Workshop. Un piano dei tempi è di qualità se. Ordine degli Ingegneri di Crotone, 01/03/2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Workshop. Un piano dei tempi è di qualità se. Ordine degli Ingegneri di Crotone, 01/03/2011"

Transcript

1 Workshop Un piano dei tempi è di qualità se Ordine degli Ingegneri di Crotone, 01/03/2011 Relatori Arch. Eugenio Rambaldi Presidente Istituto Italiano di Project Management Ing. Biagio Tramontana - Delegato Regione Basilicata, Calabria, Sicilia Abstract Gestire i tempi di un progetto è sempre più prioritario. Basta disegnare un cronoprogramma o Gantt per essere certi di avere prodotto qualcosa di realistico? Quando un piano tempi può essere considerato di qualità? Basta come garanzia il solo utilizzo di un software? Come la pianificazione tempi è legata alla buona definizione degli obiettivi, delle risorse, dei costi, dei rischi, ecc? 2

2 Agenda Gantt un po di storia Il piano tempi in relazione a scopo, costi, risorse, rischi La pianificazione tempi secondo il PMI 3 Gantt un po di storia 4

3 Dall insegnamento di Cartesio Prima regola: non accettare mai cosa alcuna come vera a meno di non conoscerla evidentemente come tale Seconda regola: dividere ognuna delle difficoltà che io esamini, in tante piccole parti quanto sia possibile e necessario, per meglio risolverle Terza regola: condurre in ordine i miei pensieri, cominciando dagli oggetti più semplici e più facili da conoscersi, per salire, a poco a poco e come per gradi, fino alla conoscenza dei più complessi Quarta (e ultima) regola: fare delle enumerazioni così complete e delle rassegne così generali, da essere sicuro di non omettere nulla Dal Discorso sul Metodo 5 alle idee innovative di Henry Gantt Henry Laurence Gantt nasce in una famiglia di ricchi agricoltori del Maryland nel Si laurea alla Johns Hopkins University e lavora come insegnante prima di diventare un grafico nel 1884 e di specializzarsi come ingegnere meccanico. Dal 1887 al 1893 lavora alla Midvale Steel Company di Philadelphia dove diviene assistente dell'ingegnere capo (F.W. Taylor) ( ) Dal 1900 Gantt diviene famoso come consulente di successo, in quanto sviluppa un interesse per gli aspetti del management sempre più ampi e anche conflittuali. ( ) Muore nel 1919 Gantt viene spesso considerato un discepolo di Taylor e un promotore della scuola scientifica del management. Come Taylor, Gantt crede che solo l'applicazione dell'analisi scientifica a ogni aspetto del lavoro possa produrre efficienza in campo industriale e che i miglioramenti nel'ambito del management risultino dall'eliminazione del caso e degli incidenti 6

4 I contributi di Henry Gantt (1/4) Task & Bonus System: Viene introdotto nel 1901 come variazione del sistema differenziale di Taylor L'impiegato riceve un bonus oltre al suo regolare stipendio giornaliero se riesce a portare a termine il compito di quella giornata; egli riceve comunque lo stipendio giornaliero anche se il lavoro non viene completato. Il sistema di Taylor, al contrario, penalizzava gli impiegati che eseguivano una performance al di sotto degli standard Il risultato dell'introduzione del sistema di Gantt (che consente ai lavoratori di percepire lo stipendio mentre essi imparano ad aumentare la loro efficienza) è che la produzione industriale, in molti casi, aumenta più del doppio Questo fatto convince Gantt che la preoccupazione per il morale degli operai e degli impiegati sia uno dei fattori più importanti in ambito di gestione delle risorse umane e lo conduce infine a essere in disaccordo con Taylor circa i fondamenti del management scientifico 7 I contributi di Henry Gantt (2/4) La prospettiva del lavoratore: Gantt si accorge che il suo sistema offre pochi incentivi che spingano a fare qualcosa in più oltre che a soddisfare lo standard lavorativo Quindi, egli lo modifica: la paga verrà elargita in base al tempo impiegato, più una percentuale di quel tempo se il compito viene portato a termine entro il termine specificato o addirittura prima. Pertanto un lavoratore può ricevere la paga di tre ore per eseguire una mansione da due ore eseguita in due ore di tempo o meno E ancora: il caporeparto ottiene un bonus sullo stipendio se tutti i lavoratori soddisfano gli standard richiesti. Questo è uno dei primi tentativi ufficialmente registrati di premiare i capisquadra affinché insegnino agli operai come migliorare il loro modo di lavorare In "Work, Wages and Profits" Gantt scrive: "Tutto ciò che facciamo deve essere in accordo con la natura umana. Non possiamo guidare le persone; dobbiamo dirigere il loro sviluppo. La politica generale seguita in passato era guidare, ma l'era della forza deve cedere il passo a quella della conoscenza, e la politica del futuro sarà formare e dirigere a vantaggio di tutte le persone coinvolte". Grazie all'esperienza di insegnante, Gantt sperava che il suo sistema di bonus avrebbe trasformato i capireparto da supervisori e capi di operai a formatori e persone in grado di fornire un aiuto ai propri subordinati 8

5 I contributi di Henry Gantt (3/4) Il diagramma: Parte come un meccanismo semplice ma efficace per registrare i progressi dei lavoratori rispetto al raggiungimento di standard operativi Per ogni operaio viene tenuta una nota giornaliera: in nero se lavora secondo gli standard, in rosso se non lo fa. Queste annotazioni si espandono poi in altre tabelle che riportano la quantità di lavoro per macchina, la quantità di lavoro per operaio, il controllo dei costi e altro Mentre è alle prese con il problema di tracciare tutti i vari compiti/attività dei ministeri durante lo sforzo bellico del 1917, Gantt si accorge che deve compilare tabelle sulla base del tempo e non della quantità. La soluzione è un diagramma a barre che mostra come il lavoro sia registrato nel corso del tempo fino al suo completamento I manager, così, possono osservare, sotto forma di diagramma, come stiano procedendo i lavori e dove/quando sia necessario agire I diagrammi di Gantt sono stati applicati a ogni tipo di progetto!!! 9 I contributi di Henry Gantt (4/4) La responsabilità sociale delle Aziende: Dopo la morte di Taylor, nel 1917, Gantt sembra distanziarsi ulteriormente dai principi del management scientifico ed estende i suoi interessi alla funzione della leadership e al ruolo dell Azienda stessa Egli, via via, si convince che il management ha degli obblighi nei confronti della comunità in generale e che un Azienda di successo ha il dovere di pensare al benessere della società In "Organizing for Work" egli afferma che vi è un conflitto tra i profitti e i servizi e che l'uomo d'affari (che ritiene che i profitti siano più importanti dei servizi che rende) "ha dimenticato che il suo business è fondato sui servizi e, per quanto riguarda la comunità, esso non ha ragione di esistere se non per il servizio che fornisce" Queste preoccupazioni lo conducono ad affermare che "il business system deve accettare la sua responsabilità sociale e dedicarsi soprattutto ai servizi, altrimenti la comunità cercherà di sostituirlo fornendo essa stessa i servizi nel suo interesse" 10

6 Gantt un po di storia Gantt è stato uno scrittore e un oratore prolifico. Il suo concetto del caporeparto come formatore fa di lui uno dei primi sostenitori della filosofia comportamentale lungo una linea che parte da Owen e arriva fino a Mayo, ai nostri giorni. Inoltre, il suo concetto del dovere delle aziende nei confronti della società lo rende uno dei primi portavoce della responsabilità sociale delle industrie. Tuttavia, egli sarà ricordato per l'invenzione del diagramma di Gantt. Egli non ha mai tratto profitto dalla sua innovazione destinata a durare nei secoli e i suoi libri sono illustrati con esempi che mostrano il "work in progress" piuttosto che il diagramma a barre laterali che ci è più familiare. 11 Il piano tempi in relazione a scopo, costi, risorse, rischi 12

7 Processi di pianificazione I processi di pianificazione costituiscono l insieme dei processi utilizzati per sviluppare il piano di progetto, nel quale si definiscono le attività e i valori delle variabili (tempi, costi, qualità, ecc.) necessari al raggiungimento degli obiettivi e dell ambito stabiliti. Aspetti rilevanti da tenere in considerazione Vincoli (interni ed esterni all organizzazione di progetto) limitazioni di budget, date intermedie imposte e/o data di fine progetto imposta Assunti eventi esterni che devono verificarsi affinché un progetto abbia successo; vengono identificati con l esperienza Personalizzazione (tailoring) dei processi di pianificazione i processi devono essere adattati al progetto specifico e/o alla situazione organizzativa Piano generale di progetto, tutti i singoli piani associati 13 Quando fare? Chi fa? Quanto costa? Come fare? Chi fa cosa? Con che cosa fare? Cosa Fare e con quali vincoli? Mettiamole in ordine e in sequenza Le domande da farsi Processi Cosa Cosa Fare Fare e con con quali quali vincoli? Chi Chi fa fa cosa cosa? Output Chi Chi fa fa? WBS OBS Matrice WBS/OBS Risorse Con Con che che cosa cosa fare? fare? Come Come fare fare? Reticolo Logico Quando fare? fare? Gantt Quanto costa? costa? Budget 14

8 Segreteria Sig.a Salvi Ufficio P.R. D.ssa Paoli Squadra Cucina 1 Chef Ufficio Servizi Sig. Ulivi Impresa di Trasporto Squadra Camerie ri i macro passi da fare Cosa Fare? = WBS Chi Fa?? OBS 1 OBS progetto Uff. Gare Uff. Acquisti Sub-suppliers Uff. Tecnico Ditta X Ditta Y Ditta Z Come fare? Reticolo logico Quali obiettivi ho? Work Package Chi fa cosa? = Matrice respondabilità WBS - Cena di gala Orga nizzazione Ac quisti Preparazione Quando? = Piano dei tempi Gantt Work Package: Scelta Sala Descrizione: deve essere scelta una sala per 200 persone, di gran lusso, con caminetto, stile primi del 900. In Responsabile : capo delle P.R. Chi paga: lo sponsor Costo : Lit Prodotti d input : specifiche dello sponsor, analisi invitati Prodotti d output : offerte, documento di analisi offerte, contratto BASELINE Quale impegno? Carichi risorse Inviti Scelta sala Scelta menù Person ale Cibi Bevand e Vettovaglie Fiori Sala Cucina Co ttura Servizio Resp. Progetto Dott. Galante Quanto costa? Budget le attività da compiere Definire l Ambito (Scope) Definire le le Individuare Sequenze Definire le le Risorse Stimare Durate Schedulare i i Tempi Stimare Costi Definire il il Budget Sviluppare il il Piano Definire i i Rischi 16

9 Prima attività Definire l Ambito Definire l Ambito (Scope) Definire le Individuare Sequenze Definire le Risorse Stimare Durate Schedulare i Tempi Stimare Costi Definire il Budget Sviluppare il Piano Definire i Rischi Output di questo processo: WBS Work Package OBS Matrice responsabilità 17 La WBS Work Breakdown Structure La WBS è il principale strumento utilizzato per rispondere alla domanda che cosa fare nel progetto ovvero descrive l ambito del progetto. Il livello più basso di scomposizione del lavoro è rappresentato da work package (WP) ovvero il pacchetto di lavoro elementare del progetto Costruzione di una casa per abitazione A CASA PER ABITAZIONE 1 Livello AF FONDAMENTA AC CORPO CASA AT COPERTURA 2 Livello Semplificazioni: Fasi di costruzione: 3 AF1 SCAVO AF2 FONDAZION I (opere) di costruzione: 10 AC1 INTERCAPEDINE AC2 MURATURE AC3 FINITURE INTERNE AC4 INTONACI ESTERNI AC5 RIVEST. ESTERNI AT1 SOLAIO COPERTURA AT2 MATURAZIONE SOLAIO AT3 TEGOLE, PLUVIALI 18

10 La WBS strumento di aggregazione PROGETTO INFORMATICO (64 gg) STUDIO FATTIBILITA' (5 gg) SOFTWARE. (42 gg) HARDWARE. (8 gg) DOCUMENTAZIONE. (9 gg) Analisi Esigenze. (3 gg) Sviluppo Studio Fattibilità (2) MODULI.. (35 gg) Sviluppo Help (4 gg) Analisi Tecnica Hardware (4 g) Acquisto Hardware (2 gg) Sviluppo Documenti Tecnici (3 gg) Sviluppo Manuale Utente (4 gg) Processo Bottom Up Aggregazione dal basso verso l alto Installazione Sftware. (1 gg) Installazione Hardware (1 gg) Sviluppo Manuale Corso (2 gg) Messa in Esercizio. (2 gg) Collaudo Hardware (1 gg) 19 La WBS strumento di controllo direzionale STUDIO FATTIBILITA' (5 gg) Analisi Esigenze. (3 gg) Sviluppo Studio Fattibilità (2) SOFTWARE. (42 gg) MODULI.. (35 gg) Sviluppo Help (4 gg) PROGETTO INFORMATICO (64 gg) HARDWARE. (8 gg) Analisi Tecnica Hardware (4 g) Acquisto Hardware (2 gg) DOCUMENTAZIONE. (9 gg) Sviluppo Documenti Tecnici (3 gg) Sviluppo Manuale Utente (4 gg) Descrizione: Documentazione Responsabile: sig. Rossi Durata: 5 giorni Inizio: Fine: Costo previsto totale: Impegno : 9 gg./uomo Risorse coinvolte: 2 persone Ditte esterne: Copisterie Piano tempi X Documentazione MARZO 1999 Piano costi Installazione Sftware. (1 gg) Installazione Hardware (1 gg) Sviluppo Manuale Corso (2 gg) Y Z Messa in Esercizio. (2 gg) Collaudo Hardware (1 gg) 20

11 Segreteria Sig.a Salvi Ufficio P.R. D.ssa Paoli Squadra Cucina 1 Chef Ufficio Servizi Sig. Ulivi Impresa di Trasporto Squadra Camerieri Invit i Sc elt a s ala Sc el ta menù Pe rsona le C ibi Be va nde Ve tt ov aglie Fiori Sal a Cucina Cott ura Se rv izio WBS e OBS individuano la RAM WBS del progetto 'Cena di gala' - Aggregazione costi OBS del progetto 'Cena di gala' - Aggregazione dei costi Organizzazione 1100 Inviti 10 Acquisti 5200 Cibi 3000 WBS - Cena di gala 7600 Sala 50 Cucina 50 Preparazione 1300 Cottura 1000 Servizio 200 Segreteria Sig.a Salvi 1070 Ufficio P.R. D.ssa Paoli 1030 Resp. Progetto Dott. Galante 7600 Squadra Cucina 1 Chef 5200 Ufficio Servizi Sig. Ulivi 300 Scelta sala 1000 Scelta menù 30 Personale 60 Bevande 1200 Vettovaglie 800 Fiori 200 Antipasti 100 Primi 300 Secondi 500 Dessert 100 Antipasti 30 Primi 70 Secondi 80 Dessert 20 Impresa di Trasporto 50 Squadra Camerieri 250 Costi per Responsabile Costi per WP MATRICE DELLE RESPONSABILITA WBS - Cena di gala Organizzazi one Acquisti P reparazi one Resp. Progetto Dott. Galante 21 La Matrice di Assegnazione delle Responsabilità Matrice delle Responsabilità (RACI o RAM=Responsability Assignment Matrix) WBS - Cena di gala WBS Organizzazione Acquisti Preparazione OBS Inviti Scelta sala Scelta menù Personale Cibi Bevande Vettovaglie Fiori Sala Cucina Cottura Servizio Resp. Progetto Dott. Galante Segreteria Sig.a Salvi Ufficio P.R. D.ssa Paoli Squadra Cucina 1 Chef Ufficio Servizi Sig. Ulivi Impresa di Trasporto Squadra Camerieri A P R I R = Responsabile, A = Approva, C = Consultato, I = Informato, P = Partecipa 22

12 Seconda attività Definire le Definire l Ambito (Scope) Definire le Individuare Sequenze Definire le Risorse Stimare Durate Schedulare i Tempi Stimare Costi Definire il Budget Sviluppare il Piano Definire i Rischi Output di questo processo: Lista attività Elenco dei Deliverable per attività Informazioni dettagliate di supporto (specifiche, disegni, ecc..) WBS aggiornata (se necessario) 23 Lista di e Deliverable Lista di Nasce dalla disamina dettagliata dei Work Package della WBS Ogni attività ha codifica univoca, descrizione esaustiva, ha come responsabile colui che risponde del WP È un elenco disordinato per natura ma può rifarsi a cicli di vita standard Elenco Deliverable Sono i prodotti e gli output previsti per ciascuna attività Migliorano la programmazione e responsabilizzano gli esecutori Associandone un peso, è più semplice gestirne gli avanzamenti A Fornitura di Modulo software M1 Inizio previsto : 1 marzo Fine prevista : 30 aprile Durata : 40 giorni lavorativi Costi previsti: Analisi 150 Documentazione 20 Sviluppo 230 Totale costo : 400 Deliverables dell attività A Documento di analisi Peso: 30% Data: 10 gg. dopo inizio attività Sviluppo Modulo M1 Peso: 50% Data: al 31 marzo Documento di rilascio Peso: 20% Data: al completamento dell attività 24

13 Terza attività Individuare Sequenze Definire l Ambito (Scope) Definire le Individuare Sequenze Definire le Risorse Stimare Durate Schedulare i Tempi Stimare Costi Definire il Budget Sviluppare il Piano Definire i Rischi Output di questo processo: Reticolo logico Lista attività aggiornata (se necessario) 25 Rappresenta il modello del progetto, più comunemente noto come reticolo o network logico di programmazione Nel reticolo logico vengono rappresenta, in forma di grafo, le attività di progetto e le reciproche dipendenze (legami, propedeuticità, vincoli) I dati contenuti in un reticolo sono: attività, eventi, legami, durate, date vincolo, ritardi o anticipi La preparazione del reticolo di progetto è un processo di tipo collegiale a cui partecipano tutti gli interpreti coinvolti ciascuno, con le proprie competenze. Il reticolo costituisce il modello matematico rispetto al quale si possono eseguire gli algoritmi di calcolo per la programmazione temporale (PERT, CPM, CCM) Legenda Il reticolo logico Eventi Legami 26

14 I legami (dipendenze) tra attività Individuano le dipendenze fra le attività Seguono una logica di inizio/fine attività condizionata da inizio e fine di altre attività Possono essere individuati dei ritardi o degli anticipi Sono di quattro tipi: Fine - Inizio : B non può iniziare se non è finita A A Fine - Inizio B Inizio - Inizio : B non può iniziare se non è iniziata A Fine - Fine : B non può finire se non è finita A A B Inizio - Inizio A B Fine - Fine Inizio - Fine : B non può finire se non è iniziata A A B Inizio - Fine 27 Ogni legame può avere una durata Una durata positiva è un ritardo, una durata negativa è un anticipo Ritardo e anticipo possono essere associati ad un calendario Durata legame Ritardi e anticipi sui legami Legame FINE - INIZIO Durata legame Legame INIZIO - INIZIO 0 giorni 0 giorni 2 giorni (ritardo) 2 giorni (ritardo) -1 giorno (anticipo) -1 giorno (anticipo) N.B.: In entrambi gli esempi l attività condiziona l attività 28

15 Esempio di costruzione di un reticolo AC1 Intercapedine INIZIO AF1 Scavo AF2 Fondazioni AC2 Murature AT1 Solaio Cop. AT2 Matur.Solaio AC3 Finiture Int. FINE ID Dipend. AT3 Tegole Gronde AF1 Realizzazione scavo - AF2 Realizzazione fondamenta AF1 AC1 AC2 Realizzazione intercapedine Realizzazione murature AF2 AF2 AC4 Intonaci Esterni AC5 Riv. Esterni AT1 Realizzazione solaio AC2 AC4 Intonaci Esterni AC2 AT2 Matur. Solaio AT1 AT3 Tegole Gronde AT1 AC5 AC3 Rivestimenti esterni Finiture interni AC4 AT2; AC1 29 Quarta attività Definire le Risorse Definire l Ambito (Scope) Definire le Individuare Sequenze Definire le Risorse Stimare Durate Schedulare i Tempi Stimare Costi Definire il Budget Sviluppare il Piano Definire i Rischi Output di questo processo: Fabbisogno risorse 30

16 La stima del fabbisogno di risorse Identificazione del fabbisogno di ciascuna tipologia di risorsa sul progetto: Periodo Quantità richiesta nel periodo Identificazione dell unità di misura 2,5 2 1,5 Richiesta 1 0,5 0 1 sett 2 sett 3 sett 4 sett 5 sett 6 sett 7 sett 8 sett 9 sett 10 sett 11 sett 12 sett 31 Quinta attività Stimare le Durate Definire l Ambito (Scope) Definire le Individuare Sequenze Definire le Risorse Stimare Durate Schedulare i Tempi Stimare Costi Definire il Budget Sviluppare il Piano Definire i Rischi Output di questo processo: Stima delle durate delle attività Definizione calendari lavorativi Elementi assunti come base per la stima Lista attività aggiornata (se necessario) 32

17 La stima della durata delle attività Ad ogni attività deve essere assegnata una durata (deterministica o probabilistica) L assegnazione della durata è compito del responsabile dell attività La durata deve essere espressa nell unità di misura del tempo scelta (ore, giorni, ) e deve essere dichiarato se si intende in giorni solari o lavorativi Se espressa in giorni lavorativi deve essere dichiarato il calendario dei giorni lavorativi da applicare La durata può essere definita sulla base di numerosi parametri: esperienza personale storia risorse utilizzate (quantità, skill, disponibilità, ) Quantità da produrre/produttività giornaliera Function point (progetti software) 33 Tipologie e stime Per la stima delle durate possono essere utilizzati diversi metodi: stima analitica o definitiva (bottom-up): ha un grado di confidenza che va da - 10% a +15%. Ogni singolo componente viene valutato e stimato; stima parametrica: si basa su parametri di costo utilizzati spesso nelle organizzazioni commerciali (es: 1mc, 1mq, 1lit, ecc.); stima per analogia (top-down): ha un range di precisione che va dal -50% al +100% e consiste nel far riferimento ad un progetto simile; stima a tre valori: considera l incertezza e il rischio intrinseco al processo di stima. Il concetto nasce con il metodo PERT; prevede l individuazione di tre stime per ogni attività (Durata più probabile, Durata ottimistica, Durata pessimistica) e il calcolo della durata media attesa (EAM) tramite una media ponderata del tipo (O+ 4 M+ P) EAM= 6 oppure (O p(o)) + (M p(m)) + (P p(p)) EAM=

18 Sesta attività Stimare i Costi Definire l Ambito (Scope) Definire le Individuare Sequenze Definire le Risorse Stimare Durate Schedulare i Tempi Stimare i Costi Definire il Budget Sviluppare il Piano Definire i Rischi Output di questo processo: Stime dei costi 35 La stima dei costi delle attività Serve a poter individuare il budget di progetto La stima può essere effettuata a vari livelli ed in tempi diversi: livello strategico: budget aziendale livello di massima: per la preparazione di gare e proposte (sulla WBS) livello di dettaglio: per la preparazione del budget dettagliato e l assegnazione del budget ai responsabili (sulle attività di reticolo) Deve poter prevedere tutte le tipologie di costo e può riferirsi ad una CBS (Cost Breakdown Structure) Si possono utilizzare le strutture di scomposizione (WBS, OBS, ecc.) per differenti lettura aggregata dei costi di progetto (es: costi per tipologia di prodotto, costo per ufficio competente, costo per processo, ecc ) 36

19 Tipologie di costo e stime La stima dei costi viene generalmente effettuata scomponendo gli stessi per: - tipologia di risorse (personale, strumenti, materiali, servizi, ecc.) - costi diretti e indiretti - costi interni ed esterni - costi fissi o variabili Per la stima dei costi possono essere utilizzati diversi metodi: stima analitica o definitiva (bottom-up): ha un grado di confidenza che va da -10% a +15%. Ogni singolo componente viene valutato e stimato; stima parametrica: si basa su parametri di costo utilizzati spesso nelle organizzazioni commerciali (es: 1mc, 1mq, 1lit, ecc.); stima per analogia (top-down): ha un range di precisione che va dal -50% al +100% e consiste nel far riferimento ad un progetto simile; analisi delle offerte fornitori, cataloghi, ecc. 37 Settima attività Definire i Rischi Definire l Ambito (Scope) Definire le Individuare Sequenze Definire le Risorse Stimare Durate Schedulare i Tempi Stimare Costi Definire il Budget Sviluppare il Piano Definire i Rischi Output di questo processo: Piano dei rischi di progetto 38

20 I Rischi di progetto il rischio di progetto è un evento o una condizione incerta che, se accade, può avere un effetto positivo o negativo sull obiettivo del progetto Rischi di scopo: quanto inizialmente ci si è proposti di realizzare diventa impossibile, evolve, cresce o muta a causa di fattori interni o esterni; Rischi di programmazione: le scadenze temporali pianificate e approvate escono al di fuori del controllo; Rischi di costo: i costi attuali non rispettano il budget approvato ed il progetto sfugge al controllo; Rischi di qualità: il prodotto finale del progetto viene consegnato, ma non corrisponde alle aspettative e alle specifiche del committente 39 Il Rischio è funzione di Il rischio è la valutazione della probabilità e della conseguenza di non raggiungere un obiettivo di progetto definito Un rischio è caratterizzato da due componenti principali: Probabilità di occorrenza di tale evento Impatto dell evento che si verifica RISCHIO = f (probabilità, impatto) 40

21 La Gestione dei Rischi di progetto A tale scopo è prevista l implementazione di una serie di processi durante l intero ciclo di vita del progetto: Identificazione dei rischi: individuazione e descrizione dei rischi che incombono sul progetto (tecnica molto usata: brainstorming) Analisi dei rischi: valutazione dei rischi e delle loro interazioni per stimare le possibili evoluzioni del progetto Sviluppo del piano di risposta ai rischi: definizione dei passi per sfruttare le opportunità e rispondere alle minacce individuate Monitoraggio e controllo dei rischi: reazione ai cambiamenti dei rischi durante lo svolgimento del progetto 41 Ottava attività Schedulare i Tempi Definire l Ambito (Scope) Definire le Individuare Sequenze Definire le Risorse Stimare Durate Schedulare i Tempi Stimare Costi Definire il Budget Sviluppare il Piano Definire i Rischi Output di questo processo: Schedulazione del progetto Gantt Fabbisogno risorse nel tempo: carichi 42

22 La schedulazione dei Tempi Si schedulano i tempi attraverso: Individuazione delle date di inizio e fine di ogni singola attività; Individuazione della data di inizio del progetto; Individuazione di possibili milestone intermedie (ad es. di natura contrattuale), vincolanti la schedulazione generale; Individuazione del cammino critico e, quindi, della data di fine progetto (con la conseguente durata); Calcolo dei margini ( float o slittamenti possibili) di ciascuna attività o di sequenze di attività; Ottimizzazione del piano dei tempi in relazione ai costi e alle risorse disponibili 43 Le tecniche di schedulazione Tecnica di programmazione manuale - GANTT (altri nomi: barchart, diagramma a barre, piano lavori, programma lavori, ) 5 Tecniche reticolari - Calcolo del reticolo Metodi di analisi del reticolo - PERT (Program Evaluation & Review Technique) - CPM (Critical Path Method) - CCM (Critical Chain Method)

23 Le tecniche lineari il diagramma di Gantt È un metodo accettabile per una pianificazione strategica o di massima (macroattività) Ha il difetto della staticità, dovuta alla mancanza di dipendenze reciproche fra attività (superata nei software di PM) È molto utile come rappresentazione del programma lavori, ma non come tecnica di pianificazione Si basa spesso su valutazioni soggettive della durata e della collocazione temporale delle attività Più correttamente, può essere visto come un prodotto di sintesi delle tecniche reticolari GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT 45 Provate a capire 46

24 Le tecniche reticolari il PERT (1/2) Tiene conto dell incertezza della durata delle attività Utile per progetti innovativi o di grande durata (esempio: progetti di ricerca, prog. spaziali) Metodo impegnativo e quindi, in alcune realtà, ritenuto troppo complesso o proco giustificato. L incertezza viene trattata con metodi probabilistici L incertezza può riguardare: natura delle attività (studi, ricerche, analisi, ) disponibilità aziendale delle risorse necessarie al momento della realizzazione del progetto fabbisogno delle risorse richieste dalle attività resa delle risorse puntualità di consegna da parte dei fornitori imprevedibilità di alcuni eventi (scioperi, incidenti, condizioni climatiche, ) 47 Le tecniche reticolari il PERT (2/2) Il metodo PERT, inoltre, utilizza un algoritmo che consente di: Calcolare in forma probabilistica la fine del progetto Calcolare le date di inizio e fine più probabili per ciascuna attività Calcolare la distribuzione probabilistica delle date di inizio e fine per ogni attività Individuare la probabilità di criticità per ogni attività Produrre un Gantt ottimistico, uno pessimistico, uno più probabile e uno medio Probabilità Durata attività: DATA DI FINE PROGETTO 31/5 30/6 31/7 31/8 48

25 Le tecniche reticolari il CPM (1/3) Segue l approccio deterministico: assume come determinate, pari al valore più probabile, le durate delle attività del progetto; L assunzione alla base del modello è che esista una relazione tra il tempo di completamento ed il costo delle singole attività e, quindi, dell intero progetto Infatti, se da una parte è necessario sostenere dei costi per accelerare un attività (costi diretti), dall altra è necessario sostenere dei costi per sostenere un progetto con tempi più lunghi (costi indiretti) Mira ad individuare il trade-off tra costo e durata del progetto E utilizzato quando per le attività è possibile stabilire una durata e metterla in relazione alle risorse utilizzate e quindi al costo delle stesse (L = D x U) 49 OBIETTIVI Pianificazione temporale del progetto Individuazione del percorso critico e di eventuali ipercriticità RISULTATI Individuazione delle date d inizio e di fine (al più presto e al più tardi) del progetto e di ciascuna attività Individuazione degli scorrimenti possibili di ciascuna attività (Float o Total Float) Individuazione delle criticità temporali di progetto GRAFICI Disegno del reticolo di progetto (Network Diagram) Diagramma di Gantt (sempre aggiornato) Legenda Le tecniche reticolari il CPM (2/3) Eventi Legami Entità non critica Entità critica 50

26 Le tecniche reticolari il CPM (3/3) PASSI Passaggio in avanti (Forward Pass): calcolo date al più presto (Early Start, Early Finish) Passaggio all indietro (Backward Pass): calcolo date al più tardi (Late Start, Late Finish) Calcolo degli scorrimenti totale e libero (Total Float e Free Float) Individuazione delle criticità delle attività 51 Esempio di Schedulazione Tempi (CPM) (1/5) AC1 Intercapedine Du=3 gg Inizio AF1 Scavo Du=4 gg AF2 Fondazioni Du=6 gg AC2 Murature Du=7 gg AT1 Solaio Cop. Du=3 gg AT2 Matur.Solaio Du=3 gg AC3 Finiture Int. Du=5 gg Fine AT3 Tegole Gronde Du=4 gg AC4 Intonaci Esterni Du=5 gg AC5 Riv. Esterni Du=3 gg 52

27 Esempio di Schedulazione Tempi (CPM) (2/5) AC1 Intercapedine Du=3 gg Es=11 Ef=13 AF1 Scavo Du=4 gg Es=01 Ef=04 AF2 Fondazioni Du=6 gg Es=05 Ef=10 AC2 Murature Du=7 gg Es=11 Ef=17 AT1 Solaio Cop. Du=3 gg Es=18 Ef=20 AT1 Matur.Solaio Du=3 gg Es=21 Ef=23 AC3 Finiture Int. Du=5 gg Es=24 Ef=28 Fine 29 Percorso in avanti AT3 Tegole Gronde Du=4 gg Es=21 Ef=24 AC4 Intonaci Esterni Du=5 gg Es=18 Ef=22 AC5 Riv. Esterni Du=3 gg Es=23 Ef=25 Il progetto termina al più presto il giorno Esempio di Schedulazione Tempi (CPM) (3/5) AC1 Intercapedine Du=3 gg Es=11 Ef=13 Ls=21 Lf=23 Percorso all indietro AF1 Scavo Du=4 gg Es=01 Ef=04 Ls=01 Lf=04 AF2 Fondazioni Du=6 gg Es=05 Ef=10 Ls=05 Lf=10 AC2 Murature Du=7 gg Es=11 Ef=17 Ls=11 Lf=17 AT1 Solaio Cop. Du=3 gg Es=18 Ef=20 Ls=18 Lf=20 AT1 Matur.Solaio Du=3 gg Es=21 Ef=23 LS=21 Lf=23 AC3 Finiture Int. Du=5 gg Es=24 Ef=28 Ls=24 Lf=28 Fine 29 AT3 Tegole Gronde Du=4 gg Es=21 Ef=24 Ls=25 Lf=28 AC4 Intonaci Esterni Du=5 gg Es=18 Ef=22 Ls=21 Lf=25 AC5 Riv. Esterni Du=3 gg Es=23 Ef=25 Ls=26 Lf=28 54

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Introduzione al Project Management AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Contenuti del corso Impostazione del progetto; Pianificazione delle attività, risorse e costi; Coordinamento e controllo durante le

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione PROJECT MANAGEMENT Change Formazione 1 INTRODUZIONE 3 Le fasi del Project Management 3 Fattori critici di insuccesso 4 Fattori critici di successo 4 LA PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO 5 LA PROGRAMMAZIONE DEL

Dettagli

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET Internet una finestra sul mondo... Un azienda moderna non puo negarsi ad Internet, ma.. Per attivare un reale business con transazioni commerciali via Internet

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento LA GUIDA DEL SOLE 24 ORE AL PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento Stefano Tonchia e Fabio Nonino

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria e Automazione Master in Project Management RIORGANIZZAZIONE DEI PROGETTI PER L ULTIMO TRIMESTRE DEL 2004 CON REALIZZAZIONE

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT EXECUTIVE PERCORSO DI CERTIFICAZIONE PMP PROFESSIONAL. Project Management 26 MARZO - 24 LUGLIO 2015

PROJECT MANAGEMENT EXECUTIVE PERCORSO DI CERTIFICAZIONE PMP PROFESSIONAL. Project Management 26 MARZO - 24 LUGLIO 2015 PROJECT MANAGEMENT EXECUTIVE PERCORSO DI CERTIFICAZIONE PMP PROJECT MANAGEMENT PROFESSIONAL CON LA SUPERVISIONE SCIENTIFICA DI XVIII Edizione / Formula weekend 26 MARZO - 24 LUGLIO 2015 Z1099 2015 Project

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

PROJECT & CONSTRUCTION MANAGEMENT NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

PROJECT & CONSTRUCTION MANAGEMENT NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI ANNO ACCADEMICO 2007/2008 MASTER UNIVERSITARIO DI 1 LIVELLO IN PROJECT & CONSTRUCTION MANAGEMENT NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI presso la Facoltà di Ingegneria dell Università degli Studi di Brescia MASTER

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

Esempi di algoritmi. Lezione III

Esempi di algoritmi. Lezione III Esempi di algoritmi Lezione III Scopo della lezione Implementare da zero algoritmi di media complessità. Verificare la correttezza di un algoritmo eseguendolo a mano. Imparare a valutare le prestazioni

Dettagli

Ricerca non informata in uno spazio di stati

Ricerca non informata in uno spazio di stati Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A5_2 V2.4 Ricerca non informata in uno spazio di stati Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

IL BUDGET. Che cos è il budget.

IL BUDGET. Che cos è il budget. IL BUDGET Che cos è il budget. Ogni progetto deve possedere una sostenibilità economica che permette la realizzazione delle attività e il raggiungimento degli obiettivi. Questa sostenibilità economica

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP www.formazione.ilsole24ore.com PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP ROMA, DAL 19 NOVEMBRE 2012-1 a edizione MASTER DI SPECIALIZZAZIONE In collaborazione con: PER PROFESSIONISTI

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli