STATISTICA: esercizi svolti sulla DIPENDENZA IN MEDIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STATISTICA: esercizi svolti sulla DIPENDENZA IN MEDIA"

Transcript

1 STATISTICA: esercizi svolti sulla DIPEDEZA I MEDIA 1

2 1 LA DIPEDEZA I MEDIA 2 1 LA DIPEDEZA I MEDIA 1. La popolazione in migliaia di unità occupata in Piemonte nel 1985 per reddito annuo Y (migliaia di euro) e per settore di attività economica A è riportata nella seguente tabella: Settore Agricoltura Industria Altre attività Reddito Totale Fino a Totale a) Determinare la media aritmetica e la varianza per ciascuna distribuzione parziale del reddito assumendo 10 come valore centrale per la classe di reddito Fino a 15 ; b) determinare media e varianza del reddito per la distribuzione totale e verificare la proprietà associativa della media aritmetica e la scomposizione della varianza; c) esiste indipendenza in media di Y da A? In caso di risposta negativa fornire una misura del grado di dipendenza e commentare. Svolgimento Svolgimento punto a) ella seguente tabella riportiamo i calcoli utili per ricavare le medie parziali del carattere Reddito Annuo : Reddito (valori centrali) Agricoltura Industria Altre Attività y i n i1 y i n i1 n i2 y i n i2 n i3 y i n i Totale Le medie parziali del carattere Reddito Annuo risultano essere: ȳ 1 = 3330 = 20.68: la popolazione piemontese occupata nel settore agricolo, 161 durante l anno 1985, ha avuto un reddito medio annuo pari a migliaia di euro. Più precisamente indica il reddito annuo che sarebbe spettato, nel 1985, a ciascun agricoltore se il reddito annuo totale degli agricoltori fosse stato suddiviso in parti uguali tra gli stessi, ossia nell ipotesi in cui ciascun agricoltore avesse avuto lo stesso reddito;

3 1 LA DIPEDEZA I MEDIA 3 ȳ 2 = = 36.97: la popolazione piemontese occupata nel settore industriale, 736 durante l anno 1985, ha avuto un reddito medio annuo pari a migliaia di euro. Più precisamente indica il reddito annuo che sarebbe spettato nel 1985 ad un impiegato nell indistria, se il reddito annuo totale degli impiegati in questo settore fosse stato suddiviso in parti uguali tra gli stessi, ossia nell ipotesi in cui ciascun occupato nell industria avesse avuto lo stesso reddito; ȳ 3 = = 32.26: la popolazione piemontese occupata in altre attività, 861 durante l anno 1985, ha avuto un reddito medio annuo pari a migliaia di euro. Più precisamente indica il reddito annuo che sarebbe spettato nel 1985 ad un impiegato nelle altre attività, se il reddito annuo totale degli impiegati in questi settori fosse stato suddiviso in parti uguali tra gli stessi, ossia nell ipotesi in cui ciascun occupato in altre attività avesse avuto lo stesso reddito. Osserviamo che i salari medi variano al mutare dell attività economica svolta. Possiamo dunque concludere che il Reddito Annuo non è indipendente in media dal Settore di Attività Economica. Calcoliamo le varianze delle distribuzioni parziali utilizzando il metodo indiretto: σ 2 j = 1 n.j 4 yi 2 n ij ȳj 2 j = 1, 2, 3. Al fine di agevolare i calcoli, predisponiamo la seguente tabella: Reddito (valori centrali) Agricoltura Industria Altre Attività y i n i1 yi 2 n i1 n i2 yi 2 n i2 n i3 yi 2 n i Totale Le varianze parziali risultano essere: σ 2 1 = σ 2 2 = σ 2 3 = = = =

4 1 LA DIPEDEZA I MEDIA 4 Svolgimento punto b) La seguente tabella riporta i conti che facilitano il calcolo della media e della varianza dell intera popolazione: y i n i. y i n i. yi 2 n i T otale Il reddito medio aritmetico per l intera popolazione risulta essere: ȳ = 1 4 y i n i. = = La popolazione piemontese occupata, nel 1985, ha avuto un reddito medio pari a migliaia di euro. Più precisamente indica il reddito che sarebbe spettato nel 1985 ad un occupato in Piemonte, se il reddito totale degli occupati fosse stato suddiviso in parti uguali tra gli stessi, ossia nell ipotesi in cui ciascun occupato avesse avuto lo stesso reddito. Di seguito calcoliamo il valore di ȳ sfuttando la proprietà associativa della media aritmetica: ȳ = 1 ȳ j n.j 1 = [( ) + ( ) + ( )] 1758 = Il valore appena ricavato coincide con quanto calcolato in precedenza e la proprietà associativa della media aritmetica risulta così verificata. La varianza della popolazione totale (calcolata con il metodo indiretto) risulta essere: σ 2 = 1 4 yi 2 n i. ȳ 2 = = Al fine di verificare la scomposizione della varianza, calcoliamo la varianza nei gruppi: D = 1 σj 2 n.j 1 = [( ) + ( ) + ( )] 1758 =

5 1 LA DIPEDEZA I MEDIA 5 La varianza tra le medie parziali risulta essere: D F = 1 (ȳ j ȳ) 2 n.j 1 = 1758 [( ) ( ) ( ) 2 861] = = La varianza totale risulta di conseguenza pari a = D + D F = = che coincide con quanto ricavato in precedenza. Svolgimento punto c) Come già osservato, dato che le medie parziali del reddito variano al mutare del settore di attività economica, possiamo concludere che il Reddito Annuo non è indipendente in media dal Settore di Attività Economica. Dato che nel caso di indipendenza in media si ha ȳ 1 = ȳ 2 = ȳ 3 = ȳ, al fine di quantificare l allontanamento dall indipendenza in media è del tutto naturale utilizzare un indice basato sugli scarti ȳ i ȳ. Uno di questi indici è: M 2 ( ȳ j ȳ ) = { 1 } 1 2 ( ȳ j ȳ ) 2 n.j = DF = = 4.55 Il valore assunto dall indice informa che, mediamente, le medie parziali differiscono dalla media totale di 4.55 migliaia di euro. Al fine di valutare il grado di dipendenza in media, utilizziamo il rapporto di correlazione di K. Pearson: η 2 (Y/A) = D F = D F = = Il valore dell indice informa che la variabilità fra le medie parziali, rappresenta il 7.8% della variabilità totale. L indice è pari al 7.8% del suo massimo valore assumibile (corrispondente al caso di massima connessione) e ci permette di concludere che il carattere Reddito Annuo è debolmente dipendente in media dal carattere Settore di Attività Economica.

6 1 LA DIPEDEZA I MEDIA 6 2. La seguente tabella riporta i dati relativi a 74 alberghi di una nota località sciistica classificati in base al numero di stanze (carattere X) e alla categoria (carattere Y ): Categoria Alta Bassa Stanze Fino a oltre a) Calcolare le medie e le varianze totali e parziali del carattere X verificando la proprietà associativa della media aritmetica e la scomposizione della varianza; b) calcolare le distribuzioni condizionate di frequenze relative del carattere X e stabilire, in base ad esse, se esiste indipendenza distributiva tra i due caratteri; c) fornire un indice che valuti il grado di dipendenza in media del carattere X dal carattere Y. Svolgimento Al fine di calcolare la media e la varianza del carattere X, supponiamo di chiudere le classi Fino a 10 e oltre 20 rispettivamente con i valori 1 e 30, ottenendo così le classi: 1 10 e Sulla base di queste ipotesi è possibile ricavare i valori centrali di ciascuna delle classi in cui sono raggrupate le modalità di X. Il loro valore, insieme ad altri calcoli, è riportato nella seguente tabella:. Stanze (valori centrali) Alta Bassa Totale x i n i1 x i n i1 x 2 i n i1 n i2 x i n i2 x 2 i n i2 n i x i n i x 2 i n i Totale La media aritmetica del carattere X è data da: x = 1 x i n i. = = In media, i 74 alberghi hanno stanze. Più precisamente indica il numero ipotetico di stanze di ogni albergo nell ipotesi in cui tutti gli alberghi avessero un

7 1 LA DIPEDEZA I MEDIA 7 ugual numero di stanze (a parità del numero totale delle stesse). Calcoliamo a questo punto le medie parziali del carattere X. x 1 = 1 n.1 x i n i1 = = In media, i 31 alberghi di alta categoria hanno stanze. Più precisamente indica il numero ipotetico di stanze di ogni albergo di alta categoria nell ipotesi in cui tutti gli alberghi di questa categoria avessero un ugual numero di stanze (a parità del numero totale delle stesse all interno della categoria in considerazione). x 2 = 1 n.2 x i n i2 = = In media, i 43 alberghi di bassa categoria hanno stanze. Più precisamente indica il numero ipotetico di stanze di ogni albergo di bassa categoria nell ipotesi in cui tutti gli alberghi di questa categoria avessero un ugual numero di stanze (a parità del numero totale delle stesse all interno della categoria in considerazione). Verifichiamo la proprietà associativa della media aritmetica: x = 1 = 2 x j n.j ( ) + ( ) 74 che coincide con quanto ricavato in precedenza. La varianza del carattere X è data da: = σ 2 = 1 x 2 i n i. x 2 = = Le varianze parziali del carattere X risultano essere: σ 2 1 = 1 n.1 x 2 i n i1 x 2 1 = =

8 1 LA DIPEDEZA I MEDIA 8 σ 2 2 = 1 n.2 x 2 i n i2 x 2 2 = = Al fine di verificare la scomposizione della varianza, calcoliamo la varianza nei gruppi: D = 1 = 2 σj 2 n.j ( ) + ( ) 74 Calcoliamo la varianza tra le medie parziali: = D F = 1 2 ( x j x) 2 n.j = ( ) ( ) = 0. La varianza totale risulta di conseguenza pari a: σ 2 = = D + D F = La discrepanza tra il valore appena ottenuto e quello ricavato in precedenza, è attribuibile ad approssimazioni e possiamo dunque ritenere verificata la scomposizione della varianza. Svolgimento punto b) Le distribuzioni condizionate di frequenze relative del carattere X sono riportate nella seguente tabella: Categoria Alta Bassa Stanze Fino a oltre tot 1 1. Dato che, se i due caratteri in considerazione fossero indipendenti in distribuzione, le distribuzioni condizionate di fequenze relative sarebbero identiche, si può concludere che tra i caratteri X e Y non vi è indipendenza distributiva. Svolgimento punto c) Le medie parziali del carattere X calcolate in precedenza non

9 1 LA DIPEDEZA I MEDIA 9 sono identiche e di conseguenza X non è indipendente in media da Y. Tuttavia il loro valore è molto simile e ciò è indice del fatto che il grado di dipendenza in media di X da Y dovrebbe essere basso. Al fine di valutare oggettivamente il grado di dipendenza in media, utilizziamo il rapporto di correlazione di K. Pearson: η 2 (X/Y ) = D F = D F = = 0. Il valore assunto dall indice è approssimativamente pari a 0 e vale a dire al valore che lo stesso assumerebbe nel caso in cui X fosse indipendente in media da Y. Il valore assunto dall indice informa che il grado di dipendenza in media è basso a tal punto che X può sostanzialmente ritenersi indipendente in media da Y. 3. Mille alunni di una scuola superiore sono stati classificati in base al rendimento scolastico, X, ed al numero di libri extra-scolastici letti, Y. Da tale rilevazione è emerso quanto segue: il 70% degli alunni ha un rendimento medio-basso; di questi il 60% legge in media due libri, il 30% ne legge in media 3 ed il restante 10% ne legge in media 4; il 30% degli alunni ha un rendimento medio-alto; di questi il 20% legge in media due 3 libri, il 40% ne legge in media 4 e un altro 40% ne legge in media 5. a) Costruire la distribuzione congiunta delle frequenze assolute dei due caratteri, X e Y ; b) senza effettuare calcoli, dire se esiste indipendenza distributiva fra Y ed X e motivare la risposta; c) verificare se esiste indipendenza in media di Y da X e in caso di risposta negativa valutare il grado di dipendenza in media attraverso un indice adeguato. Svolgimento Svolgimento punto a) Dalle informazioni che vengono fornite dal testo dell esercizio abbiamo che che: il numero totale di studenti classificati è = 1000; il carattere Rendimento Scolastico assume le due modalità medio-basso (MB) e medio-alto (MA); 70 n(mb) = = 700 e n(ma) = = 300; il carattere di libri extrascolastici mediamente letti ogni mese assume le modalità {2; 3; 4; 5}; n(mb, 2) = n(mb) = = 420;

10 1 LA DIPEDEZA I MEDIA 10 n(mb, 3) = n(mb) = = 210; n(mb, 4) = n(mb) = = 70; n(mb, 5) = 0; n(ma, 2) = 0; n(ma, 3) = n(ma) = = 60; n(ma, 4) = n(ma) = = 120; n(ma, 5) = n(ma) = = 120. I risultati appena ottenuti sono riportati nella seguente tabella di contingenza: X\Y Totale MB MA Totale Svolgimento punto b) Si osservi che, nella precedente tabella, le coppie di modalità (MB, 5) e (MA, 2) hanno una frequenza congiunta pari a zero. Osserviamo inoltre che, ad esempio, n(mb) 0 e n(5) 0. Di conseguenza n(mb) n(5) ˆn(MB, 5) = 0. el caso della coppia di modalità (M B, 5), la frequenza congiunta osservata n(m B, 5) non coincide con la frequenza congiunta teorica del caso di indipendenza distributiva ˆn(M B, 5). Possiamo quindi concludere che i caratteri X e Y non sono indipendenti in distribuzione. Svolgimento punto c) Al fine di verificare se esite indipendenza in media di Y da X, calcoliamo le medie parziali di Y. (2 420) + (3 210) + (4 70) + 0 ȳ (MB) = = 2.5 ; (3 60) + (4 120) + (5 120) ȳ (MA) = = 4.2;. 300 (2 420) + (3 270) + (4 190) + (5 120) ȳ = = 3.01 ; 1000 Dato che le medie parziali del carattere Y non sono uguali, il carattere Y non è indipendente in media dal carattere X. Al fine di quantificare il grado della dipendenza in media di Y da X, calcoliamo il rapporto di correlazione di K.Pearson. Preliminarmente al calcolo di quest indice, è necessario ricavare i valori della devianza totale e della devianza fra le medie parziali. Quest ultima è data da: D F = ( ) ( ) =

11 1 LA DIPEDEZA I MEDIA 11 La devianza totale è data da: = [(2) (3) (4) (5) 2 120] (3.01) = = Il rapporto di correlazione di K.Pearson, di conseguenza, risulta: η 2 (Y/X) = D F = = Il valore dell indice informa che la variabilità fra le medie parziali, rappresenta il 55.68% della variabilità totale. L indice è pari al 55.68% del suo massimo valore assumibile (corrispondente al caso di massima connessione) e di conseguenza vi è un buon grado di dipendenza in media del carattere Y dal carattere X. 4. La rilevazione congiunta su 190 famiglie del livello di reddito familiare annuo, X, e della spesa annua (in migliaia di euro) destinata a viaggi e vacanze, Y, ha fornito il seguente risultato: X\Y Totale Basso Medio Alto Totale a) Valutare, qualora possibile, il grado di dipendenza in media di Y da X e quella di X da Y attraverso un adeguato indice. b) Stabilire senza effettuare calcoli se i caratteri X e Y possono ritenersi indipendenti in distribuzione. Svolgimento Svolgimento punto a) Osserviamo innanzitutto che non è possibile valutare il grado di dipendenza in media di X da Y in quanto il carattere X è qualitativo. Concentriamo quindi l attenzione sullo studio della dipendenza in media di Y da X. A tal fine verifichiamo se Y è indipendente in media da X confrontando i valori delle medie parziali di Y. Per facilitare il loro calcolo, predisponiamo la seguente tabella: Y (valori centrali) Basso Medio Alto Totale y i n i1 y i n i1 n i2 y i n i2 n i3 y i n i3 n i y i n i Totale

12 1 LA DIPEDEZA I MEDIA 12 Le medie parziali del carattere Y sono date da: ȳ 1 = = 2.07 ȳ 2 = = 3.11 ȳ 3 = = 5.09 ȳ = = 3.30 Come possiamo osservare, le medie parziali non sono tra loro uguali e di conseguenza Y non è indipendente in media da X. A questo punto è interessante valutare il grado della dipendenza in media di Y da X. A tal fine calcoliamo il rapporto di correlazione di K.Pearson. Preliminarmente al calcolo di quest indice, è necessario ricavare i valori della devianza totale e della devianza fra le medie parziali. Quest ultima è data da: D F = ( ) ( ) ( ) 2 55 La devianza totale è data da: = = = (1 3.3) ( ) (6 3.3) 2 50 = = Il rapporto di correlazione di K.Pearson è di conseguenza dato da: η 2 (Y/X) = D F = = Il valore dell indice informa che la variabilità fra le medie parziali rappresenta il 39.99% della variabilità totale. L indice è pari al 39.99% del suo massimo valore assumibile (corrispondente al caso di massima connessione) e di conseguenza vi è un contenuto grado di dipendenza in media del carattere Y dal carattere X. Svolgimento punto b) Tra i caratteri in considerazione non vi è indipendenza distributiva in quanto Y non è indipendente in media da X.

NOTA METODOLOGICA. 1. Nota informativa sull interpretazione dei dati statistici. Tutti i contribuenti persone fisiche

NOTA METODOLOGICA. 1. Nota informativa sull interpretazione dei dati statistici. Tutti i contribuenti persone fisiche NOTA METODOLOGICA 1. Nota informativa sull interpretazione dei dati statistici 2. Base dati statistica 3. Tipologie di contribuenti Tutti i contribuenti persone fisiche Concetto di titolare di partita

Dettagli

Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 4. Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo

Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 4. Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 4 Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo Dipendenza di un carattere QUANTITATIVO da un carattere QUALITATIVO

Dettagli

Dipendenza tra caratteri: connessione. N:B: Si tratta di coppie di caratteri sia qualitativi

Dipendenza tra caratteri: connessione. N:B: Si tratta di coppie di caratteri sia qualitativi 1 Associazione tra variabili Tratteremo: Dipendenza tra caratteri: connessione N:B: Si tratta di coppie di caratteri sia qualitativi che quantitativi!!!! 2 Associazione tra variabili Riprendiamo l esempio

Dettagli

Esame di Statistica Prof.ssa Paola Zuccolotto

Esame di Statistica Prof.ssa Paola Zuccolotto Esame di Statistica Prof.ssa Paola Zuccolotto Tema 1 indicare cognome, nome e numero di matricola su tutti i fogli; utilizzare i fogli protocollo per effettuare i calcoli, indicando tutti i passaggi necessari

Dettagli

1 Associazione tra variabili quantitative COVARIANZA E CORRELAZIONE

1 Associazione tra variabili quantitative COVARIANZA E CORRELAZIONE 1 Associazione tra variabili quantitative ASSOCIAZIONE FRA CARATTERI QUANTITATIVI: COVARIANZA E CORRELAZIONE 2 Associazione tra variabili quantitative Un esempio Prezzo medio per Nr. Albergo cliente (Euro)

Dettagli

Dott.ssa Caterina Gurrieri

Dott.ssa Caterina Gurrieri Dott.ssa Caterina Gurrieri Le relazioni tra caratteri Data una tabella a doppia entrata, grande importanza riveste il misurare se e in che misura le variabili in essa riportata sono in qualche modo

Dettagli

Statistica. Alfonso Iodice D Enza iodicede@unicas.it

Statistica. Alfonso Iodice D Enza iodicede@unicas.it Statistica Alfonso Iodice D Enza iodicede@unicas.it Università degli studi di Cassino () Statistica 1 / 2 Outline 1 2 3 4 () Statistica 2 / 2 Misura del legame Data una variabile doppia (X, Y ), la misura

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Titolo della lezione. Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza

Titolo della lezione. Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza Titolo della lezione Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza Introduzione Analisi univariata, bivariata, multivariata Analizzare le relazioni tra i caratteri, per cercare

Dettagli

La statistica bivariata consiste nello studio del comportamento di due caratteri osservati congiuntamente sulle stesse unità statistiche

La statistica bivariata consiste nello studio del comportamento di due caratteri osservati congiuntamente sulle stesse unità statistiche 1 Analisi statistica bivariata Lo studio di un fenomeno di interesse, generalmente, si svolge rilevando contemporaneamente più caratteri su ciascuna unità statistica per spiegare il fenomeno attraverso

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

Problema pratico: Test statistico = regola di decisione

Problema pratico: Test statistico = regola di decisione La verifica delle ipotesi statistiche Problema pratico: Quale, tra diverse situazioni possibili, riferite alla popolazione, è quella meglio sostenuta dalle evidenze empiriche? Coerenza del risultato campionario

Dettagli

CORSO DI STATISTICA (parte 2) - ESERCITAZIONE 8

CORSO DI STATISTICA (parte 2) - ESERCITAZIONE 8 CORSO DI STATISTICA (parte 2) - ESERCITAZIONE 8 Dott.ssa Antonella Costanzo a.costanzo@unicas.it Esercizio 1. Test delle ipotesi sulla varianza In un azienda che produce componenti meccaniche, è stato

Dettagli

Prova di autovalutazione Prof. Roberta Siciliano

Prova di autovalutazione Prof. Roberta Siciliano Prova di autovalutazione Prof. Roberta Siciliano Esercizio 1 Nella seguente tabella è riportata la distribuzione di frequenza dei prezzi per camera di alcuni agriturismi, situati nella regione Basilicata.

Dettagli

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE Lezione 7 a Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della scienza, di voler studiare come il variare di una o più variabili (variabili

Dettagli

Statistica. Esercitazione 3 5 maggio 2010 Serie storiche. Connessione e indipendenza statistica

Statistica. Esercitazione 3 5 maggio 2010 Serie storiche. Connessione e indipendenza statistica Corso di Laurea in Scienze dell Organizzazione Facoltà di Sociologia, Università degli Studi di Milano-Bicocca a.a. 2008/2009 Statistica Esercitazione 3 5 maggio 2010 Serie storiche. Connessione e indipendenza

Dettagli

Statistica (Prof. Capitanio) Slide n. 1. Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo

Statistica (Prof. Capitanio) Slide n. 1. Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo Statistica (Prof. Capitanio) Slide n. 1 Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo MEDIA GEOMETRICA M g = x g = n n x i i=1 1 PROPRIETA 1) Identità di prodotto ( ) n n M =

Dettagli

Capitolo 2 Distribuzioni di frequenza

Capitolo 2 Distribuzioni di frequenza Edizioni Simone - Vol. 43/1 Compendio di statistica Capitolo 2 Distribuzioni di frequenza Sommario 1. Distribuzioni semplici. - 2. Distribuzioni doppie. - 3. Distribuzioni parziali: condizionate e marginali.

Dettagli

1. Richiami di Statistica. Stefano Di Colli

1. Richiami di Statistica. Stefano Di Colli 1. Richiami di Statistica Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Dati: Fonti e Tipi I dati sperimentali sono provenienti da un contesto delimitato, definito per rispettare le caratteristiche

Dettagli

Esercizi di Statistica

Esercizi di Statistica Esercizi di Statistica Selezione di esercizi proposti durante le esercitazioni dei corsi di Statistica tenute presso la Facoltà di Economia dell Università di Salerno Versione del 17 ottobre 2006 2 Per

Dettagli

Per forma di una distribuzione si intende il modo secondo il quale si dispongono i valori di un carattere intorno alla rispettiva media.

Per forma di una distribuzione si intende il modo secondo il quale si dispongono i valori di un carattere intorno alla rispettiva media. FORMA DI UNA DISTRIBUZIONE Per forma di una distribuzione si intende il modo secondo il quale si dispongono i valori di un carattere intorno alla rispettiva media. Le prime informazioni sulla forma di

Dettagli

Appunti di Statistica Descrittiva

Appunti di Statistica Descrittiva Appunti di Statistica Descrittiva 30 dicembre 009 1 La tabella a doppia entrata Per studiare dei fenomeni con caratteristiche statistiche si utilizza l espediente della tabella a doppia entrata Per esempio

Dettagli

Relazioni statistiche: regressione e correlazione

Relazioni statistiche: regressione e correlazione Relazioni statistiche: regressione e correlazione È detto studio della connessione lo studio si occupa della ricerca di relazioni fra due variabili statistiche o fra una mutabile e una variabile statistica

Dettagli

DIPENDENZA O CONNESSIONE. Ovvero quando la conoscenza della modalità di X presente su un unità è informativa della presenza della modalità di Y.

DIPENDENZA O CONNESSIONE. Ovvero quando la conoscenza della modalità di X presente su un unità è informativa della presenza della modalità di Y. DIPENDENZA O CONNESSIONE Due caratteri X e Y cogiutamete cosiderati si dicoo tra loro coessi quado le modalità di u carattere ifluezao il maifestarsi delle modalità dell altro. Ovvero quado la coosceza

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. 1 VARIABILI QUALITATIVE

STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. 1 VARIABILI QUALITATIVE Matematica e statistica: dai dati ai modelli alle scelte www.dima.unige/pls_statistica Responsabili scientifici M.P. Rogantin e E. Sasso (Dipartimento di Matematica Università di Genova) STATISTICA DESCRITTIVA

Dettagli

INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico. 2. Analisi del mercato turistico. 3. Obiettivi. Bibliografia

INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico. 2. Analisi del mercato turistico. 3. Obiettivi. Bibliografia COSTA RICA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2013 INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico 1.a Principali indicatori economici 1.b Principali indicatori sociali e demografici 2. Analisi

Dettagli

Confronto tra gruppi (campioni indipendenti)

Confronto tra gruppi (campioni indipendenti) Confronto tra gruppi (campioni indipendenti) Campioni provenienti da una popolazione Normale con medie che possono essere diverse ma varianze uguali campioni: Test z or t sulla differenza tra medie 3,

Dettagli

Popolazione. Campione. I risultati di un esperimento sono variabili aleatorie. I valori stimati sono variabili aleatorie. Teorema del limite centrale

Popolazione. Campione. I risultati di un esperimento sono variabili aleatorie. I valori stimati sono variabili aleatorie. Teorema del limite centrale I risultati di un esperimento sono variabili aleatorie. Un esperimento non consente di esaminare ogni elemento di una popolazione o di effettuare tutte le misure possibili. campione , sx Stime Popolazion

Dettagli

UN ESPOSIZIONE IPERTESTUALE DI ALCUNI ELEMENTI DI STATISTICA DESCRITTIVA

UN ESPOSIZIONE IPERTESTUALE DI ALCUNI ELEMENTI DI STATISTICA DESCRITTIVA Alma Mater Studiorum Università di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Matematica UN ESPOSIZIONE IPERTESTUALE DI ALCUNI ELEMENTI DI STATISTICA DESCRITTIVA Tesi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA

STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA Si parla di Analisi Multivariata quando su ogni unità statistica, appartenente ad una determinata popolazione, si rileva un certo numero s di caratteri X 1, X 2,,X s. Si

Dettagli

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi Università degli Studi di Bari Aldo Moro - Vol. X (2011): 43-50 Editore CLEUP, Padova - ISBN: 978-88-6129-833-0 La dissomiglianza tra due distribuzioni

Dettagli

A Quick Reference INDICE DI PENSIONAMENTO* % NUCLEI FAMILIARI

A Quick Reference INDICE DI PENSIONAMENTO* % NUCLEI FAMILIARI A Quick Reference Page 1 of 6 Questa tabella fornisce una sintetica panoramica della classificazione e delle caratteristiche predominanti rilevate all'interno di ciascuno dei 10 gruppi e dei 51 cluster

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA CORSO DI INFORMATICA E STATISTICA DANIELE.MONTANINO@UNISALENTO.IT

CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA CORSO DI INFORMATICA E STATISTICA DANIELE.MONTANINO@UNISALENTO.IT CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA CORSO DI INFORMATICA E STATISTICA DANIELE.MONTANINO@UNISALENTO.IT CONVENZIONE SULLE CIFRE SIGNIFICATIVE La convenzione usata sul troncamento delle cifre è troncare

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 Codice DB1102 D.D. 24 novembre 2010, n. 1352 L.R. 63/78 art. 41. Affidamento all'ima Piemonte dell'incarico per la realizzazione di immagini fotografiche sul paesaggio piemontese

Dettagli

CORSO DI STATISTICA N.O. - II CANALE Esercizi

CORSO DI STATISTICA N.O. - II CANALE Esercizi CORSO DI STATISTICA N.O. - II CANALE Esercizi Dott.ssa CATERINA CONIGLIANI Facoltà di Economia Università Roma Tre 1 Esercizi su sintesi di distribuzioni semplici Esercizio 1.1 Data la seguente distribuzione

Dettagli

Analisi dei rischi in un investimento immobiliare. (aumento/diminuzione di prezzi/canoni/rendimenti, velocità di

Analisi dei rischi in un investimento immobiliare. (aumento/diminuzione di prezzi/canoni/rendimenti, velocità di dott. ing. arch. Alberto M. Lunghini, i FRICS, AICI, FIABCI Reddy s Group SRL ANALISI DEI RISCHI IN UN INVESTIMENTO IMMOBILIARE Camera di Commercio RISCHIO è la possibilità che un evento atteso (aumento/diminuzione

Dettagli

Questionario per casa 6 Febbraio 2012

Questionario per casa 6 Febbraio 2012 1 Il numero 4 2004 + 2 4008 è uguale a a) 4 4012 b) 4 4008 c) 4 2004 d) 2 4009 e) 2 2012 Questionario per casa 6 Febbraio 2012 2 La statura media dei 20 studenti di una certa classe è 163,5 cm. Se ciascuno

Dettagli

Correzione dell Esame di Statistica Descrittiva (Mod. B) 1 Appello - 28 Marzo 2007 Facoltà di Astronomia

Correzione dell Esame di Statistica Descrittiva (Mod. B) 1 Appello - 28 Marzo 2007 Facoltà di Astronomia Correzione dell Esame di Statistica Descrittiva (Mod. B) 1 Appello - 8 Marzo 007 Facoltà di Astronomia ESERCIZIO 1 La seguente tabella riporta la distribuzione congiunta della situazione lavorativa e dello

Dettagli

ANALISI DELLA VARIANZA A PIU CRITERI DI CLASSIFICAZIONE

ANALISI DELLA VARIANZA A PIU CRITERI DI CLASSIFICAZIONE ANALISI DELLA VARIANZA A PIU CRITERI DI CLASSIFICAZIONE CON REPLICHE INTRODUZIONE Lo studio di un fenomeno non si deve limitareit alla valutazione dei singoli fattori in studio ma molto spesso è importante

Dettagli

ECONOMIA POLITICA. Modulo 1. Modulo 3. Modulo 4. Modulo 2. Il sistema economico. Il mercato. La moneta, le banche e i titoli di credito

ECONOMIA POLITICA. Modulo 1. Modulo 3. Modulo 4. Modulo 2. Il sistema economico. Il mercato. La moneta, le banche e i titoli di credito Indice IV ECONOMIA POLITICA Il sistema economico Le basi dell economia 1 La scienza economica 3 2 Evoluzione del pensiero economico 4 U.D. 2 Gli elementi del sistema economico 1 Lo scambio 11 2 I beni

Dettagli

CORSO DI STATISTICA (parte 2) - ESERCITAZIONE 1

CORSO DI STATISTICA (parte 2) - ESERCITAZIONE 1 CORSO DI STATISTICA (parte 2) - ESERCITAZIONE 1 Dott.ssa Antonella Costanzo a.costanzo@unicas.it A.Studio dell interdipendenza tra variabili: riepilogo Concetto relativo allo studio delle relazioni tra

Dettagli

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 1 PIL e inflazione Soluzioni

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 1 PIL e inflazione Soluzioni Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 1 PIL e inflazione Soluzioni Daria Vigani Maggio 2014 1 Si consideri un sistema economico che produce solo pane ed è costituito da 3 imprese: una agricola,

Dettagli

Moderatore PAOLO VIRTUANI giornalista Corriere della Sera. Welcoming ENEA ROVEDA AD Gruppo LifeGate

Moderatore PAOLO VIRTUANI giornalista Corriere della Sera. Welcoming ENEA ROVEDA AD Gruppo LifeGate Moderatore PAOLO VIRTUANI giornalista Corriere della Sera Welcoming ENEA ROVEDA AD Gruppo LifeGate Presenta RENATO MANNHEIMER Istituto di Ricerca Eumetra Intervengono STEFANO CORTI Dir. Generale LifeGate

Dettagli

Analisi delle relazioni tra due caratteri

Analisi delle relazioni tra due caratteri Analisi delle relazioni tra due caratteri Le misure di connessione misurano il grado di associazione tra due caratteri qualsiasi sotto il profilo statistico (e non causale in quanto non è compito della

Dettagli

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 12 gennaio 2015 1. (*) Spiega in che consiste la procedura di calcolo del deflatore implicito del PIL e se questo è più/meno attendibile di un qualunque deflatore a paniere fisso. 2. (*)

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

Fonti e strumenti statistici per la comunicazione (prof.ssa I.Mingo) Esercizi (soluzioni e suggerimenti )

Fonti e strumenti statistici per la comunicazione (prof.ssa I.Mingo) Esercizi (soluzioni e suggerimenti ) Esercizio 1 Fonti e strumenti statistici per la comunicazione (prof.ssa I.Mingo) Esercizi (soluzioni e suggerimenti ) Qualitativo Sconnesso: Marca di Jeans preferita, Partito votato nelle ultime elezioni,

Dettagli

L Analisi della Varianza ANOVA (ANalysis Of VAriance)

L Analisi della Varianza ANOVA (ANalysis Of VAriance) L Analisi della Varianza ANOVA (ANalysis Of VAriance) 1 CONCETTI GENERALI Finora abbiamo descritto test di ipotesi finalizzati alla verifica di ipotesi sulla differenza tra parametri di due popolazioni

Dettagli

Incontro Gruppo RAV lettura dati INVALSI. Liceo Scientifico «A. Volta», 19 maggio 2015

Incontro Gruppo RAV lettura dati INVALSI. Liceo Scientifico «A. Volta», 19 maggio 2015 Incontro Gruppo RAV lettura dati INVALSI Liceo Scientifico «A. Volta», 19 maggio 2015 Rilevazione degli apprendimenti- Popolazione di riferimento I livelli scolari coinvolti : classi II e V della scuola

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Specialità. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi : Analisi della varianza

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Specialità. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi : Analisi della varianza Università del Piemonte Orientale Corsi di Specialità Corso di Statistica Medica Analisi dei dati quantitativi : Analisi della varianza Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in biotecnologie

Dettagli

Tabella per l'analisi dei risultati

Tabella per l'analisi dei risultati Vai a... UniCh Test V_Statistica_Eliminatorie Quiz V_Statistica_Eliminatorie Aggiorna Quiz Gruppi visibili Tutti i partecipanti Info Anteprima Modifica Risultati Riepilogo Rivalutazione Valutazione manuale

Dettagli

A L L E G AT O 15 NOTA TECNICA E METODOLOGICA

A L L E G AT O 15 NOTA TECNICA E METODOLOGICA A L L E G AT O 15 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE WG61E I N T E R M E D I A R I D E L C O M M E R C I O D I M A C C H I N A R I, I M P I A N T I I N D U S T R I A L I, N AV I E A E R O M

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA SCHEDA N. 5: REGRESSIONE LINEARE

STATISTICA DESCRITTIVA SCHEDA N. 5: REGRESSIONE LINEARE STATISTICA DESCRITTIVA SCHEDA N. : REGRESSIONE LINEARE Nella Scheda precedente abbiamo visto che il coefficiente di correlazione fra due variabili quantitative X e Y fornisce informazioni sull esistenza

Dettagli

Statistica Applicata all edilizia Lezione 2: Analisi descrittiva dei dati

Statistica Applicata all edilizia Lezione 2: Analisi descrittiva dei dati Lezione 2: Analisi descrittiva dei dati E-mail: orietta.nicolis@unibg.it 1 marzo 2011 Prograa 1 Analisi grafica dei dati 2 Indici di posizione Indici di dispersione Il boxplot 3 4 Prograa Analisi grafica

Dettagli

ELEMENTI DI STATISTICA PER IDROLOGIA

ELEMENTI DI STATISTICA PER IDROLOGIA Carlo Gregoretti Corso di Idraulica ed Idrologia Elementi di statist. per Idrolog.-7//4 ELEMETI DI STATISTICA PER IDROLOGIA Introduzione Una variabile si dice casuale quando assume valori che dipendono

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Bologna, 26 Novembre 2009 Aula Magna Facoltà di Agraria OSSERVATORIO SULL INNOVAZIONE NELLE IMPRESE AGRICOLE 3 RAPPORTO

Bologna, 26 Novembre 2009 Aula Magna Facoltà di Agraria OSSERVATORIO SULL INNOVAZIONE NELLE IMPRESE AGRICOLE 3 RAPPORTO Bologna, 26 Novembre 2009 Aula Magna Facoltà di Agraria OSSERVATORIO SULL INNOVAZIONE NELLE IMPRESE AGRICOLE 2009 3 RAPPORTO OGGETTO E SOGGETTO DELL OSSERVATORIO OGGETTO Ciò che è nuovo per l azienda che,

Dettagli

ESERCIZI DI STATISTICA DESCRITTIVA ALCUNI TRATTI DA PROVE D ESAME DA REALIZZARE ANCHE CON L AUSILIO DI UN FOGLIO DI CALCOLO. Angela Donatiello 1

ESERCIZI DI STATISTICA DESCRITTIVA ALCUNI TRATTI DA PROVE D ESAME DA REALIZZARE ANCHE CON L AUSILIO DI UN FOGLIO DI CALCOLO. Angela Donatiello 1 ESERCIZI DI STATISTICA DESCRITTIVA ALCUNI TRATTI DA PROVE D ESAME DA REALIZZARE ANCHE CON L AUSILIO DI UN FOGLIO DI CALCOLO Agela Doatiello 1 Esercizio. E stato tabulato il peso di ua certa popolazioe

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WG61E ATTIVITÀ 46.14.01 AGENTI E RAPPRESENTANTI DI MACCHINE, ATTREZZATURE ED IMPIANTI PER L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO; MATERIALE E APPARECCHI ELETTRICI ED ELETTRONICI PER USO NON DOMESTICO

Dettagli

Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi

Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi Scheda n.5: variabili aleatorie e valori medi October 26, 2008 1 Variabili aleatorie Per la definizione rigorosa di variabile aleatoria rimandiamo ai testi di probabilità; essa è non del tutto immediata

Dettagli

Strumenti statistici per l analisi di dati genetici

Strumenti statistici per l analisi di dati genetici Strumenti statistici per l analisi di dati genetici Luca Tardella + Maria Brigida Ferraro 1 email: luca.tardella@uniroma1.it Lezione #1 Introduzione al software R al suo utilizzo per l implementazione

Dettagli

LEZIONI DI STATISTCA APPLICATA. Parte 2. Statistica inferenziale. Variabili continue per continue. Alessandro Valbonesi. SARRF di Scienze ambientali

LEZIONI DI STATISTCA APPLICATA. Parte 2. Statistica inferenziale. Variabili continue per continue. Alessandro Valbonesi. SARRF di Scienze ambientali LEZIONI DI STATISTCA APPLICATA Parte 2 Statistica inferenziale Variabili continue per continue Alessandro Valbonesi SARRF di Scienze ambientali Anno accademico 2010-11 CAPITOLO 7 - RELAZIONI TRA DUE O

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Analisi e valutazione dell attuazione delle politiche di genere e degli effetti della contrattazione di secondo livello nelle aziende piemontesi

Analisi e valutazione dell attuazione delle politiche di genere e degli effetti della contrattazione di secondo livello nelle aziende piemontesi Ires Lucia Morosini - Fondazione Vera Nocentini - Enfap Analisi e valutazione dell attuazione delle politiche di genere e degli effetti della contrattazione di secondo livello nelle aziende piemontesi

Dettagli

VARIANZA CAMPIONARIA E DEVIAZIONE STANDARD. Si definisce scarto quadratico medio o deviazione standard la radice quadrata della varianza.

VARIANZA CAMPIONARIA E DEVIAZIONE STANDARD. Si definisce scarto quadratico medio o deviazione standard la radice quadrata della varianza. VARIANZA CAMPIONARIA E DEVIAZIONE STANDARD Si definisce varianza campionaria l indice s 2 = 1 (x i x) 2 = 1 ( xi 2 n x 2) Si definisce scarto quadratico medio o deviazione standard la radice quadrata della

Dettagli

PAESE: COSTA RICA. INDICATORI SOCIALI: Superficie kmq 51.100. INDICATORI MACROECONOMICI 2006 2007 2008 (*) 2009 proiez.(**)

PAESE: COSTA RICA. INDICATORI SOCIALI: Superficie kmq 51.100. INDICATORI MACROECONOMICI 2006 2007 2008 (*) 2009 proiez.(**) PAESE: COSTA RICA I. Analisi del contesto sociale ed economico di riferimento A. Quadro degli indici economici, demografici, e sociali INDICATORI SOCIALI: Superficie kmq 51.100 Popolazione (2008) 4,5 milioni

Dettagli

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.22 Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.23 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica 67 Figura 3.24 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica (dati

Dettagli

x 1 f 1 Proprietà: n i=1 fi = N = somma delle frequenze = f1 + f2 + n i=1 f/n = 1

x 1 f 1 Proprietà: n i=1 fi = N = somma delle frequenze = f1 + f2 + n i=1 f/n = 1 Appunti di Statistica descrittiva di Davide Benza Introduzione al corso (su aula web di Imperia ci sono i testi degli appelli passati) Appunti di probabilità, fino a pag. 100, + argomenti di statistica

Dettagli

Tendenze nel mercato italiano ed europeo per i Fertilizzanti

Tendenze nel mercato italiano ed europeo per i Fertilizzanti Tendenze nel mercato italiano ed europeo per i Fertilizzanti Marco Rosso, Direttore - Assofertilizzanti Rimini, 29 ottobre 2009 Lo scenario Lo scenario L agricoltura è il futuro, bisogna investire in questo

Dettagli

D.Lgs. 185/2000 Tit. I Autoimprenditorialità. SFM & Partners S.r.l.

D.Lgs. 185/2000 Tit. I Autoimprenditorialità. SFM & Partners S.r.l. D.Lgs. 185/2000 Tit. I Autoimprenditorialità L'Agenzia promuove la creazione di nuove imprese o l'ampliamento di quelle già esistenti a condizione che la loro maggioranza, numerica e di capitali, sia detenuta

Dettagli

1.4.1 Bilanciopubblico... 58 1.4.2 Reddito disponibile privato e risparmio privatoepubblico

1.4.1 Bilanciopubblico... 58 1.4.2 Reddito disponibile privato e risparmio privatoepubblico Indice Premessa xi 1 CONTI ECONOMICI 1 1.1 Produzione,redditoeimpieghi............ 3 1.1.1 Produzioneinterna(PIL)........... 3 1.1.2 CriteridivalutazionedelPIL........ 7 1.1.3 Risorsedisponibili..............

Dettagli

Un analisi storica e comparativa dell apertura internazionale delle imprese venete

Un analisi storica e comparativa dell apertura internazionale delle imprese venete Il modello di internazionalizzazione del Veneto Gli argomenti trattati Il commercio estero le esportazioni e le importazioni Gli investimenti diretti esteri le partecipazioni delle imprese venete all estero

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VG87U

STUDIO DI SETTORE VG87U ALLEGATO 21 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VG87U CONSULENZA FINANZIARIA, AMMINISTRATIVO-GESTIONALE E AGENZIE DI INFORMAZIONI COMMERCIALI CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE

Dettagli

Capitolo uno STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA

Capitolo uno STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA Capitolo uo STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA La statistica bidimesioale o bivariata si occupa dello studio del grado di dipedeza di due caratteri distiti della stessa uità statistica. E possibile, ad esempio,

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

LA RILEVAZIONE DEI DATI STATISTICI

LA RILEVAZIONE DEI DATI STATISTICI LA RILEVAZIONE DEI DATI STATISTICI 0. Introduzione La statistica è la disciplina che studia i fenomeni collettivi allo scopo di metterne in evidenza le regolarità. Il vocabolo Statistica deriva dal latino

Dettagli

DONNE E LAVORO AUTONOMO ED IMPRENDITORIALE IN ITALIA di Antonella Rosso e Anna Soru. Sintesi a cura dell Area Ricerca Formaper

DONNE E LAVORO AUTONOMO ED IMPRENDITORIALE IN ITALIA di Antonella Rosso e Anna Soru. Sintesi a cura dell Area Ricerca Formaper DONNE E LAVORO AUTONOMO ED IMPRENDITORIALE IN ITALIA di Antonella Rosso e Anna Soru Sintesi a cura dell Area Ricerca Formaper Novembre 1999 Questa ricerca è inserita in un progetto finanziato dall'unione

Dettagli

Statistica Medica. Verranno presi in esame:

Statistica Medica. Verranno presi in esame: Statistica Medica Premessa: il seguente testo cerca di riassumere e rendere in forma comprensibile ai non esperti in matematica e statistica le nozioni e le procedure necessarie a svolgere gli esercizi

Dettagli

LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ MAROCCHINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VK20U ATTIVITÀ 86.90.30 ATTIVITÀ SVOLTA DA PSICOLOGI Febbraio 2011 Documento non definitivo PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore UK20U Attività professionale svolta da psicologi,

Dettagli

Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale

Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale LEGGE REGIONALE 22/04/2002, N. 11 Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale Art. 1 (Finalita ) 1. La Regione autonoma Friuli Venezia Giulia favorisce e promuove, nell ambito

Dettagli

Afi - Associazione delle Famiglie Confederazione Italiana - ONLUS

Afi - Associazione delle Famiglie Confederazione Italiana - ONLUS Sede legale: Piazza San Zeno, 2-37123Verona Sede operativa: p.za Angelini, 1-37014 Castelnuovo del Garda - VR Fax: 045 74431137 Codice fiscale: 93044990237 C. C. postale: 15743370 e-mail: afi@afifamiglia.it

Dettagli

Roma - 14 Aprile 2011. La Ricerca genetica. come fattore di sviluppo per l Agricoltura

Roma - 14 Aprile 2011. La Ricerca genetica. come fattore di sviluppo per l Agricoltura Roma - 14 Aprile 2011 La Ricerca genetica come fattore di sviluppo per l Agricoltura «Come le imprese sementiere si interfacciano tra ricerca e mercato» L innovazione varietale l innovazione è l unico

Dettagli

ANALISI DELLE RELAZIONI FRA COMPORTAMENTO ELETTORALE E

ANALISI DELLE RELAZIONI FRA COMPORTAMENTO ELETTORALE E ANALISI DELLE RELAZIONI FRA COMPORTAMENTO ELETTORALE E VARIABILI SOCIO-DEMOGRAFICHE: ELEZIONI REGIONALI 2000 Pier Alda Ferrari, Nadia Solaro, Maria Rita Testa Dipartimento di Statistica Università degli

Dettagli

Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari:

Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari: Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari: Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri L investimento in strumenti finanziari

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WG78U ATTIVITÀ 79.11.00 ATTIVITÀ DELLE AGENZIE DI VIAGGIO ATTIVITÀ 79.12.00 ATTIVITÀ DEI TOUR OPERATOR ATTIVITÀ 79.90.19 ALTRI SERVIZI DI PRENOTAZIONE E ALTRE ATTIVITÀ DI ASSISTENZA TURISTICA

Dettagli

Associazione Regionale del Piemonte. Prot. 1906 Torino 9 novembre 2007

Associazione Regionale del Piemonte. Prot. 1906 Torino 9 novembre 2007 Prot. 1906 Torino 9 novembre 2007 PRIMA BOZZA DI OSSERVAZIONI ANCI PIEMONTE SULLA BOZZA DI LEGGE DELEGA AL GOVERNO IN MATERIA DI PROTEZIONE SOCIALE E CURA DELLE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI (TESTO DEL 6.11.2007)

Dettagli

6.09 Stato al 1 gennaio 2013

6.09 Stato al 1 gennaio 2013 6.09 Stato al 1 gennaio 2013 Assegni familiari nell agricoltura In generale 1 Panoramica Per le persone attive nell agricoltura vige la legge federale sugli assegni familiari nell agricoltura (LAF), cui

Dettagli

CONTENUTO DI ISTRUZIONE DELLA DOMANDA DI LAVORO IN ITALIA. Giuseppina Autiero* Bruna Bruno** Maria Lucia Parrella***

CONTENUTO DI ISTRUZIONE DELLA DOMANDA DI LAVORO IN ITALIA. Giuseppina Autiero* Bruna Bruno** Maria Lucia Parrella*** CONTENUTO DI ISTRUZIONE DELLA DOMANDA DI LAVORO IN ITALIA Giuseppina Autiero* Bruna Bruno** Maria Lucia Parrella*** * Università di Salerno DISES, CELPE; e-mail: pinaut@unisa.it ** Università di Salerno

Dettagli

La prevenzione degli infortuni e la promozione della salute nei luoghi di lavoro con particolare riferimento al comparto dell agricoltura

La prevenzione degli infortuni e la promozione della salute nei luoghi di lavoro con particolare riferimento al comparto dell agricoltura La prevenzione degli infortuni e la promozione della salute nei luoghi di lavoro con particolare riferimento al comparto dell agricoltura Carlo Barbero Obiettivi analizzare il contesto del comparto dell

Dettagli

Capitolo 4 Lavoratori Parasubordinati Infortuni sul lavoro

Capitolo 4 Lavoratori Parasubordinati Infortuni sul lavoro Capitolo 4 Lavoratori Parasubordinati Infortuni sul lavoro 4.1 Lavoratori Parasubordinati La legge n. 335 del 1995, ha istituito, all art. 2 comma 26, una Gestione separata presso l INPS, con la finalità

Dettagli

I costi di produzione nelle aziende biologiche

I costi di produzione nelle aziende biologiche I costi di produzione nelle aziende biologiche Alessandro Corsi, Dipartimento di Economia, Università di Torino Questo articolo riporta i risultati della ricerca, finanziata dalla Regione Piemonte, su

Dettagli

Argomenti Pro 13.107. Dokumentation Documentation Documentazione

Argomenti Pro 13.107. Dokumentation Documentation Documentazione Parlamentsdienste Services du Parlement Servizi 13.107 del Parlamento Servetschs dal parlament Argomenti Pro Tassare le eredità milionarie per finanziare la nostra AVS (Riforma dell imposta sulle successioni).

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESAME FINALE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO, A.A. 2014-2015

LINEE GUIDA PER ESAME FINALE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO, A.A. 2014-2015 LINEE GUIDA PER ESAME FINALE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO, A.A. 2014-2015 ATTENZIONE: le informazioni riportate nel presente documento potranno essere oggetto di successive integrazioni. Date esami finali:

Dettagli

INDICE PREFAZIONE VII

INDICE PREFAZIONE VII INDICE PREFAZIONE VII CAPITOLO 1. LA STATISTICA E I CONCETTI FONDAMENTALI 1 1.1. Un po di storia 3 1.2. Fenomeno collettivo, popolazione, unità statistica 4 1.3. Caratteri e modalità 6 1.4. Classificazione

Dettagli

LEZIONE n. 5 (a cura di Antonio Di Marco)

LEZIONE n. 5 (a cura di Antonio Di Marco) LEZIONE n. 5 (a cura di Antonio Di Marco) IL P-VALUE (α) Data un ipotesi nulla (H 0 ), questa la si può accettare o rifiutare in base al valore del p- value. In genere il suo valore è un numero molto piccolo,

Dettagli

LE INDAGINI STATISTICHE

LE INDAGINI STATISTICHE LE INDAGINI STATISTICHE Una indagine statistica può essere assimilata ad un processo di produzione che sinteticamente può essere individuato nelle seguenti fasi: 1. Definizione degli obiettivi e ipotesi

Dettagli

COMMISSARIO DELEGATO EMERGENZA SISMA MAGGIO 2012

COMMISSARIO DELEGATO EMERGENZA SISMA MAGGIO 2012 COMMISSARIO DELEGATO EMERGENZA SISMA MAGGIO 2012 I numeri del terremoto 45.000 persone e 19.000 famiglie sgomberate 58 comuni colpiti (cratere) 46 comuni (limitrofi) 14.000 edifici residenziali danneggiati

Dettagli