I servizi di investimento in Europa. Modelli di business e impatto della MiFID 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I servizi di investimento in Europa. Modelli di business e impatto della MiFID 2"

Transcript

1 I servizi di investimento in Europa. Modelli di business e impatto della MiFID 2 4 febbraio 2015 Centro di Ricerca Baffi-Carefin

2 Premessa Nella ricerca di quest anno ripartiamo da alcune questioni rimaste aperte dall indagine compiuta lo scorso anno, realizzata per il periodo su un campione di 27 realtà italiane, suddivise tra realtà specializzate nella distribuzione di servizi di investimento (7), banche tradizionali (14), gruppi bancari(6). Al termine del lavoro erano emersi alcuni interrogativi: Esiste per le realtà specializzate un limite superiore di redditività? Diversificare conviene? Nelle realtà specializzate quali sono i segnali che portano verso un modello di business orientato al wealth management e come viene interpretato il modello di servizio?

3 Ricerca 2015: metodologia La ricerca 2015 apre al confronto europeo tra gli operatori specializzati nella distribuzione di servizi finanziari. La scelta è di analizzare operatori specializzati, leader nel settore della distribuzione di servizi di investimento, con matrice nei Paesi della Old Europe, ovvero Italia, Francia, Germania, Spagna, Olanda e Regno Unito. A livello europeo la Direttiva MiFID 2 entrerà in vigore dal gennaio La normativa RDR (Retail Distribution Review) è in vigore dal gennaio 2013 nel Regno Unito e dal gennaio 2014 in Olanda. Per effettuare l analisi comparata si sono costruiti due campioni: uno composto da realtà specializzate(15) e uno composto da global players(12). Ilperiododiosservazionedelle27realtàeuropeevadal2009al2013.Sisonoaggiuntiidati del primo semestre 2014, pur non inseriti nell analisi pluriennale. Laricercasiavvaleadoggidiundatabase handmade eunicoineuropa.

4 Ricerca 2015: il campione di analisi PAESE GLOBAL PLAYERS PAESE OPERATORI SPECIALIZZATI Italia Francia Spagna Germania Olanda UK Gruppo Intesa Sanpaolo UniCredit Group BNP Paribas Group Crédit Agricole Group Santander Group Italia Azimut Holding Spa Banca Generali Spa Banca Mediolanum Spa FinecoBank Gruppo Banca Fideuram BBVA Group Francia Union Financière de France Banque Deutsche Bank Group Spagna Renta4 Banco Commerzbank Group Rabobank Group ING Group HSBC Holdings Plc Barclays Plc Germania Olanda UK Comdirect Group OVB Holding AG MLP AG BinckBank N.V. Van Lanschot St. James's Place Plc Brewin Dolphin Holdings Plc Hargreaves Lansdown Plc TOT 12 TOT 15

5 OPERATORI SPECIALIZZATI Paese Governance KEY POINT AUM (2013) Mil. Union Financièrede France Banque Francia Controllato da Aviva (74%) Posizionamento sul fronte assicurativo vita, anche brokerage immobiliare ComdirectGroup OVB Holding MLP Group Germania Controllato da Commerzbank Germania Indipendente Germania Indipendente Broker on line gruppo Commerzbank Società finanziaria operativa nell'insurance e nel real estate ( We haveensuredthe continuityof ourbusiness model asa company for entrepreneurs for more than 44 years ) Gruppo finanziario, supporta privati e istituzionali, financial planning, approccio lungo termine ( The conceptof the founders, whichstillremainsthe basisof the currentbusiness model, isto provide long-term consulting for academics and other ) n.a Renta4 Banco Spagna Indipendente Abbina distribuzione e asset management BinckBank Van Lanschot St. James's Place Plc Olanda Indipendente Olanda Indipendente UK Indipendente (nasce come Rothschild Assurance Group) Brewin Dolphin Holdings Plc UK Indipendente Hargreaves Lansdown Plc UK Indipendente Distributore competitordi Fineco e Comdirect, ha avviato attività di AM (in crescita) Posizionamento nel private banking e merchantbanking, quota consistente istituzionali, AM in aumento Financial Planning, wealthmanagement, posizionamento forte sul fronte assicurativo Strategia di aumento sul fronte AM: l AM aumenta, l advisorysi dimezza dal 2009 al 2013 e si evidenzia la componente execution only Advisory e asset manager specialist, piattaforma Vantage( We are a onestop shop )

6 Ricerca 2015: Obiettivo del lavoro I parte Al fine di effettuare l analisi comparata dei modelli di business nella distribuzione di servizi finanziari a livello europeo, tra gli operatori specializzati e i global players si osservano i seguenti indicatori: 1. Margine da servizi o commissioni nette/ Margine da intermediazione 2. Margine da intermediazione/ Raccolta totale 3. Cost / income(attenzione all impatto di ammortamenti e rettifiche) 4. Andamento del Return on Equity(Roe)

7 Risultati: 1. Margine da Servizi su Margine da Intermediazione Gli operatori specializzati a livello europeo confermano nel periodo la loro vocazione al servizio per conto terzi. Nel 2013 l incidenza del margine derivante da servizi per conto terzi sul totale della redditività è pari in media al 73,13% per il gruppo degli operatori specializzati europei (era 65,36% nel 2009) con un minimo di 44,11% e un massimo di 99,60% e si attesta al 26,38% medio per il gruppo dei global players (era 27,90% nel 2009) con un minimo di 15,36% e un massimo di 38,8%. Ilcomplementoa100delrapportoèlaredditivitàchederivadaattivitàche implicano l assunzione di rischi finanziari.

8 Grafico 1. Margine da servizi su Mg da Intermediazione (2013) 120,00% 100,00% 80,00% Operatori specializzati 60,00% Global Players 40,00% 20,00% 0,00% 2013

9 Risultati: 2. Mg intermediazione / raccolta globale Anche in questo caso, a livello europeo è confermato il risultato dello scorso anno. In termini di marginalità complessiva, esiste una sorta di cap al profilo di redditività degli operatori specializzati, coerente con il fatto che nella loro attività prevalente non assumono rischio finanziario in proprio, ma svolgono servizi per conto terzi. Nel 2013 la marginalità media per il gruppo degli operatori specializzati a livello europeo è pari a 109bp (era 125bp nel 2009), con un minimo di 51bp e un massimo di 197bp, mentre il gruppo dei global players europei nel 2013 registra in media 357bp con un minimo di 221bp e un massimo di 528 bp.

10 Grafico 2. Margine da Intermediazione su Raccolta Globale (2013) 6,00% 5,00% 4,00% 3,00% 2,00% Global Players Operatori Specializzati 1,00% 0,00% 2013

11 Risultati: 3. Cost / income L analisi del cost / income a livello europeo è stata effettuata prestando attenzione all impatto degli ammortamenti e delle rettifiche su attività materiali e immateriali. L indicatore è perciò stato calcolato sia depurato sia non depurato da tali valori. Il campione mostra una situazione in cui i dati relativi ai due gruppi non sono nettamente distinguibili: i due gruppi si confondono tra loro. La tendenza nel gruppo degli operatori specializzati è quella di un recupero di efficienza, il cost / income medio non depurato per gli operatori specializzati si attesta a 63,39% (era 71,44% nel 2009). La stessa tendenza non si rileva nel gruppo dei global players, per i quali il dato medio nel 2013 è pari a 67,53% (era 64,17% nel 2009). Analoghe considerazioni valgono ove si consideri il cost/income depurato, che nel 2013 è pari al 58,77% per gli operatori specializzati e al 62,14% per i global players.

12 Grafico 3. Cost / income non depurato da ammortamenti e rettifiche (2013) 120,00% 100,00% 80,00% 60,00% 40,00% Operatori Specializzati Global Players 20,00% 0,00% 2013

13 Risultati: 4. Andamento del Return on Equity (ROE) A livello europeo, il ROE del gruppo degli operatori specializzati appare sensibilmente migliore rispetto al gruppo dei global players in tutto il periodo considerato( ). Nel 2013 il ROE medio degli operatori specializzati è pari al 18,47% (era 15,28% nel 2009), la mediana è pari al 17,05%, con un massimo di 48,70% e un minimo di 2,50%. Nelgruppodei globalplayersilroemedionel2013 èparia0,96%(era5,96% nel2009),lamedianaèparia5,11%,conunmassimodi9,93%eunminimodi -27,83%.

14 Grafico 4. Relazione tra ROE e contributo della componente servizi per conto terzi ( ) AnalisidiregressionetrailvaloredelROE eilmg servizi/mgintermediazione: esiste una correlazione positiva tra ROE e rapporto Mg servizi / Mg intermediazione. Nonc èun premioalrischio perilsettorefinanziario! Servizi per conto 3i Redditività/capitale proprio

15 Ricerca 2015: Obiettivo del lavoro II parte Nell ambito del gruppo degli operatori specializzati nella distribuzione dei servizi finanziari abbiamo cercato di cogliere le caratteristiche principali di ciascun modello di business e di evidenziare le similitudini cross border. Abbiamo costruito tre raggruppamenti che comprendono operatori Abbiamo costruito tre raggruppamenti che comprendono operatori specializzati europei comparabili in termini di posizionamento strategico.

16 Risultati: Analisi del business model Il posizionamento più marcato nell ambito dei servizi assicurativi-previdenziali è da parte di Banca Generali, Banca Mediolanum, Union Financière de France (F), OVB Group, MLP Group (DE) e St. James (UK) in questo sottogruppo il profilo di redditività in termini di marginalità è elevato, tra il massimo registrato da Union FinancièredeFrance(197bp)eilminimodi115pb permlpgroupnel2013. Il DNA di asset management è maggiormente presente in Azimut, Banca Fideuram, Renta4 (ES), Van Lanschot (NL), Brewin Dolphin (UK) la redditività è più contenuta rispetto al cluster precedente; il risultato migliore nel 2013 è riportato da Azimut con 120bp e il minimo da Renta4 con 51bp (consistente profilo di open architecture). I più tecnologici sono Fineco, Comdirect (DE), BinckBank (NL) e Hargreaves Lansdown (UK) nel 2013 la marginalità complessiva di questo insieme varia da un massimo di 87bp per Binckbank a un minimo di 61bp per Comdirect la tecnologia da sola non aiuta ad abbassare il cost / income, funziona solo se combinata ad altre modalità distributive.

17 In sintesi Quale campione europeo per gli operatori specializzati? Esistono comparable? Sì. Il modello specializzato di distribuzione dei servizi di investimento in Italia è un unicum. E in Europa? Sì, ogni Paese ha le sue specificità, tanti unicum non facili da comparare. Quale impatto MiFID 2 avrà sugli operatori specializzati? Ancora presto per valutarne l impatto. In Italia colpisce, ad esempio, Banca Fideuram, con un tasso di crescita del servizio di consulenza 519,2% dal 2009 al In UK l impatto della normativa RDR rende più marcato l effetto del posizionamento strategico. L impatto è meno visibile per gli operatori con una componente elevata di servizi assicurativi (St. James's Place Wealth Management). Quando invece il focus è sui servizi di investimento, il contributo della componente advisory si riduce e diventa visibile in bilancio il servizio di execution only. La redditività si riduce nonostante il tentativo di compensare con una maggiore quota di servizi di asset management (Brewin Dolphin) o con il recupero di efficienza grazie al contributo della tecnologia(hargreaves Lansdown).

18 In sintesi le scelte strategiche disegnano il business model e pesano Banca Generali, Banca Mediolanum, UFF, OVB, MLP, St James Azimut, Banca Fideuram, Renta4, Van Lanschot, Brewin Dolphin Fineco, Comdirect, BinckBank, Hargreaves Lansdown Nonèunagara,ognimodellodibusinessèunico mailconfrontomigliora

Tabella 1/ Campione d indagine per analisi indicatori redditività

Tabella 1/ Campione d indagine per analisi indicatori redditività Tabella 1/ Campione d indagine per analisi indicatori redditività Gruppi Banche Reti Gruppo Unicredit Gruppo ISP Gruppo MPS Gruppo Banco Popolare Gruppo Ubi Gruppo BNL Gruppo Cariparma Credit Agricole

Dettagli

E B R EUROPEAN BANKING REPORT

E B R EUROPEAN BANKING REPORT IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO NELL INDUSTRIA BANCARIA ITALIANA ED EUROPEA: MOVENTI ED EFFETTI GESTIONALI Francesco Masala Head of EBR Research Department Roma - 24 Novembre 2003 1 AGENDA Introduzione Analisi

Dettagli

Banca d Italia Rapporto sulla stabilità finanziaria Novembre 2014. Commenti di Elena Carletti Università Bocconi

Banca d Italia Rapporto sulla stabilità finanziaria Novembre 2014. Commenti di Elena Carletti Università Bocconi Banca d Italia Rapporto sulla stabilità finanziaria Novembre 2014 Commenti di Elena Carletti Università Bocconi Il rapporto in breve Bassa crescita e bassa inflazione rimangono i problemi principali nell

Dettagli

LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2013

LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2013 LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2013 Copyright 2013 by Ricerche e Studi R & S, Foro Buonaparte 10, 20121 Milano, Italy www.mbres.it LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2013 In questa nota

Dettagli

Traguardi degli ultimi 10 anni. Sezione 1.2

Traguardi degli ultimi 10 anni. Sezione 1.2 Traguardi degli ultimi 10 anni Sezione 1.2 Ricavi bancari raddoppiati e diversificati Ricavi di Gruppo ( mln) Ricavi bancari ( mln) 1.800 1.50 1.10 870 Ricavi bancari CAGR +7% 870 Credito Consumer al consumo

Dettagli

Tabelle \ Assogestioni. La raccolta netta a aprile delle Sgr associate ad Assogestioni Elaborazione Invice su dati Assogestioni in milioni di euro

Tabelle \ Assogestioni. La raccolta netta a aprile delle Sgr associate ad Assogestioni Elaborazione Invice su dati Assogestioni in milioni di euro Tabelle \ Assogestioni 41 La raccolta netta a aprile delle Sgr associate ad Assogestioni Elaborazione Invice su dati Assogestioni in milioni di euro mln euro Patrimonio Gestito Patrimonio Gestito mln euro

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

Approvati i risultati al 31 marzo 2015

Approvati i risultati al 31 marzo 2015 COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati al 31 marzo 2015 UTILE NETTO: 47,8 milioni ( 36,9 milioni al 31 marzo 2014, +29,4%) Ricavi totali: 137 milioni ( 113 milioni al 31 marzo 2014, +20,9%) Cost/Income

Dettagli

Ascosim Forum Nazionale sulla consulenza finanziaria

Ascosim Forum Nazionale sulla consulenza finanziaria Ascosim Forum Nazionale sulla consulenza finanziaria Consulenza finanziaria 2.0: Una nuova opportunità di sviluppo per la banca Raimondo Marcialis Commissione Consulenza e Risparmio Gestito Milano, 10

Dettagli

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro)

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) RACCOLTA NETTA 1.327,1 260,8 13.002,0 Risparmio gestito 1.246,0 235,2 16.616,5

Dettagli

Mappa mensile del Risparmio Gestito

Mappa mensile del Risparmio Gestito Mappa mensile del Risparmio Gestito Marzo 2014 Pubblicata il 23/04/2014 - L'utilizzo e la diffusione delle informazioni sono consentiti previa citazione della fonte - Mappa mensile del Risparmio Gestito

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

INDAGINE SULL UTILIZZO DELL ICT IN GRUPPI BANCARI EUROPEI CON ARTICOLAZIONE INTERNAZIONALE

INDAGINE SULL UTILIZZO DELL ICT IN GRUPPI BANCARI EUROPEI CON ARTICOLAZIONE INTERNAZIONALE CONVENZIONE INTERBANCARIA PER I PROBLEMI DELL AUTOMAZIONE ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA INDAGINE SULL UTILIZZO DELL ICT IN GRUPPI BANCARI EUROPEI CON ARTICOLAZIONE INTERNAZIONALE Settembre 2009 1 INDICE

Dettagli

40 FONDACO -8,3 Fondi aperti -16,0 Gestione di portafoglio istituzionali 7,7 41 ABERDEEN ASSET MANAGEMENT PLC (*) ND

40 FONDACO -8,3 Fondi aperti -16,0 Gestione di portafoglio istituzionali 7,7 41 ABERDEEN ASSET MANAGEMENT PLC (*) ND Tav 2.2 Raccolta netta Mln euro 1 GRUPPO INTESA SANPAOLO -3.224,3 EURIZON CAPITAL -2.811,1-1.804,8 Gestione di portafoglio retail -499,5 Gestione di portafoglio istituzionali -506,8 BANCA FIDEURAM -413,2-403,8

Dettagli

Consiglio di Gestione di Mediobanca

Consiglio di Gestione di Mediobanca Consiglio di Gestione di Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvata la relazione semestrale al 31 dicembre 2007 * * * Redditività in aumento malgrado il deterioramento dei mercati Aperte le filiali di Francoforte

Dettagli

Approvati risultati al 30 settembre 2015

Approvati risultati al 30 settembre 2015 COMUNICATO STAMPA Approvati risultati al 30 settembre 2015 Risultati record nei primi nove mesi, con il miglior trimestre di sempre Utile netto: 148,8 milioni ( 109,3 milioni al 30 settembre 2014, +36,2%)

Dettagli

Mappa mensile del Risparmio Gestito

Mappa mensile del Risparmio Gestito Mappa mensile del Risparmio Gestito agosto 2011 Pubblicata il 23/09/2011 - L'utilizzo e la diffusione delle informazioni sono consentiti previa citazione della fonte - Mappa mensile del Risparmio Gestito

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017 Milano, 25.03.2014 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 31.12.2013

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL MERCATO BANCARIO E CREDITO ALL ECONOMIA. (CLUB finanza d impresa)

L EVOLUZIONE DEL MERCATO BANCARIO E CREDITO ALL ECONOMIA. (CLUB finanza d impresa) L EVOLUZIONE DEL MERCATO BANCARIO E CREDITO ALL ECONOMIA (CLUB finanza d impresa) Gianfranco Torriero Vice Direttore Generale ABI GENOVA 24 FEBBRAIO 2015 2 Agenda 1. Brevi cenni sullo scenario macroeconomico,

Dettagli

LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2011

LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2011 LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2011 Copyright by Ricerche e Studi R & S, Foro Buonaparte 10, 20121 Milano, Italy www.mbres.it LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2011 Premessa In questa

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017 Roma, 23.09.2015 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 30.06.2015

Dettagli

La classifica dei gruppi

La classifica dei gruppi La classifica dei gruppi Tav. 2.1 Racclta gestit 1 GRUPPO INTESA SANPAOLO -2.805,8 214.091 23,5% 211.397 EURIZON CAPITAL -1.857,5 162.031 17,7% 160.013 Fndi aperti -1.477,3 70.139 7,7% 69.857 GPF retail

Dettagli

Profilo del Gruppo Mediobanca. Sezione 1.1

Profilo del Gruppo Mediobanca. Sezione 1.1 Profilo del Gruppo Mediobanca Sezione 1.1 Storia e missione 1946 Fondazione Fondata nel 1946 da Comit, Credit e Banco di Roma, le tre banche pubbliche di interesse nazionale Missione: contribuire alla

Dettagli

Business Integration Partners

Business Integration Partners Business Integration Partners Innovation in Consulting La competizione nella comunicazione finanziaria assicurativa indotta da Solvency II Seconda parte: Survey BIP Comunicazione finanziaria del Risk Report

Dettagli

Profilo del Gruppo Mediobanca 30 giugno 2013

Profilo del Gruppo Mediobanca 30 giugno 2013 Mediobanca 30 giugno 2013 Storia e missione 1946 Fondazione Anni 1950-70 Sviluppo Anni 1970-80 Ristrutturazione dell industria italiana Fondata nel 1946 da Comit, Credit e Banco di Roma, le tre banche

Dettagli

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 COMUNICATO STAMPA GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 UTILE NETTO: Euro 217,5 milioni, +125% MASSE AMMINISTRATE: Euro 49,1 miliardi, +5% RACCOLTA NETTA BANCA MEDIOLANUM: Euro 1.760 milioni CARLO

Dettagli

LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2012

LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2012 LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2012 Copyright 2012 by Ricerche e Studi R & S, Foro Buonaparte 10, 20121 Milano, Italy www.mbres.it LE MAGGIORI BANCHE EUROPEE NEL 1 SEMESTRE 2012 Premessa In

Dettagli

Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo. Sezione 1.4

Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo. Sezione 1.4 Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo Sezione 1.4 Business Plan 2014/2016 - obiettivi e avanzamento G O A L S Modello di business più semplice, comprensibile e valutabile Focus

Dettagli

Gennaio 2014 IN ITALIA

Gennaio 2014 IN ITALIA Gennaio 2014 IN ITALIA BNP PARIBAS IN ITALIA BNP Paribas è leader nei servizi bancari e finanziari in Europa e nel Mondo, presente in 78 Paesi con circa 190.000 collaboratori. Opera in 3 settori chiave

Dettagli

Storia e missione. Descrizione del gruppo

Storia e missione. Descrizione del gruppo Storia e missione Descrizione del gruppo 1946 Fondazione Fondata dopo la II Guerra Mondiale da Commerciale Italiana, Credito Italiano e Banco di Roma, le tre banche pubbliche ad interesse nazionale Missione:

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

BOND TARGET GIUGNO 2016

BOND TARGET GIUGNO 2016 BOND TARGET GIUGNO 2016 Fausto Artoni, Stefano Mach, Luca Lionetti Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Febbraio 2012 1 BOND TARGET GIUGNO 2016: CHE COSA E? Bond Target Giugno 2016 è un

Dettagli

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro)

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) RACCOLTA NETTA 801,6 856,3 4.889,1 Risparmio gestito 507,8 537,0 2.876,0 Fondi

Dettagli

CANDIDATI ALLE CARICHE SOCIALI Categoria Soci Ordinari ex ASSIOM

CANDIDATI ALLE CARICHE SOCIALI Categoria Soci Ordinari ex ASSIOM CANDIDATI ALLE CARICHE SOCIALI Categoria Soci Ordinari ex ASSIOM Napoli, 13 febbraio 2010 LUIGI BELLUTI ANNO DI NASCITA 1961 UNICREDIT BANK AG GRUPPO FINANZIARIO DI APPARTENENZA UNICREDIT GROUP RUOLO ATTUALMENTE

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 28 ottobre 2004. Approvati i dati trimestrali al 30 settembre 2004 del Gruppo Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 28 ottobre 2004. Approvati i dati trimestrali al 30 settembre 2004 del Gruppo Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 28 ottobre 2004 Approvati i dati trimestrali al 30 settembre 2004 del Gruppo Mediobanca I primi tre mesi confermano la crescita registrata nel passato

Dettagli

BNP Paribas. MTA International Le nuove opportunità per i traders. Patrice Ménard. Marco Peyron

BNP Paribas. MTA International Le nuove opportunità per i traders. Patrice Ménard. Marco Peyron BNP Paribas MTA International Le nuove opportunità per i traders Patrice Ménard BNP Paribas - Relazioni con gli Investitori e Informazione Finanziaria Marco Peyron BNL - Relazioni con gli Investitori Milano,

Dettagli

Tav.1a - Raccolta netta delle imprese aderenti ad Assoreti Risparmio gestito - in milioni di euro

Tav.1a - Raccolta netta delle imprese aderenti ad Assoreti Risparmio gestito - in milioni di euro Tav.1a - delle imprese aderenti ad Assoreti Risparmio gestito - in milioni di euro RACCOLTA NETTA Fondi comuni e Sicav di diritto italiano -231,0 Azionari -159,9 Bilanciati 88,6 Obbligazionari -198,7 di

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO. al 31 dicembre 2013. Gruppo Bancario Deutsche Bank

INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO. al 31 dicembre 2013. Gruppo Bancario Deutsche Bank Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO al 31 dicembre 2013 Gruppo Bancario Deutsche Bank Premessa Al fine di accrescere la fiducia dei cittadini dell Unione Europea nel settore finanziario,

Dettagli

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro)

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) RACCOLTA NETTA 1.920,2 2.148,4 19.300,5 Risparmio gestito 1.359,5 1.944,2

Dettagli

Insider. Osservatorio trimestrale sulle preferenze dei promotori finanziari in termini di fondi

Insider. Osservatorio trimestrale sulle preferenze dei promotori finanziari in termini di fondi Insider Osservatorio trimestrale sulle preferenze dei promotori finanziari in termini di fondi Aprile 2015 Il valore aggiunto target qualificato di un Advisor Insider nasce nella primavera del 2014 con

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE 389.264.707,50 VERSATO - RISERVE 3.188,7 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO - PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE. CAPOGRUPPO DEL GRUPPO BANCARIO MEDIOBANCA

Dettagli

La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2. L evoluzione del servizio di consulenza negli intermediari finanziari

La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2. L evoluzione del servizio di consulenza negli intermediari finanziari La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2 Tolleranza al rischio degli investitori, valutazione di adeguatezza e selezione degli investimenti L evoluzione del servizio di consulenza negli

Dettagli

IL CREDITO COOPERATIVO

IL CREDITO COOPERATIVO IL CREDITO COOPERATIVO 1 Il Credito Cooperativo 400 Banche cooperative 4.450 Sportelli 37 mila Collaboratori dipendenti 1,1 milioni Soci 7 milioni Clienti 2 Il Credito Cooperativo Localizzazione Geografica

Dettagli

Una mission distintiva

Una mission distintiva Una mission distintiva Unicità Assistere i Clienti nella gestione consapevole dei loro patrimoni, sulla base dei loro bisogni e profili di rischio. Offrire servizi di consulenza finanziaria e previdenziale

Dettagli

Lo sviluppo di un sistema automatico di valutazione del merito creditizio per l erogazione dei mutui: aspetti critici e opportunità strategiche.

Lo sviluppo di un sistema automatico di valutazione del merito creditizio per l erogazione dei mutui: aspetti critici e opportunità strategiche. Lo sviluppo di un sistema automatico di valutazione del merito creditizio per l erogazione dei mutui: aspetti critici e opportunità strategiche. L esperienza Alessandro Quadrelli, UniCredito Italiano Pietro

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO AL 31.12.2014 AI SENSI DELLA CIRCOLARE BANCA D ITALIA N 285/2013 PARTE PRIMA TITOLO III CAPITOLO 2

INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO AL 31.12.2014 AI SENSI DELLA CIRCOLARE BANCA D ITALIA N 285/2013 PARTE PRIMA TITOLO III CAPITOLO 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO AL 31.12.2014 AI SENSI DELLA CIRCOLARE BANCA D ITALIA N 285/2013 PARTE PRIMA TITOLO III CAPITOLO 2 INDICE 1 PREMESSA...3 2 TABELLA INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO

Dettagli

Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia. Roma, 24 maggio 2010. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia. Roma, 24 maggio 2010. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia Roma, 24 maggio 2010 Giovanni Sabatini Agenda 1. Scenario operativo nei mercati bancari 2. Redditività 3. Analisi comparata dei risultati economici di bilancio

Dettagli

CRESCITA A DUE CIFRE DEI RICAVI E DELL EBITDA NEL 4 TRIMESTRE DEL 2012

CRESCITA A DUE CIFRE DEI RICAVI E DELL EBITDA NEL 4 TRIMESTRE DEL 2012 CRESCITA A DUE CIFRE DEI RICAVI E DELL EBITDA NEL 4 TRIMESTRE DEL 2012 RICAVI, REDDITO OPERATIVO, EBITDA E UTILE NETTO IN CRESCITA ANNO SU ANNO NEL 4 TRIMESTRE 2012 E NELL INTERO ESERCIZIO 2012 Il gruppo

Dettagli

Corso di Analisi degli Equilibri Gestionali della Banca Project work Enrico Baesso Matteo Chiavegato Fabio Fanini Edoardo Sartori

Corso di Analisi degli Equilibri Gestionali della Banca Project work Enrico Baesso Matteo Chiavegato Fabio Fanini Edoardo Sartori Impairment Test dell'avviamento di 4 Banche Europee Corso di Analisi degli Equilibri Gestionali della Banca Project work Enrico Baesso Matteo Chiavegato Fabio Fanini Edoardo Sartori 1 Campione analizzato

Dettagli

La congiuntura del credito in Italia e in Emilia-Romagna. Servizio Studi e Ricerche

La congiuntura del credito in Italia e in Emilia-Romagna. Servizio Studi e Ricerche La congiuntura del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche 0 Bologna, 7 ottobre 20 Agenda Andamento del credito a livello nazionale Il credito in Emilia-Romagna 1 Crescita sostenuta

Dettagli

INDICE 1 PREMESSA... 3 2 TABELLA INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO ALLEGATO A CIRC. 285 DEL 17 DICEMBRE 2013... 4

INDICE 1 PREMESSA... 3 2 TABELLA INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO ALLEGATO A CIRC. 285 DEL 17 DICEMBRE 2013... 4 GRUPPO BANCA LEONARDO INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO AL 31.12.2013 AI SENSI DELLA CIRCOLARE BANCA D ITALIA N 285/2013 PARTE PRIMA TITOLO III CAPITOLO 2 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 TABELLA INFORMATIVA

Dettagli

Le nuove professioni nella Banca che cambia: Agenda dell intervento

Le nuove professioni nella Banca che cambia: Agenda dell intervento Le nuove professioni nella Banca che cambia: Agenda dell intervento L evoluzione del contesto e le forze trainanti Le nuove professioni nel settore bancario Le sfide per il settore A caccia di talenti

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE DEL GRUPPO: L ALLOCAZIONE DEL CAPITALE ED IL CONTROLLO DEI COSTI

L OTTIMIZZAZIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE DEL GRUPPO: L ALLOCAZIONE DEL CAPITALE ED IL CONTROLLO DEI COSTI I contributi delle attività di P&CdG alla creazione di valore aziendale nell attuale contesto di accelerazione tecnologica e di globalizzazione L OTTIMIZZAZIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE DEL GRUPPO: L

Dettagli

Gruppo Mediobanca 30 giugno 2014

Gruppo Mediobanca 30 giugno 2014 Gruppo Mediobanca 30 giugno 2014 Gruppo Mediobanca Leader in Italia nel corporate & investment banking, nel credito al consumo e nell on-line banking Per oltre 60 anni abbiamo sostenuto la crescita dei

Dettagli

2. L Annuario 2011. 2.2 Le caratteristiche organizzative e le aree di operatività delle banche estere in Italia

2. L Annuario 2011. 2.2 Le caratteristiche organizzative e le aree di operatività delle banche estere in Italia 2. L Annuario 2011 2.1 Obiettivi e presentazione L obiettivo dell Annuario è quello di fornire alcune informazioni sintetiche e strutturate circa le Filiali di Banche Estere (FBE) attive in Italia e associate

Dettagli

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro)

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Gennaio 2012 Da inizio anno RACCOLTA NETTA 1.013,2 791,3 1.804,5 Risparmio

Dettagli

23. Fondi del personale

23. Fondi del personale 23. Fondi del personale La voce comprende: 382 PIRELLI & C. S.p.A. MILANO Fondi pensione: - finanziati 157.368 118.234 - non finanziati 88.752 88.050 TFR (società italiane) 56.783 74.559 Piani di assistenza

Dettagli

Storia e Missione. 1946 Fondazione

Storia e Missione. 1946 Fondazione Storia e Missione 1946 Fondazione Fondata nel 1946 da Banca Commerciale Italiana, Credito Italiano e Banco di Roma, le tre banche pubbliche di interesse nazionale Missione: contribuire alla ricostruzione

Dettagli

Tav.1a - Raccolta netta delle imprese aderenti ad Assoreti Risparmio gestito - in milioni di euro

Tav.1a - Raccolta netta delle imprese aderenti ad Assoreti Risparmio gestito - in milioni di euro Tav.1a - delle imprese aderenti ad Assoreti Risparmio gestito - in milioni di euro RACCOLTA NETTA Fondi comuni e Sicav di diritto italiano -194,3 Azionari -155,7 Bilanciati 88,9 Obbligazionari -165,8 di

Dettagli

Schema per il mapping delle Business Lines (Versione del 14 giugno 2005)

Schema per il mapping delle Business Lines (Versione del 14 giugno 2005) Schema per il mapping delle Business Lines (Versione del 14 giugno 2005) Premessa Il presente documento, approvato dal Comitato Guida, è una rielaborazione della tabella mapping business lines già comunicata

Dettagli

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro)

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) RACCOLTA NETTA 2.028,3 2.823,8 15.231,9 Risparmio gestito 1.733,3 2.341,4

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

Insider. Osservatorio trimestrale sul mondo dei promotori finanziari

Insider. Osservatorio trimestrale sul mondo dei promotori finanziari Insider Osservatorio trimestrale sul mondo dei promotori finanziari Secondo trimestre 2014 Promotori stregati dagli emergenti Torna la voglia di emergenti tra i promotori finanziari in un contesto di magri

Dettagli

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro)

Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) Tav.1 - Distribuzione di prodotti finanziari e servizi di investimento delle imprese aderenti ad Assoreti (in milioni di euro) RACCOLTA NETTA 3.137,8 2.781,7 7.555,9 Risparmio gestito 3.555,8 2.938,7 7.192,2

Dettagli

Overview del settore Wealth Management Luca Caramaschi Università di Parma. 6 maggio 2015

Overview del settore Wealth Management Luca Caramaschi Università di Parma. 6 maggio 2015 Overview del settore Wealth Management Università di Parma 6 maggio 2015 Overview e trend del settore Wealth Management 2 Overview del settore Wealth Management - Università di Parma - 06.05.2015 Il Mercato

Dettagli

Montepaschi Vita Annual F orum. Rome, October 12th - Grand Hotel Plaza, via del Corso, 126

Montepaschi Vita Annual F orum. Rome, October 12th - Grand Hotel Plaza, via del Corso, 126 Montepaschi Vita Annual F orum Rome, October 12th - Grand Hotel Plaza, via del Corso, 126 2007 I Paradigmi del Valore Assicurazioni e banche: complementarietà e competizione Come creare il massimo valore

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

L impatto di Basilea 3 sull industria del factoring

L impatto di Basilea 3 sull industria del factoring L impatto di Basilea 3 sull industria del factoring Rony Hamaui AD&DG Mediofactoring Torino, 25 gennaio, 2011 Agenda Basilea 3: obiettivi e strumenti Implicazioni delle nuove regole prudenziali sulle banche

Dettagli

RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2012

RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2012 COMUNICATO STAMPA Parigi, 14 febbraio 2013 PIANO DI ADEGUAMENTO COMPLETATO E SOLIDI RISULTATI, IN UN DIFFICILE CONTESTO ECONOMICO PIANO DI ADEGUAMENTO ALLA NUOVA NORMATIVA COMPLETATO ATTIVI PONDERATI -62

Dettagli

Indirizzo Internet: http://www.dt.tesoro.it Per informazioni contattare: dt.gruppo.info@tesoro.it Dir.II - Uff. VIII

Indirizzo Internet: http://www.dt.tesoro.it Per informazioni contattare: dt.gruppo.info@tesoro.it Dir.II - Uff. VIII Indirizzo Internet: http://www.dt.tesoro.it Per informazioni contattare: dt.gruppo.info@tesoro.it Dir.II - Uff. VIII Indice Composizione dei titoli di Stato all emisione pag. 1 Composizione dei titoli

Dettagli

Il caso del Gruppo Generali

Il caso del Gruppo Generali Carlo Cavazzoni Direttore Generale Simgenia Gian Luigi Costanzo Amministratore Delegato Generali Asset Management Il caso del Gruppo Generali Sommario Θ Trend del mercato Θ L approccio di Generali al mercato

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea

Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanze e Tesoro del Senato Prof. Gian Maria Gros Pietro Presidente del Consiglio di Gestione di

Dettagli

Corporate e Private Banking. Sezione 2

Corporate e Private Banking. Sezione 2 Corporate e Private Banking Sezione 2 CIB Mediobanca : punti di forza Marchio affermato, forte identità aziendale Modello di business in linea con le nuove normative Approccio integrato orientato al cliente

Dettagli

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, Relazione

Dettagli

WITHDRAWAL FROM FINANCIAL INSTRUMENT TRADING AND DELISTING

WITHDRAWAL FROM FINANCIAL INSTRUMENT TRADING AND DELISTING NOTICE n. 157 8 October 2014 EuroTLX Sender: EuroTLX SIM Target Company: --- Object: WITHDRAWAL FROM FINANCIAL INSTRUMENT TRADING AND DELISTING Text EuroTLX informs the withdrawal from financial instrument

Dettagli

Relazione trimestrale al 31 marzo 2000

Relazione trimestrale al 31 marzo 2000 SANPAOLO IMI S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2000 Società per azioni Sede principale in Torino, Piazza San Carlo 156 Sede secondaria in Roma, Viale dell Arte 25 Registro delle imprese n. 4382/91

Dettagli

Crediti in sofferenza e crisi bancarie

Crediti in sofferenza e crisi bancarie Crediti in sofferenza e crisi bancarie ISTITUTO PER L ALTA FORMAZIONE E LE ATTIVITA EDUCATIVE (I.P.E.) Napoli, 11 dicembre 2015 Giuseppe Boccuzzi Agenda 1. Crisi bancarie e business model delle banche

Dettagli

Star Conference 2006. Milano, 1 Marzo 2006

Star Conference 2006. Milano, 1 Marzo 2006 Star Conference 2006 Milano, 1 Marzo 2006 1 AGENDA IL GRUPPO BANCA FINNAT E LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO Arturo Nattino LE PRINCIPALI GRANDEZZE ECONOMICHE Gian Franco Traverso Guicciardi 2 Il Gruppo Banca

Dettagli

Il consulente si veste di advisory

Il consulente si veste di advisory 1 Reti vs Banche Il consulente si veste di advisory Se le banche mettono gli occhi sul business della promozione finanziaria, le reti si lanciano sul mondo private. Ecco come sta cambiando il panorama

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvato il Piano 2009-2011 del Gruppo Mediobanca p Crescita trainata da nuove iniziative strategiche: Posizionamento europeo

Dettagli

Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo. Sezione 1.4

Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo. Sezione 1.4 Business Plan 14-16 - Indirizzi strategici e target di Gruppo Sezione 1.4 Linee guida Piano Strategico 2014-16 1 Semplificare il modello di business, ridurre l esposizione al comparto azionario 2 Confermare

Dettagli

BOND TARGET DICEMBRE 2016

BOND TARGET DICEMBRE 2016 BOND TARGET DICEMBRE 2016 Fausto Artoni, Stefano Mach, Luca Lionetti Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Settembre 2012 1 BOND TARGET DICEMBRE 2016: CHE COSA E? Bond Target Dicembre 2016

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli

Risultati 2015. Un anno eccellente, performance superiore agli obiettivi del Piano di Impresa. Una banca solida e in crescita

Risultati 2015. Un anno eccellente, performance superiore agli obiettivi del Piano di Impresa. Una banca solida e in crescita Risultati 2015 Un anno eccellente, performance superiore agli obiettivi del Piano di Impresa Una banca solida e in crescita 5 febbraio 2016 2015: un anno eccellente, performance superiore agli obiettivi

Dettagli

IL WELFARE AZIENDALE. L ESPERIENZA DEL GRUPPO CARIPARMA. Bologna 04 Novembre 2014

IL WELFARE AZIENDALE. L ESPERIENZA DEL GRUPPO CARIPARMA. Bologna 04 Novembre 2014 IL WELFARE AZIENDALE. L ESPERIENZA DEL GRUPPO CARIPARMA. Bologna 04 Novembre 2014 HSBC (BG) BNP Paribas (FR) Groupe Crédit Agricole (FR) Deutsche Bank (DE) Barclays (GB) Societé Générale (FR) RB Scotland

Dettagli

A-1 BANCA D'ITALIA DIPARTIMENTO VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA

A-1 BANCA D'ITALIA DIPARTIMENTO VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA Elenco A-1 BANCA D'ITALIA DIPARTIMENTO VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA Intermediari per i quali l'unità organizzativa per i procedimenti amministrativi è il Servizio Supervisione Bancaria 1 (SB1) Situazione

Dettagli

Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria. Milano, 23.03.2011

Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria. Milano, 23.03.2011 Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria Milano, 23.03.2011 Presentazione Banca Finnat Dinamica operativa Principali grandezze economiche 2010 Scenario, opportunità e sfide da affrontare

Dettagli

DIREZIONE INVESTMENT BANKING. Il Ruolo del Nomad. Roma, 22 aprile 2009

DIREZIONE INVESTMENT BANKING. Il Ruolo del Nomad. Roma, 22 aprile 2009 DIREZIONE INVESTMENT BANKING Il Ruolo del Nomad Roma, 22 aprile 2009 Il Gruppo Montepaschi Overview Il Gruppo MPS ha perfezionato il 30 maggio 2008 l acquisizione di Banca Antonveneta divenendo il 3 gruppo

Dettagli

È TEMPO DI PIANIFICARE NON BASTA PIÙ INVESTIRE INVESTIRE 500.000? ECCO GLI ULTIMI PORTI SICURI COSTRUIRSI UNA RENDITA CON GLI AFFITTI

È TEMPO DI PIANIFICARE NON BASTA PIÙ INVESTIRE INVESTIRE 500.000? ECCO GLI ULTIMI PORTI SICURI COSTRUIRSI UNA RENDITA CON GLI AFFITTI www.effemagazine.it NOVEMBRE 2014 MENSILE - ANNO 4 - NUMERO 11 - NOVEMBRE 2014 POSTE ITALIANE SPA - SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - 70% - LO/MI 5,00 EURO 4,00 EURO TORNA L AVVERSIONE AL RISCHIO ECCO

Dettagli

RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2013

RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2013 RISULTATI AL 31 DICEMBRE 2013 COMUNICATO STAMPA Parigi, 13 febbraio 2014 RESISTENZA DEI RICAVI IN UN DIFFICILE CONTESTO EUROPEO MARGINE DI INTERMEDIAZIONE DELLE DIVISIONI OPERATIVE: -1,6%* / 2012 COSTANTE

Dettagli

Conferenza stampa sui risultati del primo semestre 2005 del Gruppo Julius Baer:

Conferenza stampa sui risultati del primo semestre 2005 del Gruppo Julius Baer: Comunicato stampa di Julius Baer Holding SA Conferenza stampa sui risultati del primo semestre 2005 del Gruppo Julius Baer: Redditività sostenuta dall aumento delle masse gestite eccellente andamento dell

Dettagli

Presentazione finanziaria

Presentazione finanziaria 0 Presentazione finanziaria Milano, 17 Marzo 2010 1 OBIETTIVI STRATEGICI STRUTTURA SOCIETARIA RAMI DANNI RAMI VITA DIPENDENTI E STRUTTURA TERRITORIALE INVESTIMENTI INFORMAZIONI FINANZIARIE OBIETTIVI STRATEGICI

Dettagli

Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.2

Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.2 Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 4.2 Profilo di CheBanca! Dati di sintesi Efficace collettore di provvista: 13,3mld di depositi diretti ed 1mld di indiretti Miglior

Dettagli

Gli intermediari e le scelte di investimento delle famiglie

Gli intermediari e le scelte di investimento delle famiglie Consulenza finanziaria: da obbligo normativo ad opportunità di business Gli intermediari e le scelte di investimento delle famiglie Giuseppe Lusignani Università degli Studi di Bologna Padova, 22 ottobre

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

La redditività e l efficienza delle Sgr immobiliari

La redditività e l efficienza delle Sgr immobiliari 37 La redditività e l efficienza delle Sgr immobiliari The challenge of efficiency for Italian real estate fund management companies Claudio Giannotti, Università Lum Jean Monnet di Casamassima Gianluca

Dettagli

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti Emanuele Bellingeri Responsabile ishares Italia November 2014 For professional clients / qualified investors only Leadership globale Il

Dettagli

Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.2

Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.2 Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 4.2 CheBanca!: punti di forza Innovativa proposta multicanale/digitale Marchio affermato come banca innovativa Verso il ruolo di

Dettagli

Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients

Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients Modelli Organizzativi e Sistemi Informatici a Supporto del Segmento Private Banking - L Esperienza Deutsche Bank Italia Milano, 14 Ottobre 2004

Dettagli