CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. Nella eventualità in cui il singolo condomino proceda alla sostituzione del tetto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. Nella eventualità in cui il singolo condomino proceda alla sostituzione del tetto"

Transcript

1 CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE Tetto: sostituzione con un terrazzo ad uso esclusivo Nella eventualità in cui il singolo condomino proceda alla sostituzione del tetto dell edificio con un terrazzo ad uso esclusivo non si ha sopraelevazione ma sottrazione di un bene comune all uso stabilito 1. Decoro architettonico Il regolamento condominiale, se contrattuale, può vietare qualunque alterazione del decoro architettonico del fabbricato. Il regolamento condominiale di natura contrattuale, in quanto predisposto dall unico originario proprietario dello stabile ed accettato con i singoli atti di acquisto dai condomini, ovvero adottato in sede assembleare con il consenso unanime di tutti i condomini, può dare del concetto di decoro architettonico una definizione più o meno rigorosa di quella prevista dall art c.c. al quale ogni singolo condomino dovrà attenersi 2. Tale principio è fatto salvo nonostante la legge di riforma del condominio, nel modificare l art c.c., abbia stabilito che, nell unità immobiliare di sua proprietà o destinata ad uso individuale, il condomino non può eseguire lavori che danneggino le parti comuni o comportino pregiudizio alla stabilità, alla sicurezza o al decoro architettonico del fabbricato. 1 Si ha sopraelevazione solo nel caso di intervento edificatorio che determini lo spostamento verso l alto della copertura dell edificio, del tetto o del lastrico solare, così da riguardare la colonna d aria sovrastante il fabbricato (Cass., Sez. VI civ., 04/02/2013, n. 2500). 2 Cass., n. 1748/2013 1

2 Supercondominio Ai fini della costituzione di un supercondominio, non occorre né la manifestazione di volontà dell originario costruttore né quella di tutti i proprietari delle unità immobiliari di ciascun condominio, essendo sufficiente che i singoli edifici abbiano materialmente in comune alcuni impianti o servizi, ricompresi nell ambito di applicazione dell art c.c., come ad esempio il viale d ingresso, l impianto centrale per il riscaldamento, i locali per la portineria, l alloggio del portiere, ecc, in quanto collegati da un vincolo di accessorietà necessaria ad ognuno degli edifici, spettando, di conseguenza, a ciascuno dei condomini dei singoli fabbricati la titolarità pro quota su tali parti comuni e l obbligo di corrispondere gli oneri condominiali relativi alla loro manutenzione. Se il titolo non stabilisce diversamente, il supercondominio viene in essere ipso iure et facto senza bisogno di apposite manifestazioni di volontà ne tanto meno di approvazioni assembleari 3. Bene comune: rivendicazione della proprietà esclusiva Il condomino che rivendica la proprietà esclusiva, di un bene la cui presunzione legale di condominialità deriva sia dalla dall attitudine oggettiva al godimento comune sia dalla concreta destinazione al servizio comune, ha l onere di provare tale diritto, con l obbligo di fornire un titolo d acquisto dal quale sia possibile desumere elementi tali da escludere in maniera inequivocabile la comunione del bene. Non 3 Cass., Sez. II civ., 21/02/2013, n

3 sono determinanti le risultanze del regolamento di condominio, né l inserimento del bene nelle tabelle millesimali come proprietà esclusiva di un singolo condomino 4. Cancelli per il transito pedonale e veicolare all ingresso dell area condominiale L apposizione di uno o più cancelli per disciplinare il transito pedonale e veicolare all ingresso dell area condominiale non costituisce innovazione, ma consente un miglior uso della cosa comune impedendo l indiscriminato accesso di terzi estranei a tale area. Pertanto, per la delibera assembleare, con la quale è disposta la chiusura dell area d ingresso condominiale, non occorre la maggioranza qualificata dei due terzi del valore del fabbricato 5. Scale Il proprietario di un immobile non può procedere alla chiusura, tramite porta, della rampa di scale che porta al piano, neppure se è il solo ad accedervi, dal momento che le scale sono una di quelle strutture essenziali del fabbricato costituente parte comune. Le scale esterne che collegano due piani appartenenti a proprietari diversi non si identificano con i locali accessori, vale a dire cantine, soffitti, terrazze e balconi 6. Scale: spese per l illuminazione e la pulizia 4 Cass., n. 4340/2013; Cass., n /2010; Cass., n. 5633/ Cass., Sez. II civ., 21/02/2013, n Cass., Sez. II civ., 21/02//2013, n

4 La ripartizione dei costi per la luce e la pulizia delle scale, dal momento che non si configurano come spese per la conservazione di parti comuni ma come spese che ne permettono un uso più confortevole da parte di ogni singolo condomino, vanno ripartite secondo il consumo che ciascun di essi può farne e non secondo i millesimi di proprietà 7. Impianti di scarico: ripartizione spese Se il condominio ha più impianti di scarico, ciascuno dei quali è destinato a servire una parte del fabbricato, le spese di manutenzione, se il titolo non stabilisce diversamente, vanno ripartite tra i condomini proprietari dei piani o porzioni di piani da questi serviti. Però, qualora la copertura del canale di scarico dovesse costituire pavimentazione di un piazzale destinato al passaggio anche veicolare, nella eventualità in cui dovesse cedere, i lavori di ripristino andrebbero ripartiti tra tutti i condomini proprietari del piazzale. Condominio: costituzione Per la costituzione del condominio non occorre alcuna manifestazione di volontà né approvazione assembleare, esso prende vita naturalmente, nel momento stesso in cui l unico proprietario del fabbricato provveda a frazionarlo cedendo a terzi piani o porzioni di piano in proprietà esclusiva. 7 Secondo quanto stabilito dall art. 1123, comma 2, c.c., non modificato dalla riforma del condominio approvata il 20/11/2012 4

5 Amministratore: nomina A seguito della riforma del 20/11/2012, la nomina dell amministratore condominiale è obbligatoria qualora il numero dei condomini sia superiore ad otto. È valida la delibera assembleare adottata a maggioranza con cui si provvede alla nomina dell amministratore, anche se la scelta è ricaduta su quello che ha chiesto il compenso più elevato. I dissenzienti debbono rispettare la delibera. Amministratore: riscossione contributi L amministratore, salvo non sia stato espressamente esentato dall assemblea, ha l obbligo di provvedere alla riscossione forzosa delle somme dovute dai condomini entro sei mesi dalla chiusura dell esercizio comprendente il credito esigibile. L amministratore che non provveda a tale adempimento può essere revocato 8. Amministratore: compenso per i lavori di manutenzione straordinaria L amministratore non ha diritto ad alcun compenso, salvo non sia la stessa assemblea a riconoscergli una percentuale sull entità dei lavori, normalmente compresa tra il 2 e 4 per cento, in caso di opere di manutenzione straordinaria, in quanto l attività da lui svolta per tale manutenzione deve considerasi compresa nel compenso annuale stabilito dall assemblea al momento della nomina. Balconi aggettanti: decoro dell edificio 8 Art. 1129, comma 9 e 12, c.c. 5

6 La manutenzione dei balconi aggettanti non svolgendo nessuna funzione di copertura di altre unità immobiliari, a differenza delle terrazze a livello, sono a carico dei condomini proprietari delle singole unità abitative di cui costituiscono un prolungamento, fatta eccezione per il caso in cui tali balconi non presentino elementi rilevanti per il decoro dell edificio. In quest ultimo caso le spese di rifacimento e/o manutenzione andranno suddivise tra tutti i condomini in misura proporzionale al valore delle singole proprietà. Supercondominio: rappresentanti In base a quanto previsto nella riforma di condominio, la partecipazione dei singoli condominii all assemblea del supercondominio avviene tramite rappresentante, che non ha nulla a vedere con i consiglieri condominiali (art bis c.c.), che ogni condominio dovrà provvedere a nominare ex art. 67 c.c. Ciascun condominio ha l obbligo di provvedere alla nomina di un proprio rappresentante all assemblea per la nomina dell amministratore e la gestione ordinaria delle parti comuni. Nessun limite o condizione può essere apposto al potere di rappresentanza. Il rappresentante ha la possibilità di votare anche in maniera diversa da come era stato eventualmente stabilito nell assemblea che lo ha scelto e il suo voto obbliga i condomini. Il rappresentante è tenuto a riferire all amministratore del proprio condominio il quale, a sua volta, provvederà a riferire all assemblea. Quest ultima non dovrà ne ratificare ne approvare nulla, ma semplicemente prendere atto. Per le opere straordinarie o innovazioni, tutti devono essere convocati ed hanno diritto a prendere parte all assemblea. 6

7 Box I proprietari dei box non allacciati all impianto di riscaldamento centralizzato, non partecipano alla spese per l allacciamento al teleriscaldamento. Proprietà privata: recinzione Il proprietario di un terreno, sito all interno di un condominio, annesso al proprio appartamento, se il regolamento contrattuale non prevede nulla in senso contrario, può procedere a recintarlo, sempre che non comporti alterazione del decoro architettonico, senza che occorra l autorizzazione dell assemblea. Deleghe per la rappresentanza in assemblea: limiti Nessun limite, salvo che il regolamento condominiale non contenga una clausola in tal senso, neppure numerico, quanto alle deleghe per la rappresentanza in assemblea, fatta eccezione per la comproprietà di un appartamento dove è possibile un solo rappresentante. Nudo proprietario e usufruttuario: ripartizione spese Il nudo proprietario ha l obbligo di provvedere alle spese di manutenzione straordinaria ed innovative come quelle per il rifacimento della caldaia, installazione del salvavita, manutenzione straordinaria del tetto, assicurazione riguardante le riparazioni straordinarie, ecc. 7

8 Mentre, sono a carico dell usufruttuario le spese e gli oneri per le riparazioni di ordinaria manutenzione, oltre alle imposte, i canoni, le rendite fondiarie ecc. Eliminazione delle barriere architettoniche In materia di eliminazione delle barriere architettoniche, secondo quanto stabilito dalla L. 220/2012 (riforma del condominio), in vigore dal 18 giugno 2013, le delibere devono essere adottate dall assemblea condominiale, tanto in prima quanto in seconda convocazione, con la maggioranza stabilita dall art. 1136, secondo comma, c.c. (maggioranza degli intervenuti oltre a 500 millesimi), contro il precedente 1/3 e 1/3 in seconda convocazione. Il portatore di handicap o chi ne ha la tutela o la potestà può, qualora il condominio non dovesse assumere o si rifiutasse di assumere, entro tre mesi dalla richiesta effettuata per iscritto, le deliberazioni, procedere alle modificare necessarie per l accesso (ad es. le porte d ingresso agli ascensori, servo scala, rendere più facile l accesso all edificio, alle rampe dei garage, ecc.) a proprie spese, fatta eccezione per quelle innovazioni che comportano pregiudizio alla stabilità e sicurezza dell edificio, alterazione del decoro architettonico o, ancora, fanno sì che alcune parti comuni siano sottratte all uso o al godimento anche di uno solo dei condomini. Tabelle millesimali: modifica Le tabelle millesimali, secondo quanto previsto dalla riforma condominiale, possono essere modificate o rettificate con voto unanime. È possibile la rettifica o modifica di tali valori anche nell interesse di uno soltanto dei condomini, con la maggioranza stabilita all art. 1136, comma 2, c.c., quando sono il 8

9 risultato di un errore e quando sono cambiate le condizioni di una parte del fabbricato a seguito di sopraelevazioni, di aumento o diminuzione delle unità immobiliari. La delibera di modifica delle tabelle millesimali ha natura costitutiva e non dichiarativa, pertanto può disporre esclusivamente per l avvenire, il che impedisce che possa essere chiesto ed ottenuto un conguaglio sulle spese effettuate sulla base delle tabelle errate. Sottosuolo: parte comune Il sottosuolo e gli spazi sottostanti al piano terreno situati tra i muri maestri del palazzo costituiscono parti comuni. Pertanto, delle eventuali infiltrazioni d acqua provenienti dal sottosuolo condominiale ne risponde l intero condominio, fatta eccezione per il caso in cui riesca a dimostrare, malgrado i rilievi idrogeologici effettuati prima e durante la costruzione, il caso fortuito o di forza maggiore. Sottotetto Il sottotetto, secondo la riforma condominiale (L. 220/2012), è incluso tra le parti comuni del fabbricato qualora per le caratteristiche funzionali e strutturali serva all uso e al godimento comune (art. 1117, n. 2, c.c.). Animali domestici A seguito della riforma condominiale, che entrerà in vigore il 18/06/2013, la clausola contenuta nel regolamento contrattuale con la quale si vietava la possibilità di tenere animali sarà nulla. 9

10 Le norme del regolamento, con la modifica dell art. 1138, comma 4, c.c., non potranno più vietare di possedere o detenere animali domestici. Ripulitura e verniciatura delle mura esterne del fabbricato: ripartizione spese Le spese per la ripulitura e verniciatura delle mura esterne del palazzo, dal momento che ha come fine quello di garantire il decoro architettonico nonché proteggere l edificio dagli agenti atmosferici e dunque avvantaggia le singole unità immobiliari nella stessa identica misura, vanno ripartite secondo la tabella generale dei valori. Ponteggi: furto in appartamento È esclusa, per il furto in appartamento agevolato dall ingresso in casa dei ladri attraverso i ponteggi per i lavori in corso nell edificio, la responsabilità del condominio e dell impresa edile qualora l assemblea ha in precedenza, malgrado parere favorevole dell impresa stessa, rinunciato all installazione dei sistemi di allarme sul ponteggio 9. Condomini morosi Vietata l affissione, ad opera dell amministratore, nella bacheca degli avvisi condominiali, accessibile non soltanto ai condomini dell edificio per i quali può esserci un interesse alla conoscenza di tali fatti ma anche a terzi estranei al condominio, l elenco dei condomini morosi. In caso contrario l amministratore è perseguibile per il reato di diffamazione. 9 Cass., Sez. III civ., n. 1890/

11 Parti comuni: responsabilità del condominio Il dovere di custodia del condominio sulle parti comuni e relativa responsabilità, viene meno in caso di uso improprio e comportamento arbitrario del singolo condomino che dà luogo ad una situazione di pericolo che sfocia nell evento lesivo. Manutenzione straordinaria o innovazioni La delibera assembleare avente ad oggetto manutenzione straordinaria o innovazioni, deve prevedere, a seguito della riforma del condominio, anche la costituzione di un fondo speciale per un importo pari a quello dei lavori da eseguire, comprensivo delle eventuali spese per perizie o progettazioni. Costituzione nel senso di creazione del fondo, non occorre che l amministratore sia in possesso dell intera somma prima di firmare il contratto di appalto. La creazione del fondo, con la riforma condominiale, non è più facoltativa ma obbligatoria. L amministratore ha il potere di procedere, nei riguardi di chi non ha versato le somme necessarie per le opere, con decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo anche in caso di opposizione, e l obbligo di fornire ai creditori, che ne facciano richiesta, i dati riguardanti i condomini morosi. I creditori non potranno agire nei confronti dei condomini in regola con i pagamenti fino a quando non avranno escusso i condomini morosi. Risparmio energetico 11

12 La recente riforma condominiale ha innalzato, per il contenimento dei consumi energetici ed il ricorso a fonti rinnovabili per la produzione di energia, il quorum, stabilendo che in presenza di diagnosi energetica o attestato di certificazione energetica le deliberazioni saranno validamente assunte, tanto in prima quanto in seconda convocazione, con la maggioranza degli intervenuti ed almeno un terzo del valore dell edificio. Mentre, qualora non vi sia diagnosi energetica o attestato di certificazione energetica, occorrerà la maggioranza degli intervenuti ed almeno la metà del valore del fabbricato. L adozione, per il contenimento dei consumi energetici, dei sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore richiede la maggioranza degli intervenuti ed almeno la metà del valore del fabbricato. Installazione antenne paraboliche centralizzate Innalzato il quorum richiesto per l installazione delle antenne paraboliche centralizzate, per gli impianti via cavo, reti ed impianti di comunicazione elettronica in fibra ottica, che da un terzo degli intervenuti ed almeno un terzo del valore del fabbricato è passato alla maggioranza degli intervenuti ed almeno la metà del valore dell edificio 10. Dott.ssa Sciotto Fortunata Serena 10 L. 220/2012 (riforma condominiale) 12

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Ristrutturazione del singolo appartamento: acquisizione di una

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Ristrutturazione del singolo appartamento: acquisizione di una PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE Ristrutturazione del singolo appartamento: acquisizione di una porzione di area condominiale Lo spostamento del muro perimetrale, durante i lavori di ristrutturazione

Dettagli

Quorum costitutivi dell assemblea. Seconda convocazione: - almeno il 50% dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi.

Quorum costitutivi dell assemblea. Seconda convocazione: - almeno il 50% dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. Quorum costitutivi dell assemblea Prima convocazione: - più del 50% dei condomini - almeno i 2/3 dei millesimi. Seconda convocazione: - almeno 1/3 dei condomini - almeno 1/3 dei millesimi. Quorum deliberativi

Dettagli

alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO

alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO Condominio alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO L amministratore dovrà essere più qualificato L amministratore non può essere stato condannato per reati contro la PA L amministratore

Dettagli

CONDOMINIO. Lite tra condominio e condomino: spese processuali, ripartizione. Nella lite tra condominio e condomino non trova applicazione, neppure in

CONDOMINIO. Lite tra condominio e condomino: spese processuali, ripartizione. Nella lite tra condominio e condomino non trova applicazione, neppure in CONDOMINIO Lite tra condominio e condomino: spese processuali, ripartizione Nella lite tra condominio e condomino non trova applicazione, neppure in via analogica, la disposizione dell art. 1132 c.c.,

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE TRA I CONDOMINI:

LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE TRA I CONDOMINI: LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE TRA I CONDOMINI: IL PRINCIPIO ART. 1123 C.C. Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento delle parti comuni dell'edificio, per la prestazione dei servizi nell'interesse

Dettagli

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Cortile comune: Ripartizione delle spese di manutenzione

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Cortile comune: Ripartizione delle spese di manutenzione PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE Cortile comune: Ripartizione delle spese di manutenzione straordinaria Se l opera di manutenzione straordinaria riguarda esclusivamente la riparazione della pavimentazione

Dettagli

Istituzioni di diritto privato - Volume I - Parte Seconda Capitolo III - 2

Istituzioni di diritto privato - Volume I - Parte Seconda Capitolo III - 2 Istituzioni di diritto privato - Volume I - Parte Seconda Capitolo III - 2 2. Il condominio negli edifici. Ipotesi diversa dalla comunione, sebbene per certi versi analoga, è costituita dal condominio

Dettagli

Novembre 2013. 1. Criteri ordinari di ripartizione. 2. Acqua. 3. Ascensore. 4. Balconi. 5. Facciata. 6. Lastrico solare

Novembre 2013. 1. Criteri ordinari di ripartizione. 2. Acqua. 3. Ascensore. 4. Balconi. 5. Facciata. 6. Lastrico solare SPESE CONDOMINIALI A cura di: Avv. Piera Bessi UPPI 1. Criteri ordinari di ripartizione 2. Acqua 3. Ascensore 4. Balconi 5. Facciata 6. Lastrico solare 7. Personale per raccolta differenziata 8. Ponteggi

Dettagli

Breve guida pratica al Condominio. Una micro società con le sue regole

Breve guida pratica al Condominio. Una micro società con le sue regole Breve guida pratica al Condominio Una micro società con le sue regole Quando nasce il condominio? Il condominio nell edificio nasce quando questo è diviso almeno in due proprietà esclusive appartenenti

Dettagli

massimo fracaro - germano palmieri Dizionario del condominio RifoRma 2013

massimo fracaro - germano palmieri Dizionario del condominio RifoRma 2013 massimo fracaro - germano palmieri Dizionario del condominio RifoRma 2013 A cura di Massimo Fracaro Testi di Germano Palmieri Fotocomposizione: Nuova MCS - Firenze ISBN 978-88-17-06572-6 Copyright 2013

Dettagli

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili Corso di Amministratore di condominio L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili 1 Assemblea E la sede deliberativa del condominio Attribuzioni dell assemblea (art. 1135 c.c.)

Dettagli

Da Accesso a Videosorveglianza. Queste le nuove regole condominiali Diritto e giustizia.it

Da Accesso a Videosorveglianza. Queste le nuove regole condominiali Diritto e giustizia.it Da Accesso a Videosorveglianza. Queste le nuove regole condominiali Diritto e giustizia.it di Donato Palombella Giurista d'impresa Finalmente è giunto il via libera alla riforma del condominio. Dopo un

Dettagli

TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE

TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE La termoregolazione e contabilizzazione del calore sono poco praticate La ripartizione dei costi del servizio riscaldamento deve essere eseguita rispettando

Dettagli

N. 01/2014 29 Marzo 2014

N. 01/2014 29 Marzo 2014 N. 01/2014 29 Marzo 2014 Avv. Simone Fadalti LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE CONDOMINIALI PRINCIPIO GENERALE Art. 1123 c.c. Criterio di tripartizione: Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento

Dettagli

Circolare N.160 del 24 Ottobre 2013

Circolare N.160 del 24 Ottobre 2013 Circolare N.160 del 24 Ottobre 2013 Vita in condominio e guida del Garante della privacy Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che alla luce della recente riforma approvata dal Parlamento

Dettagli

AREA PROFESSIONALIZZANTE

AREA PROFESSIONALIZZANTE LOMBARDIA Viale Monza 59 20127 Milano tel. 02.26119251 lombardia@enforma.biz VENETO via Lamarmora 12/2 30173 Mestre VE tel. 041.610918 veneto@enforma.biz www.enforma.biz Regione Lombardia Accreditamento

Dettagli

La Riforma del Condominio Guida alle novità

La Riforma del Condominio Guida alle novità Condo Free Il tuo o su Internet... Free! www.condofree.net La Riforma del Condominio Guida alle novità L amministratore I requisiti La nomina e la revoca La polizza assicurativa Il sito web Il conto corrente

Dettagli

Il condominio negli edifici. Le parti di proprietà esclusiva e comuni.

Il condominio negli edifici. Le parti di proprietà esclusiva e comuni. Le delibere nel condominio: la modifica dei criteri di ripartizione dei costi, le maggioranze necessarie. Studio Sinacta avvocati e commercialisti associati Stefano Pugno avvocato Il condominio negli edifici.

Dettagli

Regolamento sullo svolgimento delle assemblee separate di UniAbita Soc.

Regolamento sullo svolgimento delle assemblee separate di UniAbita Soc. REGOLAMENTO ATTUATIVO PER L APPLICAZIONE DEI CRITERI SPECIFICI DI ATTRIBUZIONE DELLE SPESE AI SENSI DEGLI ART. 16,17, 18 E 19 DEL REGOLAMENTO RELATIVO ALL ASSEGNAZIONE IN GODIMENTO DEGLI ALLOGGI, DEI BOX

Dettagli

FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI

FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI Incontro del 11.04.2014 Avv. Monica Severin Viale Verdi n. 15/G int. 2-3 Treviso Mail: avvseverin@yahoo.it Tel.: 339 2017774 L ASSEMBLEA DEL CONDOMINIO

Dettagli

La riforma del Condominio

La riforma del Condominio Emilio Brancadoro 1 Riforma del Condominio La riforma del condominio A 70 anni esatti dall entrata in vigore delle disposizioni del codice civile che regolano la vita in condominio, è stata varata la legge

Dettagli

Avv. Emanuela Moretti Via Carpanelli 10 Pavia avv.moretti@tiscali.it Tel 0382/26454 fax 0382/302453 LA RIFORMA DEL CONDOMINIO

Avv. Emanuela Moretti Via Carpanelli 10 Pavia avv.moretti@tiscali.it Tel 0382/26454 fax 0382/302453 LA RIFORMA DEL CONDOMINIO Avv. Emanuela Moretti Via Carpanelli 10 Pavia avv.moretti@tiscali.it Tel 0382/26454 fax 0382/302453 LA RIFORMA DEL CONDOMINIO La L. 11.12.12 n. 220, in vigore dal 18.06.13, ha apportato rilevanti modifiche

Dettagli

L IMPUGNAZIONE DELLE DELIBERE CONDOMINIALI

L IMPUGNAZIONE DELLE DELIBERE CONDOMINIALI L IMPUGNAZIONE DELLE DELIBERE CONDOMINIALI 1 L INVALIDITÀ DELL AVVISO DI CONVOCAZIONE La questione... 1 Analisi dello scenario... 1 Inquadramento strategico... 2 Natura e funzioni dell avviso di convocazione...

Dettagli

Indice sommario. Introduzione (di SALVATORE SICA) 1. Capitolo I (di NICOLA BRUTTI) 5 L istituto del condominio: ratio e caratteri distintivi

Indice sommario. Introduzione (di SALVATORE SICA) 1. Capitolo I (di NICOLA BRUTTI) 5 L istituto del condominio: ratio e caratteri distintivi Indice sommario Introduzione (di SALVATORE SICA) 1 Capitolo I (di NICOLA BRUTTI) 5 L istituto del condominio: ratio e caratteri distintivi 1. Cenni generali sull istituto del condominio e trends attuali

Dettagli

CESSAZIONE DEL RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO. Il riscaldamento condominiale è da sempre sinonimo di lite tra condomini

CESSAZIONE DEL RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO. Il riscaldamento condominiale è da sempre sinonimo di lite tra condomini CESSAZIONE DEL RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO Il riscaldamento condominiale è da sempre sinonimo di lite tra condomini che non riescono ad avere la casa sufficientemente riscaldata o al contrario che si ritrovano

Dettagli

Il condominio Sintesi rapida

Il condominio Sintesi rapida Consumer club italia Il condominio Sintesi rapida Servizio informativo Il perché di questo opuscolo Un tempo nel nostro Paese, nelle grandi città, vi erano in prevalenza locatari di complessi immobiliari

Dettagli

Modifica alla disciplina del condominio negli edifici

Modifica alla disciplina del condominio negli edifici Modifica alla disciplina del condominio negli edifici Legge 11 dicembre 2012, n. 220 TUTTE LE NOVITA DELLA RIFORMA ATTESA DA UNDICI ANNI ASSOCIAZIONE NAZIONALE DONNE GEOMETRA DICEMBRE 2012 Modifica alla

Dettagli

Corso Amministratore di Condominio

Corso Amministratore di Condominio Corso Amministratore di Condominio La materia condominiale, già disciplinata nel codice civile del 1942, è stata interessata da un recente intervento normativo (legge 11 dicembre 2012 n. 220) che ha modificato

Dettagli

RIFORMA DEL CONDOMINIO AVV. ALESSANDRO RE

RIFORMA DEL CONDOMINIO AVV. ALESSANDRO RE 1 RIFORMA DEL CONDOMINIO AVV. ALESSANDRO RE ART. 1117 C.C. PARTI COMUNI DELL EDIFICIO CONCETTO DI CONDOMINIO (v. Cass. Sez. Unite 31.01.2006, n. 2046 Posto che il regime del condominio degli edifici si

Dettagli

Il Regolamento di Condominio

Il Regolamento di Condominio Il Regolamento di Condominio Aspetti giuridici (vedi articoli 1129 e seguenti del codice civile) E' obbligatorio nominare un amministratore quando il numero dei condomini in un edificio è maggiore di quattro.

Dettagli

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE CONTRATTO TIPO di AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE 1 CONTRATTO DI AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE Il condominio sito in via.. codice fiscale.., nella persona del sig.., delegato alla sottoscrizione del presente

Dettagli

PRIMO CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

PRIMO CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO Centro Studi e Formazione PRIMO CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO Ai sensi dell art.71 bis, lettera g, Disp. Att. c.c. e del decreto del Ministro della Giustizia n. 140 del

Dettagli

Tabelle millesimali di condominio. Suddivisione delle Spese Condominiali

Tabelle millesimali di condominio. Suddivisione delle Spese Condominiali Tabelle millesimali di condominio Suddivisione delle Spese Condominiali 1 Condominio Quando nello stesso fabbricato vi sono delle parti di proprietà individuale (proprietà esclusive) e parti di proprietà

Dettagli

COME SI RIPARTISCONO LE SPESE CONDOMINIALI. Abbaini e finestre (apertura) Singolo proprietario Millesimi di proprietà

COME SI RIPARTISCONO LE SPESE CONDOMINIALI. Abbaini e finestre (apertura) Singolo proprietario Millesimi di proprietà COME SI RIPARTISCONO LE SPESE CONDOMINIALI STRUTTURE CHI PAGA RIPARTIZIONE Abbaini e finestre (apertura) Singolo proprietario Antenna privata Proprietario Al 100% Antenna centralizzata In parti uguali

Dettagli

LA RIFORMA DEL CONDOMINIO Legge 11 dicembre 2012, n. 220

LA RIFORMA DEL CONDOMINIO Legge 11 dicembre 2012, n. 220 LA RIFORMA DEL CONDOMINIO Legge 11 dicembre 2012, n. 220 (Gazzetta Ufficiale n. 293 del 17/12/2012 ) (in vigore dal 18 giugno 2013) ASSEMBLEA DI CONDOMINIO Camera di Commercio di Torino 11 novembre 2013

Dettagli

CONDOMINIO I LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA Aspetti e Profili Problematici

CONDOMINIO I LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA Aspetti e Profili Problematici Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari CONVEGNO CONDOMINIO I LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA Aspetti e Profili Problematici Spese straordinarie in condominio: la procedura

Dettagli

Capitolo Primo La comunione, la multiproprietà e il condominio

Capitolo Primo La comunione, la multiproprietà e il condominio Capitolo Primo La comunione, la multiproprietà e il condominio 1. La comunione in generale Il concetto di comunione rientra nel più ampio concetto di contitolarità di diritti, che ricorre in tutte quelle

Dettagli

CONDOMINIO. codice del 1942, a differenza di quello del 1865 che non conteneva una disciplina compiuta.

CONDOMINIO. codice del 1942, a differenza di quello del 1865 che non conteneva una disciplina compiuta. CONDOMINIO Definizione Il condominio è un istituto piuttosto giovane, disciplinato in maniera sistematica solo a partire dal codice del 1942, a differenza di quello del 1865 che non conteneva una disciplina

Dettagli

Programma del corso. LEZIONE 1 Martedì, 24.2.2015 Condominio, supercondominio, consorzi. Diritti reali e rapporti tra proprietari.

Programma del corso. LEZIONE 1 Martedì, 24.2.2015 Condominio, supercondominio, consorzi. Diritti reali e rapporti tra proprietari. Programma del corso MODULO 1 IL CONDOMINIO LEZIONE 1 Martedì, 24.2.2015 Condominio, supercondominio, consorzi 1. Proprietà di beni immobiliari e contitolarità di diritti 2. Comunione e condominio: similitudini

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO ANNO DIDATTICO 2014/2015

PROGRAMMA DEL CORSO ANNO DIDATTICO 2014/2015 PROGRAMMA DEL CORSO ANNO DIDATTICO 2014/2015 IL CONDOMINIO E LE PARTI COMUNI - Nozione e nascita del condominio - Condominio e comunione: differenze - Tipologia di condomìni: minimo, piccolo, verticale,

Dettagli

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Tabelle millesimali di condominio. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Tabelle millesimali di condominio. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO Tabelle millesimali di condominio Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/0 Prof. Romano Oss Condominio: quando nello stesso fabbricato vi sono delle parti di proprietà individuale

Dettagli

Sindacato Territoriale Pensionati di Milano Metropoli

Sindacato Territoriale Pensionati di Milano Metropoli Per chi vuole saperne di più.. nuove regole CONDOMINIALI La riforma del condominio: ecco cosa cambia La legge 11 dicembre 2012, n. 220, Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici, è stata pubblicata

Dettagli

le Leggi nel Condominio

le Leggi nel Condominio le Leggi nel Condominio Gian Vincenzo Tortorici IMPORTANTE Tutte le formule riportate nel Formulario sono disponibili on line e sono personalizzabili. Le istruzioni per scaricare i file sono a pag. 365

Dettagli

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici A.C. 4041

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici A.C. 4041 Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Autore: Titolo: Riferimenti: Servizio Studi - Dipartimento istituzioni Modifica alla disciplina del condominio negli

Dettagli

Programma 19 CORSO di FORMAZIONE PER AMMINISTRATORI IMMOBILIARI. 29/11/13 ven P.I. AGOSTINO MANZONI Presidente Provinciale ANACI Bergamo

Programma 19 CORSO di FORMAZIONE PER AMMINISTRATORI IMMOBILIARI. 29/11/13 ven P.I. AGOSTINO MANZONI Presidente Provinciale ANACI Bergamo Programma 19 CORSO di FORMAZIONE PER AMMINISTRATORI IMMOBILIARI 29/11/13 ven Inaugurazione 19 corso P.I. AGOSTINO MANZONI Presidente Provinciale ANACI Bergamo Apertura Corso Le professioni intellettuali

Dettagli

TITOLO III COMPRAVENDITA E LOCAZIONE DI IMMOBILI URBANI

TITOLO III COMPRAVENDITA E LOCAZIONE DI IMMOBILI URBANI TITOLO III COMPRAVENDITA E LOCAZIONE DI IMMOBILI URBANI SEZIONE I: MEDIAZIONE IN TEMA DI COMPRAVENDITA E DI LOCAZIONE DI IMMOBILI URBANI Mediazione semplice Art. 1 Elementi dell incarico di vendita» 2

Dettagli

SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI

SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI TESINA di DONATA PAOLINI SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI 1) LA PROPRIETA DEL SOTTOTETTO NEI CONDOMINI Preme innanzitutto precisare che il sottotetto non rientra tra le parti comuni condominiali come elencate

Dettagli

I CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

I CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO I CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO Ai sensi dell art.71 bis, lettera g, Disp. Att. c.c. e del decreto del Ministro della Giustizia n. 140 del 13/8/2014 attuativo della legge

Dettagli

COMMISSIONE PROVINCIALE DEGLI USI DI MILANO IMMOBILI URBANI ITER DELL ACCERTAMENTO

COMMISSIONE PROVINCIALE DEGLI USI DI MILANO IMMOBILI URBANI ITER DELL ACCERTAMENTO COMMISSIONE PROVINCIALE DEGLI USI DI MILANO IMMOBILI URBANI ITER DELL ACCERTAMENTO Primo accertamento: 18 ottobre 1929 Ultime revisioni a) Approvazione del testo da parte della Commissione Provinciale

Dettagli

SEMINARIO SUL CONDOMINIO

SEMINARIO SUL CONDOMINIO Fondazione Forense Bolognese (Consiglio dell'ordine degli Avvocati) SEMINARIO SUL CONDOMINIO 7, 24 OTTOBRE e 14 NOVEMBRE 2011 ore 15.00 18.00 Sede del corso Fondazione Forense Bolognese Via del Cane, 10/a

Dettagli

RIFORMA DEL CONDOMINIO: entrano in vigore dal 18 giugno gli obblighi di cui alla legge 220/12

RIFORMA DEL CONDOMINIO: entrano in vigore dal 18 giugno gli obblighi di cui alla legge 220/12 RIFORMA DEL CONDOMINIO: entrano in vigore dal 18 giugno gli obblighi di cui alla legge 220/12 Il 18 giugno saranno decorsi i sei mesi di tempo, concessi per prepararsi alle novità, dalla pubblicazione

Dettagli

I COMPITI DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO

I COMPITI DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO STUDIO AVVOCATO BONINO I COMPITI DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO 1 L ufficio di amministratore: NATURA L amministratore partecipa direttamente all andamento della vita comune, è chiamato ad armonizzare

Dettagli

Tempo disponibile : 20 minuti Voto massimo : 30 Voto minimo : 0 Arrotondamento voto : 1

Tempo disponibile : 20 minuti Voto massimo : 30 Voto minimo : 0 Arrotondamento voto : 1 Tempo disponibile : 20 minuti Voto massimo : 30 Voto minimo : 0 Arrotondamento voto : 1 1) Un condomino ha deciso di aprire una seconda porta sul muro del pianerottolo per il appartamento senza chiedere

Dettagli

La Commissione Gestioni Immobili del Collegio dei

La Commissione Gestioni Immobili del Collegio dei LA RIFORMA DEL CONDOMINIO E IL BUILDING MANAGER La Commissione Gestioni Immobili del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Roma e Provincia, dopo la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n. 293

Dettagli

LM franchising s.r.l. Centro Studi. Formazione di base degli Amministratori di Condominio

LM franchising s.r.l. Centro Studi. Formazione di base degli Amministratori di Condominio LM franchising s.r.l. Centro Studi Formazione di base degli Amministratori di Condominio Anno 2014-2015 Piano di Studi Principi di diritto immobiliare: La proprietà nel Codice Civile e nella Costituzione

Dettagli

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI I soffitti, le volte e i solai sono le strutture murarie che

Dettagli

MEDIANACI FORMAZIONE E CONCILIAZIONE S.r.l. - Società Unipersonale

MEDIANACI FORMAZIONE E CONCILIAZIONE S.r.l. - Società Unipersonale 1 ANACI Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari Progetto Formazione Continua Amministratori Immobiliari e Condominiali Professionisti per una migliore qualità di vita nelle città

Dettagli

REGOLAMENTO CONDOMINIALE CASE COMUNALI DI VIA V.VENETO. Approvato con delibera consiliare nr.81 del 4 ottobre 1996

REGOLAMENTO CONDOMINIALE CASE COMUNALI DI VIA V.VENETO. Approvato con delibera consiliare nr.81 del 4 ottobre 1996 REGOLAMENTO CONDOMINIALE CASE COMUNALI DI VIA V.VENETO Approvato con delibera consiliare nr.81 del 4 ottobre 1996 Art. 01 - Gli appartamenti dei Condomini devono essere destinati esclusivamente ad uso

Dettagli

Parte Prima. Le parti comuni. a cura di Pia Grazia Mistò

Parte Prima. Le parti comuni. a cura di Pia Grazia Mistò Parte Prima Le parti comuni a cura di Pia Grazia Mistò 1 2 L art. 1117 c.c. fa un elencazione non tassativa delle cose comuni, degli impianti e dei servizi comuni, con un criterio unitario di classificazione.

Dettagli

Guida alla. Riforma della disciplina del Condominio

Guida alla. Riforma della disciplina del Condominio Guida alla Riforma della disciplina del Condominio AGENDA Obiettivo Novità in materia di Parti Comuni Novità in materia di Amministratore Novità in materia di Rendiconto Condominiale Novità in materia

Dettagli

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi?

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi? LE RESPONSABILITÀ DELL AMMINISTRATORE A cura di: Avv. Salvatore Chiacchio Unioncasa 1. In cosa si sostanzia la responsabilità dell amministratore? 2. La responsabilità dell amministratore è solo verso

Dettagli

In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento.

In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento. In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento. In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento. Distinguendo a seconda che

Dettagli

I quorum e le deliberazioni assembleari

I quorum e le deliberazioni assembleari Sezione VII I quorum e le deliberazioni assembleari di Giuseppe Donato Nuzzo RIFERIMENTI NORMATIVI artt. 1135, 1136, 1137 c.c.; l. 9.1.1989, n. 13; l. 24.3.1989, n. 122; l. 9.1.1991, n. 10; l. 17.2.1992,

Dettagli

DETRAZIONI FISCALI 50% (ex 36%). RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE

DETRAZIONI FISCALI 50% (ex 36%). RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE DETRAZIONI FISCALI 50% (ex 36%). RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE (Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione

Dettagli

Sentenze e pareri legali sulla competenza delle spese per balconi

Sentenze e pareri legali sulla competenza delle spese per balconi Diciamo, in premessa, che le due principali incassati e aggettanti. tipologie di balconi sono quella dei cosiddetti I balconi incassati sono quelli rientranti, cioè che non sporgono rispetto ai muri perimetrali

Dettagli

L'Abc della riforma del condominio

L'Abc della riforma del condominio L'Abc della riforma del condominio di Claudio Tucci Assemblee, regolamenti, amministratori, si cambia. In 32 articoli vengono riscritte in larga parte le norme sul condominio contenute nel codice civile

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I L ASSEMBLEA IN GENERALE

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I L ASSEMBLEA IN GENERALE CAPITOLO I L ASSEMBLEA IN GENERALE 1. L assemblea ed i suoi poteri... 1 2. I limiti ai poteri dell assemblea in tema di: a) modifica del regolamento di condominio c.d. contrattuale... 3 3. b) approvazione

Dettagli

Agenda del condominio

Agenda del condominio Agenda del condominio Agenda del condominio Regione Toscana - Giunta Regionale Direzione Generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Tutela dei consumatori e utenti, politiche di genere,

Dettagli

NEWSLETTERS ANAP 2014

NEWSLETTERS ANAP 2014 NEWS 20 2014 L impianto idrico L impianto idrico rappresenta uno dei servizi essenziali condominiali, a ben vedere il più importante fra di essi, e l aumentato costo dell acqua che ha avuto luogo negli

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONDOMINIO

REGOLAMENTO DI CONDOMINIO REGOLAMENTO DI CONDOMINIO N.B. A norma dell art. 1138 C.C. il Regolamento di Condominio è obbligatorio qualora, in un edificio, il numero dei condomini è superiore a 10 (dieci) TITOLO I - DISPOSIZIONI

Dettagli

POSTA E RISPOSTA. Aggiornato al 10 gennaio 2015. Segnaliamo, dell avvocato Germano Palmieri, la Guida pratica al nuovo

POSTA E RISPOSTA. Aggiornato al 10 gennaio 2015. Segnaliamo, dell avvocato Germano Palmieri, la Guida pratica al nuovo POSTA E RISPOSTA Aggiornato al 10 gennaio 2015 Segnaliamo, dell avvocato Germano Palmieri, la Guida pratica al nuovo condominio ( http://www.giuffre.it/it-it/products/374835.html ), edita da Giuffrè e

Dettagli

Riforma condominio: cosa cambia dal 18 giugno 2013:

Riforma condominio: cosa cambia dal 18 giugno 2013: Riforma condominio: cosa cambia dal 18 giugno 2013: Il 18 giugno 2013 sono entrati in vigore i 32 articoli della legge 11 dicembre 2012, n. 220, intitolata Modifiche alla disciplina del condominio negli

Dettagli

Ristrutturazione: immobili interessati

Ristrutturazione: immobili interessati Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 348 17.12.2013 Ristrutturazione: immobili interessati Categoria: Irpef Sottocategoria: Detrazione 36% Gli interventi, oggetto dell agevolazione

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER RISTRUTTURAZIONI (50%)

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER RISTRUTTURAZIONI (50%) LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER RISTRUTTURAZIONI (50%) pag. 1/8 DESCRIZIONE L agevolazione è applicabile alle abitazioni facenti parte di edifici interamente ristrutturati dal 1 Gennaio 2008 al 31 Dicembre

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO ZAVATTARO e ROMITI Commercialisti e Revisori Contabili, Consulenti del Lavoro, Amministratori di Condominio

STUDIO ASSOCIATO ZAVATTARO e ROMITI Commercialisti e Revisori Contabili, Consulenti del Lavoro, Amministratori di Condominio STUDIO ASSOCIATO ZAVATTARO e ROMITI Commercialisti e Revisori Contabili, Consulenti del Lavoro, Amministratori di Condominio Zavattaro Rag. Giancarlo giancarlo@zavattaro-romiti.it Romiti Rag. Michele michele@zavattaro-romiti.it

Dettagli

IL NUOVO CONDOMINIO MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO NEGLI EDIFICI INTRODOTTE DALLA LEGGE 11 DICEMBRE 2012, N. 220

IL NUOVO CONDOMINIO MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO NEGLI EDIFICI INTRODOTTE DALLA LEGGE 11 DICEMBRE 2012, N. 220 Francesco Schena IL NUOVO CONDOMINIO MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO NEGLI EDIFICI INTRODOTTE DALLA LEGGE 11 DICEMBRE 2012, N. 220 SOFTWARE INCLUSO FORMULARIO PER LA GESTIONE DELLE PRATICHE CONDOMINIALI

Dettagli

COMITATO REGIONALE LOMBARDO E PROVINCIALE DI MILANO IL CONDOMINIO ISTRUZIONI PER L USO

COMITATO REGIONALE LOMBARDO E PROVINCIALE DI MILANO IL CONDOMINIO ISTRUZIONI PER L USO COMITATO REGIONALE LOMBARDO E PROVINCIALE DI MILANO IL CONDOMINIO ISTRUZIONI PER L USO ,/&21'20,1,2,6758=,21,3(5 / 862 I - CHE COS E UN CONDOMINIO... 6 1 NASCITA E SCIOGLIMENTO... 6 2 CONDOMINIO MINIMO

Dettagli

Calcolo delle tabelle millesimali

Calcolo delle tabelle millesimali Daniele Galoppa Giuseppe Semeraro Calcolo delle tabelle millesimali Con il software professionale illimitato Calcolo Quote Millesimali:. acquisizione dati da elaborato grafico. coefficienti di virtualizzazione

Dettagli

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti Regolamento per l autogestione degli alloggi E.R.P. e dei relativi servizi accessori e degli impianti e degli spazi comuni condominiali in edifici

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA NATURA, CARATTERI, STRUTTURA CAPITOLO PRIMO IL CONDOMINIO: NATURA E CARATTERI

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA NATURA, CARATTERI, STRUTTURA CAPITOLO PRIMO IL CONDOMINIO: NATURA E CARATTERI MASSIMO DOGLIOTTI ALBERTO FIGONE IL CONDOMINIO UTET INDICE SOMMARIO Prefazione Pag. VII PARTE PRIMA NATURA, CARATTERI, STRUTTURA CAPITOLO PRIMO IL CONDOMINIO: NATURA E CARATTERI Legislazione Pag. 5 Bibliografia»

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONDOMINIO

REGOLAMENTO DI CONDOMINIO REGOLAMENTO DI CONDOMINIO (Fac Simile) N.B. A norma dell art. 1138 C.C. il Regolamento di Condominio è obbligatorio qualora, in un edificio, il numero dei condomini è superiore a 10 (dieci) TITOLO I -

Dettagli

Èormai nota l approvazione definitiva in Parlamento del testo di legge di riforma in materia condominiale.

Èormai nota l approvazione definitiva in Parlamento del testo di legge di riforma in materia condominiale. La riforma del Condominio: tutte le novità punto per punto Presentiamo una completa panoramica di tutte le principali novità introdotte dal testo di riforma della disciplina del Condominio negli edifici,

Dettagli

Infiltrazioni di acqua nei condomini: chi deve risarcire il danno La legge è uguale per tutti.it

Infiltrazioni di acqua nei condomini: chi deve risarcire il danno La legge è uguale per tutti.it Infiltrazioni di acqua nei condomini: chi deve risarcire il danno La legge è uguale per tutti.it Redazione Macchie di umidità e infiltrazioni di acqua sono la principale causa dei litigi tra vicini di

Dettagli

COSA SI PUO' DETRARRE

COSA SI PUO' DETRARRE COSA SI PUO' DETRARRE Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità alle normative edilizie locali. INTERVENTI

Dettagli

Nuova guida breve al Condominio

Nuova guida breve al Condominio 2^ edizione! 1 Nuova guida breve al Condominio Una micro società con le sue regole. Guida aggiornata alla legge di riforma del condominio n. 220 dell 11 dicembre 2012, in vigore dal 18 giugno 2013. 2014

Dettagli

LA RIFORMA DEL CONDOMINIO INTRODUZIONE Il 20 novembre 2012, la Commissione Giustizia del Senato, in sede deliberante, ha approvato definitivamente il

LA RIFORMA DEL CONDOMINIO INTRODUZIONE Il 20 novembre 2012, la Commissione Giustizia del Senato, in sede deliberante, ha approvato definitivamente il LA RIFORMA DEL CONDOMINIO INTRODUZIONE Il 20 novembre 2012, la Commissione Giustizia del Senato, in sede deliberante, ha approvato definitivamente il progetto di legge di riforma del condominio già approvato

Dettagli

DISCIPLINA VIGENTE COME MODIFICATA DAL TESTO DI RIFORMA DEL CONDOMINIO

DISCIPLINA VIGENTE COME MODIFICATA DAL TESTO DI RIFORMA DEL CONDOMINIO >> Inserto DISCIPLINA VIGENTE COME MODIFICATA DAL TESTO DI RIFORMA DEL CONDOMINIO Avvertenza: in neretto sono riportate le norme sostituite, aggiunte o modificate dal testo di riforma CODICE CIVILE LIBRO

Dettagli

QUADERNI DEL CONSUMATORE. Cosa prevede la nuova legge e come tutelare i propri diritti IL NUOVO CONDOMINIO

QUADERNI DEL CONSUMATORE. Cosa prevede la nuova legge e come tutelare i propri diritti IL NUOVO CONDOMINIO 7I QUADERNI DEL CONSUMATORE Cosa prevede la nuova legge e come tutelare i propri diritti IL NUOVO CONDOMINIO 7I QUADERNI DEL CONSUMATORE Cosa prevede la nuova legge e come tutelare i propri diritti IL

Dettagli

PROGRAMMA CORSO ANACI SIENA

PROGRAMMA CORSO ANACI SIENA PROGRAMMA CORSO ANACI SIENA LEZIONE N.1 23 Settembre LEZIONE N.2 25 Settembre LEZIONE N.3 27 Settembre LEZIONE N.4 30 Settembre Saluto ai partecipanti al Corso da parte del Presidente Provinciale ANACI

Dettagli

3. Quali sono le principali attività dell amministratore in merito alla gestione delle spese per la manutenzione delle parti comuni?

3. Quali sono le principali attività dell amministratore in merito alla gestione delle spese per la manutenzione delle parti comuni? LE FUNZIONI DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO (ART. 1130 C.C.) A cura di: Avv. Alessandro Re - ASSOCOND 1.Quali sono le principali funzioni dell amministratore del condominio in merito all assemblea e

Dettagli

ANACI. Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari Sezione di Padova in collaborazione con

ANACI. Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari Sezione di Padova in collaborazione con ANACI Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari Sezione di Padova in collaborazione con XXXII Corso di Diritto e Tecnica Immobiliare per Amministratori di Condominio Anno 2010 Didacta.com

Dettagli

L' Assemblea di Condominio

L' Assemblea di Condominio L' Assemblea di Condominio A cura dell'associazione A.R.A.I. L' assemblea è l organo deliberativo o normativo del condominio e rappresenta nella sua sovranità la suprema volontà dei condomini. I poteri

Dettagli

Regolamento per l autogestione dei servizi accessori e degli spazi comuni da parte degli assegnatari degli alloggi di edilizia residenziale pubblica

Regolamento per l autogestione dei servizi accessori e degli spazi comuni da parte degli assegnatari degli alloggi di edilizia residenziale pubblica Regolamento per l autogestione dei servizi accessori e degli spazi comuni da parte degli assegnatari degli alloggi di edilizia residenziale pubblica Approvato con delibera di Consiglio dell Unione n. 32

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

dal 1 gennaio 2014, la detrazione tornerà alla misura ordinaria del 36% e con il limite di 48.000 euro per unità immobiliare.

dal 1 gennaio 2014, la detrazione tornerà alla misura ordinaria del 36% e con il limite di 48.000 euro per unità immobiliare. Dal 1 gennaio 2012, la detrazione fiscale sulle ristrutturazioni edilizie non ha più scadenza. L agevolazione, introdotta fin dal 1998 e prorogata più volte, è stata resa permanente dal decreto legge n.

Dettagli

Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari. MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova

Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari. MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova Suddivisione dei compensi I compensi dovuti all amministratore si

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Tomo I CAPITOLO PRIMO IL CONDOMINIO: INTRODUZIONE ALLA MATERIA

INDICE SOMMARIO. Tomo I CAPITOLO PRIMO IL CONDOMINIO: INTRODUZIONE ALLA MATERIA INDICE SOMMARIO Tomo I Elenco delle principali abbreviazioni... XXXIII pag. CAPITOLO PRIMO IL CONDOMINIO: INTRODUZIONE ALLA MATERIA Guida bibliografica... 3 I. L assetto disciplinare del condominio: in

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ART.1 Poste Italiane S.p.A., con sede in Roma, Viale Europa 190, codice fiscale n.97103880585, (di seguito denominata) Poste o locatore in persona del dirigente

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO, REQUISITI, REGIME TRANSITORIO DOPO LA LEGGE 220/2012, LA PROROGATIO, L AMMINISTRATORE IN FORMA SOCIETARIA. Rosolen Monia ANNO 2013

Dettagli