STRUMENTI DIAGNOSTICO-TERAPEUTICI NELLA LLC NELLA REALTA AMBULATORIALE QUOTIDIANA: PRATICA CLINICA, POTENZIALITA REALI E TRANSITO VERSO IL FUTURO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STRUMENTI DIAGNOSTICO-TERAPEUTICI NELLA LLC NELLA REALTA AMBULATORIALE QUOTIDIANA: PRATICA CLINICA, POTENZIALITA REALI E TRANSITO VERSO IL FUTURO"

Transcript

1 INTERNISTI ED EMATOLOGI A CONFRONTO: EVIDENCE-BASED MEDICINE NELLA GESTIONE MULTIDISCIPLINARE DELLA LEUCEMIA LINFATICA CRONICA STRUMENTI DIAGNOSTICO-TERAPEUTICI NELLA LLC NELLA REALTA AMBULATORIALE QUOTIDIANA: PRATICA CLINICA, POTENZIALITA REALI E TRANSITO VERSO IL FUTURO Roberta Murru

2 WHAT HAS CHANGED IN CLL OVER THE LAST 10 YEARS? 1. Better understanding of the biology of the disease; future clinical implications, maybe actual 2. Improved prognostic stratification 3. More and more active drugs (new combinations, new drugs) 4. New concepts (definition of molecular responses and MRD - minimal residual disease - consolidation and maintenance) 5. Impact on survival

3 ..THE SITUATION IN CLL NOW PROGRESSION FREE SURVIVAL OVERALL RESPONSE OVERALL SURVIVAL PATIENT PATIENT COMPLIANCE QUALITY OF LIFE IMPACT OF PROFESSIONAL SKILLS CLL is not curable with standard therapies. ALL PATIENTS PROGRESS AND DIE BECAUSE OF THE DISEASE OR TREATMENT-RELATED COMPLICATIONS

4 Patients (%) CLL: MAJOR CAUSE OF DEATH even with comorbidities CAUSE OF DEATH Therapy-related % 70% CLL-unrelated CLL-related 0 NO COMORBIDITY COMORBIDITY Cramer P, et al. Blood 2006; 108: Abstract 2840.

5

6 PROGNOSTIC MARKERS IN CLL J Gribben. EHA 2014, oral presentation.

7 PRACTICAL USE OF PROGNOSTIC MARKER AND DIAGNOSTIC TOOLS IN CLL J Gribben. EHA 2014, oral presentation.

8 Integrated mutational and Cytogenetics Analysis identifies Prognostic subgroups in CLL Rossi D et alii, Blood 2013, 121 (8):

9 BACKGROUND REALTA LOCALI STRUMENTI DIAGNOSTICI E possibile ottimizzare la terapia dei pazienti affetti da LLC? INTERVENTI TERAPEUTICI OUTCOMES ENDPOINT COMPLIANCE PAZIENTI

10 CANCER is a disease of aging and the population of older people in the US is growing rapidly. 35 million people > 65 yrs old.expected to double by 2030 according to the US Census Bureau. Oncologists who have cared for older adults understand that their treatment needs are different than those of young counterparts. they can experience secondary cancers or memory problems following treatment.. As a result, GERIATRIC ONCOLOGY has become an emerging area of focus. ASCO News and Forum, 2006

11 ALCUNI DATI RECENTI. FRA GLI ULTRA65ENNI A LIVELLO NAZIONALE: - oltre il 8% è confinato in casa - oltre il 12% presenta limitazioni nello svolgimento di attività quotidiane - oltre il 18% risulta disabile - oltre il 40% è affetto da almeno una malattia cronica - oltre il 68% delle persone disabili presenta almeno 3 malattie croniche Fonte: Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari. ISTAT, 2007.

12 LE PRINCIPALI PAURE DELLE PERSONE ANZIANE Fonte CENSIS

13 PROBLEMATICHE NEL PAZIENTE ANZIANO CON MALATTIA EMATO-ONCOLOGICA ETA SINDROMI GERIATRICHE - malnutrizione - incontinenza - sordità, riduzione del visus, alterazioni della deambulazione - assunzione di farmaci - fragilità - alterazioni cognitive - disturbi depressivi DISABILITA - limitazioni nelle attività quotidiane - autostima COMORBIDITA - patologie cardiovascolari, respiratorie, metaboliche, neurologiche

14 CAREFUL ASSESSMENT OF THE RISK OF THERAPY LOSS OF ORGAN RESERVE CHRONOLOGIC AGE BONE MARROW RESERVE FUNCTIONAL STATUS: PERFORMANCE STATUS, ADL SCALE, IADL SCALE IMMUNE SYSTEM DEFECTION COGNITIVE IMPAIRMENT DEPRESSIVE DISORDERS BIOLOGICAL PROGNOSTIC FACTORS COMORBIDITIES Chronic lymphocytic leukemia in the elderly: who should be treated. Zent C. ASCO 2010.

15 Journal of Clinical Oncology 2013, 31 (29):

16 SELECTED STANDARDIZED TOOLS TO EVALUATE VARIOUS DIMENSIONS OF PATIENT FITNESS Adapted from: Shanafelt T. Treatment of older patients with chronic lymphocytic leukemia: key questions and current answers. Hematology 2013.

17 METODO DI DETERMINAZIONE DEL FITNESS STATUS Prevalenza di una valutazione soggettiva basata sull esperienza Comportamento sovrapponibile per i 2 target Le scale CIRS, ECOG e WHO sono i riferimenti più citati fra i criteri definiti utilizzati

18

19 MEASUREMENT OF COMORBIDITY: Cumulative illness rating scale (CIRS) CUMULATIVE ILLNESS RATING SCALE (CIRS) Organ system Heart Blood pressure Vascular Respiratory Ear/nose/throat Upper gastrointestinal Lower gastrointestinal Liver Renal Genitourinary Musculoskeletal Endocrine/metabolic Neurological Psychiatric If illness/impairment present, please specify: Score 0: ASSENTE (nessuna compromissione d organo) 1: LIEVE (compromissione d organo; non interferisce con la normale attività; trattamento opzionale; prognosi eccellente) 2: MODERATO (compromissione d organo; interferisce con la normale attività; trattamento necessario; prognosi buona) 3: GRAVE (compromissione d organo; produce disabilità; trattamento non dilazionabile; prognosi non sempre favorevole) 4: MOLTO GRAVE (compromissione d organo; mette a repentaglio la sopravvivenza; Total trattamento Score: urgente; prognosi grave) Linn B, et al. J Am Geriatr Soc 1968; 16: Parmelee P, et al. J Am Geriatr Soc 1995; 43:

20 LE SCALE CITATE DA CHI UTILIZZA CRITERI DEFINITI CIRS consolidato nella letteratura ematologica e maggiormente utilizzato nella pratica clinica anche per altre patologie (linfomi)

21 FIT / UNFIT

22 FIRST-LINE TREATMENT CHOICE FOR CHRONIC LYMPHOCYTIC LEUKEMIA (CLL) PATIENTS: WHAT DO CLINICIANS CARE ABOUT? THE CLL FITNESS STUDY Investigator-driven multicenter retrospective observational non-interventional study Data collection on the criteria applied in the clinical practice when selecting first-line treatment for CLL patients and on the outcome in terms of tolerance and toxicities to the initial therapy. Primary objective: define the most relevant parameters influencing physician s choice and their correlation with treatment tolerance Fitness score (to be validated in clinical practice) CLL patients requiring first-line treatment between January 1st, 2009 and December 31, Study target population of 700 subjects. 104 patient records were reported 36 Italian sites with long-standing experience in CLL patient management MAIN REQUESTED CLINICAL INFORMATION: anthropologic parameters global health status disease information biological parameters treatment follow-up data Scarfò L. et alii. EHA 2014

23 FIRST-LINE TREATMENT CHOICE FOR CHRONIC LYMPHOCYTIC LEUKEMIA (CLL) PATIENTS: WHAT DO CLINICIANS CARE ABOUT? THE CLL FITNESS STUDY 35% of patients enrolled in clinical trials. Treatment choice based on: 99% age 98% comorbidities 82% functional 80% performance status 79% mental status 68% need for caregiver 65% polypharmacy 39% biological factors (IgVH, FISH and CD38)

24 THE TIGHT LINK BETWEEN EFFICACY AND TOXICITY WITH HISTORICAL CLL THERAPY From: Shanafelt T. Treatment of older patients with chronic lymphocytic leukemia: key questions and current answers. Hematology 2013.

25 DETERMINING THE GOALS OF TREATMENT FOR OLDER PATIENTS WITH CLL From: Shanafelt T. Treatment of older patients with chronic lymphocytic leukemia: key questions and current answers. Hematology 2013.

26 THERAPY OF LLC: CRITICISM IN ELDERLY COMORBIDITY TOXICITY COMPLIANCE SOCIAL FACTORS No unequivocal age cut-off (treatment dependent) DOSE REDUCTION LESS EFFECTIVENESS

27 1724 studies found for CLL 1650 studies found for CLL therapy 413 open studies found for CLL therapy 41 studies found for ELDERLY CLL 21 open studies found for THERAPY IN ELDERLY CLL

28 NEW THERAPEUTIC AGENTS AND THEIR TARGETS IN A CHRONIC LYMPHOCYTIC LEUKEMIA CELL F1000Prime Reports 2014, 6: 65.

29 POTENTIAL FUTURE STRATEGIES TO ACHIEVE LONG-TERM CONTROL OF CLL Adapted from: Hallek M. Signaling the end of chronic lymphocytic leukemia: new frontline treatment strategies. Haematology 2013.

30 CLL: INCREASE IN CR RATE OVER THE YEARS Montserrat et alii. Blood 2005, 106: 2226

31 Percent of patients INCREASING COMPLETE REMISSIONS CR according to NCI criteria, 1996???? 40 20?????? 0 Chlorambucil Fludarabine Alemtuzumab CAP CHOP FC FCM FCR Anti CD20 di nuova generazione; inibitori tirosin kinasi, inibitori Bruton kinasi,... Rai et al. 2000; Leporrier et al. 2001; Lundin et al. 2002; O Brien et al. 2001; Bosch et al. 2008; Tam et al. 2008

32 Frequency of first line treatment over time (n=620). Others: regimens with frequency < 5% Hematol Oncol 2014, 15 (Epub ahead of print).

33 Frequency of second line treatment (n= 270) Hematol Oncol 2014, 15 (Epub ahead of print).

34 BCR-Inhibition and Transient Lymphocytosis Unexpected side effect of BCR inhibitors (SYK, BTK, and PI3K inhibitors): Rapid reduction of lymphadenopathy Transient lymphocytosis Martin, et al. Blood. 2012;119: IBRUTINIB (PCI-32765) Inhibits BCR-controlled signaling and integrinmediated adhesion Inhibits CXCL12-, CXCL13-, and CCL19-induced signaling Overcomes BCR and chemokine-controlled integrin-mediated retention/homing of CLL cells Deprives CLL cells of growth- and survivalsupporting lymph node and bone marrow microenvironment

35 IBRUTINIB: AVVERTENZE E PRECAUZIONI SPECIALI PER L USO Particolare attenzione a: - agenti antiaggreganti e anticoagulanti (intervento chirurgico) - linfocitosi - leucostasi - infezioni - neoplasie maligne - interazioni farmacologiche (l elenco completo degli inibitori, induttori e substrati del citocromo P450 è disponibile all indirizzo

36 FINAL RESULS OF A PHASE I STUDY OF IDELALISIB (GS-1101) A SELECTIVE INHIBITOR OF PHOSPHATIDYLINOSITOL 3- KINASE p110 Delta (PI3Kδ) IN PATIENTS WITH RELAPSED OR REFRACTORY CLL Adverse events and selected lab abnormalities

37 FINAL RESULS OF A PHASE I STUDY OF IDELALISIB (GS-1101) A SELECTIVE INHIBITOR OF PHOSPHATIDYLINOSITOL 3- KINASE p110 Delta (PI3Kδ) IN PATIENTS WITH RELAPSED OR REFRACTORY CLL Serious adverse events, leading to study drug discontinuation

38

39

40

41 SKIN LESIONS IN CHRONIC LYMPHOCYTIC LEUKEMIA Cutaneous lesions in up to 25% of patients with chronic lymphocytic leukemia (cutaneous seeding by leukemic cells - leukemia cutis, LC - and other malignant diseases or non malignant disorders. Solitary, grouped, or generalized papules, plaques, nodules, or large tumors Prognosis in CLL patients with LC is rather good and many authors claim that it does not significantly affect patients' survival. However, prognosis is poor in patients in whom LC shows blastic transformation (Richter's syndrome) and when leukemic infiltrations in the skin appear after the diagnosis of CLL. Secondary cutaneous malignancies are also frequent complications in patients with CLL. Nonspecific, secondary cutaneous lesions are frequently observed in CLL patients (infectious or hemorrhagic ) Other secondary lesions present as vasculitis, purpura, generalized pruritus, exfoliative erythroderma, and paraneoplastic pemphigus An exaggerated reaction to an insect bite and insect bite-like reactions have been also observed. Leuk Lymphoma 2007, 48 (5):

42 MANIFESTAZIONI AUTOIMMUNI NON EMATOLOGICHE NELLA LLC Pemfigo paraneoplastico Pioderma gangrenoso Angioedema Sindrome di Churg-Strauss Tiroidite autoimmune Glomerulonefrite LES DIAGNOSI CORRETTA DIAGNOSI DIFFERENZIALE Sindrome di Raynaud Polineuropatia Artrite reumatoide Sindrome di Sjogren Vasculite Colite ulcerativa

43 SUPPORTIVE CARE CONSIDERATIONS FOR CLL PATIENTS From: Shanafelt T. Treatment of older patients with chronic lymphocytic leukemia: key questions and current answers. Hematology 2013.

44 Dipartimento di Oncologia Medica Struttura Complessa Ematologia e Centro Trapianti Presidio Ospedaliero Armando Businco Centro Riferimento Oncologico Regionale Programma Trapianti Accreditato TRIALS CLINICI IN CORSO Studio di fase III, multicentrico randomizzato, a tre bracci di trattamento, di comparazione dell efficacia e della sicurezza di RO chlorambucil (GClb), rituximab + chlorambucil (RClb) o chlorambucil (Clb) in monoterapia in pazienti affetti da leucemia linfatica cronica non pretrattati, con comorbidità (CLL11 - BO21004). Studio di fase III randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, per valutare l efficacia e la sicurezza di GS-1101 (CAL-101) in combinazione con bendamustina e rituximab per la leucemia linfocitica cronica precedentemente trattata (GS- US ). Studio di fase III MO multicentrico, in aperto, a braccio singolo, di fase IIIB, per valutare la sicurezza di obinutuzumab in monoterapia o in associazione a chemioterapia in pazienti affetti da leucemia linfatica cronica non pretrattata o recidivata/refrattaria. Studio di fase III multicentrico randomizzato, controllato vs placebo, in doppio cieco, sull efficacia e sicurezza di lenalidomide come terapia di mantenimento dopo terapia di prima linea in pazienti ad alto rischio affetti da leucemia linfatica cronica CLLM1. Named Patient Program NPP - Ibrutinib

45 Dipartimento di Oncologia Medica Struttura Complessa Ematologia e Centro Trapianti Presidio Ospedaliero Armando Businco Centro Riferimento Oncologico Regionale Programma Trapianti Accreditato TRIALS CLINICI CONCLUSI Studio di fase III sulla immunochemoterapia con Fludarabina, Ciclofosfamide e Rituximab (FC-R) in confronto alla sola chemioterapia con Fludarabina e Ciclofosfamide (FC), in pazienti con leucemia linfatica cronica non trattata in precedenza (CLL8 - ML1710). Studio multicentrico a braccio singolo, di Bendamustina associata ad Ofatumumab (BendOfa) in pazienti con leucemia linfatica cronica (LLC) refrattari o ricaduti. PROSSIMA APERTURA Studio di fase III multicentrico randomizzato per valutare l efficacia e la sicurezza di GS-1101 (CAL-101) in combinazione con bendamustina e rituximab per la leucemia linfocitica cronica in prima linea (GS-US ). RICERCA CLINICA Progetto di ricerca clinica Rischio evolutivo in pazienti con leucemia linfatica cronica (LLC): ricerca di modello predittivo, finanziato dall Assessorato della Programmazione, Centro Regionale di Programmazione, Regione Sardegna, annualità 2012.

46 Journal of Clinical Oncology 2007, 25 (14).

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica?

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? Lucia Del Mastro SS Sviluppo Terapie Innovative Bergamo 6 luglio 2014 IRCCS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino IST

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

Raccolta prospettica di dati di rilevanza prognostica in pazienti con Leucemia Linfatica Cronica a cellule B.

Raccolta prospettica di dati di rilevanza prognostica in pazienti con Leucemia Linfatica Cronica a cellule B. O-CLL1 CHRONIC LYMPHOCYTIC LEUKEMIA PROGNOSTIC FACTOR PROJECT Raccolta prospettica di dati di rilevanza prognostica in pazienti con Leucemia Linfatica Cronica a cellule B. O-CLL1-PROTOCOL Sinossi O-CLL1-sinossi,

Dettagli

Terapia target Nel melanoma maligno avanzato

Terapia target Nel melanoma maligno avanzato Terapia target Nel melanoma maligno avanzato La gestione del melanoma alla luce delle nuove evidenze Torino 07/11/2014 FABRIZIO CARNEVALE SCHIANCA DIVISIONE DI ONCOLOGIA MEDICA FPO IRCCS CANDIOLO. Outline

Dettagli

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Associazione Trastuzumab e chemioterapia nel carcinoma mammario metastatico e localmente avanzato. Nostra casistica. Carlo Floris

Dettagli

Oncologici: sistemi e politiche per la sostenibilità

Oncologici: sistemi e politiche per la sostenibilità Oncologici: sistemi e politiche per la sostenibilità Pierluigi Navarra Convegno Nazionale SIFEIT: Innovazione e sostenibilità delle politiche farmaceutiche: quale futuro? Roma, 19 Novembre 2014 Forecasting

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ]

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Relatore: M.T. PETRUCCI 27-28 ottobre 2008 Borgo S. Luigi Monteriggioni (Siena) Mieloma multiplo - Copyright FSE 1 Gruppo di lavoro 2 [ Mieloma multiplo]

Dettagli

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano Timing e outcome della gravidanza dopo carcinoma Inquadramento ed Entità

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. MANNINA DONATO Data di nascita 10/01/1959. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0903992250

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. MANNINA DONATO Data di nascita 10/01/1959. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0903992250 INFORMAZIONI PERSONALI Nome MANNINA DONATO Data di nascita 10/01/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA PAPARDO Staff - EMATOLOGIA 0903992253

Dettagli

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Antonio Palumbo Divisione di Ematologia Universitaria, Ospedale Molinette, Torino Per più di quattro

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome E-mail Lucia Stocchi Cittadinanza Italiana Data di nascita 05-03-1978 Il/La sottoscritta, consapevole delle sanzioni penali e leggi speciali

Dettagli

Endpointse disegni di studio nella malattia avanzata: valore clinico Vs valore statistico G. PAPPAGALLO

Endpointse disegni di studio nella malattia avanzata: valore clinico Vs valore statistico G. PAPPAGALLO Endpointse disegni di studio nella malattia avanzata: valore clinico Vs valore statistico G. PAPPAGALLO Endpoint surrogati e outcome nella malattia metastatica Giovanni L. Pappagallo Ufficio di Epidemiologia

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

Aspetti Critici degli Studi Clinici nel SNC

Aspetti Critici degli Studi Clinici nel SNC Aspetti Critici degli Studi Clinici nel SNC SSFA, Milano 10 settembre 2012 Eva J Runggaldier Clin. Ops. Therapeutic Area Leader Medical Affairs & Clinical Operations Roche SpA Summary Status della Ricerca

Dettagli

Implementazione strumento interrai- Home Care

Implementazione strumento interrai- Home Care Implementazione strumento interrai- Home Care Francesco Landi Dipartimento di Scienze Gerontologiche-Geriatriche Geriatriche e Fisiatriche Università Cattolica Sacro Cuore - Roma MODELLI INNOVATIVI PER

Dettagli

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients Sinossi Principal Investigator e centro promotore dello studio: Dr.ssa Silvia Novello (Divisione di Oncologia Toracica, Università

Dettagli

mario.fiumano@aovv.it sanitaria Tirocinio Pratico Ospedaliero Gestione del paziente sanitaria Incarico di Assistente Medico Gestione del paziente

mario.fiumano@aovv.it sanitaria Tirocinio Pratico Ospedaliero Gestione del paziente sanitaria Incarico di Assistente Medico Gestione del paziente CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome FIUMANO MARIO SAVERIO Indirizzo 11, VIA GIULIANI 23100 SONDRIO (SO) ITALY Telefono +39-0342-200427//+39-33-46601//+39-0342-21167 Fax +39-0342-21166 E-mail mario.fiumano@aovv.it

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

Milano, 27 novembre 2012

Milano, 27 novembre 2012 WORKSHOP La drugutilizationattraverso i database amministrativi Milano, 27 novembre 2012 GLI ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA IL PROGETTO EPIFARM-ELDERLY ELDERLY AlessandroNobili, Carlotta Franchi, Luca Pasina,

Dettagli

La Medicina basata sulle evidenze è l uso coscienzioso delle evidenze attualmente disponibili sulle terapie impiegate per curare ogni paziente In

La Medicina basata sulle evidenze è l uso coscienzioso delle evidenze attualmente disponibili sulle terapie impiegate per curare ogni paziente In L. Notari DVM, MSc La Medicina basata sulle evidenze è l uso coscienzioso delle evidenze attualmente disponibili sulle terapie impiegate per curare ogni paziente In Medicina Umana l approccio evidence-based

Dettagli

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly?

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Rodolfo Ferrari, Fabrizio Giostra, Giorgio Monti, Mario Cavazza Unità Operativa di Medicina d'urgenza

Dettagli

Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari?

Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari? Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari? Stefano Maria Zuccaro 12 GIUGNO 2015 18 marzo 2014 Cascata dell acido arachidonico CASCATA DELL ACIDO ARACHDONICO Il mismatch

Dettagli

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia La crescita tumorale Classification Evoluzione dei trattamenti RR OS Sites of therapy STAGE II In colon cancer patients

Dettagli

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases,

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, movement disorders, Parkinson disease 1- genetic counselling

Dettagli

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it Gruppo di Studio SIGG La cura nella fase terminale della vita sostenuto da un contributo non condizionato della Fondazione Alitti SOSTENIBILITA DELLE CURE DI FINE VITA TRA CULTURA E ORGANIZZAZIONE Bologna

Dettagli

Progetto RATIL (Research on Anti-TNF-alpha Induced Lymphoma)

Progetto RATIL (Research on Anti-TNF-alpha Induced Lymphoma) Workshop I PROGETTI DI RICERCA DEI CENTRI ENCEPP 11 gennaio 2011 ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ (ROMA) Progetto RATIL (Research on Anti-TNF-alpha Induced Lymphoma) A. Capuano, E. Parretta, F. Rossi Centro

Dettagli

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma Domanda L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze Perché è necessario un approccio interprofessionale in sanità? Giorgio Bedogni Unità di Epidemiologia Clinica Centro Studi Fegato

Dettagli

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Dipartimento di Medicina Interna e Specialistica (DI.BI.MI.S.) Università degli Studi di Palermo Popolazione Italiana 1950-2020: Giovani ed Anziani

Dettagli

D O T T. S S A I R E N E C U T U L I

D O T T. S S A I R E N E C U T U L I D O T T. S S A I R E N E C U T U L I INFORMAZIONI PERSONALI Data di nascita: 20.01.1958 Luogo di nascita: Laureana di Borrello Residenza: Via Orto Carmine, 7 Laureana di Borrello Domicilio: Via Trento,

Dettagli

Convegno. 18 gennaio 2011 Auditorium Biagio d Alba Viale Giorgio Ribotta 5 Roma www.salute.gov.it

Convegno. 18 gennaio 2011 Auditorium Biagio d Alba Viale Giorgio Ribotta 5 Roma www.salute.gov.it Convegno 18 gennaio 2011 Auditorium Biagio d Alba Viale Giorgio Ribotta 5 Roma www.salute.gov.it Criteri di appropriatezza clinica, tecnologica e strutturale nell assistenza all anziano La fragilità Niccolò

Dettagli

Epidemiologia e attuali strategie terapeutiche nel tumore del polmone

Epidemiologia e attuali strategie terapeutiche nel tumore del polmone 3 Master Universitario di Pneumologia Interventistica 2011-2012 Epidemiologia e attuali strategie terapeutiche nel tumore del polmone Francesca Mazzoni SC di Oncologia Medica 1 Azienda Ospedaliero Universitaria

Dettagli

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del Progetto di un ambulatorio multidisciplinare di oncologia - cure palliative per pazienti in fase avanzata di malattia gestito dalla Associazione di Cure Palliative della Zona Elba Dott. A. Massaro Premessa

Dettagli

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia CONTESTO GENERALE In Italia l 80% circa dei pazienti affetti da demenza è assistita

Dettagli

Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici

Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici Percorsi e processi organizzativi nei trattamenti integrati dei tumori gastrointestinali Associazione Dossetti Roma, 25-26 ottobre 2011 Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici

Dettagli

Un progetto dimostrativo di e- screening di. popolazione. Eugenio Paci SC di epidemiologia Clinica e Descrittiva

Un progetto dimostrativo di e- screening di. popolazione. Eugenio Paci SC di epidemiologia Clinica e Descrittiva Screening per il tumore del Polmone con CT Scan a bassa dose Un progetto dimostrativo di e- screening di popolazione Eugenio Paci SC di epidemiologia Clinica e Descrittiva AIRTUM incidenza. I cinque tumori

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale. alla Azienda USL di Ferrara.

U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale. alla Azienda USL di Ferrara. U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale Azienda USL Ferrara Istituita con delibera N. 2079 del 21/12/2000 in considerazione del fatto che una UNICA UO assicura più ampie garanzie di uniformità nella

Dettagli

Corrado Tinterri BREAST UNIT BOLOGNA 2014

Corrado Tinterri BREAST UNIT BOLOGNA 2014 Corrado Tinterri BREAST UNIT BOLOGNA 2014 Le BREAST UNITS : Quale integrazione con lo screening? We found that the introduction of teams providing multidisciplinary care for the treatment of breast cancer

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT Si prega il medico di famiglia di rispondere con accuratezza ad ogni singola domanda The Medical Attendant is requested to take particular

Dettagli

!F.!Bertoni,!A.!Bruni,!E.!Mazzeo!!

!F.!Bertoni,!A.!Bruni,!E.!Mazzeo!! !!! Tra%amen)!sistemici!e!radioterapia!nel!Carcinoma!Prosta)co:!! Ruolo!della!Radioterapia!nel!paziente!oligometasta)co!F.!Bertoni,!A.!Bruni,!E.!Mazzeo!!! UOC!di!Radioterapia!Oncologica!;!AOU!Policlinico!of!Modena!

Dettagli

Importanza della Riabilitazione Cardiologica

Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive Sessione II - Prevenzione, Terapia e Riabilitazione dello Scompenso Cardiaco Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI MARAVIROC ATC J05AX09 (Celsentri ) Presentata da Commissione Terapeutica Provinciale Sassari In data novembre 2008 Per le seguenti motivazioni: Trattamento dell infezione

Dettagli

La comunicazione con il paziente anziano

La comunicazione con il paziente anziano 29 Aprile 2011 La comunicazione con il paziente anziano Sara Morghen Outline Introduzione Specificità della comunicazione con l anziano Perché comunicare Come comunicare Conclusioni Introduzione La comunicazione

Dettagli

Gestione del fine vita in RSA

Gestione del fine vita in RSA CONVEGNO SIGG LIGURIA GENOVA, 28 FEBBRAIO 2014 Gestione del fine vita in RSA Vito Curiale Centre Hospitalier Princesse Grace, Monaco Centre de Gérontologie Clinique Rainier III Cour t Séjour Gériarique

Dettagli

L impatto dei biosimilari nella pratica clinica in Oncologia ed Ematologia

L impatto dei biosimilari nella pratica clinica in Oncologia ed Ematologia L impatto dei biosimilari nella pratica clinica in Oncologia ed Ematologia Giuseppe Longo Dipartimento di Oncologia ed Ematologia Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico di Modena Milano 13 settembre

Dettagli

La gestione della malattia cronica tra primo e terzo livello. Un paradigma: l asma E. Bignamini

La gestione della malattia cronica tra primo e terzo livello. Un paradigma: l asma E. Bignamini La gestione della malattia cronica tra primo e terzo livello. Un paradigma: l asma E. Bignamini SC Pneumologia AO O.I.R.M.-S.ANNA -Torino 1900 STETOSCOPIO 1950 CENTRALIZZAZIONE OSPEDALIERA CURE DOMICILIARI

Dettagli

RICERCA TRASNAZIONALE e TRASLAZIONALE

RICERCA TRASNAZIONALE e TRASLAZIONALE Roma, 3 dicembre 2012 RICERCA TRASNAZIONALE e TRASLAZIONALE Gianluca Gaidano, M.D., Ph.D Division of Hematology Department of Translational Medicine Amedeo Avogadro University of Eastern Piedmont Novara-Italy

Dettagli

Web 2.0 per guadagnare salute

Web 2.0 per guadagnare salute Web 2.0 per guadagnare salute Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica Dipartimento di Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Il web 2.0 - La definizione forse più corretta

Dettagli

MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA

MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE

Dettagli

SCIENZA, RICERCA e SANITA' Innovazione fa sempre rima con sostenibilità?

SCIENZA, RICERCA e SANITA' Innovazione fa sempre rima con sostenibilità? 10 a Conferenza Nazionale GIMBE Aumentare il value e ridurre gli sprechi in sanità Bologna, 27 marzo 2015 SCIENZA, RICERCA e SANITA' Innovazione fa sempre rima con sostenibilità? Gianpiero Fasola Direttore

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome MAXIMOVA Natalia Data di nascita 22/3/1968 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Dirigente

Dettagli

Alla ricerca delle prove di efficacia

Alla ricerca delle prove di efficacia Ozzano dell Emilia EBVM e accesso a informazioni evidence-based 14 marzo 2009 Claudio Fabbri Biblioteca Centralizzata Polo Scientifico-Didattico di Rimini Università degli Studi di Bologna Alla ricerca

Dettagli

RUOLO DEI CARE GIVERS

RUOLO DEI CARE GIVERS RUOLO DEI CARE GIVERS Antonella Surbone, MD PhD FACP Professor of Medicine New York University Novi Ligure, January 16 th, 2009 Demographics of ageing Elderly population in the US people > 65 are the

Dettagli

HTA e screening. Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia

HTA e screening. Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia HTA e screening Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia L Aquila 20 Giugno 2012 Perchè? Obiettivi di un Sistema Sanitario Dare una risposta alle aspettative dei cittadini fornendo servizi di altà qualità

Dettagli

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327 C U R R I C U L U M D O T T. S S A E L I S A G R O S S O NATA A CARLOFORTE IL 20/SETTEMBRE/1963 Residente a Quartu Sanr Elena, Viale Colombo, 226 09045 Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel.

Dettagli

LE FRAGILITA DELL ANZIANO FRAGILITA

LE FRAGILITA DELL ANZIANO FRAGILITA LE FRAGILITA DELL ANZIANO Motoria FRAGILITA Cerebro-vascolare Cognitiva Ambientale Metabolica STROKE 80 % ISCHEMICO EMORRAGICO 20 % CORTICALE A. cerebrale ant. A. cerebrale media A. cerebrale post. SOTTOCORTICALE

Dettagli

APPROPRIATEZZA della EGDS

APPROPRIATEZZA della EGDS APPROPRIATEZZA della EGDS Dr. P. Montalto U.O.C. Gastroenterologia OSPEDALE SAN JACOPO. GASTROENTEROLOGIA NELL ANZIANO Pisa, 28 settembre 2013 Totale: 60.626.442 abitanti ³65 anni: 12.301.537 abitanti

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO ALESSANDRIA 28 MARZO 2013 DOTT.SSA DEMICHELIS M ONCOLOGIA MEDICA TORINO L'infermiere e la VALUTAZIONE DELL ANZIANO L INVECCHIAMENTO E processo attraverso il

Dettagli

Confondimento da indicazione ed immeasurable time-bias: alcuni esempi pratici

Confondimento da indicazione ed immeasurable time-bias: alcuni esempi pratici Triple Whammy - Fisiopatologia Confondimento da indicazione ed immeasurable time-bias: alcuni esempi pratici Francesco Lapi, PharmD, PhD Health Search, Società Italiana di Medicina Generale Confondimento

Dettagli

Linkage tra Database Sanitari

Linkage tra Database Sanitari Workshop La Drug Utilization attraverso i Database Amministrativi Linkage tra Database Sanitari Valutare il peso delle comorbilità Verificare l effectiveness dei trattamenti Supportare ipotesi di ricerca

Dettagli

THE CLINICAL ANALYSIS OF THE PSYCHOLOGIC AND SPIRITUAL PROFILES AS PREDICTOR OF THE EFFICACY OF CHEMOTHERAPY AND IMMUNOTHERAPY IN CANCER PATIENTS.

THE CLINICAL ANALYSIS OF THE PSYCHOLOGIC AND SPIRITUAL PROFILES AS PREDICTOR OF THE EFFICACY OF CHEMOTHERAPY AND IMMUNOTHERAPY IN CANCER PATIENTS. Dott.ssa Giusy Messina THE CLINICAL ANALYSIS OF THE PSYCHOLOGIC AND SPIRITUAL PROFILES AS PREDICTOR OF THE EFFICACY OF CHEMOTHERAPY AND IMMUNOTHERAPY IN CANCER PATIENTS. Giusy Messina*, Fernando Brivio**,

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79.

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79. CURRICULUM VITAE Dottor SERRANO FRANCESCO nato a Melito P.S. (RC) il 09-04-1960 abitante a Siderno M. in via Fiume 64 RC Cell. 348-9041758. e mail: serranofrancesco çyahoo,it Dal 01.10.1999 a tutt oggi,

Dettagli

La dieta in terapia conservativa. La dieta in terapia conservativa: rassegna dell evidenza. La dieta ipoproteica nell era dell EBM

La dieta in terapia conservativa. La dieta in terapia conservativa: rassegna dell evidenza. La dieta ipoproteica nell era dell EBM La dieta in terapia conservativa La dieta in terapia conservativa: rassegna dell evidenza Giorgio Bedogni Unità Fegato e Nutrizione, Centro Studi Fegato, Basovizza Rallentare la progressione dell insufficienza

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome BARBARA PAGHERA Indirizzo MEDICINA NUCLEARE, P.LE SPEDALI CIVILI 01, 25100 BRESCIA Telefono +390303996924

Dettagli

Introduzione al Disease Management. 2008 Pfizer Italy. TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Introduzione al Disease Management. 2008 Pfizer Italy. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Introduzione al Disease Management 2008 Pfizer Italy. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Il costo delle condizioni croniche. Medical Expenses by Patient Condition 100% 80% 60% 40% 20% 0% % Population % Total Costs

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

La Medicina di famiglia può portare un contributo originale alla ricerca sulle demenze?

La Medicina di famiglia può portare un contributo originale alla ricerca sulle demenze? G GERONTOL 2006;55:68-72 Società Italiana di Gerontologia e Geriatria ARTICOLO ORIGINALE ORIGINAL ARTICLE La Medicina di famiglia può portare un contributo originale alla ricerca sulle demenze? Can family

Dettagli

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA?

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? M.M. Lirici SESSIONE SIC-SICE Sistema ABC ACTIVITY BASED COSTING Gli elementi che generano il costo sono quelli che richiedono una prestazione

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Master per data manager. Epidemiologia dei tumori. Screening in oncologia

Università del Piemonte Orientale. Master per data manager. Epidemiologia dei tumori. Screening in oncologia Università del Piemonte Orientale Master per data manager Epidemiologia dei tumori Screening in oncologia Epidemiologia Che cos è l epidemiologia Metodi e strumenti La descrizione epidemiologica di una

Dettagli

CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI

CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI Nato a Roma il 12-04-1961 e ivi residente in Via Antonino Giuffrè 129 Laureato in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Roma La Sapienza il 07-04-1988

Dettagli

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni Insufficienza renale e diabete Molte informazioni Maurizio Gallieni U.O. Nefrologia e Dialisi A.O. Ospedale San Carlo Borromeo, Milano Medscape 21/9/2012 ASN September 2012 examine the relationship of

Dettagli

Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici

Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici Walter Ageno Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Università dell Insubria Varese ACCP 2012 Treatment of VTE 2012 Real-life treatment

Dettagli

Appropriatezza nella prescrizione di esami di diagnostica per immagini. 19 settembre 2013 IL PUNTO DI VISTA DELLO SPECIALISTA OSPEDALIERO

Appropriatezza nella prescrizione di esami di diagnostica per immagini. 19 settembre 2013 IL PUNTO DI VISTA DELLO SPECIALISTA OSPEDALIERO Appropriatezza nella prescrizione di esami di diagnostica per immagini 19 settembre 2013 IL PUNTO DI VISTA DELLO SPECIALISTA OSPEDALIERO S.C Oncologia Medica DIPO XVI - Lecco Appropriatezza Appropriato:

Dettagli

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come?

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? R. Albisinni UOC Medicina Infettivologica e dei Trapianti Ospedale Monaldi Seconda Università di Napoli Introduzione La terapia anticoagulante

Dettagli

A.O. Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello -P.O. Vincenzo Cervello

A.O. Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello -P.O. Vincenzo Cervello C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Francesco Arcoleo, Dirigente Medico strutturato a tempo indeterminato dal 1993. Indirizzo Via Giovanni Zappalà, 19-90144-Palermo Telefono 091/6802882,

Dettagli

Abiraterone nel carcinoma prostatico metastatico: efficacia ed interazioni

Abiraterone nel carcinoma prostatico metastatico: efficacia ed interazioni Abiraterone nel carcinoma prostatico metastatico: efficacia ed interazioni Gli androgeni hanno un ruolo importante nella progressione del carcinoma prostatico. Si è infatti constatato come la castrazione

Dettagli

L esperienza di Regione Lombardia nel controllo remoto dei pazienti affetti da scompenso cardiaco impiantati con ICD: lo studio EVOLVO

L esperienza di Regione Lombardia nel controllo remoto dei pazienti affetti da scompenso cardiaco impiantati con ICD: lo studio EVOLVO L esperienza di Regione Lombardia nel controllo remoto dei pazienti affetti da scompenso cardiaco impiantati con ICD: lo studio EVOLVO Dott. Maurizio Marzegalli Commissione Cardiologica Regione Lombardia

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Viviana Sancassani Indirizzo Via Castagna 6/A 23017 Morbegno (SO) Telefono (+39) 3470603776 Fax 0342521315

Dettagli

Sinossi dei disegni di studio

Sinossi dei disegni di studio Sinossi dei disegni di studio di intervento osservazionali serie di casi trasversale ecologici individuali quasisperimentali sperimentali (RCT) coorte caso-controllo Studi caso-controllo Il punto di partenza

Dettagli

Gli strumenti informatici come ausilio per la gestione clinica dell anziano

Gli strumenti informatici come ausilio per la gestione clinica dell anziano Gli strumenti informatici come ausilio per la gestione clinica dell anziano Daniele Sancarlo Laboratorio di Geriatria e Gerontologia, IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza, San Giovanni Rotondo (FG) Informatica

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 17/02/1979 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell Ufficio/U.O./Servizio

Dettagli

INNOVAZIONE TERAPEUTICA E NUOVI MODELLI ASSISTENZIALI: IL MELANOMA

INNOVAZIONE TERAPEUTICA E NUOVI MODELLI ASSISTENZIALI: IL MELANOMA SIFACT 1 CONGRESSO NAZIONALE. INNOVAZIONE ED ESITI GESTIRE LA SOSTENIBILITA TRA ASSISTENZA E RICERCA INNOVAZIONE TERAPEUTICA E NUOVI MODELLI ASSISTENZIALI: IL MELANOMA FABRIZIO CARNEVALE SCHIANCA DIVISIONE

Dettagli

Fondazione Italiana Linfomi ONLUS. Fondazione Italiana Linfomi ONLUS

Fondazione Italiana Linfomi ONLUS. Fondazione Italiana Linfomi ONLUS Fondazione Italiana Linfomi ONLUS Sede legale : piazza Turati 5, 15121 - Alessandria Segreteria: c/o S.C. Ematologia Azienda Ospedaliera Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo, Via Venezia 16, 15121 Alessandria

Dettagli

Psichiatria e Medicina di Base

Psichiatria e Medicina di Base Psichiatria e Medicina di Base Giulio Perugi Istituto G. de Lisio - Carrara Sono fermamente convinto che, per il bene della medicina generale, lo studio della psichiatria debba essere inclusa nella pratica

Dettagli

La terapia farmacologica

La terapia farmacologica La terapia farmacologica Angelo Bianchetti Gruppo di Ricerca Geriatrica, Brescia Dipartimento Medicina e Riabilitazione, Istituto Clinico S.Anna, Brescia Gli outcome del trattamento del delirum Prevenzione

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CARLO POMA Dipartimento di Medicina di Laboratorio Struttura complessa di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Primario: Dott. Massimo Franchini Il Centro TAO di Mantova

Dettagli

PAY FOR PERFORMANCE IN AREA ORTOPEDICA: L'IMPATTO NELLA REGIONE LAZIO PER TIPOLOGIA DI OSPEDALE

PAY FOR PERFORMANCE IN AREA ORTOPEDICA: L'IMPATTO NELLA REGIONE LAZIO PER TIPOLOGIA DI OSPEDALE PAY FOR PERFORMANCE IN AREA ORTOPEDICA: L'IMPATTO NELLA REGIONE LAZIO PER TIPOLOGIA DI OSPEDALE Colais P, Pinnarelli L, Perucci CA, Braga M, Davoli M, Fusco D Bari, 29-31 ottobre 2012 Background (1) In

Dettagli

crosio.pizzorni@asl3.liguria.it

crosio.pizzorni@asl3.liguria.it C U R R I C U L U M V I T A E DOTT. CROSIO MANLIO PIZZORNI INFORMAZIONI PERSONALI Nome PIZZORNI CROSIO MANLIO Indirizzo Telefono 010 315191 Cell. 328 0473249 E-mail VIA TRENTO 5 /15, 16145 Genova crosio.pizzorni@asl3.liguria.it

Dettagli

Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario

Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario Anna Sapino Appropriatezza diagnostica e ruolo dell anatomia patologica del cancro mammario Dipartimento di Scienze Mediche Università di Torino Dipartimento di Medicina di Laboratorio AOU Citta della

Dettagli

SCHEDA FARMACO. (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro)

SCHEDA FARMACO. (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Dabrafenib (Tafinlar)

Dettagli

Guida utente User Manual made in Italy Rev0

Guida utente User Manual made in Italy Rev0 Guida utente User Manual Rev0 made in Italy Indice/Index Informazioni generali General Info... 3 Guida Rapida per messa in funzione Start Up procedure... 3 Login Login... 3 Significato dei tasti Botton

Dettagli