Tecnica Bancaria (Cagliari )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecnica Bancaria (Cagliari - 2014)"

Transcript

1 Tecnica Bancaria (Cagliari ) prof. Fabrizio Crespi

2 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, il bilancio della banca, la gestione dei rischi 2

3 Argomenti Le diverse tipologie di banking Crescita e modelli organizzativi La politica distributiva Le strategie di internazionalizzazione La gestione dell attivo e del passivo 3

4 Le diverse tipologie di banking 4

5 Il commercial banking Si tratta, in sostanza, dell attività tradizionale della banca, cioè quella di raccolta di depositi (da qui anche il nome di banche di deposito) e di impiego di denaro (in passato prevalentemente a breve termine) Storicamente, infatti, le banche commerciali erano impegnate per lo più nello sconto di crediti commerciali (da qui il nome commercial banking), diversamente dagli istituti di credito specializzati, che fornivano invece credito a medio lungo termine all industria L attività di sconto di credito commerciale fu in alcuni casi un allargamento dell attiva di commercianti all ingrosso, che si trasformarono così in banchieri Accanto all attività di raccolta di depositi, le banche commerciali svilupparono fin dalla loro origine strumenti di pagamento alternativi alla moneta che potessero favorire l attività commerciale, artigianale e anche industriale 5

6 Il commercial banking Nell ambito del concetto di commercial banking, si possono peraltro annoverare le esperienze storiche di intermediazione finanziaria svolte da particolari istituti e derivanti da specifiche spinte socio-culturali e cioè: Banche di credito cooperativo Banche popolari Monti di pietà Casse di risparmio 6

7 E importante segnalare che l attività bancaria si riferisce ad aree d affari distinte per quanto riguarda sia la segmentazione della clientela, sia la modalità di scambio prevalente. Tale distinzione ha implicazioni notevoli sul piano organizzativo e gestionale Tradizionalmente la banca si è dedicata e si dedica ad attività di retail banking mediante processi produttivi industrializzati e standardizzati, canali distributivi diretti e capillari, e con modalità di scambio orientate alle transazioni Si tratta infatti di produrre e offrire strumenti e servizi di tipo standardizzato ed elementare, con valore aggiunto unitario relativamente basso, di dimensione media piuttosto contenuta, con criteri di efficienza basati prevalentemente sull attuazione di processi ripetitivi a elevato contenuto tecnologico 7

8 Nel momento presente, e in prospettiva, le banche, specie quelle più grandi, tendono a dedicare attenzione maggiore anche alle attività di private banking e di corporate banking, le quali presentano caratteristiche del tutto diverse dal retail banking. Si tratta infatti di strumenti e servizi complessi e integrati, messi a punto secondo un criterio di personalizzazione rispetto al bisogno specifico del cliente, di dimensione unitaria non piccola, con valore aggiunto unitario elevato, negoziati all interno di una relazione di clientela duratura e consolidata (relationship banking) con profili di qualità (performance) elevati 8

9 Private banking Con il termine private banking si intende identificare l insieme dei prodotti e dei servizi che l intermediario finanziario offre per il soddisfacimento dei bisogni emergenti dalla gestione finanziaria della clientela privata (cioè essenzialmente persone fisiche individuali e famiglie) appartenenti a categorie di reddito e/o ricchezza finanziaria superiori alla media Al concetto di private banking corrisponde un preciso modo di essere e di fare banca : il contenuto del servizio offerto è elevato, l offerta di prodotto/servizio è personalizzata, cioè focalizzata alla specificità della situazione finanziaria del cliente, la relazione di scambio è orientata a produrre con continuità le migliori soluzioni dei problemi finanziari del cliente (nelle diverse aree: incasso/pagamento, investimento, finanziamento, assicurazioneprevidenza) secondo una visione integrata e unitaria della sua gestione finanziaria 9

10 Il Private Banking: definizione e caratteristiche Una attività di produzione e distribuzione di servizi di gestione, amministrazione e consulenza a favore di grandi patrimoni Grandi Patrimoni Elementi chiave Produzione e distribuzione di servizi 10

11 La struttura dell offerta Diverse soluzioni organizzative Le banche universali e la creazione di private banking units Le scelte di nicchia Le reti di promotori finanziari? I consulenti indipendenti? 11

12 Corporate banking La logica sottostante il concetto di corporate banking è analoga a quella vista per il private banking Il riferimento è però alla clientela costituita da imprese di dimensioni non piccole (in relazione anche alla dimensione della banca), e dotate di forma societaria (corporate) Quindi il corporate banking costituisce un area di affari molto complessa ed estesa, in cui il modello di offerta dell intermediario aggrega continuamente e con mutevole composizione prodotti elementari per consentire un efficiente ed efficace gestione della finanza ordinaria e straordinaria dell impresa (gestione della tesoreria, delle attività finanziarie, della struttura di indebitamento, delle operazioni sul capitale proprio, delle emissioni, dei rischi e così via) 12

13 Investment banking Collegato al concetto di corporate banking (ma non ad esso esattamente assimilabile) è poi da annoverare l area dell investment banking Il termine investment banking, di derivazione americana, racchiude infatti una serie molto ampia di servizi offerti alle imprese di dimensioni elevate (ma anche alla clientela privata e ad altri intermediari finanziari) connessi essenzialmente all intermediazione sul mercato mobiliare Le principali e tipiche attività di investment banking sono le seguenti: 13

14 Investment banking Primary market making (origination, underwriting e distribution) Secondary market making (attività di broker, attività di dealer/market maker, consulenza) Consulenza in operazioni di M&A, LBO, MBO ecc.. Financial engineering A queste attività si aggiungono, anche se non strettamente di investment banking, attività quali merchant banking, venture capital, private equity, asset management ecc 14

15 Le banche che svolgono attività di investment banking Investment banks americane (non ne rimangono molte dopo la crisi!!!) quali Goldman Sachs, JPMorgan ecc.. Il ritorno del Glass-Steagal Act??? In Europa alcune grandi banche inglesi, francesi, svizzere e tedesche In Italia essenzialmente i due grandi player (Unicredit ed Intesa), Mediobanca, alcuni ex istituti di credito specializzati, alcune boutique (Banca Leonardo) 15

16 Primary market making A firm generally cannot approach financial markets on its own. Investment banks help the firm to prepare registration requirements, and they provide the credibility a firm may need to induce investors to buy its stock Investment banks provide their advice on the valuation of the company and the pricing of the new issue Lead investment bank creates the underwriting syndicate (how does it works?) 16

17 Issuing corporation Advisor Investment Fund IB Lead manager IB Underwriters IB IB IB B B B B B B Sellers Underpricing phenomenon 17

18 Crescita e modelli organizzativi 18

19 I modelli organizzativi: prime osservazioni Come può crescere una banca??? Attraverso aumento della produzione o attraverso diversificazione della produzione Per via interna: aumento della capacità produttiva e apertura di nuove strutture produttive/distributive Per via esterna: fusioni/acquisizioni di partecipazioni di controllo, joint ventures, accordi commerciali 19

20 La crescita interna/esterna: pro & contro INTERNA: flessibilità decisionale vs lentezza nel conquistare quote di mercato ESTERNA: Crescita rapida ma problematiche sul fronte dell integrazione/organizzazione Non c è una soluzione ottima! 20

21 Grande banca o piccola banca? Nel sistema bancario italiano (e in generale in tutti i sistemi bancari) convivono intermediari bancari aventi dimensioni significative totalmente differenti La grande banca è caratterizzata da: Responsabilità di politica economica e rapporti privilegiati con le autorità di vigilanza (too big too fail) Controllo dei rischi (minori rischi di liquidità e credito), operatività con la clientela istituzionale e corporate di grandi dimensioni, operatività a livello internazionale Economie di scale e scopo? Tutte da provare 21

22 Grande banca o piccola banca? La banca piccola, d altra parte, si avvantaggia soprattutto della conoscenza del territorio in cui opera (possesso di soft information) e di un maggiore orientamento (almeno teorico) al relationship banking. Il concetto di localismo bancario, tuttavia, non è semplicemente schematizzabile nell idea di un rapporto privilegiato tra banca locale di piccole dimensioni e clientela retail/pmi Anche la banca grande, infatti, sta cercando di recuperare contatto con il territorio attraverso la rivisitazione di soluzioni organizzative e di marketing 22

23 I processi di crescita nel sistema bancario italiano: cosa è successo finora? Crescita, sia per linee interne ed esterne, favorita dalla liberalizzazione e privatizzazione del sistema Predominanza delle aggregazioni in ambito domestico e all interno della stessa categoria di banche (ad esempio B.Popolare con B. Popolare) Acquisizioni/fusioni di banche piccole in difficoltà da parte di banche più grandi e creazione di pochi big players Prevalenza del modello istituzionale del gruppo Internazionalizzazione e aggregazione con il settore assicurativo 23

24 Il modello organizzativo delle banche Fino a fine anni 80 la scelta del modello organizzativo non era stato un problema per le banche operanti in Italia A seguito del processo di armonizzazione europeo e dell introduzione delle attività ammesse al mutuo riconoscimento si inizia a discutere su quale sia il modello di banca appropriato per affrontare la globalizzazione dei mercati Inizialmente la legge Amato-Carli 1990 aveva spinto per il modello del gruppo polifunzionale, mentre il successivo Testo Unico Bancario sembrò indirizzare verso la Banca Universale 24

25 La banca universale Banca che può operare sia in breve che in medio/lungo termine ed è in grado di offrire gamma completa di prodotti e servizi finanziari. E quindi caratterizzata da: Estesa attività creditizia Operatività in titoli ampia Partecipazione al capitale di rischio delle imprese non finanziarie Organizzazione in forma divisionale (si internalizzano attività che potrebbero essere svolte da società esterne) Di grandi dimensioni Di matrice tedesca? Si, ma da non confondersi con il concetto di HAUSBANK 25

26 La banca universale Assicurazioni Direzione SGR Area Crediti Leasing Factoring Area finanza 26

27 Vantaggi della banca universale Economie di costo dal punto di vista informativo per effetto esercizio congiunto attività creditizia e finanziaria Potenziale maggior orientamento alla relazione con la clientela e più approfondito grado di conoscenza Economie di scala e di scopo superiori all aumentare delle dimensioni e possibilità strategie di cross subsidizing Superamento potenziali conflitti fra direzione unitaria della capogruppo e autonomia decisionale degli organi delle società partecipate Ma anche diverse criticità tra cui: Possibili conflitti di interesse: insider trading fra raccolta diretta e indiretta o fra negoziazione per conto proprio e di terzi Difficoltà organizzative ed elevati costi di integrazione 27

28 Il modello del gruppo polifunzionale Sistema di società specializzate in determinati servizi finanziari, governate da un a capogruppo, che esercita anche funzioni di pianificazione strategica tra tutte le società del gruppo. La banca assume partecipazioni in un istituto di credito speciale, in una società di leasing in una società di factoring, in una SIM, in una società di gestione fondi, in un assicurazione.. Tramite questa rete di partecipazioni in società specializzate (ognuna fa solo un certo tipo di attività) il gruppo polifunzionale riesce a costituire un polo di offerta ampio e diversificato di servizi finanziari 28

29 Il gruppo polifunzionale BANCA ICS Assicurazione Società di leasing SGR Società di factoring SIM 29

30 Vantaggi e svantaggi del gruppo Vantaggio (?) del gruppo rispetto alla banca universale: Economie da specializzazione Maggiore facilità nell acquisire risorse finanziarie e nel creare accordi e alleanze Possibilità di tagliare i rami secchi?? In realtà vi è segregazione dei rischi ma permane responsabilità della capogruppo Maggiore flessibilità operativa Svantaggi del gruppo rispetto alla banca universale: Organizzazione burocratica Potenziale minore efficienza del modello del gruppo rispetto a quello della banca universale Problemi di unicità strategica Costi di trasferimento, di coordinamento e di integrazione 30

31 Banca specializzata e network BS = può offrire tutto ciò che vuole in base a normativa ma si specializza su prodotti/servizi specifici, canali distributivi, clientela, zona geografica. La specializzazione, quindi, è oggi una pura scelta strategica dei vertici della banca, non una scelta imposta da Network = consorzio a cui si può aderire anche senza partecipazioni reciproche in cui si creano progetti comuni per diverse banche 31

32 La politica distributiva 32

33 Le funzioni del processo distributivo Nel processo produttivo della banca riveste un ruolo sostanziale il momento distributivo: in quanto azienda di servizi, in effetti, la banca eroga i propri prodotti (cioè servizi) proprio nel momento in cui li distribuisce. Detto in altri termini, la banca non può produrre per il magazzino Il momento distributivo attiene al contatto preliminare tra banca e cliente (attuale o potenziale), all eventuale vendita del servizio bancario, e allo svolgimento delle attività di supporto (commerciali o operative) necessarie alla fruizione dei servizi 33

34 La scelta dei canali distributivi dipende da: Segmentazione del mercato attuale e potenziale Identificazione dei servizi da offrire Analisi della concorrenza Individuazione dei vincoli di bilancio e compatibilità delle scelte distributive con la rete distributiva esistente 34

35 La selezione dei canali deve tener conto anche di: Potenzialità commerciali e operative dei singoli canali Costi di investimento e di gestione Flessibilità organizzativa Possibilità di coordinamento e di integrazione con il resto della struttura (occorre evitare fenomeni di cannibalizzazione tra canali distributivi) 35

36 La multicanalità Sportelli Atms Reti di promotori Negozi finanziari Phone banking Internet banking Televisione Banca tradizionale Banca innovativa 36

37 Lo sportello bancario Consente di percepire gli stimoli provenienti dalla domanda Elevate potenzialità commerciali e di post vendita Elevate potenzialità promozionali Necessità di creare cultura di mercato nel personale Necessità di investimenti in tecnologie (migliorare livelli di efficienza ed efficacia, comprimere i costi di gestione) L importanza del lay out di sportello Problema nella quantificazione delle potenzialità del mercato di insediamento Elevati costi di investimento e di gestione (possibili barriere all uscita) Utilità per distribuzione servizi banali e complessi 37

38 Le alternative disponibili Lo sportello multifunzionale. Punti critici Orario di apertura Prossimità Scarsa rapidità di esecuzione delle operazioni Limitate competenze tecnico-finanziarie degli addetti Lo sportello specializzato Lo sportello specializzato per segmento clientela Lo sportello leggero Lo sportello specializzato per tipologia di servizi 38

39 I promotori finanziari Ampiezza della gamma di servizi più ristretta Accessibilità elevata Elevata qualità del rapporto consulenziale (?) Abilità di mantenere sviluppare i rapporti di clientela Capacità di approfondimento dei rapporti di clientela Graduale trasformazione del ruolo: da venditori di servizi del risparmio gestito a consulenti finanziari Variabilizzazione dei costi di distribuzione Veicolo promozionale e informativo Utilità per distribuzione servizi con grado di complessità medio alto Tipologie di segmenti di clientela serviti 39

40 Il phone banking Capacità informativa elevata Potenzialità dispositive medie, legate all ampiezza della gamma di servizi fruibili ed alle applicazioni tecnologiche Elevato grado di accessibilità Qualità del supporto consulenziale medio-bassa Bassa capacità di approfondire le relazioni di clientela Necessità di investimenti tecnologici Limitate capacità promozionali 40

41 Internet banking E-banking e e-trading Elevata capacità informativa e dispositiva (correlata alla gamma di servizi fruibile) Elevata prossimità con il cliente Investimenti tecnologici elevati Possibilità di approfondimento della relazione di clientela elevate (clickstream analysis) Potenzialità promozionali elevate Segmenti di clientela serviti: nicchie di mercato Problematiche di fidelizzazione 41

42 Crisi della banca tradizionale: la fine degli sportelli e il popolo dei «debanked» 42

43 Cosa sta succedendo nel mondo? Negli USA Nel 2011 Internet ha sorpassato la televisione e i giornali come primaria fonte di informazione per la Y-Gen. Nel 2011 il tempo speso giornalmente utilizzando le apps su mobile phone ha superato il tempo speso a navigare su PC Circa il 25% delle famiglie americane ha un accesso minimale o nullo ai servizi finanziari, mentre la percentuale di adozione di mobile phones è del 103% e 76% quella di internet 43

44 Cosa sta succedendo nel mondo? In Cina Ci sono più di 950 milioni di possessori di mobile (3 volte gli USA) e tasso di crescita è di circa 20% annuo Ci sono più di 500 milioni di utilizzatori di Internet (il doppio rispetto agli USA) Tre trilioni di messaggi inviati nel

45 Il processo di diffusione delle nuove tecnologie «Penso che ci sia un mercato mondiale per forse 5 computer» Thomas Watson, IBM Chairman, 1943 Il tasso di diffusione è la velocità a cui una nuova idea passa da un consumatore all altro. Il tasso di adozione è un concetto similare ma ha a che fare, anche, con il processo psicologico che un individuo compie 45

46 Il processo di diffusione delle nuove tecnologie 80 Tasso di adozione delle nuove tecnologie negli ultimi 100 anni 0 Aereo 68 anni Telefono 50 anni Radio 38 anni TV 22 anni PC 14 anni Internet 7 anni Ipod 3 anni 46

47 Il processo di diffusione delle nuove tecnologie Il caso Apple 22 anni per vendere 55 milioni di Macs 5 anni per vendere 55 milioni di Ipods 3 anni per vendere 55 milioni di Iphones

48 I risvolti della tecnologia sulla psicologia del cliente Ho il controllo Sono più informato Posso risparmiare denaro Posso chiudere contratti più favorevoli Posso ottenere soluzioni di migliore qualità 48

49 L impatto dei «social media» «In crowd we trust» Nel 2011, Kristen Christian, la proprietaria di una galleria d arte a Los Angeles, dichiarò di essere insoddisfatta delle «ridicole commissioni e del misero servizio al cliente» di Bank of America Organizzò quindi un evento su Facebook dal nome «Bank Transfer Day», invitando i suoi amici a chiudere i propri conti correnti presso le grandi banche e a trasferire il loro denaro su banche locali In circa un mese e mezzo la Credit Union National Association registro un incremento di $4.4 billioni di nuovi depositi 49

50 Le 4 fasi della «distruzione» del comportamento Fase 1 Fase 2 Fase 3 Fase 4 Internet e social media Tablet e apps Mobile wallet Ognuno è una Controllo e scelta Sempre e ovunque Cardless e cashless banca 50

51 Un mondo senza «cash» L uso delle carte di debito e delle carte di credito sta sempre di più sostituendo gli assegni e l utilizzo di contanti In UK il 43% dei pagamenti è fatto attraverso carte di debito, e il 23% con carte di credito, Gli assegni pesano solo per il 2%. In Australia, dal 2007 al 2010 i pagamenti in cash presso esercizi commerciali retail sono diminuiti dal 40% al 30% Negli USA si stima che dal 2010 al 2015 l utilizzo di contante diminuirà del 17% Mobile payments e mobile wallets sono ormai una realtà 51

52 Un mondo senza «cash» 52

53 Un mondo senza «cash» Conseguenze. Viene meno la necessità della «fisicità» della banca Non vi è più esigenza di una interazione fisica per molte operazioni standard Sportelli e ATM perdono gran parte del loro senso di esistere Da Unbanked. (60% del pianeta).a debanked! Il telefono diventerà il conto corrente del futuro 53

54 L utilizzo dei canali distributivi Previsioni 2016 Sportello: 1-2 volte all anno Call center: 5-10 volte al mese Tablet: 7-10 volte al mese Bancomat: 3-5 volte al mese Mobile: volte al mese 54

55 Moneta elettronica e Imel (Italia) Per moneta elettronica, si intende il valore monetario memorizzato elettronicamente, inclusa la memorizzazione magnetica, rappresentato da un credito nei confronti dell emittente che sia emesso per effettuare operazioni di pagamento e che sia accettato da persone fisiche e giuridiche diverse dall emittente. A dicembre 2012 gli strumenti in circolazione erano pari a (nominativi) e (anonimi) tutti su supporto fisico (carta). Rispetto all anno precedente si segnala un incremento del 31% degli strumenti nominativi e del 40% di quelli anonimi. Dati ABI 55

56 Moneta elettronica e Imel (Italia) Operazioni di pagamento Per quanto riguarda il numero dei pagamenti effettuati, in Italia e all estero, con moneta elettronica, nell intero esercizio 2012 quelli effettuati direttamente presso esercizi commerciali [inclusi i pagamenti eseguiti a distanza attraverso la comunicazione (per posta, per telefono, ecc.) del numero identificativo dello strumento, con esclusione dei pagamenti effettuati su rete aperta (Internet)] sono stati pari a 60 milioni. Quelli effettuati su rete [pagamenti eseguiti su rete aperta (Internet) finalizzati all acquisto di beni e servizi] erano pari (nello stesso periodo) a 25,9 milioni. L ammontare transato si attesta, nel primo caso su 6,2 miliardi di euro e nel secondo caso su 1,8 miliardi di euro. Rispetto al 2011 si rileva un incremento del 43% delle operazioni presso esercizi commerciali e del 39% delle operazioni su rete. Dati ABI 56

57 Bonifici e addebiti (Italia) Nel 2012 il 72,1% dei bonifici sono stati disposti con modalità automatizzate (ATM, Telefono, Internet. Questi ultimi sono cresciuti del 10%). Gli addebiti eseguiti su conti a fronte di disposizioni di incasso impartite dal beneficiario, sulla base di preautorizzazione rilasciata dal cliente debitore (standardizzate e non) e inclusi anche gli addebiti originati da disposizioni provenienti dall estero, ammontavano nel 2012 a 557 miliardi di euro di cui il 36,9% a fronte di disposizioni preautorizzate. Dati ABI 57

58 58

59 59

60 Ma possono essere salvati gli sportelli?? Chiusura massiccia degli sportelli è ormai un fenomeno tipico di tutti i paesi sviluppati (in UK si stima che siano stati chiusi sportelli negli ultimi 20 anni) Occorre allora chiedersi cosa spinge (o spingerà) ancora un cliente ad andare ad uno sportello?? Ho bisogno di un luogo fisico per depositare denaro Ho bisogno di consulenza su prodotti che non comprendo pienamente Ho un problema che non riesco a risolvere tramite altri canali Inoltre aspetto psicologico 60

61 Ma possono essere salvati gli sportelli?? Cosa fare allora?? Branch design Flagship brand store: entrare in uno sportello diventa una «esperienza» emotiva (si fa shopping) Innovazione tecnologica: digital walls, surface technology, customer recognition 61

62 Nuove forme di sportello Che Banca! Ing Umpqua Bank 62

63 Ma possono essere salvati gli sportelli?? Cosa fare allora?? Pop up branches: sportelli non permanenti, smontabili e piazzabili in diversi contesti 63

64 I nuovi players e il crowdfunding 64

65 Le 5 forze di Porter 65

66 I fenomeni in atto Aumento della concorrenza interna al settore Aumento della concorrenza proveniente dall esterno del settore Riduzione delle barriere all entrata dovute a sviluppo di nuove tecnologie e ad apertura dei mercati Prodotti sostitutivi 66

67 Alcuni nomi nuovi 67

68 Il crowdfunding: di cosa si tratta Il crowdfunding (letteralmente finanziamento dal popolo/dal basso) è una nuova frontiera nell ambito della finanza. In generale è un processo di finanziamento di un particolare progetto che coinvolge un numero elevato di microfinanziatori. Lo strumento maggiormente utilizzato per questa fattispecie di finanziamenti è il canale web, che ovviamente facilita la raccolta da migliaia di persone anche di poche decine di euro. Il crowdfunding trae le sue origini dalla necessità di finanziare iniziative di varia natura quali ad esempio tragedie umanitarie, progetti musicali o campagne elettorali. 68

69 Strategie di internazionalizzazione 69

70 Internazionalizzazione Definizione del concetto di internazionalizzazione: in entrata in uscita con prodotti in valuta su clienti 70

71 Internazionalizzazione Evoluzione storica della attività delle banche italiane all estero In epoca remota: i Bardi e i Peruzzi, Lombard Street. In epoca moderna I Fase ( ) = seguono imprese e migrazione. Filiali ed uffici di rappresentanza II Fase ( ) = anche atv finanziarie, joint ventures per andare nei paesi emergenti III Fase ( ) = inversione di rotta per crisi grandi debitori, consolidamento su piazze maggiori IV Fase ( ) = integrazione europea, innovazione tecnologica V fase ( ) = espansione dei grandi gruppi bancari specialmente nell est europa 71

72 Teorie dell internazionalizzazione Riprendono teorie derivanti dall industria Da dove deriva vantaggio competitivo per andare all estero? Esogeno = banca sfrutta differenziale favorevole fra caratteristiche del mercato di origine e quello di insediamento Endogeno = deriva da caratteristiche della singola banca Due obiettivi possibili = difendersi o attaccare 72

73 Modalità di espansione all estero: indiretta Rapporti di corrispondenza = apro conto su banca estera per agevolare transazioni con cliente (conti nostri/conti loro) Accordi una tantum = cioè per singole operazioni Joint ventures = creo società apposita per realizzare una collaborazione su scala internazionale Consorzi bancari = istituzione bancaria dotata di autonomia patrimoniale e giuridica Franchising = una banca cede segni distintivi 73

74 Modalità di espansione all estero: diretta Uffici di rappresentanza No operatività perché non effettua raccolta; contatta nuova clientela e svolge attività promozionale; controlla efficienza banche corrispondenti; indaga su aziende legate; esamina possibilità di sbocco, esamina possibilità di M&A per imprese clienti Filiali Dipendenza priva di autonomia giuridica diretta da banca. Mano lunga della sede centrale, ma comunque più autonoma di filiali nazionali; sviluppa in loco un circuito finanziario raccolta/impiego. Raccoglie prevalentemente all ingrosso 74

75 Modalità di espansione all estero: diretta Sussidiarie o Affiliate = cioè partecipazioni all estero (più o meno di 50%); compro quota di mercato, ma potrei poi avere difficoltà ad integrarla; ha una sua struttura che devo plasmare. 75

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, Relazione

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE 1 MODELLI ISTITUZIONALI-ORGANIZZATIVI: SI FA RIFERIMENTO A MODELLI DI INTERMEDIAZIONE BANCA UNIVERSALE GRUPPO POLIFUNZIONALE BANCA SPECIALIZZATA

Dettagli

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza.

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza. INSIEME PER L IMPRESA La forma e la sostanza. 2 La cultura d impresa è un patrimonio prezioso come i capitali e le buone consulenze. BANCA D IMPRESA SI NASCE ESPERIENZA, SPECIALIZZAZIONE E ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari )

Tecnica Bancaria (Cagliari ) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Fabrizio Crespi fabrizio.crespi@unicatt.it 338-4474533 fabrizio.crespi@unicatt.it 1 Argomenti Le diverse tipologie di banking Crescita e modelli organizzativi La

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO

IL SISTEMA FINANZIARIO IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo. STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN

Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo. STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN Agenda 1. Introduzione 2. Il credito al consumo: alcune riflessioni sull evoluzione

Dettagli

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it La scelta dei canali di entrata Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa Individuare il canale che, meglio degli altri può essere efficace per la propria attività nei mercati esteri non è semplice

Dettagli

I sistemi di pagamento nella realtà italiana

I sistemi di pagamento nella realtà italiana I sistemi di pagamento nella realtà italiana 17 marzo 2009 (dati al 2008) La disponibilità delle informazioni sui sistemi di pagamento a fine 2008, permette di aggiornare le analisi sull evoluzione in

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1 IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

Carte prepagate e carte a microcircuito

Carte prepagate e carte a microcircuito Carte prepagate e carte a microcircuito situazione attuale e prospettive future Gabriele Boni Convegno ABI Carte 2002 - Roma, 10 luglio Agenda SSB ed il mercato Carte prepagate Caratteristiche e vantaggi

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I Si propongono nel presente file alcuni esempi di domande estrapolate dagli esami assegnati negli anni accademici precedenti. Lo scopo di tali esemplificazioni non

Dettagli

* Il sistema finanziario

* Il sistema finanziario * Il sistema finanziario e le banche Prof.ssa Valeria Roncone 1 *Argomenti chiave: L attività della banca e sue specificità Le funzioni della banca Il Sistema Europeo di Banche Centrali e la Banca Centrale

Dettagli

Opportunity. Il nostro valore aggiunto nella gestione della fidelizzazione

Opportunity. Il nostro valore aggiunto nella gestione della fidelizzazione Opportunity Il nostro valore aggiunto nella gestione della fidelizzazione grave crisi economica fase recessiva mercati instabili terremoto finanziario difficoltà di crescita per le aziende Il mercato La

Dettagli

Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients

Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients Modelli Organizzativi e Sistemi Informatici a Supporto del Segmento Private Banking - L Esperienza Deutsche Bank Italia Milano, 14 Ottobre 2004

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO. al 31 dicembre 2013. Gruppo Bancario Deutsche Bank

INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO. al 31 dicembre 2013. Gruppo Bancario Deutsche Bank Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO al 31 dicembre 2013 Gruppo Bancario Deutsche Bank Premessa Al fine di accrescere la fiducia dei cittadini dell Unione Europea nel settore finanziario,

Dettagli

Il Gruppo Banca Carige

Il Gruppo Banca Carige Il Gruppo Banca Carige Le tappe del Gruppo Banca Carige Costituzione della Cassa di Risparmio di Genova Trasformazione della Banca in SpA. Privatizzazione e capitalizzazione tramite OPS Nasce Carige Vita

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

I sistemi di pagamento nella realtà italiana

I sistemi di pagamento nella realtà italiana I sistemi di pagamento nella realtà italiana Settembre 2011 Ufficio Analisi Economiche A partire dalla data contabile settembre 2010, il flusso di ritorno statistico della "matrice dei conti" è stato riattivato

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

Overview del settore Wealth Management Luca Caramaschi Università di Parma. 6 maggio 2015

Overview del settore Wealth Management Luca Caramaschi Università di Parma. 6 maggio 2015 Overview del settore Wealth Management Università di Parma 6 maggio 2015 Overview e trend del settore Wealth Management 2 Overview del settore Wealth Management - Università di Parma - 06.05.2015 Il Mercato

Dettagli

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Roma, 26 Febbraio 2002 Sommario Strategia Gruppo MPS Situazione antecedente la costituzione di Consum.it Perché nasce

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I servizi di investimento e di pagamento

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I servizi di investimento e di pagamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di investimento e di pagamento I servizi di investimento Prodotti che soddisfano le esigenze di investimento della clientela Raccolta diretta (raccolta

Dettagli

Nuove soluzioni di Factoring e nuovi rapporti con la Clientela

Nuove soluzioni di Factoring e nuovi rapporti con la Clientela Nuove soluzioni di Factoring e nuovi rapporti con la Clientela Intervento di Antonio De Martini Milano, 16 maggio 2006 Il vantaggio competitivo Principali elementi di soddisfazione: o Velocità e sicurezza

Dettagli

Finanziati e coccolati

Finanziati e coccolati House And Money Il mercato dei finanziamenti Il lungo periodo recessivo ha impattato sul sistema bancario determinando un restringimento delle politiche di credito e quindi una maggiore difficoltà da parte

Dettagli

LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE. Appunti sul libro Economia della Banca

LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE. Appunti sul libro Economia della Banca LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE Appunti sul libro Economia della Banca DEFINIZIONI Le forme tecniche di raccolta comprendono il complesso degli strumenti che consentono alla banca

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

DALLA PARTE DEGLI ARTIGIANI. La nostra risposta alle esigenze della tua attività.

DALLA PARTE DEGLI ARTIGIANI. La nostra risposta alle esigenze della tua attività. DALLA PARTE DEGLI ARTIGIANI La nostra risposta alle esigenze della tua attività. LA BANCA COME TU LA VUOI DALLA PARTE DEGLI ARTIGIANI La nostra risposta alle esigenze della tua attività. Gestisci un attività

Dettagli

Expanding the Horizons of Payment System Development. Smart Solutions Security - Payement Identification and Mobility

Expanding the Horizons of Payment System Development. Smart Solutions Security - Payement Identification and Mobility Expanding the Horizons of Payment System Development Smart Solutions Security - Payement Identification and Mobility 20 Giugno 2013 Nuovi scenari e nuovi player Sergio Moggia Direttore Generale Consorzio

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII Relazione Annuale - Roma, 31 maggio 2007 anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO esercizio CXIII Relazione Annuale - Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno 2006 - centotredicesimo esercizio

Dettagli

GLI STRUMENTI DI PAGAMENTO. Anno scolastico 2014-15

GLI STRUMENTI DI PAGAMENTO. Anno scolastico 2014-15 GLI STRUMENTI DI PAGAMENTO Anno scolastico 2014-15 1 SOMMARIO LA MONETA BANCARIA LE CARTE DI PAGAMENTO LA CARTA DI CREDITO LA CARTA DI DEBITO LE CARTE PREPAGATE I PAGAMENTI SEPA L ASSEGNO 2 STRUMENTI ALTERNATIVI

Dettagli

Offerta riservata agli iscritti ASSARCO Associazione Agenti e Rappresentanti di Commercio - Napoli

Offerta riservata agli iscritti ASSARCO Associazione Agenti e Rappresentanti di Commercio - Napoli Offerta riservata agli iscritti ASSARCO Associazione Agenti e Rappresentanti di Commercio - Napoli Codice di Originazione (da fornire al Gestore BNL all apertura del conto) 306871389 F Offerta riservata

Dettagli

Competere nei mercati internazionali

Competere nei mercati internazionali Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani Competere nei mercati internazionali A cura di: Martina Fiordigigli Silvia Gardini Cap. 7, Thompson A., Strickland

Dettagli

I sistemi di pagamento nella realtà italiana

I sistemi di pagamento nella realtà italiana I sistemi di pagamento nella realtà italiana Giugno 2012 Nel primi mesi del 2012, il flusso di ritorno statistico della "matrice dei conti" è stato riattivato nella sua interezza e per tutte le date contabili.

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

DALLA PARTE DEGLI ALTRI OPERATORI ECONOMICI. La nostra risposta alle esigenze della tua attività.

DALLA PARTE DEGLI ALTRI OPERATORI ECONOMICI. La nostra risposta alle esigenze della tua attività. DALLA PARTE DEGLI ALTRI OPERATORI ECONOMICI La nostra risposta alle esigenze della tua attività. LA BANCA COME TU LA VUOI DALLA PARTE DEGLI ALTRI OPERATORI ECONOMICI La nostra risposta alle esigenze della

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

CONTI, CARTE E SERVIZI SOLUZIONI PER SEMPLIFICARE IL TUO BUSINESS GUIDA ALLA SCELTA DEL CONTO CORRENTE E DEI SERVIZI SU MISURA PER LA TUA AZIENDA

CONTI, CARTE E SERVIZI SOLUZIONI PER SEMPLIFICARE IL TUO BUSINESS GUIDA ALLA SCELTA DEL CONTO CORRENTE E DEI SERVIZI SU MISURA PER LA TUA AZIENDA CONTI, CARTE E SERVIZI SOLUZIONI PER SEMPLIFICARE IL TUO BUSINESS GUIDA ALLA SCELTA DEL CONTO CORRENTE E DEI SERVIZI SU MISURA PER LA TUA AZIENDA Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Offerta

Dettagli

SmartPay. Making the complex simple

SmartPay. Making the complex simple SmartPay Making the complex simple 2 Le sfide sono all ordine del giorno per un impresa che vuole raggiungere il successo. Per ampliare i propri affari bisogna affrontare scelte impegnative, per questo

Dettagli

L esperienza delle strutture di Intesa Sanpaolo. italiane in Cina. Workshop Fare affari in Cina Milano, 7 luglio 2008

L esperienza delle strutture di Intesa Sanpaolo. italiane in Cina. Workshop Fare affari in Cina Milano, 7 luglio 2008 L esperienza delle strutture di Intesa Sanpaolo dedicate all internazionalizzazione delle imprese italiane in Cina. Workshop Fare affari in Cina Milano, 7 luglio 2008 Milano, 7 luglio 2008 Desk Cina Il

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

I sistemi di pagamento nella realtà italiana

I sistemi di pagamento nella realtà italiana I sistemi di pagamento nella realtà italiana Dicembre 2012 Nel primi mesi del 2012, il flusso di ritorno statistico della "matrice dei conti" è stato riattivato nella sua interezza e per tutte le date

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia LE FORME AGGREGATIVE NELLE IMPRESE TURISTICHE 2 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Globalizzazione

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

Presentazione della Società

Presentazione della Società Presentazione della Società Chi siamo PEP&CFC appartiene al Gruppo Dafisa Holdings Capital Finance Group Limited, ed è stata istituita quale società specializzata nella consulenza in materia finanziaria

Dettagli

Il sistema creditizio e le banche. Classe V A

Il sistema creditizio e le banche. Classe V A Il sistema creditizio e le banche Classe V A Il credito è il diritto del creditore, che ha effettuato una prestazione attuale, di ottenere una controprestazione futura. CREDITO INDIRETTO: Trasferimento

Dettagli

Factoring Flessibilità per la gestione ottimale del capitale circolante

Factoring Flessibilità per la gestione ottimale del capitale circolante Factoring Flessibilità per la gestione ottimale del capitale circolante GE Capital è leader europeo nel settore del factoring: GE Capital è leader europeo nel settore del factoring: oltre 8.000 clienti;

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Il mercato assicurativo: i canali

Il mercato assicurativo: i canali Il mercato assicurativo: i canali distributivi Corso di Gestione dei Rischi e delle Assicurazioni Dott.ssa Lara Maini 12 marzo 2012 Obiettivi della distribuzione assicurativa Ricerca della clientela Attività

Dettagli

Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA 2015

Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA 2015 ATTIVITA DI RICERCA 2015 Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE In collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI Nel corso degli ultimi

Dettagli

DALLA PARTE DEGLI ARTIGIANI. La nostra risposta alle esigenze della tua attività.

DALLA PARTE DEGLI ARTIGIANI. La nostra risposta alle esigenze della tua attività. DALLA PARTE DEGLI ARTIGIANI La nostra risposta alle esigenze della tua attività. LA BANCA COME TU LA VUOI DALLA PARTE DEGLI ARTIGIANI La nostra risposta alle esigenze della tua attività. Gestisci un attività

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

La gestione patrimoniale che stai cercando.

La gestione patrimoniale che stai cercando. La gestione patrimoniale che stai cercando. Vorrei investire professionalmente i miei risparmi Vorrei avere un referente competente e riservato che sappia ascoltarmi Vorrei scegliere tra prodotti d investimento

Dettagli

I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI

I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NEGLI ACCORDI TRA BANCHE E RETI DISTRIBUTIVE DI MUTUI IMMOBILIARI Roma, 22 novembre 2011 Direzione Retail Funzione C.A.E. L EVOLUZIONE DEL SETTORE Gli ultimi cinque anni hanno

Dettagli

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO 1 INDICE 1/2 1. IL GRUPPO BENETTON: COMPANY OVERVIEW 2. LA STRATEGIA D AREA 2.1 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO 2.2 LA CONFIGURAZIONE DELLE ATTIVITA 3.

Dettagli

DALLA PARTE DEGLI ARTIGIANI. La nostra risposta alle esigenze della tua attività.

DALLA PARTE DEGLI ARTIGIANI. La nostra risposta alle esigenze della tua attività. DALLA PARTE DEGLI ARTIGIANI La nostra risposta alle esigenze della tua attività. LA BANCA COME TU LA VUOI DALLA PARTE DEGLI ARTIGIANI La nostra risposta alle esigenze della tua attività. Gestisci un attività

Dettagli

Schemi per micro-pagamenti: soddisfazione di un reale bisogno o soluzione a un non-problema?

Schemi per micro-pagamenti: soddisfazione di un reale bisogno o soluzione a un non-problema? Carte 2003 Schemi per micro-pagamenti: soddisfazione di un reale bisogno o soluzione a un non-problema? Pierfrancesco Gaggi Roma, 7 novembre 2003 La logica di offerta del circuito domestico: la segmentazione

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

OUTSOURCING FINANZIARIO

OUTSOURCING FINANZIARIO SOCIETÀ DI INTERMEDIAZIONE MOBILIARE S.p.A. Unica in Italia nell Outsourcing Finanziario OUTSOURCING FINANZIARIO basta un filo e Basta un filo e Il resto esiste prima di noi, è lì a disposizione: è sufficiente

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Banca Popolare di Vicenza

Banca Popolare di Vicenza Banca Popolare di Vicenza Strumenti di pagamento e finanza nei Paesi Asean Donatella Oliboni Responsabile Ufficio di Rappresentanza BPVI di Hong Kong Presidente di The Hong Kong Foreign Financial Institutions

Dettagli

I Rischi insiti nel commercio internazionale

I Rischi insiti nel commercio internazionale I Rischi insiti nel commercio internazionale Nel commercio internazionale esistono varie tipologie di rischio: occorre conoscerle per valutare quali coprire, quali cedere e quali accollarsi consapevolmente

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

Le banche e la moneta bancaria. Il conto corrente

Le banche e la moneta bancaria. Il conto corrente LA MONETA BANCARIA Banca d Italia AGENDA Le banche e la moneta bancaria Il conto corrente Ancora sul concetto di moneta Insieme di mezzi generalmente accettati come strumento di pagamento: Banconote e

Dettagli

Il mercato mobiliare

Il mercato mobiliare Il mercato mobiliare E il luogo nel quale trovano esecuzione tutte le operazioni aventi per oggetto valori mobiliari, ossia strumenti finanziari così denominati per la loro attitudine a circolare facilmente

Dettagli

I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Problematiche dell attività creditizia OBIETTIVI/DECISIONI: Dimensione Composizione A livello di portafoglio

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

Chi siamo. La società. Soluzioni. C-Card è la società del Gruppo Cedacri, costituita per operare nel business delle carte di pagamento.

Chi siamo. La società. Soluzioni. C-Card è la società del Gruppo Cedacri, costituita per operare nel business delle carte di pagamento. Company Profile 3 Chi siamo C-Card è la società del Gruppo Cedacri, costituita per operare nel business delle carte di pagamento. Tramite C-Card il Gruppo Cedacri amplia la sua proposta di servizi per

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

2 LEZIONE TIPI DI MONETA

2 LEZIONE TIPI DI MONETA LA MONETA SVOLGE LE SEGUENTI FUNZIONI 1. MEZZO GENERALE DELLO SCAMBIO 2. UNITÀ DI CONTO 3. MEZZO LEGALE DI PAGAMENTO 4. RISERVA DI VALORE La moneta consente agevolmente il trasferimento delle merci tra

Dettagli

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a. ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 30.06.2010 (In conformità ai principi contabili internazionali IAS/IFRS)

GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 30.06.2010 (In conformità ai principi contabili internazionali IAS/IFRS) GE Capital Interbanca Corso Venezia 56 20121 Milano T +39 02 77311 F +39 02 784321 COMUNICATO STAMPA GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 30.06.2010 (In conformità ai principi contabili

Dettagli

Gestione Bancaria-A. a. 2013-2014 DEFINIZIONE E DIFFERENZE ECONOMICHE RACCOLTA DIRETTA E RACCOLTA INDIRETTA

Gestione Bancaria-A. a. 2013-2014 DEFINIZIONE E DIFFERENZE ECONOMICHE RACCOLTA DIRETTA E RACCOLTA INDIRETTA 1 DEFINIZIONE E DIFFERENZE ECONOMICHE RACCOLTA DIRETTA E RACCOLTA INDIRETTA TRA FORME TECNICHE E FUNZIONI DELLA RACCOLTA DAL PUBBLICO OBIETTIVI, CONDIZIONAMENTI DI CONTESTO E LEVE DELLA GESTIONE DELLA

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it La scelta della strategia di marketing I Mktg-L04 Principali scenari di sviluppo

Dettagli

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Mercato delle fonti energetiche rinnovabili INVESTIMENTI CAPITALE / CREDITO? INVESTITORI QUALIFICATI PLAYER INDUSTRIALI CARATTERIZZATI

Dettagli

I sistemi di pagamento nella realtà italiana

I sistemi di pagamento nella realtà italiana I sistemi di pagamento nella realtà italiana Settembre 2013 0 Le informazioni sull area di business sistemi di pagamento hanno essenzialmente cadenza trimestrale e consentono di effettuare indagini sino

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza

Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza a sostegno delle PMI Costante Turco Responsabile Direzione Regionale Centro Sud Italia di Banca Popolare di Vicenza Prato, 9 maggio 2013 La Storia e le caratteristiche

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Stealth è una soluzione per: UNICO E DISTRIBUITO, COME LE AZIENDE DELLA MODA

Stealth è una soluzione per: UNICO E DISTRIBUITO, COME LE AZIENDE DELLA MODA Stealth è una soluzione per: UNICO E DISTRIBUITO, COME LE AZIENDE DELLA MODA ESPANSIONE INTERNAZIONALE, MAGGIORE INTEGRAZIONE NELLA GESTIONE DEI DATI E MIGLIORAMENTO DELLA STANDARDIZZAZIONE DELLE PROCEDURE,

Dettagli

I sistemi di pagamento nella realtà italiana

I sistemi di pagamento nella realtà italiana I sistemi di pagamento nella realtà italiana La disponibilità delle informazioni sui sistemi di pagamento nel pimo trimestre del 2007, consente di aggiornare alcune delle analisi svolte in merito all evoluzione

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Parte 1 Il processo di internazionalizzazione delle imprese

Parte 1 Il processo di internazionalizzazione delle imprese Prefazione alla terza edizione Autori Ringraziamenti dell Editore XIII XVI XVIII Parte 1 Il processo di internazionalizzazione delle imprese Capitolo 1 L internazionalizzazione delle imprese: scenari e

Dettagli

Banking & Financial Diploma Percorso base

Banking & Financial Diploma Percorso base Banking & Financial Diploma Sono oggi più di 3.000 i partecipanti che hanno conseguito l Attestato ABI di professionalità bancaria e finanziaria, con risultati eccellenti in termini di crescita personale

Dettagli

Collocamento delle Azioni Tercas. 21 e. domande risposte

Collocamento delle Azioni Tercas. 21 e. domande risposte Collocamento delle Azioni Tercas 21 e domande risposte Prima dell adesione leggere attentamente il prospetto informativo Il 21.08.2006 ha inizio il collocamento del 15% delle Azioni Tercas. 21 e domande

Dettagli

DALLA PARTE DELL EDILIZIA. La nostra risposta alle esigenze della tua attività.

DALLA PARTE DELL EDILIZIA. La nostra risposta alle esigenze della tua attività. DALLA PARTE DELL EDILIZIA La nostra risposta alle esigenze della tua attività. LA BANCA COME TU LA VUOI DALLA PARTE DELL EDILIZIA La nostra risposta alle esigenze della tua attività. Gestisci un attività

Dettagli

Rilevazione promossa da FRIULADRIA CRÉDIT AGRICOLE. Quaderni FNE Collana Panel, n. 29 febbraio 2012 LE AGGREGAZIONI A NORD EST.

Rilevazione promossa da FRIULADRIA CRÉDIT AGRICOLE. Quaderni FNE Collana Panel, n. 29 febbraio 2012 LE AGGREGAZIONI A NORD EST. Rilevazione promossa da FRIULADRIA CRÉDIT AGRICOLE Quaderni FNE Collana Panel, n. 29 febbraio 2012 LE AGGREGAZIONI A NORD EST Silvia Oliva Solo un imprenditore su dieci ritiene che, ancora oggi, la piccola

Dettagli

Direzione Marketing Small Business Missione

Direzione Marketing Small Business Missione Direzione Marketing Small Business Missione Soddisfare i bisogni della clientela Small Business 1, compresi gli Enti, attraverso un presidio integrato di segmento, prodotto e canale Definire un modello

Dettagli

CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) CRM CRM CRM

CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) CRM CRM CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) Marco Pironti - Università di Torino 1 Executive summary Introduzione Obiettivi Fasi Architettura Tendenze evolutive Piano operativo Considerazioni Marco Pironti - Università

Dettagli

Struttura e organizzazione del mercato mobiliare. soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti

Struttura e organizzazione del mercato mobiliare. soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti Struttura e organizzazione del mercato mobiliare soggetti funzioni forme organizzative presentazione degli strumenti Circuiti diretti e circuiti indiretti Mercati finanziari SF Circuito diretto Unità in

Dettagli

Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI. Marketing Mix - PREZZO

Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI. Marketing Mix - PREZZO Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI Marketing Mix - PREZZO Erika Pignatti Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie A.A. 2007-2008 30/11/2007 1 Le decisioni di prezzo Per

Dettagli

I sistemi di pagamento nella realtà italiana

I sistemi di pagamento nella realtà italiana I sistemi di pagamento nella realtà italiana La disponibilità delle informazioni sui sistemi di pagamento a fine 2005, permette di aggiornare le analisi sull evoluzione in atto in quest area di business

Dettagli