Istituzioni e territorio: la Camera di Commercio di Treviso per lo sviluppo dell economia locale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituzioni e territorio: la Camera di Commercio di Treviso per lo sviluppo dell economia locale"

Transcript

1 Istituzioni e territorio: la Camera di Commercio di Treviso per lo sviluppo dell economia locale (Anni ) A cura: Centro Interdipartimentale su Cultura ed Economia della Globalizzazione Università Ca Foscari di Venezia

2 Alla stesura del seguente rapporto hanno partecipato: Responsabile Scientifico prof. Ferruccio Bresolin Gruppo di lavoro: dott. Quirino Biscaro dott. Alessandro Minello dott. Renato Chahinian Un particolare ringraziamento al dott. Renato Chahinian, già Segretario Generale della CCIAA di Treviso, sia per il prezioso apporto di informazioni che per il concreto supporto di valutazioni critiche. È consentito l utilizzo, anche parziale, del contenuto purché venga fatto riferimento alla fonte Immagine di copertina a cura di: Ufficio Relazioni con il Pubblico, Stampa e Comunicazione Stampa: Grafiche Vianello - Treviso 2

3 Prefazione del Presidente della Camera di Commercio di Treviso 5 CAPITOLO 1 Il contesto ed i riferimenti dell azione camerale Premesse Il contesto Gli obiettivi dell azione camerale Le trasformazioni in atto ed il ruolo dei servizi L azione della cciaa e i riferimenti alla programmazione regionale e provinciale L azione per fattori della produzione 24 CAPITOLO 2 Il processo decisionale degli interventi camerali e le sue motivazioni Premesse Metodo di lavoro I vincoli cha hanno fatto da sfondo agli interventi camerali 35 Agricoltura 37 Industria 40 Servizi 43 Turismo Formazione al lavoro e all imprenditorialità Tecnologia e innovazione Accesso al mercato Gestione finanziaria dell impresa 65 CAPITOLO 3 L impatto quantitativo degli interventi camerali sul processo di sviluppo locale Premesse Il ruolo del capitale umano nella teoria della crescita 71 Il modello di Nelson e Phelps (1966) 72 Il modello di Romer (1986) 72 Il modello di Lucas (1988) 73 3

4 Il modello di Mankiw-Romer-Weil (1992) 74 Una sintesi L impatto dell investimento in formazione effettuato dalla cciaa: un tentativo di stima 75 La specificazione quantitativa delle variabili La stima Il modello di stima per l impatto sulla produttività totale dei fattori 82 La stima 84 CAPITOLO 4 Una valutazione quali-quantitativa di sintesi dell intervento camerale Premesse L impatto generale dell intervento camerale L impatto degli interventi formativi L impatto della tecnologia e dell innovazione L impatto dell accesso al mercato L impatto degli interventi per la gestione finanziaria d impresa Valutazioni conclusive per una stima dell impatto totale 107 CAPITOLO 5 Osservazioni conclusive 111 Bibliografia 114 Le altre pubblicazioni della collana Profili Economici 117 4

5 PREFAZIONE Viviamo in tempi in cui è sempre più opportuno che un ente autonomo di diritto pubblico, come la Camera di Commercio, si doti di strumenti di monitoraggio e valutazione finalizzati ad una più approfondita valutazione dell efficacia del proprio operato. Per la Camera di Commercio la valutazione d impatto concerne gli effetti economici della propria attività, con particolare riferimento agli interventi diretti per lo sviluppo territoriale e del sistema delle imprese. Questo lavoro, quindi, nato da una stretta collaborazione tra Camera di Commercio di Treviso ed Università Ca Foscari di Venezia, si propone di esplorare le metodologie più consone per una valutazione d impatto dell azione camerale. I principali interventi volti al raggiungimento degli obiettivi strategici della Camera sono analizzati sia sotto l aspetto qualitativo che quantitativo soprattutto in tema di formazione al lavoro ed all imprenditorialità, di innovazione, di accesso e permanenza nel mercato e di gestione finanziaria dell impresa. Sono questi i fattori che il consiglio della Camera di Commercio di Treviso ha individuato come gli assi portanti del programma pluriennale di interventi. L applicazione di tali metodologie di analisi ha una valenza sperimentale perchè pochi sono gli enti pubblici che intraprendono questa verifica e persino l Unione Europea utilizza sistemi diagnostici avanzati solo per i progetti economicamente e socialmente più rilevanti. Cerchiamo, come sempre, di essere pionieri, in coerenza con l approccio al miglioramento continuo e alla qualità totale che da tempo l Ente camerale 5

6 trevigiano sta perseguendo e che di recente ha ottenuto il riconoscimento europeo EFQM (Recognized for excellence) e del Ministero per la Pubblica Amministrazione e l Innovazione. Una maggiore consapevolezza e trasparenza sui risultati del nostro operato permette una più mirata programmazione per il futuro a sostegno delle nuove esigenze della comunità economica ed a beneficio dell intera comunità civile. IL PRESIDENTE DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI TREVISO Federico Tessari 6

7 CAPITOLO 1 IL CONTESTO ED I RIFERIMENTI DELL AZIONE CAMERALE 7

8 8

9 1.1. PREMESSE La Camera di Commercio di Treviso, come tutti gli enti del sistema camerale, persegue per legge il fine di promozione dello sviluppo del sistema delle imprese nell ambito dell economia locale. Ciò comporta per l ente l individuazione di una vision e di una mission orientate allo sviluppo del sistema produttivo e, più in generale, allo sviluppo economico locale. Quindi, sotto l aspetto strategico, lo sforzo maggiore è rivolto alla ricerca dei migliori interventi di promozione dell economia provinciale per massimizzarne lo sviluppo. In tale ottica, la CCIAA ha finanziato il presente studio, al fine di una valutazione della propria politica di sviluppo. Se, infatti, può essere relativamente semplice supporre che ogni iniziativa promozionale, sia commerciale che economica, in favore delle imprese possa accrescere in qualche modo e misura il loro sviluppo e conseguentemente quello macroeconomico più generale, ben più difficile e complessa risulta la valutazione di tale azione. Infatti, generalmente non si è in grado di affermare se l iniziativa progettata sia obiettivamente valida, se possa essere migliorata sotto l aspetto dell efficienza e dell efficacia per il sistema, o se sia più conveniente sostituirla con altre alternative. Poiché la gamma di scelta degli interventi è amplissima (e notevolmente diversificata ed articolata), discende il fatto che praticamente ogni ente con scopi promozionali seleziona le proprie iniziative nell ambito delle richieste che più frequentemente od assiduamente pervengono dal mondo produttivo, compatibilmente con i vincoli normativi e di bilancio e secondo la propria visione dello sviluppo. Con la programmazione e la realizzazione degli interventi prescelti, si cercano poi le motivazioni economiche e si tende ai risultati migliori. In assenza, però, di una valutazione di impatto, ogni risultato e giudizio viene espresso con criteri marcatamente soggettivi, per cui nell ente attuatore e nei suoi sostenitori prevale l autoreferenzialità, mentre per gli oppositori si fa strada comunque la critica, anche in presenza di sensibili effetti benefici. Tenendo conto di questi problemi, la Camera di Commercio di Treviso da tempo cerca di adottare sistemi di programmazione e di selezione degli interventi, soprattutto per quelli attuati direttamente (senza 9

10 l intervento di terzi), secondo i migliori criteri di coerenza e di scelta consapevole, facendo riferimento a vari studi sullo sviluppo economico locale maturati nel corso degli anni. Si è pure sentita progressivamente l esigenza di compiere valutazioni ex-ante ed ex-post sulla base del reale impatto sull economia da parte dell azione camerale. D altra parte, per il suo specifico campo di intervento, la politica camerale è una tipica politica dell offerta, i cui risultati vanno ad impattare direttamente sulla produttività e competitività del sistema produttivo, differentemente da quanto avverrebbe con le politiche della domanda (non di competenza camerale), che potrebbero sortire anche effetti indesiderati sull inflazione e sulla disoccupazione. Proprio per venire incontro all esigenza camerale ora accennata, l obiettivo di questa ricerca è di approfondire, nonostante le obiettive difficoltà di valutazione e di stima, gli effetti d impatto dei principali interventi camerali nel contesto economico locale ai fini dello sviluppo. Per far ciò, si sono scelte le iniziative, effettuate nel quinquennio 2001/2005 (che corrisponde orientativamente al periodo del precedente mandato degli Organi deliberativi dell ente), più significative per la crescita economica e si sono classificate in base ai fattori di sviluppo che le stesse possono aver attivato. Quindi si è passati ad esaminare sinteticamente lo scenario di fondo dell economia provinciale in cui si sono inseriti i predetti interventi. Conseguentemente, sono stati approfonditi gli aspetti cruciali dell analisi, ossia: la valutazione qualitativa degli interventi sui fattori di sviluppo; l impatto quantitativo degli stessi interventi sul processo di sviluppo locale. Data la notevole difficoltà teorico-pratica di quantificare l impatto, la valutazione è stata limitata all analisi degli effetti degli interventi di formazione al lavoro e all imprenditorialità. Ma, considerata la notevole componente formativa presente anche nella realizzazione delle altre tipologie di iniziativa, molti aspetti della valutazione effettuata possono essere estesi a tutte le tipologie. Rimane il fatto che questa ricerca contiene un forte contenuto innovativo volto a risolvere un diffuso, ma trascurato, problema di valutazione degli 10

11 interventi pubblici nell economia locale, problema comune a tutte le istituzioni locali del nostro Paese (e quindi a tutte le collettività territoriali), che percepiscono sempre più l esigenza di valutare, sia a preventivo che a consuntivo, il proprio operato ed il grado di raggiungimento del proprio fine di sviluppo. Anche la teoria economica, d altro canto, pone sempre più attenzione alle economie locali, i cui risultati di sviluppo dipendono molto dall efficacia dell azione pubblica sul territorio. Questo studio, pertanto, apre la strada ad ulteriori approfondimenti sulla materia e perciò si dà atto alla Camera di Commercio di aver percepito in anticipo una simile esigenza, che ancora rimane inespressa da parte del nostro sistema generale. Le aree ad imprenditorialità diffusa, come la provincia di Treviso, diventano una sorta di benchmark dello sviluppo soprattutto grazie a favorevoli condizioni ambientali di vario tipo e spessore, non ultime le reti di fiducia favorite dall operare delle istituzioni locali. È opinione di molti che l evoluzione che ha interessato la provincia non ne abbia intaccato l identità culturale, ovvero uno dei fattori che hanno sospinto lo sviluppo dell area e che hanno ammortizzato gli aspetti critici che ogni modello di sviluppo porta con sé. La crescita della ricchezza, che fa assumere al concetto stesso di sviluppo contenuti non esclusivamente economici, è stata ed è a sua volta favorita da un capitale sociale che, intervenendo ogni qualvolta si presentano i cosiddetti fallimenti del mercato, consente la continua circolarità tra cultura e scambi economici, e tra gli scambi economici stessi. Sono questi, in estrema sintesi, i caratteri che hanno prodotto lo sviluppo trevigiano caratterizzato da un accentuata natalità d impresa ed estremo grado di apertura verso l esterno. Il capitale sociale e le istituzioni sono fattori della produzione fondamentali per la Marca, ed in esso spicca il coinvolgimento della CCIAA, che da molti anni non punta su interventi di ottica puramente regolamentare, che possono ingoffire l economia locale, a favore invece di progetti di riqualificazione dei punti di forza locale, dei suoi fondamentali fattori della produzione: terra, capitale, lavoro e imprenditore. Si tratta di una filosofia di intervento indispensabile per i nuovi bisogni dell evoluzione 11

12 produttiva, nella consapevolezza che per aumentare l efficienza dei sistemi d impresa è necessario dare spazio alle politiche produttive che rispettino le specificità degli ambiti locali, rigettando gli interventi a pioggia che di per sé non possono soddisfare tutte le istanze del territorio. In questo la CCIAA si pone in posizione privilegiata, giacché una qualsivoglia politica di sostegno per la PMI deve venire elaborata da chi per natura e per Statuto tiene in debita considerazione le specificità territoriali. La CCIAA è anche per la natura della sua governance, uno dei soggetti maggiormente in grado di individuare le opportunità, i punti di forza e di debolezza, nonché le interrelazioni di un sistema produttivo il cui destino appare sempre più vincolato a quello del territorio in cui opera 1. È quindi diffusa la consapevolezza che i decisori pubblici locali avranno un ruolo sempre più importante per lo sviluppo economico del proprio territorio, anche per il crescente decentramento di funzioni che le spinte federaliste comportano. In questo contesto è evidentemente vincente il desiderio dell amministrazione camerale di attivare tutte le risorse disponibili, umane, finanziarie, ambientali ed istituzionali, al fine di rafforzare il sistema economico locale e favorirne un rilancio alla luce delle sfide poste dai nuovi scenari; è infatti cresciuto il ruolo che può svolgere nell indirizzare, sul piano quantitativo e qualitativo, lo sviluppo economico del territorio ed il benessere della comunità che ci vive e lavora Il contesto Il processo di globalizzazione va progressivamente accelerandosi anche nell attuale congiuntura sfavorevole ponendo in luce al tempo stesso problemi di competitività e di organizzazione dei processi produttivi, oltre che temi sociali legati alla distribuzione del reddito e del benessere. La congiuntura negativa di questi anni, unitamente a fattori internazionali di grande rilievo, pone seri problemi al Veneto ed alla provincia di Treviso per quanto riguarda la competitività e capacità di sostenere i ritmi di sviluppo che ne avevano fatto in passato un caso di 12

13 studio. L elevato prezzo del petrolio che porta con sé pericolosi focolai di inflazione importata, unitamente ad una caduta generalizzata della domanda di consumi e di investimenti nell economia occidentale, aggravato da una crisi finanziaria, ha causato una crisi depressiva dalla quale ci si potrà risollevare solo con forti iniezioni di fiducia e di efficienza. In questa sfavorevole congiuntura le pur buone performance della provincia vengono compromesse sia dalla rivalutazione dell euro, sia dalla minor domanda internazionale di beni di consumo di qualità e di beni di investimento connessi con la caduta della domanda globale. Infatti il doppio deficit americano della bilancia dei pagamenti e del bilancio federale, unitamente ad un basso livello dei tassi di interesse americani, ha portato ad una cospicua svalutazione del dollaro nei confronti dell euro ponendo così in difficoltà le nostre esportazioni. Per altro verso l emergere prepotente sui mercati internazionali di Paesi come la Cina e l India con tassi di crescita superiori al 9%, esercita una pressione enorme sui prezzi delle materie prime e dell energia, che sta rendendo difficile la ripresa nei Paesi occidentali, al di là della competizione che questi Paesi esercitano nelle produzioni a bassa tecnologia attraverso i loro ridotti costi del lavoro e in virtù della scarsa tutela accordata alla proprietà intellettuale e ai marchi e brevetti dei competitori occidentali. In questo quadro di congiuntura sfavorevole, la ripresa della economia europea sarà anche condizionata della presenza di competitor interni dovuti all allargamento dell Unione a dieci Paesi caratterizzati da relativamente bassi costi della manodopera, da elevati livelli di istruzione e dalla presenza di istituzioni favorevoli alla sviluppo di attività produttive labour intensive, riproponendo così una redistribuzione del processo di sviluppo anche all interno della compagine europea. Queste considerazioni ripropongono in modo forte alcune riflessioni che già si sono avviate nella nostra Regione circa la riqualificazione del modello di sviluppo con una attenzione particolare non solo ai temi della competitività ma anche a quelli della sostenibilità economica, sociale ed ambientale di un processo di crescita che sta manifestando elementi di discontinuità. Treviso continua la sua crescita con ritmi superiori a quelli Italiani ma sta evidenziando preoccupanti fattori di discontinuità rispetto a un modello 13

14 di crescita economico e di benessere che lo aveva portato alla ribalta dell attenzione nazionale ed internazionale. La crescita che aveva le caratteristiche di crescita endogena ed autocentrata sta evidenziando elementi di esogenità e di esaurimento della spinta autopropulsiva. La stessa interpretazione evoluzionistica, tra l altro troppo spesso smentita della storia economica e che vedeva nello sviluppo di quest area la capacità di rigenerarsi continuamente, non regge più, nel senso che il progressivo esaurirsi di alcune risorse chiave impone di operare un salto di qualità. I fattori che hanno consentito lo sviluppo erano essenzialmente, come del resto in tutti i processi di avanzamento sociale e produttivo, fattori di carattere culturale ed istituzionale. Un ambiente culturale in cui era presente la voglia di fare, di apprendere facendo, il senso di responsabilità e di imprenditorialità (anche di sè), unitamente ad un forte senso di identità e di appartenenza, hanno prodotto imprenditorialità diffusa, capacità di collaborazione ma anche di competizione in contesti economici che andavano globalizzandosi. Per altro verso i contesti istituzionali locali, si dimostravano interpreti di queste vocazioni sorreggendoli con politiche ed interventi atti a favorire lo sviluppo, nel mentre sul piano delle istituzioni informali le reti di fiducia diffuse sul territorio consentivano il contenimento dei crescenti costi di transazione. La versatilità e la flessibilità tipiche della nostra economia hanno costituito un punto di forza nel processo di integrazione europea e in quello di globalizzazione, punto di forza che può ricondursi senza dubbio a quei fattori di ambiente culturale sopra richiamati. Tutto ciò è potuto avvenire dapprima utilizzando le risorse che provenivano da settori con eccesso di offerta di manodopera, come l agricoltura, poi con una crescente domanda di lavoratori stranieri. La continua riallocazione di manodopera da settori a più bassa produttività verso quelli a maggior capacità competitiva, di per sé fatto fisiologico, è avvenuto a seguito di una specializzazione produttiva che ha visto esaltare le produzioni manifatturiere con forme organizzative decentrate che hanno creato il sistema diffuso di piccole iniziative. Ma anche la cultura del lavoro, del fare, la cultura di impresa, 14

15 raggiunge dei limiti, ovvero dei fattori di discontinuità quando le risorse umane, territoriali e infrastrutturali tendono ad esaurirsi, compromettendo così le capacità di promuovere lo sviluppo su basi qualitative nuove e soprattutto in termini di qualità della vita. Paradossalmente l esaltazione di alcuni valori (come appunto quello del produrre) tende a riproporre un modello di crescita oggi difficilmente sostenibile in termini sociali e ambientali deformando il concetto stesso di benessere della collettività. Benessere che, concepito prevalentemente in chiave reddituale e di lavoro, trascura altri elementi, quelli culturali ad esempio, che sono la premessa per l avvio di una riqualificazione dello sviluppo. Il raggiungimento della piena occupazione unita ad una struttura produttiva che richiede soprattutto lavoro a scarsa qualificazione, contribuisce infatti ad abbassare il livello di scolarizzazione e di formazione e quindi le premesse per una evoluzione del sistema. Il processo di produzione esige infatti la disponibilità di una gamma diversificata di fattori materiali ed immateriali. Accanto agli input tradizionali, capitale, lavoro e progresso tecnico, ci sono componenti umane come il learning by doing e la conoscenza, ovvero input di lavoro corredati da investimenti in istruzione ed addestramento. Non solo, ma rischia di impoverirsi anche quel complesso di circostanze residuali, spesso trascurate nella letteratura, che vanno sotto il nome di capitale sociale e che comprendono conoscenze diffuse, valori condivisi, capacità di coordinamento, fiducia e rispetto delle regole che solitamente animano un organizzazione a sistema e che sono in grado di formare istituzioni atte a governare la crescita e la competizione. Emerge sempre più accanto alla necessità di un rilancio della competitività anche l esigenza di una nuova forma di integrazione e coesione sociale non basata solo sulla capacità di reddito attuale, ma su una riqualificazione di quello che abbiamo definito capitale sociale, premessa indispensabile per un rilancio della crescita accompagnata da un miglioramento della qualità della vita e del benessere. 15

16 1.3. Gli obiettivi dell azione camerale Treviso, per conseguire i propri obiettivi di riprendere un percorso virtuoso di crescita economica e di benessere sostenibile, deve compiere un salto di qualità atto a superare le numerose strozzature e rimuovere i nodi strutturali che di fatto si rivelano pericolosi fattori di discontinuità. Questi nodi strutturali riguardano molti aspetti dell economia, del territorio e della società. La presenza di una forte interdipendenza tra ambiente esterno, inteso come insieme formato dal quadro giuridico, istituzionale, economico sociale e politico, e l innovazione, rende necessario esaminare i fattori che spingono al cambiamento e quelli che lo ostacolano. L interdipendenza dei mercati dei prodotti, dei servizi, dei capitali e dei fattori di produzione in genere, pone in concorrenza non solo le imprese ma anche le istituzioni politiche ed amministrative, i sistemi educativi e di relazione sociale, gli ordinamenti giuridici e i regolamenti che governano i mercati, i contratti e le attività di impresa. Di fatto questi fattori di contesto diventano un elemento essenziale del vantaggio competitivo di un paese e di una regione aperta come la provincia di Treviso. Il ritardo italiano e veneto nell affrontare alcune rigidità strutturali nel mercato del lavoro e nel sistema formativo, nel compiere la necessaria progettazione e realizzazione di nuove opere nel contesto infrastrutturale stradale, autostradale e ferroviario, così come in quello della difesa ambientale e nel settore delle utilities costituiscono altrettanti punti nodali nella competitività di sistema. Così come, a scala microeconomica, gli alti costi dell energia e le complessità burocratiche frenano la competitività delle imprese. La competizione sui mercati globalizzati non si esplica infatti solo nella capacità di esportare o di saper ridurre i costi delocalizzando, ma anche nel saper attrarre capitali ed investimenti dall estero, capacità di attrazione oggi gravemente compromessa dalla carenza di infrastrutture sul territorio e dagli altri fattori di rigidità. La forte accelerazione impressa dal progresso tecnologico in questi anni impone all economia una sorta di transizione verso nuovi paradigmi di sviluppo. Ciò che si vuole qui affermare è che la nostra provincia sembra aver 16

17 esaurito la propria spinta ad una crescita estensiva e che perciò deve affrontare una difficile transizione verso uno sviluppo intensivo nell uso delle risorse. In altri termini, è giunto il momento di ripensare al proprio modello di sviluppo, sia per affrontare su basi nuove la competitività internazionale, sia per non incorrere nei rischi che il proseguire lungo un sentiero di sviluppo estensivo potrebbe comportare. Certo, siamo consapevoli che il nostro sistema produttivo è all avanguardia in molti settori sia per qualità delle innovazioni introdotte sia per capacità lavorative ed imprenditoriali, tuttavia alcuni segnali ci fanno dubitare non tanto e non solo della persistenza delle capacità competitive, quanto soprattutto della sostenibilità sociale, ambientale e territoriale del proprio modello di sviluppo. L andamento della produttività del lavoro, con riferimento al totale dell economia del Veneto, appare crescente con ritmi più elevati rispetto all economia italiana anche se con una ciclicità più accentuata. E noto che a determinare queste variazioni concorrano in modo evidente fattori legati all offerta (progresso tecnico, innovazioni organizzative, tra le quali la delocalizzazione, miglioramento del learning by doing e della qualità dei prodotti) e dal lato della domanda (dimensione e diversificazione dei mercati, loro capacità di spesa e loro contendibilità). Questi dati, seppure positivi, non ci devono indurre ad un facile ottimismo circa la nostra posizione relativa in Europa, vale a dire la nostra capacità competitiva. Infatti non va dimenticato che a determinare l andamento della competitività totale concorrono anche fattori esogeni o esterni all impresa, quali le infrastrutture, la qualità e l efficienza della Pubblica amministrazione e della spesa pubblica ovvero quel complesso di esternalità che hanno grande influenza nella cosiddetta competitività del sistema. Certo che la competitività di un sistema (sistema-paese o sistema locale di imprese) si estrinseca nei prezzi, nella qualità dei suoi prodotti e nelle quote di mercato, ma come sappiamo il prezzo in un mercato concorrenziale contiene al suo interno margini di profitto che sono il frutto appunto della competitività e che servono ad alimentare nuovi investimenti, ricerca, innovazioni a loro volta portatori di capacità competitive, secondo un processo cumulativo di causazione circolare 2. 17

18 1.4. Le trasformazioni in atto ed il ruolo dei servizi La globalizzazione è un processo diverso dallo scambio in quanto non si limita a internazionalizzare le merci ed i servizi prodotti ma ad internazionalizzare lo stesso organismo produttivo, le imprese dovranno confrontarsi con mutamenti continui dei loro modelli di approccio ai mercati dei beni e dei fattori. Così la competizione globale, sia nei mercati segmentati intraindustriali che in quelli dei fattori e dei beni finali, agisce come una sorte di meccanismo di allocazione delle risorse che, mediante il sistema dei prezzi, della qualità e degli altri elementi contrattuali, assegna a ciascuna area regionale un proprio ruolo nella produzione di beni e servizi. L attuale fase di frammentazione internazionale della produzione, attuata attraverso strategie di (de)- rilocalizzazione produttiva, favorita dalla specializzazione verticale e da cicli produttivi sempre più modularizzati, richiede politiche e strategie del tutto differenti rispetto a quelle centrate su logiche commerciali di puro stampo mercantile. La frammentazione internazionale della produzione implica la trasformazione della mappa delle specializzazioni, non più basata sui beni finiti ma su fasi di produzione caratterizzate da differenti livelli di skill, di conoscenze e di intensità capitalistica. Ecco allora come l internazionalizzazione rappresenti non più una mera strategia di recupero di competitività per mezzo della riduzione dei costi di produzione, ma tenda a diventare un espressione del dominio cognitivo e progettuale sulla fase più propriamente produttiva-materiale. Queste trasformazioni coinvolgono importanti aspetti sia micro che macroeconomici. Così sul piano dei dati aggregati anche nella nostra provincia si osserva che ove i vantaggi comparati che davano origini ad un incremento delle esportazioni di beni del settore di specializzazione, oggi invece danno origine a processi che vedono prevalere nel medesimo settore la crescita dell import. Tale effetto costituisce la conseguenza, solo apparentemente paradossale, del citato processo di frammentazione e della riorganizzazione nei settori di vantaggio competitivo. Questa riorganizzazione si è manifestata soprattutto nel corso dell ultimo decennio in cui il processo di globalizzazione ha trasformato progressivamente la delocalizzazione produttiva da strumento di efficienza resource seeking (per la mera riduzione dei costi di produzione) 18

19 a fattore di efficacia market seeking attraverso progetti strategici di innovazione organizzativa e di mantenimento della competitività. Questo fatto comporta che nei settori di specializzazione crescano in misura rilevante anche le importazioni, per cui il flusso crescente di importazioni è correlato non solo e non tanto al soddisfacimento della domanda finale interna, quanto alla capacità di espansione produttiva di un sistema economico ad elevata frammentazione internazionale della produzione. Detto flusso rappresenta sul piano aziendale anche uno strumento per mantenere e/o accentuare il potere di governance sulla catena del valore a scala internazionale e allo stesso tempo, una strategia per alimentare continuamente il livello di competitività. A riprova di ciò, si osserva come nei settori di specializzazione, alla crescita delle importazioni corrisponda una crescita sulle esportazioni senza che ciò abbia provocato effetti di spiazzamento e di sostituzione. La correlazione tra la crescita delle importazioni e quella delle esportazioni nei settori di specializzazione è non solo molto elevata, ma è possibile notare come la quota dell export (in valore) sul totale mondiale dell Italia e della provincia di Treviso in detti settori sia aumentata nel corso del periodo considerato ( ), fenomeno questo che vale per quasi tutti i paesi ad elevata specializzazione. Perciò l importazione costituisce all interno della supply chain, un input al quale l impresa aggrega profitto e salario, ovvero nuovo valore aggiunto. Ogni modulo del processo di produzione, così frammentato, genera nuovo valore, ma è facile intuire che è soprattutto nella fase to market che il valore aggiunto è più elevato e, chiaramente, l appropriazione di questo è l obiettivo dell impresa. Non è più il ciclo di vita del prodotto a determinare l assetto internazionale dei processi produttivi tra paesi avanzati, paesi emergenti e in via di sviluppo, ma quello che potremmo definire il ciclo di vita del dominio della conoscenza. Non solo ma la divisione internazionale del lavoro vede il commercio mondiale sempre più positivamente correlato con gli IDE e i movimenti di capitale (e, talvolta, con quelli dei lavoratori), mettendo in discussione i tradizionali teoremi della teoria del commercio internazionale circa la mobilità delle merci come sostituto della immobilità dei fattori della produzione. La distribuzione mondiale 19

20 della capacità competitiva, e quindi della ricchezza, dipende anche perciò dalla capacità di creare e accumulare conoscenze, sviluppare innovazioni e gestire i flussi finanziari. In sostanza, l attuale fase di sviluppo dei mercati internazionali e della competitività dimostra come ormai non esistano più settori maturi e settori avanzati, ma come i vantaggi competitivi si manifestino attraverso il posizionamento sul mercato anche di singole fasi di produzione. Naturalmente la ripresa manifatturiera della provincia di Treviso è dovuta a due fattori concomitanti: la ricerca della qualità e dell innovazione di prodotto ed il posizionamento su fasce di mercato più ricche. Ciò ha consentito all economia provinciale do appropriarsi di fasi produttive a più elevato valore aggiunto e quindi aumentare il valore delle proprie esportazioni. Di grande rilievo sono anche i cambiamenti richiesti alle istituzioni locali ed alla politica. In primo luogo si manifesta l esigenza di disporre di servizi qualificati e di infrastrutture atte a questa nuova fase di crescita competitiva affinché la competitività non sia solo di impresa, ma di sistema. In secondo luogo competere in un mercato dominato da creatività ed innovazione, ovvero da quella che viene definita economia della conoscenza, impone la presenza di strutture formative di capitale umano, di conoscenza e di competenza. In terzo luogo anche il territorio deve riqualificarsi per diventare più competitivo in termini di accoglienza e di attrazione. La riqualificazione del settore industriale libererà aree e volumi prima destinati a produzioni del secondario, ma questo processo andrà guidato e gestito per ridare al territorio un connotato di sostenibilità al proprio sviluppo. La sfida competitiva che caratterizza il processo di globalizzazione comporta quindi l esigenza di disporre di adeguati strumenti di finanziamento, per penetrare nei mercati internazionali, oltre che per l accesso alle nuove tecnologie. In particolare, l innovazione tecnologica richiede investimenti iniziali cospicui, a cui possono far fronte con minori difficoltà le imprese di grandi dimensioni che detengono capacità e competenze per avviare progetti di ricerca e per applicare e diffondere i risultati. Viceversa, le piccole imprese sono caratterizzate dal controllo familiare che, seppur utile per l avvio di nuovi progetti imprenditoriali 20

Presentazione 5 PRESENTAZIONE

Presentazione 5 PRESENTAZIONE Presentazione Il Rapporto sull economia romana elaborato dal Comune di Roma raggiunge quest anno la quinta edizione ufficiale (sesta, se si tiene conto di un numero zero risalente all ormai lontano 1996

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLO SVILUPPO LOCALE Economia Urbana

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO APPENDICE B I MATERIALI DI INDIRIZZO PER GLI APPROFONDIMENTI DEI TAVOLI DI CONCERTAZIONE CON RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO Premessa Il

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA AZIENDALE STRATEGIA AZIENDALE CONOSCENZE IL CONCETTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO DI FONDO (OSF) L orientamento strategico di fondo delle imprese si basa su una nozione

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 4.1.2 - ASSISTENZA TECNICA AL TERRITORIO PER L I N D I V I D UAZIONE DI STRUMENTI DI POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO NELL AMBITO DELLE

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Tecnica e Pianificazione Urbanistica

Tecnica e Pianificazione Urbanistica Università di Palermo - Scuola Politecnica Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Anno accademico 2014-2015 Tecnica e Pianificazione Urbanistica Prof. Ignazio Vinci Lezioni frontali La dimensione

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE

GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE Raffaele Farella Dirigente con incarico speciale per l internazionalizzazione e la promozione estera,

Dettagli

Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei

Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei La promozione del territorio- lezione 14/ 02/ 08 Docente d. ssa Silvia Sarzanini Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei LE STRATEGIE DI SVILUPPO E PROMOZIONE DEL

Dettagli

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan Organizzazione aziendale e sistemi informativi Prof. Luca Gnan Agenda Una definizione Divisione del lavoro e coordinamento Le regole nella progettazione Gli ambiti della progettazione organizzativa Modelli

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Seminario Il controllo di gestione e la misurazione delle performance

Seminario Il controllo di gestione e la misurazione delle performance Seminario Il controllo di gestione e la misurazione delle performance Intervento del Direttore Generale della Banca d Italia Fabrizio Saccomanni 13 giugno 2012 Do il benvenuto a tutti i partecipanti a

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 La gestione della raccolta In termini generali l espressione politica della raccolta è sinonimo dell

Dettagli

PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA

PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA,QWURGX]LRQH Il processo di sussidiarietà dalla Regione alle Province in materia di

Dettagli

ROADSHOW PMI INFRASTRUTTURE, TRASPORTI E PMI. A cura di Confcommercio

ROADSHOW PMI INFRASTRUTTURE, TRASPORTI E PMI. A cura di Confcommercio ROADSHOW PMI INFRASTRUTTURE, TRASPORTI E PMI A cura di Confcommercio Premessa L efficienza dei sistemi di trasporto e logistica costituisce una condizione essenziale per la capacità competitiva di tutto

Dettagli

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione:

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Un motore per l innovazione, la crescita e l occupazione 9-10 ottobre 2008 CENTRO CONGRESSI, RIVA DEL

Dettagli

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 slide 1 Introduzione Lo scopo di questo intervento è di presentare un iniziativa che sta muovendo i primi passi in queste settimane e che mira

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala sud-ovest

Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala sud-ovest Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala sud-ovest La statistica si impone sempre più come una risorsa utile per decidere e valutare le politiche di intervento in campo economico e sociale. Esperienze dell

Dettagli

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO Dottorato di ricerca in Pedagogia (Education) Ciclo XXIV S.S.D. M-PED/01 CRESCITA UMANA E BENESSERE ORGANIZZATIVO NUOVE PROSPETTIVE DI PEDAGOGIA DEL LAVORO Coordinatore:

Dettagli

NOTE AL DOCUMENTO PRIMI ELEMENTI PER IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA. Il contributo di Unione Interporti Riuniti Settembre 2010

NOTE AL DOCUMENTO PRIMI ELEMENTI PER IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA. Il contributo di Unione Interporti Riuniti Settembre 2010 NOTE AL DOCUMENTO PRIMI ELEMENTI PER IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 1 Il contributo di Unione Interporti Riuniti Settembre 2010 1.Considerazioni di carattere generale sul documento L analisi

Dettagli

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà LINEE GUIDA PER UN PATTO PER IL RICONOSCIMENTO E LA VALORIZZAZIONE DELL APPORTO DEL TERZO SETTORE ALLA RETE DI SOSTEGNO AL WELFARE DI BOLOGNA E PROVINCIA Le parole chiave: 1. SUSSIDIARIETA 2. STABILE REGIA

Dettagli

Corporate Social Responsability

Corporate Social Responsability Corporate Social Responsability elemento strategico per il successo dell impresa Il significato La Corporate Social Responsability, in italiano Responsabilità Sociale delle Imprese, può essere definita

Dettagli

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI NOTA ISRIL ON LINE N 40-2012 LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

Advisory Board Liberalizzazione e competizione: lo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi ferroviari in Europa e in Italia

Advisory Board Liberalizzazione e competizione: lo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi ferroviari in Europa e in Italia Advisory Board Liberalizzazione e competizione: lo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi ferroviari in Europa e in Italia I 10 punti chiave del rapporto I 10 PUNTI CHIAVE DEL RAPPORTO 1. L Europa,

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Dal welfare al workfare il nuovo ruolo del sistema pubblico dei servizi per l impiego

Dal welfare al workfare il nuovo ruolo del sistema pubblico dei servizi per l impiego Dal welfare al workfare il nuovo ruolo del sistema pubblico dei servizi per l impiego Il workfare (o welfare to work), termine derivante dalla fusione di work e welfare, é un modello alternativo al classico

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria. Provincia di Reggio Calabria MANIFESTO. Piano Strategico della Città Metropolitana

Provincia di Reggio Calabria. Provincia di Reggio Calabria MANIFESTO. Piano Strategico della Città Metropolitana Provincia di Reggio Calabria MANIFESTO Piano Strategico della Città Metropolitana Reggio Calabria - Novembre 2013 Provincia di Reggio Calabria INDICE Perché un Piano Strategico Quale visione del futuro

Dettagli

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale?

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale? DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE Intervista a Luca Omodei Direttore Generale di Codess Sociale Intervista e testi a cura di Michela Foschini Giugno 2005 D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale

Dettagli

Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009. Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009

Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009. Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009 Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009 Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009 La costruzione del PS Il percorso che ha condotto alla stesura del PS è ampiamente

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLA CRESCITA E DELLO SVILUPPO REGIONALE

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015

PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015 PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015 ALLEGATO A) 1. PREMESSA In un quadro economico connotato dal perdurare della crisi e da una forte accelerazione delle modificazioni

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA

INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA Per Il settore in cifre presentiamo il rapporto sulle esigenze formative del settore sicurezza, realizzato da Sicurservizi per conto

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA DI SVILUPPO E QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER BAMBINI N ETA 0-3 ANNI INDIRIZZI GENERALI PER IL TRIENNIO 2001-2003 Approvato con atto C.P. 29.10.2001 n.133 Ufficio Politiche

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

CAPITOLO XI La gestione della produzione industriale

CAPITOLO XI La gestione della produzione industriale CAPITOLO XI La gestione della produzione industriale Tratteremo argomenti quali la organizzazione delle multinazionali e delle loro reti globali di produzione, con un enfasi sulle JV e sul ruolo della

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 37/21 DEL 21.7.2015. Piano Energetico Ambientale Regionale. Linee di Indirizzo Strategico Verso un economia condivisa dell Energia.

DELIBERAZIONE N. 37/21 DEL 21.7.2015. Piano Energetico Ambientale Regionale. Linee di Indirizzo Strategico Verso un economia condivisa dell Energia. Oggetto: Piano Energetico Ambientale Regionale. Linee di Indirizzo Strategico Verso un economia condivisa dell Energia. L Assessore dell Industria ricorda che con la deliberazione della Giunta regionale

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BERTUZZI, FIORONI, VITALI e GHEDINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 22 MAGGIO 2008 Misure per favorire

Dettagli

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione 44 FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI IL PACCHETTO DI INVESTIMENTI SOCIALI PER LA CRESCITA E LA COESIONE È LO STRUMENTO CREATO DALL UNIONE EUROPEA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ E L EMARGINAZIONE SOCIALE. L ARTICOLO

Dettagli

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo Capitolo XVII La gestione del processo innovativo Il ruolo dell innovazione nell economia dell immateriale L innovazione ha assunto un ruolo particolarmente significativo come variabile esplicativa della

Dettagli

Patto per lo sviluppo sostenibile, la qualificazione dell occupazione, la competitività del sistema economico locale

Patto per lo sviluppo sostenibile, la qualificazione dell occupazione, la competitività del sistema economico locale Patto per lo sviluppo sostenibile, la qualificazione dell occupazione, la competitività del sistema economico locale -, rappresentata dal Presidente Alessandro Vardanega, dal Vice Presidente incaricato

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo COMUNICATO STAMPA Settimo Rapporto UniCredit sulle Piccole Imprese La ricerca di nuovi mercati: la sfida delle piccole imprese fra cambiamento e tradizione Presentato a Roma, lo studio è stato dedicato

Dettagli

1. Analisi della rilevanza dell idea-progetto e specificazione delle alternative progettuali

1. Analisi della rilevanza dell idea-progetto e specificazione delle alternative progettuali Studi di Fattibilità e Analisi Costi Benefici L esperienza maturata dalla Proind Srl nel supporto e nell assistenza tecnica alle Pubbliche Amministrazioni in materia di valutazione di investimenti pubblici,

Dettagli

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Università di Macerata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento di Studi Giuridici ed Economici L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Francesca Spigarelli spigarelli@unimc.it Tecnologia,

Dettagli

L esigenza di coniugare la valutazione dell efficacia produttiva con la valorizzazione dei

L esigenza di coniugare la valutazione dell efficacia produttiva con la valorizzazione dei TITOLO IV LA VALUTAZIONE E LA PREMIALITA DEL PERSONALE Premessa L esigenza di coniugare la valutazione dell efficacia produttiva con la valorizzazione dei comportamenti coerenti con la missione, i valori

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza Il direttore generale Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 Modernizzazione degli aiuti di Stato dell UE Documento di discussione Il presente documento espone a grandi

Dettagli

Tavolo La qualità del prodotto e dell esperienza turistica

Tavolo La qualità del prodotto e dell esperienza turistica Provincia Autonoma di Trento Dipartimento turismo, commercio, promozione e internazionalizzazione tsm Trentino School of Management SMT Scuola di Management del Turismo CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese CONFINDUSTRIA Avviso Comune CGIL CISL UIL Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese Il contesto Con l accordo europeo 20-20-20 l Italia dovrà raggiungere importanti ed onerosi obiettivi

Dettagli

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE PROF. VALTER CANTINO 1 L AZIENDA Soggetto unitario composto di più elementi diversi

Dettagli

Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale

Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale La valorizzazione dei beni immateriali: i metodi di valutazione Rag. Roberto Spaggiari Reggio Emilia 20 giugno 2013 Page 1 Tempi di crisi Coscienza

Dettagli

CABINA DI REGIA PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE. Roma, 18 luglio 2012 Ore 17:00 CONCLUSIONI

CABINA DI REGIA PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE. Roma, 18 luglio 2012 Ore 17:00 CONCLUSIONI CABINA DI REGIA PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE Roma, 18 luglio 2012 Ore 17:00 CONCLUSIONI La Cabina di Regia per l internazionalizzazione, nella sua prima riunione svoltasi il 18 luglio 2012 al Ministero

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

Labour market intelligence in Europa

Labour market intelligence in Europa Labour market intelligence in Europa di Mara Brugia* e Antonio Ranieri** Dal nostro punto di osservazione che è quello di chi guarda all insieme del sistema europeo della formazione professionale e del

Dettagli

Il modello lombardo visto dal Regno Unito

Il modello lombardo visto dal Regno Unito Il modello lombardo Direttore di ResPublica, Londra di Phillip Blond Le ragioni di un interesse 81 Vi sono diverse ragioni alla base del nostro interesse per la Lombardia e il suo modello di sviluppo che,

Dettagli

COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E PER L APPLICAZIONE DEL SISTEMA PREMIALE Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n.

Dettagli

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese Capitolo 9 Reti d impresa d e processi di internazionalizzazione delle PMI Indice Le principali teorie e modelli di internazionalizzazione Le esperienze di internazionalizzazione delle pmi italiane La

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311 VALUTAZIONE DELL INCIDENZA DELLE MISURE DI SVILUPPO RURALE SULLE SCELTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI E DEI LORO FAMILIARI CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA PROPENSIONE VERSO LA DIVERSIFICAZIONE. Premessa In

Dettagli

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Supplemento 1.2007 7 Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Venerio Brenaggi* Sommario 1. Il sistema turistico regionale nella l.r.

Dettagli

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori Le competenze organizzative come vantaggio distintivo di Domenico Bodega Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori rapidi nel pensiero, nel giudizio, nell azione e nella parola.

Dettagli

APERTURA DELL ASSESSORE MICHELA STANCHERIS

APERTURA DELL ASSESSORE MICHELA STANCHERIS Titolo documento: Progetto: ALL.1 Introduzione alla riunione di confronto con il partenariato politicoistituzionale e socio economico sui documenti di preparazione al Programma Triennale di Sviluppo Turistico

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli