PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012"

Transcript

1 Associazione Cieli Aperti ONLUS - Via Lazzerini n Prato Sede operativa: Via Marengo n 51 Cod. Fiscale: P. Iva: Telefono: Fax: Web Site: PUNTO LAVORO CIELI APERTI Gennaio dicembre 2012 Premessa Lo sportello lavoro dell Associazione Cieli Aperti è nato nel 2004 grazie ad un finanziamento della Provincia di Prato che ha permesso l attivazione di un servizio di orientamento e ricerca di lavoro, rivolto in modo particolare a soggetti in situazione di disagio. Lo sportello inizialmente è stato attivato dal Comune di Prato Circoscrizione Prato Centro, è stato realizzato con il supporto degli sportelli territoriali dell Anagrafe del lavoro, avviando un servizio integrato con il Centro per l Impiego della Provincia di Prato. Lo sportello è stato attivato anche nel 2007/08. Lo sportello è rimasto comunque attivo a livello di ascolto e orientamento ai servizi territoriali per i soggetti svantaggiati. Dal 2011 è sportello decentrato di Confartigianato e rientra in un progetto provinciale per lo sviluppo della rete decentrata dei servizi territoriali al lavoro. Tale progetto si propone di offrire un servizio di accoglienza e di orientamento al lavoro per soggetti in difficoltà operando secondo una logica di rete e in collaborazione con i vari soggetti attivi sul territorio pratese (Caritas, Arci, Centri di ascolto, Parrocchie e Servizi sociali del Comune di Prato). L obiettivo comune è poter avviare e potenziare i percorsi di inserimento lavorativo e facilitare l incontro tra domanda e offerta di lavoro sul territorio, considerando la situazione particolarmente critica del distretto pratese. L azione principale del progetto ha riguardato l accoglienza dei soggetti in situazione di svantaggio in cerca di lavoro, orientandoli nella ricerca di possibili forme occupazionali. Azioni del progetto Il progetto si è articolato principalmente nelle seguenti fasi: 1. la pubblicizzazione del progetto, che ha consentito di sviluppare un buon lavoro di rete tra la nostra associazione e le realtà del territorio conosciute (ad esempio la Caritas, i servizi sociali del Comune di Prato, le comunità migranti del territorio, i Centri d ascolto di Prato e le Cooperative); EDUCAZIONE INTERCULTURA LAVORO LEGALITA INCLUSIONE SOCIALE Aiuto allo studio Socializzazione Sede convenzionata per la Certificazione DITALS Centro Interculturale LéGHEIN Punto Lavoro Laboratori nelle scuole Progetti Legalità Teatro

2 2. il colloquio conoscitivo con gli utenti: sono state effettuate interviste personali mirate per indirizzare le persone verso forme occupazionali adeguate, sulla base delle attitudini e capacità individuali e per attivare gli interventi nei confronti degli utenti; 3. l incontro tra domanda e offerta di lavoro. Destinatari del progetto Il progetto si è rivolto, soprattutto, a: 1) giovani che, per il proprio vissuto familiare e sociale o per la presenza di handicap psicologico e/o fisico (categorie protette), si sono trovati in una situazione di maggiore difficoltà rispetto ai loro coetanei per l attivazione di un inserimento sociale e lavorativo; 2) immigrati extracomunitari; 3) donne che si sono trovate a doversi reinserire nel mondo del lavoro e/o a cercare occupazione in un paese di cultura, lingua e tradizioni diverse; 4) persone adulte escluse dal circuito lavorativo per un età non più confacente all attuale mercato del lavoro. Una particolare attenzione e considerazione occorre esprimere per le categorie protette e per gli immigrati: Categorie protette: si sono rivolte a noi persone che avevano interrotto un percorso di ricerca del lavoro iniziato con il Centro per l Impiego e con la FIL; abbiamo creduto opportuno segnalarli nuovamente a tali Istituzioni riattivando così una nuova ricerca del lavoro. Tale tipo di collaborazione, che vede noi come intermediari tra il soggetto invalido e la FIL, è tutt oggi costantemente attiva. Immigrati: molti sono gli stranieri che, arrivati da poco in Italia, vengono a cercare un lavoro, ma hanno molte difficoltà con la lingua. Emerge quindi un bisogno educativo di tipo linguistico, che permetta l apprendimento dell italiano a vari livelli in modo che questo possa essere usato in ambito lavorativo. Dunque non solo italiano livello A1, ma anche orientato al lavoro. Metodologia Il rapporto con gli utenti si svolge in più fasi Fase I: primo contatto. L utente si rivolge a noi e si verifica l eventuale iscrizione al Centro per l impiego, si raccoglie la storia lavorativa e si compila il Curriculum Vitae, nel caso l utente ne sia sprovvisto. Fase II: si provvede a far iscrivere l utente al Centro per l impiego, qualora non l abbia già fatto in precedenza, indicando la prassi da seguire e si inizia ad impostare un cammino di ricerca del lavoro consono alle attitudini e capacità del soggetto. Fase III: si cerca di seguire l utente in tutte le sue fasi, dalla ricerca del lavoro, alla presentazione del CV, allo svolgimento dei colloqui di selezione, fino all eventuale assunzione. 2

3 Nella prima fase della pubblicizzazione abbiamo indirizzato la ricerca dell offerta di lavoro verso alcuni settori prendendo contatti con imprese di pulizie, imprese di facchinaggio, cooperative di servizi e, attraverso conoscenze personali, con filature e autofficine meccaniche. Abbiamo riscontrato una difficoltà iniziale nel presentare l attività ad alcune aziende, dovuta principalmente allo scetticismo nei confronti delle persone alle quali si rivolge il progetto, e alla situazione di difficoltà del distretto tessile che porta le aziende ad assumere persone in numero sempre più ristretto e sempre più specializzate. Inoltre, questa prima fase ha richiesto un notevole impegno per la fruizione del servizio da parte dell utenza in maniera corretta: infatti, la tipologia di persone coinvolte e da coinvolgere vive spesso nel disagio sociale, causato sempre più dalla carenza di lavoro. Tale situazione ha visto, soprattutto negli ultimi anni, una crescente richiesta di sostegno sia da parte di persone di nazionalità italiana che straniera. L associazione Cieli Aperti, che ha tra le proprie finalità, fra l altro, la promozione della famiglia, si è sempre resa disponibile a farsi carico delle situazioni più gravi. Le famiglie che si rivolgono all associazione vivono spesso in situazioni con gravi problemi economici, con difficoltà nel pagare mutui e bollette, senza un lavoro e con diversi figli a carico. Con l attuazione del progetto è stato agevolato il percorso per il reinserimento. Nella fase del colloquio conoscitivo con l utente l operatore dello sportello provvede a raccogliere tutti i dati personali, il corso di studi intrapreso, le esperienze lavorative, le attitudini e le capacità personali spendibili nel percorso di inserimento, al fine di indirizzare al meglio la ricerca del lavoro. Inoltre, l operatore assiste l utente nella stesura di un curriculum vitae quando questi ne è sprovvisto. La fase dell incontro tra utente e mondo del lavoro, vede innanzitutto la necessità di correggere l approccio fra il tutor e l utente. Molti utenti, vivendo una situazione di disagio, hanno difficoltà nel rapportarsi con il datore di lavoro; alcuni si licenziano dopo poco tempo, altri per la loro insicurezza non riescono a fare emergere le loro reali capacità e vengono licenziati perché non ritenuti adeguati a quel tipo di lavoro. Ciò comporta due situazioni negative: nel primo caso gli utenti tornano alla ricerca di lavoro, rendendo sempre più precaria la loro situazione; nel secondo si verifica la perplessità delle ditte sulle persone avviate. In questa fase del progetto si rileva, pertanto, la necessità di interagire e di parlare di continuo con le varie aziende contattate e, al momento dell assunzione, di accompagnare più da vicino la persona: i primi giorni sono infatti quelli più importanti, poiché rappresentano il primo passo per la persona che dovrà poi iniziare a camminare da sola. Strategie di azione Nel corso del progetto abbiamo conosciuto tante situazioni per le quali abbiamo interagito con diverse realtà ed associazioni: ad esempio, con l ARCI per i rifugiati politici, con la Caritas per incontrare assieme le persone in difficoltà e agire poi di conseguenza, con il Comune di Prato - servizi sociali, con la FIL ed il Centro per l Impiego per avere consulenza e poter riprendere percorsi interrotti con vari utenti. 3

4 Per poter concludere in modo positivo il percorso abbiamo cercato, quindi, di trovare nuove strade che agevolassero, per quanto possibile, l inserimento della persona nel mondo lavorativo. Le strade che abbiamo individuato sono principalmente tre: 1. lavorare in rete con i vari servizi esistenti sul territorio che si occupano di inserimento lavorativo per portare avanti un singolo percorso in collegamento con i vari servizi e sportelli. 2. collaborare con l Ufficio del Lavoro dell Assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Prato. Molti utenti sono seguiti anche da tale ufficio, quindi, interagire con esso ha permesso e permette di intervenire in maniera più efficace sul percorso di ricerca di occupazione. L attivazione della borsa lavoro con la collaborazione del Comune di Prato ha agevolato, inoltre, l intermediazione con l azienda. 3. Far diventare l Associazione Cieli Aperti soggetto che ospita persone con contratto sociale o borsa lavoro: tale azione ha permesso ad alcuni utenti di essere seguiti e guidati nel mondo del lavoro in maniera più continuativa e costante. Infine, una delle misure più positive messe in atto nei confronti degli utenti più giovani è stata quella di indirizzarli verso la pratica dei tirocini formativi: in particolare, ci siamo attivati per contattare direttamente le imprese disponibili ad attuare questo tipo di percorso formativo. 4

5 Dati finali Nel periodo di riferimento (Gennaio 2012-Dicembre 2012) si sono rivolti allo sportello NOL 1343 utenti di cui: 931 donne (40% italiane e 60% di origine straniera) e 412 uomini (65% italiani e 35% di origine straniera). Le nazionalità straniera più diffusa è quella marocchina sia tra gli uomini (12%) che tra le donne (17%). 5

6 Confronto dati con anni precedenti Nov 04-nov 05 Feb 07- gen 08 Gen 12- dic 12 Tot utenti Uomini Donne Uomini italiani Uomini stranieri Donne italiane Donne straniere Si può notare che il numero delle donne che si è rivolto allo sportello è sempre stato superiore rispetto agli uomini. Questo dato va confrontato con la provenienza degli utenti che ci mostra che 6

7 tra gli utenti di sesso maschile c è una prevalenza di italiani (65%), mentre tra le utenti di sesso femminile c è una prevalenza di donne straniere (60%). Ciò che si può subito notare è la crescita esponenziale del numero di utenti che si è rivolta allo sportello, questo è dovuto sicuramente alla situazione occupazionale sfavorevole che ci troviamo ad attraversare che vede aumentare il tasso di disoccupazione (8.4%, tasso di disoccupazione nel 2011 e 10,7%, tasso di disoccupazione nel 2012 Dati ISTAT) Tasso di disoccupazione (Fonte: ISTAT) 7

8 8 La maggior parte degli utenti (66%) è compresa nella fascia di età 37/60, tale dato conferma anche l andamento degli anni precedenti, in cui la maggior parte degli utenti era compresa nella fascia d età 33/49. Anche tale dato può indicare una crescente presenza di persone che escono dal mercato dal lavoro in un età avanzata in stretto collegamento con la pesante crisi economica che sta interessando il distretto pratese, e dunque con la crescita del tasso di disoccupazione.

9 Il titolo di studio prevalente degli utenti che si sono rivolti allo sportello è quello delle medie inferiori (58%), solo di 4% è laureato. Questo può significare che chi ha una laurea si rivolge a canali diversi per la ricerca di un lavoro. In merito agli anni precedenti non ci sono dati sul titolo di studio degli utenti che si sono rivolti allo sportello. Dall analisi dei titoli di studio emerge dunque, la necessità di indirizzare gli utenti a percorsi formativi mirati che permettano loro di acquisire un titolo, ma soprattutto competenze spendibili nel mondo del lavoro, attraverso corsi di formazione che prevedano anche un monte ore di stage allo scopo di consentire un avvicinamento diretto al tipo di lavoro per il quale si stanno formando. Spesso chi si trova in stato di disoccupazione si trova a dover affrontare emergenze pratiche e quindi l obiettivo principale è quello di trovare un occupazione che permetta di far fronte alle difficoltà economiche, ma è fondamentale passare il messaggio che l investimento sulla propria formazione può essere una risorsa che, a medio lungo termine, porta vantaggi a livello di opportunità occupazionali, nonché benefici psico-sociali. 9

10 Per gli stranieri, in particolare, resta di fondamentale importanza l apprendimento della lingua italiana, qualora il livello di padronanza della stessa fosse insufficente, per un inserimento efficace nel mondo del lavoro. Difatti, non comprendere, non saper leggere e scrivere la lingua del paese di immigrazione può costituire un grave ostacolo nella ricerca di un occupazione. Dati occupazionali Nel corso del 2012, hanno trovato lavoro 126 persone, pari al 9.38% del totale degli utenti, con inserimenti, tirocini e occupazioni con varie forme di contratto. Il maggior numero di inserimenti ha riguardato gli utenti di origine straniera, con un 52% sul totale dei soggetti. 10

11 11 Il settore in cui è stato collocato il maggior numero di persone è stato quello dei servizi alla persona, infatti il 69% degli occupati ha trovato lavoro come badante o domestico, il 12% come magazziniere. Questo dato rispecchia la maggiore presenza di donne straniere tra l utenza che si è rivolta al nostro sportello.

12 Considerazioni finali Il comune denominatore delle persone che cercano lavoro può essere individuato nel seguente profilo: mancanza di un mestiere qualificato, bassa istruzione, e, nel caso di donne immigrate, scarsa conoscenza della lingua italiana e del territorio. Nei vari colloqui che abbiamo realizzato con le donne immigrate e con i giovani che hanno abbandonato la scuola, abbiamo constatato che nella maggior parte manca una progettualità sia a breve che a lungo termine nell ambito lavorativo. Nel colloquio di orientamento di primo livello abbiamo le seguenti azioni: informazione sulle varie opportunità di lavoro (C.I. di Prato, Firenze, Pistoia) e informazione su come si può accedere a questi, costruzione curriculum vitae, metodo di ricerca del lavoro. Proprio allo scopo di aiutare la persona a far fronte all emergenza, fin dal primo colloquio dividiamo la ricerca del lavoro in due fasi: la prima quello aderire a tutte le offerte che rientrano nel proprio profilo e la seconda di progettare, anche attraverso la formazione che rilascia una qualifica, la ricerca del lavoro a lungo termine. Dal nostro sportello rileviamo che le persone sprovviste di un diploma, di una qualifica, soprattutto se sono donne immigrate, necessitano di un programma che va oltre il colloquio di primo livello, ossia hanno bisogno di essere seguite con continuità dentro un programma che possa dare loro una guida concreta e una crescita professionale finalizzata all occupazione. Senza un percorso mirato e finalizzato all occupazione, sia i giovani che le donne immigrate, rischiano di non trovare il proprio spazio nell attuale mercato del lavoro che è fortemente competitivo, per questo si rende necessario, per quanto possibile, intervenire prima che queste persone possano scivolare nella fase della resa vedendo che non ottengono alcun risultato anche se continuano a consegnare il curriculum vitae. Tra le categorie a rischio oltre i giovani e le donne immigrate, come abbiamo detto sopra, abbiamo quella di uomini intorno ai quaranta anni, non necessariamente con basso profilo, ma dato che la loro assunzione non presenta alcun vantaggio fiscale alle aziende (non sono iscritti né nelle liste di mobilità, né in quelle delle categorie protette etc.), l unico vantaggio potrebbe essere quello di disoccupati di lunga durata, ma questo sgravio anche se dura tre anni richiede l assunzione a tempo indeterminato da parte dell azienda e attualmente questo è molto difficile. Quindi bisogna ipotizzare un percorso di inserimento anche per questa categoria di persone. Il 45,45% degli utenti non aveva mai compilato un curriculum vitae: oltre all aiuto nella redazione degli stessi, si è insegnato agli utenti come si compila un cv e una lettera di presentazione allo scopo di renderli autonomi anche in questa fase. Successivamente sono stati informati e indirizzati ai vari canali, e molto si è fatto leva sulla ricerca attiva del lavoro, cercando di rendere indipendenti le persone nella ricerca di un occupazione. Dall analisi complessiva appare quindi che il progetto ha dato la possibilità di far inserire nel mondo lavorativo persone che sono spesso considerate un costo a livello sociale, perché incapaci di reagire a determinate situazioni di povertà sia materiale che culturale: con l esperienza del lavoro, stanno riuscendo a ritrovare la fiducia in se stesse. L associazione è riuscita anche a creare e rafforzare la rete di supporto per utenti iscritti alle categorie protette (ma che, per tanti motivi, non si rivolgevano più ai vari uffici), e utenti che non 12

13 evidenziano handicap, ma lo stesso vivono una situazione di svantaggio. Alcuni di loro infatti, pur avendo trovato lavoro, necessitano di mantenere rapporti di sostegno umano-relazionale. Purtroppo in molti casi sono state rifiutate offerte di lavoro per disinteresse al tipo di lavoro, problemi di spostamento e orario di lavoro. Un elemento di grande rilevanza, punto di forza del progetto, è il tutoraggio che permette agli utenti di sentirsi sostenuti nel percorso di avviamento al lavoro e aiutati nell instaurare rapporti con i colleghi e superiori. Il tutoraggio degli utenti ha rafforzato ulteriormente la loro autostima e ha permesso di affrontare le complesse problematiche emergenti e fronteggiare i tentativi di abbandono per presunta inadeguatezza e autovalutazione che spesso sono emersi nel primo periodo di lavoro. Un altro aspetto da tenere in grande considerazione è stato la possibilità di avviare percorsi di tirocinio formativo e inserimento terapeutico, che hanno rappresentato per i molti utenti che ne hanno usufruito, il primo approccio alla dimensione lavorativa. Prato, 7 gennaio

RELAZIONE PUNTO LAVORO. Gennaio dicembre 2014

RELAZIONE PUNTO LAVORO. Gennaio dicembre 2014 Associazione Cieli Aperti ONLUS - Via Lazzerini n 1-59100 Prato Sede operativa: Via Marengo n 51 Cod. Fiscale: 92062880486 - P. Iva: 01939060974 Telefono: 0574 607226 3898475801 - Fax: 0574 607226 E-mail:

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

Forum regionale per l Educazione degli Adulti in Toscana

Forum regionale per l Educazione degli Adulti in Toscana Forum regionale per l Educazione degli Adulti in Toscana Progetto Linguaggi PASSEPARTOUT POR Toscana Ob. -Competitività regionale e occupazione FSE 007 013 Asse IV Capitale umano A.D. 174 del 30.06.010

Dettagli

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO ASSESSORATO AI CENTRI PER L IMPIEGO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ATTIVITA PRODUTTIVE, ENERGIA E SICUREZZA Servizio Lavoro, Collocamento e Formazione GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO GLI STRUMENTI MESSI IN

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego 2015 Veronica Stumpo Responsabile di posizione organizzativa Centro per l Impiego di Trieste Trieste, 4 novembre 2015 L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE

Dettagli

PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE

PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE PROGETTO LAVORO E FORMAZIONE OBIETTIVO GENERALE Il Progetto Lavoro e Formazione interviene specificamente sulla formazione e l inserimento lavorativo di persone in situazione di disagio economico e/o esistenziale.

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA La Regione Siciliana in collaborazione con Italia Lavoro ha destinato 19.250.000 euro per l avviamento di percorsi di tirocinio per

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE

AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE AFP COLLINE ASTIGIANE CARTA DEI SERVIZI (SERVIZI AL LAVORO) PRESENTAZIONE CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è un documento in cui AFP COLLINE ASTIGIANE specifica le finalità e le caratteristiche

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona AREA PSICOLOGI SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI e AFFIDI FAMILIARI DISTRETTUALE SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI Il servizio ha l obiettivo di garantire in sinergia

Dettagli

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE Obiettivi del Produrre un miglioramento nella condizione di vita delle famiglie in situazione di difficoltà che abitano il

Dettagli

Convegno Competitività e coesione sociale: le politiche per l inclusione lavorativa delle persone disabili e svantaggiate

Convegno Competitività e coesione sociale: le politiche per l inclusione lavorativa delle persone disabili e svantaggiate Convegno Competitività e coesione sociale: le politiche per l inclusione lavorativa delle persone disabili e svantaggiate Servizio Politiche del Lavoro e Formazione Professionale Venerdì 4 Luglio 2008

Dettagli

- LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SOCIALE

- LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SOCIALE Allegato B - LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SOCIALE - LINEE GUIDA SULLA FORMAZIONE RIVOLTA A PERSONE DISABILI- PRELAVORATIVO e FORMAZIONE AL LAVORO (con indirizzo) NOTA BENE: per l accesso ai corsi lo stato

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014)

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014) LAVORARE... occupare un posto di lavoro realizzazione personale, familiare indipendenza percepire uno stipendio, reddito conquistare un ruolo attivo riconoscibile dalla comunità, partecipazione sociale,

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE ANNUALITA 2011/2012 Master e Corsi di Specializzazione per Laureati finanziati dalla Regione Campania attraverso Voucher Formativi individuali www.altaformazioneinrete.it

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani La realtà siciliana vive gli effetti più gravi della crisi che continua a colpire

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI AGENZIA DEL LAVORO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L IMPIEGO 1. LA CONDIZIONE GIOVANILE SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRENTO

Dettagli

Sintesi dei risultati

Sintesi dei risultati 1 Sintesi dei risultati Il presente documento sintetizza i principali risultati ottenuti dall attività di ricerca e di intervista sviluppata dallo Studio GMB per conto dell Associazione Territorio e Cultura

Dettagli

SCHEDA "Mappatura dei servizi territoriali - Azione 1 - Progetto Equal: A Lungo. Strategie di territorio per l'accompagnamento al lavoro"

SCHEDA Mappatura dei servizi territoriali - Azione 1 - Progetto Equal: A Lungo. Strategie di territorio per l'accompagnamento al lavoro SCHEDA "Mappatura dei servizi territoriali - Azione 1 - Progetto Equal: A Lungo. Strategie di territorio per l'accompagnamento al lavoro" Denominazione Servizio / Ente: Centro per l'impiego di Castelnovo

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ CLASSE LM 51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale in Psicologia si propone di formare

Dettagli

SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO

SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO 00 SCOPRI COSA POSSONO FARE PER IL TUO LAVORO Piccolo glossario per gli utenti dei Centri per l Impiego. 2 1. La classificazione degli utenti 2. Lo stato di disoccupazione 3. Conservazione perdita e

Dettagli

Reti di sostegno per bambini e famiglie in difficoltà

Reti di sostegno per bambini e famiglie in difficoltà SCHEDA DI PROGETTO relativa al Programma finalizzato alla promozione di diritti e di opportunità per l'infanzia e l'adolescenza Titolo del progetto n. 7 Reti di sostegno per bambini e famiglie in difficoltà

Dettagli

SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO

SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 01 Titolo: Sistemi E-Commerce per l Agricoltura SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 02 Acronimo: Agri@ 03 Soggetto proponente capofila e partenariato operativo 03.1. Denominazione soggetto proponente

Dettagli

Lo sviluppo delle cooperative di inserimento

Lo sviluppo delle cooperative di inserimento PREMESSA La Cooperativa Sociale a r.l. Onlus Solidarietà è Crescita è nata nel giugno del 1998 come logica conseguenza dell operato svolto dal Centro di Solidarietà di Grosseto, associazione di volontariato

Dettagli

PROTOCOLLO DI INFORMAZIONE, ACCESSO E ACCOGLIENZA DELL UTENZA IMMIGRATA NEI SERVIZI TERRITORIALI DEL TERRITORIO DELLA VALDICHIANA SENESE

PROTOCOLLO DI INFORMAZIONE, ACCESSO E ACCOGLIENZA DELL UTENZA IMMIGRATA NEI SERVIZI TERRITORIALI DEL TERRITORIO DELLA VALDICHIANA SENESE PROTOCOLLO DI INFORMAZIONE, ACCESSO E ACCOGLIENZA DELL UTENZA IMMIGRATA NEI SERVIZI TERRITORIALI DEL TERRITORIO DELLA VALDICHIANA SENESE TRA Comune di Sinalunga Assessorati Servizi Sociali e Istruzione

Dettagli

1. IL SERVIZIO I.L.CO.M.

1. IL SERVIZIO I.L.CO.M. REPORT ATTIVITÀ SERVIZIO I.L.Co.M. 2012 1. IL SERVIZIO I.L.CO.M. Il servizio I.L.Co.M., realizzato dalla Società Pubblica Zona Ovest di Torino Srl su incarico dei Comuni di Grugliasco e Collegno in convenzione

Dettagli

La Bussola. 1. Titolo del progetto. 2. Nuovo progetto - No. 3. Progetto già avviato - Si

La Bussola. 1. Titolo del progetto. 2. Nuovo progetto - No. 3. Progetto già avviato - Si 1. Titolo del progetto La Bussola 2. Nuovo progetto - No 3. Progetto già avviato - Si 4. Se il progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale e/o l utenza

Dettagli

Prefettura di Firenze Area V Diritti Civili, Cittadinanza, Immigrazione, Diritto d Asilo Consiglio Territoriale per l Immigrazione

Prefettura di Firenze Area V Diritti Civili, Cittadinanza, Immigrazione, Diritto d Asilo Consiglio Territoriale per l Immigrazione Relazione sull attività svolta nell anno 2003 L attività in sintesi Dal mese di aprile 2002 ad oggi, aprile 2004 si sono svolte sette sedute plenarie del durante le quali sono state esaminate numerose

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015

Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015 Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015 PRESENTAZIONE Gruppo R è una cooperativa sociale di tipo A, costituita ai sensi della legge 381/91. Come tale è quindi un soggetto in continua

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA. PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati)

SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA. PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati) PROVINCIA DI LATINA SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati) Ai sensi della Deliberazione di Giunta Regionale n. 792 del 31

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE 2015-2020 PREMESSA Il documento è stato inviato alle Associazioni

Dettagli

La rete dei Comuni della Valpolicella e Baldo Garda Esperienza 2010

La rete dei Comuni della Valpolicella e Baldo Garda Esperienza 2010 Le reti che orientano La rete dei Comuni della Valpolicella e Baldo Garda Esperienza 2010 Progetto di orientamento per adulti 2010 - DGR 3214/09 Una nuova opportunità: comuni in rete per l orientamento

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Viale Postumia, 37 37069 Villafranca di Verona (VR) Tel. 045/6304651 Fax 045/6300786 C.F. e P.IVA 02468430232

CARTA DEI SERVIZI. Viale Postumia, 37 37069 Villafranca di Verona (VR) Tel. 045/6304651 Fax 045/6300786 C.F. e P.IVA 02468430232 Iscritto all elenco regionale dei soggetti accreditati ai sensi dell art. 25 della Legge Regionale n. 3 del 13 marzo 2009 Disposizioni in materia di occupazione e mercato del lavoro Codice accreditamento:

Dettagli

Proposta di accoglienza 1. Accoglienza, orientamento e integrazione in favore di richiedenti la protezione internazionale appena arrivati in Italia

Proposta di accoglienza 1. Accoglienza, orientamento e integrazione in favore di richiedenti la protezione internazionale appena arrivati in Italia Proposta di accoglienza 1 Accoglienza, orientamento e integrazione in favore di richiedenti la protezione internazionale appena arrivati in Italia Condizione necessaria L attuazione del presente progetto

Dettagli

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

1. Scopo del documento. 2. Presentazione dei soggetti attuatori. 3. Il progetto. 3.1. Obiettivi generali. 3.2. Destinatari. 3.3. Le fasi del progetto

1. Scopo del documento. 2. Presentazione dei soggetti attuatori. 3. Il progetto. 3.1. Obiettivi generali. 3.2. Destinatari. 3.3. Le fasi del progetto 1. Scopo del documento 2. Presentazione dei soggetti attuatori 3. Il progetto 3.1. Obiettivi generali 3.2. Destinatari 3.3. Le fasi del progetto 3.4. Territorio di intervento 3.5. Le collaborazioni 4.

Dettagli

PASSO DOPO PASSO. Progetti per il Reinserimento sociale e lavorativo di persone appartenenti a categorie fragili

PASSO DOPO PASSO. Progetti per il Reinserimento sociale e lavorativo di persone appartenenti a categorie fragili PASSO DOPO PASSO 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Esclusione Sociale 5. Macrotipologia Progetti per il Reinserimento sociale

Dettagli

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su:

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: Approfondimenti Servizi alla persona: informazioni sul mondo del lavoro Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: - percorsi formativi

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L art. 3, II comma della Costituzione Italiana recita: è compito

Dettagli

Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma -------------------------------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679

Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma -------------------------------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679 1 Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma ----------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679 Oltre l affido L Associazione Ain Karim opera ormai da circa sette anni a sostegno di

Dettagli

GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE

GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE Corso di Studio in Servizio sociale e Sociologia Laurea in Servizio Sociale L39 GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE Profilo professionale di riferimento L assistente sociale è un professionista chiamato ad

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA L ISCRIZIONE Le iscrizioni dei minori stranieri, indipendentemente dalla regolarità

Dettagli

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture)

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) AREA IMMIGRATI Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) A - DESCRIZIONE SINTETICA DELL AZIONE Le finalità principali che il Centro Servizi Immigrati

Dettagli

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO Allegato alla determinazione direttoriale n. 682/000/DIG/14/0025 del 06.06.2014 INDICE PREMESSA ART. 1 - CAMPO DI INTERVENTO ART. 2 - DESTINATARI DELL INTERVENTO LAVORATIVO ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI

Dettagli

IL CONTESTO. Di cui Uomini Milano San Vittore 1102 102 1000 Opera 1116 42 1074 Bollate 710 0 710 Monza 591 86 505. N.

IL CONTESTO. Di cui Uomini Milano San Vittore 1102 102 1000 Opera 1116 42 1074 Bollate 710 0 710 Monza 591 86 505. N. PROGETTO I SERVIZI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI MILANO PER IL SOSTEGNO ALL INSERIMENTO AL LAVORO DELLE PERSONE RISTRETTE NELLE LIBERTA E DEGLI EX-DETENUTI IL PROGETTO L Assessorato al Lavoro della

Dettagli

QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI

QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI codice intervista: Sezione A) DATI RELATIVI ALL ASSOCIAZIONE E A CHI RISPONDE AL QUESTIONARIO.A00 Denominazione Associazione Nome e Cognome Numero di

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà

Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà Titolo del progetto Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà Destinatari Nuclei familiari presenti in 3 insediamenti siti in Corso dei Martiri della Libertà a Catania: Nuclei familiari bulgari

Dettagli

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE 1 RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 1 Presentazione 2 Scheda individuale 3 Traccia di intervista individuale 4 Traccia focus group 1 Presentazione LA RICERCA:

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: La rosa dei venti SETTORE e Area di Intervento: SETTORE: Educazione e Promozione culturale Area di Intervento: Sportelli Informa OBIETTIVI

Dettagli

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO Allegato A Linee generali per la presentazione del progetto di gestione dei servizi di promozione e tutela della donna : CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

Dettagli

COME FARE UN TIROCINIO EXTRACURRICULARE

COME FARE UN TIROCINIO EXTRACURRICULARE COME FARE UN TIROCINIO EXTRACURRICULARE IN ITALIA a cura di Silvia Lotito Fareturismo Roma, 18 marzo 2015 Che cos è il tirocinio? Definizione di tirocinio Periodo di orientamento e di formazione on the

Dettagli

IL TIROCINIO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO GUIDA OPERATIVA

IL TIROCINIO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO GUIDA OPERATIVA REGIONE SICILIANA Assessorato Regionale del Lavoro, della Previdenza Sociale, AGENZIA REGIONALE PER L IMPIEGO E PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE Ufficio Provinciale del Lavoro e della Massima Occupazione

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Progetto Vivere in Comunità anno 2016

Progetto Vivere in Comunità anno 2016 DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE E DI COMUNITÀ ISTITUTO PENALE PER I MINORENNI L E C C E Progetto Vivere in Comunità anno 2016 PER I MINORI OSPITI DELLA COMUNITA PUBBLICA PER MINORI Via Monteroni, 157/A

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli

Banca Dati Rete Consortile. Questionario raccolta dati cooperative di tipo A

Banca Dati Rete Consortile. Questionario raccolta dati cooperative di tipo A Pagina 1 di 14 Questionario raccolta dati cooperative di tipo A Il presente questionario intende promuovere un indagine finalizzata a rilevare le informazioni necessarie per la redazione del bilancio sociale

Dettagli

Provincia di Bergamo. I servizi dei centri per l Impiego. Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro

Provincia di Bergamo. I servizi dei centri per l Impiego. Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro Provincia di Bergamo I servizi dei centri per l Impiego Settore Istruzione,Formazione,Lavoro e Sicurezza lavoro Lavoro e Politiche Le Politiche del Lavoro: Mirano a Interventi per regolare le modalità

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Un caso di buona pratica in Friuli Venezia Giulia:

Un caso di buona pratica in Friuli Venezia Giulia: EUROPA 2020 ED ENTI LOCALI: POLITICHE INTEGRATE DI WELFARE CONTRO LA POVERTA E LO SVANTAGGIO SOCIALE. 10 OTTOBRE 2014 GORIZIA Un caso di buona pratica in Friuli Venezia Giulia: LA COSTRUZIONE DI UN SISTEMA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO PRESENTAZIONE OPERATORE CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO La Cooperativa Sociale Conedia è stata costituita a maggio 2011, come emanazione dell Associazione F.L.E.G. Formazione Lavoro e Gioventù. Ha come oggetto

Dettagli

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 6 2. TITOLO AZIONE SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Analisi del Contesto Nel piano

Dettagli

[GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda

[GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda 2014 Imera Sviluppo 2010 Giuseppe Di Gesù [GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda GARANZIA GIOVANI: CHE COS E La Garanzia Giovani

Dettagli

LA GARANZIA GIOVANI IN CAMPANIA

LA GARANZIA GIOVANI IN CAMPANIA LA GARANZIA GIOVANI IN CAMPANIA Cos è la Garanzia Giovani? La Garanzia Giovani è un iniziativa dell Unione Europea per diminuire la disoccupazione giovanile, nei paesi membri in cui questa è al di sopra

Dettagli

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Anno Scolastico 2012/2013 [[[Nessun bambino può essere considerato straniero, laddove ci si occupa di educazione, di trasmissione di valori, di conoscenze

Dettagli

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere I Servizi della Provincia di Rimini a favore delle donne in difficoltà e per il contrasto della violenza di genere Servizio Per Lei accompagnamento ed inclusione sociale per donne in difficoltà Come noto,

Dettagli

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia.

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia. La Dote di Regione Lombardia: un opportunità per sostenere l occupazione giovanile Paola Gabaldi Agenzia Regionale Istruzione, Formazione Lavoro, ARIFL Milano, 1 marzo 2012 Ultimi dati sulla popolazione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: ACCOLTI E ACCOMPAGNATI SETTORE e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA Area di intervento: IMMIGRATI, PROFUGHI Codifica: A - 04 OBIETTIVI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

MEDIATORE/MEDIATRICE INTERCULTURALE IL PROFILO PROFESSIONALE

MEDIATORE/MEDIATRICE INTERCULTURALE IL PROFILO PROFESSIONALE MEDIATORE/MEDIATRICE INTERCULTURALE IL PROFILO PROFESSIONALE Saltatori di muri.la convivenza offre e richiede molte possibilità di conoscenza reciproca. Affinché possa svolgersi con pari dignità e senza

Dettagli

INTEGRAZIONE E APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITALIANA L2 PER ALUNNI STRANIERI ANNO SCOLASTICO 2014-15

INTEGRAZIONE E APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITALIANA L2 PER ALUNNI STRANIERI ANNO SCOLASTICO 2014-15 (allegato C) INTEGRAZIONE E APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITALIANA L2 PER ALUNNI STRANIERI ANNO SCOLASTICO 2014-15 Ad inizio anno scolastico il I Circolo Didattico di Cuneo consta di 252 alunni stranieri

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

Auto Mutuo Aiuto Lavoro

Auto Mutuo Aiuto Lavoro Assessorato al Lavoro Auto Mutuo Aiuto Lavoro progettazione e sperimentazione di un nuovo servizio rivolto a chi perde il lavoro Il progetto Nel quadro delle politiche attive al lavoro non esiste ad oggi

Dettagli

MEDIATORE INTERCULTURALE

MEDIATORE INTERCULTURALE Allegato 1 REGIONE LAZIO MEDIATORE INTERCULTURALE Il Mediatore Inter svolge attività di mediazione tra cittadini immigrati e la società locale, promuovendo, sostenendo e accompagnando entrambe le parti:

Dettagli

Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri

Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri Città di Torino Divisione Servizi Educativi Settore Integrazione educativa Alcuni dati sui servizi educativi a favore dei minori stranieri a cura di Carla Bonino Gli interventi che la Divisione Servizi

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto AXIA FAMIGLIA - RETE INFORMATIVA Ambito/settore di intervento Settore E: Educazione e promozione culturale Area d intervento:

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Istituzione scolastica dotata di personalità giuridica Decreto del Direttore Generale dell Ufficio Scolastico Regionale del F.V.G. del 25 gennaio 2012 - prot. n.

Dettagli

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Morena Terraschi Lynx Srl via Ostiense 60/D 00154 Roma morena@altrascuola.it http://corsi.altrascuola.it Corsi Altrascuola è la

Dettagli

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Il programma Operativo del FSE Obiettivo 3 è strutturato per Assi a ciascuno dei quali corrisponde l attuazione degli obiettivi

Dettagli

Società Cooperativa Sociale Mediazione Integrazione Onlus

Società Cooperativa Sociale Mediazione Integrazione Onlus PREVENZIIONE DEL DIISAGIIO SCOLASTIICO LA SCUOLA DELLE MAMME ENTE GESTORE ENTI LOCALI COINVOLTI LUOGO DI REALIZZAZIONE DESTINATARI Società Cooperativa Sociale Mediazione Integrazione Onlus Comune di Varese,

Dettagli

I. Il progetto Andiamo a Lavorare!

I. Il progetto Andiamo a Lavorare! Andiamo a Lavorare! I. Il progetto Andiamo a Lavorare! I. Come è nato Il progetto Andiamo a lavorare! nasce dall incontro tra una Amministrazione Comunale di Canale Monterano,, gli Operatori del Servizio

Dettagli

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO Premessa La scuola,oggi, trova la sua ragione di essere nell assicurare ad ogni alunno il successo formativo, inteso come piena formazione della persona umana nel rispetto

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

I CENTRI TERRITORIALI DI EDUCAZIONE PERMANENTE di Augusta Marconi

I CENTRI TERRITORIALI DI EDUCAZIONE PERMANENTE di Augusta Marconi I CENTRI TERRITORIALI DI EDUCAZIONE PERMANENTE di Augusta Marconi Se l offerta formativa integrata tra università, scuole ed agenzie di formazione professionale, favorita da Governo e Regioni, potrà rispondere

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO Il progetto relativo alla creazione di un Centro antiviolenza nasce dalla sensibilità verso la violenza sulle donne da parte della Commissione Pari Opportunità di Montevarchi

Dettagli

RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO

RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO RUOLO DELLA PROVINCIA PER IL RAFFORZAMENTO DEI SERVIZI ALL IMPIEGO - IL MODELLO LOMBARDO L ESPERIENZA DELLA PROVINCIA DI LECCO La rete degli operatori - L.R. 22/2006 Il sistema regionale è composto da

Dettagli

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA Assessorato Turismo, Cultura, Pubblica Istruzione e Gemellaggi La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA

Dettagli

Protocollo Accoglienza Alunni Stranieri

Protocollo Accoglienza Alunni Stranieri Protocollo Accoglienza Alunni Stranieri Proposta di lavoro ed intervento a cura del Gruppo Provinciale dei Referenti per Intecultura e l Integrazione degli Alunni Stranieri Scuola Secondaria di 2 grado

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli