VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DELL APPARATO STERYBOX PER LA DECONTAMINAZIONE BATTERICA DELL ARIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DELL APPARATO STERYBOX PER LA DECONTAMINAZIONE BATTERICA DELL ARIA"

Transcript

1 Centro di Saggio Pagina: 1 di 22 Rapporto finale N 01/ VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DELL APPARATO STERYBOX PER LA DECONTAMINAZIONE BATTERICA DELL ARIA Programma di Studio n.: SAM0290 Contratto n: M01/0621.1MI Committente: TISSIDENTAL VIA SALVATORE QUASIMODO, S. DONATO MILANESE-MI- Apparato in esame: STERYBOX Direttore dello studio:... Data:... (C. Villa)

2 Centro di Saggio Pagina: 2 di Il presente rapporto non può essere riprodotto parzialmente salvo approvazione scritta del laboratorio

3 Centro di Saggio Pagina: 3 di 22 INDICE - SOMMARIO pag. 3 - INTRODUZIONE pag. 4 - ARCHIVIAZIONE pag. 5 - PROCEDURE pag. 5 - APPARATO IN ESAME pag. 6 - VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DELL APPARATO STERIBOX PER LA DECONTAMINAZIONE BATTERICA DELL ARIA pag. 7 - Procedura sperimentale pag. 8 - Risultati pag Conclusioni pag APPENDICI pag ALLEGATI pag. 17

4 Centro di Saggio Pagina: 4 di 22 SOMMARIO Sull apparato in esame STERYBOX è stato effettuato uno studio al fine di dimostrare l efficacia specifica del sistema quando utilizzato in ambienti a contaminazione microbica e fungina elevata ( condizioni operative forzate). A tale scopo è stata preparata una sospensione microbica costituita dal pool dei seguenti microrganismi: Staphilococcus aureus ATCC 6538 Pseudomonas aeruginosa ATCC 9027 Salmonella bony CIP 83/37 Listeria innocua CIP Aspergillus niger ATCC Candida albicans ATCC Utilizzati in rapporto 1:1 alla concentrazione di 1.8 x 10 6 Con tale pool è stata saturata una camera inalatoria della capacità di 150 litri. L apparecchio è stato collegato alla camera inalatoria (foto 1) nella zona di aspirazione dell aria. La sperimentazione è stata poi effettuata utilizzando l apparecchio STERIBOX con una ventola accesa e con due ventole accese con lampade UV accese e lampade UV spente. In tutte e quattro le condizioni operative sono stati effettuati dei prelievi d aria dopo 12 secondi, 20 secondi, 40 secondi e 80 secondi corrispondenti rispettivamente a circa litri di aria. Sulla base dei risultati ottenuti, rispettati i criteri di validità del saggio, la apparato in esame, STERYBOX, ha evidenziato una riduzione di 3 logaritmi quando utilizzato senza lampade UV accese, mentre ha dimostrato una riduzione di 4 logaritmi quando utilizzato con le lampade UV accese e con una ventola funzionante, tale riduzione è stata di 5 logaritmi quando l apparecchio è stato utilizzato con le lampade UV accese e con entrambe le ventola funzionanti. La procedura dettagliata è riportata nel rapporto di studio 01/

5 Centro di Saggio Pagina: 5 di 22 INTRODUZIONE Per incarico della Società TISSIDENTAL è stato condotto uno studio al fine di dimostrare l efficacia di un apparato ideato per la sterilizzazione dell aria in ambienti confinati. Lo studio, eseguito presso il Centro di Analisi e Ricerche Biologiche Biolab S.p.A. di Vimodrone (MI), Via Bruno Buozzi, 2, è iniziato in data ed è terminato in data

6 Centro di Saggio Pagina: 6 di 22 ARCHIVIAZIONE Il programma di studio, con eventuali modifiche, i dati grezzi, una copia del rapporto finale, ed eventuali revisioni dello stesso, sono conservati negli archivi Biolab S.p.A. per un periodo di 10 anni dall emissione del rapporto finale. Gli apparati sono stati restituiti al Committente. Il Committente può richiedere, stipulando uno specifico contratto, un estensione del periodo di archiviazione dei materiali (o di parti di essi), o la loro restituzione. PROCEDURE Le procedure utilizzate nello studio sono documentate nel manuale di procedure di Biolab S.p.A.

7 Centro di Saggio Pagina: 7 di 22 APPARATO IN ESAME Descrizione La apparato in esame era rappresentata da un strumento a forma di parallelepipedo di colore bianco. Identificazione Denominazione: STERYBOX UV Chris System Codice n.: 901 Matricola n.: N. di identificazione: 6708 Data di ricevimento: 02/04/01

8 Pagina: 8 di 22 Rapporto di Studio n 01/ VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DELL APPARATO STERYBOX PER LA DECONTAMINAZIONE BATTERICA DELL ARIA RICERCATORE PRINCIPALE: Dott. C. Villa

9 Pagina: 9 di 22 PROCEDURA SPERIMENTALE 1. SISTEMA DI SAGGIO Microrganismi test Staphilococcus aureus ATCC 6538 Pseudomonas aeruginosa ATCC 9027 Salmonella bony CIP 83/37 Listeria innocua CIP Aspergillus niger ATCC Candida albicans ATCC Centro di provenienza I ceppi sono stati acquistati presso l Istituto Pasteur di Parigi. Mantenimento I ceppi batterici sono stati mantenuti congelati; prima dell'utilizzo sono stati trapiantati su slants di TSA e conservati in frigorifero a +4 C ±2 C. Il lievito è stato mantenuto congelato; prima dell utilizzo è stato trapiantato su slants di Sabouraud Agar e conservato in frigorifero a +4 C ±2 C. Il ceppo fungino è stato mantenuto in frigorifero a +4 C ±2 C su Sabouraud Agar. Preparazione delle sospensioni batteriche I ceppi batterici, sono stati trapiantati per due volte di seguito su slants di TSA e incubati a 37 C ± 1 C per 18 ore. Entro due ore dall'inizio del test la coltura finale è stata sospesa in diluente usando 5 g di palline di vetro e la sospensione è stata diluita fino ad ottenere una conta di circa 10 8 cfu/ml. Preparazione delle sospensioni di lievito Il ceppo di Candida albicans è stato trapiantato per due volte di seguito su slants di Sabouraud Agar e incubato a 30 C+1 C per 24 ore. Entro due ore dall'inizio del test la coltura finale è stata sospesa in diluente usando palline di vetro e la sospensione è stata diluita fino ad ottenere una conta di circa 10 7 cfu/ml.

10 Pagina: 10 di 22 Preparazione delle sospensioni di spore fungine Dagli slants di mantenimento con l aiuto di palline di vetro è stata ottenuta una sospensione di conidiospore con diluente contenente 0.05% di polisorbato 80. Dopo accurata agitazione, la sospensione è stata trasferita in una provetta sterile e filtrata in modo da allontanare eventuali miceli. Le spore sono state diluite fino ad ottenere una concentrazione di circa 10 7 cfu/ml. 2. TERRENI COLTURALI E REAGENTI Tryptone Soya Agar (TSA) Sabouraud Dextrose Agar (SAB) MERCK MERCK 3. APPARECCHIATURA - Autoclave a vapore FEDEGARI - Termostato MEMMERT - phmetro BEECKMAN - Cronometro ARBORE - Camera inalatoria TECNIPLAST -Piastre Rodac GHIARONI -Piastre Petri PBI

11 Pagina: 11 di DISEGNO SPERIMENTALE Lo studio è stato effettuato procedendo con il seguente schema: apparato con lampade UV spente e una ventola funzionante apparato con lampade UV spente e due ventole funzionanti apparato con lampade UV accese e una ventola funzionante apparato con lampade UV accese e due ventole funzionanti In tutte e quattro le condizioni operative sono stati effettuati dei prelievi d aria ai seguenti tempi: 12 secondi pari a circa 400 litri d aria 20 secondi pari a circa 600 litri d aria 40 secondi pari a circa 1200 litri d aria 80 secondi pari a circa 2400 litri d aria 5. ESECUZIONE DEL SAGGIO I microrganismi sono stati miscelati in rapporto di 1:1 ed utilizzati per inquinare una camera inalatori della capacità di 150 litri. è stata saturata con la Una volta saturata l aria con la sospensione di microrganismi l apparecchio STERIBOX è stato collegato alla camera nella zona di aspirazione. Dopo l accensione dell apparecchio, nelle condizioni e ai tempi riportati nel disegno sperimentale, sono stati effettuati campionamenti d aria posizionando piastre Rodac nella zona di uscita dell aria dall apparecchio. Ogni prelievo è stato eseguito in doppio. Le piastre sono state incubate a 30 C + 1 C per 2 giorni e a 25 C + 1 C per 3 giorni. Al termine di ogni periodo di incubazione è stato determinato il numero di microrganismi presenti su ogni piastra (cfu/piastra)

12 Pagina: 12 di CALCOLI ED ESPRESSIONI DEI RISULTATI 6.1 Calcolo della conta batterica e micotica (cfu/piastra) Sono stati contati i batteri, le muffe e i lieviti presenti su ogni piastra e per ogni tempo di incubazione. E stata fatta poi la somma di tutti i microrganismi presenti sulle piastre ed è stata poi calcolata la media tra i due prelievi. 6.2 Calcolo della riduzione logaritmica della vitalità Per ogni tempo di prelievo è stata calcolata la riduzione logaritmica fra il numero di microrganismi presenti nella camera inalatoria (inoculo) e il numero di microrganismi trovati all uscita dall apparato applicando la seguente formula: Riduzione log della vitalità = Log n di M.O nella stanza- Log n di M.O all uscita apparecchio

13 Pagina: 13 di 22 RISULTATI I valori di riduzione logaritmica per ogni prova effettuata sono riportati nelle sottostanti tabelle: Lampade UV spente 1 ventola funzionante TEMPO DI PRELIEVO ( secondi) QUANTITA D ARIA ASPIRATA ( litri) RIDUZIONE log , , , ,658 Lampade UV accese 1 ventola funzionante TEMPO DI PRELIEVO ( secondi) QUANTITA D ARIA ASPIRATA ( litri) RIDUZIONE log , , , ,969 Lampade UV spente 2 ventole funzionanti TEMPO DI PRELIEVO ( secondi) QUANTITA D ARIA ASPIRATA ( litri) RIDUZIONE log , , , ,328 Lampade UV accese 2 ventole funzionanti TEMPO DI PRELIEVO ( secondi) QUANTITA D ARIA ASPIRATA ( litri) RIDUZIONE log , , , ,249

14 Pagina: 14 di 22 In Appendice sono riportati i singoli valori numeri trovati per ogni piastra

15 Pagina: 15 di 22 CONCLUSIONI Sulla base dei risultati ottenuti, rispettati i criteri di validità del saggio, la apparato in esame, STERYBOX, ha evidenziato una riduzione di 3 logaritmi quando utilizzato senza lampade UV accese, mentre ha dimostrato una riduzione di 4 logaritmi quando utilizzato con le lampade UV accese e con una ventola funzionante, tale riduzione è stata di 5 logaritmi quando l apparecchio è stato utilizzato con le lampade UV accese e con entrambe le ventola funzionanti.

16 Pagina: 16 di 22 VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DELL APPARATO STERYBOX PER LA DECONTAMINAZIONE BATTERICA DELL ARIA APPENDICI

17 Pagina: 17 di 22 Appendice N 1: Setribox con una ventola e lampade UV spente e accese LAMPADE UV SPENTE - 1 VENTOLA TEMPI LITRI UFC/PIASTRA MEDIA LOG 1 PROVA 2 PROVA 12" ,735 20" ,823 40" ,915 80" ,612 LAMPADE UV ACCESE - 1 VENTOLA UFC/PIASTRA MEDIA LOG 1 PROVA 2 PROVA 12" ,301 20" ,204 40" ,352 80" ,301

18 Pagina: 18 di 22 Appendice N 2: Setribox con due ventole e lampade UV spente e accese LAMPADE UV SPENTE - 2 VENTOLE 1 PROVA 2 PROVA MEDIA LOG 12" ,941 20" ,780 40" ,022 80" ,943 LAMPADE UV ACCESE -2 VENTOLE 1 PROVA 2 PROVA MEDIA LOG 12" ,813 20" ,544 40" ,778 80" ,021

19 Pagina: 19 di 22 VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DELL APPARATO STERYBOX PER LA DECONTAMINAZIONE BATTERICA DELL ARIA ALLEGATI

20 Pagina: 20 di 22 Allegato N 1: Steribox collegato alla camera inalatoria

21 Pagina: 21 di 22 Allegato N 2: Steribox con una ventola e a lampade UV spente e accese

22 Pagina: 22 di 22 Allegato N 3: Steribox con 2 ventole e lampade UV spente e accese

VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DELL APPARATO STERYBOX IN CONDIZIONI D USO STATICHE E DINAMICHE

VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DELL APPARATO STERYBOX IN CONDIZIONI D USO STATICHE E DINAMICHE Centro di Saggio Pagina: 1 di 21 Data di stampa : 07/05/01 Rapporto finale N 01/6708 VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DELL APPARATO STERYBOX IN CONDIZIONI D USO STATICHE E DINAMICHE Programma di Studio n.: SAM0291

Dettagli

RELAZIONE DI CONVALIDA CONVALIDA PROCESSO DI LAVAGGIO

RELAZIONE DI CONVALIDA CONVALIDA PROCESSO DI LAVAGGIO Pagina: 1 di 39 RELAZIONE DI CONVALIDA CONVALIDA PROCESSO DI LAVAGGIO COMMITTENTE: NUOVA LAVANDERIA PINO SRL VIA CANCELLO DEI MONACI, 16 S. MARIA LA BRUNA (NA) LUOGO DELLA CONVALIDA: NUOVA LAVANDERIA PINO

Dettagli

Spett.le BIOSANITY S.r.l. Via Pian Due Torri, Roma c.a. Dott.ssa Alessia Cottarelli

Spett.le BIOSANITY S.r.l. Via Pian Due Torri, Roma c.a. Dott.ssa Alessia Cottarelli Spett.le BIOSANITY S.r.l. Via Pian Due Torri, 19 00146 Roma c.a. Dott.ssa Alessia Cottarelli VALUTAZIONE DELL ABBATTIMENTO DELLA CARICA MICROBICA PRESENTE NELL ARIA E SULLE SUPERFICI DI LAVORO DOPO TRATTAMENTO

Dettagli

Centro di saggio Certificazione M.S. 158/245/2005 DRAFT AM1379-5

Centro di saggio Certificazione M.S. 158/245/2005 DRAFT AM1379-5 Pagina: 1 di 7 DRAFT AM1379-5 VALUTAZIONE DELL ATTIVITÀ ANTIMICROBICA SU CANDIDA ALBICANS DI AGENTE INCORPORATO SU LAMINATO D ALLUMINIO SECONDO ASTM E 2180/01 Programma di Studio n.: AM1379 Contratto n:

Dettagli

Report. Determinazione del potere antimicrobico di una soluzione di Oro Colloidale PRODOTTO: ORO LASER DI FERIOLI. Committente:

Report. Determinazione del potere antimicrobico di una soluzione di Oro Colloidale PRODOTTO: ORO LASER DI FERIOLI. Committente: Report Determinazione del potere antimicrobico di una soluzione di Oro Colloidale PRODOTTO: ORO LASER DI FERIOLI Committente: Tecnosalute di Ferioli Guido Via Ortigara, 3 40015 GALLIERA (BO) Data: 07/03/2011

Dettagli

Studio per valutazione dell efficacia di prodotto disinfettante secondo l utilizzo dichiarato dal. Committente:

Studio per valutazione dell efficacia di prodotto disinfettante secondo l utilizzo dichiarato dal. Committente: Studio per valutazione dell efficacia di prodotto disinfettante secondo l utilizzo dichiarato dal committente Programma di studio n.: 12/046 Committente: Euroslate Srl Via Pian dei Ratti, 38/A 16040 ORERO

Dettagli

Report. Determinazione del potere antimicrobico di una soluzione all Argento colloidale

Report. Determinazione del potere antimicrobico di una soluzione all Argento colloidale Report Determinazione del potere antimicrobico di una soluzione all Argento colloidale PRODOTTO: ARGENTO LASER DI FERIOLI REF. AM0904 LOT A1001 100 ppm 100 ml Scadenza 102012 Committente: Tecnosalute di

Dettagli

REPORT VERIFICA POTERE ANTIMICROBICO

REPORT VERIFICA POTERE ANTIMICROBICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA / UNIVERSITY OF FERRARA DIPARTIMENTO DI MEDICINA SPERIMENTALE E DIAGNOSTICA / DPT. EXP. & DIAGNOSTIC MEDICINE SEZIONE DI MICROBIOLOGIA / SECTION OF MICROBIOLOGY via LUIGI

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLA CARICA MICROBICA TOTALE (CMT)

DETERMINAZIONE DELLA CARICA MICROBICA TOTALE (CMT) DETERMINAZIONE DELLA CARICA MICROBICA TOTALE (CMT) Protocollo n. 178/2013 COMMITTENTE Farmacia Soldani Salvini CAMPIONI OLIVE CREMA DI BELLEZZA (lotto 27 Marzo 2013) DATA RAPPORTO 06/05/2013 Supervisore

Dettagli

VALUTAZIONE DEL POTERE BATTERICIDA (SANIFICANTE 10)

VALUTAZIONE DEL POTERE BATTERICIDA (SANIFICANTE 10) VALUTAZIONE DEL POTERE BATTERICIDA (SANIFICANTE 10) 1. SCOPO Testare le capacità battericida del SANIFICANTE 10, detergente igienizzante a base di sali quaternari di ammonio, nelle condizioni di sporco

Dettagli

Disinfettante Universale

Disinfettante Universale C O N C E N T R A T O - P R O N T O U S O Disinfettante Detergente Universale per pavimenti, attrezzature, superfici e ambienti Presidio Medico Chirurgico Registrazione n. 19186 del Ministero della Salute

Dettagli

RISPARMIO TOTALE UTILIZZANDO IL METODO MBS : /ANNO

RISPARMIO TOTALE UTILIZZANDO IL METODO MBS : /ANNO CONTROLLO DI UTENSILI PER PROCEDURE HACCP 1. Rilevamento della contaminazione microbica totale in utensili La necessità: In una azienda per la grande distribuzione, il controllo qualità richiede il quotidiano

Dettagli

EVOPDI SRL. PROVA DI EFFICACIA EVO AIR REFRESH (aprile 2016)

EVOPDI SRL. PROVA DI EFFICACIA EVO AIR REFRESH (aprile 2016) EVOPDI SRL PROVA DI EFFICACIA EVO AIR REFRESH (aprile 2016) PRODOTTO TESTATO EVO AIR REFRESH cd. F118 CEPPI MICROBICI TESTATI WDCM 00009 (ATCC 19433) WDCM 00034 (ATCC 25923) ATCC 16022 Dr Simone Bona Somma

Dettagli

Centro di saggio Certificazione M.S. 158/245/2005 DRAFT AM1379-4

Centro di saggio Certificazione M.S. 158/245/2005 DRAFT AM1379-4 Pagina: 1 di 7 DRAFT AM1379-4 VALUTAZIONE DELL ATTIVITÀ ANTIMICROBICA SU LEGIONELLA PNEUMOPHILA DI AGENTE INCORPORATO SU LAMINATO D ALLUMINIO SECONDO ASTM E 2180/01 Programma di Studio n.: AM1379 Contratto

Dettagli

Decreto ministeriale: Aggiornamento e correzione della XII edizione della Farmacopea Ufficiale della Repubblica italiana

Decreto ministeriale: Aggiornamento e correzione della XII edizione della Farmacopea Ufficiale della Repubblica italiana Decreto ministeriale: Aggiornamento e correzione della XII edizione della Farmacopea Ufficiale della Repubblica italiana IL MINISTRO Visto l art. 124 del testo unico delle leggi sanitarie approvato con

Dettagli

Università di Foggia. Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente LABORATORIO DI MICROBIOLOGIA PREDITTIVA

Università di Foggia. Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente LABORATORIO DI MICROBIOLOGIA PREDITTIVA Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli e dell Ambiente LABORATORIO DI MICROBIOLOGIA PREDITTIVA TARIFFARIO 2015 NORME GENERALI Il "Laboratorio di Microbiologia Predittiva" (LP) del

Dettagli

Legnaro, 10 ottobre 2016

Legnaro, 10 ottobre 2016 Legnaro, 1 ottobre 216 Verifica del processo di abbattimento di cariche microbiche dopo trattamento con ozono prodotto dallo strumento Sany Water Plus fornito dalla ditta Sanity System Italia S.r.l. Introduzione

Dettagli

ALLEGATO. INTEGRAZIONI E CORREZIONI alla XII edizione della FARMACOPEA UFFICIALE della Repubblica Italiana

ALLEGATO. INTEGRAZIONI E CORREZIONI alla XII edizione della FARMACOPEA UFFICIALE della Repubblica Italiana ALLEGATO INTEGRAZIONI E CORREZIONI alla XII edizione della FARMACOPEA UFFICIALE della Repubblica Italiana La sezione Capitoli presenta le correzioni ed integrazioni seguenti: Pagina 175. Capitolo 2.5.12.

Dettagli

Valutazione dell efficacia di acido lattico, a diverse concentrazioni, sulla sopravvivenza di L.monocytogenes

Valutazione dell efficacia di acido lattico, a diverse concentrazioni, sulla sopravvivenza di L.monocytogenes Valutazione dell efficacia di acido lattico, a diverse concentrazioni, sulla sopravvivenza di L.monocytogenes e Salmonella Typhimurium sulla croste di Gorgonzola DOP sperimentalmente contaminata Materiali

Dettagli

Ainia Centro Tecnologico Valencia- Spagna. Test in una cella fredda per la conservazione degli alimenti.

Ainia Centro Tecnologico Valencia- Spagna. Test in una cella fredda per la conservazione degli alimenti. Ainia Centro Tecnologico Valencia- Spagna. Test in una cella fredda per la conservazione degli alimenti. Valutazione dell efficacia dei sistemi di disinfezione dell aria AirFree - Cliente: 03-P00457 IMEISON

Dettagli

Microbial Challenge Test (MCT)

Microbial Challenge Test (MCT) Microbial Challenge Test (MCT) Il Reparto di Microbiologia ha presentato una relazione sul Microbial Challenge Test (MCT), procedura che permette di ottenere dati relativi ai limiti critici di una produzione

Dettagli

1. Procedure di valutazione dello sviluppo microbico

1. Procedure di valutazione dello sviluppo microbico 1. Procedure di valutazione dello sviluppo microbico Analisi sperimentali Materiale Metodi diretti Microrganismo: Saccharomyces cerevisiae Terreno colturale: MEB Composizione (g/l) MEB: estratto malto

Dettagli

QUALITA MICROBIOLOGICA DEI COSMETICI: ASPETTI TECNICI E NORMATIVI CHALLENGE TEST

QUALITA MICROBIOLOGICA DEI COSMETICI: ASPETTI TECNICI E NORMATIVI CHALLENGE TEST QUALITA MICROBIOLOGICA DEI COSMETICI: ASPETTI TECNICI E NORMATIVI CHALLENGE TEST Convegno Biolife Sesto San Giovanni_Milano, 15 maggio 2015 Barbara Besostri Riferimenti per il challenge test Riferimento

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL PROCESSO DI DECONTAMINAZIONE DI SUPERFICI TRAMITE APPLICAZIONE CON DISINFETTANTE AD ALTO LIVELLO AIRLOG Liquid IN MACCHINA HYGIENIO

DETERMINAZIONE DEL PROCESSO DI DECONTAMINAZIONE DI SUPERFICI TRAMITE APPLICAZIONE CON DISINFETTANTE AD ALTO LIVELLO AIRLOG Liquid IN MACCHINA HYGIENIO DETERMINAZIONE DEL PROCESSO DI DECONTAMINAZIONE DI SUPERFICI TRAMITE APPLICAZIONE CON DISINFETTANTE AD ALTO LIVELLO AIRLOG Liquid IN MACCHINA HYGIENIO REPORT FINALE Relazione : REPORT N 6/2014 Committente

Dettagli

Sviluppo microbico Procedure di valutazione dello sviluppo microbico. Esercitazione 1. Analisi sperimentali. Metodi diretti.

Sviluppo microbico Procedure di valutazione dello sviluppo microbico. Esercitazione 1. Analisi sperimentali. Metodi diretti. Procedure di valutazione dello sviluppo microbico Analisi sperimentali Materiale Microrganismo: Saccharomyces cerevisiae Terreno colturale: 1 turno MEB Composizione (g/l) MEB: estratto malto 20, peptone

Dettagli

1 a prova TAMPONE FARINGEO. - Faringite in pz di 30 anni - Streptococchi beta emolitici A, C, G. Ricerca di. Esame microscopico diretto

1 a prova TAMPONE FARINGEO. - Faringite in pz di 30 anni - Streptococchi beta emolitici A, C, G. Ricerca di. Esame microscopico diretto PROVA PRATICA 1 a prova TAMPONE FARINGEO - Faringite in pz di 30 anni - Ricerca di Streptococchi beta emolitici A, C, G Esame microscopico diretto NO Esame colturale Terreni di coltura SI Agar sangue CNA

Dettagli

7 Minuti 15 minuti. Concentrazione del prodotto erogato 2,0 ml/m 3. Prelievo su lampada scialitica. Prelievo su respiratore. Prelievo su lettino

7 Minuti 15 minuti. Concentrazione del prodotto erogato 2,0 ml/m 3. Prelievo su lampada scialitica. Prelievo su respiratore. Prelievo su lettino Caratteristiche del locale da trattare: Sala operatoria con cubatura dei locali pari a circa 120 m 3 Attrezzature e prodotti utilizzati: Per il trattamento è stato utilizzato il: NOCOLYSE erogato con:

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL PROCESSO DI DECONTAMINAZIONE DI SUPERFICI TRAMITE APPLICAZIONE CON DISINFETTANTE AD ALTO LIVELLO ADANTIUM PLUS IN MACCHINA HYGIENIO

DETERMINAZIONE DEL PROCESSO DI DECONTAMINAZIONE DI SUPERFICI TRAMITE APPLICAZIONE CON DISINFETTANTE AD ALTO LIVELLO ADANTIUM PLUS IN MACCHINA HYGIENIO DETERMINAZIONE DEL PROCESSO DI DECONTAMINAZIONE DI SUPERFICI TRAMITE APPLICAZIONE CON DISINFETTANTE AD ALTO LIVELLO ADANTIUM PLUS IN MACCHINA HYGIENIO REPORT FINALE Relazione : REPORT N 5/2014 Committente

Dettagli

il laboratorio in una provetta

il laboratorio in una provetta MANUALE D USO REV 03/12/2008 MBS--HACCP&ACQUE EASY TEST METODO COLORIIMETRIICO RAPIIDO PER ANALIISII MIICROBIIOLOGIICHE MANUALE D USO MBS-HACCP&ACQUE Easy test: il laboratorio in una provetta 1.1 Caratteristiche

Dettagli

STUDIO SPERIMENTALE DI VALIDAZIONE DELLE PROCEDURE DI DISINFEZIONE CON IL SISTEMA HYGIENIO NEGLI AMBULATORI DENTISTICI

STUDIO SPERIMENTALE DI VALIDAZIONE DELLE PROCEDURE DI DISINFEZIONE CON IL SISTEMA HYGIENIO NEGLI AMBULATORI DENTISTICI STUDIO SPERIMENTALE DI VALIDAZIONE DELLE PROCEDURE DI DISINFEZIONE CON IL SISTEMA HYGIENIO NEGLI AMBULATORI DENTISTICI Indice. Introduzione Scopo Campo di Applicazione Luogo esecuzione delle prove di laboratorio

Dettagli

Inh. Dr. J. Prucha Steinstraße Lollar Tel Fax Relazione Nr. G a.tmd del

Inh. Dr. J. Prucha Steinstraße Lollar Tel Fax Relazione Nr. G a.tmd del Gutachten Nr. G01-0198a.tmd vom 02.08.2001 Seite 1 Istituto l Igiene e l Ambiente Relazione Nr. G01-0198a.tmd del 02.08.2001 Pagina 1 Relazione concernente l effetto disinfettante dell Anolyte prodotto

Dettagli

TEST REPORT: VERIFICA DEL POTERE ANTIMICROBICO IN VITRO : METODO IN SUPERFICIE

TEST REPORT: VERIFICA DEL POTERE ANTIMICROBICO IN VITRO : METODO IN SUPERFICIE DIPARTIMENTO DI MEDICINA SPERIMENTALE E DIAGNOSTICA / DPT. EXP. & DIAGNOSTIC MEDICINE Via LUIGI BORSARI, 46 44100 FERRARA - ITALY TEST REPORT: VERIFICA DEL POTERE ANTIMICROBICO IN VITRO : METODO IN SUPERFICIE

Dettagli

MICROBIOLOGIA ALIMENTARE

MICROBIOLOGIA ALIMENTARE Le Easi-Tab costituite da microrganismi ottenuti direttamente da collezioni nazionali e internazionali, rappresentano uno dei materiali di riferimento raccomandati dalla ES UNI EN ISO/IES (17025:2005).

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA R-5041

RAPPORTO DI PROVA R-5041 CertiMaC soc.cons. a r.l. Via Granarolo, 62 48018 Faenza RA Italy tel. +39 0546 670363 fax +39 0546 670399 www.certimac.it info@certimac.it R.I. RA, partita iva e codice fiscale 02200460398 R.E.A. RA 180280

Dettagli

L ESPERIENZA DI UNA BANCA NELLA TRANSIZIONE DALLE PIASTRE AI FLACONI. Piera Santoro Banca delle Cornee della Regione Piemonte

L ESPERIENZA DI UNA BANCA NELLA TRANSIZIONE DALLE PIASTRE AI FLACONI. Piera Santoro Banca delle Cornee della Regione Piemonte L ESPERIENZA DI UNA BANCA NELLA TRANSIZIONE DALLE PIASTRE AI FLACONI Piera Santoro Banca delle Cornee della Regione Piemonte Dati bibliografici riportano che la contaminazione iniziale di tutte le cornee

Dettagli

ANALISI MICROBIOLOGICHE DELLE ACQUE PER USO UMANO Riferimenti Normativi e Terreni di Coltura

ANALISI MICROBIOLOGICHE DELLE ACQUE PER USO UMANO Riferimenti Normativi e Terreni di Coltura numero 13 maggio 2009 ANALISI MICROBIOLOGICHE DELLE ACQUE PER USO UMANO Riferimenti Normativi e Terreni di Coltura Il Decreto Legislativo n. 31 del 2 febbraio 2001, con le successive integrazioni e modifiche,

Dettagli

Caratterizzazione batteriologica di ambienti ospedalieri critici: le sale operatorie dott. Francesca Giacobbi

Caratterizzazione batteriologica di ambienti ospedalieri critici: le sale operatorie dott. Francesca Giacobbi Caratterizzazione batteriologica di ambienti ospedalieri critici: le sale operatorie dott. Francesca Giacobbi Sezione Provinciale di Bologna Dipartimento Tecnico Interazioni tra ambiente indoor e occupanti

Dettagli

SVILUPPO DI UNA TECNOLOGIA BIOLOGICA INNOVATIVA PER LA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA MATRICI AMBIENTALI CONTAMINATE

SVILUPPO DI UNA TECNOLOGIA BIOLOGICA INNOVATIVA PER LA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA MATRICI AMBIENTALI CONTAMINATE SVILUPPO DI UNA TECNOLOGIA BIOLOGICA INNOVATIVA PER LA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA MATRICI AMBIENTALI CONTAMINATE Valentina Rivelli 1, Isabella Gandolfi 1, Andrea Franzetti 1, Sergio Cordoni 2, Giuseppina

Dettagli

LUOGO E DATA DI EMISSIONE: Faenza, 29/08/2014 NORMATIVE APPLICATE: UNI EN 1339 DATA RICEVIMENTO CAMPIONI: 11/07/2014

LUOGO E DATA DI EMISSIONE: Faenza, 29/08/2014 NORMATIVE APPLICATE: UNI EN 1339 DATA RICEVIMENTO CAMPIONI: 11/07/2014 CertiMaC soc.cons. a r.l. Via Granarolo, 62 48018 Faenza RA Italy tel. +39 0546 670363 fax +39 0546 670399 www.certimac.it info@certimac.it R.I. RA, partita iva e codice fiscale 02200460398 R.E.A. RA 180280

Dettagli

Antibiogramma. Dott. Semih ESIN

Antibiogramma. Dott. Semih ESIN Antibiogramma Dott. Semih ESIN Antibiogramma: Indagine di laboratorio per saggiare la suscettibilità di un microrganismo ai farmaci antibatterici A causa della ormai vasta diffusione del fenomeno della

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA R-5039

RAPPORTO DI PROVA R-5039 CertiMaC soc.cons. a r.l. Via Granarolo, 62 48018 Faenza RA Italy tel. +39 0546 670363 fax +39 0546 670399 www.certimac.it info@certimac.it R.I. RA, partita iva e codice fiscale 02200460398 R.E.A. RA 180280

Dettagli

Controllo qualità emocomponenti

Controllo qualità emocomponenti L utilizzo degli emocomponenti ad uso non trasfusionale alla luce della recente normativa nazionale e regionale Bologna 18/09/2017 Controllo qualità emocomponenti 1 Dr.ssa Veronica Roverini (TSLB) Controlli

Dettagli

Milano, 30 gennaio 2012 MACCHINA CAFFE

Milano, 30 gennaio 2012 MACCHINA CAFFE Milano, 30 gennaio 2012 MACCHINA CAFFE SCOPO DEL LAVORO E stata valutata l efficacia del trattamento di sanificazione dell ugello vaporizzatore della macchina per caffè e cappucci ecc. PITTI (Figura 1)

Dettagli

CEPPI MICROBICI DI RIFERIMENTO

CEPPI MICROBICI DI RIFERIMENTO numero 2 gennaio 2007 CEPPI MICROBICI DI RIFERIMENTO L utilizzo di microrganismi come standard di riferimento è ormai diventato prassi comune nei laboratori microbiologici, dove sono molteplici le applicazioni

Dettagli

La prevenzione ed il controllo delle infezioni delle vie urinarie

La prevenzione ed il controllo delle infezioni delle vie urinarie La prevenzione ed il controllo delle infezioni delle vie urinarie Epidemiologia delle infezioni delle vie urinarie: i dati del laboratorio Dott.ssa Franca Benini Dott.ssa Giovanna Testa U.O.Microbiologia

Dettagli

Ed. 01 Marzo Rev. 1.0

Ed. 01 Marzo Rev. 1.0 1 MICROBIOLOGY TERRENI DI COLTURA CROMOGENICII 2011 Ed. 01 Marzo 2010 Rev. 1.0 LICKSON S.r.l. Uffici Amm.vi e stabilimento: S.S. 189 (PA-AG) - C.da Pettineo, 90020 VICARI (PA) - ITALY Casella Postale 90025

Dettagli

Salumificio Alborghetti S.r.l. Ambivere BG Salame come una volta

Salumificio Alborghetti S.r.l. Ambivere BG Salame come una volta Ditta Comune Produzione Salumificio Alborghetti S.r.l. Ambivere BG Salame come una volta Sperimentazione del 0/0/00 Patogeno Clostridium botulinum strain(s): atcc_ wild_strain _IZS_N _0/0 Modalità di contaminazione

Dettagli

6. Test microbiologici e validazioni HDS

6. Test microbiologici e validazioni HDS 6. Test microbiologici e validazioni HDS 49 6.Test microbiologici e validazioni HDS 6.1 Test microbiologici Plastica Antibatterica Negli ambienti ospedalieri tutte le superfici che possono entrare in contatto

Dettagli

Tecniche di sterilizzazione

Tecniche di sterilizzazione Tecniche di sterilizzazione La sterilizzazione è un processo il cui scopo è quello di stabilire condizioni asettiche, mediante rimozione di tutti i microrganismi. La sterilizzazione è molto importante

Dettagli

Metodi per la misura della contaminazione microbiologica. Milena Mantarro

Metodi per la misura della contaminazione microbiologica. Milena Mantarro Metodi per la misura della contaminazione microbiologica Milena Mantarro Milano, 11-11-2009 Batteri Muffe & co Batteri: Microrganismi unicellulari senza membrane intracellulari definite Funghi: Microrganismi

Dettagli

LUOGO E DATA DI EMISSIONE: Faenza, 20/11/2013 NORMATIVE APPLICATE: UNI EN 1339 DATA RICEVIMENTO CAMPIONI: 11/10/2013

LUOGO E DATA DI EMISSIONE: Faenza, 20/11/2013 NORMATIVE APPLICATE: UNI EN 1339 DATA RICEVIMENTO CAMPIONI: 11/10/2013 CertiMaC soc.cons. a r.l. Via Granarolo, 62 48018 Faenza RA Italy tel. +39 0546 670363 fax +39 0546 670399 www.certimac.it info@certimac.it R.I. RA, partita iva e codice fiscale 02200460398 R.E.A. RA 180280

Dettagli

Caratterizzazione dell aria all interno dello stabilimento sperimentale: sala lavaggio

Caratterizzazione dell aria all interno dello stabilimento sperimentale: sala lavaggio Spett.le BARILLA SPA Via Mantova, 166 Parma Caratterizzazione dell aria all interno dello stabilimento sperimentale: sala lavaggio Verifica dello stato ambientale Determinazione degli inquinanti in ambiente

Dettagli

LISTINO ANALISI MICROBIOLOGICHE LABORATORIO GENESI srl ANNO 2013

LISTINO ANALISI MICROBIOLOGICHE LABORATORIO GENESI srl ANNO 2013 LISTINO ANALISI MICROBIOLOGICHE LABORATORIO GENESI srl ANNO 2013 All.MQ_4.4_02 rev.00 del 30.03.2013 Pagina 1 di 5 MATRICE: ACQUE Metodo di prova per la fase di campionamento: IO C 03* Conta microbica

Dettagli

conservante ma viene inibita o limitata la loro duplicazione

conservante ma viene inibita o limitata la loro duplicazione Ondaline Cosmetici s.r.l. Via Galileo Galilei 51D 35035 Mestrino PD Italia Tel. +39 049 9002288 Fax +39 049 9002777 COS E UN CONSERVANTE? Definizione: Additivo chimico o naturale usato per favorire il

Dettagli

LUOGO E DATA DI EMISSIONE: Faenza, 20/11/2013 NORMATIVE APPLICATE: UNI EN DATA RICEVIMENTO CAMPIONI: 11/10/2013

LUOGO E DATA DI EMISSIONE: Faenza, 20/11/2013 NORMATIVE APPLICATE: UNI EN DATA RICEVIMENTO CAMPIONI: 11/10/2013 CertiMaC soc.cons. a r.l. Via Granarolo, 62 48018 Faenza RA Italy tel. +39 0546 670363 fax +39 0546 670399 www.certimac.it info@certimac.it R.I. RA, partita iva e codice fiscale 02200460398 R.E.A. RA 180280

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N /7952/CPR

RAPPORTO DI PROVA N /7952/CPR Istituto Giordano S.p.A. Via Rossini, 2-47814 Bellaria-Igea Marina (RN) - Italia Tel. +39 0541 343030 - Fax +39 0541 345540 istitutogiordano@giordano.it - www.giordano.it PEC: ist-giordano@legalmail.it

Dettagli

RAPPORTO DI STUDIO. Efficacia dell ozono nella conservazione della fragola

RAPPORTO DI STUDIO. Efficacia dell ozono nella conservazione della fragola RAPPORTO DI STUDIO Efficacia dell ozono nella conservazione della fragola Responsabile scientifico Prof. Gabriele Chilosi Università degli Studi della Tuscia di Viterbo Esecutore della prova Dott. Vincenzo

Dettagli

INDICE PREFAZIONE. 1 Alcuni concetti e definizioni fondamentali relativi alle tecniche microbiologiche 1 (ANN VAUGHAN, PIETRO BUZZINI)

INDICE PREFAZIONE. 1 Alcuni concetti e definizioni fondamentali relativi alle tecniche microbiologiche 1 (ANN VAUGHAN, PIETRO BUZZINI) INDICE PREFAZIONE XI 1 Alcuni concetti e definizioni fondamentali relativi alle tecniche microbiologiche 1 (ANN VAUGHAN, PIETRO BUZZINI) 1.1 Microbiologia 1 1.2 Microrganismi procarioti 1 1.3 Microrganismi

Dettagli

Ed. 01 Febbraio Rev. 1.0

Ed. 01 Febbraio Rev. 1.0 1 MICROBIOLOGY TERRENI DI COLTURA CROMOGENICI 2009 Ed. 01 Febbraio 2009 Rev. 1.0 LICKSON S.r.l. Uffici Amm.vi e stabilimento: S.S. 189 (PA-AG) - C.da Pettineo, 90020 VICARI (PA) - ITALY Casella Postale

Dettagli

ANALISI MICROBIOLOGICHE DELLE ACQUE PER USO UMANO Ricerca di Pseudomonas aeruginosa

ANALISI MICROBIOLOGICHE DELLE ACQUE PER USO UMANO Ricerca di Pseudomonas aeruginosa numero 12 maggio 2009 ANALISI MICROBIOLOGICHE DELLE ACQUE PER USO UMANO Ricerca di Pseudomonas aeruginosa Microrganismo con elevata capacità di adattamento, Pesudomonas aeruginosa è pressoché ubiquitario

Dettagli

BENZILPENICILLINA BENZATINICA PREPARAZIONE INIETTABILI. Benzilpenicillina Benzatinica polvere sterile per preparazioni iniettabili

BENZILPENICILLINA BENZATINICA PREPARAZIONE INIETTABILI. Benzilpenicillina Benzatinica polvere sterile per preparazioni iniettabili 1 1 1 1 1 1 1 1 0 1 0 1 0 1 1 01/FU Maggio 00 Commenti entro il 0 Settembre 00 NOTA: Corretta in seguito ai commenti della Dott.ssa Mozzetti La monografia è stata revisionata per armonizzarla con le altre

Dettagli

Urinocoltura : dal prelievo all antibiogramma

Urinocoltura : dal prelievo all antibiogramma Urinocoltura : dal prelievo all antibiogramma antibiogramma Dott.ssa Franca Benini U.O.Microbiologia Centro Sevizi Laboratorio Unico Pievesestina Forlì 17 maggio 2011 Il campione microbiologico: il percorso

Dettagli

Gli audit nei laboratori interni: elementi di valutazione

Gli audit nei laboratori interni: elementi di valutazione Gli audit nei laboratori interni: elementi di valutazione Intervento a cura di: dr. Claudio Monaci OBIETTIVO DELL AUDIT Corretta esecuzione dei metodi analitici; Attendibilità dell esito analitico erogato;

Dettagli

Benedetta Turchetti Dipartimento di Biologia Applicata Università degli Studi di Perugia Curatore della Collezione dei Lieviti Industriali DBVPG

Benedetta Turchetti Dipartimento di Biologia Applicata Università degli Studi di Perugia Curatore della Collezione dei Lieviti Industriali DBVPG Benedetta Turchetti Dipartimento di Biologia Applicata Università degli Studi di Perugia Curatore della Collezione dei Lieviti Industriali DBVPG ICLAVA Risultati progetto MIPAF - OIGA 18829/2009 Partecipanti

Dettagli

ANALISI MICROBIOLOGICHE DELLE ACQUE PER USO UMANO Ricerca di Escherichia coli

ANALISI MICROBIOLOGICHE DELLE ACQUE PER USO UMANO Ricerca di Escherichia coli numero 9 marzo 2009 ANALISI MICROBIOLOGICHE DELLE ACQUE PER USO UMANO Ricerca di Escherichia coli Appartenente alla famiglia delle Enterobacteriaceae, Escherichia coli è il batterio coliforme predominante

Dettagli

Istituto Comprensivo Sandro Pertini Ovada

Istituto Comprensivo Sandro Pertini Ovada Istituto Comprensivo Sandro Pertini Ovada In campo microbiologico è di primaria importanza riuscire a coltivare e perpetuare i microrganismi in laboratorio e ciò è reso possibile solo dalla disponibilità

Dettagli

Terreni colturali e controllo di idoneità. Giornata di Studio AFI 31/03/2009 Pergola Luigi - Doppel Farmaceutici

Terreni colturali e controllo di idoneità. Giornata di Studio AFI 31/03/2009 Pergola Luigi - Doppel Farmaceutici Terreni colturali e controllo di idoneità 1 Il terreno di coltura è l unico mezzo che abbiamo (con la microbiologia tradizionale) per evidenziare la presenza di contaminazione microbica; per essere quindi

Dettagli

x Strumentazione e vetreria Oltre la normale attrezzatura di laboratorio (Appendice 1) è necessario disporre di membrane di acetato di cellulos

x Strumentazione e vetreria Oltre la normale attrezzatura di laboratorio (Appendice 1) è necessario disporre di membrane di acetato di cellulos DETERMINAZIONE DEI FUNGHI 0. Generalità e definizioni I funghi o miceti sono organismi eucarioti, chemiosintetici ed eterotrofi, unicellulari o più spesso organizzati in strutture pluricellulari, che possono

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL PROCESSO DI DECONTAMINAZIONE DI SUPERFICI TRAMITE LAVAGGIO CON DISINFETTANTE AD ALTO LIVELLO LYSED PLUS IN MACCHINA HYGIENIO

DETERMINAZIONE DEL PROCESSO DI DECONTAMINAZIONE DI SUPERFICI TRAMITE LAVAGGIO CON DISINFETTANTE AD ALTO LIVELLO LYSED PLUS IN MACCHINA HYGIENIO DETERMINAZIONE DEL PROCESSO DI DECONTAMINAZIONE DI SUPERFICI TRAMITE LAVAGGIO CON DISINFETTANTE AD ALTO LIVELLO LYSED PLUS IN MACCHINA HYGIENIO REPORT FINALE Relazione : REPORT N 4/2014 Committente : FIS

Dettagli

Allegato E GARA REAGENTI PER MICROBIOLOGIA DESCRIZIONE CARATTERISTICHE TECNICHE PRODOTTO. Lotto n 1

Allegato E GARA REAGENTI PER MICROBIOLOGIA DESCRIZIONE CARATTERISTICHE TECNICHE PRODOTTO. Lotto n 1 Allegato E Cod AREAS Lotto n 1 13827 GARA REAGENTI PER MICROBIOLOGIA DESCRIZIONE CARATTERISTICHE TECNICHE PRODOTTO Sistema con terreno di trasporto per i materiali biologici idoneo alla conservazione dei

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N

RAPPORTO DI PROVA N Istituto Giordano S.p.A. Via Rossini, 2-47814 Bellaria-Igea Marina (RN) - Italia Tel. +39 0541 343030 - Fax +39 0541 345540 istitutogiordano@giordano.it - www.giordano.it PEC: ist-giordano@legalmail.it

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N

RAPPORTO DI PROVA N Istituto Giordano S.p.A. Via Rossini, 2-47814 Bellaria-Igea Marina (RN) - Italia Tel. +39 0541 343030 - Fax +39 0541 345540 istitutogiordano@giordano.it - www.giordano.it PEC: ist-giordano@legalmail.it

Dettagli

DETERMINAZIONE DEI FUNGHI

DETERMINAZIONE DEI FUNGHI DETERMINAZIONE DEI FUNGHI 0. Generalità e definizioni I funghi o miceti sono organismi eucarioti, chemiosintetici ed eterotrofi, unicellulari o più spesso organizzati in strutture pluricellulari, che possono

Dettagli

Esercitazione 2 Colorazione di Gram

Esercitazione 2 Colorazione di Gram Esercitazione 2 Colorazione di Gram 1) Mettere 10 µl di coltura batterica sul vetrino; con il puntale della pipetta distribuire uniformemente la sospensione batterica. 2) FISSAZIONE: far asciugare all

Dettagli

IL MONITORAGGIO MICROBIOLOGICO DELLE SUPERFICI

IL MONITORAGGIO MICROBIOLOGICO DELLE SUPERFICI numero 1 dicembre 2005 IL MONITORAGGIO MICROBIOLOGICO DELLE SUPERFICI Soprattutto in ambito farmaceutico, ma sempre di più anche nel settore alimentare, è fondamentale minimizzare il rischio di contaminazione

Dettagli

Corso di Laurea Triennale in Biotecnologie Agro- Industriali Università di Roma La Sapienza

Corso di Laurea Triennale in Biotecnologie Agro- Industriali Università di Roma La Sapienza MICROBIOLOGIA GENERALE Prof. C. Mazzoni Corso di Laurea Triennale in Biotecnologie Agro- Industriali Università di Roma La Sapienza Appunti della lezione 8 Diapositive della lezione 8 Paragrafo 5.3, capitolo

Dettagli

Filippo Pacchioni Olivier Jousson CIBIO, Università di Trento (TN)

Filippo Pacchioni Olivier Jousson CIBIO, Università di Trento (TN) Filippo Pacchioni Olivier Jousson CIBIO, Università di Trento (TN) Sviluppo di metodiche molecolari avanzate per il controllo di qualità microbiologico nei processi di produzione di prodotti farmaceutici

Dettagli

LUOGO E DATA DI EMISSIONE: Faenza, 24/01/2013 NORMATIVE APPLICATE: UNI EN 1339 DATA RICEVIMENTO CAMPIONI: 21/12/2012

LUOGO E DATA DI EMISSIONE: Faenza, 24/01/2013 NORMATIVE APPLICATE: UNI EN 1339 DATA RICEVIMENTO CAMPIONI: 21/12/2012 CertiMaC soc.cons. a r.l. Via Granarolo, 62 48018 Faenza RA Italy tel. +39 0546 670363 fax +39 0546 670399 www.certimac.it info@certimac.it R.I. RA, partita iva e codice fiscale 02200460398 R.E.A. RA 180280

Dettagli

MBS HACCP&ACQUE Easy Test Analisi microbiologiche degli alimenti Facili, Rapide ed Affidabili. Prof. Giovanni Antonini, MD, PhD

MBS HACCP&ACQUE Easy Test Analisi microbiologiche degli alimenti Facili, Rapide ed Affidabili. Prof. Giovanni Antonini, MD, PhD MBS HACCP&ACQUE Easy Test Analisi microbiologiche degli alimenti Facili, Rapide ed Affidabili Prof. Giovanni Antonini, MD, PhD MBS Srl Costituita nel 2007 per lo sviluppo industriale del metodo analitico

Dettagli

Progetto ewine (Joint Project 2005)

Progetto ewine (Joint Project 2005) Progetto ewine (Joint Project 2005) Il concetto di tracciabilità applicato ad un processo di produzione di batteri selezionati per uso alimentare Fabio Fracchetti Dip. Biotecnologie - Microbiologia Alimentare

Dettagli

CRIOCONSERVAZIONE DEI MICRORGANISMI: SISTEMA PROTECT

CRIOCONSERVAZIONE DEI MICRORGANISMI: SISTEMA PROTECT numero 8 settembre 2008 CRIOCONSERVAZIONE DEI MICRORGANISMI: SISTEMA PROTECT I laboratori microbiologici, in ambito alimentare e farmaceutico così come in altri settori, utilizzano regolarmente standard

Dettagli

Medium Inoculazione Coltura pura : Colonie: Clone

Medium Inoculazione Coltura pura : Colonie: Clone Nutrizione Medium: soluzione di nutrienti che permettono la crescita dei batteri. Inoculazione : l introduzione di cellule vive in un terreno liquido sterile o sulla superficie dei terreni solidi. Coltura

Dettagli

TERRENI. Sia i terreni solidi che quelli liquidi possono essere: Elettivi + sostanze che favoriscono la crescita di alcuni batteri

TERRENI. Sia i terreni solidi che quelli liquidi possono essere: Elettivi + sostanze che favoriscono la crescita di alcuni batteri Lo sviluppo della batteriologia ha avuto inizio quando si è trovata la possibilità di coltivare i batteri in vitro nei terreni di coltura, contenenti sostanze capaci di mantenere la vitalità e di permettere

Dettagli

MBS-HACCP&ACQUE EASY TEST

MBS-HACCP&ACQUE EASY TEST MBS-HACCP&ACQUE EASY TEST SISTEMA BASE MANUALE D USO INDICE 1.1 Introduzione 3 1.2 Modalità di utilizzazione 5 1.2.1 Campione solido 6 1.2.2 Campione liquido 9 1.2.3 Analisi di una superficie 12 1.3 Scale

Dettagli

SCHEDA TECNICA ISACLEAN SPRAY DISPOSITIVO MEDICO classe IIb

SCHEDA TECNICA ISACLEAN SPRAY DISPOSITIVO MEDICO classe IIb Ed. 1 Rev. 1 del 14.09.2015 Pag. 1 di 5 1. Nome del Dispositivo Isaclean Spray 0 5 4 6 2. Composizione qualitativa e quantitativa 100 ml contengono Isazone g 0,001 Benzalconio cloruro 50% g 1 Clorexidina

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRETTA DELLA CARICA MICROBICA TOTALE

DETERMINAZIONE DIRETTA DELLA CARICA MICROBICA TOTALE DETERMINAZIONE DIRETTA DELLA CARICA MICROBICA TOTALE Conta diretta con microscopio delle cellule contenute in un volume noto di campione, attraverso l impiego di CAMERE DI CONTA (camera di Thoma o di Burker

Dettagli

Kit completi contenenti terreni di coltura pronti in piastra petri ø 60 mm + le membrane di filtrazione con reticolo, in confezione singola sterile.

Kit completi contenenti terreni di coltura pronti in piastra petri ø 60 mm + le membrane di filtrazione con reticolo, in confezione singola sterile. NUTRIENT PETRI AGAR (NPA) Kit completi contenenti terreni di coltura pronti in piastra petri ø 60 mm + le membrane di filtrazione con reticolo, in confezione singola sterile. I Kit completi (NPA) Nutrient

Dettagli

Proposta di nuovi indicatori di igiene ambientale

Proposta di nuovi indicatori di igiene ambientale Proposta di nuovi indicatori di igiene ambientale Riassunto Nel lavoro vengono proposti nuovi indicatori di igiene ambientale utili a superare l attuale assenza in letteratura e nella pratica quotidiana

Dettagli

Ricerca condotta dalla Mendel Universityin Brno (Rep. Ceca) Stabilità microbiologica di diversi prodotti a base di Aloe.

Ricerca condotta dalla Mendel Universityin Brno (Rep. Ceca) Stabilità microbiologica di diversi prodotti a base di Aloe. Ricerca condotta dalla Mendel Universityin Brno (Rep. Ceca) Stabilità microbiologica di diversi prodotti a base di Aloe. 1. Analisi microbiologica dei prodotti fatti con Aloe in 47 giorni Metodologia Tre

Dettagli

all 1.2.3 "Prodotti microbiologici da laboratorio, kit, sieri e terreni di cultura disidratati " - CIG [6200145981]

all 1.2.3 Prodotti microbiologici da laboratorio, kit, sieri e terreni di cultura disidratati  - CIG [6200145981] POS. TIPOLOGIA prodotto taglio confezione (N pezzi) unità di misura q.ta finale 1 Kit indicatori sacchi dischetti pronti ONPG (vuoto) nr dischetti 200 2 Kit indicatori sacchi Buste per anaerobiosi per

Dettagli

HET CAM TEST VALUTAZIONE DEL POTERE IRRITANTE SU MEMBRANA EMBRIONALE MODALITA Q

HET CAM TEST VALUTAZIONE DEL POTERE IRRITANTE SU MEMBRANA EMBRIONALE MODALITA Q Rapporto di Prova 6/15/01 Pag. 1/7 Milano, 19 gennaio 2015 HET CAM TEST VALUTAZIONE DEL POTERE IRRITANTE SU MEMBRANA EMBRIONALE MODALITA Q METODO: T27C COMMITTENTE: MARIO BERTA BATTILORO di Sabrina Berta

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO MONOGRAFIA SUL GLUTATIONE

RISOLUZIONE OIV-OENO MONOGRAFIA SUL GLUTATIONE RISOLUZIONE OIV-OENO 571-2017 MONOGRAFIA SUL GLUTATIONE L ASSEMBLEA GENERALE, Visto l'articolo 2, paragrafo 2 iv dell'accordo del 3 aprile 2001 che istituisce l'organizzazione internazionale della vigna

Dettagli

R LUOGO E DATA DI EMISSIONE: Faenza, 23/11/2007 NORMATIVE APPLICATE: UNI EN DATA RICEVIMENTO CAMPIONI: 09/11/2007

R LUOGO E DATA DI EMISSIONE: Faenza, 23/11/2007 NORMATIVE APPLICATE: UNI EN DATA RICEVIMENTO CAMPIONI: 09/11/2007 RAPPORTO DI PROVA DETERMINAZIONE DELLA RESISTENZA A COMPRESSIONE (NORMA UNI EN 772-1) DEL PRODOTTO MATTONE COTTOBLOC CON DISTANZIATORI, 21x10.5x5.5 DELLA DITTA "SO.LA.VA. S.p.A.", STABILIMENTO DI PIANDISCO

Dettagli

Il Controllo microbiologico dei prodotti cosmetici: problemi e prospettive

Il Controllo microbiologico dei prodotti cosmetici: problemi e prospettive Il Controllo microbiologico dei prodotti cosmetici: problemi e prospettive A.R.P.A.C.: Colacurci B., Tucci C., d Alessio A., Viscardi A.E., Mazzei G., Improta A., Tifi A., Muselli D. A.R.P.A.C. Dipartimento

Dettagli

Modulo 1: Accoglienza e presentazione della disciplina

Modulo 1: Accoglienza e presentazione della disciplina PRINCIPI DI ALIMENTAZIONE Classe: 1^ Competenze disciplinari Modulo 1: Accoglienza e presentazione della disciplina Unità di apprendimento - Principali tematiche inerenti la disciplina - Metodologie di

Dettagli

LA RICERCA DI CAMPYLOBACTER NEGLI ALIMENTI, ISO :2006

LA RICERCA DI CAMPYLOBACTER NEGLI ALIMENTI, ISO :2006 numero 3 dicembre 2007 LA RICERCA DI CAMPYLOBACTER NEGLI ALIMENTI, ISO 10272-1:2006 Alcune specie di Campylobacter (C. jejuni, C. coli, e C. lari) sono frequentemente identificate come agenti causali di

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 10/ COPY. Spett.le Codice intestatario CHIMIVER PANSERI SPA VIA BERGAMO, PONTIDA (BG) IT

RAPPORTO DI PROVA 10/ COPY. Spett.le Codice intestatario CHIMIVER PANSERI SPA VIA BERGAMO, PONTIDA (BG) IT RAPPORTO DI PROVA 10/000221666 data di emissione 16/07/2010 Spett.le Codice intestatario 0059651 CHIMIVER PANSERI SPA VIA BERGAMO, 1401 24030 PONTIDA (BG) IT Dati campione Numero di accettazione 10.047275.0001

Dettagli

UTILIZZO IN ROUTINE DEL SISTEMA sedimax (A.Menarini Diagnostics) PER LO SCREENING DEI CAMPIONI DI URINA PER URINOCOLTURA. Dr.ssa Maria M.

UTILIZZO IN ROUTINE DEL SISTEMA sedimax (A.Menarini Diagnostics) PER LO SCREENING DEI CAMPIONI DI URINA PER URINOCOLTURA. Dr.ssa Maria M. UTILIZZO IN ROUTINE DEL SISTEMA sedimax (A.Menarini Diagnostics) PER LO SCREENING DEI CAMPIONI DI URINA PER URINOCOLTURA Dr.ssa Maria M. Lleò Per valutare la significatività della carica microbica nelle

Dettagli

glucosio 2 etanolo + 2 CO 2 Prove comparative

glucosio 2 etanolo + 2 CO 2 Prove comparative Fermentazione alcolica - Saccharomyces cerevisiae Impiego di cellule di cellule libere e immobilizzate (alginato di calcio) Finalità della sperimentazione Fase sperimentale Valutazione della capacità fermentativa

Dettagli

Area Gestione Risorse U.O.C. Acquisizione Beni e Servizi Ufficio Acquisizione Farmaci e Diagnostici AVVISO ESPLORATIVO

Area Gestione Risorse U.O.C. Acquisizione Beni e Servizi Ufficio Acquisizione Farmaci e Diagnostici AVVISO ESPLORATIVO Area Gestione Risorse U.O.C. Acquisizione Beni e Servizi Ufficio Acquisizione Farmaci e Diagnostici AVVISO ESPLORATIVO Acquisizione della fornitura di reagenti e anticorpi monoclonali per le necessità

Dettagli