integratori alimentari e prodotti dietetici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "integratori alimentari e prodotti dietetici"

Transcript

1 Coordinato da Claudio Lucchetta e Alessandro Merlo agenzia adiconsum anno XVI - n febbraio 2004 Stampato in proprio in febbraio 2004 In questo numero: Speciale integratori alimentari e prodotti dietetici Argomenti - Integratori alimentari e prodotti dietetici: uso e abuso nei giovani - Prodotti dietetici e integratori alimentari per lo sport - Fabbisogni alimentari e dieta - I benefici di una alimentazione equilibrata - Automedicazione e autoprescrizione - Psicologia evolutiva e comportamento alimentare come riflesso della razionalità - Aspetti pedagogici per la promozione di una cultura dell alimentazione e della salute - Caratteristiche del mercato degli integratori alimentari - Il mercato degli integratori alimentari - Comunicato stampa Adiconsum sul workshop del Registrazione Tribunale di Roma n. 350 del Sped. in abb. post. comma 20/c art.2 L.662/96 Filiale di Roma

2 ARGOMENTI Integratori alimentari e prodotti dietetici: uso e abuso nei giovani La campagna di Adiconsum e Uciim per la prevenzione dell abuso e per il corretto utilizzo degli integratori alimentari. Il contesto Fino agli anni Ottanta il concetto di salute si identificava nella cura della patologia; a partire dagli anni Novanta si è diffuso il concetto di prevenzione. Oggi, l evoluzione di questo concetto va oltre e non riguarda più solo la salute, ma anche lo stare bene. Non è più sufficiente prevenire il male, ma occorre garantirsi un futuro di salute e benessere. Di qui il successo di Integratori e alimenti arricchiti con ogni genere di vitamine, minerali e principi attivi in un mercato che oramai ha raggiunto la cifra di 1600 mln di Euro. L aspetto grave del problema è la disinformazione, specialmente dei giovani, che assumono tali prodotti, convinti che un supplemento di nutrienti dia comunque beneficio, indipendentemente dal proprio stato di salute e spesso sotto l influenza di mode o del consiglio di persone incompetenti, o peggio in malafede Il progetto Adiconsum, in collaborazione con UCIIM, Associazione degli Insegnanti Medi, ha condotto una campagna per la prevenzione dell abuso e per il corretto utilizzo degli integratori alimentari e dei prodotti dietetici fra i giovani nell ambito di un progetto Europeo promosso dalla DG SANCO (tutela consumatori) della Commissione UE, che ha coinvolto 3 paesi (Italia, Spagna e Grecia). Il progetto nasce dalla consapevolezza che sempre più giovani fanno un uso non del tutto consapevole, che talvolta diventa un vero e proprio abuso, di integratori alimentari e dietetici (sia per uso sportivo che estetico) La campagna sugli integratori alimentari ha avuto l obiettivo di aumentare il livello di consapevolezza e informazione che consenta ai giovani di: Conoscere le reali caratteristiche delle diverse categorie di prodotti ed i loro principi attivi, la loro potenziale efficacia ed i potenziali effetti dannosi per la salute Conoscere le condizioni in cui è consigliabile l assunzione di integratori e prodotti dietetici in funzione della dieta alimentare e delle attività praticate Imparare a riconoscere i prodotti che offrono garanzie di sicurezza da quelli artigianali che non offrono garanzie Imparare a preferire un comportamento alimentare corretto, rispetto all assunzione di correttivi artificiali Apprendere nozioni di consumo consapevole ed attento alla sicurezza dei prodotti in generale Le azioni Il lavoro si è svolto in cinque fasi così articolate: indagine sui consumi: motivazioni e bisogni, modalità di consumo, tipologia di prodotti usati, grado di conoscenza degli effetti e di consapevolezza dei rischi Test noi consumatori 2

3 creazione di un Comitato Scientifico con esperti di nutrizione, medicina sportiva, psicologi, sociologi, educatori ed insegnanti preparazione di una Guida pratica e di un CD Rom multimediale corso di formazione specialistico per gli insegnanti con dispense monotematiche a carattere scientifico Le attività Il progetto ha previsto una serie di attività tra cui: la realizzazione di 4 corsi formativi per insegnanti (2 in Italia, 1 in Spagna e 1 in Grecia); la predisposizione di materiali informativi e di strumenti didattici che saranno utilizzati in occasione degli incontri con gli studenti e dagli insegnanti a scuola nell attività educativa dei ragazzi: Guida all uso degli integratori alimentari e dietetici, CD Rom, Pagina web; l organizzazione di 80 incontri (50 in Italia, 15 in Spagna ed in Grecia) con gli studenti delle scuole medie superiori la realizzazione di un workshop conclusivo il 26 Febbraio a Roma, a cui seguirà una valutazione dei risultati della campagna informativa e la programmazione del follow-up del progetto Di seguito pubblichiamo una sintesi delle dispense prodotte dai relatori in occasione dei corsi formativi per gli insegnati tenutisi a Firenze nell ottobre scorso, ed il comunicato emanato dall Adiconsum in occasione del workshop conclusivo del 26 febbraio. Alessandro Merlo Prodotti dietetici e integratori alimentari per lo sport di Michelangelo Giampietro I fabbisogni nutrizionali degli sportivi e degli atleti, anche di quelli impegnati in attività continuative e di buon impegno fisico possono essere soddisfatti completamente quando le loro abitudini alimentari siano corrette e corrispondano alle indicazioni tipiche del modello alimentare mediterraneo. Pertanto, salvo rarissimi e ben selezionati casi, il ricorso all uso di integratori è del tutto ingiustificato e potenzialmente rischioso per la salute, tanto più se la loro prescrizione viene suggerita da personale privo delle necessarie competenze, e quindi al di fuori delle specifiche figure professionali quali medici, dietisti e specialisti in scienza dell alimentazione. Produzione e commercializzazione degli integratori alimentari La produzione e commercializzazione degli integratori alimentari per lo sport è rego- lato in Italia da precise norme secondo le quali, come tutti i prodotti dietetici, devono: a) distinguersi nettamente dagli alimenti di consumo corrente; b) essere adatti all obiettivo nutrizionale indicato; c) essere commercializzati in modo da indicare che sono conformi a tale obiettivo. La direttiva 2002/45/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 10 giugno 2002, definisce come integratori alimentari (... ) i prodotti alimentari destinati ad integrare la dieta normale e che costituiscono una fonte concentrata di sostanze nutritive o di altre sostanze aventi un effetto nutritivo o fisiologico, sia monocomposti che pluricomposti, in forme di dosaggio, vale a dire in forme di commercializzazione quali capsule, pastiglie, compresse, pillole e simili, polveri in bustina, liquidi contenuti in fiale, flaconi a contagocce e altre forme simili, di liquidi e polveri desti- Test noi consumatori 3

4 nati ad essere assunti in piccoli quantitativi unitari, inoltre la direttiva specifica che: - L etichettatura, la presentazione e la pubblicità del prodotto non attribuiscono agli integratori alimentari proprietà terapeutiche né capacità di prevenzione o cura delle malattie umane né fanno altrimenti riferimento a simili proprietà (articolo 6, comma 2) - Nell etichettatura, nella presentazione e nella pubblicità degli integratori alimentari non figurano diciture che affermino o sottintendano che una dieta equilibrata e variata non è in grado di apportare sostanze nutritive in quantità sufficienti in generale (articolo 7) Il Ministero della Sanità emanò, a suo tempo, specifiche Linee Guida (circolare 7 Giugno 1999, n.8, Alimenti adattati ad un intenso sforzo muscolare soprattutto per gli sportivi ) che stabiliscono che tutti questi prodotti devono essere formulati in modo confacente alle esigenze nutrizionali per il tipo di attività svolta, ed assicurare un ottimale biodisponibilità dei nutrienti apportati. Secondo le Linee Guida questi integratori - generalmente sconsigliati nelle donne in gravidanza, in età pediatrica ed in alcune specifiche malattie (patologie renali e/o epatiche, a seconda del tipo di sostanza) - sono collocabili nelle seguenti sei categorie: 1. Prodotti finalizzati ad una integrazione energetica. 2. Prodotti con minerali destinati a reintegrare le perdite idro-saline causate dalla sudorazione conseguente all attività muscolare svolta. 3. Prodotti finalizzati all integrazione di proteine. 4. Prodotti finalizzati all integrazione di aminoacidi e derivati. 5. Altri prodotti con valenza nutrizionale, adattati ad un intenso sforzo muscolare. 6. Combinazione dei suddetti prodotti. La Legge n 14 del 3 febbraio 2003 consentendo la commercializzazione dei prodotti dietetici per lo sport sulla base della semplice notifica preventiva di etichetta al Ministero della Salute (l assunzione di responsabilità sul prodotto e su quanto riportato nell etichetta è completamente a carico dell azienda produttrice) ha sostanzialmente modificato quanto in precedenza stabilito dal Decreto Legge n 111 del 27 gennaio 1992 che, viceversa, ne regolava la vendita, come per altri prodotti simili, secondo l iter legislativo, analogo a quello dei farmaci da banco, della autorizzazione-registrazione ministeriale, ben più lungo e costoso, che prevede l analisi del prodotto e la verifica da parte del Ministero della Salute della corrispondenza tra etichetta e contenuto (l assunzione di responsabilità sul prodotto e su quanto riportato nell etichetta è a carico del Ministero stesso che sovrintende e decide su quello che riguarda il prodotto). 1. Prodotti finalizzati ad una integrazione energetica Sono a base di carboidrati a vario grado di polimerizzazione. Devono essere integrati con vitamine del gruppo B (B1-B2-B6-PP) e vitamina C ed, eventualmente, con altri nutrienti ad azione antiossidante. Se sono presenti i lipidi in quantità significativa e con finalità energetica, qualora contenenti poliinsaturi, è obbligatoria l integrazione con vitamina E (0.4 mg/g di acidi grassi poliinsaturi). L apporto energetico non deve essere inferiore a 200 kcal per porzione, salvo prodotti destinati a situazioni particolari (es. razioni di attesa). Il numero delle porzioni consigliate deve essere correlato alla durata della prestazione ed all entità dello sforzo. L apporto di vitamine deve essere tale da fornire per porzione una quantità delle medesime non inferiore al 30% del livelli di assunzione giornalieri raccomandati. 2. Prodotti con minerali destinati a reintegrare le perdite idrosaline causate dalla sudorazione conseguente all attività muscolare svolta Contengono elettroliti per reintegrare le perdite idrosaline causate dalla sudorazione conseguente all attività muscolare svolta. Le basi caloriche devono essere costituite da carboidrati semplici e/o maltodestrine. La concentrazione nel prodotto pronto per l uso deve essere compresa tra il 2-6%, in funzione della destinazione d uso. L integrazione con vitamina C ed eventualmente con altri nutrienti è facoltativa. Queste due categorie di prodotti dietetici per lo sport trovano una razionale spiegazione per il loro uso: infatti, poiché l attività fisica determina in genere un aumento del dispendio energetico e di conseguenza una maggiore produzione di sudore, può essere giustificato ricorrere a prodotti contenenti acqua, minerali e nutrienti energetici, soprattutto zuccheri. Lo stesso risultato si può ottenere consumando cibi comuni, come ad esempio fette biscottate con miele o marmellata, biscotti, dolci da forno e frutta, o bevande preparate in casa diluendo Test noi consumatori 4

5 un succo di frutta con acqua, in modo da avere una concentrazione di zuccheri di circa grammi, l equivalente di 4-6 cucchiaini, per litro di bevanda e aggiungendo 1/2 cucchiaino da caffè di sale da cucina. Gli integratori idricoenergetio-minerali così ottenuti, se da una parte sono penalizzati da un gusto certamente meno gradevole delle bevande commerciali, dall altra hanno l innegabile pregio di essere altrettanto validi e decisamente molto più economici. 3. Prodotti finalizzati all integrazione di proteine. L indice chimico delle proteine utilizzate deve essere pari almeno all 80% di quello della proteina di riferimento FAO/OMS. Le calorie fornite dalla quota proteica devono essere dominanti rispetto alle calorie totali del prodotto. Deve essere presente la vitamina B6 in quantità non inferiore a 0.02 mg/g di proteine. Avvertenze da riportare in etichetta: L apporto totale di queste proteine (dieta più integratore) non deve essere superiore a 1,5 g/die/kg peso corporeo; in caso di uso prolungato (oltre le 6-8 settimane) è necessario il parere del medico; Il prodotto è controindicato nei casi di patologia renale, epatica, in gravidanza e al di sotto dei 12 anni. 4. Prodotti finalizzati all integrazione di aminoacidi e derivati. A. Aminoacidi ramificati. La quantità di assunzione giornaliera non deve essere, di norma, superiore a 5 g (come somma dei tre ramificati). E preferibile il rapporto 2:1:1 rispettivamente di leucina, isoleucina e valina. E consigliabile l associazione con vitamine B1 B6, il cui rapporto deve essere tale da fornire, per dose consigliata, una quantità delle medesime non inferiore al 30 % della RDA (razione giornaliera raccomandata). Avvertenze da riportare in etichetta: in caso di uso prolungato (oltre le 6-8 settimane) è necessario il parere del medico; il prodotto è controindicato nei casi di patologia renale, in gravidanza e al di sotto dei 12 anni. B. Aminoacidi essenziali ed altri aminoacidi. Devono essere presenti in idonee proporzioni tra loro. Vanno specificate le indicazioni d uso del prodotto. Le quantità di aminoacidi apportate devono essere tali da consentire una assunzione giornaliera frazionata e tener conto delle altre fonti proteiche assunte con la dieta. Avvertenze da riportare in etichetta: in caso di uso prolungato (oltre le 6-8 settimane) è necessario il parere del medico; il prodotto è controindicato nei casi di patologia renale, epatica, in gravidanza e al di sotto dei 12 anni. Apporti proteici pari a g. /Kg p.c./ al giorno ( % rispetto ai valori consigliati dai LARN: Livelli di Assunzione Raccomandati di Energia e Nutrienti per la popolazione italiana, 1996) sono generalmente ritenuti idonei a soddisfare gli aumentati fabbisogni proteici della maggior parte degli atleti delle varie discipline sportive. Tuttavia, in alcuni casi ben selezionati, può essere utile aumentare il consumo di proteine fino ad un massimo di 2 g/kg p.c./giorno per gli atleti che si allenano con maggiore impegno e/o che vogliano aumentare la massa muscolare. Gli alimenti di uso comune sono in grado di fornire una quota giornaliera di proteine, anche così elevata, senza alcuna necessità di ricorrere a specifici prodotti dietetici costituiti da proteine e/o singoli aminoacidi. L uso di integratori contenenti aminoacidi liberi non sembra mostrare effetti favorevoli sulla sintesi proteica e sull accrescimento delle masse corporee, quando confrontato con l uso di prodotti proteici alimentari consumati all interno di un pasto bilanciato. C. Prodotti contenenti derivati di aminoacidi - Creatina. È un derivato aminoacidico con funzione di riserva di fosfati energetici a livello muscolare. L utilizzo di creatina si può configurare, come per altre sostanze sintetizzate dall organismo, a fini dietetici in relazione a particolari esigenze legate, per esempio, ad un aumentato fabbisogno o ad una ridotta sintesi. Se la dose consigliata è pari a 4-6 g/die, questa non può superare un periodo di assunzione di trenta giorni. Oltre tale periodo la dose non deve essere superiore a 3 g/die. Avvertenze da riportare in etichetta: in caso di uso prolungato (oltre le 6-8 settimane) è necessario il parere del medico; il prodotto è controindicato nei casi di patologia renale, in gravidanza e al di sotto dei 12 anni. La creatina è un aminoacido non essenziale presente quasi esclusivamente nel muscolo (95%), sia in forma libera (30-40%), che fosforilata come PC. Altri organi contenenti C sono cuore, cervello, testicoli, retina. Il turnover giornaliero è di circa 2 grammi. Queste perdite sono reintegrate sia dall apporto alimentare, sia dalla sintesi endogena (all interno delle cellule del nostro organismo), che avviene principalmente a livello epatico, renale e pancreatico a partire da tre aminoacidi (glicina, arginina e metionina) comunemente forniti con la normale alimentazione. Esiste un meccanismo di feedback per cui la sintesi endogena è regolata dall assunzione alimentare di creatina: la creatina presente in una normale razione alimentare, Test noi consumatori 5

6 unitamente a quella prodotta dal nostro organismo, è più che sufficiente a coprirne i fabbisogni giornalieri, mentre la sola quota endogena (prodotta dall organismo) copre i fabbisogni anche in caso di diete rigorosamente vegetariane (vegan e vegetaliani). Pertanto, risulta poco comprensibile il motivo per cui dovrebbe essere consigliata agli atleti una dose di 4-6 grammi al giorno, sia pure per periodi limitati a non più di trenta giorni, tanto più se si considera l entità globale, già sufficientemente elevata, della razione proteica mediamente consumata in genere dalle popolazioni occidentali, e dagli atleti in misura ancora maggiore. L unica spiegazione possibile di tale diffuso ricorso alla creatina in campo sportivo è quella legata ad un uso finalizzato, non tanto al reintegro della razione alimentare, ma ad una sua ulteriore additivazione, al solo scopo di tentare di migliorare artificiosamente, e quindi slealmente, le capacità di prestazione di un soggetto. 5. Altri prodotti con valenza nutrizionale, adattati ad un intenso sforzo muscolare 6. Combinazione dei suddetti prodotti. Per quanto riguarda queste ultime due categorie di prodotti dietetici, l analisi dettagliata di tutte le possibili sostanze e combinazioni offerte dal mercato degli integratori (supplements, secondo la terminologia inglese) richiederebbe troppo spazio. Ci limitiamo, pertanto, in questa sede a riportare le considerazioni finali, su alcune sostanze, tra quelle più utilizzate dagli sportivi negli ultimi anni, cioè una sintesi delle conclusioni di un gruppo internazionale di esperti, redatte per conto della Comunità Europea nel 1991, come contributo scientifico alle direttive CEE su Foods for Intense Performance. Dall analisi di più di centottanta lavori scientifici non sono emersi elementi di certezza sull effettiva utilità di alcuni integratori, anche se alcuni Autori ne avrebbero verificato un qualche effetto positivo sulla performance atletica. Aspartato di Potassio e di Magnesio. È uno degli integratori più usati dagli sportivi, ma anche dalla popolazione comune, per la prevenzione dei disturbi provocati dal lavoro muscolare sostenuto in climi caldi, quando alle perdite d acqua e di cloruro di sodio possono associarsi anche cospicue perdite di potassio e di magnesio. Inoltre l apporto di aspartato sembra poter contribuire al recupero delle riserve energetiche e allo smaltimento delle sostanze tossiche (derivati ammoniacali) prodotti in abbondanza durante l esercizio fisico intenso e prolungato. Le evidenze tutt oggi disponibili fanno ritenere che la somministrazione di ioni potassio e magnesio, in associazione con l aspartato, risulta efficace solo nei rari casi di reale deplezione salina, come si potrebbe verificare solamente durante un attività sportiva che determini una intensa sudorazione e non nei giorni successivi alla stessa, mentre appare ininfluente quando somministrata indipendentemente da tale situazione. L-Carnitina. La L-carnitina è una sostanza con caratteristiche chimiche e funzionali paragonabili a quelle delle vitamine, normalmente presente negli alimenti di origine animale, soprattutto le carni, ma che l organismo umano è capace di sintetizzare (produzione endogena) a partire da alcuni aminoacidi. È presente nel corpo umano a livello dei muscoli scheletrici e nel muscolo cardiaco. L attività della L-carnitina si esplica a livello del metabolismo lipidico. In particolare essa stimola l ossidazione degli acidi grassi nei mitocondri (centrali energetiche della cellula) a scopo energetico favorendone il passaggio dal citoplasma ai mitocondri. La carenza di carnitina può provocare una alterata funzionalità del muscolo cardiaco. Attualmente si ritiene che l integrazione orale di L-carnitina in soggetti sani non sia in grado di determinare un aumento della sua concentrazione a livello muscolare e quindi non migliori l utilizzazione dei lipidi e la produzione di energia. Inoltre non ci sono dati scientifici che provino una carenza di L-carnitina nei muscoli sia in condizioni di riposo, sia al termine di lavori muscolari prolungati. Esistono molti studi sui meccanismi di azione della L-carnitina a livello muscolare, ma i risultati sono ancora contrastanti e non sembrano giustificarne l uso come sostanza in grado di aumentare le capacità di lavoro muscolare. Ferro. Il ferro rappresenta un minerale di fondamentale importanza per la salute dell uomo, viste le molteplici funzioni svolte nel nostro organismo. Inoltre, non va dimenticato che l anemia rappresenta la carenza nutrizionale più frequente tra tutte le popolazioni del mondo. Ciò nonostante, l uso nei confronti degli atleti, che alcuni medici hanno fatto e continuano a fare dei farmaci contenenti ferro è, nella stragrande maggioranza dei casi, del tutto privo di fondamento. La cosiddetta anemia da sport è, in realtà, un fisiologico adattamento del nostro organismo quando è sottoposto ad allenamenti indirizzati a migliorarne le qualità aerobiche. Test noi consumatori 6

7 In questi casi, l emodiluizione che si determina negli atleti di resistenza è, semmai, un indice di un buono stato di forma; raramente, al contrario, nasconde una situazione di carenza di ferro e, tanto meno, di anemia. In ogni caso, la correzione di una eventuale carenza di ferro, correttamente accertata, deve essere realizzata, in primo luogo, attraverso l individuazione e l eliminazione delle eventuali perdite di sangue, in secondo luogo con gli opportuni accorgimenti alimentari; solo se non si ottiene una correzione stabile e soddisfacente della carenza di ferro è lecito ricorrere ai farmaci contenenti ferro da assumere per bocca. La somministrazione di ferro in vena è, nella gran parte dei casi, inopportuna e potrebbe essere pericolosa; per queste ragioni, va riservata a quei casi di grave anemia, per fortuna rari e neppure compatibili con la pratica sportiva, che richiedono il ricovero ospedaliero e i dovuti accertamenti. La pericolosità dei trattamenti marziali, ancor più quelli endovena, è da ricollegare agli effetti tossici del ferro che è un potente agente ossidante, e al possibile rischio che il candidato alla terapia possa essere affetto, senza saperlo, da emocromatosi, una non rara condizione patologica ereditaria, in cui si verifica un accumulo di ferro nei tessuti, con gravi danni per l organismo. di Claudio Lucchetta Fabbisogni alimentari e dieta Il cibo e le bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per svolgere le sue attività vitali. Le necessità del nostro corpo sono così riassumibili: Fabbisogno energetico. Tutte le attività volontarie e involontarie hanno bisogno di energia che viene attinta dagli alimenti, in particolare dagli zuccheri, dai grassi e, in misura minore, dalle proteine. Fabbisogno plastico. Il nostro corpo è continuamente soggetto ad un processo di rinnovamento che coinvolge cellule e tessuti. Le materie prime adatte alla fabbricazione delle cellule e dei tessuti provengono dagli alimenti ricchi di proteine e di alcuni grassi essenziali. Fabbisogno idrico. L acqua è il componente principale del sangue e della linfa, inoltre partecipa alla totalità delle reazioni chimiche che avvengono nelle nostre cellule, facilita la digestione dei cibi e contribuisce a mantenere costante la temperatura corporea. Il fabbisogno idrico è soddisfatto bevendo e assumendo alimenti quali latte, frutta, verdura. Fabbisogno bioregolatore. Le reazioni chimiche che avvengono nelle nostre cellule necessitano dell intervento dei bioregolatori. Tra essi un ruolo fondamentale spetta alle vitamine ed ai sali minerali, che ingeriamo soprattutto con gli alimenti di origine vegetale. Le proteine costituiscono circa il 19% del nostro corpo, e sono coinvolte in tutte le attività vitali con svariate funzioni (enzimi, ormoni, anticorpi ed altre). Rappresentano gli elementi di base della costruzione dell organismo, e possono fungere anche da fonte energetica secondaria. Le proteine necessarie al nostro organismo sono reperibili nel latte e nei suoi derivati, nella carne, nel pesce, nelle uova, nei legumi, nei cereali e, in misura minore, negli altri vegetali. Non tutte le proteine hanno lo stesso valore biologico: tra i venti aminoacidi che, variamente combinati, danno origine a tutte le proteine, ve ne sono alcuni, detti aminoacidi essenziali, più preziosi degli altri poiché il nostro organismo non è in grado di fabbricarli da solo e deve necessariamente procurarseli col cibo. Le proteine di più alto valore biologico sono quelle contenute nella carne, nel pesce, nel latte e nei suoi derivati e nelle uova, poiché contengono tutti gli aminoacidi essenziali. Gli zuccheri sono la più importante sorgente di energia (50-60% del fabbisogno) nella nostra dieta. Sono composti di unità strutturali dette monosaccaridi glucosio e fruttosio sono i più comuni che si combinano a formare i disaccaridi (ad es. saccarosio, maltosio, lattosio) ed i polisaccaridi (amido, fibra alimentare). I polisaccaridi che costituiscono la fibra alimentare (cellulosa, pectina, lignina, ecc.) non sono digeribili e dunque non forniscono energia, tuttavia svolgono un importante ruolo di regolazione delle funzioni intestinali nonché dei livelli di glicemia e di colesterolemia. I monosaccaridi e i disaccaridi si trovano prevalentemente nella frutta e nel latte; gli amidi sono reperibili nei cereali e nei loro derivati, nelle patate e nei legumi. Sono Test noi consumatori 7

8 ricchi di fibra alimentare i cereali integrali ed i vegetali in genere. I grassi, in una dieta equilibrata, assicurano il 30% dell apporto calorico giornaliero. L energia contenuta nei grassi non è però di pronta utilizzazione in quanto le reazioni biochimiche che portano alla sua liberazione sono piuttosto lunghe e complesse. I grassi sono anche i costituenti essenziali di tutte le nostre membrane cellulari, ed hanno un importanza fondamentale quali componenti strutturali del cervello e delle fibre nervose in genere. Sono infine la materia prima indispensabile al nostro organismo per la fabbricazione di alcuni ormoni e rendono possibile l assorbimento delle vitamine liposolubili (vit.a, vit.d, vit.e, vit.k). Anche fra i grassi esistono delle molecole essenziali (acidi grassi essenziali) che l organismo non è in grado di fabbricare per proprio conto, e che devono quindi essere necessariamente introdotte con la dieta, pena l insorgere di disturbi da carenza. Le vitamine sono dei nutrienti essenziali la cui funzione è esclusivamente bioregolatrice. Esse infatti non forniscono energia né materiale plastico, tuttavia sono indispensabili in quanto partecipano alla regolazione delle reazioni chimiche che avvengono in tutte le nostre cellule rendendo possibile la nostra vita. Sono un gruppo di sostanze eterogeneo, che si usa suddividere in liposolubili ed idrosolubili. Le vitamine liposolubili (vit.a, vit.d, vit.e, vit.k) sono trasportate dai grassi, ed all interno dei tessuti grassi possono anche essere accumulate, in certa misura. Le vitamine idrosolubili (vit.c, B 1, B 2, B 5, B 6, B 12, PP, H ed acido folico) sono invece trasportate dall acqua e non possono essere accumulate in alcun modo. Per questo motivo le vitamine idrosolubili debbono continuamente essere introdotte con la dieta. I sali minerali sono reperibili in tutti gli alimenti in diverse quantità, ma ne sono particolarmente ricchi le verdure, il latte e i suoi derivati, il pesce, il miele grezzo. Il calcio è il minerale più diffuso nel nostro organismo, distribuito per la maggior parte nelle ossa e nei denti. Ricchi di questo elemento sono il latte, i formaggi, la frutta secca e molti oli vegetali. Il fosforo partecipa alla formazione delle ossa ma si trova anche in altri tessuti, soprattutto in quelli nervosi. È reperibile nel latte, nella carne, nel pesce, nelle uova e nei legumi. Il ferro entra nella composizione dell emoglobina, la proteina dei globuli rossi che sfruttando la circolazione del sangue rifornisce di ossigeno tutti i tessuti del nostro corpo. Il maggior contenuto in ferro si trova in alimenti quali le frattaglie, i legumi secchi, il tuorlo d uovo, la carne, il pesce, gli spinaci e la frutta secca. Il sodio svolge la sua funzione principale nel nostro corpo come regolatore del bilancio idrico. L eccessivo consumo dovuto all uso del sale da cucina (cloruro di sodio) provoca però l aumento della pressione arteriosa (ipertensione). Ancora importante per il bilancio idrico è il potassio, presente nella frutta secca ed oleosa, nella farina di soia, nella melassa, nella carne, nel pesce, nella frutta fresca e negli ortaggi. L acqua è il costituente principale del corpo umano, con percentuali che variano dal 77% nel neonato al 65% nell adulto (60% nelle donne). Essa è contenuta in tutte le cellule e partecipa tutte le reazioni; per questo motivo è importantissimo reintegrare le perdite fisiologiche giornaliere dovute al sudore, alla respirazione, alle urine ed alle feci, in quanto anche piccole alterazioni nel bilancio idrico possono compromettere il nostro stato di salute. Sono molti i fattori che influenzano i fabbisogni alimentari di un individuo: l età, il livello di attività, lo stato fisico, il sesso, nonché condizioni fisiologiche quali la gravidanza e l allattamento. Quando non sono presenti condizioni fisiologiche particolari un sano e soddisfacente regime alimentare nell età adulta può essere costruito semplicemente seguendo un alimentazione variata, bilanciata e senza eccessi. I pasti devono essere distribuiti in modo razionale durante l arco della giornata, poiché il nostro organismo non richiede la stessa quantità di energia in ogni momento. È importante stabilire quanti debbano essere i pasti, quante calorie ognuno di essi debba fornire e a che intervalli vadano consumati, perché occorre lasciare trascorrere un certo numero di ore tra un pasto e l altro. Conta quindi non solo quanto si mangia ma anche come si mangia. I pasti devono essere distribuiti in maniera razionale, con una prima colazione sostanziosa, un pranzo non troppo ricco e una cena leggera. A questa formula classica dei tre pasti giornalieri è bene aggiungere altri due pasti. La buona abitudine è di consumare cinque pasti, di cui due principali (pranzo e cena) e tre secondari (prima colazione, spuntino di metà mattina e merenda del pomeriggio). La prima colazione deve fornire circa il 20% delle calorie totali giornaliere, il pranzo circa il 40%, lo spuntino di metà mattina e la merenda pomeridiana il 5% ciascuno e la cena il 20-30%. Controllare i grassi e i dolci a tavola evita un eccessivo aumento di peso. Que- Test noi consumatori 8

9 sta condizione patologica aumenta la possibilità di ammalarsi di tumore e di altre patologie come diabete, ipertensione, malattie cardiovascolari, e incide significativamente sulla mortalità. Per contrastare la sua diffusione occorre controllare l alimentazione, bere meno alcolici, preferire il consumo di cibi integrali e svolgere attività fisica in modo sistematico o almeno camminare molto. I benefici di una alimentazione equilibrata di Anna Maria Papiri Una alimentazione equilibrata deve sapere soddisfare i bisogno alimentare in modo sano e naturale e rispettare l equilibrio del nostro corpo. Ma allora come mangiare per mantenersi in forma? Innanzitutto attraverso l acquisizione della consapevolezza degli errori alimentari attraverso l informazione e l educazione alimentate. Ora più che mai è d attualità il tema salute. I dati disponibili in materia descrivono un panorama preoccupante. Dunque alimentazione equilibrata significa nutrirsi bene giornalmente: non solo consumare alimenti per soddisfare il proprio appetito e il gusto ma garantire un adeguata quantità di energia, di princìpi nutritivi e di acqua per il buon funzionamento dell organismo. Mantenere il peso ottimale è uno dei metodi migliori di prevenzione. Infatti il controllo del peso contribuisce a vivere meglio e più a lungo. Tuttavia il desiderio di modificare il peso corporeo molte volte è cosi forte che spesso si perde di vista la razionalità delle scelte e ci si affida a metodi errati. Molti giovani tendono a confrontarsi con canoni estetici proposti da media dove impera il culto dell apparire più che dell essere e sono condizionati dal bisogno di identificazione di autoaffermazione e di successo. Per stare bene è necessario raggiungere la giusta percezione del proprio corpo. Se si scopre di essere sovrappeso è bene adottare una dieta che possa essere veramente efficace, equilibrata e soprattutto sostenibile nel tempo. Il fabbisogno dell organismo è la risultante della combinazione di quattro tipi di fabbisogno Idrico: 1,5-2 litri di acqua al giorno Energetico: glucidi, lipidi e proteine Plastico: proteine, amminoacidi e alcuni lipidi Bioregolatore: Sali minerali e vitamine Poiché nessun alimento è completo si desume che occorre variare il più possibile le scelte alimentari per garantire una copertura dei fabbisogni nel modo più ampio possibile. A secondo delle loro caratteristiche possiamo raggruppare gli alimenti in sei gruppi che, alternati il più possibile, garantiscono una varietà adeguata alla dieta: 1. cereali e tuberi 2. frutta e ortaggi 3. latte e derivati 4. carne, pesce e uova 5. legumi secchi 6. grassi da condimento Le calorie provenienti da questi alimenti devono essere ripartite in questo modo: 40% a pranzo, 30% a cena, 20% a colazione 5% a metà mattina e 5% a metà pomeriggio. Un corretto modello alimentare in grado di soddisfare tali esigenze è quello mediterraneo del quale numerose evidenze scientifiche hanno provato l efficacia nella prevenzione di malattie croniche degenerative come le malattie cardiovascolari e le neoplasie. Ultima ma non meno importante, l attenzione ai fuori pasto. Il consumo di fuori pasto concorre mediamente ad apportare il 5-10% della quota energetica giornaliera per ragazzi e adulti. di Francesca Pasquini Automedicazione e autoprescrizione L automedicazione non è esente da rischi e spesso è influenzata da campagne pubblicitarie. È per questo che diventa fondamentale il processo di responsabilizzazione dell automedicazione come primo passo verso una tendenza del consumatore ad infor- Test noi consumatori 9

10 marsi e a curarsi da solo i piccoli disturbi. A questo proposito è bene distinguere i prodotti erboristici, per i quali esiste una forte propensione all automedicazione, e gli integratori alimentari. I primi basano la loro attività salutistica sull impiego di fitocomplessi delle piante medicinali. Sono privi di potere nutritivo e impiegati a scopo non nutritivo; sono a base di piante, di loro derivati e non addizionati di prodotti di sintesi, perciò tali da essere considerati naturali. Il prodotto erboristico deve avere il necessario profilo di qualità e di sicurezza per tutelare la sicurezza e la salute dei consumatori. I secondi non sono medicinali né alimenti dietetici, ma prodotti alimentari e in quanto tali devono attenersi al principio di non tossicità. Sono suddivisi in base al loro effetto: per aumentare il peso per aumentare la forza per favorire la produzione di energia per favorire il metabolismo lipidico per favorire il recupero fisico La differenza sta nei dosaggi sui quali esistono oggi numerose e discordanti opinioni. Psicologia evolutiva e comportamento alimentare come riflesso della razionalità di Daniela Pase e Elena Meccariello In generale è possibile parlare oggi di uno stile alimentare peculiare dell età adolescenziale in cui possiamo evidenziare cause esterne come il cambiamento dello stile di vita delle famiglie, l influenza dei mass-media, la proliferazione del junk food e cause più prettamente soggettive e individuali di tipo psicologico legate al periodo di crescita dell individuo. Tra i fattori psicologici individuiamo l appartenenza al gruppo dei pari che crea una tensione all uniformità anche per il cibo che assume un valore più simbolico che nutrizionale. Il gruppo in questo modo influisce sulle scelte e le orienta. Una ricerca condotta dal provveditorato agli studi di Roma e dall assessorato alle politiche dello sport ha messo in luce degli aspetti riguardo all assunzione di integratori alimentari. Dalla ricerca è emerso che ben il 7,12% dei ragazzi dichiara di assumere integratori (creatina e amminoacidi) dimostrando una naturale tendenza ad integrare la propria alimentazione a prescindere dallo sforza fisico o dalla effettiva e reale carenza di alcune sostanze nel proprio corpo. I risultati della ricerca confermano altresì che esiste la tendenza fra coloro che frequentano i fast food, ad assumere integratori proteici in misura maggiore rispetto a coloro che non li frequentano. Come nascono i disturbi alimentari Una particolare attenzione deve essere posta ai disturbi alimentari per i quali esiste un rapporto di causa-effetto con il consumo di integratori alimentari (IA). Dopo avere visto gli eventi che caratterizzano il comportamento dei giovani verso gli IA possiamo vedere anche in queste due categorie nosologiche un nesso con un regime alimentare errato. Ma come nascono i disturbi alimentari? Esistono una serie di condizioni che possono aumentare la probabilità che si manifesti un disturbo dei comportamento alimentari; all interno di tali condizioni si possono distinguere; fattori biologici o individuali: struttura ossea, percentuale di grasso corporeo, difficoltà gastrointestinali; fattori socio-culturali: diffusione di modelli alimentari dietetici, diffondersi di disturbi alimentari, pressione da parte della società orientata alla magrezza; fattori relazionali: ambiente familiare e modalità di relazione tra genitori e figli, qualità delle relazioni extrafamiliari. Molti studi clinici hanno documentato la relazione biunivoca tra disturbo alimentare e una difficile situazione relazionale in famiglia. Fattori psicologici come la preoccupazione estrema per il peso e le forme del corpo, la paura di ingrassare e la perdita di peso come conquista. Le persone con disturbi alimentari hanno una profonda mancanza di fiducia nella validità e nell attendibilità dei propri sentimenti legata non solo ad una mancanza di consapevolezza, ma anche e soprattutto ad una scarsa considerazione di se stessi. Tali persone sono molto critiche verso se stesse e si considerano inadeguate a sostenere un ruolo in ambito sociale e personale. Test noi consumatori 10

11 Aspetti pedagogici per la promozione di una cultura dell alimentazione e della salute di Luciano Corradini ed Aldo Riggio L individuo deve essere in grado di recuperare il concetto di corpo-soggetto in un insieme unitario e inscindibile per riconquistare l integrità della natura umana. L interazione dell individuo nell ambiente è espressa dal suo comportamento e condotta, dove il comportamento è un insieme di reazioni intese come risposte a sollecitazioni esterne. Il carattere di un individuo è invece il complesso insieme degli schemi di comportamento correlato al suo vissuto, alle sue esperienze. Ne deriva l importanza della presa di coscienza del corpo, nell interiorizzazione dell immagine del corpo nella persona in un processo graduale di coscienza di sé. Questa dinamica assume rilevante importanza perché la coscienza permette di distinguere tra impulsi o bisogni fittizi ed esigenze reali. A questo stadio nasce la reale consapevolezza di ciò che si sceglie nell atto di nutrirsi. In questa fase prende consistenza il fattore educazionale. Lo scopo dell educazione diventa quello di favorire l individuo e permettergli di situarsi e di agire in una realtà che lo circonda concorrendo al proprio benessere. Naturalmente deve essere istruito sul significato di benessere anche in ottica prospettica per il suo futuro. Focalizzando l attenzione sull educazione salute si distinguono due macroobiettivi: aumentare l aspettativa di vita aumentare il proprio benessere psicofisico Il quesito che sorge spontaneo a questo punto è che valore attribuire alla salute? E probabilmente si scopre che non è che uno tra i tanti fattori motivanti che orientano il comportamento. Dunque l educazione alla salute deve rinunciare a possedere verità assolute e prendere in considerazione aspetti contestuali specifici con la prospettiva di uno sviluppo armonico della persona. Bisogna abbandonare l idea dell educazione alla salute intesa come prevenzione del rischio e sviluppare la concezione di educazione alla salute come apprendimento di nozioni finalizzato ad uno sviluppo armonico e compatibile con l individuo. Caratteristiche del mercato degli integratori alimentari di Sandra Mecozzi Il mercato degli IA è composto da numerosi prodotti anche molto differenti nelle modalità e funzioni d uso; i consumi sono in continua evoluzione ed influenzati da vari fattori. Il consumatore richiede un prodotto efficace che abbia risultati visibili in un tempo sempre più breve, a fronte di piccoli sacrifici e senza modificare radicalmente il proprio stile di vita. È influenzato dai messaggi pubblicitari che propongono modelli ideali, che indicano come valori primari la salute, il benessere e l efficienza fisica oltre che la bellezza. Il mercato è caratterizzato dalla presenza di multinazionali farmaceutiche, ma anche da numerosi imprese piccole spesso solo importatrici. Il prodotto è caratterizzato da: brevità del ciclo di vita ampia gamma per presidiare la diversificazione della domanda e l esigenza dei consumatori pluralità dei canali di vendita forte competitività sul marketing per gli elevati investimenti pubblicitari e promozionali Il trend del mercato negli ultimi 5 anni ha avuto un andamento positivo e margini di profitto elevati. Gli Integratori dimagranti sono i più venduti e soggetti ad un ciclo di vita brevissimo in relazione alla preferenza dei consumatori. Gli integratori energetici sono in continua evoluzione soprattuo nei sottosegmenti dedicati ai proteici e ai minerali. Gli Integratori multivitaminici mantengono un andamento positivo; nell ultimo periodo la loro offerta è stata differenziata per fasce d età dimostrando la capacità di cogliere nuove opportunità dal mercato. Test noi consumatori 11

12 Il mercato degli integratori alimentari di Alessandro Merlo L offerta Il mercato degli integratori alimentari sta attraversando una fase di confusione ed incertezza sotto l aspetto legislativo, e ciò non consente di esprimere certezze nelle previsioni. È bene tracciare i confini di questo mercato, che negli ultimi cinque anni hanno iniziato a migrare da farmacie ed erboristerie verso canali che consentono una maggiore penetrazione. La classificazione di ACNielsen prende in considerazione l insieme di item che il consumatore utilizza in una logica di prevenzione e mantenimento del suo benessere psicofisico e suddivide il comparto in: SPORT: sport drink, barrette energetiche BENESSERE: functional food, cura e prevenzione fisica RECUPERO ENERGETICO: energy drink, prodotti tonico energetici LINEA: sostituti del pasto e dietetici dimagranti Il mercato degli IA è in forte espansione; cresciuto parallelamente all evoluzione del concetto di salute nel nostro paese, ha raggiunto un valore di 1585 mln di nel 2002, con una spesa annuale media per persona di circa 500. I prodotti in vendita sono con un aumento del 25% rispetto al 2001 quando si trovavano in commercio prodotti. Per riuscire a comprendere le dinamiche influenzano le preferenze dei consumatori e ne caratterizzano la domanda, è necessario illustrare la struttura dell offerta che è costituita da tre canali di distribuzione: Grande Distribuzione Organizzata, Farmacie, Erboristerie e negozi specializzati. Iniziando dalla GDO si può constatare immediatamente che i consumatori percepiscono i prodotti venduti attraverso questo canale come meno sicuri e meno efficaci. Infatti oltre a non essere in grado di proporre un offerta chiara a scaffale, la GDO non può offrire il valore aggiunto di un consiglio come quello di un farmacista o un rivenditore specializzato che mettono a disposizione la loro competenza e professionalità riuscendo in questo modo ad aumentare la elasticità al prezzo. Ciò penalizza molto le vendite anche se lo stesso prodotto viene venduto ad un prezzo che arriva ad essere fino al 50% in meno rispetto a quello praticato in farmacia. Proprio le farmacie sono il canale di distribuzione più utilizzato dalle industrie di produzione. I numeri di questo canale di vendita sono particolarmente importanti ed oltremodo significativi. Importanti perché il fatturato prodotto dalle farmacie rappresenta da solo il 60% del totale del settore. Infatti il settore degli IA si è affacciato nella GDO solamente negli ultimi anni, in netto ritardo rispetto agli altri paesi europei, e ciò ha contribuito in maniera consistente alla formazione dei numeri legati al canale farmacie. Inoltre è significativo constatare che il consumo di integratori specifici è il più dinamico cioè quello che ha avuto una crescita maggiore, a testimonianza del fatto che il consumatore preferisce rivolgersi in farmacia per i prodotti hanno un indicazione rivolta ad un particolare organo o ad una specifica deficienza, mentre considera il mass market come fonte di approvvigionamento per i prodotti di più semplice utilizzo quali quelli per il benessere in generale. Per ciò che concerne le erboristerie ed i negozi specializzati, si può constatare che valgono le medesime considerazioni fatte per le farmacie. I negozi specializzati infatti vantano un maggiore contenuto di servizi accompagnati alla vendita, primo tra tutti l assistenza del personale specializzato. Il personale di vendita appare preparato. Tuttavia nella maggior parte dei casi si può verificare che esiste una tendenza ad aumentare il dosaggio riportato in etichetta e a trascurare l intervento di un medico o di un nutrizionista. Questo comportamento risulta deleterio soprattutto nei confronti dei più giovani che risultano essere più facilmente influenzabili e soprattutto più superficiali e meno critici nella valutazione di un prodotto alimentare destinato ad essere assorbito e metabolizzato dall organismo. Inoltre nella considerazione sull efficacia e sulle controindicazioni nell utilizzo di tali prodotti non viene menzionato l apporto proteico, vitaminico e minerale che già avviene attraverso l introduzione di alimenti normalmente consumati durante la giornata. Ciò conduce al rischio di pericolosi sovradosaggi sui quali peraltro non esiste ad oggi alcuna letteratura scientificamente provata e universalmente riconosciuta. Test noi consumatori 12

13 La domanda Passiamo ora ad analizzare la domanda e a tracciare un profilo per quanto sommario, del consumatore tipo. Ad acquistare gli integratori alimentari sono circa tre milioni di italiani, di cui il 50% è rappresentato da frequentatori di palestre. 510 mila sono i consumatori regolari, di cui il 64% sono donne tra i 25 e i 34 anni. Anche in questo settore è stata rilevata una differenza nelle abitudini di uomini e donne: le ultime si riforniscono in prevalenza in farmacia ed erboristeria, mentre gli uomini, oltre la farmacia, preferiscono i negozi specializzati per la qualità del servizio e l ampiezza dell offerta. Tra i consumatori il segmento in maggiore crescita appare quello dei salutisti, cioè di coloro che assumono gli integratori non per scopo sportivo ma solo per motivi di completamento nutrizionale. Il mercato degli integratori continua a crescere trainato da promozioni ed investimenti pubblicitari pensati e creati dall unione tra produttori e distributori. Alcuni segmenti come gli integratori per il benessere psicofisico e gli energy drink hanno subito crescite fino al 20% in valore. Questa strategia segue attentamente l andamento del mercato che richiede sempre più frequentemente prodotti in grado di favorire le condizioni di benessere coadiuvando le funzioni fisiologiche dell organismo estendendo l uso a diverse occasioni e diversi momenti non necessariamente legati all attività fisica. Come risposta a tale richiesta il trade moderno ha ampliato e sta ampliando la gamma a scaffale, segmentando l offerta in funzione di specifici bisogni di integrazione e lasciando uno spazio adeguatamente ampio ai prodotti emergenti quali quelli che sostengono l ottenimento di un benessere diffuso e totale del corpo. La GDO si rivela dunque un canale strategico perché è in grado di avvicinare a questi prodotti un gran numero di consumatori potenziali. È proprio dall estensione dell uso degli IA a più momenti di consumo che nasce l esigenza di una normativa che prenda in considerazione gli IA come prodotti a se stanti senza accomunarli ad alimenti veri e propri o a dietetici. È molto importante sottolineare come a fronte di una consapevolezza nell utilizzo, il consumatore esprime un bisogno di informazioni maggiori in merito, principalmente veicolate tramite l etichetta. A questo proposito il Ministero della Salute ha messo a punto una serie di linee guida che regolano la promozione e la pubblicità degli IA e che gli operatori del settore dovrebbero conoscere per riuscire a condurre i ragazzi ad un uso consapevole e ponderato dei prodotti evitando pericolosi abusi. La direttiva sarà ulteriormente perfezionata a tutela del consumatore, inserendo i livelli massimi consentiti per i dosaggi di vitamine e minerali ammessi negli integratori. In questo modo, risulterà ben distinto il limite che separa l alimento dal farmaco; limite che al momento in Italia si attesta molto vicino al fabbisogno giornaliero raccomandato. Conclusioni Per riepilogare, l IA è un alimento che si può presentare in forma di tavolette, capsule, polveri e liquidi, ed è composto principalmente da nutrienti, micronutrienti ed altre sostanze commestibili, assunti in dose unitaria. Il suo obiettivo è una integrazione della normale alimentazione senza fini medici e senza specifici fini dietetici. Gli specialisti si dividono in due correnti distinte non appena ci si accosta al problema degli integratori. Da un lato la corrente tradizionalista che proclama la dieta ben bilanciata come fonte sicura di tutti i nutrienti di cui una persona ha bisogno (ma dati incontrovertibili mostrano l inadeguatezza della dieta seguita da sempre più persone che si rivela ipercalorica, ricca di grassi e proteine, povera di minerali e vitamine). D altro canto c e chi considera l integrazione come una necessaria base terapeutica. I pubblicitari seguono con successo quest ultima linea di pensiero che li mette nelle condizioni di proporre un prodotto che fa sentire meglio, più attraenti ecc. La verità, a mio parere, sta nel mezzo: è opportuno innanzitutto correggere la dieta, e quindi limitare l uso di integratori a momenti di reale bisogno e comunque sotto controllo di un medico. Test noi consumatori 13

14 Comunicato stampa Adiconsum sul workshop del Sale il consumo di integratori alimentari e prodotti dietetici, ma si riduce la tutela per la salute del consumatore Sono saliti ormai a tre milioni gli italiani che acquistano integratori: di questi, 510 mila sono consumatori abituali, il 50% frequenta abitualmente le palestre, il 64% è rappresentato da donne comprese tra i 25 e i 34 anni. Per un fatturato che solo nella grande distribuzione organizzata sfiora i 60 milioni di euro! Ad un consumo e ad una spesa così rilevanti non corrisponde un altrettanta consapevolezza dei rischi per la salute. Da un indagine svolta da Adiconsum è infatti emersa: la tendenza a considerare gli integratori come alimenti innocui; la sottovalutazione dell importanza della normale dieta alimentare come strumento per il raggiungimento del benessere fisico; la carenza di informazioni sui danni accertati in caso di assunzione l assenza di elementi per riconoscere la qualità e la sicurezza dei prodotti (etichette poco leggibili) l assunzione arbitraria priva di controllo di esperti del settore (medici e nutrizionisti. Il consumo degli integratori si concentra tra i praticanti di sport non a livello agonistico (soprattutto integratori idrosalini, proteici e aminoacidici) e coloro che seguono una dieta dimagrante (soprattutto vitamine e sali minerali in pillole e barrette sostitutive dei pasti). Adiconsum invita i consumatori ad un uso e consumo critico degli integratori, per i danni derivanti alla salute da un uso non necessario e per gli elevati costi. Il progetto Integratori alimentari e prodotti dietetici: uso e abuso nei giovani è stato promosso da Adiconsum in collaborazione con UCIIM (Unione cattolica insegnanti medi), finanziato dalla DG SANCO della Commissione europea e svolto in parallelo in Spagna e Grecia. Direttore: Paolo Landi Direttore responsabile: Francesco Casula Comitato di redazione: Angelo Motta, Fabio Picciolini Amministrazione: Adiconsum, via Lancisi 25, Roma Registrazione Tribunale di Roma n. 350 del Sped. in abb. post. comma 20/c art.2 L.662/96 Filiale di Roma ADESIONI E ABBONAMENTI Adesione individuale: 31,00 ( 15,00 per gli iscritti Cisl) Abbonamento al settimanale Adiconsum News + mensili Adifinanza, a cura del settore credito e risparmio, Consumi & diritti, a cura del Centro giuridico Adiconsum e Attorno al piatto, a cura del settore sicurezza degli alimenti e nutrizione: 25,00 ( 15,00 per gli iscritti Cisl) Abbonamento al bimestrale La guida del consumatore : 25,00 ( 12,00 per gli iscritti Cisl) Adesione + Abbonamento a La guida del consumatore : 43,00 ( 27,00 per gli iscritti Cisl) I versamenti possono essere effettuati su c.c.p intestato ad Adiconsum Test noi consumatori 14

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE Lo scopo di questa guida alimentare è prevalentemente quello di informare con chiarezza e orientare il proprio stile di vita alimentare, modulando le scelte alimentari

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

ENERGIA CONCENTRATA NEI TUOI MUSCOLI.

ENERGIA CONCENTRATA NEI TUOI MUSCOLI. CARBOIDRATI. I carboidrati rappresentano la principale fonte di energia delle cellule. Essi fungono da combustibile di pronto e facile impiego e di maggior rendimento. I CARBOIDRATI possono essere divisi

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA Tutti i gruppi alimentari (carboidrati, grassi, proteine) sono importanti per lo svolgimento dell attività sportiva, ma è utile fare alcuni distinguo sul tipo di alimenti

Dettagli

La nutrizione nello sport

La nutrizione nello sport La nutrizione nello sport Una corretta alimentazione deve coprire in modo ottimale il fabbisogno energetico e plastico di un individuo, tenendo conto della fase di accrescimento, dell attività muscolare

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA Giorgio Pasetto (dottore in scienze motorie e osteopata) Mauro Bertoni (preparatore atletico) Con la consulenza scientifica del Prof. Ottavio Bosello (docente

Dettagli

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT ACQUATICI (nuoto,tuffi,pallanuoto,immersione,, surf, windsurf,sci d acqua o VELA) Necessitano una DIETA EQUILIBRATA Ogni SPORT ha CARATTERISTICHE

Dettagli

IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ. con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana

IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ. con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana ATTIVITÀ SPORTIVA ENDURANCE ALIMENTAZIONE 2 1 ADEGUATO APPORTO DI TUTTI

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA

PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA NOI E IL CIBO Per crescere servono calorie e principi nutritivi e la nutrizione della prima parte della vita influisce sull

Dettagli

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA INTRODUZIONE Un corretto regime alimentare è in grado di soddisfare il fabbisogno nutrizionale di un individuo sano. Esistono casi in cui è necessario

Dettagli

Carboidrati circa 55-60% dell'introito calorico giornaliero

Carboidrati circa 55-60% dell'introito calorico giornaliero Qualunque cibo introdotto nel corpo umano viene trasformato, tramite reazioni chimiche, nei suoi costituenti elementari che sono proteine, lipidi, carboidrati, vitamine, minerali e acqua, perché è solo

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

L'alimentazione nel giovane sportivo

L'alimentazione nel giovane sportivo L'alimentazione nel giovane sportivo Dr.ssa Sara Perrotta Biologa Nutrizionista Le abitudini alimentari sono in grado di influenzare in maniera significativa la capacità individuale di realizzare una determinata

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

COSA SONO I NUTRIENTI?

COSA SONO I NUTRIENTI? 1. DAGLI ALIMENTI AI NUTRIENTI Gli alimenti che mangiamo vengono digeriti e scomposti in elementi più semplici, i nutrienti, che vengono riversati nel flusso sanguigno per essere distribuiti a tutte le

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione ALIMENTAZIONE Appunti di lezione CORRETTA ALIMENTAZIONE Un adolescente (13-15 anni) Ha bisogno per crescere di: Energia e Nutrienti Ossia di alimentarsi, ma con misura nè troppo, ne troppo poco. Il termine

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

Lezione di alimentazione. Corso FALC ARG1 2010

Lezione di alimentazione. Corso FALC ARG1 2010 Lezione di alimentazione Claudio Caldini i Una corretta alimentazione non è sufficiente per vincere una gara ma un alimentazione insufficiente può sicuramente farla perdere Prof. Giuseppe Masera Responsabile

Dettagli

L alimentazione. Erminia Ebner Dietista Specializzata Scienze della Nutrizione Umana Scuola dello Sport C.O.N.I. Roma. Centro Tecnico Federale FIB

L alimentazione. Erminia Ebner Dietista Specializzata Scienze della Nutrizione Umana Scuola dello Sport C.O.N.I. Roma. Centro Tecnico Federale FIB L alimentazione nella ll disciplina di i li Bocce Erminia Ebner Dietista Specializzata Scienze della Nutrizione Umana Scuola dello Sport C.O.N.I. Roma Centro Tecnico Federale FIB Michelangelo Giampietro

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo!

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Prof. Augusto Santi Alimentazione e giovani sportivi IERI E OGGI Cent anni fa: giochi di movimento, pane e acqua Oggi: giochi al computer e merendine

Dettagli

Una sana alimentazione per una sana sanità:

Una sana alimentazione per una sana sanità: CESENA 27 SETTEMBRE 2012 Una sana alimentazione per una sana sanità: l impatto di una corretta alimentazione sulla spesa sanitaria Roberto Copparoni Ministero della salute Direzione Generale per l igiene

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

7 Minutes Project Manager

7 Minutes Project Manager 7 Minutes Project Manager Alimentazione 7 regole d oro per un alimentazione corretta Un alimentazione corretta è la base per far si che tutta l attività motoria svolta da un soggetto si traduca in reali

Dettagli

I G L U C I D I ASPETTI GENERALI

I G L U C I D I ASPETTI GENERALI I G L U C I D I ASPETTI GENERALI I glucidi sono i costituenti più importanti dei vegetali e le sostanze organiche più diffuse nella biosfera. Rappresentano solo l 1% del corpo umano ma hanno una notevole

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

Alimenti e integratori nel bambino che pratica sport: ricostituenti o doping Antonietta Marchi Università degli Studi di Pavia Dipartimento di

Alimenti e integratori nel bambino che pratica sport: ricostituenti o doping Antonietta Marchi Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Alimenti e integratori nel bambino che pratica sport: ricostituenti o doping Antonietta Marchi Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Scienze Clinico-Chirurgiche, Diagnostiche e Pediatriche Scienze

Dettagli

Sedalfam. Descrizione

Sedalfam. Descrizione L attenzione al peso corporeo e all indice glicemico e ad un corretto metabolismo non è solo oggetto di interesse estetico, ma di importanza fondamentale per la prevenzione di molte malattie quali diabete,

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

dieta nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti

dieta  nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti Lo scopo primario della dieta è fornire nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona. Sono sempre più numerose le prove scientifiche a sostegno dell ipotesi che alcuni alimenti

Dettagli

Concimi chimici, raffinazione industriale, inquinamento, cibi in scatola ecc.. sottopongono il nostro corpo ad uno stress fisico notevole

Concimi chimici, raffinazione industriale, inquinamento, cibi in scatola ecc.. sottopongono il nostro corpo ad uno stress fisico notevole ALIMENTAZIONE BENESSERE BELLESSERE Le proprietà farmacologiche, salutistiche, estetiche del cibo La mancanza di equilibrio tipica dell alimentazione moderna è spesso correlata al determinismo di molte

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica

Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica Mercoledì 30 novembre 2011 Bolzano Via Cesare Battisti, 27 Il cibo influenza: La salute La composizione corporea La velocità

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Momenti di Gloria La medicina incontra lo sport: i muscoli Genova 18 aprile 2013 Alimentazione e sport Luca Spigno La dieta dello sportivo è diversa da quella del soggetto sedentario? Come dobbiamo nutrirci

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente).

1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente). Alimentazione e Competizione 1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente). 2) Alimentazione pre-gara Nelle discipline di lunga durata (> 60-90 minuti),

Dettagli

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Il Regolamento (UE) 1169/2011 è entrato in vigore il 13 dicembre 2011 e verrà applicato in modo graduale, tramite tappe intermedie. Il testo unico raccoglie

Dettagli

UN LABIRINTO di PRODOTTI fortemente pubblicizzati e di facile reperibilità

UN LABIRINTO di PRODOTTI fortemente pubblicizzati e di facile reperibilità UN LABIRINTO di PRODOTTI fortemente pubblicizzati e di facile reperibilità Guaranà Ginseng siberiano Ma-Huang Tibulus silvestris Creatina Carnitina - Proteine AminoAcidiRamificati (BCAA) Vitamina A Ferro

Dettagli

Prova Costume? Niente Paura!

Prova Costume? Niente Paura! Prova Costume? Niente Paura! Che Cos è la Nutraceutica? SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO L alimentazione occupa un ruolo decisivo per il nostro benessere. Spesso però non conosciamo quello che mangiamo e la qualità

Dettagli

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ABITUDINI NUTRIZIONALI IN ITALIA ETÀ PRESCOLARE E SCOLARE ABITUDINI NUTRIZIONALI 3-53

Dettagli

INTEGRATORI ALIMENTARI. Prof. Paola Minghetti Facoltà di Farmacia Università degli Studi di Milano

INTEGRATORI ALIMENTARI. Prof. Paola Minghetti Facoltà di Farmacia Università degli Studi di Milano INTEGRATORI ALIMENTARI Prof. Paola Minghetti Facoltà di Farmacia Università degli Studi di Milano Regolamento Claim Alimento Sicurezza per tradizione Novel Food Integratori alimentari Regolamento Claim

Dettagli

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI)

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) Sono i composti chimici dei viventi. Sono formate da Carbonio (C), Idrogeno (H), Ossigeno (O), Azoto (N), Fosforo (P) e Zolfo (S).

Dettagli

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH L evoluzione della nutrizione negli ultimi decenni accompagna effetti nutrizionali positivi ma anche negativi! Gli scienziati hanno constatato una diminuzione della DENSITÁ delle vitamine e i minerali

Dettagli

Quindi è chiaro che. l uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: L ENERGIA E I PRINCIPI NUTRITIVI

Quindi è chiaro che. l uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: L ENERGIA E I PRINCIPI NUTRITIVI Le esigenze della incessante attività del corpo umano fanno si che le numerose sostanze che lo formano (le quali sono soggette ad usura e a perdite e vanno quindi via via ricostituite e/o sostituite) e

Dettagli

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ NUTRIENTI (O PRINCIPI NUTRITIVI): PROTEINE LIPIDI CARBOIDRATI VITAMINE ACQUA MINERALI CON FUNZIONE: PLASTICA ENERGETICA BIOREGOLATRICE PROTEINE LUNGHE CATENE DI

Dettagli

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica EVOLUZIONE ED OBESITA Dott.ssa D Angelo Angelica Definizione di obesità Per obesità si intende la presenza di un eccesso della massa corporea. Il grado di obesità si misura con l indice di massa corporea

Dettagli

L'Alimentazione (principi alimentari e consigli) Una Sana Alimentazione Ogni essere vivente introduce cibo nell'organismo: questo processo prende il nome di ALIMENTAZIONE. Introdurre cibo nel nostro corpo

Dettagli

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1%

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1% CARBOIDRATI 1 GLUCIDI Il termine deriva dal greco, dolce, dato che i più semplici hanno sapore dolce; vengono anche chiamati carboidrati Sono i costituenti più importanti dei vegetali che li sintetizzano

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

L'alimentazione del giovane praticante corsa

L'alimentazione del giovane praticante corsa L'alimentazione del giovane praticante corsa Prof. Danilo Gambarara L alimentazione è uno dei fattori che incidono più fortemente sull accrescimento, sullo sviluppo fisico e mentale, sull aspetto estetico,

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO

OPUSCOLO INFORMATIVO OPUSCOLO INFORMATIVO Mangiare sano...a scuola e a casa Anno scolastico 2012-2013 Comune di Rovello Porro C are Mamme, Papà e giovani rovellesi, questo opuscolo vuole essere un aiuto alle famiglie, non

Dettagli

Dieta = Salute? Dieta = Progetto diretto da Prof. Rita Leone Docente di Scienze Naturali

Dieta = Salute? Dieta = Progetto diretto da Prof. Rita Leone Docente di Scienze Naturali Pier Paolo Pasolini Istituto Tecnico Statale Sperimentale ad indirizzi linguistico e turistico Via Bistolfi, 15 20134 Milano, tel.022104001 www.itspasolini.eu Vivere bene con sé e con gli altri 7 maggio

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

A cosa serve lo iodio?

A cosa serve lo iodio? Iodio e Salute Che cos è lo iodio? Lo iodio, dal greco iodes (violetto), è un elemento (come l ossigeno, l idrogeno, il calcio ecc) diffuso nell ambiente in diverse forme chimiche. Lo iodio presente nelle

Dettagli

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi:

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi: Legumi I legumi sono considerati la carne dei poveri per il loro contenuto proteico. Sono utilissimi ai vegetariani e ai vegani (questi, a differenza dei vegetariani, non utilizzano neanche i latticini

Dettagli

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE È considerato lattante un individuo fra 0 e 1 anno di età. Le esigenze e quindi gli apporti nutrizionali in questa fase della crescita sono correlati a caratteristiche

Dettagli

Piramide alimentare svizzera. sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione

Piramide alimentare svizzera. sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung pag. 1 / 5 Società Svizzera di Nutrizione SSN, Ufficio federale della sanità pubblica UFSP / 2o11 Dolci, snack salati e alcolici In piccole quantità. Oli,

Dettagli

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il servizio di refezione scolastica del Comune di Poggibonsi è affidato all azienda di Ristorazione Cir- Food, Divisione Eudania. Per la preparazione

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole LA FENIL CHETO NURIA O PKU Malattie Rare Informazioni per le scuole LA FENILCHETONURIA LA FENILCHETONURIA O PKU E LA PIU FREQUENTE MALATTIA CONGENITA DEL METABOLISMO DELLE PROTEINE GLI ERRORI CONGENITI

Dettagli

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze.

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze. I L I P I D I ASPETTI GENERALI I Lipidi o grassi sono la riserva energetica del nostro organismo; nel corpo umano costituiscono mediamente il 17% del peso corporeo dove formano il tessuto adiposo. In generale

Dettagli

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia Nell elaborazione del piano dietetico proposto alle scuole della Provincia di Pavia, l U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione dell A.S.L. tiene conto delle indicazioni riportate da: L.A.R.N. (1996)

Dettagli

UNITà 8 la dieta equilibrata

UNITà 8 la dieta equilibrata unità La dieta equilibrata I termini e i concetti fondamentali 1 dieta equilibrata e peso corporeo Una dieta equilibrata è data da comportamenti alimentari e da uno stile di vita tali da mantenere un buono

Dettagli

Gianluca Tognon. Biologo, specialista in scienza dell alimentazione www.studiotognon.net

Gianluca Tognon. Biologo, specialista in scienza dell alimentazione www.studiotognon.net Gianluca Tognon Biologo, specialista in scienza dell alimentazione www.studiotognon.net L ABC DELL ALIMENTAZIONE: I GRUPPI DI ALIMENTI Gruppo 1: CARNI, PESCI, UOVA Proteine nobili, Ferro, alcune Vitamine

Dettagli

Alimentazione Equilibrata

Alimentazione Equilibrata Gli standard nutrizionali Alimentazione Equilibrata Per soddisfare in modo ottimale il fabbisogno dietetico dei propri cittadini, molti paesi del mondo hanno elaborato e messo a disposizione delle collettività

Dettagli

La Nutrizione. I principi nutritivi, gli alimenti

La Nutrizione. I principi nutritivi, gli alimenti La Nutrizione I principi nutritivi, gli alimenti PERCHÈ MANGIAMO? Prima di rispondere alla domanda proviamo a pensare al corpo umano come ad una meravigliosa macchina. Il nostro organismo, proprio come

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLA SCHERMA Club Scherma Roma

ALIMENTAZIONE NELLA SCHERMA Club Scherma Roma ALIMENTAZIONE NELLA SCHERMA Club Scherma Roma I. Bonchi Dietista specializ. in nutrizione nello sport, gravidanza e allattamento I.bonchi@libero.it Con la collaborazione di Francesca Pascazio Nutrizione

Dettagli

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori alimentari, nella vita quotidiana, sono prodotti specifici che favoriscono l'assunzione di sostanze quali macronutrienti (carboidrati e proteine)

Dettagli

A livello della loro struttura chimica, come i grassi, anche i carboidrati sono composti ternari, formati cioè da tre molecole:

A livello della loro struttura chimica, come i grassi, anche i carboidrati sono composti ternari, formati cioè da tre molecole: I carboidrati costituiscono la fonte di energia principale per lo svolgimento di tutte le funzioni organiche (mantenimento della temperatura corporea, battito cardiaco, funzioni cerebrali, digestione,

Dettagli

-assicurare il fabbisogno plastico necessario alla riparazione protezione e ricambio dei tessuti.

-assicurare il fabbisogno plastico necessario alla riparazione protezione e ricambio dei tessuti. Il principali compiti derivanti dall assunzione periodica di cibo sono: -assicurare il giusto fabbisogno energetico necessario alla vita ed all attività muscolare (tenendo conto che entrate ed uscite devono

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

Alimentazione ed integrazione nello sportivo

Alimentazione ed integrazione nello sportivo Alimentazione ed integrazione nello sportivo ITALO GUIDO RICAGNI Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita OBIETTIVI GENERALI Fornire competenze al MMG: a) Fabbisogni alimentari

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli