Commissione Partecipazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Commissione Partecipazione"

Transcript

1 Commissione Partecipazione Tema 1: La rigenerazione urbana come resilienza Donatella Venti, Chiara Bagnetti Tra i grandi cambiamenti che hanno/stanno profondamente mutando le città è sicuramente da annoverare quello della crescente multiculturalità che porta, in molti quartieri, ad una popolazione di nuova o recente immigrazione maggioritaria rispetto ai residenti storici. La complessità che ne deriva comporta una necessaria differenziazione delle domande poste non solo riferite ai servizi, ma anche rispetto agli spazi urbani, ai tempi di vita, dalla produzione, all istruzione, al tempo libero, alle pratiche religiose. Gli inevitabili conflitti d uso rischiano spesso di paralizzare interventi, ma ancor di più di configurare una città sempre più particellare. La rigenerazione urbana non può quindi prescindere dal riconoscimento delle diverse visioni, dal coinvolgimento diretto degli abitanti nei processi di rigenerazione, fino ad arrivare ad una presa in carico della gestione di spazi pubblici, come recentemente emerso nel workshop La città che vogliamo organizzata dalla Commissione Nazionale Partecipazione all interno della Biennale dello Spazio pubblico (Roma, 2013). La progettazione partecipata è un metodo di lavoro che considera l interazione di tutti i diversi attori presenti, in un dato contesto di intervento, di fondamentale importanza per la conoscenza del problema e per la definizione delle soluzioni appropriate da adottare, che non sempre e non necessariamente sono le migliori dal punto di vista tecnico. Fondamentali pertanto risultano: un approccio di tipo incrementale (piccoli passi), recursivo (si torna anche indietro rivedendo le premesse), strategico (rispetto a ciò che sta più a cuore agli attoricittadini). Dal panorama nazionale emergono alcune categorie della partecipazione o meglio, pur nella estrema variabilità e ricchezza, ricorrenti modalità di trattamento, relativamente alla funzionalità rispetto agli obiettivi interni, nonché livelli successivi di approfondimento. In tutti i casi è riconoscibile un ruolo prioritario svolto dalla partecipazione, più o meno esplicitamente dichiarato,

2 rispetto al quale si sono strutturate sia le fasi del percorso che la strumentazione metodologica utilizzata. Il più ricorrente è il ruolo di indagine: riguarda la percezione sia dei fattori di contesto sia delle problematiche aperte da parte degli abitanti o di stakeholders (per strategie settoriali o integrate) e spesso si conclude con l individuazione delle esigenze ritenute prioritarie, anche ai fini della stesura dei Piani comunali. Il Ruolo di conoscenza si incentra sulla qualità dell informazione e sue garanzie ed è molto applicata nei forum Agenda 21 locali (comunicazione dello stato e la qualità dell ambiente urbano); anche le Mappe di Comunità svolgono questa funzione, integrandosi con la visione esperta dei luoghi e fornendo preziose suggestioni per il futuro piano o progetto. Il Ruolo di comunicazione: per esplicitare e comunicare obiettivi di piani e programmi agli abitanti, colmando il divario tra città sottesa al progetto urbanistico e reali esigenze degli abitanti. In alcuni piani è collegato a uno sportello di piano o dell ascolto, o alla conoscenza della storia dei luoghi ed al recupero della memoria collettiva, all individuazione di indicatori di qualità urbana (PRU), e al miglioramento della cooperazione tra i diversi soggetti, al rafforzamento del ruolo delle strutture decentrate (circoscrizioni o municipi). Il Ruolo di ricerca/rafforzamento del partenariato o di negoziazione: ha come obiettivo il coinvolgimento degli attori locali verso obiettivi individuati a monte dai soggetti pubblici, che vengono sia comunicati che negoziati; è finalizzata all attuazione di un programma, attraverso risorse private e/o pubblico-private, come nel caso dei Contratti di quartiere. Il Ruolo di condivisione o di cooperazione antagonista : è il livello di partecipazione più strutturato (informazione, comprensione, opportunità), e favorisce la costruzione di un clima di responsabilizzazione dei partecipanti verso comuni impegni, la predisposizione e diffusione di vision del futuro, la disponibilità a ridefinire orientamenti e posizioni, a generare nuove idee. Le politiche attivate con questi strumenti integrano i diversi tempi di vita (tempo libero, gioco, cultura, volontariato sociale, associazionismo ambientalista), coniugandoli ai fattori (mobilità, servizi, scuola, qualità ambientale).

3 E pertanto indispensabile che le rifondate politiche per le città siano basate sull ascolto, sulla inclusione, sull attiva partecipazione del maggior numero possibile di soggetti ai processi, con la costituzione di partenariati pubblico-privati nelle nuove forme di social trust in cui possano investire in riqualificazione urbana soggetti finora prevalentemente esclusi dai processi di trasformazione edilizia ed urbanistica. Il paesaggio come bene comune E' necessario evidenziare quanto il benessere delle città sia strettamente collegato al benessere del territorio che la comprende e, quindi, del paesaggio inteso come Bene comune. Se quest'ultimo è individuato in ciò che una comunità può utilizzare, indipendentemente dalla forma di proprietà, per le proprie necessità di vita materiali e immateriali (produttive, ricreative, sociali, culturali, etc.), non si può non introdurre, a monte di qualsiasi forma di gestione dei beni comuni, il concetto di paesaggio. Grazie alla definizione introdotta dalla Convenzione Europea del Paesaggio (CEP Firenze, 2000) e al conseguente riconoscimento della valenza ecosistemica e del ruolo di rappresentazione della relazione tra uomo/società/ambiente, il paesaggio è ormai categoria che accoglie e raccorda le "diversità", anche in termini di rapporto tra le parti di territorio e con i contesti urbani, di velocità di scambio, di conseguenti tensioni/intrecci tra modelli (di vita, di sviluppo, di relazioni) tra loro spesso contraddittori ed incoerenti. I paesaggi contemporanei pertanto assumono una differenziazione non più solamente riferita ai contesti geografici: nella stessa regione, nella stessa provincia, nel singolo territorio comunale assumono caratteri estremamente variegati, che descrivono situazioni insediative di grande complessità. Se fino a pochi anni fa, ad esempio, per descrivere i paesaggi rurali era sufficiente definire categorie quali aree ad elevata produttività agricola, oppure territori marginali, sono ormai emerse nuove funzioni rilevanti in termini di turismo, di nuova residenzialità per scelta di vita, in fuga dalle città, di nuova cultura (si veda la diffusione degli ecomusei), in cui nuovi fruitori e nuovi imprenditori agricoli prendono peso nella gestione del territorio. Non è pertanto più possibile solamente descrivere i paesaggi per prefigurarne possibili traiettorie di trasformazione: diviene indispensabile sperimentare calandosi all interno delle realtà, in termini

4 ciclici e interattivi, tra intervento e riflessione sull intervento stesso e sulla sua ulteriore implementazione evolutiva. Le esperienze orientate in tale direzione mettono in relazione due degli approcci leader al tema dello sviluppo locale: quello che parte dall analisi delle risorse posizionate nel sistema e dalla loro valorizzazione attraverso strategie di azioni integrate e quello del bottom-up ovvero dell ascolto, da parte dei soggetti trainanti un processo di sviluppo, delle istanze espresse da chi vive i territori stessi, perché la trasformazione non comporti una perdita di valori, ma una loro sedimentazione e riscoperta. In alcuni percorsi, quali i Contratti di paesaggio, la visione fondativa è infatti affidata ad alcuni elementi valoriali, così riassunti: il senso di appartenenza al luogo che richiama la conoscenza di esso (se conosco lo apprezzo, e se lo apprezzo sono fiera di farne parte); l amore per tutto ciò che è al di fuori della propria casa (la strada, la piazza, non sono del pubblico ma anche mie, perciò deve mantenerle); il rispetto per il paesaggio e la responsabilità di fronte alla sua evoluzione, sia positiva che negativa (le calamità, a volte, non sono naturali ma umane); il rispetto per gli altri componenti la collettività (un mio vantaggio potrebbe tradursi in un danno per gli altri, e a lungo tempo anche per me in quanto parte della collettività) Processi come questi, agenti in modo diretto e operativo sulla "cultura del paesaggio" e sul concetto di "bene comune" coinvolgendo attivamente una molteplicità di soggetti, possono produrre, come testimoniato dall'esperienza, esiti importanti, quali: creare di nuove relazionalità interne e esterne al territorio ma anche tra amministrazione e "parti" del territorio amministrato recepire visioni territoriali e azioni strategiche, definite e condivise nel processo, negli strumenti di pianificazione di area vasta e nella pianificazione comunale. porre le basi e sviluppare proposte concrete per la valorizzazione e gestione delle risorse locali intercettare operatori economici, singoli soggetti o associazioni capaci di accogliere e rilanciare approcci innovativi alla valorizzazione territoriale, legati alle specificità del paesaggio e della cultura locale.

5 stimolare, anche attraverso l'innesco di sani meccanismi competitivi, l'innalzamento della qualità dell'offerta culturale e turistica locale. La stesura di Patti o Contratti a valle di questi processi, assume pertanto significato non solo come conclusione di un percorso di riconoscimento di valori, ma come assunzione di regole condivise che portino ad uno sviluppo coerente con i caratteri riconosciuti e sedimentati e si concretizzano in azioni di rete (quali ad esempio i circuiti di paesaggio ), di sistema (nei diversi settori quali quello turistico o agroalimentare che si integrano in filiere complesse) o in specifici progetti di rivalorizzazione dei beni c.d. minori. Si tratta quindi di strumenti che innescano processi di rivitalizzazione "capillare", maturati e radicati sul territorio e nei suoi attori attraverso un percorso di confronto e di esperienze condivise, e che per questo offrono reali possibilità di successo e un interessante modello operativo anche per le politiche di rigenerazione urbana. Tema 2 Quale forma di piano e i nuovi compiti della pianificazione Massimo Morisi, Chiara Pignaris Parlare di città come motore di sviluppo vuol dire anche affrontare il problema della mobilità, dei trasporti pubblici, delle infrastrutture energetiche, dello smaltimento dei rifiuti Vuol dire cambiare in modo sostanziale le strategie urbanistiche verso azioni di più nette di sviluppo sostenibile che comportino meno dipendenza dalla motorizzazione privata, contenimento dei consumi, comportamenti virtuosi. Questo è possibile solo introducendo negli apparati delle amministrazioni modalità di lavoro che conducano, da un lato, ad una maggior integrazione delle politiche, dall altro ad un maggior coinvolgimento dei cittadini nelle scelte, al fine di accrescere il senso di responsabilità e mettere in valore, come risorsa progettuale positiva, gli inevitabili conflitti che ogni piccolo o grande cambiamento si porta dietro. Il fiorire in tutta Italia di comitati e associazioni di cittadini mostra quanto la domanda di partecipazione nel campo delle politiche territoriali sia elevata, tanto alla piccola quanto alla grande scala. Per i Comuni il territorio rappresenta la principale risorsa ma le cautelose modalità formali di coinvolgimento incorporate nel procedimenti di elaborazione degli strumenti urbanistici non sembrano più sufficienti, né possono ovviarvi vetuste modalità di accesso al procedimento come le

6 osservazioni. Servono nuovi metodi che aiutino le amministrazioni a migliorare la qualità e le ragioni delle loro opzioni nel governo del territorio, a partire da una nozione condivisa e praticabile di partecipazione civica all interno dei singoli contesti urbani e territoriali e dei diversi ambienti culturali e politico-istituzionali. La partecipazione dei destinatari delle politiche territoriali, comunque definite dalla strumentazione giuridica e urbanistica, alla loro formazione e al monitoraggio attivo della loro messa in opera è la chiave di tali metodi nuovi. Per partecipazione intendiamo (con Paolo Fareri, un autore mai sufficientemente studiato nella ricca messe di suggestioni teoriche e metodologiche che ci ha lasciato) non solo il coinvolgimento dei cittadini ma anche la mobilitazione di tutti gli attori rilevanti (vecchi e nuovi) nei processi decisionali inerenti al governo del territorio e alle sue opzioni specifiche in ambito locale: con l obiettivo primario di produrre e di mettere in gioco tutta la conoscenza ( scientifica, ordinaria, interattiva ) indispensabile e necessaria per argomentare e sostenere quelle opzioni. Per questo partecipare è una funzione di apprendimento da parte degli attori istituzionali, sociali, professionali coinvolti che consente al processo di pianificazione e di progettazione e attuativo di diventare ciò che oggi non è: tempestivo, efficiente, efficace, quindi utile e non un mero e oneroso orpello procedurale tanto per gli amministratori quanto per i cittadini e gli operatori. Utile, proprio perché legittimato a monte da un adeguato e ben strutturato confronto deliberativo. Che non consuma tempo ma ne fa risparmiare: visto che, ove applicata con rigore e all interno di un procedimento certo, consente alle amministrazioni competenti e alle loro interazioni intergovernative, di chiudere senza alibi i percorsi decisionali di riferimento: perché chi aveva qualcosa da dire, proporre o controproporre unitamente ai rispettivi argomenti, avrà trovato certezza e garanzia di espressione e di risposta nell ambito di uno specifico spazio partecipativo e dibattimentale correlato a quel medesimo procedimento di formazione dell atto, e non potrà reclamare ulteriori forme, luoghi e occasioni di confronto legittimo. È quanto prevede la nuova legge toscana sul governo del territorio in combinato disposto con la legge di quella stessa regione sulla partecipazione. La quale, dopo 5 anni di sperimentazione e 116 processi partecipativi realizzati, ha consolidato la normativa generale e procedurale sulla partecipazione disponendo l obbligo del dibattito pubblico per tutta una serie di interventi infrastrutturali. Il che consiglia all Inu di aprire un focus analitico e ricognitivo specifico, ovviamente in prospettiva comparata non solo italiana: anche perché in Toscana ciò che si va tentando è proprio un raccordo certo tra

7 costruzione partecipata della decisione, sicurezza e parsimonia dei tempi dibattimentali, chiarezza degli effetti sulla formazione delle decisioni, trasparenza e qualità pubblica degli argomenti e dei fondamenti conoscitivi dei medesimi, garanzia delle responsabilità politico-amministrative. Insomma, e finalmente, un mutuo raccordo funzionale tra cittadinanza attiva e istituzioni: senza commistioni di ruoli né confusioni di compiti ( né ulteriori giustificazioni alla rimozione delle questioni territoriali più spinose!). Altre regioni sono da tempo impegnate su un fronte simile: l Emilia Romagna sta concludendo la prima tornata di progetti sostenuti dalla Lr. 3/2010, che ha permesso di avviare più di venti esempi pilota rigenerazione urbana partecipata. L Umbria, la Puglia, la Sardegna e altre regioni hanno sviluppato in questi anni interessanti esperienze, mentre lo stesso governo centrale sembra impegnato nella elaborazione di una proposta di legge sul Dibattito Pubblico per le grandi opere variamente ispirata al modello francese. Le esperienze più riuscite dimostrano che l avversione per il conflitto (come ancora ci ricorda Paolo Fareri), così come «la convinzione secondo cui solo processi consensuali generano efficienza ed efficacia, non solo nasce da valutazioni errate ma rischia di privare il processo progettuale di risorse rilevanti. In realtà lo sviluppo di relazioni conflittuali può contribuire positivamente all avanzamento del processo decisionale». La presenza di conflitto indica la disponibilità di soggetti interessati e di energie sociali al trattamento di un problema, che è di per sé risorsa scarsa e dunque preziosa: perché il conflitto genera interesse attorno al trattamento dei problemi collettivi, spinge gli attori a definire meglio le loro posizioni, mobilita ulteriori capacità e nuove conoscenze tecniche e contestuali, articola ed arricchisce le definizioni del problema e il confronto con le possibili alternative. A condizione che se ne legittimino e se ne pongano in valore le potenzialità positive e che lo si assuma come postulato e ingrediente, a un tempo, della qualità e dell efficacia di un progetto territoriale. Insomma, come amava ripetere Aristotele, l invitato sa giudicare il banchetto meglio del cuoco: possiamo essere meno radicali ma è certo che i cuochi solitari producono ricette velleitarie.

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

BANDO Settore Assetto del Territorio. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1

BANDO Settore Assetto del Territorio. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 BANDO Settore Assetto del Territorio ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B DENOMINATA Offerta tecnica GARA A PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI

Dettagli

Governance Gestione locale per la sostenibilità

Governance Gestione locale per la sostenibilità Capitolo 1/2 Governance Gestione locale per la sostenibilità Aalborg Commitment 1 Ci impegniamo a rafforzare i nostri processi decisionali tramite una migliore democrazia partecipatoria. Lavoreremo quindi

Dettagli

La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013

La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013 La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013 1. Governance e politiche di coesione Nelle politiche di coesione 2007 2013 hanno un forte rilievo le azioni

Dettagli

Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in Sardegna

Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in Sardegna Provincia di Olbia Tempio Politiche abitative e Housing Sociale. Olbia, 13-14 Febbraio 2013 Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in

Dettagli

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007 Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani AA. 2006-2007 PIANO e PIANIFICAZIONE 3 Pianificazione È il Processo con il quale un individuo, una impresa, una istituzione, una collettività territoriale

Dettagli

LA VARIANTE AL PTCP DI MODENA LE ESPERIENZE DI ATTUAZIONE IN ITALIA DEL DM 9 MAGGIO 2001

LA VARIANTE AL PTCP DI MODENA LE ESPERIENZE DI ATTUAZIONE IN ITALIA DEL DM 9 MAGGIO 2001 La pianificazione e la sicurezza del territorio: La pianificazione delle zone interessate da stabilimenti a rischio di incidente rilevante. LA VARIANTE AL PTCP DI MODENA Sala Conferenze San Filippo Neri

Dettagli

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province Le tecniche operative solitamente applicate in questa fase sono l intervista diretta a testimoni privilegiati (telefonica e/o verbale), e la ricerca con l ausilio di internet. I testimoni privilegiati

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

La governance. dei sistemi di welfare regionali

La governance. dei sistemi di welfare regionali Università Ca Foscari Venezia Università Cattolica Milano La governance I punti focali dell analisi sulla governance delle regioni aderenti al: dei sistemi di welfare regionali Progetto sperimentale di

Dettagli

116] Basilicata Regione Notizie

116] Basilicata Regione Notizie 112 116] Basilicata Regione Notizie Basilicata Regione Notizie[116 LA CARTA DI MATERA UN IMPEGNO COMUNE PER CONSOLIDARE LE ATTIVITÀ DI CONTROLLO E VALUTAZIONE NELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE DOCUMENTO APPROVATO

Dettagli

MISSIONE, COMPITI E FUNZIONI DEL CONSORZIO FORESTALE

MISSIONE, COMPITI E FUNZIONI DEL CONSORZIO FORESTALE MISSIONE, COMPITI E FUNZIONI DEL CONSORZIO FORESTALE 9 10 ALTRE FUNZIONI SULLA MISSIONE DEL NUOVO CONSORZIO FORESTALE La forma organizzativa e statutaria sino ad ora principalmente usata dalla proprietà

Dettagli

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 La Rete di Andrea Morniroli Premessa In questi ultimi anni è cresciuta

Dettagli

AREA PROGETTUALE N. 6. Riorganizzazione dei distretti industriali e dei sistemi produttivi locali

AREA PROGETTUALE N. 6. Riorganizzazione dei distretti industriali e dei sistemi produttivi locali Allegato 1 1. Premessa AREA PROGETTUALE N. 6. Riorganizzazione dei distretti industriali e dei sistemi produttivi locali AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE per il cofinanziamento di interventi a

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

NOME SINTETICO E BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO, PERCORSO O AZIONE

NOME SINTETICO E BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO, PERCORSO O AZIONE NOME SINTETICO E BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO, PERCORSO O AZIONE Tipo di attività/esperienza partecipativa (es. assessorati, statuti, regolamenti, comitati, associazioni, proposte di legge di iniziativa

Dettagli

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal Progetto Comunitario Equal Pane e denti Problema di riferimento Nonostante il carattere strutturale assunto dalla presenza immigrata in Italia, l immigrazione viene percepita ancora come un problema piuttosto

Dettagli

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti 1. MOTIVAZIONI E SCELTE ESSENZIALI La capacità competitiva dell Italia nel mercato internazionale del turismo è largamente

Dettagli

SETTIMA CONFERENZA PROGRAMMATICA DELL ECONOMIA ECONOMIA PROVINCIALE Camera di Commercio di Macerata Tolentino, 26 ottobre 2007

SETTIMA CONFERENZA PROGRAMMATICA DELL ECONOMIA ECONOMIA PROVINCIALE Camera di Commercio di Macerata Tolentino, 26 ottobre 2007 SETTIMA CONFERENZA PROGRAMMATICA DELL ECONOMIA ECONOMIA PROVINCIALE Camera di Commercio di Macerata Tolentino, 26 ottobre 2007 Pianificazione strategica territoriale in una prospettiva europea Roberto

Dettagli

12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO

12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO 12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO 12.1 Strategia integrata e strumenti di coordinamento Nel capitolo precedente abbiamo illustrato alcuni

Dettagli

Provincia di Ferrara. Comune di Ferrara. Aprile 2004

Provincia di Ferrara. Comune di Ferrara. Aprile 2004 Provincia di Ferrara Comune di Ferrara Aprile 2004 Una chiave di lettura del territorio: la partecipazione INQUADRAMENTO DEL TEMA La denominazione di partecipazione copre oggi i più svariati significati

Dettagli

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità 9. ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità Un altra tipologia di strumentazioni di supporto alla concretizzazione di una pratica di sostenibilità, intesa prettamente

Dettagli

Master Universitario di secondo livello

Master Universitario di secondo livello Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Master Universitario di secondo livello IN Management della riqualificazione urbana: strumenti per il recupero, la gestione e la valorizzazione del

Dettagli

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI SI.VA.DI.S. IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI Criteri generali CRITERI GENERALI PER LA COSTRUZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI (SI.VA.DI.S.) 1. Sistema

Dettagli

I DISTRETTI CULTURALI

I DISTRETTI CULTURALI I DISTRETTI CULTURALI Prima parte della ricerca I musei italiani e i distretti culturali: punti di forza e di debolezza Interesse nazionale Ottobre 2011 A cura di Fondazione Cariplo per Aspen Institute

Dettagli

Gli indirizzi del DS nell Operazione POFT. Tavolo di Lavoro ANDIS 21 settembre 2015 Antonio Valentino

Gli indirizzi del DS nell Operazione POFT. Tavolo di Lavoro ANDIS 21 settembre 2015 Antonio Valentino Gli indirizzi del DS nell Operazione POFT Tavolo di Lavoro ANDIS 21 settembre 2015 Antonio Valentino Per cominciare 1.Sulla capacità del dirigente di giocarsi credibilmente nel nuovo contesto si gioca

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria

Provincia di Reggio Calabria Provincia di Reggio Calabria Sett.1 Segreteria /Direzione Generale Giunta Contratti- Assistenza Giuridica/Amministrativa ai Comuni MAR.TE. PIANO DI MARKETING TERRITORIALE ANNO 2013 Reggio Calabria, MAGGIO

Dettagli

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA Introduzione: le strategie di marketing territoriale L Agenzia di Sviluppo Economico della Regione Sumadija-Pomoravlja, nell ambito

Dettagli

ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI

ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI COMUNE DI NOVARA CODICE15.3.1.5 Cabina di Regia: funzioni di rango urbano e gateway Scheda azioni Immateriali Cabina di Regia: funzioni di rango urbano

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

Fondo Aree Sottoutilizzate

Fondo Aree Sottoutilizzate Allegato 1 Fondo Aree Sottoutilizzate Direzione Programmazione e Statistica Settore Valutazione Progetti e Atti di Programmazione Negoziata 1 Allegato 1 1.1 Stato di attuazione dell Intesa 1.2 La programmazione

Dettagli

Energie Rinnovabili e tutela del paesaggio. Maria Raffaella Lamacchia Dirigente dell'ufficio Attuazione Pianificazione Paesaggistica Regione Puglia

Energie Rinnovabili e tutela del paesaggio. Maria Raffaella Lamacchia Dirigente dell'ufficio Attuazione Pianificazione Paesaggistica Regione Puglia Energie Rinnovabili e tutela del paesaggio Maria Raffaella Lamacchia Dirigente dell'ufficio Attuazione Pianificazione Paesaggistica Regione Puglia PROTOCOLLO DI KYOTO VS CONVENZIONE EUROPEA DEL PAESAGGIO

Dettagli

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA Protocollo d Intesa per l attuazione del Contratto del Lago di Bolsena PREMESSO CHE la Direttiva 2000/60/CE del Parlamento

Dettagli

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Dettagli

Il Progetto Oltrebampe

Il Progetto Oltrebampe Il Progetto in sintesi Il Progetto Oltrebampe Oltre bambini e prodotti agricoli di eccellenza Descrizione del progetto OltreBampè affronta il tema dello sviluppo sostenibile dei sistemi urbani, facendo

Dettagli

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale Contributo al Gruppo ASTRID su L istituzione della Città Metropolitana Gruppo di Lavoro Pianificazione Strategica urbana coordinato da Raffaella Florio, ReCS Rete delle Città Strategiche La città metropolitana

Dettagli

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Lo scenario: Il punto di partenza L isolamento che Castelfranco Veneto soffre da anni è testimoniato anche dalla mancanza di strategia e di progettualità

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

Percorsi alternativi di sviluppo locale: politiche rurali e multifunzionalità al femminile

Percorsi alternativi di sviluppo locale: politiche rurali e multifunzionalità al femminile Percorsi alternativi di sviluppo locale: politiche rurali e multifunzionalità al femminile Annalisa Del Prete, Catia Zumpano - 1 Aprile 2014, Sala Cavour- Mipaaf Indice - L approccio di genere nelle politiche

Dettagli

RELAZIONE SULLE PROPOSTE DI AGGIORNAMENTO E SEMPLIFICAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI GOVERNO DEL TERRITORIO

RELAZIONE SULLE PROPOSTE DI AGGIORNAMENTO E SEMPLIFICAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI GOVERNO DEL TERRITORIO RELAZIONE SULLE PROPOSTE DI AGGIORNAMENTO E SEMPLIFICAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI GOVERNO DEL TERRITORIO 1. Nel corso degli ultimi anni la legislazione regionale in materia edilizia ed urbanistica

Dettagli

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA I. Le principali sfide da affrontare con il CLLD Il Community-led local development (CLLD) è uno strumento normato dai regolamenti

Dettagli

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi.

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. Obiettivi generali Obiettivi specifici 5. Target: chi può partecipare 6. Progetto Pianifica T.U.:

Dettagli

Orientamenti per il POR del Veneto,

Orientamenti per il POR del Veneto, Orientamenti per il POR del Veneto, parte FESR 2014 2020 Venezia, 23 settembre 2013 Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Segreteria Generale della Programmazione Direzione Programmazione Orientamenti

Dettagli

La nuova logica di realizzazione dei progetti. Fabio Girotto Regione Lombardia

La nuova logica di realizzazione dei progetti. Fabio Girotto Regione Lombardia La nuova logica di realizzazione dei progetti Fabio Girotto Regione Lombardia LE SCELTE STRATEGICHE DEL NUOVO PROGRAMMA Obiettivo Tematico 1 Priorità d investimento 1b (rapporti tra imprese e mondo della

Dettagli

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale Il percorso logico Interventi Strategie siamo qui Fabbisogni Punti forza/debolezza/opportunità/minacce Contesto generale Analisi di contesto Indicatori di contesto (individuati dall UE obbligatori) Valutazione

Dettagli

VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI

VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI Forum di avvio del Processo di Partecipazione, 28 Giugno 2014 Coordinamento del Contratto

Dettagli

Il gruppo nella ricerca-azione. azione. Cantù, 24 maggio 2011

Il gruppo nella ricerca-azione. azione. Cantù, 24 maggio 2011 Il gruppo nella ricerca-azione azione Cantù, 24 maggio 2011 Life Skills di comunità PAR (Participatory Action Research): Analisi degli Stakeholders Valorizzazione del lavoro in gruppo Focus groups Conference(Tavoli)

Dettagli

CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008

CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008 CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008 OBIETTIVI STRATEGICI Nel corso del 2007 si è venuto precisando ed arricchendo il ruolo ed il potenziale del Gruppo Europa che ha superato la fase sperimentale

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Il Comune di Bologna promuove l impegno di tutti per la cura e la gestione dei beni

Dettagli

Programmazione 2007 2013

Programmazione 2007 2013 Società Consortile METROPOLI EST S.r.l. Programmazione 2007 2013 DOCUMENTI PRELIMINARI GENNAIO 2007 PREMESSA Metropoli est ritiene che il prossimo ciclo di programmazione 2007-2013 costituisca una grande

Dettagli

Lecco, 10 ottobre 2012. Convegno «DECRETO 231/2001 IN SANITA' - L'esperienza degli Enti del Sistema Sanitario della Lombardia»

Lecco, 10 ottobre 2012. Convegno «DECRETO 231/2001 IN SANITA' - L'esperienza degli Enti del Sistema Sanitario della Lombardia» La formazione per garantire l effettività dei modelli Il ruolo di Éupolis Lombardia nell accompagnamento all attuazione del decreto 231/2001 in ambito sanitario Lecco, 10 ottobre 2012 Convegno «DECRETO

Dettagli

RAPPORTO CONCLUSIVO DELLA FASE DI ASCOLTO

RAPPORTO CONCLUSIVO DELLA FASE DI ASCOLTO Autorità Portuale Regionale della Toscana Nuovo PRP_Fase di ascolto Processo partecipativo per l'aggiornamento del Quadro Conoscitivo del Piano Regolatore Portuale del porto di Isola del Giglio Fase di

Dettagli

PARCHI DI MARE E D APPENNINO

PARCHI DI MARE E D APPENNINO PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO APE APPENNINO PARCO D EUROPA APPENNINO SETTENTRIONALE (REGIONI LIGURIA, EMILIA ROMAGNA, TOSCANA) PARCHI DI MARE E D APPENNINO AGENDE TERRITORIALI COORDINATE PER LA RETE DEI

Dettagli

Documento di Proposta Partecipata (DocPP)

Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Titolo del processo Superare le barriere mentali: l'accessibilità come chiave della qualità del turismo sulle colline piacentine Responsabile del processo e curatore

Dettagli

Giuseppe Scanu Il marketing territoriale per un possibile sviluppo del turismo in Marmilla

Giuseppe Scanu Il marketing territoriale per un possibile sviluppo del turismo in Marmilla Giuseppe Scanu Il marketing territoriale per un possibile sviluppo del turismo in Marmilla Setzu, 17 Ottobre 2015 LA MARMILLA: UNA GEOGRAFIA COMPLESSA 2 Sub regioni 44 Comuni 950 Kmq di superficie 37.322

Dettagli

PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008

PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008 PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008 1) DENOMINAZIONE DEL PROGETTO Mediazione interculturale nelle strutture ospedaliere dell Azienda USL 2) SOGGETTO PROPONENTE Azienda USL Valle d Aosta 2.1)

Dettagli

NATI PER COMBINAZIONE Risorse chiave e meccanismi generativi di beni pubblici locali nella montagna dell Emilia-Romagna

NATI PER COMBINAZIONE Risorse chiave e meccanismi generativi di beni pubblici locali nella montagna dell Emilia-Romagna NATI PER COMBINAZIONE Risorse chiave e meccanismi generativi di beni pubblici locali nella montagna dell Emilia-Romagna L ANALISI DEI CASI Caterina Brancaleoni Silvia Martini L analisi dei casi ELEMENTI

Dettagli

Legge 633 del 1941 e ss.mm.ii.

Legge 633 del 1941 e ss.mm.ii. Il Piano di Miglioramento (PdM) Il presente documento è protetto ai sensi della vigente normativa sul diritto d'autore Legge 633 del 1941 e ss.mm.ii. 1 Indice Introduzione SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE SUL SISTEMA DI VALUTAZIONE AZIENDALE

ISTRUZIONI OPERATIVE SUL SISTEMA DI VALUTAZIONE AZIENDALE Staff di Direzione Generale Organismo di Valutazione Aziendale ISTRUZIONI OPERATIVE SUL SISTEMA DI VALUTAZIONE AZIENDALE Ferrara, anno 2013 INDICE Premessa pag. 3 1. La valutazione come strumento di gestione

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Il progetto intende favorire il recupero, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio immateriale di tradizioni musicali e orali di cinque regioni italiane, attraverso la sua digitalizzazione e

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

Il ruolo della valutazione e del sistema di governance delle pari opportunità nella programmazione 2007-2013

Il ruolo della valutazione e del sistema di governance delle pari opportunità nella programmazione 2007-2013 MELTING BOX - FIERA DEI DIRITTI E DELLE PARI OPPORTUNITA PER TUTTI TORINO Centro Congressi Lingotto, 22-24 ottobre 2007 Diritti e Pari Opportunità nella nuova programmazione comunitaria 2007-2013 Il ruolo

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO A V V I S O Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO Invito a contribuire alla formulazione del PISUS del Comune

Dettagli

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori Le competenze organizzative come vantaggio distintivo di Domenico Bodega Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori rapidi nel pensiero, nel giudizio, nell azione e nella parola.

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA Agenda di Bologna 27 gennaio 2012 1. L area Padano-Alpino-Marittima è caratterizzata da una notevole varietà

Dettagli

1. Premessa 2. Obiettivi Generali

1. Premessa 2. Obiettivi Generali 1. Premessa Il Progetto riguarda la creazione di un Laboratorio ambientale da realizzare sul territorio della Comunità Montana Versante Tirrenico Meridionale diffuso sul territorio montano, a partire dalle

Dettagli

Analisi delle dinamiche e delle criticità

Analisi delle dinamiche e delle criticità Tabella A. area tematica: INNOVAZIONE E QUALITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Consistenti prelievi di risorse idriche a usi industriali nell area della Conca

Dettagli

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni Milano, 9 novembre 2013 Vincenzo Saturni 1 La carta etica: perché e per chi? Avis opera da 86 anni per diffondere una cultura solidale tra i cittadini su tutto il territorio nazionale. E sin dal momento

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca LINEE DI INDIRIZZO Partecipazione dei genitori e corresponsabilità educativa Pagina 1 di 8 Premessa La nostra Costituzione assegna alla famiglia e alla scuola la responsabilità di educare e di istruire

Dettagli

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale Cos è un piano urbanistico? È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale È uno strumento prima di

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi F/01_FASCICOLO 1_DESCRIZIONE DELLA RICERCA Indice 1. La ricerca 2. Gli obiettivi

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

QUALITA E PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO

QUALITA E PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO QUALITA E PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO Marco Malagoli, Chiara Capelli AICQ Comitato Ambiente ABSTRACT Nel presente lavoro viene esaminato il collegamento logico tra qualità e sviluppo sostenibile, in

Dettagli

Comunicazione per Agenda 21L Agenda 21L per la comunicazione

Comunicazione per Agenda 21L Agenda 21L per la comunicazione COM-PA Bologna, 21 settembre 2000 Salone della Comunicazione Pubblica e dei servizi al cittadino Comunicazione per Agenda 21L Agenda 21L per la comunicazione Appunti per una Carta di riferimento su Comunicazione

Dettagli

Accordo di Programma Quadro

Accordo di Programma Quadro UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA DI INTERVENTI DI INFRASTRUTTURAZIONE E SERVIZI CORRELATI ALLO SVILUPPO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE (Legge Regionale 28 dicembre

Dettagli

IL SEGNO SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE

IL SEGNO SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE IL SEGNO PIANO STRATEGICO 2009-2012 INDICE Premessa 1) BASE SOCIALE Partecipazione Capitalizzazione 2) SEDE 3) BILANCIO SOCIALE 4) COMUNICAZIONE 5) SOSTENIBILITA E SVILUPPO PIANO STRATEGICO

Dettagli

Facoltà di Architettura LABORATORIO DI PROGETTAZIONE URBANISTICA

Facoltà di Architettura LABORATORIO DI PROGETTAZIONE URBANISTICA I Programmi complessi Si innestano in una duplice riflessione: 1. scarsità delle risorse pubbliche per la gestione delle trasformazioni urbane; 2. limiti della operatività del Piano Regolatore Generale.

Dettagli

LABORATORI EDUCATIVI 2014-2015

LABORATORI EDUCATIVI 2014-2015 LABORATORI EDUCATIVI 2014-2015 INFANZIA E GIOVANI Open Group Lab Open Group Riferimenti e contatti Cittadinanza è il contenitore comune a tutte le nostre proposte. I nostri laboratori hanno come obiettivo

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. RAFFAELLA FLORIO Coordinatrice ReCS e Firenze 2010 12 maggio 2006 Buongiorno a tutti. Io sono chiamata

Dettagli

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMUNE DI FIRENZE. Manuale applicativo

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMUNE DI FIRENZE. Manuale applicativo IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMUNE DI FIRENZE Manuale applicativo Firenze, 23 luglio 2009 INDICE 1. PREMESSA 2. I PRINCIPI DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE 3. COSA SI VALUTA 4. LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI

Dettagli

CON-DIVIDERE LA SOSTENIBILITA PROGETTO PILOTA

CON-DIVIDERE LA SOSTENIBILITA PROGETTO PILOTA CON-DIVIDERE LA SOSTENIBILITA PROGETTO PILOTA SINTESI PROGETTO Perché il progetto VERSO CONDOMINI ATTENTI ALL AMBIENTE E AL RISPARMIO DELLE RISORSE Con-divivere la sostenibilità attraverso il coinvolgimento

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

Carta di Napoli. Vista:

Carta di Napoli. Vista: 1 Urbanitas & Sustainable Solidarity Charter Percorso urbano di indirizzi strategici e piani operativi, volti all implementazione territoriale dei sistemi di accoglienza e integrazione per rifugiati e

Dettagli

Libro verde sulla coesione territoriale. Note in risposta alle domande per il dibattito. Autore: Alberto Cardino. Parma (Italia), 25 Febbraio 2009

Libro verde sulla coesione territoriale. Note in risposta alle domande per il dibattito. Autore: Alberto Cardino. Parma (Italia), 25 Febbraio 2009 Libro verde sulla coesione territoriale Note in risposta alle domande per il dibattito Autore: Alberto Cardino Parma (Italia), 25 Febbraio 2009 Il presente documento rappresenta un contributo personale

Dettagli

Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020. Pierpaolo Pallara

Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020. Pierpaolo Pallara Sviluppo rurale e approccio LEADER nella programmazione2014-2020 Pierpaolo Pallara Mesagne, 7 marzo 2014 In quale contesto si inserisce il nuovo processo di programmazione della politica di sviluppo rurale

Dettagli

PRODURRE E SCAMBIARE VALORE TERRITORIALE Dalla città diffusa allo scenario della forma urbis et agri

PRODURRE E SCAMBIARE VALORE TERRITORIALE Dalla città diffusa allo scenario della forma urbis et agri PRODURRE E SCAMBIARE VALORE TERRITORIALE Dalla città diffusa allo scenario della forma urbis et agri A cura di - Alinea, Firenze, 2009 Il Laboratorio del Parco Agricolo Sud Milano tra produzioni di qualità

Dettagli

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA Area tematica: AMBIENTE URBANO Indice documento 1 Area tematica ambiente urbano: individuazione delle sessioni di lavoro 3 Richiesta prime indagine a campione sul

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 1 Premessa Sempre di più la Pubblica Amministrazione sta proseguendo nell opera di riorganizzazione e revisione del proprio assetto organizzativo e

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

EDITORIALE. I Fondi strutturali e la nuova programmazione europea. Brunetta Baldi

EDITORIALE. I Fondi strutturali e la nuova programmazione europea. Brunetta Baldi EDITORIALE 505 I Fondi strutturali e la nuova programmazione europea Brunetta Baldi L avvio del ciclo 2014-2020 della politica di coesione europea merita una riflessione che trova spazio in questo numero

Dettagli

ALLEGATO AL QUADRO STRATEGICO NAZIONALE 2007-2013

ALLEGATO AL QUADRO STRATEGICO NAZIONALE 2007-2013 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione -------------------- ALLEGATO AL QUADRO STRATEGICO NAZIONALE 2007-2013 La politica regionale nazionale del FAS

Dettagli