Istituto Comprensivo Croci - Scuola Primaria Don Lorenzo Milani Calderara. Programmazione Didattica Annuale Anno Scolastico Classi Quinte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Comprensivo Croci - Scuola Primaria Don Lorenzo Milani Calderara. Programmazione Didattica Annuale Anno Scolastico 2013-2014 Classi Quinte"

Transcript

1 Istituto Comprensivo Croci - Scuola Primaria Don Lorenzo Milani Calderara Programmazione Didattica Annuale Anno Scolastico Classi Quinte 1

2 LINGUA ITALIANA Ascoltare e comprendere O.D.G. 1 SAPER ASCOLTARE, COMPRENDERE ED INTERPRETARE MESSAGGI 1 a. Comprende istruzioni per l esecuzione di attività didattiche. 1 b. Comprende spiegazioni relative ai contenuti delle attività proposte. 1 c. Comprende e ricorda testi letti dall insegnante. 1 d. Presta attenzione agli interventi in una discussione, comprendendo le opinioni degli Interlocutori e le loro motivazioni. 1 e. Comprende comunicazioni provenienti da diverse fonti di informazione. 1 f. Si concentra nell ascolto per un determinato periodo di tempo. Comunicare oralmente O.D.G. 2 SAPER COMUNICARE IN FORMA CHIARA ED ORGANICA ED AMPLIARE IL PROPRIO LESSICO 2 a. Racconta esperienze e vissuti personali, rispettando un ordine logico-temporale. 2 b. Interviene in modo pertinente in una discussione, rispettandone tempi e modalità. 2 c. Rispetta le regole della comunicazione 2 d. Espone in modo chiaro ed efficace i contenuti delle attività proposte. 2 e. Espone in modo chiaro argomenti di studio seguendo uno schema prestabilito. 2 f. Utilizza parole ed espressioni adeguate ai contenuti da esprimere. Leggere e comprendere testi di tipo diverso O.D.G. 3 SAPER LEGGERE, ANALIZZARE E COMPRENDERE TESTI DI DIVERSO TIPO 3 a. Legge con sicurezza vari tipi di testo. 3 b. legge in modo corretto e spedito qualsiasi tipo di testo. 3 c. Rispetta i segni di punteggiatura. 3 d. Varia l intonazione della voce a seconda delle esigenze del testo. 3 e. Comprende il senso globale di un brano, rilevandone gli elementi portanti. 3 f. Seleziona le informazioni principali da quelle secondarie. 3 g. Ricerca le parole di significato sconosciuto con l aiuto del dizionario. 3 h. Riconosce diverse tipologie testuali: descrittive, narrative, regolative, argomentative, poetiche. 3 i. Individua in un testo: personaggi, luoghi, tempi, avvenimenti, relazioni logiche. 3 l. Riconosce testi fantastici e realistici. 3 m. Comprende le domande di un questionario. 3 n. Riconosce in un testo opinioni e informazioni. 3 o. Riconosce e legge strutture ipertestuali. 3 p. legge e comprende una mappa concettuale. 3 q. Utilizza testi personali e della biblioteca scolastica organizzando le sue scelte personali ed esprimendo una sua valutazione. 3 r. Consulta testi per approfondire argomenti trattati in classe. Produrre testi scritti O.D.G. 4 PRODURRE E RIELABORARE TESTI SCRITTI DI VARIO GENERE 4 a. Produce testi scritti corretti, completi, organici e coerenti adeguati alle richieste. 4 b. Scrive usando un lessico appropriato. 4 c. Scrive usando frasi strutturate. 4 d. Scrive usando connettivi adeguati per collegare le frasi. 4 e. Scrive usando la corretta punteggiatura 4 f. Scrive testi narrativi utilizzando strutture predefinite. 4 g. Scrive testi descrittivi, partendo dalla realtà. 2

3 4 h. Scrive un testo argomentativo. 4 i. Scrive testi che riferiscono esperienze personali in modo chiaro, esplicito, completo inserendo dialoghi e descrizioni. 4 l. Scrive una lettera seguendo uno schema prestabilito. 4 m. Scrive testi a carattere pratico-comunicativo (appunti, avvisi, pro-memoria, diagrammi di flusso). 4 n. Dà ai testi un carattere pertinente. 4 o. Prepara un questionario. 4 p. Scrive una relazione. 4 q. Produce semplici poesie, dati stimoli diversi (immagini, associazioni di parole, colori, brani musicali). 4 r. Opera la sintesi di un brano letto oralmente e per iscritto. Riflettere sulla lingua O.D.G. 5 RICONOSCERE NEL LINGUAGGIO ORALE E SCRITTO STRUTTURE MORFO-SINTATTICHE E LESSICALI 5 a. Conosce le origini della lingua. 5 b. Sa utilizzare il dizionario. 5 c. Riconosce e analizza tutti i tipi di aggettivo. 5d. Riconosce e analizza i pronomi. 5 e. Riconosce e analizza gli avverbi e le congiunzioni. 5 f. Riconosce e analizza le interiezioni. 5 g. Riconosce e analizza tempi e modi del verbo. 5 h. Riconosce il soggetto e il predicato e i principali complementi. 5 i. Riconosce le parole con significati inclusi: omonimi, sinonimi, contrari. 5 l. Comprende l origine di alcune parole. 5 m. Utilizza correttamente i principali segni di punteggiatura. 5 n. Sa trasformare il discorso diretto in discorso indiretto e viceversa. 3

4 STORIA Orientarsi e collegare nel tempo fatti ed eventi O.D.G.1 COLLOCARE EVENTI DELLA STORIA ANTICA NELLO SPAZIO 1 a. Individua di ogni civiltà lo spazio in cui è collocata. 1 b. Individua le caratteristiche geografiche dello spazio. 1 c. Individua gli elementi geografici comuni alle diverse civiltà. 1 d. Individua quali elementi accomunano lo sviluppo delle diverse società. O.D.G. 2 COLLOCARE EVENTI DELLA STORIA ANTICA NEL TEMPO 2 a. Ripartisce gli eventi secondo le convenzioni tra a.c. e d. C. 2 b. Conosce e pone sulla linea del tempo una serie ordinata di eventi significativi relativi ai popoli. Studiati. 2 c. Periodizza e delimita nel tempo i periodi storici studiati. 2 d. Individua e collega gli eventi secondo la dimensione diacronica e sincronica. Conoscere, ricostruire e comprendere eventi e trasformazioni storiche. O.D.G. 3 OPERARE CONFRONTI TRA I SINGOLI ASPETTI DELLE DIFFE- RENTI CIVILTA DELL ETA ANTICA 3 a. Conosce quali elementi caratterizzavano e differenziavano le civiltà mediterranee (organizzazione sociale, governo, espressione artistica e religiosa) 1. Greci 2. Persiani 3. Macedoni Popoli italici (Camuni, Sardi, Etruschi) 4. Romani O.D.G. 4 INDIVIDUARE ELEMENTI DI CONTEMPORANEITA E NESSI STORICI TRA LE VARIE CIVILTA O.D.G. 5 SCOPRIRE, ANALIZZARE E CONFRONTARE LA STRUTTURA SOCIALE DELLE CIVILTA CONSIDERATE 5 a. Comprende la struttura sociale di una civiltà. 5 b. Comprende alcune cause del cambiamento di strutture e di regole sociali nel tempo. 5 c. Comprende i bisogni che causano modifiche nel modo di vivere delle società considerate. 5 d. Confronta strutture sociali diverse. O.D.G. 6 ACQISIRE UN METODO DI STUDIO 6 a. Individua gli elementi che caratterizzano lo sviluppo di una civiltà. 6 b. Individua le parole-chiave. 6 c. Utilizza le parole-chiave. 6 d. Mette in reazione le parole-chiave. 6 e. Utilizza uno schema logico. 6 f. Costruisce uno schema logico. 6 g. Ricostruisce aspetti della civiltà studiata. EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA Conoscere e comprendere regole e forme della convivenza democratica e dell organizzazione sociale, anche in relazione ad altre culture O.D.G. 1 COMPRENDERE L IMPORTANZA SOCIALE DELLE NORME 1 a. Acquisisce consapevolezza del significato di legge come garanzia dei diritti fondamentali. 1 b. Conosce i principi di un comportamento corretto e socialmente accettato (norma). 1 c. Conosce ed analizza alcuni diritti fondamentali della persona umana e dei bambini. 1 d. Acquisisce rispetto e cura dell'ambiente naturale sociale in cui vive dimostrando di conoscerne e apprezzarne il valore. 4

5 EDUCAZIONE ALL IMMAGINE O.D.G. 1 OSSERVARE E DESCRIVERE GLI ELEMENTI COMPOSITIVI DELL IMMAGINE 1 a. Analizza i segni, le forme e i colori di cui è composta l immagine, l ambiente e l opera d arte. 1 b. Descrive l immagine individuando gli elementi compositivi presenti. 1 c. Legge l immagine secondo un approccio emotivo, privilegiando quegli aspetti che attirano l attenzione e suscitano curiosità. 1 d. Conosce e osserva forme, oggetti e opere d arte che provengono dalla tradizione popolare e da Altre culture e civiltà. O.D.G. 2 COMPRENDERE E INTERPRETARE L IMMAGINE NEL SUO CONTE- STO DI RIFERIMENTO 2 a. Riconosce gli elementi principali della struttura compositiva di un immagine e di un opera d arte. 2 b. Scopre i significati espressivi presenti nelle immagini e nelle opere d arte. 3 c. Fornisce un interpretazione personale di immagini fisse e in movimento, di testi audiovisivi e di opere d arte. 3 d. Individua nelle immagini e nelle opere d arte il messaggio comunicativo. 4 e. Accresce le capacità critiche individuali. 4 f. Individua le relazioni tra l immagine o l opera d arte e il contesto culturale e storico di riferimento. O.D.G. 3 ATTIVARE LA PRODUZIONE E LA RIELABORAZIONE PERSONALE DI IMMAGINI 3 a. Utilizza l opera come stimolo per appropriarsi, attraverso la pratica di laboratorio, di una nuova modalità tecnica ed espressiva. 3 b. Supera gli stereotipi della rappresentazione, sviluppando la sperimentazione. O.D.G. 4 ATTIVARE UNA RIFLESSIONE CRITICA SULLE ATTIVITA SVOLTE 4 a. Riflette sull operato individuale e sul lavoro degli altri esprimendo il proprio punto di vista. 4 b. Analizza il contesto operativo per indicare gli strumenti adottati e valutare i risultati ottenuti. 5

6 LINGUA INGLESE O.D.G. 1 Ascoltare e comprendere semplici messaggi orali 1 a. Comprende le espressioni usate durante le attività 1 b. Comprende strutture linguistiche legate al contesto e alla situazione dialogica specifica. 1 c. Comprende il significato globale e dettagliato di storie e testi di vario genere. 1 d. Sa discriminare e memorizzare i ritmi e le intonazioni caratteristici della lingua inglese O.D.G 2 Sapere sostenere una facile conversazione utilizzando un lessico gradualmente più ampio 2 a. Sa utilizzare singole parole. 2 b. Sa utilizzare strutture linguistiche. 2 c Sostiene un dialogo parlando di sé utilizzando informazioni di vario genere. 2 d. Descrivere oggetti, animali, persone e luoghi 2 e. Si esprime correttamente attraverso chants e canzoni. 2 f. Drammatizza in modo espressivo le battute in una rappresentazione. O.D.G. 3 Leggere e comprendere brevi testi 3 a. Legge e comprendere singole parole. 3 b. Coglie il senso globale di una lettura intuendo il significato di termini non conosciuti. 3 c. Completa frasi note oralmente 3 d. Legge e comprende dialoghi e semplici storie. O.D.G. 4 Scrivere brevi frasi 4 a. Scrive correttamente parole e semplici frasi 4 b. Completa frasi e dialoghi. 4 c. Scrive autonomamente frasi note oralmente. 4 d. Compone frasi note oralmente, secondo un modello dato. 4 e. Esegue giochi linguistici utilizzando la riflessione sulla lingua. 6

7 EDUCAZIONE MOTORIA O.D.G. 1 PADRONEGGIARE ABILITA MOTORIE DI BASE IN SITUAZIONI DIVERSE 1 a. Percepisce il proprio corpo nel suo complesso e nei suoi segmenti. 1 b. Amplia e migliora gli schemi motori di base sia statici che dinamici. 1 c. Valutare elementi dello spazio e discriminare quelli del tempo. 1 d. Afferma la lateralità e rafforza la dominanza. 1 e. Affina la coordinazione oculo-manuale e quella dinamica generale. 1 f. Sviluppa le capacità condizionali: forza, rapidità, resistenza e mobilità articolare. 1 g. Migliora la strutturazione dell equilibrio sia statico che dinamico. 1 h. Migliora la destrezza insieme alla capacità di anticipazione e scelta. 1 i. Sviluppa la capacità d iniziativa e di soluzione di problemi motori. O.D.G. 2 PARTECIPARE ALLE ATTIVITA DI GIOCO E DI SPORT RISPET- TANDONE LE REGOLE 2 a. Utilizza le abilità motorie generali e specifiche in relazione al tipo di attività da svolgere. 2 b. Acquisisce e sviluppa le qualità individuali (coraggio, lealtà, disciplina, impegno, ecc.) e quelle sociali (senso di responsabilità, rispetto dell altro, collaborazione, solidarietà ecc.) 2 c. Conosce, applica e rispetta le regole in situazioni di gioco. 2 d. Crea giochi di regole, anche modificando e rielaborando giochi conosciuti. 2 e. Conosce ed esegue gesti motori appartenenti a diversi sport. 2 f. Acquisisce una corretta mentalità nei confronti dell agonismo e una coscienza dello spirito Sportivo, sia come protagonista che come spettatore di un evento sportivo. 7

8 MATEMATICA PROBLEMI o SAPER RISOLVERE E FORMULARE PROBLEMI 1. Comprende il testo di un problema 1.a Comprende la situazione problematica descritta nel testo 1.b Individua le domande intermedie e finali 1.c Individua i dati utili alla risoluzione presenti nel testo 1.d Individua i dati utili in tabelle, grafici, ecc. 1.e Sa rilevare mancanza di dati, dati superflui o contraddittori 2. Utilizza le operazioni logiche ed aritmetiche necessarie alla risoluzione di un problema 2.a Individua le operazioni aritmetiche necessarie alla risoluzione di un problema 2.b Sa eseguire le operazioni spiegando il significato del risultato 2.c Sa rispondere per iscritto, in modo adeguato, alle domande poste 2.d Nei casi possibili sa indicare più soluzioni 2.e Sa risolvere problemi utilizzando espressioni aritmetiche 3. Completa o costruisce il testo di un problema 3.a Completa il testo di un problema con domande adeguate 3.b Ricerca i dati mancanti 3.c Costruisce il testo di un problema sulla base di una serie di dati 3.d Costruisce il testo di un problema utilizzando dati relativi ad esperienze personali 3.e Sa tradurre uno schema risolutivo o delle operazioni nel testo di un problema ARITMETICA o APPROFONDIRE IL CONCETTO E LA STRUTTURA DEL NUMERO 1. Sa costruire la serie numerica oltre il milione 1.a Sa leggere i numeri naturali oltre il milione 1.b Sa scrivere anche sotto dettatura i numeri oltre il milione 1.c Sa indicare il precedente ed il successivo di un numero 1.d Sa effettuare numerazioni progressive e regressive 1.e Sa scrivere una successione di numeri partendo da una regola data 1.f Sa individuare la regola che genera una data successione 1.g Riconosce numeri primi, multipli, divisori e criteri di divisibilità 2. Sa confrontare ed ordinare i numeri oltre il milione 2.a Sa individuare il maggiore od il minore tra due o più numeri 2.b Sa utilizzare correttamente i simboli >,<,= in coppie o serie di numeri 2.c Sa ordinare una serie di numeri dal minore al maggiore o viceversa 3. Conosce il valore posizionale delle cifre 3.a Sa indicare in un numero il valore di ogni cifra 3.b Sa scomporre i numeri oltre il milione 3.c Sa comporre i numeri oltre il milione 3.d Sa stabilire equivalenze tra quantità numeriche espresse con cifre di valore diverso 8

9 4. Approfondisce il concetto di frazione 4.a Riconosce frazioni proprie, improprie, apparenti 4.b Individua frazioni equivalenti 4.c Sa confrontare ed ordinare frazioni 4.d Intuisce il concetto di percentuale come frazione particolare 5. Consolida il concetto di numero decimale 5.a Comprende il significato di numero decimale 5.b Comprende il significato della virgola 5.c Sa numerare in ordine crescente e decrescente i numeri decimali 5.d Sa confrontare ed ordinare numeri decimali utilizzando anche i simboli >, <, = SAPER OPERARE CON I NUMERI 1. Sa eseguire addizioni con numeri interi e decimali 1.a Sa eseguire addizioni in riga con due o più addendi 1.b Sa eseguire addizioni in colonna con numeri interi e decimali con due o più addendi e con più cambi 1.c Sa eseguire addizioni di quantità numeriche espresse con cifre di valore diverso 1.d Intuisce ed applica le principali proprietà dell addizione 1.e Sa verificare l esattezza del risultato di un addizione 2. Sa eseguire sottrazioni con numeri interi e decimali 2.a Sa eseguire sottrazioni in riga 2.b Sa eseguire sottrazioni con numeri interi e decimali in colonna con più cambi 2.c Intuisce ed applica le principali proprietà della sottrazione 2.d Sa verificare l esattezza del risultato di una sottrazione 3. Sa eseguire moltiplicazioni con numeri interi e decimali 3.a Sa eseguire moltiplicazioni in riga 3.b Sa eseguire moltiplicazioni in colonna con numeri interi e decimali con più cifre al moltiplicatore e al moltiplicando 3.c Sa moltiplicare un numero intero o decimale per 10, d Intuisce ed applica le principali proprietà della moltiplicazione 3.e Sa verificare l esattezza del risultato di una moltiplicazione 4. Sa eseguire divisioni con numeri interi e decimali 4.a Sa eseguire divisioni con numeri interi con due o più cifre al divisore 4.b Sa eseguire divisioni con dividendo e divisore decimali 4.c Sa dividere un numero intero o decimale per 10,100, d Sa verificare l esattezza del risultato di una divisione 4.e Intuisce ed applica le principali proprietà della divisione 5. Sa operare con le frazioni 5.a Sa calcolare il valore di una frazione 5.b Sa calcolare la frazione di un numero 5.c Sa calcolare il valore della frazione complementare 5.d Dato il valore di una frazione sa calcolare l intero 5.e Sa eseguire addizioni e sottrazioni con le frazioni 5.f Sa calcolare la percentuale, l interesse e lo sconto 6. Sa eseguire espressioni aritmetiche 6.a Sa rispettare l ordine di esecuzione di una serie di operazioni 6.b Sa utilizzare correttamente le parentesi 9

10 GEOMETRIA o APPROFONDIRE I PRINCIPALI CONCETTI DI GEOMETRIA PIANA, DI GEOMETRIA SOLIDA E DI GEOMETRIA DELLE TRASFORMAZIONI 1. Sa rappresentare, analizzare, classificare figure piane e 1.a Sa rappresentare figure geometriche utilizzando strumenti tecnici tradizionali (riga, squadra, compasso) 1.b Sa analizzare le caratteristiche di figure geometriche piane 1.c Sa classificare i poligoni in base ai lati, agli angoli. 1.d Sa analizzare le caratteristiche di ogni classe di poligoni(triangoli,quadrilateri ) 1.e Sa definire cerchio e circonferenza 1.f Sa rappresentare la corrispondente di una figura sottoposta a traslazione, rotazione, ribaltamento 1.g Conosce e sa classificare figure solide 1.h Avvio al concetto di volume 2. Sa calcolare perimetri ed aree 2.a Sa calcolare il perimetro di figure geometriche piane 2.b Sa calcolare la lunghezza della circonferenza 2.c Sa calcolare l area dei poligoni 2.d Sa calcolare l area del cerchio 2.e Sa calcolare l area di una figura solida mediante il suo sviluppo sul piano MISURA o CONOSCERE E SAPER UTILIZZARE I SISTEMI DI MISURAZIONE CONVENZIONALI 1. Sa misurare con campioni di misura convenzionali 1.a Sa misurare lunghezze, pesi, capacità, durate utilizzando strumenti adeguati 1.b Sa scegliere il campione di misura più adatto per una determinata misurazione 1.c Sa confrontare ed ordinare i risultati delle misurazioni effettuate 2. Conosce ed utilizza i sistemi di misurazione convenzionali 2.a Ha acquisito il concetto di unità di misura 2.b Conosce con sicurezza unità di misura, multipli, sottomultipli 2.c Utilizza correttamente i numeri decimali per esprimere misure 2.d Conosce e sa utilizzare correttamente le misure di superficie 2.e Conosce e sa utilizzare correttamente le misure di valore 2.f Conosce e sa utilizzare correttamente le misure di tempo 2.g Traduce una misura in un altra equivalente 2.h Sa effettuare operazioni con misure 1

11 LOGICA o SAPER EFFETTUARE, INTERPRETARE,RAPPRESENTARE CLASSIFICAZIONI 1. Sa effettuare classificazioni in base a più attributi 1.a Sa classificare elementi in base a due o più attributi 1.b Sa individuare i criteri di classificazioni date 1.c Sa utilizzare con sicurezza i quantificatori 1.d Sa utilizzare correttamente i connettivi e, non, o 2. 1B Sa interpretare e rappresentare classificazioni 2.a Sa utilizzare i diagrammi di Venn, di Carroll, ad albero per rappresentare classificazioni 2.b È in grado di rappresentare un diagramma 2.c Sa risolvere semplici problemi logici utilizzando diagrammi PROBABILITA E STATISTICA o CONSOLIDARE ED APPROFONDIRE LE ACQUISIZIONI RELATIVE ALLA PROBABILITA E ALLA STATISTICA 1. Comprende i primi elementi di probabilità, statistica e informatica 1.a In situazioni complesse individua se il verificarsi di un evento è certo, possibile, impossibile 1.b Sa calcolare la probabilità del verificarsi di un evento 2. Sa compiere semplici indagini statistiche 2.a Sa raccogliere e tabulare dati secondo criteri stabiliti 2.b Sa costruire tabelle, diagrammi a barre, istogrammi 2.c Sa costruire areogrammi 2.d Conosce il significato dei termini media, moda, mediana 2.e Sa individuare in una serie di dati la moda e la mediana 2.f Sa calcolare la media aritmetica 11

12 SCIENZE o SAPER ANALIZZARE FENOMENI FISICI, CHIMICI E BIOLOGICI INTERPRETANDOLI IN CHIAVE ENERGETICA 1. Conoscere il proprio corpo 1.a Conosce la struttura e le funzioni della cellula 1.b Conosce la struttura del corpo umano 1.c Conosce la funzionalità di organi e apparati 1.d Conosce la struttura e le funzioni dell apparato locomotore 1.e Conosce la struttura e le funzioni del sistema nervoso 1.f Conosce la struttura e le funzioni degli organi di senso 1.g Conosce la struttura e le funzioni dell apparato digerente 1.h Conosce la struttura e le funzioni dell apparato respiratorio 1.i Conosce la struttura e le funzioni dell apparato circolatorio 1.j Conosce la struttura e le funzioni dell apparato escretore 1.k Conosce la struttura e le funzione dell apparato riproduttore 1.l Conosce i fenomeni fisico-chimici legati alle funzioni dell organismo umano 1.m Individua gli alimenti e le loro funzioni 1.n Sa evidenziare le caratteristiche fondamentali di una corretta alimentazione 2. Comprendere il concetto di energia 2.a Conosce il sistema solare e comprende che il sole è la fonte primaria di energia 2.b Conosce il significato di ENERGIA 2.c Individua forme diverse di energia 2.d Individua fonti diverse di energia 2.e Sa che l energia si trasforma e si trasferisce ( elettricità-elettromagnetismo-lucesuono) 1

13 GEOGRAFIA CONOSCE LE CARATTERISTICHE FISICHE, POLITICHE, ECONOMICHE DEL NOSTRO PAESE 1 L Italia in Europa e nel mondo 1.a Conosce l Italia nel contesto geografico europeo e mondiale 1.b Conosce l Europa fisica e il suo clima 1.c Conosce l Europa politica e l Unione europea 2 Lo stato italiano e i suoi abitanti 2.a Conosce le principali caratteristiche della popolazione italiana : distribuzione- andamento demografico- interculturalità-minoranze linguistiche e religiose 2.b Conosce il ruolo del settore primario nell economia italiana: agricoltura- allevamento- attività minerarie 2.c Conosce il ruolo del settore secondario nell economia italiana : industrie- artigianato 2.d Conosce il ruolo del settore terziario nell economia italiana : commercio- turismo- vie di comunicazione 3 Le regioni italiane 3.a Conosce l Italia e i suoi confini 3.b Localizza le regioni sulla cartina dell Italia 3.c Inserisce le regioni nelle tre fasce climatiche: settentrionale-centralemeridionale 3.d Conosce le principali caratteristiche fisiche, economiche, politiche delle regioni Italiane. 1

14 ED. AL SUONO ED ALLA MUSICA 1. ASCOLTARE, ANALIZZARE E RAPPRESENTARE FENOMENI SONORI E LINGUAGGI MUSICALI 1.b Distingue il genere musicale del brano ascoltato 1.c Riconosce e distingue brani musicali regionali italiani 1.d Riconosce, identifica e scrive le note della scala di Do posizionate sul pentagramma musicale. 1.e Conosce il valore delle note 1.f Esprime graficamente e riconosce la durata delle pause musicali 1.e Riconosce e distingue in semplici brani musicali i diversi strumenti musicali ( a fiato, a corda, a percussione). 2. ESPRIMERSI CON IL CANTO E SEMPLICI STRUMENTI 2.a Canta canzoni all unisono o in forma polifonica, rispettando la voce degli altri, l andamento e l intensità del brano. 2.b Canta in coro un semplice brano musicale ritmandolo correttamente con il corpo e con l uso di diversi strumenti musicali. 2.c Danza con il corpo interpretando brani ascoltati. 2.d Sa leggere e suonare con il flauto una partitura musicale. 1

15 ATTIVITA ALTERNATIVA ALL INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Nella sezioni A è inserito un alunno che non si avvale dell insegnamento della religione cattolica, pertanto durante le due ore settimanali sono previste attività di informatica volte a far acquisire all alunno le competenze di base per l uso del computer Obiettivi operativi: Elaboratore Testi Word: saper produrre autonomamente un documento applicando tutte le procedure di videoscrittura e di formattazione del testo trattate; creare tabelle e mappe concettuali. saper stampare un documento iniziare ad usare il programma Power Point per inventare storie da presentare: importare immagini da internet e scrivere didascalie corrispondenti 1

16 ATTIVITA SVOLTE DURANTE LE ORE DI COMPRESENZA Le insegnanti delle classi quinte, durante l'anno scolastico, utilizzeranno le ore di compresenza in parte nelle proprie classi di titolarità, con attività laboratoriali o di recupero e in parte come copertura oraria per completare l orario settimanale di lezione nelle classi quarte e seconde del plesso. Le attività previste sono le seguenti: ATTIVITA CON IL GRUPPO CLASSE Durante tali ore le insegnanti svolgeranno attività di ampliamento, rinforzo e supporto didattico riguardanti l area linguistica e logico-matematica per il proseguimento degli obiettivi elencati nel programma annuale d interclasse. Un insegnante seguirà parte del gruppo classe svolgendo attività di consolidamento o ampliamento delle abilità, mentre l altra insegnante attiverà un lavoro di rinforzo e supporto con un piccolo gruppo di alunni più lenti in processi di apprendimento e/o con lacune da colmare. Obiettivi delle attività di rinforzo e supporto didattico: Area logico-matematica Individuare semplici situazioni problematiche concrete Comprendere il testo di un problema Risolvere semplici problemi Leggere e scrivere numeri naturali e decimali Confrontare, comporre e scomporre i numeri naturali e decimali Conoscere il valore posizionale delle cifre Eseguire con i numeri interi e decimali addizioni, sottrazioni e moltiplicazioni. Area linguistica Saper ascoltare i messaggi degli interlocutori Comprendere una consegna ed eseguirla Saper riferire correttamente una semplice esperienza Leggere correttamente un breve brano rispettando la punteggiatura Comprendere il contenuto globale di un testo letto Scrivere correttamente Attività laboratoriali Saranno svolte attività di pittura e cartonaggio in concomitanza delle ricorrenze più significative dell'anno ( Natale, festa della mamma...) Attività nelle classi quarte e seconde del plesso Durante le ore di con titolarità con religione le ins.como e Chiorboli svolgeranno attività di recupero e rafforzamento nella classe 4 C. Tutte le insegnanti saranno impegnate a rotazione nella copertura oraria delle mense nelle interclassi 2 e 4. 1

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

Approfondimento N 2. Scuola primaria

Approfondimento N 2. Scuola primaria Approfondimento N 2 Scuola primaria, Nuclei tematici e Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta Italiano L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

Piano annuale per la Classe 4^ A

Piano annuale per la Classe 4^ A Istituto Comprensivo N.2 - Arzachena Scuola Primaria di Abbiadori Piano annuale per la Classe 4^ A ANCORA IN VIAGGIO a.s. 204/2015 Insegnanti: Depperu Anna Maria, Melino Vittorina, Peddis Giuliana, Angius

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale ISTITUTO COMPRENSIVO ARCOLA-AMEGLIA Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: Storia, Geografia, Arte e immagine, Musica, Educazione fisica, Religione Anno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo.

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Tutti i bambini che ne fanno richiesta v engono ammessi al Coro,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Giovanna Mayer. Ordinamento dei numeri e retta numerica. Nucleo: Numeri

Giovanna Mayer. Ordinamento dei numeri e retta numerica. Nucleo: Numeri Giovanna Mayer Nucleo: Numeri Introduzione Tematica: Si propongono attività e giochi per sviluppare in modo più consapevole la capacità di confrontare frazioni, confrontare numeri decimali e successivamente

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Un approccio inclusivo per Disturbi Specifici e Difficoltà di Apprendimento Anna Maria Antonucci AIRIPA Puglia Lo sviluppo dell intelligenza

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA

ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA PROGETTAZIONE ANNUALE UNITARIA TUTTI A BORDO per FARE giocando,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli