 1,3% SUL PRODOTTO FINITO, CACAO MAGRO IN POLVERE 5,4% CORRISPONDENTE ALL 1,2% SUL PRODOTTO FINITO, LATTE SCREMATO IN POLVERE, EMULSIONANTE: LECITINA DI SOIA, AROMI), ZUCCHERO, GRASSO VEGETALE NON IDROGENATO, BURRO, UOVA 3,1%, SCIROPPO DI GLUCOSIO-FRUTTOSIO, AGENTI LIEVITANTI (CARBONATO ACIDO DI SODIO, TARTRATO MONOPOTASSICO, CARBONATO ACIDO DI AMMONIO), LATTE SCREMATO IN POLVERE, SALE, EMULSIONANTE: LECITINA DI SOIA, AROMI. INFORMAZIONI NUTRIZIONALI VALORI MEDI PER 100 g PER PEZZO 40 g VALORE ENERGETICO kcal kj PROTEINE g 6,5 2,6 CARBOIDRATI g 57,7 23,1 di cui Zuccheri g 28,0 11,2 GRASSI g 26,0 10,4 di cui Saturi g 12,2 4,9 FIBRA g 2,5 1,0 SODIO g 0,080 0,032 23

26 24 Flauto all albicocca

27 NOME FLAUTO ALL ALBICOCCA MULINO BIANCO COGNOME BARILLA DESCRIZIONE MERENDA LIEVITATA NATURALMENTE CON CONFETTURA DI ALBICOCCA INGREDIENTI CONFETTURA DI ALBICOCCA 40% (ZUCCHERO, PUREA DI ALBICOCCA 37% CORRISPONDENTE AL 14,8% SUL PRODOTTO FINITO, GELIFICANTE: PECTINA, SUCCO DI LIMONE, CORRETTORE DI ACIDITÀ: ACIDO CITRICO), FARINA DI GRANO TENERO TIPO "0", YOGURT, ZUCCHERO, MARGARINA (GRASSO VEGETALE NON IDROGENATO, ACQUA), TUORLO D UOVO, SCIROPPO DI GLUCOSIO-FRUTTOSIO, BURRO, AROMI, EMULSIONANTI: MONO E DIGLICERIDI DEGLI ACIDI GRASSI DI ORIGINE VEGETALE, LIEVITO NATURALE, GLUTINE DI FRUMENTO, SALE. INFORMAZIONI NUTRIZIONALI VALORI MEDI PER 100 g PER PEZZO 35 g VALORE ENERGETICO kcal kj PROTEINE g 5,5 1,9 CARBOIDRATI g 57,9 20,3 di cui Zuccheri g 33,0 11,6 GRASSI g 9,0 3,2 di cui Saturi g 4,5 1,6 FIBRA g 2,0 0,7 SODIO g 0,150 0,055 25

28 26 Flauto al latte

29 NOME FLAUTO AL LATTE MULINO BIANCO COGNOME BARILLA DESCRIZIONE MERENDA LIEVITATA NATURALMENTE CON CREMA AL LATTE INGREDIENTI CREMA AL LATTE 40% (GRASSI VEGETALI NON IDROGENATI, ZUCCHERO, LATTE FRESCO PASTORIZZATO DI ALTA QUALITÀ 19,4% CORRISPONDENTE AL 7,8% SUL PRODOTTO FINITO, SCIROPPO DI GLUCOSIO, LATTE SCREMATO IN POLVERE 10,1% CORRISPONDENTE AL 4% SUL PRODOTTO FINITO, PROTEINE DEL LATTE, AMIDO DI RISO, FIBRA SOLUBILE: OLIGO FRUTTOSIO, MINERALI CONCENTRATI DI LATTE, AROMI), FARINA DI GRANO TENERO TIPO "0", YOGURT, ZUCCHERO, MARGARINA (GRASSO VEGETALE NON IDROGENATO, ACQUA), TUORLO D UOVO, SCIROPPO DI GLUCOSIO-FRUTTOSIO, BURRO, AROMI, EMULSIONANTI: MONO E DIGLICERIDI DEGLI ACIDI GRASSI DI ORIGINE VEGETALE, LIEVITO NATURALE, GLUTINE DI FRUMENTO, SALE. INFORMAZIONI NUTRIZIONALI VALORI MEDI PER 100 g PER PEZZO 35 g VALORE ENERGETICO kcal kj PROTEINE g 8,0 2,8 CARBOIDRATI g 47,0 16,5 di cui Zuccheri g 22,5 7,9 GRASSI g 19,5 6,8 di cui Saturi g 10,1 3,5 FIBRA g 1,5 0,5 SODIO g 0,140 0,050 CALCIO mg 120 (15% RDA) 27

30 28 Saccottino all albicocca

31 NOME DESCRIZIONE SACCOTTINO ALL ALBICOCCA MULINO BIANCO COGNOME BRIOCHE DI PASTA SFOGLIA CON CONFETTURA DI ALBICOCCA BARILLA INGREDIENTI FARINA DI GRANO TENERO TIPO 0, CONFETTURA DI ALBICOCCA 28,8% (SCIROPPO DI GLUCOSIO-FRUT- TOSIO, PUREA DI ALBICOCCA 45% CORRISPONDENTE AL 13% SUL PRODOTTO FINITO, ZUCCHERO, GELIFICANTE: PECTINA, CORRETTORE DI ACIDITÀ: ACIDO CITRICO), MARGARINA (OLI E GRASSI VEGETALI NON IDROGENATI, ACQUA) UOVA, ZUC- CHERO, GRASSO VEGETALE NON IDROGENATO, SCIROPPO DI GLUCOSIO-FRUTTOSIO, AROMI, LIEVITO NATURALE, GLUTINE DI FRUMENTO, EMULSIONANTE: MONO E DIGLICERIDI DEGLI ACIDI GRASSI DI ORIGINE VEGETALE, SALE. INFORMAZIONI NUTRIZIONALI VALORI MEDI PER 100 g PER PEZZO 42 g VALORE ENERGETICO kcal kj PROTEINE g 6,5 2,7 CARBOIDRATI g 53,7 22,6 di cui Zuccheri g 25,0 10,5 GRASSI g 17,0 7,1 di cui Saturi g 7,7 3,2 FIBRA g 3,0 1,3 SODIO g 0,230 0,097 29

32 30 tegolino

33 NOME TEGOLINO MULINO BIANCO COGNOME BARILLA DESCRIZIONE MERENDA DI PAN DI SPAGNA CON CREMA DI CACAO MAGRO INGREDIENTI ZUCCHERO, CREMA AL CACAO MAGRO 23% (GRASSO VEGETALE NON IDROGENATO, ZUCCHERO, LATTE FRESCO PASTORIZZATO, SCIROPPO DI GLUCOSIO, CACAO MAGRO 7,1% CORRISPONDENTE ALL 1,6% SUL PRODOTTO FINITO, LATTE SCREMATO IN POLVERE, PROTEINE DEL LATTE, CIOCCOLATO (PASTA DI CACAO, ZUCCHERO, EMULSIONANTE: LE- CITINA DI SOIA), EMULSIONANTI: MONO E DIGLICERIDI DEGLI ACIDI GRASSI DI ORIGINE VEGETALE, AROMA), FARINA DI FRUMENTO, UOVA, GRASSI VEGETALI NON IDROGENATI, SCIROPPO DI GLUCOSIO-FRUTTOSIO, CACAO MAGRO 3,9%, AROMI, LATTOSIO, EMULSIONANTI (MONO E DIGLICERIDI DEGLI ACIDI GRASSI DI ORIGINE VEGETALE, LECITINA DI SOIA), AGENTI LIEVITANTI (CARBONATO D AMMONIO, DIFOSFATO DISODICO, CARBONATO ACIDO DI SODIO), SALE. INFORMAZIONI NUTRIZIONALI VALORI MEDI PER 100 g PER PEZZO 33 g VALORE ENERGETICO kcal kj PROTEINE g 5,0 1,7 CARBOIDRATI g 53,4 17,6 di cui Zuccheri g 38,0 12,5 GRASSI g 20,0 6,6 di cui Saturi g 14,6 4,8 FIBRA g 2,5 0,8 SODIO g 0,150 0,050 31

34 32 Morbidi amici al cioccolato

35 NOME MORBIDI AMICI AL CIOCCOLATO COGNOME BAULI DESCRIZIONE INGREDIENTI PRODOTTO DOLCIARIO DA FORNO CON FARCITURA AL CIOCCOLATO (35%) ZUCCHERO, FARINA DI FRUMENTO, OLI E GRASSI VEGETALI NON IDROGENATI, DESTROSIO, UOVA, SCIROPPO DI GLUCOSIO - FRUTTOSIO, CIOCCOLATO (2,8%) (ZUCCHERO, CACAO MAGRO, BURRO DI CACAO), AMIDO DI FRUMENTO, ZUC- CHERO DI PERA, ALBUME D UOVO IN POLVERE, TUORLO D UOVO, EMULSIONANTE: MONO E DI GLICERIDI DEGLI ACIDI GRASSI, AROMI, AMIDO DISODICO, SALE, PROTEINE DEL LATTE, CONSERVANTI: SORBATO DI POTASSIO - ACIDO SORBICO INFORMAZIONI NUTRIZIONALI VALORI MEDI PER 100 g PER PEZZO 33 g ENERGIA kcal kj PROTEINE g 4,8 1,6 CARBOIDRATI g 53,9 17,8 di cui Zuccheri g 39,5 13,0 GRASSI g 13,3 4,4 di cui Saturi g 6,4 2,1 FIBRE ALIMENTARI g 1,1 0,4 SODIO g 0,24 0,08 33

36 34 Morbidi amici all albicocca

37 NOME MORBIDI AMICI ALL ALBICOCCA COGNOME BAULI DESCRIZIONE PRODOTTO DOLCIARIO DA FORNO CON FARCITURA ALL ALBICOCCA (35%) INGREDIENTI ZUCCHERO, FARINA DI FRUMENTO, PUREA DI ALBICOCCA (12,5%), DESTROSIO, OLI E GRASSI VEGETALI NON IDROGENATI, SCIROPPO DI GLUCOSIO - FRUTTOSIO, UOVA, AMIDO DI FRUMENTO, ZUCCHERO DI AGENTI LIEVITANTI: CARBONATO ACIDO DI SODIO E DIFOSFATO DISODICO, AROMI, SALE, GELIFICANTE: PECTINA, CORRETTORE D ACIDITÀ: ACIDO CITRICO, PROTEINE DEL LATTE, ESTRATTO DI CAROTA, CONSERVANTI: SORBATO DI POTASSIO ACIDO SORBICO. INFORMAZIONI NUTRIZIONALI VALORI MEDI PER 100 g PER PEZZO 33 g ENERGIA kcal kj PROTEINE g 4,4 1,5 CARBOIDRATI g 57,4 18,9 di cui Zuccheri g 40,5 13,4 GRASSI g 10,4 3,4 di cui Saturi g 4,9 1,6 FIBRE ALIMENTARI g 0,8 0,3 SODIO g 0,24 0,08 35

38 36 Croissant classico

39 NOME CROISSANT CLASSICO COGNOME BAULI DESCRIZIONE PRODOTTO DA FORNO A LIEVITAZIONE NATURALE INGREDIENTI FARINA DI FRUMENTO, OLI E GRASSI VEGETALI, ZUCCHERO, LIEVITO NATURALE, UOVA FRESCHE (9,8%), EMULSIONANTE: MONO E DIGLICERIDI DEGLI ACIDI GRASSI, BURRO, LATTE SCREMATO IN POLVERE, SALE, AROMI. INFORMAZIONI NUTRIZIONALI VALORI MEDI PER 100 g PER PEZZO 40 g VALORE ENERGETICO kcal kj PROTEINE g 8,6 3,4 CARBOIDRATI g 48,1 19,3 di cui Zuccheri g 16,7 6,7 GRASSI g 22,7 9,1 di cui Saturi g 11,9 4,8 FIBRA ALIMENTARE g 1,8 0,7 SODIO g 0,38 0,15 37

40 38 Croissant ciliegia

41 NOME CROISSANT CILIEGIA COGNOME BAULI DESCRIZIONE PRODOTTO DA FORNO A LIEVITAZIONE NATURALE CON FARCITURA ALLA CILIEGIA (20%) INGREDIENTI FARINA DI FRUMENTO, OLI E GRASSI VEGETALI, ZUCCHERO, LIEVITO NATURALE, POLPA DI CILIEGIA (9% CORRISPONDENTE AL 45% NELLA FARCITURA), UOVA FRESCHE (7,5%), SCIROPPO DI GLUCOSIO - FRUTTOSIO, EMULSIO- NANTE: MONO-E DIGLICERIDI DEGLI ACIDI GRASSI, LATTE SCREMATO IN POLVERE, SALE, AROMI, GELIFICANTE: PECTINA, ACIDIFICANTE: ACIDO CITRICO INFORMAZIONI NUTRIZIONALI VALORI MEDI PER 100 g PER PEZZO 50 g VALORE ENERGETICO kcal kj PROTEINE g 7,4 3,7 CARBOIDRATI g 51,2 25,6 di cui Zuccheri g 23,4 11,7 GRASSI g 19,0 9,5 di cui Saturi g 9,6 4,8 SODIO g 0,83 0,42 39

42 40 Muffin al cacao e scaglie di cioccolato

43 NOME MUFFIN AL CACAO E SCAGLIE DI CIOCCOLATO COGNOME BAULI DESCRIZIONE PRODOTTO DOLCIARIO DA FORNO INGREDIENTI FARINA DI FRUMENTO, ZUCCHERO, UOVA, CIOCCOLATO (9%) (ZUCCHERO, PASTA DI CACAO, BURRO DI CACAO, EMULSIONANTE: LECITINA DI SOIA, AROMI), OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA (8%), OLIO VEGETALE, YOGURT INTERO (4,5%), SCIROPPO DI GLUCOSIO - FRUTTOSIO DA FRUMENTO, CACAO MAGRO IN POLVERE (3%), EMULSIONANTE: MONO E DIGLICENDI DEGLI ACIDI GRASSI, AGENTI LIEVITANTI: SODIO PIROFOSFATO - CARBONATO ACIDO DI SODIO E DI AMMONIO, LATTE SCREMATO IN POLVERE, BURRO DI CACAO, AROMI, SALE, FIBRA VEGETALE. INFORMAZIONI NUTRIZIONALI VALORI MEDI PER 100 g PER PEZZO 35 g VALORE ENERGETICO kcal kj PROTEINE g 6,2 2,2 CARBOIDRATI g 47,3 16,6 di cui Zuccheri g 28,3 9,9 GRASSI g 19,7 6,9 di cui Saturi g 6,4 2,3 FIBRE ALIMENTARI g 2,4 0,9 SODIO g 0,36 0,13 41

44 42 Buondì classico

45 NOME DESCRIZIONE BUONDÌ CLASSICO COGNOME MOTTA PRODOTTO DOLCIARIO DA FORNO A LIEVITAZIONE NATURALE INGREDIENTI FARINA DI FRUMENTO, ZUCCHERO, OLI VEGETALI NON IDROGENATI, SCIROPPO DI GLUCOSIO, TUORLO D UOVA, LIEVITO NATURALE, NOCCIOLE, EMULSIONANTE (MONO E DIGLICERIDI DEGLI ACIDI GRASSI), BURRO, LATTE SCREMATO IN POLVERE, SALE, ALBUME, AROMI, ALFA AMILASI, AGENTE DI TRATTAMENTO DELLA FARINA (ACIDO ASCOR- BICO). CONTIENE: GLUTINE, LATTE, UOVA, NOCCIOLE. INFORMAZIONI NUTRIZIONALI VALORI MEDI PER 100 g PER PORZIONE 33 g VALORE ENERGETICO kcal kj PROTEINE g 8,4 2,8 CARBOIDRATI g 57,7 19,0 di cui Zuccheri g 23,9 7,9 GRASSI g 13,1 4,3 di cui Saturi g 5,8 2,1 di cui Insaturi g 7,3 2,3 FIBRA g 3,3 1,1 SODIO g 0,22 0,07 PER 100 g PARI A % RDA CALCIO mg 37,4 5% FERRO mg 1,1 8% 43

46 44 Buondì al cioccolato

47 NOME BUONDÌ AL CIOCCOLATO COGNOME MOTTA DESCRIZIONE PRODOTTO DOLCIARIO DA FORNO A LIEVITAZIONE NATURALE CON CREMA (18%) AL CIOCCOLATO E RICOPERTO INGREDIENTI FARINA DI FRUMENTO, OLI E GRASSI VEGETALI NON IDROGENATI, ZUCCHERO, TUORLO D'UOVA, SCI- ROPPO DI GLUCOSIO, SCIROPPO DI GLUCOSIO-FRUTTOSIO, CACAO MAGRO IN POLVERE, LIEVITO NATURALE, DESTROSIO, CIOCCOLATO 1,4%, EMULSIONANTI: MONO E DIGLICERIDI DEGLI ACIDI GRASSI E LECITINE DI SOIA, CACAO IN POLVERE, BURRO, LATTE SCREMATO IN POLVERE, SALE, NOCCIOLE, AROMI, PROTEINE DEL LATTE, AMIDO DI RISO, ALFA-AMILASI, AGENTE DI TRATTAMENTO DELLA FARINA: ACIDO ASCORBICO. CONTIENE: GLUTINE, LATTE, UOVA, NOCCIOLE, SOIA. INFORMAZIONI NUTRIZIONALI VALORI MEDI PER 100 g PER PORZIONE 46 g VALORE ENERGETICO kcal kj 1, PROTEINE g 6,4 2,9 CARBOIDRATI g 55,5 25,5 di cui Zuccheri g 29,6 13,6 GRASSI g 21,2 9,8 di cui Saturi g 11,6 4,7 di cui Insaturi g 9,6 5,1 FIBRA g 2,3 1,1 SODIO g 0,16 0,07 PER 100 g PARI A % RDA CALCIO mg 33,8 4% FERRO mg 3,9 28% 45

48 46 Buondì all albicocca

49 NOME DESCRIZIONE BUONDÌ ALL ALBICOCCA COGNOME MOTTA PRODOTTO DOLCIARIO DA FORNO A LIEVITAZIONE NATURALE CON CONFETTURA (22,4%) DI ALBICOCCA INGREDIENTI FARINA DI FRUMENTO, ZUCCHERO, SCIROPPO DI GLUCOSIO-FRUTTOSIO, PUREA DI ALBICOCCA 7%, OLI E GRASSI VEGETALI NON IDROGENATI, TUORLO D'UOVA, SCIROPPO DI GLUCOSIO, LIEVITO NATURALE, EMULSIONANTE: MONO- E DIGLICERIDI DEGLI ACIDI GRASSI, NOCCIOLE, BURRO, LATTE SCREMATO IN POLVERE, SALE, ALBUME, AROMI, ADDEN- SANTE: PECTINA, CORRETTORE DI ACIDITÀ: ACIDO CITRICO, ALFA-AMILASI, AGENTE DI TRATTAMENTO DELLA FARINA: ACIDO ASCORBICO. INFORMAZIONI NUTRIZIONALI VALORI MEDI PER 100 g PER PORZIONE 43 g VALORE ENERGETICO kcal kj 1, PROTEINE g 6,5 2,8 CARBOIDRATI g 60,8 26,1 di cui Zuccheri g 34,4 14,8 GRASSI g 11,5 5,0 di cui Saturi g 5,1 2,2 di cui Insaturi g 6,5 2,8 FIBRA g 3,2 1,4 SODIO g 0,17 0,07 PER 100 g PARI A % RDA CALCIO mg 25 3% FERRO mg 0,9 6% 47

50 48 girella

51 NOME GIRELLA COGNOME MOTTA DESCRIZIONE SEMPLICE PAN DI SPAGNA, SPALMATO CON UNA GOLOSA CREMA AL CACAO, ARROTOLATO E TAGLIATO IN PICCOLE RONDELLE CHE, PER COMPLETARE L OPERA, SONO RICOPERTE ALLA BASE DA UNO STRATO DI DELIZIOSO CACAO INGREDIENTI FARINA DI FRUMENTO, ZUCCHERO, SCIROPPO DI GLUCOSIO-FRUTTOSIO, GRASSI E OLI VEGETALI NON IDROGENATI, UOVA, DESTROSIO, CACAO 2,5 %, CACAO MAGRO IN POLVERE, PROTEINE DEL LATTE, LATTE SCREMATO IN POLVERE, AROMI, EMULSIONANTI: MONO E DIGLICERIDI DEGLI ACIDI GRASSI E LECITINE DI SOIA, NOCCIOLE, SALE, AGENTI LIEVITANTI: DIFOSFATO DISODICO, CARBONATO ACIDO DI SODIO, FOSFATO MONOCALCICO, CONSERVANTE: ACIDO SORBICO, ACIDIFICANTE: ACIDO CITRICO. CONTIENE GLUTINE, UOVA, LATTE, NOCCIOLE, SOIA. INFORMAZIONI NUTRIZIONALI VALORI NUTRIZIONALI MEDI PER 100 g PER PORZIONE 35 g VALORE ENERGETICO kcal kj PROTEINE g 5,8 2,0 CARBOIDRATI g 57,0 20,0 di cui Zuccheri g 32,3 11,3 GRASSI g 11,4 4,0 di cui Saturi g 7,3 2,6 di cui Insaturi g 4,1 1,4 FIBRE ALIMENTARI g 3,5 1,2 SODIO g 0,13 0,05 PER 100 g PARI A % RDA CALCIO mg 46,0 6% FERRO mg 5,2 37% 49

52 50 Yo Yo

53 NOME YO YO COGNOME MOTTA DESCRIZIONE DUE STRATI DI MORBIDISSIMO PAN DI SPAGNA E UNA LEGGERA COLATA DI CIOCCOLATO FONDENTE RAC- CHIUDONO UNA GUSTOSA CREMA AL CACAO INGREDIENTI ZUCCHERO, FARINA DI FRUMENTO, UOVA, GRASSI E OLI VEGETALI NON IDROGENATI, SCIROPPO DI GLU- COSIO, DESTROSIO, NOCCIOLE, EMULSIONANTI: MONO E DIGLICERIDI DEGLI ACIDI GRASSI E LECITINE DI SOIA, CACAO IN POLVERE 1,3%, CIOCCOLATO 1,3%, LATTE SCREMATO IN POLVERE, PROTEINE DEL LATTE, UMIDIFICANTE: SCIROPPO DI SORBITOLO, CACAO MAGRO IN POLVERE, AROMI, AGENTI LIEVITANTI (DIFOSFATO DISODICO, CARBONATO ACIDO DI SODIO, FOSFATO MONOCALCICO), SALE, ACIDIFICANTE: ACIDO CITRICO. CONTIENE: GLUTINE, UOVA, NOCCIOLE, LATTE, SOIA. INFORMAZIONI NUTRIZIONALI VALORI NUTRIZIONALI MEDI PER 100 g PER PORZIONE 35 g VALORE ENERGETICO kcal kj PROTEINE g 6,8 2,4 CARBOIDRATI g 60,6 21,2 di cui Zuccheri g 40,3 14,1 GRASSI g 11,1 3,9 di cui Saturi g 6,0 1,8 di cui Insaturi g 4,1 2,1 FIBRE ALIMENTARI g 3,2 1,1 SODIO g 0,22 0,08 PER 100 g PARI A % RDA CALCIO mg 58,2 6% FERRO mg 2,7 23% 51

54 52 Kinder Brioss

55 NOME KINDER BRIOSS COGNOME FERRERO DESCRIZIONE DI LATTE SOFFICE PAN DI SPAGNA LIEVITATO NATURALMENTE UNITO AL NUTRIMENTO DI UNA RICCA FARCITURA INGREDIENTI FARINA DI FRUMENTO (25,5%), ZUCCHERO, GRASSO E OLIO VEGETALI NON IDROGENATI, LATTE INTERO (8,8%), TUORLO D'UOVO (6,5%), LATTE SCREMATO IN POLVERE (4,7%), GLUTINE DI FRUMENTO, FARINA DI RISO, LIEVITO DI BIRRA, PROTEINE DEL LATTE, AROMI, EMULSIONANTI (MONO E DIGLICERIDI DEGLI ACIDI GRASSI), AMIDO DI FRUMENTO, SCIROPPO DI GLUCOSIO-FRUTTOSIO, SIERO DI LATTE CONCENTRATO, SALE, CACAO MAGRO. INFORMAZIONI NUTRIZIONALI VALORI MEDI PER 100 g PER PEZZO 28 g % GDA* VALORE ENERGETICO kcal % kj PROTEINE g 9,9 2,8 6% CARBOIDRATI g 46,4 13 5% di cui Zuccheri g 21,1 5,9 7% GRASSI g 22,3 6,2 9% di cui Saturi g 11,6 3,2 16% FIBRE ALIMENTARI g 1,5 0,4 2% SODIO g 0,103 0,029 1% CALCIO mg 145 (18% RDA**) 41 (5% RDA**) FOSFORO mg 160 (22% RDA**) 45 (16% RDA**) * GDA - La Quantità giornaliera raccomandata per un adulto è basata di una dieta che prevede un apporto medio giornaliero di 2000 kcal. Il fabbisogno nutrizionale di un individuo può essere maggiore o minore a seconda del sesso, età, attività fisica ed altri fattori. **RDA - Razione giornaliera raccomandata 53

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti Gruppo Mangiarsano Germinal Book prodotti Il Gruppo MangiarsanoGerminal opera nel mercato dei prodotti biologici e salutistici con un unica missione: prendersi cura della salute dell uomo e dell ambiente.

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~ Dr Schàr Foodservice ri Chi è affetto da celiachia non deve assolutamente rinunciare a mangiare al ristorante; attenendosi ad alcune regole e suggerimenti è possibile consumare i propri pasti al ristorante,

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

Si ringraziano: Daniela Rende, Lorenzo Pellegrino, Katya Gaudio per la collaborazione tecnica

Si ringraziano: Daniela Rende, Lorenzo Pellegrino, Katya Gaudio per la collaborazione tecnica Questa pubblicazione è frutto della collaborazione di un gruppo di esperti del CRA (Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura): dott. Stefano Delbono dott. Andrea Ghiselli dott.ssa Roberta

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Manuale per la preparazione dei dolci in casa Nuova edizione

Manuale per la preparazione dei dolci in casa Nuova edizione Gentile Signora, con questo libro Le proponiamo, insieme alle più note ed apprezzate ricette delle precedenti edizioni, molte nuove idee di dolci da preparare in casa. L ampio ricettario è allo stesso

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte

Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte Egregio Collega, Qual è la migliore copertura di cioccolato al latte? Quali sono le sue potenzialità? oppure Che sapore assume quando utilizzato in

Dettagli

La salute vien mangiando!

La salute vien mangiando! La salute vien mangiando! Sede Legale: Monza 20052 viale Elvezia, 2 tel. 039 23841 www.aslmonzabrianza.it - C.F. / P. IVA Sede Legale: Monza 20052 02734330968 viale Elvezia, 2 tel. 039 23841 www.aslmonzabrianza.it

Dettagli

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle Progetto La salute vien mangiando 4 B Crolle Obiettivi, finalità Conoscere i cibi e le sostanze nutrienti che rispondono ai bisogni del nostro organismo. Valorizzare l'importanza di una corretta e sana

Dettagli

NUTRACEUTICA Corpo come Arte

NUTRACEUTICA Corpo come Arte NUTRACEUTICA Corpo come Arte efficacia sinergia RESVERA-VITIS 60 cps Antiossidante Riossigenante Tessutale Integratore a base di Resveratrolo e OPC ad alto dosaggio (in 1 cps 585 mg di Vitis Vinifera 17.000

Dettagli

Ogni giorno gettiamo il seme della qualità

Ogni giorno gettiamo il seme della qualità Ogni giorno gettiamo il seme della qualità La qualità scivola tra gesti semplici Una vocazione dalle radici profonde Ieri è già domani La molitura del grano è una preziosa tradizione che si tramanda di

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Indice Storia del pane 4 Selezione dei cereali 5 Cerealicoltura 6 Dal mugnaio 7 Dal panettiere 8 I tipi di pane 9 Il pane nell alimentazione 10/11 Il pane nelle usanze

Dettagli

Aspetti tecnologici di panetteria e pasticceria

Aspetti tecnologici di panetteria e pasticceria 1 Aspetti tecnologici di panetteria e pasticceria Le proprietà tecnologiche della farina La farina, come abbiamo già detto, è un prodotto ricavato dalla macinazione e successivo abburattamento del grano.

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma 19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma ISBN 978-88-96646-46-5 2015 - Clio S.p.A., Lecce www.clioedu.it Proprietà

Dettagli

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice pag. 1 / 20 Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione Indice Versione lunga / Novembre 2011 2 Piramide alimentare svizzera

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU NOI STESSI E SUL MONDO BISOGNI PRIMARI DELL'UOMO Quali sono i bisogni dell'uomo? Volendo semplificare i bisogni basilari sono due: vogliamo evitare

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA On. Ministro Gianni Alemanno Presidente, Prof. Ferdinando Romano Gruppo di esperti costituito presso l Istituto

Dettagli

Conta con il leone. Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti. con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno

Conta con il leone. Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti. con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno Conta con il leone Guida all uso del conteggio dei carboidrati, e non solo! Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno Conta

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA. a cura del Dott.

L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA. a cura del Dott. L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA a cura del Dott. Samorindo Peci Appunti dell autore Ho fatto in modo di realizzare questo

Dettagli

ggi sempre più persone danno molta importanza al peso e all'aspetto fisico.

ggi sempre più persone danno molta importanza al peso e all'aspetto fisico. ggi sempre più persone danno molta importanza al peso e all'aspetto fisico. O Infatti, viviamo in una società che sta attraversando una vera e propria rivoluzione nel mondo della salute. Ma nonostante

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Utenti: 3,2 = Prodotti destinati al consumatore finale = Prodotti destinati unicamente agli operatori della ristorazione

Utenti: 3,2 = Prodotti destinati al consumatore finale = Prodotti destinati unicamente agli operatori della ristorazione Utenti: 3,2 = Prodotti destinati al consumatore finale = Prodotti destinati unicamente agli operatori della ristorazione SELEX ACETI AROMATIZZATI - BALSAMICI - CONDIMENTI Crema Classica all'aceto Balsamico

Dettagli

IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA. Dott. Francesco Andreoli

IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA. Dott. Francesco Andreoli IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA Dott. Francesco Andreoli CHI PRODUCE? Grande industria Piccole industrie Piccoli produttori LE ETICHETTE Sono la carta d identità del prodotto (dati reali) Il pacchetto

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Cuocere al forno con il

Cuocere al forno con il Cuocere al forno con il Un assortimento fresco come dal fornaio. L unico sistema di cottura intelligente al mondo che sa anche cuocere al forno. Perché sente, riconosce, pensa, pianifica, impara e comunica

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI RACCOLTA NORMATIVA PER GLI ADDETTI AL CONTROLLO UFFICIALE E GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI Parte Generale Dott. Mauro Bardelli Tecnico della prevenzione nell ambiente

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Reg. CE 1234/07 Assessorato Agricoltura Centro Agrochimico Regionale G.L. Marcazzan CRA-API di Bologna M. Stefàno A.S.S.A.M. Regione

Dettagli

FRANCO BERRINO EX DIRETTORE DIPARTIMENTO MEDICINA PREVENTIVA - ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI MILANO

FRANCO BERRINO EX DIRETTORE DIPARTIMENTO MEDICINA PREVENTIVA - ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI MILANO GRASSO CHE COLA Di Luca Chianca Professore io mi son permesso di portarle il cibo sponsorizzato a Expo. FRANCO BERRINO EX DIRETTORE DIPARTIMENTO MEDICINA PREVENTIVA - ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI MILANO

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

La nutrizione nel malato oncologico

La nutrizione nel malato oncologico La Collana del Girasole n. 13 La nutrizione nel malato oncologico Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici La Collana del Girasole La nutrizione nel malato oncologico 13 Legenda Per praticità

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola CATALOGO DEI PRODOTTI Dall orto alla tavola Tutti i prodotti della nostra gamma sono senza coloranti nè conservanti, per preservare la vera natura delle pregiate materie prime utilizzate nella lavorazione

Dettagli

OH CIELO...SIAMO FRITTI!!!

OH CIELO...SIAMO FRITTI!!! Kitchen Cri OH CIELO...SIAMO FRITTI!!! 10 Ricette per aumentare Grassi e Colesterolo Ecco l'indice delle ricette: 1. Cordonbleu di pollo e prosciutto 2. Gamberi in panatura di patate 3. Mozzarella in carrozza

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014

impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014 impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifi ca di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014 Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV www.scienzavegetariana.it

Dettagli

Introduzione alla cucina vegan Ingredienti, consigli e 60 ricette complete

Introduzione alla cucina vegan Ingredienti, consigli e 60 ricette complete Introduzione alla cucina vegan Ingredienti, consigli e 60 ricette complete Questo opuscolo è per chi vuole imparare a cucinare piatti vegan, vale a dire 100% vegetali: spiega in dettaglio quali sono gli

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 OGGETTO E DURATA DELL APPALTO Il contratto ha per oggetto la fornitura dei prodotti non deperibili biologici e convenzionali occorrenti per la refezione scolastica

Dettagli

guida ai metodi per la cottura degli alimenti

guida ai metodi per la cottura degli alimenti guida ai metodi per la cottura degli alimenti Progetto a cura di ANDID - Associazione Nazionale Dietisti Member of andid in breve Il dietista é un professionista sanitario competente per tutte le attivitá

Dettagli

La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani. Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba

La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani. Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba Introduzione La crisi ha alleggerito di 7 miliardi di euro la borsa della spesa delle famiglie

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Alimentazione e Cancro

Alimentazione e Cancro Alimentazione e Cancro Dott.ssa Veronica Villani Neurologo Istituto Regina Elena Alimentazione e Cancro Non si vuole proporre una dieta Si vuole fornire una panoramica sulle ricerche effettuate per valutare

Dettagli

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI!

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI! Le ALL ITALIANA CREA LA TUA ALL ITALIANA Decidi di essere oriin le, cre tivo e diverso d i tuoi concorrenti : Cre le tue person lissime cup c kes ll it li n, LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO,

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani Gli alimenti lasciati all aria e soprattutto a temperatura ambiente subiscono, presto o tardi, modificazioni delle loro caratteristiche organolettiche:

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Dal Forum una raccolta di dolci estivi senza l ausilio del forno

Dal Forum una raccolta di dolci estivi senza l ausilio del forno Dal Forum una raccolta di dolci estivi senza l ausilio del forno www.giallozafferano.it Plumciok by marilena1 250 gr mascarpone 250 ml panna fresca montata 1 tubetto latte condensato (quasi tutto) meringhe

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA COME DEFINISCE LA QUALITÀ DI UNA BEVANDA CALDA? Esigenze per la macchina da caffè del futuro. Il piacere di una deliziosa bevanda aggiunge qualità in

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA

GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA GIUGNO 2010 Il presente Manuale è stato realizzato con il contributo tecnico-scientifico di Dintec Scrl Consorzio per l Innovazione

Dettagli

Auguri e vedi di fare il tuo esame, cuoco dilettante che non sei altro!

Auguri e vedi di fare il tuo esame, cuoco dilettante che non sei altro! 1. A parte questo, possedevo un paio di altre caratteristiche che non facevano propriamente pensare a un cuoco in carriera. Ero soprattutto lento. Ero lento a muovermi, lento a pensare, lento di comprendonio,

Dettagli

Latte & Co. Cucinare senza lattosio. Abitudini alimentari e tendenze. Alimentazione equilibrata. Una guida per più gusto e benessere.

Latte & Co. Cucinare senza lattosio. Abitudini alimentari e tendenze. Alimentazione equilibrata. Una guida per più gusto e benessere. free.salute Alimentazione Benessere Una guida per più gusto e benessere. Latte & Co. Quando il malessere nasce a tavola. Cucinare senza lattosio. Menu leggero di 3 portate. Abitudini alimentari e tendenze.

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli