Report MIND THE STEP: CASE STUDY ANALISI DELLE STRATEGIE AZIENDALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Report MIND THE STEP: CASE STUDY ANALISI DELLE STRATEGIE AZIENDALI"

Transcript

1 Report MIND THE STEP: CASE STUDY ANALISI DELLE STRATEGIE AZIENDALI A cura di: dr.ssa Federica Spinolo dr. Massimo Magni dr.ssa Katia Salemi CS&L Consorzio Sociale STRADA COMUNALE BASIANO-CAVENAGO CAVENAGO BRIANZA (MB) TEL FAX

2 MIND THE STEP: CASE STUDY 1 Se un disabile viene ammesso in una organizzazione che non procede a nessun cambiamento egli viene assimilato; se invece l'accoglimento comporta adattamento tanto da parte del disabile quanto da parte dell'organizzazione, allora si parla di integrazione. (A. Canevaro)

3 MIND THE STEP: CASE STUDY 2 Chi siamo L Area Lavoro di CS&L si occupa di interventi di mediazione socio-lavorativa a favore di persone svantaggiate. Queste attività erano già presenti nei consorzi che hanno dato vita a CS&L (consorzio Cascina Sofia e consorzio Lavorint), e dal 2002 Area Lavoro ha cominciato ad operare in maniera organica e coordinata con le oltre 40 realtà che attualmente compongono il Consorzio. Oggi Area Lavoro è un settore del Consorzio Sociale CS&L che raggruppa un team di operatori esperti di mediazione socio-lavorativa, che realizzano interventi finalizzati all inserimento lavorativo di persone svantaggiate. A partire dal 2008 l Area Lavoro CS&L ha ottenuto la certificazione ISO 9001:2000 per la gestione dei servizi di orientamento ed accompagnamento al lavoro di persone svantaggiate. Nel 2009 si è accreditata presso Regione Lombardia per la gestione dei servizi al lavoro e collabora con i piani occupazionali disabili delle Province di Milano e di Monza utilizzando i dispositivi delle Doti Lavoro. Le risorse che finanziano l Area Lavoro di CS&L Consorzio Sociale derivano da Enti Pubblici (Regione, Provincie, Comuni, Piani di Zona) e da Istituti privati ( fondazioni bancarie o aziendali). Area Lavoro gestisce direttamente Servizi e Progetti che si rivolgono a diversi target sociali: persone disoccupate, persone diversamente abili, persone con problemi psichici, persone con problematiche di dipendenza, adulti e minori con provvedimenti penali, persone che esprimono diverse forme di debolezza sociale. Area Lavoro di CS&L Consorzio Sociale gestisce attualmente alcuni servizi stabili, tra cui: Servizio Inserimenti Socio-Lavorativi (titolarità Afol Nord Milano sul territorio dei comuni di Cologno Monzese, Bresso, Cormano, Cinisello Balsamo, Sesto San Giovanni e Paderno Dugnano).

4 MIND THE STEP: CASE STUDY 3 Servizio Integrazione Socio-Lavorativa dei comuni dell ambito di Legnano (Capofila Cerro Maggiore e con i Comuni di Busto Garolfo, Canegrate, Dairago, Legnano, Rescaldina, Parabiago, S. Giorgio s/l, S. Vittore Olona, Villa Cortese). Progetto Reddito di Promozione Sociale (capofila Comune di Cernusco S.N. e con i Comuni di Cernusco sul Naviglio, Gorgonzola, Carugate, Cassina de Pecchi, Gessate, Bellinzago Lombardo, Pessano con Bornago, Bussero, Cambiago). Sono attivi, inoltre diversi progetti su temi specifici quali per esempio: la sensibilizzazione delle aziende per l inserimento lavorativo di disabili (legge 68/99), la prevenzione all uso e abuso di sostanze ed alcol nei luoghi di lavoro, gli interventi per favorire la coesione sociale in realtà territoriali problematiche.

5 MIND THE STEP: CASE STUDY 4 INTRODUZIONE AL CASE STUDY Nell ambito del progetto MIND THE STEP è prevista la realizzazione di due moduli : 1)UNA RICERCA ovvero l analisi delle strategie aziendali attraverso la realizzazione di interviste approfondite, secondo un sistema di analisi qualitativo, con i referenti del personale e le figure quadro dell azienda al fine di disegnare un quadro complessivo delle azioni messe in atto da ogni realtà per facilitare l integrazione lavorativa delle persone disabili 2)LA MOSTRA MIND ovvero la realizzazione di un percorso interattivo finalizzato a sensibilizzare i datori di lavoro, i lavoratori e i cittadini in genere riguardo alle difficoltà che una persona con disabilità può incontrare quotidianamente nello svolgimento del proprio lavoro o nella ricerca dello stesso. Questo report ha lo scopo di riportare per macro-aree quanto emerso dalla ricerca che è stata proposta a 10 aziende della Provincia di Milano; aziende che hanno messo in atto significative strategie di inclusione lavorativa di persone disabili e collaborazioni con i servizi di inserimento locali. E di riportare una sintesi delle impressioni dei partecipanti alla mostra raccolte a seguito della somministrazione di 110 questionari e 10 video-interviste.

6 MIND THE STEP: CASE STUDY 5 1) LA RICERCA Metodologia A partire dall esperienza di inserimento di alcune aziende pilota si sono approfonditi i diversi aspetti relativi ai temi dell assolvimento dell obbligo normativo ex L68/99. L analisi era rivolta ad indagare: - elementi quantitativi relativi alla dimensione dell azienda e delle unità organizzative interessate da un processo di inserimento lavorativo di soggetto disabile (in previsione o in essere); - elementi normativi relativi all utilizzo degli strumenti a disposizione per l assolvimento degli obblighi L68/99 (Convenzioni ex art 11, 12, art. 14 ex 267/04, esoneri parziali, sospensioni) - elementi qualitativi relativi alla fase di recruitment di soggetti disabili con particolare attenzione alle motivazioni che orientano o hanno orientato la scelta verso i diversi attori del mercato (Pubblicazione di offerte online, utilizzo di Agenzie per il Lavoro, Servizio Match, Servizio IDO dei Centri per l Impiego, SISL); - elementi quantitativi e qualitativi relativi alla fase di inserimento e monitoraggio di soggetti disabili con particolare attenzione alla dimensione Gruppo di lavoro ; - elementi quantitativi e qualitativi relativi alla lettura dello stato di benessere della persona inserita/assunta con particolare attenzione ad eventuali strategie formalizzate di monitoraggio post assunzione; - casi di insuccesso con particolare attenzione all interruzione di percorsi di inserimento lavorativo (BL/TF) e/o interruzione/mancato rinnovo di contratti di lavoro stipulati. L interesse per questi aspetti nasce dalla consapevolezza che gli inserimenti lavorativi sono possibili solo se si lavora in modo costitutivo sia con gli utenti del servizio che con il mondo delle imprese. Si è scelto di utilizzare delle interviste semi strutturate con aree di investigazione specifiche e con domande che consentissero di approfondire ogni singola area. Si tratta di conversazioni guidate e registrate che sono poi state sbobinate. In questa rilevazione non c è alcun intento statistico, ma piuttosto un esigenza conoscitiva di carattere qualitativo che consenta di far emergere l importanza dei processi sottesi all efficacia di un servizio complesso

7 MIND THE STEP: CASE STUDY 6 Il campione Sono state effettuate interviste con referenti di 10 imprese che hanno sperimentato (sia con successo che senza) inserimenti lavorativi con CS&L. Le informazioni riguardanti le imprese sono contenute nello schema sotto riportato e consentono di avere un quadro globale dei contesti lavorativi in cui le persone sono state inserite: i settori di mercato, la loro dislocazione sul territorio, gli inserimenti sperimentati, ecc. OSPEDALE FATEBENEFRATELLI Cernusco sul Naviglio (Mi) con CS&L dal 2013 Area produttiva inserimenti: di individuazione. Percorsi attivati: 0 SIAE MICROELETTRONICA Cologno Monzese (Mi) con CS&L dal 2003 Area produttiva inserimenti: collaudo e personale Percorsi attivati: 2 borse lavoro KIABI Rescaldina (Mi) con CS&L dal 2011 Area produttiva inserimenti : vendita e magazzino. Percorsi attivati: 10 tirocini

8 MIND THE STEP: CASE STUDY 7 TRAVAGLINI s.p.a Cinisello Balsamo (Mi) con CS&L dal 2006 Area produttiva inserimenti :amministrazione e magazzino Percorsi attivati: 3 tirocini e assunzione diretta CSBNO Paderno Dugnano(Mi) con CS&L dal 2006 Area produttiva inserimenti :prestito interbliotecario Percorsi attivati: 1 tirocinio CASTEL Pessano Conbornago (Mi) con CS&L dal 2006 Area produttiva inserimenti : produzione e magazzino Percorsi attivati: 1 tirocini e 4 borse lavoro

9 MIND THE STEP: CASE STUDY 8 FREER Cologno Monzese (Mi) con CS&L dal 2004 Area produttiva inserimenti :magazzino Percorsi attivati: 17 tirocini e 3 borse lavoro SESTO AUTOVEICOLI Sesto San Giovanni (Mi) con CS&L dal 2003 Area produttiva inserimenti : magazzino Percorsi attivati: 1 borsa lavoro e 1 assunzione diretta BETA 80 s.p.a Milano con CS&L dal 2010 Area produttiva inserimenti :coop sociale assemblaggio Percorsi attivati: art. 14 GEICO Cinisello Balsamo (Mi) con CS&L dal 2011 Area produttiva inserimenti :coop. Sociale reception Percorsi attivati: art 14

10 MIND THE STEP: CASE STUDY 9 Lo strumento: intervista approfondita 1. Conoscenza dei servizi di inserimento al lavoro di CS&L In che modo l impresa ha sviluppato la collaborazione con CS&L? Quali altri servizi/enti conosce? 2. Valutazione delle prassi di inserimento al lavoro Il nostro servizio si occupa di persone disabili secondo la normativa collocamento obbligatorio L68/99, madri single, migranti, persone che hanno perso il lavoro in età avanzata, giovani in situazione di abbandono scolastico, persone con un passato di dipende nza o di carcere. Qual è la categoria con cui lavora meglio? Quali sono le modalità utilizzate dall azienda e CS&L nei percorsi di inserimento al lavoro sperimentati? Pensi ad un assunzione in seguito ad un tirocinio; su cosa si è basata la decisione? Mi descriva un caso di insuccesso. Cosa non ha funzionato? 3. Le ragioni del no Quali sono le ragioni per cui decide di rivolgersi prioritariamente al Servizio e quali invece la orientano verso un altro soggetto di mediazione e/o somministrazione di personale del mercato del lavoro? Se ha utilizzato l'istituto dell'esonero parziale mi può esplicitare meglio il bilancio costi /benefici che ha operato? Quali sono stati gli elementi decisivi per questa scelta? Se non ha utilizzato l'istituto dell'esonero Parziale ha idea del perchè alcune aziende preferiscono pagare l esonero? 4. Desiderata dell'azienda Quali sono le caratteristiche di un buon percorso di inserimento? Cosa dovrebbe fare CS&L (il SIL) in modo differente domani? Di che tipo di supporto avete bisogno durante le fasi di inserimento? Cosa facilita l integrazione tra i collaboratori? 5. Post assunzione Nel caso di difficoltà che emergono dopo l assunzione sa a chi rivolgersi? Crede che sia utile un periodo di monitoraggio post assunzione? Se non risponde il servizio di inserimento al lavoro a chi fa riferimento? Potrebbe essere utile avere del materiale per affrontare eventuali difficoltà post assunzione? 6. Network di Imprese Come possiamo fidelizzare le aziende e ampliare la collaborazione con le imprese? Quali sono gli organismi aziendali da coinvolgere? Quali i canali di comunicazione efficace? le associazioni di categoria e/o altre aggregazioni imprenditoriali possono essere buoni tramite per far conoscere i Servizi CS&L. Quali sono i canali di sensibilizzazione aziendale? Esistono newsletters? Chi sono i referenti? Che ruolo potrebbero avere enti come Lyons e Rotary?

11 MIND THE STEP: CASE STUDY 10 I risultati area per area Vengono prese in considerazione le risposte fornite dalle aziende area per area con l intento di far emergere le informazioni più significative. In alcuni casi verranno riportati stralci di interviste a titolo esemplificativo. 1. Conoscenza dei servizi di inserimento al lavoro di CS&L I referenti delle imprese intervistate sono giunti a conoscenza dei servizi di CS&L in diversi modi (segnalati dalla Provincia, da altri interlocutori, autopromozione di CS&L). Un impresa ha utilizzato lo strumento della convenzione in art.14 affidandosi direttamente alla cooperativa sociale proponente, consorziata di CS&L. Quattro delle realtà intervistate hanno lavorato anche con altri servizi (Match, CAPAC, agenzie di lavoro temporaneo). Ciò che emerge da tutti gli intervistati è che il rapporto diretto con un referente che si occupa specificamente del reperimento aziende è stato fondamentale, così come il rapporto fiduciario istauratosi con CS&L. Il rapporto con i servizi CS&L è risultato soddisfacente sia per ragioni organizzative (i tempi rispettano le esigenze dell azienda), sia per la possibilità di avere rapporti diretti molto efficaci, sia perché CS&L ha dimostrato di avere una conoscenza approfondita delle persone da inserire. Sembra dunque che un indicatore di efficacia per le aziende, sia proprio la possibilità di avere un referente preciso e un servizio che orienta adeguatamente le persone. A puro titolo esemplificativo si riporta una affermazione precisa: Quando ci siamo rivolti ad agenzie di lavoro temporaneo non abbiamo riscontrato partecipazione nel percorso di inserimento e quindi abbiamo deciso di lavorare esclusivamente con CS&L

12 MIND THE STEP: CASE STUDY Valutazione delle prassi di inserimento al lavoro In quest area di indagine sono emerse molte informazioni interessanti. Un primo dato è che la collaborazione con CS&L è in 7 situazioni su 10 legata all ottemperanza della legge 68/99. I tirocini attuati sono quindi a favore di persone con certificazione di invalidità civile. In secondo luogo viene valorizzata l importanza del lavoro del servizio di inserimento lavorativo che fa degli approfondimenti che non competono all'azienda. Il momento della selezione è delicato e il colloquio è più fluido nel momento in cui l operatore della mediazione lavorativa riesce a delineare una precisa analisi funzionale delle competenze del candidato. In terzo luogo risulta fondamentale che il servizio di inserimento lavorativo operi con precisionele caratteristiche della mansione e le competenze necessarie per poterla svolgere. Sui casi di successo e insuccesso è emerso molto chiaramente che i criteri fondamentali sono in parte legati al lavoro del sisl (orientamento del candidato, conoscenza approfondita della persona, conoscenza del luogo di lavoro, supporto e tutoraggio costante, ecc.) e, per un altro lato, sono variabili legate al contesto lavorativo. La testimonianza che segue è esplicativa dell importanza del monitoraggio in situazione e del ruolo del tutor. Ritagliare bene le esigenze dell'azienda in modo da individuare bene la figura. Individuando bene la figura, le possibilità di insuccesso diminuiscono. Le esigenze di un'azienda come questa (metalmeccanica) possono essere soddisfatte solo se riuscite a capire bene le nostre richieste. Non basta vedere il cv; l'azienda deve far capire bene a voi la persona che si cerca. Insieme bisogna trovare la collocazione giusta. Le persone non devono essere abbandonate, sia si tratti di disabili o meno. Il supporto vostro o di un'assistente sociale è fondamentale per l'azienda. L'azienda vede lei, ma dietro c'è tutta le rete. Non mollare soprattutto nei primi tempi riesce a limitare gli insuccessi. Rilevante è anche l aspetto metodologico nelle diverse fasi di conoscenza tra la persona e l azienda e la possibilità di un lavoro concretamente congiunto tra l operatore del sisl e il referente aziendale: La presenza dell'operatore ha agevolato il colloquio perchè la persona si sentiva più a suo agio e gli interventi dell'operatore sono sempre stati opportuni. Durante il tirocinio abbiamo fatto diversi incontri con l'operatore...sono stati incontri proficui perchè ci davano il termometro della situazione: come noi venivamo percepiti dalla persona e come percepivamo noi. Abbiamo fatto un cammino insieme e per

13 MIND THE STEP: CASE STUDY 12 questo ci siamo trovati bene. E' stato importante che si creasse una squadra in cui dove non riusciva ad arrivare la persona disabile, il collega di turno, a livello informale, riusciva a modulare il carico di lavoro. Il responsabile del magazzino, tutor, non era sempre presente ed erano i colleghi a sollevare la persona da eccessivi carichi di lavoro che tendeva a prendersi. Lo spirito di squadra permette che ognuno dia una mano all'altro. In alcune situazioni (2 su 10) una collaborazione molto consolidata permette l assunzione di una metodologia nella quale è possibile una delega al servizio di inserimento lavorativo anche sulla scelta del candidato.il focus dell intervento si sposta sulla valutazione on the job e il colloquio di selezione diventa un colloquio di semplice presentazione Un ragionamento a parte deve essere affrontato relativamente alla stipula di convenizoni in art.14, che vede il soggetto cooperativa sociale maggiormente impegnato nella gestione di tutte le fasi dell inserimento in una modalità "chiavi in mano", ovvero il lavoro di selezione e di inserimento dei candidati viene operato dalla cooperativa in raccordo con i servizi territoriali.

14 MIND THE STEP: CASE STUDY Le ragioni del no Interessava cogliere quali sono gli ostacoli dell azienda nel procedere agli inserimenti lavorativi. La questione degli esoneri è un dato fondamentale che è emerso con chiarezza in termini di bilancio costi/benefici da parte dell impresa, ma anche come strumento che preserva l azienda da percorsi di inserimento complessi, che non sempre portano a risultati positivi. I dati ostativi ad inserire persone disabili hanno a volte delle giustificazioni oggettive, sulle quali può essere utile riflettere, perché non possono rientrare nella semplice non disponibilità dell impresa, ma piuttosto nella complessità strutturale dei luoghi di lavoro che sono anche luoghi di vita e di relazione. Se questa è una delle ragioni (la possibilità di avere anche relazioni umane) per le quali ha senso lavorare in termini di inserimento, è qualche volta anche la ragione che ne costituisce il principale ostacolo. Accanto a questa valutazione segue anche la considerazione successiva, che mette in rilievo un dato fondamentale: E raro avere necessità di personale con un'esperienza generica: la specializzazione formativa è un ostacolo all'inserimento della categoria protetta 4. Desiderata dell'azienda In quest area abbiamo richiesto ai referenti aziendali di identificare le caratteristiche che le aziende intervistate trovano nei servizi di CS&L e che vorrebbero trovare in futuro. La premessa per tutte le dieci realtà intervistate è una collaborazione soddisfacente. Le indicazioni più significative sono quelle che dettaglieremo in questo paragrafo. Maggior proattività Due aziende hanno evidenziato che sarebbe utile che i servizi di inserimento lavorativo prendano spunto dalle società che si occupano di selezione puntando sulla proposizione al cliente, non solo pubblico ma anche privato. Il consiglio è quello di presentare alle aziende l elenco dei servizi offerti in modo chiaro, far capire che gli ostacoli che vede l azienda non sono impossibili da affrontare. Il vostro target è rintracciare aziende ed entrarci dentro: vedere qual è l'esigenza, vivere l'ambiente. Voi avete un ottimo argomento (obbligo di legge), se conoscete la cultura, l'ambiente e i processi aziendali riuscite a collocare meglio le persone Definizione di una job description insieme all azienda Viene indicato come fondamentale definire una check list che spiega le peculiarità del ruolo vacante in azienda: non basta addetto al magazzino è necessario sapere se i carrelli da trasportare sono di 5 kg o di 1 kg, se gli ambienti sono al chiuso o si deve svolgere del lavoro anche all aperto

15 MIND THE STEP: CASE STUDY 14 Anche in questa sezione viene evidenziato da più aziende come il colloquio sia un momento stressante per i candidati e per tale ragione spesso non si entra nel dettaglio dei processi di lavoro. La richiesta che viene fatta a CS&L è quella di raccogliere più dati possibili della postazione lavorativa e richiedere alle aziende una job description in modo da permettere un abbinamento candidato-azienda che risponda al meglio le esigenze di entrambi. Momenti strutturati E apprezzato il fatto che il tirocinio prevede dei momenti strutturati. E importante dare all'azienda una cornice che descriva la modalità di attuazione del tirocinio, anche strutturando l'elenco degli incontri in modo che il referente aziendale sappia quando si incontrerà con il tutor e la persona. (ad esempio: un tirocinio che dura 6 mesi ha 9 incontri a cui si possono aggiungere incontri ad hoc nel caso di difficoltà). Questo elemento permette di orientare l'azienda. Il costante affiancamento del tutor Il ruolo del tutor del servizio di inserimento lavorativo viene valorizzato da tutte le aziende intervistate. La presenza del tutor è utile per sfondare il muro della diffidenza dell azienda e dei colleghi, per trovare una collocazione giusta della persona in ambito produttivo, per sostenere la persona in momenti critici e per formare on the job il tutor aziendale rispetto alle competenze della persona inserita. Gli insuccessi sono legati a inserimenti che l'azienda ha fatto da sola, non legati a tirocini. Per l umore dei colleghi la cosa peggiore sono gli insuccessi...bisogna evitare di farne Capacità di immedesimazione di un problema Il tutor si fa carico della gestione di eventuali problemi che sorgono in azienda. Un'azienda cerca questo, insieme alla velocità e alla precisione della risposta.

16 MIND THE STEP: CASE STUDY Post assunzione Referenti precisi, numeri di telefono, procedure tempestive di intervento da parte del servizio di inserimento lavorativo sono indicate da tutti come le variabili che danno garanzia all impresa e che le consentono di intervenire adeguatamente nelle fasi difficili di un inserimento anche in seguito all assunzione. Quando questa possibilità manca l organizzazione si è trovata ad utilizzare risorse esterne (sindacalisti, medici del lavoro) oppure è intervenuto il referente interno per la l.68/99 ( che però non è una prassi di tutti). Non ci sono persone che non abbiano dei cicli, io ho una preparazione poco adeguata ad affrontare questo tipo di problemi. Mi trovo in un ruolo datoriale e quindi se intervengo io ha un peso grosso per il dipendente. Per un'azienda il discorso non finisce con l'assunzione. Sarebbe bello sondare periodicamente il grado di soddisfazione delle persone inserite dopo il tirocinio. Io vorrei che il rapporto con le persone prosegua anche dopo il tirocinio. E anche Il percorso di inserimento della categoria protetta non termina mai. Certo, con il tempo impareremo a conoscere la persona,ma credo che sia importante che possiamo far riferimento alla professionalità degli operatori della cooperativa, che sono preparati ad affrontare eventi critici. Anche questo aspetto dà sicurezza rispetto all'utilità dell'art Network di Imprese Il solo fatto di aver chiesto dei consigli agli imprenditori qui rappresentati, ha messo in atto una effettiva disponibilità sia sul piano delle possibili idee, sia sul piano dell impegno personale. Provincia di Milano Uno strumento di conoscenza e garanzia è la Provincia di Milano:secondo tutte le dieci realtà intervistate sarebbe molto utile inserire i contatti di CS&L e i servizi proposti sul sito della provincia di Milano in modo da aumentare la visibilità dei servizi di inserimenti lavorativo. Questo permetterebbe anche alle aziende di affidarsi ai servizi. Relazioni personali - testimonial Le persone intervistate si sono rese disponibili a fare da tramite e da testimonial di buone practice attraverso il passaparola con responsabili risorse umane di altre aziende, con le quali sono in contatto. E importante che un responsabile delle risorse umane parli con un altro responsabile; è visto come chiedere le referenze. Un valore aggiunto che viene richiesto è la consulenza rispetto alla normativa e agli aspetti economici. Loro vogliono sapere SOLO quali sono i vantaggi per le aziende. La parola gratuito che era stato inserito nel video della provincia di Milano è un vantaggio, ma dovete puntare sul tipo di supporto che date alle aziende e sui servizi che vengono dati

17 MIND THE STEP: CASE STUDY 16 Sensibilizzazione Gli interventi di sensibilizzazione sono più efficaci se adeguatamente pubblicizzati. In particolar modo i referenti aziendali intervistati si chiedono se possono essere utili e funzionali per i dipendenti e per l azienda. Associazioni Le associazioni di categoria non vengono legate all'inserimento lavorativo disabili e a parere degli intervistati non sono uno strumento utile di diffusione dei servizi di inserimento lavorativo Viene indicata l associazione Rotary come una possibile vetrina poichè gli iscritti al Rotary sono professionisti, ma anche imprenditori. La legge 68. ha dato un impronta diversa all'inserimento delle categorie protette. Bisogna passare il messaggio che il lavoratore disabile a tutti gli effetti è normale. è necessario trovare una persona che ti dia una mano effettiva. Il rotary stava cercando di fare un'azione di sensibilizzazione importante, e può parlare ad un target di persone che possono aiutare. Il mondo Rotary è fatto di club, si deve parlare con i club più grandi. Io non ci avevo pensato prima di questa intervista, ma lo farò. Lo proporrò al mio club

18 MIND THE STEP: CASE STUDY 17 Follow up In data 30 ottobre 2013, a circa 3 mesi dalle interviste individuali semistrutturate, sono stati presentati i risultati della ricerca a tutte le aziende in un incontro a cui hanno partecipato i referenti delle aziende intervistate, l intervistatrice, la psicologa del servizio di inserimenti lavorativi CS&L di Cologno Monzese, due operatori del servizio e il referente aziende del servizio. La possibilità di ritrovarsi in un momento dedicato, ha fatto emergere un ricco confronto tra responsabili delle risorse umane e gli operatori del servizio di inserimenti lavorativi. Si sono riprese delle aree considerate più calde rispetto all inserimento lavorativo di persone disabili. I referenti aziendali si sono confrontati su come alcune aziende ritengano che il personale disabile con alta specializzazione costi molto di più di personale non disabile poiché viene conteso da più realtà. Altre aziende ritengono che le persone disabili si spengano prima, che non siano in grado di garantire una costanza di produttività sul lungo periodo. Rispetto al monitoraggio post assunzione vengono ritenuti molto importanti incontri di follow up post assunzione a cadenza semestrale o annuale (un referente aziendale afferma: non mi potete abbandonare dopo l assunzione, poiché se l azienda viene abbandonata perde l interesse a continuare il percorso ). Rispetto al rapporto tra azienda e servizio di inserimento lavorativo, viene data la disponibilità da parte di tutti i presenti a diventare testimoni di buone pratiche, attraverso la valorizzazione di casi di successo o semplicemente attraverso la possibilità di preparare delle referenze per i servizi di Inserimento Lavorativo in modo che possano presentarsi a nuove aziende con racconti di esperienze positive. Viene evidenziato quanto sia stato importante il momento di follow up, a prescindere dalla presentazione dei risultati della ricerca, per poter conoscere i diversi professionisti che compongono l équipe, con le loro competenze complementari. Spesso l azienda fa riferimento ad uno o due professionisti del servizio di inserimenti lavorativi e non percepisce la complessità della rete in cui lavora l operatore della mediazione lavorativa, composta dalla propria équipe, dal proprio servizio, dal servizio sociale, dal piano di zona, dai servizi specialistici e dalle aziende. Un momento di questo tipo è riuscito a mettere in luce tutti gli interlocutori ed è stato apprezzato e valorizzato dalle aziende presenti.

19 MIND THE STEP: CASE STUDY 18 Conclusioni Lo strumento di indagine proposto ha permesso di creare una forma di conversazione di tipo dialogico in un clima di comprensione fra due culture: quella aziendale e quella della cooperazione sociale che spesso utilizzano linguaggi diversi. Il dialogo, legato alla modalità di indagine one to one, ha permesso di rallentare la conversazione, di ascoltare i livelli più profondi del discorso, di meta-comunicare sulle esperienze fatte e di evidenziare in che modo i percorsi di inserimento al lavoro siano migliorabili. Esistono datori di lavoro e responsabili delle risorse umane (una minoranza in crescita) che, per cultura propria e in seguito ad esperienze positive vissute con le persone inserite, hanno assunto un atteggiamento collaborativo, che testimonia nella pratica e non solo a parole, la possibilità di rendere concreta la responsabilità sociale di impresa. Questi soggetti costituiscono per noi una risorsa fondamentale che vogliamo valorizzare e potenziare affinché sia possibile aumentare l efficacia delle strategie di sensibilizzazione. Vogliamo sperimentare una nuova forma di comunicazione sociale e di sensibilizzazione che non solo si rivolge alle imprese, ma che parte dalle imprese e le loro esperienze

20 MIND THE STEP: CASE STUDY 19 2) MIND E LE IMPRESSIONI DEI VISITATORI MIND è una mostra interattiva, un occasione per sensibilizzare i datori di lavoro e le aziende, ma anche i giovani e gli adulti, riguardo alle difficoltà che una persona con disabilità si trova ad affrontare quotidianamente nello svolgimento del proprio lavoro o nella ricerca dello stesso. Le parole chiave di MIND sono interattività e buone pratiche. La mostra si articola in cinque spazi progettati per far sperimentare ai visitatori i disagi che una persona con disabilità può incontrare nel mondo del lavoro. Il percorso prevede l allestimento di alcune stanze dedicate alle difficoltà motorie, altre a quelle sensoriali e cognitive. Il visitatore, ad esempio, prova a mettersi nei panni di una persona con disabilità e a farsi assumere da un ipotetica azienda sostenendo un colloquio di lavoro riprodotto tramite un programma informatico che gli consente di rispondere alle domande che un presunto selezionatore potrebbe fargli. In questo modo si scontra con i pregiudizi e le difficoltà che una persona con disabilità può incontrare nella ricerca di un posto di lavoro. Oppure è inviato a percorrere con una sedia a rotelle uno spazio angusto e pieno di ostacoli al fine di eseguire un compito affidatogli. Dopo aver sperimentato in prima persona tali difficoltà i visitatori possono prendere visione delle opportunità esistenti oggi (in termini di dispositivi e servizi) a cui è possibile accedere affinché queste problematiche possano essere affrontate. Mind è stata realizzata in 3 luoghi, presso: - l azienda LE STRADE DEL FRESCO di Legnano - LA FILANDA di Cernusco sul Naviglio - IL PERTINI centro culturale multimediale di Cinisello Balsamo Le varie edizioni della mostra sono state frequentate da circa 500 persone, tra cui giovani, adulti, datori di lavoro, lavoratori, inoccupati, studenti e persone con disabilità occupate e non. A 110 persone è stato somministrato un questionario e a 10 è stata proposta una video intervista; entrambi gli strumenti mirano a comprendere la percezione che gli intervistati hanno riguardo all inserimento lavorativo di persone con disabilità e quanto la mostra sia stata efficace riguardo al suo obiettivo di sensibilizzazione.

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego 2015 Veronica Stumpo Responsabile di posizione organizzativa Centro per l Impiego di Trieste Trieste, 4 novembre 2015 L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE

Dettagli

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014)

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014) LAVORARE... occupare un posto di lavoro realizzazione personale, familiare indipendenza percepire uno stipendio, reddito conquistare un ruolo attivo riconoscibile dalla comunità, partecipazione sociale,

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Artability. Tlab - 1 interim report

Artability. Tlab - 1 interim report Artability Tlab - 1 interim report Introduzione Il progetto Artability è un progetto biennale per lo scambio di buone pratiche che possono motivare le persone con disabilità di partecipare al processo

Dettagli

Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015

Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015 Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015 PRESENTAZIONE Gruppo R è una cooperativa sociale di tipo A, costituita ai sensi della legge 381/91. Come tale è quindi un soggetto in continua

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. PROGETTO EQUAL II FASE S.O.LE. STRATEGIE PER L OCCUPAZIONE SOSTENIBILE

1. INTRODUZIONE 2. PROGETTO EQUAL II FASE S.O.LE. STRATEGIE PER L OCCUPAZIONE SOSTENIBILE !! 1. INTRODUZIONE Il Progetto d integrazione tra lavoratori e soggetti svantaggiati si inserisce in un attività più ampia realizzata nell ambito del Progetto Equal S.O.LE., e precisamente nell attività

Dettagli

L.e.A. - Lavoro e Accoglienza

L.e.A. - Lavoro e Accoglienza L.e.A. - Lavoro e Accoglienza Ricerca intervento sul fenomeno della violenza sulle donne della Regione Abruzzo Linea di intervento B Ente attuatore: Le Onde Onlus Referente locale: Associazione femminile

Dettagli

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I curricula di 43mila neodiplomati viaggiano on line: voto e crediti acquisiti, conoscenze linguistiche e informatiche, stage ed esperienze

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale

Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale 1. Premessa. A partire dalle indicazione della Giunta Comunale, il Settore Lavori Pubblici

Dettagli

Il Sapere Essere nei bisogni formativi del Terzo Settore: un indagine esplorativa a Milano e provincia

Il Sapere Essere nei bisogni formativi del Terzo Settore: un indagine esplorativa a Milano e provincia Il Sapere Essere nei bisogni formativi del Terzo Settore: un indagine esplorativa a Milano e provincia a cura di Vincenzo Russo, Davide Jabes e Cinzia Sciangula dell Università IULM di Milano 1 Premessa

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LA DIMENSIONE DEL BISOGNO: COMUNICAZIONE E DIVERSITÀ Motivazione dell idea progettuale Il nostro Istituto

Dettagli

Progetto ZERO BARRIERE Asse VI Sviluppo urbano sostenibile PO FESR Sicilia 2007-2013 Linea d intervento 6.1.4.2

Progetto ZERO BARRIERE Asse VI Sviluppo urbano sostenibile PO FESR Sicilia 2007-2013 Linea d intervento 6.1.4.2 Progetto ZERO BARRIERE Asse VI Sviluppo urbano sostenibile PO FESR Sicilia 2007-2013 Linea d intervento 6.1.4.2 GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL VIDEO CURRICULUM Premessa Nei tempi moderni, il curriculum vitae

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Sintesi dei principali risultati 1

Sintesi dei principali risultati 1 Sintesi dei principali risultati 1 In quest indagine sul settore dei servizi per le imprese, sono state studiate imprese che svolgono servizi di ricerca, selezione e fornitura di personale; imprese di

Dettagli

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola Svolta in collaborazione con gli IRRE e con i Consigli Territoriali dell Ordine degli Psicologi 1. Attività

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORU08

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORU08 Ufficio stage "formazienda" Incubatore di imprese innovative (Centro ISO - Industrial Spin-Off); Sportello informativo Start-up I.F.eG. (Imprenditorialità Femminile e Giovanile) Rilevazione annuale presso

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

Relazione presentata al convegno Modelli sistemici e contesti che cambiano Milano, 15-17 Ottobre 1998, parzialmente modificata

Relazione presentata al convegno Modelli sistemici e contesti che cambiano Milano, 15-17 Ottobre 1998, parzialmente modificata Lo psicologo e il Distretto Sociale 1 Atti del convegno AUPI su Il lavoro dello psicologo nell U.S.L.: specificità ed integrazione con altre figure professionali. Ritengo utile fare alcune premesse al

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE 2015-2020 PREMESSA Il documento è stato inviato alle Associazioni

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

LE ADOZIONI LAVORATIVE

LE ADOZIONI LAVORATIVE LE ADOZIONI LAVORATIVE Il lavoro acquista sempre più rilievo nella vita dell uomo fino a diventarne l essenza stessa. L identità personale passa attraverso il ruolo che il singolo ha rispetto al contesto

Dettagli

FINALITÁ GENERAZIONE VINCENTE

FINALITÁ GENERAZIONE VINCENTE GENERAZIONE VINCENTE Generazione vincente S.p.A. Agenzia per il Lavoro fa parte di un gruppo che dal 1997 offre soluzioni globali per lo sviluppo del mercato del lavoro. E la prima Agenzia per il Lavoro

Dettagli

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI 1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI 2. PRESENTAZIONE 3. SERVIZI FORNITI E AREE DI INTERVENTO 4. I PRINCIPI FONDAMENTALI 5. TUTELA E VERIFICA 6. DATI DELLA SEDE 1. CHE COS È LA CARTA DEI

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE

Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE DENOMINAZIONE INTERVENTO Cittadini sempre Modena Formare cittadinanza accogliente. Formazione congiunta per coprogettare percorsi di accoglienza

Dettagli

SONDAGGIO: PROGETTO DI.V.I.

SONDAGGIO: PROGETTO DI.V.I. SONDAGGIO: PROGETTO DI.V.I. Il progetto DI.V.I. La DIsabilità come Valore nelle Imprese si pone come obiettivo la sensibilizzazione e l agevolazione dell inclusione sociale e lavorativa delle persone con

Dettagli

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE Questionario Utenti Input Finalità 1. Promuovere lo sviluppo personale durante il percorso scolastico Per cominciare, abbiamo bisogno di alcuni tuoi dati personali e dell

Dettagli

Condizioni e criticità di un progetto di integrazione lavorativa

Condizioni e criticità di un progetto di integrazione lavorativa Patrizia Sartori SIL Azienda Ulss 16 - Padova Condizioni e criticità di un progetto di integrazione lavorativa Padova, 15 novembre 2007 Workshop di progettazione sul tema Avviamento al lavoro o benefici

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

1. IL SERVIZIO I.L.CO.M.

1. IL SERVIZIO I.L.CO.M. REPORT ATTIVITÀ SERVIZIO I.L.Co.M. 2012 1. IL SERVIZIO I.L.CO.M. Il servizio I.L.Co.M., realizzato dalla Società Pubblica Zona Ovest di Torino Srl su incarico dei Comuni di Grugliasco e Collegno in convenzione

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

Progetto Fondo UNRRA : "Una Borsa d'esperienza"

Progetto Fondo UNRRA : Una Borsa d'esperienza Progetto Fondo UNRRA : "Una Borsa d'esperienza" 1) Descrizione del contesto di riferimento e dei bisogni da soddisfare I U B G Regione Emilia-Romagna e dagli Enti Locali per cercare di contrastare la fase

Dettagli

Contatto Provincia CPI Visita congiunta CPI / SIL in azienda. sensibilizzazione e di promozione del progetto,

Contatto Provincia CPI Visita congiunta CPI / SIL in azienda. sensibilizzazione e di promozione del progetto, ! "#$%&'()(&&*&"+" Il progetto prevedeva la formazione dei job coach, operatori che svolgono la funzione di mediazione e accompagnamento dei soggetti svantaggiati nel percorso di integrazione lavorativa.

Dettagli

I servizi di job placement nelle Università italiane

I servizi di job placement nelle Università italiane I servizi di job placement nelle Università italiane Un indagine della Fondazione CRUI Aprile 2010 1 L indagine La partecipazione all indagine La Fondazione CRUI, nel dicembre 2009, ha realizzato un indagine

Dettagli

Le Cooperative Sociali di tipo B

Le Cooperative Sociali di tipo B Le Cooperative Sociali di tipo B Modalità di collaborazione tra Cooperative B e aziende attraverso la L. 68/99 e la normativa vigente Marta Spadafora - Valentina Tacconi 12 Aprile 2012 1 PIANO LIFT E PROGETTO

Dettagli

IL COUNSELING Il counseling

IL COUNSELING Il counseling IL COUNSELING Il counseling è stato definito come un processo di interazione fra due persone il cui scopo è quello di favorire nel cliente una presa di coscienza della sua situazione esistenziale per supportarlo

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Artability. Tlab - 2 interim report

Artability. Tlab - 2 interim report Artability Tlab - 2 interim report Introduzione Il progetto Artability è un progetto biennale che promuove lo scambio di buone pratiche per motivare le persone con disabilità a partecipare al processo

Dettagli

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO SO Office Solutions Con la Office Solutions da oggi. La realizzazione di qualsiasi progetto parte da un attenta analisi svolta con il Cliente per studiare insieme le esigenze al fine di individuare le

Dettagli

PROGETTO PALOMAR Progetto FSE 2002-2003 Obiettivo 3 - Dispositivo Multimisura Azioni di Sistema

PROGETTO PALOMAR Progetto FSE 2002-2003 Obiettivo 3 - Dispositivo Multimisura Azioni di Sistema PROGETTO PALOMAR Progetto FSE 2002-2003 Obiettivo 3 - Dispositivo Multimisura Azioni di Sistema Lavoratori con disabilità Manuale Buone Prassi per il mantenimento del posto di lavoro Esiti del questionario

Dettagli

Telelavoro: l esperienza di Poste Italiane

Telelavoro: l esperienza di Poste Italiane Handimatica 2014 Convegno Welfare Aziendale Telelavoro: l esperienza di Poste Italiane Bologna, 27 novembre 2014 Telelavoro: la dimensione sociale, economica e organizzativa Il Telelavoro consente di conciliare

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

Carta dei Servizi Articolo 1 Soluzioni HR Servizi al tuo Servizio.

Carta dei Servizi Articolo 1 Soluzioni HR Servizi al tuo Servizio. Carta dei Servizi Articolo 1 Soluzioni HR Servizi al tuo Servizio. Articolo 1 Srl Soluzioni HR - Aut. Min. Lav. Prot. N. 1118 del 26/11/04 CARTA DEI SERVIZI INDICE Presentazione di Articolo 1 Srl Carta

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

L attenzione verso i collaboratori e la loro formazione, perché l azienda non cresce se i collaboratori restano indietro.

L attenzione verso i collaboratori e la loro formazione, perché l azienda non cresce se i collaboratori restano indietro. 1 Chi siamo Mericom è una delle più consolidate realtà nell ambito delle vendite, del marketing e della comunicazione. Siamo sul mercato con successo da 15 anni e abbiamo realizzato grandi progetti anche

Dettagli

AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE

AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è un documento in cui AFP COLLINE ASTIGIANE specifica le finalità e le caratteristiche

Dettagli

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte Osservatorio sulla Comunicazione Politica, Dipartimento di Culture Politica e Società La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte ricerca condotta da Sara Minucci (Osservatorio

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE

PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE OBIETTIVO GENERALE Il Progetto Lavoro e Formazione interviene specificamente sulla formazione e l inserimento lavorativo di persone in situazione di disagio economico e/o esistenziale.

Dettagli

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORI06

PROGETTO I.C.A.R.O. Centro di Orientamento e Tutorato di Ateneo ORI06 Scelta del corso di studi (informazione) Orientamento in itinere - counseling Stage di apprendimento dell uso di strumenti informatici specifici a seconda della tipologia di disabilità Orientamento in

Dettagli

La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili - Roma, 28 marzo 2012. Masterplan disabilità Collocamento mirato ex L.

La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili - Roma, 28 marzo 2012. Masterplan disabilità Collocamento mirato ex L. La diffusione dell ICF nell inserimento lavorativo dei disabili - Roma, 28 marzo 2012 Masterplan disabilità Collocamento mirato ex L.68/99 Destinatari Persone in possesso dei requisiti previsti dalla Legge

Dettagli

RAPPORTO QUALITÀ ANNO 2013 PREMESSA. Questionario Utenti Servizio Promozione Autoimpiego

RAPPORTO QUALITÀ ANNO 2013 PREMESSA. Questionario Utenti Servizio Promozione Autoimpiego PREMESSA NOMV Nucleo Operativo Monitoraggio e Valutazione Provincia Oristano Provintzia de Aristanis RAPPORTO QUALITÀ ANNO 2013 Questionario Utenti Servizio Promozione Autoimpiego Pagina 1 PREMESSA Sommario

Dettagli

Comune di Jesi. Protocollo d intesa

Comune di Jesi. Protocollo d intesa Comune di Jesi Protocollo d intesa TRA LA PREFETTURA DI ANCONA, IL COMUNE DI JESI, LE FORZE DELL ORDINE, L UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE, IL C.I.O.F., L ASUR ZONA TERRITORIALE 5, L AMBITO TERRITORIALE

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO Il progetto relativo alla creazione di un Centro antiviolenza nasce dalla sensibilità verso la violenza sulle donne da parte della Commissione Pari Opportunità di Montevarchi

Dettagli

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II Orientamento per il successo scolastico e formativo Il RUOLO DELLA SECONDARIA II seconda parte 2011/2012 ruolo orientativo della secondaria II una scuola che ha un RUOLO DI REGIA Sostiene i propri studenti

Dettagli

BIC_CCIAA_broch2:BIC_CCIAA_broch2 09/07/10 16:57 Pagina 1 AVEVO UN SOGNO E L HO REALIZZATO CON BIC LAZIO E LA CAMERA DI COMMERCIO DI ROMA

BIC_CCIAA_broch2:BIC_CCIAA_broch2 09/07/10 16:57 Pagina 1 AVEVO UN SOGNO E L HO REALIZZATO CON BIC LAZIO E LA CAMERA DI COMMERCIO DI ROMA BIC_CCIAA_broch2:BIC_CCIAA_broch2 09/07/10 16:57 Pagina 1 AVEVO UN SOGNO E L HO REALIZZATO CON BIC LAZIO E LA CAMERA DI COMMERCIO DI ROMA BIC_CCIAA_broch2:BIC_CCIAA_broch2 09/07/10 16:57 Pagina 2 Nuove

Dettagli

7. Svolgimento del progetto

7. Svolgimento del progetto Allegato 4 SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INNOVATIVI ai sensi della l.r. n.1/08 Testo unico delle leggi regionali in materia di volontariato, cooperazione sociale, associazionismo e società

Dettagli

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE 1 RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 1 Presentazione 2 Scheda individuale 3 Traccia di intervista individuale 4 Traccia focus group 1 Presentazione LA RICERCA:

Dettagli

Attività di consulenza alle aziende realizzata da MedianetForm nel 2013 con finanziamento Fondazione San Zeno

Attività di consulenza alle aziende realizzata da MedianetForm nel 2013 con finanziamento Fondazione San Zeno Attività di consulenza alle aziende realizzata da MedianetForm nel 2013 con finanziamento Fondazione San Zeno 1 INDICE Il benessere organizzativo pag. 3 Salute e sicurezza sul lavoro pag. 56 L invecchiamento

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici L interazione tra scuola, impresa e territorio L alleanza con i soggetti economico-sociali, le imprese

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

Ti salverò da ogni malinconia perchè sei un essere speciale ed io avrò cura di te... Franco Battiato 1996 La cura

Ti salverò da ogni malinconia perchè sei un essere speciale ed io avrò cura di te... Franco Battiato 1996 La cura Ti salverò da ogni malinconia perchè sei un essere speciale ed io avrò cura di te... Franco Battiato 1996 La cura Fianco a Fianco aderisce al Progetto Regionale ADS ed ha l'obiettivo di sostenere la diffusione

Dettagli

INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE

INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE Servizio Progetti alla Persona Aias di Milano Onlus Vigevano, 25 settembre 2009 Settembre 2001 In convenzione con il Comune di San Donato avvio del Progetto di coordinamento,

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea Si tratta di un esperienza di ricerca

Dettagli

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale In questa periodo sono un fase di sottoscrizione gli Accordi di Programma nei diversi ambiti territoriali nella Provincia di Cuneo. La ricerca

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

Progetto. Inserimento lavorativo per disabili psichici (borse lavoro) Comune di Foggia - Ufficio Città Sane. Città di Foggia

Progetto. Inserimento lavorativo per disabili psichici (borse lavoro) Comune di Foggia - Ufficio Città Sane. Città di Foggia Progetto Inserimento lavorativo per disabili psichici (borse lavoro) Comune di Foggia - Ufficio Città Sane Inserimento lavorativo per disabili psichici Il progetto ha previsto l inserimento lavorativo

Dettagli

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV Riunione del 13/06//2013 celivo. - AIDO ass. donatori organi tessuti e cellule; - Ass. Il Cesto;

Dettagli

CERCHI LAVORO? Da oggi sul tuo territorio c è un opportunità in più! PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE RINFORZO AUTONOMIA

CERCHI LAVORO? Da oggi sul tuo territorio c è un opportunità in più! PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE RINFORZO AUTONOMIA CERCHI LAVORO? Da oggi sul tuo territorio c è un opportunità in più! PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE RINFORZO AUTONOMIA Una migliore conoscenza del mercato del lavoro. La partecipazione attiva alla costruzione

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA PROGETTO SPAZIO D ASCOLTO PSICOLOGICO PER ALLIEVI E FAMIGLIE E SUPPORTO ALLE DINAMICHE PONTE NEL CONTESTO SCOLASTICO Insegnante Valeria Sassu ISTITUTO

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ANGELO CANOSSI, GARDONE VAL TROMPIA La scelta

Dettagli

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)?

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? Il Progetto Caratteristiche del progetto 1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? L idea è di creare un centro giovani in Parrocchia

Dettagli

Percezione della sicurezza sul lavoro in Toscana: il caso dei lavoratori immigrati nel settore agro-boschivo - ANOLF/CISL FOCUS GROUP

Percezione della sicurezza sul lavoro in Toscana: il caso dei lavoratori immigrati nel settore agro-boschivo - ANOLF/CISL FOCUS GROUP Percezione della sicurezza sul lavoro in Toscana: il caso dei lavoratori immigrati nel settore agro-boschivo - ANOLF/CISL FOCUS GROUP PRESENTAZIONE DEL PROGETTO La CISL ha organizzato questo incontro perché

Dettagli

Gruppo di lavoro genitori

Gruppo di lavoro genitori Onlus Gruppo di lavoro genitori PREMESSA Noi genitori, consapevoli di quanto sia impegnativo occuparsi dei nostri figli sotto il profilo educativo ed assistenziale, mettiamo a disposizione della scuola

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene Cooperativa Sociale Mission. Promuovere e perseguire lo sviluppo d autonomie di persone con svantaggi psicofisici, favorendo l integrazione e la cultura dell accoglienza nella comunità locale, attraverso

Dettagli

Andrea Petromilli Ordine degli Psicologi del Veneto. andrea.petromilli@psyveneto.it

Andrea Petromilli Ordine degli Psicologi del Veneto. andrea.petromilli@psyveneto.it L Ordine degli Psicologi del Veneto ed il processo di valutazione del rischio stress nella prospettiva delle azioni di miglioramento e lo sviluppo del benessere organizzativo. Andrea Petromilli Ordine

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO PRESENTAZIONE OPERATORE CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO La Cooperativa Sociale Conedia è stata costituita a maggio 2011, come emanazione dell Associazione F.L.E.G. Formazione Lavoro e Gioventù. Ha come oggetto

Dettagli

STARTUP PACK IL SUCCESSO NON PUÒ ASPETTARE

STARTUP PACK IL SUCCESSO NON PUÒ ASPETTARE STARTUP PACK IL SUCCESSO NON PUÒ ASPETTARE Siamo un network di professionisti al servizio di Startup e PMI che vogliano rendere creativa ed efficace la propria immagine attraverso progetti di comunicazione

Dettagli