Report MIND THE STEP: CASE STUDY ANALISI DELLE STRATEGIE AZIENDALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Report MIND THE STEP: CASE STUDY ANALISI DELLE STRATEGIE AZIENDALI"

Transcript

1 Report MIND THE STEP: CASE STUDY ANALISI DELLE STRATEGIE AZIENDALI A cura di: dr.ssa Federica Spinolo dr. Massimo Magni dr.ssa Katia Salemi CS&L Consorzio Sociale STRADA COMUNALE BASIANO-CAVENAGO CAVENAGO BRIANZA (MB) TEL FAX

2 MIND THE STEP: CASE STUDY 1 Se un disabile viene ammesso in una organizzazione che non procede a nessun cambiamento egli viene assimilato; se invece l'accoglimento comporta adattamento tanto da parte del disabile quanto da parte dell'organizzazione, allora si parla di integrazione. (A. Canevaro)

3 MIND THE STEP: CASE STUDY 2 Chi siamo L Area Lavoro di CS&L si occupa di interventi di mediazione socio-lavorativa a favore di persone svantaggiate. Queste attività erano già presenti nei consorzi che hanno dato vita a CS&L (consorzio Cascina Sofia e consorzio Lavorint), e dal 2002 Area Lavoro ha cominciato ad operare in maniera organica e coordinata con le oltre 40 realtà che attualmente compongono il Consorzio. Oggi Area Lavoro è un settore del Consorzio Sociale CS&L che raggruppa un team di operatori esperti di mediazione socio-lavorativa, che realizzano interventi finalizzati all inserimento lavorativo di persone svantaggiate. A partire dal 2008 l Area Lavoro CS&L ha ottenuto la certificazione ISO 9001:2000 per la gestione dei servizi di orientamento ed accompagnamento al lavoro di persone svantaggiate. Nel 2009 si è accreditata presso Regione Lombardia per la gestione dei servizi al lavoro e collabora con i piani occupazionali disabili delle Province di Milano e di Monza utilizzando i dispositivi delle Doti Lavoro. Le risorse che finanziano l Area Lavoro di CS&L Consorzio Sociale derivano da Enti Pubblici (Regione, Provincie, Comuni, Piani di Zona) e da Istituti privati ( fondazioni bancarie o aziendali). Area Lavoro gestisce direttamente Servizi e Progetti che si rivolgono a diversi target sociali: persone disoccupate, persone diversamente abili, persone con problemi psichici, persone con problematiche di dipendenza, adulti e minori con provvedimenti penali, persone che esprimono diverse forme di debolezza sociale. Area Lavoro di CS&L Consorzio Sociale gestisce attualmente alcuni servizi stabili, tra cui: Servizio Inserimenti Socio-Lavorativi (titolarità Afol Nord Milano sul territorio dei comuni di Cologno Monzese, Bresso, Cormano, Cinisello Balsamo, Sesto San Giovanni e Paderno Dugnano).

4 MIND THE STEP: CASE STUDY 3 Servizio Integrazione Socio-Lavorativa dei comuni dell ambito di Legnano (Capofila Cerro Maggiore e con i Comuni di Busto Garolfo, Canegrate, Dairago, Legnano, Rescaldina, Parabiago, S. Giorgio s/l, S. Vittore Olona, Villa Cortese). Progetto Reddito di Promozione Sociale (capofila Comune di Cernusco S.N. e con i Comuni di Cernusco sul Naviglio, Gorgonzola, Carugate, Cassina de Pecchi, Gessate, Bellinzago Lombardo, Pessano con Bornago, Bussero, Cambiago). Sono attivi, inoltre diversi progetti su temi specifici quali per esempio: la sensibilizzazione delle aziende per l inserimento lavorativo di disabili (legge 68/99), la prevenzione all uso e abuso di sostanze ed alcol nei luoghi di lavoro, gli interventi per favorire la coesione sociale in realtà territoriali problematiche.

5 MIND THE STEP: CASE STUDY 4 INTRODUZIONE AL CASE STUDY Nell ambito del progetto MIND THE STEP è prevista la realizzazione di due moduli : 1)UNA RICERCA ovvero l analisi delle strategie aziendali attraverso la realizzazione di interviste approfondite, secondo un sistema di analisi qualitativo, con i referenti del personale e le figure quadro dell azienda al fine di disegnare un quadro complessivo delle azioni messe in atto da ogni realtà per facilitare l integrazione lavorativa delle persone disabili 2)LA MOSTRA MIND ovvero la realizzazione di un percorso interattivo finalizzato a sensibilizzare i datori di lavoro, i lavoratori e i cittadini in genere riguardo alle difficoltà che una persona con disabilità può incontrare quotidianamente nello svolgimento del proprio lavoro o nella ricerca dello stesso. Questo report ha lo scopo di riportare per macro-aree quanto emerso dalla ricerca che è stata proposta a 10 aziende della Provincia di Milano; aziende che hanno messo in atto significative strategie di inclusione lavorativa di persone disabili e collaborazioni con i servizi di inserimento locali. E di riportare una sintesi delle impressioni dei partecipanti alla mostra raccolte a seguito della somministrazione di 110 questionari e 10 video-interviste.

6 MIND THE STEP: CASE STUDY 5 1) LA RICERCA Metodologia A partire dall esperienza di inserimento di alcune aziende pilota si sono approfonditi i diversi aspetti relativi ai temi dell assolvimento dell obbligo normativo ex L68/99. L analisi era rivolta ad indagare: - elementi quantitativi relativi alla dimensione dell azienda e delle unità organizzative interessate da un processo di inserimento lavorativo di soggetto disabile (in previsione o in essere); - elementi normativi relativi all utilizzo degli strumenti a disposizione per l assolvimento degli obblighi L68/99 (Convenzioni ex art 11, 12, art. 14 ex 267/04, esoneri parziali, sospensioni) - elementi qualitativi relativi alla fase di recruitment di soggetti disabili con particolare attenzione alle motivazioni che orientano o hanno orientato la scelta verso i diversi attori del mercato (Pubblicazione di offerte online, utilizzo di Agenzie per il Lavoro, Servizio Match, Servizio IDO dei Centri per l Impiego, SISL); - elementi quantitativi e qualitativi relativi alla fase di inserimento e monitoraggio di soggetti disabili con particolare attenzione alla dimensione Gruppo di lavoro ; - elementi quantitativi e qualitativi relativi alla lettura dello stato di benessere della persona inserita/assunta con particolare attenzione ad eventuali strategie formalizzate di monitoraggio post assunzione; - casi di insuccesso con particolare attenzione all interruzione di percorsi di inserimento lavorativo (BL/TF) e/o interruzione/mancato rinnovo di contratti di lavoro stipulati. L interesse per questi aspetti nasce dalla consapevolezza che gli inserimenti lavorativi sono possibili solo se si lavora in modo costitutivo sia con gli utenti del servizio che con il mondo delle imprese. Si è scelto di utilizzare delle interviste semi strutturate con aree di investigazione specifiche e con domande che consentissero di approfondire ogni singola area. Si tratta di conversazioni guidate e registrate che sono poi state sbobinate. In questa rilevazione non c è alcun intento statistico, ma piuttosto un esigenza conoscitiva di carattere qualitativo che consenta di far emergere l importanza dei processi sottesi all efficacia di un servizio complesso

7 MIND THE STEP: CASE STUDY 6 Il campione Sono state effettuate interviste con referenti di 10 imprese che hanno sperimentato (sia con successo che senza) inserimenti lavorativi con CS&L. Le informazioni riguardanti le imprese sono contenute nello schema sotto riportato e consentono di avere un quadro globale dei contesti lavorativi in cui le persone sono state inserite: i settori di mercato, la loro dislocazione sul territorio, gli inserimenti sperimentati, ecc. OSPEDALE FATEBENEFRATELLI Cernusco sul Naviglio (Mi) con CS&L dal 2013 Area produttiva inserimenti: di individuazione. Percorsi attivati: 0 SIAE MICROELETTRONICA Cologno Monzese (Mi) con CS&L dal 2003 Area produttiva inserimenti: collaudo e personale Percorsi attivati: 2 borse lavoro KIABI Rescaldina (Mi) con CS&L dal 2011 Area produttiva inserimenti : vendita e magazzino. Percorsi attivati: 10 tirocini

8 MIND THE STEP: CASE STUDY 7 TRAVAGLINI s.p.a Cinisello Balsamo (Mi) con CS&L dal 2006 Area produttiva inserimenti :amministrazione e magazzino Percorsi attivati: 3 tirocini e assunzione diretta CSBNO Paderno Dugnano(Mi) con CS&L dal 2006 Area produttiva inserimenti :prestito interbliotecario Percorsi attivati: 1 tirocinio CASTEL Pessano Conbornago (Mi) con CS&L dal 2006 Area produttiva inserimenti : produzione e magazzino Percorsi attivati: 1 tirocini e 4 borse lavoro

9 MIND THE STEP: CASE STUDY 8 FREER Cologno Monzese (Mi) con CS&L dal 2004 Area produttiva inserimenti :magazzino Percorsi attivati: 17 tirocini e 3 borse lavoro SESTO AUTOVEICOLI Sesto San Giovanni (Mi) con CS&L dal 2003 Area produttiva inserimenti : magazzino Percorsi attivati: 1 borsa lavoro e 1 assunzione diretta BETA 80 s.p.a Milano con CS&L dal 2010 Area produttiva inserimenti :coop sociale assemblaggio Percorsi attivati: art. 14 GEICO Cinisello Balsamo (Mi) con CS&L dal 2011 Area produttiva inserimenti :coop. Sociale reception Percorsi attivati: art 14

10 MIND THE STEP: CASE STUDY 9 Lo strumento: intervista approfondita 1. Conoscenza dei servizi di inserimento al lavoro di CS&L In che modo l impresa ha sviluppato la collaborazione con CS&L? Quali altri servizi/enti conosce? 2. Valutazione delle prassi di inserimento al lavoro Il nostro servizio si occupa di persone disabili secondo la normativa collocamento obbligatorio L68/99, madri single, migranti, persone che hanno perso il lavoro in età avanzata, giovani in situazione di abbandono scolastico, persone con un passato di dipende nza o di carcere. Qual è la categoria con cui lavora meglio? Quali sono le modalità utilizzate dall azienda e CS&L nei percorsi di inserimento al lavoro sperimentati? Pensi ad un assunzione in seguito ad un tirocinio; su cosa si è basata la decisione? Mi descriva un caso di insuccesso. Cosa non ha funzionato? 3. Le ragioni del no Quali sono le ragioni per cui decide di rivolgersi prioritariamente al Servizio e quali invece la orientano verso un altro soggetto di mediazione e/o somministrazione di personale del mercato del lavoro? Se ha utilizzato l'istituto dell'esonero parziale mi può esplicitare meglio il bilancio costi /benefici che ha operato? Quali sono stati gli elementi decisivi per questa scelta? Se non ha utilizzato l'istituto dell'esonero Parziale ha idea del perchè alcune aziende preferiscono pagare l esonero? 4. Desiderata dell'azienda Quali sono le caratteristiche di un buon percorso di inserimento? Cosa dovrebbe fare CS&L (il SIL) in modo differente domani? Di che tipo di supporto avete bisogno durante le fasi di inserimento? Cosa facilita l integrazione tra i collaboratori? 5. Post assunzione Nel caso di difficoltà che emergono dopo l assunzione sa a chi rivolgersi? Crede che sia utile un periodo di monitoraggio post assunzione? Se non risponde il servizio di inserimento al lavoro a chi fa riferimento? Potrebbe essere utile avere del materiale per affrontare eventuali difficoltà post assunzione? 6. Network di Imprese Come possiamo fidelizzare le aziende e ampliare la collaborazione con le imprese? Quali sono gli organismi aziendali da coinvolgere? Quali i canali di comunicazione efficace? le associazioni di categoria e/o altre aggregazioni imprenditoriali possono essere buoni tramite per far conoscere i Servizi CS&L. Quali sono i canali di sensibilizzazione aziendale? Esistono newsletters? Chi sono i referenti? Che ruolo potrebbero avere enti come Lyons e Rotary?

11 MIND THE STEP: CASE STUDY 10 I risultati area per area Vengono prese in considerazione le risposte fornite dalle aziende area per area con l intento di far emergere le informazioni più significative. In alcuni casi verranno riportati stralci di interviste a titolo esemplificativo. 1. Conoscenza dei servizi di inserimento al lavoro di CS&L I referenti delle imprese intervistate sono giunti a conoscenza dei servizi di CS&L in diversi modi (segnalati dalla Provincia, da altri interlocutori, autopromozione di CS&L). Un impresa ha utilizzato lo strumento della convenzione in art.14 affidandosi direttamente alla cooperativa sociale proponente, consorziata di CS&L. Quattro delle realtà intervistate hanno lavorato anche con altri servizi (Match, CAPAC, agenzie di lavoro temporaneo). Ciò che emerge da tutti gli intervistati è che il rapporto diretto con un referente che si occupa specificamente del reperimento aziende è stato fondamentale, così come il rapporto fiduciario istauratosi con CS&L. Il rapporto con i servizi CS&L è risultato soddisfacente sia per ragioni organizzative (i tempi rispettano le esigenze dell azienda), sia per la possibilità di avere rapporti diretti molto efficaci, sia perché CS&L ha dimostrato di avere una conoscenza approfondita delle persone da inserire. Sembra dunque che un indicatore di efficacia per le aziende, sia proprio la possibilità di avere un referente preciso e un servizio che orienta adeguatamente le persone. A puro titolo esemplificativo si riporta una affermazione precisa: Quando ci siamo rivolti ad agenzie di lavoro temporaneo non abbiamo riscontrato partecipazione nel percorso di inserimento e quindi abbiamo deciso di lavorare esclusivamente con CS&L

12 MIND THE STEP: CASE STUDY Valutazione delle prassi di inserimento al lavoro In quest area di indagine sono emerse molte informazioni interessanti. Un primo dato è che la collaborazione con CS&L è in 7 situazioni su 10 legata all ottemperanza della legge 68/99. I tirocini attuati sono quindi a favore di persone con certificazione di invalidità civile. In secondo luogo viene valorizzata l importanza del lavoro del servizio di inserimento lavorativo che fa degli approfondimenti che non competono all'azienda. Il momento della selezione è delicato e il colloquio è più fluido nel momento in cui l operatore della mediazione lavorativa riesce a delineare una precisa analisi funzionale delle competenze del candidato. In terzo luogo risulta fondamentale che il servizio di inserimento lavorativo operi con precisionele caratteristiche della mansione e le competenze necessarie per poterla svolgere. Sui casi di successo e insuccesso è emerso molto chiaramente che i criteri fondamentali sono in parte legati al lavoro del sisl (orientamento del candidato, conoscenza approfondita della persona, conoscenza del luogo di lavoro, supporto e tutoraggio costante, ecc.) e, per un altro lato, sono variabili legate al contesto lavorativo. La testimonianza che segue è esplicativa dell importanza del monitoraggio in situazione e del ruolo del tutor. Ritagliare bene le esigenze dell'azienda in modo da individuare bene la figura. Individuando bene la figura, le possibilità di insuccesso diminuiscono. Le esigenze di un'azienda come questa (metalmeccanica) possono essere soddisfatte solo se riuscite a capire bene le nostre richieste. Non basta vedere il cv; l'azienda deve far capire bene a voi la persona che si cerca. Insieme bisogna trovare la collocazione giusta. Le persone non devono essere abbandonate, sia si tratti di disabili o meno. Il supporto vostro o di un'assistente sociale è fondamentale per l'azienda. L'azienda vede lei, ma dietro c'è tutta le rete. Non mollare soprattutto nei primi tempi riesce a limitare gli insuccessi. Rilevante è anche l aspetto metodologico nelle diverse fasi di conoscenza tra la persona e l azienda e la possibilità di un lavoro concretamente congiunto tra l operatore del sisl e il referente aziendale: La presenza dell'operatore ha agevolato il colloquio perchè la persona si sentiva più a suo agio e gli interventi dell'operatore sono sempre stati opportuni. Durante il tirocinio abbiamo fatto diversi incontri con l'operatore...sono stati incontri proficui perchè ci davano il termometro della situazione: come noi venivamo percepiti dalla persona e come percepivamo noi. Abbiamo fatto un cammino insieme e per

13 MIND THE STEP: CASE STUDY 12 questo ci siamo trovati bene. E' stato importante che si creasse una squadra in cui dove non riusciva ad arrivare la persona disabile, il collega di turno, a livello informale, riusciva a modulare il carico di lavoro. Il responsabile del magazzino, tutor, non era sempre presente ed erano i colleghi a sollevare la persona da eccessivi carichi di lavoro che tendeva a prendersi. Lo spirito di squadra permette che ognuno dia una mano all'altro. In alcune situazioni (2 su 10) una collaborazione molto consolidata permette l assunzione di una metodologia nella quale è possibile una delega al servizio di inserimento lavorativo anche sulla scelta del candidato.il focus dell intervento si sposta sulla valutazione on the job e il colloquio di selezione diventa un colloquio di semplice presentazione Un ragionamento a parte deve essere affrontato relativamente alla stipula di convenizoni in art.14, che vede il soggetto cooperativa sociale maggiormente impegnato nella gestione di tutte le fasi dell inserimento in una modalità "chiavi in mano", ovvero il lavoro di selezione e di inserimento dei candidati viene operato dalla cooperativa in raccordo con i servizi territoriali.

14 MIND THE STEP: CASE STUDY Le ragioni del no Interessava cogliere quali sono gli ostacoli dell azienda nel procedere agli inserimenti lavorativi. La questione degli esoneri è un dato fondamentale che è emerso con chiarezza in termini di bilancio costi/benefici da parte dell impresa, ma anche come strumento che preserva l azienda da percorsi di inserimento complessi, che non sempre portano a risultati positivi. I dati ostativi ad inserire persone disabili hanno a volte delle giustificazioni oggettive, sulle quali può essere utile riflettere, perché non possono rientrare nella semplice non disponibilità dell impresa, ma piuttosto nella complessità strutturale dei luoghi di lavoro che sono anche luoghi di vita e di relazione. Se questa è una delle ragioni (la possibilità di avere anche relazioni umane) per le quali ha senso lavorare in termini di inserimento, è qualche volta anche la ragione che ne costituisce il principale ostacolo. Accanto a questa valutazione segue anche la considerazione successiva, che mette in rilievo un dato fondamentale: E raro avere necessità di personale con un'esperienza generica: la specializzazione formativa è un ostacolo all'inserimento della categoria protetta 4. Desiderata dell'azienda In quest area abbiamo richiesto ai referenti aziendali di identificare le caratteristiche che le aziende intervistate trovano nei servizi di CS&L e che vorrebbero trovare in futuro. La premessa per tutte le dieci realtà intervistate è una collaborazione soddisfacente. Le indicazioni più significative sono quelle che dettaglieremo in questo paragrafo. Maggior proattività Due aziende hanno evidenziato che sarebbe utile che i servizi di inserimento lavorativo prendano spunto dalle società che si occupano di selezione puntando sulla proposizione al cliente, non solo pubblico ma anche privato. Il consiglio è quello di presentare alle aziende l elenco dei servizi offerti in modo chiaro, far capire che gli ostacoli che vede l azienda non sono impossibili da affrontare. Il vostro target è rintracciare aziende ed entrarci dentro: vedere qual è l'esigenza, vivere l'ambiente. Voi avete un ottimo argomento (obbligo di legge), se conoscete la cultura, l'ambiente e i processi aziendali riuscite a collocare meglio le persone Definizione di una job description insieme all azienda Viene indicato come fondamentale definire una check list che spiega le peculiarità del ruolo vacante in azienda: non basta addetto al magazzino è necessario sapere se i carrelli da trasportare sono di 5 kg o di 1 kg, se gli ambienti sono al chiuso o si deve svolgere del lavoro anche all aperto

15 MIND THE STEP: CASE STUDY 14 Anche in questa sezione viene evidenziato da più aziende come il colloquio sia un momento stressante per i candidati e per tale ragione spesso non si entra nel dettaglio dei processi di lavoro. La richiesta che viene fatta a CS&L è quella di raccogliere più dati possibili della postazione lavorativa e richiedere alle aziende una job description in modo da permettere un abbinamento candidato-azienda che risponda al meglio le esigenze di entrambi. Momenti strutturati E apprezzato il fatto che il tirocinio prevede dei momenti strutturati. E importante dare all'azienda una cornice che descriva la modalità di attuazione del tirocinio, anche strutturando l'elenco degli incontri in modo che il referente aziendale sappia quando si incontrerà con il tutor e la persona. (ad esempio: un tirocinio che dura 6 mesi ha 9 incontri a cui si possono aggiungere incontri ad hoc nel caso di difficoltà). Questo elemento permette di orientare l'azienda. Il costante affiancamento del tutor Il ruolo del tutor del servizio di inserimento lavorativo viene valorizzato da tutte le aziende intervistate. La presenza del tutor è utile per sfondare il muro della diffidenza dell azienda e dei colleghi, per trovare una collocazione giusta della persona in ambito produttivo, per sostenere la persona in momenti critici e per formare on the job il tutor aziendale rispetto alle competenze della persona inserita. Gli insuccessi sono legati a inserimenti che l'azienda ha fatto da sola, non legati a tirocini. Per l umore dei colleghi la cosa peggiore sono gli insuccessi...bisogna evitare di farne Capacità di immedesimazione di un problema Il tutor si fa carico della gestione di eventuali problemi che sorgono in azienda. Un'azienda cerca questo, insieme alla velocità e alla precisione della risposta.

16 MIND THE STEP: CASE STUDY Post assunzione Referenti precisi, numeri di telefono, procedure tempestive di intervento da parte del servizio di inserimento lavorativo sono indicate da tutti come le variabili che danno garanzia all impresa e che le consentono di intervenire adeguatamente nelle fasi difficili di un inserimento anche in seguito all assunzione. Quando questa possibilità manca l organizzazione si è trovata ad utilizzare risorse esterne (sindacalisti, medici del lavoro) oppure è intervenuto il referente interno per la l.68/99 ( che però non è una prassi di tutti). Non ci sono persone che non abbiano dei cicli, io ho una preparazione poco adeguata ad affrontare questo tipo di problemi. Mi trovo in un ruolo datoriale e quindi se intervengo io ha un peso grosso per il dipendente. Per un'azienda il discorso non finisce con l'assunzione. Sarebbe bello sondare periodicamente il grado di soddisfazione delle persone inserite dopo il tirocinio. Io vorrei che il rapporto con le persone prosegua anche dopo il tirocinio. E anche Il percorso di inserimento della categoria protetta non termina mai. Certo, con il tempo impareremo a conoscere la persona,ma credo che sia importante che possiamo far riferimento alla professionalità degli operatori della cooperativa, che sono preparati ad affrontare eventi critici. Anche questo aspetto dà sicurezza rispetto all'utilità dell'art Network di Imprese Il solo fatto di aver chiesto dei consigli agli imprenditori qui rappresentati, ha messo in atto una effettiva disponibilità sia sul piano delle possibili idee, sia sul piano dell impegno personale. Provincia di Milano Uno strumento di conoscenza e garanzia è la Provincia di Milano:secondo tutte le dieci realtà intervistate sarebbe molto utile inserire i contatti di CS&L e i servizi proposti sul sito della provincia di Milano in modo da aumentare la visibilità dei servizi di inserimenti lavorativo. Questo permetterebbe anche alle aziende di affidarsi ai servizi. Relazioni personali - testimonial Le persone intervistate si sono rese disponibili a fare da tramite e da testimonial di buone practice attraverso il passaparola con responsabili risorse umane di altre aziende, con le quali sono in contatto. E importante che un responsabile delle risorse umane parli con un altro responsabile; è visto come chiedere le referenze. Un valore aggiunto che viene richiesto è la consulenza rispetto alla normativa e agli aspetti economici. Loro vogliono sapere SOLO quali sono i vantaggi per le aziende. La parola gratuito che era stato inserito nel video della provincia di Milano è un vantaggio, ma dovete puntare sul tipo di supporto che date alle aziende e sui servizi che vengono dati

17 MIND THE STEP: CASE STUDY 16 Sensibilizzazione Gli interventi di sensibilizzazione sono più efficaci se adeguatamente pubblicizzati. In particolar modo i referenti aziendali intervistati si chiedono se possono essere utili e funzionali per i dipendenti e per l azienda. Associazioni Le associazioni di categoria non vengono legate all'inserimento lavorativo disabili e a parere degli intervistati non sono uno strumento utile di diffusione dei servizi di inserimento lavorativo Viene indicata l associazione Rotary come una possibile vetrina poichè gli iscritti al Rotary sono professionisti, ma anche imprenditori. La legge 68. ha dato un impronta diversa all'inserimento delle categorie protette. Bisogna passare il messaggio che il lavoratore disabile a tutti gli effetti è normale. è necessario trovare una persona che ti dia una mano effettiva. Il rotary stava cercando di fare un'azione di sensibilizzazione importante, e può parlare ad un target di persone che possono aiutare. Il mondo Rotary è fatto di club, si deve parlare con i club più grandi. Io non ci avevo pensato prima di questa intervista, ma lo farò. Lo proporrò al mio club

18 MIND THE STEP: CASE STUDY 17 Follow up In data 30 ottobre 2013, a circa 3 mesi dalle interviste individuali semistrutturate, sono stati presentati i risultati della ricerca a tutte le aziende in un incontro a cui hanno partecipato i referenti delle aziende intervistate, l intervistatrice, la psicologa del servizio di inserimenti lavorativi CS&L di Cologno Monzese, due operatori del servizio e il referente aziende del servizio. La possibilità di ritrovarsi in un momento dedicato, ha fatto emergere un ricco confronto tra responsabili delle risorse umane e gli operatori del servizio di inserimenti lavorativi. Si sono riprese delle aree considerate più calde rispetto all inserimento lavorativo di persone disabili. I referenti aziendali si sono confrontati su come alcune aziende ritengano che il personale disabile con alta specializzazione costi molto di più di personale non disabile poiché viene conteso da più realtà. Altre aziende ritengono che le persone disabili si spengano prima, che non siano in grado di garantire una costanza di produttività sul lungo periodo. Rispetto al monitoraggio post assunzione vengono ritenuti molto importanti incontri di follow up post assunzione a cadenza semestrale o annuale (un referente aziendale afferma: non mi potete abbandonare dopo l assunzione, poiché se l azienda viene abbandonata perde l interesse a continuare il percorso ). Rispetto al rapporto tra azienda e servizio di inserimento lavorativo, viene data la disponibilità da parte di tutti i presenti a diventare testimoni di buone pratiche, attraverso la valorizzazione di casi di successo o semplicemente attraverso la possibilità di preparare delle referenze per i servizi di Inserimento Lavorativo in modo che possano presentarsi a nuove aziende con racconti di esperienze positive. Viene evidenziato quanto sia stato importante il momento di follow up, a prescindere dalla presentazione dei risultati della ricerca, per poter conoscere i diversi professionisti che compongono l équipe, con le loro competenze complementari. Spesso l azienda fa riferimento ad uno o due professionisti del servizio di inserimenti lavorativi e non percepisce la complessità della rete in cui lavora l operatore della mediazione lavorativa, composta dalla propria équipe, dal proprio servizio, dal servizio sociale, dal piano di zona, dai servizi specialistici e dalle aziende. Un momento di questo tipo è riuscito a mettere in luce tutti gli interlocutori ed è stato apprezzato e valorizzato dalle aziende presenti.

19 MIND THE STEP: CASE STUDY 18 Conclusioni Lo strumento di indagine proposto ha permesso di creare una forma di conversazione di tipo dialogico in un clima di comprensione fra due culture: quella aziendale e quella della cooperazione sociale che spesso utilizzano linguaggi diversi. Il dialogo, legato alla modalità di indagine one to one, ha permesso di rallentare la conversazione, di ascoltare i livelli più profondi del discorso, di meta-comunicare sulle esperienze fatte e di evidenziare in che modo i percorsi di inserimento al lavoro siano migliorabili. Esistono datori di lavoro e responsabili delle risorse umane (una minoranza in crescita) che, per cultura propria e in seguito ad esperienze positive vissute con le persone inserite, hanno assunto un atteggiamento collaborativo, che testimonia nella pratica e non solo a parole, la possibilità di rendere concreta la responsabilità sociale di impresa. Questi soggetti costituiscono per noi una risorsa fondamentale che vogliamo valorizzare e potenziare affinché sia possibile aumentare l efficacia delle strategie di sensibilizzazione. Vogliamo sperimentare una nuova forma di comunicazione sociale e di sensibilizzazione che non solo si rivolge alle imprese, ma che parte dalle imprese e le loro esperienze

20 MIND THE STEP: CASE STUDY 19 2) MIND E LE IMPRESSIONI DEI VISITATORI MIND è una mostra interattiva, un occasione per sensibilizzare i datori di lavoro e le aziende, ma anche i giovani e gli adulti, riguardo alle difficoltà che una persona con disabilità si trova ad affrontare quotidianamente nello svolgimento del proprio lavoro o nella ricerca dello stesso. Le parole chiave di MIND sono interattività e buone pratiche. La mostra si articola in cinque spazi progettati per far sperimentare ai visitatori i disagi che una persona con disabilità può incontrare nel mondo del lavoro. Il percorso prevede l allestimento di alcune stanze dedicate alle difficoltà motorie, altre a quelle sensoriali e cognitive. Il visitatore, ad esempio, prova a mettersi nei panni di una persona con disabilità e a farsi assumere da un ipotetica azienda sostenendo un colloquio di lavoro riprodotto tramite un programma informatico che gli consente di rispondere alle domande che un presunto selezionatore potrebbe fargli. In questo modo si scontra con i pregiudizi e le difficoltà che una persona con disabilità può incontrare nella ricerca di un posto di lavoro. Oppure è inviato a percorrere con una sedia a rotelle uno spazio angusto e pieno di ostacoli al fine di eseguire un compito affidatogli. Dopo aver sperimentato in prima persona tali difficoltà i visitatori possono prendere visione delle opportunità esistenti oggi (in termini di dispositivi e servizi) a cui è possibile accedere affinché queste problematiche possano essere affrontate. Mind è stata realizzata in 3 luoghi, presso: - l azienda LE STRADE DEL FRESCO di Legnano - LA FILANDA di Cernusco sul Naviglio - IL PERTINI centro culturale multimediale di Cinisello Balsamo Le varie edizioni della mostra sono state frequentate da circa 500 persone, tra cui giovani, adulti, datori di lavoro, lavoratori, inoccupati, studenti e persone con disabilità occupate e non. A 110 persone è stato somministrato un questionario e a 10 è stata proposta una video intervista; entrambi gli strumenti mirano a comprendere la percezione che gli intervistati hanno riguardo all inserimento lavorativo di persone con disabilità e quanto la mostra sia stata efficace riguardo al suo obiettivo di sensibilizzazione.

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Ricerca finalizzata 2009 Ministero della Salute

Ricerca finalizzata 2009 Ministero della Salute OBIETTIVI(1) Miglioramento della Qualità delle inchieste infortunio svolte dal SPSAL della ASL di Milano attraverso l utilizzo di indicatori e dei flussi informativi INAIL OBIETTIVI(2) Garantire Omogeneità

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Presentazione Si presenta l indagine qualitativa, effettuata con interviste, nel mese di luglio

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)?

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? Il Progetto Caratteristiche del progetto 1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? L idea è di creare un centro giovani in Parrocchia

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Gentili colleghi, il presente questionario ha lo scopo di raccogliere le vostre percezioni relativamente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Progetto Buone Prassi sull inserimento e il mantenimento al lavoro dei disabili nella Regione Lombardia

Progetto Buone Prassi sull inserimento e il mantenimento al lavoro dei disabili nella Regione Lombardia Progetto Buone Prassi sull inserimento e il mantenimento al lavoro dei disabili nella Regione Lombardia 1.1 Introduzione: obiettivi della ricerca e metodologia... 5 1.1.1 Obiettivi... 5 1.1.2 Il contesto

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento Continuiamo con la nostra serie di interviste ad operatori che si occupano dell'applicazione delle attuali leggi sui consumi di sostanze Oggi incontriamo il dr. Francesco Ruffa - Medico Chirurgo, referente

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

I nostri corsi serali

I nostri corsi serali I nostri corsi serali del settore informatica Progettazione WEB WEB marketing Anno formativo 2014-15 L Agenzia per la Formazione, l Orientamento e il Lavoro Nord Milano nasce dall unione di importanti

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli