MISSIONE, VISIONE E IDENTITA DELLE IMPRESE DISTRIBUTIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MISSIONE, VISIONE E IDENTITA DELLE IMPRESE DISTRIBUTIVE"

Transcript

1 SALES & MARKETING CHANNELS MANAGEMENT MISSIONE, VISIONE E IDENTITA DELLE IMPRESE DISTRIBUTIVE 21 MARZO 2014

2 MISSIONE, VISIONE E IDENTITA DELLE IMPRESE DISTRIBUTIVE INDICE LEZIONE Evoluzione della missione e sua attualizzazione nel tempo Sviluppo della vision aziendale Identità, valori e responsabilità sociale Corporate identity Corporate Reputation e Responsability Le principali marche distributive in Italia ed in Europa

3 DEFINIZIONE DELLA MISSIONE STRATEGICA La definizione della missione strategica costituisce un elemento fondamentale perché permette di descrivere il proprio campo di azione e il mercato di riferimento, esprimere la propria vocazione di base e i propri principi direttivi in materia di risultati e chiarire il proprio sistema di valori.

4 SVILUPPO DELLA MISSIONE STRATEGICA 1. CLIENTI Chi sono i clienti dell impresa? 2. PRODOTTI e/o SERVIZI Quali sono i principali prodotti e servizi offerti dall impresa? 3. LOCALIZZAZIONE Qual è l area geografica su cui l impresa opera? 4. TECNOLOGIA Qual è la tecnologia di base di competenza dell impresa? 5. OBIETTIVI Quali sono gli obiettivi economici che l impresa intende realizzare?

5 SVILUPPO DELLA MISSIONE STRATEGICA 6. ETICA Quali sono i valori, le convinzioni, le aspirazioni e gli obiettivi prioritari dell impresa? 7. IMMAGINE DI SE Quali sono le responsabilità sociali assunte dall impresa, e qual è l immagine cercata? 8. RESPONSABILITA SOCIALE Qual è l atteggiamento generale dell impresa rispetto ai propri dipendenti?

6 CORPORATE IDENTITY Corporate identity significa identità dell'azienda. Una buona corporate identity permette all'azienda di farsi ricordare per il suo business, al pubblico. L'immagine coordinata consente di rafforzare la propria identità nell'attuale mercato che è sempre più legato all'immagine e alla comunicazione visiva. Questo determina il posizionamento dell azienda in termini di immagine, rapporti con i media, opinion leader e quelli che influenzano convegni, congressi, sponsorizzazioni ecc.. La giusta identità aziendale può essere uno dei più forti strumenti di marketing. E' ciò che fa diventare vostri clienti i consumatori.

7 I Drivers della Corporate Reputation Valori d immagine Capacità relazionale AFFINITY Prodotti e servizi PERFORMANCE CORPORATE Performance finanziaria REPUTATION Vision e leadership Gestione etica Sensibilità socio ambientale RESPONSIBILITY Comunicazione

8 La Reputazione e la fiducia in Coop In 2010 "Consumers International" proclaimed Coop Italia the best retailer in Europe for its policies on work conditions and business relationships with Developing Countries. Nel 2011 l indagine MEANINGFUL BRAND ha decretato Coop il marchio più amato dagli italiani. Più in particolare, nel nostro paese l indagine di Havas Media leader nello sviluppo di programmi di marketing e comunicazione integrata ha coinvolto 40 marchi e consumatori chiamati a valutare come e quanto questi marchi siano stati in grado di costruire un rapporto sincero e duraturo che migliori la loro vita Dopo Coop, seguono Ikea, Henkel, Beiersdorf e Leroy Merlin. Per quanto riguarda la classifica dei marchi ritenuti più forti, gli italiani indicano al primo posto Google, seguito da Ikea, Barilla, Fiat e, al quinto posto, Coop.

9 IDENTITA ED IMMAGINE: LA BRAND EQUITY Il modello dell Iceberg Notorietà Chiarezza Visibilità Memorabilità Unicità iconografia della marca Attrattività Empatia Credito della marca Rilevanza Fiducia sommerso

10 IDENTITA ED IMMAGINE: LA BRAND EQUITY Il modello dell Iceberg COMPORTAMENTI AZIENDA E COMUNICAZIONE I comportamenti dell azienda, la loro comunicazione, le azioni di marketing influenzano direttamente l iconografia della marca / insegna e indirettamente il credito iconografia (semiosfera della marca) credito (patrimonio emozionale-affettivo della marca) PERFORMANCES AZIENDA

11 La responsabilità sociale il set di regole attraverso cui un azienda opera nel mercato, rispettando il benessere di un ampio gruppo di stakeholder, compresi i lavoratori, i business partner, la comunità e l ambiente salvaguardando la sostenibilità del business a lungo termine

12 Cosa pensa il consumatore italiano La responsabilità sociale è importante per la reputazione dell impresa per l 84% dei consumatori Un azienda socialmente responsabile deve... Andare al di là di quanto richiede la legge in Italia Molto d accordo Abbastanza d accordo 23% 38% 61% L impegno sociale per le imprese è... Un dovere Un comportamento apprezzabile 28% 60% 88%

13 Cosa chiede alle imprese Per i giovani l impegno sociale per le imprese e... Un dovere 83% anni Le imprese non prestano abbastanza attenzione e impegno alla RS&A per l 82% dei consumatori

14 Elementi chiave Un azienda socialmente responsabile si distingue per... Comportamenti vs i lavoratori 95% 74% Comportamenti vs l ambiente 94% 71% anni Comportamenti vs la comunità 61%

15 Il Tavolo ECR-Italia Le priorità per consumatore, distributore e produttori coincidono nelle aree di collaborazione potenziale? AREE POTENZIALI DI COLLABORAZIONE PRIORITA PER DISTRIBUTORE PRIORITA PER PRODUTTORE PRIORITA PER CONSUMATORE Food safety Standard di lavoro dei fornitori Riduzione rifiuti/inquinamento Responsabilità per il prodotto verso il consumatore Ottimizzazione dei trasporti Equo & Solidale e Greenlabel Gestione etica dei rapporti commerciali 3 6 5

16 Le principali dimensioni della Responsabilità Sociale Riduzione delle emissioni Equo & Solidale e Greenlabel Standard di lavoro dei fornitori-sa8000 Gestione etica dei rapporti commerciali Sicurezza alimentare

17 L attualizzazione della RS: le emergenze della Globalizzazione la sicurezza Ricorrenti episodi di prodotti non sicuri negli ultimi anni: dall olio alla clorofilla, allo scandalo vino, alla mozzarella alla diossina. l ambiente Accanto ai temi noti sul riscaldamento globale il tema dei rifiuti è esploso con clamore anche in Italia la povertà l etica Si sta allargando sempre di più la forbice fra paesi ricchi e paesi poveri Il drammatico aumento dei costi delle materie prime alimentari ha pesato ancora di più sui paesi in via di sviluppo A livello mondiale ancora molta strada deve essere percorsa: numerosi i contesti dove lavoro minorile o diritti sindacali sono obiettivi lontani. Anche in Italia si registrano problemi: la sicurezza con 1376 morti all anno sul posto di lavoro

18 L attenzione per la sostenibilità e la sicurezza sono fattori Prioritari nelle decisioni di acquisto dei consumatori europei

19 Anche WAL-MART negli ultimi anni si sta muovendo sul terreno dello sviluppo sostenibile

20 Tesco rilancia l attenzione all ambiente con prodotti e servizi verdi Tesco home Insulation

21 Il Futuro davanti a noi: i venti di cambiamento The six Wind of Changes Ecr Europe Forum, Bruxelles 2011

22 Le 6 chiavi di svolta per il futuro dei retailers Age of Wellness Format Frenzy (frenesia dei format) Greentailers L attenzione per Salute e Benessere al centro delle priorità del consumatore Lo sviluppo di un crescente numero di format distributivi I distributori dovranno dimostrare la propria sensibilità verso ambiente e sociale Micro-tailing Branded Retail Techno-change Adattare l assortimento a livello locale attraverso una più approfondita conoscenza del consumatore Sviluppare una forte relazione con i consumatori, elevandosi al ruolo di vera e propria marca Utilizzare le nuove tecnologie per sviluppare efficienza e relazione lungo tutta la filera

23 I Principi della Cooperazione 1. Adesione libera e volontaria (Porta Aperta) 2. Controllo democratico da parte dei Soci (una testa, un voto) 3. Partecipazione economica dei Soci 4. Autonomia e indipendenza 5. Educazione, formazione e informazione I Probi Pionieri di Rochdale, Inghilterra Collaborazione con gli stakeholder 7. Responsabilità sociale delle imprese cooperative

24 I requisiti di SA8000 standard di lavoro dei fornitori non sfruttamento del lavoro infantile e minorile non impiego del lavoro coatto garanzie di salute e sicurezza nell ambiente di lavoro libertà di associazione e di contrattazione collettiva eliminazione di ogni forma di discriminazione impiego concordato e moderato delle pratiche disciplinari retribuzione equa e sufficiente ad una vita dignitosa gestione sostenibile dell orario di lavoro

25 L Equo e Solidale: Il caso banane equo e solidale Distribuzione dei costi Costo al pubblico di 1 Kg di banane biologiche equosolidali: 2-2,5 100% 80% 60% 40% 20% commercializzazione importazione esportazione intermediari PRODUTTORE 0% convenzionale equosolidale

26 STRATEGIE DI PREZZO: Gli orientamenti delle principali insegne europee Every Day Low Price Hi-Lo

27 Alcuni casi internazionali: il N 1 Wal-Mart è il più grande retailer del mondo con un fatturato annuo di 460 miliardi di Dollari (352 Mld ) nei suoi punti vendita al mondo vende tutto ciò che legalmente è possibile, dalle automobili alle armi da fuoco. I suoi formati spaziano dai Cash&Carry Sam s Club alle Superette, dai Supercenter (mediamente di mq con referenze, sono aperti 24 ore su 24 e offrono un assortimento completo, dai piccoli investimenti alla spesa quotidiana; numerose le attività di contorno) ai Discount; è presente in 16 paesi. LA PRESENZA GLOBALE LE INSEGNE

28 Alcuni casi internazionali: il N 1 Every day Low prices Obiettivi di miglioramento Every day Low Costs modello operativo Increased customer traffic LEADERSHIP DI PREZZO RAFFORZAMENTO PL COMUNICAZIONE INTEGRATA DI INSEGNA Improved operating efficiency Higher sales volumes QUALITA ECCELLENTE REVISIONE SUPPLY CHAIN APPROCCIO AMBIENTALISTA INNOVAZIONE FORMAT OTTIMIZZAZIONE SPAZI AUMENTO MARGINI v La necessità di stressare i prezzi all acquisto determina spesso conflitti con i Fornitori. Per questo esercita un ruolo chiave l enorme massa critica che Wal*Mart può mettere in campo (300 mld ) v La spinta sulla efficienza nei costi gestionali genera spesso contrasti con i propri dipendenti. Per questo Wal-Mart, leader Mondiale di vendite non è considerato un leader di reputazione / responsabilità sociale

29 Alcuni casi Europei: TESCO Le quote di mercato in Gran Bretagna 2011 Fonte: IGD

30 Alcuni casi Europei: TESCO La Corporate Corporate Strategy di Tesco Mission: L obiettivo di Tesco è la creazione di valore per il proprio cliente, per ottenerne la fedeltà duratura Strategia di Marketing: Il Leader indiscusso del mercato britannico basa la propria leadership su alcuni fondamentali punti: La Private Label tra le più forti ed articolate d Europa La Multicanalità La fidelizzazone (Clubcard) La diversificazione dei servizi (30% fatturato da servizi «NO CORE») La tecnologia Fonte: IGD

31 TESCO: la diversificazione dei vantaggi Investimenti Prestiti Assicurazione casa Assicurazione viaggio

32 Alcuni casi Europei: ALDI Le quote di mercato in Germania Grocery retail market shares 2011 Rewe Group; 16,0% Schwarz Group; 17,2% Aldi; 13,5% Metro Group; 5,2% Edeka Group; 23,6% Others; 21,6% Fonte: IGD

33 Alcuni casi Europei: ALDI La Corporate Strategy di Aldi Mission: La filosofia di Aldi è basata sulla fornitura di prodotti di alta qualità al prezzo più basso possibile Crescita : Aldi sceglie di entrare su mercati internazionali che possano garantire lo sviluppo di una sufficiente massa critica per i propri Discount e cresce attraverso lo sviluppo organico della propria rete distributiva Strategia di Marketing: Aldi ha lavorato negli ultimi anni per rafforzare, oltre alla percezione di convenienza, l immagine di qualità e salubrità dei propri prodotti. Di recente ha lanciato una propria linea di cibi salutistici: Balanced Lifestyle Fonte: IGD

34 Germania: domina il Discount Il mercato tedesco è attualmente dominato dal format discount, per definizione basato sull EDLP. Le principali insegne sono ALDI e LIDL, presenti in gran parte d Europa L assortimento di Aldi e LIDL è composto per l 80-90% da PRIVATE LABEL La strategia di EDLP è integrata, soprattutto da LIDL, con alcune forti iniziative promozionali, prevalentemente nell area Non Food, che fungono da attrazione Uso massiccio della TV, a livello europeo Dal sito italiano di LIDL:

35 Alcuni distributori Europei: CARREFOUR Le quote di mercato in Francia Fonte: IGD

36 Alcuni distributori Europei: CARREFOUR La Corporate Strategy di Carrefour Mission: Essere il retailer di riferimento in ogni ambito geografico di presenza Crescita : Espansione internazionale, con forte attenzione ai mercati emergenti Responsabilità Sociale: Forte rilancio negli ultimi anni dei temi della RS, con forte attenzione alla tematica ambientale lungo tutta la filiera

37 Carrefour: il rilancio della responsabilità sociale e ambientale

38 Francia: gli Ipermercatisti fronteggiano i Discount a colpi di primi prezzi Negli ultimi anni, la crisi dei consumi, la crescente attenzione ai prezzi, e il dover fronteggiare, in tutta Europa, la crescita di competitors agguerriti sul fronte prezzi (spesso Discount) ha spinto i principali retailers a diversificare la propria strategia verso politiche di EDLP. Il principale mezzo per contrastare la crescita dei discount è stato il rafforzamento di linee di Marchi Fantasia di primo prezzo, allineati o più bassi rispetto ai prezzi Discount. LECLERC CARREFOUR AUCHAN ECO+ UNO POUCE

39 SPAGNA: Il caso Mercadona Il retailer spagnolo Mercadona, che ha di recente superato Carrefour nel ranking di quota di mercato, ha fatto registrare crescite record negli ultimi anni, applicando una strategia di EDLP ai propri soft discount. + 20% medio annuo negli ultimi 5 anni è il player che negli ultimi anni è riuscito a confermare risultati eccellenti che l hanno portato ad essere il leader di mercato La strategia lanciata nel 1993 basata sul principio commerciale «siempre precios bajos» e su un modello organizzativogestionale chiamato «modelo de calidad total» è fondata su 5 pilastri fondamentali IL CLIENTE «El Jefe» IL DIPENDENTE «El trabajador» IL FORNITORE «El Provedor» L AZIENDA «La Sociedad» IL CAPITALE «El Capital»

40 SPAGNA: Il caso Mercadona Il forte rilancio di Mercadona parte dal 1993 con l avvio di un progetto denominato QUALITA TOTALE incentrato su: Politica di EDLP puro Forte Motivazione dei propri lavoratori Rapporto Collaborativo ed efficiente con Fornitori Massimo vantaggio ai propri clienti, ribattezzati IL NOSTRO BOSS 60 h annue di formazione Salari superiori a media settore Quota del prodotto a marchio superiore al 50%. Grande efficienza logistica Stabilità dei rapporti con: Clienti Lavoratori Fornitori Forte immagine di qualità Specializzazione nei freschi Presidio delle filiere Forte Comunicazione di qualità Con SPB: (Siempre precios bajos) avrà la possibilità di risparmiare maggiormente sul totale del suo scontrino Siamo pronti a scommetterci!

Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali *

Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali * Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali * Vincenzo Tassinari ** Abstract Un retailer moderno ed evoluto deve saper innovare ed arricchire il valore dell offerta nella propria

Dettagli

ANALISI DELLO SCENARIO DISTRIBUTUIVO. GUIDO CRISTINI Ordinario di Marketing- Università degli Studi di Parma

ANALISI DELLO SCENARIO DISTRIBUTUIVO. GUIDO CRISTINI Ordinario di Marketing- Università degli Studi di Parma ANALISI DELLO SCENARIO DISTRIBUTUIVO GUIDO CRISTINI Ordinario di Marketing- Università degli Studi di Parma TEMI DELLA LEZIONE I. L EVOLUZIONE DELLA DISTRIBUZIONE A LIVELLO INTERNAZIONALE II.IL QUADRO

Dettagli

La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari

La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari il ruolo della moderna distribuzione commerciale agro-alimentare struttura e dinamiche della distribuzione commerciale agro-alimentare implicazioni

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari

La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari il ruolo della moderna distribuzione commerciale agro-alimentare struttura e dinamiche della distribuzione commerciale agro-alimentare implicazioni

Dettagli

CONVEGNO: Ripensare la logistica dell agroalimentare

CONVEGNO: Ripensare la logistica dell agroalimentare CONVEGNO: Ripensare la logistica dell agroalimentare agroalimentare Perché è così difficile fare una buona logistica? Prof. Fabrizio Dallari Direttore del Centro di Ricerca sulla Logistica Università Carlo

Dettagli

EVOLUZIONE NUMERO PUNTI VENDITA

EVOLUZIONE NUMERO PUNTI VENDITA EVOLUZIONE NUMERO PUNTI VENDITA 2 0 0 0 2 0 10 2 0 11 2 0 12 TOTALE ESERCIZI COMMERCIALI Non Alimentari 848.128 589.936 947.210 691.291 952.068 696.357 946.460 691.440 Alimentari 258.192 255.919 255.711

Dettagli

Coop e i prodotti a marchio da agricoltura biologica. La linea bio-logici Coop

Coop e i prodotti a marchio da agricoltura biologica. La linea bio-logici Coop Coop e i prodotti a marchio da agricoltura biologica La linea bio-logici Coop Agenda 1. Coop 3. Il mercato 5. Il consumatore 7. Il marchio bio-logici Coop Coop Dati economici di Coop DATI STRUTTURALI COOP

Dettagli

EVOLUZIONE PIL IN EUROPA var % reali

EVOLUZIONE PIL IN EUROPA var % reali MAASTRICHT Regno Unito 4,4 EVOLUZIONE PIL IN EUROPA var % reali Spagna 4,7 UE (27 PAESI) 2013: +0,1% Regno Unito +1,7 Italia -0,9 Italia 2,9 Italia 2,9 Germania +0,4 Francia +0,2 Spagna -1,2 Italia -1,9

Dettagli

CASI DI SUCCESSO. Prima Posizione Srl Tutti i diritti riservati. 2

CASI DI SUCCESSO. Prima Posizione Srl Tutti i diritti riservati. 2 CASI DI SUCCESSO Prima Posizione Srl Tutti i diritti riservati. 2 BOOM di adesioni online alla promozione 50Special grazie alla lead generation In soli 3 mesi di campagna: 30.000 visitatori unici sviluppati,

Dettagli

Retail & Consumer Summit 2011

Retail & Consumer Summit 2011 www.pwc.com/it Retail & Consumer Summit 2011 La gestione della discontinuità e del cambiamento: sfide e opportunità 11 ottobre 2011 1 1 Discontinuità nei consumi: come sta cambiando il comportamento d

Dettagli

Distribuzione, eccesso di offerta e mercati globali. Il caso Coop Italia

Distribuzione, eccesso di offerta e mercati globali. Il caso Coop Italia Distribuzione, eccesso di offerta e mercati globali. Il caso Coop Italia Vincenzo Tassinari 1. Le tendenze della distribuzione moderna Le imprese commerciali, negli ultimi anni, hanno attraversato un processo

Dettagli

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Bologna 19 Febbraio 2003 1 Il mercato Internet Il numero totale degli utenti varia a seconda delle fonti ma è stimabile intorno a 9/10 milioni di persone.

Dettagli

a cura di Carmen Ragno SPORTELLO CSR FORMAPER - CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO

a cura di Carmen Ragno SPORTELLO CSR FORMAPER - CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO Responsabilità Sociale in azienda APPROCCI, STRUMENTI, ESPERIENZE a cura di Carmen Ragno SPORTELLO CSR FORMAPER - CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO STRUTTURA CONCETTO DELLA RESPONSABILITÀ SOCIALE (CSR) CONTESTO

Dettagli

Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale

Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale Introduzione: La Responsabilità Sociale ed Ambientale ECR Italia, nel 2002, ha sviluppato una prima iniziativa sul tema della Responsabilità Sociale ed Ambientale (RS&A). Obiettivo principale dell iniziativa

Dettagli

IL PROGETTO COSMIC CSR oriented supply-chain management to improve competitiveness (www.cosmic.sssup.it).

IL PROGETTO COSMIC CSR oriented supply-chain management to improve competitiveness (www.cosmic.sssup.it). LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA DI PISA La Scuola Superiore Sant Anna di Pisa è un istituto universitario pubblico a statuto speciale che opera nel campo delle Scienze applicate. Si propone di sperimentare

Dettagli

Il Marketing Analitico

Il Marketing Analitico Il Marketing Analitico Terza Lezione Bari, 19 Novembre 2007 Agenda Il mercato (follow-up) Le performance interne Esercitazione interattiva 2 Il Marketing Analitico 1 2 3 Il consumatore Il mercato Le performance

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

Corso di MARKETING OPERATIVO

Corso di MARKETING OPERATIVO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari Corso di MARKETING OPERATIVO Distribuzione Luca Petruzzellis lu.petruzzellis@disag.uniba.it Case Study

Dettagli

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO A ACQUISTO D'IMPULSO Acquisto da parte del consumatore non programmato; effettuato in seguito alla percezione di uno stimolo, senza che abbia tenuto conto di fattori di effettivo bisogno. ACQUISTO SUGGERITO

Dettagli

Parte II Le aree della comunicazione d impresa

Parte II Le aree della comunicazione d impresa Parte II Le aree della comunicazione d impresa Cap.3 La comunicazione istituzionale Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione istituzionale: definizione

Dettagli

FORUM COLDIRETTI Cernobbio 20-21 ottobre 2006

FORUM COLDIRETTI Cernobbio 20-21 ottobre 2006 FORUM COLDIRETTI Cernobbio 20-21 ottobre 2006 Il PRODOTTO arriva al CONSUMATORE attraverso la DISTRIBUZIONE La DISTRIBUZIONE è il più potente selettore di offerte e il parametro di questa selezione è la

Dettagli

LA REPUTAZIONE AZIENDALE: UNA RISORSA STRATEGICA PER L IMPRESA. IL CASO FERRERO E IL GLOBAL PULSE 2009 LE BUONE IDEE CONQUISTANO IL MONDO

LA REPUTAZIONE AZIENDALE: UNA RISORSA STRATEGICA PER L IMPRESA. IL CASO FERRERO E IL GLOBAL PULSE 2009 LE BUONE IDEE CONQUISTANO IL MONDO LA REPUTAZIONE AZIENDALE: UNA RISORSA STRATEGICA PER L IMPRESA. L IL CASO FERRERO E IL GLOBAL PULSE 2009 LE BUONE IDEE CONQUISTANO IL MONDO Fonte: Reputation Institute LA MARCA: DALLA COMUNICAZIONE ALLA

Dettagli

La sostenibilità ambientale nella filiera della distribuzione automatica

La sostenibilità ambientale nella filiera della distribuzione automatica La sostenibilità ambientale nella filiera della distribuzione automatica Dott. Filippo Fabbri Direttore Marketing & Acquisti Venezia 22 Novembre 2011 Agenda Argenta Evoluzione Luoghi di consumo Indoor

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA LEZIONE N. 2 L attività di Marketing e le Strategie d Impresa Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING LEZIONI N. 13 e 14 La Gestione dei Canali di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI

Dettagli

ETICA, SOSTENIBILITA E COMUNICAZIONE NELLA FILIERA DEGLI ACQUISTI

ETICA, SOSTENIBILITA E COMUNICAZIONE NELLA FILIERA DEGLI ACQUISTI ETICA, SOSTENIBILITA E COMUNICAZIONE NELLA FILIERA DEGLI ACQUISTI I rischi della catena di fornitura Globalizzazione. In molti settori industriali la produzione di materie prime, componenti e prodotti

Dettagli

/(',0(16,21,'(,&$1$/,',',675,%8=,21(

/(',0(16,21,'(,&$1$/,',',675,%8=,21( /(',0(16,21,'(,&$1$/,',',675,%8=,21( Abbiamo visto, nel paragrafo precedente, quali sono le figure e le strutture che possono costituire i canali di vendita per l impresa produttrice di olio di oliva,

Dettagli

Marca, Mercato e Creazione di Valore

Marca, Mercato e Creazione di Valore Marca, Mercato e Creazione di Valore di Ivo Ferrario e Roberto Bucaneve* Viviamo in un mondo di loghi, ma non tutti i segni grafici che ci circondano identificano una marca nel senso pieno del termine.

Dettagli

La gdo in francia. Il profilo del mercato e degli attori

La gdo in francia. Il profilo del mercato e degli attori La gdo in francia Il profilo del mercato e degli attori La struttura della Gdo in Francia N Ipermercati (>2500 mq) 2008 2009 2010 2011 2012 1.531 1.613 1.698 1.770 1.894 N Supermercati (400-2500 mq) 2008

Dettagli

CAP 11: La gestione dei canali distributivi

CAP 11: La gestione dei canali distributivi CAP 11: La gestione dei canali distributivi La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi 2. I rapporti con gli intermediari La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi

Dettagli

COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA

COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA Il nostro network di specialisti Il vostro network di soluzioni LA STORIA // IL NETWORK // SERVIZI DI STAMPA // DIRECT MARKETING

Dettagli

Il Mercato del Biologico

Il Mercato del Biologico Il Mercato del Biologico Tendenza del mercato biologico Mercato Bio globale Nel mondo gli acquisti di prodotti bio continuano a crescere con una media del 7-9% e hanno raggiunto un mercato di 19,5 miliardi

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA

COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA IL NOSTRO NETWORK DI SPECIALISTI IL VOSTRO NETWORK DI SOLUZIONI NATO NEL 1957 COME TIPOGRAFIA TRADIZIONALE GRUPPO SANFAUSTINO È

Dettagli

Per il successo dell azienda ci vuole una buona adesione

Per il successo dell azienda ci vuole una buona adesione Per il successo dell azienda ci vuole una buona adesione www.puntolegno.it La soluzione ideale per chi vuole affrontare il mercato con la forza di un grande internazionale, senza perdere la propria identità

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 1. INDICE 2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 3. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 4. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 5. MISSION pag. 4 6. APPROCCIO pag. 4 7. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Honeywell Safety Products. Benvenuti al HSP Preferred Partner Program

Honeywell Safety Products. Benvenuti al HSP Preferred Partner Program Honeywell Safety Products Benvenuti al HSP Preferred Partner Program Honeywell Safety Products Noi di Honeywell Safety Products ci siamo assunti l impegno costante di proteggere donne e uomini esposti

Dettagli

Provincia di Forlì Cesena Assessorato alle Politiche Agroalimentari

Provincia di Forlì Cesena Assessorato alle Politiche Agroalimentari Provincia di Forlì Cesena Assessorato alle Politiche Agroalimentari Gian Luca Bagnara RUOLO E STRATEGIE DEI MERCATI ALL INGROSSO AL SERVIZIO DELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA 1 SOMMARIO Perché parlare di mercati

Dettagli

Corso di Marketing e Marketing Internazionale a.a. 2011-2012

Corso di Marketing e Marketing Internazionale a.a. 2011-2012 Corso di Marketing e Marketing Internazionale a.a. 2011-2012 Lezione 12 Il marketing mix: i canali distributivi Prof. Elena Cedrola elena.cedrola@unimc.it http://docenti.unimc.it/docenti/elena-cedrola

Dettagli

IFS Food. Materiale di proprieta' di Gruppo Gelati. Non riproducibile in alcuna forma senza preventiva autorizzazione.

IFS Food. Materiale di proprieta' di Gruppo Gelati. Non riproducibile in alcuna forma senza preventiva autorizzazione. IFS Food Gruppo Gelati LO STANDARD IFS International Food Standard Corso Avanzato di Formazione Camera di Commercio di Pisa 20 Maggio 2014 Dott. Denny Righini- Gruppo Gelati 1 Sommario SOMMARIO 1. PRELIMINARY

Dettagli

Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in CINA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA

Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in CINA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in CINA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA Bologna 12 15 settembre 2015 MERCATO DEI PRODOTTI BIOLOGICI Introduzione Il mercato dei prodotti biologici in

Dettagli

CSR e Supply Chain, alla luce della ISO 26000

CSR e Supply Chain, alla luce della ISO 26000 CSR e Supply Chain, alla luce della ISO 26000 Claudia Strasserra, CSR Market Developer Bureau Veritas Italia Spa ore 11.00 11.45 I rischi della supply chain: globalizzazione In molti settori industriali

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA ALLEGATO D DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA Commercio equo e solidale 1. Il commercio equo e solidale è l attività di cooperazione economica e sociale finalizzata a consentire o migliorare

Dettagli

Il profilo degli intervistati

Il profilo degli intervistati Il profilo degli intervistati In quale classe di fatturato rientra la sua azienda? n. % Fino a 50 milioni di euro 17 20.7 Da 50 milioni di euro a 300 milioni di euro 23 28.0 Da 300 milioni di euro a 1.000

Dettagli

ITALIAN RETAIL MARKET Strategies and trends. Sabrina Latusi - Beatrice Luceri UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA

ITALIAN RETAIL MARKET Strategies and trends. Sabrina Latusi - Beatrice Luceri UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA ITALIAN RETAIL MARKET Strategies and trends Sabrina Latusi - Beatrice Luceri UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Italian Retail Market Structure Number of stores Share of market Sales Network Development 2,4%

Dettagli

A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi

A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Scuola di Economia Corso di Strategie d impresa (a.a. 2013-2014) Prof. Tonino Pencarelli Dott. Mauro Dini A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi Obiettivo Introdurre

Dettagli

Sviluppare il piano di internet marketing:

Sviluppare il piano di internet marketing: Sviluppare il piano di internet marketing: concretizzare gli obiettivi ponderando i costi e Academy Milano, 20 Ottobre 2005 d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Mentis innovazione e

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

La Supply Chain nel settore dell ortofrutta.

La Supply Chain nel settore dell ortofrutta. La Supply Chain nel settore dell ortofrutta. Andrea Payaro Le regole della supply chain devono essere applicate anche al settore dell ortofrutta. Frammentazione degli operatori e dimensioni aziendali ridotte

Dettagli

La sezione riconduce i temi trattati all interno del rapporto all esperienza internazionale del GRI G4 e del UN Global Compact.

La sezione riconduce i temi trattati all interno del rapporto all esperienza internazionale del GRI G4 e del UN Global Compact. Tavole riassuntive TAVOLE RIASSUNTIVE La sezione riconduce i temi trattati all interno del rapporto all esperienza internazionale del GRI G4 e del UN Global. ELEMENTI DI REPORTING Il Bilancio di Sostenibilità

Dettagli

Google Online Marketing Challenge 2008

Google Online Marketing Challenge 2008 Google Online Marketing Challenge 2008 Unindustria Treviso, 11 novembre 2008 Azienda Azienda fortemente innovativa operante nel terziario avanzato/informatica. L offerta di servizi comprende: Auditing

Dettagli

Andamento dei mercati di Largo Consumo alla luce deil attuale contesto economico

Andamento dei mercati di Largo Consumo alla luce deil attuale contesto economico 1 Largo Consumo: le aspettative e i risultati Il Largo Consumo subisce i contraccolpi di una situazione recessiva: le nostre previsioni sono orientate verso una negatività dei volumi acquistati, in media

Dettagli

Company Profile. ED Electronics Distribution. Release: 07_2012

Company Profile. ED Electronics Distribution. Release: 07_2012 Company Profile Release: 07_2012 ED Srl Sede legale: via Maspero 5-21100 Varese Capitale sociale euro 100.000,00 C.F. P.IVA IT 03274030125 REA VA-337722 Company Overview ED Electronics Distribution opera

Dettagli

La responsabilità sociale d impresa in pillole

La responsabilità sociale d impresa in pillole La responsabilità sociale d impresa in pillole Contenuti - RSI: definizione ed evoluzione storica - RSI: da teoria a prassi d impresa - RSI: i benefici e gli strumenti 2 La definizione UE di RSI La responsabilità

Dettagli

di Tiziana C. Aquilani I brand delle insegne cercano e trovano nuove strade di business

di Tiziana C. Aquilani I brand delle insegne cercano e trovano nuove strade di business di Tiziana C. Aquilani I brand delle insegne cercano e trovano nuove strade di business 46 L evoluzione della marca commerciale è guidata da una sempre più sofisticata diversificazione, realizzata in base

Dettagli

GS1 Italy. Gli standard e i servizi per l allineamento delle informazioni di prodotto

GS1 Italy. Gli standard e i servizi per l allineamento delle informazioni di prodotto GS1 Italy Gli standard e i servizi per l allineamento delle informazioni di prodotto EDI Fatti non parole Principali evidenze della ricerca condotta da GS1 UK sui primi 15 gruppi britannici nella distribuzione

Dettagli

ANDAMENTO VENDITE E PREZZI 2013 E PREVISIONI 2014

ANDAMENTO VENDITE E PREZZI 2013 E PREVISIONI 2014 ANDAMENTO VENDITE E PREZZI 2013 E PREVISIONI 2014 Marco Pedroni Presidente Coop Italia Milano,5 Settembre 2013 I numeri di Coop 2012 Cooperative 109 Punti vendita 1.467 di cui Iper 103 MQ Area Vendita

Dettagli

ALTA SCUOLA IMPRESA E SOCIETÀ CONSULTING. Strategie sostenibili per il successo aziendale

ALTA SCUOLA IMPRESA E SOCIETÀ CONSULTING. Strategie sostenibili per il successo aziendale ALTA SCUOLA IMPRESA E SOCIETÀ CONSULTING Strategie sostenibili per il successo aziendale ALTIS Consulting è l unità di consulenza sviluppatasi all interno di ALTIS, l Alta Scuola Impresa e Società dell

Dettagli

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY IL VALORE DELLA FIDUCIA STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY SOSTENIBILITA La sostenibilità rappresenta una grande opportunità per le imprese,

Dettagli

Conclusioni della diciottesima edizione dello studio NetObserver Europa: I navigatori europei e i brand

Conclusioni della diciottesima edizione dello studio NetObserver Europa: I navigatori europei e i brand NetObserver Europa PER SAPERE TUTTO SUI NAVIGATORI Comunicato stampa Parigi, Marzo 2009 Conclusioni della diciottesima edizione dello studio NetObserver Europa: I navigatori europei e i brand A conclusione

Dettagli

DICHIARAZIONE SULLA POLICY UNILEVER PER I DIRITTI UMANI

DICHIARAZIONE SULLA POLICY UNILEVER PER I DIRITTI UMANI DICHIARAZIONE SULLA POLICY UNILEVER PER I DIRITTI UMANI Crediamo che un business sano possa unicamente fiorire in società in cui i diritti umani sono protetti e rispettati. Riconosciamo che qualsiasi tipo

Dettagli

Il primo retailer italiano nel settore della gioielleria Pag. 1. Il mercato e le strategie di sviluppo Pag. 2. Strategia di marchi Pag.

Il primo retailer italiano nel settore della gioielleria Pag. 1. Il mercato e le strategie di sviluppo Pag. 2. Strategia di marchi Pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Il primo retailer italiano nel settore della gioielleria Pag. 1 Il mercato e le strategie di sviluppo Pag. 2 Strategia di marchi Pag. 3 I risultati economico finanziari

Dettagli

1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 0. INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 3. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 4. MISSION pag. 4 5. APPROCCIO pag. 4 6. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

Responsabilità Sociale di Impresa

Responsabilità Sociale di Impresa Responsabilità Sociale di Impresa Un po di storia 1. 1992, si tiene il Rio De Janeiro Earth Summit per la discussione dei problemi ambientali del pianeta e dei loro legami con i problemi dello sviluppo

Dettagli

Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008

Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008 Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008 Per dare evidenza dell'efficace gestione organizzativa dell'azienda. Sistema di gestione ambientale - ISO 14001:2004 Per

Dettagli

Master Universitario di I livello in. Comunicazione e Marketing

Master Universitario di I livello in. Comunicazione e Marketing Master Universitario di I livello in Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti del master in Marketing e Comunicazione gli strumenti manageriali indispensabili

Dettagli

Risorse, capacità e competenze per fare impresa

Risorse, capacità e competenze per fare impresa Risorse, capacità e competenze per fare impresa Renato Fiocca Parma - 21 marzo 2014 Gli argomenti di oggi: Le relazioni impresa-mercato e la centralità del cliente Individuare e generare valore per il

Dettagli

Economia e Politica agroalimentare

Economia e Politica agroalimentare Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Facoltà di Agraria Economia e Politica agroalimentare Corso di Laurea: Scienze e Tecnologie Alimentari Consumo etico e Consumo critico Il "critical

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

Milano, 1 Luglio 2009 Roma, 2 Luglio 2009 Napoli, 3 Luglio 2009. 1. Offrire un quadro aggiornato del mercato agroalimentare tedesco

Milano, 1 Luglio 2009 Roma, 2 Luglio 2009 Napoli, 3 Luglio 2009. 1. Offrire un quadro aggiornato del mercato agroalimentare tedesco Il settore agroalimentare in Germania Milano, 1 Luglio 2009 Roma, 2 Luglio 2009 Napoli, 3 Luglio 2009 Camera di Commercio Italiana per la Germania 1 Obiettivi della presentazione 1. Offrire un quadro aggiornato

Dettagli

La gestione operativa della promozionalità omnichannel, la soluzione Di.Tech

La gestione operativa della promozionalità omnichannel, la soluzione Di.Tech Claudio Lattanzi La gestione operativa della promozionalità omnichannel, la soluzione Di.Tech Bologna, 23 giugno 2015 Perché siamo qui oggi a parlare di couponing? Per due principali motivi! 1. Innanzi

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

DON T FORGET TO LOOK AROUND YOU

DON T FORGET TO LOOK AROUND YOU DON T FORGET TO LOOK AROUND YOU PROFILO AGENZIA Maste Eventi è un agenzia di servizi dinamica ed innovativa che si propone come partner ideale nella realizzazione di soluzioni personalizzate per tutte

Dettagli

Supply Chain Risk Management e Sostenibilità. Davide Busani 19 Marzo 2009

Supply Chain Risk Management e Sostenibilità. Davide Busani 19 Marzo 2009 Supply Chain Risk Management e Sostenibilità Davide Busani 19 Marzo 2009 GLOBAL: una parola, molti significati Aumentano i i prodotti alimentari ricchi e compositi, i i cui ingredienti provengono da varie

Dettagli

Parte 1 La strategia di espansione internazionale

Parte 1 La strategia di espansione internazionale Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore XIII XVI XVIII Parte 1 La strategia di espansione internazionale Capitolo 1 L internazionalizzazione delle imprese: scenari e tendenze

Dettagli

Gli argomenti del corso

Gli argomenti del corso La gestione integrata HSE dott. Matteo Rossi Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA LA GESTIONE INTEGRATA HSE LA GESTIONE AMBIENTALE LA SICUREZZA AZIENDALE (LEGGE 626/94)

Dettagli

RETAIL SURVEY OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA

RETAIL SURVEY OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA In collaborazione con A cura di Evento organizzato da RETAIL SURVEY OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA OSSERVATORIO SANA il contributo di Nomisma Il Bio in cifre Consumer Survey Retail Survey strumento

Dettagli

Sta cambiando qualcosa?

Sta cambiando qualcosa? Andrea Corti, SymphonyIRI Group Fabrizio Pavone, Qberg 1 Lo scenario La Distribuzione Italiana continua ad investire molto nei volantini promozionali (in-store flyers) che vengono distribuiti nei punti

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato Le relazioni con il mercato 1 IL SISTEMA CLIENTE E IL PRESIDIO DELLA RELAZIONE CONSULENZIALE Nella situazione attuale, il venditore deve fornire un servizio sempre più di qualità, trasformandosi nel gestore

Dettagli

Corporate Social Responsability

Corporate Social Responsability Corporate Social Responsability elemento strategico per il successo dell impresa Il significato La Corporate Social Responsability, in italiano Responsabilità Sociale delle Imprese, può essere definita

Dettagli

locali e nazionali della GDO per entrare in questo canale distributivo

locali e nazionali della GDO per entrare in questo canale distributivo Le principali strategie di approccio che le Pmi possono sviluppare nei confronti della GDO Uno dei principali problemi delle piccole e medie imprese (Pmi) produttrici di beni di largo consumo (vale a dire,

Dettagli

Coaching Aziendale e Manageriale - Life Coaching - Coaching di Gruppo - Formazione con

Coaching Aziendale e Manageriale - Life Coaching - Coaching di Gruppo - Formazione con Coaching Aziendale e Manageriale - Life Coaching - Coaching di Gruppo - Formazione con la Programmazione Neurolinguistica - Coaching per l Immagine Aziendale e Personale edizione 2007 by tessanetwork testi

Dettagli

Il rischio di credito nella cessione del quinto

Il rischio di credito nella cessione del quinto Il rischio di credito nella cessione del quinto Convegno ABI Credito alle famiglie 2009 23 24 giugno Ing. Massimo Minnucci amministratore delegato Ktesios spa Agenda Ktesios: operatore specializzato nella

Dettagli

I DISTRETTI DI ECONOMIA SOLIDALE (DES)

I DISTRETTI DI ECONOMIA SOLIDALE (DES) E inoltre sicuramente utile leggere il capitolo che segue: I DISTRETTI DI ECONOMIA SOLIDALE (DES) a cura di Andrea Saroldi, tratto da: Guida all economia solidale progetto Economia Solidale Economia Partecipata

Dettagli

REPUTATION FORUM ITALIA

REPUTATION FORUM ITALIA Reputation Institute Barilla REPUTATION FORUM ITALIA Parma, 11 settembre 2012 La Reputazione è il #1 Driver di Valore Per quale motivo la Reputazione è il primo driver di valore per un azienda? Quali sono

Dettagli

Guida Servizi ed Attività

Guida Servizi ed Attività A n n o 2015 Guida Servizi ed Attività Analyzing the DIY Industry Be Connected www.made4diy.com Follow us Anno 2015 Cosa può offrire MADE4DIY alle aziende? Probabilmente più opportunità di crescita e sviluppo

Dettagli

INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo

INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo GLOBAL SCORECARD Uno strumento di autovalutazione, linguaggio e concetti comuni Versione base - Entry Level Introduzione Introduzione La Global Scorecard

Dettagli

sanfaustino the solution network BUSINESS COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA

sanfaustino the solution network BUSINESS COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA GRUPPO sanfaustino the solution network BUSINESS COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA Il nostro network di specialisti Il vostro network di soluzioni GRUPPO sanfaustino

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE STATALE LEARDI PROGETTO SCUOLE CHE FANNO LA DIFFERENZA CSR. Classe 3 B AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

ISTITUTO SUPERIORE STATALE LEARDI PROGETTO SCUOLE CHE FANNO LA DIFFERENZA CSR. Classe 3 B AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING ISTITUTO SUPERIORE STATALE LEARDI PROGETTO SCUOLE CHE FANNO LA DIFFERENZA CSR Classe 3 B AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Anno Scolastico 2012-2013 1 LA CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY (CSR) Partendo

Dettagli

COGENIAapprofondimenti

COGENIAapprofondimenti PREMESSA Questa presentazione ha diverse finalità:? Costituire un documento di presentazione sulla tematica della responsabilità sociale d impresa;? Essere un momento di riflessione critica sui rischi

Dettagli

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca La valutazione delle performance competitive di un prodotto rappresenta una fase centrale del processo di decision

Dettagli

CODICEETICO EDICONDOTTA

CODICEETICO EDICONDOTTA CODICEETICO EDICONDOTTA Dicembre2013 CODICE ETICO E DI CONDOTTA DEL GRUPPO ALMAVIVA ARTICOLO 1 - PREMESSA Il presente Codice Etico e di Condotta (Codice) definisce i principi etici di riferimento e le

Dettagli

giusta Fai la spesa Inchiesta

giusta Fai la spesa Inchiesta Fai la spesa giusta Qual è la politica etica del tuo supermercato? Cosa c è dietro alle promozioni? La nostra inchiesta traccia il profilo di sei grandi insegne. Coop è la migliore. 20 Altroconsumo 278

Dettagli

La passione degli italiani per gli animali da compagnia

La passione degli italiani per gli animali da compagnia Paolo Garro Business Insights Director 1 Introduzione Nelle case degli italiani gli animali da compagnia non sono una presenza rara: in circa una su tre è presente almeno un cane o un gatto, senza contare

Dettagli

I dati loyalty a supporto del volantino e i nuovi media di veicolazione della promozione

I dati loyalty a supporto del volantino e i nuovi media di veicolazione della promozione I dati loyalty a supporto del volantino e i nuovi media di veicolazione della promozione Cristina Ziliani Osservatorio Fedeltà Università di Parma Convegno Promozioni efficaci? Il volantino: istruzioni

Dettagli

Page 1. GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2.

Page 1. GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2014/2015 GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2.1 SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ

Dettagli