Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof."

Transcript

1 Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio Dalla iper-regolazione alla deregolamentazione Anni 70 caratterizzati da grande produzione legislativa, l che non rimette in discussione l impianto della legge del 1942 I piani regolatori assumono sempre più il carattere di strumento omnicomprensivo che tende, sulla carta, a regolare sia le trasformazioni minute che i grandi interventi 2 1

2 1967 Legge Ponte (legge 765). Spinta ai Comuni a dotarsi di strumenti urbanistici (Prg, PdF), forte limitazione delle possibilità edificatorie, perimetrazione centri abitati, lottizazione convenzionata 1968 (D.M. 1444). Zone omogenee e standard d urbanistici (min. 18 mq/ab) 1971 Legge 865. Edilizia pubblica, esproprio a valore agricolo rivalutato e cessione in diritto di superficie, Peep anche in recupero, PiP 1977 Legge Bucalossi (legge 10). Oneri costruzione e urbanizzazione,edilizia i i convenzionata, concessione meno onerosa nel recupero 1978 Legge 457. Piani di recupero, di iniziativa pubblica e privata 3 Dalla iper-regolazione alla deregolamentazione Vivace produzione di piani regolatori, con diversi livelli di qualità anche in relazione alla diversa produzione legislativa delle Regioni. In alcuni casi si tratta già di varianti generali ( nuovi prg) dei piani elaborati per la prima volta sulla base della legge del 1942 (es. Milano e Genova, Bologna)(cfr. RdT) Si introducono obiettivi di contenimento dello sviluppo insediativo e in particolare del terziario, di difesa delle attività manifatturiere urbane, di salvaguardia del territorio non edificato, di coordinamento sovracomunale 4 2

3 Dalla iper-regolazione alla deregolamentazione Si predispongono piani specificamente finalizzati alla tutela dei centri storici (1964, Carta del Restauro) A Bologna (1969, P.L. Cervellati) si sperimenta l applicazione della legge 865 al recupero edilizio pubblico, tendendo alla conservazione dell unitarietà tra morfologia urbana/tipologia edilizia/tessuto socioeconomico A Brescia (1975, L. Benevolo) si elabora un Peep per il centro storico Altri piani di attenta conservazione del centro storico a Bergamo, Como, Ancona, Urbino (De Carlo) 5 Piano per il recupero del centro storico di Bologna 6 3

4 Dalla iper-regolazione alla deregolamentazione Nei piani regolatori si accentua il carattere prescrittivo rispetto a quello programmatorio previsto nella legge 1150 Si sviluppano le pianificazioni separate Il PRG è uno degli strumenti di governo del territorio 7 Negli anni 70/ 80 cambiano sostanzialmente alcune condizioni di contesto - le principali città cominciano a perdere popolazione (spill over nelle corone periurbane) - anche se la produzione edilizia ha enormemente aumentato lo stock esistente - le attività manifatturiere urbane chiudono o si delocalizzano - si sviluppa una forte conflittualità sociale, sui temi della casa e dei servizi, della mobilità - alcuni eventi si dimostrano determinanti per convogliare risorse, accelerare decisioni, realizzare progetti di trasformazione (campionati di calcio, olimpiadi, expo, giubileo, capitale europea della cultura ) 8 4

5 Malgrado la qualità culturale e disciplinare di molti piani, è il prg che viene criticato come strumento non più in grado di governare una nuova fase delle trasformazioni territoriali Del piano regolatore tradizionale si criticano: - la mancanza di flessibilità - il mancato controllo della rendita differenziale - la lunghezza delle procedure - gli standard quantitativi e il mancato controllo della qualità della città pubblica 9 Una risposta non accettabile: i condoni e l abusivismo Le risposte della disciplina urbanistica: - piano e/o progetto - l approccio tradizionalista - l approccio riformista - l approccio incrementalista 10 5

6 Deregolazione e condoni 1982 Legge Nicolazzi: silenzio assenso sulle domande di concessione edilizia residenziale dopo 90 giorni 1985 prima legge sul condono nuovo condono ultimo (per ora) condono Esito perverso della deregolazione: tangentopoli 11 La critica al piano: piano e/o progetto Negli anni 80 si sperimentano forme di innovazione del rapporto piano/progetto che mettono in discussione lo schema a cascata e oppongono l urbanistica all architettura architettura In molte città europee si realizzano grandi progetti urbani che tendono ad aumentarne la attrattività, competitività, qualità insediativa A Milano la trasformazione delle aree della Pirelli alla Bicocca porta alla realizzazione di un nuovo pezzo di città con una sua autonomia formale e funzionale (variante al Prg, ma cambiamento sostanziale nelle destinazioni d uso; nuovi attori delle trasformazioni urbanistiche: capitale industriale-finanziario, università). Progettista Vittorio Gregotti. 12 6

7 La critica al piano: piano e/o progetto Con un approccio parzialmente diverso, si introducono nel prg pgelementi prescrittivi per il controllo della morfologia (oltre a indici,h max o rc max, allineamenti, tipologie ecc.) e indicativi per il controllo della morfologia e della qualità progettuale (abachi, schede progetto, progetto di suolo, progetti norma ). Questo approccio viene sperimentato in alcuni piani d autore, con modalità diverse: G. Campos Venuti e P.Portoghesi Portoghesi a Bologna 1986, Campos Venuti e Oliva a Ancona 1988, Bernardo Secchi a Siena 1990, Vittorio Gregotti ad Arezzo 1987 e Torino

8 Bologna, Schema direttore piano intercomunale: tutela dei sistemi ambientali, aree a trasformazione intensiva (in giallo), nuovo sistema mobilità tangenziale 15 Bologna. Prg 1986 Salvaguardia del centro e collina, decentramento funzioni terziarie Crisi nell applicazione dell approccio per anticipazione dei progetti delle aree di trasformazione 16 8

9 Torino Progetto preliminare PRG 1991 Impostazione perequativa nelle aree di trasformazione Decentramento residenziale in area metropolitana Interramento della ferrovia e riutilizzo intensivo della spina centrale 17 Torino Progetto Preliminare Prg 1991 Disegno delle principali trasformazioni Progetti per le aree di trasformazione Previsioni per i sistemi ambientali 18 9

10 La critica al piano: piano e/o progetto Il passaggio dalla pianificazione a cascata alla trasformazione contrattata e negoziata viene sistematizzato e normato con le leggi nazionali/regionali degli anni 90 che definiscono la gamma di applicazione dei programmi complessi. I programmi complessi contengono elementi di tipo programmatorio, di pianificazione, progettuali e possono modificare le previsioni del piano regolatore senza che sia necessario approvare una variante 19 concertazione vs pianificazione a cascata 1990 conferenze dei servizi (pubblico-pubblico) accordi di programma (diversi soggetti pubblici e privati) programmazione negoziata (patti territoriali, contratti d area, contratti di quartiere.) 1992 programmi complessi (programmi di riqualificazione urbana-pru, programma integrati di intervento-pii, programmi di riqualificazione urbana per lo sviluppo sostenibile del territorio-prusst ): pianificazione,programmazione e progettazione/gestione; variante automatica piani 20 10

11 Innovare il piano. L approccio tradizionalista I programmi complessi sono solo invenzioni derogatorie Il piano regolatore è l unico riferimento per la trasformazione urbana Il piano regolatore deve comunque essere innovato nella sua forma, attraverso una nuova legislazione urbanistica, che riporti alla distinzione tra la funzione strategica e quella operativa del prg, mantenendo l approccio gerarchico L esproprio è ancora uno strumento ordinario per l attuazione del piano 21 La critica al piano. L approccio riformista Giuseppe Campos Venuti e Amministrare l urbanistica Il prg è lo strumento centrale di gestione del territorio ma non l unico E necessaria una riforma urbanistica che porti a una nuova legge quadro che affronti la complessità degli strumenti e livelli di pianificazione L attuazione delle trasformazioni previste dal prg ha come strumento ordinario la perequazione (attribuzione ai suoli di diritti itti edificatori) i) e come strumento t eccezionale l esproprio. La sostenibilità dello sviluppo diventa un elemento guida nella pratica di pianificazione 22 11

12 Roma PRG Il piano regolatore di Roma G. Campos Venuti coordinatore 2,7 mil di abitanti 3% città storica 20% città consolidata 8,7% città della trasformazione 68% sistema ambientale Revisione/ridimensionamento prg 1962 Schema strategico poster plan Planning by doing 24 12

13 Schema strategico Mobilità sistema ferroviario metropolitano, potenziamento rete metro, riqualificazione stazioni Ambiente la ruota verde e i cunei verdi Nuove centralità livello urbano, metropolitano e provinciale Progetti di riqualificazione urbana norme e regole per la rigenerazione ambientale

14

15

16 31 Le proposte di nuova legge urbanistica Negli ultimi 10 anni sono stati presentati vari progetti, anche bipartisan La proposta p dell INU - legge di principi - consolidare le innovazioni delle leggi regionali - piano comunale articolato in componente strutturale (a tempo indeterminato) per le scelte generali, non prescrittiva e non conformativa dei diritti dei proprietari; operativa (durata quinquennale) prescrittiva e conformativa per le trasformazioni pubbliche e private, regolativa (a tempo indeterminato), prescrittiva e conformativa, per la gestione dell esistente - perequazione urbanistica come modalità ordinaria i per l acquisizione delle aree necessarie per la collettività - esproprio come misura straordinaria quando la perequazione non è possibile - perequazione territoriale, per la compensazione finanziaria tra amministrazioni coinvolte da progetti intercomunali 32 16

17 La critica al piano. L approccio incrementalista Il riferimento principale è al caso di Milano (specifica lezione) Importanza della negoziazione tra policy makers per dare efficacia alle decisioni Il prg non può regolare in forma rigida e definitiva l assetto urbano, ma solo regolare i diritti esistenti nella città consolidata Per le trasformazioni si fa riferimento a un documento strategico t di inquadramento, allo strumento t dei programmi integrati di intervento, alla valutazione dei progetti presentati dagli operatori sulla base della coerenza con gli obiettivi del documento strategico 33 Bibliografia di base P. Scattoni, L urbanistica dell Italia contemporanea, Newton&Compton,

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane)

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) Standard Urbanistici: si introduce il metodo della perequazione e della cessione compensativa per

Dettagli

S he h da d 2 Pi P a i ni n i d i d i I I I I g e g ne n razio i n o e n ( secon o d n a d m e m tà a nn n i n i 6 0 e a nn n i n i 7 0)

S he h da d 2 Pi P a i ni n i d i d i I I I I g e g ne n razio i n o e n ( secon o d n a d m e m tà a nn n i n i 6 0 e a nn n i n i 7 0) Scheda 2 Piani di II generazione (seconda metà anni 60 e anni 70) Situazione socio-economica: crisi dell industrializzazione nelle aree più sviluppate con allontanamento della base produttiva e formazione

Dettagli

DIBATTITO SCIENTIFICO riforma LUN 1150/ 42. 2014 Proposte di riforma legislativa materia edilizia ed urbanistica

DIBATTITO SCIENTIFICO riforma LUN 1150/ 42. 2014 Proposte di riforma legislativa materia edilizia ed urbanistica DIBATTITO SCIENTIFICO riforma LUN 1150/ 42 2014 Proposte di riforma legislativa materia edilizia ed urbanistica Principi in materia di politiche pubbliche, territoriali e di trasformazione urb. - Testo

Dettagli

Ambiti di Rivitalizzazione Prioritaria (ARP)

Ambiti di Rivitalizzazione Prioritaria (ARP) Incontro Ordini professionali Regione Umbria Legge regionale 21 gennaio 2015, n.1 Testo unico governo del territorio e materie correlate Ambiti di Rivitalizzazione Prioritaria (ARP) DIREZIONE PROGRAMMAZIONE,

Dettagli

Fondamenti di diritto urbanistico I contenuti del Piano Regolatore Generale PRG

Fondamenti di diritto urbanistico I contenuti del Piano Regolatore Generale PRG Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2015/2016 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I Fondamenti di diritto urbanistico I contenuti del Piano Regolatore

Dettagli

Il Piano regolatore generale o di governo del territorio come atto centrale e strategico

Il Piano regolatore generale o di governo del territorio come atto centrale e strategico Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Monza (MI) Il Piano regolatore generale o di governo del territorio come atto centrale e strategico Il Comune di Monza è dotato di Prg approvato

Dettagli

Definizione, quantificazione e trasferimento dei «crediti edilizi»

Definizione, quantificazione e trasferimento dei «crediti edilizi» Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Bologna INU Istituto Nazionale di Urbanistica - Sezione Emilia Romagna Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bologna Definizione,

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Architetto Paolo Pinarelli. PIAZZA Veduta da Nord. Pag. 1 Curriculum Vitae di PAOLO PINARELLI

CURRICULUM VITAE. Architetto Paolo Pinarelli. PIAZZA Veduta da Nord. Pag. 1 Curriculum Vitae di PAOLO PINARELLI Architetto Paolo Pinarelli CURRICULUM VITAE Barberino - Riqualificazione del centro storico PIAZZA Veduta da Nord Pag. 1 DATI PERSONALI Paolo Pinarelli Nato a La Spezia il 21 marzo 1957 Residente in Via

Dettagli

LA RIGENERAZIONE DEGLI INSEDIAMENTI PER ATTIVITA A ROMA: POTENZIALITA E CRITICITA

LA RIGENERAZIONE DEGLI INSEDIAMENTI PER ATTIVITA A ROMA: POTENZIALITA E CRITICITA INU Lazio Gruppo di Lavoro Programmi integrati Paola Carobbi Daniel Modigliani Irene Poli Chiara Ravagnan LA RIGENERAZIONE DEGLI INSEDIAMENTI PER ATTIVITA A ROMA: POTENZIALITA E CRITICITA LA FASE DELLA

Dettagli

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942.

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942. URBANISTICA La legge n 1766 del 16 giugno 1927 introduceva il concetto dello Ius caselimandi cioè: a) il diritto di costruire abitazioni rurali. b) il diritto di farsi casa per abitarvi. c) il diritto

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. FS SISTEMI URBANI S.r.l. RETE FERROVIARIA ITALIANA S.p.A. COMUNE DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

PROTOCOLLO D INTESA TRA. FS SISTEMI URBANI S.r.l. RETE FERROVIARIA ITALIANA S.p.A. COMUNE DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO PROTOCOLLO D INTESA TRA FS SISTEMI URBANI S.r.l. RETE FERROVIARIA ITALIANA S.p.A. COMUNE DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO PER LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DELLA STAZIONE FERROVIARIA E DELLO

Dettagli

Il servizio pubblico alla casa e la determinazione dei livelli minimi

Il servizio pubblico alla casa e la determinazione dei livelli minimi Paolo Urbani Ordinario di Diritto Amministrativo Convegno nazionale DS Roma 13 marzo 2006 Le politiche abitative. Una grande priorità Le politiche abitative per le fascie più deboli: le nuove modalità

Dettagli

Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree

Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree SCHEDA SINTETICA DESCRITTIVA RELATIVA ALL IMMOBILE SITO IN VIALE MONZA 148 Allegata all avviso per l attivazione

Dettagli

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Laboratorio di Urbanistica 1 Titolarità del Laboratorio: Simone Ombuen Anno accademico 2012-2013 secondo semestre Modulo Diritto (4 cfu) Docente:

Dettagli

La perequazione urbanistica principi e forme di applicazione

La perequazione urbanistica principi e forme di applicazione WORKSHOP MODALITA DI ATTUAZIONE DEL PIANO: Tecniche attuative del Piano La perequazione urbanistica principi e forme di applicazione Sala Conferenze Belvedere di San Leucio (CE) 19 febbraio 2015 Il principio

Dettagli

IL PROGETTO URBANO COME FASE INTERMEDIA FRA POC E PUA

IL PROGETTO URBANO COME FASE INTERMEDIA FRA POC E PUA INU Emilia Romagna Istituto Nazionale Urbanistica Summer School 2010 Cesenatico, 23-24-25 settembre 2010 IL PROGETTO URBANO COME FASE INTERMEDIA FRA POC E PUA RELAZIONE GUIDO LEONI P.le Arturo Balestrieri

Dettagli

LABORATORIO DI ANALISI E PIANIFICAZIONE DELLA CITTÀ E DEL TERRITORIO

LABORATORIO DI ANALISI E PIANIFICAZIONE DELLA CITTÀ E DEL TERRITORIO LABORATORIO DI ANALISI E PIANIFICAZIONE DELLA CITTÀ E DEL TERRITORIO Corso di Pianificazione della città e del territorio Docente: Prof. A. Sarlo A.A. 2011-12 Lezione 1 Città, territorio e piano: dal dopoguerra

Dettagli

Storia dalla città e dell urbanistica Sviluppo dell urbanistica in Italia: dalla legge 2359 alla legge 1150/1942

Storia dalla città e dell urbanistica Sviluppo dell urbanistica in Italia: dalla legge 2359 alla legge 1150/1942 Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I Storia dalla città e dell urbanistica Sviluppo dell urbanistica

Dettagli

Il multiplex Forme, strategie e rapporto con il territorio

Il multiplex Forme, strategie e rapporto con il territorio Commercio e territorio Alberto Bassani Paolo Gariboldi Giorgio Limonta Il multiplex Forme, strategie e rapporto con il territorio presentazione di Corinna Morandi IL MULTIPLEX Forme, strategie e rapporto

Dettagli

COMUNE DI AIRUNO Provincia di Lecco PIANO GOVERNO DEL TERRITORIO - PIANO DEI SERVIZI -

COMUNE DI AIRUNO Provincia di Lecco PIANO GOVERNO DEL TERRITORIO - PIANO DEI SERVIZI - COMUNE DI AIRUNO Provincia di Lecco PIANO GOVERNO DEL TERRITORIO - PIANO DEI SERVIZI - REGOLAMENTO DI CALCOLO E GESTIONE DEGLI STANDARDS QUALITATIVI PER ATTI DI PROGRAMMAZIONE NEGOZIATA E ATTUAZIONE DEL

Dettagli

10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO

10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO 10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO 10.1. SINTESI DEI CONTENUTI DELLA L.R. 31/2014 La Regione Lombardia è intervenuta a fine 2014 con una nuova disposizione normativa (L.r. 31/2014

Dettagli

Il Vicepresidente GELLI

Il Vicepresidente GELLI 10 14.2.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 Art. 25 Entrata in vigore 1. Il presente regolamento entra in vigore novanta giorni dopo la sua pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della

Dettagli

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE Padova st innovazione Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE La ZIP Nord 1.500.000 mq di superficie complessiva Oltre 150 lotti attrezzati Oltre 450 proprietari

Dettagli

Fondamenti di diritto urbanistico L'attuazione delle previsioni di PRG : Contenuti specifici degli strumenti urbanistici Il Piano di Lottizzazione

Fondamenti di diritto urbanistico L'attuazione delle previsioni di PRG : Contenuti specifici degli strumenti urbanistici Il Piano di Lottizzazione Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2015/2016 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I Fondamenti di diritto urbanistico L'attuazione delle previsioni

Dettagli

Introduzione alla nuova legge urbanistica veneta. Prime interpretazioni.

Introduzione alla nuova legge urbanistica veneta. Prime interpretazioni. Introduzione alla nuova legge urbanistica veneta. Prime interpretazioni. a cura di Angelo Frigo Legge Regionale 23 aprile 2004, n. 11, pubblicata sul B.U.R. n. 45, del 27 aprile 2004 ed entrata in vigore

Dettagli

Città, territorio, piano in Italia dal dopoguerra agli anni 90

Città, territorio, piano in Italia dal dopoguerra agli anni 90 Città, territorio, piano in Italia dal dopoguerra agli anni 90 Dalla ricostruzione alle grandi trasformazioni: l urbanistica e la suggestione del mondo nuovo (1945-65). Dai grandi conflitti sociali all

Dettagli

La perequazione territoriale. in Val Gandino. Vittorio Ferri. Università di Milano Bicocca. v.ferri@economia.unife.it

La perequazione territoriale. in Val Gandino. Vittorio Ferri. Università di Milano Bicocca. v.ferri@economia.unife.it La perequazione territoriale in Val Gandino Vittorio Ferri Università di Milano Bicocca v.ferri@economia.unife.it 1. Introduzione Perequazione: annullare o ridurre le differenze di un certo parametro,

Dettagli

I PROGRAMMI INTEGRATI NELL ESPERIENZA ROMANA UNA RICOGNIZIONE

I PROGRAMMI INTEGRATI NELL ESPERIENZA ROMANA UNA RICOGNIZIONE INU Lazio Gruppo di Lavoro Programmi integrati Paola Carobbi Daniel Modigliani Irene Poli Chiara Ravagnan I PROGRAMMI INTEGRATI NELL ESPERIENZA ROMANA UNA RICOGNIZIONE I Programmi integrati: principi e

Dettagli

Tecnica e Pianificazione Urbanistica

Tecnica e Pianificazione Urbanistica Università di Palermo - Scuola Politecnica Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Anno accademico 2014-2015 Tecnica e Pianificazione Urbanistica Prof. Ignazio Vinci Lezioni frontali La dimensione

Dettagli

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Laboratorio di Urbanistica 1 Titolarità del Laboratorio: Simone Ombuen Anno accademico 2012-2013 secondo semestre Modulo Diritto (4 cfu) Docente:

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO Allegato B Visto il Piano Regolatore Generale, approvato con

Dettagli

Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art.

Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art. Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art. 12 del D.Lgs n. 4 del 16/01/2008, ai fini della VERIFICA

Dettagli

Perequazione urbanistica, crediti edilizi e premialità

Perequazione urbanistica, crediti edilizi e premialità Corso di laurea specialistica in architettura Indirizzo architettura per la città Laboratorio integrato ClaMARCH 3 - Cattedra B Valutazione economica del progetto Perequazione, crediti edilizi e premialità

Dettagli

PROGETTO DI RIFORMA IN MATERIA DI PEREQUAZIONE URBANISTICA,

PROGETTO DI RIFORMA IN MATERIA DI PEREQUAZIONE URBANISTICA, PROGETTO DI RIFORMA IN MATERIA DI PEREQUAZIONE URBANISTICA, CONTENUTO DELLA PROPRIETÀ FONDIARIA E DI DETERMINAZIONE DELL INDENNITÀ DI ESPROPRIO PREMESSA Un recente forum internazionale promosso dall UNECE

Dettagli

Il Piano urbanistico comunale: principali differenze concettuali rispetto al vecchio PRG

Il Piano urbanistico comunale: principali differenze concettuali rispetto al vecchio PRG SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTA DI ARCHITETTURA LUIGI VANVITELLI (corso integrativo) docente: arch. Enrico Formato, PhD anno accademico 2011-2012 APPUNTI SULLA LA RIFORMA URBANISTICA IN

Dettagli

I piani regolatori degli anni 90

I piani regolatori degli anni 90 Facoltà di Architettura e Società Cds Architettura Ambientale Polo di Piacenza I piani regolatori degli anni 90 Paola Pucci DiAP - Politecnico di Milano E mail paola.pucci@polimi.it Sito web: www.netdiap.polimi.it/didattica/pucci

Dettagli

INTRODUZIONE. Nel documento vengono analizzate e comparate le procedure per la redazione del PRG e dei PGT con le relative quantificazioni economiche.

INTRODUZIONE. Nel documento vengono analizzate e comparate le procedure per la redazione del PRG e dei PGT con le relative quantificazioni economiche. INTRODUZIONE Nel documento vengono analizzate e comparate le procedure per la redazione del PRG e dei PGT con le relative quantificazioni economiche. P.R.G. tradizionale L'incarico, normalmente, è conferito

Dettagli

Francesco Sbetti, Urbanista

Francesco Sbetti, Urbanista Urbanista, svolge attività di formazione e di consulenza, dal 1985 dirige la società di progettazione SISTEMA con sede a Venezia e Bolzano. E membro del Consiglio Nazionale dell INU e dal 2005 è DIRETTORE

Dettagli

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Bolzano Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano L ambito della trasformazione Il tema dell area ferroviaria di Bolzano

Dettagli

La Città metropolitana: riferimenti normativi, competenze, stato di attuazione

La Città metropolitana: riferimenti normativi, competenze, stato di attuazione La Città metropolitana: riferimenti normativi, competenze, stato di attuazione Pietro Lembi Centro Studi PIM Progettare il welfare nella città metropolitana Forum Terzo Settore Lombardia Milano, 21/05/2014

Dettagli

Castelfranco Emilia. PRU ex Case Operaie. Area progetto. Descrizione area progetto. Parte 1. Parte 2. Parte 3. Parte 4. Parte 5

Castelfranco Emilia. PRU ex Case Operaie. Area progetto. Descrizione area progetto. Parte 1. Parte 2. Parte 3. Parte 4. Parte 5 Castelfranco Emilia Area progetto PRU ex Case Operaie Il Comune di Castelfranco Emilia, presenta in sede di bando per la legge 19/98, una serie di ipotesi di riqualificazione urbana (su suggerimento di

Dettagli

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE VISTA DAL BASSO, L OPINIONE DEI COMUNI. A cura dell Arch.

Dettagli

Milano (MI) PII Montecity Rogoredo. Scala 1:20.000

Milano (MI) PII Montecity Rogoredo. Scala 1:20.000 Milano (MI) PII Montecity Rogoredo Scala 1:20.000 Inquadramento territoriale Il Programma Integrato d Intervento interessa un area di circa 1.100.000 mq, collocata nel settore sud est di Milano, attualmente

Dettagli

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito Ottobre 1 Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito 1. Descrizione dell Ambito L area individuata nella presente scheda d ambito e negli allegati grafici (vedi fig.1) è stata oggetto negli ultimi quindici

Dettagli

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Dipartimento Paesaggio, pianificazione territoriale e protezione civile Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Gianpietro Bara Presidente FODAF Lombardia

Dettagli

Adeguamento del contributo di costruzione

Adeguamento del contributo di costruzione Adeguamento del contributo di costruzione previsto dall art.43 della LR 12/05 e s.m.i. 8 Gennaio 2016 PRINCIPI DELLA VARIANTE AL PGT riduzione del consumo di suolo e delle potenzialità edificatorie creazione

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna 1 COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna Area Programmazione e Gestione del Territorio ALLEGATO 1 DETERMINAZIONE VALORI DI RIFERIMENTO DELLE AREE INSERITE NEL P.R.G., NEL P.S.C. E NEL R.U.E.

Dettagli

RELAZIONE SULLE PROPOSTE DI AGGIORNAMENTO E SEMPLIFICAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI GOVERNO DEL TERRITORIO

RELAZIONE SULLE PROPOSTE DI AGGIORNAMENTO E SEMPLIFICAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI GOVERNO DEL TERRITORIO RELAZIONE SULLE PROPOSTE DI AGGIORNAMENTO E SEMPLIFICAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI GOVERNO DEL TERRITORIO 1. Nel corso degli ultimi anni la legislazione regionale in materia edilizia ed urbanistica

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

curriculum vitae Luogo e Data di nascita Montebelluna, 7 febbraio 1965 Responsabile Area Tecnica Comune di Farra di Soligo Qualifica

curriculum vitae Luogo e Data di nascita Montebelluna, 7 febbraio 1965 Responsabile Area Tecnica Comune di Farra di Soligo Qualifica Luogo e Data di nascita Montebelluna, 7 febbraio 1965 Qualifica Responsabile Area Tecnica Comune di Farra di Soligo Titoli di studio 1997 - Laurea in architettura conseguita presso l Istituto Universitario

Dettagli

Facoltà di Architettura LABORATORIO DI PROGETTAZIONE URBANISTICA

Facoltà di Architettura LABORATORIO DI PROGETTAZIONE URBANISTICA I Programmi complessi Si innestano in una duplice riflessione: 1. scarsità delle risorse pubbliche per la gestione delle trasformazioni urbane; 2. limiti della operatività del Piano Regolatore Generale.

Dettagli

I Programmi Complessi

I Programmi Complessi I primi Programmi Complessi Nascono nel corso degli anni 80 nell ambito delle politiche per la casa, in particolare all interno delle linee di programmazione nazionale e regionale del CER (Comitato per

Dettagli

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE IL PROGETTO PILOTA DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO PER LA RISOLUZIONE URBANISTICA DELLA MAGLIA 21 ESPANSIONE C2 SCOPRIAMO BARI: STRUMENTI

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

Urbanistica e industria in Lombardia Franco Sacchi (Direttore Centro Studi PIM)

Urbanistica e industria in Lombardia Franco Sacchi (Direttore Centro Studi PIM) Urbanistica e industria in Lombardia Franco Sacchi (Direttore Centro Studi PIM) Il rinnovo della città industriale Politecnico di Milano, Polo di Mantova, Salone Mantegnesco, 24 maggio 2012 http://www.pim.mi.it.

Dettagli

Attuazione dell'art. 5 del d.l. 70/2011: Scheda illustrativa su Legge regionale 5 agosto 2011, n. 40

Attuazione dell'art. 5 del d.l. 70/2011: Scheda illustrativa su Legge regionale 5 agosto 2011, n. 40 Roma 29 e 30 settembre 2011 Regione Toscana La legge regionale 40/2011 1 ha introdotto significative modifiche ad alcune leggi ma in particolare alla legge regionale 1/2005 in attuazione dell articolo

Dettagli

Nuove dimensioni del costruire fra Piani Casa e programmazione territoriale Hotel I Portici, Bologna, mercoledì 20.5.2009

Nuove dimensioni del costruire fra Piani Casa e programmazione territoriale Hotel I Portici, Bologna, mercoledì 20.5.2009 Nuove dimensioni del costruire fra Piani Casa e programmazione territoriale Hotel I Portici, Bologna, mercoledì 20.5.2009 Politiche per la casa, l Edilizia Residenziale Sociale Mario Piccinini* Le politiche

Dettagli

La riqualificazione urbana. Trasformazione della concezione urbanistica

La riqualificazione urbana. Trasformazione della concezione urbanistica La riqualificazione urbana Trasformazione della concezione urbanistica Nuova filosofia normativa: Dalla rigida prescrizione del PRG al modello PPP, alla capacità di coniugare due elementi: - l interesse

Dettagli

COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO

COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO Variante di manutenzione con procedura semplificata ai sensi art. 30 L.R. 65/14 Responsabile del procedimento: Arch. Paola Pollina Responsabile Area Tecnica

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA CITTA DI BRINDISI PROGRAMMA INTEGRATO DI RIGENERAZIONE URBANA

PROTOCOLLO D INTESA CITTA DI BRINDISI PROGRAMMA INTEGRATO DI RIGENERAZIONE URBANA PROTOCOLLO D INTESA TRA Comune di Brindisi Rete Ferroviaria Italiana Spa FS Sistemi Urbani Spa PER CITTA DI BRINDISI PROGRAMMA INTEGRATO DI RIGENERAZIONE URBANA Trasformazioni urbanistiche nell ambito

Dettagli

R.U.E. REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO VARIANTE N.1

R.U.E. REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO VARIANTE N.1 COMUNE DI FORLIMPOPOLI R.U.E. REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO ai sensi degli artt. 29 e 33 della L.R.20/2000 VARIANTE N.1 GLI STRUMENTI DELLA PIANIFICAZIONE COMUNALE PSC (art. 28 Lr 20/2000) contiene

Dettagli

La pianificazione strategica

La pianificazione strategica Corso di «Processi di pianificazione e processi di valutazione» a.a. 2014/15 La pianificazione strategica Docen& Collaboratore prof. Stefano Stanghellini stefano.stanghellini@iuav.it arch. Pietro Bonifaci

Dettagli

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 11/11/2009 n. 19; L. 21/10/2010 n. 17 Aumenti massimi (salvo casi particolari) + 35% volume con

Dettagli

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: 1 INTRODUZIONE In tutte le grandi città italiane e del mondo il problema della circolazione degli autoveicoli e tutti i disagi ad esso connessi,

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in Sardegna

Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in Sardegna Provincia di Olbia Tempio Politiche abitative e Housing Sociale. Olbia, 13-14 Febbraio 2013 Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in

Dettagli

" Osservazioni Alla Terza Variante al Programma Integrato di Intervento relativo a "Quartiere Storico Fiera Milano ed aree adiacenti "

 Osservazioni Alla Terza Variante al Programma Integrato di Intervento relativo a Quartiere Storico Fiera Milano ed aree adiacenti Spett. DIREZIONE CENTRALE SVILUPPO DEL TERRITORIO settore PIANIFICAZIONE URBANISTICA E STRATEGICA via Pirelli 39 20100 Milano e per conoscenza : - al presidente della zona 8 sig. Simone Zambelli - al presidente

Dettagli

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007 Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani AA. 2006-2007 PIANO e PIANIFICAZIONE 3 Pianificazione È il Processo con il quale un individuo, una impresa, una istituzione, una collettività territoriale

Dettagli

( testo attuale e modificato)

( testo attuale e modificato) C O M U N E d i C R E S P I N A Servizi al Territorio Variante al Regolamento Urbanistico - Modifica alle Norme Tecniche di Attuazione relative agli impianti e aree cimiteriali ( articoli 61 e 66 ) ( testo

Dettagli

Convegno. Aree industriali e politiche di piano. Tra deindustrializzazione e nuova industrializzazione sostenibile. Roma 30 gennaio 2014 ore 14,00

Convegno. Aree industriali e politiche di piano. Tra deindustrializzazione e nuova industrializzazione sostenibile. Roma 30 gennaio 2014 ore 14,00 Roma 30 gennaio 2014 ore 14,00 Università Roma Tre, Dipartimento di Architettura Via della Madonna dei Monti, 40 Convegno Aree industriali e politiche di Tra deindustrializzazione e nuova industrializzazione

Dettagli

NEWSLETTER CITYREGIONS NUMERO 1

NEWSLETTER CITYREGIONS NUMERO 1 NEWSLETTER CITYREGIONS NUMERO 1 Un progetto dedicato alle cooperazioni metropolitane Nell area del programma CENTRAL EUROPE circa il 70 per cento della popolazione vive in aree urbane dove si concentrano

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Comune di Brugherio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Sintesi non tecnica Marzo 2010 Il percorso di valutazione ambientale (VAS) della Variante Semplificata al P.R.G.

Dettagli

LE NUOVE REGOLE LA LEGGE SUL GOVERNO DEL TERRITORIO

LE NUOVE REGOLE LA LEGGE SUL GOVERNO DEL TERRITORIO LE NUOVE REGOLE LA LEGGE SUL GOVERNO DEL TERRITORIO Il territorio agricolo Forte dei Marmi, 15 dicembre 2014 Arch. Antonino Gandolfo Responsabile del Settore Assetto del Territorio Comune di Montespertoli

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI URBANISTICHE A TORINO

LE TRASFORMAZIONI URBANISTICHE A TORINO LE TRASFORMAZIONI URBANISTICHE A TORINO La percezione del cambiamento della città negli ultimi vent anni IDENTITÀ GRAFICA: NOODLES Copertina: Ottobre 2015 Un progetto a cura di: Indagine realizzata da:

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome/Cognome Vincenzo Pompili Indirizzo ufficio Monte Compatri (RM) Via Placido Martini n. 124 Telefono 06.94780501 Fax 06.94789417 E-mail

Dettagli

POLO MOTORISTICO DI VALLELUNGA-CAMPAGNANO PSM 11 - Programma di Fattibilità

POLO MOTORISTICO DI VALLELUNGA-CAMPAGNANO PSM 11 - Programma di Fattibilità Dipartimento XII Innovazione e Impresa Servizio II POLO MOTORISTICO DI VALLELUNGA-CAMPAGNANO PSM 11 - Programma di Fattibilità M05 Documento Normativo PROVINCIATTIVA s.p.a. DICEMBRE 2011 Introduzione Il

Dettagli

CONFERENZA STAMPA 12/02/2015

CONFERENZA STAMPA 12/02/2015 PROTOCOLLO DI INTESA TRA COMUNE DI BERGAMO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO CDP INVESTIMENTI SGR S.P.A. PER LA RIQUALIFICAZIONE E RICONVERSIONE FUNZIONALE DELLA SEDE STORICA DEGLI OSPEDALI RIUNITI DI

Dettagli

risposte ai verbali allegati al verbale della conferenza di servizi del 22/04/2015

risposte ai verbali allegati al verbale della conferenza di servizi del 22/04/2015 1 Proponente: Centro Culturale Islamico Via Tasso 37 Sesto San Giovanni Realizzazione del nuovo Centro Culturale Islamico di Sesto San Giovanni risposte ai verbali allegati al verbale della conferenza

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux QUADRO CONOSCITIVO Breve descrizione dell intervento Gli interventi

Dettagli

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova IMPOSTAZIONE METODOLOGICA

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova IMPOSTAZIONE METODOLOGICA Padova st innovazione Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova IMPOSTAZIONE METODOLOGICA INTRODUZIONE La ZIP di Padova, ha rappresentato e certamente ancora rappresenta una

Dettagli

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Dipartimento Paesaggio, pianificazione territoriale e protezione civile Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Gianpietro Bara Presidente FODAF Lombardia

Dettagli

INU - Gruppo di lavoro Politiche e strumenti per la residenza sociale Edilizia Residenziale Sociale: una nuova stagione

INU - Gruppo di lavoro Politiche e strumenti per la residenza sociale Edilizia Residenziale Sociale: una nuova stagione INU - Gruppo di lavoro Politiche e strumenti per la residenza sociale Edilizia Residenziale Sociale: una nuova stagione Negli ultimi anni, nel dibattito politico italiano, è tornato un nuovo interesse

Dettagli

Messa in onda: programma settimanale di RAINEWS. In onda dal 9 agosto alle 23, tutti i giovedì per otto settimane con repliche nei fine settimana.

Messa in onda: programma settimanale di RAINEWS. In onda dal 9 agosto alle 23, tutti i giovedì per otto settimane con repliche nei fine settimana. RAINEWS MI CHIAMO CITTA edizione 2012 un programma di Marta Francocci in collaborazione con Ordine degli Architetti di Roma INU Istituto Nazionale di Urbanistica Compagnia di San Paolo, Torino Ance Genova

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo GIORGIO DE VETTOR Residenza: via Nicosia - Venezia Telefono +39 (0)41 5269270 Cell: +39 3480946532 Fax - E-mail giorgio.devettor@comune.venezia.it

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

Sono sposato, ho due figli e vivo a Milano.

Sono sposato, ho due figli e vivo a Milano. CURRICULUM VITAE EDOARDO MARINI INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARINI, EDOARDO Indirizzo studio VIA GUSTAVO MODENA 3, MILANO, 20129 Telefono 3200655765 Email Pec albo edoardo.marini@fastwebnet.it marini8143@oamilano.it

Dettagli

arch. Romolo Balasso www.tecnojus.it Architetto Romolo Balasso Presidente Centro Studi Tecnojus Consulente libero professionista Thiene (VI)

arch. Romolo Balasso www.tecnojus.it Architetto Romolo Balasso Presidente Centro Studi Tecnojus Consulente libero professionista Thiene (VI) Il Il piano di di assetto del territorio in in relazione ai ai nuovi strumenti urbanistici. Un occasione per ripensare il il modello veneto 1 Castelfranco Veneto 24-10-2007 2007 Perequazione e crediti

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 5 DEL 23-02-2007 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA. Riforma dell urbanistica e disciplina dell attività edilizia e del paesaggio.

LEGGE REGIONALE N. 5 DEL 23-02-2007 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA. Riforma dell urbanistica e disciplina dell attività edilizia e del paesaggio. LEGGE REGIONALE N. 5 DEL 23-02-2007 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA Riforma dell urbanistica e disciplina dell attività edilizia e del paesaggio. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE FRIULI-VENEZIA

Dettagli

Disposizioni di attuazione. Testo modificato in seguito all accoglimento totale e/o parziale delle osservazioni pervenute dopo l adozione

Disposizioni di attuazione. Testo modificato in seguito all accoglimento totale e/o parziale delle osservazioni pervenute dopo l adozione Disposizioni di attuazione Testo modificato in seguito all accoglimento totale e/o parziale delle osservazioni pervenute dopo l adozione settembre 2008 maggio 2009 aggiornato giugno 2009 Versione 19.05.2009

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO. Il Consiglio regionale

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO. Il Consiglio regionale REGIONE TOSCANA Legge regionale 10 novembre 2014, n. 65 Norme per il governo del territorio. Bollettino Ufficiale n. 53, parte prima, del 12 novembre 2014 (Pagine realizzate e distribuite dalla Italcaccia-Italpesca

Dettagli

Programma didattico Docenti

Programma didattico Docenti FORMEZ - Centro di Formazione e Studi Progetto R I P A M Riqualificazione della Pubblica Amministrazione Corso di Aggiornamento Ex allievi RIPAM 9-10-11 giugno 2003 Responsabile del Corso: arch. Stefano

Dettagli

1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata

1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata 1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata interessata da profondi fenomeni di trasformazione dell apparato

Dettagli

COMUNE DI LEVERANO. Provincia di Lecce Settore Assetto del Territorio, Urbanistica, Edilizia

COMUNE DI LEVERANO. Provincia di Lecce Settore Assetto del Territorio, Urbanistica, Edilizia COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce Settore Assetto del Territorio, Urbanistica, Edilizia Prot. n. Leverano, lì 24/10/2012 Risp. nota n. del Allegati n. resp. proc. ing. Antonio Miraglia Tel. 0832/923417

Dettagli

Il Piano Urbanistico Comunale (PUC) nella legge regionale 16/2004 norme sul governo del territorio

Il Piano Urbanistico Comunale (PUC) nella legge regionale 16/2004 norme sul governo del territorio Il Piano Urbanistico Comunale (PUC) nella legge regionale 16/2004 norme sul governo del territorio Slide desunte dal corso di Tecnica Urbanistica del prof. Mazzeo Articolo 22 Strumenti urbanistici comunali

Dettagli

Sette città Strategie e progetti per il nuovo piano urbanistico di Bologna

Sette città Strategie e progetti per il nuovo piano urbanistico di Bologna Sette città Strategie e progetti per il nuovo piano urbanistico di Bologna dopo 20 anni un nuovo Piano per Bologna A venti anni di distanza dall ultimo piano urbanistico generale, Bologna avvia il percorso

Dettagli

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A.

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. Torino, Palazzo del Lavoro Veicolo societario 100% Pentagramma Piemonte S.p.A. (50% CDP Immobiliare S.r.l. - 50% G.E.F.I.M.) Localizzazione L edificio del Palazzo del Lavoro

Dettagli

LEGGE REGIONALE 11 marzo 2005, n. 12 «Legge per il governo del territorio». (B.U. 16 marzo 2005, n. 11, 1º suppl. ord.)

LEGGE REGIONALE 11 marzo 2005, n. 12 «Legge per il governo del territorio». (B.U. 16 marzo 2005, n. 11, 1º suppl. ord.) LEGGE REGIONALE 11 marzo 2005, n. 12 «Legge per il governo del territorio». (B.U. 16 marzo 2005, n. 11, 1º suppl. ord.) PARTE I PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO Titolo I OGGETTO E CRITERI ISPIRATORI Art.

Dettagli

GOVERNO DELLE TRASFORMAZIONI URBANE E TERRITORIALI

GOVERNO DELLE TRASFORMAZIONI URBANE E TERRITORIALI Dimensione normativa-regolativa Dimensione strategica GOVERNO DELLE TRASFORMAZIONI URBANE E TERRITORIALI Dimensione ambientale Dimensione del progetto urbano Dimensione delle politiche di sviluppo A cosa

Dettagli