CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI"

Transcript

1 CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI Tratti semplici e tratti complessi Come detto nel capitolo precedente, la genetica classica studia fondamentalmente i cosiddetti tratti mendeliani semplici, quelli in cui, cioè, un determinato tratto del fenotipo è direttamente prodotto dall attività di uno specifico gene. Nel caso delle patologie genetiche, saranno considerati tratti mendeliani semplici le patologie causate da mutazioni di specifici geni. Così, ad esempio mutazioni del gene DMD provocheranno la Distrofia Muscolare di Duchenne, mutazioni del gene CFTR provocheranno la Fibrosi Cistica e mutazioni del gene FGFR3 provocheranno il nanismo. In tutti questi casi, i tratti semplici mostrano delle precise caratteristiche: - Il fenotipo deriva esclusivamente dall azione del gene, senza alcuna influenza ambientale; - Il fenotipo è di tipo qualitativo (ad es. forma o colore) e non di tipo quantitativo ; - Il fenotipo è del tipo dicotomico, ossia del tutto o nulla. Questo significa, ad esempio, che esisteranno persone affette da una certa malattia e persone sane per quella malattia, divisi in gruppi assolutamente netti; - Il fenotipo viene trasmesso in base alle leggi di Mendel. Nella genetica del comportamento, invece, la maggior parte delle condizioni che analizzeremo sarà rappresentata non da tratti semplici, ma da tratti complessi, ossia da caratteri che derivano dall interazione di fattori genetici e fattori ambientali. I tratti complessi avranno caratteristiche diverse da quelle dei tratti semplici, che possono così essere riassunte: - Il fenotipo deriva dall interazione tra fattori genetici (rappresentati dall azione non di un solo ma, di più geni) e ambientali; - Il fenotipo è di tipo quantitativo (es. peso o altezza); - Il fenotipo non è di tipo dicotomico. Esisteranno, infatti, diverse gradazioni nella manifestazione fenotipica di un tratto complesso, in particolare per quanto riguarda le patologie multifattoriali. Questo concetto verrà, tra breve, approfondito quando parleremo del comportamento come tratto complesso; - Il fenotipo si trasmette con modalità che non seguono le leggi di Mendel.

2 Esaminiamo nel dettaglio le caratteristiche appena elencate, utilizzando come esempio di tratto complesso quello del peso corporeo. Tutti sanno bene che il peso di un individuo deriva dall interazione di fattori genetici e ambientali. La quantità e qualità di cibo ingerito, infatti, sono assolutamente rilevanti nel determinare il peso corporeo di un individuo, così come lo è l esercizio fisico. E anche noto che esiste una diversa suscettibilità individuale a diventare più o meno pesanti, in quanto, a parità di cibo ingerito, alcuni individui tendono ad ingrassare più di altri, evidentemente a causa di fattori genetici. Questi fattori, però, non sono rappresentati da un solo gene, ma da molti geni. Alcuni di questi geni controlleranno il metabolismo, ossia la capacità di consumare o accumulare le calorie ingerite col cibo; altri regoleranno il senso di sazietà, rendendo alcuni individui, a parità di cibo ingerito, ancora bisognosi di mangiare rispetto ad altri. Ecco dunque che, la componente genetica del peso corporeo non è monogenica ma multigenica. Il secondo punto importante rispetto ai tratti complessi è che essi sono tratti quantitativi. Il peso corporeo, per rimanere all esempio già utilizzato, è un tratto quantitativo, quindi misurabile, e non qualitativo. Questo accade perché l interazione tra diversi geni e diversi fattori ambientali provocherà una vasta gamma di possibili fenotipi, tutti compresi nella definizione di peso corporeo. Per lo stesso motivo il tratto complesso non è dicotomico. Non si può essere pesanti o non pesanti, in quanto esisteranno una serie continua di diversi possibili pesi corporei, che andranno a caratterizzare una serie di condizioni che vanno dalla costituzione corporea magra a quella obesa. Infine, prendiamo in considerazione l ultima caratteristica, ossia il fatto i tratti complessi non sono trasmessi in modo mendeliano. Abbiamo detto che la componente genetica dei tratti complessi non è di tipo monogenico, ma multigenico. Per il peso corporeo esistono, pertanto, diversi geni di suscettibilità. Ognuno di questi geni si trasmetterà in modo mendeliano, ossia avrà il 50% di possibilità di essere ereditato dalla prole. La possibilità, però, che tutti i geni di suscettibilità vengano trasmessi alla prole è molto minore. Se quindi un individuo è obeso per la presenza di una serie di varianti geniche che aumentano la sua suscettibilità all accumulo di grasso, non necessariamente, tutti questi geni saranno trasmessi in blocco a uno o più figli. Inoltre, visto che questi geni rappresentano solo un elemento di suscettibilità allo sviluppo di un tratto complesso, anche se un individuo ereditasse da un genitore tutti i geni di suscettibilità ad un peso corporeo elevato, la presenza di diverse abitudini alimentari potrebbe condizionare fortemente l effettivo manifestarsi del tratto in questione. Pertanto, nel caso dei tratti complessi non si assiste mai alla presenza di alberi genealogici in cui la malattia si trasmette in modo mendeliano; tuttavia, poiché ovviamente come detto, i singoli geni di suscettibilità vengono comunque ereditati in modo mendeliano, la possibilità che in una stessa famiglia un determinato tratto complesso si presenti in

3 diversi membri è maggiore rispetto a quello che accade nella popolazione generale. Si assisterà, pertanto al fenomeno della aggregazione familiare, ossia della presenza in determinate famiglie di un numero di individui che presentano lo stesso tratto complesso maggiore rispetto alla frequenza osservabile nella popolazione generale. Da tutto quello che si è detto, è facile comprendere come il comportamento umano sia da considerare un tratto complesso. Infatti, sicuramente il nostro carattere è il risultato di una componente innata (genetica), ma anche delle esperienze di vita che vengono svolte dall individuo (ambiente). Inoltre, il comportamento non è un tratto dicotomico, ma presenta tutta una serie di possibili variabili che sfumano l una nell altra. Il comportamento umano, pertanto, segue le stesse regole che abbiamo visto, in generale, essere valide per i tratti complessi. Ci si potrebbe chiedere, peraltro, se in presenza di una chiara patologia del comportamento (es. autismo, schizofrenia) non ci si trovi di fronte a tratti dicotomici, ossia a condizioni che siano distinguibili in modo netto come presenti o assenti. Come vedremo in seguito, questo è un punto molto delicato. Per alcune patologie, quali i disturbi dell umore o la schizofrenia, la variabilità della condizione di malattia è tale da poter dire che in realtà non si possa operare una distinzione netta tra un sano e un malato. Esistono persone all apparenza assolutamente normali che, in realtà, ad un attento esame, presentano caratteristiche peculiari di alcune condizioni psicopatologiche. In questo caso abbiamo una situazione simile a quella che avviene per altre patologie considerate quali tratti complessi, come ad esempio le patologie cardiovascolari. Potremmo considerare queste patologie come una condizione dicotomica, dividendo gli individui in: chi ha avuto un infarto o un ictus e chi non li ha avuti, ma questo sarebbe un grave errore. L infarto o l ictus sono, infatti, solo l evento finale della patologia cardiovascolare, raggiunto a seguito dell instaurarsi di un quadro di disfunzioni organiche quali l ipertensione, l aumento di colesterolo e trigliceridi nel sangue, la formazione di placche di aterosclerosi, e via dicendo. L individuo che possiede queste disfunzioni, ma non ha ancora sviluppato l evento finale (infarto o ictus), non è considerabile come una persona sana. Allo stesso modo, come vedremo, esistono una serie di segni che contraddistinguono l aumentata suscettibilità a condizioni quali la depressione o la schizofrenia, anche in persone che non hanno ancora avuto manifestazioni tali da poter essere diagnosticati come affetti da queste patologie. Abbiamo, quindi, una condizione differente da quella delle malattie monogeniche, ossia dai cosiddetti tratti semplici. Nel caso di questi ultimi, infatti, un individuo o è affetto dalla malattia oppure non lo è, senza vie di mezzo. Pertanto, anche la presenza/assenza di quadri clinici conclamati di patologie del comportamento umano va, comunque, inquadrata sotto la definizione di tratti complessi.

4 Geni e ambiente nella determinazione delle caratteristiche comportamentali A questo punto, è necessario entrare maggiormente nel dettaglio relativamente a quelle che abbiamo definito come componenti genetica e ambientale dei tratti complessi. Abbiamo detto che i geni, che regolano la suscettibilità individuale a sviluppare un tratto complesso, sono diversi. Ma dobbiamo, a questo punto, chiederci che cosa esattamente intendiamo quando parliamo di suscettibilità genetica. In primo luogo, dobbiamo specificare che questa suscettibilità è legata a delle modificazioni nella sequenza dei geni in questione, che sono definibili come varianti geniche o polimorfismi genici. Queste varianti vanno distinte dalle mutazioni geniche, che sono quelle che provocano le malattie mendeliane, e che sono delle alterazioni dei geni direttamente responsabili della patologia. Ad esempio, una delezione del gene DMD è una mutazione, in quanto configura un assetto non funzionale di questo gene e provoca direttamente, senza alcuna interazione con fattori ambientali, la Distrofia Muscolare di Duchenne. Nel caso dei tratti complessi non abbiamo mutazioni geniche, ma solo varianti geniche, ossia assetti di determinati geni che configurano una loro maggiore o minore efficienza, ma non una totale perdita di funzione. Queste varianti geniche, pertanto, non sono in grado di provocare direttamente una malattia, ma creano le condizioni per cui un individuo è più o meno suscettibile alla malattia in questione. Inoltre, alcune delle varianti geniche in questione potranno essere addirittura protettive contro il manifestarsi di una patologia, rappresentando, quindi, condizioni che riducono il rischio di ammalarsi. L insieme dei geni che aumentano il rischio di una patologia multifattoriale e di quelli che, invece, svolgono un azione protettiva costituiscono quello che si definisce come il background genetico di un individuo. Facciamo ancora un esempio. Immaginiamo che ogni individuo possieda 10 geni che possono regolare la sua suscettibilità ad una malattia cardiovascolare, essendo geni implicati nella regolazione della pressione sanguigna, nel metabolismo dei grassi, nella risposta allo stress, e via dicendo. Se un certo soggetto avrà 7 geni che presentano varianti che aumentano la suscettibilità alla malattia cardiovascolare, e 3 geni che invece riducono questa suscettibilità, l insieme delle sue varianti geniche, ossia il suo background genetico, sarà in favore di una aumentata suscettibilità, ma non allo stesso modo di quanto potrebbe accadere in un individuo che abbia in tutti e 10 i geni delle varianti che aumentano il rischio. Se invece, un individuo avrà 6 geni protettivi e 4 geni di suscettibilità, si potrà dire che il suo background genetico è di tipo protettivo, perché il numero di geni che riducono la suscettibilità è maggiore del numero dei geni che la aumentano. Il background genetico di un individuo è stabile nel corso degli anni, in quanto le sequenze dei geni non cambiano e, sebbene durante l'arco della vita possano manifestarsi delle variazioni nelle capacità funzionali di alcuni geni, possiamo dire che la componente genetica di suscettibilità ad una patologia con cui un individuo nasce resta la stessa per tutta la vita. Al contrario, la componente

5 ambientale di un tratto multifattoriale è variabile nel corso della esistenza, ed è molto legata allo stile di vita di un individuo. Utilizzando ancora l esempio delle malattie cardiovascolari, è noto che esistono fattori ambientali di rischio per queste malattie (ad esempio il fumo, un alimentazione ricca di grassi, lo stress, ecc.) e fattori ambientali protettivi (l esercizio fisico, una corretta alimentazione, ecc.). L individuo può modificare nel corso della sua vita l esposizione a fattori ambientali di rischio e il ricorso a fattori ambientali di protezione. In questo modo, il suo rischio genetico, che è immutabile, può produrre effetti completamente diversi in base alle componenti ambientali cui l individuo si espone. Parlando del comportamento umano, possiamo fare un analogo discorso. Ogni individuo nasce con una serie di geni che possono aumentare o diminuire la sua suscettibilità a manifestare taluni comportamenti. E evidente, però, che l esposizione di questo stesso individuo a esperienze di vita di vario genere potrà fortemente condizionare lo sviluppo di un determinato tratto comportamentale e, in ultima analisi, anche di vere e proprie patologie del comportamento. I fattori ambientali, nel caso del comportamento umano, non sono peraltro così facili da identificare come nel caso delle malattie cardiovascolari. Quali fattori ambientali possono modificare il nostro comportamento? Sicuramente le esperienze di vita traumatizzanti o lo stress sono fattori ben noti. Ma ne esistono altri, più sottili e sfumati, e più difficili da identificare. Facciamo l esempio dei disturbi dell alimentazione, ossia dell anoressia e della bulimia, di cui parleremo diffusamente in uno specifico capitolo. E ormai dimostrato che esistono dei geni di suscettibilità ai disturbi dell alimentazione, ossia dei background genetici che aumentano il rischio di un individuo di sviluppare una condizione di anoressia o di bulimia. Questi background genetici non sono però capaci da soli di far sviluppare tali condizioni. L epidemiologia dei disturbi dell alimentazione ci dice che, nella quasi totalità dei casi, gli affetti sono adolescenti di sesso femminile che vivono in paesi industrializzati. E noto come in questi paesi esista un bombardamento da parte dei mass-media volto a diffondere l idea della magrezza come modello vincente di affermazione sociale. Ecco dunque che, in presenza di un background genetico predisponente, specifici fattori sociali (società industrializzate in cui il cibo non è più un valore ricercato) e psicologici (problematiche dell età adolescenziale in soggetti di sesso femminile) rappresentano le componenti ambientali che si innestano sul background genetico portando allo sviluppo della condizione patologica. Gli endofenotipi Come esposto nel capitolo precedente, uno dei capisaldi della genetica classica è quello del concetto di genotipo e fenotipo, ossia dell insieme delle caratteristiche genetiche di un individuo e delle

6 caratteristiche morfologiche e comportamentali che ne derivano. Parlando dei tratti semplici, i concetti di genotipo e fenotipo sono sufficienti: una mutazione di un certo gene provocherà immancabilmente uno specifico fenotipo derivante dall alterata funzione del gene mutato. Le cose, però, si complicano quando si parla di tratti complessi, in quanto, come abbiamo visto, il fenotipo finale non è il risultato diretto della azione del genotipo, ma è il prodotto della interazione del genotipo con alcuni fattori ambientali. Un acquisizione, relativamente recente, rispetto alla genetica dei tratti complessi è quella dei cosiddetti endofenotipi o fenotipi intermedi, che rappresentano un punto intermedio nel tragitto che va dal genotipo al fenotipo. Gli endofenotipi sono markers biologici posti tra il genotipo e il fenotipo finale che possono indicare la suscettibilità allo sviluppo di una patologia, o rappresentarne segni precoci. La cosa più importante, però, è che gli endofenotipi rappresentano il prodotto diretto dell azione dei singoli geni che predispongono allo sviluppo di un tratto complesso. Facciamo degli esempi per spiegare meglio il concetto di endofenotipo. Sappiamo che mutazioni dei geni BRCA1 e BRCA2 costituiscono un forte fattore di rischio per lo sviluppo di un tumore alla mammella. In questo caso, il genotipo in questione è la mutazione di BRCA1 o BRCA2, e il fenotipo è il tumore mammario. Tuttavia, la mutazione di BRCA1 o BRCA2 non produce direttamente il tumore, in quanto questo non si svilupperà nel 100% dei portatori di mutazione e, laddove si manifesti, potrebbe farlo anche in tarda età. E evidente, dunque, che dovranno intervenire anche dei fattori ambientali, oltre che la azione di altri geni, andando a configurare un tipico quadro di un tratto complesso. Le mutazioni di BRCA1 o BRCA2, pertanto, non causano il tumore, ma causano la aumentata suscettibilità al tumore. A questo potremmo chiederci: ma in che cosa consiste, in realtà, quest aumentata suscettibilità? La risposta è che le mutazioni di BRCA1 e BRCA2 provocano la cosiddetta instabilità genomica, ossia una maggiore tendenza del DNA dei soggetti portatori di mutazione ad andare incontro a danni di vario tipo e a una minore capacità di riparare questi danni. Ecco che pertanto abbiamo identificato la corretta successione degli eventi: la mutazione di BRCA1 o BRCA2 rappresenta il genotipo, il tumore alla mammella rappresenta il fenotipo, e l instabilità genomica rappresenta l endofenotipo. Le mutazioni di BRCA1 e BRCA2, pertanto, non produrranno direttamente il tumore; il loro prodotto diretto sarà, invece, l instabilità genomica che, a sua volta, rappresenterà la suscettibilità a nuovi danni del genoma che, alla fine, esiteranno nello sviluppo del cancro. E essenziale, in questo contesto, precisare che anche le pazienti portatrici di mutazioni di BRCA1 o BRCA2, che non si ammaleranno di cancro, mostrano comunque la presenza dell endofenotipo, in quanto saranno comunque portatrici d instabilità genomica. Per tutta una serie di motivi, quali l assenza di fattori ambientali scatenanti, questa instabilità genomica però non si traduce sempre ed inevitabilmente nello sviluppo della malattia.

7 Se, pertanto, si fa lo sforzo di cercare un associazione delle varianti geniche non con il fenotipo finale, ma con l endofenotipo, sarà più semplice arrivare a capire in che cosa consista la base genetica dei disturbi multifattoriali. Parleremo diffusamente di alcuni endofenotipi riguardo a condizioni quali il disturbo bipolare e la schizofrenia, nei capitoli finali. Per il momento, però, dobbiamo soffermarci su alcune caratteristiche degli endofenotipi ed, in particolare, dobbiamo elencare i requisiti minimi che un carattere deve presentare per poter essere definito un endofenotipo di una patologia multifattoriale: 1) l'endofenotipo deve essere associato alla patologia. In altre parole, in certo endofenotipo deve essere, di norma, sempre presente negli individui affetti da una certa patologia; 2) l'endofenotipo deve essere ereditabile, ossia deve essere trasmissibile alla prole; 3) l'endofenotipo deve essere presente indipendentemente dallo stato della malattia. Questo significa che l endofenotipo deve essere presente anche nei momenti in cui un soggetto è in una fase di remissione dalla malattia (come accade, ad esempio, nei disturbi bipolari o nella schizofrenia, dove esistono delle fasi in cui i pazienti possono non mostrare segni della malattia, ma mostreranno la permanenza dell endofenotipo); 4) l'endofenotipo deve segregare con la malattia in tutti i soggetti affetti di una stessa famiglia, ossia deve trasmettersi a tutte le persone di una famiglia che sviluppano la patologia; 5) l'endofenotipo deve presentarsi nei familiari non affetti dei pazienti con una frequenza maggiore di quella riscontrabile nella popolazione generale. Questo è un punto molto importante: poiché avere ereditato un endofenotipo comporterà una maggiore suscettibilità a sviluppare una certa patologia, ma non la certezza di svilupparla; esisteranno dei soggetti che presenteranno l endofenotipo ma non svilupperanno la patologia conclamata. La frequenza di questi soggetti sarà ovviamente più alta in una famiglia in cui siano presenti alcuni casi della patologia in questione, piuttosto che all interno della popolazione generale. Un genitore schizofrenico, ad esempio, potrà trasmettere ai figli degli endofenotipi di schizofrenia, anche se i figli potrebbero non diventare mai schizofrenici. La possibilità di ereditare un endofenotipo di schizofrenia, pertanto, sarà più alta nelle famiglie in cui ci siano già presenti uno o più casi conclamati che nella popolazione generale. La messa a fuoco del concetto di fenotipo intermedio o endofenotipo rappresenta una svolta fondamentale nella genetica dei tratti complessi, e quindi anche nella genetica del comportamento. Infatti, identificare esattamente quale processo biologico viene ad essere influenzato dalla presenza di varianti di specifici geni ci permette di capire quali siano le vie attraverso le quali i geni regolano la suscettibilità alle patologie multifattoriali, a comprendere quali fattori ambientali siano più

8 rilevanti nella determinazione del fenotipo finale e a porre le basi per una terapia mirata che non si basi più sulla cura del sintomo, ma che sia rivolta verso la normalizzazione dei processi biologici alterati. Soprattutto, questo tipo di studi permetterà di costruire delle terapie personalizzate che siano basate sulla conoscenza dei difetti molecolari provocati dalla presenza di specifiche varianti geniche.

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece Clinica e terapia delle malattie retiniche Direttore Scientifico Alfredo Pece Genetica LA GENETICA Cosa sta succedendo nell ambito della diagnostica e della terapia farmacologica oggi? Scoperta di geni

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

4 modulo didattico - Modalità di trasmissione delle malattie

4 modulo didattico - Modalità di trasmissione delle malattie 4 modulo didattico - Modalità di trasmissione delle malattie monogeniche. L analisi dell albero genealogico: uno strumento indispensabile della genetica medica I SIMBOLI DELL ALBERO GENEALOGICO L ANEMIA

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

LA DIAGNOSI PRENATALE : PRESENTE E FUTURO

LA DIAGNOSI PRENATALE : PRESENTE E FUTURO LA DIAGNOSI PRENATALE : PRESENTE E FUTURO LA CONSULENZA GENETICA PRENATALE Fare Dr. Renato clic per Scarinci modificare lo stile del sottotitolo dello schema GENETICA CLINICA Costituisce la parte applicativa

Dettagli

OMOZIGOTE Dominante. OMOZIGOTE Recessivo ETEROZIGOTE

OMOZIGOTE Dominante. OMOZIGOTE Recessivo ETEROZIGOTE GENI E CARATTERI EREDITARI I caratteri ereditari corrispondono a precisi tratti di DNA, i geni, che contengono le informazioni per la sintesi delle proteine. Ciascun gene occupa nel cromosoma una determinata

Dettagli

I.7.1 Malattie genetiche legate al sesso

I.7.1 Malattie genetiche legate al sesso verificare tutti i possibili risultati della fecondazione tra cellula uovo e spermatozoi e constatare come le probabilità che nasca una femmina o un maschio sono entrambe pari al 50%. Figura 7 - Ad ogni

Dettagli

GENOTEST NUTRIZIONE ATTIVITÀ FISICA METABOLISMO CIBI CONSIGLIATI. Risultato del Test del DNA

GENOTEST NUTRIZIONE ATTIVITÀ FISICA METABOLISMO CIBI CONSIGLIATI. Risultato del Test del DNA GENOTEST Risultato del Test del DNA Otterrai una risposta personalizzata per migliorare gli stili di vita in merito a NUTRIZIONE ATTIVITÀ FISICA METABOLISMO CIBI CONSIGLIATI in base alle informazioni genetiche

Dettagli

Obesità ed epigenetica: il ruolo del SIAN nella prevenzione. Antonio Romaniello Direttore U.O.C. SIAN ASL - Potenza

Obesità ed epigenetica: il ruolo del SIAN nella prevenzione. Antonio Romaniello Direttore U.O.C. SIAN ASL - Potenza Obesità ed epigenetica: il ruolo del SIAN nella prevenzione Antonio Romaniello Direttore U.O.C. SIAN ASL - Potenza IP E R N U T R IZ IO N EE N E R G E T IC A (O B E S IT A ') C R IT E R IC L IN IC I E

Dettagli

I disturbi dell umore

I disturbi dell umore I DISTURBI DELL UMORE I disturbi dell umore Rappresentano la più comune patologia psichiatrica della età adulta Consistono in gravi sbalzi dell umore Comportano un rischio di suicidio del 19% Due categorie

Dettagli

GENETICA MENDELIANA NELL UOMO

GENETICA MENDELIANA NELL UOMO GENETICA MENDELIANA NELL UOMO GENETICA FORMALE o GENETICA CLASSICA basata unicamente su risultati visibili di atti riproduttivi. È la parte più antica della genetica, risalendo agli esperimenti di Mendel

Dettagli

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale I disturbi del comportamento alimentare Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Cosa sono i disturbi alimentari (DCA)? Sono problematiche che riguardano il rapporto

Dettagli

Esistono tre forme di diabete

Esistono tre forme di diabete Il Diabete mellito L insulina regola la captazione del glucosio Incapacità delle cellule di captare il glucosio in circolo iperglicemia e glucosuria Disponendo di meno glucosio le cellule degradano i grassi

Dettagli

La trasmissione delle malattie genetiche. Anna Onofri

La trasmissione delle malattie genetiche. Anna Onofri La trasmissione delle malattie genetiche Gli alberi genealogici Anna Onofri I simboli maggiormente utilizzati Le malattie genetiche Molte malattie genetiche sono legate ad un singolo gene e possono verificarsi

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

La trasmissione dei caratteri ereditari. Le leggi di Mendel (1882-1884)

La trasmissione dei caratteri ereditari. Le leggi di Mendel (1882-1884) La trasmissione dei caratteri ereditari Le leggi di Mendel (1882-1884) Le leggi di Mendel studiano la trasmissione di caratteri qualitativi prodotti da un singolo gene Procedimento sperimentale di Mendel

Dettagli

GENETICA MENDELIANA. Per i suoi studi, Mendel utilizzò piante di pisello odoroso (Pisum sativum) Facilità di coltivazione. Disponibilità di varietà

GENETICA MENDELIANA. Per i suoi studi, Mendel utilizzò piante di pisello odoroso (Pisum sativum) Facilità di coltivazione. Disponibilità di varietà GENETICA: è la scienza che studia i caratteri ereditari degli organismi viventi, i meccanismi attraverso i quali si trasmettono ai discendenti e le modalità con cui si manifestano. La genetica moderna

Dettagli

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali Tumore Cos è il tumore? Il tumore o neoplasia (dal greco neo,, nuovo, e plasìa,, formazione), o cancro se è maligno, è una classe di malattie caratterizzate da una incontrollata riproduzione di alcune

Dettagli

Componenti cellulari 24 2.3 Divisione e morte cellulare 38 Introduzione alla genetica 1 CERCASI DONATRICI DI OVULI

Componenti cellulari 24 2.3 Divisione e morte cellulare 38 Introduzione alla genetica 1 CERCASI DONATRICI DI OVULI L Autrice v Prefazione xiii L aspetto umano xvi Applicazioni della genetica umana xvii Il sistema Lewis di apprendimento guidato xviii P A R T E 1 Introduzione 1 A P I T O L O 1 2.2 omponenti cellulari

Dettagli

Salute e Genere Ipotesi di lavoro nelle Marche

Salute e Genere Ipotesi di lavoro nelle Marche Salute e Genere Ipotesi di lavoro nelle Marche Ancona, 14 aprile 2012 L esperienza della Medicina di Genere nell Azienda Ospedali Riuniti di Ancona. Dall organizzazione alla clinica Perdita di salute nella

Dettagli

Il termine connettiviti indica un gruppo di malattie reumatiche, caratterizzate dall infiammazione cronica del tessuto connettivo, ossia di quel

Il termine connettiviti indica un gruppo di malattie reumatiche, caratterizzate dall infiammazione cronica del tessuto connettivo, ossia di quel Il termine connettiviti indica un gruppo di malattie reumatiche, caratterizzate dall infiammazione cronica del tessuto connettivo, ossia di quel complesso tessuto con funzione di riempimento, sostegno

Dettagli

Sviluppo di un tumore

Sviluppo di un tumore TUMORI I tumori Si tratta di diversi tipi di malattie, che hanno cause diverse e che colpiscono organi e tessuti differenti Caratteristica di tutti i tumori è la proliferazione incontrollata di cellule

Dettagli

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può Sale e salute Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può causare gravi problemi alla salute. La quantità

Dettagli

COSA SONO? PERCHE? A CHI? QUALE?. E UNA VOLTA CHE ARRIVA IL RISULTATO?

COSA SONO? PERCHE? A CHI? QUALE?. E UNA VOLTA CHE ARRIVA IL RISULTATO? OS SONO? PERHE? HI? QULE?. E UN VOL HE RRIV IL RISULO??? Di cosa stiamo parlando.. Per test genetici si intendono comunemente le analisi di specifici geni, del loro prodotto o della loro funzione, nonché

Dettagli

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Dott.ssa Maria Luana Poeta Cos è un Tumore Omeostasi Tissutale

Dettagli

EREDITA MENDELIANA IL CARATTERE E TRASMESSO CON GLI AUTOSOMI O E ASSOCIATO AI CROMOSOMI SESSUALI?

EREDITA MENDELIANA IL CARATTERE E TRASMESSO CON GLI AUTOSOMI O E ASSOCIATO AI CROMOSOMI SESSUALI? EREDITA MENDELIANA IL CARATTERE E TRASMESSO CON GLI AUTOSOMI O E ASSOCIATO AI CROMOSOMI SESSUALI? CARATTERE AUTOSOMICO -codificato da geni su cromosomi non sessuali -non ci sono differenze di trasmissione

Dettagli

Igiene nelle Scienze motorie

Igiene nelle Scienze motorie Igiene nelle Scienze motorie Cause di malattia e fattori di rischio per la salute Misurare l incidenza di malattia equivale a valutare la probabilità (ossia il rischio) di avere nuovi casi di malattia

Dettagli

Elementi di Patologia Generale Dott.ssa Samantha Messina Lezione: Patologia Genetica

Elementi di Patologia Generale Dott.ssa Samantha Messina Lezione: Patologia Genetica Elementi di Patologia Generale Dott.ssa Samantha Messina Lezione: Patologia Genetica Anno accademico 2009/2010 I anno, II semestre CdL Infermieristica e Fisioterapia PATOLOGIA GENETICA Oggetto di studio

Dettagli

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA?

L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Cernusco Lombardone 11-05-2013 L OBESITA : FATTO DI ESTETICA O MALATTIA? Dott Ivano Baragetti Divisione di Nefrologia e Dialisi Ospedale Bassini, Cinisello Balsamo Azienda Ospedaliera ICP Milano IN UN

Dettagli

POLICLINICO UNIVERSITARIO A GESTIONE DIRETTA

POLICLINICO UNIVERSITARIO A GESTIONE DIRETTA POLICLINICO UNIVERSITARIO A GESTIONE DIRETTA Istituto di Genetica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE Address: Istituto di Genetica - Facoltà di Medicina e Chirurgia PUGD - Università degli Studi di Udine

Dettagli

LE MALATTIE GENETICHE CLASSE 3 C

LE MALATTIE GENETICHE CLASSE 3 C LE MALATTIE GENETICHE CLASSE 3 C Malattia causata da allele dominante Il nanismo acondroplastico è una malattia causata da un allele dominante; gli individui che ne sono affetti sono di statura molto bassa,

Dettagli

La Giunta regionale toscana è intenzionata

La Giunta regionale toscana è intenzionata 10 Toscana: Alimentazione e salute La Giunta regionale toscana è intenzionata a rafforzare il progetto di studio già in atto sul rapporto tra alimentazione e salute. Lo scopo è di monitorare i comportamenti

Dettagli

Analisi genetica nell uomo: alberi genealogici problemi interpretazione

Analisi genetica nell uomo: alberi genealogici problemi interpretazione Analisi genetica nell uomo: alberi genealogici problemi interpretazione Tipi di ereditarietà monofattoriale autosomica dominante recessiva legata al sesso dominante recessiva Alberi genealogici o pedigrees

Dettagli

PREVENZIONE: Tumori del Seno

PREVENZIONE: Tumori del Seno PREVENZIONE: Tumori del Seno Francesco Paolo Pantano (Chirurgo Oncologo) Il tumore al seno rappresenta il 27% dei tumori del sesso femminile. Ogni anno vi sono circa 36.000 nuovi casi distribuiti nelle

Dettagli

= femmina. = maschio. = fenotipo banda bianca. = fenotipo pezzato. =fenotipo colore uniforme

= femmina. = maschio. = fenotipo banda bianca. = fenotipo pezzato. =fenotipo colore uniforme Test n.8 Dalle Olimpiadi delle Scienze Naturali 2002 PARTE TERZA Le 5 domande di questa parte riguardano il medesimo argomento e sono introdotte da un breve testo e da uno schema. In una razza bovina il

Dettagli

Le iniziative di Promozione Salute in eni

Le iniziative di Promozione Salute in eni Convegno Progetto Ricerca Stargate People Care: dalle malattie critiche alle prassi relazionali aziendali Le iniziative di Promozione Salute in eni www.eni.it Milano 26 ottobre 2011 Auditorium Assolombarda

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

Che cos è la fibrosi cistica

Che cos è la fibrosi cistica La scoperta del gene responsabile della fibrosi cistica ha permesso la messa a punto di un test genetico per identificare il portatore sano del gene della malattia. Si è aperto quindi un importante dibattito

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE AA 2015/16. Alberto Turco. Lezioni 43 e 44 Gio 26.11.15 CONSULENZA GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE AA 2015/16. Alberto Turco. Lezioni 43 e 44 Gio 26.11.15 CONSULENZA GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE AA 2015/16 Alberto Turco Lezioni 43 e 44 Gio 26.11.15 CONSULENZA GENETICA Definizione La consulenza genetica è un servizio con il quale i pazienti o i

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

La patologia Quali sono i sintomi?

La patologia Quali sono i sintomi? EMOCROMATOSI La patologia L'emocromatosi è una condizione che causa un aumentato assorbimento del ferro alimentare e che determina un progressivo accumulo di ferro nell'organismo ed è una malattia ereditaria

Dettagli

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori Prevenzione delle malattie cardiovascolari Percorso per le classi quinte superiori Per cominciare qualche cenno di anatomia Il cuore Il cuore è un organo di tessuto muscolare striato, detto miocardio,

Dettagli

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione Carlo Faravelli Università di Firenze PRINCIPALI INDICATORI EPIDEMIOLOGICI Epidemiologia INCIDENZA: numero di nuovi casi Anoressia Nervosa

Dettagli

Genetica post-mendeliana. Cdl Tecnici di Lab. Biomedico Aa. 2011-12 Prof.ssa Flavia Frabetti

Genetica post-mendeliana. Cdl Tecnici di Lab. Biomedico Aa. 2011-12 Prof.ssa Flavia Frabetti Genetica post-mendeliana Cdl Tecnici di Lab. Biomedico Aa. 2011-12 Prof.ssa Flavia Frabetti DOMINANZA INCOMPLETA GLI IBRIDI F 1 MANIFESTANO UN ASPETTO FENOTIPICO INTERMEDIO RISPETTO ALLE DUE VARIETÀ PARENTALI

Dettagli

TRACCIA DI STUDIO. Concetto di misura. Variabilità biologica

TRACCIA DI STUDIO. Concetto di misura. Variabilità biologica TRACCIA DI STUDIO Variabilità biologica In natura si osservano differenze non solo tra soggetti, ma anche in uno stesso individuo per svariati fattori endocrini, metabolici, emozionali, patologici, da

Dettagli

LA GENETICA MENDELIANA NELLA SPECIE UMANA!

LA GENETICA MENDELIANA NELLA SPECIE UMANA! LA GENETICA MENDELIANA NELLA SPECIE UMANA! ALBERI GENEALOGICI ACCOPPIAMENTO PROGENIE in ordine di nascita (da sx a dx) EREDITA AUTOSOMICA DOMINANTE AUTOSOMICA: il locus genico che controlla il carattere

Dettagli

ESTENSIONI DELLE LEGGI DI MENDEL

ESTENSIONI DELLE LEGGI DI MENDEL ESTENSIONI DELLE LEGGI DI MENDEL Mendel rinuncia alle sue ricerche Mendel proseguì le sue ricerche su altre piante per ottenere conferme alle sue leggi, ma trovò tante e tali contraddizioni che (si dice)

Dettagli

L informazione ottenuta dal test genetico può apportare notevoli benefici, quali:

L informazione ottenuta dal test genetico può apportare notevoli benefici, quali: INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME BREASTSCREEN Il test BreastScreen BreastScreen è un test diagnostico, sviluppato da GENOMA Group, che permette di eseguire un analisi genetica multipla per valutare

Dettagli

Scala fenotipica. Dominante o recessivo? fenotipo. fenotipo. fenotipo A 1 A 1 A 2 A 2 A 1 A 2

Scala fenotipica. Dominante o recessivo? fenotipo. fenotipo. fenotipo A 1 A 1 A 2 A 2 A 1 A 2 fenotipo Dominante o recessivo? Scala fenotipica fenotipo A 1 A 1 A 2 A 2 fenotipo A 1 A 2 A 1 dominante A 1 e A 2. codominanti A 2 dominante A 1 dominanza incompleta A 2 dominanza incompleta Nei casi

Dettagli

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016 Psicopatologia dell anziano 02 marzo 2016 Invecchiamento e Psicopatogia Salute mentale dell anziano: nuovo campo della psicopatologia. Affinamento dei criteri di diagnosi, costruzione e validazione di

Dettagli

Come nasce un tumore. La cellula "impazzisce"

Come nasce un tumore. La cellula impazzisce Come nasce un tumore La cellula "impazzisce" Non si può parlare di un'unica malattia chiamata cancro, ma di diversi tipi di malattie, che hanno cause diverse e distinte, che colpiscono organi e tessuti

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

Salute Infanzia e Adolescenza

Salute Infanzia e Adolescenza Salute Infanzia e Adolescenza Modena 11 ottobre 2005 Migliorare il contesto ambientale, sociale e di cura Paola Pace Pediatra di Libera Scelta in Associazione LA SALUTE È non solo assenza di malattia,

Dettagli

Test genetici a scopo medico

Test genetici a scopo medico Test genetici a scopo medico Test genetici a scopo medico Tutti abbiamo ereditato dai nostri genitori una combinazione unica di geni. Questa costituzione originale e l influenza di vari fattori ambientali

Dettagli

Seconda Parte Specifica di scuola - Genetica medica - 31/07/2015

Seconda Parte Specifica di scuola - Genetica medica - 31/07/2015 Domande relative alla specializzazione in: Genetica medica Domanda #1 (codice domanda: n.311) : Qualora una donna risultasse positiva al test genetico per la ricerca di mutazioni del gene BRCA1, per quale

Dettagli

GENETICA ed EREDITARIETÀ

GENETICA ed EREDITARIETÀ GENETICA ed EREDITARIETÀ 1. Introduzione L Epidermolisi Bollosa (EB) è una malattia di carattere genetico, la cui causa è pertanto da ricercare nei caratteri ereditari di un individuo. I processi che avvengono

Dettagli

Determinazione del sesso Cromosomi sessuali

Determinazione del sesso Cromosomi sessuali Determinazione del sesso Cromosomi sessuali Negli Eucarioti un cromosoma del sesso è un cromosoma presente in forme diverse nei due sessi. Uno è un cromosoma "X", l'altro strutturalmente e funzionalmente

Dettagli

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo!

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo! Somministrazione Insulina - Dossier INFAD Diabete: Conoscerlo per gestirlo! GENERALITA Secondo l ISS il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue

Dettagli

Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere?

Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere? Il caso Jolie: Ereditarietà e prevenzione cosa e come scegliere? Uni-A.T.E.Ne.O. "Ivana Torretta" Sergio Fava Oncologia Medica Legnano 22.10.2013 I nuovi casi di tumore Quali tumori più frequenti? Primi

Dettagli

Un efficace strumento di cura e prevenzione

Un efficace strumento di cura e prevenzione HK HealthKlab HealthKlab Health Klab, il Klab della salute, nasce con l'obiettivo di creare e mantenere salute. Sotto questo marchio operano il Servizio di Prevenzione e Attività Fisica dell'istituto di

Dettagli

Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore

Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_esercizio aerobico Aiuta mantenere peso ideale

Dettagli

IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO. Dott. Francesco Braccioni

IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO. Dott. Francesco Braccioni IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO Dott. Francesco Braccioni LE DIMENSIONI DEL PROBLEMA E il tumore più frequente nelle donne e quello che provoca più decessi Solo in alcuni paesi

Dettagli

Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ

Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ Tesi di laurea La Sclerosi Multipla: disturbi cognitivi, dell'umore e d'ansia Relatore Prof.ssa

Dettagli

Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni

Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni Introduzione Questo esercizio è idoneo al lavoro di gruppo. Ogni gruppo sceglie un testo di lavoro, e presenta

Dettagli

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012 Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione Ricerca quantitativa settembre 2012 Questa ricerca COMMISSIONATA AD ASTRARICERCHE DA LILT NEL SETTEMBRE 2012 REALIZZATA TRA L'11 E

Dettagli

Regione Veneto ULSS N 9 - Treviso 1 Dipartimento di Medicina SERVIZIO DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA. Responsabile Dott. A.

Regione Veneto ULSS N 9 - Treviso 1 Dipartimento di Medicina SERVIZIO DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA. Responsabile Dott. A. Regione Veneto ULSS N 9 - Treviso 1 Dipartimento di Medicina SERVIZIO DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA Responsabile Dott. A. Paccagnella Una breve premessa Se sfogliamo un giornale femminile, viaggiamo

Dettagli

RISULTATO DEL TEST GENETICO GENO NIGEF 1. Rapporto n. DATA DI NASCITA: RICHIEDENTE: Dott. DATA CAMPIONAMENTO: 20.02.2013

RISULTATO DEL TEST GENETICO GENO NIGEF 1. Rapporto n. DATA DI NASCITA: RICHIEDENTE: Dott. DATA CAMPIONAMENTO: 20.02.2013 RISULTATO DEL TEST GENETICO GENO NIGEF 1 Rapporto n. NOME: DATA DI NASCITA: RICHIEDENTE: Dott. DATA CAMPIONAMENTO: 20.02.2013 CODICE CAMPIONE: RICEVUTO DAL LABORATORIO IL: TIPO DI ANALISI: Discriminazione

Dettagli

XXXIX CONGRESSO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA DI EPIDEMIOLOGIA ALIMENTAZIONE E SALUTE NELL ERA DELLA GLOBALIZZAZIONE

XXXIX CONGRESSO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA DI EPIDEMIOLOGIA ALIMENTAZIONE E SALUTE NELL ERA DELLA GLOBALIZZAZIONE XXXIX CONGRESSO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA DI EPIDEMIOLOGIA LA GESTIONE DEL PESO CORPOREO DEI PAZIENTI AFFETTI DA MALATTIA MENTALE GRAVE: STUDIO SPERIMENTALE PILOTA Stefania Impicci A.S.U.R. Marche A.V.2

Dettagli

igiene Scienza della salute che si propone il compito di promuovere, conservare e potenziare lo stato di salute di una comunità

igiene Scienza della salute che si propone il compito di promuovere, conservare e potenziare lo stato di salute di una comunità igiene Scienza della salute che si propone il compito di promuovere, conservare e potenziare lo stato di salute di una comunità salute Art. 32 della Costituzione Italiana: la Repubblica tutela la salute

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI Ogni individuo possiede un proprio patrimonio genetico che lo rende unico e diverso da tutti gli altri. Il patrimonio genetico è costituito da

Dettagli

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Ornella Gottardi - U.O. Oncologia I.R.C.C.S. Multimedica Sesto S. Giovanni Epidemiologia dei tumori Disciplina

Dettagli

Il Counselling. Padova, 21 marzo 2016. Dr.ssa Stefania ZOVATO Istituto Oncologico Veneto (IOV) IRCCS Padova SSD Unità per i Tumori Ereditari

Il Counselling. Padova, 21 marzo 2016. Dr.ssa Stefania ZOVATO Istituto Oncologico Veneto (IOV) IRCCS Padova SSD Unità per i Tumori Ereditari Il Counselling Padova, 21 marzo 2016 Dr.ssa Stefania ZOVATO Istituto Oncologico Veneto (IOV) IRCCS Padova SSD Unità per i Tumori Ereditari Punti chiave del counselling Significato Scopo e limiti A chi

Dettagli

GENETICA GENERALE ED UMANA LA GENETICA E LA SCIENZA DELL EREDITARIETA, CIOE STUDIA LA TRASMISSIONE DELLE CARATTERISTICHE EREDITARIE, CHE DISTINGUONO UN SOGGETTO DALL ALTRO. NEGLI ULTIMI DECENNI LA GENETICA,

Dettagli

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo Esperto in processi innovativi di sintesi biomolecolare applicata a tecniche di epigenetica Materiale Didattico Biologia applicata alla ricerca bio-medica immagine Docente: Di Bernardo Per animali transgenici

Dettagli

5 modulo didattico - Patologia cromosomica.

5 modulo didattico - Patologia cromosomica. 5 modulo didattico - Patologia cromosomica. G0 IL CICLO CELLULARE DI UNA CELLULA DI MAMMIFERO Avviene ogni volta che la cellula si divide Le tappe fondamentali del processo sono: Separazione dei due filamenti

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

PREVENZIONE SECONDARIA

PREVENZIONE SECONDARIA PREVENZIONE PREVENZIONE SECONDARIA 1 LIVELLO DELLA PREVENZIONE SECONDARIA Con il termine di screening, si intende un esame sistematico condotto con mezzi clinici, strumentali o laboratoristici nella popolazione

Dettagli

Legga le informazioni che seguono e poi risponda alla domanda:

Legga le informazioni che seguono e poi risponda alla domanda: La scoperta del gene responsabile della fibrosi cistica ha permesso la messa a punto di un test genetico per identificare il portatore sano del gene della malattia. Si è aperto quindi un importante dibattito

Dettagli

N u o v o P r o g r a m m a d i S c r e e n i n g 2 0 1 4 - S e n o l o g i a D i a g n o s t i c a -

N u o v o P r o g r a m m a d i S c r e e n i n g 2 0 1 4 - S e n o l o g i a D i a g n o s t i c a - N u o v o P r o g r a m m a d i S c r e e n i n g 2 0 1 4 - S e n o l o g i a D i a g n o s t i c a - Di seguito si intende riportare, in sequenza non ordinata, i vari elementi che incidono sul primo approccio

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMEDICHE

DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMEDICHE DIPARTIMENTO DI SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMEDICHE Istituto di Genetica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE Address: Istituto di Genetica DSTB - Università degli Studi di Udine P.le Kolbe,1-33100 Udine - ITALIA

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

Percorso raccomandato:

Percorso raccomandato: Percorso raccomandato: 1) Ottenere una diagnosi accurata. 2) Crescere il paziente come un bambino o una bambina (il consiglio dei medici è di grande aiuto in questa fase). 3) Ottenere informazioni dettagliate

Dettagli

Che cosa ci preoccupa tanto nell obesità dei giovanissimi? Vi è un filo che lega l obesità infantile alle malattie cardio-vascolari nell adulto.

Che cosa ci preoccupa tanto nell obesità dei giovanissimi? Vi è un filo che lega l obesità infantile alle malattie cardio-vascolari nell adulto. Ed ecco la quarta serie di diapositive tratte da alcune presentazioni sull obesità infantile e problemi correlati che ho illustrato durante incontri con i genitori di bambini ed adolescenti desiderosi

Dettagli

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3 U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Centro Disturbi Alimentari TITOLO: PROGETTO EDUCATIVO PER LA PREVENZIONE PRIMARIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) RIVOLTO A DOCENTI E ALLIEVI

Dettagli

Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18

Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18 I BAMBINI E L ATTIVITA MOTORIA: IL PIEDIBUS Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18 PER IMMAGINARE IL NOSTRO FUTURO DOBBIAMO

Dettagli

L informazione ai pazienti

L informazione ai pazienti PREVENZIONE DELLE MALATTIE RARE: LO STATO DELL ARTE L informazione ai pazienti La Consulenza Genetica come strumento d informazione sulle malattie rare Dott. Danilo Deiana Servizio di Screening e Consulenza

Dettagli

MyGenomics. Obiettivo di questo documento è illustrare il funzionamento e i benefici della analisi genomica

MyGenomics. Obiettivo di questo documento è illustrare il funzionamento e i benefici della analisi genomica Obiettivo di questo documento è illustrare il funzionamento e i benefici della analisi genomica Analisi genomica My Genomics Analisi genomica: scopo conoscere le proprie caratteristiche genetiche sapere

Dettagli

SCUOLA IN-FORMA GENERAZIONE FUTURA. Progetto Futura 2. Per la prevenzione dei difetti congeniti e delle malattie genetiche

SCUOLA IN-FORMA GENERAZIONE FUTURA. Progetto Futura 2. Per la prevenzione dei difetti congeniti e delle malattie genetiche Provincia Regionale di Caltanissetta Assessorato Solidarietà Sociale Associazione Casa Famiglia Rosetta Centro di Genetica Medica M.Averna Azienda Unità Sanitaria Locale N.2 Unità Operativa per l Educazione

Dettagli

LA DISFUNZIONE ERETTILE

LA DISFUNZIONE ERETTILE LA DISFUNZIONE ERETTILE Dott. CARMINE DI PALMA Andrologia, Urologia, Chirurgia Andrologica e Urologica, Ecografia Che cosa significa disfunzione Per disfunzione erettile (DE) si intende l incapacità a

Dettagli

Radon e Tumori: cosa li accomuna?

Radon e Tumori: cosa li accomuna? Conferenza con la dottoressa Silvia Villa Radon e Tumori: cosa li accomuna? I.I.S.S. Greppi, Progetto Scuola e casa a misura di radon L oncologa Silvia Villa Tra le varie attività programmate nel progetto

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

L ipertensione arteriosa. Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza

L ipertensione arteriosa. Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza L ipertensione arteriosa Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza Che cosa faremo 1. Brainstorming: che cosa sapete sull ipertensione arteriosa? 2. Presentazione: prove disponibili ( che cosa

Dettagli

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME COLONSCREEN

INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME COLONSCREEN INFORMATIVA E CONSENSO INFORMATO ALL ESAME COLONSCREEN Il test ColonScreen ColonScreen è un test diagnostico, sviluppato da GENOMA Group, che permette di eseguire un analisi genetica multipla per valutare

Dettagli

Indice dell'opera. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione alla genetica Genetica classica e moderna Genetisti e ricerca genetica Sommario

Indice dell'opera. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione alla genetica Genetica classica e moderna Genetisti e ricerca genetica Sommario Indice dell'opera Prefazione Capitolo 1 Introduzione alla genetica Genetica classica e moderna Genetisti e ricerca genetica Capitolo 2 DNA: il materiale genetico La ricerca del materiale genetico La composizione

Dettagli

4 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

4 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta 4 novembre 2004 a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta E' stato stimato che in Italia il 2% circa della popolazione è affetta da anoressia e bulimia. A questa percentuale, comunque, va aggiunto

Dettagli