Prima di cominciare mi è d obbligo ringraziare il Forum Svedese per l Innovazione Sociale cui

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prima di cominciare mi è d obbligo ringraziare il Forum Svedese per l Innovazione Sociale cui"

Transcript

1 Metodi e tecniche di valutazione dell innovazione sociale: disamina di alcuni vantaggi e criticità del Social Return on Investment Maria Fernanda Spina Prima di cominciare mi è d obbligo ringraziare il Forum Svedese per l Innovazione Sociale cui devo l ispirazione e tante idee per questo contributo. Dopo aver iniziato a scrivere questo lavoro ho scoperto la pubblicazione di Jönsson J. (2013) che è quasi esaustiva sullo stato dell arte dello SROI e da cui, quindi, ho tratto parte del materiale utilizzato per queste riflessioni. Debbo inoltre precisare che le traduzioni delle citazioni tratte dai testi inseriti in lingua inglese in bibliografia sono mie. Breve definizione dello SROI La metodologia SROI per calcolare il ritorno sociale degli investimenti nel contesto di un attività a sfondo sociale è piuttosto giovane, infatti è stata documentata la prima volta nel 2000 da REDF (Roberts Enterprise Development Fund), una organizzazione filantropica di San Francisco che finanzia con sovvenzioni a lungo termine le organizzazioni che gestiscono le attività di utilità sociale. Da allora l'approccio si è evoluto per tener conto degli sviluppi nel campo sia dell analisi della sostenibilità aziendale nel caso di imprese sociali, sia in quello della valutazione dell impatto sociale e ambientale. L interesse per lo SROI è stato alimentato dal crescente riconoscimento dell'importanza di sistemi di misurazione per la valutazione degli impatti che non sono calcolabili secondo il metro dei profitti e delle perdite tradizionali, ma che invece hanno ricadute sulla qualità del contesto sociale. Lo SROI è un processo ed un metodo per capire come certe attività possano generare valore, e specialmente un modo per stimare quel valore in termini monetari. E anche un modo per misurare la magnitudo o la quantità di valore creata, in comparazione all investimento iniziale, come il ROI. (Arli & Zappala, 2009) Le difficoltà per un impresa e/o per un attività sociale arrivano quando queste vogliono cercare di

2 documentare la loro sostenibilità attraverso la dimostrazione del loro valore. Qui si avverte la necessità di strumenti che permettano di trasformare le finalità sociali in un impatto quantificabile in modo da fornire risposte e dati che abbiano una maggiore familiarità con il linguaggio, i presupposti e le finalità tradizionali dell economia. Prodotti e risultati come il numero di persone impiegate sono facilmente misurabili, ma ci sono alcuni impatti che sono molto più difficili da misurare e non sono tradizionalmente valutati, come ad esempio l aumento dell auto-stima e la coesione sociale. (Darby & Jenkins 2006). [ ] La tentazione è sempre quella di misurare ciò che è [facilmente] misurabile, piuttosto che ciò che è importante. In questo modo le misurazioni tendono a coprire due aspetti dei progetti. Il primo riguarda i cambiamenti fisici: il numero delle case costruite o degli alberi piantati. Il secondo riguarda le attività: il numero di persone formate o il numero di posti di lavoro creati [ ] Non vengono però misurati gli effetti sulle persone che hanno preso parte a questi progetti e sulla comunità di cui questi fanno parte. Sebbene questo sia ciò che ha realmente importanza. (Darby & Jenkins, 2006 p.416) Il valore sociale e lo SROI Non esiste un'unica definizione ufficiale di 'valore sociale'. Negli ultimi dieci anni, spesso la definizione di Valore sociale è legata agli strumenti che vengono utilizzati per la sua misurazione. Ci troviamo così nella situazione abbastanza comune per cui la definizione di un concetto viene creata dalla comunità degli studiosi che si interrogano sul suo senso e sulla sua indagabilità. Soprattutto nei paesi anglosassoni la definizione di valore sociale è legata alla definizione del processo dello SROI. Ecco alcune definizioni: Lo SROI è uno strumento per la misurazione e la contabilizzazione di un più ampio concetto di valore. Esso incorpora costi sociali, ambientali ed economici e benefici nel processo decisionale,

3 fornendo un quadro più completo di quanto valore è creato o distrutto. (NEF - New Economics Foundation) Lo SROI è in grado di assegnare un peso economico al valore sociale e ambientale che viene a crearsi. Per esempio, la ricerca Nef sul valore creato da un programma di formazione per exdetenuti ha rivelato che per ogni 1 investita, 10,50 di valore sociale è stato creato. Lo SROI è un approccio per comprendere e gestire gli impatti di un progetto, di un organizzazione o di una misura politica. È basato sui suoi stakeholders e riesce a monetizzare il valore degli impatti importanti identificati dagli stakeholders che non hanno un valore di mercato. Il suo scopo è quello di includere i valori delle persone che spesso sono esclusi dal mercato usando gli stessi termini usati dal mercato, ovvero il danaro, in modo alla gente una voce nelle decisioni di allocazione delle risorse. (SROI Network) Ci sono molti approcci per la misurazione del valore sociale creato da un azione. Perché lo SROI è oggetto di tanto successo ed è tanto dibattuto? Lo SROI traduce il valore sociale in indicatori economici quantificabili ( hard in inglese); ma risulta essere anche una delle metodologie più complesse e richiede un cospicuo numero di risorse per la sua realizzazione. Nonostante la sua complessità, lo SROI è comunque diventato lo strumento privilegiato di una serie di governi (soprattutto anglosassoni) e di responsabili politici, proprio grazie al suo essere in grado non solo di quantificare il valore sociale, ma anche di attribuirgli un valore monetario. Questa caratteristica distingue lo SROI da tutti gli altri approcci, Un'analisi SROI porta normalmente ad un indice SROI - un rapporto tra i benefit totali (somma di tutti i risultati) e gli investimenti totali. Ad esempio, un'organizzazione potrebbe avere un rapporto di 4 del valore sociale creato per ogni 1 spesa per le sue attività. Ciò è particolarmente attraente per i finanziatori che cercano di garantire che i loro investimenti producano il più grande impatto e, ad una prima lettura sembra consentire la comparabilità tra le organizzazioni, guidando in tal modo le decisioni relativamente a cosa andare a finanziare. Wood, C. & Leighton, D. (2010)

4 Rimane ancora da definire, però, cosa il valore sociale sia. Il concetto di valore sociale cambia nel tempo e nello spazio; cambia a seconda delle coordinate culturali della comunità che si sta prendendo in considerazione, dei diversi momenti della vita di una comunità e/o di un gruppo target e/o di un organizzazione e/o dei suoi membri e/o dei diversi interessi dei vari gruppi sociali considerati. Il valore sociale può essere creato da tutti i tipi di attività, partenariati o reti. Il valore sociale si crea quando le risorse, gli ingressi, i processi o le politiche vengono combinate per generare miglioramenti in una comunità; molto spesso però questi cambiamenti hanno profonde ricadute che difficilmente riescono ad essere quantificate e misurate ( soft, in inglese in contrapposizione con hard che indica ciò che è immediatamente misurabile e quantificabile). Il valore sociale può essere prodotto da una vasta gamma di attività, dall organizzazione della comunità, alla tutela dell'ambiente, a una famiglia in movimento dal welfare al lavoro: tutte queste azioni possono generare risultati con elevato valore intrinseco su cui può essere difficile concordare o che è difficile quantificare oppure (soprattutto) che è difficile tradurre in valore monetario. Al contrario, invece, la misurazione del valore economico è di per sé molto più semplice data la sua natura quantitativa cui viene attribuito un valore qualitativo. Le misurazioni del valore economico sono standardizzate e sono alla base della maggior parte delle attività finanziarie in tutto il mondo. A differenza delle misurazioni standardizzate relative al valore economico, molti risultati delle attività a vocazione sociale sono al di là di ogni possibile misurazione, ma chiaramente sono estremamente importanti. Il valore socio-economico si situa quindi tra i due poli della creazione del valore economico e di quello sociale. Il valore socioeconomico è misurato con strumenti di misurazione del valore economico: attraverso la quantificazione e la monetizzazione de gli elementi di valore sociale di un'attività. Lo SROI, nelle sue varie declinazioni, è un metodo per la determinazione e la misurazione di questo valore a valenza mista, che cerca di restituire il processo della creazione di valore in maniera sistematizzata e che offre alla fine dei parametri misurabili e una quantificazione monetaria del valore prodotto.

5 Il problema principale è che la realtà è spesso confusa, e ricostruire i processi e misurare degli impatti attraverso la scelta di parametri e indicatori è in ogni caso un azione di in-formazione, dove si utilizzano delle griglie per tradurre una massa informe in un sistema comprensibile. Inoltre la trasformazione di soft value in hard value attraverso la loro quantificazione monetaria porta a porsi la seguente domanda: come si è sicuri di non essersi persi qualcosa nella traduzione? E, nel caso, cosa accade di perdere nella trasformazione e quantificazione in valore economico di valori socio-ambientali? L innovazione sociale Come tutti sappiamo, l innovazione sociale è la capacità, l abilità, la forza di una società di comprendere, di analizzare, di affrontare e di risolvere i suoi problemi socio-ambientali. Essa viene definita anche come [ ] qualunque soluzione innovativa a un problema sociale che sia più efficace, efficiente, sostenibile ed equa di tutte le soluzioni esistenti, e che generi valore diffuso per tutta la società e non tanto per singoli individui. (Stanford Social Innovation Review) D'altro canto, il concetto stesso di innovazione ha una connotazione di tipo sociale nel senso che non possono essere ignorate le storie umane e di comunità che sono alla base di una trasformazione socio-economica,che sia essa di piccola scala o di larga scala. Possiamo quindi prendere un processo di innovazione sociale come esempio (anche se non esaustivo, almeno abbastanza rappresentativo) di creazione di valore sociale. A livello sociale [ ] l innovazione è un processo che sebbene si caratterizzi per l incertezza dell esito non può essere inteso come un risultato del tutto causale e spontaneo. L innovazione è quindi una strategia, un orientamento che va perseguito a livello collettivo. [Le trasformazioni] dei sistemi economici sono caratterizzate da mutamenti improvvisi e spontanei che muovono il sistema da una situazione di equilibrio iniziale verso un nuovo stato. [ ] I protagonisti di queste trasformazioni sono proprio individui o organizzazioni che presentano una capacità di lettura fuori dal comune. [ ] Molti sono i fattori in grado di influenzare singolarmente il processo dell innovazione, ma ciò che più di ogni altra cosa sembra in grado di fare la differenza è

6 l orientamento collettivo della società. [ ] L innovazione infatti coinvolge i sistemi locali, le reti corte territoriali dove si produce conoscenza tacita non standard di particolare rilevanza. (Venturi & Zadonai 2012 p.5) Tre sono gli elementi individuati come distintivi di ogni innovazione sociale: Combina creativamente elementi già esistenti per risolvere problemi nuovi È trasversale rispetto ai confini organizzativi e alla pratiche di gestione pre-esistenti (corollario del primo elemento) Favorisce la creazione di forti legami relazionali tra le persone e i gruppi che contribuiscono alla creazione e alla diffusione dell innovazione. (Young Foundation 2010) L innovazione sociale può quindi essere definita come un processo collettivo di creazione di conoscenza condivisa e di valori economici, sociali ed ambientali, anch essi condivisi, creati e/o accolti dalla collettività a partire dalle risorse disponibili, per risolvere bisogni sociali insoddisfatti e non soddisfabili con le risorse a disposizione. Essa è parte integrante della storia della costruzione di una comunità, della creazione dei suoi valori e della realizzazione del suo benessere economico. L'innovazione sociale può essere definita come un processo collettivo di trasformazione delle condizioni di vita di un gruppo di persone. Narrarla, significa narrare storie umane e di comunità. Infatti, l'innovazione sociale è una qualunque soluzione innovativa ad un problema sociale che sia più efficace, efficiente, sostenibile ed equa di tutte le soluzioni esistenti e che generi valore diffuso per tutta la società e non tanto per i singoli individui. Lo SROI è, in un certo senso, la narrazione del processo di una innovazione sociale e quindi anche la premessa teorica alla valutazione di pratiche collettive dal basso intese come processi di creazione di valore sociale. Infatti, il valore sociale è un output dell'innovazione sociale: è l'impatto che le pratiche di innovazione sociale hanno sulle persone che le mettono in atto e sulle persone che ne sono coinvolte in qualunque modo. Nell'ottica quindi di C.S. Peirce, dove il significato di un segno è il suo uso pratico e nell'ottica di E. Wenger, per cui la conoscenza è un prodotto sociale necessario, Il valore sociale si può indicare come una

7 conoscenza condivisa, generata dalla comunità di pratica. L innovazione sociale e lo SROI Data questa premessa, per valutare la qualità dell innovazione sociale, ciò che viene più semplice da fare è osservarne i risultati in campo economico. Come abbiamo visto nell analisi preliminare dello SROI, esso è un dato misurabile, riconosciuto come chiaro indicatore di uno sviluppo, adatto ad invogliare investitori e a dare un feedback positivo o negativo rispetto alle politiche di appoggio ad un dato tipo di innovazione. Ma come andare però a rilevare e valutare tutto il valore sociale che si crea nel processo di innovazione condivisa? Come far si che la ricchezza sociale del processo di innovazione condivisa non venga persa nella sua quantificazione / qualificazione economica? Come valorizzare e quindi valutare il processo di creazione di conoscenza e di apprendimento situato di cui le persone sono protagoniste attraverso la partecipazione attiva ai processi di innovazione sociale? (Wenger 2006) Come non perdere il valore sociale creato dall essere agente attivo di una trasformazione sociale attivata dal basso? Ricordiamo che l innovazione sociale rimanda all insieme delle nuove idee che incontrano bisogni sociali insoddisfatti, portandoli dalla periferia al mainstreaming attraverso un ciclo composto da una prima fase di scarsa accettazione (e in alcuni casi di vera e propria ridicolizzazione), una diffusione crescente fino all accettazione e il riconoscimento istituzionale. Venturi & Zandonai (2012) pag. 3. Lo SROI può essere definito come l analisi di un processo che ha come esito finale sia la sua narrazione, sia la sua quantificazione in chiave economica. Come si è visto nell introduzione, questo parametro è facilmente comprensibile all interno del nostro sistema socio-economico (perché è uno dei parametri cardine del nostro sistema epistemico di interpretazione del reale) e permette quindi di mettere in evidenza il valore sociale di eventi e processi che rischierebbero altrimenti di non avere la considerazione che meritano all interno di un processo di trasformazione sociale. Infatti, come tutti noi sappiamo, valutare un impatto significa valutare se e che tipo di trasformazione un processo ha innescato in una data situazione.

8 Lo SROI, di cui esistono varie versioni e di cui questa sintesi è all incirca un compendio, funziona n questo modo: Il Social Return On Investment ( SROI ) è un metodologia per la misurazione e monetizzazione di quello [che abbiamo definito come valore sociale; lo SROI] mira a ridurre la disuguaglianza e il degrado ambientale e a migliorare il benessere integrando costi e benefici sociali, ambientali ed economici. Lo SROI misura il cambiamento in modi che sono rilevanti per le persone o le organizzazioni che lo sperimentano o contribuiscono a crearlo. Racconta la storia di come il cambiamento è stato creato attraverso la misurazione dei risultati sociali, ambientali ed economici e utilizza i valori monetari per rappresentarli. Ciò consente di calcolare il rapporto costi benefici. Ad esempio, un rapporto di 3:1 indica che un investimento di 1 offre 3 di valore sociale. Lo SROI è relativo al valore, piuttosto che al denaro. Il denaro è semplicemente una comune unità [di quantificazione] e come tale è un modo utile e ampiamente accettata per esprimere valore. Nello stesso modo in cui un business plan contiene molte più informazioni rispetto alle proiezioni finanziarie, lo SROI è molto di più di un semplice numero. È la narrazione di un cambiamento, su cui basare le decisioni, che include studi di casi e informazioni qualitative, quantitative e finanziarie. Un'analisi SROI può assumere molte forme diverse. Esso può comprendere il valore sociale generato da un'intera organizzazione, o concentrarsi su un solo aspetto specifico del lavoro di un organizzazione. [può essere gestito internamente o da] un ricercatore esterno. La mancanza di buoni dati relativi ai risultati è una delle principali sfide quando si realizza uno SROI per la prima volta. Per consentire la realizzazione di una valutazione SROI, sono necessari dati sui risultati, il livello di dettaglio richiesto dipenderà dal motivo [per cui si sta facendo]. Lo SROI è stato sviluppato all interno dell area della contabilità sociale e la sua analisi costibenefici e si basa su sette principi. Questi principi sono alla base di come lo SROI deve essere applicato. [ ] I principi sono: (A.A.V.V pag.6-8)

9 1. Coinvolgere gli stakeholder: Organizzare ciò che viene misurato e come questo viene misurato e valutato coinvolgendo gli stakeholder. Gli stakeholder sono quelle persone o organizzazioni che sperimentano il cambiamento a seguito della attività e saranno nella posizione migliore per descrivere la modifica. Questo principio significa che le parti interessate devono essere identificate e poi coinvolti nella consultazione nel corso di tutta l'analisi, in modo che il valore, e il modo in cui viene misurato, viene organizzato attraverso coloro che ne sono stati interessati o che influenzano l'attività messa in opera. 2. Capire cosa cambia: Articolare come si crea il cambiamento e valutare questo attraverso gli elementi raccolti, rilevando le variazioni positive e negative: tanto quelle pianificate quanto quelle inattese. Il valore è creato per o da diversi stakeholder come risultato di diversi tipi di cambiamento; Cambiamenti che gli stakeholder possono o meno aver pianificato, così come i risultati possono essere sia positivi, sia negativi. Questo processo richiede una teoria di come questi cambiamenti sono stati creati in modo da poter essere enunciato e sostenuto da elementi di prova. Questi cambiamenti sono i risultati dell'attività, resi possibili dai contributi delle parti interessate, e spesso pensati come risultati sociali, economici o ambientali. Sono questi risultati che dovrebbero essere misurati al fine di fornire la prova che il cambiamento ha avuto luogo [e in che misura]. 3. Dare valore [economico] alle cose che contano: Utilizzare dati finanziari in modo che il valore dei risultati possa essere riconosciuto. Molti risultati non sono presenti sul mercato e di conseguenza il loro valore non è riconosciuto. Dati finanziari dovrebbero essere utilizzati al fine di riconoscere il valore di questi risultati e

10 per dare voce a coloro che sono esclusi dal potere economico, ma che sono stati interessati dalle attività. Questo influenzerà l'equilibrio di potere esistente tra le diverse parti interessate. 4. Includere solo ciò che è rilevante: Determinare quali informazioni e prove devono essere incluse nei conti per dare una rappresentazione veritiera e corretta, in modo che gli interessati possano trarre conclusioni ragionevoli sull'impatto. Questo principio richiede di valutare se una persona prenderebbe una decisione diversa sull'azione se fosse esclusa una particolare porzione di informazione. Questo riguarda anche le decisioni relative alla scelta di quali attori sperimentano cambiamenti significativi, come pure quali sono le informazioni sui risultati da selezionare. Decidere ciò che è rilevante richiede riferimento alle politiche dell'organizzazione, al gruppo di pari, alle norme sociali e agli impatti finanziari a breve termine. La garanzia esterna diventa importante per dare a quelli che useranno il rapporto la sicurezza che le questioni rilevanti sono state incluse. 5. Non fare richieste eccessive: Prendere in considerazione solo i valori della cui creazione le organizzazioni sono responsabili. Si deve fare riferimento alle tendenze e ai parametri per aiutarsi a valutare il cambiamento causato dall azione, come opposto ad altri fattori, e tenendo conto di quello che sarebbe comunque successo [se l azione non fosse mai stata realizzata]. Si devono prendere in considerazione anche il contributo di altre persone e/o organizzazioni [alla realizzazione dei risultati in oggetto] in modo da abbinare [questi altri] contributi ai risultati. 6. Essere trasparente: Dimostrare la base sulla quale l'analisi può essere considerata accurata e corretta, e mostrare

11 che essa sarà riportata e discussa con gli stakeholder. Questo principio richiede che ogni decisione relativa agli stakeholder, risultati, indicatori e parametri di riferimento, le fonti e metodi di raccolta delle informazioni; i diversi scenari considerati e la comunicazione dei risultati, dovrebbero essere spiegate e documentate alle le parti interessate. Ciò includerà un resoconto di come i responsabili delle attività trasformeranno le stesse grazie ai risultati delle analisi. L'analisi sarà più credibile se i motivi delle decisioni sono trasparenti. 7. Verificare il risultato: Garantire un'adeguata garanzia di indipendenza. Anche se l'analisi SROI offre l'opportunità per una più completa comprensione del valore che viene creato da un'azione, implica inevitabilmente soggettività. Una adeguata garanzia di indipendenza è necessaria per aiutare le parti interessate a valutare se le scelte fatte [cosa è rilevante, cosa no, parametri e indicatori per la monetizzazione, etc.] dai responsabili per condurre l'analisi possono essere considerate ragionevoli. (ibidem ) In sintesi, quando si realizza un analisi SROI è necessario fare attenzione ai seguenti principi: Coinvolgimento degli stakeholder (individuare tutti i gruppi di stakeholder coinvolti nel processo di cambiamento); Individuazione di ciò che è realmente cambiato grazie all'azione messa in atto (e di ciò che sarebbe comunque avvenuto); Riuscire a dare un valore economico ai dati presi in considerazione (e non prendere in considerazione solo i dati che hanno un valore economico) Inclusione solo di ciò che è rilevante (intendendo per rilevante tutto ciò che potenzialmente è in grado di incidere sugli stakeholder); non strafare nella individuazione del valore economico investito e/o guadagnato Trasparenza (le decisioni relative agli item presi in considerazione devono sempre essere

12 documentate per poter dimostrare perché una informazione dato, parametro, etc. è stata inclusa o esclusa); Verifica finale (i risultati dell'analisi SROI vanno condivisi con gli stakeholder; non solo con quelli che hanno commissionato l'analisi, ma con tutti i gruppi che sono stati coinvolti dal processo di cambiamento). Prendere decisioni su cosa includere e cosa no sarà necessario per tutta la durata dell analisi SROI. Spesso sarà il principio di rilevanza a guidare il giudizio, ragion per cui è molto importante. La rilevanza è un concetto che è preso in prestito dalla contabilità. In termini contabili, l'informazione è rilevante se ha il potenziale per influenzare la decisione dei lettori o degli stakeholder. Un informazione è rilevante se, escludendola, venissero travisate le azioni realizzate. Per motivi di trasparenza, le decisioni su ciò che è rilevante devono essere documentate per dimostrare perché le informazioni sono state incluse o escluse. Effettuare un'analisi SROI prevede sei fasi : 1. Stabilire la portata e individuare gli stakeholder chiave. E 'importante delimitare bene il campo dell'analisi SROI, chi sarà coinvolto nel processo e come. 2. Mappare i risultati. Tracciare con il supporto degli stakeholder un mappa dell impatto, o una theory of change, che mostra la relazione tra input, prodotti e risultati. 3. Monetizzazione. Questa fase consiste nel trovare i dati che indicano se i risultati sono stati realizzati e poi attribuire loro un valore economico. 4. Stabilire l impatto: dopo aver raccolto elementi e averli monetizzati, controllare che questi aspetti del cambiamento sarebbero avvenuti comunque o se invece sono risultati di altri fattori, per cui vanno eliminati dalla fase Calcolo del SROI. Questa fase comporta la somma di tutti i benefici, cui vanno sottratte le perdite (risultati che sono stati monetizzati con un segno negativo) e va poi comparato il

13 risultato all investimento. Questo è anche la fase in cui la rilevanza dei risultati può essere testata. 6. Relazione, uso ed integrazione. Facilmente dimenticato, questo ultimo, fondamentale passo comporta il condividere i risultati con gli stakeholder e rispondere ad essi, integrando bene gli esiti dei processi e la verifica della relazione. A.A.V.V. (2009) Punti deboli dello SROI Come si può vedere da questa esaustiva illustrazione del processo SROI, questo strumento si presta bene alla valutazione dell impatto di un innovazione sociale, proprio per la natura processuale e collettiva di quest ultima. D altro canto, si evince anche un punto debole dello strumento: la mancanza di indicatori standardizzati per la monetizzazione dei valori soft. Addirittura, per la UE, l'impalpabilità di alcuni valori da monetizzare, come, ad esempio, la coesione sociale renderebbero impossibile il calcolo dello SROI. Peccato che la coesione sociale sia uno degli obiettivi della programmazione Europa 2020 e come tale viene misurata attraverso indicatori... Per cercare di far fronte a ciò, i professionisti dello SROI hanno elaborato (e continuano ad aggiornare) banche dati relative alla valutazione dei benefici intangibili, organizzandoli per aree di interesse. Darby & Jenkins 2006 Nonstante ciò, in A.A.V.V viene raccomandato di cercare soluzioni anche creative, ispirate alle interconnessioni tra gli elementi raccolti come rilevanti, per poter monetizzare ciò che di intangibile potrebbe andare perso 1. Da qui la redazione della mappa di impatto o l uso della theory of change. La creatività raccomandata viene tenuta sotto controllo dalla comunità degli stakeholder che, oltre ad essere coloro che hanno vissuto il cambiamento, non sono mai solo i finanziatori e/o i promotori dell azione il cui impatto si va a valutare, ma anche i beneficiari finali, i vari gruppi di interesse che vengono a beneficiare indirettamente dell azione, i gruppi che 1 Ad esempio, il finanziamento di un pulmino per il trasporto di anziani soli ed indigenti dalle case al centro diurno per anziani, ha come risultato la diminuzione della spesa sanitaria, in quanto l impatto sulla vita degli anziani stakeholder della frequenza al centro diurno migliora la qualità della cura personale, riducendo le malattie legate all età.

14 potrebbero venire coinvolti negli output collaterali non previsti e che non sono necessariamente di segno positivo. Una scelta accurata dei gruppi di stakeholder, che potrebbero anche essere portatori di interessi tra loro in parte contrapposti, dà una certa garanzia di equanimità se non di oggettività. Del resto, come insegna la ricerca azione, della cui lezione lo SROI è portatore, l oggettività in una ricerca (ma anche in una valutazione) è al più un orizzonte cui ispirarsi nel prendere in considerazione gli interessi di cui si è portatori e nel confrontarli con gli interessi di cui altri sono portatori. Lo SROI cerca di raccontare nella maniera più corretta possibile (se bene applicato e con correttezza professionale) tutti gli elementi e le interconnessioni di un processo che da un punto di vista commerciale può non sembrare produttivo e che invece produce benessere collettivo. Ritornando quindi al punto critico principale: cosa significa la mancanza di indicatori standardizzati? Ovvero, perché, all'interno del processo SROI, non si possono standardizzare gli indicatori necessari alla monetizzazione? Lo SROI è un processo semiotico: traduce da un paradigma interpretativo ad un altro. Se normalmente il processo di valorizzazione messo in atto è di considerare una quantificazione economica come qualificazione valoriale, nel caso dello SROI è la qualificazione valoriale che viene trasformata in quantificazione economica. Come abbiamo visto, l'innovazione sociale è un processo semiosico (ovvero di creazione di senso). Seguendo la lezione di C. S. Peirce, per comprenderla ed analizzarla bisogna ricostruire il suo processo di realizzazione attraverso l'ipotizzazione delle regole che la hanno generata e che essa stessa nel suo processo ha generato (sistema complesso). E' quindi evidente che non possono essere standardizzati gli indicatori, ma può essere standardizzato il processo di individuazione dei parametri e degli indicatori per la creazione di griglie interpretative che possano esaustivamente delimitare e descrivere il campo di interesse, ovvero quello specifico processo che ha portato a quella specifica innovazione sociale. Lo SROI ha come obiettivo la traduzione di un epistema interpretativo in un altro: ciò che quindi va sempre meglio standardizzato non sono i parametri e gli indicatori da utilizzare nel processo, ma è il

15 processo stesso di realizzazione dello SROI, poiché la trasformazione da qualitativo a quantitativo richiede sempre uno sforzo creativo, ovvero la capacità di creare griglie che possano esaustivamente delimitare e descrivere il campo di interesse. Questo è lo sforzo che dal 2001 i principali professionisti dello SROI uniti in organizzazioni stanno sviluppando: definire sempre meglio il processo, anche utilizzando strumenti mutuati da altri sistemi per la valutazione dell impatto sociale, costruire griglie di trasformazione dal piano qualitativo a quello quantitativo e definire sempre meglio il processo attraverso cui tali griglie vengono prodotte. A tal proposito, abbiamo già visto che lo SROI viene ideato da REDF verso il 2001; già nel 2003 nasce in Europa ESROIN, un network informale, con considerevoli legami con i promotori statunitensi dello SROI. Professionisti iniziano a lavorare in Europa e negli USA sullo SROI e nasce un documento quadro che inizia a identificare le vari fase del processo SROI. ESROIN inoltre individua, rispetto a REDF, un maggior numero di items di impatto sugli stakeholder in modo da derivarvi indicatori di valore ed ha indicato il concetto di rilevanza in modo da orientare la ricerca dei valutatori rispetto ai benefit da rilevare, permettendo un risparmio di tempo e di risorse. Nel 2003 Olsen & Lingane proposero uno Standard per lo SROI (SSROI) che comprendeva dieci linee guida per il calcolo dello SROI. NEF La New Economics Foundation è un think tank indipendente britannico, che ha come finalità l'individuazione e la promozione del reale benessere economico. Nel 2004 elabora il suo primo modello di SROI, seguito dal secondo nel È NEF a includere la theory of change come strumento per la corretta realizzazione del processo SROI. Lo SROI network è un network internazionale con sede nel Regno Unito che, oltre a produrre sempre più aggiornate guide sul processo SROI (l ultima è del 2012), rilascia ai suoi iscritti (e quindi formati seconda la metodologia sviluppata dall organizzazione), dopo il superamento di alcune prove, la qualifica di professionista SROI accreditato. L accreditamento vale 3 anni dopo di

16 che va ripetuto. Lo SROI network ha anche creato nel 2012 Wiki VOIS (values, outcomes, indicators and stakeholders) che mira a dare voce a persone che sperimentano risultati soft e quindi non riconosciuti sul mercato. Il database è adatto a qualsiasi organizzazione o individuo che è interessato a mettere in comune i risultati del suo lavoro, e il modo in cui tali risultati possono essere valutati e misurati. Questo è comunque solo uno dei molti database esistenti in rete per la catalogazione e la consultazione di indicatori SROI e per la loro sistematizzazione. Nel 2009 il Governo Regionale scozzese, nell ambito del suo programma di formazione all uso dello SROI (Nel Regno Unito, negli Stati Uniti, in Canada ed in Australia, lo SROI è divenuto strumento istituzionale per la valutazione di impatto sociale di politiche e di azioni per lo sviluppo sociale) ha prodotto una Guida allo SROI che metteva insieme le esperienze di SROI network, NEF, ed altre organizzazioni specializzate in investimenti nel terzo settore. Un altro punto dello SROI che può sollevare delle perplessità è quello relativo alla comparazione tra valori tra loro dissimili. Questa questione viene evidenziata quando si tenta di comparare risultati ed esiti di azione molto diverse tra loro; e ciò è valido a maggior ragione se parliamo di innovazione sociale, infatti sono spesso attività molto dissimili tra loro ed anche la loro scala di applicazione può essere molto differente (ad esempio da attività svolte da un'associazione per i suoi soci ad azioni integrate su un territorio). Secondo molti esperti possono essere comparati i quadri di riferimento e gli standard applicati, ma non l indice risultante perché questo può essere analizzato solo nel contesto dell'intera analisi. È possibile, in alcuni casi, trovare una misura comune di valore che risponda a determinate domande, un criterio standard per valutare ciascuna delle possibilità di finanziamento possibili e scegliere quella che si preferisce. La Robin Hood Foundation, ad esempio utilizza come macro area di valutazione l impatto che le attività che va a finanziare possono avere sulla povertà a New York e sceglie quelle che hanno maggiore impatto positivo sull area. Ovviamente si finisce in un certo senso per comparare mele ed arance (REDF, 2009), o almeno così può sembrare. In realtà si finisce per comparare due processi di costruzione di valore (l impatto atteso), ed è questo che

17 permette la comparazione (il risultato atteso e la sua quantificazione). È ovvio però che l indice di due diverse azioni possono essere paragonate solo a parità di indicatori, di processo, di dimensioni di intervento, ma soprattutto di interessi degli stakeholder. In molti casi, sarà impossibile o impraticabile identificare una misura di valore che sia altrettanto rilevante per varie iniziative o dai punti di vista dei vari stakeholder. Gli stakeholders che hanno un particolare interesse per la formazione e l educazione, per esempio, potrebbero essere più interessati all impatto sulla motivazione degli insegnanti. Altri invece potrebbero essere interessati all impatto dei doposcuola sulla riduzione del tasso di criminalità giovanile in determinati quartieri periferici. È chiaro che i dati relativi all impatto sulla motivazione degli insegnanti difficilmente possono essere messi a confronto con i dati relativi alla riduzione del tasso di criminalità, anche se si sta parlando di doposcuola della stessa dimensione e che richiedono lo stesso investimento per la realizzazione. Vorrei concludere con alcune considerazioni tratte dall intervista a Erik Jannesson, che ha scritto il report sullo sforzo formativo sostenuto dalla Svezia per incrementare la conoscenza e l uso del metodo SROI all interno dell economia social del paese. Si deve determinare che valore è importante da misurare ciò che ha più valore per me, e [per questa ragione] la standardizzazione della misurazione è la via sbagliata da intraprendere: è la semplificazione della misurazione di valore (creazione) che fondamentalmente non è obiettiva. Nell area di rilevanza/contesto, Jannesson enfatizza che il punto di partenza dello SROI sono gli stessi stakeholders. Una persona che non sperimenta personalmente il cambiamento o che non ne viene coinvolto non può essere considerato uno stakeholder nel cotesto dello SROI.

18 Bibliografia A.A.V.V., (2009) A guide to Social Return on Investment, the Scottish Government, Society Media Arli, D. & Zappala, G. (2009), Why do companies ignore measuring the social impact of their Corporate Community Involvement programs?, The Centre for Social Impact, CSI Briefing Paper No. 4 Arvidson, M., Lyon, F., McKay, S., and Moro D. (2010), The ambitions and challenges of SROI, Third Sector Research Centre, Working Paper 49, UK Bisio L. (2005) Bilancio sociale: strumenti e modalità di individuazione e coinvolgimento degli stakeholder, Regione Emilia Romagna, Team di innovazione regionale sul bilancio sociale, IT Darby, L. & Jenkins, H. (2006), Applying sustainability indicators to the social enterprise business model International Journal of Social Economics; 2006; Volume 33, No. 5/6; ABI/INFORM Global pg. 411 Emerson, J. with Cabaj, M. Social Return On Investment, Making Waves, Vol. 11, No. 2 European Union (2012), Strengthening social innovation in Europe, Journey to Effective Assessment and Metrics, Belgium Gair, C. (2002), The Roberts Foundation A Report From the Good Ship SROI Gair, C. (2009), SROI Act II: A Call to Action for Next Generation SROI Gibbon, J. & Dey, C. (2011), Developments in Social Impact Measurement in the Third Sector: Scaling Up or Dumbing Down?, Social and Environmental Accountability Journal, UK Jönsson J. (2013) Social Return on Investment: rooms for improvement & research A background study on SROI to identify research gaps. Forum for social innovation, SE Lievesley, M. & Yee, J. S.R. (2012), Valuing Service Design: Lessons from SROI, Northumbria University Research Link, DRS 2012 Bangkok, Chulalongkorn University Bangkok, Thailand,

19 northumbria.ac.uk/8818/ Millar, R. & Hall, K. (2012), Social Return On Investment (SROI) and Performance Measurement, The opportunities and barriers for social enterprises in health and social care, Public Management Review New Economics Foundation (nef) (2004), Measuring social impact: the foundation of social return on investment (SROI), SROI Primer New Economics Foundation (nef) (2008), Measuring Value: a guide to Social Return on Investment (SROI) Second edition, London Nicholls, J. (2007), Why measuring and communicating social value can help social enterprise become more competitive, A social enterprise think piece for the Office of the Third Sector, Office of the Third Sector Nicholls, A. (2009), We do good things, don t we? : Blended Value Accounting in social entrepreneurship, Accounting, Organizations and Society, Olsen, S. & Lingane, A. (2003), Social Return On Investment: Standard Guidelines, Working Paper Series, Center for Responsible Business, UC Berkeley (peer-reviewed) Olsen, S. & Nicholls, J. (2005), A framework for approaches to SROI analysis/sroi Framework Ormiston, J. & Seymour, R. (2011), Understanding Value Creation in Social Entrepreneurship: The Importance of Aligning Mission, Strategy and Impact Measurement, Journal of Social Entrepreneurship, The University of Sydney Business School, The University of Sydney, Sydney, Australia Peirce, C. S. ( ) Collected Papers of Charles Sanders Peirce, vols. 1-8, C. Hartshorne, P. Weiss e A. W. Burks (eds).cambridge, MA: Harvard University Press; Edizione elettronica a cura di J. Deely, Charlottesville.

20 Richards, M. (2008), Issues and Challenges for Social Evaluation or Impact Assessment of Multiple-Benefit Payment for Environmental Services (PES) Projects Roberts Enterprise Development Fund (REDF) SROI Methodology (2001), Analyzing the Value of Social Purpose Enterprise Within a Social Return on Investment Framework Rotheroe, N. & Richards, A. (2007), Social Return on Investment and social enterprise: Transparent accountability for sustainable development, Social Enterprise Journal, Volume 3, Issue 1 Ruebottom, T. (2011), Counting social change: outcome measures for social enterprise, Social Enterprise Journal, Schulich School of Business, York University, Toronto, Canada Social Enterprise Journal (2005), Volume 1 Issue 1, London SROI Network (2012), A guide to Social Return Investment SocialEnterpriselive.com, in partnership with SROI Network and Buzzacott (2011), Making it Count: a social enterprise guide to accounting for value Trexler, J. (2008), Social Entrepreneurship as an Algorithm: Is Social Enterprise Sustainable? Complexity and Philosophy, E:CO Issue Volume 10, No. 3, Pace University, USA Venturi P. & Zandonai F. (2012) Innovazione Sociale e Imprese Sociali, Aicon Ricerca, IT Wenger, E. (1998). Communities of Practice: Learning, Meaning, and Identity. Cambridge: Cambridge University Press. Westall, A. (2009), Value and the Third Sector: working paper on ideas for future research, Third Sector Research Centre, (TSRC), Briefing Paper 25, UK Wood, C. & Leighton, D. (2010) measuring social value the gap between policy and practice, Demos, (UK)

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute.

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute. Lo Schema BIAS FREE Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute di Mary Anne Burke Global Forum for Health Research Ginevra, Svizzera e Margrit

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

4 th INTERNATIONAL FORUM OF DESIGN AS A PROCESS

4 th INTERNATIONAL FORUM OF DESIGN AS A PROCESS DIVERSITY: DESIGN / HUMANITIES 4 th INTERNATIONAL FORUM OF DESIGN AS A PROCESS LA DIVERSITA: DESIGN/HUMANITIES Incontro tematico scientifico della Rete Latina per lo sviluppo del design dei processi 19-22

Dettagli

Scheda sintetica del progetto arvore da vida

Scheda sintetica del progetto arvore da vida Scheda sintetica del progetto arvore da vida Contesto AVSI collabora con FIAT Brasile dal 2004, con il progetto di responsabilità sociale Arvore da Vida, nelle aree prossime allo stabilimento di Belo Horizonte,

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon CORSI BREVI Catalogo formativo 2015 La svolge attività di formazione dal 1989 ed è stata tra i primi in Italia a introdurre percorsi formativi legati al management e al marketing culturale. L'offerta formativa

Dettagli

IL BUDGET. Che cos è il budget.

IL BUDGET. Che cos è il budget. IL BUDGET Che cos è il budget. Ogni progetto deve possedere una sostenibilità economica che permette la realizzazione delle attività e il raggiungimento degli obiettivi. Questa sostenibilità economica

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli