La direttiva 98/79/CE: applicazione e classificazione dei dispositivi per diagnostica in vitro

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La direttiva 98/79/CE: applicazione e classificazione dei dispositivi per diagnostica in vitro"

Transcript

1 La direttiva 98/79/CE: applicazione e classificazione dei dispositivi per diagnostica in vitro European Diagnostic Manufacturers Association Natale Bova QA Manager Instrumentation Laboratory EDMA Regulatory Affairs Committee Member VIII Convegno Nazionale AIIC Applicazioni, criticità e innovazione dei dispositivi medico-diagnostici in vitro nella pratica clinica e nella ricerca scientifica Cremona 4 e 5 Aprile 2008

2 Scopo e definizioni Art. 1.1: La presente Direttiva si applica ai dispositivi medico diagnostici in vitro ed ai relativi accessori Art. 1.2.b - Dispositivo medico-diagnostico in vitro (IVD): Qualsiasi dispositivo medico composto da un reagente, da un prodotto reattivo, da un calibratore, da un materiale di controllo, da un kit, da uno strumento, da un apparecchio, un attrezzatura o un sistema, utilizzato da solo o in combinazione, destinato dal fabbricante ad essere impiegato in vitro per l esame di campioni provenienti dal corpo umano, inclusi sangue e tessuti donati, unicamente o principalmente allo scopo di fornire informazioni su: uno stato fisiologico o patologico, o su un anomalia congenita, oppure che consentano di determinare la sicurezza e la compatibilità con potenziali soggetti riceventi, o che consentano di controllare le misure terapeutiche Art. 1.2.c - Accessorio: Prodotto che. è destinato in modo specifico dal suo fabbricante ad essere utilizzato con un dispositivo per consentirne l utilizzazione conformemente alla sua destinazione

3 Classificazione dei dispositivi Allegato II Lista A Lista B Dispositivi per test autodiagnostici Dispositivi per valutazione delle prestazioni Tutti gli altri dispositivi

4 Classificazione dei dispositivi Allegato II A Allegato II B Virologia: HIV 1/2 HTLV I/II Epatite B, C, D Gruppi sanguigni: Sistema ABO Rh (C, c, D, E, e) Anti-Kell Gruppi sanguigni: anti-duffy, anti-kidd Anticorpi irregulari anti-eritrociti Infezioni congenite: rosolia, toxoplasmosi Infezioni umane: CMV, clamidia Malattie ereditarie: PK Gruppi tissutali HLA: DR, A, B Marcatori Tumorali: PSA Dispositivi per test autodiagnostico per la misura del glucosio Valutazione del rischio della trisomia 21

5 RUO? IVD?? Le 3 condizioni affinchè un dispositivo possa essere classificato un IVD sono: che la sua destinazione d uso sia quella di fornire informazioni sullo stato fisiologico o patologico, su anomalie congenite, per determinare la compatibilità con potenziali soggetti riceventi o per controllare misure terapeutiche che sia usato per la determinazione in vitro di campioni di origine umana che le indicazioni analitiche così ottenute siano di interesse medico clinico

6 IVD o non IVD: chi lo decide? RUO? IVD?? La classificazione di un dispositivo viene stabilita dal Fabbricante coerentemente alla destinazione d uso dichiarata

7 Chi è il Fabbricante L azienda A produce lo strumento L azienda B produce I reagenti D L azienda D che immette sul mercato il sistema con il proprio marchio èilfabbricante, indipendentemente dal fatto che abbia direttamente eseguito tutte o nessuna delle operazioni di sviluppo e fabbricazione (Art. 1.2.f)

8 Cosa è la destinazione d uso è l impiego a cui il dispositivo è stato destinato dal fabbricante, secondo le indicazioni fornite sulle etichette, nelle istruzioni per l uso, nel materiale pubblicitario (Art. 1.2.h)

9 Dispositivi ad uso di Ricerca (RUO) Non coperti dalla Direttiva IVD gli strumenti, gli apparecchi, le attrezzature, i materiali o altri articoli, compreso il software informatico, destinati alla ricerca senza obiettivi medici (considerando n.8) Non è IVD poichè, non essendo le informazioni fornite dal dispositivo di riconosciuto interesse clinico e adeguatamente convalidate, il fabbricante non è in grado di garantirne un utilizzo sicuro per uso diagnostico

10 Dispositivi Home Brew (fatto in casa) Non coperti dalla Direttiva IVD dispositivi fabbricati ed utilizzati unicamente nell ambito della stessa istituzione sanitaria. La responsabilità di utilizzo sicuro a scopo diagnostico rimane nell ambito dello stesso laboratorio che ha preparato i reagenti La presente direttiva non si applica ai dispositivi fabbricati ed utilizzati unicamente nell ambito della stessa istituzione sanitaria e nel luogo di fabbricazione o utilizzati in locali contigui, senza essere oggetto di trasferimento ad un altra entità giuridica. (Art. 1.5)

11 Materialidicontrollo per VEQ (EQAS) e Non coperti dalla Direttiva IVD materialidiriferimento la presente direttiva non riguarda le sostanze di riferimento certificate a livello internazionale e le sostanze utilizzate nei programmi di valutazione esterna della qualità (considerando n.9)

12 Materialidicontrollo senza valore assegnato Non coperti dalla Direttiva IVD controlli di precisione utilizzati esclusivamente per misure di riproducibilità all interno di un laboratorio, senza la pretesa di verificare la validità dei risultati analitici Non sono IVD poichè non rientrano nella definizione di materiali di controllo data nella direttiva, cioè: i materiali di taratura e di controllo comprendono qualsiasi tipo di sostanza, materiale o prodotto concepiti dal loro fabbricante per stabilire relazioni di misura o verificare le caratteristiche di prestazione di un dispositivo rispetto all uso cui è destinato (Art. 1.3)

13 Software Non esplicitamente citato nella direttiva IVD, se non all Art. 1.2.a e nell Allegato II B. La classificazione ad oggi condivisa dal Medical Device Expert Group della Commissione Europea ed EDMA è la seguente: Un software parte integrante di un dispositivo medico, e come tale indispensabile al suo corretto funzionamento a scopo diagnostico, si può considerare un componente del dispositivo IVD stesso e quindi è coperto dalla direttiva IVD Un software che non fa parte integrante del dispositivo IVD, ma è necessario per il suo corretto funzionamento per una particolare applicazione analitica a scopo diagnostico si può considerare IVD o accessorio per IVD ed è quindi coperto dalla direttiva IVD Un software che permette di processare dei risultati, solo dopo che l obiettivo analitico del dispositivo è stato raggiunto e quindi il risultato a scopo diagnostico è stato già definito compiutamente, non è coperto dalla direttiva IVD

14 Contenitori per i campioni Coperti dalla Direttiva IVD S intendono per contenitori di campioni i dispositivi, del tipo sottovuoto o no, specificamente destinati dai fabbricanti a ricevere direttamente il campione proveniente dal corpo umano e a conservarlo ai fini di un esame diagnostico in vitro (Art. 1.2.b) I contenitori dei campioni sono considerati dispositivi medicodiagnostici in vitro (Art. 1.2.b)

15 Dispositivi per uso generico di laboratorio Non coperti dalla Direttiva IVD I prodotti destinati ad usi generici di laboratorio non sono dispositivi medico-diagnostici in vitro a meno che, date le loro caratteristiche, siano specificamente destinati dal fabbricante ad esami diagnostici in vitro (Art. 1.2.b) Ciò non significa che il fabbricante può decidere discrezionalmente che il dispositivo è un IVD a prescindere dalle sue caratteristiche. Per essere tale, esso deve possedere caratteristiche specifiche che lo rendano idoneo all uso in procedure diagnostiche in vitro riconosciute

16 Dispositivi a diretto contatto con il corpo per ottenere il campione Non coperti dalla Direttiva IVD i dispositivi di tipo invasivo destinati a prelevare campioni e i dispositivi posti in diretto contatto con il corpo umano per ottenere un campione, ai sensi della direttiva 93/42/CEE, non sono IVD (Art. 1.2.c) Essi rientrano nella definizione di Dispositivi Medici e, come tali, nel campo di applicazione della Direttiva 93/42/CEE

17 Dispositivi che non comportano uso di campioni umani Non coperti dalla Direttiva IVD Dispositivi che funzionino senza la necessità di campione umano non sono IVD Essendo parte essenziale della definizione di un dispositivo in vitro diagnostico che sia. destinato dal fabbricante ad essere impiegato in vitro per l esame di campioni provenienti dal corpo umano, ne consegue che un dispositivo che funzioni senza campioni umani non rientra nello scopo della Direttiva IVD

18 Riferimenti bibliografici Direttiva 98/79/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 Ottobre 1998 relativa ai dispositivi medico-diagnostici in vitro Centro Studi Assobiomedica - Guide Pratiche N.9, Aprile 2004: La Direttiva 98/79/CE sui dispositivi medico-diagnostici in vitro: domande e risposte. Meddev. 2.14/1 Rev. 1, January IVD Guidance: Borderline Issues MEDDEV. 2.14/2 rev.1, February IVD Guidance: Research Use Only products EDMA Position Paper, 29 January Software and the IVD Directive

19 EDMA represents the In Vitro Diagnostics Industry in Europe Visit our website: Place des Maïeurs Brussels Belgium Tel Fax

dott.ssa Giovanna Nisticò Ufficio IV Diagnostici in vitro Roma, 31 maggio 1 giugno 2011

dott.ssa Giovanna Nisticò Ufficio IV Diagnostici in vitro Roma, 31 maggio 1 giugno 2011 Sessione Diagnostici in vitro e il corretto utilizzo dei dispositivi per test autodiagnostici nelle farmacie alla luce dell'entrata in vigore del DM 16/12/2010 dott.ssa Giovanna Nisticò Ufficio IV Diagnostici

Dettagli

Classificazione, certificazione ed etichettatura dei dispositivi medico-diagnostici in vitro

Classificazione, certificazione ed etichettatura dei dispositivi medico-diagnostici in vitro 1 CORSO DI AGGIORNAMENTO SUI DISPOSITIVI MEDICI: APETTI REGOLATORI E APPLICATIVI Classificazione, certificazione ed etichettatura dei dispositivi medico-diagnostici in vitro Roma, 19 MAGGIO 2009 1 CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012

Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012 Il sistema BD/RDM: integrazione dei Dispositivi medico diagnostici in vitro La rilevazione degli IVD Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012 Agenda Le attuali modalità di notifica per i dispositivi

Dettagli

DISPOSITIVI MEDICO- DIAGNOSTICI IN VITRO

DISPOSITIVI MEDICO- DIAGNOSTICI IN VITRO DISPOSITIVI MEDICO- DIAGNOSTICI IN VITRO DECRETO LEGISLATIVO n 332 del 8 Settembre 2000 attuazione della Direttiva CEE 98/79 Commento alla normativa e ripercussioni all interno delle Aziende sanitarie

Dettagli

REPERTORIO AZIENDALE DEI DISPOSITIVI MEDICI

REPERTORIO AZIENDALE DEI DISPOSITIVI MEDICI S.O.C. Assistenza Farmaceutica AZIENDA N 4 Medio Friuli REPERTORIO DEI DISPOSITIVI MEDICI Edizione 0 del 20/11/07 REPERTORIO AZIENDALE DEI DISPOSITIVI MEDICI INDICE: 1 - Campo di applicazione 2 - Scopo

Dettagli

DISPOSITIVI. Federico II. Avv. Antonia De Lisio

DISPOSITIVI. Federico II. Avv. Antonia De Lisio DISPOSITIVI Le direttive comunitarie e le norme italiane che hanno recepito le direttive stesse disciplinano, separatamente, tre categorie di dispositivi medici 1 DISPOSITIVI i dispositivi medici impiantabili

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE) 9.8.2007 7.7.2010 9.10.1999. EN 12322:1999/A1:2001 31.7.2002 Nota 3 Data scaduta (30.4.2002) 19.8.2011 19.8.

(Testo rilevante ai fini del SEE) 9.8.2007 7.7.2010 9.10.1999. EN 12322:1999/A1:2001 31.7.2002 Nota 3 Data scaduta (30.4.2002) 19.8.2011 19.8. C 22/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 24.1.2013 Comunicazione della Commissione nell ambito dell applicazione della direttiva 98/79/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 ottobre 1998,

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID La Persona con Diabete al centro Ferrara 11-12 Ottobre 2013

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID La Persona con Diabete al centro Ferrara 11-12 Ottobre 2013 CONVEGNO REGIONALE AMD-SID La Persona con Diabete al centro Ferrara 11-12 Ottobre 2013 Dispositivi medico-diagnostici in vitro nel diabete: stato dell arte Ruolo del Farmacista Angela Ricci Frabattista

Dettagli

MARCATURA CE E ISO 13485 NEL SETTORE DEI MEDICAL DEVICES. Sara Pelizzoli. Modena, 29/10/2014. - Copyright Bureau Veritas

MARCATURA CE E ISO 13485 NEL SETTORE DEI MEDICAL DEVICES. Sara Pelizzoli. Modena, 29/10/2014. - Copyright Bureau Veritas MARCATURA CE E ISO 13485 NEL SETTORE DEI MEDICAL DEVICES Sara Pelizzoli Modena, 29/10/2014 - Copyright Bureau Veritas RIFERIMENTI NORMATIVI Direttiva 93/42/CEE del Consiglio del 14 Giugno 1993 concernente

Dettagli

Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics

Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics Milena Sinigaglia Quality Systems Management & Health S.r.l. Meetjob Oristano 23/24 Aprile 2013

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PER LA GESTIONE

PROCEDURA OPERATIVA PER LA GESTIONE Proc. 19 Pag. 1 di 7 PROCEDURA OPERATIVA PER LA GESTIONE DEGLI ADEMPIMENTI DELLA DIRETTIVA 93/42/CEE CONCERNENTE I DISPOSITIVI MEDICI 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...

Dettagli

Il Punto di vista dell Organismo notificato

Il Punto di vista dell Organismo notificato Il Punto di vista dell Organismo notificato II Conferenza Nazionale dei Dispositivi Medici 17/19 Marzo 2008 - Villa Erba - Cernobbio Relatore: Gabriele Lualdi - Istituto di Ricerche e Collaudi M. Masini

Dettagli

Infezione da Citomegalovirus umano. L importanza di un test automatizzato e standardizzato per il monitoraggio della carica virale

Infezione da Citomegalovirus umano. L importanza di un test automatizzato e standardizzato per il monitoraggio della carica virale 2-3anteCAPCTM 12/07/11 11.07 Pagina 3 Infezione da Citomegalovirus umano L importanza di un test automatizzato e standardizzato per il monitoraggio della carica virale 2-3anteCAPCTM 12/07/11 11.07 Pagina

Dettagli

I dispositivi medici border-line: caratteristiche e peculiarità

I dispositivi medici border-line: caratteristiche e peculiarità Seminario di aggiornamento sui dispositivi medici Gruppi di Lavoro Dispositivi Medici SSFA e AFI I dispositivi medici border-line: caratteristiche e peculiarità Alessandro Radici - Milano, 24 Febbraio

Dettagli

Sistemi informatici in ambito radiologico. Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015-2016

Sistemi informatici in ambito radiologico. Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015-2016 Sistemi informatici in ambito radiologico Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015-2016 Dispositivi medici in rete La normativa sui DM Direttiva 93/42/CEE Recepita in Italia nel 1997 (DLgs. 46 del 24/2/1997)

Dettagli

Il processo di certificazione del software MD

Il processo di certificazione del software MD Il processo di certificazione del software MD Ing. Maurizio Bianchi Responsabile Tecnico Dispositivi Medici - IMQ S.p.A. maurizio.bianchi@imq.it Vicenza, 5 ottobre 2007 Introduzione Moduli certificativi

Dettagli

MARCATURA CE DEI DISPOSITIVI BORDERLINE

MARCATURA CE DEI DISPOSITIVI BORDERLINE MARCATURA CE DEI DISPOSITIVI BORDERLINE Modena, 29 ottobre 2014 Nicoletta Palese PRODOTTI DELL AREA SALUTE medicinali alimenti speciali integratori alimentari cosmetici prodotti erboristici dispositivi

Dettagli

Per la conservazione viene aggiunta sodio azide a una concentrazione finale inferiore allo 0,1 %.

Per la conservazione viene aggiunta sodio azide a una concentrazione finale inferiore allo 0,1 %. Scheda Tecnica 0123 Technical File No.: 46 Prodotto: Categoria di prodotto secondo la classificazione CE: Anti-Xga coombsreactive Policlonale, umano IgG Allegato III Autocertificazione del produttore Struttura

Dettagli

La sicurezza nei luoghi di lavoro

La sicurezza nei luoghi di lavoro La sicurezza nei luoghi di lavoro Valutazione dei rischi Identificazione dei pericoli e stima dei rischi ad essi connessi Obiettivi Prevenzione infortuni e incidenti e protezione della salute delle persone

Dettagli

Sistema europeo di regolamentazione per i dispositivi medici

Sistema europeo di regolamentazione per i dispositivi medici Sistema europeo di regolamentazione per i dispositivi medici Il campo di gioco Nuovo Approccio all'armonizzazione tecnica e Approccio Globale alla valutazione della conformità L'articolo 95 paragrafo 3

Dettagli

ATTIVITÀ DI TRATTAMENTO DELLE BOMBOLE DI GAS MEDICINALE DI PROPRIETÀ DI TERZI

ATTIVITÀ DI TRATTAMENTO DELLE BOMBOLE DI GAS MEDICINALE DI PROPRIETÀ DI TERZI ATTIVITÀ DI TRATTAMENTO DELLE BOMBOLE DI GAS MEDICINALE DI PROPRIETÀ DI TERZI I Edizione MARZO 2011 Il presente documento è stato realizzato da un gruppo di lavoro del Gruppo Gas Medicinali composto da:

Dettagli

Sistemi informatici in ambito radiologico. Dispositivi medici in rete. Normativa sui Dispositivi Medici. Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A.

Sistemi informatici in ambito radiologico. Dispositivi medici in rete. Normativa sui Dispositivi Medici. Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. Sistemi informatici in ambito radiologico Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015-2016 Dispositivi medici in rete La normativa sui DM Direttiva 93/42/CEE Recepita in Italia nel 1997 (DLgs. 46 del 24/2/1997)

Dettagli

LAB GENETIC. La nostra passione per l eccellenza GENETICA MEDICA - DIAGNOSI PRENATALE - BIOLOGIA MOLECOLARE - MEDICINA PERSONALIZZATA

LAB GENETIC. La nostra passione per l eccellenza GENETICA MEDICA - DIAGNOSI PRENATALE - BIOLOGIA MOLECOLARE - MEDICINA PERSONALIZZATA CENTRO DIAGNOSTICO E SERVICE DI LABORATORIO SPECIALIZZATO IN GENETIC LAB La nostra passione per l eccellenza GENETICA MEDICA - DIAGNOSI PRENATALE - BIOLOGIA MOLECOLARE - MEDICINA PERSONALIZZATA Geneticlab

Dettagli

LA REGISTRAZIONE DEI DISPOSITIVI MEDICI PRESSO LE AUTORITA BRASILIANE

LA REGISTRAZIONE DEI DISPOSITIVI MEDICI PRESSO LE AUTORITA BRASILIANE LA REGISTRAZIONE DEI DISPOSITIVI MEDICI PRESSO LE AUTORITA BRASILIANE Dott.ssa Marisa Testa Regulatory Affairs Specialist Bologna, 24 Maggio 2014 Exposanità Welcome Lounge Copyright 2014 1 Contenuti Informazioni

Dettagli

cobas MPX Un test, 3 risultati

cobas MPX Un test, 3 risultati cobas MPX Un test, 3 risultati Il test cobas MPX, da usare con i sistemi cobas 6800/8800, è un test multiplex in Real-time, multy dye, per HIV, HCV e HBV L immediata rilevazione e identificazione in Real-time

Dettagli

R E G I O N E V E N E T O Segreteria Regionale per la Sanità Coordinamento Regionale Acquisti per la Sanità

R E G I O N E V E N E T O Segreteria Regionale per la Sanità Coordinamento Regionale Acquisti per la Sanità Allegato 4 al Disciplinare di Gara R E G I O N E V E N E T O Segreteria Regionale per la Sanità Coordinamento Regionale Acquisti per la Sanità PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA TRIENNALE DI PRESIDI PER

Dettagli

***II POSIZIONE COMUNE

***II POSIZIONE COMUNE PARLAMENTO EUROPEO 1999 Documento di seduta 2004 C5-0331/2000 03/07/2000 ***II POSIZIONE COMUNE Oggetto: Posizione comune definita dal Consiglio del 29 giugno 2000in vista dell'adozione della direttiva

Dettagli

TAVOLO DI LAVORO SULLA M-HEALTH

TAVOLO DI LAVORO SULLA M-HEALTH Dott.ssa TAVOLO DI LAVORO SULLA M-HEALTH Primi orientamenti mhealth La pratica della medicina supportata da dispositivi mobili (smartphone, palmari, tablet, personal digital assistants (PDAs) e altri dispositivi

Dettagli

Procedura negoziata per la fornitura di tamponi tradizionali con e senza terreno di trasporto CAPITOLATO TECNICO

Procedura negoziata per la fornitura di tamponi tradizionali con e senza terreno di trasporto CAPITOLATO TECNICO Procedura negoziata per la fornitura di tamponi tradizionali con e senza terreno di trasporto CAPITOLATO TECNICO La gara ha per oggetto la fornitura triennale di tamponi tradizionali con e senza terreno

Dettagli

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE Procedura Operativa 11/02/11 Pag. 1 di 8 GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE PER MISURAZIONI E MONITORAGGI 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli /

Dettagli

(Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI E DAGLI ORGANI DELL'UNIONE EUROPEA COMMISSIONE

(Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI E DAGLI ORGANI DELL'UNIONE EUROPEA COMMISSIONE 15.7.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 163/1 IV (Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI E DAGLI ORGANI DELL'UNIONE EUROPEA COMMISSIONE Comunicazione della Commissione nell

Dettagli

IL PARLAMENTO EUROPEO E IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA, visto il trattato che istituisce la Comunità europea, in particolare l'articolo 100 A,

IL PARLAMENTO EUROPEO E IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA, visto il trattato che istituisce la Comunità europea, in particolare l'articolo 100 A, Direttiva CEE/CEEA/CE n 79 del 27/10/1998 98/79/CE: Direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 ottobre 1998 relativa ai dispositivi medico-diagnostici in vitro. IL PARLAMENTO EUROPEO E IL

Dettagli

'LDJUDPPDGLIOXVVRSHUOHSURFHGXUHGLYDOXWD]LRQHGHOODFRQIRUPLWjVWDELOLWHQHOOD

'LDJUDPPDGLIOXVVRSHUOHSURFHGXUHGLYDOXWD]LRQHGHOODFRQIRUPLWjVWDELOLWHQHOOD $//(*$729,, 'LDJUDPPDGLIOXVVRGHOOHSURFHGXUHGLYDOXWD]LRQHGHOODFRQIRUPLWjVWDELOLWHQHOOHGLUHWWLYH, 'LUHWWLYHGLQXRYRDSSURFFLR 1. Materiale elettrico a bassa tensione (o "Bassa tensione") (73/23/CEE, modificata

Dettagli

ISO 15189 2007: Laboratori Medici particolari requisiti per la qualità e la competenza

ISO 15189 2007: Laboratori Medici particolari requisiti per la qualità e la competenza ISO 15189 2007: Laboratori Medici particolari requisiti per la qualità e la competenza Dr.ssa Eletta Cavedoni Cosmolab srl Tortona Corso di Controllo e Gestione Qualità Università degli Studi di Pavia

Dettagli

LOTTO 2 (indivisibile)

LOTTO 2 (indivisibile) LOTTO 2 (indivisibile) SISTEMA MACCHINA REATTIVI PER LA RICERCA QUANTITATIVA DEGLI ACIDI NUCLEICI DI VIRUS EPATITE B, EPATITE C e VIRUS HIV IN PCR REAL TIME 1. Obiettivi organizzativi del laboratorio:

Dettagli

SCHEMI DI FILIERA TRA AZIENDE BIO FVG

SCHEMI DI FILIERA TRA AZIENDE BIO FVG SCHEMI DI FILIERA TRA AZIENDE BIO FVG Relativamente ai punti del Position Paper 7. (Identificazione delle priorità) e 8. (Policy mix, road map e action plan), successivamente allo svolgimento dei gruppi

Dettagli

LINEA GUIDA SULLA GESTIONE DEI PAZIENTI IN OTD CHE INTRAPRENDONO UN VIAGGIO

LINEA GUIDA SULLA GESTIONE DEI PAZIENTI IN OTD CHE INTRAPRENDONO UN VIAGGIO LINEA GUIDA SULLA GESTIONE DEI PAZIENTI IN OTD CHE INTRAPRENDO UN VIAGGIO I EDIZIONE - LUGLIO 2012 Il presente documento è stato realizzato a cura del Gruppo di Lavoro Linea Guida EIGA della Commissione

Dettagli

AVVISO DI SICUREZZA URGENTE (FSN) (ALLEGATO 5 DELLE LINEE GUIDA: MEDDEV 2.12-1 REV.8 Guide sulla vigilanza)

AVVISO DI SICUREZZA URGENTE (FSN) (ALLEGATO 5 DELLE LINEE GUIDA: MEDDEV 2.12-1 REV.8 Guide sulla vigilanza) AVVISO DI SICUREZZA URGENTE (FSN) (ALLEGATO 5 DELLE LINEE GUIDA: MEDDEV 2.12-1 REV.8 Guide sulla vigilanza) Dispositivi medici per diagnostica in vitro : Tipo: Strumenti per uso professionale. 27 ottobre,

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 028 Controlli Qualità

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 028 Controlli Qualità 1 1 2 1 SCOPO Scopo della presente Procedura è fornire indicazioni circa le modalità di esecuzione e gestione del Controllo di Qualità (C.Q.) interno ed esterno nell area di Validazione Biologica. 2 CAMPO

Dettagli

Regolamentazione di APP mediche: normativa attuale e futuri scenari a seguito del parere FDA

Regolamentazione di APP mediche: normativa attuale e futuri scenari a seguito del parere FDA Regolamentazione di APP mediche: normativa attuale e futuri scenari a seguito del parere FDA Marcella Marletta Direttore Generale dei Dispositivi Medici, del Servizio Farmaceutico e della Sicurezza delle

Dettagli

IN VIGORE DAL 1 GIUGNO 2011

IN VIGORE DAL 1 GIUGNO 2011 IN VIGORE DAL 1 GIUGNO 2011 INDICE 1.0 SCOPO 2.0 CAMPO DI APPLICAZIONE 3.0 DEFINIZIONI 4.0 RIFERIMENTI 5.0 DESCRIZIONE DEL PROCESSO 5.1 Modalità 5.2 Ruoli e Responsabilità 6.0 MODULISTICA ALLEGATA E ARCHIVIAZIONE

Dettagli

GEL PIASTRICO AUTOLOGO

GEL PIASTRICO AUTOLOGO GEL PIASTRICO AUTOLOGO NECESSITA DI COOPERAZIONE CON IL CENTRO TRASFUSIONALE Considerazioni Medico-Legali L I.S.S. in una nota del 27/12/2001, precisa che: 1) Il prelievo e tutta la procedura di preparazione

Dettagli

Lavoro di gruppo su: scheda di rilevamento delle non conformità

Lavoro di gruppo su: scheda di rilevamento delle non conformità Azienda Ospedaliera di Cosenza UOC Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare CORSO TEORICO/PRATICO DI AGGIORNAMENTO La fase preanalitica del campione biologico: ottimizzazione delle procedure Lavoro

Dettagli

ALLEGATO I. 1.1.4. Rischio di trasmissione di malattie causate da prioni. Tale rischio riguarda, per esempio:

ALLEGATO I. 1.1.4. Rischio di trasmissione di malattie causate da prioni. Tale rischio riguarda, per esempio: ALLEGATO I CRITERI DI SELEZIONE DEI DONATORI DI TESSUTI E/O DI CELLULE (ECCETTUATI I DONATORI DI CELLULE RIPRODUTTIVE) DI CUI ALL ARTICOLO 3, LETTERA a) I criteri di selezione dei donatori si basano su

Dettagli

Torino 2012 Relatrice: Francesca Pollis

Torino 2012 Relatrice: Francesca Pollis Il trasporto, la conservazione e l etichettatura degli Emocomponenti Torino 2012 Relatrice: Francesca Pollis L ETICHETTATURA, IL CONFEZIONAMENTO, LA CONSERVAZIONE E IL TRASPORTO DEL SANGUE E DEGLI EMOCOMPONENTI

Dettagli

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Soggetti coinvolti nel processo di Marcatura CE Fabbricante: la persona fisica o giuridica responsabile della progettazione, della fabbricazione,

Dettagli

LABORATORI AUTORIZZATI

LABORATORI AUTORIZZATI L accreditamento dei laboratori che effettuano la ricerca delle sostanze d abuso con finalità medico-legale in Regione Lombardia: lo spirito della DGR n. VIII/9097 del 13 marzo 2009 Mario Cassani Nadia

Dettagli

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE...

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE... Pagina 1 di 6 INDICE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 2.1. GENERALITÀ... 2 2.2. COMPETENZA, CONSAPEVOLEZZA E ADDESTRAMENTO... 2 3. INFRASTRUTTURE...3 4. AMBIENTE DI LAVORO...6

Dettagli

Il donatore di emocomponenti e di cellule staminali emopoietiche: attualità e prospettive

Il donatore di emocomponenti e di cellule staminali emopoietiche: attualità e prospettive Il donatore di emocomponenti e di cellule staminali emopoietiche: attualità e prospettive Donazione di cellule staminali emopoietiche, aspetti normativi Dr.ssa Letizia Lombardini San Donato Milanese, 23

Dettagli

(GU L 169 del 12.7.1993, pag. 1)

(GU L 169 del 12.7.1993, pag. 1) 1993L0042 IT 11.10.2007 005.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B DIRETTIVA 93/42/CEE DEL CONSIGLIO del 14 giugno 1993 concernente

Dettagli

Esposizione ad agenti biologici

Esposizione ad agenti biologici Esposizione ad agenti biologici Il Titolo X corrisponde al Titolo VIII del D.Lgs. 626/94 di attuazione della direttiva 90/679/CEE, relativa alla protezione di lavoratori contro i rischi derivanti dall

Dettagli

(Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della normativa dell Unione sull armonizzazione)

(Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della normativa dell Unione sull armonizzazione) C 173/92 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.5.2016 Comunicazione della Commissione nell ambito dell applicazione della direttiva 90/385/CEE del Consiglio per il ravvicinamento delle legislazioni

Dettagli

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE Sono passati molti anni da quando si sono sperimentati i primi trapianti. Oggi trasferire gli organi da un corpo che muore ad uno che può continuare a vivere, non

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI

DOCUMENTO DI SINTESI Modulo Relazione audit M_PQ-8-01_03 ed. 3 rev. 00 1 giugno 2010 DOCUMENTO DI SINTESI Modalità di gestione delle registrazioni delle manutenzioni preventive e correttive delle apparecchiature Gennaio 2013

Dettagli

Le problematiche dei rifiuti in azienda e la nuova classificazione

Le problematiche dei rifiuti in azienda e la nuova classificazione Associazione Piccole e Medie industrie delle Provincie di Novara, VCO e Vercelli Le problematiche dei rifiuti in azienda e la nuova classificazione Alessandria, 08/07/15 Sportelli API SPORTELLO AMBIENTE

Dettagli

PROCEDURA S.S.D. INGEGNERIA CLINICA

PROCEDURA S.S.D. INGEGNERIA CLINICA PROCEDURA S.S.D. INGEGNERIA CLINICA Rev 2 del 01.07.2010 UNI EN ISO 9001: 2008 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 01.07.2010 Dr. Ing. C. Dr. Ing. C. Dr.ssa M.G. Colombo

Dettagli

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali P.I. Alessandro Melzi Funzione Valutazione Conformità Prodotto Laboratorio Dispositivi Medici IMQ S.p.A. - Milano POLITECNICO DI MILANO,

Dettagli

LA REGISTRAZIONE DEI DISPOSITIVI MEDICI PRESSO LE AUTORITA CINESI

LA REGISTRAZIONE DEI DISPOSITIVI MEDICI PRESSO LE AUTORITA CINESI LA REGISTRAZIONE DEI DISPOSITIVI MEDICI PRESSO LE AUTORITA CINESI Dott.ssa Marisa Testa Regulatory Affairs Specialist Bologna, 24 Maggio 2014 Exposanità Welcome Lounge 1 Contenuti Introduzione La CFDA

Dettagli

RICERCA INFEZIONE DA EPATITE C

RICERCA INFEZIONE DA EPATITE C METODO NAZIONALE STANDARD ALGORITMO MINIMO DI PROVA RICERCA INFEZIONE DA EPATITE C VSOP 5 Emesso dalla Standards Unit, Evaluations and Standards Laboratory Centre for Infections Revisione no: 5 Data di

Dettagli

Centro Unico di Validazione Sistema Trasfusionale Lazio

Centro Unico di Validazione Sistema Trasfusionale Lazio Centro Unico di Validazione Sistema Trasfusionale Lazio Quadro Normativo Oggi. Sicurezza Trasfusionale Preanalitica Analitica Postanalitica Input Output Outcame Efficienza Efficacia Economicità complessiva

Dettagli

C1. SPERIMENTAZIONE CLINICA DI DISPOSITIVO MEDICO - PROFIT. Comitato Etico per la Ricerca Biomedica delle Province di Chieti e di Pescara

C1. SPERIMENTAZIONE CLINICA DI DISPOSITIVO MEDICO - PROFIT. Comitato Etico per la Ricerca Biomedica delle Province di Chieti e di Pescara C1. SPERIMENTAZIONE CLINICA DI DISPOSITIVO MEDICO - PROFIT Comitato Etico per la Ricerca Biomedica delle Province di Chieti e di Pescara Il D.L.vo 507/92 sui dispositivi medici impiantabili attivi, il

Dettagli

Societa di Scienze Farmacologiche Applicate

Societa di Scienze Farmacologiche Applicate Societa di Scienze Farmacologiche Applicate Principali Processi Applicativi per lo Sviluppo e Commercializzazione di Dispositivi Medici - Seminario Gruppo di Lavoro Dispositivi Medici Auditorium Bayer

Dettagli

Giovanni Monopoli SSFA GdL Dispositivi Medici

Giovanni Monopoli SSFA GdL Dispositivi Medici 1. INTRODUZIONE 2. IL Giovanni Monopoli SSFA GdL Dispositivi Medici 3. CLASSI DI RISCHIO 4. VALUTAZIONE DI CONFORMITÁ E MARCATURA CE 5. BANCA DATI E CLASSIFICAZIONE NAZIONALE I DISPOSITIVI MEDICI: ASPETTI

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO DI GARA PER LA FORNITURA DI UN SISTEMA DIAGNOSTICO PER IL COMPLESSO TORCH ED INFETTIVITÁ

CAPITOLATO TECNICO DI GARA PER LA FORNITURA DI UN SISTEMA DIAGNOSTICO PER IL COMPLESSO TORCH ED INFETTIVITÁ CAPITOLATO TECNICO DI GARA PER LA FORNITURA DI UN SISTEMA DIAGNOSTICO PER IL COMPLESSO TORCH ED INFETTIVITÁ OGGETTO: FORNITURA DI UN SISTEMA DIAGNOSTICO PER INDAGINI SIEROLOGICHE (RICERCA ANTICORPI) MEDIANTE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA ISTITUTO DI MEDICINA LEGALE Corso di Dottorato di Ricerca in Medicina legale, Tossicologia forense e Malpractice XXIV CICLO Tesi di Dottorato

Dettagli

Gestione informatizzata dei dispositivi medici dei pazienti domiciliarizzati. Processi e criticità. A cura di Ing. Tommaso Sabbatini Massimo Ferraris

Gestione informatizzata dei dispositivi medici dei pazienti domiciliarizzati. Processi e criticità. A cura di Ing. Tommaso Sabbatini Massimo Ferraris Gestione informatizzata dei dispositivi medici dei pazienti domiciliarizzati. Processi e criticità A cura di Ing. Tommaso Sabbatini Massimo Ferraris DISPOSITIVO MEDICO qualunque strumento, apparecchio,

Dettagli

Da che cosa è composto il sangue?

Da che cosa è composto il sangue? DONAZIONE DEL SANGUE La donazione di sangue non è solo un gesto di altruismo, ma soprattutto una necessità per l intera collettività. A tutt oggi non esiste sangue artificiale, cioè un sostituto con le

Dettagli

DIRETTIVA 2006/17/CE DELLA COMMISSIONE

DIRETTIVA 2006/17/CE DELLA COMMISSIONE L 38/40 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 9.2.2006 DIRETTIVA 2006/17/CE DELLA COMMISSIONE dell 8 febbraio 2006 che attua la direttiva 2004/23/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda

Dettagli

Sistema europeo di regolamentazione per i dispositivi medici

Sistema europeo di regolamentazione per i dispositivi medici Sistema europeo di regolamentazione per i dispositivi medici Il campo di gioco Nuovo Approccio all'armonizzazione tecnica e Approccio Globale alla valutazione della conformità L'articolo 95 paragrafo 3

Dettagli

Centro Regionale Trapianti - Regione Lazio. La rete nazionale per la sicurezza della donazione di organi

Centro Regionale Trapianti - Regione Lazio. La rete nazionale per la sicurezza della donazione di organi La rete nazionale per la sicurezza della donazione di organi SICUREZZA DEL PAZIENTE (Patient safety) Dimensione della qualità dell'assistenza, che garantisce la progettazione e l'implementazione di sistemi

Dettagli

DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003

DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003 DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003 IL D.LGS 93 DEL 25.02.2000 E LA DIRETTIVA PED PER LE APPARECCHIATURE E GLI IMPIANTI A PRESSIONE LA

Dettagli

UNA RISORSA PER LA RICERCA SCIENTIFICA E PER LA SALUTE DELLA COMUNITA

UNA RISORSA PER LA RICERCA SCIENTIFICA E PER LA SALUTE DELLA COMUNITA UNA RISORSA PER LA RICERCA SCIENTIFICA E PER LA SALUTE DELLA COMUNITA Progetto realizzato con il contributo di Cos è Trentino Biobank? Trentino Biobank è una struttura della Azienda Provinciale per i Servizi

Dettagli

Raccogliere, Archiviare, Conservare e rendere Fruibili dati Clinico / Biologici su Strumenti Informatici

Raccogliere, Archiviare, Conservare e rendere Fruibili dati Clinico / Biologici su Strumenti Informatici Raccogliere, Archiviare, Conservare e rendere Fruibili dati Clinico / Biologici su Strumenti Informatici Dott. Ing. Marco Foracchia Servizio Tecnologie Informatiche e Telematiche Arcispedale Santa Maria

Dettagli

CONDUZIONE FUNZIONALE E TECNICA NSIS

CONDUZIONE FUNZIONALE E TECNICA NSIS CONDUZIONE FUNZIONALE E TECNICA NSIS DISPOSITIVI MEDICI - MANUALE UTENTE GUIDA ALL USO DELLE FUNZIONI PER FABBRICANTI DI DISPOSITIVI MEDICI DI CLASSE I, IIa, IIb, III E DISPOSITIVI MEDICO-DIAGNOSTICI IN

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO Dipartimento di Roma

ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO Dipartimento di Roma ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO Dipartimento di Roma CORSO di FORMAZIONE per RSPP e ASPP Modulo A D.LGS. 81/08 I dispositivi di protezione individuale (Ing.. Ugo Romano)

Dettagli

Il Processo Trasfusionale

Il Processo Trasfusionale Il Processo Trasfusionale Approvvigionamento Apparecchiature Risorse umane Sicurezza D O NA T O RE Esami di validazione e controlli Selezione del donatore Raccolta emocomponenti Preparazione emocomponenti

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI DEL SISTEMA. Marcatura CE dell'intero sistema diagnostico. Scheda riepilogativa caratteristiche tecniche

CARATTERISTICHE GENERALI DEL SISTEMA. Marcatura CE dell'intero sistema diagnostico. Scheda riepilogativa caratteristiche tecniche Lista Caratteristiche Tecniche Istituto Nazionale per le Malattie Infettive "Lazzaro Spallanzani" I.R.C.C.S. Scheda riepilogativa caratteristiche tecniche Allegato B FORNITURA CHIAVI IN MANO DI UN SISTEMA

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 027 Analisi Immnunoematologiche

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 027 Analisi Immnunoematologiche 1 1 2 1 SCOPO Scopo della presente procedura è quello di illustrare le analisi immunoematologiche che vengono effettuate presso il SIMT andando a descrivere le modalità attraverso le quali vengono gestite.

Dettagli

SISTEMA REGIONALE di EMOVIGILANZA

SISTEMA REGIONALE di EMOVIGILANZA Allegato A SISTEMA REGIONALE di EMOVIGILANZA Il contesto Per emovigilanza si intende il sistema delle procedure volte alla rilevazione e monitoraggio delle reazioni indesiderate gravi o inaspettate dei

Dettagli

Dispositivi Medici Direttive

Dispositivi Medici Direttive Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Medica Dispositivi Medici Direttive La Comunità Europea (CE) Secondo gli accordi comunitari il Parlamento

Dettagli

CONSENSO INFORMATO ALLA PARTECIPAZIONE ALLO STUDIO

CONSENSO INFORMATO ALLA PARTECIPAZIONE ALLO STUDIO Versione 1 del 29 gennaio 2014 Numero dello studio clinico presso la Fondaz. IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori di Milano: INT 24/14 Titolo dello studio clinico: REQUITE: validazione di modelli predittivi

Dettagli

Saviour sibling : definizione

Saviour sibling : definizione La questione del saviour sibling Dino Moltisanti dino.moltisanti@gmail.com Saviour sibling : definizione Con questa espressione (bebé medicamento in spagnolo, fratello salvatore in italiano) si indica,

Dettagli

GRAVIDANZA test. MODALITA' DI RICHIESTA: Pazienti interni: tramite modulo interno prestampato. Pazienti esterni: tramite richiesta del medico curante.

GRAVIDANZA test. MODALITA' DI RICHIESTA: Pazienti interni: tramite modulo interno prestampato. Pazienti esterni: tramite richiesta del medico curante. GRAVIDANZA test MODALITA' DI RICHIESTA: Pazienti interni: tramite modulo interno prestampato. Pazienti esterni: tramite richiesta del medico curante. PREPARAZIONE DEL PAZIENTE ALL'ESAME: Il paziente deve

Dettagli

Analizzatore per urine cobas u 601. Automazione completa, precisa e affidabile

Analizzatore per urine cobas u 601. Automazione completa, precisa e affidabile Automazione completa, precisa e affidabile Risultati di laboratorio precisi e affidabili L analizzatore cobas u 601 per l esame delle urine è una piattaforma analitica modulare per test a strisce e offre

Dettagli

Il Presidente è eletto dall'assemblea ordinaria degli anni dispari su proposta del Comitato Direttivo.

Il Presidente è eletto dall'assemblea ordinaria degli anni dispari su proposta del Comitato Direttivo. STATUTO DELL ASSOCIAZIONI DI SETTORE ASSOBIOMEDICALI Art. 1 COSTITUZIONE - DENOMINAZIONE SEDE E costituita all interno e nell ambito della Federazione nazionale Assobiomedica ai sensi e ai fini dello Statuto

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

Ministero della salute Dott.ssa Monica Capasso m.capasso@sanita.it

Ministero della salute Dott.ssa Monica Capasso m.capasso@sanita.it Ministero della salute Dott.ssa Monica Capasso m.capasso@sanita.it Decreto Legislativo 50/2007 Art. 1. Campo di applicazione 1. Il presente decreto disciplina l'adozione e l'applicazione dei principi di

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA IL MINISTRO DELLA SALUTE VISTA la legge 18 giugno 2009, n. 69, recante disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, nonché

Dettagli

Web Marketing del Farmaco. Industria Farmaceutica ed Innovazione Tecnologica: il Farmaco e la Rete tra presente e futuro

Web Marketing del Farmaco. Industria Farmaceutica ed Innovazione Tecnologica: il Farmaco e la Rete tra presente e futuro Web Marketing del Farmaco. Industria Farmaceutica ed Innovazione Tecnologica: il Farmaco e la Rete tra presente e futuro ASPETTI LEGALI DEL WEB MARKETING PER AZIENDE FARMACEUTICHE AVV. SONIA SELLETTI STUDIO

Dettagli

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Aggiornato il 6 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA...

Dettagli

Chiedi al tuo medico

Chiedi al tuo medico Esame del sangue semplice e sicuro per risultati altamente sensibili Test avanzato e non invasivo per la diagnosi della trisomia fetale e del cromosoma Y Chiedi al tuo medico Le seguenti informazioni hanno

Dettagli

La posizione associativa In tema di Razionalizzazione della spesa in acquisti di beni e servizi

La posizione associativa In tema di Razionalizzazione della spesa in acquisti di beni e servizi Federazione nazionale per le tecnologie biomediche, diagnostiche, apparecchiature medicali, dispositivi medici borderline, servizi e telemedicina La posizione va In tema di Razionalizzazione della spesa

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA VILLA SOFIA CERVELLO PALERMO. Procedura aperta affidamento quinquennale sistemi diagnostici N. gara 5978303

AZIENDA OSPEDALIERA VILLA SOFIA CERVELLO PALERMO. Procedura aperta affidamento quinquennale sistemi diagnostici N. gara 5978303 AZIENDA OSPEDALIERA VILLA SOFIA CERVELLO PALERMO Procedura aperta affidamento quinquennale sistemi diagnostici N. gara 5978303 CHIARIMENTI del 26.6.2015 Per il lotto 10 ad oggi risulta su ANAC registrata

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA IN PIU LOTTI, IN MODALITA SERVICE, DI SISTEMI ANALITICI VARI PER VARIE UNITA OPERATIVE DELL AZIENDA ASL N

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA IN PIU LOTTI, IN MODALITA SERVICE, DI SISTEMI ANALITICI VARI PER VARIE UNITA OPERATIVE DELL AZIENDA ASL N ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DELLA FORNITURA PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA IN PIU LOTTI, IN MODALITA SERVICE, DI SISTEMI ANALITICI VARI PER VARIE UNITA OPERATIVE DELL AZIENDA ASL N. 8 DI CAGLIARI E DELL

Dettagli

Ai Direttori Generali - Aziende Sanitarie Locali - Aziende Ospedaliere. Ai Commissari Straordinari - IRCCS di Diritto Pubblico

Ai Direttori Generali - Aziende Sanitarie Locali - Aziende Ospedaliere. Ai Commissari Straordinari - IRCCS di Diritto Pubblico Ai Direttori Generali - Aziende Sanitarie Locali - Aziende Ospedaliere Ai Commissari Straordinari - IRCCS di Diritto Pubblico Ai Legali Rappresentanti - IRCCS di diritto privato - Ospedali Classificati

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO. Art. n. 1 Oggetto e quantità della fornitura

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO. Art. n. 1 Oggetto e quantità della fornitura ALLEGATO A GARA PER LA FORNITURA IN SERVICE DI SISTEMI PER LA PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI E PER L ALLESTIMENTO DI REAZIONI DI PRE-PCR E POST-PCR SU PIATTAFORMA ROBOTIZZATA Azienda Ospedaliera di Padova

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2632 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DE GIROLAMO, DORINA BIANCHI, PAGANO, CALABRÒ, ROCCELLA, BERNARDO, SALTAMARTINI, TANCREDI,

Dettagli

Il test del 1 trimestre (1.-TT) Informazioni per i genitori

Il test del 1 trimestre (1.-TT) Informazioni per i genitori Il test del 1 trimestre (1.-TT) Informazioni per i genitori Cari genitori Voi decidete! Questa brochure è stata redatta per darvi informazioni importanti sul test del 1 trimestre (1.-TT). La decisione

Dettagli

Presentazione. Assobiomedica. Mission. Dati economici e fatturato

Presentazione. Assobiomedica. Mission. Dati economici e fatturato Presentazione Assobiomedica Mission Dati economici e fatturato Assobiomedica è la Federazione imprenditoriale di Confindustria che rappresenta le imprese che forniscono alle strutture sanitarie italiane

Dettagli

Analisi dell attività dell enzima chitotriosidasi nel sangue di pazienti affetti da sarcoidosi e dalla malattia di Gaucher

Analisi dell attività dell enzima chitotriosidasi nel sangue di pazienti affetti da sarcoidosi e dalla malattia di Gaucher Codice protocollo: Pagina 1 di 5 Analisi dell attività dell enzima chitotriosidasi nel sangue di pazienti affetti da sarcoidosi e dalla malattia di Gaucher PROTOCOLLO No: PROMOTORE: SPERIMENTATORI: Introduzione

Dettagli